Premessa. (I dati sono riportati separatamente visti i due target molto differenti) L'orientamento post scuola superiore R E G I O N E P I E M O N T E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa. (I dati sono riportati separatamente visti i due target molto differenti) L'orientamento post scuola superiore R E G I O N E P I E M O N T E"

Transcript

1

2 Premessa La Regione Piemonte attualmente mette a disposizione una guida per l'orientamento scolastico dei ragazzi delle scuole medie e delle scuole superiori e organizza con essi incontri informativi utili al processo di scelta. Pertanto è parso opportuno verificare l'effettiva utilità di questi strumenti: se i giovani li conoscono, in che misura li usano e se fanno riferimento ad altri mezzi d'informazione per l'orientamento. A tale scopo si è deciso di avviare una ricerca sul tema dell'orientamento scolastico, volta ad indagare come viene vissuto dai ragazzi questo delicato momento, quale sia l'immaginario, come vengono valutati gli strumenti di informazione messi a disposizione, in particolare quelli della Regione e gli eventuali altri mezzi utilizzati ed utilizzabili. Presenteremo qui i risultati della ricerca organizzati in due parti: L'orientamento post scuola media inferiore che prende in considerazione: la prospettiva dei ragazzi delle scuole medie la prospettiva dei genitori dei ragazzi delle scuole medie (I dati sono riportati separatamente visti i due target molto differenti) L'orientamento post scuola superiore 2

3 Obiettivi Nello specifico la ricerca si è posta i seguenti obiettivi: > Rilevare il vissuto dei ragazzi (e di una fascia di genitori) relativo al tema dell'orientamento > Approfondire quali sono i dubbi e le principali difficoltà nel processo decisionale > Individuare i bisogni e le aspettative inerenti al tema dell'orientamento e della formazione > Individuare quali sono i canali e i mezzi più utilizzati per il reperimento delle informazioni > Rilevare le principali criticità riscontrate nel reperimento delle informazioni > Esplorare nuovi canali di informazioni utili a raggiungere genitori e ragazzi Metodologia La ricerca ha utilizzato come strumento d indagine i focus group. Si è privilegiata quindi una metodologia di tipo qualitativo che consentisse un maggior approfondimento delle logiche che si vengono ad instaurare rispetto ad uno specifico argomento d indagine e perciò più adatta ad indagare tematiche delicate o aree concettuali complesse e sfaccettate. La metodologia di analisi alla base della ricerca fa riferimento al teoria sociosemiotica, un approccio che, integrando semiotica e contributi di altre discipline sociali, come antropologia e sociologia, offre la possibilità di valutare la relazione dell interlocutore con gli argomenti / temi cui è sottoposto. 3

4 Campione Sulla base degli obiettivi condivisi, l'indagine è stata strutturata in 4 focus group con target differenti. Due gruppi per rilevare il vissuto relativo all'orientamento post scuola media inferiore: un gruppo composto da ragazzi/e frequentanti la 2 e la 3 classe della scuola media, 50% maschi e 50% femmine. un gruppo composto da genitori di ragazzi/e frequentanti la 2 e la 3 media, 50% maschi e 50% femmine. Due gruppi per rilevare il vissuto relativo all'orientamento post scuola superiore: un gruppo composto da ragazzi/e frequentanti la 4 e la 5 classe dei licei, 50% maschi e 50% femmine. un gruppo composto da ragazzi/e frequentanti la 4 e la 5 classe degli istituti tecnici, 50% maschi e 50% femmine. 4

5 PARTE 1 A L'ORIENTAMENTO POST SCUOLA MEDIA INFERIORE LA PROSPETTIVA DEI RAGAZZI 5

6 1.1 a) Il vissuto dei ragazzi (La scelta) La ricerca effettuata sui ragazzi delle medie ha messo in luce come essi abbiano un'immagine piuttosto chiara del loro futuro. I ragazzi si vedono proiettati nel loro domani che descrivono con molta facilità. La scelta della scuola dopo le medie non sembra spaventarli particolarmente, ritengono di conoscere il percorso da fare e non si mostrano titubanti anche quando questo sembra presentare diverse difficoltà. Laura 2 media : Ogni volta che chiedo un'opinione a qualcuno riguardo il liceo scientifico mi dicono che mi dovrò impegnare troppo. Ma io sono sicura che costi quel che costi farò lo scientifico, non ho mai avuto dubbi!. Si è riscontrata una forte determinazione da parte dei ragazzi nel voler raggiungere i loro sogni. Essi infatti si mostrano certi del lavoro che svolgeranno da grandi: chi vuole fare il medico, chi il giornalista e chi la veterinaria. La maggior parte dei ragazzi è già molto convinta di quello che dovrà essere il proprio percorso di studi una volta usciti dalle scuole medie per arrivare all'impiego lavorativo desiderato. Valentina 2 media : Io da grande farò la veterinaria. Mi iscriverò perciò al liceo scientifico. Voglio guadagnare abbastanza soldi per aprire un maneggio con la mia migliore amica. Eleonora 3 media : Da grande io vorrò fare la giornalista, o meglio, l'opinionista. L'italiano è la mia materia preferita e visto che mi piace scrivere, dovrò fare un lavoro attinente alla scrittura, quindi farò il liceo classico. L'indagine in un secondo momento evidenzia un gap fra questa forte determinazione dei ragazzi di fronte alla scelta e il modo con cui questa invece viene affrontata: emergerà infatti come dietro ad un'apparente determinazione, si celi un'inconsapevolezza dell'offerta formativa. I ragazzi dichiarano con fermezza quale scuola frequenteranno, ma non conoscono nello specifico quello che nello specifico essa offre in termini di materie. Dalle narrazioni emerge inoltre come le motivazioni principali che spingono i ragazzi ad una specifica scelta si basino principalmente sui loro interessi e sul loro immaginario relativo alla scuola. 6

7 1.2 a) Quali le motivazioni della scelta Le motivazioni principali per cui i ragazzi scelgono una determinata scuola piuttosto che un'altra sono legate alle preferenze delle materie. La maggior parte dei ragazzi prosegue infatti gli studi orientandosi verso una scuola superiore focalizzata sulla materia preferita o nella quale si sono ottenuti i voti migliori. Carlotta 2 media : Io ho scelto di fare il liceo classico perché vado molto bene in italiano. Federica 3 media : Io ho scelto di fare il liceo scientifico perché mi piace particolarmente matematica e scienze e spero di studiarle ancora per diversi anni. Molti ragazzi affermano che la scelta del tipo di liceo dipenderà delle ore riservate alla loro materia preferita. Scarteranno dal loro percorso formativo perciò una scuola che presenterà principalmente ore di una disciplina in cui non si sentono particolarmente ferrati. Andrea 2 media : Io ho scelto di fare il liceo scientifico perché odio l'italiano, voglio evitare di passare altri tre anni a studiarlo. Un'altra motivazione risulta essere quella del futuro impiego. Alcuni di loro sono talmente certi della professione che faranno, che questa fase di scelta si dimostra assai facile per loro. Volendo fare il medico ad esempio, si iscrivono al liceo scientifico con l'intenzione poi di proseguire gli studi all'università di medicina. Carlotta 2 media : Io voglio fare la farmacista, quindi farò il liceo scientifico e poi mi iscriverò all'università e studierò medicina. Laura 2 media : Io non farò lo scientifico solo perché mi piace la matematica, ma perché voglio diventare insegnante e per diventarlo mi hanno suggerito di fare il liceo scientifico. 7

8 Dalle dichiarazioni emerge come la famiglia giochi un ruolo importante nella vita dei ragazzi, e naturalmente anche per quanto riguarda il tema dell'istruzione scolastica. Si dimostra presente nel rapporto figlio-scuola e particolarmente partecipe in quello di genitori-scuola. Oltre che da supporto svolge soprattutto il ruolo di consigliera, suggerendo al figlio verso quale strada indirizzarsi. Carlotta 2 media : Ho parlato con mia mamma delle scelte scolastiche e lei mi ha aiutata a capire la scuola giusta per me. Francesco 2 media : Io ne ho parlato con i miei genitori e con mio fratello che è più grande di me, mi sono fatto un'idea su quello che lui mi ha detto. In questa fascia d'età i ragazzi sentono i genitori come veri consiglieri, si fidano del loro giudizio e spesso seguono le indicazioni che vengono loro date. La scelta definitiva viene comunque lasciata completamente nelle mani dei figli, che si dichiarano desiderosi e in grado di decidere in prima persona cosa è meglio per loro. Oltre che i genitori le figure di riferimento sono spesso i fratelli o i cugini che frequentano già le scuole superiori, tuttavia anche in questo caso alla fine, i ragazzi si dichiarano autonomi nel decidere il loro futuro. Quando decidono la strada da affrontare, niente e nessuno li convincerà del contrario 1. Federica 3 media : Per me è stata abbastanza difficile come scelta perché tutte le mie amiche hanno scelto un altro istituto, ma io alla fine ho deciso di andare per la mia strada!. Laura 2 media : Anche se tutti mi dicono che è difficile io, costi quel che costi, farò lo scientifico!. Altro ruolo fondamentale è ricoperto dagli insegnanti che indirizzano i ragazzi verso scuole conformi alla loro resa scolastica. L'aiuto che questi offrono sul panorama scolastico delle superiori è soprattutto di carattere informativo. Offrono delucidazioni riguardo l'impegno scolastico, gli strumenti di conoscenza e le specifiche che ogni liceo o istituto tecnico richiederà allo studente. I ragazzi riconoscono la competenza dei loro insegnanti e dalle loro dichiarazioni emerge una fiducia nei suggerimenti che questi danno loro. 1 Non dello stesso parere sono i genitori. Vedi parte 1B pag. 15 8

9 Davide 2 media : Noi parliamo molto con gli insegnanti perché loro sanno effettivamente le materie che si studiano alle superiori. Andrea 2 media : Se dovessi consigliare ad un amico a chi rivolgersi per la scelta gli consiglierei di parlare con il professore della sua materia preferita. L'indagine ha inoltre evidenziato come in questo processo di scelta l'influenza arrivi molto anche dagli amici. Non tutti i ragazzi hanno esempi in famiglia o figure a loro vicine che hanno studiato e che possono prendere come modello. Alcuni di loro quindi acquisiscono le informazioni dalla sfera sociale delle amicizie. I ragazzi che hanno amici più grandi che frequentano già il liceo, si fanno consigliare e raccontare cosa si studia a scuola, le specificità delle materie e chiedono l'effettivo impegno scolastico. Federica 3 media : Io non ne ho parlato con i miei genitori, ma con gli amici della montagna che fanno già il liceo. Loro mi hanno spiegato le diverse materie che si studiano nei differenti licei. Davide 2 media : Io ne ho parlato molto con i miei amici più grandi che mi hanno parlato dei vari licei ed istituti. 1.3 a) Le principali difficoltà della scelta Come già evidenziato nei paragrafi precedenti, l'indagine svolta rileva una forte determinazione dei ragazzi delle scuole medie rispetto alla scelta scolastica. Pochi di loro si mostrano incerti. Per quasi tutti i ragazzi la strada da percorrere è chiara e non influenzabile. Ma se in un primo momento i ragazzi, si dimostrano fermi nel cosa scegliere, le difficoltà arrivano invece nel come sceglierle. Per quanto riguarda il reperimento delle informazioni relativamente alle scuole presenti sul territorio regionale, i ragazzi affermano di non essere documentati e di conoscere poco gli strumenti di orientamento a loro dedicati. Abbiamo precedentemente indicato come le scelte formative dei ragazzi si basino principalmente sui loro desideri professionali e sulla materia preferita e quindi come queste non dipendano dalla consultazione degli strumenti di 9

10 orientamento. I ragazzi in realtà scelgono una scuola di cui non dispongono conoscenze al di là degli orari e delle materie. Ci si iscrive al liceo scientifico perché piace la matematica e non perché si conosce effettivamente quello che si studia al liceo scientifico o si ha ben chiaro a quali sbocchi scolastici o professionali sia orientata la formazione scientifica. I ragazzi si dimostrano molto attratti da ciò che sembra voler dire studiare ad un liceo scientifico (sulla base delle narrazioni di amici o parenti), ma in realtà sono poco consapevoli di ciò che realmente è studiare (cosa e come) al liceo scientifico. Francesco 2 media : Io non ho le idee ben chiare sul lavoro che farò, ma penso che frequentare il liceo scientifico e poi l'università mi permetterà di avere un lavoro che mi farà vivere bene senza problemi. Secondo la visione dei ragazzi, gli strumenti di orientamento non danno alcuna informazione qualitativa sulle diverse scuole. Dai loro discorsi emerge che le guide all'orientamento e i dépliant distribuiti nelle scuole elencano principalmente elementi di tipo informativo quali materie e orari; elementi questi non sufficienti per una valutazione critica. Apparentemente non c'è differenza tra un liceo e un altro; anche in questo caso si basano sul sentito dire, su quanto hanno scelto i fratelli maggiori o gli amici, o sulla fama della scuola. I ragazzi vorrebbero invece più informazioni, sia specifiche sulla scuola, sia di ordine generale. Ad esempio vogliono sapere quali figure professionali il liceo formi, mostrando una certa confusione ed ignoranza sull'articolazione dell'offerta scolastica (il liceo non forma nessuna figura professionale, al limite è l'università). Si dichiara la necessità di avere una visione a lungo termine che dimostri una coerenza tra i desideri professionali dei ragazzi e la reale offerta scolastica che segue le scelte dell'istituto superiore. Eleonora 3 media : Le guide all'orientamento che ci danno a scuola non danno indicazioni su quello che potremo fare dopo le superiori all'università o sul lavoro. 1.4 a) La conoscenza delle opportunità del territorio Se in un primo momento lo scenario della scuola superiore appare chiaro e ben diversificato agli occhi dei ragazzi delle medie, attraverso una colloquio più approfondito emerge come questa in 10

11 realtà sia poco conosciuta. I ragazzi dimostrano una conoscenza limitata dell'articolazione dell'offerta formativa. Si è riscontrato infatti che nella mente dei giovani è presente una rappresentazione dell'offerta formativa molto semplificata caratterizzata da due macro categorie: il liceo scientifico e il liceo classico. I ragazzi sembrano orientarsi unicamente rispetto a queste due strade, non danno segnali di una conoscenza più articolata e varia. Dai loro discorsi risulta che un'attitudine alle materie scientifiche debba esclusivamente portare a un liceo scientifico, mentre per chi preferisce le discipline umanistiche la strada è una sola: iscriversi ad un liceo classico. Non esprimono soluzioni alternative o la possibilità di valutare un istituto tecnico. Questo riconferma una visione semplicistica dell'offerta; nella loro concezione infatti iscriversi ad un liceo classico eviterà lo studio della matematica, mentre studiare ad un liceo scientifico comporterà unicamente l'approfondimento di discipline legate alla matematica (non valutano il fatto che si studia anche il latino, il greco, diritto etc.). Andrea 2 media : Io ho scelto di fare lo scientifico perché odio l'italiano, voglio evitare di passare altri tre anni a studiarlo. Carlotta 2 media : A me non piace proprio la matematica quindi mi iscriverò al liceo classico. È interessante notare che alcuni ragazzi scelgono una certa scuola sulla base di alcune peculiarità quali: i laboratori opzionali, i professori, le attività extra scolastiche, il nome o il quartiere dell'istituto etc. L'interesse si sposta quindi dal tipo di scuola alla scelta della specifica sede che viene preferita a volte rispetto ad altre proprio per il tipo di ambiente, per le attività o perché lì si sono iscritti anche gli amici o il fratello maggiore. In un quadro generale i ragazzi padroneggiano i nomi dei licei e degli istituti tecnici in generale, ma al momento di indicarne i contenuti si trovano in difficoltà. Appaiono poco informati sulle diverse discipline che si studiano nelle restanti scuole e, cosa molto importante, non hanno la minima competenza sugli sbocchi professionali una volta terminato il percorso di studi. Gli istituti tecnici vengono menzionati di rado e posizionati su un piano inferiore rispetto ai licei. Davide 2 media : Io so che dopo il liceo artistico puoi fare l'architetto Tutti: Ma no! Per fare l'architetto puoi solo fare l'istituto tecnico! Al liceo artistico si disegna. 11

12 Laura 2 media : Gli insegnanti dicono che, a parte il liceo scientifico e quello classico, le altre scuole sono per chi non ha voglia di studiare. 1.5 a) Gli strumenti di reperimento delle informazioni e le criticità La ricerca ha messo in luce che tra i giovani intervistati vi è una scarsa conoscenza degli strumenti offerti dalla Regione Piemonte utili al processo di scelta. I ragazzi non conoscono e non consultano i mezzi offerti dalla Regione per documentarsi sull orientamento scolastico (come il sito internet dedicato all orientamento o la guida scaricabile dal sito). Più in generale non si riscontra un atteggiamento attivo nel reperimento delle informazioni. I ragazzi vengono a conoscenza dell'offerta formativa attraverso il passaparola tra i genitori, le esperienze degli amici e i consigli degli insegnanti. Secondo quanto dichiarato i ragazzi ottengono le informazioni attraverso i seguenti strumenti: Guide all'orientamento. Vengono distribuite dalle scuole come strumento utile alla conoscenza dell'offerta formativa. Queste presentano però diverse criticità. Le guide infatti si presentano come elenchi di istituti che offrono unicamente informazioni tecniche, sembrano essere così più simili ad una guida telefonica che ad un manuale utile allo studente. In esse è indicato il nome dell'istituto, l'indirizzo, le principali materie e gli orari scolastici. A detta dei partecipanti questo strumento risulta scarno e offre una conoscenza dello scenario scolastico post medie molto limitato. I ragazzi ritengono di non essere abbastanza informati sull'articolazione scolastica e di non ricevere alcuna informazione riguardo ai futuri sbocchi professionali offerti da una scuola piuttosto che un'altra. Eleonora 3 media : Io ho consultato la guida che danno a scuola, ma non viene spiegato nulla. Ci sono solo i nomi dei vari licei, l'indirizzo e le materie principali. Non c'è scritto nulla di più. Non è indicato nulla su cosa poter fare dopo le superiori. Federica 3 media : Il libretto che hanno dato a noi non era per niente chiaro! Si vedeva che è stato scritto in fretta. 12

13 Incontri scolastici. Dal dialogo con i ragazzi è emerso che alcune scuole svolgono un programma annuale di presentazione dei licei e degli istituti tecnici con egual visibilità. Rappresentanti delle diverse scuole mostrano ai ragazzi le specificità dei singoli istituti, illustrando il programma didattico e le principali attività. Anche in questo caso però, questi incontri di presentazione sembrano aver più l'aria di una vendita promozionale delle scuole che di un percorso di orientamento; i rappresentanti di queste infatti pubblicizzano le caratteristiche delle scuole come fossero prodotti da vendere al cliente. Motivo per cui, i ragazzi dichiarano di voler vedere con i propri occhi cosa offre davvero la scuola. Per i ragazzi un'attività essenziale nella fase di orientamento scolastico sarebbe perciò la visita diretta all'interno della scuola e la partecipazione alle lezioni per un arco di tempo. Eleonora 3 media : Sarebbe utile andare a visitare la scuola direttamente. Io so che alcune scuole organizzano delle giornate in cui ti fanno seguire delle lezioni alle scuole superiori, sarebbe molto interessante!. Laura 2 media : Sarebbe bello andare a visitare le scuole per veder tutti i luoghi della scuola, i laboratori e le attività. I ragazzi delle medie si dimostrano molto interessati al dialogo con gli insegnanti. Stando a quanto dichiarato i professori potrebbero fornire ottime informazioni sulle materie da studiare. Le giornate dedicate alle lezioni-tipo all'interno dei licei quindi, servirebbero proprio per acquisire maggiori competenze sulla scuola superiore utili alla scelta formativa. Eleonora 3 media : È molto interessante parlare direttamente con i professori perché sono loro che conoscono bene le materie. Sarebbe molto utile che anche i professori delle scuole superiori venissero a parlarci dei licei. Laura 2 media : È molto utile andare a parlare con il professore della scuola alla quale ti vuoi iscrivere. Andrea 2 media : Nella mia scuola è venuto un professore che ci ha parlato delle materie da studiare alle superiori. 13

14 Test di orientamento. Alcune scuole organizzano dei test di orientamento allo scopo di capire il profilo attitudinale dello studente principalmente sulla base delle competenze acquisite. Il risultato di questi test risulta spesso poco attendibile. In primo luogo perché il risultato dipende dalla modalità con cui il ragazzo risponde alle domande del test (seriamente / per scherzo / copiando le risposte dall'amico etc.). In secondo luogo, e qui indichiamo la criticità maggiore, è uno strumento che indirizza lo studente verso un area, ma non fornisce giudizi qualitativi. Al ragazzo non viene designato un profilo delle proprie attitudini o specificato il reale talento. Semplicemente lo si indirizza verso una strada che potrà verificarsi col tempo errata giacché il ragazzo non vi ha riscontrato nessuna passione e attitudine. Federica 3 media : Nella mia scuola ci hanno fatto fare un test di orientamento che ci indicava per cosa eravamo maggiormente portati. Web. L'indagine ha riscontrato come il Web venga usato pochissimo dai ragazzi per orientarsi in questa fase di scelta. Più in generale è interessante notare come Internet non venga percepito come strumento utile a reperire informazioni credibili, soprattutto trattandosi di scuola. Francesco 2 media : Su Internet a volte mettono delle notizie false, non è come poi si rivela effettivamente nella realtà. Dai discorsi dei ragazzi emerge come il Web sia considerato uno strumento ancora molto legato al divertimento e alla socializzazione fra coetanei. Internet funge da informatore solo per la consultazione dei siti delle scuole superiori. I ragazzi perciò si affidano a questo mezzo solo per conoscere indirizzi, orari e principali discipline delle scuole, non per raccogliere pareri. In particolare i partecipanti dichiarano di non conoscere gli strumenti on line messi a disposizione dalla Regione Piemonte (il sito dedicato all'orientamento) e di fare un uso molto limitato della Rete (solo per determinate occasioni e spesso supervisionati dai genitori). Eleonora 3 media : Io consulto Internet per vedere i siti delle scuole. Ho guardato quello del Liceo Gioberti per vedere le materie e le attività. Laura 2 media : I siti delle diverse scuole hanno dei limiti, presentano solo le materie e gli orari; non danno un giudizio sulla scuola. 14

15 PARTE 1 B L'ORIENTAMENTO POST SCUOLA MEDIA INFERIORE LA PROSPETTIVA DEI GENITORI 15

16 1.1 b) L'immaginario relativo al tema dell'orientamento vissuto dai genitori L'indagine ha messo in luce quanto la famiglia sia rilevante nel percorso di scelta dei ragazzi. I genitori si sentono molto coinvolti da questo aspetto della vita dei loro figli: vanno a visitare le scuole superiori insieme, leggono le guide all'orientamento con loro e spesso li aiutano a ponderare le decisioni. Stefania: Mia figlia mi fa leggere la guida abbiamo guardato insieme le materie. Patrizia: Siamo andati insieme a vedere la scuola. Elisabetta M.: Nella scuola di mia figlia sono venute le diverse scuole a presentarsi, è stato molto utile per noi genitori. Le famiglie si dichiarano i primi consiglieri dei propri figli e talvolta sembrano avere l'intenzione di condizionare la scelta se questa si rivela inappropriata per i ragazzi. Succede che i ragazzi manifestino una propensione verso una disciplina che, a detta dei genitori ma soprattutto dei professori, non sembra essere adeguata alle loro capacità. In questo caso, la famiglia tenderà a consigliare al ragazzo una strada alternativa per non creare false aspettative e per non far vivere al figlio una delusione. Luisella: Mia figlia vorrebbe fare il classico, ma parlando con i professori, a tutti non sembra molto adatto a lei. Vorrei capire qual è la scuola più adatta lei e non farle fare una scuola non adeguata. Voglio evitarle una delusione!. Patrizia: Mio figlio vorrebbe fare il classico, ma io non lo vedo adatto, perché vedo che studia con fatica a scuola. Vorrei che frequentasse una scuola che sia una via di mezzo; che lo faccia maturare, ma nella quale lui riesca a studiare. Alcuni genitori si dichiarano preoccupati che le scelte dei figli siano influenzate da desideri passeggeri e che questi non siano veramente consapevoli di quello che andranno a studiare alle superiori. Temono che non sappiano realmente valutare le proprie capacità e che si indirizzino 16

17 verso scuole con programmi scolastici complessi e non di reale interesse da parte dei ragazzi. In questo quadro la famiglia dà consigli ai figli cercando di dar loro una visione a lungo termine. Patrizia: Noi genitori lo indirizziamo guardando non solo la sua fantasia, ma tenendo conto di quel che realmente sa fare. Mi sento di doverlo ancora proteggere!. Monica: Mia figlia vuole fare la veterinaria, ma io le ho detto che per farlo dovrà studiare tantissimo e di pensarci bene. Elisabetta M.: Mia figlia vorrebbe fare il medico, ma io sto cercando di farle cambiare idea perché devi studiare per tantissimi anni. Tuttavia la scelta finale spetta unicamente ai figli. I genitori danno suggerimenti e aiutano nel reperimento delle informazioni, ma in ogni caso la decisione definitiva viene lasciata ai ragazzi. Questi valutano con i propri strumenti e risultano completamente autonomi e liberi di decidere del proprio futuro. Mariella: Io lascio mio figlio libero nella scelta!. Elisabetta: Io non vedo un liceo classico indicato per mio figlio, ma se lui vuole fare quello è giusto che segua la sua volontà. Quando i figli dichiarano di voler iscriversi ad una determinata scuola e mostrano un vero interesse verso una disciplina la famiglia segue il volere del ragazzo. I genitori sono consapevoli che i figli non stanno affrontando una scelta irreversibile, che hanno davanti a sé ancora molto tempo per decidere del proprio futuro ed eventualmente di cambiare idea. Si dichiarano quindi pronti ad incoraggiarli nuovamente qualora la decisione scolastica si fosse rivelata sbagliata. Irma: Io non mi preoccupo più di tanto perché so che hanno ancora tempo per cambiare idea. Hanno ancora davanti a sé cinque anni. Mariella: Secondo me non bisogna avere questa pura che facciano la scelta sbagliata perché tanto entro il 30 gennaio del primo anno delle superiori hanno ancora la possibilità di cambiare 17

18 scuola senza perdere l'anno. Non dobbiamo caricarli di aspettative e chiedere loro di pianificare il loro futuro. Non stanno facendo una scelta irreversibile. Elisabetta: Io ho parlato con mio figlio del fatto che potrà non farcela, ma gli ho detto comunque di provarci, se poi vedremo che non sarà la scelta giusta per lui ci penseremo in futuro, deciderà poi lui come comportarsi di conseguenza. Dall'indagine emerge che nella prospettiva dei genitori l'aspetto importante non è tanto quale ambito disciplinare approfondire alle superiori, ma continuare gli studi iscrivendosi in primo luogo ad un liceo. La maggior perte dei genitori sottolinea l'importanza di frequentare un liceo affinché i figli abbiano una formazione completa. Mariella: L'importante per me è che i ragazzi studino e che facciano un liceo. Stefania: Se fai il liceo devi continuare gli studi l'università, altrimenti non ha senso. Patrizia: Il liceo apre la mente! È vero che è vago, perché se non ti iscrivi all'università dopo non ha molto senso, ma è molto importante la cultura che ti offre. Dall'immagine che i genitori hanno della scuola superiore, emerge nuovamente una visione limitata della formazione, già riscontrata nei ragazzi. La ricerca ha riconfermato che per la maggior parte delle persone la scuola superiore è divisa in due categorie: una categoria, potremmo dire, superiore quella dei licei e una categoria inferiore quella degli istituti tecnici. Gli intervistati esprimono chiaramente il desiderio che i propri figli studino ad un liceo (classico, scientifico, o artistico, basta che si tratti di un liceo), per uscire dalla scuola secondaria con un livello culturale, riconosciuto dai partecipanti di maggior rilievo rispetto a quello inferiore degli istituti tecnici. Mariella: Solo la scuola per geometri ti dà la qualifica, le altre scuole non danno una preparazione adeguata. Usciti dagli istituti tecnici i ragazzi vanno a fare gli operai. Bisogna perciò incoraggiarli a frequentare un liceo. 18

19 1.2 b) Le principali difficoltà della scelta La difficoltà maggiore per gli intervistati è sicuramente quella di capire le reali potenzialità dei loro figli. Al momento della scelta, abbiamo visto, come la decisione definitiva venga lasciata completamente nelle mani dei ragazzi che si sentono responsabili del proprio futuro professionale. I genitori temono che il loro figli valutino però erroneamente le proprie abilità e che facciano la scelta sbagliata. La difficoltà maggiore per i genitori in questo caso, è quella di dover sostenere il figlio sia umanamente, quando questo perde autostima in se stesso, sia economicamente al momento di ricomprare il materiale didattico per una nuova scuola. Stefania: Io ho paura che non sappiano realmente valutare le loro potenzialità e capacità. Una delle preoccupazione primarie per gli intervistati è quella di capire se le scelte dei figli siano influenzate o meno da variabili non propriamente didattiche, come ad esempio gli amici o le attività extra scolastiche. Alcuni genitori dichiarano che a determinare la scelta dei figli sono state proprio il fatto che in quella scuola si è iscritto l'amico, o per via delle informazioni suggerite da una persona esterna, o perché a frequentarla è la sorella, o ancora perché la scuola offre attività pomeridiane interessanti. Questo, ancora una volta, dimostra una mancata capacità dei ragazzi di valutare l'offerta scolastica e pone i genitori in difficoltà nell'avere una visione oggettiva della scuola al quale il figlio vorrebbe iscriversi. Irma: I ragazzi spessono non scelgono sulla base di quello che vorrebbero realmente fare, ma scelgono sulla base delle attività sportive che la scuola offre, in base agli orari (se si va il sabato ad esempio). Stefania: Mia figlia ha scelto di frequentare quella scuola perché la frequenta la sorella; bisogna stare attenti a queste scelte condizionate dall'esterno. Monica: A volte scelgono quella determinata scuola perché si sono già iscritti gli amici. Come già emerso dalle dichiarazioni dei ragazzi, molti studenti sono attratti da quello che vuole dire studiare in un determinato liceo piuttosto che in un altro, ma non conoscono 19

20 approfonditamente quello che i licei in genere offrono a livello formativo. Si fanno perciò influenzare dalla materia preferita o dalle attività extra scolastiche; identificando così la singola materia con l'intera specificità disciplinare. Secondo la visione dei genitori, i figli non hanno la piena consapevolezza di quello che andranno a studiare alle superiori e se questo sarà coerente con la professione che desiderano fare. Elisabetta: La mia paura più grande è che non scelgano coerentemente con quello che vogliono realmente fare nella vita. Un discorso a parte dovrebbe essere affrontato per il problema del ri-orientamento delle scuole superiori, espresso spontaneamente dai genitori in questa fase di indagine. È stato infatti riscontrato come i genitori vivano male il passaggio dei figli dalle scuole medie a quelle superiori in quanto non sembra esserci, dalle loro dichiarazioni, un collegamento tra le due tipologie di scuola. Una volta che i ragazzi si sono iscritti alla scuola superiore le famiglie si sentono completamente sole e abbandonate nella fase di sostegno per quanto riguarda la rivalutazione del panorama scolastico. Susanna: Per me è molto importante il problema del ri-orientamento una volta entrati alle superiori. Lì le famiglie vengono abbandonate e lasciate completamente sole. Se i ragazzi hanno sbagliato scuola o non hanno più voglia di studiare nessuno li aiuta. Esiste un servizio offerto dal comune dedicato al ri-orientamento dei ragazzi, ma questo si costituisce unicamente da 3 o 4 incontri e poi il ragazzo viene lasciato solo. Se il momento dell'orientamento alle medie viene vissuto positivamente dai genitori che si sentono supportati dalla scuola, non lo stesso si può dire nei primi anni delle superiori. In questa seconda fase lo studente non viene aiutato a valutare le proprie facoltà e le famiglie non possiedono mezzi di supporto per sostenere le scelte dei figli. Il problema nasce quando lo studente frequenta una scuola per cui non ha le capacità didattiche necessarie e si trova costretto a cambiar scuola. In questo quadro, la scuola non offre sostegno al ragazzo che deve nuovamente valutare le scelte formative precedentemente analizzate. Il ragazzo dovrà calibrare questa volta i desideri professionali con quello che realmente riuscirà a raggiungere. 20

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Assessorato Lavoro, Cultura e Identità dei Territori Assessorato Politiche di coesione sociale, Pari Opportunità e Formazione Professionale

Assessorato Lavoro, Cultura e Identità dei Territori Assessorato Politiche di coesione sociale, Pari Opportunità e Formazione Professionale Provincia di Mantova Assessorato Lavoro, Cultura e Identità dei Territori Assessorato Politiche di coesione sociale, Pari Opportunità e Formazione Professionale IO SCELGO 2016 GUIDA ALL ORIENTAMENTO Percorsi

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Ricerca attiva del lavoro

Ricerca attiva del lavoro Ricerca attiva del lavoro La ricerca attiva in tre fasi 1 3 2 CONSAPEVOLEZZA STRUMENTI INFORMAZIONI Fase 1: Consapevolezza Io cosa offro? Bilancio di competenze Strumenti: Domande individuali: cosa so

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Totale rappresentanti genitori: 22 Totale questionari cartacei distribuiti: 22 Totale questionari ricevuti:

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA DI MONTICELLI D ONGINA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA DI MONTICELLI D ONGINA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA DI MONTICELLI D ONGINA e-mail: PCic806002@istruzione.it sito: www.icmonticelli.it Studenti e genitori sono di fronte a una scelta difficile.

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Indagine su istruzione e competenze dei diplomati e laureati italiani

Indagine su istruzione e competenze dei diplomati e laureati italiani Indagine su istruzione e competenze dei diplomati e laureati italiani Commenti all Indagine su Istruzione e Competenze dei Laureati e Diplomati Italiani Tito Boeri e Michele Pellizzari Fondazione Rodolfo

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PIANO DI LAVORO RELATIVO ALLA ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO DELL TECNOLOGICO E DEL LICEO SCIENTIFICO DELL I.I.S.S. G. Salvemini a.s. 2014-15 L'attività di orientamento ha

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

DIRITTO ALLA CULTURA Presentazione dei risultati di 20 Future Workshop (a cura di Cecilia Cappelli) Premessa

DIRITTO ALLA CULTURA Presentazione dei risultati di 20 Future Workshop (a cura di Cecilia Cappelli) Premessa DIRITTO ALLA CULTURA Presentazione dei risultati di 20 Future Workshop (a cura di Cecilia Cappelli) Premessa L esperienza dei laboratori della partecipazione democratica è partita a febbraio e si è conclusa

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 100 E LODE VIGLIANI VALENTINA 5B 100/100 GATTUSO GIANLUCA 5 A PERRERO JESSICA 5 B CARIGNANO SILVIA 5 C 100/100 CIVIDINO DAVIDE 5C CIELO ANDREA 5 D RIZZA DAVIDE 5 D

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

FUNZIONE ORIENTAMENTO AGLI STUDI UNIVERSITARI

FUNZIONE ORIENTAMENTO AGLI STUDI UNIVERSITARI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. SCALFARO Catanzaro FUNZIONE ORIENTAMENTO AGLI STUDI UNIVERSITARI REFERENTE FUNZIONE Prof.ssa Elisabetta CAROLEI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE SULL ORIENTAMENTO IN USCITA DEGLI

Dettagli

gli eventi della Scuola di Counselling Drammaturgico CONVEGNO, 13 GIUGNO 2015 LE TECNICHE PER IL COUNSELLING

gli eventi della Scuola di Counselling Drammaturgico CONVEGNO, 13 GIUGNO 2015 LE TECNICHE PER IL COUNSELLING gli eventi della Scuola di Counselling Drammaturgico CONVEGNO, 13 GIUGNO 2015 LE TECNICHE PER IL COUNSELLING Relatore: Cristina Bronzini Titolo dell intervento: L utilizzo del metodo drammaturgico nell

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011 La rete siamo noi Uso della rete internet e dei social network Bologna, 19 maggio 2011 Il progetto La Rete Siamo Noi è un progetto nato dalla collaborazione tra il Difensore Civico e il CORECOM Emilia-Romagna.

Dettagli

Diventano grandi: è l ora delle scelte!

Diventano grandi: è l ora delle scelte! Diventano grandi: è l ora delle scelte! 1. Il significato dell orientamento oggi 2. Quali ingredienti per un buon orientamento 3. La riforma scolastica in breve 4. Progetti di orientamento 1 1. Il significato

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria.

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria. Scuola Secondaria Pazzini Villa Verucchio Per l anno scolastico 2011 la scuola secondaria Pazzini di Villa Verucchio ha scelto per la classe I F il laboratorio Adolescenza a fumetti, per le classi II H,

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico

Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico AUTORI: prof.ssa Francesca Ercoli, Pitscheider Christian, Di Marino Luca, Massacci Sara, Rautmann Anna. INTRODUZIONE:

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

LA CONDIZIONE DEL DOTTORATO DI RICERCA A BOLOGNA NEL 2000

LA CONDIZIONE DEL DOTTORATO DI RICERCA A BOLOGNA NEL 2000 ASSOCIAZIONE DOTTORANDI E DOTTORI DI RICERCA ITALIANI LA CONDIZIONE DEL DOTTORATO DI RICERCA A BOLOGNA NEL Nel dicembre del la sezione di Bologna dell ADI ha condotto un questionario tra gli iscritti ai

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione Heinrich Lintze - Brema Altes Gymnasium Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione 1 la struttura della pubblica istruzione in Germania e gli ultimi sviluppi 1.1 cultura

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Questionario immatricolazioni Corsi di Laurea di primo livello Università di Macerata 2013-2014

Questionario immatricolazioni Corsi di Laurea di primo livello Università di Macerata 2013-2014 Questionario immatricolazioni Corsi di Laurea di primo livello Università di Macerata 2013-2014 Introduzione Attraverso la piattaforma ESSE3 che gestisce la carriera degli/delle studenti/studentesse dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A2

Università per Stranieri di Siena Livello A2 Unità 17 Il Centro Territoriale Permanente In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sui Centri Territoriali Permanenti per l istruzione e la formazione in età adulta parole

Dettagli

relativa verifica ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA S. DELL INFANZIA S. P. - S. S. 1 OGGETTO : percorso Orientamento e

relativa verifica ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA S. DELL INFANZIA S. P. - S. S. 1 OGGETTO : percorso Orientamento e ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA S. DELL INFANZIA S. P. - S. S. 1 OGGETTO : percorso Orientamento e relativa verifica F. S. AREA 2 : DOCENTE VANNELLI TERESA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 Orientare significa

Dettagli

SERENA WILLIAMS LA SFIDA DELL INCERTEZZA. All interno speciale ViDeO. il mio incontro con tony. ON esercizi PRAtiCi!

SERENA WILLIAMS LA SFIDA DELL INCERTEZZA. All interno speciale ViDeO. il mio incontro con tony. ON esercizi PRAtiCi! ROBBiNs n. 6 Il Magazine Multimediale di Anthony Robbins, Formatore n. 1 al mondo LA SFIDA DELL INCERTEZZA All interno speciale ViDeO SERENA WILLIAMS il mio incontro con tony ON esercizi PRAtiCi! 7 Aprile

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Le opinioni degli studenti raccolte tramite i gruppi Facebook Sondaggio promosso dai Rappresentati degli Studenti nel

Dettagli

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte)

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) 1 QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) (ALLEGATO N 2) Sono pervenuti 90 questionari compilati ma non tutti completi. Non è stata prevista una differenziazione per categorie

Dettagli

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Obiettivo Indagare il ruolo e l importanza della formazione tecnico-scientifica

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

TIMSS 2011. Questionario studente. Scuola secondaria di I grado classe terza. School ID: School Name:

TIMSS 2011. Questionario studente. Scuola secondaria di I grado classe terza. School ID: School Name: Identification Etichetta identificativa Label School ID: School Name: TIMSS 2011 Questionario studente Scuola secondaria di I grado classe terza Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati Lexis Ricerche per Faschim FASCHIM Indagine Associati 1 Metodo e campione Ricerca quantitativa sul target iscritti Faschim. Disegno campionario: 1000 interviste telefoniche a iscritti al fondo Faschim;

Dettagli

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO La ricerca La presente indagine, svoltasi nel mese di giugno 2006, aveva l obiettivo di indagare il rapporto degli Italiani con il risparmio e con le attività di investimento. Sono state raccolte 1.000

Dettagli

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale?

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Tempistica 40-45 minuti Competenze Competenza 27 conoscere i percorsi professionali di un area

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Qual è lo scopo del colloquio di selezione? Lo scopo del colloquio di selezione è: CAPIRE L INVESTIMENTO CHE DOVREMO FARE SULLA PERSONA IN

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli