GUIDA PERSONALE ALLO SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA PERSONALE ALLO SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO"

Transcript

1 GUIDA PERSONALE ALLO SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

2 SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO Che cos'è lo Sviluppo Professionale Continuo? Lo Sviluppo Professionale Continuo (Continuing Professional Development, CPD) è il processo di aggiornamento e di miglioramento continuo delle proprie conoscenze e competenze che ha luogo durante l'intera vita professionale di un individuo. Di solito si svolge attraverso attività di formazione o di apprendimento ed è pratica consueta tra i soci di organizzazioni professionali. Perché la RAD ha introdotto un programma CPD? La RAD è impegnata a formare i migliori insegnanti a livello mondiale. Mediante l'adozione di un programma CPD, saremo in grado di dimostrare che i nostri insegnanti sono all'avanguardia nell'educazione e nella formazione alla danza e possiedono le conoscenze e competenze più aggiornate. Attestando il percorso di apprendimento dei partecipanti, il CPD offre loro anche la possibilità di assumere un ruolo attivo nello sviluppo della propria carriera e nel perseguimento degli interessi personali di ciascuno. A quali figure si applica il programma CPD della RAD? Mentre tutti i nostri membri possono partecipare alle attività CPD, esse sono obbligatorie per gli Insegnanti Registrati presso la RAD, inclusi gli insegnanti riconosciuti in virtù di accordi reciproci. Quando ha inizio il programma CPD della RAD? Il programma CPD della RAD ha inizio il 1 luglio 2013 e ha cadenza annuale, per cui un anno di CPD dura dal 1 luglio al 30 giugno dell'anno successivo. Come funziona il programma CPD della RAD? Per conservare il proprio status di Insegnante Registrato, l'individuo dovrà partecipare ogni anno ad un numero minimo di attività CPD, denominate requisito CPD. Il requisito CPD personale dovrà essere soddisfatto entro l'anno di CPD, e l'individuo deve essere in grado di dimostrarne la pertinenza alla propria carriera di insegnamento della danza. È possibile partecipare alle attività CPD della RAD o a quelle offerte da altre organizzazioni. Se un'attività è organizzata e gestita dalla RAD, è chiamata attività CPD interna mentre se è organizzata da un'altra organizzazione, è chiamata attività CPD esterna. Per qualificarsi come CPD esterno l'attività deve avere le seguenti caratteristiche: obiettivi e finalità chiaramente indicati risultati di apprendimento dimostrabili pertinenza alla carriera di insegnamento dell'individuo attestabilità, per es. certificato di frequenza. Quali sono i parametri di valutazione delle attività? Tutte le attività CPD sono soggette a uno dei seguenti criteri di valutazione: Valutate in base al tempo Valutate in base ai crediti. L'individuo può soddisfare il requisito CPD personale partecipando ad attività Valutate in base al tempo o Valutate in base ai crediti, o a una combinazione di entrambe. Le attività CPD Valutate in base al tempo e quelle Valutate in base ai crediti non si escludono reciprocamente. Partecipando a qualsiasi tipo di CPD, l'individuo soddisferà il requisito CPD personale e acquisirà un notevole bagaglio di conoscenze e competenze. Per un elenco completo delle attività CPD, visitare il sito 2 3

3 QUALI SONO LE ATTIVITÀ CPD VALUTATE IN BASE AL TEMPO? Le attività CPD Valutate in base al tempo sono quelle che vengono valutate a seconda del tempo necessario per completarle. Queste attività possono essere attività CPD interne o esterne. Alcuni esempi di attività CPD Valutate in base al tempo includono: workshop relativi al piano di studi workshop sul pronto soccorso conferenze workshop sul business management. Qualora non si fosse sicuri che un'attività sia considerata CPD Valutato in base al tempo, contattare il Dipartimento CPD. Qual è il requisito CPD Valutato in base al tempo? Il requisito CPD Valutato in base al tempo è un minimo di 24 ore di attività all'anno. Se l'individuo porta a termine più di 24 ore di tali attività, le ore supplementari non vengono conteggiate ai fini del CPD dell'anno successivo. Alcune attività CPD Valutate in base al tempo, quali l'apprendimento di nuovi programmi IT, la lettura della Dance Gazette oppure l'accesso a materiale online possono essere completate in un contesto meno ufficiale. Tali attività sono denominate attività CPD Indipendenti. Le attività CPD Indipendenti varieranno da un individuo all'altro ed è importante includere un ampia gamma di attività nelle proprie attività CPD Indipendenti. Un terzo (otto ore) del requisito totale di CPD Valutato in base al tempo può essere soddisfatto mediante lo svolgimento di attività CPD Indipendenti. Qualora non si fosse sicuri che un'attività sia considerata CPD Indipendente, fare riferimento alla Scheda riassuntiva a pagina 10, visitare il sito oppure contattare il Dipartimento CPD. Juliette ha partecipato ad un workshop di presentazione del nuovo piano di studi per Gradi 4-5 (Introduction to the new Grades 4 5 syllabi). Il workshop ha avuto una durata di tre giorni ed è stato valutato 24 ore. Poiché il requisito CPD è un minimo di 24 ore di attività all'anno, partecipando al workshop Juliette ha completato il suo requisito CPD per l'anno in questione. La scuola di Maria è stata duramente colpita dalla recessione e l'insegnante si è trovata in serie difficoltà finanziarie. Volendo conservare la propria registrazione presso l'accademia, ma non potendo spendere molto denaro, Maria ha pianificato minuziosamente il suo CPD. Ha completato otto ore di attività CPD Indipendenti, tra le quali la lettura della Dance Gazette (2 ore), la partecipazione ad uno spettacolo di danza presso un teatro locale (2 ore), l'incontro con un Consulente per lo sviluppo commerciale (2 ore) e la partecipazione ad una riunione locale per insegnanti RAD (2 ore). Non le restavano che 16 ore di CPD da completare. Maria ha pertanto deciso di usare la restante parte del suo requisito CPD per incrementare il proprio reddito, per cui ha preso parte al workshop RAD denominato Dance Practice with Adults (Pratica della danza con adulti) (8 ore), completato un corso di marketing online (4 ore), e ha partecipato a due seminari gratuiti sul business management presso un college locale (4 ore). Maria ha ora ampliato la propria attività e insegna danza agli adulti. 4 5

4 QUALI SONO LE ATTIVITÀ CPD VALUTATE IN BASE AI CREDITI? Le attività CPD Valutate in base ai crediti sono quelle legate a crediti formativi, offerte da un istituto d'istruzione riconosciuto a livello pubblico e rispondenti ai criteri RAD per le attività CPD Valutate in base ai crediti. Queste attività possono essere attività CPD interne o esterne. Alcuni esempi di attività CPD Valutate in base ai crediti includono: programmi di laurea (degree) diplomi di istruzione superiore corsi brevi. Qualora non si fosse sicuri che un'attività sia considerata CPD Valutato in base ai crediti, contattare il Dipartimento CPD. Qual è il requisito CPD Valutato in base ai crediti? Il requisito CPD Valutato in base ai crediti consiste nel partecipare a qualsiasi attività Valutata in base ai crediti rispondente ai criteri RAD. A condizione che tale attività soddisfi i criteri RAD, essa sarà conteggiata ai fini del requisito CPD totale per l'intero anno. In alcuni casi, particolarmente quando un corso dura diversi anni, potrebbe addirittura essere conteggiata ai fini del soddisfacimento del requisito CPD relativo agli anni successivi. Criteri RAD per il CPD Valutato in base ai crediti Le attività devono soddisfare i seguenti criteri: essere legate a crediti formativi essere offerte da un istituto riconosciuto a livello pubblico prevedere un minimo di 24 ore di studio all'anno essere documentate come pertinenti alla carriera di insegnamento della danza dell'insegnante. Su Lyn insegna danza da cinque anni. Desiderosa di ampliare le proprie conoscenze attraverso ulteriori studi, ha deciso di intraprendere un corso biennale in Dance and Cultural Studies (Danza e Studi culturali) presso una vicina università. Per essere sicura che il corso venga conteggiato ai fini del suo CPD, si è rivolta all'università, che le ha confermato che il corso prevede l'assegnazione di 10 crediti formativi e 100 ore di studio all'anno. Poiché il corso soddisfa i criteri RAD in termini di CPD Valutato in base ai crediti tanto nel primo quanto nel secondo anno, sarà conteggiato ai fini del requisito CPD per due anni. 6 7

5 We have two types of coins for use on internal or external communications. Coins We Domande have two types of coins for use on internal frequenti or external communications. Internal use coins External use coins 02 Come si fa a sapere se un'attività viene considerata come CPD? Internal Un'attività use considerata coinsai fini del CPD è qualsiasi attività di formazione o apprendimento che l'individuo può documentare come pertinente alla propria carriera di insegnamento della danza credits Se un'attività è organizzata e gestita dalla RAD, il materiale ad essa pertinente sarà corredato dal logo CPD e riporterà un timbro indicante se si tratta di un'attività Valutata in base al tempo o Valutata in base ai crediti, oltre a specificare credits il numero di ore o di crediti ad essa corrispondenti Come si pianifica il CPD personale? hours La credits pianificazione del CPD dipende I partecipanti dovranno registrare dai singoli individui. Tuttavia, hours credits External un buon use coins tutte le attività CPD da essi svolte punto di partenza è considerare la ogni anno. Occorrerà dimostrare che meta sia di breve che di lungo termine tutte le attività svolte sono pertinenti che si ambisce a raggiungere nella alla propria carriera di insegnamento propria carriera professionale, nonché della danza per cui ai partecipanti le 05 modalità per conseguire questi viene richiesto di documentare le obiettivi. credits 02 attività hours 03 alle credits 01quali hanno preso hours 05 parte. credits Abbiamo preparato un piano di La registrazione delle attività CPD sviluppo personale del CPD, che dovrà essere inviata alla RAD mette a disposizione un modello non oltre il 30 giugno di ogni di facile utilizzo, accompagnato anno, scaricando un modulo di da 05 alcuni suggerimenti su come dichiarazione CPD dal sito iniziare credits il processo di pianificazione 01 hours oppure credits hours 04 e quali aspetti occorra tenere in richiedendo una copia dello stesso credits al considerazione. Il piano di sviluppo personale del CPD è disponibile per essere scaricato dal sito Web della RAD, all'indirizzo Il programma 05 CPD della RAD è stato credits 07 concepito creditsper offrire ai partecipanti la hours 05 La presentazione del modulo di dichiarazione CPD forma parte credits hours credits possibilità di assumere un ruolo attivo integrante della procedura di rinnovo trasferimento. nello sviluppo della propria carriera dell'iscrizione, ed il 1 settembre non professionale. Tanto maggiore sarà potremo procedere al rinnovo in La guida alla procedura e alla politica il tempo dedicato alla pianificazione assenza di tale modulo. sull'esenzione dal CPD è disponibile online all'indirizzo delle proprie attività CPD, tanto Inoltre, il Dipartimento Membership 01 Royal academy of dance 05 superiori saranno i benefici che ne essere compromessi e si potrebbe identity Guidelines 01 effettuerà 05 una verifica annuale delle 5 credits conseguiranno. dichiarazioni CPD presentate da Posso detrarre dalle imposte i costi delle attività CPD? Qualora non si fosse sicuri che È possibile avanzare richiesta ufficiale un'attività sia considerata come CPD, di esenzione sino al 1 giugno Gli insegnanti che partecipano ai contattare il Dipartimento CPD. corsi di Sviluppo professionale dal Dipartimento Membership e dell'anno nel quale si intende essere my of dance identity Guidelines documentare le attività CPD da essi esentati 5 dal CPD. Consigliamo Continuo dovrebbero rivolgersi ad un consulente per verificare che i costi sostenuti possano essere detratti dalle imposte, in base alla loro condizione di datori di lavoro, dipendenti o liberi professionisti. Quando la formazione inerisce l aggiornamento di una competenza esistente possono applicarsi norme diverse da quelle che disciplinano l acquisizione di una nuova competenza. Come si registrano le attività CPD? Dipartimento Membership, che dovrà essere compilata e rispedita in modo da pervenire entro e non oltre il 30 giugno di ogni anno. credits tutti i membri insegnanti provenienti da tutto il mondo. Gli insegnanti selezionati in modo aleatorio nell'ambito della verifica saranno contattati e verrà chiesto loro di svolte a suffragio di quanto dichiarato nel modulo di registrazione del CPD. Cosa accade in caso di mancato soddisfacimento del requisito CPD? Se un insegnante partecipante a questo programma risulta non aver completato il requisito CPD, sarà ritenuto aver violato il Codice Etico e di Pratica professionale degli insegnanti registrati presso la Royal Academy of Dance e tale comportamento sarà considerato negligenza professionale; lo status membro e di Insegnante Registrato presso la RAD potrebbero essere compromessi e si potrebbe verificare l applicazione di penali come la sospensione o l espulsione dell insegnante dai nostri registri. Una dichiarazione mendace relativa al completamento delle attività CPD sarà considerata una violazione del Codice Etico e di Pratica professionale degli insegnanti registrati presso la Royal Academy of Dance e tale comportamento sarà considerato negligenza professionale; lo status membro e di Insegnante Registrato presso la RAD potrebbero verificare l applicazione di penali come la sospensione o l espulsione dell insegnante dai nostri registri. I casi di incompleto soddisfacimento del requisito CPD della RAD saranno tuttavia esaminati individualmente considerati in modo equo, efficiente e trasparente. Sono previste esenzioni dal CPD? Sì. Siamo consapevoli che, in determinate circostanze, gli individui non sono in grado di soddisfare il requisito CPD personale. In tali casi, l'individuo in questione potrà avere diritto ad una riduzione del requisito CPD o ad un'esenzione dal conseguimento dello stesso per un periodo di tempo determinato. I motivi di esenzione possono includere: gravidanza, congedo di maternità o paternità impegno assistenziale quale badante o caregiver lutto personale malattia grave anno sabbatico, congedo prolungato o interruzione di carriera Cosa occorre fare in caso di idoneità all'esenzione? tuttavia di contattarci al più presto qualora la propria richiesta non venga approvata. Le esenzioni si applicano esclusivamente all'anno nel quale viene avanzata richiesta. Cosa accade nei paesi in cui il numero di insegnanti RAD è esiguo? Se si vive in un paese nel quale vi sono meno di dieci insegnanti RAD, potrebbe essere possibile organizzare solamente un workshop Valutato in base al tempo. In questi casi, invitiamo a utilizzare al massimo le attività CPD online o a recarsi in altri paesi per svolgere le attività CPD della RAD o partecipare alle attività CPD esterne. Le eventuali idoneità ad una riduzione del requisito CPD saranno valutate individualmente e a tal fine si terranno in considerazione le attività a disposizione dei partecipanti. 8 9

6 SCHEDA RIASSUNTIVA: ATTIVITÀ CPD VALUTATE IN BASE AL TEMPO Quali sono le attività CPD Valutate in base al tempo? Requisito Quali attività vengono conteggiate? Esempi di attività CPD Valutate in base al tempo Attività valutate in base al tempo 24 ore all'anno Sino a 8 ore possono essere rappresentate da attività CPD Indipendenti Attività CPD interne Attività CPD esterne Workshop relativi al piano di studi RAD Workshop sul pronto soccorso Corso online EduCare NSPCC SCHEDA RIASSUNTIVA: ATTIVITÀ CPD VALUTATE IN BASE AI CREDITI Quali sono le attività CPD Valutate in base ai crediti? Criteri RAD per il CPD Valutato in base ai crediti Quali attività vengono conteggiate? Requisito Attività valutate con crediti formativi accademici Devono essere legate a crediti formativi Devono essere offerte da un istituto d'istruzione riconosciuto a livello pubblico Devono prevedere un minimo di 24 ore di studio all'anno Occorre poter dimostrare la loro pertinenza alla propria carriera di insegnamento della danza Attività CPD interne Attività CPD esterne che rispondono ai criteri RAD. Iscrizione ad un'attività valutata in base ai crediti che risponde ai criteri RAD, per la durata della partecipazione dell'individuo all'attività. Come vengono documentate le attività svolte? Certificati di frequenza Lettera rilasciata dall'organismo che ha organizzato l'attività o dal tutor, nella quale viene indicata la frequenza Esempi di attività CPD Valutate in base ai crediti Programmi di laurea, per es. BA (Hons) Dance Education Certificati di istruzione superiore Corsi brevi ATTIVITÀ CPD INDIPENDENTI Quali sono le attività CPD Indipendenti? Esempi di attività CPD Indipendenti Nessuna singola attività può essere valutata più di due ore. Attività che gli insegnanti possono svolgere in un contesto meno ufficiale Leggere la Dance Gazette o altre riviste o giornali sulla danza, per es. Dancing Times, Pointe, Dance Europe Assistere a spettacoli di danza Apprendere a usare nuovo software informatico Usare le risorse online per acquisire nuove informazioni e conoscenze sulla danza Partecipare a dibattiti focalizzati con altri insegnanti di danza/colleghi Riflettere sul proprio apprendimento e registrare le attività svolte nel proprio Piano di Sviluppo personale del CPD Partecipare a panel/commissioni che contribuiscano all'apprendimento e sviluppo personale Scrivere articoli o paper e pubblicarli su riviste, giornali, periodici, newsletter e pubblicazioni RAD, per es. Focus on Members, Focus on Education, Dance Gazette Scrivere un blog o un vlog Partecipare in veste di relatore/relatrice a conferenze/seminari Svolgere attività di mentoring Condurre ricerche su politiche legali e governative che interessino l individuo e la propria attività commerciale Partecipare ad un assemblea generale annuale di una filiale RAD regionale o dell Accademia Partecipare ad una commissione o panel RAD o di altre organizzazioni Partecipare ad una classe di danza Come vengono documentate le attività svolte? Lettera rilasciata dall'organizzatore dell'attività nella quale viene indicata l'iscrizione alla stessa e la durata PER MAGGIORI INFORMAZIONI Per maggiori informazioni sul programma CPD, incluso il Regolamento completo, visitare il sito In caso di richiesta di delucidazioni generiche sul programma o sul suo funzionamento, contattare il Dipartimento CPD In caso di richiesta di spiegazioni sulle attività CPD e trovandosi nel Regno Unito, contattare il Dipartimento CPD Al di fuori del Regno Unito, contattare il proprio Ufficio Nazionale. Per qualsiasi richiesta di informazioni sull'esenzione dal programma CPD o per maggiori informazioni su cosa accade in caso di mancato soddisfacimento del requisito CPD, contattare il Dipartimento Membership all'indirizzo Come vengono documentate le attività svolte? Le attività CPD Indipendenti possono risultare difficili da dimostrare. Invitiamo pertanto i partecipanti a conservare tutto il materiale ritenuto pertinente, dagli scontrini di acquisto alle matrici dei biglietti

7 Fotografia Eric Richmond (prima di copertina e pagine 5, 7, 8, 9) David Tett (pagine 4, 6, 9) Royal Academy of Dance 36 Battersea Square Londra SW11 3RA Tel: +44 (0) Fax: +44 (0) www. rad.org.uk/ Royal Academy of Dance è un ente morale registrato in Inghilterra e Galles N

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE DI DOTTORATO DI RICERCA

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE DI DOTTORATO DI RICERCA REGOLAMENTO DELLE SCUOLE DI DOTTORATO DI RICERCA Il presente regolamento disciplina l istituzione, le modalità di accesso e di conseguimento del titolo, la durata e le altre norme generali di funzionamento

Dettagli

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale.

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale. SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento di MANAGEMENT E MARKETING - Parte normativa- Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti di accesso Per essere ammessi al corso di laurea è

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA DIPARTIMENTO DI ARTE COREUTICA Indice TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI SULL ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI STUDIO CAPO I - Generalità,

Dettagli

Intermediate Foundation (Intermedio base) e Intermediate (Intermedio) Linee guida relative ai corsi per gli insegnanti

Intermediate Foundation (Intermedio base) e Intermediate (Intermedio) Linee guida relative ai corsi per gli insegnanti Intermediate Foundation (Intermedio base) e Intermediate (Intermedio) Linee guida relative ai corsi per gli insegnanti In vigore da gennaio 2011 Ente morale registrato in Inghilterra e Galles N. 312826

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara REGOLAMENTO LAUREATI FREQUENTATORI DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Art. 1 L Università degli Studi di Ferrara offre a coloro che hanno terminato un percorso formativo universitario (Laurea, laurea

Dettagli

Application Form Domanda di Ammissione Università degli Studi Link Campus University

Application Form Domanda di Ammissione Università degli Studi Link Campus University Marca da Bollo 16,00 Application Form Domanda di Ammissione Università degli Studi Link Campus University Anno Accademico 2014-15 Academic Year 2014-15 Il presente modulo deve essere consegnato a mano

Dettagli

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA DINAMICA E CLINICA

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA DINAMICA E CLINICA AFFISSIONE 20/03/2014 SCADENZA 09/04/2014 PROT.188 POS. D 024 BANDO DI SELEZIONE PER L' ASSEGNAZIONE DI 1 BORSA DI STUDIO AVENTI AD OGGETTO ATTIVITA' DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Classe L 18

Dettagli

PROGETTO SHEEP FORMAZIONE INSEGNANTI: COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE

PROGETTO SHEEP FORMAZIONE INSEGNANTI: COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE PROGETTO SHEEP FORMAZIONE INSEGNANTI: COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE Premessa La presente dispensa è stata realizzata nell ambito del progetto SHEEP finanziato dal programma europeo Energie Intelligenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI

REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI Decreto emanazione D.R. 74 DEL 03/04/1998 Decreto aggiornamento D.R. n. 63 del 17/02/1999

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

È la laurea un buon investimento?

È la laurea un buon investimento? È la laurea un buon investimento? di Alberto Bisin e Andrea Moro Le tasse universitarie sono aumentate considerevolmente negli ultimi anni. Ciononostante, laurearsi rimane ancora un ottimo investimento.

Dettagli

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano Education at a Glance 2010: OECD Indicators Summary in Italian Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE Sintesi in italiano Nell area OCSE, i governi stanno cercando di rendere più efficace il sistema

Dettagli

Dpr 16-12-1985, n. 751/Dpr 23-6-1990, n. 202 - Intesa tra il Ministero della Pubblica Istruzione e lo Conferenza Episcopale Italiana circa

Dpr 16-12-1985, n. 751/Dpr 23-6-1990, n. 202 - Intesa tra il Ministero della Pubblica Istruzione e lo Conferenza Episcopale Italiana circa Dpr 16-12-1985, n. 751/Dpr 23-6-1990, n. 202 - Intesa tra il Ministero della Pubblica Istruzione e lo Conferenza Episcopale Italiana circa l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche

Dettagli

INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Normativa concordataria

INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Normativa concordataria INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Normativa concordataria DAL TESTO DI REVISIONE DEL CONCORDATO Art. 1 La Repubblica italiana e la Santa Sede riaffermano che lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua B2 Business

Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua B2 Business a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua B2 Business Ordinamento Biennale Corsi di Laurea M, IM, MM, AFC, CLAPI, CLEFIN FINANCE, CLELI, ACME,

Dettagli

Regolamento per il rilascio della certificazione REV del TEGoVA. Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, Roma - Italia

Regolamento per il rilascio della certificazione REV del TEGoVA. Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, Roma - Italia Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, Roma - Italia Indice 0. Procedura di certificazione per geometri valutatori esperti 3 1. Requisiti 4 2. Elenco della documentazione 7 3. Esame della documentazione

Dettagli

buoni motivi per diventare

buoni motivi per diventare buoni motivi per diventare CHI SIAMO Symbolic: da più di 10 anni protagonista della Network Security Symbolic è una azienda focalizzata nell'ambito della Network Security. Da oltre 10 anni, e tra i primi

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Regolamento di Ateneo per gli studenti

Regolamento di Ateneo per gli studenti Regolamento di Ateneo per gli studenti Art. 1 - Premessa Il presente regolamento, in applicazione del Regolamento didattico di Ateneo, contiene le norme organizzative e amministrative alla cui osservanza

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO BIENNALE DI I LIVELLO IN GIORNALISMO NELL ERA DIGITALE

MASTER UNIVERSITARIO BIENNALE DI I LIVELLO IN GIORNALISMO NELL ERA DIGITALE D.R. n.1043/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT Facoltà di Scienze Politiche Scuola di Giornalismo MASTER UNIVERSITARIO BIENNALE DI I LIVELLO IN GIORNALISMO NELL

Dettagli

LA BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA Fabio Bonfà, Vice Presidente Vicario del Consiglio Nazionale Ingegneri Assemblea

LA BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA Fabio Bonfà, Vice Presidente Vicario del Consiglio Nazionale Ingegneri Assemblea LA BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA Fabio Bonfà, Vice Presidente Vicario del Consiglio Nazionale Ingegneri Assemblea ordinaria dell Ordine degli ingegneri di Trieste Trieste,

Dettagli

Percorsi formativi di alta specializzazione finanziati dalla Regione Lazio

Percorsi formativi di alta specializzazione finanziati dalla Regione Lazio Percorsi formativi di alta specializzazione finanziati dalla Regione Lazio Ente gestore: Formare S.r.l. (Centro di ricerca e formazione della Federlazio) Codice corso 1165 Strategie e strumenti di gestione

Dettagli

COMUNICAZIONE INFORMATIVA, PUBBLICITA E MARKETING LEGALE

COMUNICAZIONE INFORMATIVA, PUBBLICITA E MARKETING LEGALE COMUNICAZIONE INFORMATIVA, PUBBLICITA E MARKETING LEGALE Avv. Giovanna Raffaella Stumpo MASTER BREVE FONDAZIONE FORENSE- CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MILANO AULA DEL CONSIGLIO -11,19 E 25 MARZO

Dettagli

Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE. Overview. Education Policy Analysis. Analisi delle politiche educative

Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE. Overview. Education Policy Analysis. Analisi delle politiche educative Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE Overview Education Policy Analysis Analisi delle politiche educative Le note di sintesi sono degli stralci di pubblicazioni dell OCSE. Sono disponibili

Dettagli

Aggiornamento: Gennaio 2014. Norme sulla formazione professionale continua (CPE)

Aggiornamento: Gennaio 2014. Norme sulla formazione professionale continua (CPE) Aggiornamento: Gennaio 2014 Norme sulla formazione professionale continua (CPE) Indice Panoramica... 2 Condizioni essenziali per la certificazione... 2 Condizioni di carattere generale Periodi di accertamento

Dettagli

Emanato con Decreto Rettorale n. 23, prot. n. 1789/A3 del 9 marzo 2006 e s.m. e i. (D.R. n. 89, prot. n. 6629/I3, del 24 luglio 2015)

Emanato con Decreto Rettorale n. 23, prot. n. 1789/A3 del 9 marzo 2006 e s.m. e i. (D.R. n. 89, prot. n. 6629/I3, del 24 luglio 2015) Emanato con Decreto Rettorale n. 23, prot. n. 1789/A3 del 9 marzo 2006 e s.m. e i. (D.R. n. 89, prot. n. 6629/I3, del 24 luglio 2015) REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO PER LA COLLABORAZIONE

Dettagli

Benevento, 26 settembre 2013 IL RETTORE F.to Prof. Augusto Fantozzi

Benevento, 26 settembre 2013 IL RETTORE F.to Prof. Augusto Fantozzi DECRETORETTORALEn.25/13 ILRETTORE VISTI gliartt.16e17deldpr162/82; VISTO l'art.6dellalegge341/90; VISTO lostatutodell Università; VISTO ilregolamentodidatticodiateneo; VISTO ilregolamentoperl'istituzioneedilfunzionamentodeimaster

Dettagli

9. Se al primo gennaio di ogni anno supero i 120 CFP i crediti in eccesso possono essere recuperati negli anni successivi NO

9. Se al primo gennaio di ogni anno supero i 120 CFP i crediti in eccesso possono essere recuperati negli anni successivi NO RICONOSCIMENTO DI CREDITI FORMATIVI 1. Da quando è in vigore l obbligo formativo? A partire dal 1 gennaio 2014 2. Chi è soggetto all obbligo della formazione? Tutti i professionisti iscritti all'albo che

Dettagli

Corsi di diploma accademico di secondo livello indirizzo Design del prodotto e Design della comunicazione

Corsi di diploma accademico di secondo livello indirizzo Design del prodotto e Design della comunicazione Corsi di diploma accademico di secondo livello indirizzo Design del prodotto e Design della comunicazione Procedure di ammissione e iscrizione Firenze, luglio 2010 Informazioni generali L iscrizione al

Dettagli

Immatricolazioni e iscrizioni

Immatricolazioni e iscrizioni Le notizie che leggerai di seguito sono contenute nel documento Regolamento della carriera degli studenti e nel Manifesto degli studi UNICAM 2015 Come e quando ti puoi immatricolare? Di norma ti puoi immatricolare

Dettagli

Avviso di ammissione, anno accademico 2014-2015 Corsi di laurea in Statistica per l economia e l impresa Statistica per le tecnologie e le scienze

Avviso di ammissione, anno accademico 2014-2015 Corsi di laurea in Statistica per l economia e l impresa Statistica per le tecnologie e le scienze Scuola di Scienze Avviso di ammissione, anno accademico 2014-2015 Corsi di laurea in Statistica per l economia e l impresa Statistica per le tecnologie e le scienze Classe L-41 (Classe delle lauree in

Dettagli

CRITICA GIORNALISTICA (Teatro Cinema Televisione Musica)

CRITICA GIORNALISTICA (Teatro Cinema Televisione Musica) MASTER DI PRIMO LIVELLO IN CRITICA GIORNALISTICA (Teatro Cinema Televisione Musica) a.a. 2014/2015 B A N D O U F F I C I A L E Art. 1 Per l anno accademico 2014/2015, è istituito, presso l Accademia Nazionale

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

CORSO DI PERFEZIONAMENTO ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE CORSO DI PERFEZIONAMENTO ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN Dalle fonti del diritto romano all applicazione delle nuove tecnologie al diritto contemporaneo sostanziale e processuale terza edizione A.A.

Dettagli

AVVISO RICERCA E SELEZIONE, PER IL LORO ACCREDITAMENTO E FINANZIAMENTO A MEZZO BORSE DI STUDIO, DI MASTER EXECUTIVE

AVVISO RICERCA E SELEZIONE, PER IL LORO ACCREDITAMENTO E FINANZIAMENTO A MEZZO BORSE DI STUDIO, DI MASTER EXECUTIVE AVVISO RICERCA E SELEZIONE, PER IL LORO ACCREDITAMENTO E FINANZIAMENTO A MEZZO BORSE DI STUDIO, DI MASTER EXECUTIVE Anno accademico 2015 2016 Indice Art. 1 - Oggetto dell avviso Art. 2 Iniziative formative

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

Requisiti di controllo dei fornitori esterni. Screening delle persone

Requisiti di controllo dei fornitori esterni. Screening delle persone Requisiti di controllo dei fornitori esterni Screening delle persone Requisito di Momento di Campo di Descrizione Perché è importante? screening* esecuzione applicazione 1 Verifica dell'identità Verificare

Dettagli

REGOLAMENTO CARRIERA UNIVERSITARIA DEGLI STUDENTI. Indice

REGOLAMENTO CARRIERA UNIVERSITARIA DEGLI STUDENTI. Indice REGOLAMENTO CARRIERA UNIVERSITARIA DEGLI STUDENTI Indice Art. 1 Ambito di applicazione... 3 TITOLO I - IMMATRICOLAZIONE Art. 2 Immatricolazione ai corsi di studio... 3 Art. 3 Immatricolazione per il conseguimento

Dettagli

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA COME LEGGERE LA BUSTA PAGA Vediamo come si legge in pratica una busta paga, come individuare gli elementi della retribuzione, i vari tipi di trattenute, il loro calcolo e la loro interpretazione fino a

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI ORDINARI

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI ORDINARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI ORDINARI Art. 1. Ammissione ai corsi Sono ammessi a frequentare i corsi ordinari della Scuola Nazionale di Cinema i vincitori del concorso che abbiano presentato, nei termini

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA PISANA U.O. Politiche e Gestione delle Risorse Umane Responsabile: Dr.

REGIONE TOSCANA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA PISANA U.O. Politiche e Gestione delle Risorse Umane Responsabile: Dr. AVVISO PUBBLICO CORSO DI FORMAZIONE COMPLEMENTARE IN ASSISTENZA SANITARIA PER OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO ANNO FORMATIVO 2010-2011 In attuazione della delibera

Dettagli

Intesa per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche

Intesa per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche Intesa per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca quale autorità statale che sovraintende al sistema educativo di istruzione

Dettagli

1 DISPONIBILITÀ FINANZIARIA

1 DISPONIBILITÀ FINANZIARIA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI ATTIVITÀ CULTURALI, SPORTIVE E RICREATIVE ORGANIZZATE DA RAGGRUPPAMENTI DI STUDENTI ISCRITTI ALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA -ANNO 2011

Dettagli

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura degli invalidi con tutela, comprendente:

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura degli invalidi con tutela, comprendente: Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura degli invalidi con tutela, comprendente: Modello finalizzato a richiedere per la 1 volta la tessera

Dettagli

Il (mio) libro delle credenziali

Il (mio) libro delle credenziali International Coach Federation - Italia Il (mio) libro delle credenziali III VERSIONE - NOVEMBRE 2013 (LOGO ICF)??? International Coach Fedeation - Italia Il (mio) libro delle credenziali III VERSIONE

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE. Il DIRIGENTE SCOLASTICO INDICE

AVVISO DI SELEZIONE. Il DIRIGENTE SCOLASTICO INDICE ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE CARMINE RUSSO Via Sandro Pertini, 54-80033 Cicciano - Tel. 0818248393 - Fax 0818262594 - Cod. Fisc. 92012260631 - Cod. Mecc. narh07000e

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 3/23-3 riferimento 83 AMMINI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO In attuazione alla

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: DOMANDA PER IL RILASCIO DEL VARA VERIFICA DELLA REGOLARITA'

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTA DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTA DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTA DI GIURISPRUDENZA Anno Accademico 2011/2012 Bando di concorso per l ammissione al MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in DIRITTO E GESTIONE DELL AMBIENTE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe: LM-31 - Ingegneria gestionale Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA

UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (Lg 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C ) in convenzione con l IPSEF Srl Ente

Dettagli

8 30-11-2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA N. 22

8 30-11-2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA N. 22 8 30-11-2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA N. 22 LIBERE PROFESSIONI Consiglio Nazionale dei geologi - Regolamento per la formazione professionale continua, in attuazione dell art.

Dettagli

Comunicazioni e informazioni

Comunicazioni e informazioni Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 201 A Edizione in lingua italiana Comunicazioni e informazioni 58 o anno 18 giugno 2015 Sommario V Avvisi PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Ufficio europeo di selezione

Dettagli

CRITICA GIORNALISTICA (Teatro Cinema Televisione Musica)

CRITICA GIORNALISTICA (Teatro Cinema Televisione Musica) Prot. n 503/T del 20/02/2015 MASTER DI PRIMO LIVELLO IN CRITICA GIORNALISTICA (Teatro Cinema Televisione Musica) a.a. 2015/2016 B A N D O U F F I C I A L E Art. 1 Per l anno accademico 2015/2016, è istituito,

Dettagli

Il/la sottoscritto/a. nato a ( ) il. residente a ( ) in Via n. recapito telefonico n. telefonino indirizzo e-mail CHIEDE

Il/la sottoscritto/a. nato a ( ) il. residente a ( ) in Via n. recapito telefonico n. telefonino indirizzo e-mail CHIEDE DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO PROFESSIONALE PER TRASFERIMENTO (in bollo) AL SIG. PRESIDENTE DEL COLLEGIO PROV.LE GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI R I E T I Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) nato a

Dettagli

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione di sovvenzione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM-33 Classe delle lauree magistrali in INGEGNERIA MECCANICA Art. 1 - Finalità TITOLO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE E DISCIPLINE UMANISTICHE. Bando di selezione per l ammissione al

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE E DISCIPLINE UMANISTICHE. Bando di selezione per l ammissione al UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE E DISCIPLINE UMANISTICHE 1.Istituzione Bando di selezione per l ammissione al Corso di aggiornamento professionale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L AGGIORNAMENTO DELLA LONG LIST DI CONSULENTI ED ESPERTI PER ATTIVITÀ DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO

AVVISO PUBBLICO PER L AGGIORNAMENTO DELLA LONG LIST DI CONSULENTI ED ESPERTI PER ATTIVITÀ DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO AVVISO PUBBLICO PER L AGGIORNAMENTO DELLA LONG LIST DI CONSULENTI ED ESPERTI PER ATTIVITÀ DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO 1. OGGETTO La Imera Sviluppo 2010 SCARL, con sede legale in Termini Imerese (PA),

Dettagli

Facoltà: ECONOMIA - SEDE DI RIMINI Corso: 8847 - ECONOMIA DEL TURISMO (L) Ordinamento: DM270 Titolo: ECONOMIA DEL TURISMO Testo: SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede Di Rimini Corso di Laurea

Dettagli

REGOLAMENTO CARRIERA UNIVERSITARIA DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO CARRIERA UNIVERSITARIA DEGLI STUDENTI Divisione Segreterie Studenti Area Studenti REGOLAMENTO CARRIERA UNIVERSITARIA DEGLI STUDENTI Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento contiene le norme organizzative, amministrative e

Dettagli

Formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti - REGOLAMENTO - Approvato dal Consiglio nazionale il 6 novembre 2013 sulla base del parere favorevole espresso dal Ministro della

Dettagli

Guida al Global Partner Program di Arcserve per i VAR - EMEA

Guida al Global Partner Program di Arcserve per i VAR - EMEA Guida al Global Partner Program di Arcserve per i VAR - EMEA Panoramica del Partner Program Requisiti del Partner Program Vantaggi del Programma Impegni richiesti ai Partner Panoramica del Global Partner

Dettagli

ENPAF ENPAF: LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI SUI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI

ENPAF ENPAF: LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI SUI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI ENPAF L Enpaf è l ente di previdenza e assistenza dei farmacisti che eroga pensioni, prestazioni di assistenza e indennità di maternità agli iscritti che ne abbiano diritto, secondo le norme di legge o

Dettagli

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi Modulo III Funzioni e attività dell'assistente per assistenti educativi Modulo Curriculum Sommario Titolo del modulo Scopo Livello d ingresso preferibile Requisiti speciali Propositi generali Unità Risultati

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE L. 150/2000

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE L. 150/2000 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE L. 150/2000 Regolamento recante norme per la determinazione dei titoli per l'accesso alle attività di informazione e di comunicazione e per la individuazione e la disciplina degli

Dettagli

UNIVERSITÀ ALDO MORO

UNIVERSITÀ ALDO MORO "*^^HF*" Ordine del Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili -BRWDISI- UNIVERSITÀ DEGÙ STUDI DI BARI ALDO MORO Convenzione tra gli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO ALLO STUDIO

REGOLAMENTO SUL DIRITTO ALLO STUDIO REGOLAMENTO SUL DIRITTO ALLO STUDIO GLOSSARIO ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 SEZIONE 1

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI Allegato N. 1 al Verbale CCL in data 21/06/2012 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI LINGUE E LETTERATURE

Dettagli

Con il patrocinio morale di:

Con il patrocinio morale di: dove siamo TReNo Dalla Stazione Termini, ogni ora (al 38 minuto) treno Roma Termini - Civitavecchia. Scendere alla stazione Roma Aurelia. Uscire dal sottopassaggio a via della Stazione Aurelia. A destra,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO COREP ORDINE NAZIONALE DEI GIORNALISTI ORDINE DEI GIORNALISTI DEL PIEMONTE BANDO DI SELEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO COREP ORDINE NAZIONALE DEI GIORNALISTI ORDINE DEI GIORNALISTI DEL PIEMONTE BANDO DI SELEZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO COREP ORDINE NAZIONALE DEI GIORNALISTI ORDINE DEI GIORNALISTI DEL PIEMONTE BANDO DI SELEZIONE per l'ammissione di 20 allievi per il biennio 2012/2014 al Master in Giornalismo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN EDUCAZIONE PROFESSIONALE (abilitante alla professione sanitaria di Educatore Professionale) REGOLAMENTO DIDATTICO 1.

Dettagli

Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale

Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale Guida per lo studente 1 CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE Il Corso di

Dettagli

BANDO DI AMMISSIONE QUOTA D ISCRIZIONE COMPRENSIVA DI 32 PER BOLLI VIRTUALI SCADENZA DOMANDA D AMMISSIONE ON LINE NUMERO MASSIMO DI POSTI DISPONIBILI

BANDO DI AMMISSIONE QUOTA D ISCRIZIONE COMPRENSIVA DI 32 PER BOLLI VIRTUALI SCADENZA DOMANDA D AMMISSIONE ON LINE NUMERO MASSIMO DI POSTI DISPONIBILI BANDO DI AMMISSIONE CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN CULTURA, ORGANIZZAZIONE E MARKETING DELL ENOGASTRONOMIA TERRITORIALE A.A. 2014/15 Istituito ai sensi del

Dettagli

Il nostro scopo è avere cura dei particolari e valorizzare l immagine dei nostri clienti.

Il nostro scopo è avere cura dei particolari e valorizzare l immagine dei nostri clienti. Il nostro scopo è avere cura dei particolari e valorizzare l immagine dei nostri clienti. INDICE Garantiamo un supporto CHIAVI IN MANO, obiettivi misurabili e concreti. Mission Corporate / Brand Identity

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO ca -::. :: ~. REGOLAMENTO DIDATTICO DELL' ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA REGOLAMENTO DIDATTICO DELL'ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Indice DISPOSIZIONI GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI

Dettagli

Quali sono le categorie sulle quali basare i vostri progetti?

Quali sono le categorie sulle quali basare i vostri progetti? Award 2014 Quali sono le categorie sulle quali basare i vostri progetti? Soddisfazione del cliente Riduzione dei costi Mitigazione dei rischi Innovazione Leadership Ambiente e sostenibilità Award 2014

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea in MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN CONSULENZA E PROFESSIONE Classe

Dettagli

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI Allegato L-14/5 al Regolamento del Corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici per l'impresa, le organizzazioni pubbliche ed il lavoro (art. 11, comma 4 e 12, comma 4) ( i ) LINGUA INGLESE, ALTRE

Dettagli

Articolo 1 Oggetto dell avviso pubblico

Articolo 1 Oggetto dell avviso pubblico Associazione Teatrale Pistoiese Scuola di Musica e Danza Teodulo Mabellini Avviso di selezione pubblica per la definizione di graduatorie, utili ai fini di eventuale stipula di contratti d insegnamento

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. INTERNAL AUDITOR (secondo la norma UNI EN ISO 14001:2004) 1ª EDIZIONE 25 ore 40 CFU Anno Accademico 2014/2015 FORM101

CORSO DI FORMAZIONE. INTERNAL AUDITOR (secondo la norma UNI EN ISO 14001:2004) 1ª EDIZIONE 25 ore 40 CFU Anno Accademico 2014/2015 FORM101 CORSO DI FORMAZIONE 1ª EDIZIONE 25 ore 40 CFU Anno Accademico 2014/2015 FORM101 Pagina 1/5 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SALUTE - SICUREZZA Categoria FORMAZIONE Anno accademico 2014/2015 Durata Durata

Dettagli

MASTER di I Livello MA312 - MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE 2ª EDIZIONE. 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA312

MASTER di I Livello MA312 - MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE 2ª EDIZIONE. 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA312 MASTER di I Livello 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA312 Pagina 1/7 Titolo MA312 - MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Edizione 2ª EDIZIONE Area SANITÀ Categoria

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B I Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

C O M U N E D I S E N O R B I Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA C O M U N E D I S E N O R B I Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con delibera di C.C. n 28 del 29.05.2003 1 INDICE ART. 1 Finalita'.. Pag. 3 ART. 2 - Modalita

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO Prot. n. 3553/2011 Cagliari, 18/11/2011 Ai Dirigenti Scolastici Istituzioni Scolastiche degli Istituti Secondari Superiori della

Dettagli

REGOLAMENTO STUDENTI

REGOLAMENTO STUDENTI REGOLAMENTO STUDENTI Emanato con D.R. n. 300 del 10 giugno 2002 Modificato con D.R. n. 843 del 23 dicembre 2002, D.R. n. 56 del 22 febbraio 2005, D.R n. 175 del 31 marzo 2006, D.R. n. 362 del 3 luglio

Dettagli

lo Statuto dell Università; il Regolamento Didattico di Ateneo;

lo Statuto dell Università; il Regolamento Didattico di Ateneo; Art. 1 Art. 2 IL RETTORE VISTI gli artt. 16 e 17 del DPR 162/82; VISTO l'art. 6 della legge 341/90; VISTO VISTO VISTO VISTE VISTA lo Statuto dell Università; il Regolamento Didattico di Ateneo; DECRETO

Dettagli

contabile; CONSIDERATO

contabile; CONSIDERATO "CONVENZIONE QUADRO" FRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA, Il MINISTERO DELLA GIUSTIZIA ED Il CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI "Tirocinio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO A.R.M.R. PER ATTIVITA' DI RICERCA PRESSO L ISTITUTO MARIO NEGRI"

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO A.R.M.R. PER ATTIVITA' DI RICERCA PRESSO L ISTITUTO MARIO NEGRI REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO A.R.M.R. PER ATTIVITA' DI RICERCA PRESSO L ISTITUTO MARIO NEGRI" Art. 1 Finanziamento La Fondazione Aiuti per la Ricerca sulle Malattie Rare - A.R.M.R.

Dettagli

L UNIVERSITA TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA presenta la I edizione del Master di II livello in PSICOLOGIA DELLO SPORT

L UNIVERSITA TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA presenta la I edizione del Master di II livello in PSICOLOGIA DELLO SPORT Prot. n 184 del 30/07/2015 D.R. n 98 del 30/07/2015 L UNIVERSITA TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA presenta la I edizione del Master di II livello in PSICOLOGIA DELLO SPORT Con il patrocinio di Associazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2009-2010 DESCRIZIONE Il Corso

Dettagli

Regolamento concorso Premio per i giovani giornalisti, iscritti alle Scuole di giornalismo 2012

Regolamento concorso Premio per i giovani giornalisti, iscritti alle Scuole di giornalismo 2012 Regolamento concorso Premio per i giovani giornalisti, iscritti alle Scuole di giornalismo 2012 Articolo 1. Organizzazione e scopo 1. La Rappresentanza in Italia della Commissione europea bandisce un concorso

Dettagli

Contributi delle persone senza attività lucrativa all'avs, all'ai e alle IPG

Contributi delle persone senza attività lucrativa all'avs, all'ai e alle IPG 2.03 Contributi Contributi delle persone senza attività lucrativa all'avs, all'ai e alle IPG Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve L'assicurazione vecchiaia e superstiti (AVS), l'assicurazione invalidità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GALATINA POLO 1

ISTITUTO COMPRENSIVO GALATINA POLO 1 Prot. n. 6732 /C9 Galatina, 18/12/2014 All Albo dell Istituto SEDE Al sito web dell Istituto Con richiesta di cortese diffusione -Alla provincia di Lecce urp@provincia.le.it - Ai centri per l Impiego della

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC DEL 17 luglio 2013

DETERMINA DELLA CNFC DEL 17 luglio 2013 DETERMINA DELLA CNFC DEL 17 luglio 2013 Esoneri, Esenzioni, Tutoraggio Individuale, Formazione all estero, Autoapprendimento, Modalità di registrazione e Certificazione 1. Esoneri I professionisti sanitari

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

Fondazione Studium Generale Marcianum per la promozione di studi e ricerche Dorsoduro 1 30123 Venezia t. +39 041 27 43 911 f.

Fondazione Studium Generale Marcianum per la promozione di studi e ricerche Dorsoduro 1 30123 Venezia t. +39 041 27 43 911 f. PATTO FORMATIVO MASTER UNIVERSITARIO IN GESTIONE ETICA D AZIENDA MEGA VII EDIZIONE A.A. 2013-2014 INTRODUZIONE Il presente documento contiene tutti gli elementi informativi del Master Universitario in

Dettagli

REGOLAMENTO TIROCINIO PER IL CORSO DI LAUREA TRIENNALE

REGOLAMENTO TIROCINIO PER IL CORSO DI LAUREA TRIENNALE REGOLAMENTO TIROCINIO PER IL CORSO DI LAUREA TRIENNALE Regolamento approvato dal Consiglio di Presidenza in data 08/06/2009, valido dal Giugno 2009, per il CdL triennale. I. Criteri generali 1. Il tirocinio

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4186 IL RETTORE

Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4186 IL RETTORE Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4186 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

Direttive inerenti al regolamento d esame. per l esame professionale federale di. mentore aziendale. Versione del 14 luglio 2014.

Direttive inerenti al regolamento d esame. per l esame professionale federale di. mentore aziendale. Versione del 14 luglio 2014. Direttive inerenti al regolamento d esame per l esame professionale federale di mentore aziendale Versione del 14 luglio 2014 Indice Indice 1 1. Introduzione 2 1.1 Scopo delle direttive 2 1.2 Profilo professionale

Dettagli