Istituzione gruppo di lavoro medicina e chirurgia estetica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituzione gruppo di lavoro medicina e chirurgia estetica"

Transcript

1 Consiglio Direttivo del 19 aprile 2005 Istituzione gruppo di lavoro medicina e chirurgia estetica Il Presidente riferisce che a seguito del colloquio avuto con il collega dott. Iacoponi, vista l'importanza delle problematiche sollevate si è decisa l'istituzione di un apposito gruppo di lavoro che si è insediato venerdì 8 aprile u.s. La finalità dichiarata è di definire i requisiti professionali ed etici dei liberi professionisti che esercitano le attività di medicina e chirurgia estetica in modo da predisporre una proposta di regolamentazione della materia auspicando quindi un riconoscimento ufficiale della medicina estetica. Per arrivare a questo, l'obbiettivo del gruppo è di formulare in tempi ragionevolmente brevi condiviso su tali temi. un documento A seguito della iniziativa del Consiglio si è anche deciso di pubblicare come inserto alla News un Questionario che è pubblicato anche sul sito Web, con invito a tutti i Colleghi interessati a volerlo compilare ed inviarlo all'ordine per posta (via San Prosdocimo 6, Padova), via fax (049/ ) o consegnato personalmente all'ufficio protocollo. In alternativa è possibile compilarlo direttamente sul sito web dell'ordine. E' stato precisato che si tratta di una semplice raccolta di dati che potranno essere utili al Gruppo di lavoro sulla Medicina e la Chirurgia Estetica (Gruppo aperto a chi voglia dare un contributo) per approfondire tematiche e problematiche che interessano i Colleghi che esercitano questa disciplina. Consiglio Direttivo del 19 aprile 2005 MEDICINA TERMALE Il Presidente comunica che per il 28 aprile p.v. ore 21 è convocata una riunione con i Direttori 1 / 17

2 Sanitari degli Stabilimenti Termali per l'esame di un documento proposta sull'esercizio professionale nell'ambito della Medicina Termale e per la costituzione del relativo gruppo di lavoro. Il Consiglio prende atto. Consiglio Direttivo del 3 maggio 2005 RIUNIONE MEDICINA TERMALE Il Presidente comunica che giovedì 28 aprile u.s. ha avuto luogo un importante incontro del gruppo di lavoro sulla medicina termale: è stato portato all'attenzione dei medici termalisti presenti un primo documento che riassume la normativa sul tema. Sono stati inoltre esaminati i numerosi problemi del settore che saranno oggetto di approfondimento. Di seguito riportiamo il documento distribuito nella riunione MEDICINA TERMALE PREMESSA L'art. 32 della Costituzione dispone che la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto del cittadino e interesse della collettività. In attuazione del dettato costituzionale la legge 27 dicembre 1978 n. 833, istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale, ha individuato tra gli obbiettivi primari per il conseguimento delle finalità costituzionali la prevenzione delle malattie e degli infortuni in ogni ambito di vita e di lavoro e la diagnosi e la cura degli eventi morbosi quali che ne siano le cause, la fenomenologia e la durata: tali obbiettivi corrispondono ai tre tradizionali momenti della prassi medica: prevenzione, cura e riabilitazione. 2 / 17

3 Nel successivo art. 36 (Termalismo terapeutico) la legge di riforma sanitaria stabilisce che le prestazioni idrotermali, limitate al solo aspetto terapeutico, da erogarsi presso gli appositi presidi e servizi, nonché presso aziende termali di enti pubblici e privati - riconosciute dal Ministero della Salute per le proprietà terapeutiche delle acque minerali e termali e convenzionate ai sensi dell'art.44, sono garantite nei limiti previsti dal piano sanitario nazionale e secondo le modalità della normativa disciplinante i livelli essenziali di assistenza. L'art. 36 prevede anche che la legge regionale promuove la integrazione e la qualificazione sanitaria degli stabilimenti termali pubblici, in particolare nel settore della riabilitazione, e favorisce altresì la valorizzazione sotto il profilo sanitario delle altre aziende termali. La specifica particolare attenzione posta dal legislatore alle cure termali le classifica tra le prestazioni rilevanti per la tutela della salute. Scrivono Rini, Paletti e Mammarella ne "Il ruolo delle terme nella formazione del medico" : In questo quadro, il ruolo delle terme trova un più alto significato: l'offerta di "SALUTE" proprio nella larga accezione indicata dall'oms. Esse hanno infatti sicura efficacia là dove esistano premesse certe o per l'insorgenza di inconvenienti fisici, o per una successiva limitazione funzionale, fino ad una probabile riduzione dì attività; e consentono, inoltre la possibilità di un recupero, quando le limitazioni si sono instaurate Inoltre, offrono ambienti e ritmi di vita atti a costituire una favorevole alternativa agli stress ed agli inquinamenti a cui siamo sempre più esposti. Benessere, quindi, nel senso più completo: con interventi che rientrano, ancora più nel campo della terapia, quelli della prevenzione e della riabilitazione, con il pieno significato, cioè di tutela della salute. In effetti, nei trattamenti termali sono da mettere nel dovuto risalto anche quelli preventivi, che hanno per obiettivo di mantenere una soddisfacente condizione di salute nel sano, piuttosto che 3 / 17

4 di restituirla a chi già l'ha perduta: il che è del resto congeniale al concetto "prevenire è meglio che curare". LA LEGISLAZIONE NAZIONALE La legge 24 ottobre 2000 n. 323 ha attuato il riordino del settore termale con le seguenti finalità: - disciplina della erogazione delle prestazioni termali al fine di assicurare il mantenimento ed il ripristino dello stato di benessere psico-fisico - promozione e riqualificazione del patrimonio idrotermale, anche ai fini della valorizzazione delle risorse naturali - promozione della tutela e valorizzazione del patrimonio idrotermale anche ai fini dello sviluppo turistico dei territori termali. La legge precisa che le cure termali sono erogate negli stabilimenti delle aziende termali che: - risultano in regola con l'atto di concessione mineraria per lo sfruttamento delle acque minerali utilizzate - utilizzano per finalità terapeutiche acque minerali e termali, fanghi, muffe, vapori e nebulizzazioni a seguito di riconoscimento delle proprietà terapeutiche delle stesse acque - sono in possesso di autorizzazione regionale a sensi dell'art. 43 della legge 833/78 4 / 17

5 - rispondono ai requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi definiti ai sensi dell'art. 8 comma 4 del D.Lgs. 502/92. Riferendosi al disposto del richiamato art. 36 della legge 833/78, precisa che le cure termali sono erogate a carico del S.S.N. negli stabilimenti delle aziende termali accreditate (accreditamento previsto dall'art. 8-quater del D.Lgs. 502/92 introdotto dall'art. 8 del D.Lgs. 229/99) A sottolineare l'importanza che il legislatore ha voluto riconoscere a questa materia per i profili di ordine sanitario, l'art. 7 (Specializzazione in medicina termale) ha disposto l'istituzione della scuola di specializzazione in medicina termale. E' stata prevista una deroga che consente l'accesso in soprannumero alla scuola dei dipendenti delle aziende termali: previsione assolutamente incongrua quando si consideri che la gran parte dei medici che operano negli stabilimenti termali, anche da molti anni, hanno solo un rapporto libero professionale. Peraltro un ordine del giorno approvato dal Governo al momento di emanazione della legge 323/2000 ha sottolineato la necessità di armonizzare la nostra disciplina con i principi statuiti in sede U.E. prevedendo cioè che anche i medici ammessi in soprannumero alle scuole di specializzazione devono aver superato le prove selettive di ammissione. Altrettanto modesto è l'interesse che il legislatore dedica nell'art. 8 alle disposizioni sul rapporto di lavoro dei medici termalisti che contiene norme di portata estremamente limitata quando riserva ai soli medici dipendenti termalisti a tempo pieno con rapporto di lavoro esclusivo e con orario di lavoro non inferiore a 36 ore la valutazione del servizio termalista (con equiparazione al servizio di dipendente SSN o di continuità assistenziale rispettivamente per i concorsi pubblici o le graduatorie per la medicina generale). Lo stesso art. 8 mentre consente che il medico di medicina generale che non svolga funzioni direttamente connesse con l'erogazione delle cure termali possa prestare attività senza vincolo di subordinazione presso aziende termali, lascia poi all'accordo nazionale della medicina generale di definire i criteri sulla base dei quali il rapporto di lavoro o di convenzione degli stessi non è incompatibile con attività prestata presso aziende termali senza vincolo di subordinazione. Si ricorda a questo riguardo il ruolo non indifferente svolto dall'ordine di Padova quando fu modificata dal Parlamento nel testo suesposto la norma che intendeva dichiarare la incompatibilità assoluta tra esercizio della medicina generale e attività di medico termalista che avrebbe chiuso possibilità di lavoro a diversi giovani medici. 5 / 17

6 E' da ricordare al riguardo che l'accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale (DPR 270/2000) prevede all'art. 4 (Incompatibilità) che l'incompatibilità opera nei confronti dei medici che svolgono attività presso gli stabilimenti termali solo nei confronti dei propri assistiti e determina le conseguenti limitazioni del massimale. LA LEGISLAZIONE REGIONALE Le aziende termali sono sottoposte anch'esse al regime di autorizzazione e vigilanza previsto per le altre istituzioni private sanitarie. E' interessante ricordare che la normativa nazionale in materia dettata dal R.D. 28 settembre 1919 n subordinava il rilascio dell'autorizzazione alla nomina di un dottore in medicina preferibilmente versato in idrologia, idroterapia terapia fisica e igiene, impegnatosi per iscritto ad assumere l'incarico della direzione tecnica dello stabilimento termale. Com'è noto l'art. 43 della legge 833/78 ha affidato alle regioni la disciplina dell'autorizzazione e vigilanza sulle istituzioni sanitarie di carattere privato, comprese ovviamente le aziende termali. E nel campo del termalismo la Regione del Veneto è stata tra le prime a regolamentare la materia con disposizioni emanate a più riprese, a partire dal La prima disciplina specifica è stata emanata con il Provvedimento del Consiglio Regionale 23 aprile 1980 n con il quale è stato approvato ai sensi della legge regionale 20 marzo 1975 n. 31 il Piano di utilizzazione della risorsa termale che al Titolo V reca le Norme per la gestione sanitaria della risorsa termale. In particolare si presentano di particolare interesse gli articoli seguenti: - art. 32 Ambulatorio medico - art. 33 Direzione Sanitaria - art. 34 Compiti del Direttore sanitario 6 / 17

7 - art. 35 Sostituzione del Direttore Sanitario - art. 36 Rapporto professionale - art. 37 Incompatibilità - art. 38 Registro del personale ausiliario - art. 39 Cartella clinica - art. 40 Personale addetto alla fangoterapia - art. 41 Albo dei medici termalisti - art. 42 Autorizzazione all'apertura e all'esercizio degli stabilimenti termali Esamineremo più avanti il contenuto di tali disposizioni con riferimento alle funzioni dei medici termalisti nell'ambito degli stabilimenti termali. La successiva legge regionale 10 ottobre 1989 n. 40 ha dettato la disciplina della ricerca, coltivazione e utilizzo delle acque minerali e termali. L'art. 41 ha stabilito che la domanda concernente l'apertura e l'esercizio di stabilimenti termali deve essere corredata da "dichiarazione di un medico specializzato nelle discipline previste dal 7 / 17

8 piano di area per l'utilizzazione delle acque minerali e termali, che assume la direzione dello stabilimento. La dichiarazione è controfirmata, per accettazione, dal richiedente", mentre l'art. 39 "Autorizzazioni" precisa che il cambiamento del Direttore sanitario deve essere comunicato entro 30 giorni alla Giunta Regionale. Infine la Regione Veneto ha emanato la legge regionale 16 agosto 2002 n. 22 recante norme in materia di "Autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie, socio-sanitarie e sociali". Dopo una lunga gestazione la Giunta Regionale ha dettato con deliberazione n del 6 agosto 2004 le disposizioni attuative della legge 22 che, peraltro, si sono palesate molto complesse per numerosi aspetti operativi, ragion per cui non sono ancora a regime. L'allegato 1 del Manuale di attuazione porta la classificazione delle strutture. Gli stabilimenti di cure termali appartengono alla Area Funzionale della Assistenza Specialistica Ambulatoriale e, per la natura istituzionale si distinguono in Struttura ambulatoriali pubbliche, di istituzioni e organismi a scopo non lucrativo, nonché strutture private che erogano prestazioni sanitarie termali. Tali stabilimenti sono definiti come strutture che erogano prestazioni di assistenza termale per finalità terapeutiche di patologie specificatamente individuate a sensi di legge, tramite l'utilizzazione di acque minerali e termali e loro derivati, le cui proprietà terapeutiche sono state riconosciute ai sensi della legge 833/78 e D.L.vo 112/1998 L'autorizzazione alla realizzazione è rilasciata dal Comune, l'autorizzazione all'esercizio dal Dirigente Regionale competente in base alla l.r. 40/89. L'accreditamento istituzionale è rilasciato dalla Giunta Regionale ai sensi dell'art. 15 delle citata l.r. 22 subordinatamente alla sussistenza di: - possesso di autorizzazione all'esercizio; 8 / 17

9 - coerenza alle scelte della programmazione; - rispondenza della struttura accreditanda ai requisiti ulteriori di qualificazione : possesso del sistema di gestione, valutazione e miglioramento della qualità; - verifica positiva dell'attività svolta e dei risultati ottenuti, tenendo conto dei flussi di accesso ai servizi Occorre ora seguire gli ulteriori chiarimenti e direttive che la Regione e l'azienda Regionale Socio Sanitaria dirameranno in materia dopo aver sentito le risultanze delle Commissioni di studio per l'attuazione della legge regionale 22/2002. IL MEDICO TERMALISTA Vigente il sistema di convenzionamento per l'effettuazione di prestazioni terapeutiche termali a carico del Servizio Sanitario Nazionale, lo schema tipo tra le U.S.L. e le aziende termali ha stabilito che le aziende prima di erogare le prestazioni prescritte ed autorizzate, devono sottoporre il paziente a visita medica per accertare eventuali controindicazioni cliniche e "per la prescrizione della cura termale più adatta per quanto concerne qualità, tempi e modalità delle somministrazioni nell'ambito del ciclo di cure autorizzato". Come ricorda la Guida FNOMCeO per l'esercizio professionale, "tali compiti spettano al Direttore sanitario responsabile dello stabilimento o ad altro sanitario incaricato il quale è tenuto, ai sensi della convenzione, a controllare le terapie farmacologiche in corso per l'affezione per la quale è autorizzata la cura termale o per affezioni concomitanti; ad effettuare gli interventi di urgenza praticabili nello stabilimento termale che si rendano necessari nel corso della cura termale. Lo stesso articolo prevede anche la compilazione, da parte dei medici responsabili, di una cartella clinica termale individuale. " Quanto precede si riferisce a garanzie poste in caso di prestazioni rese a carico del S.S.N. ed erogate da aziende convenzionate. E' da considerare, peraltro, che il sistema del convenzionamento è stato sostituito l'accreditamento, distinto dalla Regione Veneto con la legge 22, in accreditamento istituzionale e accreditamento di eccellenza con propri relativi specifici requisiti e condizioni di concessione da parte della Regione, dopo la prima fase di preaccreditamento. 9 / 17

10 A questi principi consolidati a livello nazionale da una duratura esperienza si è sicuramente ispirato il legislatore regionale nell'emanare il Piano di utilizzazione della risorsa termale con le relative norme di attuazione (Provvedimento del Consiglio regionale 1111/80 citato). La normativa regionale detta una disciplina a carattere generale che coinvolge tutte le strutture autorizzate, accreditate e non. Le prescrizioni dettate riguardano tutte le aziende termali pubbliche o private che erogano prestazioni terapeutiche termali. Il Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 41 del 29 maggio 1990 ha pubblicato il testo unico delle disposizioni regionali sin qui richiamate. Si riproduce qui di seguito il testo degli articoli da 32 a 41 la cui lettura offre un quadro completo delle funzioni che il medico è chiamato a svolgere nell'ambito dello stabilimento termale. Art. 32 Ambulatorio medico Ogni reparto deve disporre di un locale di almeno 16 mq. Adibito ad ambulatorio medico convenientemente attrezzato fornito dei farmaci occorrenti per prestazioni di pronto soccorso e di una bombola di ossigeno. Il Sindaco del Comune territorialmente competente può autorizzare deroghe, su documentata richiesta, agli stabili- menti termali in esercizio prima del l gennaio 1990 impossibilitati ad adeguare i propri ambulatori a quanto previsto al comma precedente. In ogni caso il locale adibito ad ambulatorio medico non può essere inferiore a 12 mq. Art. 33 Direzione sanitaria In ogni stabilimento termale opera una direzione sanitaria affidata ad un medico che viene 10 / 17

11 nominato dal titolare dell'autorizzazione sanitaria alla apertura e all'esercizio. E' consentito allo stesso sanitario il cumulo di più direzioni sanitarie ai sensi dei successivo articolo 36. Al fine di garantire il livello delle prestazioni erogate il direttore sanitario deve essere in possesso di una delle seguenti specializzazioni: medicina interna, idrologia medica, ortopedia e traumatologia, cardiologia, reumatologia, fisiokinesiterapia, igiene, angiologia, gerontologia e geriatria, otorinolaringoiatria, ginecologia, medicina sportiva, cosmetologia, dietologia. Possono svolgere le funzioni di direttore sanitario i medici non in possesso di una delle specializzazioni di cui al comma precedente, che abbiano svolto continuamente per almeno cinque anni attività di medico termalista collaboratore, su certificazione rilasciata dal direttore sanitario. Art. 34 Compiti del direttore sanitario Il direttore sanitario provvede alla ammissione dei curandi alle cure termali, in relazione alle indicazioni e controindicazioni riscontrate. Stabilisce gli accertamenti che devono essere eseguiti ai fini della ammissione e del proseguimento delle cure; fissa le prescrizioni terapeutiche e le dietoterapiche; controlla lo svolgimento delle cure termali e accerta che le cure vengano effettuate secondo le prescrizioni da lui stesso stabilite; effettua le visite mediche che ritiene necessarie sui curandi sottoposti alla terapia termale. Per l'attività diagnostico-terapeutica il direttore sanitario può essere coadiuvato da uno o più medici, scelti in relazione al numero dei curandi dal titolare dell'autorizzazione all'apertura ed all'esercizio, con il consenso del direttore sanitario. I nominativi dei medici vengono comunicati all' U.L.S.S. I predetti medici assumono, verso i curandi, piena e diretta responsabilità professionale, ferma restando la responsabilità complessiva del direttore sanitario. Il direttore sanitario si accerta dei turni del personale ausiliario incaricato dell'attuazione della terapia, controlla che il personale sia in possesso dei titoli di studio richiesti, si accerta inoltre 11 / 17

12 della capacità professionale del personale stesso e vigila sulle modalità con cui il personale svolge le prestazioni prescritte. Per l'espletamento delle cure il personale di cura è alle dipendenze funzionali del direttore, sanitario di cui deve eseguire scrupolosamente le prescrizioni. Il direttore sanitario dovrà assicurare la tenuta giornaliera del registro dei valori del cloro nelle piscine, conforme ai modelli predisposti dalla Giunta regionale e vidimati dall'autorità. Sanitaria locale all'inizio di ogni anno. Il direttore sanitario rilascia, su richiesta degli interessati, copia da lui firmata della documentazione sanitaria; vigila sulle scorte dei medicinali di cui lo stabilimento termale deve essere dotato, incluse le bombole di ossigeno. Il direttore sanitario accerta che in ogni stabilimento termale sia assicurata la disponibilità di almeno un infermiere professionale, nonché di terapisti della riabilitazione in relazione alle particolari cure che ha prescritto. Qualora il direttore sanitario svolga soltanto attività igienico organizzativa, i compiti di diagnosi e cura spettano ai sanitari di cui al secondo comma dei presente articolo. Art. 35 Sostituzione dei direttore sanitario In caso di assenza od impedimento il direttore sanitario deve essere sostituito da altro medico in possesso degli stessi requisiti. L'obbligo della sostituzione incombe al titolare dello stabilimento. 12 / 17

13 Art. 36 Rapporto Professionale Il direttore sanitario e il medico visitatore, oltre a quanto richiesto per le visite di ammissione dei curandi, deve comunque. con rapporto libero professionale, assicurare la presenza, presso lo stabilimento termale, per il tempo necessario ad una corretta assistenza dei pazienti ed a valutare gli effetti della terapia. Il direttore sanitario può prestare la propria opera professionale presso più stabilimenti termali (comunque non più di tre) per un massimo di 600 posti-letto. Art. 37 Incompatibilità Si applica al direttore sanitario la disciplina delle incompatibilità nei limiti stabiliti dalle convenzioni nazionali previste dalla L. 29/6/1977, n. 349 e dall'art. 48 della L. 23 dicembre 1978,- n Art. 38 Registro dei personale ausiliario Spetta al titolare dello stabilimento termale la tenuta di un apposito registro contenente i dati anagrafici e gli estremi dei titoli di abilitazione professionale del personale ausiliario. Art. 39 Cartella clinica Per i curandi è prescritta la compilazione di una cartella clinica formata dal sanitario curante e conforme al modello tipo approvato dalla Giunta regionale. Le cartelle cliniche sono conservate a cura del direttore sanitario e, in caso di cessazione dell'esercizio dello stabilimento termale, sono consegnate all'unità Locale socio-sanitaria 13 / 17

14 competente per territorio. Art. 41 Albo dei medici termalisti L'Unità locale socio sanitaria n. 21 di Padova cura la tenuta di un albo nel quale sono iscritti i sanitari che intendono svolgere l'attività di direttore sanitario o di medico degli stabilimenti termali. L'iscrizione avviene in ordine alfabetico e cronologico ed è subordinata al possesso dei requisiti professionali e di studio indicati nell'articolo 33 ed affidata alla unità locale socio sanitaria competente. Il proprietario dello stabilimento termale individua tra i sanitari iscritti all'albo il sanitario o i sanitari cui affida l'attività igienico organizzativa e di diagnosi e cura nel proprio stabilimento termale. STATO GIURIDICO E TRATTAMENTO ECONOMICO DEL MEDICO TERMALISTA La legislazione sia nazionale che regionale affida al medico un ruolo fondamentale nella realizzazione e nello svolgimento dell'attività termale terapeutica al punto che per la realizzazione e l'esercizio dello stabilimento termale è indispensabile l'impegno di un medico in possesso di determinati requisiti (vedi le specializzazioni richiesta dalla legge regionale del Veneto) a svolgere le funzioni di Direttore sanitario. Però nessuna disposizione tra quelle che disciplinano la materia, si interessa neppure a livello generale dello status del medico, di cui sono segnalati con puntualità solo i doveri. Di fatto, quindi, occorre riferirsi ai contratti collettivi nazionali: quello per i dirigenti di aziende industriali o quello dei dipendenti delle terme, contratti questi, peraltro, in cui la qualifica del medico appare trattata in modo marginale nel senso di non tener conto delle essenziali funzioni e responsabilità che la legge pone a carico dei medici che operano negli stabilimenti termali. 14 / 17

15 I problemi della categoria sono stati sollevati da tempo dai diversi sindacati. All'Ordine si sono rivolti l'a.m.t.e. (Associazione Medici Termalisti Euganei con sede presso l'a.p.t. di Abano Terme) e il Si.Me.T. I. (Sindacato Medici Termali Italiani Federato UIL con sede a Siena). Quest'ultimo, nel documento conclusivo del Congresso tenuto il settembre 2002 inviato all'ordine di Padova nell'agosto 2003, segnalava "il profondo disagio derivante ai soggetti interessati dall'attuale normativa contrattuale, oggi rientrante nel più generale CCNL dei dipendenti delle Aziende termali". In particolare veniva rilevata "l'assoluta necessità della individuazione di un diverso inquadramento giuridico e della costituzione di una specifica area contrattuale medica, svincolata, cioè, dall'attuale classif9icazione unica e con la costituzione di un separato ruolo medico". In un secondo documento espresso a conclusione del congresso tenutosi a Chianciano Terme il marzo 2003 venivano rinnovate le richieste di cui sopra e veniva chiesto: - il riconoscimento dell'equipollenza per la specializzazione in Idrologia Medica con le specializzazioni del settore dell'area medica - l'inquadramento del medico termale e del direttore sanitario nell'ambito della Medicina dei Servizi del SSN. Non risulta che finora vi sia stato a livello nazionale alcun progresso nella direzione auspicata dai medici termalisti per la definizione del loro status. Ma, se questa è la condizione di coloro che sono medici dipendenti delle aziende termali con una disciplina che è suscettibile, come auspicato, di migliori definizioni specifiche per la categoria, molto più incerta e indefinita è la situazione dei rapporti dei medici che prestano la loro attività nelle terme come liberi professionisti. E qui riscontriamo ancor maggior carenza atteso che per reperire tariffe di remunerazione per l'attività medica nelle terme occorre riferirsi a voci assolutamente generiche riportate dalla Tariffa minima nazionale degli onorari per le prestazioni medico-chirurgiche ed odontoiatriche approvata con DPR 17/02/1992 ai sensi della legge 244/1963. Tale condizione di disagio, aggravata da mancanza e impossibilità di controllo sulle situazioni dei singoli rapporti tra medico ed azienda termale, è stata da sempre denunciata dall'amte di Abano terme. 15 / 17

16 Nel 1997, al fine di pervenire ad una indagine conoscitiva sulle terme euganee che consentisse un approfondimento in concreto delle problematiche, fu costituita presso l'ordine una Commissione che al termine dei lavori produsse un documento finale nel quale dichiarava di trovarsi "impossibilitata" a quantificare una tariffa per le prestazioni sanitarie richieste negli Stabilimenti termali. La commissione concludeva testualmente: "La Commissione ritiene d'altra parte che l'ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri in questa fase incerta debba farsi carico almeno dell'applicazione del tariffario minimo perché non si verifichino situazioni di insostenibilità." Nella seduta del 18 marzo 1998 il Consiglio Direttivo dell'ordine, presa conoscenza di tali conclusioni, approvava quanto segue: """ Ai medici termalisti che operano negli Stabilimenti termali del Bacino Termale Euganeo non possono essere applicati onorari inferiori a quelli stabiliti dalla Tariffa minima nazionale degli onorari per le prestazioni medico-chirurgiche e odontoiatriche approvata con D.P.R. 17/02/1992, ai sensi della legge 21/02/1963 n Codesta Tariffa minima nazionale prevede alla tabella A che - la visita unica o prima in ambulatorio viene onorata con lire alla visita specialistica viene applicato un aumento del 50% sulla tariffa sopraindicata, a norma dell'art. 3 della legge 21/02/1963 n Per ogni ora di disponibilità (escluse le prestazioni professionali eventualmente rese durante il periodo di disponibilità, da onorare secondo tariffa) vengono corrisposte lire """ Nello scorso mandato consiliare l'ordine ricostituì la nuova Commissione Ordinistica per la Medicina Termale per l'approfondimento delle tematiche relative alla entrata in vigore della legge 24 ottobre 2000 n / 17

17 """"" Antonella Agnello 17 / 17

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail RICHIESTA PUBBLICITA SANITARIA Strutture complesse Marca da Bollo (Solo Regione) AL SIGNOR DIRIGENTE REGIONALE DIREZIONE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI DORSODURO 3493 30123 VENEZIA AL SIG. PRESIDENTE DELL

Dettagli

Direzione sanitaria delle strutture sanitarie private autorizzate

Direzione sanitaria delle strutture sanitarie private autorizzate Direzione sanitaria delle strutture sanitarie private autorizzate Dal Bollettino n. 6/2005 La crescente complessità della scienza medica, l aumento qualitativo/quantitativo della domanda di prestazioni

Dettagli

Legge regionale 16 agosto 2002, n. 22 (BUR n. 82/2002) AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIALI

Legge regionale 16 agosto 2002, n. 22 (BUR n. 82/2002) AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIALI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIALI TITOLO I - Principi ed ambito di applicazione Art. 1 - Principi generali. 1. La Regione promuove la qualità dell assistenza

Dettagli

I AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO

I AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO 1 1 LEGGE REGIONALE 12 ottobre 1998, n. 34 #LR-ER-1998-34# NORME IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE IN ATTUAZIONE DEL D.P.R. 14 GENNAIO 1997, NONCHE'

Dettagli

Legge 24 ottobre 2000, n. 323. "Riordino del settore termale"

Legge 24 ottobre 2000, n. 323. Riordino del settore termale Legge 24 ottobre 2000, n. 323 "Riordino del settore termale" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 261 dell'8 novembre 2000 Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge disciplina la erogazione delle prestazioni

Dettagli

NORMATIVA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA per studi odontoiatrici. Avv. Alessandro Pizzato

NORMATIVA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA per studi odontoiatrici. Avv. Alessandro Pizzato NORMATIVA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA per studi odontoiatrici Avv. Alessandro Pizzato REGIO DECRETO 27 luglio 1934, n. 1265 Approvazione del testo unico delle leggi sanitarie Art. 193. Nessuno

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali.

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali. MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali. (11A04974) IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 18 giugno 2009, n. 69, recante

Dettagli

OGGETTO SPAZI IN CUI SVOLGERE LA LIBERA PROFESSIONE INTRAMOENIA

OGGETTO SPAZI IN CUI SVOLGERE LA LIBERA PROFESSIONE INTRAMOENIA 1 OGGETTO SPAZI IN CUI SVOLGERE LA LIBERA PROFESSIONE INTRAMOENIA QUESITO (posto in data 20 aprile 2012) L'USL può imporre l'effettuazione della libera professione intramoenia nei locali dove viene svolta

Dettagli

REGIONE LIGURIA. Titolo I Modificazioni alla legge regionale 7 dicembre 2006, n. 41 (Riordino del servizio sanitario regionale)

REGIONE LIGURIA. Titolo I Modificazioni alla legge regionale 7 dicembre 2006, n. 41 (Riordino del servizio sanitario regionale) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 27 dicembre 2011, n. 36 Ulteriori disposizioni di razionalizzazione del Servizio Sanitario Regionale e in materia di servizi sociali e di cooperazione internazionale. (GU

Dettagli

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (per l'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del SSR Calabrese, secondo i Programmi operativi di cui all' articolo 2, comma 88, della legge 30 dicembre

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

DEFINIZIONE DEI REQUISITI DEGLI STUDI PROFESSIONALI DEI FISIOTERAPISTI

DEFINIZIONE DEI REQUISITI DEGLI STUDI PROFESSIONALI DEI FISIOTERAPISTI Bollettino Ufficiale n. 15 del 16 / 04 / 2009 Deliberazione della Giunta Regionale 6 aprile 2009, n. 9 11161 DEFINIZIONE DEI REQUISITI DEGLI STUDI PROFESSIONALI DEI FISIOTERAPISTI A relazione dell'assessore

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

LA PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO AD ACTA. (delibera del Consiglio dei Ministri del 23 aprile 2010)

LA PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO AD ACTA. (delibera del Consiglio dei Ministri del 23 aprile 2010) LA PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO AD ACTA (delibera del Consiglio dei Ministri del 23 aprile 2010) decreto n. 27 del 2011 OGGETTO: Autorizzazione alla realizzazione di strutture che intendano erogare

Dettagli

Prot. n. 4241/XV.8.12 Cagliari, 18/02/2011

Prot. n. 4241/XV.8.12 Cagliari, 18/02/2011 Prot. n. 4241/XV.8.12 Cagliari, 18/02/2011 > Ai Comuni della Regione Sardegna LORO SEDI > Ai Commissari delle Aziende Sanitarie Locali LORO SEDI Oggetto: Delibera della Giunta Regionale n. 34/26 del 18/10/2010.

Dettagli

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12.

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12. FINANZIARIA 2002 (L.448 DEL 28.12.2001): IMPORTANTI NOVITA' PER I MEDICI, IN VIGORE DALL' 1.1.2002 Art. 19 (...) 10. I medici di base iscritti negli elenchi di medicina generale del Servizio sanitario

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2526 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CASSINELLI Disposizioni per la regolamentazione della professione veterinaria e la tutela

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLA SANITA UFFICIO SPECIALE per il monitoraggio Del P.S.R. e per l accreditamento Dei servizi sanitari e per la Programmazione sanitaria 1 REPUBBLICA

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PLURIENNALI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2012. ART. 1 La Ricerca

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 1447 del 05/12/2014 OGGETTO: Attività di guardia in forma protetta del medico in formazione specialistica: Regolamento-attuativo

Dettagli

*** NORMATTIVA - Stampa ***

*** NORMATTIVA - Stampa *** *** NORMATTIVA - Stampa *** Pagina 1 di 8 DECRETO LEGISLATIVO 3 ottobre 2009, n. 153 Individuazione di nuovi servizi erogati dalle farmacie nell'ambito del Servizio sanitario nazionale, nonche' disposizioni

Dettagli

DGR 19 10.01.2006 LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta del Presidente della Giunta Regionale;

DGR 19 10.01.2006 LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta del Presidente della Giunta Regionale; DGR 19 10.01.2006 Oggetto: Procedure per il rilascio dell'autorizzazione all'esercizio di impianti mobili di smaltimento o recupero di rifiuti e criteri per lo svolgimento delle singole campagne di attività

Dettagli

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI Allegato B PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI 1. FINALITA Il presente documento definisce, ai sensi degli articoli 8 bis e 8 quater, del decreto legislativo

Dettagli

1. Personale dipendente dell'amministrazione Penitenziaria e della Giustizia Minorile.

1. Personale dipendente dell'amministrazione Penitenziaria e della Giustizia Minorile. Versione del 10 Giugno 2009 Linee di indirizzo per il trasferimento dei rapporti di lavoro nel SSN del personale sanitario operante in materia di sanità penitenziaria soggette ad applicazione in sede regionale

Dettagli

La legge individua due diverse tipologie di autorizzazioni:

La legge individua due diverse tipologie di autorizzazioni: IMPORTANTI NOVITA PER CHI DEVE APRIRE UNO STUDIO PROFESSIONALE Legge regionale n. 10 del 21.07.2006 AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO DI ATTIVITA SANITARIE. La Legge Regionale n. 10 del 21.07.2006 ha provveduto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI A FAVORE DEL PERSONALE TECNICO, AMMINISTRATIVO E DI BIBLIOTECA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO Articolo 1 - Ambito di applicazione

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE COLLABORAZIONI PROFESSIONALI VOLONTARIE PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO

REGOLAMENTO DELLE COLLABORAZIONI PROFESSIONALI VOLONTARIE PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO REGOLAMENTO DELLE COLLABORAZIONI PROFESSIONALI VOLONTARIE PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Approvato con deliberazione n. 8 del 18.01.2013 Regolamento delle collaborazioni

Dettagli

Parere n. 35/2010 Autorizzazioni sanitarie. Ambulatori e Poliambulatori medici e dentistici

Parere n. 35/2010 Autorizzazioni sanitarie. Ambulatori e Poliambulatori medici e dentistici Parere n. 35/2010 Autorizzazioni sanitarie. Ambulatori e Poliambulatori medici e dentistici Viene chiesto un parere in merito alla procedura di rilascio delle autorizzazioni sanitarie agli ambulatori e

Dettagli

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO.

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO. Protocollo di intesa L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) tra e REGIONE LAZIO per l erogazione di prestazioni di assistenza sanitaria da parte dell istituto

Dettagli

Campania LR 09/93 Norme per la valorizzazione del volontariato e regolamentazione dei rapporti con la Regione e gli Enti Locali.

Campania LR 09/93 Norme per la valorizzazione del volontariato e regolamentazione dei rapporti con la Regione e gli Enti Locali. 1993 - Campania LR 09/93 Campania LR 09/93 Norme per la valorizzazione del volontariato e regolamentazione dei rapporti con la Regione e gli Enti Locali. Legge Regionale 8 febbraio 1993, n. 9. Norme per

Dettagli

Incontro con gli iscritti sulla riforma della professione. La formazione continua obbligatoria -Regolamento, linee guida e procedure-

Incontro con gli iscritti sulla riforma della professione. La formazione continua obbligatoria -Regolamento, linee guida e procedure- ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA Incontro con gli iscritti sulla riforma della professione Pistoia, 09.04.2014 La formazione continua obbligatoria -Regolamento, linee guida e procedure-

Dettagli

TITOLO I PENSIONE DI INABILITÀ

TITOLO I PENSIONE DI INABILITÀ REGOLAMENTO PER L'ACCERTAMENTO DELL'INABILITÀ E DELL'INVALIDITÀ (ai sensi degli artt. 18, comma 8, e 20, comma 7, del Regolamento per l'attuazione delle attività di previdenza approvato con D.M. 15/10/1997,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

Art. 1. Finalità ed obiettivi

Art. 1. Finalità ed obiettivi LEGGE REGIONALE 2 dicembre 1996 n. 59 Norme per la tutela sanitaria delle attività sportive. (B.U.R. 3 dicembre 1996, n. 58) Art. 1 Finalità ed obiettivi 1. La Regione Basilicata, in attuazione della legge

Dettagli

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Sono ammessi alle scuole dirette a fini speciali i diplomati degli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado in conformità con le disposizioni vigenti per l ammissione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 10043 06/10/2009 Identificativo Atto n. 1155 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO ATTIVAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ABILITANTE PER L ESERCIZIO DELL ARTE AUSILIARIA DI MASSAGGIATORE E DI

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno ALLEGATO ALLA CIRCOLARE - FL 7/2012 LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI nell elenco, di cui al Decreto del Ministro dell Interno 15 febbraio 2012, n. 23, recante il Regolamento

Dettagli

Legge quadro sul volontariato

Legge quadro sul volontariato 1993 - Abruzzo LR 37/93 Abruzzo LR 37/93 Legge quadro sul volontariato Art. 1. Finalità. 1. La Regione Abruzzo, nell'ambito dei principi sanciti dalla legge 11 agosto 1991, n. 266, riconosce e favorisce

Dettagli

Vista la Legge regionale 14 gennaio 2009, n. 1 e s.m.i. (Testo unico in materia di artigianato);

Vista la Legge regionale 14 gennaio 2009, n. 1 e s.m.i. (Testo unico in materia di artigianato); REGIONE PIEMONTE BU31 06/08/2015 Codice A19020 D.D. 29 luglio 2015, n. 493 L.R. 1/2009 e s.m.i. art. 34 bis. Istanza di accertamento e attestazione del periodo lavorativo ai fini dell'ammissione all'esame

Dettagli

Il presidente del Consorzio di Rosa Marina

Il presidente del Consorzio di Rosa Marina Avviso pubblico per la formazione di una short list di medici disponibili a svolgere attività di ambulatorio e primo soccorso presso il punto di assistenza medica del Consorzio di Rosa Marina- Ostuni Il

Dettagli

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina 16 La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina Con l'emanazione del D. Lgs. 21 aprile 1993, n. 124 come modificato dalla L. 8 agosto 1995,

Dettagli

LE AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO NELLA PROVINCIA DI PRATO. Note informative

LE AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO NELLA PROVINCIA DI PRATO. Note informative LE AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO NELLA PROVINCIA DI PRATO Note informative Le agenzie di viaggio e turismo in Toscana sono disciplinate dal Testo Unico delle Leggi Regionali in materia di turismo approvato

Dettagli

Art. 1. Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Art. 1. Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 14 aprile 2004, n. 8#LR-ER-2004-8# MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 10 GENNAIO 2000, N. 1 RECANTE "NORME IN MATERIA DI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA" (Legge di pura modifica.

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE ART. 1: OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione, le attività e le modalità

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO. D.M. 2 dicembre 1997

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO. D.M. 2 dicembre 1997 CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO D.M. 2 dicembre 1997 Nuove modalità sulla disciplina dei due anni di praticantato necessari per l'ammissione all'esame di Stato per l'abilitazione all'esercizio

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA ANNO 2013 DISEGNO DI LEGGE 8 aprile 2013, n. 377 Disciplina del servizio di assistenza e consulenza psicologica in provincia di Trento. Modificazioni

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI ENTI COOPERATIVI VISTO l'articolo 13 della legge 31 gennaio 1992, n. 59 - Nuove norme in materia di società cooperative - concernente l'

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE STATUTO

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE STATUTO FONDAZIONE Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE STATUTO EDIZIONE n/04 REVISIONI N. Descrizione Data 0 Gennaio 2004 1 Inserimento indice, modifiche grafiche

Dettagli

L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1).

L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1). L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1). Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista. (1) Pubblicata nel B.U. Marche 29 novembre 2007, n. 104. Il Consiglio regionale ha approvato; Il Presidente della

Dettagli

Le medesime attività non possono svolgersi in forma ambulante.

Le medesime attività non possono svolgersi in forma ambulante. L. 14 febbraio 1963, n. 161 (1). Disciplina dell'attività di barbiere, parrucchiere ed affini (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 9 marzo 1963, n. 66. (2) Per la professione di estetista, vedi ora

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8. disciplina della relativa attività); EMANA

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8. disciplina della relativa attività); EMANA SEZIONE I 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 128 del 27 febbraio 2006 che approva il regolamento sulle organizzazioni di volontariato

Dettagli

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono obbligatori: -cognome, nome dell assistito o iniziali, dove prescritto

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Area: CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Area: CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 864 09/12/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 20854 DEL 01/12/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Area: CICLO INTEGRATO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 39/36 DEL 10.10.2014

DELIBERAZIONE N. 39/36 DEL 10.10.2014 Oggetto: Contratti di Formazione Specialistica per la frequenza delle Scuole di Specializzazione in discipline mediche delle Facoltà di Medicina e Chirurgia delle Università degli Studi di Cagliari e di

Dettagli

LEGGE 24 Luglio 1985, n. 409

LEGGE 24 Luglio 1985, n. 409 LEGGE 24 Luglio 1985, n. 409 Istituzione della professione sanitaria di odontoiatria e disposizioni relative al diritto di stabilimento ed alla libera prestazione di servizi da parte dei dentisti cittadini

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITÀ E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE

MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITÀ E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITÀ E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE Ufficio III N. DPS / III L.40/ OC-1259 OGGETTO: Cittadini

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 650 del 21-9-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 650 del 21-9-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 650 del 21-9-2015 O G G E T T O Accreditamento Istituzionale, ai sensi dell'art. 16 c. 2 della L.R. n. 22/2002, della

Dettagli

SOLO per il profilo IF Infermiere

SOLO per il profilo IF Infermiere Valutazione del punteggio del titolo di accesso SOLO per il profilo IF Infermiere Il titolo di studio richiesto per l accesso è: Laurea in scienze infermieristiche o altro titolo ritenuto valido dalla

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

'l<..ellione Campania l{ CJ>re sù[e n te

'l<..ellione Campania l{ CJ>re sù[e n te 'lre sù[e n te Commissario ad acta per il Piano di rientro del Settore Sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri del 24/0412010) DECRETO COMMISSARIALE n. R del.jd I~L.9:>J-l

Dettagli

COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli

COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli Approvato con deliberazione consiliare n. 25 del 25 novembre 2002 Ripubblicato dal 05.04.2003 al 19.04.2003 INDICE - SOMMARIO Art. 1 - Premessa Art. 2 - Autorizzazione

Dettagli

Le modifiche apportate alla legge sono stampate con caratteri corsivi e con le note ne è specificata la fonte.

Le modifiche apportate alla legge sono stampate con caratteri corsivi e con le note ne è specificata la fonte. Legge regionale 23 febbraio 1999, n. 8 Testo aggiornato con le LL.RR. 20/2000 e 75/2000. Avvertenza. Il testo qui pubblicato -a cura del Servizio Qualità della legislazione del Consiglio Regionale- è stato

Dettagli

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (per l'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del SSR Calabrese, secondo i Programmi operativi di cui all' articolo 2, comma 88, della legge 30 dicembre

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI DISPONIBILI AD EFFETTUARE SOSTITUZIONI NON SUPERIORI A 30 GIORNI

AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI DISPONIBILI AD EFFETTUARE SOSTITUZIONI NON SUPERIORI A 30 GIORNI AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI DISPONIBILI AD EFFETTUARE SOSTITUZIONI NON SUPERIORI A 30 GIORNI Si rende noto che l Azienda ULSS 9 di Treviso intende

Dettagli

Vista la legge 10 aprile 1991, n.125, concernente azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro;

Vista la legge 10 aprile 1991, n.125, concernente azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro; DECRETO 15 MARZO 2001 (Pubblicato sulla G.U. del 9.6. 2001- Serie generale n. 132) Disciplina delle modalità di presentazione, valutazione e finanziamento dei progetti di azione positiva per la parità

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI REGOLAMENTO COMUNALE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO E DELLA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI. ART. 1 FINALITA 1. Ai sensi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015

RISOLUZIONE N. 98/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015 RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015 OGGETTO: Consulenza giuridica Fatturazione delle prestazioni rese dai medici di medicina generale operanti in regime di convenzione con

Dettagli

COMUNE di VIGONOVO *** Provincia di Venezia

COMUNE di VIGONOVO *** Provincia di Venezia COMUNE di VIGONOVO *** Provincia di Venezia REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELL'ALBO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE E LA COSTITUZIONE DELLE CONSULTE Approvato con delibera di C.C. n. 17 del 12.04.2006

Dettagli

ORDINE PROVINCIALE DI ROMA DEI MEDICI-CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI

ORDINE PROVINCIALE DI ROMA DEI MEDICI-CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI ORDINE PROVINCIALE DI ROMA DEI MEDICI-CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI Ente di Diritto Pubblico (D.L.C.P.S. 13/9/1946 n. 233) COMUNICATO A TUTTI GLI ISCRITTI OGGETTO: Regolamento di cui alla delibera della

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

PARTE I. dei regolamenti regionali. REGOLAMENTO REGIONALE 16 LUGLIO 2007, N. 17

PARTE I. dei regolamenti regionali. REGOLAMENTO REGIONALE 16 LUGLIO 2007, N. 17 4 PARTE I Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 16 LUGLIO 2007, N. 17 Regolamento per le attività di informazione scientifica sul farmaco, art. 48 commi 21,22,23,24 della l. 24.11.2003 n.

Dettagli

promulga CAPO II. Modifiche all'ordinamento delle professioni di maestro di sci e di guida alpina

promulga CAPO II. Modifiche all'ordinamento delle professioni di maestro di sci e di guida alpina PIEMONTE Legge regionale 26 novembre 2001, n. 33. "Disciplina delle professioni turistiche e modifiche della legge regionale 23 novembre 1992, n. 50 'Ordinamento della professione di maestro di sci' e

Dettagli

NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C.

NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. Parte II LE FUNZIONI TITOLO II.- LE TUTELE Art. 43 Tutela medico-sportiva 1. Salvo quanto previsto da disposizioni di legge, i tesserati di ogni Società sono

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA L anno, addi. del mese di in. presso. fra l partita IVA/codice fiscale

Dettagli

N.B. Testo coordinati con le modifiche apportate, successivamente dalla L.R. 16 febbraio 2010, n. 15; e dalla L.R. 25 novembre 2010, n. 23.

N.B. Testo coordinati con le modifiche apportate, successivamente dalla L.R. 16 febbraio 2010, n. 15; e dalla L.R. 25 novembre 2010, n. 23. REGIONE UMBRIA L.R. 4 aprile 1990, n. 10: Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1: «Disciplina delle attività di estetista». (B.U.R.U. n. 15 dell'11 aprile 1990). N.B. Testo coordinati con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI ai sensi del D.M. 5 agosto 1998, n. 363 in attuazione del D.Lgs. 19 settembre 1994, n. 626 e successive modificazioni emanato con D.D. n. 407 del

Dettagli

Legge Regione Lazio 6 agosto 1999, n. 14, come modificata dall articolo 7 della L. 6/2/2003 n.2.. omissis.. Capo II (Tutela della salute)

Legge Regione Lazio 6 agosto 1999, n. 14, come modificata dall articolo 7 della L. 6/2/2003 n.2.. omissis.. Capo II (Tutela della salute) Legge Regione Lazio 6 agosto 1999, n. 14, come modificata dall articolo 7 della L. 6/2/2003 n.2. omissis.. Capo II (Tutela della salute) Sezione I Ambito di applicazione Art. 139 (Oggetto) 1. Le funzioni

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2007.

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2007. giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1510 del 22/05/2007 pag. 1/6 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2007. ART. 1 La Ricerca

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda

Comune di Desenzano del Garda Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ DI BENI IMMOBILI AD ENTI, ASSOCIAZIONI OD ALTRI ORGANISMI PRIVATI Approvato con

Dettagli

OGGETTO VISITE PER LA CERTIFICAZIONE DELL IDONEITÀ ALLA GUIDA

OGGETTO VISITE PER LA CERTIFICAZIONE DELL IDONEITÀ ALLA GUIDA 1 OGGETTO VISITE PER LA CERTIFICAZIONE DELL IDONEITÀ ALLA GUIDA QUESITO (posto in data 5 ottobre 2011) Proveniente dall'accademia Militare di sanità di Firenze, sono stato ufficiale medico cardiologo fino

Dettagli

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Integrazione dell'offerta turistica)

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Integrazione dell'offerta turistica) 1 di 5 05/01/2009 22.14 Legge regionale 8 luglio 1999, n. 18. (Testo coordinato) Interventi regionali a sostegno dell'offerta turistica. (B.U. 14 luglio 1999, n. 28) Modificata da l.r. 20/2000, l.r. 22/2002,

Dettagli

Art. 2. Procedura amministrativa per il riconoscimento delle qualifiche professionali IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

Art. 2. Procedura amministrativa per il riconoscimento delle qualifiche professionali IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE D.M. 16 aprile 2008 (1). Applicazione di misure compensative ai sensi degli articoli 22, 24 e 25 del decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, ai fini del riconoscimento delle qualifiche professionali

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO LIMITI ALL ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE EXTRAMOENIA QUESITI (posti in data 5 ottobre 2012) Un dirigente medico che ha optato per il rapporto di lavoro non esclusivo può svolgere la sua

Dettagli

GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA

GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA FASIFIAT è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti

Dettagli

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI)

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) Al fine di garantire un approccio coordinato alla gestione

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

M A S S A G G I A T O R E E CAPO BAGNINO DEGLI STABILIMENTI IDROTERAPICI

M A S S A G G I A T O R E E CAPO BAGNINO DEGLI STABILIMENTI IDROTERAPICI M A S S A G G I A T O R E E CAPO BAGNINO DEGLI STABILIMENTI IDROTERAPICI Riconoscimento profilo mansioni Il Massaggiatore e Capo Bagnino degli Stabilimenti Idroterapici è un Arte Ausiliaria delle Professioni

Dettagli

Regolamento per la formazione continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Salerno. Art. 1 Scopo del Regolamento

Regolamento per la formazione continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Salerno. Art. 1 Scopo del Regolamento Regolamento per la formazione continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Salerno Art. 1 Scopo del Regolamento 1. Scopo di questo Regolamento è disciplinare l'attività

Dettagli

- Dipartimento Politiche Comunitarie 00100 R O M A

- Dipartimento Politiche Comunitarie 00100 R O M A DIPARTIMENTO PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITA' E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE DPS/III/L.40/00-1259 Cittadini stranieri non comunitari. Riconoscimento titoli professionali

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALLA POSIZIONE ECONOMICA C1 ALLA POSIZIONE ECONOMICA C2 profilo Socio Educativo decorrenza

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Legge 5 febbraio 1992, n. 175. Norme in materia di pubblicità sanitaria e di repressione dell'esercizio abusivo delle professioni sanitarie.

Legge 5 febbraio 1992, n. 175. Norme in materia di pubblicità sanitaria e di repressione dell'esercizio abusivo delle professioni sanitarie. Legge 5 febbraio 1992, n. 175 Norme in materia di pubblicità sanitaria e di repressione dell'esercizio abusivo delle professioni sanitarie. Pubblicata nella Gazz. Uff. 29 febbraio 1992, n. 50. Articolo

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale MIUR.AOODRFR.REGISTRO UFFICIALE(U).0003843.14-05-2015 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Agli Enti Gestori delle Scuole Paritarie di ogni Ordine e Grado Ai Dirigenti degli Ambiti

Dettagli

DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015

DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015 DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015 Identificativo Atto n. 761 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto FPV - APPROVAZIONE PROGETTO DI RICERCA RIVOLTO AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL

Dettagli