FINANZIARIA 2000/2001 Novità introdotte alla Camera /il testo è ora al Senato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FINANZIARIA 2000/2001 Novità introdotte alla Camera /il testo è ora al Senato"

Transcript

1 FUNZIONE PUBBLICA NUORO C.G.I.L. FEDERAZIONE PROVINCIALE CGIL FUNZIONE PUBBLICA DI NUORO Viia Oggiiano Nuoro -- Tell /37639 Fax 0784/35853 Cellllullare N / FINANZIARIA 2000/2001 Novità introdotte alla Camera /il testo è ora al Senato Disegno di legge finanziaria 2001 con provvedimenti che entreranno in vigore dopo l approvazione del Parlamento Decreto legge già in vigore in materia di sgravi fiscali: decreto legge n. 268 del Gazz. Uff. n. 230 del (in Parlamento, da trasformare in legge definitiva entro 60 giorni) IL RISPARMIO FISCALE DA QUEST ANNO già in vigore con decreto legge aumento delle detrazioni di imposta per spese di produzione del reddito aliquota Irpef dal 25,5% al 18,5% sulla fascia di reddito tra 15 e 20 milioni esenzione Irpef sul valore catastale della prima casa di abitazione bonus di lire con la tredicesima per i pensionati a più basso reddito pag.2/3/4/5 IL RISPARMIO FISCALE DAL 2001 in vigore dopo l approvazione della legge finanziaria (ora al Senato) riduzione aliquote Irpef per gli anni 2001/2002/2003 aumento detrazioni per familiari a carico detrazioni fiscali in caso di affitto convenzionato detrazione 36% per ristrutturazione casa di proprietà pag. 5/6 PENSIONI E SICUREZZA SOCIALE aumento maggiorazione sociale pensionati al minimo, pensioni sociali bonus di lire con la tredicesima dal 2001 per pensionati a più basso reddito adeguamento delle pensioni all inflazione nuove norme cumulo pensione/lavoro; se non si va in pensione. pag.7/8 aumenta l assegno alle neo mamme prive di copertura previdenziale congedo retribuito ai genitori di disabile grave

2 via i tickets sulle ricette e per prestazioni di prevenzione tumori pag. 9/10 LAVORO SVILUPPO OCCUPAZIONE per l emersione del sommerso, contrasto lavoro irregolare agevolazioni fiscali per incentivare l occupazione a tempo indeterminato pag.10/11 RISPARMIO FISCALE DA QUEST ANNO DECRETO LEGGE GIA IN VIGORE CONVERTITO IN LEGGE CON MODIFICHE 1. RISPARMIO FISCALE DAL 2000 / RETRIBUZIONI E PENSIONI IL MECCANISMO a) viene elevata da a lire la prima e più elevata detrazione di imposta sui redditi da retribuzione e pensione, spostando l esenzione da 9 a 12 milioni/anno ( X 18,5% = ) b) vengono aumentate le detrazioni di imposta tra 12 e 20 milioni c) viene ridotta da 25,5% a 18,5% l aliquota tra 15 e 20 milioni FINO A 12 MILIONI di reddito/anno: aumento detrazioni di imposta/ redditi esenti Per i lavoratori (soprattutto part time, lavoro a tempo determinato inferiore all anno, rapporti di collaborazione coordinata) e pensionati a basso reddito, l aumento delle detrazioni porta l esenzione fiscale Irpef da 9 a 12 milioni / anno Considerando lo 0,5% di Irpef regionale l esenzione arriva a circa /anno -considerando lo 0,9% di Irpef regionale l esenzione arriva a circa /anno (vedi più avanti NOTA sull addizionale regionale Irpef) Lavoratori dipendenti: effetto aumento detrazioni di imposta reddito imposta ante finanziaria 19% (*) imposta post finanziaria 19% (*) risparmio fiscale = = = (**) = (**) = = (*) compresa addizionale regionale 0,5% (**) per i redditi di lavoro a tempo determinato inferiore all anno, rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, assegni periodici per separazione o scioglimento del matrimonio, l imposta è già azzerata per effetto di particolari preesistenti detrazioni Pensionati con meno di 75 anni: effetto aumento detrazioni di imposta reddito imposta ante finanziaria 19% (*) imposta post finanziaria 19% (*) risparmio fiscale = = = = = = = = =

3 Pensionati con più di 75 anni: effetto aumento detrazioni di imposta reddito imposta ante finanziaria 19% (*) imposta post finanziaria 19% (*) risparmio fiscale = = = = = = = = = = = = = (*) compresa addizionale regionale 0,5% novità introdotta dal Governo in sede di conversione del decreto legge./.. PENSIONATI AL MINIMO che non fruiscono dello sgravio fiscale di quest anno per il basso livello di reddito lire corrisposte dall INPS con la tredicesima mensilità al pensionato con il solo reddito da pensione ( lire mensili circa 9,4 milioni/anno al netto di eventuali assegni per il nucleo familiare); per chi supera il minimo di pensione di non più di lire l importo corrisposto è proporzionalmente ridotto fino alla concorrenza di questo limite. L importo corrisposto non è soggetto a trattenute fiscali e non è considerato reddito per la corresponsione di prestazioni previdenziali o assistenziali DA 12 A 15 MILIONI di reddito/anno: effetto aumento detrazioni di imposta reddito annuo vecchie detrazioni nuove detrazioni risparmio fiscale fino a NB. I redditi più bassi sui quali non si versa l Irpef o anche i redditi meno bassi che versano l Irpef ma hanno altre detrazioni di imposta (es. più familiari a carico) non fruiscono o fruiscono solo in parte dello sgravio fiscale (in questo caso per i pensionati si interviene come sopra indicato) DA 15 A 20 MILIONI di reddito/anno effetto aumento detrazioni di imposta e riduzione aliquota Irpef dal 26% al 19% tra 15 e 20 milioni reddito annuo vecchie detrazioni e aliq. 26% (*) nuove detrazioni e aliq. 19% (*) risparmio fiscale fino a su aliquota 26% lire lire aliquota 19% lire su aliquota 26% lire lire aliquota 19% lire su aliquota 26% lire lire aliquota 19% lire su aliquota 26% lire lire aliquota 19% lire su aliquota 26% lire lire aliquota 19% lire su aliquota 26% lire lire aliquota 19% lire su aliquota 26% lire lire aliquota 19% lire = su aliquota 26% lire lire aliquota 19% lire

4 da in avanti sono confermate le detrazioni di imposta in vigore prima del decreto legge Finanziaria 2000/2001 (*) compresa addizionale regionale 0,5% NB. Nel valutare il risparmio di imposta dei pensionati occorre tener conto che fruiscono già di ulteriori detrazioni : pensionati con meno di 75 anni lire fino a ; pensionati con più di 75 anni fino a fino a fino a OLTRE 20 MILIONI di reddito/anno - detrazioni di imposta invariate e riduzione aliquota dal 25,5% al 18,5% sulla fascia di reddito tra 15 e 20 milioni di risparmio fiscale la riduzione di sette punti della aliquota sulla fascia di reddito da 15 a 20 milioni/anno determina un risparmio fiscale di lire per milione, lire su cinque milioni lire DAL 2000 GLI SCAGLIONI DI REDDITO SONO DUNQUE COSI MODIFICATI vecchi scaglioni nuovi aliquote Fino a 15 milioni fino a 20 milioni 18,5% da 15 a 30 milioni da 20 a 30 milioni 25,5% da 30 a 60 milioni da 30 a 60 milioni 33,5% da 60 a 135milioni da 60 a 135 milioni 39,5% oltre 135 milioni oltre 135 milioni 45,5% PRO MEMORIA SULLA ADDIZIONALE REGIONALE IRPEF Nel 1998 l addizionale Irpef pari allo 0,5% è stata versata con il conguaglio fiscale di fine anno. Nel corso del 1999 l addizionale Irpef pari allo 0,5% non è stata versata e solo visualizzata in busta paga a fine anno Nel corso del 2000 è effettuata la trattenuta con rate mensili della addizionale Irpef 1999 pari allo 0,5% (anche se nel frattempo, dall , l aliquota è passata allo 0,9%) Nel corso del 2001 verrà pagata l addizionale regionale Irpef 2000 (0,9%) ma l aumento sarà assorbito per i redditi fino a 20 milioni e più che compensato per i redditi superiori per effetto della riduzione delle aliquote Irpef.(vedi più avanti nuove aliquote Irpef dal 2001) il risparmio fiscale 2000 A NOVEMBRE IN BUSTA PAGA Il primo dicembre per le pensioni IL RISPARMIO FISCALE FINO A LIRE Le somme relative al risparmio fiscale 2000 sono corrisposte dai datori di lavoro a novembre, con la rata del primo dicembre dagli enti previdenziali. Il decreto legge ha previsto quanto sopra perché il conguaglio fiscale di fine anno può essere eseguito in tempi diversi (per pensionati e dipendenti pubblici avviene normalmente entro i primi due mesi dell anno successivo). E stato così deciso di attribuire comunque a fine novembre un importo pari a quanto trattenuto in più se si tratta di importo inferiore a , un acconto pari lire se di importo pari o superiore a tale cifra, con conguaglio a fine anno../.. 4

5 2. RISPARMIO FISCALE DAL 2000 PRIMA CASA DI ABITAZIONE A partire dal reddito di quest anno, per la dichiarazione dei redditi (730 o 740) del prossimo anno, il valore della prima casa di abitazione è detratto per l intero importo dall imponibile fiscale. vecchio limite di esenzione nuovo limite di esenzione a) in generale: del valore imponibile esenzione totale b) per ogni unità immobiliare di cooperative esenzione totale edilizie a proprietà indivisa: NB. L esenzione riguarda l Irpef; resta in vigore l ICI che è una imposta comunale ACCONTO DI IMPOSTA IRPEF per l anno 2000 (redditi 1999): la percentuale dell acconto scende da 92% a 87% (per i modelli 730 provvederanno datori i di lavoro o enti, compito che spetta invece agli interessati nel caso di modello UNICO 2000 ex 740) RISPARMIO FISCALE A PARTIRE DAL 2001 Legge finanziaria 2001 discussa e approvata con modifiche alla Camera, ora al Senato Dal 2001, alle misure di risparmio fiscale di quest anno, indicate nelle pagine precedenti, si aggiungono le riduzioni fiscali per effetto di: variazioni di aliquota (previste per il ), aumento della detrazioni per familiari a carico, aumento delle detrazioni per chi è in affitto concordato e non supera determinati livelli di reddito, proroga del 36% di detrazione di imposta per spese di ristrutturazione e/o manutenzione straordinaria della casa di proprietà, con l inclusione di nuove tipologie di lavori. RIDUZIONE ALIQUOTE IRPEF reddito aliquote aliquote aliquote aliquote 2000 (*) fino a 20 milioni 18,5% 18% 18% 18% ,5% 24% 23% 22% ,5% 32% 32% 32% ,5% 39% 38,5% 38% oltre ,5% 45% 44,5% 44% - (*) per l addizionale regionale vedi nota già riportata ESEMPI DI RISPARMIO FISCALE 2001 PER VARIAZIONE ALIQUOTE IRPEF reddito imposta: prima della finanziaria dopo la finanziaria risparmio fiscale calcolo su persona senza detrazioni di imposta per carichi di famiglia - per il figlio o altro familiare a carico il risparmio di imposta post finanziaria aumenta di lire - dal secondo figlio a carico va considerato un ulteriore aumento di lire

6 AUMENTO DETRAZIONI FAMILIARI A CARICO a) per il figlio o altro familiare a carico da a nel 2002 b) se il figlio ha meno di tre anni da a nel 2002 L aumento è condizionato al fatto che il reddito complessivo non superi i 100 milioni/anno - a partire dal secondo figlio maggiorazione degli importi di cui sopra di lire Resta in vigore nelle seguenti misure: - coniuge a carico - reddito fino a reddito fino a reddito fino a reddito oltre le detrazioni per altro familiare a carico non spettano se questi non risiede con il richiedente - il limite di reddito per la vivenza a carico è pari a di lire /anno AFFITTI CONCORDATI Detrazione di imposta annua - con reddito familiare fino a 30 milioni/anno con reddito familiare tra 30 e 60 milioni/anno VECCHIE NORME - con reddito familiare fino a 30 milioni/anno con reddito familiare tra 30 e 60 milioni/anno NB. L affitto concordato non è ovviamente il vecchio equo canone che non c è più, ma l affitto con contratto stipulato sulla base di accordi tra associazioni degli inquilini e associazioni della proprietà edilizia (i modelli tipo si trovano presso i comuni) 36% PER SPESE RISTRUTTURAZIONE CASA DI PROPRIETA Ristrutturazioni, manutenzione straordinaria, messa norma impianti, sicurezza stabili Proroga al 2001 della detrazione di imposta pari al 36% delle spese sostenute e documentate per interventi di ristrutturazione, manutenzione straordinaria, messa a norma impianti, sicurezza degli stabili (compresi garage) Proroga al 2001 della riduzione dell IVA: a) in edilizia per lavori su fabbricati a prevalente uso abitativo è stata ridotta dal 20% al 10% b) per prestazioni di assistenza domiciliare a soggetti svantaggiati E stata ampliata la fascia dei lavori le cui spese sono detraibili comprendendo, ad esempio, quelli necessari per la mobilità interna ed esterna di portatori di handicap, porte blindate e sistemi antifurto, strumenti e sistemi anti infortuni 6

7 PREVIDENZA E SICUREZZA SOCIALE Legge finanziaria 2001 discussa e approvata con modifiche alla Camera, ora al Senato PENSIONI Per il 2000 quanto già indicato all inizio illustrando il decreto legge già in vigore: il bonus di lire per le pensioni più basse, per le altre pensioni il risparmio fiscale determinato dall aumento delle detrazioni per spese di produzione del reddito e dalla riduzione della aliquota dal 25,5% al 18,5% sulla fascia tra 15 e 20 milioni (come per i lavoratori dipendenti). Dal 2001 continua, ovviamente, il risparmio fiscale avviato nel 2000 e il risparmio aggiuntivo determinato dalle nuove aliquote Irpef decorrenti dal 2001 II bonus sulla tredicesima passa da a lire, riferito a pensionati con il solo reddito da pensione o anche pensionati con altri redditi oltre alla pensione, purchè il reddito complessivo individuale non superi una volta e mezzo il minimo (circa 14,4 milione/anno); se coniugato purchè, fermo restando il limite individuale, il reddito totale cumulato con il coniuge non superi tre volte il minimo (circa 28,8 milioni/anno) Dal 2001 AUMENTO MAGGIORAZIONE SOCIALE PENSIONATI AL MINIMO pensionati a basso reddito con maggiorazione sociale a) pensionati con 75 o più anni: aumento della maggiorazione sociale da a , mensili (per 13 mensilità /anno) b) pensionati da 65 a 74 anni: aumento della maggiorazione sociale da a , lire mensili (per 13 mensilità /anno) c) pensionati da 60 a 64 anni : aumento della maggiorazione sociale da a mensili lire mensili (per 13 mensilità /anno) NB: va precisato che la maggiorazione sociale spetta a quei pensionati al minimo che hanno il solo reddito da pensione con l aggiunta, se coniugati, di un ulteriore reddito del coniuge non superiore, per quest anno, a circa /anno../.. ADEGUAMENTO DELLE PENSIONI ALL INFLAZIONE Dall l indice di rivalutazione automatica delle pensioni al costo/vita sarà applicato: a) nella misura del 100% per le fasce di importo delle pensioni fino a tre volte il trattamento minimo (per il 2000: mensili) vecchie norme. 100% fino a due volte il minimo ( 1,4 milioni/mese) b) nella misura del 90% per le fasce di importo delle pensioni tra tre e cinque volte il trattamento minimo (per il 2000: tra e mensili) vecchie norme: 0,90% tra due e tre volte il minimo ( tra 1,4 e 2,16 milioni/mese) 0,75% tra tre e cinque volte il minimo (tra 2,16 e 3,6 milioni/mese) c) nella misura del 75%per le fasce di importo delle pensioni superiori a cinque volte il trattamento minimo (per il 2000: oltre mensili) vecchie norme: 0,30% tra tre e cinque volte il minimo (tra 3,6 e 5,76 milioni/mese) nessun adeguamento oltre cinque volte il minimo (5,76 milioni/mese) 7

8 CUMULO PENSIONE/LAVORO Dall a) le pensioni di vecchiaia o di anzianità con 40 anni di contributi sono interamente cumulabili con i redditi da lavoro autonomo e dipendente, anche se liquidate prima della finanziaria 2001 b) per le altre pensioni viene alleggerito il divieto di cumulo tra pensione e altro lavoro autonomo; la quota di decurtazione della parte di pensione eccedente il minimo scende dal 50% al 30% e comunque in misura non superiore al 30% del reddito complessivo ( per le pensioni liquidate prima dell può restare, se più favorevole, la vecchia normativa) SE NON SI VA IN PENSIONE Dall chi, nel settore privato, ha maturato il diritto a pensione di anzianità, può continuare a lavorare senza versare i contributi; non avrà cioè la trattenuta per contributi, con un conseguente pari aumento della retribuzione (8-9% circa). La condizione è che lavoratore e datore di lavoro stipulino un contratto a tempo determinato di almeno due anni. Il lavoratore che fa questa scelta avrà la retribuzione maggiorata come sopra indicato; al momento del pensionamento avrà la pensione che gli sarebbe spettata alla data della stipula del contratto di prosecuzione del lavoro maggiorata dalla rivalutazione costo vita ISTAT (inflazione) Per le norme attuative sarà emanato apposito decreto ministeriale.. CUMULO REVERSIBILITA INAIL E INPS Dal luglio 2001 è abolito il divieto di cumulo tra pensione di reversibilità INPS e INAIL spettante per il decesso di lavoratore per infortunio o malattia professionale PENSIONI SOCIALI Dal 2001 a) aumento di mensili per 13 mensilità con età inferiore ai 75 anni b) aumento di lire mensili per 13 mensilità con 75 o più anni di età a condizione che il reddito sia solo da pensione con l eventuale aggiunta, nel caso di reddito cumulato con il coniuge, di un importo non superiore al minimo annuo (9,4 milioni circa) INVALIDI CIVILI, CIECHI CIVILI, SORDOMUTI Dal aumento di lire mensili per 13 mensilità a condizione che il reddito sia solo da pensione con l eventuale aggiunta, nel caso di reddito cumulato con il coniuge, di un importo non superiore al minimo annuo (9,4 milioni circa) COSTITUZIONE DI UN FONDO SPECIALE Costituzione di un Fondo alimentato dallo Stato e dal contributo di solidarietà delle pensioni più alte per garantire la continuità della copertura assicurativa ai lavoratori discontinui, stagionali, temporanei, a tempo parziale, parasubordinati 8

9 NEO MAMME SENZA COPERTURA PREVIDENZIALE L assegno per le neo - mamme non occupate che non hanno copertura previdenziale passa da a lire mensili per 5 mesi per un totale complessivo di (si ricorda che le neo mamme non occupate che però hanno almeno tre mesi di contributi nei 18 mesi precedenti la maternità hanno diritto ad un assegna di maternità di importo non inferiore a lire mensili per 5 mesi, per un totale complessivo di ) CONGEDO RETRIBUITO/ GENITORI DI DISABILI GRAVI Ad integrazione della norme sui congedi parentali si prevede la possibilità per la lavoratrice madre o, in alternativa, per il lavoratore padre di disabile grave di avere un congedo fino ad un massimo di due anni, retribuito fino ad un tetto massimo di 70 milioni/anno, compresa la contribuzione figurativa Per i sordomuti con invalidità superiore al 74% è previsto un beneficio pensionistico fino a cinque anni di contribuzione figurativa, analogo a quanto già previsto per i non vedenti E previsto un incremento di 100 miliardi del fondo per la Politiche sociali per sostenere progetti per comunità alloggio per rifugio e assistenza ai disabili gravi e gravissimi dopo la perdita dei familiari che ad essi provvedevano SANITA / FARMACI E TICHETS Viene abolita la fascia B dei farmaci (50% a carico del servizio sanitario e 50% a carico assistito) con la riclassificazione dei farmaci nella fascia A (a carico totale del servizio sanitario) Incentivi alla ricerca biomedica Dall ABOLITI I TICKETS SULLE RICETTE E SU ALCUNE IMPORTANTI PRESTAZIONI PER PREVENZIONE TUMORI Abolizione dei tickets fissi sulle ricette Aboliti i tickets su alcune prestazioni sanitarie per prevenzione tumori: a) mammografia ogni 2 anni per le donne tra i 45 e i 69 anni b) pap test ogni 3 anni per le donne tra i 25 e i 65 anni c) colonscopia ogni 5 anni per le persone con più di 45 anni Abolizione totale dei tickets, da continuare con il dimezzamento degli stessi nel 2002 per gli esami di laboratorio e diagnostici, da concludere nel REDDITO MINIMO DI INSERIMENTO Viene prolungata al 2002 ed estesa ad alcune aree oggetto di Patti territoriali la sperimentazione del reddito minimo di inserimento rivolto a combattere la povertà e l esclusione sociale. La sperimentazione è avviata dal 1998 ed ha finora coinvolto 39 comuni 9

10 LAVORO SVILUPPO OCCUPAZIONE PER L EMERSIONE DEL SOMMERSO Le imprese che accettano un programma di riallineamento retributivo per l uscita dal sommerso possono avere uno sgravio contributivo pari al 100% per il primo anno, 80% per il secondo anno, 60% per il terzo anno, 40% per il quarto anno, 20% per il quinto e ultimo anno Per i lavoratori denunciati con retribuzioni inferiori a quanto effettivamente percepito sarà possibile una regolarizzazione agevolata. Per le imprese che hanno accettato un programma di riallineamento prima di queste nuove norme, saranno applicate le nuove norme dalla data della legge, la differenza tra gli sgravi delle vecchie e nuove norme per il periodo precedente la legge. INCENTIVI ALLA MOBILITA I lavoratori che hanno spostato la loro residenza (di almeno 100 chilometri e comunque fuori dalla propria regione) nella sede di lavoro, possono beneficiare di una detrazione di imposta sulle spese di affitto pari a lire (con reddito non superiore a 30 milioni/anno) o lire (con reddito compreso tra 30 e 60 milioni/anno). Lo spostamento della residenza deve essere avvenuto nei tre anni antecedenti la richiesta della detrazione fiscale. RIDUZIONE CONTRIBUTI SOCIALI Riduzione dello 0,8% dei contributi a carico delle imprese per assegni familiari AGEVOLAZIONI FISCALI / nuove assunzioni Credito di imposta pari a lire al mese ( se in zone disagiate) per i datori di lavoro che incrementano l occupazione assumendo nel periodo compreso tra l e il lavoratori a tempo indeterminato, a tempo pieno o parziale (per part time credito di imposta proporzionalmente ridotto) Le assunzioni devono avere le seguenti caratteristiche: a) giovani età non inferiore a 18 anni (portato a 25 anni alla Camera) b) disoccupati di lungo periodo, che non abbiano svolto lavoro dipendente a tempo indeterminato da almeno due anni o siano portatori di handicap Quanto sopra a condizione che l impresa applichi i contratti collettivi di lavoro e attui le norme in materia di sicurezza. AGEVOLAZIONI FISCALI / investimenti nella ricerca Credito di imposta (75%) per maggiori investimenti industriali in ricerca e sviluppo. Forfetizzazione fiscale per i primi tre anni di vita delle nuove imprese Incremento della DIT (dual incom tax = tassa agevolata per utilizzo degli utili per capitalizzare l impresa) RIDUZIONE IRPEG / imposta sulle società applicabile sul reddito delle società di capitali e degli enti, commerciali e non commerciali: - dal 37% al 36% per il dal 36% al 35% per il 2003 Riduzione della misura degli acconti Irpeg per il 2001 dal 98% al 93% 10

11 CONTRASTO LAVORO IRREGOLARE Per contrastare il lavoro irregolare verrà rivisto il sistema sanzionatorio in materia di contributi previdenziali, creando condizioni più favorevoli per regolare le pendenze contributive e favorire l emersione PACCHETTO ENERGIA per attenuare l impatto del caro/petrolio a) i prodotti per autotrazione continueranno ad avere uno sconto fiscale fino al di lire 50 b) i prodotti per riscaldamento avranno uno sconto di 100 lire (gasolio e Gpl) e 34 lire al metro cubo (metano) fino al c) nelle zone montane, gasolio e g.p.l., oltre alle 100 lire valide su tutto il territorio nazionale l attuale sconto aumenterà fino a 250 lire al litro di gasolio e 308 lire al Kg. per il g.p.l. d) ulteriore agevolazione, da definire, per i carburanti agricoli ed i prodotti ecologici (microemulsioni e biodiesel) e) il carico fiscale sull energia elettrica impiegata negli usi commerciali ed industriali viene diminuito di un valore oscillante tra le 5 e le 8 lire a kw. A seconda delle diverse categorie di utenti 11

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 LEGGE 104 CONGEDO STRAORDINARIO Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 Legge 104/92 Art. 33 Tra i quesiti che ci pervengono quotidianamente da, lavoratori, delegati sindacali, membri di Associazioni

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA'

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Le principali novità contenute nel modello 730/2015 sono le seguenti: - il CUD è stato sostituito dalla Certificazione

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2 Le pensioni nel 2013 Le pensioni da lavoro Allegato n. 2 Integrazione al minimo Le pensioni liquidate col sistema retributivo o col sistema misto, in presenza di determinate condizioni di reddito, vengono

Dettagli

La riforma delle pensioni

La riforma delle pensioni La riforma delle pensioni A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo. Il

Dettagli

Le modifiche fiscali ALIQUOTE. DEDUZIONI

Le modifiche fiscali ALIQUOTE. DEDUZIONI Meno tasse per tutti avevano promesso. Tremonti: è in credito con il fisco, ai lavoratori e pensionati benefici irrisori che saranno vanificati con l aumento delle imposte locali e ticket. Le modifiche

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

OBIETTIVI RIDUZIONE DEL DEFICIT 14.8. - 5,5 Taglio cuneo fiscale - 13.1 Interventi vari. dal 2007 dal 2006

OBIETTIVI RIDUZIONE DEL DEFICIT 14.8. - 5,5 Taglio cuneo fiscale - 13.1 Interventi vari. dal 2007 dal 2006 SCHEDA FINANZIARIA 2007 ( Prima bozza ) PORTATA DELLA MANOVRA FINANZIARIA 33,4 MILIARDI DI EURO ENTRATE ATTESE 13.0 TAGLI ALLA SPESA 20.4 Effetti revisione IRPEF 2.0 Patto di stabilità interno 4.3 Misure

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione Come leggere la Busta Paga G.I. G.I. Formazione Formazione La Busta Paga Cos è A Cosa Serve Come è Composta COS E La Busta Paga è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga.

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. Lavorofisco.it Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. La legge di Stabilità 2015 prevede, infatti, in via sperimentale

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE INTRODUZIONE...pag. 14 Lo schema del CUD 2009 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208 Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Gli interventi in materia di Lavoro nel 2015 SEMPLIFICAZIONE

Dettagli

Rinnovo 2011 - Tabelle

Rinnovo 2011 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Pensioni Rinnovo 2011 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 1,4% Limiti di reddito INVCIV totali 1,0% Indennità

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

Trattamento di Fine Rapporto

Trattamento di Fine Rapporto (aggiornamento dicembre 09) Trattamento di Fine Rapporto Edizione novembre 2010 Pagina 1 (aggiornamento novembre 2010) INDICE 1 NOZIONI GENERALI pag. 3 2 TFR E FONDI PENSIONE pag. 3 3 TRATTAMENTO FISCALE

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

Le regole per ottenere gli sconti fiscali

Le regole per ottenere gli sconti fiscali Periodico informativo n. 40/2011 Le regole per ottenere gli sconti fiscali Gentile cliente, è nostra cura metterla al corrente, con il presente documento informativo, che con Provvedimento dell Agenzia

Dettagli

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA REQUISITI DELLA BUSTA PAGA Corrispettività: deve trattarsi di importi che trovano causa diretta ed indiretta nel rapporto di lavoro; Onerosità: la prestazione di lavoro subordinato

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI C O M U N E PROVINCIA D I S E N N O R I DI SASSARI ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI ASSEGNO DI MATERNITA' ANNO 2012 L assegno è stato istituito dall art.66 della legge n.448/98 con effetto dal 01.01.1999

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2016: ISTRUZIONI PER L USO

LEGGE DI STABILITA 2016: ISTRUZIONI PER L USO 2015 Studio Pavan Daniela dottore commercialista e revisore contabile via G. Garibaldi 104/A 35043 Monselice (PD) e-mail: daniela.pavan@studiopavan.eu sito web: http:// www.studiopavan.eu tel. 0429/73659

Dettagli

LIQUIDAZIONE DEL TFR IN BUSTA PAGA

LIQUIDAZIONE DEL TFR IN BUSTA PAGA Guida alla LIQUIDAZIONE DEL TFR IN BUSTA PAGA MA COSA STA FACENDO?! NON SI PREOCCUPI E SOLO L ANTICIPO DEL TFR Con la legge di Stabilità 2014 [a] è stata istituita la possibilità per i lavoratori dipendenti

Dettagli

INDICE. Sezione Prima - INTRODUZIONE. Sezione Seconda - NOVITÀ DEL MODELLO CUD 2014

INDICE. Sezione Prima - INTRODUZIONE. Sezione Seconda - NOVITÀ DEL MODELLO CUD 2014 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE Introduzione... pag. 14 Lo schema del CUD 2014 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE SPECIALE/ottobre 2011 a cura di Antonio Marchini www.fpcgil.it Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE...1 Coefficienti di trasformazione

Dettagli

Rinnovo 2016 - Tabelle

Rinnovo 2016 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Pensioni Rinnovo 2016 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 0,0% Limiti di reddito INVCIV totali 0,0% Indennità

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

Rinnovo 2006 - Tabelle

Rinnovo 2006 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Prestazioni Rinnovo 2006 - Tabelle Decreto 18 novembre 2005 G.U. n. 278 del 29 novembre 2005 A cura della Direzione Centrale per le Pensioni

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2016 CIRCOLARE NUMERO 7 PART TIME E PREPENSIONAMENTO Premessa L art. 1 comma 284 della legge 208/2015 introduce uno strumento di flessibilità per lavoratori prossimi

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

Modello 730/2015 novità

Modello 730/2015 novità Modello 730/2015 novità Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 24/03/2015 1 Principali riferimenti normativi Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 Bonus famiglia (art. 1 del DL 29.11.2008 n. 185 convertito nella L. 28.1.2009 n. 2) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali a cura di Matteo Pulga

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

La pensione per i lavoratori in servizio al 31.12.1995

La pensione per i lavoratori in servizio al 31.12.1995 La pensione per i lavoratori in servizio al 31.12.1995 Pensione di vecchiaia La pensione di vecchiaia viene riconosciuta a condizione che ricorrono le seguenti condizioni: compimento dell età pensionabile

Dettagli

IRPEF Il calcolo dell imposta netta

IRPEF Il calcolo dell imposta netta IRPEF Il calcolo dell imposta netta Di cosa parliamo 1 Deduzioni 2 Aliquote 3 Detrazioni 4 Aliquote marginali effettive Gli oneri deducibili Le deduzioni più rilevanti presenti nella determinazione dell

Dettagli

Rinnovo 2015 - Tabelle

Rinnovo 2015 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Pensioni Rinnovo 2015 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 0,3% Limiti di reddito INVCIV totali 0,5% Indennità

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC CENTRO INFORMATIVO DICEMBRE 2006 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi Internet: http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail:

Dettagli

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista 730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO Il Quadro E del Mod. 730 deve essere utilizzato

Dettagli

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA A decorrere dal 1 gennaio 2007 le deduzioni per oneri di famiglia previste dall art. 12 del TUIR sono sostituite dalle detrazioni per carichi di famiglia (art. 1, co.

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 15 Gennaio 2007 Circolare n. 14 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

Rinnovo 2013 - Tabelle

Rinnovo 2013 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Prestazioni Rinnovo 2013 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 3,0% Limiti di reddito INVCIV totali 3,2% Indennità

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015. Parma, 22 gennaio 2015

CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015. Parma, 22 gennaio 2015 OGGETTO: Legge di stabilità Parte III CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015 Parma, 22 gennaio 2015 Si fornisce di seguito una breve scheda di sintesi delle principali novità introdotte per il 2015 dalla L n. 190

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

AUMENTO DELLE ALIQUOTE IVA

AUMENTO DELLE ALIQUOTE IVA Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

Cosa cambia per i redditi da lavoro

Cosa cambia per i redditi da lavoro Le novità della Legge di Stabilità per il 2016 Cosa cambia per i redditi da lavoro Slide a cura di Viviana Bertoldi 1 Sommario Atleti professionisti Borse di studio Premi Produttività Welfare aziendale

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA Articolo 1 Finalità. 1. Il presente Regolamento disciplina l erogazione delle prestazioni assistenziali di cui all art. 3, comma 2

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 In appendice al Convegno: Jobs Act del 4 marzo 2015 Gli incentivi alle assunzioni» INCENTIVO: Esonero Triennale

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 MEMORIE NUMERICHE 1 Redditi lavoro dipendente e assimilati (Cas. 1) 2 Assegni periodici corrisposti dal coniuge (Cas. 5) 3-18 Caselle da 11 a 26 19 Altri datori - Imponibile

Dettagli

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga * aggiornato al 20 luglio 2009 CHE COS È è un documento obbligatorio

Dettagli

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA?

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A C U R A D I F R A N C E S C O G E R I A C O N S U L E N T E D E L L A V O RO W W W. L A B O R T R E. W O R D P RE S S. C O M In queste pagine potete trovare una breve sintesi

Dettagli

VADEMECUM T.F.R. E PENSIONE COMPLEMENTARE

VADEMECUM T.F.R. E PENSIONE COMPLEMENTARE UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE C.S.P. U.I.L. BRESCIA SEGRETERIA PROVINCIALE BRESCIA 26126 BRESCIA VIA VANTINI 20 TELEFONO 030/3753032-294111 TELEFAX 030/2404889 E-MAIL cspbrescia@uil.it VADEMECUM T.F.R.

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

Per ticket si intende la quota di partecipazione al costo della prestazione sanitaria dovuta dal cittadino.

Per ticket si intende la quota di partecipazione al costo della prestazione sanitaria dovuta dal cittadino. T I C K E T Per ticket si intende la quota di partecipazione al costo della prestazione sanitaria dovuta dal cittadino. Le per le quali è dovuto il ticket, possono essere così riassunte: - specialistiche

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991)

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) CHI HA DIRITTO AD ESSERE INSERITO NELLE LISTE DI MOBILITA : 1) CON INDENNITA DI MOBILITA : a) Gli operai, impiegati e quadri dipendenti da imprese

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE a cura di Massimiliano Piras Delegato Ingegneri per il Medio Campidano Premessa Nel dicembre 2011, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia

Dettagli

10. L'irpef: aliquote e detrazioni

10. L'irpef: aliquote e detrazioni 1 di 7 21/05/2010 16.56 10. L'irpef: aliquote e detrazioni Dal 1 gennaio 2007 è in vigore un nuovo sistema di determinazione dell'irpef che, rispetto al precedente, è caratterizzato da: nuovi scaglioni

Dettagli

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati.

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati. PENSIONI In virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, i lavoratori devono essere assicurati ai fini previdenziali ed assistenziali nel Paese in cui svolgono attività lavorativa.

Dettagli

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) L organizzazione del primo pilastro Interventi legislativi: Decreto legislativo n.

Dettagli

Fondo di solidarietà per il personale del Credito

Fondo di solidarietà per il personale del Credito Fondo di solidarietà per il personale del Credito La denominazione completa e corretta del fondo è: Fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, all occupazione e alla riconversione e riqualificazione

Dettagli

Legge di stabilità 2013: le ultime modifiche apportate dal Parlamento

Legge di stabilità 2013: le ultime modifiche apportate dal Parlamento Legge di stabilità 2013: le ultime modifiche apportate dal Parlamento Le modifiche alla legge di stabilità 2013 Il parlamento Italiano è intervenuto prepotentemente sulla legge di stabilità varata dal

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

PENSIONI ED ESODI - Istruzioni per l uso PENSIONI ED ESODI: ISTRUZIONI PER L USO

PENSIONI ED ESODI - Istruzioni per l uso PENSIONI ED ESODI: ISTRUZIONI PER L USO COMITATO REGIONALE FABI EMILIA ROMAGNA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO BOLOGNA 4/7 marzo 2016 -------------------------- Relatore VINCENZO SAPORITO Coordinatore Dipartimento Welfare PENSIONI ED ESODI: ISTRUZIONI

Dettagli

Rinnovo 2014 - Tabelle

Rinnovo 2014 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Prestazioni Rinnovo 2014 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 1,2% Limiti di reddito INVCIV totali 2,0% Indennità

Dettagli

NON E MAI TROPPO TARDI

NON E MAI TROPPO TARDI 1 NON E MAI TROPPO TARDI Fabriano, 4 aprile 2013 Cari colleghi e care colleghe, questa settimana parliamo di Detrazioni Fiscali per familiari a carico. Abbiamo riscontrato che diversi colleghi non beneficiano

Dettagli

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA Francesca Gerosa Commissione Diritto Tributario Nazionale

Dettagli

Le pensioni pagano l'irpef

Le pensioni pagano l'irpef Le pensioni pagano l'irpef Le pensioni sono equiparate ai redditi da lavoro dipendente e quindi sono soggette a tassazione. L'Inps si sostituisce al fisco ed effettua sulle pensioni una ritenuta alla fonte

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE FONDO PENSIONE (iscritto al n. 1137 della Sezione Speciale I dei Fondi Preesistenti dell Albo Covip) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

Legge di Stabilità 2016: le novità in materia di lavoro Esonero contributo 2016 ed altre agevolazioni per le imprese

Legge di Stabilità 2016: le novità in materia di lavoro Esonero contributo 2016 ed altre agevolazioni per le imprese Legge di Stabilità 2016: le novità in materia di lavoro Esonero contributo 2016 ed altre agevolazioni per le imprese Enzo De Fusco Consulente del Lavoro e Membro della Fondazione studi dell'ordine Nazionale

Dettagli

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO Anno 2013 N. RF148 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO RIFERIMENTI D.LGS. 47/2000; D.LGS.

Dettagli

Il risultato della dichiarazione dei redditi

Il risultato della dichiarazione dei redditi Il risultato della dichiarazione dei redditi Capitolo 12 12.1 CONCETTI GENERALI 12.2 IRPEF : CALCOLO IMPOSTA LORDA 12.3 IRPEF : DALL IMPOSTA LORDA ALL IMPOSTA NETTA : LE DETRAZIONI 12.4 IRPEF : DALL IMPOSTA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DELL I.S.E.E.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DELL I.S.E.E. COMUNE DI SANGIANO Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DELL I.S.E.E. (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE) (Articolo

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli