Diagnosi e trattamento dell anafilassi (Antonella Catania, Dipartimento Clinico e Sperimentale di Medicina e Farmacologia dell Università di Messina)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diagnosi e trattamento dell anafilassi (Antonella Catania, Dipartimento Clinico e Sperimentale di Medicina e Farmacologia dell Università di Messina)"

Transcript

1 Programma permanente ed in continua evoluzione per informarsi e/o saperne di più. Diagnosi e trattamento dell anafilassi (Antonella Catania, Dipartimento Clinico e Sperimentale di Medicina e Farmacologia dell Università di Messina) N.B: Dal momento che l anafilassi e le sindromi anafilattoidi sono frequenti e spesso dovute a farmaci e poiché assai spesso veniamo consultati sui suoi segni e sintomi, abbiamo voluto ampiamente riassumere quanto riportato recentemente sul Canadian Medical Association Journal (AK Ellis, JH Day. Diagnosis and management of anaphylaxis. CMAJ 2003; 169: ), sperando di fornire poche, sintetiche ed utili informazioni, unitamente ad una estesa ed aggiornata bibliografia. L anafilassi rappresenta la più severa reazione allergica sistemica. Questa sindrome clinica è il risultato di una serie di meccanismi immunologici innescati dall esposizione ad uno specifico antigene in un soggetto precedentemente sensibilizzato. L anafilassi è un emergenza medica che richiede immediato soccorso. Se l intervento medico viene procrastinato, la morte sopraggiunge soprattutto per collasso caridiocircolatorio od ostruzione delle vie aeree o per entrambe le cause. Sebbene qualsiasi sostanza sia potenzialmente capace di causare anafilassi, le più frequenti cause di anafilassi IgE-mediata sono le punture d insetto, i farmaci, il lattice ed alcuni alimenti, quali arachidi, noci, crostacei, pesce, latte, uova, grano [1]. Si può anche verificare un anafilassi da esercizio fisico e un anafilassi idiopatica, ma sono dovute a meccanismi diversi (2, 3). Le reazioni anafilattoidi sono clinicamente indistinguibili dall anafilassi, ma non sono IgE-mediate e vengono osservate in risposta a oppiacei, FANS e mezzi di contrasto. Poiché l anafilassi è una reazione potenzialmente letale, è bene che i medici possano usufruire di alcune indicazioni utili per il riconoscimento ed il trattamento adeguato di questa emergenza clinica. Diagnosi L anafilassi è una reazione allergica sistemica severa. Non esiste una definizione universalmente accettata perché l anafilassi comprende un vasto corollario di caratteristiche. Una buona definizione è quella del Canadian Pediatric Surveillance Program (4), secondo cui l anafilassi è una reazione allergica severa, con esordio improvviso e risoluzione in meno di 24 h, che coinvolge uno o più apparati ed è caratterizzata da uno o più segni e sintomi quali orticaria, rossore, prurito, angioedema, stridore, sibili, dispnea, vomito, diarrea o shock. Caratteristiche cliniche Dato che l anafilassi è una reazione generalizzata, possono essere osservati diversi sintomi e segni (5 ) (Box 1) Box 1: Caratteristiche dell anafilassi (5) (1 di 6)30/06/

2 Neurologiche: Vertigini, astenia, sincope, convulsioni Oculari: Prurito, iniezione congiuntivale, lacrimazione Respiratorie (alte vie): Congestione nasale, starnuti, raucedine, stridore, edema orofaringeo o laringeo, tosse, ostruzione Respiratorie (basse vie): Dispnea, broncospasmo, tachipnea, coinvolgimento dei muscoli accessori, cianosi, arresto respiratorio Cardiovascolari: Tachicardia, ipotensione, aritmie, ischemia/infarto del miocardio, arresto cardiaco Cutanee: Rossore, eritema, prurito, orticaria, angioedema, rash maculopapulare Gastroenteriche: Nausea, vomito, dolore addominale, diarrea Spesso, il paziente descrive un senso di morte incombente (angor animi). Raramente, durante l episodio anafilattico, sono state riportate convulsioni. Gravità, tempo di insorgenza, decorso e risoluzione. Si ritiene che ci sia una diretta correlazione tra l immediatezza dell esordio dei sintomi, in seguito all esposizione all agente scatenante, e la severità dell episodio: più rapido è l esordio, più grave sarà l evento (6). Un ritardo nella somministrazione di adrenalina e una storia di asma sono altri fattori di rischio per un decesso da anafilassi (7). I sintomi dell anafilassi di solito esordiscono entro pochi minuti, ma occasionalmente possono verificarsi anche dopo un ora dall esposizione all allergene. I segni ed i sintomi possono seguire un andamento monofasico, con risoluzione della sintomatologia nell arco di ore, ma nel 20% delle reazioni si osserva un andamento bifasico (8). Recentemente il tempo medio d insorgenza della seconda fase di reattività è stato fissato in 10 h. Sono stati registrati diversi casi in cui la seconda fase si è verificata anche h dopo la manifestazione iniziale. Circa 1/3 delle reazioni di seconda fase era più grave della reazione iniziale, 1/3 era sovrapponibile ed 1/3 era più lieve (11). Il decesso nelle reazioni bifasiche è possibile ma non è adeguatamente documentato in letteratura. Attualmente, diversi autori raccomandano la somministrazione di corticosteroidi per prevenire o minimizzare la seconda fase, ed in effetti questa pratica sembra essere vantaggiosa (14, 15). Tuttavia ci sono diversi casi ben documentati in cui, nonostante la terapia corticosteroidea, si sono verificate delle reazioni gravi o protratte (8, 12). L anafilassi prolungata, che spesso si associa ad ipotensione severa e che può durare anche più di 24 h, risponde molto poco ad una terapia aggressiva (8 ) ed ha una prognosi poco favorevole. Diagnosi differenziale Da un punto di vista pratico, non è necessario differenziare le reazioni anafilattiche da quelle anafilattoidi al momento della presentazione del paziente, in quanto entrambe le forme rispondono allo stesso trattamento; tuttavia, lo shock anafilattico dovrebbe essere differenziato da altre cause di collasso cardiocircolatorio. Le condizioni più comuni che mimano l anafilassi sono: le reazioni vasovagali, caratterizzate da ipotensione, pallore, bradicardia, astenia, nausea, vomito e diaforesi. L orticaria, il prurito, l angioedema, la tachicardia ed il broncospasmo non sono risposte vasovagali. lo scompenso respiratorio acuto causato da gravi attacchi d asma, l aspirazione di corpi estranei e l embolia polmonare possono presentare una sintomatologia respiratoria suggestiva di anafilassi, ma altre caratteristiche (es. prurito, orticaria, angioedema) sono assenti. (2 di 6)30/06/

3 l angioedema ereditario, precipitato da fattori ambientali aspecifici, stress fisiologici o emotivi, di solito si presenta con edema di: labbra, lingua, alte vie respiratorie ed altre superfici mucose e sintomi gastrointestinali come crampi e diarrea, ma non è caratterizzato da prurito ed orticaria. Si tratta di una condizione autosomica dominante e di norma è presente un anamnesi familiare positiva per angioedema ereditario. altre condizioni (es. disordini epilettici, infarto del miocardio e/o aritmie) possono, anche se raramente, presentarsi inizialmente con delle analogie con l anafilassi, ma sono rapidamente distinguibili sul piano clinico (Box 2). Box 2: Diagnosi differenziale dell anafilassi (5) Scompenso respiratorio acuto: Asma severo, aspirazione di un corpo estraneo, embolia polmonare Perdita di coscienza: Reazione vasovagale, convulsioni, infarto del miocardio e/o aritmia Disturbi simili all anafilassi: Mastocitosi sistemica, sindrome da carcinoide, sindrome del ristorante cinese (ingestione di glutammato monosodico), ingestione di pesce sgombro, feocromocitoma, angioedema ereditario. Patologie non organiche: Sindrome da iperventilazione, attacchi di panico, disfunzione delle corde vocali, sindrome di Munchausen e sindrome di Munchausen per procura. Trattamento L anafilassi è un emergenza medica che richiede un trattamento immediato (Tabella 1). Tabella 1: Trattamento farmacologico iniziale dell anafilassi acuta Farmaco e via di somministrazione Adrenalina 1:1000, im Frequenza di somministrazione Immediatamente, da ripetere ogni 5-15 min a seconda delle necessità Dose (adulto) ml Una volta stabilizzate le condizioni del paziente con adrenalina e fluidi Difenidramina, ev/im/os Ranitidina, ev/os Metilprednisolone, ev Prednisone, os ogni 4-6 h a seconda delle necessità ogni 8 h a seconda delle necessità ogni 6 h a seconda delle necessità Note: os = orale; im = intramuscolare; ev = endovena Dose (bambino) 0.01 ml/kg (fino a 0.3 ml) mg 1.25 mg/kg 50 mg/ev 150 mg/os 125 mg ev 50 mg/os 1.25 mg/kg/ev 2 mg/kg/os 1 mg/kg/ev 1 mg/kg/os La somministrazione di adrenalina è alla base del trattamento (16). Il dosaggio per gli adulti è di ml di una diluizione di 1:1000, e una recente ricerca ha stabilito che la via intramuscolare è più vantaggiosa rispetto a quella sottocutanea (17). Il dosaggio pediatrico è di 0.01 ml/kg, fino ad un massimo di 0.3 ml di una diluizione di 1:1000. L adrenalina può essere somministrata nuovamente ogni (3 di 6)30/06/

4 5-15 minuti fino a quando non si risolve il quadro anafilattico o insorgono i segni di iperadrenalismo (palpitazioni, tremori, apprensione ed ansia). L adrenalina dovrebbe essere somministrata per endovena (diluizione 1:10000) solo in caso di shock ipotensivo grave perché potrebbe scatenare una tachiaritmia. La pervietà delle vie aeree deve essere accertata e mantenuta e deve essere somministrato ossigeno. Altri interventi terapeutici includono l uso di antistaminici H 1 e H 2 (es. difenidramina, mg ev, ranitidina 50 mg ev o 150 mg per os). Si raccomanda di somministrare questi farmaci in associazione, perché, nei modelli sperimentali, il blocco sia dei recettori H 1 che H 2 è più efficace rispetto al blocco dei soli H 1 nella prevenzione della sintomatologia anafilattica (18). I β 2 - agonisti per via inalatoria (es. salbutamolo) sono utili in presenza di broncospasmo. I corticosteroidi (es. metilprednisolone 125 mg ev, o prednisone 50 mg per os) possono essere utili per prevenire o minimizzare le reazioni di seconda fase, anche se queste reazioni sono state ben documentate in pazienti che hanno assunto corticosteroidi sin dall inizio del terapia (8, 12). I pazienti ipotesi dovrebbero ricevere fluidi cristalloidi o colloidi e, nei casi gravi, agenti vasopressori come la dopamina o l adrenalina ad alta diluizione (1:10000). I pazienti che fanno uso di β-bloccanti (e probabilmente anche quelli che assumono ACE-inibitori) potrebbero non avere una risposta massimale all adrenalina, in tal caso si dovrebbe somministrare glucagone alla dose di 5-15 μg/min per endovena. Il glucagone, infatti, ha un azione inotropa, cronotropa e vasoattiva, non dipendente dai recettori β e determina anche il rilascio di catecolamine endogene. Infine, è necessario un periodo di osservazione di questi pazienti dopo il trattamento, essendo possibile una seconda fase di reattività. L osservazione per 24 h dopo l episodio di anafilassi sarebbe ideale, ma non sempre praticabile. È auspicabile che i pazienti vengano dimessi dal pronto soccorso solo con un adeguato monitoraggio e con la raccomandazione di raggiungere il più vicino presidio medico qualora i sintomi insorgano nuovamente. Prevenzione Il primo passo per la prevenzione dell anafilassi è l identificazione dell agente causale, se possibile. La conferma della causa richiede l esecuzione di test allergologici (es. prick test) e di esami in vitro per stabilire la presenza delle IgE specifiche, al fine di stabilire la strategia terapeutica (Tabella 2) (20-24). Tabella 2: Strategie per prevenire o trattare l esposizione ad allergeni conosciuti Allergene Strategia Imenotteri Fare attenzione quando si mangia all aperto (le vespe sono attratte dal cibo) Indossare scarpe e pantaloni lunghi quando ci si trova in campagna Rimuovere i nidi e gli alveari vicino casa (20 ) I pazienti con provata sensibilità al veleno degli imenotteri dovrebbero essere sottoposti ad immunoterapia specifica (21, 22 ) Lattice Evitare il contatto con tutti i prodotti in lattice Le procedure chirurgiche ed odontoiatriche dovrebbero essere eseguite in campo libero da prodotti in lattice (23 ) I cibi che presentano cross-reattività con il lattice, come i kiwi, dovrebbero essere evitati (4 di 6)30/06/

5 Penicillina Protocolli di desensibilizzazione sono disponibili per i pazienti allergici alle penicilline che necessitano, a causa di infezioni gravi, di penicillina o di un suo derivato (24 ) Evitare l uso di cefalosporine, per problemi di cross-reattività Nel caso di allergia a farmaci o alimenti, non solo l agente causale dovrebbe essere evitato, ma dovrebbero essere riconosciute le sostanze che possono presentare cross-reattività (es. cefalosporine in caso di allergia alle penicilline [25] ). I pazienti, inoltre, dovrebbero essere educati all utilizzo dell adrenalina iniettabile. Le reazioni successive di solito presentano una minore gravità, ma possono anche non subire modificazioni. Se trascorre un periodo di tempo sufficiente senza contatti con le sostanze scatenanti, una riduzione o la perdita della sensibilità si verifica in un numero significativo di pazienti (6). Conclusioni Diversi casi di anafilassi sono spesso misconosciuti e non trattati con conseguenze pericolose per la vita. La somministrazione immediata di adrenalina per via intramuscolare è spesso salvavita, ma potrebbero essere necessarie dosi ripetute in associazione con altri farmaci. Una volta dimessi, i pazienti dovrebbero essere monitorati fino a 48 h. Bibliografia 1. Al-Muhsen S, Clarke AE, Kagan RS. Peanut allergy: an overview. CMAJ 2003; 168: Scheffer A, Austen K. Exercise-induced anaphylaxis. L Allergy Clin Immunol 1984; 73: Patterson R, Harris KE. Idiopathic anaphylaxis. Allergy Asthma Proc 1999; 20 : Simons FER, Chad Z, Gold M. Real-time reporting of anaphylaxis in infants, children and adolescents by physicians involved in the Canadian Pediatric Surveillance Program. J Allergy Clin Immunol 2002; 109: S James JM. Anaphylaxis: multiple etiologies-focused therapy. J Ark Med Soc 1996; 93: Terr AI. Anaphylaxis. Clin Rev Allergy 1985; 3: Sampson HA, Mendelson L, Rosen JP. Fatal and near-fatal anaphylactic reactions to food in children and adolescents. N Engl J Med 1992; 327: Stark BJ, Sullivan TJ. Biphasic and protracted anaphylaxis. J Allergy Clin Immunol 1986; 78: Ellis AK, Day JH. Biphasic anaphylaxis: a prospective evaluation of incidence, characteristics, and predictors [abstract]. Proceedings of the Fifth Annual Meeting for Basic and Clinical Research Trainees; 2002May 29; Kingston (ON). 10. Sheffer AL. Anaphylaxis. J Allergy Clin Immunol 1985; 75: Lockey RF, Bukantz SC. Allergic emergencies. Med Clin North Am 1974; 58: Ellis AK, Day JH. Biphasic anaphylaxis with unusually late onset second phase: a case report. Can J Allergy Clin Immunol 1997; 2: Chamberlain D. Emergency medical treatment of anaphylactic reactions. Project Team of the Resuscitation Council (UK). J Accid Emerg Med 1999; 16: Simons FER, Gu X, Simons KJ. Epinephrine absorption in adults: intramuscular versus subcutaneous injection. J Allergy Clin Immunol 2001 ; 108 : Lieberman P. The use of antihistamines in the prevention and treatment of anaphylaxis and anaphylactoid reactions. J Allergy Clin Immunol 1990; 86: Ellis AK, Dai JH. Allergy to insect bites and stings. Allergy 1996; 9: Reisman RE. Insect stings. N Engl J Med 1994; 331: (5 di 6)30/06/

6 18. Reisman RE, Livingston A. Venom immunotherapy: 10 years of experience with administration of single venoms and 50 μg maintenance doses. J Allergy Clin Immunol 1992; 89: Sussman GL, Beezhold DH. Allergy to latex rubber. Ann Intern Med 1995; 122: Borish L, Tamir R, Rosenwasser LJ. Intravenous desensitization to betalactam antibiotics. J Allergy Clin Immunol 1987; 80: Saxon A. Immediate hypersensitivity reactions to beta-lactam antibiotics. Ann Intern Med 1987; 107: Torna all'elenco dei corsi disponibili (6 di 6)30/06/

SHOCK ANAFILATTICO. P. Lorenzi FISIOPATOLOGIA E SINTOMATOLOGIA

SHOCK ANAFILATTICO. P. Lorenzi FISIOPATOLOGIA E SINTOMATOLOGIA SHOCK ANAFILATTICO P. Lorenzi FISIOPATOLOGIA E SINTOMATOLOGIA Lo shock anafilattico costituisce la più grave espressione clinica di una reazione anafilattica-anafilattoide ed è caratterizzato essenzialmente

Dettagli

ALLERGIE. Dott Marco Binotti. AOU Maggiore della Carità di Novara SCDO Terapia Intensiva Neonatale

ALLERGIE. Dott Marco Binotti. AOU Maggiore della Carità di Novara SCDO Terapia Intensiva Neonatale ALLERGIE Dott Marco Binotti AOU Maggiore della Carità di Novara SCDO Terapia Intensiva Neonatale Un problema non nuovo. L allergia è nota fin dai tempi piu remoti; il primo caso di cui si ha conoscenza

Dettagli

UNA PUNTURA PARTICOLARE

UNA PUNTURA PARTICOLARE ASL Salerno Presidio Ospedaliero Vallo della Lucania Unità Operativa di Pronto Soccorso e Medicina di Urgenza direttore dott. Antonio Apolito UNA PUNTURA PARTICOLARE relatore dott. Luigi di Martino Trattamento

Dettagli

ANAFILASSI. Cuppari C, Messina A, Manti S, Salpietro A, Pizzino MR, Vicchio P, Moschella E, Loddo I, Sturiale M

ANAFILASSI. Cuppari C, Messina A, Manti S, Salpietro A, Pizzino MR, Vicchio P, Moschella E, Loddo I, Sturiale M Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche UOC di Genetica ed Immunologia Pediatrica Direttore Prof. Carmelo Salpietro ANAFILASSI Cuppari C, Messina A,

Dettagli

Raccomandazioni sulla diagnosi e trattamento dell anafilassi in pediatria F. Baldi 1, C. Caffarelli 2,GP. Garani 3, L. Grandori 4

Raccomandazioni sulla diagnosi e trattamento dell anafilassi in pediatria F. Baldi 1, C. Caffarelli 2,GP. Garani 3, L. Grandori 4 Raccomandazioni sulla diagnosi e trattamento dell anafilassi in pediatria F. Baldi 1, C. Caffarelli 2,GP. Garani 3, L. Grandori 4 1 Pediatria Ospedale di Imola, 2 Dipartimento dell età Evolutiva Clinica

Dettagli

L anafilassi nel bambino

L anafilassi nel bambino L anafilassi nel bambino Dr. Marisa Gigliotti U.O. Pediatria A.O. della Provincia di Lodi 13 marzo 2014 Anafilassi L anafilassi è un emergenza medica che può avere un esito fatale o potenzialmente tale

Dettagli

Direzione Sanità. Settore Assistenza Specialistica e Ospedaliera LORO SEDI

Direzione Sanità. Settore Assistenza Specialistica e Ospedaliera LORO SEDI Direzione Sanità Settore Assistenza Specialistica e Ospedaliera Data 29/06/2009 Protocollo 24651 /DB2005 Ai Direttori Generali Ai Direttori Sanitari Al Direttore Sanitario Ospedale Mauriziano Ai Referenti

Dettagli

Shock Anafilattico: come riconoscerlo? come trattarlo?

Shock Anafilattico: come riconoscerlo? come trattarlo? Shock Anafilattico: come riconoscerlo? come trattarlo? Dr. Luca Cantadori Responsabile Struttura Semplice Emergenza Territoriale-118 Azienda USL di Parma- PO Fidenza Dipartimento Emergenza Servizio Anestesia

Dettagli

Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano. Test di provocazione orale con alimento Documento condiviso

Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano. Test di provocazione orale con alimento Documento condiviso Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano Bianchi Annamaria, Caferri Monaldo, Candelotti Paolo, Carotti Giuliana, De Angelis Fiorella, De Colli Rosa, Filomeni Nazzareno, Franceschini

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

Profilassi vaccinale come scelta consapevole e gestione degli eventi avversi

Profilassi vaccinale come scelta consapevole e gestione degli eventi avversi Piano Regionale delle Vaccinazioni Profilassi vaccinale come scelta consapevole e gestione degli eventi avversi Verona 14 giugno 06 Reazioni avverse a rapida insorgenza dopo somministrazione di vaccini

Dettagli

I bambini allergici a scuola

I bambini allergici a scuola I bambini allergici a scuola Qualche numero.. Le allergie alimentari interessano l 8% dei bambini nei primi 3 anni di vita, il 3-4% di quelli in età scolare, e rimangono persistenti nel 2% dopo i 10 anni.

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

L allergia L allergia è una reazione eccessiva del sistema immunitario verso una sostanza, detta allergene, che solitamente non dà alcun problema nella maggior parte della popolazione. L allergia può essere

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI SALVAVITA IN AMBITO SCOLASTICO. Procedure integrate per la gestione dell emergenza anafilassi a scuola

PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI SALVAVITA IN AMBITO SCOLASTICO. Procedure integrate per la gestione dell emergenza anafilassi a scuola PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI SALVAVITA IN AMBITO SCOLASTICO Procedure integrate per la gestione dell emergenza anafilassi a scuola Premesso che: gli studenti che frequentano le scuole

Dettagli

World Allergy Organization (WAO) anaphylaxis guidelines: Summary

World Allergy Organization (WAO) anaphylaxis guidelines: Summary World Allergy Organization (WAO) anaphylaxis guidelines: Summary F. Estelle R. Simons, MD, FRCPC,a Ledit R. F. Ardusso, MD,b M. Beatrice Bil_o, MD,c Yehia M. El-Gamal, MD, PhD,d Dennis K. Ledford, MD,e

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

FARMACI DA TENERE IN AMBULATORIO per affrontare un emergenza. Dott Valdo Flori Pediatra di Famiglia Firenze

FARMACI DA TENERE IN AMBULATORIO per affrontare un emergenza. Dott Valdo Flori Pediatra di Famiglia Firenze FARMACI DA TENERE IN AMBULATORIO per affrontare un emergenza Dott Valdo Flori Pediatra di Famiglia Firenze PIANIFICARE UN EMERGENZA CARRELLO DELLE EMERGENZE DOVE AVERE A PORTATA DI MANO, IN ORDINE, FACILMENTE

Dettagli

IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo:

IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo: IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo: MEDICO: Nome: Indirizzo: Centro: Tel/Fax/E-mail: PAZIENTE: Nome: Data di nascita: Età: anni Peso: kg Altezza: cm Professione: Provenienza:

Dettagli

Cause più frequenti di dispnea

Cause più frequenti di dispnea Cause più frequenti di dispnea Malattie polmonari (asma, B.P.C.O., bronchiolite) Malattie cardiache (scompenso cardiaco, vizi cardiaci) Obesità Anemia Iperventilazione funzionale Paziente con dispnea:

Dettagli

19 Ottobre 2007 numero 30

19 Ottobre 2007 numero 30 19 Ottobre 2007 numero 30 Newsletter della Sezione Provinciale del Sindacato dei Medici di Medicina Generale LA SEGRETERIA PROVINCIALE INFORMA a cura di Ivana Garione e Aldo Mozzone Caro/a Collega, come

Dettagli

Allergia. Cosa sono e come si presentano. Cosa sono e come si presentano - Prevenzione - Sintomi - Esami - Terapia - Prognosi - Shock anafilattico

Allergia. Cosa sono e come si presentano. Cosa sono e come si presentano - Prevenzione - Sintomi - Esami - Terapia - Prognosi - Shock anafilattico Allergia Cosa sono e come si presentano - Prevenzione - Sintomi - Esami - Terapia - Prognosi - Shock anafilattico Cosa sono e come si presentano Le allergie sono una eccessiva reazione a sostanze che in

Dettagli

Gestione dello shock anafilattico

Gestione dello shock anafilattico Gestione dello shock anafilattico Che cos è una reazione anafilattica?...2 Come si riconosce una reazione anafilattica?... 4 Come bisogna comportarsi in caso di reazione anafilattica?... 6 Come si può

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri. Dr. Grazia Manfredi 2006

Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri. Dr. Grazia Manfredi 2006 Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri Dr. Grazia Manfredi 2006 A.R.I.A. Position Paper 2001 Allontanamento dell allergene indicato

Dettagli

Allergia al veleno di insetti

Allergia al veleno di insetti Allergia al veleno di insetti Con l arrivo della stagione primaverile si intensificano le uscite e le attività ricreative all aperto e torna, puntualmente, a diffondersi la fobia per le punture d insetto.

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2012/13

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2012/13 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MADDALENA-BERTANI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2012/13 ALLEGATO N. 3: LINEA GUIDA DEL COMUNE DI GENOVA B) Somministrazione farmaci salvavita M:\D.S\pof 2013\Allegati\ALLEGATO

Dettagli

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di SICUREZZA ALIMENTARE Tutte le risposte su allergie e intolleranze: il quiz dalla FSA inglese. A cura di Roberto Bernardini e di Iride dello Iacono del SIAIP Pubblicato da Redazione Il Fatto Alimentare

Dettagli

Shock Anafilattico: come riconoscerlo? come trattarlo?

Shock Anafilattico: come riconoscerlo? come trattarlo? Shock Anafilattico: come riconoscerlo? come trattarlo? Dr. Luca Cantadori Responsabile Struttura Semplice Emergenza Territoriale-118 Azienda USL di Parma- PO Fidenza Dipartimento Emergenza Servizio Anestesia

Dettagli

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina SHOCK DOTT. Nicola Menestrina DEFINIZIONE SINDROME CARATTERIZZATA DA UNA IPOPERFUSIONE TISSUTALE SISTEMICA ACUTA CHE CONDUCE AD UNA IPOSSIA DEI TESSUTI E ALLA DISFUNZIONE DEGLI ORGANI VITALI SHOCK SETTICO

Dettagli

PUNTURE... PERICOLOSE! Sergio Lupo

PUNTURE... PERICOLOSE! Sergio Lupo PUNTURE... PERICOLOSE! Sergio Lupo Alcuni insetti, sempre più aggressivi, possono essere anche pericolosi per l uomo. Forse il cambiamento del clima o la maggiore circolazione di persone e merci da ogni

Dettagli

La Conferenza Cittadina delle Istituzioni Scolastiche Autonome

La Conferenza Cittadina delle Istituzioni Scolastiche Autonome Pagina1 La Conferenza Cittadina delle Istituzioni Scolastiche Autonome Il Comune di Genova, con delibera di Consiglio Comunale n. 70 del 29 Luglio 2010, ha approvato la costituzione e la regolamentazione

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

Gestione degli eventi avversi dopo vaccinazione

Gestione degli eventi avversi dopo vaccinazione Gestione degli eventi avversi dopo vaccinazione Evento avverso Reazione avversa DEFINIZIONE: OMS 2000 Evento avverso: evento medico che si verifica dopo una vaccinazione, può causare preoccupazione e si

Dettagli

Allergico al veleno di ape o al veleno di vespa? PUNTURE DI APE O DI VESPA POSSONO ESSERE FATALI

Allergico al veleno di ape o al veleno di vespa? PUNTURE DI APE O DI VESPA POSSONO ESSERE FATALI Allergico al veleno di ape o al veleno di vespa? PUNTURE DI APE O DI VESPA POSSONO ESSERE FATALI Ë INDIRIZZI DI RIFERIMENTO PER SOSPETTA ALLERGIA AL VELENO DI IMENOTTERI Ospedale Regionale di Bolzano,

Dettagli

Aspetti medico legali nel management delle reazioni avverse a farmaci

Aspetti medico legali nel management delle reazioni avverse a farmaci A.S.L. 2 Torino S.C. Medicina Legale Roberto Testi Congresso SIAAC Aspetti medico legali nel management delle reazioni avverse a farmaci Firenze, 10 ottobre 2014 Complicanza Evento avverso prevedibile

Dettagli

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ANNEGAMENTO PROF.SSA A. SCAFURO DEFINIZIONE L annegamento è una sindrome asfittica caratterizzata t dall alterazione lt degli scambi

Dettagli

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013 Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Prof. Massimo Triggiani Presidente Società Italiana di Allergologia

Dettagli

area vasta n. allergie una scuola contro lo shock

area vasta n. allergie una scuola contro lo shock area vasta n. allergie una scuola contro lo shock guida informativa INTRODUZIONE Questa guida informativa è stata pensata con lo scopo di favorire l accoglienza degli alunni che hanno bisogno della somministrazione

Dettagli

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica La Desensibilizzazione o Immunoterapia Allergene specifica Le allergie interessano il 25% della popolazione italiana e raggiungeranno 1 persona su 2 entro il 2010 La ragione di questo aumento è in parte

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

Levotuss 60 mg compresse levodropropizina

Levotuss 60 mg compresse levodropropizina Levotuss 60 mg compresse levodropropizina LEGGA ATTENTAMENTE QUESTO FOGLIO PRIMA DI PRENDERE QUESTO MEDICINALE PERCHÉ CONTIENE IMPORTANTI INFORMAZIONI PER LEI. Prenda questo medicinale sempre come esattamente

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

L Allergia Alimentare (AA) rappresenta un problema emergente in relazione alla prevalenza nella popolazione

L Allergia Alimentare (AA) rappresenta un problema emergente in relazione alla prevalenza nella popolazione Position statment: diagnostica in vivo ed in vitro nell adulto delle allergie alimentari IgE mediate Position statment: in vivo and in vitro diagnosis of food allergy in adults D. Macc hia 1, S. Capr etti

Dettagli

PRIMA DELL USO. CHE COSA E Levotuss 30 mg/5 ml sciroppo è un farmaco sedativo per la tosse

PRIMA DELL USO. CHE COSA E Levotuss 30 mg/5 ml sciroppo è un farmaco sedativo per la tosse FOGLIO ILLUSTRATIVO PRIMA DELL USO LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi

Dettagli

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Dott. C G Piccolo Responsabile UOS Roma est UOC SUES Roma Città Metropolitana Direttore Dott. L De Angelis Definizione di scompenso cardiaco acuto (acute

Dettagli

Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi e Cura dell Angioedema Ereditario (HAE) presso U.O.C. di Patologia Clinica- Presidio V.

Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi e Cura dell Angioedema Ereditario (HAE) presso U.O.C. di Patologia Clinica- Presidio V. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi e Cura dell Angioedema Ereditario (HAE) presso U.O.C. di Patologia Clinica- Presidio V. Cervello Responsabile: Patologo Clinico Immunoematologo Dove siamo:

Dettagli

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA Incidenza superiore al 5% nei pazienti industrializzati Marcato restringimento vie aree (colpi di tosse, respiro superficiale, senso di costrizione

Dettagli

Allegato II. Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio

Allegato II. Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio 34 Conclusioni scientifiche Riassunto generale della valutazione scientifica

Dettagli

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario con il contributo educazionale di indice Indice 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Cos è l angioedema ereditario (AEE)? 4 Come si manifesta? 6 Come viene diagnosticato?

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI IN AMBITO SCOLASTICO AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N 1 N

PROTOCOLLO D INTESA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI IN AMBITO SCOLASTICO AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N 1 N PROTOCOLLO D INTESA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI IN AMBITO SCOLASTICO AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N 1 N OBIETTIVO: Informare il personale docente e non sull applicazione del

Dettagli

CEFALEA A GRAPPOLO Criteri diagnostici dell International Headache Society per l attacco doloroso di cefalea a grappolo

CEFALEA A GRAPPOLO Criteri diagnostici dell International Headache Society per l attacco doloroso di cefalea a grappolo GESTIONE RAGIONATA DELLA CEFALEA A GAPPOLO CRONICA La diagnosi di cefalea a grappolo Nella cefalea a grappolo le crisi dolorose sono molto intense, strettamente unilaterali, in sede orbitaria, sovraorbitaria,

Dettagli

Università degli Studi di Perugia ANAFILASSI. www.slidetube.it

Università degli Studi di Perugia ANAFILASSI. www.slidetube.it Università degli Studi di Perugia ANAFILASSI ANAFILASSI L anafilassi è una fisiologica risposta infiammatoria sistemica deputata ad inattivare una sostanza estranea Diviene situazione di emergenza quando

Dettagli

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo 1 Categorie di reazioni ai cibi reazioni immunologiche mediate da anticorpi IgE

Dettagli

Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare.

Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare. Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare Gianni Cadario Rete Regionale di Allergologia e Osservatorio Gravi Reazioni Allergiche

Dettagli

LE ALLERGIE ALIMENTARI

LE ALLERGIE ALIMENTARI UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 LE ALLERGIE ALIMENTARI Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio ALLERGIE-INTOLLERANZE L allergia alimentare è una reazione di ipersensibilità

Dettagli

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori NOVITà Indicazione pediatrica Guida per i genitori Che cos è la vaccinazione antiallergica? 3 n Rinocongiuntivite allergica: una condizione diffusa 3 n La vaccinazione antiallergica 4 Che cos è GRAZAX?

Dettagli

Il Bambino con dispnea

Il Bambino con dispnea Il Bambino con dispnea PARAMETRI VITALI PEDIATRICI FC VEGLIA FC SONNO FR P.A. SISTOLICA P.A. DIASTOLICA NEONATO 100-180 80-160 40-60 60-90 20-60 LATTANTE (1-12 mesi) 100-160 75-160 30-60 87-105 53-66 INFANZIA

Dettagli

Gestione del bambino con reazioni da puntura di imenotteri

Gestione del bambino con reazioni da puntura di imenotteri Gestione del bambino con reazioni da puntura di imenotteri Rete Specialistica Allergologica Regione Toscana Elio Novembre Responsabile Regionale Rete Specialistica Regione Toscana, Struttura Semplice di

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Definire il SIGNIFICATO di Classificare i vari TIPI di RICONOSCERE precocemente l instaurarsi dello stato di Saper TRATTARE lo DEFINIZIONE Lo è un GRAVE

Dettagli

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore Ministero della Salute Dipartimento sanità pubblica veterinaria, sicurezza alimentare organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli

ANAFILASSI DA ESERCIZIO FISICO. Master II Livello in Emergenze Pediatriche. Università degli Studi di Roma La Sapienza

ANAFILASSI DA ESERCIZIO FISICO. Master II Livello in Emergenze Pediatriche. Università degli Studi di Roma La Sapienza ANAFILASSI DA ESERCIZIO FISICO Master II Livello in Emergenze Pediatriche Arturo Ciccarelli Università degli Studi di Roma La Sapienza 14 Dicembre 2010 Anafilassi da esercizio fisico: definizione L anafilassi

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Anafilassi e reazioni allergiche

Anafilassi e reazioni allergiche Anafilassi e reazioni allergiche CASO CLINICO Un uomo di 62 aa giunge in P.S. per insorgenza di prurito alle mani e ai piedi e sensazione di fame d aria insorti circa 20 minuti dopo aver eseguito la vaccinazione

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

ANAFILASSI MARCO MORELLI CLINICA PEDIATRICA

ANAFILASSI MARCO MORELLI CLINICA PEDIATRICA ANAFILASSI MARCO MORELLI CLINICA PEDIATRICA ANAFILASSI PARTE I: GESTIONE DELL EVENTO EVENTO ACUTO IL BAMBINO SOPOROSO IPOTONICO DOPO ATTIVITA SPORTIVA VALUTAZIONE PRIMARIA PERVIETA VIE AREE RESPIRAZIONE

Dettagli

Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica.

Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica. A Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica. Allergia - Ipersensibilità dell'organismo verso una sostanza di origine

Dettagli

Procedure operative standard per la gestione delle reazioni a rapida insorgenza dopo la somministrazione di un vaccino

Procedure operative standard per la gestione delle reazioni a rapida insorgenza dopo la somministrazione di un vaccino Procedure operative standard per la gestione delle reazioni a rapida insorgenza dopo la somministrazione di un vaccino Introduzione Tipi di reazioni a rapida insorgenza. A. Reazioni non allergiche 1. Spasmi

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

1. L ALLERGIA ALIMENTARE

1. L ALLERGIA ALIMENTARE 1. L ALLERGIA ALIMENTARE 1.1 DEFINIZIONE Il Sottocomitato Europeo per le Reazioni Avverse agli Alimenti dell Accademia Europea di Allergologia e Immunologia Clinica ha proposto una classificazione delle

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 15 DEL 14 APRILE 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 15 DEL 14 APRILE 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 marzo 2008 - Deliberazione N. 421 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - Specialità medicinale Fastjekt - a- drenalina autoiniettabile:

Dettagli

Ipersensibilità alimentare

Ipersensibilità alimentare ! " # $ " %% " # %& EAACI : European Academy of Allergology and Clinical Immunology Ipersensibilità alimentare Allergia alimentare Ipersensibilità non allergica IgE mediata Non IgE mediata Allergy, 2001;56:813

Dettagli

L anafilassi (e lo shock anafilattico) in Pronto Soccorso. Casi clinici

L anafilassi (e lo shock anafilattico) in Pronto Soccorso. Casi clinici Lo shock anafilattico: prevenzione, diagnosi e trattamento L anafilassi (e lo shock anafilattico) in Pronto Soccorso. Casi clinici dott. Roberto Fiorini U.O. Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza P.O. Fidenza

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Nella trattazione dei singoli quadri clinici non sono stati riportati i dosaggi dei farmaci, che sono invece stati riassunti nella tabella finale.

Nella trattazione dei singoli quadri clinici non sono stati riportati i dosaggi dei farmaci, che sono invece stati riassunti nella tabella finale. IL PAZIENTE CARDIOPATICO: STABILIZZAZIONE E TRATTAMENTO P. Rosi, F. Marian SUEM Treviso Emergenza Ospedale S.Maria dei Battuti - Azienda ULSS 9 Treviso Introduzione: Se da un lato molti dei pazienti cardiopatici

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE Venom ATL - Ape Terapia Iniziale: 550 μg; Terapia di Mantenimento: 120 μg Polvere e solvente per soluzione iniettabile Principio attivo: veleno d ape

Dettagli

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN PRIMO SOCCORSO PATOLOGIE RESPIRATORIE ANATOMIA E FISIOLOGIA LA FUNZIONE PRINCIPALE DELL APPARATO RESPIRATORIO È DI FORNIRE AI TESSUTI UN SUFFICIENTE APPORTO DI OSSIGENO PER SODDISFARNE LE RICHIESTE ENERGETICHE

Dettagli

Trieste 15 Novembre 2012

Trieste 15 Novembre 2012 Creazione, implementazione e sperimentazione del critical pathway della persona affetta da scompenso cardiaco acuto sinistro all interno dell U.O. U.T.I.C. della A.O. Spedali Civili di Brescia. Trieste

Dettagli

La lipotimia Di cosa si tratta Le cause più comuni Segni e sintomi

La lipotimia Di cosa si tratta Le cause più comuni Segni e sintomi Situazioni Mediche Situazioni mediche Lipotimia. Sincope. Shock. Crisi convulsiva. Diabete. Dolore toracico anginoso. Infarto del miocardio. Edema polmonare acuto. Crisi asmatica. Ictus. Reazioni allergiche

Dettagli

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE Gruppo eterogeneo di condizioni, nelle quali i riflessi cardiovascolari, utilizzati normalmente nel controllo della circolazione diventano momentaneamente inappropriati, in risposta ad una causa scatenante

Dettagli

Emergenze cardiocircolatorie Infarto acuto del miocardio Edema polmonare acuto

Emergenze cardiocircolatorie Infarto acuto del miocardio Edema polmonare acuto Emergenze cardiocircolatorie Infarto acuto del miocardio Edema polmonare acuto Barbara Narduzzi O Obnubilamento Offuscamento delle facoltà sensitive D Dispnea Difficoltà respiratoria D Dolore toracico

Dettagli

Strategie per la diagnosi e la terapia delle Infezioni Fungine Invasive (IFI) in pazienti ad alto rischio

Strategie per la diagnosi e la terapia delle Infezioni Fungine Invasive (IFI) in pazienti ad alto rischio Strategie per la diagnosi e la terapia delle Infezioni Fungine Invasive (IFI) in pazienti ad alto rischio 28 Obiettivi della presentazione Fornire una visione generale sui fattori di rischio, segni e sintomi,

Dettagli

REAZIONI AVVERSE A RAPIDA INSORGENZA DOPO LA SOMMINISTRAZIONE DI UN VACCINO

REAZIONI AVVERSE A RAPIDA INSORGENZA DOPO LA SOMMINISTRAZIONE DI UN VACCINO REAZIONI AVVERSE A RAPIDA INSORGENZA DOPO LA SOMMINISTRAZIONE DI UN VACCINO INTRODUZIONE I vaccini attualmente in commercio sono prodotti molto sicuri ed efficaci; tuttavia, come per qualsiasi altra sostanza,

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? COME SI POSSONO CLASSIFICARE LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI?

COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? COME SI POSSONO CLASSIFICARE LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? Dott. Lorenzo Bettoni Sito web: www.lorenzobettoni.it E-mail: info@lorenzobettoni.it COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? Per reazione avversa a farmaci si intende qualsiasi risposta non desiderata

Dettagli

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia Dott.ssa Burzacca Serenella 30/03/2012 Caso clinico Pz di anni 51 sesso femminile giunge nell ambulatorio del medico perché il giorno

Dettagli

Exempli gratia. Ovvero del senso delle parole. Tuttaduntratto. Direzione Vietata

Exempli gratia. Ovvero del senso delle parole. Tuttaduntratto. Direzione Vietata Exempli gratia Ovvero del senso delle parole Da Wikipedia. La locuzione latina exempli gratia, tradotta letteralmente, significa per esempio. Alcune volte si usa anche la frase verbi gratia, che ha lo

Dettagli

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro ASMA PROFESSIONALE Definizione L Asma bronchiale è una malattia respiratoria caratterizzata da broncocostrizione totalmente o parzialmente reversibile, iperreattività bronchiale e infiammazione delle vie

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE. M.A.T.A. PFS Sospensione iniettabile

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE. M.A.T.A. PFS Sospensione iniettabile FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE M.A.T.A. PFS Sospensione iniettabile Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale. Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno

Dettagli

L URGENZA MEDICA IN REPARTO

L URGENZA MEDICA IN REPARTO L URGENZA MEDICA TRA PRONTO SOCCORSO E REPARTO Domande e risposte L URGENZA MEDICA IN REPARTO Paola Marvasi URGENZA STABILIZZATA IN PS URGENZA CHE SI MANIFESTA IN REPARTO: Sepsi severa shock Insufficienza

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce corso esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Premessa. Le basi dello shock

Premessa. Le basi dello shock SHOCK Premessa Lo shock è una condizione patologica pericolosa per la vita del paziente, ad insorgenza più o meno rapida, che si sviluppa come conseguenza di diverse malattie o lesioni. Nel 1852 un chirurgo

Dettagli

LE REAZIONI AVVERSE ALLA DONAZIONE DI SANGUE: MECCANISMI E PREVENZIONE

LE REAZIONI AVVERSE ALLA DONAZIONE DI SANGUE: MECCANISMI E PREVENZIONE LE REAZIONI AVVERSE ALLA DONAZIONE DI SANGUE: MECCANISMI E PREVENZIONE Dr. Roberto Reverberi Servizio Trasfusionale Azienda Ospedaliera- Universitaria di Ferrara Svenimento/crisi vaso-vagale Infarto miocardico

Dettagli