Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Piazzale Zancanaro FELTRE (BL) C.F P.IVA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Piazzale Zancanaro 1-32032 FELTRE (BL) C.F. 91005860258 - P.IVA 00846670255"

Transcript

1 Parco Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Piazzale Zancanaro FELTRE (BL) C.F P.IVA ATTUAZIONE PIANO DI GESTIONE 2006 PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007 INDICE PREMESSA ORGANIZZAZIONE CERTIFICAZIONI E RICONOSCIMENTI PIANI E REGOLAMENTI RICERCHE SCIENTIFICHE E MONITORAGGI COMUNICAZIONE, DIVULGAZIONE E PROMOZIONE INTERVENTI SUL TERRITORIO GESTIONE STRUTTURE CONTRIBUTI E COFINANZIAMENTI OBIETTIVI GESTIONALI PER IL 2007

2 PREMESSA Ai fini della predisposizione del Piano di Gestione per l anno 2007, salvo modifiche dell ultimo momento o ulteriori novità introdotte da eventuali collegati alla Finanziaria 2007, bisogna tener conto dei limiti di cui all articolo 1, comma 57, della legge 311/2004 che prev ede che Per il triennio , gli enti indicati nell'elenco) possono incrementare per l'anno 2005 le proprie spese, al netto delle spese di personale, in misura non superiore all'ammontare delle spese dell'anno 2003 incrementato del 4,5 per cento. Per gli anni 2006 e 2007 si applica la percentuale di incremento del 2 per cento alle corrispondenti spese determinate per l'anno precedente con i criteri stabiliti dal presente comma e dei limiti di cui all articolo 1, comma 18, della legge 311/2004 in base al quale per il triennio i soggetti titolari di conti correnti e di contabilità speciali aperti presso la Tesoreria dello Stato, inseriti nell'elenco non possono effettuare prelevamenti dai rispettivi conti aperti presso la Tesoreria dello Stato superiori all'importo cumulativamente prelevato alla fine di ciascun bimestre dell'anno precedente aumentato del 2 per cento. In base alle succitate prescrizioni: a) la cassa massima applicabile al Bilancio di Previsione 2007 ammonta a ,20 calcolata in base al seguente schema: - Cassa anno 2006 (al netto delle spese di personale e partite di giro) ,42 - Incremento del 2% ,17 - Spese di personale e partite di giro ,61 TOTALE ,20 b) l importo massimo prelevabile per l anno 2007 ammonta a ,34. Le novità introdotte dal Legislatore in materia di gestione della cassa, per far fronte alla necessità di rispettare i vincoli, hanno reso necessario la messa a punto di un sistema di monitoraggio dell andamento di spesa che ha consentito di verificare in tempo reale le necessità di prelevamento di Tesoreria e, al contempo il rispetto di quanto stabilito dal Bilancio di previsione e dal Piano di Gestione 2006 dell Ente Parco. Tale complesso lavoro è stato realizzato completamente con risorse interne all Ente Parco. Un attività molto impegnativa e logorante, non prevista in sede di redazione del Piano di Gestione per il 2006, è stata quella di rendere intelleggibile la situazione determinatasi con il blocco della cassa dell Ente. Una intensa azione di comunicazione e sensibilizzazione dell opinione pubblica e del mondo politico-istituzionale del Paese, che ha reso il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi motore fondamentale dell azione di lobbying istituzionale fatta propria da Federparchi. 2

3 Tale azione ha avuto un suo picco positivo negli emendamenti al cosidetto decreto Bersani che introducevano una ulteriore riduzione del 10% sulle spese di funzionamento (dopo quello, analogo, già applicato dal precedente Governo). Per effetto della campagna di stampa e del capillare convincimento politico, la versione approvata del provvedimento legislativo ha accolto una deroga a favore dei parchi nazionali. Si ripropone di seguito il testo integrale dell art. 22 del D.l. 04 luglio 2006, n Riduzione delle spese di funzionamento per enti ed organismi pubblici non territoriali 1. Gli stanziamenti per l'anno 2006 relativi a spese per consumi intermedi dei bilanci di enti ed organismi pubblici non territoriali, che adottano contabilità anche finanziaria, individuati ai sensi dell'articolo 1, commi 5 e 6, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, con esclusione delle Aziende sanitarie ed ospedaliere, degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, dell'istituto superiore di sanità, dell'istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro, dell'agenzia italiana del farmaco, degli Istituti zooprofilattici sperimentali, degli enti e degli organismi gestori delle aree naturali protette e delle istituzioni scolastiche, sono ridotti nella misura del 10 per cento, comunque nei limiti delle disponibilità non impegnate alla data di entrata in vigore del presente decreto. Per gli enti ed organismi pubblici che adottano una contabilità esclusivamente civilistica, i costi della produzione, individuati all'articolo 2425, primo comma, lettera B), numeri 6), 7) e 8), del codice civile, previsti nei rispettivi budget 2006, concernenti i beni di consumo e servizi ed il godimento di beni di terzi, sono ridotti del 10 per cento. Le somme provenienti dalle riduzioni di cui al presente comma sono versate da ciascun ente, entro il mese di ottobre 2006, all'entrata del bilancio dello Stato, con imputazione al capo X, capitolo Sulla vicenda della cassa, invece, è da riscontrare la positiva accoglienza dell emendamento proposto dall Ente Parco, da parte del Capo di Gabinetto del Ministero dell Ambiente che in data 27 luglio 2006 ha risposto alla proposta del Presidente De Zordo. In attesa di conoscere quale sarà il testo approvato della Finanziaria del 2007, si rilevano le dichiarazioni dell on.le Ministro dell Ambiente che ha chiesto maggiori stanziamenti per le aree naturali protette e lo sblocco della cassa degli Enti Parco nazionali. Alla data, comunque, non ci sono novità positive nel testo della Finanziaria o del D.L. collegato. Tutti i blocchi imposti dal precedente Governo vengono confermati. Quale unica novità positiva si prevedono alcuni investimenti per progetti ambientali, in particolare, sulle fonti rinnovabili, cui l Ente Parco potrà accedere quale fonte di finanziamento. Si segnala, peraltro, l aumento della dotazione finanziaria per i parchi nazionali di oltre 20 milioni di euro annui (ma se resta il blocco della cassa è sostanzialmente un circolo vizioso). ORGANIZZAZIONE Due importanti atti di natura organizzativa vedranno la luce entro la fine del 2006: * il nuovo Statuto dell Ente Parco, il quale, approvato, nella sua veste emendata sulla scorta delle osservazioni del Ministero dell Ambiente, dal 3

4 Consiglio Direttivo dell Ente con deliberazione n. 10 del 28 aprile 2006, ha già ricevuto il placet del Ministero, fatta salva l esigenza di un ulteriore passaggio in Comunità del Parco per la resa del parere prescritto dalla legge n. 394 del * il Regolamento di contabilità dell Ente, anch esso approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 28 aprile 2006 (deliberazione n. 9) e osservato dalle superiori Autorità vigilanti (Ministero dell Ambiente che ha recepito i suggerimenti del Ministero dell Economia) per alcuni aspetti più di forma che di sostanza, fatta eccezione per l esigenza di adeguare la Parte II del Regolamento, dedicata all attività negoziale, ai dettami del nuovo Codice dei contratti, emanato con decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, entrato in vigore il 1 luglio Per quel che concerne la gestione delle risorse umane, il personale di ruolo impiegato nel 2006 è stato, fino al 30 aprile, di 10 dipendenti a tempo pieno (n. 2 C4, n. 3 C3, n. 1 B3 e n. 4 B2) e di 4 dipendenti parttime (n. 1 C1, n. 3 B2). A decorrere dal 1 maggio, infatti, una dipendente di Area B, posizione economica B2, si è trasferita, tramite mobilità volontaria, alle dipendenze dell Amministrazione provinciale di Belluno, ciò che ha consentito a questo Ente Parco di rideterminare, con deliberazione di Consiglio Direttivo n. 13 del 11 maggio 2006, recentemente approvata dal Ministero dell Ambiente, la propria dotazione organica secondo i dettami dell art. 1, co. 93, della legge finanziaria 2005, legge n. 311 del 2004, facendo così venire meno quello che pareva essere l ultimo ostacolo alla assunzione del vincitore del concorso per C1 di ragioneria bandito nel gennaio 2005, ossia una pianta organica rispettosa dei limiti di spesa imposti dalla Finanziaria. Senonché, nel frattempo, è scaduta l autorizzazione ad assumere detto soggetto, concessa a questo Ente Parco con decreto del Presidente della Repubblica 6 settembre 2005, il cui termine del 31 dicembre dello stesso anno era stato prorogato al 30 aprile 2006 con un decreto legge successivo. In definitiva, continua a rimanere aperta la questione del C1 di ragioneria, che probabilmente potrà essere sbloccata solo con una nuova richiesta di autorizzazione ad assumere presentata a gennaio 2007 e conseguente emanazione del decreto autorizzativo a settembre prossimo. Nel 2006 ha lavorato presso la sede dell Ente anche un collaboratore impiegato con contratto di Co.co.co. (esperto informatico). Ci si è avvalsi di alcuni professionisti che hanno seguito attività specifiche. 4

5 Attraverso 16 disposizioni di servizio, la Direzione dell Ente ha indirizzato l organizzazione del Parco verso criteri di semplificazione amministrativa, di partecipazione del personale alle attività e di incremento di efficienza. Per il miglioramento dell efficienza della struttura e delle capacità dell Ente Parco di perseguire la propria mission istituzionale si propone: investire alcune risorse mirate all aggiornamento ed alla formazione del personale; procedere alla organizzazione dei livelli apicali individuando il vice-direttore ed attivando funzioni di coordinamento tra i funzionari; proporre al personale in part-time un rientro parziale o totale all orario completo in modo da disporre di maggior forza lavoro; investire alcune risorse per l aggiornamento delle Guide ufficiali del Parco e per la realizzazione di un nuovo corso, al fine di consentire l ingresso lavorativo a nuovi soggetti professionali; investire alcune risorse per il potenziamento delle strutture informatiche dell Ente, soprattutto per l adeguamento software del programma di contabilità e per la predisposizione di un moderno sistema di protocollo informatico con supporto ottico. In tale contesto appare assolutamente necessario il rafforzamento del contingente CFS in servizio presso il CTA del Parco. L auspicio è che nei prossimi mesi vengano assegnati alcuni agenti dell ultimo corso, al fine di mantenere integra la capacità di sorveglianza del territorio e di collaborazione alle attività istituzionali del Parco. CERTIFICAZIONI E RICONOSCIMENTI Il 29 e 30 agosto 2006 l Ente Parco è stato sottoposto alla verifica ispettiva per il rinnovo della certificazione integrata "ambiente-qualità" ISO e ISO 9001 (Vision 2000) ed EMAS, che ha avuto esito sostanzialmente positivo, con la riserva di alcune integrazioni. Si pone la necessità, per l anno 2007, di dare maggiore coerenza al progetto Carta Qualità con l introduzione dei nuovi disciplinari, distinti per tre categorie (Campanula d oro per le attività del biologico e dell ecolabel, Campanula d argento corrispondente all attuale circuito di Carta Qualità, Amico del Parco per le attività commerciali esterne ai 15 comuni che utilizzino i prodotti certificati dal Parco). 5

6 Occorrerà attivare una notevole mole di controlli sul sistema, così come richiesto in sede di ispezione, al fine di rendere più stringenti le disposizioni del circuito. Si segnala che nell ambito del Premio Urbanistica e Pianificazione Territoriale Luigi Piccinato, organizzato dalla Regione del Veneto, all Ente Parco è stata assegnata una menzione speciale per il progetto di valorizzazione e recupero del nucleo rurale di Agre. PIANI E REGOLAMENTI Progetti speciali del Piano per il Parco Fauna, habitat faunistici e controllo zoosanitario Il progetto è concluso e sarà sottoposto all approvazione del Consiglio Direttivo dell Ente nel corso del In attesa dell approvazione del progetto da parte del Consiglio Direttivo sono state realizzate importanti attività di studio, gestione e miglioramento delle popolazioni faunistiche del Parco, previste dallo stesso Progetto Speciale. In particolare nel corso del 2006 sono proseguiti gli ordinari monitoraggi di Ungulati, Tetraonidi e dell ittiofauna e sono stati avviati i progetti per la gestione e recupero dell ittiofauna, per lo studio dell avifauna e per la reintroduzione della marmotta. Se dovesse essere sbloccata la Cassa dell Ente, si potrà procedere ad una ulteriore fase di reintroduzione della marmotta, nonché valutare l opportunità di un eventuale reintroduzione dello stambecco. Nel 2007 si procederà alla pubblicazione di un testo relativo al progetto per divulgare i dati in esso contenuti e per rispondere alle richieste di studiosi e di appassionati della materia. Riqualificazione delle malghe e gestione dei pascoli e dei prati Il progetto è concluso e sarà sottoposto all approvazione del Consiglio Direttivo dell Ente nel corso del Nel 2007 si procederà alla pubblicazione di un testo relativo al progetto per divulgare i dati in esso contenuti e per rispondere alle richieste di studiosi e di appassionati della materia. Selvicoltura e piano di riassetto forestale Il progetto è concluso e sarà sottoposto all approvazione del Consiglio Direttivo dell Ente nel corso del È stato formalmente trasmesso già nel 2004 ai Servizi Forestali Regionali per il collaudo, che avverrà presumibilmente nei primi mesi del

7 Tutela, salvaguardia e valorizzazione del patrimonio edilizio È stato prorogato l incarico per la stesura del progetto speciale e sono continuate le riunioni con i professionisti. È stata effettuata una prima consegna di dati. L Ufficio cartografico sta lavorando alla costruzione di un database, sulla scorta delle indicazioni fornite dai progettisti, per raccogliere in modo sistematico ed organico i dati sul patrimonio edilizio, che andranno ad arricchire il Sistema Informativo Territoriale del Parco. Una volta definito il database, si potrà procedere all inserimento dei dati già in possesso e alla loro georeferenziazione e si potrà organizzare una campagna di rilievo per l aggiornamento dei dati stessi. Piano pluriennale economico e sociale Il PPES è stato adottato il 15 novembre 2000 con Delibera del Consiglio Regionale del Veneto n. 61. L aggiornamento del PPES è previsto ogni anno, la validità dello stesso strumento è quadriennale. Neanche nel 2006 è stato possibile procedere alla verifica ed arricchimento del PPES. Gli incarichi relativi non sono stati assegnati per il congelamento della cassa dell Ente, oltre alla necessità di rispettare il limite di spesa per consulenze esterne per l anno Restano valide le disposizioni di cui alla citata Delibera regionale. Con le attuali dotazioni di cassa non appare possibile aggiornare lo strumento pianificatorio nel corso del 2007, fatto salvo novità in merito al cosiddetto sblocco della cassa dell Ente Parco. Piano di difesa contro gli incendi boschivi Anche nel 2006 non è stato possibile procedere alla stesura del Piano. Gli incarichi relativi non sono stati assegnati per carenza di fondi. Con le attuali dotazioni di cassa non appare possibile aggiornare lo strumento pianificatorio nel corso del 2007, fatto salvo novità in merito al cosiddetto sblocco della cassa dell Ente Parco. Piano di gestione del SIC/ZPS IT Il Ministero dell Ambiente ha chiarito che laddove il SIC o la ZPS siano all interno di un parco nazionale dotato di strumento di pianificazione non occorre ulteriore piano di gestione specifico. La Regione Veneto ha affidato all Ente Parco il compito di monitorare tutto il Sic in questione, anche la parte esterna al perimetro dell area naturale protetta. 7

8 Dolomiti Patrimonio dell Umanità Gli Uffici dell Ente hanno attivamente collaborato, nel corso del 2006, alla predisposizione della proposta di inserimento di parte delle Dolomiti nel Patrimonio dell Umanità. La proposta all Unesco è stata predisposta dall Amministrazione Provinciale di Belluno, se ne attendono gli esiti. Piano Strategico della Provincia di Belluno Su richiesta dell Amministrazione Provinciale sono state inviate schede relative ad azioni che l Ente Parco intende proporre nell ambito della definizione del Piano Strategico. I progetti selezionati e inviati sono quattro: Deflusso Minimo Vitale nel Parco, Conservazione della biodiversità dei prati, Case del Parco, Ricettività nelle Aree Protette, Potenziamento delle attività ed impianti Fossil-Free. Successivamente l Ente ha aderito ad una proposta avanzata dal Gruppo produttori specialità agroalimentari tradizionali del Feltrino per la presentazione di una scheda per la costituzione di un partenariato di filiera delle specialità agroalimentari bellunesi, in collaborazione con la Birreria di Pedavena. Regolamento del Parco L. 394/91 È stato individuato un gruppo di lavoro per pianificare l attività di redazione del Regolamento del Parco alla luce delle precedenti esperienze e delle specifiche necessità e peculiarità delle Dolomiti Bellunesi. Il Gruppo di lavoro ha elaborato la prima versione del Regolamento che è stata oggetto di verifiche interne nel corso di una serie di incontri tecnici. Visto il buon esito di tali riunioni di lavoro si ritiene che la bozza del Regolamento possa essere presentata agli Organi istituzionali dell Ente entro la prima metà del Nulla Osta È regolarmente proseguita l attività di istruttoria e rilascio dei provvedimenti autorizzativi dell Ente per progetti e attività che interessano il territorio protetto. Di seguito si riassumono gli esiti dei nulla osta rilasciati dal Parco nel corso del 2006, confrontate con quelli dei sei anni precedenti. 8

9 Esito Favorevole Favorevole con prescrizioni Negativo Totale Come di consueto, si è provveduto a fornire comunicazioni e informazioni sulle procedure autorizzative del Parco indirizzando numerose note ad enti e privati. Alcun procedimento ha utilizzato la procedura del silenzio-assenso. Tutti i cittadini hanno ricevuto risposta motivata entro il termine massimo di 60 giorni. La tempistica media di risposta al cittadino è stata di 27 giorni. RICERCHE SCIENTIFICHE E MONITORAGGI Nel corso del 2006 è stato possibile attuare il seguente programma di ricerche. Indagine sui popolamenti algali delle acque correnti del PNDB Monitoraggio ungulati Monitoraggio reale aquila Si sono concluse le indagini di campagna e lo studio di laboratorio per la determinazione del materiale raccolto. La relazione finale sarà consegnata entro la fine del I risultati intermedi hanno già evidenziato la scoperta di una specie nuova per la scienza e interessanti dati ecologici, che confermano l assoluto rilievo dell area del Parco per la tutela della biodiversità. Nel corso del 2006, a causa delle scarse disponibilità finanziarie, non sono stati rinnovati alcuni contratti di collaborazione esterna per i monitoraggi. Questi sono stati condotti utilizzando solo personale del CTA-CFS del Parco. Il progetto Interreg III A Italia-Austria L aquila reale nelle Alpi Orientali è terminato finanziariamente nel 2005 ma materialmente si è concluso con un simposio internazionale tenutosi l 11 febbraio 2006 a Trafoi nel Parco Nazionale 1 Aggiornamento

10 Monitoraggio dei popolamenti ittici dei corsi d acqua del territorio del Parco Censimento dei lepidotteri notturni del Parco Gli invertebrati degli ambienti acquatici sotterranei e sorgentizi del Parco dello Stelvio, con il contributo e il coinvolgimento degli altri partner (Parco nazionale degli Alti Tauri e la Provincia Autonoma di Bolzano). In quella sede è stata presentata e distribuita anche la brochure conclusiva che raccoglie in sintesi i risultati del progetto. La pesca è attività vietata nei parchi nazionali. Da alcuni anni, in deroga, l Ente Parco consente la cattura di specie bersaglio esogene all ambiente fluvio-lacuale locale, al fine di diminuire gli stock ittici esogeni e ristabilire condizioni ecologiche migliori. Anche nel 2006 il Parco ha sostenuto le spese per inserire nei libretti di pesca provinciali le pagine segnacatture relative ai corpi idrici interni all area protetta. Grazie al cofinanziamento della Fondazione Cariverona è stato possibile proseguire l annuale monitoraggio qualiquantitativo delle popolazioni ittiche nei torrenti, che è stato integrato nel più ampio progetto relativo allo studio, recupero e valorizzazione dell ittiofauna. Si sono conclusi i rilievi di campagna ed è proseguita la determinazione del materiale raccolto. Le relazioni intermedie hanno evidenziato la presenza nel Parco di una notevole biodiversità anche per questo gruppo sistematico. La consegna della relazione finale è prevista per la primavera 2007 Per la mancanza di risorse finanziarie non è stato possibile rinnovare i contratti di ricerca che avevano condotto, nel biennio , all individuazione di molte nuove entità. Per non perdere un anno di raccolta dati sono stati incaricati i volontari dei gruppi speleologici di proseguire nella raccolta di campioni. Nel corso del 2006 è stata presentata alla Fondazione Cariverona una richiesta di finanziamento per proseguire le ricerche. Nel 2007 si procederà alla determinazione degli esemplari raccolti, che risultano di enorme interesse scientifico. 10

11 Indagine limnologica del lago de La Stua Monitoraggio sanitario delle popolazioni di ungulati del Parco Studio della genetica di popolazione del camoscio Monitoraggio galliformi Il progetto si è concluso nel 2006 ed è stata consegnata la relazione finale. Nel fitoplancton del lago sono state individuate 76 specie diverse, è stata studiata la loro evoluzione temporale e sono state analizzate le acque. Lo studio conferma la buona qualità ambientale del bacino lacustre. E proseguito il monitoraggio sanitario delle popolazioni da parte del personale del CTA-CFS del Parco. La situazione sanitaria generale risulta essere sotto controllo. Il progetto si è concluso nel 2005 e nel 2006 è stata consegnata la relazione finale. Interessanti dati sono emersi dal confronto tra le popolazioni di camoscio del Parco e quelle di altre zone dolomitiche già interessate da epidemie di rogna sarcoptica. La scarsa numerosità dei campioni analizzati (nel Parco si sono prelevati campioni di tessuto solo da animali morti per cause naturali) non consente di trarre conclusioni definitive sulla significatività delle differenze genetiche evidenziate dallo studio. Nel 2006 è comunque proseguita la raccolta di campioni, inviati all Università di Ferrara per l analisi genetica, proprio per aumentare la numerosità e quindi la significatività dei dati. Nel 2007 si prevede di proseguire la raccolta di campioni di tessuto da animali morti. Nel corso del 2006, a causa delle scarse disponibilità finanziarie, non sono stati rinnovati alcuni contratti di collaborazione esterna per i monitoraggi. Questi sono stati condotti utilizzando solo personale del CTA-CFS del Parco. Censimento flussi turistici L incarico assegnato nel corso dell anno si è concluso consentendo all Ente di disporre di nuovi dati sul flusso turistico del territorio del Parco Habitalp - Alpine Habitat Diversity Il progetto, realizzato nell ambito del programma Interreg III B Spazio Alpino ha quale obiettivo lo sviluppo di una chiave di lettura standardizzata degli habitat alpini con l ausilio di foto aeree all infrarosso. Nel corso del 2006 non si sono 11

12 potuti effettuare voli per le riprese aerofotogrammetriche. Le spese effettuate dal Parco sono consistite esclusivamente nelle attività di realizzazione e validazione delle chiavi di interpretazione a cura degli esperti incaricati a livello alpino. Il progetto si conclude nel Biodiversity hotspot. Indagini faunistiche su gruppi poco noti di Vertebrati e Invertebrati di elevato valore zoogeografico, evoluzionistico ed ecologico Nel 2006 è stato presentato alla Fondazione Cariverona un articolato progetto per condurre indagini su gruppi faunistici di grande interesse scientifico ma, attualmente, ancora poco studiati nell area del Parco. In particolare sono previste ricerche sulla fauna ipogea, sugli Ortotteroidei degli habitat prativi, sui Coleotteri dei macereti e sui micromammiferi Chirotteri. Si attende una risposta da parte della Fondazione. Deflusso minimo vitale delle acque del Parco Il progetto di ricerca è stato finanziato dalla Fondazione CariVerona per un importo di e sarà realizzato nel 2006/2008 compatibilmente con le effettive disponibilità di cassa. Sono stati formalizzati i contratti di ricerca con i Dipartimenti di Geologia, Biologia ed Ingegneria dell Università di Ferrara. Dopo una serie di incontri di pianificazione tra i responsabili scientifici dell Università e personale dell Ente Parco sono stati scelti i 3 bacini di studio: Stien, Caorame e Mis e individuate le stazioni di rilievo dei parametri biologici ed idrologici. Sono partiti i monitoraggi delle portate ed i rilievi biologici. A fine luglio 2006 è stato redatto il primo report intermedio. Interventi per la salvaguardia, il monitoraggio ed il ripopolamento della fauna selvatica nel Parco Il progetto è articolato in due parti, una relativa allo studio dell avifauna ed una al ripopolamento della marmotta. A causa delle ridotte disponibilità di cassa si è scelto di far partire l intero progetto di reintroduzione della marmotta ed un primo stralcio di quello relativo all avifauna. Reintroduzione Marmotta: in fase preliminare all avvio del progetto sono stati formulati accordi con la Provincia di Belluno e con il Parco Nazionale dello Stelvio per la cattura degli animali nei rispettivi territori di competenza. E stato acquisito dall INFS il parere favorevole per l operazione di reintroduzione. E stato redatto, grazie alla collaborazione 12

13 tra professionisti esterni e personale dell Ente, lo studio di fattibilità per l individuazione delle aree idonee al rilascio. Attraverso l applicazione di metodi di valutazione dell idoneità ambientale sono state individuate le aree vocate, stimate le consistenze potenziali delle popolazioni, individuate le modalità e i siti di rilascio. A maggio sono state realizzate, da personale dell Ente Parco, del CTA- CFS del Parco e della Provincia di Belluno, le catture nelle zone di Passo Pordoi e Passo dello Stelvio. Gli animali catturati sono stati pesati e identificati con marche auricolari, quindi trasportati nel Parco e rilasciati nelle zone di Busa delle Vette e di Erera. Nel corso dell estate si è proceduto al monitoraggio dell insediamento delle nuove colonie, che ha avuto successo, come testimoniato anche dalla nascita di alcuni piccoli. Sono stati scavati buoni sistemi di tane, che fanno ben sperare per un positivo superamento dell'inverno. Parallelamente alle attività di campo è stata curata la comunicazione ai mezzi di informazione dell evento, che ha avuto un buon riscontro anche a livello nazionale, come testimoniato dall iniziativa di RAI-Radio 2 Il ruggito del coniglio che ha avviato un referendum tra i radioascoltatori per dare un nome alle marmotte. Nel 2007 il progetto proseguirà con le catture e i rilasci già previsti nello studio di fattibilità. Per la divulgazione del progetto è prevista la realizzazione di specifici programmi di educazione ambientale per le scuole dedicati alla marmotta. Avifauna: nel 2006 sono partite le sezioni del progetto relative alla continuazione dello studio dell'aquila reale e al censimento dei rapaci diurni e notturni. Le attività relative all aggiornamento dell atlante dei nidificanti, allo studio dei picchi e del re di quaglie sono state posticipate al 2007 a causa del blocco della cassa. Interventi per la salvaguardia, il monitoraggio ed il ripopolamento dell ittiofauna nel Parco Le attività previste dal progetto sono state divise in due parti: prosecuzione dei monitoraggi annuali ed attività di ricerca finalizzate al ripopolamento di temolo, scazzone e trota marmorata. Nel 2006 sono stati assegnati gli incarichi per la realizzazione dei due stralci e sono stati realizzati i consueti monitoraggi annuali nei corsi d acqua. In autunno sono iniziate anche le attività di ricerca finalizzate allo studio dell ittiofauna dei laghi del Mis e de La Stua. Nel 2007 è prevista la conclusione delle attività di ricerca e si dovrà stipulare uno specifico accordo con il centro di allevamento della trota marmorata del CFS di Celarda per realizzare le azioni di ripopolamento nel Parco. 13

14 Progetto Leader + Biodiversità coltivata Nel 2006 si è concluso il progetto Leader + Biodiversità coltivata, con la pubblicazione del Codex bellunensis e del volume n. 6 della collana Studi e ricerche, dedicato alle indagini agronomiche ed etnobotaniche, che include anche un atlante iconografico delle antiche varietà. E stato, inoltre, completato l impianto del frutteto catalogo in località Col dei Mich, sui terreni di proprietà dell Ente Parco e realizzato un database che raccoglie dati agronomici, foto, disegni e registrazioni di interviste a vecchi agricoltori. Il database è stato pubblicato nel nuovo portale internet del Parco (www.dolomitipark.it). Nel 2007, per dare maggiore visibilità al progetto, saranno realizzati, con fondi e personale propri, delle bacheche illustrative da installare presso i campi catalogo di Col dei Mich e di Vellai. Progetti di ricerca cofinanziati dalla Fondazione Cariverona Nel corso del 2006 era previsto l avvio di tre impegnativi progetti di ricerca, tutti finanziati dalla Fondazione Cariverona. Nonostante le enormi difficoltà derivanti dal blocco della cassa, che ha interessato anche i fondi autonomamente intercettati dall Ente Parco, è stato possibile avviare, con tempi, modalità e impegni finanziari diversi, tutti i progetti. COMUNICAZIONE, DIVULGAZIONE E PROMOZIONE Oltre a proseguire le consuete attività di comunicazione (ufficio stampa, informazioni al pubblico), nel corso del 2006 sono state implementate tutte le attività di carattere promozionale e divulgativo, grazie a specifici progetti ed eventi di significativo impatto sul pubblico. Convegni, lezioni e incontri Direttamente o in collaborazione con altri Enti, sono stati curati la preparazione e la realizzazione di oltre 30 interventi tra convegni, workshop, seminari e corsi di formazione professionale. Tra i più significativi si citano il convegno per il Parco del Gennargentu, con le testimonianze del Presidente De Zordo e del Direttore Martino, le lezioni tenute presso il Parco nazionale del Gargano nell ambito del progetto EMAS Gargano di Legambiente, il convegno di presentazione del manuale di valutazione delle attività di educazione ambientale realizzato con ARPAV, le lezioni per studenti dei corsi di laurea in Scienze Naturali, Scienze Forestali e Scienze Ambientali. Gli Uffici dell Ente hanno, inoltre, fornito supporto tecnico ad ARPAV per la realizzazione della campagna di comunicazione Un cuore per la 14

15 montagna, per promuovere comportamenti responsabili, sicuri e rispettosi dell ambiente tra turisti e frequentatori della montagna. Sito Internet/Portale Nell ambito delle attività di comunicazione l intervento più rilevante del 2006 è stato senz altro il completo rifacimento del sito internet del Parco, che è stato trasformato in un vero e proprio portale. Il lavoro di riorganizzazione è stato fatto con i seguenti obiettivi: implementare nel sito tutte le informazioni precedentemente disperse in numerosi supporti (multimediali e non) già elaborati dal Parco (vecchio sito, vari Cd Rom, banche dati interne); assicurare la massima trasparenza all operato dell Ente, inserendo la possibilità di leggere e scaricare i documenti ufficiali prodotti dall Ente; ridurre il carico di lavoro degli Uffici preposti a fornire informazioni, rendendo disponibili e scaricabili dal sito (in un apposita sezione download) il maggior numero possibile di documenti; creare una struttura facilmente e continuamente aggiornabile nei contenuti; posizionare al meglio il portale nei motori di ricerca. Il sito, coordinato da Nino Martino ed Enrico Vettorazzo è stato realizzato da ComunicAzione, società che gestisce il sito ufficiale di Federparchi (www.parks.it) ed è stato presentato ufficialmente a Roma in aprile, nell ambito di Parks Life, la fiera dei parchi e delle aree protette organizzata ogni anno dal Ministero dell Ambiente e Federparchi. I risultati del 2006 sono estremamente incoraggianti con una media di oltre visitatori/mese, pari a oltre /anno ed un incremento, rispetto al 2005, del 150%. Le pagine visitate sono state, in media, al mese. Per migliorare ulteriormente questi dati si è provveduto a tradurre il sito in inglese, francese, tedesco e spagnolo. Tra le sezioni più significative del nuovo portale si segnalano quella dedicata alle news, che viene aggiornata costantemente (mediamente ogni 4 giorni); quella sulla pianificazione, con la disponibilità di tutte le cartografie e i documenti del Piano del Parco; la sezione multimedia, con i voli virtuali sul Parco, foto e filmati; il rinnovato shop on line; la sezione relativa al progetto carta qualità, con il database delle aziende aderenti; il database con i risultati del progetto Biodiversità coltivata. Gli Uffici hanno predisposto una sezione del sito denominata Opere pubbliche: i cantieri del Parco che consente la navigazione in varie pagine web contenenti i più significativi interventi realizzati, raggruppati in base allo stato attuale dei lavori, alla loro localizzazione geografica e alla tipologia dell'opera. 15

16 Nel 2007 sono previsti il costante aggiornamento delle news, l implementazione di ulteriori contenuti e la traduzione in portoghese, giapponese, cinese e russo, per poter raggiungere nuovi potenziali visitatori. E in corso di verifica anche la possibilità di traduzione in arabo. Nel 2007 si curerà l implementazione del database opere pubbliche, al fine di fornire on-line all utente un archivio completo di tutte le opere realizzate, cantierate e in fase di progetto. Compatibilmente con le risorse di cassa, nel 2007 considerato il grande numero di dati e di ricerche scientifiche disponibili presso l Ente, si arricchirà il sito internet di opportune cartografie divulgative relative a quegli studi che potrebbero interessare maggiormente gli utenti della rete (ad esempio la carta delle tipologie forestali, una carta sulla presenza delle specie faunistiche più rilevanti, ). Contestualmente si realizzerà una sezione download da cui poter scaricare i dati che l Ente riterrà opportuno mettere a disposizione di tutti gli utenti interessati (ad es. il perimetro attuale del parco in formato digitale, la zonazione funzionale in formato digitale, database,.). Newsletter elettronica Nel corso del 2006 sono stati prodotti ed inviati 2 9 numeri di E stato costantemente aggiornato il database degli indirizzi degli iscritti, che viene alimentato anche dalle iscrizioni on-line sul sito. Attualmente viene inviato a 586 iscritti. L attività proseguirà nel Materiali a stampa Nel corso del 2006 il numero di pubblicazioni, rispetto agli anni precedenti, è stato ridotto per effetto del blocco della cassa. Nonostante queste difficoltà il 2006 ha visto però la conclusione dell impegnativo progetto editoriale relativo al Codex bellunensis, oltre a numerose altre produzioni, di seguito elencate. Brochure Aquilalp.net - prodotta nell ambito del progetto Interreg IIIA L aquila reale nelle Alpi orientali Codex Bellunensis. Presentato in anteprima alla stampa il 31 marzo 2006 a Roma, in occasione di Park Life. Successivamente è stato presentato alla cittadinanza in tre incontri pubblici, a Feltre (20 aprile Sala degli Stemmi), Belluno (27 aprile 2006 Auditorium) e Auronzo di Cadore (20 maggio Sala Consiliare); Calendario 2007; 2 fino al 3 ottobre

17 Guida alle aziende del circuito carta qualità (2 edizioni); Vari articoli per riviste italiane (Parchi & Riserve, Sviluppo Rurale, In camper, Plein Air, ); Manuale per la valutazione dei programmi e delle strutture di educazione ambientale (con ARPAV); Cartografie e DVD Parchi del Veneto (con Assessorato ai Parchi della Regione); Volume Biodiversità coltivata Indagini agronomiche ed etnobotaniche nel PNDB, sesto volume della collana studi e ricerche; Realizzazione della nuova bandiera del Parco e di quelle del circuito Carta Qualità. Altre pubblicazioni, inizialmente previste su altri argomenti (evoluzione del paesaggio, progetto speciale malghe, libro fotografico, calchere), non si sono potute realizzare nel corso del 2006 per il duplice motivo costituito da: impossibilità di reperire finanziamenti per il congelamento della cassa dell Ente, oltre alla necessità di rispettare il limite di spesa per consulenze esterne per l anno Nel 2007 si procederà con la stampa dei volumi relativi al Progetto speciale fauna, al Progetto speciale malghe, Guida turistico-naturalistica del Parco. Si tratta di testi praticamente già pronti da tempo la cui mancata edizione comporta, soprattutto per i primi due, un invecchiamento dei dati. Tra l altro il volume sulla fauna è esaurito da tempo e viene spesso richiesto da turisti, visitatori e appassionati della materia. Postazioni Informative Multimediali È stato inaugurato a Ponte nelle Alpi un nuovo punto informazioni turistiche, che presenta un angolo appositamente allestito per le informazioni sul Parco, attraverso una delle postazioni multimediali acquisite con il progetto Interreg III A Infopoints nel Accessi naturalistici Sono stati apposti i pannelli didattici degli accessi naturalistici realizzati con il progetto Interreg III A Infopoints nel

18 Il Comune di Longarone, tramite la Comunità Montana Cadore, Longaronese Zoldo ha provveduto a redigere il progetto per la posa della nuova area attrezzata presso l accesso naturalistico al Parco a Pian de Le Stele (Caiada), con gli arredi lignei forniti dal Parco. Nel corso del 2007 verrà definitivamente sistemata l area. Il Comune di Feltre ha provveduto, con il finanziamento del Parco, alla sistemazione dell area attrezzata presso l accesso naturalistico Val di Lamen e alla posa della bacheca nell accesso Val di San Martino. Progetto Interreg III A Percorso dei siti minerari e della via del ferro valorizzazione dei sentieri e percorsi tematici del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nel 2006 è stata realizzata la posa in opera della tabellazione interna al Centro Minerario di Valle Imperina, sulla base di uno specifico progetto grafico mirato alla promozione e alla riconoscibilità dell importante sito di archeologia industriale. Le varie azioni del progetto per il Parco l allestimento del Centro Visitatori di Valle Imperina e la sistemazione del sentiero La montagna dimenticata - sono state sottoposte alle verifiche e al collaudo da parte della regia regionale. Il 5 agosto 2006 è stata organizzata assieme alla Comunità Montana Agordina, capofila del progetto, la giornata conclusiva dell iniziativa che ha visto anche la partecipazione di tecnici e autorità austriache partner e di autorità e dirigenti regionali. Mostre La mostra AQUILALP, realizzata nel 2005 nell ambito del progetto Interreg III A Italia-Austria L Aquila reale nelle Alpi orientali, è stata allestita a Sedico (Palazzo dei Servizi), a Longarone (Festa Regionale della Montagna) e a Ponte nelle Alpi (Biblioteca civica). Nel corso del 2007 sarà nuovamente messa a disposizione di altri Comuni che ne facessero richiesta. E stata realizzata una mostra sul Codex bellunensis presso la Sala Centa a Feltre, dal 30 giugno al 30 settembre, in collaborazione con il Comune di Feltre. L allestimento è stato ideato e realizzato interamente dal personale dell Ente. La mostra ha ottenuto un lusinghiero successo di pubblico (circa 2000 persone) e ha comportato un ottimo risultato in termini di vendita della pubblicazione. Grazie alla collaborazione con la Provincia di Belluno è stato possibile promuovere la mostra quale evento collaterale della IX edizione del premio Pelmo d Oro. 18

19 Centri Visitatori La gestione del Centro Visitatori Il sasso nello stagno a Pedavena è stata affidata all Associazione La Fenice che ha garantito l apertura del Centro. L affluenza al Centro è risultata soddisfacente. La Cooperativa delle Guide del Parco Il Mazarol si è aggiudicata la gestione del Centro visitatori di Valle Imperina. E proseguito l esperimento del biglietto di ingresso di 2 (con esclusione dei residenti). Buono l afflusso dei visitatori in entrambi i centri visita, con un incremento delle presenze a Valle Imperina. Sono stati realizzati due incontri di formazione per i volontari dell Associazione La Fenice che gestiscono il centro di Pedavena. E stata realizzata, presso Il sasso nello stagno, la mostra temporanea dello scultore Leonardo Tramontin. Il 2007 sarà dedicato all allestimento del Centro Visitatori di Belluno, nonché all aggiornamento dei contenuti e dei materiali espositivi dei centri visitatori Il sasso nello stagno e Uomini di Valle Imperina, compatibilmente con le risorse di cassa disponibili. Nel 2007 si prevede l allestimento di specifici pannelli informativi ed evocativi presso due bar bianco di Lattebusche. Festa d estate al Parco Nel 2006 è stata realizzata la seconda edizione della festa d estate che si è svolta in tre diverse sedi (Pramper di Forno di Zoldo, Villa Binotto a Feltre, Orsera in Val di Canzoi di Cesiomaggiore), per ampliare il numero dei potenziali utenti e per avvicinare la manifestazione agli altri Comuni del Parco. La partecipazione del pubblico e degli operatori economici è stata sempre assai numerosa, nonostante il maltempo (oltre persone). Anche quest anno l iniziativa ha visto la partecipazione di sponsor privati, che hanno permesso di ridurre drasticamente i costi organizzativi a carico dell Ente. Per il 2007, considerato il successo della manifestazione, si prevede di ripetere l evento nei giorni agosto in raccordo con la 9^ edizione della Dolomiti Park Road. Calendario Grazie alla generosa disponibilità di Ottorino Mazzucco, che ha messo gratuitamente a disposizione del Parco le proprie foto, è stato realizzato un calendario naturalistico del Parco per il 2007 dedicato all avifauna dell area protetta. Il calendario è stato realizzato in occasione della festa d estate, garantendo così anche un discreto risultato in termini di vendite. 19

20 Fiere L Ente ha curato l iter organizzativo per l iscrizione e la partecipazione alle fiere, mentre la gestione del lavoro di allestimento e di sorveglianza degli stand è stato affidato alla Cooperativ a Un mondo di idee di Pedavena. Le 15 fiere nelle quali il Parco è stato presente sono riassunte nella seguente tabella. Tutta l iniziativa è ricompresa nel Leader + Sviluppo di una rete ricettiva sostenibile nelle aree protette nazionali. Fiere nazionali PARK LIFE ROMA 30 marzo - 2 aprile PRIMA COTTA BIRRA PEDAVENA 11 giugno S.ANTONIO RIVAMONTE 13 giugno MOSTRA ARTIG.TO FELTRE 29 giugno - 2 luglio PARCHI IN PIAZZA BIBIONE luglio CALALZO NATURA CALALZO 20 agosto FESTA PATATA CESIOMAGGIORE 27 agosto FESTA MONTAGNA LONGARONE 2-3 settembre SANA BOLOGNA 7-10 settembre IL FAGIOLO LAMON settembre MEDITERRE BARI 27 sett. - 1 ottobre MOSTRA MERCATO SEDICO 30 sett. - 1 ottobre MELA PRUSSIANA SOVRAMONTE 22 ottobre SAN MATTEO FELTRE 5 novembre SAN MARTINO BELLUNO 12 novembre Per garantire migliore visibilità alle attività promozionali del Parco, è stato realizzato il nuovo stand fieristico-istituzionale dell Ente per il quale, visto l elevato numero di manifestazioni, anche concomitanti, alle quali l Ente Parco è chiamato a partecipare, è in previsione un ampliamento. Sarebbe importante poter allestire un camper quale centro informazioni mobile, al fine di potenziare la capacità promozionale del Parco. Le condizioni reali del bilancio dell Ente, purtroppo, non lo consentono. Per il 2007 occorre ridurre drasticamente la presenza nelle fiere a causa dei rinnovati vincoli della Finanziaria, anche in conseguenza dell esaurirsi delle risorse disponibili sul progetto comunitario Infraterritoriale. Si prevede quindi di non partecipare alle fiere locali, cui partecipano già i singoli operatori del circuito Carta Qualità, bensì di privilegiare alcuni grandi momenti di promozione nazionale, in modo da garantire ulteriore richiamo pubblicitario per tutte le Dolomiti Bellunesi. 20

21 ANNO 2007 MEDITERRE BARI Data da destinarsi 4 giorni PARK LIFE ROMA dal 30 marzo al 2 aprile 4 giorni TERRA FUTURA FIRENZE dal 18 al 20 maggio 3 giorni MONDO NATURA RIMINI dal 9 al 17 settembre 9 giorni Merchandising Nel 2006 è stato realizzato un apposito accordo di vendita dei materiali del Parco sul sito di Federparchi. Non è stato possibile ampliare l offerta di prodotti istituzionali in vendita a causa del blocco della cassa dell Ente. Nel 2007 si prevede la produzione di molti materiali promozionali, adatti a diversi target, e la redazione di un accordo di esternalizzazione delle attività di vendita in esercizi commerciali. Nel 2006 è stato completata la ricognizione dei crediti ed il recupero di quanto dovuto, anche da diverso tempo, da alcuni esercizi commerciali. Nel 2007, per il tramite dell esternalizzazione di tali attività di merchandising, si predisporranno le condizioni di maggiore efficienza e funzionalità di queste importanti attività promozionali. Carta Qualità Nel corso del 2006 il numero di aziende aderenti è ulteriormente aumentato, raggiungendo i 172 aderenti. Tra questi, di assoluto rilievo è l ingresso della Coop. Lattebusche, la più grande azienda lattiero-casearia del Triveneto. Un lungo lavoro ha portato, infatti, l ingresso di una caciotta di capra stagionata certificata biologica ed un formaggio vaccino stagionato (tipo Piave ) denominato Dolomiti rispondente ai più alti criteri di qualità (privo di additivi e conservanti, proveniente da latte di alta qualità dei 15 comuni del Parco). In collaborazione con la Lattebusche, a Natale 2006 faremo gli auguri a tutti i consumatori sulla busta del latte bellunese. Nel 2006 sono state pubblicate le prime due edizioni dell opuscolo Sapori del Parco. La prima tiratura, di copie è andata esaurita in breve tempo. Nella seconda, pubblicata in copie, oltre ai produttori agroalimentari, alle strutture ricettive turistiche e ai ristoranti che offrono il menù del Parco, sono stati inseriti anche gli esercizi commerciali e i prodotti artigianali. Il depliant è scaricabile anche dal sito web del Parco. 21

22 Nel corso dell anno si è provveduto, inoltre, alla revisione dei disciplinari per la concessione dell uso del marchio del Parco. La nuova struttura è articolata in tre livelli e prevede, per il livello più alto, una certificazione di parte terza. La revisione dei disciplinari è nata dall esigenza di assicurare maggiore trasparenza al consumatore nonché per rispondere alle richieste degli enti di certificazione incaricati di verificare la rispondenza dell Ente Parco alle norme ISO 9001 e Nel corso dell anno si è inoltre proceduto al costante aggiornamento del nuovo portale internet, inserendo nei database tutte le informazioni sulle aziende aderenti al circuito. ANDAMENTO AZIENDE CARTA QUALITA' NUMERO ADERENTI anno 2003 anno 2004 anno 2005 anno 2006 ANNO Obiettivo del 2007 sarà la realizzazione di una birra del Parco (con orzo tipico certificato) con la rinnovata gestione della Birreria Pedavena. Per il 2007 c è la necessità di migliorare l attuale sistema dei controlli, che attualmente risulta essere, anche alla luce delle verifiche ispettive di parte terza ricevute dall Ente, l aspetto più delicato e perfezionabile dell intero sistema. E anche auspicabile un miglioramento dell immagine coordinata del circuito, attraverso sistemi di packaging uniformi e la realizzazione di espositori dedicati. Si tratta di attività già previste, e in parte anche già ideate da tempo, ma non ancora realizzate per mancanza di risorse finanziarie. L elenco completo degli aderenti a Carta Qualità è visualizzato in due carte d insieme (formato OCAD), una per i prodotti e una per i servizi. Le mappe, realizzate in occasione della Festa d Estate al Parco, sono esposte nel giardino della sede dell Ente. Nel corso del 2006 gli Uffici hanno coadiuvato i gestori dei B&B a realizzare un modello tipo di segnaletica stradale e a predisporne le richieste autorizzative ai Comuni di competenza. 22

23 Sviluppo di una rete ricettiva sostenibile nelle aree naturali protette del territorio nazionale Il progetto è finanziato dal programma Leader +. Molte delle azioni previste dal progetto si sono concluse. Sono stati elaborati i nuovi disciplinari di Carta Qualità ed è proseguita l attività di Osservatorio della ricettività sostenibile; si è concluso l aggiornamento del sito internet dell Ente Parco ed è stata realizzata in due edizioni una specifica pubblicazione che riassume le aziende di Carta Qualità. In tale contesto è proseguito il progetto Un sms al Parco con il portale che ha ottenuto significativi ed apprezzabili risultati. Su indicazione del GAL Prealpi e Dolomiti la scadenza del progetto è stata prorogata al 30 settembre Progetto LIFE Ambiente AGEMAS Il progetto, che si concluderà nel marzo del 2007 è proseguito senza rallentamenti nel corso dell anno. Le visite ispettive condotte per conto della Commissione Europea hanno evidenziato un buon andamento nell esecuzione dei compiti assegnati. Il gruppo di lavoro ed il Comitato promotore hanno predisposto o hanno assegnato specifici incarichi per la redazione dei documenti previsti dal progetto. In particolare è stata completata l analisi ambientale iniziale sia dell area vasta sia dei cinque Comuni inseriti nel progetto; è stato definito il programma di miglioramento ambientale e si è conclusa l implementazione dei sistemi di gestione ambientale interni ai Comuni. E stato, inoltre, assegnato l incarico per le visite ispettive di audit per l ottenimento della certificazione EMAS. Si è concluso l incarico per la definizione delle linee guida e dei disciplinari per l assegnazione ai soggetti d impresa del settore della ricettività della certificazione Ecolabel. Sono stati spediti alla Commissione Europea tutti i report periodici previsti dalle disposizioni comunitarie. Attività escursionistica e campi estivi A causa del blocco della cassa non è stato possibile cofinanziare, come negli anni scorsi, le attività escursionistiche e i campi estivi realizzati dal Parco in collaborazione con la Cooperativa Mazarol. Per il 2007 è necessario definire le strategie generali dell Ente in merito a queste attività, soprattutto per quanto riguarda i campi estivi, tenendo in considerazione che, a differenza degli anni scorsi, sarà disponibile la struttura della foresteria del Frassen, concepita e realizzata proprio a supporto di attività residenziali estive. 23

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Workshop AIDAP: Classificare per Innovare la Gestione delle Aree Protette Torino 19 Maggio 2008 Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Andare oltre i confini L esperienza del Parco

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Titolo dello studio: Atti del Convegno-Seravella 2.3.2001 sulla biodiversità coltivata Titolo dello studio: Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua nel territorio

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 115 DEL GIORNO 29 APRILE 2009 PUBBLICATA ALL ALBO DELL ENTE PARCO DAL AL L addetto di Segreteria OGGETTO: REVISIONE E COMPLETAMENTO DEL PIANO DI GESTIONE DELLA ZONA DI PROTEZIONE

Dettagli

PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007

PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007 Parco PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007 PREMESSA Nel corso del 2006 il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi si è attivato svolgendo un intensa azione di comunicazione e sensibilizzazione dell opinione pubblica

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO P R O V I N C I A D I R O V I G O C.F. 82000570299 P.I. 00194640298 - Via Roma, 75 - CAP 45020 - Tel. 0425 669030 / 669337 / 648085 Fax 0425650315 info-comunevillanova@legalmail.it

Dettagli

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE D INTERVENTO PER LA CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO MARSICANO Riduzione degli impatti legati alle attività antropiche (rif. azioni A1, A3, A4 e A5 del PATOM)

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 Adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 14 in data 09 maggio 2011 1 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA?

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 Richiesta di consulenza da parte delle aziende

Dettagli

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Integrazione di Agenda 21 ed EMAS in un ambito rurale e naturalistico

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

Manifestazione d interesse Progetti Chiave

Manifestazione d interesse Progetti Chiave PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE (PSL) 2014-2020 Manifestazione d interesse Progetti Chiave (Scheda SOLO per PRIVATI) Adesione ai Progetti Chiave nell ambito del Programma di Sviluppo Locale Leader 2014-2020

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI

PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, art. 10 PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI pag. 1 PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 Premessa: il presente Piano della Performance

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: "MANTENIMENTO E SVILUPPO DELL ATTIVITA DEL LABORATORIO TERRITORIALE PROVINCIALE NODO IN.F.E.

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: MANTENIMENTO E SVILUPPO DELL ATTIVITA DEL LABORATORIO TERRITORIALE PROVINCIALE NODO IN.F.E. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: "MANTENIMENTO E SVILUPPO DELL ATTIVITA DEL LABORATORIO TERRITORIALE PROVINCIALE NODO IN.F.E.A. DELLA PROVINCIA DI ROVIGO E IL POTENZIAMENTO DELLA

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

IL CIPE. VISTO il decreto legislativo 20 agosto 2002 n. 190, attuativo dell art. 1 della menzionata legge n. 443/2001;

IL CIPE. VISTO il decreto legislativo 20 agosto 2002 n. 190, attuativo dell art. 1 della menzionata legge n. 443/2001; LEGGE N. 443/2001 PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE SCHEMI IDRICI REGIONE BASILICATA - OPERE PER L INTEGRAZIONE DELLE CONDOTTE MAESTRE, DELLE DIRAMAZIONI, DEI SERBATOI E DEL COMPLETAMENTO DELLE RETI

Dettagli

Carta dei Servizi Servizio Marketing e Turismo

Carta dei Servizi Servizio Marketing e Turismo Promozione Carta dei Servizi Servizio Marketing e Turismo Concessione contributi, finanziamenti e patrocini. Contributi e patrocini possono essere concessi per interventi, opere, iniziative e attività

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2016-2018 è redatto in ottemperanza alle seguenti fonti normative: D.Lgs

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: promozione del progresso e delle

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI per la realizzazione di un programma di innovazione per il patrimonio

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

CONVENZIONE. tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT. TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo

CONVENZIONE. tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT. TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo ALLEGATO A CONVENZIONE tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo dei Centri di Assistenza Tecnica e iniziative per l ammodernamento

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Decreto 16 marzo 2001. Programma Tetti fotovoltaici. (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001)

Decreto 16 marzo 2001. Programma Tetti fotovoltaici. (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001) Decreto 16 marzo 2001 Programma Tetti fotovoltaici (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001) Vista la delibera del CIPE del 19 novembre 1998 "Linee guida per le politiche e misure nazionali di riduzione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/16 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/16 DEL 23.12.2014 Oggetto: D.Lgs. 14.8.2012, n. 150 e decreto interministeriale 22 gennaio 2014. Piano d'azione nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Direttive per l'attuazione nella Regione Sardegna

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente:

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente: CURRICULUM VITAE dati anagrafici: Giuseppe DAIDONE nato a NOTO (SR) il 28 ottobre 1962 residente a AUGUSTA, in via Siracusa, 14 mail: g.daidone@plemmirio.it cell.: 3357702907 studi: - ha conseguito la

Dettagli

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE*

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* Ottobre 2005 Comunicato n. 110/2005 Decreto MIUR 29 settembre 2005 Proroga dei termini per la presentazione della documentazione relativa agli interventi

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (periodo di riferimento: 2013/2015; allegato alla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 7/2013) 1. Introduzione: organizzazioni e funzioni

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

LA/IL TECNICO FAUNISTICO

LA/IL TECNICO FAUNISTICO LA/IL TECNICO FAUNISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?... 7 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti lavorativi...

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017 integra e aggiorna il precedente Programma Triennale 2014-2016

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO ALL. A REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO Criteri e modalità per la presentazione e verifica di ammissibilità

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 INDICE 1. PREMESSA 2. STRUMENTI 3. INDIVIDUAZIONE DATI DA PUBBLICARE 4. INDIVIDUAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI (Approvato dal Consiglio di indirizzo in data 16/2/2009) ART. 1 (oggetto) 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell art.2, comma 4, e dell art.17,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA AGGIORNAMENTO 2013 DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2011-2013 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA AGGIORNAMENTO 2013 DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2011-2013 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA AGGIORNAMENTO 2013 DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2011-2013 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 8 del30/01/2013

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA 34 REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 15/I93197/2003 P.G. NELLA SEDUTA DEL 02/02/2004 Art. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata La Regione, in coerenza con quanto previsto dalla programmazione sanitaria nazionale e regionale, allo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MUSEI STORICI DELL INAF

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MUSEI STORICI DELL INAF DIPARTIMENTO STRUTTURE SERVIZIO MUSEI LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MUSEI STORICI DELL INAF Ai sensi del D.L. 138/2003 Riordino dell'istituto Nazionale di Astrofisica (art. 3, comma 1, lettera i) e del

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279. Istituzione della rete dei musei nazionali di scienza e tecnica (REMUNAST)

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279. Istituzione della rete dei musei nazionali di scienza e tecnica (REMUNAST) Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa delle senatrici CARLONI e CHIAROMONTE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Istituzione della rete dei musei nazionali

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO copia Deliberazione N. 079 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' DEL COMUNE

Dettagli

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 L emanazione del Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 Riordino della disciplina

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE INTERNAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Decreto Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario N 11 Del A.G.C. Settore Servizio 12/03/2013 11 0 0 Oggetto: PSR Campania 2007/2013 - Progetti Integrati Rurali per le

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

COMUNE DI BRISIGHELLA PROVINCIA DI RAVENNA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

COMUNE DI BRISIGHELLA PROVINCIA DI RAVENNA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 COMUNE DI BRISIGHELLA PROVINCIA DI RAVENNA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 16 del 08.02.2013 1 Art. 1 Contenuti e finalità Il programma

Dettagli

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre.

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Servizio Mostre Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Coadiuva il Responsabile nel rendere attuativi e operativi i progetti messi a punto

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009 newsletter N 2 - Dicembre 2009 Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno Come ogni anno, nel mese di dicembre, ha luogo a Roma la Cerimonia di Premiazione dei progetti vincitori del Label

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni e MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato Ispettorato generale

Dettagli

PIANO FAUNISTICO VENATORIO PROVINCIALE 2009 2013

PIANO FAUNISTICO VENATORIO PROVINCIALE 2009 2013 PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO CACCIA E PESCA... PIANO FAUNISTICO VENATORIO PROVINCIALE 2009 2013 PARTE QUARTA : FAUNISTICA (Art. 25, comma 2, R.R. del 04/08/2008 n. 3 e ss.mm.ii.) Arch. Anna Aiello, Dott.

Dettagli

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROPONENTE UNICO: PROVINCIA DI BERGAMO ANNO 2009 Indice: Introduzione: scopo e contenuto del progetto... 2 Progetto Tecnico... 2 1. Modalità di realizzazione

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Bando l assegnazione di contributi da destinare ad interventi di digitalizzazione e valorizzazione delle testate giornalistiche

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

2.1.8 Legalità e sicurezza

2.1.8 Legalità e sicurezza 2.1.8 Legalità e sicurezza Legalità e sicurezza Le attività finalizzate a garantire la sicurezza urbana e la civile convivenza tra i cittadini sono svolte da: Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale al

Dettagli

Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007

Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007 Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007 REGOLAMENTO CENTRO ON LINE STORIA E CULTURA DELL INDUSTRIA: IL NORD OVEST DAL 1850 ARTICOLO 1 Obiettivi e finalità

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data 29.01.2015 con Deliberazione di Consiglio Direttivo n.03 Pubblicato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

La Regione Toscana, con sede in, codice fiscale rappresentata da in qualità di ;

La Regione Toscana, con sede in, codice fiscale rappresentata da in qualità di ; Allegato A ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA REGIONE TOSCANA E ISTITUTO TECNICO STATALE TULLIO BUZZI per il supporto e lo sviluppo di progetti nell ambito del sostegno locale del distretto pratese. La Regione

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017 Redatto ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L. 24 giugno 2014, n. 90. I. QUADRO NORMATIVO Il Decreto Legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito in legge

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92)

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) (sostituito dal Regolamento 1980/2000) Art. 1.1 Il marchio ha l obiettivo di promuovere prodotti

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 62/ 4 DEL 14.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 62/ 4 DEL 14.11.2008 DELIBERAZIONE N. 62/ 4 Oggetto: Legge regionale n. 4/2006 - Agenzia Sardegna Promozione Ricognizione delle competenze, funzioni e risorse. Direttive per il loro trasferimento Il Presidente della Regione,

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli