Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO"

Transcript

1 risorsa economica e sociale del VCO

2 TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce caratteristiche e dinamiche del settore non profit: istituzioni e oltre volontari in Italia, con dinamiche di crescita significative. Al 31 dicembre 2013 le istituzioni non profit attive nel VCO sono 1337, 1541 le unità locali. Decisi i segnali di crescita, in linea con il resto d Italia. Tabella 1: Dati di sintesi non profit nel VCO. Dimensione non profit VCO al 31 dicembre var % 2011/2001 istituzioni non profit ,2 volontari ,4 addetti (dipendenti) ,0 lavoratori esterni ,9 Verbano-Cusio-Ossola 0,0 20,0 40,0 60,0 80,0 100,0 120, istituzioni non profit quasi volontari dipendenti 460 lavoratori esterni cresce il ruolo del non profit rispetto al censimento 2001 Verbano-Cusio-Ossola La parte più imprenditoriale del non profit quella con dipendenti/lavoratori esterni rappresenta il 20% del totale provinciale. Ben diversa è la dimensione del volontariato: ci sono in provincia 140 volontari attivi ogni abitanti, un numero davvero rilevante anche nel confronto con altri territori. 1

3 Grafico 1: Composizione non profit VCO per forma giuridica. non profit VCO: composizione per forma giuridica 2011 associazione non riconosciuta 63% 842 altro 6% 368 cooperativa sociale 2% fondazione 1% associazione riconosciuta 28% Grafico 2: Composizione non profit VCO per forma giuridica. Confronto Censimento ,0 dinamica ,0 97,7 80,0 60,0 40,0 38,9 30,9 28,2 20,0 13,6 13,3 0,0 Società cooperativa sociale Associazione riconosciuta Fondazione Associazione non riconosciuta Altra istituzione non profit Totale 2

4 Forme giuridiche La crescita degli ultimi 10 anni ha interessato un po tutte le forme giuridiche, con una netta prevalenza delle forme altre comitati, enti religiosi, società mutualistiche, istituzioni sanitarie etc. che, nel VCO passano da 43 a 85 ed in Italia da a Nel resto d Italia crescono significativamente fondazioni e cooperative sociali: oggi le cooperative sociali in Italia sono più di e rappresentano il 4% della realtà non profit nazionale. Nel VCO le forme più strutturate dal punto di vista giuridico e/o patrimoniale sono cresciute meno e hanno un peso inferiore nel complesso del settore non profit. Anche sotto il profilo delle forme giuridiche quindi si conferma come la declinazioni più imprenditoriali siano meno rappresentate in provincia. Un terzo degli addetti del settore non profit è dipendente di una cooperativa sociale, dove operano meno di 120 volontari; oltre il 70% delle unità locali è nella sanità-assistenza sociale. Tabella 2: Andamento imprese cooperative e incidenza su imprese attive. imprese cooperative attive incidenza % delle imprese cooperative attive su totale imprese attive VCO PIE ITA VCO PIE ITA ,04 0,85 1, ,03 0,88 1, ,87 0,85 1, ,92 0,87 1, ,94 0,83 1,48 Fonte: elaborazione CCIAA VCO su dati ISTAT Censimento Tabella 3: Composizione imprese cooperative sociali e incidenza su imprese totali. Totale -di cui giovanili Valori assoluti -di cui femminili -di cui straniere Incidenza percentuale sul totale delle imprese Totale -di cui -di cui -di cui giovanili femminili straniere VCO ,08 0,00 0,17 0,00 PIE ,08 0,04 0,13 0,03 ITA ,15 0,13 0,28 0,04 Fonte: elaborazione CCIAA VCO su dati ISTAT Censimento La dimensione media delle istituzioni nel VCO è superiore alla media nazionale e piemontese per volontari, lievemente inferiore se si guarda al lavoro retribuito (la media piemontese e nazionale è 2,3). 3

5 Grafico 3: Dimensione media non profit nel VCO. non profit VCO: dimensione media 18,0 16,0 16,8 14,0 12,0 10,0 8,0 6,0 4,0 2,0 0,0 1,7 addetti - dipendenti volontari Settori di attività Il VCO conferma il dato nazionale: cultura, sport e ricreazione sono la naturale vocazione del non profit, dove si concentra il maggior numero di istituzioni e volontari: quasi il 70% delle istituzioni ed il 50% dei volontari. Seguono assistenza sociale e protezione civile, istruzione e ricerca, sanità gli ultimi due con un peso minore rispetto alla media italiana. Quasi il 73% dei dipendenti si concentra invece nei tre settori sanità, assistenza sociale e protezione civile, istruzione. Grafico 4: Non profit VCO per settori di attività. non profit -settori di attività VCO cultura, sport e ricreazione; 69% assistenza sociale e protezione civile; 8,2 relazioni sindacali e rappresentanza di interessi; 4,6 istruzione e ricerca; 3,7 ambiente; 3,4 sanità; 2,8 Altre attività; 6,4 sviluppo economico e coesione sociale; 2,0 4

6 Grafico 5: Non profit VCO per settori di attività e tipologia di addetto. non profit VCO: composizione % per settori 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0 80,0 Cultura, sport e ricreazione Istruzione e ricerca 6,0 11,0 1,7 3,7 65,1 68,8 Sanità Assistenza sociale e protezione civile Ambiente Sviluppo economico e coesione sociale altre attività 6,0 2,8 20,3 11,9 8,2 0,6 4,0 3,4 15,7 0,8 2,0 4,5 10,6 11,1 42,0 dipendenti volontari istituzioni Risorse economiche Dimensioni e caratteristiche delle istituzioni non profit e del territorio incidono sulle risorse sulle quali il terzo settore può contare nel VCO: euro per abitante, contro una media piemontese di euro e nazionale di euro. La fonte di finanziamento prevalente è privata: le fonti pubbliche incidono meno nel VCO che altrove. Tabella 4: Bilancio istituzioni non profit. entrate delle istituzioni non profit attive uscite delle istituzioni non profit attive ITA PIE VCO abitanti entrate ogni abitanti uscite ogni abitanti saldo entrate-uscite ogni abitanti

7 Grafico 6: Tipologia di finanziamento delle istituzioni non profit. % finanziamento pubblico prevalente 14,5 14,0 13,5 13,0 12,5 12,0 11,5 11,0 13,9 12,5 12,0 ITA PIE VCO Complessivamente, le entrate pubbliche - contributi ed entrate da convenzioni sono 1/3 delle entrate stessa % che nel resto d Italia. I contributi in senso stretto da enti pubblici sono invece il 7% del totale. Le entrate da privati, esclusa la vendita di beni e servizi, sono più di 42 milioni, poco meno del 40% delle entrate. Analizzando le singole voci di entrata, poco meno di 30 milioni (25% delle entrate) viene da convenzioni con enti ed istituzioni, più di 25 milioni e 600 mila dalla vendita di beni e servizi (25%) ed il 19% del totale dalle quote annue dei soci/associati. Tabella 5: Principali fonti di entrata istituzioni non profit. non profit VCO principali fonti di entrata contributi a titolo gratuito enti pubblici contratti e/o convenzioni enti pubblici contributi annui aderenti vendita di beni e servizi donazioni, lasciti gestione finanziaria e patrimoniale altre entrate da privati , , , , , , , ,00 6% 28% 19% 25% 16% 1% 4% 100% totale Differenze significative fra i settori in termini di entità e di tipologia di risorse economiche: l inserimento lavorativo/addestramento professionale è il settore che assorbe più risorse oltre , il 15% del totale. Seguono la sanità (quasi ) e l assistenza sociale in senso stretto (esclusa protezione civile/rifugiati), con Il settore dell istruzione e della ricerca riceve la percentuale maggiore di contributi pubblici (il 20% del totale); complessivamente è la sanità ad avere le maggiori entrate pubbliche. Tralasciando lo sport dove a volte è difficile il discrimine tra quote di privati e reale vendita di servizi, sono le attività culturali ed artistiche, l assistenza sociale e le attività ricreative a contare di più sulle risorse private. 6

8 Grafico 7: Composizione delle entrate sul totale- non profit VCO. NP VCO - % entrate su totale addestramento/avv. Inserimento lavorativo assistenza sociale sanità istruzione e ricerca attività ricreative sport attività culturali-artistiche 15% 12% 13% 8% 10% 9% 5% 0 totale vendita entrate privati entrate pubblico 0 0,1 0,2 0,3 0,4 Risorse Umane Delle 1037 istituzioni attive, l 80% non ha dipendenti - lavoratori esterni. Osserviamo come vi sia una elevata concentrazione di volontari nella sanità, tutela dei diritti (35 volontari per istituzione contro una media nazionale di 23 e piemontese di 32), assistenza e protezione civile. I dipendenti si concentrano nella sanità, dove la dimensione media e 25,3 (è superiore al dato nazionale e piemontese (14,5 e 16 - rispettivamente). L apporto dei volontari è rilevante: in media ci sono 15 volontari ogni addetto 11 volontari ogni lavoratore retribuito. Grafico 8: Dimensione media delle istituzioni non profit. settori di attività: dimensione media delle istituzioni NP del VCO Cultura, sport e ricreazione Istruzione e ricerca Sanità Assistenza sociale e protezione civile Ambiente Sviluppo economico e coesione sociale Tutela dei diritti e attività politica Filantropia e promozione del volontariato Cooperazione e solidarietà internazionale Religione Relazioni sindacali e rappresentanza di interessi Altre attività Totale 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0 40,0 0,1 0,3 0,0 0,2 0,5 0,0 4,9 7,7 4,1 6,4 1,3 5,0 1,4 3,2 1,7 12,9 15,9 16,8 16,8 19,4 25,3 24,6 24,1 23,1 36,2 35,2 addetti - dipendenti volontari 7

9 Profilo dei volontari Nel Verbano Cusio Ossola il non profit conta su più di volontari, 140 ogni 1000 abitanti. Un numero significativo e anche superiore a quello delle altre ripartizioni territoriali: in Piemonte si registrano 95 volontari ogni 1000 abitanti, in Italia 80. I volontari sono attivi soprattutto nei settori cultura - sport e ricreazione (oltre volontari, il 65% del totale), protezione civile (12%) e sanità (6%). Il volontario - tipo ha un età compresa fra i 30 e i 54 anni. Nel VCO, come nel resto del territorio nazionale i giovani sino ai 29 anni sono più numerosi degli over 64 e rappresentano ben il 19% del totale dei volontari. Con una spiccata predilezione per il settore cultura - sport e ricreazione e sanità (1 volontario su 5 ha meno di 30 anni). A differenza che nel resto d Italia, non vi è grande presenza di giovani nelle attività legate alla protezione dell ambiente. Più anziani che giovani nelle attività politiche, ma gli under 30 sono comunque il 18% del totale. 1 volontario su 2 è diplomato, solo il 13% - in linea con i dati demografici provinciali è laureato. Il 57% dei volontari laureati opera nella cultura - sport e ricreazione (i possessori di licenza media sono il 35%). Oltre volontari, il 56%, sono occupati percentuale lievemente superiore agli altri comparti territoriali il 30% è ritirato dal lavoro. Grafico 9: Volontari e popolazione. volontari ogni abitanti confronto , , , ,0 800,0 600,0 959, ,9 768,4 956, ,8 801,2 400,0 200,0 0,0 VCO PIE ITA 8

10 Grafico 10: Volontari e settori di attività. NP VCO - Volontari e settore di attività. Censimento 2011 assistenza sociale e protezione civile 12% cultura, sport 65% sanità 6% ambiente 4% altro 9% tutela dei diritti e attività politica 4% Il contributo femminile al settore non profit La presenza femminile nel terzo settore è davvero significativa, sia che si guardi al lavoro retribuito che al volontariato. In Italia al 31 dicembre 2011 si contano 1,8 milioni di volontarie e lavoratrici retribuite. Il 70% dei lavori retribuiti (dipendenti ed esterni) è affidato alle donne, nel VCO come in Piemonte lievemente più bassa la media italiana, il 67%. Da notare come la percentuale di lavoratrici sia elevata sia nelle professioni tecniche intermedie (impiegate etc.) dove la presenza femminile è considerevole anche nel for profit, sia nelle professioni ad alta specializzazione. Buona anche la presenza delle donne ai vertici (40%): anche il terzo settore riflette il quadro generale ben noto, con gli uomini saldamente al comando. Più di un terzo dei volontari è donna, nel VCO con un risultato inferiore alla media nazionale e piemontese (38% ). La situazione è molto diversificata a seconda del settore d attività: più donne che uomini nell erogazione contributi, cooperazione internazionale, assistenza sociale, istruzione, ambiente, sanità. Poche invece le volontarie per le attività politiche, conferma della scarsa presenza femminile nella nostra provincia, e sindacali. 9

11 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA Strada Statale del Sempione Baveno Il presente rapporto è stato curato da Roberta Costi, Stampa a cura del Servizio Promozione delle Imprese e del Territorio Si ringraziano: Tutti i rispondenti al Censimento delle istituzioni Non Profit che hanno puntualmente restituito i questionari compilati ed hanno permesso la realizzazione dell indagine censuaria. Riproduzione consentita citando la fonte. Pubblicazione disponibile sul sito Per informazioni Servizio Promozione delle Imprese e del Territorio: Finito di stampare giugno

I numeri del nonprofit in Piemonte:

I numeri del nonprofit in Piemonte: I numeri del nonprofit in Piemonte: principali risultati del Censimento 2011 Torino, 4 luglio 2014 1 Le Istituzioni no profit in Piemonte Biella 5,6%;1.448 Alessandria 10,1%;2.633 Asti 5,6%;1.450 Verbano

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA

LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA Censimento dell industria e dei servizi 2011 LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA Massimo Lori Direzione Centrale delle rilevazioni censuarie e dei registri statistici Istat Il Censimento delle Istituzioni

Dettagli

L analisi del welfare nelle Valli Bresciane per un nuovo sistema d offerta dei servizi alla persona

L analisi del welfare nelle Valli Bresciane per un nuovo sistema d offerta dei servizi alla persona L analisi del welfare nelle Valli Bresciane per un nuovo sistema d offerta dei servizi alla persona Focus sulla VALLE CAMONICA Socialis, Università degli Studi di Brescia Brescia, 10 dicembre 2014 1 Premessa

Dettagli

ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI

ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO DI ASTI ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI Elaborazione dei risultati della prima rilevazione censuaria ISTAT Anno 1999 Ufficio Studi Marzo 2003 1 L

Dettagli

NUMERO VALORE PERCENTUALE

NUMERO VALORE PERCENTUALE Le istituzioni non profit in provincia di Cremona al Censimento del 2011 L Istat ha svolto il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi ed il Censimento delle istituzioni non profit, rilevando

Dettagli

Espr.it. la comunità genera nuovo welfare FONDAZIONE CARIPARMA. (Volontariato, Associazionismo, Cooperazione sociale)

Espr.it. la comunità genera nuovo welfare FONDAZIONE CARIPARMA. (Volontariato, Associazionismo, Cooperazione sociale) FONDAZIONE CARIPARMA Espr.it la comunità genera nuovo welfare Alcuni dati sulla provincia di Parma TERZO SETTORE (Volontariato, Associazionismo, Cooperazione sociale) 1 Le organizzazioni di volontariato

Dettagli

Nonprofit e Pubblica Amministrazione

Nonprofit e Pubblica Amministrazione Nonprofit e Pubblica Amministrazione Fonti di finanziamento e rapporti di collaborazione Barbara Moreschi U.O. Statistiche sulle istituzioni nonprofit Le Giornate di Bertinoro per l economia civile VIII

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT

ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT 23 ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT Nel decennio intercensuario 2001/2011 cresce il non profit e si contrae il settore pubblico: al 31 dicembre 2011 le istituzioni pubbliche sono 12.183 (-21,8

Dettagli

Non profit in Trentino

Non profit in Trentino Dicembre 2014 Non profit in Trentino Premessa Con questa pubblicazione, il Servizio Statistica arricchisce l informazione sugli attori del non profit in provincia di Trento, all interno del contesto nazionale

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 Rilevazione sulle istituzioni non profit

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 Rilevazione sulle istituzioni non profit 9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 Rilevazione sulle istituzioni non profit Nel mese di settembre agli enti ecclesiastici iscritti nella lista precensuaria è pervenuto il questionario Istat

Dettagli

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop Note e commenti n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop 1 L analisi sullo stock fa riferimento al totale delle imprese (coopera ve e non) a ve al 31 Dicembre

Dettagli

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A Cooperazione Sociale di tipo A Impresa tra: Welfare Non Profit Occupazione di genere "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 2 Primo Censimento

Dettagli

Approfondimenti: Provincia di Cuneo

Approfondimenti: Provincia di Cuneo Approfondimenti: Provincia di Cuneo Premessa Contesto e attività/1 Nel generale contesto di crisi che ha continuato a caratterizzare il sistema economico italiano nel 2013 i dati relativi al Piemonte hanno

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

La presenza femminile nelle Fondazioni ed Associazioni in Emilia-Romagna

La presenza femminile nelle Fondazioni ed Associazioni in Emilia-Romagna DIREZIONE GENERALE AFFARI ISTITUZIONALI E LEGISLATIVI Servizio Innovazione e Semplificazione Amministrativa La presenza femminile nelle ed Associazioni in Emilia-Romagna Quarto Rapporto sugli Enti con

Dettagli

La presenza femminile nelle Fondazioni ed Associazioni in Emilia-Romagna

La presenza femminile nelle Fondazioni ed Associazioni in Emilia-Romagna DIREZIONE GENERALE AFFARI ISTITUZIONALI E LEGISLATIVI Servizio Innovazione e Semplificazione Amministrativa La presenza femminile nelle ed in Emilia-Romagna Quarto Rapporto sugli Enti con personalità giuridica

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT 2 ottobre 2013 9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT VOCAZIONE DIREZIONALE DELLE IMPRESE LOMBARDE E DEL MILANESE Buon dinamismo del tessuto imprenditoriale. Stazionari i livelli

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT 11 dicembre 2013 9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT Bari, 11 dicembre 2013. Viene presentato oggi un focus sui primi dati regionali del censimento generale industria, servizi,

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Trento ottobre 2009 a cura di Manuela Cumerlotti e Nicoletta Funaro Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Premessa La Provincia Autonoma di Trento(*)

Dettagli

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 Le previsioni occupazionali delle cooperative e delle imprese sociali nella Provincia di Bologna. Dati di consuntivo 2013 A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena 5indicatori REGISTRO IMPRESE: si rafforza la struttura imprenditoriale I dati della movimentazione a fine settembre 213 in provincia di SALDO TRA ISCRIZIONI E CESSAZIONI Nel 3 trimestre del 213 il tessuto

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 5 Settori Pubblica amministrazione - Sanità e previdenza Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2001 Informazioni n. 27-2005

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA Dossier statistico 2013 a cura di In collaborazione con: Presentazione Il dossier illustra in forma grafica la consistenza, in Friuli Venezia Giulia, del Terzo

Dettagli

Rapporto Economia Provinciale 2011. Edilizia

Rapporto Economia Provinciale 2011. Edilizia Rapporto Economia Provinciale 2011 129 Edilizia Edilizia 131 Dati di stock Al 31 dicembre 2011 le imprese attive iscritte al Registro Imprese alla Sezione Ateco 2007 F- Costruzioni sono 3.498, con un

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia 14 ottobre 2005 Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2003 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-44 Centro di informazione statistica Tel. +39 06 4673.3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ministro per la Pubblica Amministrazione e la semplificazione RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL ISTAT E DEGLI UFFICI DEL SISTEMA STATISTICO NAZIONALE E STATO

Dettagli

Reggio Calabria. I numeri del comune. Abitanti* 184.937 559.759 Superficie (km 2 ) 239,04 3.210,37 Densità (ab. per km 2 ) 773,66 174,36

Reggio Calabria. I numeri del comune. Abitanti* 184.937 559.759 Superficie (km 2 ) 239,04 3.210,37 Densità (ab. per km 2 ) 773,66 174,36 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Reggio Calabria I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.97 9.79 Superficie (km ) 9,.,7 Densità (ab. per km ) 77, 7, * al.. Numero Addetti unità

Dettagli

Il terzo settore: definizioni, ruoli, evoluzioni, rilevanza. Prof. Carlo Borzaga

Il terzo settore: definizioni, ruoli, evoluzioni, rilevanza. Prof. Carlo Borzaga Il terzo settore: definizioni, ruoli, evoluzioni, rilevanza Prof. Carlo Borzaga Perché parlarne?! poco considerato fino agli anni 90; prevalenza modello socio economico bipolare: Stato-Mercato! interesse

Dettagli

Dare credito alla fiducia: la domanda di finanza del Terzo Settore. Dimensione e struttura del mercato del credito per il Terzo Settore

Dare credito alla fiducia: la domanda di finanza del Terzo Settore. Dimensione e struttura del mercato del credito per il Terzo Settore Dare credito alla fiducia: la domanda di finanza del Terzo Settore Dimensione e struttura del mercato del credito per il Terzo Settore Roberto Felici, Giorgio Gobbi, Raffaella Pico Servizio Studi di Struttura

Dettagli

9 Censimento dell industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profit. Primi risultati

9 Censimento dell industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profit. Primi risultati 9 Censimento dell industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profit. Primi risultati 9 Censimento dell industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profit. Primi risultati

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Risultati dell Indagine Excelsior realizzata dal sistema camerale sulla domanda di lavoro delle imprese per l anno 2010 Servizio Documentazione

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI Aprile 2002 1 STUDIO DI SETTORE SG82U Numero % sugli invii Invii 8.416 Ritorni 4.988

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

LA MAPPATURA DELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT IN PIEMONTE

LA MAPPATURA DELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT IN PIEMONTE LA MAPPATURA DELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT IN PIEMONTE Venerdì 21 novembre 2014 IRES Piemonte Torino Martino IRES Piemonte Il progetto di ricerca Il presupposto è l abbandono del paradigma assistenzialistico

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Articolazione e aspetti generali del mercato del lavoro del nonprofit

Articolazione e aspetti generali del mercato del lavoro del nonprofit Convegno Osservatorio sulle Risorse Umane nel Nonprofit Quale futuro per le persone nel nonprofit Milano Lunedì 23 maggio 2005 Articolazione e aspetti generali del mercato del lavoro del nonprofit Carlo

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Analisi statistiche Enti Non Commerciali Anno d imposta 2004

Analisi statistiche Enti Non Commerciali Anno d imposta 2004 Analisi statistiche Enti Non Commerciali Anno d imposta 2004 - La natura degli enti non commerciali - Le attività - Gli enti non commerciali e l IRES - Una visione d insieme La natura giuridica degli enti

Dettagli

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Obiettivo della esposizione Fornire (attingendo alle diverse fonti) le principali informazioni sulle dinamiche occupazionali

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

GLI ENTI D EROGAZIONE IN ITALIA

GLI ENTI D EROGAZIONE IN ITALIA GLI ENTI D EROGAZIONE IN ITALIA Sono 4.388 gli enti di diritto privato che hanno indicato come attività prevalente o esclusiva l erogazione di sussidi a individui, piuttosto che quella di contributi a

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

4. ANALISI DEL CONTESTO. 4.1 Analisi del Contesto Esterno. In sintesi

4. ANALISI DEL CONTESTO. 4.1 Analisi del Contesto Esterno. In sintesi 4. ANALISI DEL CONTESTO 4.1 Analisi del Contesto Esterno In sintesi Macro-ripartizione: Centro Superficie: 9.401,38 Km 2 Comuni: 236 Abitanti: 1.553.138 % di stranieri residenti: 9,0 Indice di vecchiaia

Dettagli

ORIENTAMENTO PROFESSIONALE E POST-DIPLOMA: incontri con i laureati e i mestieri della conoscenza. Centro per l Impiego di Empoli, maggio 2012

ORIENTAMENTO PROFESSIONALE E POST-DIPLOMA: incontri con i laureati e i mestieri della conoscenza. Centro per l Impiego di Empoli, maggio 2012 ORIENTAMENTO PROFESSIONALE E POST-DIPLOMA: incontri con i laureati e i mestieri della conoscenza Centro per l Impiego di Empoli, maggio 2012 IL MERCATO DEL LAVORO IN ITALIA -1 Alcune definizioni: 2 Tasso

Dettagli

Roma 20 maggio 2015 ore 10.30. Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio

Roma 20 maggio 2015 ore 10.30. Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio Roma 20 maggio 2015 ore 10.30 Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio La domanda estera sostiene l economia PIL E COMPONENTI DELLA DOMANDA IN ITALIA Variazioni congiunturali percentuali

Dettagli

I progetti sulla sicurezza integrata nella Regione Piemonte. Gruppo di lavoro regionale sulla sicurezza integrata

I progetti sulla sicurezza integrata nella Regione Piemonte. Gruppo di lavoro regionale sulla sicurezza integrata I progetti sulla sicurezza integrata nella Regione Piemonte Analisi dei bandi provinciali 2011 2012 Incontro con i referenti provinciali Gruppo di lavoro regionale sulla sicurezza integrata 1 Unosguardod

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata)

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata) Spett.le Comune di Trezzo sull Adda Servizio cultura, sport, politiche giovanili Via Roma 5 20056 Trezzo sull Adda OGGETTO: CENSIMENTO DELLE ASSOCIAZIONI LOCALI Nome dell Associazione, Nome e Cognome del

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 30 luglio 2008 Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla sua dodicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. MORANTE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. MORANTE Pubblicata 22/10/2010 1 INDICE: 1. Obiettivi dell indagine. 2. Metodologia. 3. Campione di imprese monitorate. 4. Risultati ottenuti. 5. Conclusioni. 6. Allegati. 2 1 - Obiettivi dell indagine L indagine

Dettagli

TAVOLO DI LAVORO IMPRENDITORIA FEMMINILE. INTERVENTO DEL DR. GIORGIO GIOVANNINI Banca Marche INTRODUZIONE

TAVOLO DI LAVORO IMPRENDITORIA FEMMINILE. INTERVENTO DEL DR. GIORGIO GIOVANNINI Banca Marche INTRODUZIONE TAVOLO DI LAVORO IMPRENDITORIA FEMMINILE INTERVENTO DEL DR. GIORGIO GIOVANNINI Banca Marche INTRODUZIONE L'ARGOMENTO ODIERNO E' DI SICURO INTERESSE PER LE BANCHE IN GENERALE E PER BANCA MARCHE IN PARTICOLARE

Dettagli

IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE

IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE Dossier statistico 2011 a cura di Giugno, 2011 Presentazione Il dossier raccoglie in forma grafica la numerosità della presenza, in provincia di Pordenone, di

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

Censimento industria e servizi

Censimento industria e servizi Censimento industria e servizi Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Censimento Industria e Servizi Il Censimento generale dell industria

Dettagli

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Centro Studi Unindustria & CSC Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Novembre 2013 SOMMARIO L Indagine Occupazione Assenze Retribuzioni 1 L Indagine Imprese associate al Sistema Confindustria Struttura

Dettagli

PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA. Giuseppe Roma DG Censis. Roma 29 novembre 2012

PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA. Giuseppe Roma DG Censis. Roma 29 novembre 2012 PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA Giuseppe Roma DG Censis Roma 29 novembre 2012 La forza della cooperazione nell economia italiana 80 mila cooperative Circa 1 milione 350 mila occupati (7,2%

Dettagli

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area Impruneta, 20 ottobre 2012 Riccardo Perugi Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Indice dei contenuti 1. Una

Dettagli

Osservatorio sull Imprenditoria femminile in provincia di Cuneo 4 edizione. Lunedì 24 novembre 2008 ore 15.00

Osservatorio sull Imprenditoria femminile in provincia di Cuneo 4 edizione. Lunedì 24 novembre 2008 ore 15.00 Osservatorio sull Imprenditoria femminile in provincia di Cuneo 4 edizione Lunedì 24 novembre 2008 ore 15.00 1 L IMPRESA E E FEMMINILE (cfr. L. 215/92) SE: Ditta individuale con titolare donna Società

Dettagli

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale VERSIONE PROVVISORIA Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Manlio

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE 5.1 - Imprese dei settori industria e servizi Al Censimento intermedio dell Industria e dei Servizi (31 dicembre1996) sono state rilevate 3.494 imprese 1 di tipo industriale

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Area Ricerca Formaper. Legge 1/99 anno 2002 interventi a favore della nascita di lavoro autonomo e imprese a Milano e provincia

Area Ricerca Formaper. Legge 1/99 anno 2002 interventi a favore della nascita di lavoro autonomo e imprese a Milano e provincia Area Ricerca Formaper Legge 1/99 anno 2002 interventi a favore della nascita di lavoro autonomo e imprese a Milano e provincia Rapporto n 2.3 Giugno 2003 Il rapporto è stato realizzato dall Area Ricerca

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

CAMERA DEL LAVORO METROPOLITANA GENOVA GENOVA

CAMERA DEL LAVORO METROPOLITANA GENOVA GENOVA CAMERA DEL LAVORO METROPOLITANA GENOVA GENOVA UNO SGUARDO ALL EUROPA Popolazione attiva e non attiva confronto tra cinque paesi europei Fonte: Eurostat Popolazione non attiva Confronto tra cinque paesi

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Ufficio di staff del Segretario Generale

Ufficio di staff del Segretario Generale Ufficio di staff del Segretario Generale Segretario Generale: Dr. Ignazio Baglieri Redazione e progetto grafico a cura di : Dr.ssa Concetta Patrizia Toro Coordinatrice Sig.ra Laura Aquila Sig. Rosario

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

La fotografia dell occupazione

La fotografia dell occupazione La fotografia dell occupazione La dimensione aziendale Come osservato precedentemente in Veneto il 97,3% delle imprese ha un numero di addetti inferiore a 19 e raccoglie il 60,5% del totale degli occupati

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CAGLIARI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CAGLIARI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012 elaborazioni a: Marzo 2012 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale

Dettagli

Decimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia.

Decimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Decimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dicembre 2008 EXECUTIVE SUMMARY I numeri del servizio civile e il suo impatto economico e sociale In questo rapporto sono analizzati

Dettagli

L istruzione nel Comune di Udine

L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali U.Org. Studi e Statistica L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE U.Org. Studi e Statistica Via B. Stringher, 10-33100 Udine E-mail: statistica@comune.udine.it

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli