Responsabilità civile - percorso operativo Patti Salvatore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Responsabilità civile - percorso operativo Patti Salvatore"

Transcript

1 Responsabilità civile - percorso operativo Patti Salvatore Responsabilità professionale - Medico di Rapisarda Gilberto Sommario Nozioni 1. Onere della Prova. 2. Colpa medica. 3. Medico e struttura sanitaria. 4. Natura dell'obbligazione medica. 5. Casistica. Nozioni La responsabilità del medico rappresenta il tema giuridico che ha riscosso maggiore interesse negli ultimi anni. Dottrina e giurisprudenza si sono confrontate su diverse questioni e problematiche che hanno creato intensi dibattiti giuridici, medici, etici e bioetici. Dal 1999 al 2000 le cause attinenti alla responsabilità del medico sono aumentate del 50% e secondo una raccolta dati, sulla responsabilità medica, realizzata dal Consiglio d'europa in Italia nel 2003 sono stati presentati ricorsi a fronte dei della Francia o dei del Regno Unito. Le cause dell'esponenziale crescita del numero di controversie in tema di responsabilità medica si riconducono a diversi fattori: - La sensibilizzazione delle associazioni a difesa dei diritti del malato; - La maggior presa di coscienza dei propri diritti da parte del cittadino (si pensi al diritto alla salute ex art. 32 Cost.); - La pressione dei mass-media rispetto ai casi di malasanità; - L'evoluzione del concetto di responsabilità civile e le aperture della giurisprudenza a tutela dei pazienti; - L'ascesa della chirurgia estetica intesa quale opportunità di modificare il proprio aspetto fisico. La giurisprudenza dopo un'iniziale incertezza si è consolidata sulla natura contrattuale della responsabilità del medico. L'aumento dei casi di medical malpractice ha permesso alla giurisprudenza di arricchire il contenuto dell'obbligazione medica specie in talune tematiche quali il consenso informato (voce: consenso informato. Rapisarda G.), colpa medica (Voce: colpa in genere. Torrisi. L.), nesso di causalità (voce: nesso di causalità. Rapisarda. G) e onere probatorio. Nello specifico, la natura contrattuale della responsabilità medica è stata ricostruita sulla scorta del c.d. "contatto sociale" sussistente tra medico e paziente. Tuttavia, giurisprudenza minoritaria ha ritenuto che il contratto si perfezioni solo nel momento in cui il paziente esprima validamente il consenso il quale deve essere informato. Ciò considerato, il quadro normativo generale nel quale si inserisce la responsabilità civile del medico riguarda la disciplina generale della responsabilità contrattuale ed in particolare le norme dettate in tema di inadempimento. Innanzi tutto, convergendo la giurisprudenza sulla natura contrattuale della responsabilità del medico e della struttura sanitaria, è stata necessaria una precisa scelta di disciplina che ha determinato una recisione tout court con le norme dettate in tema di responsabilità extracontrattuale. Le differenze più importanti a seguito della suddetta scelta interpretativa possono così sintetizzarsi: a) è diverso l'onere probatorio: in materia di illecito extracontrattuale, esso si concreta nella dimostrazione da parte del danneggiato della colpa del danneggiante in base al principio che si ricava dalla lettura congiunta degli artt e 2697 c.c., mentre nel versante contrattuale, per l'inadempimento vige la regola dettata dall'art c.c., sicché è il debitore inadempiente che deve dimostrare che l'inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile; b) in tema di prescrizione la responsabilità medica e della struttura sanitaria si prescrive nel termine più ampio di dieci anni e non, viceversa, nel termine di cinque anni ex art c.c.; c) altra importante differenza attiene al danno risarcibile poiché a rigor di disciplina il danno risarcibile nella responsabilità contrattuale è

2 circoscritto, ai sensi dell'art c.c., a quello che poteva prevedersi nel tempo in cui è sorta l'obbligazione, ciò in caso di assenza di dolo in capo al debitore inadempiente. Nella responsabilità extracontrattuale, invece, vigono diversi principi alla stregua dei quali il creditore danneggiato può essere reintegrato nella situazione in cui si trovava prima dell'illecito, purché i danni possano configurarsi quali conseguenze immediate e dirette dell'azione illecita secondo i criteri della "causalità giuridica". In linea generale, è questo il quadro d'insieme sulla disciplina applicabile alla responsabilità del medico, tuttavia, è necessario precisare che un'altra norma applicabile è l'art c.c., anche se la giurisprudenza tende ad uniformare tale criterio con la sempre più rilevante affermazione della colpa lieve. In definitiva, si può affermare che due sono le obbligazioni principali che deve adempiere il medico: a) una costituita dal dovere di informazione al fine di rendere cosciente il paziente delle probabilità di successo della operazione nonché sulle possibili ripercussioni post-operatorie che possano recare danni, lesioni o diminuzioni della capacità psico-fisica del paziente; b) l'altra, di intervenire usando la diligenza tecnica richiesta dal caso concreto ai sensi dell'art 1176, 2 comma, c.c. Con riferimento a tale ultima obbligazione, tuttavia, non possono trascurarsi alcuni criteri di valutazione della responsabilità: invero non può richiedersi l'uso della stessa diligenza a seconda che il medesimo intervento sia effettuato da un medico generico o da un medico specialista altamente qualificato nel settore oggetto dell'intervento; inoltre, non possono trascurarsi fattori quali tecnologie e macchinari utilizzati, poiché l'uso di questi potrebbe rendere estremamente semplice un intervento per il medico o operatore sanitario che ne dispone rispetto al medico ovvero struttura sanitaria, priva delle medesime tecnologie. Per quanto attiene alla struttura sanitaria, si è affermato in giurisprudenza che la responsabilità dell'ente sanitario configura un'ipotesi di responsabilità oggettiva: infatti, si ritiene applicabile l'art c.c., che rende il debitore responsabile per i fatti dolosi o colposi degli ausiliari dei quali egli si avvale per l'esecuzione della prestazione. In particolare, la casa di cura risponde del fatto del medico anche quando questi operi come libero professionista, sicché non è necessario un vincolo lavorativo intercorrente tra medico e casa di cura. Focus giurisprudenziale La dottrina e la giurisprudenza hanno dato luogo ad un vivace dibattito sulla natura dell'obbligazione medica. Si pensi per esemplificare all'opera del medico chirurgo che tenda a migliorare l'aspetto estetico del paziente. Invero, se il risultato non è ottenuto e se a seguito dell'intervento la situazione originaria è rimasta inalterata o finanche peggiorata, rimane dubbio se il chirurgo possa sostenere che trattandosi di obbligazioni di mezzi, la pretesa risarcitoria del paziente sarà infondata laddove egli avrà dimostrato di avere operato secondo le regole dell'arte. La giurisprudenza non è stata unanime: un primo orientamento ha affermato che in caso di intervento di chirurgia estetica, grava sul danneggiato l'onere di provare che l'oggetto del contratto sia riferibile all'assunzione di una obbligazione di risultato, nonché di fornire la prova dell'inadempimento e della sua rilevanza integranti il presupposto dell'azione risarcitoria, ossia dei fatti concreti dai quali possa trarsi la conclusione dell'esito negativo dell'intervento. In senso diverso, alcune pronunce della Suprema Corte hanno affermato che l'obbligazione assunta dal medico, consistente nel provocare la definitiva infertilità di un paziente è, come tale, di risultato e non di mezzi. Altra giurisprudenza ha tenuto in considerazione diversi fattori che non si riducono alla contrapposizione classica fra obbligazione di mezzi o di risultato, infatti si è sostenuto che nel caso di intervento di facile esecuzione non si verifica un passaggio da obbligazione di mezzi a obbligazione di risultato, ma opera il principio della "res ipsa loquitur" applicato dagli ordinamenti anglosassoni, inteso come evidenza circostanziale che crea una deduzione di negligenza. Una posizione intermedia o "mista" è quella data da una parte della giurisprudenza laddove viene affermato che nel contratto avente ad oggetto una prestazione di chirurgia estetica, il sanitario può assumere una semplice obbligazione di mezzi, ovvero anche una obbligazione di risultato, da intendersi quest'ultimo non come un dato assoluto ma da valutare con riferimento alla situazione pregressa ed alle obiettive possibilità consentite dal progresso raggiunto dalle tecniche operatorie. A tal proposito, una risalente sentenza della Suprema Corte è assai interessante in quanto, mantenendo ferma la distinzione tra obbligazioni di mezzi e di risultato, in essa si afferma che la diligenza del professionista deve essere tesa al conseguimento del risultato. Sicché tale tensione verso un risultato utile rientra nell'orbita concettuale del dovere di informazione, anche se non dedotto expressis verbis nel contratto. In un altro caso il paziente aveva richiesto la rimozione di tatuaggi, ma l'esito della operazione era stato nefasto in quanto erano rimaste delle cicatrici sulla cute. La Cassazione ha ritenuto sindacabile il comportamento del medico perché questi non aveva adeguatamente informato il paziente degli esiti dell'intervento. In questo caso il medico aveva operato correttamente secondo le regole dell'arte, tuttavia il risultato non era stato quello voluto dal paziente. Infine, l'ultima posizione, ma di certo non per ordine di importanza e di seguito è quella che si attesta sulla configurabilità della obbligazione del medico quale obbligazione di mezzi, di tal ché il professionista, anche nel caso di intervento di chirurgia estetica, non risponde del mancato raggiungimento del risultato che il cliente si attendeva e che egli non è tenuto ad assicurare, nell'assenza di negligenza o imperizia, fermo il suo obbligo di prospettare al paziente le possibilità dell'ottenimento del risultato perseguito. In tema di onere probatorio si applicano i principi elaborati dalla giurisprudenza nella famosa sentenza resa dalle Sezioni Unite (30 ottobre 2001, n ). Quest'ultima decisione ha stabilito la regola secondo cui il creditore che agisce per la risoluzione contrattuale, per il risarcimento del danno o per l'adempimento deve dare la prova del suo titolo negoziale o legale allegando l'inadempimento della controparte. Sarà in tal caso il debitore a dovere provare il fatto estintivo ovvero costitutivo dell'avvenuto adempimento se non vorrà patire le conseguenze di una condanna. Le Sezioni semplici della Suprema Corte hanno applicato il principio di cui sopra in tema di responsabilità del medico affermando che grava sul paziente danneggiato l'onere di provare il contratto (o contatto), l'aggravamento della situazione patologica o l'insorgenza di nuove patologie nonché la prova del nesso di causalità tra l'azione o l'omissione del debitore e tale evento dannoso, allegando il solo inadempimento del sanitario, mentre resta a carico del medico dimostrare il suo adempimento ed in ogni caso di avere tenuto un comportamento diligente. Da ultimo le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono espresse sullo specifico argomento asserendo che "in tema di responsabilità professionale da contatto sociale del medico, ai fini del riparto dell'onere probatorio l'attore, paziente danneggiato, deve limitarsi a provare l'esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l'insorgenza o l'aggravamento della patologia ed allegare l'inadempimento del debitore, astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato,

3 rimanendo a carico del debitore dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante". (Sommario) 1. Onere della Prova. Tribunale Roma Sezione 2 Civile Sentenza del 15 settembre 2009, n Responsabilità professionale medica - Onere della prova a carico del professionista - Delimitazione. (c.c., artt. 1176, 2236, 2697). In materia di esercizio di attività professionale, il professionista è responsabile anche per colpa lieve (art. 1176, secondo comma c.c.), salvo che la prestazione dedotta in contratto implichi la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà, in quanto in quest'ultimo caso egli è tenuto al risarcimento dei danni unicamente per dolo o colpa grave (art c.c.); inoltre, qualora il professionista abbia eseguito la propria prestazione, grava sul committente l'onere di provare l'erroneità o l'inadeguatezza della prestazione professionale ricevuta, il danno ed il nesso causale tra la prima ed il secondo, incombendo al professionista l'onere di dimostrarne l'adeguatezza, ovvero che l'imperfetta esecuzione della prestazione è dovuta a caso fortuito o forza maggiore. Tribunale Roma Sezione 13 Civile Sentenza del 4 settembre 2009, n Obbligazioni - Inadempimento - Responsabilità professionale del medico - Onere della prova - Sussistenza - Contenuto. I principi in base ai quali chi lamenta l'inadempimento di una obbligazione contrattuale deve soltanto dimostrare l'esistenza e l'efficacia del contratto, mentre è onere del convenuto dimostrare o di avere adempiuto, ovvero che l'inadempimento non è dipeso da propria colpa, trovano applicazione anche nell'ipotesi di responsabilità professionale del medico, nel cui caso è onere del medico stesso dimostrare che il danno non sussiste, oppure che non è dipeso da propria colpa, così da superare la presunzione posta a carico del sanitario dall'art c.c. Corte di Cassazione Sezione 3 Civile Sentenza del 11 maggio 2009, n Responsabilità civile - Professionisti - Attività medico-chirurgica - Illecito omissivo - Nesso di causalità - Accertamento - Criterio della ragionevole probabilità - Sufficienza - Prova - Onere a carico del danneggiato - Grado di difficoltà dell'intervento - Rilevanza - Esclusione. E' configurabile il nesso causale tra il comportamento omissivo del medico ed il pregiudizio subito dal paziente qualora, attraverso un criterio necessariamente probabilistico, si ritenga che l'opera del medico, se correttamente e prontamente prestata, avrebbe avuto serie ed apprezzabili possibilità di evitare il danno verificatosi. L'onere della relativa prova grava sul danneggiato, indipendentemente dal grado di difficoltà dell'intervento medico-chirurgico. Corte di Cassazione Sezione 4 Penale Sentenza del 11 aprile 2008, n Medico - Responsabilità professionale - Responsabilità omissiva - Accertamento - Condizioni - iter logico dell'accertamento giudiziale. In tema di responsabilità professionale del sanitario, in linea con quanto puntualizzato dalle Sezioni Unite (sentenza 10 luglio 2002, Franzese), nella ricostruzione del nesso eziologico tra la condotta omissiva del sanitario e l'evento lesivo, l'"elevata probabilità logica" che consente di ritenere dimostrato tale nesso eziologico non esprime altro che la forte corroborazione dell'ipotesi sulla base delle concrete acquisizioni probatorie disponibili. Corroborazione che deve essere fondata sull'affidabilità delle informazioni scientifiche utilizzate; sull'evidenza probatoria, disponibile e coerente con l'ipotesi stessa; nonché, infine, sulla capacità di resistenza di questa rispetto alle contro-ipotesi. Solo in un quadro fattuale così profondamente investigato e interrogato, infatti, può esservi razionalità dell'ipotesi e la coerenza logico-argomentativa dell'enunciato diviene oggettiva dimostrazione di "verità" processuale. Insomma, solo la strenua ricerca delle più ampie informazioni scientifiche e probatorie e la rigorosa adesione a esse può fondare il giudizio d'imputazione causale. Con la precisazione che il giudizio di corroborazione dell'ipotesi sul fatto è pur sempre rimesso per intero al giudice e non agli esperti intervenuti nel processo che, talvolta, comprensibilmente, non hanno una conoscenza compiuta delle sofisticate categorie teoriche che regolano la causalità giuridica. Corte di Cassazione Sezione 3 Civile Sentenza del 14 febbraio 2008, n Contratti singoli - contratti tipici - contratto d'opera - prestazione d'opera intellettuale - responsabilità del medico - fattispecie In tema di responsabilità medica, spetta al medico/debitore fornire la prova della mancanza di colpa, mentre il paziente è tenuto soltanto a provare il rapporto instauratosi con il professionista e la riferibilità a quest'ultimo dell'intervento, allegando il risultato peggiorativo conseguito. Corte di Cassazione Sezione 3 Civile Sentenza del 17 gennaio 2008, n. 867 Responsabilità professionale - Nesso di causalità - Medico - Valutazione - Presupposti, condizioni e limiti - Condotta omissiva o commissiva - Non e' sufficiente - Accertamento dell'osservanza delle regole di cautela - Necessità E' configurabile il nesso causale fra il comportamento omissivo del medico ed il pregiudizio subito dal paziente qualora attraverso un

4 criterio necessariamente probabilistico si ritenga che l'opera del medico, se correttamente e prontamente prestata, avrebbe avuto serie ed apprezzabili possibilità di evitare il danno verificatosi. (Fattispecie relativa a medico ostetrico ginecologo che ha assistito con negligenza la partoriente). Corte di Cassazione Sezioni Unite Civile Sentenza del 11 gennaio 2008, n. 577 Responsabilità civile - professionisti - attività medico-chirurgica - Responsabilità contrattuale della struttura sanitaria - Responsabilità da contatto sociale del medico - Onere probatorio - Riparto - Mera limitazione, da parte del paziente danneggiato, alla prova del contratto e dell'insorgenza o aggravamento della patologia - Sufficienza - Fattispecie. In tema di responsabilità contrattuale della struttura sanitaria e di responsabilità professionale da contatto sociale del medico, ai fini del riparto dell'onere probatorio l'attore, paziente danneggiato, deve limitarsi a provare l'esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l'insorgenza o l'aggravamento della patologia ed allegare l'inadempimento del debitore, astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato, rimanendo a carico del debitore dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante (nella specie la.s.c. ha cassato la sentenza di merito che - in relazione ad una domanda risarcitoria avanzata da un paziente nei confronti di una casa di cura privata per aver contratto l'epatite C asseritamente a causa di trasfusioni con sangue infetto praticate a seguito di un intervento chirurgico - aveva posto a carico del paziente l'onere di provare che al momento del ricovero egli non fosse già affetto da epatite). Corte di Cassazione Sezione 3 Civile Sentenza del 31 marzo 2007, n Responsabilità civile - danno alla persona - responsabilità del medico - onere della prova Occorre necessariamente da parte del danneggiato, a fronte del modello normalmente realizzato da un comportamento attuato con la diligenza richiesta, provare il contratto e produrre la difformità della prestazione ricevuta per quel che concerne la responsabilità professionale medica. Invece l' onere di provare che l' inesattezza della prestazione dipende da causa a lui non ascrivibile, ovvero la prova del fatto impeditivo, spetta al debitore. Corte di Cassazione Sezione 3 Civile Sentenza del 11 novembre 2005, n Responsabilità civile - danno alla persona - dolo o colpa - nesso di causalità - onere della prova a carico del danneggiato anche in tema di responsabilità medica - ricorribilità ad elementi presuntivi Il principio che la prova del nesso di causalità tra l' azione o l' omissione e l' evento sia a carico del danneggiato non viene derogato in tema di responsabilità medica, restando a carico del paziente la prova dell' esistenza del contratto e dell' aggravamento della situazione patologica o l' insorgenza di nuove patologie per effetto dell' azione o dell' omissione. Qualora il ricorso alle nozioni di patologia medica e medicina legale non forniscano un grado di certezza assoluta sulla sussistenza del nesso causale tra evento dannoso e condotta colpevole,la ricorrenza di tale rapporto di causalità non può essere esclusa in base a seri e ragionevoli criteri di probabilità scientifica, soprattutto quando non vi sono altri preesistenti, concomitanti o sopravvenuti fattori determinanti. L' accertamento della sussistenza del nesso di causalità consente il ricorso alle presunzioni. Corte di Cassazione Sezione 3 Civile Sentenza del 21 giugno 2004, n Responsabilità civile - attività medica - responsabilità contrattuale - onere della prova In tema di responsabilità professionale medica l'onere della prova della colpa grave, a cui è subordinata la responsabilità del professionista in caso di prestazione che implichi la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà, grava sul debitore (nella specie, la Cassazione ha precisato che non è il paziente a dover provare la sussistenza della colpa, ma il medico a doverne dimostrare il difetto o la non qualificabilità in termini di gravità). Corte di Cassazione Sezioni Unite Civile - Sentenza del 30 ottobre 2001, n Obbligazioni in genere - inadempimento - responsabilità - del debitore - onere della prova - ripartizione tra il soggetto attivo ed il soggetto passivo del rapporto obbligatorio - criteri - mera allegazione della circostanza dell'inadempimento da parte del creditore istante per l'adempimento, la risoluzione, il risarcimento - sufficienza - applicabilità del principio. In tema di prova dell'inadempimento di una obbligazione, il creditore che agisca per la risoluzione contrattuale, per il risarcimento del danno, ovvero per l'adempimento deve soltanto provare la fonte (negoziale o legale) del suo diritto ed il relativo termine di scadenza, limitandosi alla mera allegazione della circostanza dell'inadempimento della controparte, mentre il debitore convenuto è gravato dell'onere della prova del fatto estintivo dell'altrui pretesa, costituito dall'avvenuto adempimento, ed eguale criterio di riparto dell'onere della prova deve ritenersi applicabile al caso in cui il debitore convenuto per l'adempimento, la risoluzione o il risarcimento del danno si avvalga dell'eccezione di inadempimento ex art (risultando, in tal caso, invertiti i ruoli delle parti in lite, poiché il debitore eccipiente si limiterà ad allegare l'altrui inadempimento, ed il creditore agente dovrà dimostrare il proprio adempimento, ovvero la non ancora intervenuta scadenza dell'obbligazione). Anche nel caso in cui sia dedotto non l'inadempimento dell'obbligazione, ma il suo inesatto adempimento, al creditore istante sarà sufficiente la mera allegazione dell'inesattezza dell'adempimento (per violazione di doveri accessori, come quello di informazione, ovvero per mancata osservanza dell'obbligo di diligenza, o per difformità quantitative o qualitative dei beni), gravando ancora una volta sul debitore l'onere di dimostrare l'avvenuto, esatto adempimento. (Nell'affermare il principio di diritto che precede, le SS.UU. della Corte hanno ulteriormente precisato che esso trova un limite nell'ipotesi di

5 inadempimento delle obbligazioni negative, nel qual caso la prova dell'inadempimento stesso è sempre a carico del creditore, anche nel caso in cui agisca per l'adempimento e non per la risoluzione o il risarcimento). Corte di Cassazione Sezione 4 Penale Sentenza del 28 novembre 2000, n Medico - Responsabilità professionale - Colpa - Condotta omissiva - Rapporto di causalità - Accertamento - Probabilità vicina alla certezza - Fattispecie In tema di responsabilità medica, il rapporto di causalità deve essere accertato avvalendosi di una legge di copertura, scientifica o statistica, che consenta di ritenere che la condotta omissiva, con una probabilità vicina alla certezza, sia stata causa di un determinato evento. (Fattispecie nella quale si è accertato che un tempestivo ricovero in ospedale di un paziente colpito da infarto acuto del miocardio avrebbe consentito un adeguato trattamento terapeutico che, con un alto grado di probabilità - in termini di elevati coefficienti percentualistici vicino a cento o quasi cento -, avrebbe migliorato notevolmente la prognosi del paziente ed evitato l'evento letale verificatosi solo dopo pochi giorni). (Sommario) 2. Colpa medica. Corte di Cassazione Sezione 4 Penale Sentenza del 16 marzo 2010, n Responsabilità professionale del medico - Responsabilità per omissione - Sussistenza del nesso di causalità - Alto grado di probabilità statistica - Sufficienza - Esclusione - Elevato grado di probabilità razionale - Necessità - Fattispecie. (C.p., articoli 40 e 589) Nel reato colposo omissivo improprio il rapporto di causalità tra omissione ed evento non può ritenersi sussistente sulla base del solo coefficiente di probabilità statistica, ma deve essere verificato alla stregua di un giudizio di alta probabilità logica, sicché esso è configurabile solo se si accerti che, ipotizzandosi come avvenuta l'azione che sarebbe stata doverosa ed esclusa l'interferenza di decorsi causali alternativi, l'evento, con elevato grado di credibilità razionale, non avrebbe avuto luogo ovvero avrebbe avuto luogo in epoca significativamente posteriore o con minore intensità lesiva (si veda sezioni Unite, 10 luglio 2002, Franzese) (fattispecie in tema di responsabilità professionale di un medico, cui era stata addebitata l'omessa diagnosi di un tumore, poi evolutosi con conseguenze letali, relativamente alla quale la Corte ha ritenuto corretto il ragionamento del giudice di merito che aveva formalizzato l'addebito evidenziando, alla luce degli esiti della perizia, che, laddove il sanitario avesse disposto accertamenti diagnostici più approfonditi, tenuto conto dello stato di minore sviluppo della malattia, avrebbe quantomeno ritardato di anni il decesso). Corte di Cassazione Sezione 4 Penale Sentenza del 11 marzo 2009, n Responsabilità professionale - Nesso di causalità (con l'evento lesivo) - Medico condotta omissiva - Certezza - Necessità L'instaurazione della relazione terapeutica tra medico e paziente è la fonte della posizione di garanzia che il primo assume nei confronti del secondo e da cui deriva l'obbligo di agire a tutela della salute e della vita. Nella ricostruzione del nesso eziologico, non può assolutamente prescindersi dall'individuazione di tutti gli elementi concernenti la causa dell'evento: solo conoscendo tutti gli aspetti fattuali e scientifici il momento iniziale e la successiva evoluzione della malattia è poi possibile analizzare la condotta (omissiva) colposa addebitata al sanitario per effettuare il giudizio controfattuale e verificare se, ipotizzandosi come realizzata la condotta dovuta, l'evento lesivo sarebbe stato evitato "al di là di ogni ragionevole dubbio". Corte di Cassazione Sezione 4 Penale Sentenza del 21 settembre 2009, n Medico - Responsabilità professionale - Intervento chirurgico - Responsabilità di équipe - Contenuto - Presupposti - Limiti - Fattispecie in tema di dimenticanza di corpi estranei. (C.p., articoli 41, 43 e 590) In tema di colpa medica, nell'attività chirurgica di équipe tutti i soggetti partecipanti sono tenuti a esercitare il controllo sul buon andamento dell'intervento chirurgico e in particolare tutti i soggetti intervenuti all'atto operatorio devono partecipare ai controlli volti a fronteggiare il frequente e grave rischio di lasciare nel corpo del paziente oggetti estranei, conseguendone che non è neppure consentita la delega delle proprie incombenze agli altri componenti, perché ciò vulnererebbe il carattere plurale, integrato, del controllo, che ne accresce l'affidabilità. E ciò vale, in generale, per tutte le fasi dell'intervento chirurgico in cui l'attività di équipe è corale, riguardando quelle fasi dell'intervento chirurgico in cui ognuno esercita e deve esercitare il controllo sul buon andamento dello stesso. Diverso discorso deve farsi, invece, per quelle fasi in cui, distinti nettamente, nell'ambito di un'operazione chirurgica, i ruoli e i compiti di ciascun elemento dell'équipe, dell'errore o dell'omissione ne può rispondere solo il singolo operatore che abbia in quel momento la direzione dell'intervento o che abbia commesso un errore riferibile alla sua specifica competenza medica: l'anestesista, per intendersi, non potrà certo rispondere dell'errore del chirurgo, come questi non risponderà di una inidonea somministrazione di anestetico da parte del primo. (Da queste premesse, relativamente a un addebito di lesioni colpose in danno di un paziente cui, durante un intervento chirurgico, era stata negligentemente dimenticata nell'addome una pezza laparatomica, è stato rigettato il ricorso presentato dall'aiuto chirurgo, il quale sosteneva che del fatto dovesse rispondere il primario che aveva eseguito personalmente l'atto operatorio). Tribunale Vicenza Penale Sentenza del 11 agosto 2009, n. 507 Sanità - Intervento chirurgico - Perforazione della pleura e del polmone - Omicidio colposo - Responsabilità del chirurgo - Nesso di causalità - Esclusione della rilevanza delle cause esterne - Evento morte quale conseguenza della negligenza e dell'imperizia del sanitario.

6 E' imputabile del reato di omicidio colposo il medico che nel corso di un intervento di posizionamento di un catetere venoso centrale, abbia, per colpa consistita nell'imperizia e nell'imprudenza, perforato il polmone del paziente inserendo l'ago nel cavo pleurico destro, provocandone in tal modo la repentina morte per insufficienza respiratoria. In siffatta ipotesi sussiste il nesso di causalità tra la condotta e l'evento qualora, pur essendo il paziente affetto da gravi patologie respiratorie, risulti accertato che, se l'ago non avesse perforato pleura e polmone, non si sarebbe verificato lo pneumotorace destro e non sarebbe seguito l'immediato decesso. La causalità nel caso di specie, è rappresentata dalla condotta colposa attiva del chirurgo idonea ad escludere l'interferenza di elementi causali esterni nel verificarsi dell'evento morte. Tribunale Roma Sezione 12 Civile Sentenza del 11 maggio 2009, n Limitazione di responsabilità professionale ai soli casi di dolo o colpa grave ex art c.c. - Problemi tecnici non ancora studiati o dibattuti a sufficienza - Sussistenza - Responsabilità per omissione di diligenza ed inadeguata preparazione - Limitazione ex art c.c. insussistenza La limitazione di responsabilità professionale ai soli casi di dolo o colpa grave ai sensi dell'art c.c. attiene esclusivamente alla perizia nella soluzione di problemi tecnici di particolare difficoltà che trascendono la preparazione media, ovvero perché la particolare complessità discende dal fatto che il caso non è ancora stato studiato a sufficienza o non è ancora stato dibattuto con riferimento ai metodi da adottare. Non può dunque ravvisarsi tale limitazione nell'ipotesi di imprudenza e negligenza, dovendosi così ritenere che la responsabilità sussista anche per colpa lieve quando per omissione di diligenza ed inadeguata preparazione si procuri un danno nell'esecuzione di un intervento operatorio o di una terapia medica. Tribunale Milano Sezione 5 Civile Sentenza del 9 marzo 2009, n Equipe chirurgica - Responsabilità solidale di tutti i medici anche ove le prestazioni non siano svolte contestualmente - Sussiste In tema di colpa professionale, nel caso di equipe chirurgica e più in generale in quello in cui ci si trovi di fronte ad ipotesi di cooperazione multidisciplinare nell'attività medico-chirurgica, sia pure svolta non contestualmente, ogni sanitario, oltre che al rispetto dei canoni di diligenza e prudenza connessi alle specifiche mansioni svolte, è tenuto ad osservare gli obblighi ad ognuno derivanti dalla convergenza di tutte le attività verso il fine comune ed unico Ne consegue che ogni sanitario non può esimersi dal conoscere e valutare l'attività precedente o contestuale svolta da altro collega, sia pure specialista in altra disciplina e dal controllarne la correttezza, se del caso ponendo rimedio o facendo in modo che si ponga opportunamente rimedio ad errori altrui che siano evidenti e non settoriali e, come tali, rilevabili ed emendabili con l'ausilio delle comuni conoscenze scientifiche del professionista medio. Corte d'appello Firenze Sezione 2 Civile Sentenza del 18 febbraio 2009, n. 215 Responsabilità medica - Nesso di causalità - Principio dell'equivalenza delle cause - Applicabilità - Distribuzione dell'onere della prova della sussistenza di una causa autonoma - Grava sul sanitario - Sussistenza. L'individuazione in capo al sanitario di una responsabilità in ordine all'evento dannoso verificatosi è strettamente legata alla riconducibilità causale dell'evento all'azione od omissione di costui; la sussistenza del nesso eziologico può essere affermata solo ove si raggiunga la certezza che il comportamento sia stato la causa dell'evento, ma ciò, tuttavia, non implica necessariamente che l'azione o l'omissione imputabile al sanitario sia stata la causa esclusiva del prodursi del danno, trovando applicazione in materia il principio dell'equivalenza delle cause, in virtù del quale il nesso causale può escludersi solo ove si verifichi una causa autonoma e successiva rispetto alla quale la precedente possa considerarsi tamquam non esset, peraltro la prova della effettiva sussistenza di tali condizioni deve essere fornita dal medico. (Nel caso in considerazione la Corte ha ritenuto la responsabilità del dentista per i danni subiti da un paziente ritenendo che questi, seppure verificatisi a distanza di oltre 18 mesi dall'intervento, fossero almeno in parte da ascrivere alla esecuzione della terapia endodontica protesica effettuata dal medico). Corte di Cassazione Sezione 3 Civile Sentenza del 19 aprile 2006, n Lavoro - lavoro autonomo - contratto d'opera - professioni intellettuali - responsabilità - in genere - medico chirurgo - responsabilità per colpa grave e per colpa lieve - presupposti relativi - fattispecie. La limitazione della responsabilità professionale del medico ai soli casi di dolo o colpa grave a norma dell'art cod. civ. si applica nelle sole ipotesi che presentino problemi tecnici di particolare difficoltà e, in ogni caso, tale limitazione di responsabilità attiene esclusivamente all'imperizia, non all'imprudenza e alla negligenza, con la conseguenza che risponde anche per colpa lieve il professionista che, nell'esecuzione di un intervento o di una terapia medica, provochi un danno per omissione di diligenza. (Nella specie, relativa alla paraplegia conseguita in danno di un paziente sottoposto a intervento di lombosciatalgia - emilaminectomia, la S.C. ha confermato la sentenza di merito che aveva ricondotto alla ipotesi di negligenza un errore diagnostico, l'omesso ricorso ad indagini strumentali e la gestione dei tempi dell'emergenza medico-chirurgica). Corte di Cassazione Sezione 3 Civile Sentenza del 13 gennaio 2005, n. 583 Sanità - responsabilità medica professionale - colpa del medico chirurgo -dovere di diligenza - natura dell'attività esercitata - articolo 1176 comma 2, del codice civile - contenuto e portata - limitazione di responsabilità ex articolo 2236 del cc - applicazione al solo caso d'imperizia (cc, articoli 1176, comma 2, e 2236) La responsabilità del medico chirurgo non può essere desunta ipso facto dal mancato raggiungimento del risultato utile che l'intervento

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA È un rapporto di natura contrattuale la cui fonte è il contatto

Dettagli

LA RESPONSABILITA' PROFESSIONALE IN SANITA. Dott.Laura Giurgola S.C. Igiene e Prevenzione- Settore Medicina Legale ASL4 Chiavarese

LA RESPONSABILITA' PROFESSIONALE IN SANITA. Dott.Laura Giurgola S.C. Igiene e Prevenzione- Settore Medicina Legale ASL4 Chiavarese LA RESPONSABILITA' PROFESSIONALE IN SANITA Dott.Laura Giurgola S.C. Igiene e Prevenzione- Settore Medicina Legale ASL4 Chiavarese Le fasi della Responsabilita Inosservanza degli obblighi o violazione dei

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO STUDIO LEGALE NODARO avv. Francesco Del Rio 25 Via Crescenzio 00193 Roma Tel. 06/68809743 r.a. Fax 06/68211161 e-mail:

Dettagli

RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO

RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO 1. Una paziente si sottopone presso il Policlinico Umberto I di Roma ad un intervento di settorinoplastica per risolvere un problema di disfunzione respiratoria

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA

ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA IL QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO Il Decreto Balduzzi - L. 8 novembre 2012 n.189 Art. 3 1 L'esercente

Dettagli

ANCORA SULLA RESPONSABILITA DELLA STRTUTTURA SANITARIA DA MALPRACTICE

ANCORA SULLA RESPONSABILITA DELLA STRTUTTURA SANITARIA DA MALPRACTICE ANCORA SULLA RESPONSABILITA DELLA STRTUTTURA SANITARIA DA MALPRACTICE di Barbara Mantile praticante avvocato del Foro di Napoli e Giorgio Vanacore avocato. del Foro di Napoli studio legale Vanacore I)

Dettagli

STUDIO LEGALE. Avv. Antonella Nigro. Responsabilità medica e ospedaliera. - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro

STUDIO LEGALE. Avv. Antonella Nigro. Responsabilità medica e ospedaliera. - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro Responsabilità medica e ospedaliera - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro Il tema della responsabilità medica e ospedaliera è ritornata ad essere di forte attualità a causa

Dettagli

Simposio ASMOOI: La responsabilità medica del lavoro in equipe LA RESPONSABILITA CIVILE PER IL LAVORO SVOLTO DALL EQUIPE.

Simposio ASMOOI: La responsabilità medica del lavoro in equipe LA RESPONSABILITA CIVILE PER IL LAVORO SVOLTO DALL EQUIPE. 11 Congresso Internazionale SOI Milano maggio 2013 Simposio ASMOOI: La responsabilità medica del lavoro in equipe LA RESPONSABILITA CIVILE PER IL LAVORO SVOLTO DALL EQUIPE. Lavoro in equipe Il buon andamento

Dettagli

La responsabilità civile

La responsabilità civile La responsabilità civile Responsabilità contrattuale (art. 1218 cc) Scaturisce da qualsiasi rapporto obbligatorio già precostituito. Il Medico generalista si obbliga ad eseguire una prestazione professionalmente

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

08/05/2012. La sorveglianza sanitaria e il medico competente

08/05/2012. La sorveglianza sanitaria e il medico competente UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Diritto della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Anno Accademico 2011-20122012 Lezione 2 Dott.ssa Ferrua Sara La sorveglianza

Dettagli

Quale responsabilità per il medico competente?

Quale responsabilità per il medico competente? Quale responsabilità per il medico competente? Convegno nazionale SNOP Bologna 14-15 novembre 2012 dr. Alberto Chinaglia A me pare che la figura del medico competente emerga dal nuovo testo sulla sicurezza

Dettagli

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE Art. 28 Cost. I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo

Dettagli

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices.

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com I progressi in campo scientifico hanno determinato un miglioramento

Dettagli

Avv. Silvia Stefanelli

Avv. Silvia Stefanelli Avv. Silvia Stefanelli Materia in costante evoluzione giurisprudenziale quella della responsabilità medica: da qui la necessità di un costante monitoraggio dei contenuti delle sentenze che vengono emanate

Dettagli

I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario. a cura di. Riccardo Bucci. Dottore in Diritto

I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario. a cura di. Riccardo Bucci. Dottore in Diritto I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario a cura di Riccardo Bucci Dottore in Diritto 1 I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario Il tema della responsabilità del

Dettagli

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA SANITARIO CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA RESPONSABILE E.. CHI DEVE DAR CONTO DI QUALCHE COSA

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE GENERALE E LA RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE MEDICA

LA RESPONSABILITA CIVILE GENERALE E LA RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE MEDICA LA RESPONSABILITA CIVILE GENERALE E LA RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE MEDICA Attività medica: Responsabilità penale Responsabilità civile Responsabilità disciplinare La responsabilita civile professionale

Dettagli

Prestazioni sanitarie e responsabilità civile

Prestazioni sanitarie e responsabilità civile Annaclara Viola Prestazioni sanitarie e responsabilità civile Ogni comportamento illecito riceve dal nostro ordinamento un particolare trattamento sanzionatorio che trova nella responsabilità civile l

Dettagli

Capitolo IV LA RESPONSABILITÀ DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA OSPEDALIERA

Capitolo IV LA RESPONSABILITÀ DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA OSPEDALIERA Capitolo IV LA RESPONSABILITÀ DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA OSPEDALIERA Sommario: 1. Il dovere di diligenza - 2. La limitazione di responsabilità di cui all art. 2236 c.c. - 3. Doveri del medico primario

Dettagli

La responsabilità nell esercizio delle professioni protette.

La responsabilità nell esercizio delle professioni protette. La responsabilità nell esercizio delle professioni protette. Responsabilità professionale e contatto sociale. Dott. Mario Mauro Firenze, 11 aprile 2011 Abstract. Individuazione del problema. La violazione

Dettagli

STUDIO LEGALE BOGLIONE IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012

STUDIO LEGALE BOGLIONE IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012 A VV. I TALO PARTENZA IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012 Il lontano passato: responsabilità extracontrattuale Il paziente che si riteneva danneggiato

Dettagli

La responsabilita sanitaria

La responsabilita sanitaria La responsabilita sanitaria opera diretta da Flavio Peccenini con la collaborazione di Antonio Cardace, Barbara De Risio, Giovanni Facci, Giovanni Fini Alfredo Francavilla, Diana Gervasio, Giuseppe Musolino

Dettagli

CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia Varese, 20 21-22 Giugno 2014

CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia Varese, 20 21-22 Giugno 2014 CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia Varese, 20 21-22 Giugno 2014 CFC - GIEC La responsabilità professionale del cardiologo

Dettagli

LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1

LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1 LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1 In tema di Responsabilità, occorre distinguere quelle relative: Alla Struttura Sanitaria; Al Medico Dipendente del SSN; Al Medico che svolge attività

Dettagli

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 A cura di Sergio Fucci Giurista e bioeticista, magistrato tributario,

Dettagli

(Omissis) -- 3. Infondato e' anche il ricorso del Massa. Sul secondo motivo si e' gia' detto (2.2.).

(Omissis) -- 3. Infondato e' anche il ricorso del Massa. Sul secondo motivo si e' gia' detto (2.2.). CORTE DI CASSAZIONE -- Sez. III -- 22 gennaio 1999 n. 589 (Conferma App. Roma 14 novembre 1995). L'obbligazione del medico dipendente dal servizio sanitario per responsabilità professionale nei confronti

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ GIURIDICA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE. Dr. Guido Rispoli, Procuratore della Repubblica Bolzano, Italia

LA RESPONSABILITÀ GIURIDICA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE. Dr. Guido Rispoli, Procuratore della Repubblica Bolzano, Italia LA RESPONSABILITÀ GIURIDICA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE 1 TIPI DI RESPONSABILITA Responsabilità penale Responsabilità civile Responsabilità erariale 2 Veste pubblicistica, anche se non esclusiva, del

Dettagli

INDICE. CAPITOLO I LA RILEVANZA DEL CONSENSO DEL PAZIENTE NEL TRATTAMENTO MEDICO-CHIRURGICO (Gianfranco Iadecola)

INDICE. CAPITOLO I LA RILEVANZA DEL CONSENSO DEL PAZIENTE NEL TRATTAMENTO MEDICO-CHIRURGICO (Gianfranco Iadecola) PARTE I LA RESPONSABILITÀ DEI MEDICI E DELLE STRUTTURE SANITARIE DIRITTO PENALE CAPITOLO I LA RILEVANZA DEL CONSENSO DEL PAZIENTE NEL TRATTAMENTO MEDICO-CHIRURGICO 1. Il trattamento medico-chirurgico...

Dettagli

E-LEARNING@DIRITTOSANITARIO.NE

E-LEARNING@DIRITTOSANITARIO.NE E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET 1 CORSO La responsabilità professionale LEZIONE I Il caso della omessa diagnosi di malformazioni del feto e nascita indesiderata CENTRO STUDI DI DIRITTO SANITARIO CORSO

Dettagli

Andrea Garello - Diego Piselli - Salvatore Scuto

Andrea Garello - Diego Piselli - Salvatore Scuto Andrea Garello - Diego Piselli - Salvatore Scuto Profili civili, penali e disciplinari Nuovo Codice deontologico Indice Premessa pag. XIII Parte prima LA RESPONSABILITÀ CIVILE di Diego Piselli Capitolo

Dettagli

LA DIFESA DELLA STRUTTURA SANITARIA. Avv. Marco Rodolfi

LA DIFESA DELLA STRUTTURA SANITARIA. Avv. Marco Rodolfi LA DIFESA DELLA STRUTTURA SANITARIA Attività medica: Struttura sanitaria pubblica Struttura sanitaria accreditata Struttura sanitaria privata La responsabilità della struttura pubblica Le strutture pubbliche

Dettagli

Omesso versamento di ritenute: la prova dai modd. DM10 Renzo La Costa

Omesso versamento di ritenute: la prova dai modd. DM10 Renzo La Costa Omesso versamento di ritenute: la prova dai modd. DM10 Renzo La Costa Se è pacifico che non può configurarsi il reato di omissione di versamento delle ritenute se la retribuzione non è stata materialmente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso 2366-2008 proposto da: M. F. elettivamente domiciliato

Dettagli

Art. 1 Comma 4 D.L. 536/96 (Legge n. 648)

Art. 1 Comma 4 D.L. 536/96 (Legge n. 648) Anti-VEGF e Aspetti medico legali T. Avitabile Art. 1 Comma 4 D.L. 536/96 (Legge n. 648) Qualora non esista valida alternativa terapeutica sono erogabili a totale carico del SSN i medicinali da impiegare

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AMMINISTRAZIONE: GIURISDIZIONE E PROCESSO REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Giugno 2011)

LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AMMINISTRAZIONE: GIURISDIZIONE E PROCESSO REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Giugno 2011) LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AMMINISTRAZIONE: GIURISDIZIONE E PROCESSO REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Giugno 2011) Prof. Giandomenico FALCON Fulvio CORTESE Nell ordinamento italiano il sistema complessivo

Dettagli

Motivi della decisione

Motivi della decisione Corte di Cassazione sezioni unite civili sentenza 20 novembre 2007 11 gennaio 2008, n. 577 Presidente Carbone Estensore Segreto Pm Iannelli conforme - Ricorrente G.G. Svolgimento del processo Con citazione

Dettagli

Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari.

Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari. Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari Bologna 2014 Le novità normative art. 3, primo comma, legge n. 189/2012

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. Sentenza 11 febbraio 2010, n. 3108. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. Sentenza 11 febbraio 2010, n. 3108. Svolgimento del processo L'assicurazione deve risarcire il danno per l incendio di un veicolo in sosta Cassazione civile, sez. III, sentenza 11.02.2010 n. 3108 (Giuseppe Mommo) La copertura assicurativa obbligatoria, riguarda

Dettagli

CASSAZIONE CIVILE - Sezione III - sentenza n. 11637 del 26 maggio 2014

CASSAZIONE CIVILE - Sezione III - sentenza n. 11637 del 26 maggio 2014 CASSAZIONE CIVILE - Sezione III - sentenza n. 11637 del 26 maggio 2014 omissis Svolgimento del processo 1. Gli eredi del defunto C.A. convenivano in giudizio, davanti al Tribunale di Milano, il dott. M.G.,

Dettagli

Tale orientamento è stato espresso in ambito sia dottrinale, sia giurisprudenziale.

Tale orientamento è stato espresso in ambito sia dottrinale, sia giurisprudenziale. La Sezione I Civile del Tribunale di Milano, con la sentenza n. 10261 emessa in data 18 agosto 2014, ha affermato che l art. 3, comma 1, della c.d. Legge Balduzzi (Legge 8 novembre 2012, n. 189, Conversione

Dettagli

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012 La nascita indesiderata Reggio Calabria 2012 La giurisprudenza sulla nascita indesiderata Cass. 12195 /1998 Principi generali Il danno va considerato causato dall illecito (art. 1223 c.c.) quando pur non

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA TERZA SEZIONE CIVILE composta dai seguenti magistrati: Edvige Verde -

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA TERZA SEZIONE CIVILE composta dai seguenti magistrati: Edvige Verde - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA TERZA SEZIONE CIVILE composta dai seguenti magistrati: Edvige Verde - Presidente - Diego Pinto - Consigliere - Antonella Miryam Sterlicchio

Dettagli

STUDIO LEGALE. www.casubrignola.it D.LGS. 231/2001 RIFLESSIONI SUI RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA LIGURE E LOMBARDA AVV. FRANCESCO BRIGNOLA

STUDIO LEGALE. www.casubrignola.it D.LGS. 231/2001 RIFLESSIONI SUI RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA LIGURE E LOMBARDA AVV. FRANCESCO BRIGNOLA D.LGS. 231/2001 RIFLESSIONI SUI RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA LIGURE E LOMBARDA AVV. FRANCESCO BRIGNOLA Trib. Milano (GIP) - Sent. 27/02/07 e Ord. 12/03/08 Criterio di attribuzione della responsabilità

Dettagli

DELIBERA N. 104/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ADGMH ITALIA XXX / TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale

DELIBERA N. 104/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ADGMH ITALIA XXX / TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale DELIBERA N. 104/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ADGMH ITALIA XXX / TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità

Configura un'ipotesi di vendita di aliud pro alio quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità Pagina 1 di 5 Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità La massima La vendita di immobile destinato ad abitazione,

Dettagli

La culpa in educando e la culpa in vigilando

La culpa in educando e la culpa in vigilando La culpa in educando e la culpa in vigilando Art. 30 della Costituzione E dovere e diritto dei genitori (mantenere, istruire ed) educare i figli. Art. 147 del Codice Civile prevede ( )l obbligo di (mantenere,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano. nella causa iscritta al n. 2280/2010 decisa all'udienza del 1.2.2012 TRA CONTRO E NEI CONFRONTI DI

REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano. nella causa iscritta al n. 2280/2010 decisa all'udienza del 1.2.2012 TRA CONTRO E NEI CONFRONTI DI REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano Il TRIBUNALE DI POTENZA in funzione di Giudice del lavoro nella persona del dr. Leonardo PUCCI ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al

Dettagli

FATTI GIURIDICI UMANI: LECITI ILLECITI: A) PENALI B) CIVILI C) AMMINISTRATIVI

FATTI GIURIDICI UMANI: LECITI ILLECITI: A) PENALI B) CIVILI C) AMMINISTRATIVI Corso di MEDICINA LEGALE prof. MAURO BACCI NOZIONI GENERALI DI DIRITTO FATTO O FENOMENO GIURIDICO perdita, acquisto o modificazione di un diritto FATTO GIURIDICO NATURALE indipendente dalla volontà FATTO

Dettagli

Str St a r te t gie gie orga g nizzative v e pe pe la promozione ne e sicu c r u ezza del de pa zien e te n : te proce oc dur e,line lin e e

Str St a r te t gie gie orga g nizzative v e pe pe la promozione ne e sicu c r u ezza del de pa zien e te n : te proce oc dur e,line lin e e Strategie organizzative per la promozione e sicurezza del paziente: procedure, linee guida, gestione della documentazione. Dalla qualità alla responsabilità. Andrea Minarini Direttore U.O.C. Medicina Legale

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

La responsabilità professionale del medico

La responsabilità professionale del medico La responsabilità professionale del medico «Cosa succede quando avviene un sinistro?» I giornata ANAAO GIOVANI Bari, 19 giugno 2013 «nella Borsa del diritto il titolo responsabilità del medico è segnalato

Dettagli

LA RESPONSABILITA PER DANNI DA EMOTRASFUSIONE. L azione ipotizzata ma omessa, avrebbe impedito l evento? Lezione del 19 maggio 2012.

LA RESPONSABILITA PER DANNI DA EMOTRASFUSIONE. L azione ipotizzata ma omessa, avrebbe impedito l evento? Lezione del 19 maggio 2012. LA RESPONSABILITA PER DANNI DA EMOTRASFUSIONE L azione ipotizzata ma omessa, avrebbe impedito l evento? 1. Sul nesso causale (artt. 40, 41 c.p.) Lezione del 19 maggio 2012 Ore 11:00/12:30 Daniela Fargnoli

Dettagli

L atto medico è la risultante di un insieme di azioni teleologicamente preordinate al raggiungimento di un fine unitario.

L atto medico è la risultante di un insieme di azioni teleologicamente preordinate al raggiungimento di un fine unitario. La responsabilità civile nell attività medica d équipe. L atto medico è la risultante di un insieme di azioni teleologicamente preordinate al raggiungimento di un fine unitario. Nella generalità dei casi,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cassazione Civile, Sezione III, sentenza 19.02.2013, n. 4030 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Svolgimento del processo 1. B.N., con

Dettagli

IN QUESTO NUMERO. Corte di Cassazione, sez. IV, sentenza del 10/07/2009 n. 37861 Delegato per la sicurezza e Rspp

IN QUESTO NUMERO. Corte di Cassazione, sez. IV, sentenza del 10/07/2009 n. 37861 Delegato per la sicurezza e Rspp IN QUESTO NUMERO Corte di Cassazione, sentenza del 16 dicembre 2013, n. 50605 Responsabilità del datore di lavoro, nomina di Rspp e delegato per la sicurezza, delega di funzioni. Corte di Cassazione, sez.

Dettagli

IL DOLO CONTRATTUALE O CIVILISTICO: APPLICAZIONE NEI GIUDIZI DI RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA SECONDO LA PIÙ RECENTE

IL DOLO CONTRATTUALE O CIVILISTICO: APPLICAZIONE NEI GIUDIZI DI RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA SECONDO LA PIÙ RECENTE IL DOLO CONTRATTUALE O CIVILISTICO: APPLICAZIONE NEI GIUDIZI DI RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA SECONDO LA PIÙ RECENTE GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DEI CONTI. La Sezione giurisdizionale per la Sardegna, con

Dettagli

Le ultime sentenze sulla responsabilità

Le ultime sentenze sulla responsabilità DOCUMENTI Le ultime sentenze sulla responsabilità Pubblichiamo le massime delle sentenze più recenti relative a depenalizzazione, colpa professionale, nesso causale e responsabilità civile Rassegna a cura

Dettagli

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE ART. 10 L'assicurazione a norma del presente decreto esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile per gli infortuni sul lavoro.

Dettagli

NOVITÀ E PROSPETTIVE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ MEDICA

NOVITÀ E PROSPETTIVE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ MEDICA NOVITÀ E PROSPETTIVE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ MEDICA Brescia, 20 marzo 2015 Cass. civ. Sez. III, 13/02/2015, n. 2847 La responsabilità del medico conseguente alla mancata ottemperanza agli obblighi

Dettagli

RCP e colpa grave, il peccato originale del medico

RCP e colpa grave, il peccato originale del medico RCP e colpa grave, il peccato originale del medico Dott. D.D Ambrosio ASL AT ART. 32 DELLA COSTITUZIONE: LA REPUBBLICA TUTELA LA SALUTE COME FONDAMENTALE DIRITTO DELL INDIVIDUO ED INTERESSE DELLA COLLETTIVITA

Dettagli

Diagnosi prenatali 18 luglio 1992

Diagnosi prenatali 18 luglio 1992 ASPETTI MEDICO-LEGALI DELLO SCREENING E DELLA DIAGNOSI PRENATALE Giorgio Gualandri, Medicina legale Le diagnosi prenatali rispondono ad una domanda sociale crescente nell'attuale sistema sanitario Premessa

Dettagli

Le ipotesi di responsabilità della banca nella concessione del credito

Le ipotesi di responsabilità della banca nella concessione del credito Le ipotesi di responsabilità della banca nella concessione del credito Prof. Daniela Caterino Diritto commerciale Diritto Fallimentare II Facoltà di Giurisprudenza Università degli Studi di Bari A. Moro

Dettagli

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti CASSAZIONE CIVILE, Sezione Lavoro, Sentenza n. 16148 del 20/08/2007 Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti Il datore di lavoro e ritenuto responsabile dei

Dettagli

L OBBLIGO DI DENUNCIA DEL DANNO ERARIALE

L OBBLIGO DI DENUNCIA DEL DANNO ERARIALE L OBBLIGO DI DENUNCIA DEL DANNO ERARIALE Dott. Corrado Croci Sost. Proc. Gen. Corte dei Conti Procura Regionale per il Piemonte Il mio intervento riguarderà un tema credo - di un certo interesse per i

Dettagli

3. Le ipotesi di infortuni derivanti da comportamenti di preposti e/o lavoratori soggetti a direzione e vigilanza degli organi apicali.

3. Le ipotesi di infortuni derivanti da comportamenti di preposti e/o lavoratori soggetti a direzione e vigilanza degli organi apicali. 1. Premessa: Le presenti linee guida sono state elaborate dai magistrati appartenenti al gruppo di lavoro prevenzione infortuni di concerto con l Ispettorato del lavoro della Provincia di Bolzano. In assenza

Dettagli

Sentenza 9445/2012 Risarcimento del danno non patrimoniale Accertamento incindenter tantum della sussistenza degli elementi costitutivi del reato.

Sentenza 9445/2012 Risarcimento del danno non patrimoniale Accertamento incindenter tantum della sussistenza degli elementi costitutivi del reato. Sentenza 9445/2012 Risarcimento del danno non patrimoniale Accertamento incindenter tantum della sussistenza degli elementi costitutivi del reato. In tema di responsabilità civile e di richiesta di risarcimento

Dettagli

La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali.

La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali. La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali. Dr Salvatore Iannuzzi Dirigente medico di I livello, Centro Medico legale INAIL Catania

Dettagli

di VALENTINA ZUECH Praticante Avvocato nel Foro di Trento Forum Naonis Rivista telematica di giurisprudenza - n. 20 Luglio 2009

di VALENTINA ZUECH Praticante Avvocato nel Foro di Trento Forum Naonis Rivista telematica di giurisprudenza - n. 20 Luglio 2009 Brevi note sull accertamento della responsabilità sociale degli amministratori di società e sulla quantificazione del danno risarcibile (Nota a Trib. Pordenone 15.1.2009 n. 34) di VALENTINA ZUECH Praticante

Dettagli

RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI:

RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI: RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI: il caso della prevenzione e gestione della caduta del paziente nelle strutture sanitarie 2 edizione 15 Novembre 2012 Le professioni intellettuali

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 Svolgimento del processo Il giudice del lavoro del Tribunale di Brescia accolse la domanda con la quale G.M. aveva chiesto la dichiarazione di illegittimità

Dettagli

Scaricato da www.sunhope.it

Scaricato da www.sunhope.it Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Medicina Pubblica, Clinica e Preventiva LA COLPA MEDICA (Come difenderci) prof. Antonello Crisci Professore Associato di Medicina Legale 12 ottobre

Dettagli

LE COPERTURE ASSICURATIVE

LE COPERTURE ASSICURATIVE LE COPERTURE ASSICURATIVE Dott. Attilio Steffano a.steffano@assimedici.it COME PERSONALIZZARE LA POLIZZA IDENTIFICAZIONE DELLE COMPAGNIE DISPOSTE AD ASSUMERE IL RISCHIO CONOSCERE LA DISPONIBILITA DELLA

Dettagli

Colpa medica ed equipe

Colpa medica ed equipe Questione Colpa medica ed equipe Tizia, gravida alla trentanovesima settimana si reca presso l Ospedale X in stato di ipertensione arteriosa gestazionale. La mattina successiva, alle ore 9.30, viene portata

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO

PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO La questione in esame circa la possibilità di un azione di risarcimento del danno patito a causa del tardivo

Dettagli

D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011

D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 Responsabilità degli amministratori per la Cenni sulla Responsabilità Civile e Penale dei componenti dell OdV

Dettagli

Il risarcimento del danno conseguente alla responsabilità precontrattuale (nota a Tribunale di Pordenone, sentenza 16 giugno 2005, n.

Il risarcimento del danno conseguente alla responsabilità precontrattuale (nota a Tribunale di Pordenone, sentenza 16 giugno 2005, n. Il risarcimento del danno conseguente alla responsabilità precontrattuale (nota a Tribunale di Pordenone, sentenza 16 giugno 2005, n. 610) di MONICA PILOT Avvocato del Foro di Pordenone 1. Premessa 2.

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ MEDICA

LA RESPONSABILITÀ MEDICA INCONTRO DI STUDI ORGANIZZATO DALL ASSOCIAZIONE FORENSE DI TRINITAPOLI PRESSO IL TRIBUNALE DI TRINITAPOLI SEZIONE DISTACCATA DEL TRIBUNALE DI FOGGIA 23 MAGGIO 2013 LA RESPONSABILITÀ MEDICA ANGELO SALERNO

Dettagli

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n.

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. 581 In termini generali la protezione del diritto d autore del software

Dettagli

Responsabilità di datore di lavoro, dirigente, preposto e RSPP

Responsabilità di datore di lavoro, dirigente, preposto e RSPP Responsabilità di datore di lavoro, dirigente, preposto e RSPP Nel caso di infortuni sul lavoro, non basta la nomina di un soggetto addetto al servizio di prevenzione e protezione in uno specifico stabilimento,

Dettagli

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA Art. 2901 c.c. Condizioni. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci

Dettagli

RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA CIVILE DI LEGITTIMITA IN MATERIA DI CHIRURGIA PLASTICA ED ESTETICA

RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA CIVILE DI LEGITTIMITA IN MATERIA DI CHIRURGIA PLASTICA ED ESTETICA RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA CIVILE DI LEGITTIMITA IN MATERIA DI CHIRURGIA PLASTICA ED ESTETICA Cassazione, n. 4394 del 1985. Il caso riguardava una ballerina professionista e spogliarellista la quale, sottopostasi

Dettagli

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 5/2014 Pillole di Cassazione Pagina 1 di 7 INDICE 1) Sicurezza sul lavoro, doveri del datore e presunzione di responsabilità pag. 3 2) Le somme accantonate dal datore di lavoro

Dettagli

Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI

Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI SOMMARIO: 1. L' ingiustificatezza qualificata come via di accesso alla tutela reale. - 2. Le due ipotesi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Allineandosi all attuale orientamento giurisprudenziale in materia di responsabilità del Ministero della Salute per omessa vigilanza sulla produzione e sulla distribuzione dei vaccini e del sangue

Dettagli

La responsabilità amministrativa e la Corte dei Conti. Milano, sabato 27 settembre 2014 Villa Monastero Avv. Maura Carta

La responsabilità amministrativa e la Corte dei Conti. Milano, sabato 27 settembre 2014 Villa Monastero Avv. Maura Carta La responsabilità amministrativa e la Corte dei Conti Milano, sabato 27 settembre 2014 Villa Monastero Avv. Maura Carta Responsabilità amministrativa responsabilità amministrativo contabile del sanitario

Dettagli

Licenziamento, periodo di malattia e attività presso terzi (Cass. n. 21938/2012) Staiano Rocchina

Licenziamento, periodo di malattia e attività presso terzi (Cass. n. 21938/2012) Staiano Rocchina Licenziamento, periodo di malattia e attività presso terzi (Cass. n. 21938/2012) Staiano Rocchina Diritto.it Massima La mancata prestazione lavorativa in conseguenza dello stato di malattia del dipendente

Dettagli

U.O. di Medicina Legale. Direttore: Mauro Martini Coordinatore Programma Risk Management e UGS

U.O. di Medicina Legale. Direttore: Mauro Martini Coordinatore Programma Risk Management e UGS U.O. di Medicina Legale Direttore: Mauro Martini Coordinatore Programma Risk Management e UGS Informazione mediatica pubblicità negativa trasmissioni in tema di salute Cittadini consapevolezza dei propri

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE

LA RESPONSABILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE LA RESPONSABILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE Le responsabilità contrattuali di un lavoratore dipendente nei confronti del proprio datore di lavoro rappresentano un argomento di costante attualità. In relazione

Dettagli

Roma Spine 2012 VII Congresso annuale Roma, Hotel Crowne Plaza, 6-7 dicembre 2012

Roma Spine 2012 VII Congresso annuale Roma, Hotel Crowne Plaza, 6-7 dicembre 2012 Roma Spine 2012 VII Congresso annuale Roma, Hotel Crowne Plaza, 6-7 dicembre 2012 L esercizio dell arte medica è non solo consentito, ma anche autorizzato, direttamente dalla Costituzione italiana. Art.

Dettagli

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO 12/11/12$ Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO Il contesto ambientale Il ruolo della giurisprudenza La medicina difensiva Il ruolo del singolo operatore Il ruolo del legislatore 1$ Responsabilità

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

RESPONSABILITÀ MEDICA

RESPONSABILITÀ MEDICA RESPONSABILITÀ MEDICA LA RESPONSABILITA' DELLA STRUTTURA SANITARIA COME RESPONSABILITA' CONTRATTUALE: IN PARTICOLARE, LA RESPONSABILITA' PER DANNI CAGIONATI IN OCCASIONE DEL PARTO ED IL C.D. "DANNO DA

Dettagli