MODELLO DI ACCORDO QUADRO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODELLO DI ACCORDO QUADRO"

Transcript

1 MODELLO DI ACCORDO QUADRO a) Enti Pubblici b) Autorità di Coordinamento regionale del Distretto Bioenergetico c) Fornitori della biomassa - produttori di colture energetiche - produttori di residui agricoli - produttori con Feed-stock - Industria del legno - Industrie agroalimentari d) le Società di trasporto e di logistica della biomassa e) le industrie di trasformazione della biomassa f) Produttori di Bioenergia g) Manager della rete elettrica h) Manager della rete di Riscaldamento del Distretto i) Consumatori di Bioenergia (di seguito denominate "Parti") Le iniziative che saranno intraprese, sono promossi nell'ambito del progetto EIE RINNOVATA, finalizzato alla promozione di utilizzo della biomassa a fini energetici. MENTRE L'Unione europea sostiene l'utilizzo della biomassa attraverso diverse strategie e piani d'azione: (Elenco delle rispettive direttive dell'unione europea, comunicazioni, ecc piano d'azione) Secondo l'attuale quadro nazionale Considerando che (Descrizione del quadro legislativo e regolamentare nazionale per come considera la biomassa, la produzione di bioenergia, la sua distribuzione ed uso).1 - Premessa (Breve descrizione delle condizioni locali o regionali, per quanto riguarda la biomassa e la produzione di bioenergia, la distribuzione e l'uso che deve essere presa in considerazione nello sviluppo di accordi interprofessionali)

2 . 2 Aree di cooperazione Il territorio del Distretto Bioenergia è impostato come spazio di cooperazione. La linea di confine della provincia bioenergia è chiaramente definito nell accordo contrattuale. Il Bio-Distretto di energia è considerato: "una zona ben definita contenente una breve e coesa catena di fornitura in cui tutte le merci e le persone coinvolte sono di questa stessa zona. Essa si basa sulla produzione e l'utilizzo delle bioenergie fornite da biomassa locale. " La filiera locale della biomassa potrebbe ridurre il costo della produzione di biomassa a livello locale e contribuire allo sviluppo rurale. Inoltre, si potrebbe aumentare gli assorbimenti di emissioni di CO2 sulla base di un ciclo di vita.. 3 Obiettivi L'accordo interprofessionale ha i seguenti obiettivi: Per garantire l'approvvigionamento di biomassa Per garantire la costanza dei prezzi della biomassa Per garantire i mercati per le colture energetiche e residui di raccolto Per garantire i mercati per la materia prima raccolta di rifiuti (letame) Per garantire i mercati per gli scarti dell'industria del legno e dell'industria agro-alimentare Per garantire agli agricoltori e, in generale, il reddito dei produttori di biomassa Per garantire l'approvvigionamento di prodotti energetici da biomassa (ad esempio, elettricità e calore) Per garantire la costante dei prezzi di prodotti energetici prodotti dalla biomassa (ad esempio, elettricità e calore) Al fine di garantire il reddito dei produttori di bioenergia Per garantire l'accessibilità dei consumatori ai prodotti energetici prodotti con biomassa (cioè di potenza e di calore) Per migliorare e garantire la qualità della biomassa (materie ) e di prodotti energetici della biomassa prodotta Per migliorare e garantire la qualità dei servizi offerti dai fornitori di bioenergia Per garantire la sostenibilità della biomassa e la produzione di bioenergia Per sviluppare catene di biomassa e della bioenergia e le reti di distribuzione Per agevolare i rapporti tra i partner della rete e catene Per garantire la stabilità delle catene e partnership Al fine di migliorare i meccanismi della relazione interprofessionale, al fine di migliorare la propria responsabilità e risultati economici Per garantire la condivisione dei rischi e dei vantaggi legati tra gli attori della catena biomassa / bioenergia

3 . 4 Attività 1 Oggetto del contratto 2 Il regolamento quadro 3 Riferimento 4a Attività delle parti Publiche Autorità Autorità di coordinamento del Distretto Bioenergetico Fornitori della Biomassa - coltivatori di biomasse agricole - agricoltori con rifiuti animali - Industrie Trasporti & Logistica impianti di trasformazione della biomassa accordo contrattuale interprofessionali per la produzione di bioenergia. Definizione di responsabilità dei soggetti della catena di bioenergetica. L accordo firmato e le attività previste devono essere in linea con l'attuale legislazione a livello europeo, nazionale e regionale Per quanto ritiene la produzione di energia da biomassa e la relativa distribuzione gli accordi devono essere in linea con le leggi. Le parti devono possedere l'autorizzazione necessaria e le licenze e per conformarsi con l'attuale legislazione nazionale. Tutti gli attori della catena, così come la biomassa e la bioenergia devono essere conformi alle Certificazione di Sostenibilità sviluppate nel Task 6.3. of RENEWED IEE-Project controllo di conformità con l'attuale legislazione di livello europeo, nazionale e regionale. Valutazione e monitoraggio dei prezzi della biomassa e della bioenergia. Monitoraggio del accordo contrattuale. Supporto tecnico e giuridico agli attori della filiera. Valutazione e miglioramento delle performance della catena. Valutazione e monitoraggio dei prezzi della biomassa e della bioenergia. Valutazione e miglioramento della sostenibilità della filiera... approvvigionamento di materia prima (biomassa) Coltivazione di colture energetiche, la fornitura di prodotti energetici. Fornitura di residui agricoli raccolte. Fornitura di rifiuti di origine animale (letame, feci, ecc.) Fornitura di scarti dell'industria del legno e dell'industria agro-alimentare Materie (biomasse) trasporto e stoccaggio. Biocombustibili solidi (pellets, cippato etc.) trasporto e stoccaggio. Combustibili liquidi e gassosi ( olio vegetale e gas metano) trasporto e stoccaggio Migliorare qualità della biomassa, modificare le sue proprietà (essiccazione, rimuovere le impurità ecc) Produzione commerciale di forme di biomassa (pellet, mattonelle) in base alle norme UE. Commercializzazione di biocombustibili solidi e liquidi da biomassa. Produttori di Bioenergia Managers della rete elettrica Managers della rete di distribuzione del calore Acquisti di materie o di biomassa qualificata (pellet, ecc.) Acquisti di biomassa per produrre energia (eletricità). Distribuzione di biomassa per produrre energia (eletricità). Esercizio e manutenzione di rete di distribuzione di energia elettrica. Acquisti di biomassa per produrre energia (calore). Distribuzione di biomassa per produrre energia (calore).

4 Costruzione, esercizio e manutenzione di rete di distribuzione di calore. Consumatori di Bioenergia Utilizzo di elettricità da biomassa. Connessione rete di teleriscaldamento e l'utilizzo di calore da biomassa per il riscaldamento di locali. Utilizzo di energia da biomassa per l'essiccazione dei prodotti agricoli. 4b Obblighi dei fornitori di biomassa Agricoltori fornitori di colture energetiche e residui agricoli Definizione di materie Definizione del tipo di coltura e la superficie totale da cultivare. Definizione di materie da consegnare Definizione caratteristiche delle materie (ad esempio, l'umidità, impurità). I produttori sono tenuti a fornire materiale di buona qualità e di notifica per ogni problema. Condizioni di coltivazione Calendario di consegna Termini di consegna Impegno del produttore ad applicare tutte le tecniche di coltivazione al fine di garantire la produzione di materie di alta qualità. Impegno del produttore di applicare tutte le tecniche di coltivazione e trasformazione per garantire la sostenibilità della produzione di materie. Calendario di consegna per la fornitura di materie prodotte (le quantità da produrre sono stimati sulla base della media della produttività di ogni raccolto). Definizione di come il materiale sarà consegnato e in che quantità minime (cioè alla rinfusa, i contenitori di volume). Il Fornitore si impegna a consegnare tutti i prodotti a partire da materie del settore contratti di coltivazione, secondo il calendario previsto. Agricoltori che raccolgono Feed-stock i Definizione di materie Definizione del tipo e del numero di animals.definition di materie da consegnare (cioè il letame). definizioni delle caratteristiche delle materie. I produttori sono responsabili per fornire materiale di buona qualità e di notifica per ogni problema. Condizioni di raccolta Feed-stock Calendario di consegna Termini di consegna Definizioni delle caratteristiche delle materie. I produttori sono responsabili di fornire materiale di buona qualità e di notifica per ogni problema. Impegno del produttore ad applicare tutte le tecniche necessarie per garantire la produzione / fornitura di materie di alta qualità. Impegno del produttore di applicare tutte le misure necessarie per raccolta scarti per garantire la sostenibilità della produzione di materie. Calendario di fornitura di materie ad essere prodotte (le quantità da produrre sono stimati sulla base della media della produttività di ogni feedstock di raccolta azienda). Definizione di come il materiale sarà consegnato e in che quantità minime (ossia la raccolta recipienti di volume specifico) Il Fornitore si impegna a consegnare tutti i prodotti a partire da materie

5 Legno & industrie agroalimentari Definizione di materie per feed-stock raccolta in fattoria, secondo il calendario previsto. Definizione del tipo di materia prima da trasformare (vale a dire legno, verdure). Definizione di materie da consegnare (per esempio segatura, gusci di noci, ortaggi steli). Condizioni di Produzione Calendario di consegna Definizioni caratteristiche delle materie (ad esempio, l'umidità, impurità). I produttori sono tenuti a fornire materiale di buona qualità e di notifica per ogni problema. Impegno del produttore ad applicare tutte le tecniche necessarie per garantire la produzione / fornitura di materie di alta qualità. Impegno del produttore ad applicare tutte le tecniche di produzione per garantire la sostenibilità della produzione di materie. Calendario di consegna per la fornitura di materie ad essere prodotte (le quantità da produrre sono stimati sulla base della media della produttività di ciascun impianto industriale). Definizione di come il materiale sarà consegnato e in che quantità minime (ossia la raccolta dei contenitori volume). 4c Il Fornitore si impegna a fornire tutte le materie prodotte dal contratto Termini di consegna industria, secondo il calendario previsto. Obblighi industrie di trasformazione della biomassa Il processore si impegna ad acquistare tutti i prodotti a partire da materie del settore contratti di coltivazione, raccolta di feed-stock di azienda o settore al fine di produrre spesific prodotti definiti nell accordo contrattuale. Acquisto Impegno per l'acquisto di materie da parte dei fornitori del Distretto Bioenergetico, utilizzando standard o contratti individuali che riguarda un accordo quadro. Definizione di metodi per identificare la quantità (peso o volume) di materie acquistate. Definizione dei metodi di trasformazione e del consumo finale di materie Termini di produzione Termini di consegna Definizione del tipo di materia prima da trasformare (ad esempio le colture energetiche, impianti steli, segatura). Definizione di qualità, ad essere modificati (ad esempio, l'umidità, la forma) e di metodi di trasformazione da utilizzare (ad esempio l'essiccazione, granulazione). Definizione di materie da consegnare (cioè pellet di legno, del kernel, accedi boschi, grandi balle di paglia). Definizioni caratteristiche delle materie (ad esempio, l'umidità, impurità). I produttori sono tenuti a fornire materiale di buona qualità e di notifica per ogni problema. Impegno del produttore ad applicare tutte le tecniche necessarie per garantire la produzione di materie di alta qualità material. Impegno del produttore di applicare tutte le tecniche necessarie per garantire la sostenibilità della produzione di materie. Calendario per la consegna delle materie material.

6 Definizione di come il materiale sarà consegnato e in che quantità minime (cioè in esitano o confezionati in contenitori di raccolta di volume specifico o sacchetti di peso / volume). 4d Obblighi di biomassa imprese di trasporto e logistica impegno del servizio di trasporto per la raccolta, il trasporto e la consegna tutta la materia prima prodotta dal contratto. Impegno del servizio di stoccaggio per immagazzinare e fornire tutte le Raccolta e lo stoccaggio consegne di materie per la conservazione dal contratto di servizi di trasporto. Trasporto e stoccaggio Scadenzario Definizione dei metodi utilizzati per identificare la quantità (peso o volume) di materie raccolte. Definizione di modi di trasporto da utilizzare. Definizione di condizioni di stoccaggio delle materie (ad esempio, l'umidità, temperatura), gli impianti di stoccaggio per essere utilizzati e come il materiale sarà memorizzato (cioè alla rinfusa, in recipienti di volume e le caratteristiche). Scadenzario (cioè giorni per essere raccolti su richiesta) e quantitativi minimi per essere raccolti. 4e Scadenzario stoccaggio e la consegna Condizioni di trasporto e stoccaggio Obblighi produttori di bioenergia Acquisto Scadenzario per la consegna del materiale immagazzinato bioenergia produttori e trasformatori o biomassa minima quantità da consegnare Impegno del fornitore di servizi di applicare tutte le tecniche necessarie per garantire che il trasporto di materie o di stoccaggio non modifichi la qualità delle materie. Impegno del fornitore di servizi di applicare tutte le tecniche per garantire la sostenibilità del trasporto di materie e lo stoccaggio. Pianificare i viaggi di ritorno con altre merci al fine di ridurre i costi netti per tonnellata Il produttore di bioenergia si impegna ad acquistare tutti i prodotti a partire da materie del settore contratti di coltivazione, alimentazione scorte agricole, l'industria o industria di trasformazione e li usa per la produzione di bioenergia specifici prodotti definiti nell accordo contrattuale. Gli acquirenti si impegnano ad acquistare materie da fornitori del Distretti Bioenergetico, utilizzando standard o contratti individuali che riguarda un accordo quadro. Definizione dei metodi utilizzati per identificare la quantità di materie acquistate. Definizione dei prodotti bioenergetici Specifiche prodotti bioenergetici Termini di produzione Definizione di bioenergia prodotti (ad esempio il biogas, l'energia, calore, biogas, vapore). Scegliere impianto con le migliori performances di utilizzo e valorizzazione dell energia immessa Definizioni delle caratteristiche dei prodotti bioenergetici (ad esempio volt, temperatura). Bioenergia produttori sono tenuti a fornire prodotti di buona qualità e di notifica per ogni problema. impegno del produttore ad applicare tutte le tecniche di produzione per

7 garantire la sostenibilità della produzione di bioenergia. 4f Termini di consegna Il Fornitore si impegna a consegnare il prodotto totale bioenergia. 4f Obblighi di bioenergia acquirenti e distributori I distributori di bioenergia si impegnano ad acquistare tutti i prodotti ottenuti dalla bioenergia contrattata con gli impianti di produzione e l'uso di energia per la loro finalità definite nell accordo contrattuale. Gli acquirenti si impegnano ad acquistare i prodotti dai fornitori di Acquisto bioenergia nel Distretto Bioenergetico, utilizzando standard o contratti individuali che rispetto accordo quadro. Definizione dei metodi utilizzati per individuare le quantità acquistate di prodotti bioenergetici. Definizione dei prodotti bioenergetici Definizione di prodotti bioenergetici che devono essere distribuiti (ad esempio, energia elettrica, acqua calda attraverso il teleriscaldamento, biogas) Definizioni caratteristiche dei prodotti energetici (ad esempio volt, temperatura). Distributori / rivenditori di Bioenergia sono responsabili di fornire prodotti di buona qualità e di notifica per ogni problema. 4g Condizioni di fornitura e distribuzione Obblighi dei consumatori di bioenergia Acquisto Impegno del distributore / rivenditore di applicare tutte le tecniche necessarie a garantire l'alta qualità del servizio bio-energetico. Impegno del distributore / rivenditore ad applicare tutte le tecniche per garantire la sostenibilità della distribuzione delle bioenergie. Impegno del distributore/rivenditore a offrire tariffe competitive con la fornitura di energia non rinnovabile. I consumatori si impegnano ad acquistare i prodotti distribuiti da bioenergia contratto bioenergia fornitore. Gli acquirenti si impegnano ad acquistare i prodotti dai fornitori di bioenergia nel Distretto Bioenergetico, utilizzando standard o contratti individuali che riguarda un accordo quadro. Definizione dei metodi utilizzati per identificare le quantità di prodotti utilizzati bioenergia 5 Infrastrutture 6 Specifiche di biomassa e la produzione di bioenergia 7 Bio-prodotti Le parti si obblighi ad affrontare i costi per la costruzione di infrastrutture adeguate per: - Collegamento produttori o consumatori di energia elettrica o la rete di teleriscaldamento da bioenergia - Costruzione rete di teleriscaldamento definiti nell accordo contrattuale. Le leggi nazionali definiscono le norme generali e l'obbligo per il collegamento della biomassa produttori di energia alla rete elettrica. Produzione e forme di scambio negli accordi per biomassa, secondo le norme europee (CEN biocombustibili solidi - specifiche del carburante e delle classi) Scambio di sottoprodotti (compost, frassino). Sviluppare nuove applicazioni per i prodotti: l'impiego di origine animale o vegetale compost come concime, l'utilizzo di ceneri da residui agricoli o colture di combustione per il miglioramento del suolo, l'uso di soda da parte di paglia di riso come fonte di combustione di silicio.

8 8 Controllo di Qualità La predisposizione della Quality Assurance (QA) è necessaria per assicurare la fiducia tra i partner della catena. Il programma di monitoraggio e meccanismi dovrebbero essere definiti nell accordo contrattuale. Inoltre, metodi di campionamento e metodi di prova dei campioni dovrebbero essere definiti a contratto agreement.use di normalizzazione (ISO 2000 ecc) e metodi di prova e le specifiche previste a livello nazionale ed europeo norme (CEN / TS Solid Biofuels - Fuel Quality Assurance). Gli obblighi dei partner e le procedure per la rimozione di biomassa o inadeguata bioenery prodotti fuori della catena deve essere definito nell accordo contrattuale. 9 Documentazione 10 Condizione Economica Prezzo Pagamenti Bonus Partenariato Incentivi 11 Durata e validità La necessaria documentazione è rilasciata per la raccolta e la consegna dei prodotti (ad esempio, note di spedizione, fatture, la certificazione di accettazione). Tutti gli attori della catena tenere i libri per i prodotti acquistati e consegnati. I lotti da Biomassa sono accompagnati da "Certificazioni delle origini". Bioenergia Garanzie di origine può essere rilasciato su richiesta. Il prezzo di acquisto o di metodi di calcolo del prezzo dovrebbero essere definiti a contratto e deve essere concordato per un determinato periodo di tempo (almeno un anno). Il prezzo della biomassa deve essere collegato con il prezzo di mercato dei prodotti della bioenergia e il costo dei trasporti e stoccaggio della biomassa. I prezzi devono essere diversificati in base alla fonte di biomassa, valore energetico, il contenuto di umidità, la catena logistica (componenti e la durata della logistica che aumentano i costi di produzione), la quantità e il prezzo di mercato dei prodotti bioenergetici. I prezzi dei prodotti devono essere diversificati a seconda del tipo di prodotto (energia elettrica, calore, vapore ecc), valore di riscaldamento, il metodo di produzione, il trasporto a distanza e mode. Il prezzo dell energia prodotta da biomassa è definita in allineamento in base al valore di redditività che l impianto produce anche in base ai sostegni pubblici all energia rinnovabile. Scadenze di pagamento e le modalità dei pagamenti devono essere definiti. Bonus di qualità dovrebbe essere previsto. I metodi di calcolo bonus dovrebbero essere definiti nell accordo contrattuale. garanzia ripartizione degli utili tra i partner della catena. Incentivi concessi alle parti contraenti è tenuto conto nell accordo contrattuale. Durata accordi sono definiti. Stabilità delle forniture attraverso incentivi concessi ai biocarburanti accordi di fornitura a lungo termine. 12 Ritirare e trasferimento di attività e la licenza in caso che la licenza di una delle parti è ritirata, mentre il resto delle parti sono liberate dai loro obblighi e sono liberi di procedere in base a un contratto parziale.

9 Nei nuovi accordi con gli obblighi previsti nel contratto, gli accordi sono trasferiti con le imprese o la licenza di trasferimento. 13 Area Geografica Territorio del Distretto Bioenergetico 14 Controversie e Penali Conflitti nel merito del contratto tra le parti sono risolti dai Tribunali dello Stato membro. Se le parti non sono in grado di mantenere gli accordi contrattuali a causa di forza maggiore, che vengono rilasciati, dei loro obblighi. Tuttavia, essi devono informare il più presto possibile le altre parti contraenti delle cause di forza maggiore e della loro incapacità di soddisfare i loro obblighi. Quello che è considerato come causa di forza maggiore dovrebbero essere definiti a contratto accordo. 15 Modifiche dell accordo contrattuale Le modifiche dell accordo contrattuale dovranno essere scritte, firmate ed approvate da tutte le parti contraenti

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

Agricoltura e Agro-energie 1

Agricoltura e Agro-energie 1 Agricoltura e Agro-energie 1 I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. Agricoltura e Agro-energie 2 L agro-ecosistema è un ecosistema

Dettagli

COMBUSTIBLE ECOLOGICO 100% - NOCCIOLINO NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE PRESENTAZIONE

COMBUSTIBLE ECOLOGICO 100% - NOCCIOLINO NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE PRESENTAZIONE NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE PRESENTAZIONE Il NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE è un prodotto naturale, ottenuto solo ed esclusivamente con procedimenti meccanici durante la lavorazione delle olive. Durante la

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

La certificazione del cippato e del pellet

La certificazione del cippato e del pellet La certificazione del cippato e del pellet Matteo Righetto Ecomondo 2013, Rimini, 7 novembre 2013 Domanda di legname Crescita dagli anni 70 dei consumi di legname a fini energetici Sviluppo dei consumi

Dettagli

Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie. Cagliari, 10 Ottobre 2012

Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie. Cagliari, 10 Ottobre 2012 Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie Cagliari, 10 Ottobre 2012 1 Perchè Agriventure?... perché lo sviluppo di un impresa passa anche attraverso precise strategie. Agriventure si propone

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI Il TEAM di Si-Web ha lavorato con impegno e professionalità utilizzando informazioni provenienti da autorevoli fonti sia nazionali che internazionali,

Dettagli

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas TECN.AV. SRL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA DELL IMPIANTO A BIOMASSE IMPIANTI A BIOMASSE GenGas La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta il futuro dell Energia e dello sviluppo sostenibile.

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia Centrale eolica e a biomasse CUORE VERDE Azienda agricola e forestale LO.MA. engineering Scenario L'energia prodotta da fonti rinnovabili (eolica, solare, idraulica,

Dettagli

Bioenergia Fiemme SpA

Bioenergia Fiemme SpA Bioenergia Fiemme SpA Cavalese dr. Andrea Ventura Amministratore Delegato Trento, giovedì 12 ottobre 2006 22/03/2007 1 Chi siamo? Prima Società a realizzare un impianto di teleriscaldamento a biomassa

Dettagli

1.2 QUALI BIOMASSE A) DEFINIZIONE GENERALE DI BIOMASSA :

1.2 QUALI BIOMASSE A) DEFINIZIONE GENERALE DI BIOMASSA : 1.2 QUALI BIOMASSE A) DEFINIZIONE GENERALE DI BIOMASSA : Le biomasse sono un insieme eterogeneo di materiali di origine organica e rinnovabili e costituiscono anche una fonte energetica atipica caratterizzata

Dettagli

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA IMPIANTO BIOMASSA Decreto Legislativo 28/2011 ed in particolare l art. 2 definisce in dettaglio la biomassa come: "la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti

Dettagli

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili LA MULTIFUNZIONALITÀ DELLE AZIENDE AGRICOLE: LE AZIENDE AGRIENERGETICHE NEI PICCOLI COMUNI Convegno nazionale Rocchetta Sant Antonio 28 maggio 2005 Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di

Dettagli

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola Impianto di digestione anaerobica e cogenerazione da biogas Agroenergia della Piana Azienda: Coop. Fattoria della Piana Soc.Agricola Località: C.da Sovereto, 89020 Candidoni (RC) Potenza installata: 998

Dettagli

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Strumenti legislativi di promozione delle agro energie Giuseppe

Dettagli

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica Giuseppe D Amore ENAMA Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola giuseppe.damore@enama.it Bastia Umbra 6 Aprile 2013 Punti salienti Livelli di incentivo

Dettagli

Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario

Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario FORLENER 2011 Biella Piero Pelizzaro Responsabile Cooperazione Internazionale Kyoto Club Biomassa Comprende la legna contabilizzata

Dettagli

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente Le barriere da rimuovere per rispondere alle aspettative della UE e del settore industriale per il NG (CNG, GNL e Biogas) nel breve e medio periodo Autopromotec - 22 maggio 2015 Mariarosa Baroni NGV Italy

Dettagli

L energia da biomasse e biogas nel mix energetico Alessandro Casula

L energia da biomasse e biogas nel mix energetico Alessandro Casula Centro per lo sviluppo del polo di Cremona L energia da biomasse e biogas nel mix energetico GER 2011 12 Le Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) Energia e biomassa La biomassa utilizzabile ai fini energetici

Dettagli

LE ENERGIE RINNOVABILI

LE ENERGIE RINNOVABILI LE ENERGIE RINNOVABILI La definizione di energia rinnovabile è spesso legata al termine ecologia. Infatti vengono spesso erroneamente definite come energie che rispettano l ambiente. Ci sono diversi tipi

Dettagli

LE BIOMASSE PER L ENERGIA

LE BIOMASSE PER L ENERGIA Aula Magna dell Istituto Tecnico Agrario Statale F.lli Navarra Martedì 12 Aprile 2011 LE SPERIMENTAZIONI SUL CAMPO DI AGRIUNIFE: RICERCHE APPLICATE ALL AGRICOLTURA ING. ANNA VACCARI DI COSA PARLEREMO Il

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Energia da Biomasse Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Accordo di Programma Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Regione Abruzzo Iris Flacco Energy Manager Regione

Dettagli

MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE

MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE Convegno Fonti rinnovabili: modelli di business e sviluppo territoriale Energy Days - RENDE (CS) 16.10.2008 Relatore Guido Castelluccio Direttore Generale

Dettagli

Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. (2)

Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. (2) Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali D.M. 2-3-2010 Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. Pubblicato

Dettagli

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt PER CONTATTI E INFORMAZIONI: Società Cooperativa a r.l. - C.F./P. IVA 03527850360 Via Primo Manni,1/3 41026 Pavullo nel Frignano(MO) www.garibaldini.info 4.4 ambiente ed efficienza energetica e-mail: comagri@garibaldini.info

Dettagli

Convegno nazionale Valorizzazione energetica integrata del sorgo zuccherino: il progetto MULTISORGO Roma 29 maggio 2013

Convegno nazionale Valorizzazione energetica integrata del sorgo zuccherino: il progetto MULTISORGO Roma 29 maggio 2013 L evoluzione del quadro di riferimento sui biocarburanti Chiara Martini Convegno nazionale Valorizzazione energetica integrata del sorgo zuccherino: il progetto MULTISORGO Roma 29 maggio 2013 Outline Criteri

Dettagli

GENERAZIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: la PIROGASSIFICAZIONE da BIOMASSA LIGNO-CELLULOSICA

GENERAZIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: la PIROGASSIFICAZIONE da BIOMASSA LIGNO-CELLULOSICA Divisione di GET ITALIA Srl. Via G. Avolio, 14 10023 CHIERI (TO) Tel. (+39) 011.0436131 - Fax (+39) 011.3710305 info@getenergy.it - www.getenergy.it GENERAZIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: la LIGNO-CELLULOSICA

Dettagli

Partner locale coinvolto: AGIRE Agenzia Europea per l Energia

Partner locale coinvolto: AGIRE Agenzia Europea per l Energia Progetto Europeo DANUBENERGY Programma di Finanziamento europeo: CENTRAL EUROPE Budget di progetto assegnato : 1'777'824,90 Budget su Mantova: 200'802,00 Partner locale coinvolto: AGIRE Agenzia Europea

Dettagli

Proposte per un Piano Nazionale per le biomasse e la bioenergia

Proposte per un Piano Nazionale per le biomasse e la bioenergia Scenario Sostenibilità: l Autonomia Energetica dell Alto Tevere Città di Castello, 14 ottobre 2006 Proposte per un Piano Nazionale per le biomasse e la bioenergia Vittorio Bartolelli ITABIA Italian Biomass

Dettagli

Caldaie a biomassa. Per Spazi industriali Teleriscaldamento. Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna Legna. energie rinnovabili

Caldaie a biomassa. Per Spazi industriali Teleriscaldamento. Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna Legna. energie rinnovabili Caldaie a biomassa Per Spazi industriali Teleriscaldamento Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna energie rinnovabili L AZIENDA Leader nel settore della termotecnica, il marchio Tatano è sinonimo

Dettagli

INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal richiedente deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la

INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal richiedente deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la casa d'abitazione dell'imprenditore? L'energia auto consumata dal

Dettagli

L innovazione tecnologica per l efficienza energetica e lo sviluppo di fonti rinnovabili

L innovazione tecnologica per l efficienza energetica e lo sviluppo di fonti rinnovabili L innovazione tecnologica per l efficienza energetica e lo sviluppo di fonti rinnovabili Riduzione dei consumi energetici (efficienza energetica) Consumi e produzione energetica Aumento della produzione

Dettagli

Questionario informativo per uno studio di fattibilità

Questionario informativo per uno studio di fattibilità Questionario informativo per uno studio di fattibilità 1 Anagrafica Ragione sociale Azienda: Indirizzo: Riferimento: Funzione aziendale: Telefono: Mobile: E-mail: Tipologia di azienda: agricola non agricola

Dettagli

Vista la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante la disciplina della subfornitura nelle attività produttive;

Vista la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante la disciplina della subfornitura nelle attività produttive; Decreto 2 marzo 2010 (Gu 5 maggio 2010 n. 103) Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica Il Ministro delle politiche agricole

Dettagli

Stato dell arte dei generatori a biomasse: prestazioni energetiche e ambientali

Stato dell arte dei generatori a biomasse: prestazioni energetiche e ambientali Stato dell arte dei a biomasse: prestazioni energetiche e ambientali Aktueller Stand der Technik bei Biomasse zu Stromgeneratoren: energetische und umweltrelevante Leistungsmerkmale Andrea Gasparella Bolzano,

Dettagli

OPERAZIONE 4.2.3. Investimenti nelle imprese agroalimentari per la produzione e l approvvigionamento di energia da fonti rinnovabili.

OPERAZIONE 4.2.3. Investimenti nelle imprese agroalimentari per la produzione e l approvvigionamento di energia da fonti rinnovabili. OPERAZIONE 4.2.3 Investimenti nelle imprese agroalimentari per la produzione e l approvvigionamento di energia da fonti rinnovabili. L Operazione sostiene investimenti materiali e/o immateriali finalizzati

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di

Dettagli

Impianti di conversione energetica della biomassa

Impianti di conversione energetica della biomassa Page 1 of 5 n. 248 - Domenica 03 Novembre 2013 Impianti di conversione energetica della biomassa La normativa sul combustibile e sugli impianti In questo numero di ARPATnews dedicato all uso energetico

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono:

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono: PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Biomassa -Biogas Biomassa La Biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili

Dettagli

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Introduzione Il termine filiera legno-energia indica un insieme organizzato di fattori di produzione, trasformazione, trasporto e utilizzazione del legno

Dettagli

«Sfruttamento di residui di cibo» Scheda informativa

«Sfruttamento di residui di cibo» Scheda informativa «Sfruttamento di residui di cibo» Scheda informativa Versione aggiornata aprile 2016 Situazione di partenza Dal 1 luglio 2011 in Svizzera è vietato nutrire i suini con residui di cibo. Per tale motivo

Dettagli

Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico. Ing. Domenico De Palma Consulente CSR

Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico. Ing. Domenico De Palma Consulente CSR Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico I consumi energetici in campo agricolo Florovivaismo Zootecnia Ortocoltura Frutticoltura. Il florovivaismo In Italia: 22.000 aziende floricole Superficie

Dettagli

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of IT BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO With the support of BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra

Dettagli

BIOMASSA: Produzione professionale di cippato: Stato dell arte e prospettive della certificazione. Massimo Negrin

BIOMASSA: Produzione professionale di cippato: Stato dell arte e prospettive della certificazione. Massimo Negrin BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Produzione professionale di cippato: Stato dell arte e prospettive della certificazione Massimo

Dettagli

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS Risparmio energetico attraverso la realizzazione di impianti per la produzione di energia termica/frigorifera ed elettrica 1 Cogenerazione e Trigenerazione La cogenerazione

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia Pensa verd verde Pensa verde Informativa per la centrale a biomasse biomasse di di Castiglione d Orcia La provincia pensa verde Pensare verde. Sono queste le parole chiave che negli ultimi anni caratterizzano

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Bioenergie: la sfida dell Italia tra ricerca, imprenditoria e policy Roma, 2 Ottobre 2008

Bioenergie: la sfida dell Italia tra ricerca, imprenditoria e policy Roma, 2 Ottobre 2008 Bioenergie: la sfida dell Italia tra ricerca, imprenditoria e policy Roma, 2 Ottobre 2008 Side Event Tecnologia e ricerca nel settore bioenergie Giuseppe Caserta ITABIA, BIOFUELS Italia Premessa Una parte

Dettagli

LABORATORIO DIDATTICO SULL INNOVAZIONE ECO-SOSTENIBILE NELLE FILIERE AGRO-ALIMENTARI IN REGIONE CALABRIA PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ

LABORATORIO DIDATTICO SULL INNOVAZIONE ECO-SOSTENIBILE NELLE FILIERE AGRO-ALIMENTARI IN REGIONE CALABRIA PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ LUNEDÌ 29 GIUGNO 2015 ORE 10:00 LABORATORIO DIDATTICO SULL INNOVAZIONE ECO-SOSTENIBILE NELLE FILIERE AGRO-ALIMENTARI IN REGIONE CALABRIA PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ www.algencal.it PROGETTO DI UN SISTEMA

Dettagli

BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO

BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO Presentazione BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO Marco Manchisi TERA Bari, Convegno Fiera del Levante, 12 Settembre 2011 V^ GIORNATA DELL ENERGIA PULITA RIFLESSIONI Il quadro

Dettagli

Energethica Convegno RENERFOR 25 maggio 2012 Gli incentivi per lo sviluppo della produzione di energia da biomassa: gli aspetti energetici

Energethica Convegno RENERFOR 25 maggio 2012 Gli incentivi per lo sviluppo della produzione di energia da biomassa: gli aspetti energetici Energethica Convegno RENERFOR 25 maggio 2012 Gli incentivi per lo sviluppo della produzione di energia da biomassa: gli aspetti energetici Mauro Bertolino, Ph. D. Settore Politiche Energetiche Direzione

Dettagli

Prof. Ing. Maurizio Carlini

Prof. Ing. Maurizio Carlini ENERGIA DA BIOMASSE RESIDUALI NELLA REGIONE TIBERINA: OPPORTUNITÀ DI LAVORO E PROSPETTIVE DI CRESCITA PER LE AZIENDE AGRICOLE LAZIALI Prof. Ing. Maurizio Carlini 1 New Economy: dalla tecnologia alla centralità

Dettagli

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica Domenico Coaloa CRA - Istituto di Sperimentazione per la Pioppicoltura Casale Monferrato AL coaloa@populus.it

Dettagli

Energia rinnovabile in Campania

Energia rinnovabile in Campania Energia rinnovabile in Campania Le principali fonti di finanziamento delle FER in Campania POR Campania L asse 3 Energia sviluppa azioni finalizzate a: sostenere e/o realizzare impianti per la produzione

Dettagli

PROGETTO IMPATTO ZERO

PROGETTO IMPATTO ZERO PROGETTO IMPATTO ZERO Caratteristiche Generali del Progetto Notevole impiego e riqualificazione professionale Totalmente ecologico Iniziative di grande rilievo Diversificato e innovativo Integrato Coordinato

Dettagli

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Roma, 23 Settembre 2010 Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Dott.ssa M.R. Di Somma Assocostieri è l associazione italiana della

Dettagli

Una esperienza sul campo

Una esperienza sul campo Una esperienza sul campo Roberto Sacco CEO AGO Energia Rimini, 3 Novembre 2010 Un passo avanti. Indice Introduzione ad AGO Energia Alcune esperienze significative I benefici dell impiego delle biomasse

Dettagli

Norme tecniche per le biomasse

Norme tecniche per le biomasse La Lombardia verso il 2020: il progetto BioEnerGIS per lo sviluppo di produzione di energia da biomasse Norme tecniche per le biomasse Giovanni Riva Milano, 19 Ottobre 2011 Il ruolo del CTI Ente di normazione

Dettagli

Terra Futura2011. Patto dei Sindaci. Temi e strumenti operativi per il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Terra Futura2011. Patto dei Sindaci. Temi e strumenti operativi per il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Terra Futura2011 Patto dei Sindaci Temi e strumenti operativi per il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Biomassedarifiutocome risorsaenergetica, per abbatterele emissionidi CO 2 Inquadramento

Dettagli

Gli impatti sul territorio del sistema di incentivi alla produzione di energia rinnovabile in ambito agricolo

Gli impatti sul territorio del sistema di incentivi alla produzione di energia rinnovabile in ambito agricolo Milano, 20 luglio 2015 Gli impatti sul territorio del sistema di incentivi alla produzione di energia rinnovabile in ambito agricolo Davide Valenzano Milano, 20 Luglio 2015 Ringraziamenti Si ringraziano

Dettagli

Osservatorio Agroenergia. Prof. Alessandro Marangoni. 3 marzo 2011

Osservatorio Agroenergia. Prof. Alessandro Marangoni. 3 marzo 2011 Osservatorio Agroenergia Il settore delle agroenergie in Italia Prof. Alessandro Marangoni 3 marzo 2011 Indice 1. Perché le agroenergie? g 2. Le biomasse solide 3. Il biogas 4. Le biomasse liquide 5. L

Dettagli

Italian Biomass Forum Prospettive di sviluppo della bioenergia in Italia

Italian Biomass Forum Prospettive di sviluppo della bioenergia in Italia Italian Biomass Forum Prospettive di sviluppo della bioenergia in Italia Biomasse solide: produzione decentralizzata di elettricità e calore Milano - 21 Giugno 2012 Comitato Termotecnico Italiano PROSPETTIVE:

Dettagli

Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica

Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica Giorgio Cavallo Legambiente Friuli Venezia Giulia Sedegliano 11 settembre 2009 Le biomasse forestali

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

BIOGAS: Il futuro degli incentivi al biogas dopo il Decreto rinnovabili del marzo 2011

BIOGAS: Il futuro degli incentivi al biogas dopo il Decreto rinnovabili del marzo 2011 BIOGAS: Il futuro degli incentivi al biogas dopo il Decreto rinnovabili del marzo 2011 Informatore Agrario Cremona 29 Ottobre 2011 Sofia Mannelli Chimica Verde Bionet 1 Chimica Verde Bionet Chimica verde

Dettagli

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Silvia Silvestri Centro Sperimentale - Unità Biomasse ed energia rinnovabile FONDAZIONE EDMUND MACH ISTITUTO AGRARIO DI SAN

Dettagli

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Obiettivi della Misura 124 (1) La Misura ha sostenuto progetti di cooperazione per lo sviluppo e la sperimentazione

Dettagli

Sergio Marini (Presidente Coldiretti)

Sergio Marini (Presidente Coldiretti) Venezia, 17 aprile 2008 Forum Internazionale DOMANI ENERGIA Quarta edizione Sergio Marini (Presidente Coldiretti) 1 Coldiretti ha affrontato la questione energetica partendo da quei fenomeni che destano

Dettagli

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Centro Studi e Ricerche sul Nocciolo e Castagno Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Prof. Ing. Danilo Monarca monarca@unitus.it Giornata di Studio INNOVAZIONE

Dettagli

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive Convegno BioSouth Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive prof. Sanzio Baldini, Presidente ITABIA docente Utilizzazioni forestali Università della Tuscia dott. Chiara Artese,, dottorando

Dettagli

Contenuti. Lorenzo Maggioni Filiera biogas-biometano

Contenuti. Lorenzo Maggioni Filiera biogas-biometano Contenuti STATO DELL ARTE Stato dell arte Definizione DLgs 28/2011: Biometano gas ottenuto a partire da fonti rinnovabili avente caratteristiche e condizioni di utilizzo corrispondenti a quelle del gas

Dettagli

Psr 2014-2020, tutte le Misure a sostegno delle rinnovabili

Psr 2014-2020, tutte le Misure a sostegno delle rinnovabili LA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI TRA LE PRIORITÀ DEL NUOVO SVILUPPO RURALE Psr 2014-2020, tutte le Misure a sostegno delle rinnovabili I nuovi Programmi di sviluppo rurale, in fase di costruzione e approvazione,

Dettagli

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi Asti 7 marzo 2013 Gestione biomasse e sottoprodotti Dr. Franco Parola agronomo Responsabile Servizio Ambiente e Territorio Coldiretti Piemonte Le conseguenze

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Il riscaldamento delle serre

Il riscaldamento delle serre Il riscaldamento delle serre Indice 1. Misure di risparmio energetico 2. Perchè passare al riscaldamento con biomassa? 3. Costi energetici a confronto 4. Criteri di corretta progettazione 5. Tipologie

Dettagli

Il Biometano nel Decreto Legislativo sulle rinnovabili. Marino Berton presidente Aiel

Il Biometano nel Decreto Legislativo sulle rinnovabili. Marino Berton presidente Aiel Il Biometano nel Decreto Legislativo sulle rinnovabili Marino Berton presidente Aiel Il peso delle bioenergie rispetto a tutte le fonti rinnovabili in Europa RES in EU27 57% 60% 61% Stima del contributo

Dettagli

Le misure del nuovo PSR

Le misure del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani ARIA- SUOLO: NOVITA' PER IL PSR 2014-2020 Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia

Dettagli

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Nuove forme di integrazione ambientale in agricoltura Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Luca Castellazzi Ancona, 25 marzo 2004 Cos è la biomassa Il termine biomassa comprende tutte

Dettagli

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose.

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose. Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose Marino Berton dalla produzione delle biomasse Associazione di filiera

Dettagli

ANCE. Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010

ANCE. Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010 ANCE Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010 Produzione di energia termica da biomasse: tecnologie ed esperienze Dott.

Dettagli

Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa

Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa Uno Sviluppo Energetico Sostenibile per la Provincia di Oristano Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli

Dettagli

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO UNI EN ISO 14001:2004 CERTIQUALITY È MEMBRO DELLA FEDERAZIONE CISQ SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE CERTIFICATO produttore di pellet dal 1994 Fondata nel 1969, La TiEsse di Cimadolmo

Dettagli

GUIDA. Consorzio. Napoli 2000. Energia

GUIDA. Consorzio. Napoli 2000. Energia Consorzio Energia Napoli 2000 GUIDA CONSORZIO ENERGIA UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI PIAZZA DEI MARTIRI, 58 80121 NAPOLI AMMINISTRATORE UNICO DR. GABRIELE ARIOLA SEGRETARIO RESPONSABILE

Dettagli

Agripolis e la Facoltà di Agraria quale polo della ricerca sulle

Agripolis e la Facoltà di Agraria quale polo della ricerca sulle Le bioenergie in Europa, in Italia, nel Veneto. Un obiettivo che diventa realtà 20 giugno 2007 Corte Benedettina, Legnaro PD Agripolis e la Facoltà di Agraria quale polo della ricerca sulle bioenergie

Dettagli

Efficienza Energetica e Innovazione del Sistema Agricolo

Efficienza Energetica e Innovazione del Sistema Agricolo L INDUSTRIA DELL ENERGIA NEL SISTEMA AGRICOLO Efficienza Energetica e Innovazione del Sistema Agricolo Carlo Alberto Campiotti, Corinna Viola, Matteo Scoccianti Servizio Agricoltura (UTEE-AGR) UTEE (Unità

Dettagli

Presentazione attività ECOVAL & CO. SRL

Presentazione attività ECOVAL & CO. SRL Presentazione attività ECOVAL & CO. SRL Vr. 15/10 10/2013 Presentazione ECOVAL EcoVal & Co. Srl, fondata nel 2005 come nuova divisione operativa nel mondo energetico rinnovabile, è composta da figure professionali

Dettagli

ESPERIENZA DI UN IMPIANTO A LEGNO CIPPATO CON GASSIFICAZIONE REALIZZATO A CORREGGIO (RE) Ing. Davide Vezzani Direttore EN.COR srl 9 giugno 2010

ESPERIENZA DI UN IMPIANTO A LEGNO CIPPATO CON GASSIFICAZIONE REALIZZATO A CORREGGIO (RE) Ing. Davide Vezzani Direttore EN.COR srl 9 giugno 2010 ESPERIENZA DI UN IMPIANTO A LEGNO CIPPATO CON GASSIFICAZIONE REALIZZATO A CORREGGIO (RE) Ing. Davide Vezzani Direttore EN.COR srl 9 giugno 2010 IL PROGRAMMA ENERGETICO COMUNALE Al fine di intervenire in

Dettagli

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Convegno - Sostenibilità della coltura del tabacco in Italia - Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Dott. Pasquale Raiola 20 Aprile 2011 Dip. Scienze Economico-Estimative

Dettagli

Cenni introduttivi alle tecnologie per la generazione di energia a piccola e media scala David Chiaramonti CREAR/RE-CORD University of Florence

Cenni introduttivi alle tecnologie per la generazione di energia a piccola e media scala David Chiaramonti CREAR/RE-CORD University of Florence Cenni introduttivi alle tecnologie per la generazione di energia a piccola e media scala CREAR/RE-CORD University of Florence Sommario Introduzione alla giornata di studio Le Bioenergie: stato in EU Italia:

Dettagli

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Rocca di Casalina, Deruta (PG) 15 settembre 2011 Marino Berton Quali politiche di incentivo per il biogas

Dettagli

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Workshop rivolto ai Comuni beneficiari del progetto Alterenergy Udine, 30 maggio 2013 Sala Pasolini Silvia Stefanelli,

Dettagli

VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA

VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA Vercelli fiere CARESANABLOT (VC) 27-29 settembre 2013 VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA Dott. Domenico Coaloa CRA-PLF Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose fuori

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI

OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI PER LE IMPRESE, ENTI PUBBLICI ED ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALI 1 Unità locale : Via Dante, 207-26100 Cremona (CR) Cod.Fisc.P.Iva e iscrizione C.C.I.A.A. 01228270193

Dettagli