Premessa. (I dati sono riportati separatamente visti i due target molto differenti) L'orientamento post scuola superiore R E G I O N E P I E M O N T E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa. (I dati sono riportati separatamente visti i due target molto differenti) L'orientamento post scuola superiore R E G I O N E P I E M O N T E"

Transcript

1

2 Premessa La Regione Piemonte attualmente mette a disposizione una guida per l'orientamento scolastico dei ragazzi delle scuole medie e delle scuole superiori e organizza con essi incontri informativi utili al processo di scelta. Pertanto è parso opportuno verificare l'effettiva utilità di questi strumenti: se i giovani li conoscono, in che misura li usano e se fanno riferimento ad altri mezzi d'informazione per l'orientamento. A tale scopo si è deciso di avviare una ricerca sul tema dell'orientamento scolastico, volta ad indagare come viene vissuto dai ragazzi questo delicato momento, quale sia l'immaginario, come vengono valutati gli strumenti di informazione messi a disposizione, in particolare quelli della Regione e gli eventuali altri mezzi utilizzati ed utilizzabili. Presenteremo qui i risultati della ricerca organizzati in due parti: L'orientamento post scuola media inferiore che prende in considerazione: la prospettiva dei ragazzi delle scuole medie la prospettiva dei genitori dei ragazzi delle scuole medie (I dati sono riportati separatamente visti i due target molto differenti) L'orientamento post scuola superiore 2

3 Obiettivi Nello specifico la ricerca si è posta i seguenti obiettivi: > Rilevare il vissuto dei ragazzi (e di una fascia di genitori) relativo al tema dell'orientamento > Approfondire quali sono i dubbi e le principali difficoltà nel processo decisionale > Individuare i bisogni e le aspettative inerenti al tema dell'orientamento e della formazione > Individuare quali sono i canali e i mezzi più utilizzati per il reperimento delle informazioni > Rilevare le principali criticità riscontrate nel reperimento delle informazioni > Esplorare nuovi canali di informazioni utili a raggiungere genitori e ragazzi Metodologia La ricerca ha utilizzato come strumento d indagine i focus group. Si è privilegiata quindi una metodologia di tipo qualitativo che consentisse un maggior approfondimento delle logiche che si vengono ad instaurare rispetto ad uno specifico argomento d indagine e perciò più adatta ad indagare tematiche delicate o aree concettuali complesse e sfaccettate. La metodologia di analisi alla base della ricerca fa riferimento al teoria sociosemiotica, un approccio che, integrando semiotica e contributi di altre discipline sociali, come antropologia e sociologia, offre la possibilità di valutare la relazione dell interlocutore con gli argomenti / temi cui è sottoposto. 3

4 Campione Sulla base degli obiettivi condivisi, l'indagine è stata strutturata in 4 focus group con target differenti. Due gruppi per rilevare il vissuto relativo all'orientamento post scuola media inferiore: un gruppo composto da ragazzi/e frequentanti la 2 e la 3 classe della scuola media, 50% maschi e 50% femmine. un gruppo composto da genitori di ragazzi/e frequentanti la 2 e la 3 media, 50% maschi e 50% femmine. Due gruppi per rilevare il vissuto relativo all'orientamento post scuola superiore: un gruppo composto da ragazzi/e frequentanti la 4 e la 5 classe dei licei, 50% maschi e 50% femmine. un gruppo composto da ragazzi/e frequentanti la 4 e la 5 classe degli istituti tecnici, 50% maschi e 50% femmine. 4

5 PARTE 1 A L'ORIENTAMENTO POST SCUOLA MEDIA INFERIORE LA PROSPETTIVA DEI RAGAZZI 5

6 1.1 a) Il vissuto dei ragazzi (La scelta) La ricerca effettuata sui ragazzi delle medie ha messo in luce come essi abbiano un'immagine piuttosto chiara del loro futuro. I ragazzi si vedono proiettati nel loro domani che descrivono con molta facilità. La scelta della scuola dopo le medie non sembra spaventarli particolarmente, ritengono di conoscere il percorso da fare e non si mostrano titubanti anche quando questo sembra presentare diverse difficoltà. Laura 2 media : Ogni volta che chiedo un'opinione a qualcuno riguardo il liceo scientifico mi dicono che mi dovrò impegnare troppo. Ma io sono sicura che costi quel che costi farò lo scientifico, non ho mai avuto dubbi!. Si è riscontrata una forte determinazione da parte dei ragazzi nel voler raggiungere i loro sogni. Essi infatti si mostrano certi del lavoro che svolgeranno da grandi: chi vuole fare il medico, chi il giornalista e chi la veterinaria. La maggior parte dei ragazzi è già molto convinta di quello che dovrà essere il proprio percorso di studi una volta usciti dalle scuole medie per arrivare all'impiego lavorativo desiderato. Valentina 2 media : Io da grande farò la veterinaria. Mi iscriverò perciò al liceo scientifico. Voglio guadagnare abbastanza soldi per aprire un maneggio con la mia migliore amica. Eleonora 3 media : Da grande io vorrò fare la giornalista, o meglio, l'opinionista. L'italiano è la mia materia preferita e visto che mi piace scrivere, dovrò fare un lavoro attinente alla scrittura, quindi farò il liceo classico. L'indagine in un secondo momento evidenzia un gap fra questa forte determinazione dei ragazzi di fronte alla scelta e il modo con cui questa invece viene affrontata: emergerà infatti come dietro ad un'apparente determinazione, si celi un'inconsapevolezza dell'offerta formativa. I ragazzi dichiarano con fermezza quale scuola frequenteranno, ma non conoscono nello specifico quello che nello specifico essa offre in termini di materie. Dalle narrazioni emerge inoltre come le motivazioni principali che spingono i ragazzi ad una specifica scelta si basino principalmente sui loro interessi e sul loro immaginario relativo alla scuola. 6

7 1.2 a) Quali le motivazioni della scelta Le motivazioni principali per cui i ragazzi scelgono una determinata scuola piuttosto che un'altra sono legate alle preferenze delle materie. La maggior parte dei ragazzi prosegue infatti gli studi orientandosi verso una scuola superiore focalizzata sulla materia preferita o nella quale si sono ottenuti i voti migliori. Carlotta 2 media : Io ho scelto di fare il liceo classico perché vado molto bene in italiano. Federica 3 media : Io ho scelto di fare il liceo scientifico perché mi piace particolarmente matematica e scienze e spero di studiarle ancora per diversi anni. Molti ragazzi affermano che la scelta del tipo di liceo dipenderà delle ore riservate alla loro materia preferita. Scarteranno dal loro percorso formativo perciò una scuola che presenterà principalmente ore di una disciplina in cui non si sentono particolarmente ferrati. Andrea 2 media : Io ho scelto di fare il liceo scientifico perché odio l'italiano, voglio evitare di passare altri tre anni a studiarlo. Un'altra motivazione risulta essere quella del futuro impiego. Alcuni di loro sono talmente certi della professione che faranno, che questa fase di scelta si dimostra assai facile per loro. Volendo fare il medico ad esempio, si iscrivono al liceo scientifico con l'intenzione poi di proseguire gli studi all'università di medicina. Carlotta 2 media : Io voglio fare la farmacista, quindi farò il liceo scientifico e poi mi iscriverò all'università e studierò medicina. Laura 2 media : Io non farò lo scientifico solo perché mi piace la matematica, ma perché voglio diventare insegnante e per diventarlo mi hanno suggerito di fare il liceo scientifico. 7

8 Dalle dichiarazioni emerge come la famiglia giochi un ruolo importante nella vita dei ragazzi, e naturalmente anche per quanto riguarda il tema dell'istruzione scolastica. Si dimostra presente nel rapporto figlio-scuola e particolarmente partecipe in quello di genitori-scuola. Oltre che da supporto svolge soprattutto il ruolo di consigliera, suggerendo al figlio verso quale strada indirizzarsi. Carlotta 2 media : Ho parlato con mia mamma delle scelte scolastiche e lei mi ha aiutata a capire la scuola giusta per me. Francesco 2 media : Io ne ho parlato con i miei genitori e con mio fratello che è più grande di me, mi sono fatto un'idea su quello che lui mi ha detto. In questa fascia d'età i ragazzi sentono i genitori come veri consiglieri, si fidano del loro giudizio e spesso seguono le indicazioni che vengono loro date. La scelta definitiva viene comunque lasciata completamente nelle mani dei figli, che si dichiarano desiderosi e in grado di decidere in prima persona cosa è meglio per loro. Oltre che i genitori le figure di riferimento sono spesso i fratelli o i cugini che frequentano già le scuole superiori, tuttavia anche in questo caso alla fine, i ragazzi si dichiarano autonomi nel decidere il loro futuro. Quando decidono la strada da affrontare, niente e nessuno li convincerà del contrario 1. Federica 3 media : Per me è stata abbastanza difficile come scelta perché tutte le mie amiche hanno scelto un altro istituto, ma io alla fine ho deciso di andare per la mia strada!. Laura 2 media : Anche se tutti mi dicono che è difficile io, costi quel che costi, farò lo scientifico!. Altro ruolo fondamentale è ricoperto dagli insegnanti che indirizzano i ragazzi verso scuole conformi alla loro resa scolastica. L'aiuto che questi offrono sul panorama scolastico delle superiori è soprattutto di carattere informativo. Offrono delucidazioni riguardo l'impegno scolastico, gli strumenti di conoscenza e le specifiche che ogni liceo o istituto tecnico richiederà allo studente. I ragazzi riconoscono la competenza dei loro insegnanti e dalle loro dichiarazioni emerge una fiducia nei suggerimenti che questi danno loro. 1 Non dello stesso parere sono i genitori. Vedi parte 1B pag. 15 8

9 Davide 2 media : Noi parliamo molto con gli insegnanti perché loro sanno effettivamente le materie che si studiano alle superiori. Andrea 2 media : Se dovessi consigliare ad un amico a chi rivolgersi per la scelta gli consiglierei di parlare con il professore della sua materia preferita. L'indagine ha inoltre evidenziato come in questo processo di scelta l'influenza arrivi molto anche dagli amici. Non tutti i ragazzi hanno esempi in famiglia o figure a loro vicine che hanno studiato e che possono prendere come modello. Alcuni di loro quindi acquisiscono le informazioni dalla sfera sociale delle amicizie. I ragazzi che hanno amici più grandi che frequentano già il liceo, si fanno consigliare e raccontare cosa si studia a scuola, le specificità delle materie e chiedono l'effettivo impegno scolastico. Federica 3 media : Io non ne ho parlato con i miei genitori, ma con gli amici della montagna che fanno già il liceo. Loro mi hanno spiegato le diverse materie che si studiano nei differenti licei. Davide 2 media : Io ne ho parlato molto con i miei amici più grandi che mi hanno parlato dei vari licei ed istituti. 1.3 a) Le principali difficoltà della scelta Come già evidenziato nei paragrafi precedenti, l'indagine svolta rileva una forte determinazione dei ragazzi delle scuole medie rispetto alla scelta scolastica. Pochi di loro si mostrano incerti. Per quasi tutti i ragazzi la strada da percorrere è chiara e non influenzabile. Ma se in un primo momento i ragazzi, si dimostrano fermi nel cosa scegliere, le difficoltà arrivano invece nel come sceglierle. Per quanto riguarda il reperimento delle informazioni relativamente alle scuole presenti sul territorio regionale, i ragazzi affermano di non essere documentati e di conoscere poco gli strumenti di orientamento a loro dedicati. Abbiamo precedentemente indicato come le scelte formative dei ragazzi si basino principalmente sui loro desideri professionali e sulla materia preferita e quindi come queste non dipendano dalla consultazione degli strumenti di 9

10 orientamento. I ragazzi in realtà scelgono una scuola di cui non dispongono conoscenze al di là degli orari e delle materie. Ci si iscrive al liceo scientifico perché piace la matematica e non perché si conosce effettivamente quello che si studia al liceo scientifico o si ha ben chiaro a quali sbocchi scolastici o professionali sia orientata la formazione scientifica. I ragazzi si dimostrano molto attratti da ciò che sembra voler dire studiare ad un liceo scientifico (sulla base delle narrazioni di amici o parenti), ma in realtà sono poco consapevoli di ciò che realmente è studiare (cosa e come) al liceo scientifico. Francesco 2 media : Io non ho le idee ben chiare sul lavoro che farò, ma penso che frequentare il liceo scientifico e poi l'università mi permetterà di avere un lavoro che mi farà vivere bene senza problemi. Secondo la visione dei ragazzi, gli strumenti di orientamento non danno alcuna informazione qualitativa sulle diverse scuole. Dai loro discorsi emerge che le guide all'orientamento e i dépliant distribuiti nelle scuole elencano principalmente elementi di tipo informativo quali materie e orari; elementi questi non sufficienti per una valutazione critica. Apparentemente non c'è differenza tra un liceo e un altro; anche in questo caso si basano sul sentito dire, su quanto hanno scelto i fratelli maggiori o gli amici, o sulla fama della scuola. I ragazzi vorrebbero invece più informazioni, sia specifiche sulla scuola, sia di ordine generale. Ad esempio vogliono sapere quali figure professionali il liceo formi, mostrando una certa confusione ed ignoranza sull'articolazione dell'offerta scolastica (il liceo non forma nessuna figura professionale, al limite è l'università). Si dichiara la necessità di avere una visione a lungo termine che dimostri una coerenza tra i desideri professionali dei ragazzi e la reale offerta scolastica che segue le scelte dell'istituto superiore. Eleonora 3 media : Le guide all'orientamento che ci danno a scuola non danno indicazioni su quello che potremo fare dopo le superiori all'università o sul lavoro. 1.4 a) La conoscenza delle opportunità del territorio Se in un primo momento lo scenario della scuola superiore appare chiaro e ben diversificato agli occhi dei ragazzi delle medie, attraverso una colloquio più approfondito emerge come questa in 10

11 realtà sia poco conosciuta. I ragazzi dimostrano una conoscenza limitata dell'articolazione dell'offerta formativa. Si è riscontrato infatti che nella mente dei giovani è presente una rappresentazione dell'offerta formativa molto semplificata caratterizzata da due macro categorie: il liceo scientifico e il liceo classico. I ragazzi sembrano orientarsi unicamente rispetto a queste due strade, non danno segnali di una conoscenza più articolata e varia. Dai loro discorsi risulta che un'attitudine alle materie scientifiche debba esclusivamente portare a un liceo scientifico, mentre per chi preferisce le discipline umanistiche la strada è una sola: iscriversi ad un liceo classico. Non esprimono soluzioni alternative o la possibilità di valutare un istituto tecnico. Questo riconferma una visione semplicistica dell'offerta; nella loro concezione infatti iscriversi ad un liceo classico eviterà lo studio della matematica, mentre studiare ad un liceo scientifico comporterà unicamente l'approfondimento di discipline legate alla matematica (non valutano il fatto che si studia anche il latino, il greco, diritto etc.). Andrea 2 media : Io ho scelto di fare lo scientifico perché odio l'italiano, voglio evitare di passare altri tre anni a studiarlo. Carlotta 2 media : A me non piace proprio la matematica quindi mi iscriverò al liceo classico. È interessante notare che alcuni ragazzi scelgono una certa scuola sulla base di alcune peculiarità quali: i laboratori opzionali, i professori, le attività extra scolastiche, il nome o il quartiere dell'istituto etc. L'interesse si sposta quindi dal tipo di scuola alla scelta della specifica sede che viene preferita a volte rispetto ad altre proprio per il tipo di ambiente, per le attività o perché lì si sono iscritti anche gli amici o il fratello maggiore. In un quadro generale i ragazzi padroneggiano i nomi dei licei e degli istituti tecnici in generale, ma al momento di indicarne i contenuti si trovano in difficoltà. Appaiono poco informati sulle diverse discipline che si studiano nelle restanti scuole e, cosa molto importante, non hanno la minima competenza sugli sbocchi professionali una volta terminato il percorso di studi. Gli istituti tecnici vengono menzionati di rado e posizionati su un piano inferiore rispetto ai licei. Davide 2 media : Io so che dopo il liceo artistico puoi fare l'architetto Tutti: Ma no! Per fare l'architetto puoi solo fare l'istituto tecnico! Al liceo artistico si disegna. 11

12 Laura 2 media : Gli insegnanti dicono che, a parte il liceo scientifico e quello classico, le altre scuole sono per chi non ha voglia di studiare. 1.5 a) Gli strumenti di reperimento delle informazioni e le criticità La ricerca ha messo in luce che tra i giovani intervistati vi è una scarsa conoscenza degli strumenti offerti dalla Regione Piemonte utili al processo di scelta. I ragazzi non conoscono e non consultano i mezzi offerti dalla Regione per documentarsi sull orientamento scolastico (come il sito internet dedicato all orientamento o la guida scaricabile dal sito). Più in generale non si riscontra un atteggiamento attivo nel reperimento delle informazioni. I ragazzi vengono a conoscenza dell'offerta formativa attraverso il passaparola tra i genitori, le esperienze degli amici e i consigli degli insegnanti. Secondo quanto dichiarato i ragazzi ottengono le informazioni attraverso i seguenti strumenti: Guide all'orientamento. Vengono distribuite dalle scuole come strumento utile alla conoscenza dell'offerta formativa. Queste presentano però diverse criticità. Le guide infatti si presentano come elenchi di istituti che offrono unicamente informazioni tecniche, sembrano essere così più simili ad una guida telefonica che ad un manuale utile allo studente. In esse è indicato il nome dell'istituto, l'indirizzo, le principali materie e gli orari scolastici. A detta dei partecipanti questo strumento risulta scarno e offre una conoscenza dello scenario scolastico post medie molto limitato. I ragazzi ritengono di non essere abbastanza informati sull'articolazione scolastica e di non ricevere alcuna informazione riguardo ai futuri sbocchi professionali offerti da una scuola piuttosto che un'altra. Eleonora 3 media : Io ho consultato la guida che danno a scuola, ma non viene spiegato nulla. Ci sono solo i nomi dei vari licei, l'indirizzo e le materie principali. Non c'è scritto nulla di più. Non è indicato nulla su cosa poter fare dopo le superiori. Federica 3 media : Il libretto che hanno dato a noi non era per niente chiaro! Si vedeva che è stato scritto in fretta. 12

13 Incontri scolastici. Dal dialogo con i ragazzi è emerso che alcune scuole svolgono un programma annuale di presentazione dei licei e degli istituti tecnici con egual visibilità. Rappresentanti delle diverse scuole mostrano ai ragazzi le specificità dei singoli istituti, illustrando il programma didattico e le principali attività. Anche in questo caso però, questi incontri di presentazione sembrano aver più l'aria di una vendita promozionale delle scuole che di un percorso di orientamento; i rappresentanti di queste infatti pubblicizzano le caratteristiche delle scuole come fossero prodotti da vendere al cliente. Motivo per cui, i ragazzi dichiarano di voler vedere con i propri occhi cosa offre davvero la scuola. Per i ragazzi un'attività essenziale nella fase di orientamento scolastico sarebbe perciò la visita diretta all'interno della scuola e la partecipazione alle lezioni per un arco di tempo. Eleonora 3 media : Sarebbe utile andare a visitare la scuola direttamente. Io so che alcune scuole organizzano delle giornate in cui ti fanno seguire delle lezioni alle scuole superiori, sarebbe molto interessante!. Laura 2 media : Sarebbe bello andare a visitare le scuole per veder tutti i luoghi della scuola, i laboratori e le attività. I ragazzi delle medie si dimostrano molto interessati al dialogo con gli insegnanti. Stando a quanto dichiarato i professori potrebbero fornire ottime informazioni sulle materie da studiare. Le giornate dedicate alle lezioni-tipo all'interno dei licei quindi, servirebbero proprio per acquisire maggiori competenze sulla scuola superiore utili alla scelta formativa. Eleonora 3 media : È molto interessante parlare direttamente con i professori perché sono loro che conoscono bene le materie. Sarebbe molto utile che anche i professori delle scuole superiori venissero a parlarci dei licei. Laura 2 media : È molto utile andare a parlare con il professore della scuola alla quale ti vuoi iscrivere. Andrea 2 media : Nella mia scuola è venuto un professore che ci ha parlato delle materie da studiare alle superiori. 13

14 Test di orientamento. Alcune scuole organizzano dei test di orientamento allo scopo di capire il profilo attitudinale dello studente principalmente sulla base delle competenze acquisite. Il risultato di questi test risulta spesso poco attendibile. In primo luogo perché il risultato dipende dalla modalità con cui il ragazzo risponde alle domande del test (seriamente / per scherzo / copiando le risposte dall'amico etc.). In secondo luogo, e qui indichiamo la criticità maggiore, è uno strumento che indirizza lo studente verso un area, ma non fornisce giudizi qualitativi. Al ragazzo non viene designato un profilo delle proprie attitudini o specificato il reale talento. Semplicemente lo si indirizza verso una strada che potrà verificarsi col tempo errata giacché il ragazzo non vi ha riscontrato nessuna passione e attitudine. Federica 3 media : Nella mia scuola ci hanno fatto fare un test di orientamento che ci indicava per cosa eravamo maggiormente portati. Web. L'indagine ha riscontrato come il Web venga usato pochissimo dai ragazzi per orientarsi in questa fase di scelta. Più in generale è interessante notare come Internet non venga percepito come strumento utile a reperire informazioni credibili, soprattutto trattandosi di scuola. Francesco 2 media : Su Internet a volte mettono delle notizie false, non è come poi si rivela effettivamente nella realtà. Dai discorsi dei ragazzi emerge come il Web sia considerato uno strumento ancora molto legato al divertimento e alla socializzazione fra coetanei. Internet funge da informatore solo per la consultazione dei siti delle scuole superiori. I ragazzi perciò si affidano a questo mezzo solo per conoscere indirizzi, orari e principali discipline delle scuole, non per raccogliere pareri. In particolare i partecipanti dichiarano di non conoscere gli strumenti on line messi a disposizione dalla Regione Piemonte (il sito dedicato all'orientamento) e di fare un uso molto limitato della Rete (solo per determinate occasioni e spesso supervisionati dai genitori). Eleonora 3 media : Io consulto Internet per vedere i siti delle scuole. Ho guardato quello del Liceo Gioberti per vedere le materie e le attività. Laura 2 media : I siti delle diverse scuole hanno dei limiti, presentano solo le materie e gli orari; non danno un giudizio sulla scuola. 14

15 PARTE 1 B L'ORIENTAMENTO POST SCUOLA MEDIA INFERIORE LA PROSPETTIVA DEI GENITORI 15

16 1.1 b) L'immaginario relativo al tema dell'orientamento vissuto dai genitori L'indagine ha messo in luce quanto la famiglia sia rilevante nel percorso di scelta dei ragazzi. I genitori si sentono molto coinvolti da questo aspetto della vita dei loro figli: vanno a visitare le scuole superiori insieme, leggono le guide all'orientamento con loro e spesso li aiutano a ponderare le decisioni. Stefania: Mia figlia mi fa leggere la guida abbiamo guardato insieme le materie. Patrizia: Siamo andati insieme a vedere la scuola. Elisabetta M.: Nella scuola di mia figlia sono venute le diverse scuole a presentarsi, è stato molto utile per noi genitori. Le famiglie si dichiarano i primi consiglieri dei propri figli e talvolta sembrano avere l'intenzione di condizionare la scelta se questa si rivela inappropriata per i ragazzi. Succede che i ragazzi manifestino una propensione verso una disciplina che, a detta dei genitori ma soprattutto dei professori, non sembra essere adeguata alle loro capacità. In questo caso, la famiglia tenderà a consigliare al ragazzo una strada alternativa per non creare false aspettative e per non far vivere al figlio una delusione. Luisella: Mia figlia vorrebbe fare il classico, ma parlando con i professori, a tutti non sembra molto adatto a lei. Vorrei capire qual è la scuola più adatta lei e non farle fare una scuola non adeguata. Voglio evitarle una delusione!. Patrizia: Mio figlio vorrebbe fare il classico, ma io non lo vedo adatto, perché vedo che studia con fatica a scuola. Vorrei che frequentasse una scuola che sia una via di mezzo; che lo faccia maturare, ma nella quale lui riesca a studiare. Alcuni genitori si dichiarano preoccupati che le scelte dei figli siano influenzate da desideri passeggeri e che questi non siano veramente consapevoli di quello che andranno a studiare alle superiori. Temono che non sappiano realmente valutare le proprie capacità e che si indirizzino 16

17 verso scuole con programmi scolastici complessi e non di reale interesse da parte dei ragazzi. In questo quadro la famiglia dà consigli ai figli cercando di dar loro una visione a lungo termine. Patrizia: Noi genitori lo indirizziamo guardando non solo la sua fantasia, ma tenendo conto di quel che realmente sa fare. Mi sento di doverlo ancora proteggere!. Monica: Mia figlia vuole fare la veterinaria, ma io le ho detto che per farlo dovrà studiare tantissimo e di pensarci bene. Elisabetta M.: Mia figlia vorrebbe fare il medico, ma io sto cercando di farle cambiare idea perché devi studiare per tantissimi anni. Tuttavia la scelta finale spetta unicamente ai figli. I genitori danno suggerimenti e aiutano nel reperimento delle informazioni, ma in ogni caso la decisione definitiva viene lasciata ai ragazzi. Questi valutano con i propri strumenti e risultano completamente autonomi e liberi di decidere del proprio futuro. Mariella: Io lascio mio figlio libero nella scelta!. Elisabetta: Io non vedo un liceo classico indicato per mio figlio, ma se lui vuole fare quello è giusto che segua la sua volontà. Quando i figli dichiarano di voler iscriversi ad una determinata scuola e mostrano un vero interesse verso una disciplina la famiglia segue il volere del ragazzo. I genitori sono consapevoli che i figli non stanno affrontando una scelta irreversibile, che hanno davanti a sé ancora molto tempo per decidere del proprio futuro ed eventualmente di cambiare idea. Si dichiarano quindi pronti ad incoraggiarli nuovamente qualora la decisione scolastica si fosse rivelata sbagliata. Irma: Io non mi preoccupo più di tanto perché so che hanno ancora tempo per cambiare idea. Hanno ancora davanti a sé cinque anni. Mariella: Secondo me non bisogna avere questa pura che facciano la scelta sbagliata perché tanto entro il 30 gennaio del primo anno delle superiori hanno ancora la possibilità di cambiare 17

18 scuola senza perdere l'anno. Non dobbiamo caricarli di aspettative e chiedere loro di pianificare il loro futuro. Non stanno facendo una scelta irreversibile. Elisabetta: Io ho parlato con mio figlio del fatto che potrà non farcela, ma gli ho detto comunque di provarci, se poi vedremo che non sarà la scelta giusta per lui ci penseremo in futuro, deciderà poi lui come comportarsi di conseguenza. Dall'indagine emerge che nella prospettiva dei genitori l'aspetto importante non è tanto quale ambito disciplinare approfondire alle superiori, ma continuare gli studi iscrivendosi in primo luogo ad un liceo. La maggior perte dei genitori sottolinea l'importanza di frequentare un liceo affinché i figli abbiano una formazione completa. Mariella: L'importante per me è che i ragazzi studino e che facciano un liceo. Stefania: Se fai il liceo devi continuare gli studi l'università, altrimenti non ha senso. Patrizia: Il liceo apre la mente! È vero che è vago, perché se non ti iscrivi all'università dopo non ha molto senso, ma è molto importante la cultura che ti offre. Dall'immagine che i genitori hanno della scuola superiore, emerge nuovamente una visione limitata della formazione, già riscontrata nei ragazzi. La ricerca ha riconfermato che per la maggior parte delle persone la scuola superiore è divisa in due categorie: una categoria, potremmo dire, superiore quella dei licei e una categoria inferiore quella degli istituti tecnici. Gli intervistati esprimono chiaramente il desiderio che i propri figli studino ad un liceo (classico, scientifico, o artistico, basta che si tratti di un liceo), per uscire dalla scuola secondaria con un livello culturale, riconosciuto dai partecipanti di maggior rilievo rispetto a quello inferiore degli istituti tecnici. Mariella: Solo la scuola per geometri ti dà la qualifica, le altre scuole non danno una preparazione adeguata. Usciti dagli istituti tecnici i ragazzi vanno a fare gli operai. Bisogna perciò incoraggiarli a frequentare un liceo. 18

19 1.2 b) Le principali difficoltà della scelta La difficoltà maggiore per gli intervistati è sicuramente quella di capire le reali potenzialità dei loro figli. Al momento della scelta, abbiamo visto, come la decisione definitiva venga lasciata completamente nelle mani dei ragazzi che si sentono responsabili del proprio futuro professionale. I genitori temono che il loro figli valutino però erroneamente le proprie abilità e che facciano la scelta sbagliata. La difficoltà maggiore per i genitori in questo caso, è quella di dover sostenere il figlio sia umanamente, quando questo perde autostima in se stesso, sia economicamente al momento di ricomprare il materiale didattico per una nuova scuola. Stefania: Io ho paura che non sappiano realmente valutare le loro potenzialità e capacità. Una delle preoccupazione primarie per gli intervistati è quella di capire se le scelte dei figli siano influenzate o meno da variabili non propriamente didattiche, come ad esempio gli amici o le attività extra scolastiche. Alcuni genitori dichiarano che a determinare la scelta dei figli sono state proprio il fatto che in quella scuola si è iscritto l'amico, o per via delle informazioni suggerite da una persona esterna, o perché a frequentarla è la sorella, o ancora perché la scuola offre attività pomeridiane interessanti. Questo, ancora una volta, dimostra una mancata capacità dei ragazzi di valutare l'offerta scolastica e pone i genitori in difficoltà nell'avere una visione oggettiva della scuola al quale il figlio vorrebbe iscriversi. Irma: I ragazzi spessono non scelgono sulla base di quello che vorrebbero realmente fare, ma scelgono sulla base delle attività sportive che la scuola offre, in base agli orari (se si va il sabato ad esempio). Stefania: Mia figlia ha scelto di frequentare quella scuola perché la frequenta la sorella; bisogna stare attenti a queste scelte condizionate dall'esterno. Monica: A volte scelgono quella determinata scuola perché si sono già iscritti gli amici. Come già emerso dalle dichiarazioni dei ragazzi, molti studenti sono attratti da quello che vuole dire studiare in un determinato liceo piuttosto che in un altro, ma non conoscono 19

20 approfonditamente quello che i licei in genere offrono a livello formativo. Si fanno perciò influenzare dalla materia preferita o dalle attività extra scolastiche; identificando così la singola materia con l'intera specificità disciplinare. Secondo la visione dei genitori, i figli non hanno la piena consapevolezza di quello che andranno a studiare alle superiori e se questo sarà coerente con la professione che desiderano fare. Elisabetta: La mia paura più grande è che non scelgano coerentemente con quello che vogliono realmente fare nella vita. Un discorso a parte dovrebbe essere affrontato per il problema del ri-orientamento delle scuole superiori, espresso spontaneamente dai genitori in questa fase di indagine. È stato infatti riscontrato come i genitori vivano male il passaggio dei figli dalle scuole medie a quelle superiori in quanto non sembra esserci, dalle loro dichiarazioni, un collegamento tra le due tipologie di scuola. Una volta che i ragazzi si sono iscritti alla scuola superiore le famiglie si sentono completamente sole e abbandonate nella fase di sostegno per quanto riguarda la rivalutazione del panorama scolastico. Susanna: Per me è molto importante il problema del ri-orientamento una volta entrati alle superiori. Lì le famiglie vengono abbandonate e lasciate completamente sole. Se i ragazzi hanno sbagliato scuola o non hanno più voglia di studiare nessuno li aiuta. Esiste un servizio offerto dal comune dedicato al ri-orientamento dei ragazzi, ma questo si costituisce unicamente da 3 o 4 incontri e poi il ragazzo viene lasciato solo. Se il momento dell'orientamento alle medie viene vissuto positivamente dai genitori che si sentono supportati dalla scuola, non lo stesso si può dire nei primi anni delle superiori. In questa seconda fase lo studente non viene aiutato a valutare le proprie facoltà e le famiglie non possiedono mezzi di supporto per sostenere le scelte dei figli. Il problema nasce quando lo studente frequenta una scuola per cui non ha le capacità didattiche necessarie e si trova costretto a cambiar scuola. In questo quadro, la scuola non offre sostegno al ragazzo che deve nuovamente valutare le scelte formative precedentemente analizzate. Il ragazzo dovrà calibrare questa volta i desideri professionali con quello che realmente riuscirà a raggiungere. 20

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo Sperimentazione promossa dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Sperimentazione promossa dal MIUR DG Studente Piano Nazionale Orientamento Direzione Generale per lo Studente, l'integrazione,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero.

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Cosa fa un ingegnere petrolifero? Gli ingegneri petroliferi individuano, estraggono e

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a?

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 4 4 1a) In che misura valuta l'impegno di suo/sua figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 1% 4 1 B 1b)

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente Buongiorno, mi chiamo Tatsiana Shkurynava. Sono di nazionalità bielorussa, vivo in Italia a Reggio Calabria. In questo breve articolo vorrei raccontare della mia esperienza in Italia. Tutto è cominciato

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli