Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali"

Transcript

1 IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi opera all interno del settore non profit si sarà posto la seguente domanda: ma io, che faccio parte di una piccola associazione che non dispone di grandi risorse, che non ha personale, che non ha tanto tempo, ma che ha necessità di fondi e risorse umane..da dove comincio? La domanda solleva questioni incalzanti che diventano anche affascinanti allorquando si operi una riflessione che vada al di là del tradizionale legame pubblico-non profit in tema di finanziamento. E una riflessione che trova la sua origine nella teoria input-output, che più strettamente collega le risorse in entrata ed in uscita agli apportatori ed ai percettori, che per tale ragione divengono portatori di interessi. Riflettere in questa direzione significa porre l attenzione non solo sulle risorse materiali, ma anche e soprattutto sulle risorse immateriali quali conoscenza e fiducia. Sono fattori di vantaggio competitivo che diventano pre-condizione per acquisire le risorse materiali: perché in fondo un individuo o un azienda dovrebbe aderire alla causa di un soggetto non profit, donare risorse economiche, acquisire i suoi prodotti se non lo conoscesse, ne condividesse la causa ed i valori ed avesse fiducia nella sua efficacia, efficienza e trasparenza nel perseguimento della mission? Soltanto dopo un approfondimento in questa direzione è dunque possibile ragionare sulle risorse materiali, sulle fonti e su come ottenerle e solo alla fine del processo di ricerca si può tentare di definire quali sono i termini ed i Il Fund Raising per le ONP - 1

2 contenuti dello scambio tra il soggetto non profit ed i portatori di interesse (l approccio multistakeholders). Nei soggetti non profit i portatori di interessi istituzionali sono coloro che rientrano tra i membri dell azienda e sono i prestatori di lavoro (volontario o remunerato) e gli aderenti. I portatori di interessi non istituzionali sono coloro che pur non essendo membri dell organizzazione non profit hanno comunque nei confronti della sua attività un interesse di tipo primario: si tratta dei clienti, degli utenti e delle loro famiglie, delle aziende e delle amministrazioni pubbliche, dei conferenti il capitale (ad esempio, le fondazioni di origine bancaria), dei concorrenti nell acquisizione delle risorse primarie. Il modello input-output è estremamente utile per ricostruire i processi di acquisizione dei fattori produttivi, di trasformazione e di cessione dei beni/servizi ai clienti/utenti, ma deve tuttavia essere integrato da un approccio che contribuisca a definire ed esplicitare i rapporti ed i legami bidirezionali esistenti tra l azienda non profit ed i suoi portatori di interessi, che sono tali perché apportano input e beneficiano degli output. E questo l approccio multistakeholder che, partendo dalla responsabilità nei confronti dei portatori di interessi, pone il focus sulla necessità di perseguire una convergenza di interessi fino a giungere ad un loro punto di equilibrio, sviluppando ambiti relazionali interni ed esterni empatici e promuovendo stili direzionali collaborativi e proattivi. Il fund raising Il fund raising è l insieme delle attività che un organizzazione non profit mette in atto per la creazione di rapporti di interesse fra chi necessita di risorse economiche, strumentali ed umane in coerenza con lo scopo statutario e chi potenzialmente è disposto a donarle. Parlare di fund raising non significa parlare di denaro, ma di persone, di problemi relativi alla comunità, di lavoro, di progetti. Il Fund Raising per le ONP - 2

3 Esiste una differenza tra filantropia e fund raising? La filantropia è un azione unidirezionale: il filantropo è infatti tale quando dà senza legare il dono all utilizzo che ne farà chi ha ricevuto. La reciprocità che sta alla base del fund raising è invece il prodotto di una comune tensione ideale tra le parti in causa, è la consapevolezza dell operare in comune. Ciò che qualifica l organizzazione non profit non è semplicemente il far del bene, ma la costruzione di nessi di relazionalità fra le persone e quindi la produzione di socialità. Laddove l organizzazione solo filantropica fa per gli altri, l organizzazione non profit fa con gli altri. Il fund raising è uno scambio, ma non uno scambio qualunque. E diverso dagli scambi classici, ovvero dallo scambio dei beni equivalenti (tipico delle imprese profit) e dallo scambio redistributivo (tipico degli enti pubblici); è infatti uno scambio sociale basato sul principio di reciprocità: si basa infatti sull aspettativa e su un bene tipico meta-economico (bene relazionale). Nel fund raising la volontà individuale non è sufficiente, tutte le componenti dell organizzazione, ognuna per le proprie competenze, devono avere lo stesso atteggiamento positivo nei confronti degli obiettivi. Solo se tutte le componenti hanno compreso e condiviso questa scelta strategica e collaboreranno per attuarla, i risultati arriveranno. E questo è sicuramente un vantaggio competitivo rilevante. Le risorse pubbliche e private Le risorse delle aziende non profit sono di tipo pubblico e privato ed è interessante associarle alle condizioni di accesso (attività di progettazione strategia e di trasformazione) ed alle fonti di provenienza o apportatori (Ministeri, Regioni, Comuni, Intermediari finanziari, Unione Europea, Istituzioni Internazionali, aziende private ed individui). E comunque forte la convinzione che il principale input per un organizzazione non profit rimanga la risorsa umana, quale principale attivatore dei processi produttivi delle risorse Il Fund Raising per le ONP - 3

4 immateriali e precondizione per sviluppare le condizioni di accesso alle risorse pubbliche e private. Le risorse di tipo pubblico Le risorse di provenienza pubblica, nazionale ed internazionale, sono a volte un elemento fondamentale per la nascita e lo sviluppo delle organizzazioni non profit e spesso un elemento fondamentale per la durata delle stesse (fatto tuttavia che ne impedisce l autonomia). Le risorse di questo tipo vengono così classificate: Finanziamenti pubblici nazionali: sussidi, contributi, proventi provenienti dalle diverse articolazioni della Pubblica Amministrazione come corrispettivo di un servizio globale alle comunità che deriva sempre dall attività di progettazione strategica e di erogazione di servizi di pubblica utilità; Finanziamenti pubblici nazionali ed internazionali su progetto: contributi sotto forma di finanziamenti erogati dai ministeri o da istituzioni internazionali finalizzati alla realizzazione di progetti su obiettivi mirati e di grande impatto sociale; Finanziamenti pubblici per l acquisto di beni e servizi: proventi per l acquisto da parte delle diverse articolazioni della Pubblica Amministrazione di beni e servizi definiti e comunque di pubblica utilità. Lo scambio viene regolato da contratti che derivano da gare, concessioni o convenzioni. Nel quadro dei rapporti pubblico/non profit è oggi ampio il dibattito sul tema dell accreditamento, quale nuovo strumento di esternalizzazione dei servizi di pubblica utilità. Per accreditamento si intende il processo attraverso il quale una Pubblica Amministrazione si assume l onere di riconoscere e di legittimare, sotto particolari condizioni di tutela o garanzia, set di fornitori di taluni servizi di pubblica utilità, riconoscimento e legittimazione basati su sistemi di valori e di norme. Il Fund Raising per le ONP - 4

5 Tale processo sembra dover prevedere tre fasi successive: il convenzionamento dei fornitori, momento iniziale che vede la definizione di strumenti per garantire agli utenti (carta dei servizi, bilancio sociale, etc.), la sistemazione e ridefinizione di regole ed indicatori critici, precondizioni per lo sviluppo di una capacità media dei fornitori di valutare i propri input, processi e output, e dell azienda pubblica di valutare gli input, processi e gli output dei fornitori; la certificazione dei fornitori, momento intermedio del processo che vede la definizione di set strutturati e verificati di indicatori per la valutazione di input, processi ed output, ed un controllo esterno che si affianca al controllo dell azienda pubblica, precondizioni per lo sviluppo di un alta capacità dei fornitori di valutare i propri input, processi ed output e dell organizzazione non profit di valutare i processi e gli output dei fornitori; l accreditamento dei fornitori, momento finale del processo che porta alla definizione di set strutturati, verificati e condivisi di indicatori per la valutazione di input, processi, output ed outcome, e di conseguenza alla massima capacità dei fornitori di valutare i propri input, processi, output, outcome e dell organizzazione non profit di valutare gli input, i processi, gli output e gli outcome dei fornitori. Un approccio di questo tipo è particolarmente sfidante per le organizzazioni non profit nei rapporti con le aziende pubbliche e conferma la già sottolineata necessità di sviluppare strategicamente strumenti per il governo e la valutazione della qualità (secondo un approccio ISO o EFQM) e per la comunicazione con gli stakeholder (carta dei servizi, carta etica, dichiarazione di missione, bilancio sociale). Le risorse di tipo privato Le risorse private possono essere raggruppate in tre classi: Il Fund Raising per le ONP - 5

6 proventi derivanti dalla vendita di beni e servizi a clienti privati: è un rapporto di mercato, a volte in concorrenza con soggetti profit e non profit. Come nel caso della cessione al pubblico, elemento critico per l organizzazione non profit è l acquisizione e l utilizzo di modelli e strumenti per l organizzazione, la gestione, la misurazione e l informazione; risorse derivanti dal conferimento di capitale di prestito: tale conferimento viene effettuato da intermediari finanziari di tipo tradizionale o di tipo etico che sono soggetti portatori di input e percettori di una quota di output. Tipicamente il livello di questa tipologia di entrate è residuale rispetto al totale delle entrate di un organizzazione non profit; proventi derivanti dall attività di raccolta fondi: le organizzazioni non profit utilizzano il fund raising per raccogliere capitale privato sotto forma di quote associative, donazioni, proventi derivanti da vendita di beni (soprattutto gadget), contributi di aziende profit. Gli strumenti della raccolta fondi sono il direct marketing, le sponsorizzazioni sociali, i grandi eventi, il merchandising. Le sponsorizzazioni sociali Sono il punto di incontro tra l esigenza delle aziende profit di dimostrare ai cittadini-consumatori la propria responsabilità sociale verso l ambiente di riferimento e la necessità delle aziende non profit di raccogliere fondi e di venire a contatto con modelli organizzativi e gestionali efficaci e già sperimentati, per aumentare non solo il livello delle entrate ma anche quello delle proprie conoscenze manageriali. Altri vantaggi che un organizzazione non profit può ottenere dall instaurazione di partnership con aziende profit sono così identificabili: il miglioramento delle conoscenze dell organizzazione da parte dei potenziali stakeholder; la possibilità di migliorare l informazione sulle attività svolte; Il Fund Raising per le ONP - 6

7 la possibilità di aumentare/fidelizzare gli aderenti, i donatori ed i volontari; la possibilità di diversificare la propria immagine da quella di altri soggetti che operano nello stesso campo e quella di creare un rapporto privilegiato con la comunità in cui si opera; la possibilità di sensibilizzare i cittadini sul sorgere di nuovi bisogni fungendo così da informatore sulle future esigenze/emergenze sociali. I grandi eventi Per grande evento si intende qualunque manifestazione che, nel proporre all esterno la mission e le attività delle organizzazioni non profit, si ponga tutti od alcuni dei seguenti obiettivi: raccogliere fondi per la mission o per un attività; fidelizzare i donatori ed i volontari; comunicare con i diversi stakeholder; creare o migliorare i propri indirizzari; sensibilizzare l opinione pubblica su specifici temi. Si vuole sottolineare come questo strumento sia alla portata di tutte le organizzazioni non profit e non solo di quelle di grandi dimensioni, in quanto precondizione per un efficace realizzazione è infatti esclusivamente la presenza di una buona organizzazione dei volontari e di manager non profit capaci e creativi. Conclusioni L ultima riflessione che si deve fare trattando delle risorse per il non profit è sul valore dello scambio, cioè sulla base di cosa, e quindi come, valutano il ritorno del loro apporto i portatori di risorse. La letteratura sul tema afferma che: i soggetti pubblici valutano la capacità di soddisfazione del bisogno, il livello di soddisfazione degli utenti e degli altri portatori di interessi, Il Fund Raising per le ONP - 7

8 l efficienza dell organizzazione, la sua capacità relazionale e di produrre conoscenza, il livello di affidabilità, l integrazione con l ambiente di riferimento ed il contributo al suo cambiamento, la capacità di anticipare l evoluzione dei bisogni; i soggetti privati valutano sulla base della propria soddisfazione (i clienti) o della soddisfazione delle motivazioni alla base della partnership (le aziende profit partner), sulla base della possibilità di stare con altri, di condividere obiettivi comuni, di soddisfare i bisogni di autostima, stima sociale, stima pubblica, autorealizzazione, di apprendere, di conseguire almeno parte dei risultati attesi, sulla base del livello di efficienza, di capacità relazionale, di capacità di produrre conoscenza, di affidabilità. E proprio utilizzando questi approcci che l organizzazione non profit può riordinare i portatori di risorse ed i loro apporti che permettono di definire, a seconda dei target e delle attese, quali tipologie di output distribuire e come distribuirle. Francesca Piscopo Il Fund Raising per le ONP - 8

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

LA CARTA DELLA DONAZIONE

LA CARTA DELLA DONAZIONE LA CARTA DELLA DONAZIONE 1 - PRINCIPI GENERALI La Carta della Donazione è il primo codice etico italiano per l autoregolamentazione della raccolta fondi nell ambito del non profit. Promossa da Solidaritas,

Dettagli

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il.

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. REPERIMENTO UTILIZZO dei mezzi monetari necessari al perseguimento dei fini istituzionali

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Il fundraiser questo s(conosciuto)

Il fundraiser questo s(conosciuto) ABBIAMO IL PALLINO PER IL FUNDRAISING Il fundraiser questo s(conosciuto) Chi è, cosa fa, quali strumenti utilizza, con chi si relaziona e quali obiettivi ha questa figura professionale complessa e specializzata

Dettagli

Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale. Federica Bandini

Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale. Federica Bandini Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale Federica Bandini LE FINALITA AZIENDALI L ISTITUTO L AZIENDA GLI INTERESSI CONVERGENTI SULL AZIENDA Le finalità Perché le persone si aggregano?

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management corso Capacity Building Fondazione Cariplo Giuliana Baldassarre Federica Bandini Public Management & Policy Perché è importante progettare per le aziende non profit Perché

Dettagli

L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune,

L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune, 1 L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune, globale e soprattutto condiviso, che coinvolga tutte le

Dettagli

Cos è il fundraising 1

Cos è il fundraising 1 La Raccolta di fondi richiede competenze e investimenti. Ha senso sviluppare un progetto di fundraising per un gruppo di organizzazioni nonprofit? La Campagna Lasciti, una strada percorribile. Intervento

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

CODICE ETICO E DI LEGALITA

CODICE ETICO E DI LEGALITA CODICE ETICO E DI LEGALITA INTRODUZIONE Carbotrade Gas S.p.A. è una società commerciale con esperienza pluridecennale nel settore dell energia, il cui fine è la commercializzazione e la vendita di G.P.L.

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 6 2. SINTESI... 8 3. QUADRO DI RIFERIMENTO... 10 3.1 Influenzatori del contesto... 11 3.2 Attori sociali...

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

www.mauriziovinci.it

www.mauriziovinci.it www.mauriziovinci.it Il mercato impone decisioni rapide ed efficaci, obiettivi chiari e sostenibili, strategie ben strutturate che non lasciano spazio all improvvisazione. Studio di consulenza integrata

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

Carta del Breakfast ClubItalia

Carta del Breakfast ClubItalia Carta del Breakfast ClubItalia Carta del Breakfast ClubItalia Art. 1 - Costituzione Il Breakfast Club Italia è una libera organizzazione che ha la finalità di contribuire, in modo attivo, al dibattito

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali Centro di Ricerche su Etica negli Affari e Responsabilità Sociale Università degli Studi dell'insubria Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità

Dettagli

Fare fundraising nei territori: questione di soldi o di relazioni?!

Fare fundraising nei territori: questione di soldi o di relazioni?! Fare fundraising nei territori: questione di soldi o di relazioni?! Darfo 23 Novembre 2013! Cosa non è il fundraising: Sponsorizzazione (vendita) Mera ricerca ai denari La sua traduzione in italiano come

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Center for Near Space an IIF Competence Center. Codice Etico. Principi, valori e norme di comportamento

Center for Near Space an IIF Competence Center. Codice Etico. Principi, valori e norme di comportamento Center for Near Space an IIF Competence Center Codice Etico Principi, valori e norme di comportamento 1 CODICE ETICO Indice 1. Il Codice Etico del Center for Near Space (CNS) Art. 1 Definizione di Codice

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI IMPRENDITIVI PER IL TERZO SETTORE VERONESE E VENETO

NUOVI ORIZZONTI IMPRENDITIVI PER IL TERZO SETTORE VERONESE E VENETO NUOVI ORIZZONTI IMPRENDITIVI PER IL TERZO SETTORE VERONESE E VENETO formazione continua 2008/2009 DGR n. 1009 del 06/05/2008 Partner di rete Soc. Mutua per l Autogestione Info Mag e-mail info@magverona.it

Dettagli

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale In riferimento all obiettivo qualità, nel Documento del Consiglio dell'unione europea del maggio

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questo documento descrive le responsabilità della Direzione. Responsabilità che si esplicano nel comunicare

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M.

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M. PREFAZIONE L associazione SMOM è un luogo, un punto d incontro di sensibilità e progettualità comuni, a sostegno della riduzione delle disparità sociali esistenti fra i popoli. Quindi per il diritto alla

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. Calendario Corsi 2014. www.fundraisingschool.it

THE FUND RAISING SCHOOL. Calendario Corsi 2014. www.fundraisingschool.it THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2014 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola italiana, promossa dall area alta

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

REGOLAMENTO TITOLO I ATTIVITA SANITARIA. CAPO I Principi regolatori.

REGOLAMENTO TITOLO I ATTIVITA SANITARIA. CAPO I Principi regolatori. 1 REGOLAMENTO TITOLO I ATTIVITA SANITARIA CAPO I Principi regolatori. Articolo 1 Principi regolatori per realizzare lo scopo previsto dall art 4 Statuto - La promozione sociale della assistenza specialistica

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

Le Aziende Non Profit:

Le Aziende Non Profit: Le Aziende Non Profit: Aspetti istituzionali, accountability strumenti di gestione Maria Teresa Nardo mt.nardo@unical.it 1 6 novembre 2008 Le ANP: caratteri generali La crisi del welfare state ha comportato

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR La dimensione operativa Una nuova visione della CSR Quello della responsabilità sociale è un valore che viene accettato

Dettagli

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo PRESENTAZIONE CORSI PER LE ORGANIZZAZIONI DEL TERZO SETTORE Strategie di marketing, Comunicazione e Fund Raising: Una sfida e una necessita per le organizzazioni

Dettagli

Deliberazione del Direttore Generale N. 200. Del 10/11/2015

Deliberazione del Direttore Generale N. 200. Del 10/11/2015 Deliberazione del Direttore Generale N. 200 Del 10/11/2015 Il giorno 10/11/2015 alle ore 10.00 nella sede Aziendale di via San Giovanni del Cantone 23, il sottoscritto Massimo Annicchiarico, Direttore

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1. EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI QUALITÀ 2. DEFINIZIONE DI QUALITÀ 3. IL SISTEMA QUALITÀ 4. CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 5. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO 6. LA NORMA UNI EN ISO 8402 1.

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

CODICE ETICO. Premesse

CODICE ETICO. Premesse CODICE ETICO Premesse I. La Confederazione Generale Italiana delle Imprese, delle Attività Professionali e del Lavoro Autonomo, denominata in breve Confcommercio-Imprese per l Italia o anche Confederazione,

Dettagli

Doniamo un futuro alla nostra Comunità

Doniamo un futuro alla nostra Comunità Doniamo un futuro alla nostra Comunità La Fondazione Comunitaria Nord Milano è un intermediario filantropico che opera sul territorio per migliorare la qualità della vita della propria Comunità; rendere

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA

IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA 1 IL CONTRATTO DI RETE NORMATIVA E PRASSI Articolo 3, commi 4-ter e 4-quater D.L. 10 febbraio 2009 n. 5 (convertito

Dettagli

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale In collaborazione con 15 e 22 aprile 2015 Programma 15 aprile 2015 Tecniche e strumenti di marketing e comunicazione

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Dal Fund-raising alla promozione del dono. Bernardino Casadei Fondazione Cariplo Como, 8 giugno 2006

Dal Fund-raising alla promozione del dono. Bernardino Casadei Fondazione Cariplo Como, 8 giugno 2006 Dal Fund-raising alla promozione del dono Bernardino Casadei Fondazione Cariplo Como, 8 giugno 2006 Il Fund-raising Si parte da un progetto o un iniziativa per la quale si cerca di mobilitare l interesse

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i

S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i P r o d o t t o d a A l b e r t o P a o l i n i G r o s s e t o P a r c h e g g i s r l V e n g o n o p

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

organizzazioni di volontariato

organizzazioni di volontariato Il bilancio sociale per le organizzazioni di volontariato Modena, 1 Ottobre 2009 Bilancio sociale Cosa ci viene in mente? Rendere conto Perché fare un bilancio? La relazione di fiducia Ti dico chiaramente

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

Gli obblighi di bilancio

Gli obblighi di bilancio IL BILANCIO DELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO di Massimo Avincola e Giorgio Gentili Premessa Negli ultimi anni sono state costituite numerose Società di Mutuo Soccorso, molte delle quali, sono state promosse

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

The. Fund Raising. School CALENDARIO CORSI 2012. www.fundraisingschool.it

The. Fund Raising. School CALENDARIO CORSI 2012. www.fundraisingschool.it The Fund Raising School CALENDARIO CORSI 2012 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola italiana, promossa dall area alta

Dettagli

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va.

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va. CARTA PER GLI ACQUISTI VERDI E CONSUMI RESPONSABILI DELLA PROVINCIA DI VARESE: impegni, regolamento, modulo di adesione 1. IMPEGNI Premesse Gli acquisti verdi e consumi responsabili rappresentano lo strumento

Dettagli

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento Proverbio cinese Cogito ERGO sum Cartesio solutions s.r.l. è una società che vuole essere al servizio delle Aziende

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

5 L AZIENDA DI PRODUZIONE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

5 L AZIENDA DI PRODUZIONE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 5 L AZIENDA DI PRODUZIONE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 Due principali tipologie di aziende Tutte le aziende esercitano attività di acquisizione, produzione ed uso dei beni economici

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

CODICE ETICO. ANFFAS onlus di Varese. ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO

CODICE ETICO. ANFFAS onlus di Varese. ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO Contenuti 1. INTRODUZIONE 3 2. IL CODICE ETICO 3 3. I DESTINATARI 4 4. EMANAZIONE, VERIFICA E SANZIONI 4 5. PRINCIPI DI CONDOTTA 8 5.1 RELAZIONI CON IL PERSONALE DIPENDENTE

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) Il principio di economicità aziendale b) L economicità e l efficienza c) Il sistema dei rischi nella gestione d impresa d) L economicità e l equilibrio finanziario

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

ENTI NON PROFIT MODELLO EAS

ENTI NON PROFIT MODELLO EAS L approvazione in data 2.9.2009, da parte dell Agenzia delle Entrate, del modelle EAS modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi ha reso operativa la

Dettagli

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014 COMUNICARE LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI, STANDARD E MODELLI PER RENDICONTARE E VALORIZZARE L IMPEGNO DI UN ORGANIZZAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE, SOCIALE ED ECONOMICA. GENOVA, 16 SETTEMBRE

Dettagli

3 BANDO 2014 (finestra II)

3 BANDO 2014 (finestra II) PREMESSA La missione della Fondazione della Comunità del Novarese ONLUS si articola in tre punti: 1) perseguire l affermarsi di una cultura complessiva del dono, garantendo la definizione di servizi che

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

Economia aziendale - introduzione-

Economia aziendale - introduzione- Economia aziendale - introduzione- Economia aziendale scienza che studia le condizioni di esistenza e le manifestazioni di vita delle aziende (Zappa 1927) mira a dare norme e precetti per la razionale

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

CODICE ETICO Codice Etico Associazione Culturale Le Dissonanze La Mission Associazione Culturale Le Dissonanze Associazione Culturale Le Dissonanze

CODICE ETICO Codice Etico Associazione Culturale Le Dissonanze La Mission Associazione Culturale Le Dissonanze Associazione Culturale Le Dissonanze CODICE ETICO Il presente Codice Etico esprime gli impegni e le responsabilità etiche nella conduzione delle attività dell assunte dai suoi Rappresentanti, dagli Insegnanti, Musicisti nonché, in genere,

Dettagli