Irccs Istituto Tumori Giovanni Paolo II - Bari RELAZIONE per la conferma del carattere Scientifico IRCCS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Irccs Istituto Tumori Giovanni Paolo II - Bari RELAZIONE per la conferma del carattere Scientifico IRCCS"

Transcript

1 Irccs Istituto Tumori Giovanni Paolo II - Bari RELAZIONE per la conferma del carattere Scientifico IRCCS Viale Orazio Flacco Bari tel fax

2 INDICE 1. Organizzazione generale Denominazione Natura giuridica Sede/Sedi Autorizzazione e accreditamento Regione Riconoscimento come IRCCS da parte del Ministero della Salute...5 data e numero del decreto:...5 area di attività:...5 tematiche di riconoscimento: Struttura ed organizzazione...6 Statuto e Regolamento...6 organigramma complessivo (direzione ed altri organi di controllo e di governo, dipartimenti strutturali e funzionali, unità operative)...6 descrizione dell organizzazione dell Istituto Personale: Accessibilità alla documentazione scientifica:...14 biblioteca cartacea e on line...14 Accesso a banche dati Attrezzature n. 2 Acceleratori lineari (anno di acquisto: 2010) Acceleratore lineare portatile per IORT (anno di acquisto: 2012) Tac Simulatore (anno di acquisto: 2010) n. 2 TAC (anno di acquisto: 2010) n. 2 MammografI DigitalI (anno di acquisto del primo sistema: 2010, anno di acquisto del secondo sistema: 2012) Risonanza magnetica (anno di acquisto: 2010) Angio-TAC (anno di acquisto: 2010) LABORATORIO GMP - CENTRO AVANZANTO TERAPIE CELLULARI (anno di acquisto: 2010) Impianti GMP per pazienti immunodepressi (anno di acquisto: 2010) Unità di Manipolazione Chemioterapici Antiblastici (anno di acquisto: 2010)

3 ABBOTT DIAGNOSTICS - CELL-DYN Sapphire (anno di acquisto: 2012) MILTENYI BIOTEC - AUTOMACS PRO SEPARATOR - (anno di acquisto: 2012) SELDI TOF (anno di acquisto: 2010) Sistema ION TORRENT per il sequenziamento massivo (anno 2011) INTRUMENTATION LABORATORY - Navios Flow Cytometer System (anno di acquisto: 2012) dhplc (denaturing high-performance liquid chromatography) Real Time PCR (polymerase chain reaction) Sequenziatore capillare GeneAmp In Situ PCR System Sistema Olympus Bliss per Telepatologia THIN-PREP Sistema Mammotome con tavolo Fischer per la biopsia del seno Dati macroeconomici relativi al bilancio, alla produzione e ad altri finanziamenti Schema sintetico di bilancio Produzione Economicità ed efficienza Indicatori di Economicità Indicatori di Efficienza Indicatori di Patrimonio Assistenza Aspetti organizzativi...25 a) Attività di governo clinico:...25 b) Certificazione di qualità dei servizi della specialità, secondo procedure internazionalmente riconosciute, svolta da parte terza indipendente...27 c) Carta dei Servizi [da allegare]...28 d) Prevenzione e controllo delle infezioni ospedaliere (Commissione Infezioni Ospedaliere, sistemi di monitoraggio, ecc.);...28 e) Descrizione dei progetti formativi interni finalizzati all assistenza Eccellenza assistenziale...31 a) I dieci DRG più frequenti (valutare coerenza con il riconoscimento)...31 b) I dieci DRG di maggior peso (valutare coerenza con il riconoscimento)...33 c) Attività innovative:...36 d) Indice di case mix per la misurazione della complessità della casistica trattata e peso medio del DRG (dati forniti dall istituto e confermati dalla regione/provincia autonoma)

4 e) Capacità di attrazione dalle altre regioni (percentuale pazienti provenienti da fuori regione rispetto al totale) Attività esterna di coordinamento di programmi e progetti specificati...40 a) Tipo di attività e ruolo Ricerca Aspetti organizzativi...45 a) Servizio/Unità di Epidemiologia Clinica e Biostatistica...45 b) Servizio di Bioingegneria e Ingegneria Clinica...46 c) Laboratori dedicati specificamente alla ricerca (mq 1.200)...46 d) Servizi dedicati specificamente alla ricerca (mq 400)...46 e) Eventuali convenzioni...46 f) Descrizione dei singoli laboratori e/o servizi:...47 g) Strutture di supporto alla ricerca: Risorse per la ricerca Prodotti Prodotti Linee di ricerca riconosciute Programma triennale della ricerca suddiviso per linee Elenco dei lavori per linee di ricerca con I.F. grezzo e normalizzato Altre pubblicazioni (libri, ecc.) Altri prodotti (linee guida, documenti di indirizzo, brevetti e loro tipologia) Ricerca traslazionale Formazione Presentazione del ruolo strategico dell Istituto

5 1. ORGANIZZAZIONE GENERALE 1.1. DENOMINAZIONE Istituto Tumori Giovanni Paolo II, IRCCS NATURA GIURIDICA Persona giuridica di diritto pubblico SEDE/SEDI Viale Orazio Flacco, Bari, Italia 1.4. AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO REGIONE L accreditamento istituzionale è stato riconosciuto prima con Determinazione Dirigenziale del competente Servizio di Programmazione Sanitaria n. 360 del 14/9/2010, relativamente alle sole aree di Radioterapia e Fisica Sanitaria, e successivamente, con DD 478 del 7/12/2010, per la restante struttura RICONOSCIMENTO COME IRCCS DA PARTE DEL MINISTERO DELLA SALUTE data e numero del decreto: - 1 riconoscimento: decreto interministeriale 13 maggio 1985; - 2 riconoscimento: Decreto del 27 Febbraio 2006 (G.U. Serie Generale n. 54 del 6 Marzo 2006) area di attività: medicina tematiche di riconoscimento: Oncologia L istituto è tenuto a rispettare le seguenti norme: il DPR 14/1/97, che prescrive i requisiti organizzativi, tecnici e strutturali da detenere per poter esercire la attività sanitaria; la L.R. n. 8/2004, con le prescrizioni tecniche e organizzative contenute nel regolamento regionale 13/gennaio/2005, N. 3 Requisiti per autorizzazione ed accreditamento delle strutture sanitarie, per ciò che riguarda l accreditamento istituzionale;

6 1.6. STRUTTURA ED ORGANIZZAZIONE Statuto e Regolamento [Allegato 1: statuto; Allegato 2: regolamento organizzativo] organigramma complessivo (direzione ed altri organi di controllo e di governo, dipartimenti strutturali e funzionali, unità operative) DOTAZIONE ORGANICA IRCCS BARI Articolazione per strutture approvata con DGR 556/2011 (in fase applicativa, in vista dell'attuazione dei nuovi standard organizzativi Regione Puglia) CIV COLLEGIO SINDACALE ARTICOLAZIONE ORGANIZZATIVA A DIPARTIMENTO DI CHIRURGIE SPECIALISTICHE ONCOLOGICHE 1 U.O.C. Chirurgia Generale Apparato Digerente 2 U.O.C. Otorinolaringoiatria U.O.S. Dipartimentale di Endoscopia Digestiva B 3 U.O.C. Ginecologia 4 U.O.C. Chirurgia Generale ad indirizzo senologico DIPARTIMENTO DONNE C DIPARTIMENTO DELLA DIAGNOSTICA AD INTEGRAZIONE CLINICA E DELLA MEDICINA PERIOPERATORIA 5 U.O.C. Anestesia e Rianimazione U.O.S. Medicina del Dolore e Cure Palliative U.O.S. Terapia Intensiva Post Operatoria 6 U.O.C. Radiologia Interventistica U.O.S. di Oncologia Integrata 7 U.O.C. Radiodiagnostica U.O.S. di Radiologia Senologica 8 U.O.C. Anatomia, Istopatologia U.O.S. Patologia Molecolare Sperimentale U.O.S. Patologia Funzionale 9 U.O.C. Patologia Clinica U.O.S. Laboratorio Immunologia Applicata U.O.S. Citofluorimetria U.O.S. Dipartimentale Diagnostica Genetica Molecolare Sperimentale U.O.S. Dipartimentale di Chirurgia Plastica D DIPARTIMENTO DI ONCOLOGIA MEDICA 10 U.O.C. di Oncologia Medica 11 U.O.C. Ematologia ad Indirizzo Oncologico 12 U.O.C. Radioterapia 13 U.O:C. Cardiologia 14 U.O.C. Fisica Sanitaria 15 U.O.C. Oncologia Medica d Indirizzo Sperimentale 16 U.O.C. Area Farmaceutica U.O.S. Farmacologia Applicata U.O.S. UMACA 6

7 U.O.C. Statistica ed Epidemiologia Ufficio STAFF Direzione Amministrativa U.O.C. Area Gestione Risorse Umane U.O.C. Area Gestione Risorse Finanziarie e Controllo di Gestione U.O.C. Affari Legali e Burocratici U.O.C. Area Gestione Tecnica, HTA, SPP, ICT U.O.C. Area Gestione Patrimonio U.O.C. U.O.S.E. 17 U.O.C. Direzione Medica di Presidio U.O.S. di Riabilitazione U.O.S. Psicologia Clinica Servizio Qualità, Risk Management Servizio Tecnico/Sanitario Infermieristico e delle Professioni DIREZIONE STRATEGICA DIREZIONE GENERALE DIREZIONE AMMINISTRATIVA DIREZIONE SANITARIA DIREZIONE SCIENTIFICA Ufficio Gestione Ricerca Corrente e Finalizzata, Ufficio Relazioni Internazionali, Ufficio Coordinamento CTQT, Ufficio Coordinamento Team Multidisciplinare, Biblioteca, Biobanca Istituzionale Servizio Sperimentale di Psico-oncologia, Centro Avanzato di Terapie Cellulari, Centro Studi Tumori Familiari Laboratorio di Farmacologia Clinica e Pre-Clinica descrizione dell organizzazione dell Istituto a) direzione scientifica, direzione amministrativa, direzione sanitaria, uffici di staff, comitati ecc a.1 Consiglio di Indirizzo e Verifica (C.I.V.) Nominato con deliberazione della Giunta Regionale n del 26 giugno Esercita le funzioni di indirizzo e verifica, così come previsto dall art. 14 della legge regionale 12 del 2005 e succ. mm. e ii., emanate in attuazione del decreto legislativo 288 del E costituito da quattro componenti di nomina regionale, uno dei quali con funzione di Presidente, e un componente di nomina ministeriale. a.2 Direttore Generale Viene nominato dal CIV, ed esercita le funzioni di gestione previste dal D. Lgs. 502/92 e successive modificazioni. È responsabile della gestione complessiva dell Istituto, di cui è il legale rappresentante. a.3 Consiglio Sindacale Esercita le funzioni di vigilanza sulla regolarità amministrativa e contabile, di vigilanza sulla getsione economica, finanziaria e patrimoniale, nonché sul bilancio di esercizio, previste dall art. 41 della legge regionale 38 del a.4 - Direzione Scientifica La Direzione Scientifica ha tra i suoi compiti istituzionali la promozione, il coordinamento, la gestione e lo sviluppo dei Progetti di Ricerca Scientifica intrapresi dai Ricercatori dell Istituto, nell ambito della Ricerca Biomedica finanziata sia da soggetti pubblici che privati in ambito regionale, nazionale ed internazionale. Fornisce, inoltre, supporti alla stesura di progetti di studio, al reperimento di documentazione bibliografica e all analisi statistica dei dati sperimentali. 7

8 Fanno parte della struttura organizzativa della Direzione Scientifica i seguenti uffici: Ufficio di coordinamento amministrativo; Ufficio Gestione Ricerca Corrente e Finalizzata; Ufficio Relazioni Internazionali; Ufficio di coordinamento Clinical Trial Quality Management; Ufficio di coordinamento Team Multidisciplinari; Biblioteca e Documentazione. a.5 - Direzione Amministrativa La struttura Amministrativa, Tecnica e Professionale, in linea con quanto previsto dal D. Lgs. 502/92 e successive modificazioni e dalla L.R. 36/94 con relativo regolamento d attuazione, è organizzata per aggregazioni funzionali di attività. L assetto strutturale della Funzione Amministrativa Tecnica e Professionale prevede le seguenti Aree Funzionali: - Area amministrativa Finanza e Controllo; - Area Gestione Risorse Umane; - Area Gestione Tecnica - Area Gestione Patrimonio; - Area Affari Generali e Burocratici. I Direttori delle Aree rispondono, per competenza, al Direttore Amministrativo. a.6 - Direzione Sanitaria La Direzione Sanitaria è responsabile dei servizi sanitari ai fini organizzativi ed igienico sanitari e partecipa al processo di pianificazione strategico aziendale, concorrendo alla definizione delle priorità rispetto ai bisogni di salute della comunità. Al Direttore Sanitario di Azienda compete il Governo Clinico complessivo dell Azienda, promuovendo e coordinando le azioni finalizzate al miglioramento dell efficienza, dell efficacia e dell appropriatezza delle postazioni sanitarie. Inoltre, partecipa al governo aziendale, unitamente al Direttore Generale, che ne ha la responsabilità, al Direttore Amministrativo e al Direttore Scientifico. L assetto strutturale della Direzione Sanitaria prevede le seguenti Aree Funzionali: La Direzione Medica di Presidio Ospedaliero; Il Servizio Infermieristico; l URP il Servizio di Quality e Risk Management. a.7 - Comitati - Comitato Etico (deliberazione n.209 del ); - Comitato Prontuario Ospedaliero (deliberazione n.211 del ); - Comitato Infezioni Ospedaliere (deliberazione n. 63 del ); - Comitato Tecnico Scientifico (CTS); - O.I.V. Organismo Indipendente di Valutazione della Performance (deliberazione n. 40 del ); - Comitato scientifico ECM (deliberazione n. 314 del ) - International Advisory Board (deliberazione n. 341 del ) 8

9 - Ufficio Procedimenti Disciplinari (deliberazione n.526 del , con approvazione del Regolamento per l'applicazione delle sanzioni disciplinari). b) attività assistenziale 1 Tabella 1 - N complessivo posti letto per degenza ordinaria e diurna articolati per unità operative CODICE REPARTO DESCRIZIONE REPARTO POSTI LETTO ASSEGNATI POSTI LETTO AUTORIZZATI ORDINARI DH ORDINARI DH 0901 SENOLOGIA CHIRURGIA APPARATO DIGERENTE RADIOLOGIA INTERVENTISTICA EMATOLOGIA GINECOLOGIA OTORINOLARINGOIATRIA TERAPIA INTENSIVA POST-OPERATORIA ONCOLOGIA MEDICA E SPERIMENTALE TOTALI: Tabella 2 Sale operatorie N SALE OPERATORIE ASSEGNATE N SALE OPERATORIE AUTORIZZATE 4 sale operatorie 1 sala ANGIOTAC 1 sala operatoria per IORT 6 3 Tabella 3 - Numero complessivo e tipologia dei servizi diagnostici, terapeutici e ambulatoriali Codice Centro di Erogazione 3701 GINECOLOGIA 0903 RADIOLOGIA INTERVENTISTICA 0910 CHIRURGIA APPARATO DIGERENTE 0301 ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA 0801 CARDIOLOGIA 3801 OTORINOLARINGOIATRIA 1 ( ) (n. complessivo posti letto per degenza ordinaria e diurna articolati per unità operative, n. complessivo sale operatorie, numero complessivo e tipologia dei servizi diagnostici, terapeutici ed ambulatoriali) 9

10 2603 SENOLOGIA 6410 ONCOLOGIA MEDICA E SPERIMENTALE 6910 RADIODIAGNOSTICA SENOLOGICA 1801 EMATOLOGIA 6901 RADIOLOGIA 5801 ENDOSCOPIA 7001 RADIOTERAPIA 0904 ANESTESIA E RIANIMAZIONE 1201 CHIRURGIA PLASTICA 1804 LABORATORIO ANALISI 6430 LABORATORIO ONCOLOGIA SPERIMENTALE CLINICA TOTALE SERVIZI: 17 (fonte delle tabelle: UOSE) c) attività di ricerca (*) 2 (elenco dei laboratori e delle strutture) Fra i Laboratori e le Strutture destinate prevalentemente ad attività di ricerca vanno in particolar modo citate le seguenti facilities attive in ambiti scientifici di grande rilievo attuale. 1) Biobanca Istituzionale 2) Laboratorio di Oncologia Sperimentale Clinica. Sezioni: Invasione e Metastatizzazione, Genetica Molecolare, Biomorfologia Funzional, Farmacologia clinica. 3) Centro Avanzato per Terapie Cellulari (GMP Facility) 4) Centro Studi Tumori Familiari 5) Registro Tumori Pugliese 6) Clinical Trial Quality Team Biobanca Istituzionale La Biobanca dell Istituto Tumori di Bari è stata istituita con Del N 384 del 3/11/2008 ed occupa attualmente spazi provvisori, nell attesa dell imminente completamento degli spazi in via di realizzazione, laddove alla struttura saranno assegnati circa 250 mq. La Biobanca fungerà da Biorepository regionale. Infatti, con finanziamento PON, la struttura realizzata dall IRCCS coordinerà la Rete regionale delle biobanche di interesse oncologico per fini diagnostici e di ricerca. 2 attinente all attività riconosciuta 10

11 La raccolta e conservazione dei campioni e dei dati associati è stata eseguita secondo le procedure approvate con delibera e come da certificazione del sistema qualità ISO 9001:2000 CERT AQ- BRI-SINCERT rilasciato in data 31/10/2006. La biobanca ha acquisito 2 nuovi congelatori a -80 C portando il numero totale dei congelatori a 8 unità. Il sistema SPYLOG, infine, e a differenza del sistema attualmente in uso, permette la remotizzazione degli allarmi, consentendo l allertamento del personale preposto in caso di avarie delle apparecchiature. La Biobanca Istituzionale è capofila di una Rete di Biobanche Oncologiche Pugliesi che avrà tra i suoi principali obiettivi quello di formare un network nella Regione Puglia, nel quale far confluire i dati relativi alle collezioni di campioni biologici raccolti in ambito di Patologie Tumorali sul territorio regionale. La rete si avvarrà di competenze specifiche che forniranno ai campioni un valore aggiunto attraverso la loro caratterizzazione biologica. Laboratori di Oncologia Sperimentale Clinica Questo laboratorio di ricerca traslazionale dell Istituto è inseritoi all interno di una piattaforma laboratoristica che in maniera diversificata e complementare è capace di tutte le più moderne tecniche laboratoristiche. Si articola in quattro sezioni: - Invasione e Metastatizzazione si occupa di studi in vitro ed ex vivo sui processi di metastatizzazione dei tumori. Il Laboratorio è collocato al piano -1 del monoblocco ed occupa vari ambienti per circa 130 mq. Il Laboratorio comprende: - Laboratorio di colture primarie staminali per la raccolta ed il processamento dei campioni a fresco per allestimento colture cellulari staminali; - Laboratorio colture cellulari Test Funzionali per la preparazione in condizioni di sterilità di piastre e vetrini colture cellulari stabilizzate; - Laboratorio invasione e meta statizzazione per procedure di immunofluorescenza ed immunoistochimica per tessuti ed allestimenti citologici In particolare, negli ultimi anni nel laboratorio sono stati condotti studi: 1. sulla capacità in vitro ed ex vivo di cellule metastatiche di carcinoma mammario di degradare matrici extracellulari tramite l uso di test funzionali quali la zimografia in situ 2. sulla caratterizzazione molecolare e funzionale di proteine identificate come marcatori di invasione neoplastica nel carcinoma mammario; 3. sull interazione diretta o indiretta di proteine con conosciuti target terapeutici, quali EGFR e Her2neu; 4. sull isolamento e la stabilizzazione di cellule staminali tumorali provenienti dal compartimento tumorale, metastatico e circolanti nel sangue periferico. - Genetica molecolare si occupa di studi su ereditarietà del carcinoma mammario riguardo analisi delle alterazioni di BRCA1 e BRCA2 sia patologiche sia polimorfiche sia ancora non conosciute (UVs). Il laboratorio valuta anche alterazioni del copy number, il profilo proteomico tramite SELDI, l espressione di specifici mirna in relazione ad alterazioni epigenetiche, l espressione degli enzimi del riparo del danno al DNA regolati da BRCA1, il ruolo di BRCA1 nell angiogenesi,il coinvolgimento del comparto mitocondriale nei tumori mammari ereditari. Il laboratorio è collocato al piano -1 dell Istituto Tumori Giovanni Paolo II e occupa circa 130 mq. Comprende i seguenti ambienti: un ampio ambiente di laboratorio biologico fornito di attrezzature quali un sequenziatore capillare, una Real Time PCR, un dhplc, 3 Thermal Cycler, una cappa chimica oltre al normale equipaggiamento per centrifugazione, elettroforesi, gel imaging, ecc. Tale ambiente è adibito a: un laboratorio strumentale fornito di attrezzature quali uno spettofotometro (Nanodrop, Celbio), un computer, un Thermal Cycler (Gilson), un sonicatore. Tale ambiente è adibito a: un laboratorio di bioinformatica di ca. 30 mq fornito di computers con alte capacità computazionali. Stanze studio per biologi-tecnici fornite di computers. 11

12 Nel Laboratorio di Diagnostica Genetica Molecolare Sperimentale operano: un biologo responsabile ed un tecnico di laboratorio dipendenti della struttura e 6 biologi ricercatori a contratto. - Biomorfologia funzionale in cui rientrano lo studio delle caratteristiche biologiche dei tumori umani con tecniche morfo-biologiche, in situ, etc. utilizzanti sonde per DNA, RNA, Proteine. Il Laboratorio occupa circa 200 mq con ambienti dedicati a microscopia, TMA-Dissection, istochimicaimmunoistochimica, CGH, etc. E dotato di attrezzature di microscopia varie, a luce diretta ed inversa, in luce chiara e fluorescenza, di sistemi di mappaggio, ed array comparative genomic hybridization. Nel Laboratorio operano 2 elementi strutturati e tre contrattisti oltre a frequentatori volontari dedicati a studi essenzialmente di morfologia applicata. - Farmacologia Clinica e Preclinica le cui principali attività di ricerca sono: i) caratterizzazione preclinica, in vitro ed in vivo, di farmaci di nuova sintesi o già in trias clinici ii) studio di stabilità chimica e microbiologica di farmaci; iii) determinazione di parametri di farmacocinetica di farmaci con possibile ruolo predittivo dell efficacia degli stessi. Nella fase clinica l approccio è volto all analisi di vari parametri, biomarcatori e concentrazione di farmaci o loro metaboliti, al fine di determinare possibili fattori predittivi di risposta ai farmaci stessi o di fornire evidenze sperimentali a supporto di nuove terapie di fase I/II. Il Laboratorio è ubicato in struttura all interno del comprensorio ma esterna al blocco ospedaliero, copre un area di circa 250 mq ed è costituito da una parte dedicata agli studi di Farmacologia e l altra agli studi di attività dei farmaci in vivo (Animal Facility). La parte dedicata agli studi di Farmacologia è costituita da spazi dedicati allo studio e da tre laboratori fondamentali: il laboratorio di farmacologia, il laboratorio strumentale ed il laboratorio di colture cellulari. Il laboratorio è fornito della strumentazione di base per queste tipologie di strutture di ricerca quali centrifughe preparative refrigerate, micro centrifughe, bilance preparative ed analitiche, cappe a flusso laminare, incubatori a CO 2, dewar per azoto liquido, frigoriferi congelatori a -20 e -80 C, autoclave, macchina di produzione di ghiaccio in scaglie, agitatori a vibrazione ed orbitali, stufe, phametro, etc. Inoltre, dispone di strumenti del tipo: Spettrofotometri con monocromatore per dosaggi biochimici (Becton Dickinson), Citometro a flusso (FACS Scan-Becton Dickinson) HPLC/MS (Varian) Microplate Reader UV/luminescenza e fluorescenza (Becton Dickinson), sistemi strumentali elettroforetici per analisi di proteine (Bio Rad), sistema per acquisizione ed analisi di immagine in multifluorescenza e chemiluminescenza, invertoscopi a contrasto di fase piattaforma di live cell imaging, etc. Centro Avanzato per Terapie Cellulari Il Centro Avanzato per Terapie Cellulari creato presso l Istituto Tumori I.R.C.C.S. Giovanni Paolo II di Bari è una complessa struttura che si giova delle più moderne strumentazioni presenti nel campo della ricerca e che ha l obiettivo di produrre prodotti farmaceutici cellulari e proteici per trattamento di pazienti oncologici. conciliare la cura del paziente oncoematologico con la ricerca avanzata nel campo delle Terapie cellulari. A tal fine è stato realizzato il Centro Avanzato per i Trapianti di Cellule Staminali Emopoietiche e Terapie Cellulari, CATC, che si differenzia dalle più usuali strutture ospedaliere presenti nell area regionale, perché è dotato di avanzati laboratori e servizi, indispensabili per razionalizzare l attività di assistenza e di ricerca e per trasferire in un contesto assistenziale le innovazioni tecnologiche della ricerca di base o preclinica. Nel centro Avanzato per le Terapie Cellulari sono stati realizzati quattro laboratori destinati alla produzione di prodotti per le terapie cellulari secondo le regole vigenti in Good Manufactoring Procedure (GMP) che prevedono ambienti differenziati a pressione positiva (progressiva) ed in monitoraggio continuo di sterilità, controllo di qualità, ecc. ciascuno provvisto di una propria entrata e di una propria uscita per assicurare un flusso unidirezionale del personale, nei quali vengono gestite le attività di caratterizzazione e separazione cellulare, di manipolazione e coltura cellulare, e di crioconservazione in regime di controllo continuo della contaminazione, ciascuno in funzione delle specifiche richieste. 12

13 Strumentazioni di ultima generazione, come un citofluorimetro a 6-10 fluorescenze per la caratterizzazione cellulare ed un separatore automatico per l isolamento ad alta sensibilità e specificità di determinate popolazioni cellulari, sono state acquisite dall istituto e altre dotazioni strumentali sono in fase di acquisizione. Centro Studi Tumori Familiari Presso il nostro Istituto è attivo dal 2003 un servizio di consulenza genetica oncologica multidisciplinare che, in pieno accordo con le Linee Guida internazionali e nazionali (Nat. Cancer Inst. USA, NH MRC AUS, ISS Italia, FONCAM Italia), fornisce l intervento integrato e coordinato di differenti figure professionali, quali medico genetista, medico oncologo, chirurgo, biologo e psiconcologo ai pazienti che vi afferiscono. Ad oggi più di 1500 donne hanno avuto accesso al nostro servizio e 350 sono i soggetti studiati per mutazione nei geni BRCA1 e BRCA2. Il Centro utilizza un Ambulatorio, Sw e db dedicati e lavora in stretta connessione con i Laboratori di Genetica Molecolare. Registro Tumori Pugliese Il Registro Tumori della Regione Puglia (RTP) è stato istituito con DGR 1500/2008, come struttura tecnicoscientifica della Rete Oncologica Regionale prevista dall allegato 1 alla L.R. 23/2008 (Piano Regionale di Salute ). Come da regolamento, il Registro Tumori si è dotato di una sede centrale e legale istituita presso l Istituto Tumori IRCCS Giovanni Paolo II, di Bari, incardinata nella Unità Operativa di Epidemiologia e Statistica, di Staff della Direzione Strategica. Occupa ambienti al 3 Piano della Palazzina Uffici dell Istituto Tumori per una superficie totale di circa 50 mq. Vi operano una serie di Data Manager con specifiche competenze di tipo statistico-epidemiologico. Il Registro è dotato di laptop e SW più moderni nell ambito del rilievo ed analisi statistica di dati epidemiologici Con la DGR 1500/2008 è stato stabilito il modello organizzativo del Registro Tumori Puglia che, partendo dal protocollo d intesa tra l Assessorato alla Politiche della Salute della Regione Puglia, l IRCCS Giovanni Paolo II, le Aziende Sanitarie Locali della Puglia, le Aziende Ospedaliere, gli IRCCS, l OER Puglia, l ARPA Puglia e l A.Re.S. Puglia, realizzi il Coordinamento di fatto sotto il profilo Tecnico Scientifico al fine di garantire condivisione dei metodi e delle procedure di funzionamento. Nel corso del presente esercizio è stato predisposto il rapporto Registro Tumori 2012 (Allegato 3). Clinical Trial Quality Team Istituito con Delibera Istituzionale nel 2008, il CTQT si occupa della gestione e di tutte le problematiche annesse e connesse alle sperimentazioni cliniche soprattutto no-profit in corso. Il Laboratorio è dotato di HD e SW idonei e moderni e trova collocazione al Piano 0 nell Area della Direzione Scientifica. Forte della presenza di 2 medici e 4 Data manager, è attualmente occupato nella gestione di circa 70 studi clinici sperimentali 1.7. PERSONALE: Si riporta di seguito il numero del personale dipendente al 31 dicembre 2012 distinto tra personale dipendente, personale non dipendente e personale in convenzione. numero totale personale 450 a) dipendente 387 b) non dipendente (contrattisti, borsisti, ecc.) 51 c) in convenzione (esclusivo o non esclusivo) 12 13

14 Si allega alla presente la seguente documentazione al 31 dicembre elenco nominativo del personale dipendente aggregato per unità operativa, con indicazione della qualifica e del tipo di rapporto di lavoro [Allegato 04_01]; - elenco nominativo del personale dipendente aggregato per qualifica, con indicazione del tipo di rapporto e dell Unità Operativa di assegnazione [Allegato 04_02]; - elenco nominativo del personale non dipendente con indicazione della qualifica e dell Unità Operativa di assegnazione [Allegato 04_03]; - report di sintesi del personale dipendente per qualifica [Allegato 04_04]; - elenco nominativo del personale convenzionato con indicazione dell ente di convenzionamento [Allegato 04_05] ACCESSIBILITÀ ALLA DOCUMENTAZIONE SCIENTIFICA: Biblioteca cartacea e on line. La Biblioteca (che rientra, fra le altre, nelle Macro Aree di attività costituite con deliberazione del Direttore Generale n.269/2008) è dotata di un patrimonio librario considerevole nell ambito della disciplina oncologica ed adempie alle esigenze di studio e ricerca per tutto il personale sanitario dipendente, borsista, contrattista e volontario. Fornisce ad operatori interni ed esterni l accesso a documentazione scientifica cartacea ed elettronica. Le due funzioni vengono svolte all interno della Biblioteca Multimediale La Biblioteca Multimediale è collocata in ambiente progettato ad hoc ed è dotata di 12 work stations tutte dotate di laptop. E situata al piano 0 dell Istituto (foto sotto riportata). Fra le varie funzioni ricordiamo: L accesso a documentazione cartacea si basa sulla Acquisizione, conservazione, consultazione dei periodici scientifici nazionali ed internazionali in versione cartacea e relativa attivazione degli stessi in formato elettronico (free e-only). La consistenza più importate è rappresentata dai periodici cartacei: 210 testate di cui 51 attivi. Le monografie sono circa 100. Nel 2009, a seguito della trattativa condotta dal sistema Bibliosan, la nostra Biblioteca ha acquisito n.84 titoli elettronici del gruppo Nature Publishing in abbonamento triennale per gli anni Accesso a banche dati. L accesso a documentazione elettronica prevede: registrazione degli accessi dell utenza alla Sala Multimediale per le ricerche bibliografiche e la consultazione elettronica di tutte le risorse messe a disposizione del personale ricercatore. L accesso al Sistema Bibliosan partecipando alla gestione online del Catalogo Collettivo Nazionale dei Periodici (ACNP) di Bologna. Servizio denominato Document Delivery (DD), automatizzato e gestito in Internet, avente la finalità di reperire e trasmettere gli articoli scientifici attraverso lo scambio interbibliotecario. Detto servizio è erogato attraverso rapporti disciplinati di reciprocità e cooperazione instaurati con altre biblioteche, come il sistema BIBLIOSAN (http://www.bibliosan.it, la rete delle Biblioteche degli Enti di Ricerca Biomedici Italiani), il sistema NILDE (http://nilde.bo.cnr.it, Network Interlibrary Document Exchange) e ACNP (http://www.cib.unibo.it/acnp/). Servizio di reference, ovvero di attività di assistenza bibliografica. Si avvale dell uso di Basi Dati bibliografiche accessibili tramite Internet. Tra le più importanti vi sono Medline (gratuita) e ProQuest, Journal Citation Reports, Web of Science, Cochrane Library (a pagamento tramite Bibliosan). 14

15 Attività di Formazione e promozione per gli utenti all uso degli strumenti bibliografici: Le attività della Biblioteca Multimediale sono in constante aumento a dimostrazione del crescente numero di operatori interessati e dell interesse che detta attività riveste anche nel nostro ambiente scientifico. STATISTICHE UTENTI BIBLIOTECA Periodo Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Totali Articoli PDF Scaricati Utenti Registrati a NILDE Utenti Registrati a CLASS Totali articoli scambiati in tutta NILDE ATTREZZATURE n. 2 Acceleratori lineari (anno di acquisto: 2010) L IRCCS è dotato di n. 2 acceleratori lineari di ultima generazione Varian serie C ad alta energia. Le due macchine, gemelle come impostazione di base, sono state configurate differentemente, in modo da abbracciare il più ampio spettro delle possibili attività terapeutiche. Alla luce delle considerazioni sin qui esposte si è scelto di dotare entrambi gli acceleratori proposti con dispositivi di verifica dell accuratezza del posizionamento di tecnologie all avanguardia. In particolare sono dotati dei seguenti dispositivi: ACCELERATORE 1 Sistema di IGRT On Board Imaging solidale al gantry dell acceleratore lineare con detettore di immagini allo stato solido e complesso radiogeno montati su una coppia di bracci meccanici robotizzati completamente retraibili quando il sistema OBI non viene utilizzato. Il sistema dispone di 3 modalità di Imaging: -Radiografico: 2D kv image matching, 2D kv-mv image matching, Gated 2D kv radiographs, Marker Matching -ConeBeam CT: per matching di immagini 3D ad alta risoluzione -Fluoroscopico: Verifica per gated radiosurgery e respiratory gating ACCELERATORE 2 Sistema di riposizionamento ottico BRAINLAB EXACTRAC. Le nuove tecniche radioterapiche ad alta risoluzione richiedono un accurata localizzazione dei contorni delle lesioni da irradiare. Al fine di consentire trattamenti gating respiratorio, nella configurazione di base è stato inserito sull acceleratore l innovativo sistema di gating respiratorio RPM Varian che consente di monitorare la respirazione in maniera semplice e rapida, senza sacrificare l accuratezza ed il confort del paziente grazie ad una telecamera, movimento dei marker posizionati sul paziente, ed un software che consente di effettuare trattamenti in cui l erogazione dei raggi viene limitata a determinati intervalli del ciclo respiratorio. Il sistema è studiato per tracciare gli effetti dei movimenti respiratori in qualunque distretto: polmoni, fegato, 15

16 pancreas, reni, organi nel distretto pelvico (quali la prostata) e aiutando a minimizzare la dose assorbita dal miocardio nei trattamenti al seno Acceleratore lineare portatile per IORT (anno di acquisto: 2012) La tecnica IORT permette di somministrare, con un acceleratore presente in sala operatoria, dosi terapeutiche al letto tumorale in un unica soluzione, subito dopo l asportazione chirurgica della massa tumorale e quindi già durante l'intervento. L Istituto si è dotato di un Novac 7, un acceleratore lineare di elettroni costruito dalla NRT e concepito esclusivamente per trattamenti intraoperatori. La attrezzatura impiega fasci pulsati di elettroni caratterizzati da energie nominali comprese tra i 3 ed i 9 MeV, con ratei di dose compresi tra i 6 ed i 30 cgy/min. Il fascio di elettroni è collimato con applicatori cilindrici (realizzati in PMMA, materiale a basso numero atomico) la cui parte terminale è posta a contatto con la breccia chirurgica. Nell'Istituto, l'utilizzo dell'acceleratore Novac7 avviene in una sala operatoria dedicata, nel blocco operatorio collocato al 3 Piano della struttura Tac Simulatore (anno di acquisto: 2010) L Istituto si è dotato di un sistema di simulazione virtuale Philips ACQSIM TC, con TAC integrata. Si tratta di un sistema di Tomografia Assiale Computerizzata, progettato e dedicato alle applicazioni radioterapiche, che permette l esecuzione di ogni tipo di esame senza incontrare ostacoli operativi durante il set up e la procedura di posizionamento del paziente. L apertura del gantry è superiore a quelle delle TC convenzionali (85 cm) per consentire l ingresso del paziente nella medesima posizione del trattamento. Il software della workstation permette di simulare tutti i parametri geometrici dell acceleratore lineare (gantry, lettino, SSD, angoli del collimatore ecc.), definire le regioni di interesse ROI (volumi di trattamento e organi critici) e punti d interesse POI (isocentro e punti di ingresso dei campi). Il trasferimento delle immagini dalla stazione di simulazione virtuale al TPS avviene via protocollo proprietario o mediante protocollo DICOM RT (estensione del DICOM 3 che crea dei files contenenti informazioni specifiche per la radioterapia, come ROI, fasci, ecc.) n. 2 TAC (anno di acquisto: 2010) Sono presenti n. 2 sistemi di tomografia assiale computerizzata, e precisamente il sistema Philips Brilliance CT 64S e il sistema Philips CT 16S. Tra le funzionalità offerte si ricordano: Angiografia e ricostruzioni 3D sia SSD che VRT Programma di Ricostruzioni 3D SSD - Ricostruzioni veloci di immagini 3D multitessuto a colori, con possibilità di manipolazione in tempo reale delle immagini. 3D Small Volume Analysis - Software che permette la caratterizzazione di tumori e noduli misurando il volume attraverso i raggi medi lungo le tre direzioni spaziali. 16

17 MIP/mIP - Permette la ricostruzione dalle immagini mediante funzione MIP (Maximum Intensity Projection) e mini-mip (Minimum Intensity Projection) per la visualizzazione di strutture vascolari opacizzate con mezzo di contrasto e per la visualizzazione delle ramificazioni bronchiali, con possibilità di manipolazione, zoom, rotazione, ecc. Programma Master-Cut - permette una ricostruzione interattiva di piani obliqui definiti seguendo il decorso (CUI curve of interest ) delle strutture vascolari, direttamente sull immagine MIP di volume, Programma VIP - algoritmo MIP volumetrico per l eliminazione del problema della sovrapposizione del tessuto osseo nelle visualizzazione in modalità MIP. Programma Q-CTA - Il pacchetto Q-CTA permette una grande varietà di tool di misurazione per lo studio delle patologie vascolari. Advanced Vessel Analysis (AVA) Stenosis - Il software AVA Stenosis fornisce un insieme di strumenti per la completa ed accurata analisi e valutazione degli esami TC vascolari sia dal punto di vista qualitativo sia dal punto di vista quantitativo. Advanced Vessel Analysis (AVA) - Stent Planning (sia sulla TC sia sulla EBW) - Questo programma consente la pianificazione non-invasiva di posizionamento di stent tramite l'individuazione automatico del centro del vaso che costituisce la base per l'ottenimento di misurazioni precise e riproducibili di aneurismi, stenosi e relazioni con le strutture vascolari circostanti. Volume Rendering - Software per la visualizzazione tridimensionale di differenti anatomie attraverso la possibilità di selezionare la trasparenza dei vari tessuti n. 2 MammografI DigitalI (anno di acquisto del primo sistema: 2010, anno di acquisto del secondo sistema: 2012) Sono presenti n. 2 mammografi digitali, entrambi marca GE modello Senographe 2000D con rivelatore Flat Panel a grande campo di 24x31cm di ultima generazione. Questo nuovo detettore presenta una tecnologia, unica nel suo genere, che ha permesso di sviluppare tutte le Applicazioni Avanzate in Mammografia Digitale (DBT, CESM, Stereotassi, CAD, PVi, ecc...), consentendo: - Miglioramento della diagnosi con incremento della Qualità dell Immagine Diagnostica; - Incremento della Produttività mediante diminuzione dei tempi di esame, con una significativa riduzione dosimetrica; - Accurata ergonomia volta a soddisfare i bisogni dell utente e del paziente nel rispetto della massima sicurezza e delle esigenze di massimo comfort; - Orientamento ad Applicazioni Avanzate quali stereotassi digitale, CAD, Telemammografia, Funzioni di acquisizioni rapide, ecc.. Ultimamente i mammografi sono stati dotati della funzione di stereo tassi Risonanza magnetica (anno di acquisto: 2010) Le caratteristiche della macchina (Philips Achieva 1,5T) sono le seguenti: Sistema a Risonanza Magnetica di tipo superconduttivo con intensità di campo da 1,5T per studi a corpo intero 17

18 Magnete compatto a geometria cilindrica, di tipo superconduttivo da 1,5T refrigerato ad elio Magnete a solo elio.consumo tipico: 0.03 l/h Escursione max: 215 cm Centratura tramite raggio laser E presente una nuova ed innovativa rilevazione Digital Direct del segnale; consente un più elevato rapporto segnale rumore e l assoluta fedeltà nella trasmissione del dato. L'architettura prevede 16 canali indipendenti espandibili a 32. Ogni canale in ricezione ha l'esclusiva ampiezza di banda da 3 MHz Amplificatore con potenza di 18 KW Angio-TAC (anno di acquisto: 2010) E stata realizzata una sala, nell ambito del gruppo operatorio, attrezzata con un angiotac della ditta Siemens, unico in Europa ad essere utilizzato per le attività di Radiologia Interventistica. Si tratta di un sistema composito, in cui la consolle operativa comanda l azione di due distinte apparecchiature, un agiografo e una TAC, integrate a formare un unico sistema, in cui il paziente resta fisso sul lettino (in posizione centrale rispetto alle due macchine), e le dua macchine, poste alle due estremità, acquisiscono i dati graziue ai movimenti di cui sono dotate, e in particolare: 1) la TAC scorre su binari posti a pavimento, arrivando con il gantry sul paziente per la acquisizione delle immagini e per guidare, dall esterno del corpo, esattamente come avviene durante un esame radiologico, la progressione dell ago-elettrodo; 2) l angiografo, guidato dalla mappatura degli organi vitali acquisita dalla TAC, può intervenire, attraverso i tessuti, evitando di ledere strutture vitali e centrando esclusivamente il nodulo tumorale. Un sistema di puntamento con coordinate polari con lettura a raggi X (come per la mammografia) permette ad un ago speciale di prelevare con altissima precisione solo una piccola porzione di tessuto, evitando anche la cicatrice residua sulla cute LABORATORIO GMP - CENTRO AVANZANTO TERAPIE CELLULARI (anno di acquisto: 2010) Il laboratorio per terapie cellulari è una sofisticata struttura di ricerca, costituita da laboratori dove operano in condizioni di microclima stabile, medici e biologi, ed in cui è possibile, attraverso particolari metodologie, isolare, conservare e manipolare cellule di ogni organo. La particolarità (unica nella Regione Puglia) di questo Laboratorio è di poter condurre le attività di trapianto cellulare in un ambiente GMP (Good Manifacture Practice), ovvero in ambienti la cui sterilità è controllata e certificata secondo livelli classificati secondo norma. 18

19 La necessità della creazione di strutture pensate ad hoc per la produzione di prodotti cellulari deriva dal fatto che le normative europee e italiane vigenti impongono oggi di effettuare tutte le manipolazioni sulle cellule in condizioni di lavoro estremamente rigide e controllate, così da poter, alla fine, preparare cellule da trapiantare nelle stesse condizioni di qualità e di controllo con le quali un industria farmaceutica produce un qualsiasi farmaco. Equiparando in questo modo a tutti gli effetti le cellule ad un qualsiasi farmaco. Essenzialmente in un laboratorio GMP si compiono le seguenti attività: - Selezione di cellule - Coltivazione ed espansione in vitro (attraverso l uso di terreni di coltura e di fattori di crescita specifici per indirizzare lo sviluppo delle cellule staminali o l uso di specifici antigeni per sviluppare la risposta immunitaria da parte dei linfociti). - Controlli di qualità per assicurare la qualità del prodotto cellulare manipolato Impianti GMP per pazienti immunodepressi (anno di acquisto: 2010) In stretta connessione con le attività del laboratorio di Terapie Cellulari, deve operare, nell ambito della Unità Operativa di Oncoematologia, la equiper medica che opera i trapianti cellulari. A tale scopo, sono state allestite due sale per pazienti immunodepressi, dotate di filtro, impianti di filtrazione HEPA 99,99%, con finiture adeguate, porte ad apertura alternata con semaforico per la abilitazione all accesso, filtro di accesso eccetera Unità di Manipolazione Chemioterapici Antiblastici (anno di acquisto: 2010) Tutti i farmaci antiblastici somministrati nelle Unità Operative dell Istituto Tumori di Bari sono preparati nella Unità di preparazione Centralizzata che provvede anche alla attribuzione dei costi per singola terapia alla U.O. prescrittrice. Tale modello organizzativo garantisce la sicurezza prescrittiva nei confronti del paziente, la cui terapia viene certificata dal dirigente farmacista e, quindi, garantita sul piano della qualità. Il percorso consente inoltre all Istituto, una corretta capacità di controllo e razionalizzazione della spesa dei farmaci chemioterapici,in quanto ne permette un uso globale e non più settorializzato abolendo le scorte delle varie UU.OO. somministratrici ABBOTT DIAGNOSTICS - CELL-DYN Sapphire (anno di acquisto: 2012) E un contaglobuli a tecnologia multiparametrica automatizzata, finalizzata all esecuzione di test diagnostici per misurazioni ematologiche, i cui moduli principali sono l analizzatore contenente l hardware per aspirare, diluire e analizzare ciascun campione di sangue intero, e la stazione dati contenente il computer, lo schermo per la visualizzazione e la tastiera. 19

20 MILTENYI BIOTEC - AUTOMACS PRO SEPARATOR - (anno di acquisto: 2012) Lo strumento AutoMacs Pro Separator si presenta come una risorsa imprescindibile per la ricerca scientifica in ambito Onco-ematologico. La MiltenyiBiotec ormai da anni dà il suo contributo nel setting trapiantologico internazionale, sia in ambito adulto che pediatrico, con il suo separatore per uso clinico CliniMacs Plus e con i suoi kit per l arricchimento o la deplezione di popolazioni cellulari ematologiche. E evidente che ogni procedura clinica debba essere preceduta, affiancata e seguita da un continuo e fondamentale supporto di indagini condotte a livello laboratoristico. Si desume quindi l utilità di una apparecchiatura come l AutoMacs Pro, capace di separare, in completa automazione, virtualmente qualsiasi popolazione cellulare ematica. Un esempio concreto di utilità dell AutoMacs Pro è nella selezione positiva delle plasmacellule neoplastiche del Mieloma Multiplo presenti nel midollo osseo come infiltrato: l arricchimento di tali cellule rende così più agevole e sicura la visualizzazione delle stesse al microscopio a fluorescenza consentendo l applicazione di tecniche diagnostiche quali la FISH (Fluorescent In Situ Hybridization). E tante altre applicazioni si potrebbero citare. La programmabilità dello strumento (fino a sei separazioni per volta) permette al personale di laboratorio di poter svolgere in contemporanea più attività, risparmiando tempo e risorse SELDI TOF (anno di acquisto: 2010) Surface Enhanced Laser Desorption Ionization Time of Flight (SELDI TOF) e uno strumento in grado di tracciare il profilo delle proteine seriche in base al peso molecolare ed alla carica elettrica. Tale strumento preseleziona le proteine nel campione permettendo che si leghino ad una superficie solida (protein chip) ricoperta di una sostanza chimica specifica che lega un sottogruppo di proteine all'interno del campione di siero. Il software per la cluster analysis è incluso nella piattaforma fornita dalla BIo-Rad. Attualmente disponiamo del software fornito dalla Bio-Rad insieme alla piattaforma SELDI, l EDM (Expression Difference Mapping) che ha appunto come funzione quello di individuare quei segnali differenziali statisticamente significativi. Lo step immediatamente successivo è rappresentato dalla determinazione di quali, tra questi segnali, ha significato diagnostico (o prognostico o, ancora, predittivo di risposta). Il software di cui disponiamo attualmente (DTREG, WEKA), è in grado di costruire dei classificatori (ad esempio alberi decisionali), che hanno come funzione quella di identificare quale/i segnale (tra i vari immessi nel programma) riesce a classificare il più correttamente possibile, una serie di soggetti (ad esempio malati e/o sani) fornendo una sensibilità, specificità ed accuratezza Sistema ION TORRENT per il sequenziamento massivo (anno 2011) Gli strumenti per sequenziamento massivo (next generation sequencing, NGS) hanno il vantaggio di permettere sequenziamento di DNA high throughput con una sensibilità nettamente superiore rispetto al sequenziamento capillare. L altro vantaggio è quello di analizzare profili di espressione (RNA e mirna) e fare analisi epigenetiche (metilazione del DNA). In particolare, lo strumento presente in laboratorio, Ion Torrent (Life Technologies) utilizza per l analisi il cambiamento di ph piuttosto che luminescenza determinando notevoli vantaggi. La rivelazione di protoni permette, infatti di utilizzare normali nucleotidi durante il processo di polimerizzazione invece che basi modificate utilizzate da tutte le altre tecnologie di lettura NGS e questo determina una maggiore fedeltà nella sequenza dei frammenti e quindi maggiore specificità. Inoltre, l utilizzo di nucleotidi non modificati permette 20

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

AZIENDA SANITARIA DI NUORO

AZIENDA SANITARIA DI NUORO AZIENDA SANITARIA DI NUORO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA Fondi POR FESR Sardegna 2007 2013. Programmazione economie più risorse aggiuntive a valere sull asse II: Inclusione, servizi Sociali,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO Via Michele Coppino, 26-12100 CUNEO Tel. +39 0171.641111 fax +39 0171.699545 Email: aso.cuneo@cert.legalmail.it Sito web: http://www.ospedale.cuneo.it P.I./Cod.

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli