LEZIONE 15 Exchange Traded Funds (ETF), Exchange Traded Commodities (ETC), Exchange Traded Notes (ETN)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEZIONE 15 Exchange Traded Funds (ETF), Exchange Traded Commodities (ETC), Exchange Traded Notes (ETN)"

Transcript

1 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 1 LEZIONE 15 Exchange Traded Funds (ETF), Exchange Traded Commodities (ETC), Exchange Traded Notes (ETN) Tra i prodotti finanziari del risparmio gestito corrispondenti ai fondi mobiliari aperti "indicizzati" (o fondi-indice), sono compresi gli ETF, ETC, ETN. Gli ETF sono quotati nell MTF 1 che, come noto, è parte del MIV mentre gli ETC e ETN sono negoziati direttamente da intermediari finanziari come market makers. Nel caso degli ETC, questi si distinguono a seconda che abbiano o meno come sottostante un materiale "concreto". In presenza di materiale concreto si parla di ETC "physically backed", perché la sottoscrizione di questi può avvenire non solo attraverso un investimento in denaro, ma anche consegnando una determinata quantità del sottostante. Per gli ETC semplici l elemento caratterizzante può essere identificato nella presenza di derivati cartolarizzati quotati nel SEDEX. In ultimo, nel caso degli ETC ETN, si tratta di strumenti finanziari "di secondo grado" emessi da particolari categorie d intermediari 2 e negoziati nel SEDEX 3. Guardandoli con gli occhi del giurista non lontano dalle logiche dell economia, essi risultano, almeno in parte cioè, quanto agli obiettivi 1 A partire dal 30 settembre 2002 a Piazza Affari. 2 Si tratta secondo il TUF e le discipline secondarie emanate in base allo stesso delle società di gestione del risparmio (SGR) e delle società di gestione armonizzate (SGA), cioè di intermediari finanziari abilitati a prestare il servizio di gestione collettiva del risparmio. Non è irrilevante osservare che questi strumenti finanziari sono negoziati sul SEDEX, piuttosto che nel MIV: è da verificare se e quali intermediari sono abilitati ad operare in entrambi i mercati gestiti da Borsa Italiana Spa. 3 Attualmente, nel SEDEX sono quotati anche ETC su alcune commodities, come l oro, l argento, il platino, il palladio, lo zinco, l alluminio, lo stagno, la soia, il bestiame vivo, il grano, il mais e il petrolio.

2 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 2 d investimento, nonché ai costi cui è soggetto il risparmiatore che intende accedervi fungibili rispetto ai cc. dd. fondi indicizzati o ad altri prodotti finanziari come i fondi pensione o i prodotti assicurativo-finanziari. Nati per effetto di una stagione estremamente critica per i mercati finanziari dove diviene abbastanza improbabile per un gestore di fondi riuscire a battere il benchmark, mentre (d altro canto) i costi di gestione imputati al fondo in base al regolamento di gestione danno luogo a rendimenti risibili o, addirittura, ad una completa erosione del valore del patrimonio gestito sono progressivamente divenuti uno strumento finanziario di successo, se non fosse per una certa ritrosia a collocarli da parte delle banche e degli altri intermediari finanziari (che, effettivamente, hanno un modesto interesse a collocare prodotti dove il ritorno per il collocatore in termini di commissioni ed altri costi di gestione da imputare agl investitori pare molto contenuto). Costituiscono oggi, anche nel nostro Paese 4, un potente strumento per trarre profitto dalla crescita dei mercati (soprattutto azionari, ma non solo) nel lungo periodo. Una particolarità assolutamente degne di nota oggi perché potrebbe apparire addirittura in contrasto con le considerazioni appena proposte circa il ridotto interesse degli intermediari a collocare prodotti finanziari di questo tipo è quella che consente di rilevare un crescente interesse diretto degli stessi intermediari a questo genere d'investimento, che può quindi essere oggetto di negoziazioni per conto proprio, ad opera degli stessi soggetti abilitati. In effetti, quando si considera la possibilità che poi si riscontra concretamente a livello pratico di costruire "sinteticamente" dei prodotti finanziari che riproducono un determinato tipo di rischio/rendimento, si individua subito un oggetto d'investimento che può 4 Dove sono presenti circa 28 ETF, di cui 5 su indici obbligazionari.

3 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 3 esprimere un dato interesse proprio sia di un tipo determinato 5 d'investitori qualificati. Tra di essi si incontrano anche investitori professionali, come banche, intermediari finanziari (bancari e non), imprese di assicurazione, società emittenti strumenti finanziari quotati su mercati regolamentati o quanto meno diffusi in quel contesto e su sistemi alternativi di negoziazione indicati nella disciplina primaria e secondaria applicabile. 1. Le caratteristiche: il derivato azione-indicizzata e il sottostante; il NAV. Si tratta di titoli rappresentativi di portafogli che replicano particolari indici o panieri di indici in borsa. Sono emessi da intermediari finanziari di primaria importanza i più attivi, per ora, sono Société Générale, Barclays, Morgan Stanley e Merrill Lynch che operano come market makers, garantendo la liquidità del titolo sul mercato 6 e costituendo (a fronte dell emissione) un portafoglio sottostante 5 Corrispondente agli intermediari bancari (di cui agli artt. 106 ss. e 113 TUB), finanziari (ai sensi degli artt. 1, comma I, lett. e-g), ma anche del successivo comma II-quater lett. d), nn. 1)-3), TUF) o assicurati (sulla base degli artt CAP). È da evidenziare che i margini di sovrapposizione tra queste varie voci risultano cospicui in modo da porre in rilievo l'istanza d'armonizzare la regolazione dei vari settori di operatività propri di ciascuna impresa. 6 Tale obbligo si specifica in quello (per il market maker) d inserire sempre un certo numero di proposte (d acquisto e di vendita), con uno spread denaro-lettera (v. nel prosieguo) al massimo dell 1%. Chiaramente, se non sussistono proposte provenienti da terzi (risparmiatore o investitori istituzionali), l emittente può reagire alla richiesta di disinvestimento o d investimento rimborsando le azioni-indicizzate (più precisamente, annullando le azioni e consegnando il sottostante), ovvero emettendo nuove azioniindicizzate e acquistando strumenti finanziari da immettere nel portafoglio sottostante. Ognuna delle operazioni citate comporta il necessario coinvolgimento della banca depositaria: I. Presso di essa viene aperto un apposito conto per depositare la liquidità riferibile agli ETF; II. È la banca depositaria che a fronte di ordini conformi provenienti dall intermediario-gestore provvede all acquisizione o alla dismissione dei titoli che costituiscono il portafoglio sottostante all ETF; III. Da ultimo, spetta alla banca depositaria custodire in un deposito-titoli intestato all intermediario-emittente dell ETF i titoli che abbiamo indicato come azioni-

4 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 4 corrispondente da un punto di vista qualitativo e quantitativo all indice di riferimento in quel determinato momento. Il sottostante, tuttavia, potrebbe pure essere stato costruito "a tavolino" dall emittente, costituendo un portafoglio di strumenti finanziari derivati con il risultato di emulare l andamento di un indice relativo a commodities o ad altre variabili economico-finanziarie rilevanti per qualcuno dei soggetti operanti sul mercato. L emissione ha l obiettivo di generare sinteticamente un profilo di rischio/rendimento corrispondente all indice. La differenza tra gli ETF e i cc. dd. fondi-indice (o indicizzati ) è che i primi costituiscono titoli negoziabili in tempo reale e possono essere anche venduti allo scoperto 7. La maggior parte degli ETF non ha scadenza, rappresentando allora uno strumento per sfruttare la crescita di lungo periodo dei mercati azionari in modo semplice, trasparente, a costi contenuti e con una buona liquidabilità 8. Sono meno efficienti di futures ed options se utilizzati a fini speculativi, non potendo adoperare l effetto-leva. Anche negli ETF rileva, accanto al prezzo di mercato il valore del patrimonio netto corrispondente alla quota (il c.d. NAV); dal momento che quel valore viene calcolato giornalmente, mentre la quotazione degli ETF è in continua, è possibile che si determinino scostamenti, ma la tendenziale coincidenza tra quotazione e NAV viene garantita dalla presenza di investitori istituzionali, autorizzati ad operare in ETF come arbitraggisti. In caso di prezzo di mercato inferiore al NAV, l arbitraggista tenderà a comprare i titoli (le cc. dd. azioni indicizzate ) corrispondenti all ETF, indicizzate. Dunque, ogni operazione (di acquisto, vendita, sottoscrizione e smobilizzo) relativa a quei titoli transita per la banca depositaria. 7 Come se fossero vere e proprie azioni e senza attendere i tempi di sottoscrizione e riscatto, cosa che accade nel caso delle quote di fondi comuni d investimento. 8 Potendo essere comprati e venduti a pronti, la liquidabilità degli ETF è del tutto corrispondente a quella di un investimento azionario, essendo regolato nei tre giorni di borsa aperta successivi.

5 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 5 cederle alla banca depositaria in cambio dei titoli che ne costituiscono il sottostante, da cedere sul mercato per lucrare sulla differenza di prezzo (in tal caso, l aumento della domanda determina un apprezzamento del titolo ETF, mentre l incremento dell offerta per i titoli sottostanti ne deprime la quotazione). Così l attività dell arbitraggista, che pure profitta degli scostamenti tra prezzo di mercato 9 dell ETF e il suo NAV, tende a ridurre quelle differenze fino ad annullarle. Al contrario, nell ipotesi che il prezzo dell ETF sul mercato superi il suo NAV, un arbitraggista potrebbe acquistare sul mercato i titoli nella composizione qualitativa e quantitativa corrispondente al portafoglio sottostante l ETF consegnarli alla banca depositaria in cambio di azioni indicizzate (il cui numero allora aumenta), per rivenderle infine sul mercato. Chiaramente, in tal caso il prezzo sul mercato dell ETF (inteso come azione-indicizzata) tenderà a ridursi per effetto di un aumento dell offerta mentre il valore del NAV corrispondente (come effetto della domanda dei titoli inclusi nell indice, acquistati sul mercato) cresce: anche qui l attività dell arbitraggista migliora l efficienza del mercato. 2. Replicare un indice e gestione passiva; l abbattimento dei costi di gestione e liquidità del titolo. L attività finanziaria dell emittente di ETF è da ricondurre nell alveo della c.d. gestione passiva : ci si limita a replicare l indice, cioè a costruire a fronte dell emissione di nuove azioni-indicizzate un portafoglio corrispondente, sia dal punto di vista qualitativo (vale a dire, quanto ai caratteri della composizione) che quantitativo (cioè, in riferimento al peso relativo dei componenti e all ammontare dell investimento). Dunque, a differenza dei fondi comuni d investimento, che vengono gestiti dalla SGR nello sforzo continuo (ancorché spesso vano) di battere il 9 Sul mercato ETF Plus o nel SEDEX, a seconda che si tratti i ETF o ETC.

6 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 6 benchmark, gli emittenti di un ETF (che possono essere costituiti da banche o intermediari finanziari, ma probabilmente non da SGR) limitandosi solo a conformare la composizione del portafoglio sottostante a quella di un indice prefissato risparmiano il costo delle analisi tecniche del mercato e dello studio di strategie gestionali, sicché possono applicare commissioni di gestione molto basse, di fatto limitando la loro remunerazione alla sola commissione di negoziazione, sostanzialmente definita come per le altre azioni quotate sul MTA. L unica attenzione dell intermediario-emittente attiene all adeguamento del portafoglio quando varia la composizione dell indice. In tal caso, dovrà cedere i titoli già inclusi nell indice, per sostituirli con quelli che costituiscono una new entry. La cosa potrebbe apparire banale, se non fosse che l inserimento o l uscita dal paniere di riferimento di un indice rappresentano in genere indicazioni imprescindibili per i gestori di fondi comuni e persino per il c.d. risparmio gestito (come gestioni patrimoniali su base individuale), il che determina aumenti della domanda in corrispondenza dell ingresso di un titolo nel paniere e, corrispondentemente, un aumento dell offerta nel caso dell uscita, da cui derivano rispettivamente movimenti del prezzo in salita e in discesa. I riflessi sul valore dei portafogli sottostanti gli ETF interessati dal cambiamento sono evidenti, ma il monitoraggio e l adeguamento del portafoglio rappresenta uno dei pochi oneri di gestione in capo all intermediario. Connesso anche ai movimenti di prezzo cui ci si è appena riferiti, peraltro, pare tutta l attività dell intermediario-gestore che concerne le azioniindizizzate, ma quest attività non può impedire che il semplice accesso di un nuovo titolo nell indice produca l effetto prima dell aumento di prezzo di quel titolo, poi di una sostanziale sopravvalutazione per gli ETF collegati a quell indice, che conseguentemente ne deprimono i rendimenti attesi).

7 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 7 Insomma, è da ritenere che il c.d. premio d ingresso (vale a dire l aumento di prezzo dell ETF generato dall ammissione di un nuovo titolo nell indice) possa costituire un problema rilevante per gl investitori. Per specificare, inoltre, la questione dei costi negli ETF, questi prevedono il pagamento (con cadenza annuale) di una commissione di gestione allineata a quella dei rari fondi indicizzati presenti in Italia (pari allo 0,50%) che, sommata agli altri costi imputati al portfolio genera un total expence ratio dello 0,90%. Tuttavia, nella valutazione relativa al rendimento di un investimento in ETF/ETC), occorre tener conto oltre all incidenza dei costi di gestione sul NAV delle cc. dd. commissioni di negoziazione da pagare all intermediario non solo in caso di compravendita relativa alle azioni-indicizzate, ma anche per la loro emissione e rimborso. Del resto, nel primo caso l emittente deve acquistare, nell altro vendere i titoli del portafoglio corrispondente all ETF, non avendo richieste di vendita o (rispettivamente) d acquisto per le azioni-indicizzate. In aggiunta, è da considerare lo spread denaro-lettera 10, pari al massimo all 1%, tale da poter rappresentare un ulteriore costo specifico della negoziazione. 3. Tra fondi comuni d investimento e derivati: chi crea, gestisce e colloca gli ETF/ETC/ETN? Oltre alle difficoltà già evidenziate in precedenza, la diffusione dei titoli ETF come possibile oggetto d investimento per i risparmiatori e gl investitori istituzionali ne incontra un altra, estremamente importante: la sua penetrazione nei circuiti distributivi bancari e non bancari trova 10 Lo spread denaro-lettera, in qualsiasi titolo oggetto di negoziazione si riferisce al differenziale tra il prezzo d acquisto (denaro) e il prezzo di vendita.(lettera). L investitore sa che se vorrà riuscire ad acquisire il titolo dovrà offrire un po più del prezzo corrente di mercato. Se, all opposto, egli vorrà godere di una ragionevole probabilità di vendita per un titolo nel suo portafoglio, dovrà disporsi ad accettare anche un po meno del prezzo corrente di mercato.

8 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 8 ostacolo proprio nella circostanza che a parità di condizioni 11 le imprese intermediarie potrebbero essere più interessate a collocare altri prodotti finanziari che ETF/ETC/ETN. Infatti, sui prodotti diversi da questi ultimi ad es., sui fondi comuni d investimento, ma anche sul collocamento di gestioni patrimoniali in quote di fondi, di obbligazioni strutturate e polizzevita riescono a conseguire commissioni di gestione nonché, eventualmente, di performance, piuttosto interessanti e/o commissioni di collocamento notevolmente più altre delle commissioni di gestione e negoziazione ottenibili con gli ETF/ETC/ETN. Mentre nel caso dei titoli ETF/ETC emessi dallo stesso negoziatore questi consegue oltre alla commissione di negoziazione e agli eventuali effetti positivi dello spread denaro-lettera gli introiti legati alla gestione del portfolio sottostante (ad es., la commissione di gestione). L intermediario che si limita a svolgere la funzione di negoziazione (salvo che la cosa non sia già funzionale a chiudere un operazione di arbitraggio avente ad oggetto l ETF) non ha un forte interesse a collocare azioni-indicizzate. Tuttavia, il ragionamento appena sviluppato può peccare di astrattezza, dal momento che è possibile che in date condizioni dei mercati finanziari sia obiettivamente più agevole collocare ETF rispetto ad altri prodotti finanziari: in tal caso, non è detto che un intermediario trovi disprezzabile un flusso di remunerazione certamente più ridotto rispetto a quello conseguibile con prodotti finanziari alternativi, ma che in mancanza del collocamento di quelli abbia anche il pregio di non disperdere un posizionamento dell impresa sul segmento di mercato dei prodotti finanziari con finalità d investimento. Inoltre, se è nota la tendenza degl intermediari (bancari e non) a collocare esclusivamente prodotti finanziari emessi da una società appartenente al 11 Id est, se l investitore considera quei prodotti finanziari ugualmente interessanti ed appetibili come oggetto d investimento, in termini di rapporto rischio/rendimento, di liquidabilità, ecc.

9 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 9 medesimo gruppo, è pur vero che l evoluzione dei mercati finanziari sembra orientata nel senso dell incremento della dimensione concorrenziale anche negli ambiti originariamente considerati ordinamenti settoriali e quasi sancta sanctorum sottratti alle dinamiche competitive, mentre nell ambito della distribuzione dei prodotti finanziari si fanno strada esperienze di distribuzione multi-marca 12. L impiego dei derivati, peraltro, ha permesso pure agli intermediari finanziari che hanno costituito questi portafogli di strumenti finanziari derivati di godere pure in varia misura del c.d. "effetto leva", vale a dire la capacità del portafoglio di moltiplicare l'entità di una variazione nel sottostante, persino nel breve periodo (con un orizzonte temporale di 2 anni). 4. Difficoltà d impiego degli ETF per un investitore non professionale e per gl investitori istituzionali 13. Anche a prescindere dalla difficoltà di reperire il prodotto finanziario. ETF nella rete distributiva degl intermediari bancari e non bancari, un ulteriore problematica per l accesso del risparmio diffuso a tali strumenti è costituita dalla necessità di costruire un portafoglio di titoli aderente alle caratteristiche soggettive del risparmiatore, in termini di diversificazione e quindi di peso degl impieghi azionari, obbligazionari e differenti, di 12 Sembra far eccezione almeno per ora la distribuzione tramite reti dov è consistente la presenza di promotori finanziari. In quel caso, infatti, il dovere di esclusiva in capo al promotore pare rivestire ancora un ruolo determinante rispetto al genere di prodotti suscettibili d essere distribuiti. Tuttavia, è evidente che il cavallo di Troia rispetto alla tenuta dei presidi normativi di quell esclusiva potrebbe essere rappresentato dalla crescente sostituibilità sul versante della domanda dei prodotti assicurativi con i prodotti bancari e finanziari. 13 Nella normativa primaria, l art. 6, comma II-quater, TUF, definisce al poto degl investitori istituzionali le cc. dd. controparti qualificate riferendosi a: un insieme di soggetti più ampio rispetto a gl investitori professionali (ad es., comprensivo dei fondi pensione).

10 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 10 singoli settori ed aree geografiche e di rendimenti attesi. Dunque, l investimento in ETF/ETC/ETN per il comune risparmiatore al dettaglio presenta la difficoltà di presupporre un comportamento pro-attivo e non passivo. Ad esempio, la stessa possibilità di vendere allo scoperto ETF, presuppone che l investitore sappia profittare del differenziale che si riscontra tra due prezzi (in denaro e lettera), che si determinano sul mercato nel corso della stessa seduta. A condizione che tale differenziale sia tale da consentire di coprire i costi di negoziazione lasciando comunque nelle mani dell investitore un ritorno positivo questi può operare a pronti due compravendite di segno opposto contando nella regolazione simultanea, che dà luogo ad una compensazione fatto salvo che per i costi di negoziazione, da corrispondere all intermediario, e l eventuale differenziale positivo che residua in capo all investitore. D altro canto, gl investitori istituzionali italiani possono trovare più conveniente investire in ETF stranieri, piuttosto che in analoghi prodotti finanziari disponibili in Italia, dal momento che i primi hanno costi decisamente inferiori. Tuttavia, è ipotizzabile che tale diversità di costi attualmente riscontrabile e da reputare un forte svantaggio degli profittare di ETF italiani dal punto di vista competitivi possa tendere a ridursi, man mano che dovesse aumentare la domanda del prodotto finanziario in questione e gli emittenti italiani vogliano ridurre il proprio svantaggio competitivo rispetto al contesto internazionale. 5. Gli ETF come prodotto finanziario e possibile oggetto d investimento: diversificazione e quotazione sull ETF Plus

11 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 11 Considerando le azioni-indicizzate ETF-ETC come prodotto finanziario sui generis 14 e possibile oggetto d investimento, diventa evidente come la loro quotazione su di un mercato regolamentato (MTF o SEDEX) costituisce un fattore determinante del loro successo competitivo. Infatti, la quotazione di per sé migliora notevolmente la liquidabilità di un investimento in ETF, che non resta rimessa esclusivamente alla capacità dell intermediarioemittente d individuare un potenziale acquirente, né alla sua solvibilità nell adempiere all obbligazione di consegnare all investitore (a fronte dell annullamento delle azioni-indicizzate che non riesce ad alienare) il corrispondente quantitativo del portafoglio sottostante. È pertanto evidente come la diversificazione cui ci si riferiva alludendo alla costruzione di un portafoglio di ETF-ETC con comportamento pro-attivo (di cui al punto precedente) non riguarda solo gli oggetti, i settori produttivi e le aree geografiche, ma concerne anche i mercati sui quali gli ETF possono essere scambiati, in funzione delle differenze di regolazione, di funzionamento, ecc. GLI ETC (O EXCHANGE TRADED COMMODITIES ) 1. Definizione. Gli ETC sono titoli senza scadenza emessi da una società veicolo a fronte dell investimento diretto dell emittente o in materie prime o in contratti derivati su materie prime. Il prezzo degli ETC è quindi legato direttamente o indirettamente all andamento del sottostante, come il prezzo degli ETF è legato al valore dell indice a cui fanno riferimento. 14 Perché caratterizzato, come s è già evidenziato in precedenza, da un valore sostanziale riferito al portafoglio sottostante costituito dall emittente (da cui il rapporto tra prezzo di mercato dell azione-indicizzata e NAV).

12 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 12 Gli ETC/ETN (abbreviazione di Exchange Traded Notes", vale a dire titoli rappresentativi di rapporti contrattuali finanziari, quindi una macro-area certamente comprensiva anche degli ETC) quando non hanno un sottostante rappresentato direttamente da materie prime o da altre realtà oggettive 15 costituito da derivati, soprattutto futures e forwards, su commodities ovvero su tassi (d'interesse e di cambio), misure rilevanti anche in ambito economico e finanziario, comunque incidenti sulla produzione e lo scambio di beni e servizi. In questo caso e diversamente da quanto osservato in precedenza (lezioni 5 e 6) qui si tratta solo di derivati aventi come sottostante materie prime da impiegare nei processi industriali, come ad es., oro, palladio, alluminio, zinco, rame, petrolio e gas naturale, ma anche energia, persino bestiame (a differenza degli ETN, che possono avere sottostanti corrispondenti a variabili economiche, finanziarie e fisiche (si pensi alle temperature e ad altri dati climatici per l'incidenza che manifestano su varie attività produttive e commerciali), come tassi d interesse e di cambio. In sintesi un ETC consente di: Accedere direttamente al mercato delle commodities: Gli ETC replicano la performance di una singola commodity o di indici su commodities, grazie all investimento diretto da parte della società emittente nella materia prima o in contratti derivati sulla materia prima. In questo secondo caso gli ETC consentono agli investitori di avere un esposizione simile a quella che si otterrebbe gestendo una posizione a lungo in contratti commodity future senza leva finanziaria. Rimanere costantemente allineato alle performance delle materie prime: a differenza di una posizione in future, gli ETC non 15 Caso che corrisponde agli ETC con un sottostante che corrisponde ad un materiale "fisico" (cioè, concreto).

13 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 13 comportano la necessità di riposizionarsi da un contratto future ad un altro (roll-over), non richiedono nessun versamento di margini iniziali o di adeguamento, e non comportano altre spese di intermediazione/sostituzione dei contratti in scadenza. Infine gli ETC che investono direttamente nelle materie prime consentono di evitare gli oneri e i rischi legati allo stoccaggio delle materie prime acquistate. Ottenere un esposizione ad un rendimento assoluto (total return). In caso di ETC legati al prezzo di contratti future sulla materia prima, il risparmiatore ha accesso ad un rendimento assoluto che comprende tre diverse componenti: a) rendimento spot: è quello derivante dall oscillazione del prezzo del future della materia prima sottostante; b) rendimento legato al rolling (che può essere positivo o negativo): è il rendimento associato all attività di sostituzione dei contratti future in scadenza che consente di mantenere la posizione sul sottostante; è negativo (riporto) quando il contratto in scadenza ha un prezzo maggiore di quello successivo; è positivo (deporto) nel caso opposto. c) rendimento del collaterale: è l interesse che si ottiene dall investimento del collaterale (l acquisto di un future non richiede infatti alcun investimento se non il mantenimento di un margine che però è anch esso remunerato). Accedere al mercato delle commodities ad un costo molto contenuto: come per gli ETF nessuna commissione di entrata, di uscita e di performance è a carico dell investitore, le commissioni di gestione sono contenute e sono applicate in proporzione al tempo di possesso del titolo attraverso la riduzione della quantità di materia prima di cui si ha diritto. Infine come per

14 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 14 l acquisto di un qualsiasi altro titolo sul mercato, vanno considerate le commissioni applicate dalla propria banca/sim. 2. Il mercato degli ETC Ciò che accomuna ETC e ETF è l esistenza per ciascuna classe di titoli di un mercato primario e di un mercato secondario. Il mercato primario, accessibile esclusivamente agli intermediari autorizzati, consente la sottoscrizione e il rimborso dei titoli su base giornaliera al prezzo del mercato ufficiale di riferimento della commodity sottostante (per alcuni ETC è prevista la possibilità di effettuare la sottoscrizione anche in natura, ossia consegnando all emittente direttamente la materia prima). Il mercato secondario è rappresentato dalla Borsa (Mercato ETFPLUS), dove tutti gli altri investitori possono negoziare gli ETC al prezzo determinato dalle migliori proposte in acquisto e in vendita presenti sul book di negoziazione. Questo meccanismo consente agli intermediari specializzati di effettuare arbitraggi che fanno sì che il prezzo degli ETC sia sempre costantemente allineato al valore di mercato della materia prima sottostante te come avviene per gli ETF. GLI ETN (O EXCHANGE TRADED NOTE) 1. Definizione. Anche in tal caso si tratta di strumenti finanziari cartolarizzati, negoziati sull ETF Plus, comunque creato e gestito, conformemente al regolamento di mercato adottato da Borsa Italiana s.p.a. Si tratta di cloni, cioè di strumenti frutto d ingegneria finanziaria che replicano l andamento di un indice o di altre variabili rilevanti in ambito economico-finanziario (prezzi, tassi, cambi ed altre variabili incidenti su

15 Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A ) 15 quell ambito). Il loro collocamento sul mercato primario è opera di merchant banks (come emittenti) attive a livello internazionale e intermediari finanziari operanti nel nostro Paese in qualità di sottoscrittori. Una volta entrati in ambito italiano (in quanto nel portafoglio d'intermediari vigilati dalle Authorithies finanziarie nazionali e distribuiti gli ETN possono essere diffusi anche tra gl'investitori al dettaglio italiani. Essi possono pervenire sul mercato come ambito "aperto" agli investimenti da parte di una generalità indifferenziata attraverso la negoziazione sul mercato secondario anche a investitori al dettaglio (almeno per un aliquota delle negoziazioni; cfr. gli artt. 32, comma I, 33, comma I e 40, comma I, lett. g), Reg. Mercati). Mentre Borsa Italiana nel proprio regolamento del mercato esclude che i fondi indice (cioè gli ET, ETC ed ETN) possano essere ricondotti nell ambito degli OICR, viceversa nel Reg. Gest. Col. Risp. rispettivamente al punto 3.5 della Sezione II, Capitolo III, Titolo V, nonché alla fine del punto 2.1, ma del precedente Capitolo I nel medesimo Titolo V, o al punto [lett. b), dove alla nt. 7 ammette gli stessi tra i prodotti finanziari di una gestione collettiva del risparmio. Del resto, a favore di tale soluzione militano sia ragioni pratiche, legate alla sostituibilità sul versante della domanda dei fondi indice rispetto agli altri OICR, che ragioni più squisitamente giuridiche. In effetti, se si pretendesse d interpretare la regolazione come non riferita ai prodotti corrispondenti ad ETC ed ETN non si potrebbe evitare una censura di illogicità di una valutazione differente per situazioni obiettivamente corrispondenti (o, quanto meno, simili).

ETC. Exchange Traded Commodities: un nuovo modo di investire in materie prime

ETC. Exchange Traded Commodities: un nuovo modo di investire in materie prime ETC Exchange Traded Commodities: un nuovo modo di investire in materie prime Negoziati in Borsa come un azione, gli ETC replicano passivamente le performance della materia prima o degli indici di materie

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

U n n u o v o m o d o d i i n v e s t i r e i n m a t e r i e p r i m e. ETC - Exchange Traded Commodities

U n n u o v o m o d o d i i n v e s t i r e i n m a t e r i e p r i m e. ETC - Exchange Traded Commodities U n n u o v o m o d o d i i n v e s t i r e i n m a t e r i e p r i m e ETC - Exchange Traded Commodities Indice Introduzione 1 Exchange Traded Commodities: 3 - Cosa sono - Principali caratteristiche -

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

ETC. Exchange Traded Commodities: un nuovo modo di investire in materie prime

ETC. Exchange Traded Commodities: un nuovo modo di investire in materie prime ETC Exchange Traded Commodities: un nuovo modo di investire in materie prime Negoziati in Borsa come un azione, gli ETC replicano passivamente le performance della materia prima o degli indici di materie

Dettagli

Investire in Commodities con Certificati ed ETC

Investire in Commodities con Certificati ed ETC Napoli, 23 Novembre 2011 Investire in Commodities con Certificati ed ETC Mauro Giangrande, Head of db-x financial products Italy 1 Sommario Il mercato delle commodities Certificati di investimento Exchange

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari Mifi d Info Strum/Prodotti Finanz. Ed. Gennaio 2012 Il documento ha

Dettagli

LEZIONE 16 I FONDI IMMOBILIARI

LEZIONE 16 I FONDI IMMOBILIARI Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A. 2013-2014) 1 LEZIONE 16 I FONDI IMMOBILIARI Premessa Tra i prodotti finanziari del c.d. risparmio gestito corrispondenti ai cc. dd. fondi chiusi

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010 RISOLUZIONE N. 72/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 luglio 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Redditi derivanti dagli Exchange Traded Commodities articolo 67, comma 1, lettera c-quater), del TUIR

Dettagli

ABN AMRO E BANCA IMI SI SCONTRANO SUL TERRENO DELLE COMMODITY

ABN AMRO E BANCA IMI SI SCONTRANO SUL TERRENO DELLE COMMODITY ABN AMRO E BANCA IMI SI SCONTRANO SUL TERRENO DELLE COMMODITY Dal 20 dicembre 2006 sono quotati sul segmento Sedex di Borsa Italiana i Reflex su Commodity, nome commerciale che indica i classici benchmark

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

l trattamento fiscale degli Etc Etc fiscal treatment in the Italian market 1 Caratteristiche degli Etc

l trattamento fiscale degli Etc Etc fiscal treatment in the Italian market 1 Caratteristiche degli Etc I l trattamento fiscale degli Etc Etc fiscal treatment in the Italian market L affermarsi, anche sul mercato italiano, degli Exchange Traded Commodities strumenti privi di una specifica disciplina civilistica

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI Art. 1 Costituzione e denominazione dei Fondi Interni. La Compagnia istituisce 2 Fondi Mobiliari Interni denominati: Cattolica Previdenza Bilanciato; Cattolica Previdenza

Dettagli

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia 1 2 Oggetto: Documento di Informazione relativo all operazione di fusione del fondo Arca Capitale Garantito Giugno 2013 nel fondo Arca

Dettagli

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Aureo Flex Italia Aureo Flex Euro Aureo Azioni Globale Aureo Obbligazioni Globale

Dettagli

ETFplus IL MERCATO DEGLI ETF E DEGLI ETC. Il mercato degli ETF e degli ETC - I

ETFplus IL MERCATO DEGLI ETF E DEGLI ETC. Il mercato degli ETF e degli ETC - I ETFplus IL MERCATO DEGLI ETF E DEGLI ETC Il mercato degli ETF e degli ETC - I Indice Introduzione 1 Gli Exchange Traded Funds 2 Gli ETF strutturati 6 Gli Exchange Traded Commodities 8 ETFplus: Segmentazione

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM DATA VALIDITA : dal 28/02/2013 Art. 1 Gli aspetti generali del Fondo interno La Compagnia costituisce e gestisce, secondo le modalità del presente Regolamento,

Dettagli

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio 1 Mercati e strumenti finanziari gestiti Dal 1998 Borsa Italiana SpA regolamenta, sviluppa e gestisce i mercati italiani azionari (MTA e Mercato Expandi), il mercato degli strumenti derivati (IDEM), il

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE ALLEGATO B CODICE CONTO NUMERO MANDATO Le caratteristiche della gestione vengono definite, secondo quanto previsto dell art. 38 del Regolamento Consob 16190/07, in funzione

Dettagli

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento PROSPETTO DI BASE

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento PROSPETTO DI BASE Sede legale in Torino, Via Gramsci, n. 7 Capitale sociale: Euro 156.209.463,00 interamente versato Registro delle imprese di Torino e codice fiscale n. 02751170016 Appartenente al Gruppo Bancario Veneto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

FULL OPTION ED. 2009

FULL OPTION ED. 2009 Offerta al pubblico di FULL OPTION ED. 2009 Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Euroquota Aggressiva a premio periodico limitato (Mod. VM2SSISEA138-0414

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 15 aprile 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

LEZIONE 1 I MERCATI FINANZIARI: IL MERCATO MOBILIARE.

LEZIONE 1 I MERCATI FINANZIARI: IL MERCATO MOBILIARE. Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A. 2013-2014) 1 LEZIONE 1 I MERCATI FINANZIARI: IL MERCATO MOBILIARE. 1. Definizione di mercato Il termine mercato viene utilzzato con diverse accezioni.

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924 Salvo diversa indicazione, tutti i dati riportati sono aggiornati al 30.05.2014 SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924 Quanto segue costituisce

Dettagli

LEZIONE 3 WARRANTS E COVERED WARRANTS

LEZIONE 3 WARRANTS E COVERED WARRANTS Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A. 2013-2014) 1 LEZIONE 3 WARRANTS E COVERED WARRANTS La contiguità dell argomento con quello usualmente definito con l espressione options (e già

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2009) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Raiffplanet Prudente Raiffplanet Equilibrata Raiffplanet Aggressiva (Mod. V 70REGFI-0311

Dettagli

SISTEMA EUROMOBILIARE

SISTEMA EUROMOBILIARE GRUPPO CREDEM SISTEMA EUROMOBILIARE Regolamento Unico dei Fondi gestiti da Euromobiliare Asset Management SGR SpA Il presente documento è valido a decorrere dal 20.04.2016 INDICE A) SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

Discovery OFFERTA AL PUBBLICO DI PRODOTTO FINANZIARIO-ASSICURATIVO DI TIPO UNIT LINKED

Discovery OFFERTA AL PUBBLICO DI PRODOTTO FINANZIARIO-ASSICURATIVO DI TIPO UNIT LINKED ED. febbraio 2011 OFFERTA AL PUBBLICO DI Discovery PRODOTTO FINANZIARIO-ASSICURATIVO DI TIPO UNIT LINKED Si raccomanda la lettura della (Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative),

Dettagli

BdS Arcobaleno. Parte I - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione

BdS Arcobaleno. Parte I - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione Prospetto Informativo relativo all offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema BdS Arcobaleno. BdS Arcobaleno Opportunità BdS Arcobaleno Equilibrio BdS

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Life Insurance Italia S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2013) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Life Insurance

Dettagli

AVVISO n.19378. 13 Novembre 2014 ETFplus. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.19378. 13 Novembre 2014 ETFplus. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.19378 13 Novembre 2014 ETFplus Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Regolamento dei Mercati e relative Istruzioni: OICR aperti/ Amendments

Dettagli

LEZIONE 13 I FONDI MOBILIARI CHIUSI

LEZIONE 13 I FONDI MOBILIARI CHIUSI Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A. 2013-2014) 1 LEZIONE 13 I FONDI MOBILIARI CHIUSI Nell'ambito della serie di nozioni di cui si compone la fattispecie degli strumenti finanziari

Dettagli

Fondo AcomeA ETF attivo

Fondo AcomeA ETF attivo Articolo pubblicato su Borsa Italiana il 28 giugno 2012 http://www.borsaitaliana.it/speciali/trading/inside-markets/23/etf-fondoacomeaetfattivo.htm Fondo AcomeA ETF attivo Il fondo AcomeA ETF Attivo è

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

Oggetto: Criteri operativi per la redazione degli annunci pubblicitari concernenti gli OICR chiusi italiani ed esteri offerti in Italia

Oggetto: Criteri operativi per la redazione degli annunci pubblicitari concernenti gli OICR chiusi italiani ed esteri offerti in Italia Comunicazione n. DIN/4014197 del 19-2-2004 inviata all Abi, Aifi, Assogestioni, Assoreti, Assosim, Unionsim e, p.c.: alla Banca d Italia e alla Borsa Italiana spa Oggetto: Criteri operativi per la redazione

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

Fideuram Risparmio. Fondo ad accumulazione dei proventi della categoria Assogestioni "Obbligazionari Euro governativi breve termine"

Fideuram Risparmio. Fondo ad accumulazione dei proventi della categoria Assogestioni Obbligazionari Euro governativi breve termine Fideuram Risparmio Fondo ad accumulazione dei proventi della categoria Assogestioni "Obbligazionari Euro governativi breve termine" Relazione di gestione al 30 dicembre 2015 Parte specifica Società di

Dettagli

Aletti Benchmark Certificate. Scelto il mercato, segue il suo andamento.

Aletti Benchmark Certificate. Scelto il mercato, segue il suo andamento. Aletti Benchmark Certificate. Scelto il mercato, segue il suo andamento. Aletti Certificate. Ti porteremo dove da solo non riusciresti ad arrivare. Lo strumento finanziario che consente di realizzare una

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Strategie di Investimento :

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Strategie di Investimento : Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Strategie di Investimento : LINEA RENDIMENTO ASSOLUTO Eurizon Rendimento Assoluto 2 anni Eurizon

Dettagli

FULL OPTION Ed. 2009

FULL OPTION Ed. 2009 Offerta al pubblico di FULL OPTION Ed. 2009 Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Option Trend a premio unico (Mod. VM2SSISOT137-0414 ed. 04/2014)

Dettagli

FAUSTO SALDI GUIDA AGLI ETF

FAUSTO SALDI GUIDA AGLI ETF FAUSTO SALDI GUIDA AGLI ETF Come Acquistare, Vendere e Guadagnare con gli Strumenti Finanziari Efficaci 2 Titolo GUIDA AGLI ETF Autore Fausto Saldi Editore Bruno Editore Sito internet http://www.brunoeditore.it

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz.

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

Informazione al cliente circa la strategia di esecuzione e la trasmissione degli ordini

Informazione al cliente circa la strategia di esecuzione e la trasmissione degli ordini Informazione al cliente circa la strategia di esecuzione e la trasmissione degli ordini 1) PREMESSA Nel rispetto della Direttiva 2004/39/CE (c.d. Direttiva MiFID ), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 7a Operazioni di intermediazione di strumenti finanziari

FOGLIO INFORMATIVO. 7a Operazioni di intermediazione di strumenti finanziari Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 7a Operazioni di intermediazione di strumenti finanziari INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16 56048 Volterra (PI)

Dettagli

L Offerta di cui al presente prospetto è stata depositata in CONSOB in data 19 marzo 2008 ed è valida dal 1 aprile 2008.

L Offerta di cui al presente prospetto è stata depositata in CONSOB in data 19 marzo 2008 ed è valida dal 1 aprile 2008. Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Scheda Sintetica Offerta pubblica di sottoscrizione di Parte I Infor mazioni sull investimento e sulle coperture assicurative

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo 7 La Borsa valori e le operazioni in titoli Sommario 1. I servizi e le attività di investimento e gli strumenti finanziari. - 2. Il mercato mobiliare. 3. Le funzioni essenziali della Borsa valori.

Dettagli

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Aureo Flex Italia Aureo Flex Euro Aureo Azioni Globale Aureo Obbligazioni Globale

Dettagli

Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 85/611/CE gestiti da Anima SGR

Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 85/611/CE gestiti da Anima SGR Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 85/611/CE gestiti da Anima SGR ANIMA LIQUIDITA Fondo Liquidità Area Euro FONDO LIQUIDITA

Dettagli

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo Roma, 21 febbraio 2002 Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Fondi appartenenti al Sistema Fondi Zenit

Fondi appartenenti al Sistema Fondi Zenit COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA DEL 14 APRILE 2005 E VALIDA PER L AGGIORNAMENTO DEL PROSPETTO INFORMATIVO AI SENSI DELL ART.

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI PREMESSE La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento Europeo

Dettagli

SISTEMA EUROMOBILIARE

SISTEMA EUROMOBILIARE GRUPPO CREDEM SISTEMA EUROMOBILIARE Regolamento Unico dei Fondi gestiti da Euromobiliare Asset Management SGR SpA Il presente documento è valido a decorrere dal 01.01.2014 INDICE A) SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Fondi a Formula Cosa sono e come funzionano. Claudio Tosato. Vice Direttore Generale Prima Sgr

Fondi a Formula Cosa sono e come funzionano. Claudio Tosato. Vice Direttore Generale Prima Sgr Fondi a Formula Cosa sono e come funzionano Claudio Tosato Vice Direttore Generale Prima Sgr Argomenti trattati 1. Cos è e come funziona un Fondo a Formula 2. I Fondi a Formula nel panorama dei fondi comuni

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti fi nanziari Il documento ha la finalità di fornire alcune informazioni di base

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI

GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI ASPETTI GENERALI E IL CASO DEI FONDI COMUNI Lezione 17, CAPITOLO 19 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Supponete di avere deciso d iniziare a risparmiare per la pensione,

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

TRASPARENZA E LIQUIDITÀ. ETFplus Il mercato degli ETF e degli ETC/ETN

TRASPARENZA E LIQUIDITÀ. ETFplus Il mercato degli ETF e degli ETC/ETN TRASPARENZA E LIQUIDITÀ ETFplus Il mercato degli ETF e degli ETC/ETN Indice Introduzione 1 Evoluzione storica e attuale segmentazione 2 ETFplus: Mercato regolamentato 3 L accesso al mercato degli operatori

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE

LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A. 2013-2014) 1 LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE 1) Definizione. I futures vengono ascritti tra gli strumenti finanziari derivati (per inquadrarli dal

Dettagli

Strategia. degli ordini

Strategia. degli ordini Strategia di Trasmissione degli ordini Edizione 05/2012 INDICE Premessa 2 Fattori e criteri di esecuzione 2 Strategia di trasmissione degli ordini 2 Trattamento di ordini disposti in particolari condizioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n.

Dettagli

Obbligazionario Mercati Emergenti Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7

Obbligazionario Mercati Emergenti Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

FLEXIBLE INVESTMENT PORTFOLIO APPENDICE.

FLEXIBLE INVESTMENT PORTFOLIO APPENDICE. FLEXIBLE INVESTMENT PORTFOLIO APPENDICE. GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA Data di deposito in Consob della Parte I: 24 Settembre 2015 Data di validità della Parte I: dal

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE REGOLAMENTO UNICO di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Mercati : Eurizon Obbligazioni Italia Breve Termine Eurizon

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli