prof. Adolfo F. L. Baratta Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Vetro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "prof. Adolfo F. L. Baratta Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Vetro"

Transcript

1 Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Vetro Roma, 11 aprile

2 Vetro Da un punto di vista chimico-fisico il vetro è un solido amorfo o liquido ad alta viscosità, che viene prodotto dal rapido raffreddamento di materiale siliceo allo stato fuso. Per vetro si intende un prodotto, ad elevata trasparenza, ottenuto per fusione ad alta temperatura di una miscela di: - silice (72%); - carbonato di sodio (la cosiddetta soda, 13,6%); - carbonato di calcio (10,8%); - ossido di magnesio (la cosiddetta magnesia, 2,6%); - ossido di alluminio (la cosiddetta allumina, 0,7%); e raffreddata gradualmente fino al suo completo indurimento: mentre la silice (diossido di silice SiO 2 ) allo stato puro ha un punto di fusione a C, la miscela abbassa la temperatura di fusione fino a C circa. La produzione del vetro in due immagini storiche. 02

3 Vetro I principali componenti usati per la fabbricazione del vetro sono quindi un vetrificante (sabbia silicea), uno stabilizzante (il carbonato di calcio stabilizza la miscela alla solubilità in presenza di acqua) e un fondente (il solfato di sodio abbassa sensibilmente il punto di fusione): a questi componenti viene solitamente aggiunto del vetro riciclato per diminuire il consumo di combustibile e di materia prima. La silice, diossido di silicio ovvero SiO 2, in forma di sabbia silicia può contenere altri minerali, argille ed impurezze dovute a ossidi di ferro e cromo per una percentuale variabile tra il 30% e il 40%. Sabbia silicea in Egitto. 03

4 Vetro I solidi cristallini presentano una disposizione ordinata delle particelle (atomi, molecole, ioni) che si ripetono periodicamente nello spazio costituendo un reticolo tridimensionale. Tale regolarità, ha conseguenze anche su scala macroscopica, determinando l abito dei cristalli e influenzando le proprietà fisiche. In una sostanza vetrosa vi è una disposizione disordinata e casuale delle particelle che la costituiscono. Lo stato amorfo è paragonabile a quello di un solido bloccato nella struttura disordinata del liquido. Sostanze amorfe sono i vetri, la gomma naturale e molte materie plastiche. 04

5 Cenni storici Plinio il vecchio (Como, 23 d.c.-castellammare di Stabia 79 d.c.) racconta che il vetro sarebbe nato casualmente nel III Millennio a.c. sulle coste della Fenicia. Nella Naturalis Historia narra infatti di alcuni mercanti fenici che accesero un fuoco sulle rive del fiume Belo in Siria, ed usarono accidentalmente come supporti per cucinare, blocchi di soda naturale: questi si fusero per il calore mescolandosi alla sabbia della spiaggia, e diedero origine al primo materiale vetroso. Anche le prime suppellettili in vetro, che nella forma primitiva erano quasi totalmente prive di trasparenza, furono rinvenute nelle regioni centrali della Mesopotamia, quindi nella stessa area geografica dove furono poi definite le prime tecniche di lavorazione. Nella metà del I secolo a.c. circa fu sviluppata la tecnica del soffiaggio. Coppa diatreta di epoca romana del IV secolo a.c. Il termine diatreta si riferisce alla particolare tecnica di lavorazione dell oggetto, che consisteva nella soffiatura di un vaso grezzo di spessore notevole, sul quale veniva intagliata una lavorazione a reticolo 05

6 Cenni storici Dal soffiaggio di sfere e cilindri nel 600 si è passati alla produzione di lastre di vetro per colaggio, come si fa con i metalli, e nel 900 si è dato inizio alla produzione del vetro tirato e poi laminato fra due rulli. Nel 1959 l inglese Alastair Pilkington mette a punto la produzione per colatura in continuo su un bagno di stagno fuso: il sistema è stato brevettato e avviato alla produzione dalla Saint Gobain nel Il vetro così prodotto, che rappresenta più del 90% del vetro prodotto a livello mondiale, è detto float-glas (dall inglese to float ovvero galleggiare) perché a un determinato punto del processo produttivo il nastro di vetro si trova a galleggiare sullo strato di stagno liquido. Manifattura artigianale e attrezzi per la lavorazione del vetro (1850 circa). Soffiaggio del vetro 06

7 Produzione del vetro Approvvigionamento Macinazione Miscelazione Approvvigionamento, macinazione e miscelazione Le prime tre fasi si articolano nelle seguenti operazioni: - una volta fornite le materie prime si procede con l analisi della purezza delle sostanze. Per i vetri ottici ad esempio, si usa il diossido di silice puro al 99,7%; - le materie prime scelte vengono ridotte in polvere di 0,2-0,5 mm di diametro; - le polveri vengono miscelate con rottami di vetro che fungono da fondente. Fusione Processo produttivo del vetro. Raffinamento Ricottura Riposo e condizionamento Formatura 07

8 Produzione del vetro Fusione Durante la fusione, che avviene a temperature comprese tra i C e i C, viene eliminata l acqua presente nei componenti di partenza; allo stesso tempo vengono dissociati i carbonati dai solfati con il conseguente sviluppo di anidride carbonica o solforosa e la formazione di una massa fusa omogenea. In particolare, i carbonati si decompongono negli ossidi che a loro volta reagiscono con la silice per dare corrispondenti metasilicati di sodio e di calcio: Ossido di sodio Na 2 O + Diossido di silice SiO 2 Silicato di sodio Na 2 SiO 3 Ossido di calcio CaO + Diossido di silice SiO 2 Metasilicato di calcio CaSiO 3 che formano il solido amorfo. Il metasilicato di calcio è detto anche Wollastonite dal nome dal chimico inglese William Hyde Wollaston ( ). La massa fusa omogenea di vetro. 08

9 Produzione del vetro Raffinamento Il raffinamento è l operazione attraverso la quale vengono eliminati i gas che potrebbero originare difetti nei manufatti preparati. In questa fase le parti non fuse si depositano sul fondo del forno e le bolle di gas formatesi durante la fusione migrano in superficie. Tale fenomeno è ottenuto aggiungendo alla massa fusa piccole percentuali di agenti raffinanti che facilitano l espulsione perché contribuiscono ad aumentare il volume delle bolle. Siccome le temperature raggiunte sono molto alte, ovvero fino a C, i materiali refrattari convenzionali non possono essere utilizzati, in quanto sarebbero danneggiati dal calore, e quindi contaminerebbero il vetro con impurità ovvero come coloranti: per tale motivo viene utilizzato il platino, un materiale inalterabile dal vetro fuso. Al termine di questa fase il vetro fuso presenta in tutti i punti uguale composizione chimica e le stesse proprietà fisiche. L espulsione delle bolle in fase di raffinamento. 09

10 Produzione del vetro Riposo o condizionamento La fusione si conclude con la fase di riposo o condizionamento, durante la quale la massa viene raffreddata poco a poco fino alla temperatura di formatura (1.200 C). Formatura Il vetro, ancora fluido, si trova ad una temperatura nella quale assume una viscosità tale da poter essere lavorato e da conservare la forma impartita senza alterazioni. La formatura può essere ottenuta con le seguenti modalità: - colata e stampaggio, per la produzione di vetro cavo (bicchieri, bottiglie, etc.); - soffiatura, a bocca o con ugelli immette nell impasto aria compressa per creare vetri di laboratorio o opere d arte; - laminazione, è adottata per la produzione di vetro piano; - stiratura, consiste nella produzione di fogli continui con spessore 0,1-1,0 mm e larghezza di 2,5 m, attraverso una serie di rulli posizionati verticalmente. La formatura del vetro. 10

11 Produzione del vetro Ricottura La ricottura consiste in un riscaldamento del vetro e serve essenzialmente per eliminare le tensioni interne formatesi in fase produttiva per irregolarità di riscaldamento o raffreddamento. La scelta della temperatura e della velocità di raffreddamento sono in funzione del tipo di vetro e del suo spessore. Dopo aver raggiunto la temperatura dovuta, l oggetto viene mantenuto in tale stato per un periodo sufficiente ad assicurare il raggiungimento dell uniformità termica in ogni suo punto; quindi viene raffreddato lentamente, fino a una temperatura inferiore di 50 C a quella di ricottura, ed infine viene portato rapidamente a temperatura ambiente. Il forno per la ricottura. 11

12 Caratteristiche Oltre a trasparenza, brillantezza e lucidità della superficie, il vetro presenta una scarsa resistenza a trazione e un elevata fragilità, che produce una rottura brusca senza che avvengano precedentemente deformazioni e snervamenti: queste caratteristiche negative possono essere eliminate dal trattamento a tempera (vetro temperato) o con l unione con altri materiali. Il vetro, inoltre, ha una durezza elevatissima, un alto coefficiente di dilatazione, una notevole omogeneità e una ottima resistenza all attacco della maggior parte degli acidi, ad eccezione dell acido fluoridrico. Materiali quali vetro, ghisa e alcuni polimeri che non sono dotati di plasticità, ovvero che arrivano a rottura in assenza di una deformazione plastica permanente, vengono definiti fragili. 12

13 Tipologie di vetro In commercio esistono diversi tipi di vetro quali: 1. greggio, colato e laminato è generalmente incolore; 2. retinato, colato e traslucido è un vetro greggio con incorporata una rete metallica a maglia quadrata (12,5 mm); 3. lucido, ottenuto per tiratura meccanica della massa fusa, presenta sulle due facce, naturalmente lucide, ondulazioni più o meno accentuate non avendo subito lavorazioni superficiali; 4. trasparente, chiaro o colorato è ottenuto per colata mediante galleggiamento su un bagno di metallo fuso; 5. specchio, detto anche vetro argentato, è una lastra di vetro con una faccia rivestita di alluminio o argento (tecnica ideata da Justus von Liebig nel 1835), che produce una immagine per riflessione degli oggetti che gli stanno davanti. Gli specchi usati sino al Medioevo erano dei semplici dischi di metallo (bronzo, stagno o argento) leggermente convessi e lucidati. Negli specchi usati per gli strumenti ottici, il metallo riflettente viene fatto depositare sulla superficie anteriore del vetro anziché su quella posteriore, in modo da evitare le deboli riflessioni prodotte dal vetro stesso; Fase di lavorazione del vetro. 13

14 Monica Bonvicini, Mirror Public Toilet, London (UK) 2004 L artista Monica Bonvicini (Venezia 1965) ha realizzato un installazione costituita da un servizio igienico rivestito di vetro specchiante. 14

15 Monica Bonvicini, Mirror Public Toilet, London (UK) 2004 L opera ha l eloquente titolo Don t Miss A Sec. 15

16 Tipologie di vetro 6. temperato, trattato termicamente o chimicamente consente di aumentare notevolmente (fino a 4-5 volte) le caratteristiche di resistenza meccanica e di resistenza allo shock termico. Consiste nel portare la lastra di vetro, in un apposito forno, alla temperatura di circa 700 C e poi di raffreddarla bruscamente; questo procedimento genera, all interno della lastra, delle tensioni che si oppongono alle forze esterne di flessione. In caso di rottura, le tensioni interne vengono liberate istantaneamente causando lo sbriciolamento del vetro in minuscoli frammenti inoffensivi: per questo suo comportamento, il vetro temperato è considerato prodotto di sicurezza verso le persone. Un esempio tipico di applicazione dei vetri temperati sono finestrini delle autovetture, box doccia, piani di tavoli e mobili per arredo). Anche se soltanto raramente, a causa delle tensioni il vetro temprato può presentare il problema della rottura spontanea; 7. satinato, è un vetro sottoposto ad una lavorazione che ne rende la superficie opaca; Dettaglio della connessione di una maniglia in metallo su una porta costituita da una lastra di vetro temprato. 16

17 Tipologie di vetro 8. stratificato, detto anche vetro laminato, formato da due o più lastre di vetro e da uno o più strati interposti di materia plastica (polivinilbutirrale) che incollano tra loro le lastre di vetro. Solitamente il PVB usato è incolore e perfettamente trasparente; esistono anche versioni di PVB colorato (però in una gamma limitata di colori) oppure bianco latte o acidato per creare vetri stratificati traslucidi, cioè trasparenti alla luce ma non alle immagini. In caso di rottura di una o di entrambe le lastre di un vetro stratificato, tutti i frammenti di vetro restano attaccati al foglio di PVB (o allo strato di resina indurita o al plastico) impedendo così il ferimento di persone (vetro di sicurezza anti-infortunio): aumentando lo spessore delle lastre di un vetro stratificato e/o il numero di lastre di vetro che lo compongono, si ottengono vetri anti-intrusione, vetri anti-sfondamento, vetri calpestabili (per gradini di scale, pavimenti sospesi, lucernari, etc.) e vetri anti-proiettile. Per ottenere effetti cromatici particolari è possibile inserire tessuti (seta, cotone, fibre artificiali, etc.) trasparenti, semi-trasparenti o coprenti tra le lastre. Vetro Float acidato (4,0 mm) Polivinilbutirrale (1,0 mm) Specchio (3,0 mm) Vetro stratificato con spessore complessivo di 8,0 mm. 17

18 Tipologie di vetro 9. acidato, è un vetro con una superficie di tipo granuloso, che viene ottenuto per mezzo di un trattamento chimico basato sull impiego di acido fluoridrico, che presenta caratteristiche chimico-fisiche tali da intaccare il vetro e conferire la granulosità superficiali; 10. vetrocamera, formato da lastre di vetro unite al perimetro, con interposto un distanziatore, a mezzo di adesivi o altro, in modo da formare una o più intercapedini contenenti aria secca o gas nobili (argon, krypton, xenon, etc.); 11. basso emissivo, è un vetro su cui è stata posata una pellicola (couche) di uno specifico materiale (ossidi di metallo), che ne migliora notevolmente le prestazioni di isolamento termico, senza modificarne sostanzialmente le prestazioni di trasmissione della luce. I più comuni sono 4 mm 3/3 oppure 4/4. Possono risultare leggermente colorati per effetto del trattamento superficiale; 12. selettivo, è un vetro basso emissivo che svolge un'azione di filtro nei confronti del fattore solare, scoraggiando la trasmissione del calore per irraggiamento. È generalmente prodotto con l impiego di lastre colorate ed è solitamente confezionato in vetrocamera in modo da raggiungere il doppio obiettivo ovvero isolare termicamente e filtrare i raggi solari. È impiegato nella realizzazione di grandi vetrate o facciate continue pluripiano. Parete interna in vetro acidato. 18

19 Tipologie di vetro I vetri possono subire seconde lavorazioni quali la molatura dei bordi, la foratura, l incisione, la curvatura e la smaltatura. Le lastre di vetro sono realizzate con spessori standard di 2, 3, 4, 5, 6, 8, 10, 12, 15, 19, 22 e 25 mm. Per ottenere effetti cromatici particolari è possibile inserire tessuti (seta, cotone, fibre artificiali, ecc.) trasparenti, semi-trasparenti o coprenti tra i due o i tre vetri. 19

20 Controllo solare con vetro trasparente Un normale vetro viene attraversato dall 85% delle radiazioni solari. 20

21 Controllo solare con vetro assorbente Sono ottenuti tramite rivestimento magnetronico (ossidi metallici di ferro o rame depositati sotto vuoto mediante processo elettromagnetico) o pirolitico (ossidi metallici depositati tramite pirolisi all uscita del forno e ad alte temperature). Un vetro assorbente riesce a ridurre l attraversamento delle radiazioni solari fino al 56%. 21

22 Controllo solare con vetro riflettente Come per il vetro assorbente anche il vetro riflettente viene rivestito da ossidi metallici. I vetri riflettenti sono fortemente tinti e quando si surriscaldano presentano un elevato rischio di frattura. Un vetro riflettente riesce a ridurre l attraversamento delle radiazioni solari fino al 21%. 22

23 Vetro colorato Per realizzare il vetro colorato è necessario aggiungere alle sostanze di base dei costituenti secondari, quali ossidi metallici in quantità molto ridotta ovvero in concentrazione anche minore del 5% della massa totale. Frequentemente in architettura i vetri colorati sono ottenuti dall inserimento di intercalari in polivinilbutirale all interno delle lastre in vetro stratificato: gli intercalari sono singoli o multipli per ottenere diversi effetti cromatici. Colorante Ossido di Cerio (CeO) Ossido di Ferro (FE 2 O 3 ) Ossido di Nichel (NiO) Ossido di Rame (CuO) Colore Giallo Verde Violetto Verde-Blu Alcune delle sostanze utilizzate come colorante. Vetro colorato. 23 Tatano, V. (a cura di) Oltre la trasparenza. Riflessioni sull impiego del vetro in architettura, Officina, Roma 2008.

24 Riciclabilità È importante sottolineare come il vetro contribuisca alla salvaguardia dell ambiente per effetto della sua caratteristica di essere completamente riciclabile: anche per questo motivo, oltre che per la sua longevità, la sua inerzia ambientale (non emette gas o sostanze tossiche), il vetro risulta essere un materiale con basso impatto ambientale. Il Consorzio Recupero Vetro (CO.RE.VE.) è stato costituito nel 1997 dai principali gruppi vetrari in ottemperanza agli art. 38 e 40 del D.lgs. 22/1997. In particolare, il Consorzio organizza il ritiro dei rifiuti, l informazione degli utenti, l avvio a riciclo dei rifiuti in vetro. Il vetro ha un ciclo praticamente infinito. 24

25 Riciclabilità Polvere di vetro riciclato per intonaci. Isolante termico in fibre di vetro riciclato. Pavimenti e rivestimenti in lastre e tessere di vetro riciclato. 25

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre.

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre. Prof. Carlo Carrisi Il vetro è un prodotto omogeneo e compatto, ad elevata trasparenza, costituito prevalentemente da silice e materiali fondenti (ossidi di sodio e potassio). Una antica leggenda racconta

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA 2009/10 PROF. SERGIO RINALDI

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA 2009/10 PROF. SERGIO RINALDI E un materiale ceramico amorfo ottenuto per solidificazione di un prodotto di fusione inorganico che passa dallo stato fluido a quello solido senza cristallizzazione. Le molecole, disposte in modo completamente

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

BA1U3L2 L INDUSTRIA DEL VETRO FUSIONE FOGGIATURA E RICOTTURA TECNICHE FI LAVORAZIONE TEMPRA

BA1U3L2 L INDUSTRIA DEL VETRO FUSIONE FOGGIATURA E RICOTTURA TECNICHE FI LAVORAZIONE TEMPRA BA1U3L2 L INDUSTRIA DEL VETRO FUSIONE FOGGIATURA E RICOTTURA TECNICHE FI LAVORAZIONE TEMPRA FUSIONE LE MATERIE PRIME SONO MACINATE E LE POLVERI COSÌ OTTENUTE VERSATE IN APPOSITI CONTENITORI,DETTI TRAMOGGE;QUESTE

Dettagli

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA - Facoltà di Architettura di Matera Classe LM/4, conforme alla DIRETTIVA EUROPEA 85/384 e al D.M. 22 ottobre 2004, n.270 a.a. 2011/2012 II ANNO Semestrale TECNOLOGIA

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

Chiusure Trasparenti - Serramenti

Chiusure Trasparenti - Serramenti Chiusure Trasparenti - Serramenti Dal Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 La suddetta normativa impone l obbligatorietà del rilascio del "Certificato di Trasmittanza Termica" da parte dei serramentisti,

Dettagli

S.U.N. Architettura Luigi Vanv itelli. CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2010_11 prof. S. Rinaldi. Infissi 1. Fi_1

S.U.N. Architettura Luigi Vanv itelli. CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2010_11 prof. S. Rinaldi. Infissi 1. Fi_1 La radiazione solare globale determina il potenziale energetico sfruttabile come luce e come calore, cioè gli apporti solari. La quantità di radiazione globale che una superficie può ricevere dipende,

Dettagli

EPVetraio-2010 ELENCO PREZZI - MANODOPERA E OPERE COMPIUTE OPERE DA VETRAIO ANN1 2011-2012. pag.1di8

EPVetraio-2010 ELENCO PREZZI - MANODOPERA E OPERE COMPIUTE OPERE DA VETRAIO ANN1 2011-2012. pag.1di8 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA ED EMILIA ROMAGNA " Bruno Ubertini" BRESCIA - Via A. Bianchi 9 - ( Ente Sanitario di Diritto Pubblico ) ELENCO PREZZI - MANODOPERA E OPERE COMPIUTE

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

ESEMPI DI APPLICAZIONI

ESEMPI DI APPLICAZIONI RISCALDAMENTO IN FIBRA DI CARBONIO ESEMPI DI APPLICAZIONI MATERASSINO SOTTO IL MASSETTO E PAVIMENTO L installazione sotto il massetto, grazie all inerzia termica dello stesso, consente di mantenere la

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO TRATTAMENTI TERMICI IL TRATTAMENTO TERMICO CONSISTE IN UN CICLO TERMICO CHE SERVE A MODIFICARE LA STRUTTURA DEL MATERIALE PER LA VARIAZIONE DELLE SUE CARATTERISTICHE MECCANICHE: RESISTENZA DEFORMABILITA

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI TRASPARENTI

CHIUSURE VER VER ICALI TRASPARENTI CHIUSURE VERTICALI TRASPARENTI Serramenti Chiusure Verticali Trasparenti Vetrate continue Con specchiatura unica A doppia pelle SERRAMENTI ESTERNI Elementi costruttivi funzionali che devono soddisfare

Dettagli

'()*+(,*+-*&.-&/*0,+12-*34&&.455 6+78-,491+(&:&6&& !"#$!#"%& /8-101+4&,+(0;(+43<&

'()*+(,*+-*&.-&/*0,+12-*34&&.455 6+78-,491+(&:&6&& !#$!#%& /8-101+4&,+(0;(+43<& !"#$"%&'%()*&'%'+%%,#-.')/0*#1% % '()*+(,*+-*&.-&/*0,+12-*34&&.455 6+78-,491+(&:&6& & 1212%3456758% % 9#":2%(/#;'"%

Dettagli

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI ARGOMENTI TRATTATI: Oggetti materiali e tecnologie Classificazione dei materiali Proprietà dei materiali Proprietà chimico/fisico Proprietà

Dettagli

Produzione e Recupero-Riciclo

Produzione e Recupero-Riciclo Tecnologie di Recupero e Riciclo dei Materiali Alberto Simboli Produzione e Recupero-Riciclo - IL VETRO - Storia del vetro - VETRO NATURALE: ossidiana, conosciuta ed usata sin dai tempi preistorici. -

Dettagli

Il vetro e la sicurezza. Prevenzione degli infortuni Bollettino tecnico

Il vetro e la sicurezza. Prevenzione degli infortuni Bollettino tecnico Il vetro e la sicurezza Prevenzione degli infortuni Bollettino tecnico Introduzione Il concetto di sicurezza copre un insieme quanto mai vasto di applicazioni per ciò che concerne il vetro. In particolare

Dettagli

ISPIRAZIONI CONCEPT STON AMBIENTAZIONI STRUTTURA E FUNZIONAMENTO PRODOTTO PROGETTO FUNZIONI MATERIALI

ISPIRAZIONI CONCEPT STON AMBIENTAZIONI STRUTTURA E FUNZIONAMENTO PRODOTTO PROGETTO FUNZIONI MATERIALI ISPIRAZIONI CONCEPT STON PRODOTTO PROGETTO FUNZIONI STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MATERIALI AMBIENTAZIONI Donald Judd Untitled, 1965 Stuba trentina Porfido Trentino Pietra Naturale Calore Luce Funzionalità

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli I materiali di rivestimento di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli Porosità della ceramica -Le ceramiche hanno la caratteristica di essere porose, un fattore che non le ha rese utilizzabili

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI 1. TEMPRA La tempra diretta: TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI - Aumenta la durezza degli acciai - Conferisce agli acciai la struttura denominata MARTENSITE (soluzione solida interstiziale sovrassatura

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

Fibra Ceramica. Catalogo generale

Fibra Ceramica. Catalogo generale Fibra Ceramica Catalogo generale La storia della società KERAUNION Nel 1, in Bohemia (oggi Repubblica Ceca) viene fondata la ditta Keraunion per produrre vasellame ed oggetti in vetro e cristallo. Dal

Dettagli

ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 1

ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 1 asdf ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 11 November 2011 Con questo articolo proviamo ad effettuare un breve excursus nel "mondo" dell'alluminio, analizzandone alcuni degli aspetti

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia LO STATO SOLIDO Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia Nello stato solido le forze attrattive tra le particelle (ioni, atomi, molecole) prevalgono largamente sull effetto

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

IL QUADRO ELETTRICO INOX. in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO

IL QUADRO ELETTRICO INOX. in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO IL QUADRO ELETTRICO INOX in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO Direttive e norme La direttiva sull igiene dei prodotti alimentari e la HACCP (Hazard-Analysis-Critical-Control-Points) Tra le norme che regolano

Dettagli

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI ferrosi Ghise/acciai metalli pesanti non ferrosi leggeri ultraleggeri I materiali metallici MATERIALI METALLICI FERROSI

Dettagli

Vetro e sicurezza termica. Bollettino tecnico

Vetro e sicurezza termica. Bollettino tecnico Vetro e sicurezza termica Bollettino tecnico Introduzione Questa pubblicazione introduce il concetto di stress termico che può essere indotto nel vetro per effetto dell esposizione alla radiazione solare.

Dettagli

Lezione 11 Trattamenti termici

Lezione 11 Trattamenti termici Lezione 11 Gerardus Janszen Dipartimento di Tel 02 2399 8366 janszen@aero.polimi.it . IL TRATTAMENTO TERMICO CONSISTE IN UN CICLO TERMICO CHE SERVE A MODIFICARE LA STRUTTURA DEL MATERIALE PER LA VARIAZIONE

Dettagli

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE Indice Premessa Nota degli autori PARTE PRIMA ESSICCAZIONE E COTTURA: NOZIONI FONDAMENTALI Capitolo 1. INTRODUZIONE Capitolo 2. IL CALORE 1. I principali

Dettagli

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Funzioni PROGETTAZIONE Specifiche Materie prime / Componenti PRODUZIONE Prodotto DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Progettazione del componente: materiale macro geometria micro geometria

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

Gyproc Easy2 Activ Air

Gyproc Easy2 Activ Air Gyproc Easy2 Activ Air Norma di prodotto: EN 520:2009 La tecnologia Activ Air permette alla lastra di assorbire e neutralizzare fino al 70% della formaldeide presente nell aria degli ambienti interni.

Dettagli

Generalità. Le cere dentali CERE NATURALI. Generalità

Generalità. Le cere dentali CERE NATURALI. Generalità Generalità Le cere dentali Prof. Silvia Recchia le cere dentali sono: utilizzate in numerosi impieghi, ma soprattutto per la modellazione di protesi (da riprodurre in lega o resina) materiali termoplastici

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ SCELTA DEL MATERIALE I MATERIALI LA SCELTA DEL MATERIALE PER LA COSTRUZIONE DI UN PARTICOLARE MECCANICO RICHIEDE: LA CONOSCENZA DELLA FORMA E DELLE DIMEN- SIONI DELL OGGETTO LA CONOSCENZA DEL CICLO DI

Dettagli

il ciclo della carta

il ciclo della carta il ciclo della carta 6 Prodotti a seconda della carta recuperata (giornali, cartoni, carta mista) si ottengono prodotti diversi: carta da imballo e da scrittura, cartoni, cartoncini e altri tipi la carta

Dettagli

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle.

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle. MARITRANS MD Data: 01.06.2011 Versione 10 MARITRANS MD è una membrana trasparente in poliuretano monocomponente, alifatica, estremamente elastica e con un alto contenuto di materiali solidi, utilizzata

Dettagli

I vetri per il migliore isolamento termico

I vetri per il migliore isolamento termico Isolamento Termico I vetri per il migliore isolamento termico Isolamento Termico 2 Una gamma di vetri a isolamento rinforzato In seguito all'incremento dei costi energetici e all'aumento della sensibilizzazione

Dettagli

MATERIALI SINTERIZZATI

MATERIALI SINTERIZZATI MATERIALI SINTERIZZATI Sono ottenuti con la cosiddetta Metallurgia delle polveri, che consiste nella compattazione e trasformazione di materiali ridotti in polvere in un composto indivisibile. Sono utilizzati

Dettagli

IL VETRO PIANO PER EDILIZIA INTRODUZIONE AI PRODOTTI PILKINGTON

IL VETRO PIANO PER EDILIZIA INTRODUZIONE AI PRODOTTI PILKINGTON IL VETRO PIANO PER EDILIZIA INTRODUZIONE AI PRODOTTI PILKINGTON Falegnameria Fantin Villa Emo, 26 settembre 2008 Ing. Giuliano Toniolo Technical Advisory Service Pilkington Italia S.p.A. Protezione / Sicurezza

Dettagli

PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Composito C/C

PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Composito C/C PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Immagine: fornita da JAXA Illustrazioni di Akihiro Ikeshita Caratteristiche dei prodotti compositi C/C Il composito C/C (composito di carbonio rinforzato da fibra di carbonio)

Dettagli

FOCUS VETRI il 70% della finestra

FOCUS VETRI il 70% della finestra il 70% della finestra I vetri rappresentano il 70% circa della superficie degli infissi. La scelta del vetro, da effettuarsi sulla base delle caratteristiche degli edifici, può migliorare notevolmete le

Dettagli

Trattamenti termici degli acciai al carbonio

Trattamenti termici degli acciai al carbonio Trattamenti termici Il trattamento termico è una lavorazione attuata mediante un ciclo termico, su un metallo o una sua lega, allo stato solido, al fine di variarne le proprietà e renderle adatte alla

Dettagli

24 / 36 / 13 : 24 / 36 / D

24 / 36 / 13 : 24 / 36 / D Via Oberdan, 7 20059 Vimercate (MI) Tel.: +39 039 6612297 Fax : +39 039 6612297 E-mail: info@fiortech.com Partita IVA: 02916370139 La colla trasparente multiuso per le applicazioni più svariate Sito web:

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi Leganti, malte per murature, intonaci Firenze, lunedì 16 ottobre 2006 LEGANTI Materiali che opportunamente ricondotti allo stato di polvere e miscelati

Dettagli

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 Integrazione all Allegato B - gruppo di miscelazione NPP8 GRUPPO NPP8 solidi di natura prevalentemente inorganica Tipologie da miscelare:

Dettagli

Alluminio e sue leghe

Alluminio e sue leghe Alluminio e sue leghe Proprietà dell alluminio puro Basso peso specifico Elevata conducibilità eletrica Buona resistenza alla corrosione Scarse caratteristiche meccaniche L alligazione dell alluminio ne

Dettagli

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ LE PROPRIETÀ DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Si possono considerare come l'insieme delle caratteristiche

Dettagli

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio Materiali delle punte elicoidali Processi produttivi delle punte elicoidali Standard normativi Tipologia di affilatura Rivestimenti superficiali degli utensili Durezze Rockwell e Vickers Classificazione

Dettagli

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe THERMO RASATURA Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE

Dettagli

(b) Leganti idraulici

(b) Leganti idraulici (b) Leganti idraulici Materiali leganti: classificazione induriscono soltanto in aria, non possono stare permanentemente a contatto con l acqua induriscono anche in acqua Materiali leganti: classificazione

Dettagli

SISTEMA FINESTRA Appunti per la progettazione e la posa in opera

SISTEMA FINESTRA Appunti per la progettazione e la posa in opera SISTEMA FINESTRA Appunti per la progettazione e la posa in opera le guide pratiche del Master CasaClima 6 collana diretta da Cristina Benedetti collana diretta da: a cura degli studenti del Master CasaClima:

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

GUALINI S.p.A. Ing. Enzo Senese Project Manager OAR DIPARTIMENTO ATTIVITA TUTELA PROFESSIONALE - Casa dell Architettura - ROMA 12 giugno 2015 Modulo II: RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA INVOLUCRO Certificazioni

Dettagli

Gli elementi di transizione

Gli elementi di transizione Gli elementi di transizione A partire dal quarto periodo del Sistema Periodico, nella costruzione della configurazione elettronica degli elementi, dopo il riempimento degli orbitali s del guscio di valenza

Dettagli

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche Prove tecnologiche PROVE TECNOLOGICHE Le prove tecnologiche vengono eseguite allo scopo di determinare l'attitudine dei materiali a subire determinati processi necessari a realizzare un certo prodotto.

Dettagli

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali ME_2 PM Classificazione dei materiali

Dettagli

Vetrificante. tutta la linea SottoSopra. Sanitari Mobili Elettrodomestici. Sotto Sopra il camaleonte di casa. Libretto di istruzioni

Vetrificante. tutta la linea SottoSopra. Sanitari Mobili Elettrodomestici. Sotto Sopra il camaleonte di casa. Libretto di istruzioni tutta la linea SottoSopra Colore per Interni Pareti e Mobili TM Sotto Sopra il camaleonte di casa paints Vetrificante Sanitari Mobili Elettrodomestici Resina di finitura per interni Libretto di istruzioni

Dettagli

Tondino UD/B Basalnet S Grid 25x25 ( 50 x50) Tondino UD/B ad.migliorata

Tondino UD/B Basalnet S Grid 25x25 ( 50 x50) Tondino UD/B ad.migliorata BARRE IN FIBRA DI BASALTO Le barre hanno un ruolo fondamentale e consolidato in edilizia e vengono utilizzate principalmente come rinforzo del cemento, costituendo così il calcestruzzo armato. La quasi

Dettagli

Mescolatore Tipo Biconico

Mescolatore Tipo Biconico MS I Applicazione Il miscelatore tipo biconico realiza una miscelazione omogenea dei solidi. Il processo di miscelazione è una operazione comune nella produzione destinata all industria farmaceutica,alimentare,

Dettagli

I LATERIZI seconda parte

I LATERIZI seconda parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI seconda parte Informazioni

Dettagli

Classificazione. Le plastiche utilizzate in edilizia sono classificate in: - Resine termoindurenti - Resine termoplastiche

Classificazione. Le plastiche utilizzate in edilizia sono classificate in: - Resine termoindurenti - Resine termoplastiche Classificazione Le plastiche utilizzate in edilizia sono classificate in: - Resine termoindurenti - Resine termoplastiche Entrambe raggruppano altre resine differenti per alcun specificità. Resine termoindurenti.

Dettagli

Principi di Ecodesign Docente: arch. Adriano Magliocco. Il riciclo il VETRO

Principi di Ecodesign Docente: arch. Adriano Magliocco. Il riciclo il VETRO Principi di Ecodesign Docente: arch. Adriano Magliocco Il riciclo il VETRO informazioni e dati provenienti da quanto pubblicato online dai marchi citati e dal sito www.matrec.it CORSO DI LAUREA IN DISEGNO

Dettagli

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo diverse metodologie. 1 La tempra termica (o fisica) si basa

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

MICROFUSIONE A CERA PERSA IN GESSO

MICROFUSIONE A CERA PERSA IN GESSO MICROFUSIONE A CERA PERSA IN GESSO (REALIZZAZIONE DI GIOIELLI) Cagliani Claudio 22757 Colla Andrea 27771 Gelmi Guido 27620 Mapelli Serena 22492 1 LE FASI DEL PROCESSO 1) MODELLAZIONE Alla base di ogni

Dettagli

Ciclo carta e cartone

Ciclo carta e cartone Ciclo carta e cartone la carta e il cartone inseriti negli appositi contenitori vengono prelevati dal gestore del servizio 6 PRODOTTI a seconda della carta recuperata (giornali, cartoni, carta mista) si

Dettagli

LA LASTRA DI VETRO 1.1 CARATTERISTICHE FISICHE

LA LASTRA DI VETRO 1.1 CARATTERISTICHE FISICHE 1 1.1 CARATTERISTICHE FISICHE Il vetro comune è un materiale solido ma non è cristallino; questo significa che la sua struttura molecolare è di tipo amorfo, cioè con molecole non ordinate. Potrebbe essere

Dettagli

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI Si suddividono in : proprietà chimico-strutturali strutturali; proprietà fisiche; proprietà meccaniche; proprietà tecnologiche. Le proprietà chimico-strutturali riguardano

Dettagli

La leggenda contiene però gli ingredienti per fare il vetro. - SABBIA quarzosa ( circa il 70%)

La leggenda contiene però gli ingredienti per fare il vetro. - SABBIA quarzosa ( circa il 70%) IL VETRO I primi oggetti in vetro risalgono a circa 3.500 anni fa in Mesopotamia ma la leggenda vuole che siano stati i FENICI ad inventare il vetro per caso Una leggenda narra che dei mercanti FENICI,

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

Isolamento acustico anticalpestio

Isolamento acustico anticalpestio Isolamento acustico anticalpestio Isolanti anticalpestio in polietilene espanso reticolato Pavitema Rex è una gamma di isolanti anticalpestio in polietilene espanso reticolato nata per rispondere alla

Dettagli

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO SALDATURA SALDATURA AD ARCO SOMMERSO La saldatura ad arco sommerso (SAW - Submerged Arc Welding nella terminologia AWS) è un saldatura ad arco a filo continuo sotto protezione di scoria. Il fatto che l

Dettagli

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI DAI PROVINI AI COMPONENTI Vi sono molti fattori che influenzano la resistenza a fatica; fra i fattori che riguardano il componente hanno particolare importanza: le dimensioni (C S ) la presenza di intagli

Dettagli

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO.

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. COTTURE CERAMICHE COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. CONFERIMENTO DI PARAMETRI TECNICI,

Dettagli

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura.

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. Il sistema di riferimento è quello di un componente soggetto a carichi esterni

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

ASTIC ASSO ASTR B EPO EPO

ASTIC ASSO ASTR B EPO EPO MA STI CI MASTICS MASTICE/MASTICS Materials Marmo Granito Marmo resina Marmo cemento Pietre calcaree Pietre BLITZ ASTRA 24K EPOX 2000 EPOX PREMIUM IMPREPOX SPEZIAL TAK MASTICE 2000 STONEPOXY THASSOS Travertino

Dettagli

I METALLI NOBILI PROPRIETA

I METALLI NOBILI PROPRIETA I METALLI NOBILI Sono metalli preziosi non tanto per le loro proprietà meccaniche (cioè di resistenza alle sollecitazioni) ma per le loro proprietà tecnologiche e fisiche ed anche perché non sono abbondanti

Dettagli

EXTRUSION COATING. Una tipica linea di estrusione può raggiungere altissime velocità, nell ordine di 500 metri al minuto e oltre.

EXTRUSION COATING. Una tipica linea di estrusione può raggiungere altissime velocità, nell ordine di 500 metri al minuto e oltre. EXTRUSION COATING EXTRUSION COATING L extrusion coating è un processo utilizzato per preparare complessi utilizzati per imballaggi asettici, quali contenitori per latte, vino, succhi di frutta, acqua etc.

Dettagli

Notizie e informazioni sulla casa su Quotidianocasa.it

Notizie e informazioni sulla casa su Quotidianocasa.it Page 1 of 5 Notizie e informazioni sulla casa su Quotidianocasa.it Ultimo aggiornamento: 06 Febbraio 2008 09:02 Ultime in Risparmio energetico login registrazione cerca nel sito scrivici rss Abitare sostenibile,

Dettagli

SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI

SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI INDICE creatività FINITURE esclusività 1. IL MICROCEMENTO 4 1.1. VANTAGGI E APPLICAZIONI DEL SISTEMA SikaDecor Nature 6 1.2. STRUTTURA DEL

Dettagli

Tecniche di produzione del Silicio. Silicio monocristallino: Processo Czochralski e metodo del floating zone

Tecniche di produzione del Silicio. Silicio monocristallino: Processo Czochralski e metodo del floating zone Tecniche di produzione del Silicio Silicio monocristallino: Processo Czochralski e metodo del floating zone Processo Czochralski Il processo consiste nel sollevamento verticale a bassissima velocità di

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

Pavimenti Interni Piastrelle Cemento Legno Marmo Resina di finitura all acqua

Pavimenti Interni Piastrelle Cemento Legno Marmo Resina di finitura all acqua tutta la linea SottoSopra Colore per Interni Pareti e Mobili TM Sotto Sopra il camaleonte di casa paints Pavimenti Interni Piastrelle Cemento Legno Marmo Resina di finitura all acqua Libretto di istruzioni

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI TRATTAMENTO LE RIMONTE CAPILLARI INTRODUZIONE: Grazie alle sue ottime caratteristiche tecniche e alla facilità di messa in opera il di POTASSIO viene largamente utilizzato per rendere idrorepellenti i

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia ( ING/IND16) CF 8 Saldature Saldatura: Processo di unione permanente di due componenti meccanici. Variabili principali: Lega da saldare Spessore delle parti Posizione di saldatura Produzione

Dettagli

Corde Isolanti e Guarnizioni per Alte Temperature

Corde Isolanti e Guarnizioni per Alte Temperature Corde Isolanti e Guarnizioni per Alte Temperature La corda ceramica è ottenuta da fibre ceramiche di grande purezza, ESENTI DA AMIANTO, con punto di fusione di 1760 C Possiede GRANDE RESISTENZA MECCANICA,

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione l infiltrazione e l inclusione Poiché la consistenza della maggior parte di tessuti fissati (ad eccezione di quelli congelati che si infiltrano ma non si includono) è tale da non permettere di sezionare

Dettagli