SPECIFICITÀ DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO E RESPONSABILITÀ MEDICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPECIFICITÀ DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO E RESPONSABILITÀ MEDICA"

Transcript

1 CAPITOLO I SPECIFICITÀ DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO E RESPONSABILITÀ MEDICA SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive. 2. Medicina postmoderna e nuove richieste del paziente. La medicina sportiva. 3. Integratori alimentari e alimenti: il caso Meca- Medina e sue refluenze sul rapporto medico paziente. 4. Compiti e ruoli del medico sportivo: dall obbligazione contrattuale al dovere arbitrale. 5. Raggiungimento di performance e tutela della salute. 1. Considerazioni introduttive Progresso tecnologico, macchinari estremamente sofisticati, robot quasi fantascientifici, capaci di coadiuvare attivamente e talora addirittura quasi di coartare l opera dell uomo imponendogli d agire entro ben precisi protocolli di intervento; ed a seguito di ciò spersonalizzazione del rapporto medico-paziente, e quindi sostituzione della responsabilità personale del medico con quella, se non della macchina (il diritto è per l uomo 1 ), comunque frammentata ed impersonale dell equipe o dell ente; e per contro, quasi paradossale contrappunto, valorizzazione della specializzazione di ogni singolo professionista e della specifica prestazione dedotta di volta in volta 1 «Data agli uomini e per gli uomini la legge è sempre quale interpretata e applicata». Così, T. ASCARELLI, concludeva il suo Antigone e Porzia, in Problemi giuridici, tomo I, Milano, 1959, p Il rabbino protagonista del passo del Talmud ricordato dal Maestro arriva persino a contraddire la Voce Celeste quando, nel suffragare la propria interpretazione della legge contro quella del rabbino suo rivale, oppone superbamente: «E che c entra Dio nelle dispute degli uomini? Non è forse scritto che la legge è stata data agli uomini per gli uomini e sarà interpretata secondo l opinione della maggioranza? E quando il Signore udì la tracotante risposta sorride e disse: I miei figli mi hanno vinto!». Sul carattere umano del diritto v. anche nota 18.

2 2 Le responsabilità del medico sportivo nel rapporto tra medico e paziente; scoperte scientifiche, infine, che vanno al di là dei limiti immaginabili in passato, e che contribuiscono inevitabilmente a modificare le tradizionali regole di responsabilità del professionista e, per quanto qui rileva, del medico 2. Questo lo scenario nel quale sempre più spesso si inquadra la responsabilità medica 3. Responsabilità, quindi, non più, o quanto meno non sem- 2 La dottrina italiana che si è occupata della responsabilità del professionista, ed in particolare di quella del medico, ha da tempo individuato una serie di fattori, non ultimo il progresso tecnologico, che contribuiscono ad innovare, a modulare, ed a volte persino a trasformare le regole di responsabilità applicabili al rapporto (rectius, ai rapporti) tra medico e paziente. Con riferimento alla responsabilità in genere del professionista intellettuale si è, ad esempio, già da tempo notato che «il contegno del debitore deve essere giudicato in relazione al grado di progresso raggiunto dalla scienza e dalla tecnica professionale nel momento in cui l attività è svolta» (G. CATTANEO, La responsabilità del professionista, Milano, 1958, p. 64) mentre, in relazione alla responsabilità del medico, si è affermato che «la responsabilità nel campo tecnico professionale va valutata in base a criteri scientifici in continuo progresso» (op. ult. cit., p. 238). Si è inoltre ritenuto con riferimento alla responsabilità medica che «il progresso, infine, esercita una influenza non indifferente sulla stessa configurazione della responsabilità. Esso crea quello che è stato definito il paradosso della medicina. Agli sporadici fatti dannosi collegati all imprudenza, imperizia e negligenza del singolo medico, si sostituisce una serie continua e regolare di incidenti statisticamente prevedibili e assicurabili. I danni provocati dalle équipe mediche, dai dipendenti degli ospedali e dalle complicate attrezzature difficilmente sarebbero risarcibili se ogni volta fosse necessario individuare il soggetto responsabile e provare la colpa e il nesso di causalità. Le tecniche estremamente sofisticate hanno accresciuto i poteri del medico, ma nello stesso tempo ne hanno aumentato anche gli obblighi: quanto più la medicina diventa una scienza e- satta, tanto più l obbligazione del medico diventa una obbligazione di risultato» (cors. mio) (A. PRINCIGALLI, La responsabilità del medico, Napoli, 1983, p. 6). Non è certamente il caso di prendere qui posizione, tanto più in una nota introduttiva, su una problematica come quella del rischio assicurabile, che esula dal presente lavoro; tuttavia, ci si permetta di osservare come, rispetto al 1983 (anno di pubblicazione dell opera sopra citata), gli incidenti, non soltanto medici, siano sfortunatamente divenuti, proprio a causa dell accelerazione del progresso, sempre meno statisticamente prevedibili e sempre meno statisticamente assicurabili. Al riguardo, (ci) si domanda (con) F.D. BUSNELLI, Le nuove frontiere dell assicurazione e il principio di precauzione, in G. COMANDÈ (a cura di), Gli strumenti della precauzione: nuovi rischi, assicurazione e responsabilità, Milano, 2006, p. 1 ss., quale sia oggi «il ruolo, la possibilità di resistenza del contratto di assicurazione, di fronte alla ormai sempre più frequente polverizzazione del rischio, ossia di quel concetto di rischio che è stato sempre individuato in termini geometrici come fondamento dei contratti aleatori ed in particolare del contratto di assicurazione» e se «il concetto di rischio che sta alla base del contratto di assicurazione [ ] può estendersi alla nuova dimensione del rischio incerto». 3 Sul tema, senza pretese di esaustività, v. R. SAVATIER, La responsabilité médicale, Lethielleux, 1948; L. MENGONI, Obbligazioni di risultato e obbligazioni di mezzi, in Riv. dir. comm., 1954, p. 185 ss.; M. DUNI, In tema di prestazioni di speciale difficoltà con parti-

3 Specificità del rapporto obbligatorio e responsabilità medica 3 pre, coincidente con quella del medico 4, specie laddove si considerino alcuni settori, per così dire non tradizionali, nei quali il professionista non opera più soltanto come guaritore di malati ma anche come artista del corpo 5 e/o come artefice di sogni 6 : si pensi, ad esempio, alla chirurgia placolare riferimento all attività dei sanitari, in AA.VV., Studi in memoria di A. Torrente, Milano, 1968, p. 281 ss.; G. BOYER CHAMMARD-P. MONZEIN, La responsabilité médicale, Paris, 1974; R. SAVATIER, La responsabilité médicale en France (Aspect de droit privé), in Revue internationale de droit comparé, 1976, vol. 28, n. 3, p. 32 ss.; P. RESCIGNO, Fondamenti e problemi della responsabilità medica, in AA.VV., La responsabilità medica, Milano, 1982, p. 67 ss.; F.D. BUSNELLI, Presentazione alla responsabilità medica, in AA.VV., La responsabilità medica, cit., p. 1 ss.; M. ZANA, La responsabilità del medico, in Riv. crit. dir. priv., 1987, p. 159 ss.; V. ZENO ZENCOVICH, La sorte del paziente. La responsabilità del medico per errore diagnostico, Padova, 1994; R. DE MATTEIS, La responsabilità medica: un sottosistema della responsabilità civile, Padova, 1995; C. CASTRONOVO, Profili della responsabilità medica, (Relazione alle Giornate di diritto sportivo, Palermo, giugno 1997), in Vita not., 1997, p ss., nonché in AA.VV., Studi in onore di P. Rescigno, Milano, 1998, p. 117 ss.; P. IAMICELI, La responsabilità civile del medico, in P. CENDON (a cura di), La responsabilità civile, vol. VI, Torino, 1998; E. QUADRI, La responsabilità medica tra obbligazioni di mezzi e obbligazioni di risultato, in Danno e resp., 1999, p ss.; S. MAZZAMUTO, Note in tema di responsabilità civile del medico, in Eur. dir. priv., 2000, p. 510 ss.; L. NIVARRA, La responsabilità civile dei professionisti (medici, avvocati, notai): il punto sulla giurisprudenza, in Eur. dir. priv., 2000, p. 518 ss.; C. AMODIO, Responsabilità medica, in Dig. disc. priv., sez. civ., Aggiornamento, Torino, 2003, p ss.; AA.VV., La responsabilità medica, a cura di U. RUFFOLO, Milano, 2004; A. NICOLUSSI, Il commiato della giurisprudenza dalla distinzione tra obbligazioni di mezzi e di risultato, nota a Cass., sez. un., 28 luglio 2005, n , in Eur. dir. priv., 2006, p. 792 ss.; ID., Sezioni sempre più unite contro la distinzione tra obbligazioni di risultato e obbligazioni di mezzi. La responsabilità del medico, nota a Cass., sez. un., 11 gennaio 2008, n. 577, in Danno e resp., n. 8-9, 2008, p. 871 ss.; V. ZENO ZENCO- VICH, Una commedia degli errori? La responsabilità medica fra illecito e inadempimento, in Riv. dir. civ., n. 3, 2008, p Sul punto v., ad esempio, F.D. BUSNELLI, Presentazione, cit., p. 1 secondo il quale per esprimere in via di sintesi la metamorfosi subita dalla responsabilità medica «si potrebbe dire che, attraverso un processo evolutivo sempre più rapido, si è passati dai profili tradizionali della responsabilità del medico alle moderne prospettive della responsabilità medica. [ ] Si dilata, così, l ambito dei soggetti e la tipologia della attività a cui può ricollegarsi il concetto di responsabilità medica. Questo concetto deve essere riferito non soltanto al medico-professionista, ma anche al medico-dipendente e, in pari tempo, all ente ospedaliero, pubblico o privato; non soltanto al medico, ma a tutti gli operatori sanitari in relazione all attività latu sensu medica da essi posta in essere». 5 Tale espressione è di H. JONAS, Tecnica medicina ed etica, Torino, 1997, p Al riguardo cfr. K. JASPERS, Il medico nell età della tecnica (trad. it. a cura di M. Nobile), Milano, 1991, p. 1, secondo il quale «il medico preistorico di tipo sacerdotale, il medico ippocratico che cura razionalmente osservando con occhio imparziale il complesso dell uomo e la sua situazione, il medico medievale aggrappato alle concezioni speculative

4 4 Le responsabilità del medico sportivo stica ricostruttiva, alla chirurgia estetica 7, alle biotecnologie, all eugenetica, alla medicina riproduttiva e, per quanto qui rileva, alla medicina dello sport. In tali ambiti la medicina da arte terapeutica volta esclusivamente a gestire la malattia, la riabilitazione e la prevenzione, tende a superare i suoi tradizionali confini per trasformarsi in un vero e proprio strumento (di potere) tecnologico, capace di modificare l uomo e/o di realizzare aspettative e desideri che possono persino porsi in contrasto proprio con alcuni di quei principi morali un tempo ritenuti viceversa fondanti la stessa deontologia medica. Basti pensare che mentre appena ieri secondo Hans Jonas l arte medica tradizionalmente intesa doveva assecondare e non già forzare la natura 8, derivanti dall autorità, tutti costoro sono soppiantati da secoli dal moderno medico scienziato». 7 Per una ricostruzione storica della chirurgia estetica e della chirurgia plastica in genere, cfr., tra gli altri, F. PERRAZZA, Dal culto della bellezza all accanimento terapeutico. Pubblicazioni dell Università degli Studi di Roma La Sapienza, Istituto di Medicina Legale e delle Assicurazioni, e bibl. ivi cit., in secondo il quale «bisogna risalire sino all Editto di Rotari (643), una delle prime testimonianze scritte, per trovare delle correlazioni tra somme di denaro e menomazioni estetiche del viso, assegnando a quest ultimo quella funzione estetica di primaria importanza essendo la parte del corpo più vista dagli altri; ma solo col 1840, nei Codici delle due Sicilie, si ampliò il concetto di prestanza estetica della persona estendendola a tutte quelle parti del corpo che possono esser viste da terzi. Solo quarant anni più tardi, nel 1880, l Europa conobbe [ ] pratiche indiane di rinoplastica, questo perché i suddetti interventi venivano effettuati in segreto e solo quando un europeo vi poté assistere fu possibile tramandarle». 8 Cfr. H. JONAS, Tecnica, medicina ed etica, cit., p. 112, il quale utilizza l espressione artista del corpo al fine di differenziare la medicina tradizionale, al servizio della natura, dalla medicina moderna (tra cui l autore include ad esempio, la chirurgia estetica), la quale va al di là della natura. Più precisamente secondo il filosofo «se abbiamo detto che la regola per determinare le finalità dell arte medica è la natura, ora bisogna aggiungere che oggi anche fini che vanno al di là di tale regola, persino quelli che gli vanno contro, reclamano per sé l arte medica, e alcuni medici sono de facto al loro servizio. Va al di là della regola di natura, per lo meno prescindendo da essa, la chirurgia plastica, ad esempio, per abbellire o nascondere i segni della vecchiaia». In un ottica più moderna afferma invece F.D. BUSNELLI, Presentazione, cit., p. 2, che «l attività medica non coincide più con la sola attività di cura delle malattie in atto ma si estende, parallelamente all estendersi del concetto di salute, a tutte le attività sanitarie di prevenzione e riabilitazione, nonché ai trattamenti, medici o chirurgici, non direttamente connessi con la salvaguardia della salute: si pensi, per un verso, ai trattamenti di chirurgia estetica; e, per altro verso, a certi interventi sulla cui legittimità tanto si è discusso e, in parte, si continua a discutere (sterilizzazione, mutamento di sesso, e, in qualche misura, interruzione volontaria della gravidanza)».

5 Specificità del rapporto obbligatorio e responsabilità medica 5 nei menzionati settori della medicina moderna si assiste oggi alla nascita ed allo sviluppo di «ambizioni al limite del bizzarro, di illusioni di onnipotenza, e di sogni di immortalità» 9 ; da qui, per quanto riguarda più specificamente il presente lavoro, l aumento delle occasioni di danno nonché il variegarsi delle ipotesi di responsabilità del medico. Il progresso tecnologico ha inciso peraltro in tutte le branche della medicina, e quindi anche in quelle tradizionali; da ciò una società, quella attuale, nella quale la vita umana si è notevolmente allungata proprio per o- pera di interventi terapeutici ritenuti impossibili o comunque difficili sino a pochi lustri addietro (interventi che ormai sono divenuti di routine e che pertanto non implicano più la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà ai sensi dell art c.c.), ma, per contro, anche il sorgere di nuovi rischi e di nuove fattispecie di responsabilità nel rapporto medico-paziente 10. In altre parole, l aumento delle possibilità di cura, la routinizzazione degli interventi, il sorgere di nuovi campi del sapere scientifico ed il moltiplicarsi delle richieste avanzate (ed avanzabili) dai pazienti hanno fatto paradossalmente aumentare la percentuale di rischio accettata (accettabile) dal paziente, le aspettative mancate 11, i potenziali pregiudizi e, di conseguenza, 9 L. TUNDO FERENTE, La bioetica fra agire etico e agire tecnico, in Etica della vita: le nuove frontiere, (a cura di L. Tundo Ferente) Bari, 2006, p. 10 ss. 10 Il progresso accresce inevitabilmente il potere del medico, ma ne accresce conseguentemente anche le responsabilità. Cfr., al riguardo, nella dottrina d oltralpe, R. SAVA- TIER, La responsabilité médicale en France, cit., p. 497, il quale, proprio in relazione all obbligazione del medico, consistente nel fare ciò che è in suo potere per tutelare la salute del paziente, commenta: «Son pouvoir! Les progrès techniques de la médecin l ont prodigieusemen accru! Ses moyens thérapeutiques se sont multipliés, à la fois, en nombre et en efficacité. Medecine d observation, d analyses et de diagnostic, médecine d emploi des médicaments, médecine de régime, de massage et de comportement, petit et grande chirurgie, combinent leur efficacités à la disposition du médecin, pour le service du malade. A pouvoir accru, correspond responsabilité croissante». 11 Si pensi in tal senso alla mancata realizzazione di desideri (estetici, lavorativi, edonistici, sportivi) la cui soddisfazione viene a volte persino garantita da parte del medico il quale, compatibilmente con i progressi della scienza e della tecnica, può assumere nei confronti del paziente vere e proprie obbligazioni di risultato. Tale circostanza è stata sottolineata in particolare da quella parte della giurisprudenza che, in materia di chirurgia estetica, ha ritenuto che l obbligazione del chirurgo possa configurarsi, in determinate ipotesi, come obbligazione di risultato; ad esempio, in una fattispecie esaminata dal Tribunale di Roma (Trib. Roma, 5 ottobre 1996, in Arch. civ., 1997, p. 1122, successivamente confermata da Cass. civ., sez. III, 23 maggio 2001, n. 7027, in Foro it., 2001, I, c. 2054), un soggetto affetto da calvizie, affascinato da una campagna pubblicitaria nella quale si reclamizzava

6 6 Le responsabilità del medico sportivo le ipotesi di responsabilità e le conseguenti liti in materia di responsabilità medica 12. D altro canto, se è vero che la società contemporanea è sovente presentata come società del rischio e dell incertezza in cui «un dato sicuro è costituito dall emergere di sempre crescenti e nuove occasioni di danno» 13, è anche vero che si è contemporaneamente assistito ad un progressivo, collettivo, rifiuto dell accettazione rassegnata di eventi pregiudizievoli che fino a pochi anni fa venivano classificati sotto la generica denominazione di «sciagure» 14 ; sicché al verificarsi di ogni evento dannoso è corrisposta, con una mentalità quasi magica 15, la ricerca di un responsal uso di una tecnica innovativa, decideva di sottoporsi ad un ciclo di trattamenti e ad un trapianto finale con il quale avrebbe dovuto risolvere definitivamente il suo problema. Sennonché, appena pochi giorni dopo, nelle zone trattate si verificava una reazione infiammatoria con successiva necrosi dei tessuti. In tale occasione il Tribunale, nel condannare il chirurgo sotto il duplice profilo dell inadempimento dell obbligazione avente ad oggetto l intervento di chirurgia e della mancanza di informazione nei confronti del paziente, sosteneva che «deve ritenersi ammissibile la possibilità per un chirurgo estetico di assumere un obbligazione di risultato, sia pure in senso relativo, adeguato cioè al grado della tecnica e alla situazione pregressa del paziente». 12 Cfr. F. INTRONA, Un paradosso: con il progresso della medicina aumentano i processi contro i medici, in Riv. it. med. leg., 2001, p. 289 ss. Il fenomeno non è soltanto italiano; ed infatti v. anche R. SAVATIER, La responsabilité medicale en France, cit., p. 497, il quale, già nel 1976, constatava come «les procès de responsabilité médicale vont croissant en France, comme, sans doute, en Italie! Ils y incarnent le malaise de notre temps. Car, dans un monde, tout à la fois, voué au progrès technique, et affamé de sécurite, l ingéniosité croissante de la technique médicale rencontre l ingéniosité croissante de la technique juridique! Or, les orientations de l une et de l autre hésitent à s entendre quand il faut combiner progrès et sécurité». 13 Cfr. V. SCALISI, Categorie e istituti del diritto civile: nella transizione al postmoderno, Milano, 2005, p Al riguardo v. C. CASTRONOVO, Profili della responsabilità medica, in Vita not., cit., p. 1223; ID., Profili della responsabilità medica, in AA.VV., Studi in onore di P. Rescigno, cit., p. 118, che osserva «come in ogni altro ambito di vita materiale che ha trovato emersione giuridica nella responsabilità civile, possiamo dire che anche la responsabilità medica è frutto di un modo di sentire ormai dominante nelle nostre società e consistente nell identificare tout court il danno subito con un torto da imputare ad altri in un modo di vedere e di reagire agli eventi che ha sostituito quasi completamente nel comune sentire quella che una volta si chiamava rassegnazione». 15 Si utilizza il termine magico nel significato che esso assume nell antropologia culturale per indicare la continua ricerca di un responsabile di qualunque evento naturale: quasi un ritorno a quelle concezioni arcaiche per le quali gli uomini costituivano tribunali per giudicare persino oggetti o animali. Tale mentalità è descritta ad esempio da A. FALZEA, Introduzione alla scienze giuridiche, Milano, 1996, p. 5, il quale ricorda come «per un tem-

7 Specificità del rapporto obbligatorio e responsabilità medica 7 bile a tutti i costi 16, nonché, coniugandosi tale mentalità quasi magica con quella dell homo oeconomicus, di un responsabile solvibile, ed anzi molto solvibile, alla ricerca di una deep pocket. Tale soggetto responsabile inoltre, per quanto qui rileva, sempre più raramente coincide con l operatore sanitario inteso quale persona fisica, giacché l intervento dell innovazione tecnologica e di macchinari sempre più dotati di intelligenza propria 17, sia in fase di diagnosi che in fase di terapia, apre scenari a tutt oggi appena sfiorati dalla scienza giuridica in tema di responsabilità medica. In questi scenari il danno eventualmente cagionato al paziente va addebitato ancora al medico? E in caso di risposta affermativa esso va addebitato in toto al medico, ovvero accanto a questi sorge un nuovo debitore, dai confini ancora incerti: la macchina robot 18, la struttura o l uomo cha la utipo più lungo di quanto non sia ragionevolmente plausibile si sono considerati soggetti di responsabilità animali, cose, defunti. Per la Grecia arcaica le fonti citano ripetutamente la legge attribuita a Dracone la quale riconosceva responsabili di omicidio gli oggetti legno, pietre, ferro che col cadere avessero provocato la morte di un uomo ed esigeva che essi venissero trasportati fuori dai confini dell Attica: e il Pritaneo celebrava regolari giudizi di responsabilità contro tali oggetti, così come contro gli animali colpevoli del medesimo delitto». 16 Ma tale evoluzione, lungi dal riguardare soltanto il tema della responsabilità medica ha, per così dire, investito l intero sistema della responsabilità civile con il conseguente spostamento di attenzione «dall autore alla vittima del danno». Cfr., al riguardo, C. SALVI, La responsabilità civile, Milano, 2005, p. 22, secondo il quale «nella moderna trasformazione dell istituto un ruolo centrale viene assegnato all idea che la tutela delle vittime dei danni è un valore primario, intorno al quale ricostruire disciplina e funzioni della responsabilità civile». 17 L indagine sull avvento delle macchine e dei computer intelligenti, e sui rischi legati alla loro invasione nella vita degli uomini, trova probabilmente uno dei maggiori epigoni in Isaac Asimov, biochimico, oltre che scrittore, che è riuscito forse più di chiunque altro a descrivere il complesso rapporto tra uomo e robot. Si pensi alle cosiddette tre leggi della robotica da lui elaborate, secondo le quali: 1) un robot non può recare danno agli esseri umani né permettere che, a causa della propria negligenza, un essere umano patisca danno, 2) un robot deve sempre obbedire agli ordini degli esseri umani, a meno che non contrastino con la prima legge, 3) un robot deve proteggere la propria esistenza, a meno che questo contrasti con la prima o la seconda legge. (Cfr. Manuale di robotica, 56 ed., 2058 D.C., in I. ASIMOV, Io Robot, trad. it., Milano, 2004, p. 17.) Tali regole, che devono essere installate, secondo Asimov, nel cervello artificiale di ogni robot allo scopo di garantirne la sottomissione all uomo, rappresentano, ancora oggi, un punto di riferimento per numerosi studiosi di bioetica e di roboetica Cfr., al riguardo, F. BELLINO, Dall uomo bionico al post-human: il cyborg e la logica fuzzy, in Etica della vita, cit., p. 69 ss. 18 Si tratta naturalmente di un esempio attualmente fatto ioci causa dato che uno dei caratteri sinora incontroversi del diritto è la sua umanità (supra, nota 1). Cfr. al riguardo A. FALZEA, Introduzione alla scienze giuridiche, cit., p. 5 ss., secondo il quale «fenomeni

8 8 Le responsabilità del medico sportivo lizzano, la struttura o l uomo che la mettono a disposizione del medico, la struttura o l uomo che l hanno ideata o programmata o, infine, la struttura o l uomo che l hanno prodotta 19? La moderna evoluzione del rapporto medico-paziente ha dunque posto in primo piano l inadeguatezza delle regole tradizionali del contratto d opera intellettuale, quanto meno in relazione all opera del medico 20 ; e ciò giuridici non sono dati, e comunque non si possono scientificamente accertare, al di qua della sfera di esistenza dell uomo, nel mondo subumano». L Autore, citando Ermogeniano, ricorda come hominum causa omne ius constitutum est; in altri termini, a meno di non dover ricorrere all antica legge di Dracone la responsabilità sarà sempre posta a carico di un essere umano. 19 La risposta cambierà ovviamente a seconda dei casi. La responsabilità del produttore di una protesi medica è stata ad esempio affermata in una recente sentenza della Corte di Cassazione (Cass. civ., sez. III, 8 ottobre 2007, n , in Foro it., 2008, I, c. 143); nella specie, una paziente aveva notato una evidente asimmetria dei seni a distanza di soli due anni dall installazione di una protesi mammaria. Si era accertato che la protesi, costituita da involucro con soluzione salina, si era svuotata sicché la soluzione si era diffusa nei tessuti circostanti. Instaurato il giudizio nei confronti del fabbricante, del fornitore, del medico e dell ospedale, venivano escluse sia la responsabilità del fornitore (che aveva solo consegnato il prodotto), sia quella del medico che dell ospedale in quanto la protesi era stata installata secondo le corrette indicazioni d uso; i giudici di prime cure accoglievano invece la domanda dell attrice nei confronti della casa produttrice. La Corte di Appello di Brescia tuttavia, in riforma della sentenza di primo grado, negava la tutela risarcitoria sul presupposto che, nonostante il regime di responsabilità introdotto con il D.P.R. n. 224/1988 (Attuazione della Direttiva CEE n. 85/374 relativa al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi, ai sensi dell art. 15 della legge 16 aprile 1987, n. 183) «sollevi il danneggiato dall onere di provare la colpa del produttore, questi è pur sempre tenuto a provare la sussistenza del difetto al momento della messa in circolazione del prodotto, il danno subito e il nesso eziologico tra quest ultimo e l utilizzo del prodotto». Infine, la Corte di Cassazione, nel cassare con rinvio la sentenza, ha affermato la responsabilità del produttore ai sensi del D.P.R. 24 maggio 1988 in base alla considerazione che «nell ipotesi di responsabilità civile da prodotti difettosi, disciplinata dal D.P.R. 24 maggio 1988, n. 224 (ora art. 114 codice di consumo, D.Lgs. n. 206/2005), il danneggiato deve provare il danno, il rapporto causale con l uso del prodotto e che questo uso ha comportato risultati anomali rispetto alle normali aspettative, tali da evidenziare la mancanza della sicurezza che ci si poteva legittimamente attendere, ai sensi dell art. 5 del D.P.R. citato, mentre il produttore è tenuto a dimostrare che il difetto non esisteva quando il prodotto è stato messo in circolazione». Sul c.d. danno da prodotti e sulla responsabilità del produttore, cfr., in particolare, C. CASTRONOVO, La nuova responsabilità civile, Milano, 2006, p. 657 ss. 20 Il problema della qualificazione della natura giuridica della responsabilità del medico ha trovato, fino a qualche tempo fa, soluzione nell applicazione di semplici schemi di riferimento: era sufficiente classificare il rapporto tra medico e paziente nell ambito del rap-

9 Specificità del rapporto obbligatorio e responsabilità medica 9 anche in vista del soddisfacimento dell esigenza, sempre più ritenuta prioritaria, di evitare che la vittima del danno resti senza riparazione. Da tale punto di vista la responsabilità medica è stata coinvolta prepotentemente in quel processo che è stato definito di sostituzione della «idea di riparazione all idea di responsabilità» e di «spostamento dell attenzione dall autore del danno alla vittima di esso» 21. Su tale spostamento di attenzione dall autore del danno alla vittima di esso, e dunque, per quel che qui concerne, dalla figura del medico a quella del paziente, si tornerà comunque in seguito: basti rilevare sin d ora che la prioritaria considerazione attribuita al danneggiato, alla sua concreta individualità, e soprattutto alle sue richieste (lecitamente accettate dal medico) comporta una modificazione dell intero giudizio di responsabilità del professionista; giudizio che, da unitario e generale, tende a divenire, a seconda delle concrete situazioni, dei diversi settori, e dei diversi pazienti, sfaccettato e frammentato. Né va sottovalutato il fenomeno che oggi si suole definire della commercializzazione della professione sanitaria, che senza dubbio ha contribuito a trasformare il tradizionale modo di concepire il ruolo del medico 22 ; basti pensare, da un lato, al crescente inserimento del professionista, anche sotto tale profilo, dunque, non più libero come un tempo 23, in una struttuporto contrattuale, se vi era un contatto diretto che dava luogo ad un vero e proprio contratto di prestazione professionale, ovvero nell ambito del rapporto extracontrattuale, se il rapporto tra medico e paziente era mediato da una struttura pubblica o privata. Usualmente si configuravano dunque da un lato la responsabilità contrattuale e dall altro quella e- xtracontrattuale: tipologie di responsabilità, queste, tenute ben distinte grazie al rigore di concetti semplici e fondamentali. Ma nel contenzioso civilistico della responsabilità medica sono emersi negli ultimi anni molteplici fattori che hanno reso la questione più complessa e che hanno costretto dottrina e giurisprudenza a non avere più «modelli affidabili e certi per la ricomposizione di conflitti tra privati, quali dovrebbero essere individuati a priori» (M. COSTANTINO, Falso negativo e danno ingiusto, in Riv. dir. civ., 2001, I, p. 1 ss.). 21 E. QUADRI, La responsabilità medica tra obbligazioni di mezzi e di risultato, cit., p Su tale aspetto v., ad esempio, P. RESCIGNO, Fondamenti e problemi della responsabilità medica, in AA.VV., La responsabilità medica, cit., p Cfr. P. RESCIGNO, op. ult. cit., p. 77, secondo il quale «il contratto del professionista, nella visione ancora condivisa dal legislatore del nostro codice civile, è il contratto che si svolge in condizioni di piena libertà e autonomia e si contrappone al lavoro subordinato. È un pregiudizio già largamente contraddetto dall esercizio sempre più largo delle professioni in forma subordinata». Secondo G. CATTANEO, La responsabilità del professionista, cit., p. 36, in ogni caso «il potere di direzione del datore di lavoro non si estende di regola al campo tecnico professionale. Il professionista cioè non è tenuto a seguire gli

10 10 Le responsabilità del medico sportivo rata organizzazione economica e giuridica (la clinica pubblica o privata, la società sportiva e così via) la quale assicura al paziente un insieme di prestazioni collaterali rispetto alla semplice cura della malattia atomisticamente considerata; dall altro, alla progressiva perdita dei requisiti della liberalità, dell intuitus personae e del fondamento essenzialmente gratuito (la cura dei malati, e comunque dei soggetti che si affidavano alle cure del libero professionista, come missione di vita) che un tempo caratterizzavano sotto il profilo deontologico l esercizio, non soltanto della medicina, ma addirittura di tutte le professioni liberali 24. Il medico è oggi infatti nella maggior parte dei casi o un lavoratore dipendente, retribuito ed inserito in una organizzazione produttiva 25 ove la salute (rectius, il benessere) non è considerata soltanto come un diritto irrinunciabile della persona ma come un vero e proprio bene oggetto del mercato giuridico, ovvero un lavoratore autonomo il quale, al fine di agire sul libero mercato come operatore economico, ha sempre più bisogno di una vera e propria organizzazione di beni (macchinari) e di persone (operatori sanitari, equipe) per svolgere la propria attività produttiva 26, ed il cui ordini del datore di lavoro relativi all applicazione dei principi tecnici e scientifici della professione». 24 Per una pregevole ricostruzione storica del concetto di gratuità nelle professioni intellettuali v. G. CATTANEO, op. ult. cit., p. 6 e p. 21, secondo il quale «lo scopo di lucro non è certo necessario perché si possa parlare di professione». Anzi si è affermato specie in passato che «le professioni liberali sono caratterizzate dal disinteresse o dal fine altruistico». «Secondo l opinione un tempo dominante, l esercizio di una professione intellettuale non avrebbe potuto essere oggetto di un contratto a titolo oneroso». [ ] «Il compenso che il cliente prestava al professionista era considerato come una specie di donazione, un segno di gratitudine e di onore (honorarium); non come una controprestazione, ma come una prestazione autonoma e gratuita. Si considerava quindi che il lavoro fosse prestato per un fine altruistico, e l onorario fosse un dono». 25 Al riguardo v. G. CATTANEO, La responsabilità medica nel diritto italiano, in AA.VV., La responsabilità medica, cit., p. 13, secondo il quale «sempre più spesso le prestazioni mediche, e sempre o quasi sempre le prestazioni di maggiore impegno, la cui difettosa esecuzione può causare gravi danni al paziente, non vengono eseguite da un professionista isolato, nel proprio studio o nella casa del malato, bensì vi concorre una pluralità di persone, medici e non medici, che agiscono nell ambito di una complessa organizzazione». 26 Sul cosiddetto lavoro d equipe cfr., ad esempio, quanto affermato in una risalente sentenza del Tribunale di Firenze (Trib. Firenze, 25 maggio 1981, in Arch. civ., 1981, p. 685, secondo la quale, «dati i doveri del primario di indirizzo e di verifica sulle prestazioni di diagnosi e cura, nonché sull assegnazione dei pazienti ai vari medici suoi aiuti, ne consegue che è normalmente responsabile del comportamento della sua equipe, in relazione al dovere di vigilanza posto a suo carico». Tale impostazione non va tuttavia considerata in modo

11 Specificità del rapporto obbligatorio e responsabilità medica 11 rapporto stesso col paziente è spesso mediato da pubblici poteri (si pensi alla scelta della P.A. di determinare l elenco dei c.d. medici di famiglia entro il quale il paziente deve operare la propria scelta). Il paziente si troverà pertanto sempre più spesso nella condizione di non poter individuare facilmente il soggetto (o comunque un unico soggetto) responsabile in caso di danni: da ciò una progressiva frammentazione delle responsabilità nelle quali possono incorrere di volta in volta i vari soggetti debitori (responsabilità dirette, responsabilità vicarie o vicarious liability, responsabilità per colpa e responsabilità oggettive ). Alla luce di tale delineato nuovo scenario occorre, come si è già precisato, prendere atto della circostanza che la scienza medica ha subito tali e tante trasformazioni nel corso degli ultimi due secoli, ma specialmente negli ultimi anni, da rendere sempre più complessa una ricostruzione unitaria dei molteplici profili di responsabilità che possono derivare dall esercizio dell arte sanitaria. Al moderno giurista della responsabilità medica sembra imporsi dunque un tipo di ricostruzione che tenga conto della specifica competenza e specializzazione del singolo professionista, dell ambito concreto in cui questi presta la propria opera, nonché (e forse soprattutto) delle varie e disparate esigenze o richieste che il paziente può manifestare di volta in volta al medico; il paziente infatti non è più considerato quale oggetto di una obbligazione unilaterale svolta (quasi di necessità) a titolo gratuito 27, ma come parrigido. Ed infatti secondo M. GRIMALDI, L attività medico chirurgica in équipe: profili di rilievo penale, in Dir. e formaz., 2006, fasc. II, p. 243, «il primario deve anche rispettare l autonomia professionale delle altre figure con le quali si trova a cooperare, con la conseguenza che, qualora dovesse ritenere che l attività posta in essere dai suoi collaboratori non è perita prudente o diligente, o più semplicemente, non è idonea a conseguire un certo risultato che sarebbe altrimenti raggiungibile, può avocare a sé il paziente. In mancanza sarà tenuto responsabile per concorso nell evento». Sul tema v., inoltre, A. ROCCO DI LANDRO, Vecchie e nuove linee ricostruttive in tema di responsabilità penale nel lavoro medico d équipe, in Riv. trim. dir. pen. dell econ., 2005, fasc. 1-2, p. 226 ss.; in giurisprudenza v., inoltre, Cass. pen., sez. IV, 7 marzo 2008, n , in CED Cassazione pen., 2008, rv 2396, secondo la quale «in tema di colpa medica nell attività di équipe, tutti i soggetti intervenuti all atto operatorio devono partecipare ai controlli volti a fronteggiare il ricorrente e grave rischio di lasciare nel corpo del paziente oggetti estranei; ne consegue che non è consentita la delega delle proprie incombenze agli altri componenti, poiché ciò vulnererebbe il carattere plurale, integrato, del controllo, che ne accresce l affidabilità». 27 Tale concezione dell attività medica come attività essenzialmente gratuita aveva portato, specie nel corso dell ottocento, a consolidare la tesi della pressoché totale irresponsabilità dell esercente un attività liberale. Tesi che nei suoi successivi sviluppi costituirà il

12 12 Le responsabilità del medico sportivo te di un contratto a titolo oneroso la quale può pretendere, a fronte di un corrispettivo più o meno cospicuo, l adempimento di controprestazioni tendenti al raggiungimento dei più disparati risultati. In altri termini, ed in tutta coerenza con la crescente tendenza alla diversificazione della disciplina dei rapporti obbligatori in relazione agli status delle parti, si tratterà, anche nell ambito della responsabilità medica, di individuare caso per caso lo specifico contenuto del rapporto obbligatorio ed il concreto oggetto della prestazione dovuta dal medico al paziente 28. fondamento della concezione della obbligazione medica come obbligazioni di mezzi o di diligenza e non di risultato. Si pensi al riguardo a quanto affermato dai personaggi di J.B. POQUELIN (Molière), Il malato immaginario, trad. it., Milano, 1976, I, p. 19 ss.: Il dottor Diafoirus: «A dirvela con franchezza, l esercitare la nostra professione presso le persone importanti non mi è mai parsa cosa troppo simpatica, e ho sempre pensato anzi che per noi medici è meglio dedicarsi al grande pubblico. Il grande pubblico è più accomodante. Di quello che fate, non dovete rispondere a nessuno; e una volta che si seguano bene le regole della professione, non c è nessun bisogno di preoccuparsi delle eventuali conseguenze. Mentre il gran fastidio con le persone importanti è che quando si ammalano pretendono a tutti i costi che il dottore li guarisca». Tonina: «Questa è bella! Sono dei gran maleducati, a volere che voi signori li facciate guarire; come se fosse compito vostro, quando è chiaro che Voi siete lì per prendere lo stipendio e per ordinargli le cure; a guarire tocca a loro, se ce la fanno». Indicativo della circostanza che la trasformazione di alcune obbligazioni mediche da obbligazioni di mezzi a obbligazioni di risultato sia dovuta (anche) al dilagare dei compensi sempre più elevati richiesti, specie in certi settori della medicina (si pensi agli onorari richiesti da alcuni odontoiatri o da alcuni chirurghi estetici) è il sopra ricordato dialogo molieriano: più i clienti pagano, più pretendono di essere guariti. 28 Sotto tale profilo la giurisprudenza tende sempre più spesso a fondare il giudizio sulla responsabilità del medico sulla «specificità della relazione terapeutica instauratasi», sulle «maggiori conoscenze dell agente concreto» o «sul miglioramento dovuto dal medico specialista». Cfr. al riguardo Cass. pen., sez. IV, 2 dicembre 2008, n. 1866, in Guida al diritto, 2009, 11, p. 66, secondo la quale «per fondare l eventuale responsabilità omissiva del medico occorre sia circoscrivere il contenuto dell obbligo di garanzia avendo riguardo alla specificità della relazione terapeutica instauratasi (esemplificando: una visita ambulatoriale per un affezione dermatologica implica una sfera di responsabilità afferente a quello specifico contesto e quindi solo in relazione all adempimento della prestazione personale richiesta, pur intesa nella sua massima latitudine, potrà eventualmente configurarsi responsabilità penale per omissione) e ai concorrenti principi di autoresponsabilità, di affidamento e di gerarchia che vigono per la valutazione delle singole condotte quando l illecito si colloca all interno di organizzazioni complesse. In questa ottica, ai fini dell affermazione o esclusione della responsabilità del singolo medico occorre analizzare, oltre la specificità della prestazione richiestagli, anche le competenze specialistiche specifiche, il livello di maturazione del suo percorso professionale, il ruolo esercitato all interno dell organizzazione complessa»; v., inoltre, Cass. pen., sez. IV, 6 novembre 2008, n , in Guida al diritto, 3, p. 96, secondo la quale «la prevedibilità,

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

L INFORMAZIONE GIURIDICA

L INFORMAZIONE GIURIDICA L INFORMAZIONE GIURIDICA note di giurisprudenze sulla responsabilità professionale medica nota II/2009 a cura di Alessandro Riccioni e Nicola Mazzera, avvocati in Roma LA CLINICA (DI REGOLA) RISPONDE DELL

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle 1) Premessa. Con le lenti del tributarista il tema della bilateralità può essere affrontato avendo riguardo ai seguenti tre aspetti: (i) la natura, commerciale

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Persona offesa dal reato

Persona offesa dal reato Angelo Alessandro Sammarco Persona offesa dal reato SOMMARIO: 1. Definizioni e distinzione tra offeso e danneggiato dal reato. 2. Danno da reato. 3. Risarcimento. 1. Definizioni e distinzione tra offeso

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Giampaolo Azzoni. Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT)

Giampaolo Azzoni. Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT) Giampaolo Azzoni Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT) Perché si pone il problema delle DAT 1. Straordinari progressi della bio-medicina 2. Emancipazione del paziente nei rapporti con il medico

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile Capitolo I nel diritto civile SOMMARIO: 1. Il recesso dal contratto: i termini della questione. 2. Il principio della temporaneità dei vincoli contrattuali e la questione del recesso dal contratto. 3.

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Vendita con riserva della proprietà e successione mortis causa del compratore

Vendita con riserva della proprietà e successione mortis causa del compratore Vendita con riserva della proprietà e successione mortis causa del compratore Si pone il problema di individuare con esattezza gli obblighi tributari dei chiamati all eredità del compratore con patto di

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli,

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, 1) OPERE EDILI MAL ESEGUITE Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, dal 1667 al 1673 (vedi di seguito), proprio al problema della "difformità

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

La responsabilità del progettista

La responsabilità del progettista Capitolo Secondo La responsabilità del progettista di ANTONIO MUSIO SOMMARIO: 1. L attività progettuale nell ambito dei lavori privati. 2. L attività progettuale nell ambito dei lavori di opere pubbliche.

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli