Sistemi di analisi e previsione della qualità dell aria con la modellistica: esperienze in campo diagnostico e prognostico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di analisi e previsione della qualità dell aria con la modellistica: esperienze in campo diagnostico e prognostico"

Transcript

1 Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti Vercelli Marzo 2009 Sistemi di analisi e previsione della qualità dell aria con la modellistica: esperienze in campo diagnostico e prognostico Angelino Elisabetta* & Roberto Sozzi *Angelino Elisabetta ARPA Lombardia Settore Aria e Agenti Fisici, Via Restelli 3/1, Milano (MI) Roberto Sozzi ARPA Lazio Direzione Tecnica Divisione Atmosfera e Impianti, v. Garibaldi 114, Rieti (RI)

2 Contenuti Introduzione Cenno alle principali catene modellistiche in uso in Italia Esperienza in campo diagnostico: il caso di ARPA Lombardia Esperienza in campo prognostico: il caso di ARPA Lazio Conclusioni, spunti vari

3 Architettura di principio di Modello di Dispersione degli Inquinanti in Aria Informazioni Meteorologiche Informazioni sulle emissioni presenti Informazioni sulle caratteristiche del territorio Informazioni sulle concentrazioni iniziali presenti all interno e fuori dal dominio Fisica e Chimica dell atmosfera Ricostruzione/previsione della Distribuzione nello spazio e nel tempo (campi) delle sostanze inquinanti

4 Sono stati sviluppati (e sono disponibili) vari tipi di modelli di varia complessità e con differenti campi di applicazione: Modelli stazionari (gaussiani ed ibridi) per valutazioni semplificate e su domini spaziali limitati Modelli lagrangiani (a particelle) per ricostruzioni realistiche che non richiedono una trattazione della chimica dell atmosfera anche in situazioni complesse e su domini spaziali di grandi dimensioni Modelli euleriani fotochimici per ricostruzioni realistiche su domini di calcolo di grandi dimensioni anche degli inquinanti secondari

5 maggior completezza dei dati disponibili (meteo e sorgenti) aumento della potenza HW e miglioramento delle performance dei modelli maggiore potenza dei sistemi di comunicazione che hanno permesso lo scambio delle informazioni e dei dati aumento delle conoscenze nella modellazione chimiche e fisiche Evoluzione reti/tecniche misura Aumento conoscenze in campo sanitario, ambientale Evoluzione problematiche di inquinamento atmosferico Evoluzione strumenti modellistici, approcci, copertura e dettaglio info Aumento potenzialità modelli Evoluzione AEI (inventari Emissione Atmosferica) Evoluzione normativa (QA, valutazione impatto ambientale etc.) Maggior riconoscimento ruolo dei modelli da parte della normativa QA (96/62/CE,soprattutt o, 2008/50/CE) Richiesta obiettivi di qualità Maggiore utilizzo per valutazioni impatto e controllo/gestione/valutazione QA impiego modelli più diffuso anche presso enti supporto amministrazioni

6 Anni > 2000 Inquinanti SO2 -> CO, NOX -> secondari (03, PM, NOX) -> PM10. PM2.5.. Fonti simulate Inventari Approcci Tipi applicazioni Scala spaziale Scala temporale Ciminiere -> Traffico/riscaldamento -> Emissioni da varie sorgenti Misure locali -> AEI urbani -> AEI regionali ->dataset emi su mesoscala stazionari (gaussiani, puff) -> euleriani/lagrangiani inq non reattivi da fonti puntuali Analisi ricadute da installazioni industriali Domini limitati, scala locale Condizioni stazionarie Evoluzione modelli Studi semplificati dell inquinamen to cittadino Studi retrospetti vi, analisi episodi valutazione di scenari emissivi, piani risanamento urbana Regionale Regionale/bac ino Episodio Episodio Periodi estesi/ Anno Valutazione QA annuale, -> servizi operativi es NRT, Forecast Bacino aerologico _ downscaling sinottico Periodi/ Anno/Serie pluriennali

7 La Direttiva 2008/50/CE ed i Modelli di dispersione degli inquinanti in aria (Guidance on the use of models for the European air quality directive FAIRMODE ETC/ACC Report) La Direttiva prevede l impiego dei modelli in differenti contesti: nella valutazione della Qualità dell Aria (Assessment); nella pianificazione e nella predisposizione di piani risanamento; nell individuazione dei contributi delle diverse sorgenti alla qualità dell aria complessiva (Source Apportionment) nella trasmissione delle informazioni al pubblico relativamente alla situazione in atto nella trasmissione al pubblico delle tendenze a breve/medio termine

8 ASSESSMENT (Valutazione) I modelli possono sempre essere usati come integrazione alle misure realizzate nelle postazioni fisse di una rete di monitoraggio della Qualità dell Aria (QA). Il vantaggio di ciò sta nel fatto che, a priori, può essere ridotto il numero delle stazioni fisse della rete (Art. 7.3, 10.3, 14.2); Art.6 della Direttiva indica quando e come i modelli possono essere usati per la valutazione della QA: possono essere usati come integrazione alla rete fissa quando la Q. di una zona eccede la soglia di valutazione superiore; possono essere usati in combinazione quando la QA di una zona sta tra le due soglie di valutazione; possono essere usati in sostituzione della rete fissa quando QA della zona è inferiore alla soglia di valutazione inferiore.

9 PIANIFICAZIONE E PIANI DI RISANAMENTO Quando vengono superati i limiti previsti dalla Direttiva per uno o più dei diversi inquinanti considerati, è necessario individuare misure strutturali atte a ricondurre la Qualità dell Aria del territorio entro i limiti prescritti. I passi operativi sono: individuazione delle sorgenti e delle cause più probabili che possono aver condotto al superamento dei limiti in tutto il territorio o in porzioni di esso; identificazione di possibili scenari alternativi di riduzione delle emissioni (o comunque di azioni aventi atte alla riduzione delle concentrazioni al suolo); per ogni scenario emissivo, stima con una catena modellistica della qualità dell aria da esso dipendente ed individuazione dell insieme degli scenari (piano di risanamento) che garantiscono il rientro nei limiti SOURCE APPORTIONMENT Importanza di poter determinare il contributo delle varie sorgenti alla qualità dell aria

10 INFORMAZIONE AL PUBBLICO (ALLEGATO XVI) La Direttiva prescrive che debba essere fornita una costante e completa informazione al pubblico che deve poter conoscere l entità e l estensione dei fenomeni in atto. A differenza delle misure rilevate da una rete fissa di monitoraggio della qualità dell aria, l impiego di una catena modellistica che assimila tutte le misure disponibili consente di tenere sotto controllo tutto il territorio, anche i punti in cui non sono disponibili misure. Queste ricostruzioni, a fine d anno, consentono di valutare la Qualità dell Aria su tutto il territorio di competenza non solo in maniera puntuale (cioè solo dove sono disponibili misure). Deve essere fornita la tendenza nei giorni successivi indicando l area geografica interessata e il cambiamento previsto (miglioramento, stabilizzazione o peggioramento)

11 ARCHITETTURA di una CATENA MODELLISTICA di Forecasting/Near Real-Time Dati Geografici e Fisiografici Previsioni/analisi a grande scala & Misure meteorologiche Downscaling Meteorologico Inventario Emissioni Modulo di interfaccia Processore Condizioni iniziali ed al contorno QA Previsioni/analisi a grande scala & Misure QA Modello Qualita dell aria Campi di concentrazione dei vari inquinanti Processore delle Emissioni

12 Componente Meteorologica Prognostica: modelli RAMS, MM5, LAMI Dato che tali modelli hanno bisogno di opportune condizioni iniziali ed al contorno, il loro impiego nelle varie catene di misura si differenzia in base al tipo di informazioni a grande scala che impiegano ed al numero di nesting che vengono adottati per ricondursi al dominio spaziale di interesse. Diagnostica: Calmet, Minerve+SurfPro Componente Emissiva Ogni catena ha messo a punto una componente emissiva costituita da: un inventario delle emissioni dalle varie tipologie di sorgenti presenti sul territorio un processore che stima la loro variabilità temporale, che le localizza nello spazio e che effettua la speciazione chimica (quando si usano i modelli euleriani fotochimici) Permangono diversi punti di criticità connessi alla stima da alcune fonti e ai profili (speciazione COV,PM, temporali, granulometrici (PM))

13 Componente Dispersiva In generale, tale componente è costituita da un modello euleriano fotochimico (es. FARM, CHIMERE, CAMX), anche se, in alcune situazioni in cui si è ritenuto meno importante trattare le varie trasformazioni chimiche che hanno luogo in atmosfera, si è utilizzato un modello lagrangiano a particelle (es. SPRAY) N.B. L impiego di un modello euleriano fotochimico presenta ancora degli aspetti complessi e delicati (su cui ancora la Ricerca sta investigando attivamente), costituiti prevalentemente: dalla determinazione delle opportune condizioni iniziali ed al contorno (per tutte le specie chimiche trattate dal modello) e dall assimilazione delle misure prodotte dalla rete di monitoraggio fissa della qualità dell aria.

14 Cenno alle rassegne più recenti dei modelli in uso in Italia attività di rassegna svolte nei due trienni di attività ( ) dai gruppi di lavoro Gruppi di Lavoro del progetto APAT- CTN_ACE (Centro Tematico Nazionale - Atmosfera Clima Emissioni) ricognizione delle esperienze modellistiche relative al particolato svolte o in corso presso le Regioni e le APPA/ARPA svolte nel dai Gruppi di Lavoro istituiti dalla Commissione Nazionale per l'emergenza Inquinamento Atmosferico (CNEIA), istituita al Ministero dell Ambiente recentissima rassegna condotta nell ambito del COST Action 728 (COST, 2008)

15 Catene modellistiche in uso in Italia: alcuni esempi BOLCHEM CAMX CNR/ISAC BO CESI, AMMA MI, ARPA VE BOLAM CALMET Modello QA lagrangiano euleriano CHIMERE FARM ARPA ER, ARPA UM CETEMPS ARPA PI ARPA LO LAMI MINERVE Modello Meteo diagnostico prognostico SPRAY TCAM CNR ISAC TO UNI BS MINNI ENEA, ARPA LA, UNI BS MM5 RAMS ENTE presso il quale e in uso quella catena

16 Sistemi previsionali: alcuni esempi Sistema ARPA ER NINFA 1.QualeAria: sistema prototipale MINNI Sistema CETEMPS Universita dell Aquila Sistema ARPA Piemonte Area Torino (centro) Provincia Novara (dx)

17 IL SISTEMA PREVISIONALE DELLA QUALITA DELL ARIA DEL LAZIO E DELLA CITTA DI ROMA ARPA Lazio

18 Il sistema modellistico Le previsioni di qualità dell'aria sono realizzate dal sistema modellistico costituito dai seguenti moduli: modello meteorologico prognostico RAMS per il downscaling delle previsioni meteorologiche dalla scala sinottica alla scala locale; modulo di interfaccia per l'adattamento dei campi meteorologici prodotti da RAMS ai domini di calcolo innestati di FARM (codice GAP); processore meteorologico per la descrizione della turbolenza atmosferica e per la definizione dei parametri dispersivi (codice SURFPRO); processore per il trattamento delle emissioni (codice EMMA) da fornire come input al modello euleriano, a partire dai dati dell'inventario nazionale delle emissioni CORINAIR (APAT) e dal modello di traffico ATAC per l'area urbana di Roma; modello euleriano per la dispersione e le reazioni chimiche degli inquinanti in atmosfera (codice FARM); modulo di post-processing per il calcolo dei parametri necessari alla verifica del rispetto dei limiti di legge (medie giornaliere, medie su 8 ore,...).

19 Previsioni Meteorologiche Sinottiche (NCEP) Dati Geografici RAMS Gap SurfPRO Input Meteorologico Input Emissivo DATI EMISSIVI EMMA FARM Previsioni Inquinamento a scala nazionale (QualeAria) Campi di concentrazione

20 I domini di calcolo RAMS FARM

21 Le mappe di concentrazione degli inquinanti Il sistema calcola mappe orarie delle concentrazioni degli inquinanti principali: PM10, O 3, NO 2, CO, SO 2, Benzene Vengono successivamente stimati gli indicatori previsti dalla normativa vigente e verificata la presenza di superamenti Dominio regionale Roma Area metropolitana di

22 Distribuzione Sperimentale delle informazioni

23 Confronto tra la concentrazione (μg/m 3 ) media giornaliera di PM 10 prevista (campi colorati) e misurata (valori numerici) a Roma. (20-23 gennaio 2008.

24 IL SISTEMA UTILIZZATO PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DELL ARIA ARPA LOMBARDIA

25 NRT (Near Real Time) modeling chain Resolution 50 KM 50 KM Meteo DB Meteorological Model ECMWF Air Quality DB CHIMERE - Continental dispersion model AEInventory DB Processors and output download 4 KM MINERVE diagnostic meteorological model METEO BOUNDARY EMISSION DATABASE 4 KM FARM regional scale dispersion model CONCENTRATIONS Modelli non applicati in ARPA Modelli/processori applicati in ARPA Input/output catena modellistica in ARPA

26 Mappe quotidiane di inquinamento e bollettino di tendenza NO2 and PM10 daily map

27 Direzione e velocità vento Concentrazione PM10

28 Valutazione Modellistica Qualità dell aria Annuale PM10 µg/m diagramma di dispersione delle concentrazioni medie annuali relative al 2007 di PM10 misurate e simulate con (sx) e senza (dx) tecniche di assimilazione Concentrazioni di PM10 medie giornaliere misurate presso la stazione di Milano Pascal e simulate con (dx) e senza (sx) tecniche di assimilazione

29 Ricostruzione modellistica della composizione del particolato Es. Progetto PARFIL Confronti con stime al suolo da satellitari es Progetto PROMOTE Database per simulazioni a scala locale per Dipartimenti es Poster Analisi di scenari/test di sensibilità sui parametri piu critici

30 Risultati Componenti carboniose e ioniche - dicembre 2006 EC OC EC (µg/m³) /12 19/12 20/12 21/12 22/12 23/12 24/12 25/12 OC (µg/m³) /12 19/12 20/12 21/12 22/12 23/12 24/12 25/12 simulato misurato simulato MIS NO 3 - SO NO 3 - (µg/m³) SO4 -- (µg/m³) / 12 19/ 12 20/ 12 21/ 12 22/ 12 23/ 12 24/ 12 25/ / 12 19/ 12 20/ 12 21/ 12 22/ 12 23/ 12 24/ 12 25/ 12 simulato misure simulato misure Progetto PARFIL Risultati Linea Ricostruzione modellistica delle misure di composizione in collaborazione con Università di Milano

31 Milano - inverno 2007 Milano City - Winter campaign (percentages on TC) Risultati % over TC 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% contributo carbonio biogenico: differenza estate inverno 10% % o ver T C 0% 70% 60% 50% 05/02/ /02/ /02/ /02/ /02/ /02/ /02/2007 date Primary modelled OC Biogenic modelled OC Secondary modelled OC Measures (bars indicate measures - artifact) Milano City - Summer campaign (percentages on TC) Milano - estate 2007 in aree meno antropizzate il contributo stimato dalle simulazioni del carbonio biogenico risulta maggiore SOC: differenza estate inverno con un maggior contributo d estate (aumento attività fotochimica) 40% 30% 20% 10% 0% 11/06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/2007 date Progetto PARFIL Risultati Linea Progetto PARFIL Risultati Linea Ricostruzione modellistica delle misure di composizione in collaborazione con Università di Milano Primary modelled OC Biogenic modelled OC Secondary modelled OC Measures (bars indicate measures - artifact)

32 Thanks to M.Abbattista, G.Fossati, E.Peroni ARPA Lombardia A. Bolignano, M. Morelli - ARPA LAZIO

33 Grazie per l attenzione

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010 Mauro M. Grosa Responsabile del coordinamento delle attività di qualità dell aria di Arpa Piemonte Regione Piemonte nel 2000 ha avviato

Dettagli

Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria

Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria La qualità dell'aria nell'agglomerato Torinese, Situazione e Prospettive, Torino 30 novembre 2011 ARPA Piemonte, su incarico del competente Settore

Dettagli

10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna

10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna 10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna Michele Stortini, Giovanni Bonafè, Marco Deserti, Simona Maccaferri, Enrico Minguzzi, Antonella Morgillo Centro Tematico Regionale

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria Marco Vecchiocattivi Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell Umbria Sommario Introduzione Modellistica fotochimica Applicazione

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

Sistema modellistico multiscala per la qualità dell'aria. Stefano Bande Dipartimento tematico Sistemi Previsionali Qualità dell'aria Arpa Piemonte

Sistema modellistico multiscala per la qualità dell'aria. Stefano Bande Dipartimento tematico Sistemi Previsionali Qualità dell'aria Arpa Piemonte Sistema modellistico multiscala per la qualità dell'aria Stefano Bande Dipartimento tematico Sistemi Previsionali Qualità dell'aria Arpa Piemonte Simulare Conviene, I modelli ambientali strumento di previsione

Dettagli

andrea.bolignano@arpalazio.it

andrea.bolignano@arpalazio.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome BOLIGNANO ANDREA Indirizzo Telefono ufficio 0746-267236 E-mail VIA MATTIA BATTISTINI, 491 CAP 00167 ROMA, ITALIA andrea.bolignano@arpalazio.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO:

INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO: INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO: CONFRONTO SIMULAZIONI/OSSERVAZIONI PER DIVERSE CONFIGURAZIONI DEL SISTEMA MODELLISTICO AMS-MINNI Massimo D Isidoro, Gino Briganti, Andrea Cappelletti, Mihaela Mircea ENEA

Dettagli

ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI

ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI 8 Congresso Nazionale CIRIAF Perugia, 5 aprile 2008 ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI Rossella Prandi A. Bertello, E. Bracco,

Dettagli

Antonio Piersanti, Alessandro Nanni, Camillo Silibello, Paola Radice ARIANET s.r.l. - Milano. XIV Expert Panel Traffico Stradale Venezia, 16-10-2008

Antonio Piersanti, Alessandro Nanni, Camillo Silibello, Paola Radice ARIANET s.r.l. - Milano. XIV Expert Panel Traffico Stradale Venezia, 16-10-2008 Calcolo di emissioni da traffico e simulazione di dispersione degli inquinanti in atmosfera nell ambito delle attività di monitoraggio del Passante di Mestre Antonio Piersanti, Alessandro Nanni, Camillo

Dettagli

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale Il monitoraggio ambientale Qualità dell aria Obiettivo primario: garantire a tutto il territorio livelli di qualità dell aria compatibili con la salute umana e dell ambiente Il monitoraggio della qualità

Dettagli

ATTIVITA 5 Modellistica

ATTIVITA 5 Modellistica ATTIVITA 5 Modellistica qualità dell aria Giuseppe Maffeis Giampiero Malvasi consulenti ARPAV-ORAR ATTIVITA' 1 Stima delle emissioni in atmosfera ATTIVITA' 5 Modellistica qualità dell'aria ATTIVITA' 4

Dettagli

Studio della qualità dell'aria locale nell'area di Carmagnola: stato attuale e scenari

Studio della qualità dell'aria locale nell'area di Carmagnola: stato attuale e scenari Studio della qualità dell'aria locale nell'area di Carmagnola: stato attuale e scenari Autori P.Radice, T.Pittini, G.Calori, G.Tinarelli Riferimento ARIANET R2006.07 Febbraio 2006 ARIANET s.r.l. via Gilino,

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

ITM srl - Informatica Telematica Meridionale

ITM srl - Informatica Telematica Meridionale ITM srl - Informatica Telematica Meridionale Programma Operativo Regionale (POR) Misura 3.17 ITM 474925 Sistema Informatico, di supporto per la valutazione dell impatto ambientale preventivo sulla qualità

Dettagli

Ing. Fabio Nussio STA

Ing. Fabio Nussio STA Il progetto HEAVEN, suoi risultati e sviluppi della catena Traffico-Ambiente a Roma Ing. Fabio Nussio STA La S.T.A. S.p.A. ha partecipato in qualità di co-ordinatore e in collaborazione con il Dip. X del

Dettagli

Il sistema modellistico MINNI/GAINS-Italia a supporto della strategia nazionale per la qualità dell aria

Il sistema modellistico MINNI/GAINS-Italia a supporto della strategia nazionale per la qualità dell aria Il sistema modellistico MINNI/GAINS-Italia a supporto della strategia nazionale per la qualità dell aria Gabriele Zanini*, Alessandra Ciucci, Ilaria D Elia *ENEA, Responsabile Unità Tecnica Modelli, Metodi

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

CALWin Gestione dei modelli CALMET CALPUFF

CALWin Gestione dei modelli CALMET CALPUFF CALWin Gestione dei modelli CALMET CALWin è un sistema di gestione modellistica, realizzato per ambiente MS Windows (da Windows 2000) e scritto interamente in italiano, che permette la gestione integrata

Dettagli

Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore. Cireddu-Barbato

Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore. Cireddu-Barbato Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore Cireddu-Barbato Ruolo della modellista nella valutazione Cos è un modello degli impatti odorigeni Modelli matematici: Deterministici:

Dettagli

ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI

ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI A. Bertello 1, E. Bracco 1, G. Calori 2, L. Pallavidino 1, F. Pavone 1, T. Pittini 2,

Dettagli

Ecomondo Rimini Giovedì 6 novembre 2014. Relatore Valentina Zangrando StudioSMA Srl valentina@studiosma.it

Ecomondo Rimini Giovedì 6 novembre 2014. Relatore Valentina Zangrando StudioSMA Srl valentina@studiosma.it Mappatura delle emissioni odorigene: studio delle ricadute al suolo delle sostanze odorigene emesse presso lo stabilimento adibito alla produzione di Acetoncianidrina di Arkema Srl sito in Porto Marghera

Dettagli

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000 pag. 217 6. Risultati Di seguito si riportano i risultati relativi alle diverse simulazioni di diffusione atmosferica degli inquinanti effettuate. In particolare sono riportati i risultati sotto forma

Dettagli

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Le attività svolte dai tre partners italiani del progetto CESAPO, l Istituto di Scienze dell Atmosfera

Dettagli

16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE

16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE 16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE Ing. Elena Barbato Dott. Giacomo Cireddu RUOLO DELLA MODELLISTICA NELLA

Dettagli

2. Definizione degli scenari emissivi per l Emilia - Romagna e il Bacino Padano Adriatico

2. Definizione degli scenari emissivi per l Emilia - Romagna e il Bacino Padano Adriatico 2. Definizione degli scenari emissivi per l Emilia - Romagna e il Bacino Padano Adriatico 2.1 Lo scenario emissivo BASE per il Nord Italia e l Emilia - Romagna I dati di emissione utilizzati come dati

Dettagli

Figura 1. Approccio sistemico per l applicazione modellistica. Inquadramento Socio-economico. Caratterizzazione orografica

Figura 1. Approccio sistemico per l applicazione modellistica. Inquadramento Socio-economico. Caratterizzazione orografica APPLICAZIONE DI UN MODELLO GAUSSIANO IBRIDO AD UN SITO INDUSTRIALE CARATTERIZZATO DA OROGRAFIA COMPLESSA. Bruno Bove, Anna Maria Crisci, Lucia Mangiamele, Mario Scarciolla, Lucilla Ticconi Italia Agenzia

Dettagli

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Convegno Gli inventari regionali delle emissioni: l esperienza e i risultati del sistema INEMAR L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Elisabetta Angelino U.O. Modellistica Atmosferica

Dettagli

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl SOMMARIO 1 Premessa...3 2 Inquadramento dell area ed elaborazione dei dati orografici...5 3 Caratterizzazione meteorologica dell area ed elabo-razione dei dati meteo...8 4 Situazione di progetto... 12

Dettagli

RIAT+: uno strumento integrato per la definizione delle politiche ottime di qualità dell aria a scala regionale

RIAT+: uno strumento integrato per la definizione delle politiche ottime di qualità dell aria a scala regionale RIAT+: uno strumento integrato per la definizione delle politiche ottime di qualità dell aria a scala regionale Gianfreda R., Maffeis G., Roncolato D. TerrAria s.r.l., via Melchiorre Gioia132, 20125 Milano

Dettagli

APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici

APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici RAPPORTO TECNICO SULLA APPLICAZIONE DI MODELLISTICA AL BACINO PADANO ADRIATICO Marco Deserti, ARPA Emilia Romagna Stefano Bande, ARPA

Dettagli

Modellazione delle emissioni in atmosfera della centrale termoelettrica Tirreno Power S.p.A. di Vado Ligure: stato dell'attività.

Modellazione delle emissioni in atmosfera della centrale termoelettrica Tirreno Power S.p.A. di Vado Ligure: stato dell'attività. Modellazione delle emissioni in atmosfera della centrale termoelettrica Tirreno Power S.p.A. di Vado Ligure: stato dell'attività. La prima catena modellistica: SAFE_AIR II Nell'ambito di un progetto di

Dettagli

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7.1 LA RETE REGIONALE ESISTENTE La Regione Emilia Romagna ha iniziato le attività di rilevamento sistematico della qualità dell aria nella prima metà degli

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

Aria: quale qualità? Sistema conoscitivo, problemi, sfide.

Aria: quale qualità? Sistema conoscitivo, problemi, sfide. Aria: quale qualità? Sistema conoscitivo, problemi, sfide. Bologna 20-21 marzo 2014 Marco Deserti e Stefano Tibaldi ARPA Emilia - Romagna 6 sessioni, una tavola rotonda, discussioni e commenti, rassegna

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

Evoluzione della rete Regionale di monitoraggio e analisi dei dati delle polveri nel periodo 2005-2010. M. Angelucci, G. Marchetti Arpa Umbria

Evoluzione della rete Regionale di monitoraggio e analisi dei dati delle polveri nel periodo 2005-2010. M. Angelucci, G. Marchetti Arpa Umbria Evoluzione della rete Regionale di monitoraggio e analisi dei dati delle polveri nel periodo 2005-2010 M. Angelucci, G. Marchetti Arpa Umbria Qualità dell Aria Inventario delle emissioni Inventario delle

Dettagli

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria: cosa respiriamo? 4 giugno 2015 Marina Camatini Inquadriamo il problema COS È L INQUINAMENTO DELL ARIA? E una modifica alla normale composizione,

Dettagli

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI, INFIAMMABILI, ODORIGENI

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI, INFIAMMABILI, ODORIGENI OBIETTIVI. ArRISK È UN SISTEMA MODELLISTICO SVILUPPATO PER SIMULARE LA DISPERSIONE IN ATMOSFERA DI AERIFORMI, E PER LA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI IN TERMINI DI TOSSICITA, INFIAMMABILITA E IMPATTO ODORIGENO.

Dettagli

Valutazione della qualità dell aria e zonizzazione del territorio

Valutazione della qualità dell aria e zonizzazione del territorio Assessorato Regionale Territorio e Ambiente Dipartimento Regionale Territorio e Ambiente Valutazione della qualità dell aria e zonizzazione del territorio Luglio 2008 2 INDICE 1 PREMESSA 5 2 QUADRO NORMATIVO

Dettagli

MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE

MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE Alessandro Bertello Rossella Prandi Sommario 1. Finalità dello studio 2. Aggiornamento inventario delle emissioni 3. Gli scenari emissivi

Dettagli

Previsione a supporto della Prevenzione

Previsione a supporto della Prevenzione Previsione a supporto della Prevenzione 19 giugno 2013 ARPA Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente del Friuli Venezia Giulia CRMA Centro Regionale di Modellistica Ambientale crma@arpa.fvg.it

Dettagli

Gli strumenti operativi del Consorzio LAMMA a supporto della Protezione Civile & Esempio su il recente caso di Aulla 2011

Gli strumenti operativi del Consorzio LAMMA a supporto della Protezione Civile & Esempio su il recente caso di Aulla 2011 Gli strumenti operativi del Consorzio LAMMA a supporto della Protezione Civile & Esempio su il recente caso di Aulla 2011 Valerio Capecchi - Giornata di Formazione in Protezione Civile Centro Intercomunale

Dettagli

Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA. Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15 Arzignano. Data: 20 giugno 2014

Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA. Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15 Arzignano. Data: 20 giugno 2014 Progetto: MODELLAZIONE PROGNOSTICA DEL TRASPORTO AEREO E DISPERSIONE INQUINANTI DALLE EMISSIONI Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15

Dettagli

RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003)

RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003) RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003) 1 Autore dei testi ed elaborazioni Anna De Martini Dipartimento di Lecco ARPA Lombardia Tecnico della rete

Dettagli

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI O INFIAMMABILI

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI O INFIAMMABILI OBIETTIVI. ArRISK È UN SISTEMA MODELLISTICO PER L ANALISI DELLE CONSEGUENZE IN ATMOSFERA DI RILASCI TOSSICI O INFIAMMABILI. È DOTATO DI UN INTERFACCIA GRAFICA CHE PERMETTE ALL UTENTE DI PREDISPORRE ED

Dettagli

Discariche e qualità dell aria: modelli predittivi e misure di biogas. Silvia Giamberini TEA Ambiente S.r.l. Consorzio Pisa Ricerche Gruppo TEA

Discariche e qualità dell aria: modelli predittivi e misure di biogas. Silvia Giamberini TEA Ambiente S.r.l. Consorzio Pisa Ricerche Gruppo TEA Discariche e qualità dell aria: modelli predittivi e misure di biogas Silvia Giamberini TEA Ambiente S.r.l. Consorzio Pisa Ricerche Gruppo TEA Produzione e diffusione del biogas Distruzione O 3 stratosferico

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli

LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO.

LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO. LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO Cinzia Perrino CONSIGLIO NAZIONALE delle RICERCHE ISTITUTO sull INQUINAMENTO

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica OGGETTO: STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL BIANCO AMBIENTALE CONNESSO ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana Contratto di Ricerca tra Comune di Brescia e Dipartimento di Elettronica per l Automazione (Università degli Studi di Brescia) Responsabile scientifico: prof. Giovanna Finzi Emissioni dei veicoli in autostrada

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

La qualità dell aria in Lombardia,

La qualità dell aria in Lombardia, La conoscenza della qualità dell aria La qualità dell aria in Lombardia, Pavia, 15 maggio 26 Dott. Angelo Giudici Direttore Settore Aria ARPA Lombardia Il D.Lgs. 351/99 introduce la valutazione integrata

Dettagli

I modelli nella valutazione della qualità dell aria

I modelli nella valutazione della qualità dell aria ANPA Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente I modelli nella valutazione della qualità dell aria RTI CTN_ACE 2/2000 ANPA Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente Dipartimento Stato dell

Dettagli

Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia

Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia Gian Luca Gurrieri Dirigente U.O. Qualità dell aria, emissioni industriali e rumore D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Speciazione in situ e in silico del materiale particolato

Speciazione in situ e in silico del materiale particolato Speciazione in situ e in silico del materiale particolato F. Montanari 1, D. B. Giaiotti 1, E. Baiutti 2, F. Moimas 2 ARPA Friuli Venezia Giulia 1 Centro Regionale di Modellistica Ambientale 2 Dipartimento

Dettagli

VALUTAZIONE D IMPATTO AMBIENTALE

VALUTAZIONE D IMPATTO AMBIENTALE VALUTAZIONE D IMPATTO AMBIENTALE 1 Corso di Formazione su Valutazione d Impatto Ambientale (VIA) Sala Conferenze ISPRA, via V. Brancati 48, Roma - Ottobre 212 QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE COMPONENTE

Dettagli

ANPA. Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente

ANPA. Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente ANPA Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente LINEE GUIDA PER LA SELEZIONE E L'APPLICAZIONE DEI MODELLI DI DISPERSIONE ATMOSFERICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA RTI CTN_ACE 4/2001

Dettagli

L aggiornamento e la parallelizzazione del modello BOLAM nel Sistema Idro-Meteo-Mare. Parte I Il contratto di ricerca ISPRA ISAC-CNR

L aggiornamento e la parallelizzazione del modello BOLAM nel Sistema Idro-Meteo-Mare. Parte I Il contratto di ricerca ISPRA ISAC-CNR L aggiornamento e la parallelizzazione del modello BOLAM nel Sistema Idro-Meteo-Mare Parte I Il contratto di ricerca ISPRA ISAC-CNR Marco Casaioli, Stefano Mariani ACQ-MON Sett. Idrologia COME VOI BEN

Dettagli

I modelli per la valutazione e gestione della qualità dell aria: normativa, strumenti, applicazioni.

I modelli per la valutazione e gestione della qualità dell aria: normativa, strumenti, applicazioni. CTN-ACE Ob Specifico 09.02: Elaborazione di linee guida per la selezione e l uso dei modelli Tk 09.02.03a: Linee guida per la scelta e l uso dei modelli Rapporto 2004 I modelli per la valutazione e gestione

Dettagli

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive ARPAT - Regionale Tutela Qualità dell Aria Dott.ssa Chiara Collaveri Dati IRSE 2007 Che cos è un inventario

Dettagli

Il porto e la città di Trieste: impatti e prospettive sulla qualità dell'aria

Il porto e la città di Trieste: impatti e prospettive sulla qualità dell'aria Il porto e la città di Trieste: impatti e prospettive sulla qualità dell'aria Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente del Friuli Venezia Giulia F. Daris, A. Petrini, T. Pinat, F. Stel (dirtec@arpa.fvg.it)

Dettagli

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Cormons, 27 marzo 2015 La normativa sulla qualità dell ambiente Decreto legislativo. n.

Dettagli

Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464)

Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464) Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464) Palmanova 10/06/2013 Introduzione La stima degli impatti locali delle strade nella città di Palmanova è stata effettuata

Dettagli

GREEN MOBILITY I MERCATI CONSUMER DELLE FLOTTE AZIENDALI Mobilità elettrica: un opportunità per una città sostenibile.

GREEN MOBILITY I MERCATI CONSUMER DELLE FLOTTE AZIENDALI Mobilità elettrica: un opportunità per una città sostenibile. GREEN MOBILITY I MERCATI CONSUMER DELLE FLOTTE AZIENDALI Mobilità elettrica: un opportunità per una città sostenibile Giuseppe Mauri MOBILITÀ ELETTRICA: A CHE PUNTO SIAMO? UNA PRIMA VERA OFFERTA DI VEICOLI

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

Dipartimento Provinciale ARPAV di Padova Via Ospedale, 22 35121 Padova Italy Tel. +39 049 8227801 Fax +39 049 8227810 e-mail: dappd@arpa.veneto.

Dipartimento Provinciale ARPAV di Padova Via Ospedale, 22 35121 Padova Italy Tel. +39 049 8227801 Fax +39 049 8227810 e-mail: dappd@arpa.veneto. Dipartimento Provinciale ARPAV di Padova Via Ospedale, 22 35121 Padova Italy Tel. +39 49 822781 Fax +39 49 822781 e-mail: dappd@arpa.veneto.it Servizio Osservatorio Aria Via Lissa, 6 3171 Venezia Mestre

Dettagli

convegno GREEN MOBILITY I MERCATI CONSUMER E DELLE FLOTTE AZIENDALI Mobilità elettrica: un opportunità per una città sostenibile

convegno GREEN MOBILITY I MERCATI CONSUMER E DELLE FLOTTE AZIENDALI Mobilità elettrica: un opportunità per una città sostenibile convegno GREEN MOBILITY I MERCATI CONSUMER E DELLE FLOTTE AZIENDALI Mobilità elettrica: un opportunità per una città sostenibile Giuseppe Mauri Fiera Milano Rho, 9 maggio 2014 MOBILITÀ ELETTRICA: A CHE

Dettagli

Progetto NINFA-Extended Northern Italy Network to Forecast Aerosol and photochemical pollution Extended

Progetto NINFA-Extended Northern Italy Network to Forecast Aerosol and photochemical pollution Extended Progetto NINFA-Extended Northern Italy Network to Forecast Aerosol and photochemical pollution Extended Sistema integrato a supporto della valutazione e gestione della qualità dell aria in Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Visualizzatore GIS delle emissioni in atmosfera

Visualizzatore GIS delle emissioni in atmosfera Visualizzatore GIS delle emissioni in atmosfera IREA Piemonte Il visualizzatore nasce nell'ambito del progetto finanziato nell ambito del programma "ALps COopertation TRAns-frontier. Obiettivo primario

Dettagli

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Sandro Fuzzi Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima Consiglio Nazionale delle Ricerche Bologna Aerosol atmosferico

Dettagli

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Il Progetto ASI PRIMI PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Nonostante la protezione dell ambiente marino sia di interesse internazionale primario, lo scarico illegale di idrocarburi a mare

Dettagli

[ ] [ ] 5.2. Statistiche descrittive

[ ] [ ] 5.2. Statistiche descrittive traffico nei tratti stradali limitrofi (deficienza non trascurabile data la fitta tessitura che caratterizza la rete stradale mestrina). I dati ottenuti, però, possono fornire una stima del fenomeno ed

Dettagli

GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente

GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente Aggiornamento 20/05/2013 Cod. SWUM_01029_it Sommario 1. Introduzione... 3 1.1. Il modello di calcolo applicato... 3 2. Requisiti

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

Produzione e Validazione. del progetto MINNI. Lina Vitali, Massimo D Isidoro ENEA- UTVALAMB-AIR

Produzione e Validazione. del progetto MINNI. Lina Vitali, Massimo D Isidoro ENEA- UTVALAMB-AIR Produzione e Validazione dei campi Meteorologici nell ambito del progetto MINNI Lina Vitali, Massimo D Isidoro ENEA- UTVALAMB-AIR Incontro ENEA LaMMA Bologna, 27 settembre 212 Il Progetto MINNI http://www.minni.org/

Dettagli

Il sistema Inemar: metodologie e strumenti

Il sistema Inemar: metodologie e strumenti Convegno Gli inventari regionali delle emissioni: l esperienza e i risultati del sistema INEMAR Milano, 21 novembre 2011 Il sistema Inemar: metodologie e strumenti Stefano Caserini ARPA Lombardia Indice

Dettagli

Il Sistema INEMAR. Alessandro Marongiu

Il Sistema INEMAR. Alessandro Marongiu Il Sistema INEMAR Alessandro Marongiu ARPA Lombardia Settore Monitoraggi Ambientali Modellistica qualità dell'aria e inventari inemar@arpalombardia.it Obiettivi di questa sezione Inventari delle emissioni

Dettagli

Monitoraggio di PM2.5 e PM1 in prossimità del termovalorizzatore RSU di Bologna

Monitoraggio di PM2.5 e PM1 in prossimità del termovalorizzatore RSU di Bologna Monitoraggio di PM2.5 e PM1 in prossimità del termovalorizzatore RSU di Bologna Mauro Rossi Responsabile Campagne di Monitoraggio del Progetto Moniter ARPA Emilia-Romagna Progetto Moniter 2007-2011 ORGANIZZAZIONE

Dettagli

I risultati del processo di ottimizzazione della rete di monitoraggio e il controllo qualità dei dati aria

I risultati del processo di ottimizzazione della rete di monitoraggio e il controllo qualità dei dati aria I risultati del processo di ottimizzazione della rete di monitoraggio e il controllo qualità dei dati aria Dr. Alessio De Bortoli, Dr. ssa Giovanna Marson onvegno finale Progetto DOUP 1 novembre 007 La

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA SC11 DIPARTIMENTO DI NOVARA STRUTTURA SEMPLICE SS 11.02

STRUTTURA COMPLESSA SC11 DIPARTIMENTO DI NOVARA STRUTTURA SEMPLICE SS 11.02 STRUTTURA COMPLESSA SC11 DIPARTIMENTO DI NOVARA STRUTTURA SEMPLICE SS 11.2 CAMPAGNE DI MONITORAGGIO QUALITÀ DELL ARIA CON MEZZO MOBILE IN COMUNE DI DOMODOSSOLA 8 GIUGNO 1 LUGLIO 29 RELAZIONE FINALE Redazione

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Studi modellistici di dispersione e degli inquinanti

Studi modellistici di dispersione e degli inquinanti Studi modellistici di dispersione e degli inquinanti Modelli matematici per lo studio della dispersione degli inquinanti in atmosfera Modelli gaussiani Windimula ARIAImpact Modelli gaussiani di nuova generazione

Dettagli

AZIENDA DEI SERVIZI MUNICIPALIZZATI VIA STENICO, 11 38079 TIONE DI TRENTO (TN) Cod. commessa P - 13-001

AZIENDA DEI SERVIZI MUNICIPALIZZATI VIA STENICO, 11 38079 TIONE DI TRENTO (TN) Cod. commessa P - 13-001 Committente AZIENDA DEI SERVIZI MUNICIPALIZZATI VIA STENICO, 11 38079 TIONE DI TRENTO (TN) Oggetto Impianto di cogenerazione a servizio di utenze pubbliche site nel comune di Tione di Trento STUDIO DI

Dettagli

Emissioni degli inceneritori e modelli di ricaduta. Quaderni di Moniter. Collana di documentazione a cura di. Regione Emilia-Romagna

Emissioni degli inceneritori e modelli di ricaduta. Quaderni di Moniter. Collana di documentazione a cura di. Regione Emilia-Romagna Quaderni di Moniter Collana di documentazione a cura di Regione Emilia-Romagna Servizio Comunicazione, Educazione alla sostenibilità Responsabile: Paolo Tamburini Arpa Emilia-Romagna, Area Comunicazione

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Noale Via S. Andrea e via Cerva Periodo di attuazione: 11 gennaio 11 febbraio 2014 13 febbraio 16 marzo 2014 RELAZIONE TECNICA INDICE 1. Introduzione

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

La combustione domestica delle biomasse legnose e qualità dell aria

La combustione domestica delle biomasse legnose e qualità dell aria La combustione domestica delle biomasse legnose e qualità dell aria Guido Lanzani Dirigente U.O. Qualità dell aria - ARPA Lombardia Sommario I dati dall inventario delle emissioni Le evidenze sperimentali

Dettagli

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Partner responsabile Giovanni Cinque Direttore Generale HIMET S.r.l. I Workshop Proge-o RoMA Giovedi 20 marzo 2014 ROMA Principali Obie%vi di OR4 (1)

Dettagli

Il progetto APICE. Verso la mitigazione dell inquinamento atmosferico prodotto da attività portuali a Genova. e in altre città del Mediterraneo.

Il progetto APICE. Verso la mitigazione dell inquinamento atmosferico prodotto da attività portuali a Genova. e in altre città del Mediterraneo. Il progetto APICE. Verso la mitigazione dell inquinamento atmosferico prodotto da attività portuali a Genova e in altre città del Mediterraneo. Il progetto APICE. Verso la mitigazione dell inquinamento

Dettagli

Maind S.r.l Milano P.za L. Da Vinci, 7 20133 Milano C.F. e P.IVA 09596850157 Informazioni: info@maindsupport.it. MMS Calpuff.

Maind S.r.l Milano P.za L. Da Vinci, 7 20133 Milano C.F. e P.IVA 09596850157 Informazioni: info@maindsupport.it. MMS Calpuff. Maind S.r.l Milano P.za L. Da Vinci, 7 20133 Milano C.F. e P.IVA 09596850157 Informazioni: info@maindsupport.it MMS Calpuff Manuale utente Aggiornamento 26/03/2015 Sommario 1. Introduzione... 4 1.1. Novità

Dettagli

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Reggio Emilia Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Chiozza A cura del Servizio Sistemi Ambientali Unità Monitoraggio e Valutazione Qualità dell'aria

Dettagli

Qualità dell Aria Città di Castello

Qualità dell Aria Città di Castello UNI EN ISO 9001:2008* (*) emissione di pareri tecnici ed esecuzione di controlli ambientali. Gestione reti di monitoraggio della qualità dell aria. Gestione reti di monitoraggio quantitativo e qualitativo

Dettagli

4. Zonizzazione provinciale

4. Zonizzazione provinciale 4. Zonizzazione provinciale Alla luce dei nuovi limiti e delle scadenze temporali imposti dal D.M. 2 aprile 2002, n. 60, le Province dovevano effettuare la zonizzazione del territorio sulla base delle

Dettagli