Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli"

Transcript

1 Corso di bilancio e principi contabili Nona lezione: Le rimanenze di magazzino Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli

2 Le rimanenze nello SP C) ATTIVO CIRCOLANTE I - Rimanenze: 1) materie prime, sussidiarie e di consumo; 2) prodotti in corso di lavorazione e semilavorati; 3) lavori in corso su ordinazione; 4) prodotti finiti e merci; 5) acconti.

3 I valori collegati alle rimanenze nel CE Nel CE appaiono le voci riferite alle variazioni delle rimanenze dei vari elementi del magazzino: variazioni delle rimanenze dei prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti (A.2); variazioni dei lavori in corso su ordinazione (A.3); variazioni delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci (B.11).

4 Il segno delle variazioni delle rimanenze nel CE Voce Variazioni rimanenze dei prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti (A.2) Variazioni lavori in corso su ordinazione (A.3) Variazioni rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci (B.11) Incremento + (increm. Valore prod.) + (increm. Valore prod.) - (decrem. Costi prod.) Decremento - (decrem. Valore prod.) - (decrem. Valore prod.) + (increm. Costi prod.)

5 Il criterio generale di valutazione delle rimanenze (1): COST OR MARKET Codice Civile: «le rimanenze sono iscritte al costo di acquisto o di produzione, calcolato secondo il n. 1 (cfr. immobilizzazioni), ovvero al valore di realizzazione desumibile dall andamento del mercato se minore» (art. 2426, c.1, n.9). PC n.13: costi da rinviare al futuro prudenzialmente svalutati quando il valore di mercato dei beni in magazzino raggiunga livelli inferiori (non è possibile includere nel valore dei beni parte del margine reddituale in formazione).

6 Il criterio generale di valutazione delle rimanenze (2) PC n.13: valutazione separata per ogni tipologia di bene presente in magazzino (codice magazzino); costo comprensivo del complesso delle spese sostenute per avere la disponibilità delle giacenze nel luogo e nella condizione in cui si trovano al momento della valutazione.

7 Le rimanenze di materie e prodotti: il costo storico Costo unitario MATERIE PRIME, SUSSID. E DI CONSUMO, MERCI Costo di acquisto resi, abbuoni, sconti commerciali + oneri accessori d acquisto + costi ricevimento, controllo, immagazzinaggio PRODOTTI IN CORSO DI LAV., SEMILAV. E FINITI Costi diretti di produzione + quota ragionevolmente imputabile di costi indiretti

8 Le rimanenze di materie e prodotti: il valore di realizzazione Valore di mercato MATERIE PRIME, SUSSID. E DI CONSUMO, MERCI PRODOTTI IN CORSO DI LAV., SEMILAV. E FINITI Costo di sostituzione Costo con il quale in normali condizioni di gestione un bene può essere riacquistato Valore netto di realizzo Prezzo di vendita - Costi completamento - Costi di distribuzione

9 Altre condizioni per la determinazione del valore di mercato La determinazione del valore di realizzazione desumibile dal mercato avviene considerando: per le materie prime il valore di mercato coincide con il costo di sostituzione, ossia il costo con il quale in normali condizioni di gestione una determinata voce in magazzino può essere riacquistata ; un dato tendenziale (trend di mercato) più che puntuale (valore al 31/12); le singole voci, ed evitando compensazioni tra le svalutazioni sui beni con valore di mercato inferiore al costo con gli utili sperati sui beni con valore di mercato superiore al costo.

10 Esempio di applicazione del principio del minor valore tra costo e mercato A B C D Prodotto finito Z: Costo storico Prezzo di vendita Valore netto di realizzo (Pv 100 di costi di completamento e costi diretti di vendita) Valutazione del prodotto finito Z in magazzino

11 I metodi di determinazione del costo dei beni fungibili L art (c. 1, punto 10), dispone che il costo dei beni fungibili può essere calcolato secondo i seguenti metodi (ritenuti tutti ugualmente ammissibili dal PC n. 13): media ponderata ; primo entrato, primo uscito (FIFO); ultimo entrato, primo uscito (LIFO); sempre che la valutazione non possa convenientemente essere fatta a costi specifici, cioè al loro effettivo costo di acquisto.

12 I metodi di determinazione del costo dei beni fungibili Il metodo del costo medio ponderato prevede due alternative: per periodo: comporta il calcolo di una media dei prezzi di acquisto dei beni ponderata per le quantità acquistate; per movimento: comporta la determinazione di un nuovo costo ponderato ogni qual volta si verifica un nuovo acquisto; il costo medio ponderato così calcolato è utilizzato per valorizzare gli scarichi immediatamente seguenti.

13 I metodi di determinazione del costo dei beni fungibili Il metodo FIFO ipotizza una movimentazione delle rimanenze razionale: si utilizzano o si vendono quelle da più tempo disponibili; restano in magazzino le quantità relative agli acquisti o produzioni più recenti.

14 I metodi di determinazione del costo dei beni fungibili Il metodo LIFO ha due varianti: quello continuo ipotizza che i beni in uscita dal magazzino siano quelli acquistati più di recente e che le rimanenze siano costituite da beni entrati nei primi periodi; quello a scatti: nel primo periodo valuta le rimanenze al costo medio ponderato di acquisto o di fabbricazione; negli altri esercizi valuta la quantità all inizio e alla fine del periodo: a) gli incrementi vengono valutati al costo medio ponderato dell esercizio e si aggiungono ai valori preesistenti; b) i decrementi riguardano gli scatti formatisi per ultimi.

15 LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DEI BENI FUNGIBILI Esempio 1 (materie e merci) (a) t 1 : lotto A: 100 u * t 2 : lotto B: 240 u * t 3 : lotto C: 110 u * A 150 B 30 C 20 A 90 B 80 C RIMANENZE FINALI = 190 Possibilità: Costo effettivo Costo medio ponderato Costo LIFO Costo FIFO

16 LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DEI BENI FUNGIBILI Esempio 1 (materie e merci) (b) 1. COSTO EFFETTIVO DI ACQUISTO 20 x = x = x 900 = COSTO MEDIO PONDERATO 100 * * * 900 = 450 = 1.082,2 * 190 = a partire dai tti più lontani 3. LIFO (LAST IN FIRST OUT) 100 * = * = FIFO (FIRST IN FIRST OUT) 110 * 900 = * = a partire dai lotti più vicini

17 LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DEI BENI FUNGIBILI Esempio 2 (a) Data Q.acq. p. acq v.acq. q. usc. q. rim. 10/4/x / / / / / TOT Costo medio ponderato = : = 2.122,22 * 600 = Fifo = (400 * 2.250) +(200 * 2.200) = : 600 = = costo unitario Lifo = (100 * 2.000) + (500 * 2.200) = : 600 = = Costo unitario 2.167

18 LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DEI BENI FUNGIBILI- Esempio 2 (c) IL METODO DEL LIFO A SCATTI Anno Rim. Scatto C.M.P. Valore Finale dell anno * 30 = (15* 34) = (12 * 35) = (7*34) = (13*43) = 1.547

19 IL VALORE DI MERCATO E LE SVALUTAZIONI I costi unitari vanno confrontati con il valore di mercato alla chiusura dell esercizio e si deve scegliere il minore. - 31/12/x: costo 100, valore mercato 80 Valutazione = 80-31/12/x+1: costo 100, valore mercato 110 Valutazione = 100 Il minor valore non può essere mantenuto negli esercizi successivi se vengono meno i motivi che lo hanno originato. La svalutazione può essere effettuata con metodo diretto o con metodo indiretto (utilizzando fondi svalutazione). Per maggiore chiarezza, prima occorre rilevare le RF al costo e poi svalutarle con l impiego di un fondo distinto di rettifica.

20 I PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE Secondo il documento 13: i semilavorati hanno identità fisica definita; ai fini della valutazione sono del tutto equiparabili alle materie prime; i prodotti in corso di lavorazione sono materiali e componenti in fase di avanzamento non identificabili fisicamente in modo univoco; ai fini della valutazione si devono individuare gli elementi che sono allo stesso stadio di produzione e attribuire loro la parte di costi di produzione sostenuta.

21 LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI PRODUZIONE DEI PRODOTTI (1) LO SCHEMA DEL COSTO DI PRODOTTO Materiali indiretti Altri costi di produzione Manodopera indiretta Base diallocazione Costi generali di produzione COSTI INDIRETTI COSTI DIRETTI PRODOTTO Materiali diretti Manodopera diretta Altricosti diretti

22 LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI PRODUZIONE DEI PRODOTTI (2) art. 2426, n.1), Il costo di produzione comprende tutti i costi direttamente imputabili al prodotto... Un esempio Prodotto A: materie 5Kg * 3 /KG = 15,00 + manodopera diretta 2h * 28 /H = 56,00 + servizi esterni 8 /pezzo = 8,00 + totale costi diretti unitari = 79,00 Può comprendere anche altri costi, per la quota ragionevolmente imputabile al prodotto, relativi al periodo di fabbricazione.

23 LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI PRODUZIONE DEI PRODOTTI (3) DOCUMENTO N PRINCIPI CONTABILI CNDC-CNR raccomanda che si attribuiscano solo i costi indiretti che hanno contribuito a portare le giacenze di magazzino nel luogo e nelle condizioni in cui si trovano. Ovvero: sono inclusi i costi indiretti industriali (ammortamenti, manodopera indiretta, manutenzioni, etc.); sono esclusi i costi indiretti amministrativi, commerciali, di ricerca e sviluppo, straordinari, oneri finanziari (con eccezioni). Per imputare i costi indiretti industriali si deve scegliere una base di ripartizione. Il coefficiente di imputazione: tot di costi indiretti per una unità della base

24 LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI PRODUZIONE DEI PRODOTTI (4) Un esempio. Ammortamenti = ,00 Manutenzioni = 2.000,00 Manodopera indiretta = 4.000,00 = ,00 Base di riparto prescelta: ore di lavoro diretto (MOD) = di cui: ore dedicate a A (Q=1.000 u) ore dedicate a B (Q = u) totale costi indiretti = ,00 totale base 5.000,00 = 3,20 /h da moltiplicare per: / = 2 ore lavoro dedicate ad 1 unità di A / = 1 ore dedicate ad 1 unità di B

25 LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI PRODUZIONE DEI PRODOTTI (5) Un esempio (segue) Prodotto A: Costi diretti materie 5Kg * 3 /KG = 15,00 + manodopera diretta 2h * 28 /H = 56,00 + servizi esterni 8 /pezzo = 8,00 + Totale costi diretti unitari = 79,00 Costi indiretti Quota costi indiretti (2 * 3,20) = 6,40 Totale costo unitario = 85,40

26 I lavori in corso su ordinazione: elementi caratterizzanti I lavori in corso su ordinazione assumono le seguenti caratteristiche: carattere formale: deve esistere un contratto con il cliente; oggetto: realizzazione di opere (beni o servizi) risultanti da un unico progetto, secondo le specifiche tecniche fornite dal cliente; durata delle attività: normalmente ultrannuale.

27 Le rimanenze di lavori in corso su ordinazione: il criterio base di valutazione I lavori in corso su ordinazione possono essere valutati: al costo di produzione, entro i limiti in cui esso è recuperabile attraverso i futuri ricavi di vendita (valore di realizzo diretto); sulla base della percentuale di completamento.

28 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE: I CRITERI ALTERNATIVI DI VALUTAZIONE Secondo l art. 2426, n.11) i lavori in corso su ordinazione possono essere valutati sulla base dei corrispettivi maturati con ragionevole certezza (percentuale di completamento). I due criteri alternativi di valutazione: 1. Metodo del contratto completato (al costo) valutazione in base a costi specifici (scheda di commessa); usato in condizioni di incertezza tali da rendere inattendibili le stime. 2. Metodo della percentuale di completamento o di avanzamento valutazione in base alla quota di ricavo maturata nell esercizio; usato quando i dati sono sicuri (contratto irrevocabile, etc.).

29 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE: I CRITERI ALTERNATIVI DI VALUTAZIONE Il metodo della percentuale di completamento prevede: 1. la stima dei ricavi complessivamente derivanti dalla commessa; 2. la predisposizione di un preventivo di costo distinto nelle diverse fasi di articolazione dei lavori; 3. la stima del grado di avanzamento dei lavori (ad es. facendo un rapporto tra costi sostenuti e costi preventivati).

30 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE (1) A) Il metodo della percentuale di avanzamento si fonda sui seguenti parametri: corrispettivi pattuiti; stato di avanzamento dei lavori. B) Il metodo della commessa completata prevede che: le rimanenze vengano valutate al costo sostenuto; l'imputazione dell'utile sulla commessa avvenga nell'esercizio in cui sono consegnate le opere o ultimati i servizi.

31 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE (1) Esempio L'impresa ha accettato di produrre una commessa biennale del valore complessivo di Euro/mil L'impresa ritiene di sostenere costi complessivi pari a Euro/mil. 200, di cui 80 (40%) nel primo anno e 120 (60%) nel secondo anno. Si costruisca il conto economico dell'impresa produttrice nei due esercizi utilizzando il metodo della percentuale di completamento e quello della commessa completata

32 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE (2) Metodo della percentuale di avanzamento osti 80 Anno 1 Conto economico tile...20 Opere in corso (40% x 250)..100 Stato patrimoniale pere in rso Anno 2 Conto economico Opere in Ricavi.250 corso 100 Costi 120 Utile...30 Stato patrimoniale Clienti...250

33 osti 80 tile...0 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE (3) Anno 1 Metodo della commessa completata Conto economico Opere in corso.80 Anno 2 Opere in corso 80 Costi..120 Conto economico Utile...50 Ricavi 250 ere in rso..80 Stato patrimoniale Clienti Stato patrimoniale

34 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE: ESEMPIO DI APPLICAZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE Esempio Si è concluso un contratto per la costruzione di una nave. Il prezzo pattuito è pari a euro e si prevede di sostenere costi complessivi per Nell'arco del periodo di produzione, pari a 3 anni, si prevede di sostenere i seguenti costi: - al 1 anno costi sostenuti : - al 2 anno costi sostenuti : - al 3 anno costi sostenuti Si determini il valore dei beni in corso su ordinazione nei tre esercizi utilizzando il metodo della percentuale di completamento e quello della commessa completata.

35 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE: ESEMPIO DI APPLICAZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE A) al 1 anno costi sostenuti : - valutazione 1 metodo = valutazione 2 metodo = (20.000/80.000) * = B) al 2 anno costi sostenuti (= ): - valutazione 1 metodo = valutazione 2 metodo = (50.000/80.000) * = C) al 3 anno costi sostenuti (= ) e cessione del bene con un ricavo di : - valutazione 1 metodo = 0 - valutazione 2 metodo = 0.

36 IL CONTENUTO DELLA NOTA INTEGRATIVA Le disposizioni civilistiche prevedono che la NI fornisca le seguenti informazioni relative alle rimanenze: criteri di valutazione utilizzati e metodo di costo adottato; criteri impiegati per la svalutazione e l eventuale rivalutazione; eventuale cambiamento di metodo di valutazione e effetto sul CE; gravami esistenti sui beni in magazzino (ad esempio pegni); eventuali interessi passivi inclusi nel costo di produzione; differenza tra il valore delle rimanenze a prezzi correnti e la valutazione di bilancio (se inferiore).

37 IL CONTENUTO DELLA NOTA INTEGRATIVA Le disposizioni civilistiche prevedono che la NI fornisca le seguenti informazioni relative ai lavori in corso su ordinazione: criteri di valutazione adottati, specificando e motivando la scelta del metodo di misurazione dello stato di avanzamento; gli ammontari significativi degli impegni, specie per i lavori da eseguire; le incertezze e le attività / passività potenziali relative al contratto; l impegno dei corrispettivi aggiuntivi compresi nelle rimanenze; i rapporti con i consorzi ai quali l azienda partecipa.

38 LE REGOLE IASB Lo IAS 2 (Inventories) si applica alle rimanenze di magazzino ad esclusione delle attività biologiche prima del raccolto, delle commesse di lunga durata, e degli strumenti finanziari. Le rimanenze di magazzino devono essere valutate al minore tra il costo di acquisto e il valore di realizzo. Fanno eccezione: a) le rimanenze di prodotti agricoli e minerari, che dopo il raccolto sono valutati al valore netto di realizzo (valore firm specific); b) i generi di largo consumo detenuti da intermediari commerciali, che sono valutati al fair value (valore di mercato) diminuito del costo di vendita.

39 LE REGOLE IASB A seconda del tipo di beni, si modifica il criterio per calcolare il costo: a) per i beni infungibili, il costo deve essere specifico, ossia calcolato per ogni unità del bene; b) per i beni fungibili, si deve utilizzare il metodo FIFO o il metodo della media ponderata; non è ammesso il LIFO. Secondo lo IAS 11 (Construction contracts) le commesse a lungo termine devono essere valutate con il metodo della percentuale di completamento. Il metodo della commessa completata è applicabile solo quando il risultato della commessa non può essere stimato con attendibilità.

Il criterio generale di valutazione delle rimanenze (1): COST OR MARKET

Il criterio generale di valutazione delle rimanenze (1): COST OR MARKET Il criterio generale di valutazione delle rimanenze (1): COST OR MARKET Codice Civile: «le rimanenze sono iscritte al costo di acquisto o di produzione, calcolato secondo il n. 1 (cfr. immobilizzazioni),

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le rimanenze di magazzino 1 Le rimanenze 1) DEFINIZIONE: individuazione del significato e delle caratteristiche 2) QUANTIFICAZIONE: enumerazione

Dettagli

La valutazione delle rimanenze di magazzino

La valutazione delle rimanenze di magazzino Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Economia Corso di Ragioneria Generale e Applicata Prof. Michele Pisani A.A. 2006-2007 La valutazione delle rimanenze di magazzino La nostra attenzione si concentrerà

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE I CRITERI DI VALUTAZIONE APPLICABILI NELLA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO 1 IL BILANCIO DI ESERCIZIO DOCUMENTO CHE EVIDENZIA, PER CIASCUN ESERCIZIO, IL CAPITALE

Dettagli

In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc.

In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc. Le Rimanenze In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc.; in un apposita lezione verranno trattate le rimanenze

Dettagli

Le rimanenze P.C. 13 IAS 2

Le rimanenze P.C. 13 IAS 2 P.C. 13 IAS 2 1 Gli elementi patrimoniali destinati ad essere utilizzati durevolmente devono essere iscritti nell attivo patrimoniale in base a tale destinazione (articolo 2424-bis, comma 1, cod. civ.)

Dettagli

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories)

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA VALUTAZIONE

Dettagli

Magazzino: regole di bilancio e fiscali

Magazzino: regole di bilancio e fiscali Numero 53/2011 Pagina 1 di 8 Magazzino: regole di bilancio e fiscali Numero : 53/2011 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : BILANCIO LA VALUTAZIONE DEL MAGAZZINO PRINCIPIO CONTABILE OIC N. 13, CODICE CIVILE

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale Dipartimento di Economia e Giurisprudenza ECONOMIA AZIENDALE. Anno Accademico 2014-2015

Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale Dipartimento di Economia e Giurisprudenza ECONOMIA AZIENDALE. Anno Accademico 2014-2015 Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale Dipartimento di Economia e Giurisprudenza ECONOMIA AZIENDALE Anno Accademico 2014-2015 Parte speciale: la logica e il sistema delle rilevazioni

Dettagli

7. LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

7. LE RIMANENZE DI MAGAZZINO 7. LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, 10 febbraio 2012 La valutazione delle rimanenze finali CONTO ECONOMICO COSTI Acquisto merci RICAVI Merci c/rim.finali ATTIVITÀ

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE

LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE A cura del dott. Pierluigi Capuano In genere, con la locuzione rimanenze si intendono sia beni che formano oggetto dell'attività imprenditoriale sia altri beni materiali

Dettagli

ESAME DEL PRINCIPIO CONTABILE N. 13 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO - 13 LUGLIO 2005

ESAME DEL PRINCIPIO CONTABILE N. 13 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO - 13 LUGLIO 2005 ESAME DEL PRINCIPIO CONTABILE N. 13 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO - 13 LUGLIO 2005 di Lorenzo Gelmini Premessa Il Principio Contabile n. 13 enuncia le regole relative alla rilevazione, valutazione e rappresentazione

Dettagli

Fiscal News N. 105. Rimanenze: valutazione di materie e merci. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2014. Rivalutazione beni d impresa

Fiscal News N. 105. Rimanenze: valutazione di materie e merci. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2014. Rivalutazione beni d impresa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 105 08.04.2014 Rimanenze: valutazione di materie e merci Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Scritture contabili In chiusura del

Dettagli

COLLEGIO DEI RAGIONIERI DI BRESCIA 25122 BRESCIA, VIA MARSALA 17 TEL. (030) 3754670 - FAX (030) 3754876. Prot. n. 49/99 Brescia, 18 gennaio 1999

COLLEGIO DEI RAGIONIERI DI BRESCIA 25122 BRESCIA, VIA MARSALA 17 TEL. (030) 3754670 - FAX (030) 3754876. Prot. n. 49/99 Brescia, 18 gennaio 1999 COLLEGIO DEI RAGIONIERI DI BRESCIA 25122 BRESCIA, VIA MARSALA 17 TEL. (030) 3754670 - FAX (030) 3754876 E-Mail: raggbs@numerica.it Prot. n. 49/99 Brescia, 18 gennaio 1999 A Tutti i Colleghi L o r o S e

Dettagli

Bilancio: l attivo circolante e le passività

Bilancio: l attivo circolante e le passività Bilancio: l attivo circolante e le passività e il passivo Riferimenti normativi e disposizioni contabili 2424-2424 bis -2426-2427 c.c. - Rappresentazione, definizione, valutazione e informazioni integrative

Dettagli

non conclusi alla data di rilevazione delle risultanze contabili periodiche (beni fungibili);

non conclusi alla data di rilevazione delle risultanze contabili periodiche (beni fungibili); Verifiche di sostanza sul magazzino Premessa Le verifiche di sostanza sul magazzino variano a seconda della natura e dell industria in cui opera l azienda e del fatto che si tratti di un azienda commerciale

Dettagli

15.7. Le rimanenze di magazzino: aspetti civilistici ed economici

15.7. Le rimanenze di magazzino: aspetti civilistici ed economici 15.7. Le rimanenze di magazzino: aspetti civilistici ed economici Definizione e aspetti introduttivi Le rimanenze di magazzino sono costituite da beni a fecondità semplice, cioè destinati ad essere utilizzati

Dettagli

Corso di bilancio e principi contabili

Corso di bilancio e principi contabili Corso di bilancio e principi contabili Quinta lezione: Lo stato patrimoniale Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli 1 LO SCHEMA DELLO STATO PATRIMONIALE A SEZIONI DIVISE E CONTRAPPOSTE

Dettagli

RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE

RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE Circolare informativa per la clientela n. 10/2014 del 27 marzo 2014 RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE SOMMARIO 1. CATEGORIE OMOGENEE... 2 2. CRITERI di VALUTAZIONE... 2 Criterio base...

Dettagli

Circolare informativa n.15 del 22 dicembre 2014 REGISTRI CONTABILI E INVENTARIO DI MAGAZZINO

Circolare informativa n.15 del 22 dicembre 2014 REGISTRI CONTABILI E INVENTARIO DI MAGAZZINO Circolare informativa n.15 del 22 dicembre 2014 REGISTRI CONTABILI E INVENTARIO DI MAGAZZINO Si ricorda che entro il 31.12.2014 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono

Dettagli

Rimanenze (OIC 13) APPROFONDIMENTI E PROCEDURE. A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino

Rimanenze (OIC 13) APPROFONDIMENTI E PROCEDURE. A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino MAP Rimanenze (OIC 13) A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino L articolo approfondisce nella sua completezza il contenuto dell OIC 13, nuovo Principio Contabile sulle rimanenze di

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili

Dettagli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli Corso di bilancio e principi contabili Dodicesima lezione: Le attività finanziarie Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE B.III Immobilizzazioni finanziarie

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Filippo Carraro filippocarraro@sarragioto.it Alberto Riondato albertoriondato@sarragioto.it Alessandra

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Filippo Carraro filippocarraro@sarragioto.it Alberto Riondato albertoriondato@sarragioto.it Dottori commercialisti

Dettagli

Indice Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali

Indice Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali 1 1.1 Le funzioni del bilancio di esercizio 3 1.2 Il quadro normativo nazionale 4 1.2.1 I postulati del bilancio

Dettagli

CONCETTO DI SCORTA. Imprese mercantili. Imprese Industriali. Materie prime Semilavorati Sottoprodotti Prodotti finiti. Merci

CONCETTO DI SCORTA. Imprese mercantili. Imprese Industriali. Materie prime Semilavorati Sottoprodotti Prodotti finiti. Merci CONCETTO DI SCORTA Le scorte sono elementi dell ATTIVO CIRCOLANTE, perche Rappresentano investimenti in fattori produttivi che attendono Di essere consumati o venduti in breve tempo Imprese Industriali

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori Dicembre 2003 Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori I Principi contabili nazionali distinguono fra due categorie di partecipazioni

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: la valutazione delle rimanenze di magazzino

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: la valutazione delle rimanenze di magazzino Esercitazione: la valutazione delle rimanenze di magazzino 1 1L 1. La valutazione lt delle dll rimanenze di materie prime L impresa Alfa S.p.A. produce attrezzature sportive per la montagna e ha avviato

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Filippo Carraro filippocarraro@sarragioto.it Alberto Riondato albertoriondato@sarragioto.it Dottori commercialisti

Dettagli

COME FARE UN INVENTARIO DI MAGAZZINO: I BENI IN CATEGORIE OMOGENEE by Fabriziomax copyright:

COME FARE UN INVENTARIO DI MAGAZZINO: I BENI IN CATEGORIE OMOGENEE by Fabriziomax copyright: COME FARE UN INVENTARIO DI MAGAZZINO: I BENI IN CATEGORIE OMOGENEE by Fabriziomax copyright: A tal fine, il primo passo da compiere per la determinazione del valore è quello di raggruppare i beni in categorie

Dettagli

RISOLUZIONE N. 78/E. Roma, 12 novembre 2013

RISOLUZIONE N. 78/E. Roma, 12 novembre 2013 RISOLUZIONE N. 78/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 novembre 2013 OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Svalutazione delle rimanenze di magazzino valutate a costi specifici

Dettagli

PCN 24 IAS 38 attività immateriali

PCN 24 IAS 38 attività immateriali PCN 24 IAS 38 attività immateriali 1 Art. 2424 B I 1) Costi di impianto e di ampliamento 2) Costi di ricerca, sviluppo e pubblicità 3) Brevetti industriali e di utilizzo di opere dell ingegno 4) Concessioni,

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Fila A. Economia Aziendale Economia e Commercio Cognome... Nome... Matricola...

Fila A. Economia Aziendale Economia e Commercio Cognome... Nome... Matricola... ANNO ACCADEMICO 2011/2012 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE FACOLTÀ DI ECONOMIA corso di CONTABILITÀ E BILANCIO 3 Prova intermedia del 14-5-2012 Fila A Corso di laurea (spuntare una delle seguenti

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

A tutti i Clienti Loro sedi. Ravenna, 13/12/2013. Circolare informativa n. 22/2013

A tutti i Clienti Loro sedi. Ravenna, 13/12/2013. Circolare informativa n. 22/2013 Dott. Danilo Cortesi A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 13/12/2013 Circolare informativa n. 22/2013 Oggetto: 1. PAGAMENTO COMPENSI AMMINISTRATORI 2. INVENTARIO DI MAGAZZINO DI FINE ANNO 1. PAGAMENTO

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi correnti

I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi correnti I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi correnti azienda/fornitori circuiti sempre aperti: flussi fisico tecnici ed economici (in entrata) flussi monetari-finanziari (in uscita) settore

Dettagli

Immobili, impianti e macchinari Ias n.16

Immobili, impianti e macchinari Ias n.16 Immobili, impianti e macchinari Ias n.16 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2005-2006 prof.ssa Sabrina

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

IMPUTAZIONE DEI COSTI AI PRODOTTI

IMPUTAZIONE DEI COSTI AI PRODOTTI IMPUTAZIONE DEI COSTI AI PRODOTTI MATERIE PRIME I costi delle materie prime vengono imputati ai prodotti con la seguente formula: Consumi x prezzo unitario I consumi possono essere determinati : Direttamente

Dettagli

I processi di approvvigionamento

I processi di approvvigionamento azienda/fornitori I processi di acquisto/utilizzazione dei fattori produttivi correnti circuiti sempre aperti: flussi fisico tecnici ed economici (in entrata) flussi monetari-finanziari (in uscita) settore

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

La valorizzazione dei movimenti di magazzino

La valorizzazione dei movimenti di magazzino La valorizzazione dei movimenti di magazzino La valorizzazione dei carichi e degli scarichi Se la contabilità di magazzino è a quantità e a valori, occorre valorizzare i movimenti di magazzino e la scorta

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO II

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO II Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO II Le rimanenze di magazzino 1 2 1 3 4 2 5 6 3 Le rimanenze: definizione 7 enumerazione delle unità fisiche che rappresentano i beni, mediante

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

Il bilancio di esercizio

Il bilancio di esercizio Il bilancio di esercizio Test di autovalutazione delle conoscenze rivolto alle matricole delle lauree magistrali Università di Bologna, Facoltà di Economia - Sede di Forlì A.A. 2009/2010 Dispensa a cura

Dettagli

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere revisione legale Guida alla RIMANENZE di MAGAZZINO Analisi della «posta» di bilancio dedicata alle rimanenze, ossia quei beni che formano oggetto dell attività imprenditoriale insieme a tutti i beni materiali

Dettagli

Novità in OIC 16 Le immobilizzazioni materiali

Novità in OIC 16 Le immobilizzazioni materiali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Novità in OIC 16 Le immobilizzazioni materiali Applicabili ai bilanci chiusi al 31 12 2014 OIC 16 Scopo e funzione L OIC 16 Immobilizzazioni materiali ha

Dettagli

ESERCIZIO 1 La valutazione delle rimanenze di magazzino (prodotti finiti)

ESERCIZIO 1 La valutazione delle rimanenze di magazzino (prodotti finiti) ESERCIZIO 1 La valutazione delle rimanenze di magazzino (prodotti finiti) La società Eleganza S.p.A. opera nel settore della commercializzazione di capi d abbigliamento. Nell esercizio la Società in parola

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro ALFA SPA Sede in Via Medicei 123 - MILANO (MI) 20100 Codice Fiscale 01234567890 - Rea CCIAA 211471 P.I.: 01234567890 Capitale Sociale Euro 101.400 i.v. Forma giuridica: Soc.a responsabilita' limitata A

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

Economia Aziendale. L analisi dei costi

Economia Aziendale. L analisi dei costi Economia Aziendale L analisi dei costi Roma, 03 novembre 2014 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Tematiche La contabilità generale e la contabilità analitica I costi aziendali: i costi fissi e i costi variabili

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

La rappresentazione in bilancio delle rimanenze

La rappresentazione in bilancio delle rimanenze La rappresentazione in bilancio delle rimanenze Commissione revisione legale dei bilanci e principi contabili Dott. Vanina Dangarska Capodaglio e Associati Via Marsala, 32 - Bologna Gli argomenti Premessa:

Dettagli

Immobili, impianti e macchinari (OIC16 IAS 16)

Immobili, impianti e macchinari (OIC16 IAS 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Economia Corso di Bilanci secondo i principi contabili internazionali 90001 91070 Immobili, impianti e macchinari (OIC16 IAS 16) Prof. Daniele Gervasio daniele.gervasio@unibg.it

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

ESAME DI CONTABILITÀ AZIENDALE E BILANCIO (COD. 20002)

ESAME DI CONTABILITÀ AZIENDALE E BILANCIO (COD. 20002) ESAME DI CONTABILITÀ AZIENDALE E BILANCIO (COD. 20002) SOLUZIONE 06/07/2005 Tempo a disposizione: ore 1. 30 ESERCIZIO 1 In data 20/04/2004 si approva il bilancio della Purchasing S.p.A. relativo all esercizio

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

19, Ragioneria 1. Complessità, cambiamento, performance, bilancio.

19, Ragioneria 1. Complessità, cambiamento, performance, bilancio. Prof. Eugenio Comuzzi Ordinario di Economia Aziendale nell Università di Udine Docente di Ragioneria 1, Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda 1 e 2, Economia dei Gruppi nell Università di

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO GENERALITÀ LE RIMANENZE DI MAGAZZINO febbraio 08 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO SONO COSTITUITE DA MERCI E PRODOTTI CHE SONO IN GIACENZA IN ATTESA DELLA VENDITA O PER ESSERE IMPIEGATI NEL PROCESSO PRODUTTIVO.

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi!

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi! OIC16 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prof.AndreaAmaduzzi FINALITA DEL PRINCIPIO TRATTAMENTO CONTABILE ED INFORMATIVA IN NOTA INTEGRATIVA IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI CRITERI DI RILEVAZIONE, CLASSIFICAZIONE E

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni materiali Art. 2426 c.c.; documento n. 16 dei principi contabili OIC Principi Contabili Internazionali IAS 16 "Immobilizzazioni tecniche" * IAS 40 "Investimenti in immobili"; DPR 917/86:

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

Valutazione secondo IAS Fair value al netto del ricalcolo Fondo ammortamento

Valutazione secondo IAS Fair value al netto del ricalcolo Fondo ammortamento I principi contabili internazionali (IAS), attualmente in Italia obbligatori per le società quotate, sono regole tecnico-ragioneristiche che stabiliscono : A. Le modalità di contabilizzazione degli eventi

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi IAS 18 Ricavi SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SOMMARIO ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA' R I C A V I DEFINIZIONE MISURAZIONE VENDITA DI MERCI PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERESSI, ROYALTIES

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

scarico (lavorazione) 325 - ES_RIM_1 Pag. 1 di 13

scarico (lavorazione) 325 - ES_RIM_1 Pag. 1 di 13 I valori relativi alla materia A di un impresa sono i seguenti: Giacenza iniziale n. pezzi 100 a 20 euro al pz 1 carico (acquisto) n. pezzi 50 a 21 euro al pz 2 carico (acquisto) n. pezzi 150 a 22 euro

Dettagli

La valorizzazione delle scorte con Access 2002

La valorizzazione delle scorte con Access 2002 La valorizzazione delle scorte con Access 2002 1. PREMESSA La scelta del metodo da applicare per la valorizzazione dei beni la cui movimentazione genera i fl ussi di magazzino è importante per le valutazioni

Dettagli

Le principali novità dei principi contabili OIC

Le principali novità dei principi contabili OIC Le principali novità dei principi contabili OIC. OIC 23 Lavori in corso su ordinazione OIC 23 Lavori in corso su ordinazione Classificazione Rilevazione dei corrispettivi fatturati a titolo definitivo

Dettagli

IAS 16 - OIC 16: Le Attività materiali

IAS 16 - OIC 16: Le Attività materiali IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 16 - OIC 16: Le Attività materiali Roma, marzo/maggio 2015 Finalità del principio Per quale motivo è stato emanato il principio? PC OIC 16 IAS

Dettagli

Appendice 2.B Glossario IV Direttiva CEE

Appendice 2.B Glossario IV Direttiva CEE 92 CAPITOLO 2 ISBN 88-408-1246-6 Appendice 2.B Glossario IV Direttiva CEE CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI (CLASSE A). Sono iscritti i crediti relativi a versamenti dovuti dai soci, per

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le immobilizzazioni materiali Definizione e riferimenti Definizione: Le immobilizzazioni sono gli elementi patrimoniali destinati ad essere

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

L analisi dei costi: il costing

L analisi dei costi: il costing L analisi dei Costi - a.a. 2012/2013 L analisi dei costi: il costing 1 La tecnica del costing (1) Il termine costing indica la tecnica specificatamente rivolta alla rilevazione dei costi. Negli ultimi

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli Corso di bilancio e principi contabili Sedicesima lezione: I debiti Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli D) Debiti I DEBITI 1. obbligazioni; 2. obbligazioni convertibili; 3. debiti

Dettagli

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40 di Paolo Moretti L «International Accounting Standards Board» (IASB), nell ambito del progetto di revisione («Improvement») dei princìpi contabili internazionali,

Dettagli

Esercitazione II. 16.500 per rischi ed oneri) Altre attività (inclusi crediti. Patrimonio netto 10.000. 11.500 commerciali e liquidità)

Esercitazione II. 16.500 per rischi ed oneri) Altre attività (inclusi crediti. Patrimonio netto 10.000. 11.500 commerciali e liquidità) Esercitazione II In data 28 Febbraio X la società Alfa S.p.A. acquista una partecipazione del 75% nella società Beta S.p.A. pagando un prezzo di euro 13.000. Lo stato patrimoniale della società controllata

Dettagli

Leverage massimo 2 Dividendi normali e consueti. Valuation ratio 1 Capitale sociale reperibile in borsa

Leverage massimo 2 Dividendi normali e consueti. Valuation ratio 1 Capitale sociale reperibile in borsa ESERCIZIO N.1 Il candidato verifichi se nell azienda GAMMA, quotata in borsa, è soddisfatta la motivazione della sicurezza dopo aver effettuato i nuovi investimenti indispensabili, considerando che gli

Dettagli

Passaggio all euro: la contabilità

Passaggio all euro: la contabilità Passaggio all euro: la contabilità Entro la fine del periodo transitorio si dovrà provvedere all adozione dell EURO quale moneta di conto Ogni azienda potrà scegliere in quale momento effettuare la conversione

Dettagli

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011 EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Codice fiscale 02225450309 Partita iva 02225450309 VIA CARNIA LIBERA 1944, 15-33028 TOLMEZZO UD Numero R.E.A. 244558 Registro Imprese di UDINE n. 02225450309 Capitale Sociale

Dettagli

OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie

OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento

Dettagli

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Lezione 3 IAS 16: Immobili, impianti e macchinari Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2012 2013 4 marzo

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO b

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO b UNITÀ C LA GESTIONE DELLA LOGISTICA AZIENDALE Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO b La funzione del magazzino e la politica delle scorte Documento Esercizi Logistica Q1 Spiega che cos è la funzione

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli