CON IL PATROCINIO DI: DIAMOND SPONSOR GOLD SPONSOR SUPPORTING SPONSOR. ABSTRACT - Le strategie di sviluppo dell e-health

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CON IL PATROCINIO DI: DIAMOND SPONSOR GOLD SPONSOR SUPPORTING SPONSOR. ABSTRACT - Le strategie di sviluppo dell e-health"

Transcript

1 DIAMOND SPONSOR GOLD SPONSOR SUPPORTING SPONSOR ORGANIZZAZIONE Iniziative Sanitarie srl Viale di Val Fiorita, Roma Tel Fax ABSTRACT - Le strategie di sviluppo dell e-health CON IL PATROCINIO DI:

2

3 Le strategie di sviluppo dell e-health: esperienze nazionali e internazionali di cartella clinica elettronica Mestre (VE), novembre 2012 ABSTRACT I N D I C E GIOVEDÌ 29 NOVEMBRE 2012 SESSIONE PLENARIA - PL1 Il governo integrato dell assistenza La gestione dei percorsi assistenziali... pagina 6 Strategia del Ministero della Salute... «7 L impatto del Fascicolo Sanitario Elettronico sulla Programmazione Socio-Sanitaria... «8 SESSIONE PLENARIA - PL2 L informatizzazione dei processi assistenziali: esperienze internazionali La complessità dei sistemi informatizzati per la gestione dei processi assistenziali... «10 Le strategie di sviluppo dell e-health del Kaiser Permanente... «11 Il percorso del Worcestershire Acute Hospitals NHS... «12 VENERDÌ 30 NOVEMBRE 2012 SESSIONE PLENARIA - PL3 L informatizzazione dei processi assistenziali: esperienze nazionali Esperienze di Cartella Clinica Elettronica Azienda ULSS 18 di Rovigo... «14 E.O. Ospedali Galliera di Genova... «15 Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate... «16 ISMETT - Palermo... «17 Fondazione Toscana Gabriele Monasterio... «18 Azienda Ospedaliera di Padova... «19 1

4 SESSIONE PARALLELA - PS1 La gestione operativa degli aspetti normativi Gestione Privacy nei sistemi integrati... «22 CAD «23 SESSIONE PARALLELA - PS2 L integrazione e la continuità dei processi Gestione dei referti e delle consulenze in reparto: criticità e soluzioni... «26 Continuità operativa... «27 Cloud computing in sanità: sfide e opportunità... «28 Esperienze di Cloud computing in un azienda sanitaria... «29 SESSIONI PARALLELE PROVIDER - PR1 L approccio olistico all e-health: un nuovo modello che punta all eccellenza... «32 Cartella oncologica informatizzata: l esperienza dell Istituto Oncologico Veneto, Padova... «33 SESSIONE PARALLELA - PS4 Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Ruolo delle direzioni strategiche... «36 Ruolo del medico... «37 Ruolo dell infermiere... «38 Il ruolo della direzione medica... «39 Ruolo dell IT Manager... «40 Punto di vista della qualità della documentazione... «41 SESSIONE PARALLELA - PS5 Le scelte tecnologiche in corsia Barcode - RFID... «44 Portatili con tastiera o lavagnette... «45 L armadio informatizzato per la gestione della terapia... «46 Rete wireless o fissa: impatti organizzativi... «47 Single sign on... «48 Integrazioni con elettromedicali: soluzioni e tecniche... «49 2

5 SESSIONE PARALLELA - PS6 I sistemi di supporto decisionale Affrontare le principali sfide nell implementazione dei Sistemi di Supporto Decisionale... «52 Sistemi esperti, appropriatezza prescrittiva... «53 Gestione degli errori nei sistemi clinici informatizzati... «54 SESSIONE PARALLELA - PS7 L integrazione dei linguaggi Quanto verticalizzare?... «56 Quanto standardizzare il dato raccolto?... «57 Codifiche e dizionari... «58 Datawarehouse clinico - direzionale... «59 SESSIONI PARALLELE PROVIDER - PR2 Real time surveillance and patient safety: the future of clinical decision making... «62 Cisco Connected Health-Shaping a World of Health without Boundaries... «63 3

6 4

7 Le strategie di sviluppo SESSIONE dell e-health: PLENARIA-PL esperienze 1- Il governo nazionali integrato e internazionali dell assistenza di cartella clinica elettronica GIOVEDÌ 29 NOVEMBRE SESSIONE PLENARIA - PL1 Auditorium Il governo integrato dell assistenza Moderatori: Claudio Dario Azienda ULSS 9 di Treviso Adriano Marcolongo Azienda ULSS 18 di Rovigo 5

8 SESSIONE PLENARIA-PL 1 La gestione dei percorsi assistenziali Spight JL McKinsey In un periodo in cui la spesa sanitaria continua ad aumentare e la crisi economica costringe i governi a contenere i loro budget, i sistemi sanitari devono assicurarsi che i loro investimenti producano i migliori risultati possibili. In tale contesto, raccogliere ed interpretare dati sulla qualità della cure, i risultati clinici e le risorse assegnate alla gestione dei processi clinico-assistenziali diventa essenziale per assicurare l efficienza e la sostenibilità dei servizi offerti ai cittadini. I sistemi sanitari in Italia e all estero stanziano già risorse per lo sviluppo di sistemi ed infrastrutture per l analisi dei dati sanitari. Tuttavia, in molti casi, tali dati non sono utilizzati in maniera efficace per migliorare la qualità delle cure e ridurre i costi della gestione dei percorsi assistenziali. In tal senso, è necessario identificare un modo più intelligente, veloce ed economico per trasformare tali dati in informazioni che possano influenzare i processi decisionali. Migliorare l informazione sui percorsi assistenziali e di conseguenza i risultati raggiunti richiede innanzitutto che la raccolta dati si focalizzi sul paziente e non sul sistema sanitario. Uno strumento analitico che sia efficace nel migliorare le performance lungo i percorsi assistenziali deve includere le seguenti componenti: avere accesso diretto a varie fonti di dati; integrare i dati che si riferiscono ad un unico paziente; elaborare i dati in modo che diventino informazioni utili; fornire accesso sicuro a queste informazioni. Questa tecnologia può essere usata per sviluppare ed assegnare priorità ad interventi assistenziali che siano efficaci dal punto di vista dei costi e che siano mirati ai pazienti che più ne hanno bisogno. 6

9 SESSIONE PLENARIA-PL 1- Il governo integrato dell assistenza SESSIONE PLENARIA-PL 1 Strategia del Ministero della Salute Di Minco L Ministero della Salute Scopo dell intervento è illustrare come i dati e gli strumenti di lettura del patrimonio informativo messi a disposizione nell ambito del Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS), realizzato dal Ministero della salute, possano supportare il bilanciamento LEA- Costi ai diversi livelli del SSN, in particolare nell ottica di fornire risposte adeguate ai bisogni sanitari, socio-sanitari ed assistenziali della popolazione. Nell ambito dell intervento viene illustrato il contesto di riferimento nazionale, con particolare riferimento al trend crescente di invecchiamento della popolazione ed il conseguente progressivo aumento delle patologie a carattere cronico-degenerativo. Viene quindi posta in evidenza la necessità di una capacità di governance del paziente cronico in chiave sia programmatica che gestionale, rispetto alla quale una risposta può essere fornita dall informatizzazione dei processi clinico-assistenziali. L informatizzazione di tali processi e la raccolta dei dati da essi generati, nell ambito del NSIS, consente di analizzare e valutare l adeguatezza del servizio sanitario nel suo complesso per quanto attiene la capacità di fornire risposte adeguate ai pazienti cronici. Viene infine esplicitato che la lettura integrata di tali informazioni può supportare una capacità di risposta efficace ed appropriata ai bisogni sanitari, socio-sanitari ed assistenziali della popolazione perseguendo, al contempo, la sostenibilità del SSN. 7

10 SESSIONE PLENARIA-PL 1 L impatto del Fascicolo Sanitario Elettronico sulla programmazione socio sanitaria Bortolan F Regione Veneto Il patrimonio informativo socio sanitario della Regione del Veneto rappresenta la fonte principale dei dati necessari a supportare l adempimento delle funzioni di indirizzo e coordinamento, programmazione e controllo, mission della Segreteria Regionale per la Sanità. Il datawarehouse socio sanitario Regionale è lo strumento tecnico finalizzato a raccogliere e pubblicare i predetti dati che, a seguito di opportune elaborazioni e un processo di anonimizzazione, divengono informazioni di supporto ai fini programmatori per tutti gli Attori Regionali e Aziendali. Tale strumento ha nel tempo subito una importante evoluzione, passando da mero contenitore di dati amministrativi, a soggetto certificatore di informazioni di carattere contabile, organizzativo e clinico. L evoluzione delle tecnologie presenti e la ricchezza delle basi di dati alimentate all interno delle Aziende Socio Sanitarie, in associazione con l ambizioso Progetto Regionale di sviluppo del Fascicolo Sanitario Elettronico, arricchiranno il patrimonio informativo di una componente clinica sempre più dettagliata che, oltre a garantire la diffusione controllata delle informazioni sul Paziente, assicurando allo stesso un migliore supporto alla cura, rappresenterà per la Segreteria lo strumento principale per lo studio della appropriatezza clinica, l individuazione delle migliori pratiche disponibili nel Territorio Regionale, la coniugazione del mantenimento/miglioramento degli standard socio sanitari con l ottimizzazione della spesa. 8

11 SESSIONE PLENARIA-PL 1- Il governo integrato dell assistenza GIOVEDÌ 29 NOVEMBRE SESSIONE PLENARIA - PL2 Auditorium L informatizzazione dei processi assistenziali: esperienze internazionali Moderatori: Walter Bergamaschi AO Ospedale Niguarda Ca Granda - Milano Giovanni Pilati Azienda ULSS 18 di Rovigo 9

12 SESSIONE PLENARIA-PL 2 La complessità dei sistemi informatizzati per la gestione dei processi assistenziali The complexity of IT systems for healthcare processes management Buddrus U Himss Analytics Europe The presentation will start with a description of the general aspects of complexity in Healthcare IT and the complexity of EMR adoption, giving a brief introduction to HIMSS Analytics European EMR Adoption Model. The main objective is to introduce some key healthcare IT concepts for complex healthcare processes management together with an indication of the current state of use in Europe based on latest research results from HIMSS Analytics Europe. Concepts under review are: CLMA Closed Loop Medication Administration CDSS Clinical Decision Support Systems mhealth use of mobile technology in healthcare and the acute hospital setting CDMS Chronic Disease Management Systems 10

13 SESSIONE PLENARIA-PL 2- L informatizzazione dei processi assistenziali: esperienze internazionali SESSIONE PLENARIA-PL 2 Le strategie di sviluppo dell e-health del Kaiser Permanente Cochran J Kaiser Permanente An effective health information system is one of the key enablers for delivering highquality, coordinated, affordable care. However, information technology by itself does not result in transformation. Dr. Jack Cochran, Executive Director of The Permanente Federation at Kaiser Permanente, will address the role of e-health in creating value in health care. He will describe Kaiser Permanente s experience in developing a comprehensive health information system and explain how data is managed, utilized, and shared across the care delivery system (from primary care to specialty care to pharmacy to hospitals) to improve care outcomes. Additionally, Dr. Cochran will discuss how Kaiser Permanente practices team-based care with the support of population care tools. Kaiser Permanente comprising the Kaiser Foundation Health Plan, Kaiser Foundation Hospitals, and Permanente Medical Groups in eight regions is the largest nonprofit integrated health care delivery system in the United States. Kaiser Permanente HealthConnect is Kaiser Permanente s comprehensive health information system, which includes one of the most advanced electronic health records available. It securely connects 9 million people to their health care teams, their personal health information, and the latest medical knowledge, leveraging the integrated approaches to health care. 11

14 SESSIONE PLENARIA-PL 2 Il percorso del Worcestershire Acute Hospitals NHS The need for EPMA as part of a comprehensive EPR solution; a UK NHS Trust s viewpoint Ishaq A Worcestershire Acute Hospitals NHS Trust Worcestershire Acute Hospitals NHS Trust (WAHT) is on a journey to ensure that all patient care episodes are easily recorded, and as part of the recording process are easily measurable. To do this successfully requires the use of IT enabling systems that feed into the EPR, of which the Trust has a growing suite including PAS, PACS, scanned historic case notes and pathology results. For all patients admitted into hospital, the prescribing and administering of medicines forms a vital part of their management, therefore this information is fundamental in forming a complete EPR. Electronic prescribing and medicines administration (EPMA) is being implemented at WAHT primarily to improve patient safety by reducing the number of medicines errors and improving communication around medicines. However, as part of the implementation and development process additional benefits are being realised that will provide a more comprehensive EPR. These include improved allergy recording, more efficient methods to audit patient outcomes, real-time discharge information and bed-capacity status, as well as improved communication between the secondary and primary care interface. Financial benefits of an extensive EPR will allow patient-level costing, contribute to discounted negligence premiums and enable full payment recovery from quality improvement goals set by commissioners. 12

15 SESSIONE PLENARIA-PL 3- L informatizzazione dei processi assistenziali: esperienze nazionali VENERDÌ 30 NOVEMBRE SESSIONE PLENARIA - PL3 Auditorium L informatizzazione dei processi assistenziali: esperienze nazionali Moderatori: Mariano Corso Politecnico di Milano Claudio Saccavini Consorzio Arsenàl.IT 13

16 SESSIONE PLENARIA-PL 3 Esperienze di Cartella Clinica Elettronica: Azienda ULSS 18 di Rovigo Gasparetto A Azienda ULSS 18 di Rovigo Ogni progetto per l implementazione della Cartella Clinica Elettronica all interno di realtà ospedaliere complesse, deve affrontare sfide importanti e riconducibili prevalentemente alle seguenti categorie: Analisi e revisione dei processi assistenziali; Gestione del progetto; Formazione del personale assistenziale; Adozione nella pratica clinica delle tecnologie rese disponibili. L esperienza maturata all Azienda ULSS 18 di Rovigo nello sviluppo della Cartella Clinica Elettronica, attualmente utilizzata in tutte le strutture operative dei due presidi ospedalieri di Rovigo e Trecenta, permette di evidenziare quanto precedentemente descritto. Lo strumento informatico in uso, risultato dell integrazione di software differenti (Anagrafe, CUP, Pronto Soccorso, ADT, Diario Medico e Infermieristico, LIS, RIS, CIS, PACS, CDSS, Trasfusionale, OE, Gestione Sale Operatorie, Prescrizione Elettronica, Anatomia Patologica, Cartellino Ambulatoriale, Monitoraggio, ecc.), consente infatti la completa gestione del paziente ricoverato e ambulatoriale, dagli eventi antecedenti ad un episodio di ricovero (pronto soccorso o pre - ricovero), fino a quelli successivi allo stesso (post ricovero), nonché per tutti gli eventi di contatto del paziente con la struttura sanitaria. L importanza della disponibilità delle informazioni gestite digitalmente ha evidenziato la necessità di attuare le adeguate modalità tecnico - organizzative per garantire l accessibilità costante a tutti i dati utili alla diagnosi e cura del paziente. L eterogeneità del gruppo di progetto, composto da una componente tecnica e una sanitaria, il forte commitment del top management aziendale e l elevato orientamento agli obiettivi sono stati i principali componenti che hanno consentito il successo del progetto ed in particolare la gestione e l attuazione degli adeguati cambiamenti organizzativi, propedeutici all informatizzazione dei diversi processi clinico - assistenziali coinvolti. La creazione di un modello per l archiviazione digitale di tutte le informazioni gestite durante un episodio di ricovero crea, infine, i presupposti per la completa digitalizzazione delle informazioni cliniche e per contribuire alla costituzione del Fascicolo Socio-Sanitario del Cittadino. 14

17 SESSIONE PLENARIA-PL 3- L informatizzazione dei processi assistenziali: esperienze nazionali SESSIONE PLENARIA-PL 3 Esperienze di Cartella Clinica Elettronica: E.O. Ospedali Galliera di Genova Lagostena A E.O. Ospedali Galliera di Genova Premessa di una gestione efficace ed efficiente dei diversi diversi percorsi sanitari (degenza nei diversi livelli assistenziali, day hospital, day surgery, pronto soccorso, ambulatori, blocchi operatori, studi medici fino al domicilio del paziente) è la possibilità di poter gestire digitalmente (ricercare, consultare, richiedere, essere informati non appena un documento sanitario è disponibile) tutta la documentazione clinica ed assistenziale di un paziente. L insieme dei documenti clinici ed assistenziali del paziente, gestito informaticamente da tutti gli attori sanitari altro non è che la trasposizione in digitale della cartella clinica, laddove per cartella si intende appunto un contenitore, che sulla base dei filtri di ricerca può essere specialistica, di degenza, di p.s., fino ad includere tutta la vita sanitaria di un individuo. L Ospedale Galliera ha condotto un esperienza di innovazione tecnologica, ma soprattutto organizzativa (dalla disponibilità di un infrastruttura abilitante si deve passare all utilizzo effettivo) che ha consolidato, in un percorso progressivo, l utilizzo pressoché esclusivo degli strumenti digitali per gestire la documentazione clinica trasversalmente in tutto l ospedale, in un processo che ha integrato tutti gli attori (produttori, richiedenti, reparti di degenza, pronto soccorso). 15

18 SESSIONE PLENARIA-PL 3 Esperienze di Cartella Clinica Elettronica: Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate Delgrossi G Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate La Cartella Clinica Elettronica viene solitamente applicata in modo compiuto ad alcuni ambiti clinici ristretti e mono specialistici. L Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate ha voluto applicare la Cartella Clinica Elettronica a tutti gli episodi di ricovero ospedaliero di tutti i reparti di degenza di ciascuna delle sue strutture ospedaliere (Vimercate, Desio e Seregno). L applicazione di un sistema di Cartella Clinica Elettronica omogeneo in tutti i reparti ospedalieri, seppure mantenendo le specificità delle differenti realtà cliniche specialistiche, rappresenta una innegabile leva verso il reale cambiamento del modello di accesso e condivisione dei dati clinici dei pazienti. La possibilità di accedere da ogni posto di lavoro, Personal Computer, Tablet PC o altro a tutti i dati clinici di un paziente in tempo reale, in modalità concorrente ed integrata velocizza la comunicazione tra le diverse figure professionali di area clinica e può ottimizzare lo svolgimento di alcuni processi fondamentali per la gestione clinica delle pratiche di ricovero ospedaliero. I benefici in termini di velocità, condivisione ed ottimizzazione diventano maggiormente evidenti maggiore è il numero degli operatori, reparti ed ospedali cui il sistema viene applicato. L esperienza di Vimercate dimostra, inoltre, che lo scoglio maggiore è rappresentato non dagli aspetti tecnici, la cui cura e definizione è di importanza fondamentale, ma dalla definizione e risoluzione delle problematiche organizzative che necessariamente bisogna affrontare durante l applicazione della Cartella Clinica Elettronica. Vengono presentati i risultati ottenuti in termini di ottimizzazione dei processi ed in relazione al modello di diffusione adottato che ha permesso, sino ad oggi, di applicare la Cartella Clinica Elettronica ad oltre 30 reparti di degenza. 16

19 SESSIONE PLENARIA-PL 3- L informatizzazione dei processi assistenziali: esperienze nazionali SESSIONE PLENARIA-PL 3 Esperienze di Cartella Clinica Elettronica: ISMETT - Palermo Piazza T ISMETT - Palermo In ISMETT la cartella clinica elettronica riveste un ruolo centrale all interno dei sistemi informativi a servizio dell ospedale. Nella sua implementazione e nel suo continuo aggiornamento sono stati investiti - sin dall apertura dell Istituto - notevoli sforzi che hanno consentito di raggiungere una gestione del paziente che non prevede l utilizzo della documentazione cartacea. Oggi il personale clinico - utilizzando le postazioni installate in ospedale o i terminali wireless di è dotato - può verificare lo stato di salute del paziente controllando gli esami di laboratorio, i referti radiologici, la terapia farmacologica e le note dei colleghi che cooperano nell assistenza al paziente. La cartella clinica elettronica gioca un ruolo centrale nel sistema informatico ospedaliero di ISMETT rappresentando l unico punto di accesso alle informazioni cliniche del paziente. In essa sono registrati i risultati di laboratorio, gli ordini medici, i referti delle consulenze dei vari servizi diagnostici e, in generale, tutti gli eventi importanti per la cura del paziente in maniera trasversale alle varie tipologie di regimi clinico-sanitari di accesso e ai vari processi di cura. L introduzione dei nuovi strumenti informatici e il continuo supporto dell Information Technology al miglioramento dei processi aziendali ha consentito ad ISMETT di diventare uno dei primi esempi europei di ospedali digitali e paperless sia dal punto di vista clinico che amministrativo. 17

20 SESSIONE PLENARIA-PL 3 Esperienze di Cartella Clinica Elettronica: Fondazione Toscana Gabriele Monasterio Dalmiani S Fondazione Toscana Gabriele Monasterio Negli ospedali di ricerca e cura della Fondazione CNR/Regione Toscana G.Monasterio (FTGM) il paziente è al centro di un sistema multidisciplinare che offre i più moderni ed appropriati percorsi preventivi, diagnostico-terapeutici e riabilitativi in campo cardiovascolare e pneumologico, grazie al supporto dei sistemi ICT. Negli ospedali e nei laboratori di FTGM è in uso da 14 anni un sistema informatico clinico per la gestione della diagnosi e cura dei pazienti affetti da patologie cardiopolmonari. Il sistema è stato sviluppato dai ricercatori informatici all interno di un progetto di ricerca applicata svolto negli anni , ed il suo sviluppo è continuato negli anni adottando le più moderne tecniche in via sperimentale e consolidando i 92 sistemi informatici che compongono, in una integrazione informatica globale, il sistema sanitario in uso. Le integrazioni dei sistemi costituiscono una componente cruciale del sistema virtualmente unico, e in quest ottica si è cercato di sostenere l adozione di standard di comunicazione quali HL7 e DICOM, definendo contestualizzazioni locali e nazionali. Il sistema è stato rilasciato con licenza Open Source LGPL nel 2007, ed è in via di iscrizione al catalogo del Riuso della Pubblica Amministrazione. 18

21 SESSIONE PLENARIA-PL 3- L informatizzazione dei processi assistenziali: esperienze nazionali SESSIONE PLENARIA-PL 3 Esperienze di Cartella Clinica Elettronica: Azienda Ospedaliera di Padova De Nardi P Azienda Ospedaliera di Padova Vengono riportati i dati di reale utilizzo della cartella clinica nei quattro ospedali di Padova con dettaglio delle unità operative attivate, le funzionalità in uso ed il numero di ricoveri gestiti informaticamente. Vengono evidenziate le criticità incontrate e gli strumenti tecnologici prerequisito all uso delle applicazioni software. Viene sottolineata l importanza della Business Intelligence come stumento di analisi dei dati clinici generati dalla cartella clinica e come controllo di avanzamento del progetto. Particolare attenzione viene posta alla necessità del coordinamento di tutte le funzioni aziendali. 19

22 20

23 SESSIONE PLENARIA-PL 3- L informatizzazione dei processi assistenziali: esperienze nazionali VENERDÌ 30 NOVEMBRE Sessione parallela - PS1 Auditorium La gestione operativa degli aspetti normativi Moderatore: Ugo Volpato Regione Veneto 21

24 SESSIONE PARALLELA - PS1 Gestione Privacy nei sistemi integrati Sartori L Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari - Trento L intervento illustra la stato dell arte dell applicazione delle normative in materia di privacy nei sistemi informativi del Servizio Sanitario Provinciale del Trentino. L esposizione si articola in tre parti e approfondisce, in un contesto sanitario ad alta informatizzazione, le seguenti tematiche: l organizzazione e la messa a punto di meccanismi condivisi di gestione degli aspetti di sicurezza e privacy nei percorsi assistenziali delle strutture pubbliche ed accreditate del servizio sanitario provinciale del Trentino; i professionisti sanitari e la gestione della privacy in un contesto di integrazione dei sistemi informativi; il lato del cittadino con l attivazione del fascicolo sanitario elettronico (sistema TreC Cartella Clinica del Cittadino Trentino). Vengono approfonditi i meccanismi di implementazione della normativa 196/2003 e delle successive direttive del Garante della Privacy quali aggiornamento delle informative, gestione del consenso generale e di contatto, disciplinari per responsabili esterni e contitolari, Gruppi multi professionali di riferimento quali Gruppo Privacy e SICO, formazione verso incaricati e responsabili, audit su misure di sicurezza. Vengono esposti i livelli di utilizzo dei principali sistemi informativi, i meccanismi di condivisione tra i professionisti delle strutture del servizio sanitario (ospedale, servizi territoriali, medici di medicina generale, strutture accreditate, RSA, farmacie, etc.) e i sistemi di gestione dei consensi e delle misure di sicurezza nei percorsi di diagnosi e cura degli assistiti. 22

25 SESSIONE PARALLELA-PS1- La gestione operativa degli aspetti normativi SESSIONE PARALLELA-PS1 CAD 2010 Mantelero A Politecnico Torino Il processo di digitalizzazione della pubblica amministrazione è in corso da diversi anni ed ha conosciuto varie fasi. In tale panorama si inserisce, fra le altre fonti normative già esistenti, il d. lgs. 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell amministrazione digitale). L articolato disciplina una molteplicità di aspetti correlati all impiego delle tecnologie ICT nei rapporti fra amministrazioni e fra amministrazioni e cittadini. Due sono tuttavia gli ambiti che maggiormente assumono rilevanza in termini strutturali: la formazione e gestione del documento informatico, da un lato, e la sicurezza dei dati, dall altro. Poiché infatti l attività amministrativa si basa sulla centralità degli atti della PA, ne consegue che i criteri per la formazione degli stessi ricorrendo all impiego di mezzi digitali, unitamente alle tecniche e gli accorgimenti procedurali funzionali alla conservazione e messa in sicurezza delle informazioni, costituiscono i punti cardine del passaggio verso un amministrazione digitale orientata alla dematerializzazione degli atti. In questa prospettiva verranno trattati i caratteri salienti del documento digitale e le implicazioni conseguenti sulla formazione e conservazione dello stesso, nonché, muovendo dal valore dei dati pubblici, verranno presi in considerazione i diversi profili della sicurezza delle informazioni e della continuità operativa. 23

26 24

27 SESSIONE PARALLELA -PS2- L integrazione e la continuità dei processi VENERDÌ 30 NOVEMBRE Sessione parallela - PS2 Aula Verde L integrazione e la continuità dei processi Moderatore: Paolo De Pieri Azienda ULSS 18 di Rovigo 25

28 SESSIONE PARALLELA A-PS2 Gestione dei referti e delle consulenze in reparto: criticità e soluzioni Gementi MG Azienda ULSS 18 di Rovigo La sostituzione delle richieste e dei referti cartacei con l informatica è apparso nella sua applicazione molto più complesso rispetto alla semplice gestione delle agende ambulatoriali per esterni (CUP). In particolare è necessario ottimizzare l operatività al fine di consentire al personale sanitario di effettuare una richiesta informatizzata e di verificare tempestivamente la disponibilità del referto all interno della Cartella Clinica Elettronica del paziente. L attività svolta per la gestione delle richieste di consulenza/prestazioni strumentali informatizzate ha comportato: La riorganizzazione dell attività degli erogatori interni con l individuazione di un responsabile della gestione delle richieste di consulenza ricevute; L individuazione, a livello di ogni reparto richiedente, delle figure sanitarie incaricate nella gestione delle richieste; Un intensa attività di formazione, tutoraggio nell utilizzo della procedura per la gestione delle richieste e la configurazione della stessa al fine di garantire l adeguata accessibilità alle informazioni del singolo paziente. Per quanto riguarda invece la gestione dei referti (del consulente o di indagini strumentali) è stata riscontrata l importanza di aggregare le informazioni relative ai risultati diagnostici non solamente in riferimento al singolo paziente bensì in una modalità che consenta l immediata visibilità al personale medico di tutto l insieme dei pazienti trattati dall equipe al fine di assicurare una tempestiva e sicura decisione clinica. 26

29 SESSIONE PARALLELA -PS2- L integrazione e la continuità dei processi SESSIONE PARALLELA -PS2 Continuità operativa Colombo PMA Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate La sempre più spinta informatizzazione dei processi clinici ha fatto acuite la sensibilità e l attenzione verso avvenimenti avversi che possono compromettere l accessibilità temporanea alle informazioni o nei casi peggiori la loro perdita. Prevedere e pianificare gli eventi non attesi e non desiderati è un attività di cui le organizzazioni sia pubbliche che private dovranno porre attenzione tramite un programma di continuità operativa. Con continuità operativa ci si riferisce all insieme di attività volte a minimizzare gli effetti distruttivi, o comunque dannosi, di un evento che ha colpito un organizzazione o parte di essa, garantendo la continuità delle attività essenziali. La sfera di interesse della continuità operativa va oltre il solo ambito informatico, interessando l intera funzionalità di un organizzazione. Dal 2006, presso l Azienda Ospedaliera di Vimercate, ha preso avvio l informatizzazione e la dematerializzazione della documentazione clinico assistenziale di tutte le unità operative di degenza. A partire dal 2009 l introduzione della cartella clinica informatizzata ha sostituito completamente la documentazione cartacea in tutti i reparti dell ospedale. Con un sistema completamente digitalizzato come fare a garantire l accesso ai dati sempre e ovunque?, cosa fare in caso di blocco totale dei sistemi?, come calcolare il tempo necessario a ripristinare il corretto funzionamento dei sistemi? La creazione di piano di continuità operativa è stata la soluzione. 27

TECNOLOGIE IN CORSIA ESPERIENZE SUL CAMPO. Ing. Elio SOLDANO Direttore U.O.C. Servizio per l Informatica AZIENDA ULSS 9 DI TREVISO

TECNOLOGIE IN CORSIA ESPERIENZE SUL CAMPO. Ing. Elio SOLDANO Direttore U.O.C. Servizio per l Informatica AZIENDA ULSS 9 DI TREVISO TECNOLOGIE IN CORSIA ESPERIENZE SUL CAMPO Ing. Elio SOLDANO Direttore U.O.C. Servizio per l Informatica AZIENDA ULSS 9 DI TREVISO L Azienda ULSS n.9 di Treviso 420.000 assistibili 37 comuni 4 distretti

Dettagli

Esperienze di Cartella Clinica Elettronica Azienda ULSS 18 di Rovigo. Alessio Gasparetto IT Project Manager Engineer

Esperienze di Cartella Clinica Elettronica Azienda ULSS 18 di Rovigo. Alessio Gasparetto IT Project Manager Engineer Esperienze di Cartella Clinica Elettronica Azienda ULSS 18 di Rovigo Alessio Gasparetto IT Project Manager Engineer Agenda 1 Obiettivi strategici 2 Metodologia 3 Risultati 4 Conclusioni Agenda 1 Obiettivi

Dettagli

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA Il percorso di adozione del Fascicolo Sanitario Elettronico in Italia Lidia Di Minco Direttore Ufficio Nuovo Sistema Informativo

Dettagli

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità:

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità: Sanità digitale Il completamento dell informatizzazione dell area clinico-sanitaria, la dematerializzazione della documentazione clinica e l accessibilità alle informazioni ed ai servizi da qualsiasi punto

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

FSEr: il percorso della Regione del Veneto

FSEr: il percorso della Regione del Veneto FSEr: il percorso della Regione del Veneto D R. S S A N A D I A R A C C A N E L L O S E Z I O N E C O N T R O L L I G O V E R N O E P E R S O N A L E S S R S E T T O R E S I S T E M A I N F O R M A T I

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale I dati da cui partire: Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale Tutti i cittadini lombardi hanno ricevuto la loro CRS-SISS oltre IL 90

Dettagli

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future Dott. Pietro Paolo Faronato Direttore Generale Azienda ULSS 1 Belluno Padova, 27 settembre 2013 1 Verso la Sanità Digitale Sanità

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

ICT per la Sanità in Emilia Romagna

ICT per la Sanità in Emilia Romagna ICT per la Sanità in Emilia Romagna Roma, 18 maggio 2012 L innovazione digitale per la sostenibilità del SSN 2 giornata nazionale della sanità elettronica Cabina di Regia 22 Maggio 2008 0 Sommario Vision,

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione Verso la cartella clinica elettronica: standard internazionali e piattaforme aperte in informatica sanitaria Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

Gestione degli errori nei sistemi clinici informatizzati. Paolo Zilioli ICT Manager Business Application Direzione Centrale ICT IEO / CCM

Gestione degli errori nei sistemi clinici informatizzati. Paolo Zilioli ICT Manager Business Application Direzione Centrale ICT IEO / CCM Gestione degli errori nei sistemi clinici informatizzati Paolo Zilioli ICT Manager Business Application Direzione Centrale ICT IEO / CCM L Istituto Europeo di Oncologia Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015 Tre giorni di incontri e appuntamenti sulla trasformazione del sistema della salute in chiave digitale UN PROGETTO DI CON IL PATROCINIO DI IN COLLABORAZIONE CON CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCIE

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie

ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie Convegno del 27/11/2013 L impatto dei sistemi di Patient Relationship Management (PRM): l esperienza nei Paesi Baschi Relatore: Roberto Giordano - Accenture Leadership,

Dettagli

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi La proposta del Ministero: un Registro Italiano delle Fratture da Fragilità (RIFF) Rossana Ugenti Direttore

Dettagli

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 Il progetto di sviluppo del sistema informativo nell Azienda Ospedaliera di Legnano Claudio Caccia Responsabile Staff Sistemi Informativi

Dettagli

Convegno Annuale AISIS. Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile

Convegno Annuale AISIS. Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile Convegno Annuale AISIS Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile Milano, 23 novembre 2012 Nhow Hotel Accenture negli anni ha sviluppato un importante presenza in

Dettagli

Implementare una Cartella Clinica Elettronica

Implementare una Cartella Clinica Elettronica Implementare una Cartella Clinica Elettronica Francesco Pensalfini Responsabile Sistemi Informativi Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Cartella

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Informatizzazione delle strutture:

Informatizzazione delle strutture: Informatizzazione delle strutture: 9 anni di esperienza e Rete Oncologica Trentina Enzo Galligioni Oncologia Medica, Trento 1 Assistenza sanitaria in Trentino: Peculiarità organizzative Provincia Autonoma

Dettagli

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera Le pagine seguenti riportano i Principi Europei della Farmacia Ospedaliera. Tali principi descrivono gli impegni comuni che ciascun sistema sanitario europeo

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP)

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP) Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Tra diritto del paziente alla riservatezza ed utilità della condivisione del dato sanitario Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO.

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. dott. Antonio Compostella Direttore ARSS del Veneto Verona, 15.12.2008 Contesto

Dettagli

ADOZIONE DEL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO

ADOZIONE DEL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO REGIONE BASILICATA ADOZIONE DEL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO DIPARTIMENTO POLITICHE DELLA PERSONA Genesi: progetto RMMG Il progetto LUMIR prende vita dal Programma generale Rete dei Medici di Medicina

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia ing. Vito Bavaro email: v.bavaro@regione.puglia.it Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi Servizio Accreditamento

Dettagli

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto Stefania Franciolini, Direttore U.O. Servizio Assistenza Infermieristica Territoriale Simonetta Tamburini,

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda Giovedì 2 ottobre 2008 Obiettivo Il progetto Sistema informativo sanitario

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte del Servizio Sanitario Nazionale.

Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte del Servizio Sanitario Nazionale. Paolo Zilioli Sistemi Informativi Istituto Europeo di Oncologia Roma Fortum PA - 2011 Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte

Dettagli

Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013. L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario»

Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013. L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario» Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013 L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario» Chiara Penello Decreto Crescita 2.0 (DL 179/2012 conv. in Legge n.

Dettagli

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA INDICE AMBITO LEGALE-REGOLATORIO-CLINICO PAG. 2 AMBITO FORMATIVO-CULTURALE-ORGANIZZATIVO PAG. 3 FINANZIAMENTO E RIMBORSABILITÀ DELLE PRESTAZIONI PAG. 4

Dettagli

La continuità operativa in azienda: concetti base e l esempio di Vimercate Paolo Colombo Responsabile Sicurezza Sistemi Informativi Azienda

La continuità operativa in azienda: concetti base e l esempio di Vimercate Paolo Colombo Responsabile Sicurezza Sistemi Informativi Azienda La continuità operativa in azienda: concetti base e l esempio di Vimercate Paolo Colombo Responsabile Sicurezza Sistemi Informativi Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate Cosa è la continuità operativa

Dettagli

Innovazione e performance nella gestione della Supply Chain in sanità: esempi nazionali ed internazionali a confronto

Innovazione e performance nella gestione della Supply Chain in sanità: esempi nazionali ed internazionali a confronto Innovazione e performance nella gestione della Supply Chain in sanità: esempi nazionali ed internazionali a confronto di Paola Boscolo * Isabella Giusepi*, Marta Marsilio** e Stefano Villa*** * Ricercatrice,

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Mattone Patient File 19 giugno 2007 Principi generali sul Fascicolo Sanitario

Dettagli

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR Le reti per il miglioramento della qualità e dell efficienza dell assistenza Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR il sistema sanitario non è un sistema non è un sistema

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Agenda digitale italiana Sanità digitale

Agenda digitale italiana Sanità digitale Agenda digitale italiana Sanità digitale Paolo Donzelli Ufficio Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione tecnologica Presidenza del

Dettagli

«L Agenda Digitale e l interconnessione col SSN»

«L Agenda Digitale e l interconnessione col SSN» «L Agenda Digitale e l interconnessione col SSN» Ing. Stefano van der Byl DIGITAL AGENDA FOR EUROPE Indicator (including breakdown and unit) for acute hospitals Broadband connection > 50Mbps (in % of hospitals)

Dettagli

ADOZIONE DI UNA CARTELLA CLINICA INFORMATIZZATA PRESSO LA S.C. DI P.S

ADOZIONE DI UNA CARTELLA CLINICA INFORMATIZZATA PRESSO LA S.C. DI P.S A.S.L. TO 2 NORD ADOZIONE DI UNA CARTELLA CLINICA INFORMATIZZATA PRESSO LA S.C. DI P.S. AL FINE DI MIGLIORARE LA REGISTRAZIONE DEL PERCORSO CLINICO - ASSISTENZIALE DELLA PERSONA ASSISTITA GRUPPO DI PROGETTO

Dettagli

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Affrontare le sfide del sistema socio-sanitario I sistemi socio-sanitari sono

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

E-health. 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi. L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati del paziente

E-health. 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi. L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati del paziente CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale E-health 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati

Dettagli

Alberto Bellocco. ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile

Alberto Bellocco. ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Alberto Bellocco ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Alberto Bellocco ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Copyright 2015 Edizioni del Faro Gruppo

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

e-health: cartella clinica elettronica

e-health: cartella clinica elettronica Obiettivi di Piano 2010 e-health: cartella clinica elettronica Dr. Raffaele Di Lorenzo Centro Regionale di Neurogenetica Lamezia Terme 15 giugno 2013 Cartella Clinica Elettronica Cartella Clinica Elettronica

Dettagli

suite Sistema Ris Pacs

suite Sistema Ris Pacs 3D suite 2D 4D Sistema Ris Pacs Sistema Ris Pacs per l archiviazione di immagini diagnostiche digitali I sistemi informativi sono il pilastro sul quale si basa l organizzazione delle strutture che operano

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

I SISTEMI GESTIONALI INTEGRATI IN SANITA PROGRESSI TECNOLOGICI ED IGNORANZA DEGLI UTENTI

I SISTEMI GESTIONALI INTEGRATI IN SANITA PROGRESSI TECNOLOGICI ED IGNORANZA DEGLI UTENTI INFORMATICA IN SANITA' MIGLIORARE L INFORMAZIONE PER MIGLIORARE LA SALUTE Milano, 17 Novembre 2010 I SISTEMI GESTIONALI INTEGRATI IN SANITA PROGRESSI TECNOLOGICI ED IGNORANZA DEGLI UTENTI Luca Pinna Pintor,

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale n. 4 Chiavarese. Azienda Ospedaliera Villa Scassi-Genova

Azienda Sanitaria Locale n. 4 Chiavarese. Azienda Ospedaliera Villa Scassi-Genova Azienda Sanitaria Locale n. 4 Chiavarese Azienda Ospedaliera Villa Scassi-Genova Il piano d azione per l information & communication technology nelle aziende sanitarie Workshop Genova, 15/12/2004 Condizioni

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani RUOLO E RESPONSABILITA DEGLI INFERMIERI NELL INSERIMENTO DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NELLE EQUIPE ASSISTENZIALI BRESCIA 7 E 8 OTTOBRE 2013 ESPERIENZA ASCSP MAGENTA SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

Ruolo organizzativo del coordinatore

Ruolo organizzativo del coordinatore Ruolo organizzativo del coordinatore C orrado De S anctis Direttore Breast Unit, C ittà della salute e della scienza di Torino I CENTRI DI S ENOLOGIA IN RETE: per migliorare la qualità delle cure. Torino,

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici Progetto Mosaico network di analisi delle terapie e studi epidemiologici IMS Health IMS Health è un grande gruppo internazionale leader nel mondo nella fornitura di servizi di informazioni di mercato per

Dettagli

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Alessandra Morelli Regione Toscana Trento, 21 marzo 2014 AGENDA Il Sistema Sanitario della Toscana (SST) Obiettivi e strumenti Sistema ICT Il progetto

Dettagli

LA SOLUZIONE PER LA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO

LA SOLUZIONE PER LA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO LA SOLUZIONE PER LA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO Ci sono più di 500 Laboratori Analisi nel mondo informatizzati da un LIS NoemaLife. DNLab è presente in oltre 300 Laboratori Analisi. 2 DNLAB, la soluzione

Dettagli

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011 37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI Dr. Leonardo la Pietra Bologna, 10 giugno 2011 Associazione Italiana Documentazione Sanitaria www.aidosimera.it Healthcare

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE IL SISTEMA SANITARIO: un sistema adattativo complesso Un sistema complesso adattativo è un insieme di agenti individuali che hanno libertà di agire in modi non sempre

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Processi direzionali: sistema di pianificazione, controllo e misurazione delle performance

Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Processi direzionali: sistema di pianificazione, controllo e misurazione delle performance Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Processi direzionali: sistema di pianificazione, controllo e misurazione delle performance Paolo Biacoli Direttore Amministrativo Azienda Ospedaliera di Udine

Dettagli

Dalla tracciabilità nel percorso clinico

Dalla tracciabilità nel percorso clinico Dalla tracciabilità nel percorso clinico alla gestione dei dati di ricerca: la biobancadell Michele Torresani s.c. ICT & SIA Milano, 10 novembre 2010 Le biobanche per la ricerca scientifica Le biobanche,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Gara Medir Pubblicazione del bando: Agosto Settembre

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

La MISSIONE della Formazione

La MISSIONE della Formazione Presentiamo un contributo dell iscritta Enrica Cantinotti, che nella sua veste professionale di Referente per l Ufficio Formazione ASL 5 spezzino ha certamente un punto di vista privilegiato, circa la

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

L'EPR come componente. della piattaforma di integrazione all interno

L'EPR come componente. della piattaforma di integrazione all interno Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori L'EPR come componente Il ruolo paziente centrico della piattaforma di integrazione all interno dell Istituzione Sanitaria S.C. Sistemi Informativi e Telecomunicazioni

Dettagli

L innovazione digitale in Sanità, una sfida che non possiamo perdere

L innovazione digitale in Sanità, una sfida che non possiamo perdere L innovazione digitale in Sanità, una sfida che non possiamo perdere Mariano Corso Responsabile Scientifico Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità 16 ottobre 2015 Indice dei contenuti La sostenibilità

Dettagli

La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico. Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova

La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico. Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova Premesse 2010 Centralità del paziente Continuità delle cure Appropriatezza

Dettagli

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 1 di 23 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello proposto in questo

Dettagli

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali)

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) Gentile Signora / Gentile Signore, desideriamo informarla sulle finalità

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli