Cos è la strategia aziendale e perché è importante

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cos è la strategia aziendale e perché è importante"

Transcript

1 Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Laurea magistrale in Marke;ng Management Corso di Strategia d Impresa Prof. Tonino Pencarelli A.A 2011/2012 Cos è la strategia aziendale e perché è importante Studen; relatori: Bruno Morena Loizzo Giovanni Madonna Giuliana Un buon condo*ero non dovrebbe mai affrontare una contesa senza prima avere ben chiara la strategia da ado9are. Sun Tzu, l Arte della Guerra

2 INDICE: 1. Che cosa si intende per strategia. 2. Strategia e ricerca del vantaggio competitivo. 3. Individuazione della strategia aziendale. 4. La strategia aziendale: un mix di elementi di azione e reazione. 5. Rilevanza degli assetti proprietari nelle imprese. 6. Strategia ed etica. 7. Rapporto tra strategia aziendale e modello di business. 8. Elementi di una strategia vincente. 9. L importanza dell elaborazione e dell attuazione della strategia.

3 COSA INTENDIAMO PER STRATEGIA? Ø La parola strategia deriva dal greco, (strateghòs), ossia generale, il primo trattato di strategia si può far risalire a Sunzi, nel periodo della dinastia Zhou, in Cina, intitolato l Arte della Guerra, ed ancora tenuto come testo base per l apprendimento della strategia in ogni campo dell azione umana. Ø In ambito aziendale, la strategia di un impresa è il piano di azione elaborato dal management per la gestione delle operazioni e delle attività di business dell impresa.

4 L elaborazione strategica rappresenta un impegno manageriale allo svolgimento di una serie di iniziative volte ad: Ø accrescere il volume di affari; Ø attirare e soddisfare i clienti; Ø competere con successo sul mercato; Ø migliorare la performance finanziaria e di mercato dell impresa; U;lizza quindi guide esperte dei luoghi, per usufruire dei vantaggi offer; dal terreno Sun Tzu.

5 I MANAGER DEVONO PORSI TRE INTERROGATIVI: v qual è la situazione attuale dell impresa? v dove vogliamo arrivare? v come dobbiamo procedere per raggiungere questo traguardo?

6 OCCORRE VALUTARE: Ø le condizioni e le pressioni competitive all interno del settore; Ø la performance e la posizione di mercato attuali dell impresa; Ø le sue capacità; Ø i suoi punti di debolezza a livello competitivo; Ø i suoi punti di forza in termini di risorse; Solo valutando tupo esapamente si può vincere, con carve valutazioni si perde. Quanto esigue sono le probabilità di viporia di chi non fa alcun calcolo! Coi principi che ho elencato, io valuto la situazione: il risultato, allora si definisce da solo. Sun Tzu

7 Una strategia ha maggiori possibilità di successo quando è fondata su: v la creazione di un richiamo per gli acquirenti che distingua l impresa dalla concorrenza, facendo leva su elementi distintivi e caratteristici; v la generazione di un vantaggio competitivo sostenibile; Dove per vantaggio competitivo sostenibile s intende: un impresa ottiene un vantaggio competitivo sostenibile quando un significativo numero di acquirenti preferisce i suoi prodotti o servizi a quelli dei concorrenti e i presupposti di tale preferenza sono duraturi. Per questo affermo che la viporia dev essere creata Sun Tzu.

8 LE BASI SU CUI PUO FONDARSI L ESISTENZA DI UN VANTAGGIO COMPETITIVO, SONO: L offerta di un valore percepito superiore a parità di costi con i concorrenti (DIFFERENZIAZIONE) L offerta di un valore percepito uguale ai concorrenti, realizzato con costi inferiori (LEADERSHIP DI COSTO)

9 LE STRATEGIA BASE DI PORTER, 1982: INTERO SETTORE DIFFERENZIAZIONE LEADERSHIP GLOBLALE DEI COSTI OBIETTIVI STRATEGICI UN PARTICOLARE SEGMENTO FOCALIZZAZIONE PERCEZIONE DIFFERENTE DA PARTE DEL CLIENTE VANTAGGI STRATEGICI BASSI COSTI DI PRODUZIONE

10 COME? TRA GLI APPROCCI PIU UTILIZZATI: 1. Praticare prezzi più bassi dell intero settore, puntando ad un vantaggio competitivo basato sul contenimento dei costi (Wal-Mart). posizione di mercato forte, grazie ad un vantaggio di costo; ciò genera un vantaggio competitivo durevole; efficienza del suo sistema di distribuzione; funzionalità della sua catena di fornitura; riesce ad ottenere dai produttori prezzi bassissimi; Mission: To give ordinary folk the chance to buy the same thing as rich people.

11 2. Battere i concorrenti puntando su tratti distintivi, (Harley Davidson). servizi a valore aggiunto; styling più attraente; superiorità tecnologica; rapporto tra offerta e prezzo; Ciò che vendiamo è la possibilità per un anziano contabile di 43 anni, vesxto in tuta di pelle nera, di guidare ayraverso piccole ciyà e di essere rispeyato dalle persone.

12 3. Concentrarsi su una nicchia ristretta di mercato, soddisfacendo i bisogni e i gusti dei suoi acquirenti in modo più efficace rispetto ai concorrenti, (Starbucks). word-of-mouth; alta qualità dei prodotti; no campagne pubblicitarie milionarie;

13 4. Sviluppare punti di forza legati all esperienza e alle risorse dell impresa per: creare capacità compe;;ve difficilmente imitabili o superabili da parte dei concorren;. creatività innovativa/strategia di business; popolarità; imbattibile nella gestione di parchi tematici; intrattenimento per famiglie; creazione di esperienze;

14 FORMULA COMPETITIVA OBIETTIVI: Ø Ottenere vantaggi competitivi sui concorrenti; Ø Che assicurino una soddisfacente redditività nel tempo; Ø Conseguimento degli obiettivi stabilità dall impresa;

15 STRETTO LEGAME TRA: VANTAGGIO COMPETITIVO REDDITITIVITA

16 Il segreto per il successo consiste nell escogitare uno o più elementi strategici distintivi, in grado di attirare la clientela e generare un vantaggio duraturo. La differenza tra una strategia forte e una inefficace risiede nella capacità del management di architettare una serie di manovre destinate all ambiente interno/ esterno capaci di: Ø FAR DISTINGUERE L IMPRESA DALLA CONCORRENZA; Ø CREARE VALIDI PRESUPPOSTI PER OTTENERE UNA PREFERENZA DURATURA DA PARTE DEGLI ACQUIRENTI; Ø GENERARE UN VANTAGGIO COMPETITIVO SOSTENIBILE;

17 GLI ELEMENTI CHIAVI DELLA STRATEGIA DELLA PER RIVOLUZIONARE IL SETTORE DELLE COMUNICAZIONI VIA CAVO v Proporre servizi Internet ad alta velocità o banda larga ai clienti con modem via cavo; v Promuovere un servizio nuovo di televisione on demand che consentisse agli acquirenti della sottoscrizione al digitale di guardare i programmi televisivi in qualunque momento; v Promuovere un servizio di televisione grazie al quale i clienti dotati di decoder potessero ordinare e guardare film in modalità pay per view selezionando il titolo desiderato da un menu con l uso del telecomando; v Intrattenere un partnership con Sony, MGM e altri colossi dell intrattenimento per espandere la selezione di film disponibili;

18 INDIVIDUAZIONE DELLA STRATEGIA AZIENDALE I migliori indicatori della strategia di un impresa sono le sue operazioni sul mercato e le definizioni formali elaborate dagli alx dirigenx riguardo agli approcci di business dell'impresa, i suoi piani futuri, e gli sforzi per consolidare la compexxvità e migliorare la performance.

19 SCHEMA DELLE INIZIATIVE E DEGLI APPROCCI COMMERCIALI CHE DEFINISCONO LA STRATEGIA

20 ChiariX gli aspe_ da tenere in considerazione la definizione della stratega richiede: - ATTIVITÀ DI RICERCA, VOLTA A RACCOGLIERE INFORMAZIONI CIRCA IL COMPORTAMENTO DEL IMPRESA SUL MERCATO E I SUOI APPROCCI COMMERCIALI. LA STRATEGIA ATTUALE CHE L IMPRESA INTENDE PERSEGUIRE, NON POSSIEDE SEGRETI O DELIBERATAMENTE NASCOSTI, NE VERSO L INERNO NE VERSO L ESTERNO.

21 Abbiamo visto nel corso delle lezioni precedenx quanto sia importante l'aspeyo della FIDUCIA, infa_ nel caso di imprese a controllo azionario diffuso, la strategia è spesso descriya dagli alx funzionari nella relazione annuali di bilancio nei comunicax stampa e nelle sezioni riservate alle news e nelle comunicazioni agli invesxtori pubblicate sul sito web dell'impresa. TuYo ciò proprio per conservare la fiducia degli invesxtori e della borsa. Infa_ le imprese azionare devo essere piuyosto esplicite riguardo la propria strategia, servendosi dei mezzi che più ritengono opportuni per farlo. A eccezione di alcune manovre cambiamenx non ancora introdo_ svelax al pubblico

22 EVOLUZIONE DELLA STRATEGIA AZIENDALE NEL TEMPO OGNI STRATEGIA CON IL PASSARE DEL TEMPO TENDE A RISULTARE INADEGUATA, ALMENO NELLA FORMA IN CUI ERA STATA ORIGINARIAMENTE CONCEPITA. LA STRATEGIA AZIENDALE DEV'ESSERE IN CONTINUA EVOLUZIONE!!! IL CAMBIAMENTO DELLE CONDIZIONI ESTERNE E LA CONTINUA RICERCA DI MIGLIORAMENTO DA PARTE DEL MANAGEMENT DETERMINA L'EVOLUZIONE DELLA STRATEGIA AZIENDALE NEL TEMPO, FATTORE CHE RENDE L'ELABORAZIONE STRATEGICA UN ATTIVITA' SEMPRE IN VIA DI ELABORAZIONE E NON UN SEMPLICE COMPITO OCCASIONALE.

23 Generalmente la strategia di un impresa presenta un EVOLUZIONE LENTA E GRADUALE In alcuni casi però occorrono TRASFORMAZIONI RADICALI, quindi i ritmi di quest'evoluzioni possono cambiare notevolmente a seconda delle situazioni che si presentano esempio: strategia non funziona e l'impresa affronta una crisi finanziaria; significaxvi cambiamenx di mercato o delle preferenze degli acquirenx; si devono raggiungere traguardi tecnologici; LA STRATEGIA AZIENDALE E' FRUTTO IN PARTE DELL'ANALISI E DELLE SCELTE DEL MANAGEMENT E IN PARTE DALLA NECESSITA DI ADEGUARSI ALLE CONDIZIONI DI MERCATO E DI IMPARARE DAL ESPERIENZA.

24 in generale i CambiamenX al interno dei contesx, dei seyori e delle condizioni compexxve si carayerizzeranno per: CAMBIAMENTI A RITMO MODERATO Ø CONSENTE DI MANTENERE LE COMPONENTI DELLE PRINCIPALI STRATEGIE VALIDE PER UN LUNGO ARCO DI TEMPO; CAMBIAMENTI FREQUENTI ED INCISIVI Ø IL CICLO DI VITA DELLA STRATEGIA SARA' BREVE; CAMBIAMENTI AD ALTA VELOCITA Ø RAPIDO ADEGUAMENTO STRATEGICO (anche più volte l'anno).

25 INDIPENDENTEMENTE DAL RITMO DI EVOLUZIONE, CIO' CHE CONTA E' CHE LA STRATEGIA AZIENDALE DEV'ESSERE SEMPRE CONSIDERATA: SU DI UN PIANO TEMPORANEO E IN PROVA SOGGETTA ALLE NUOVE POSSIBILITA' DI MIGLIORAMENTO E DI SVILUPPO DELINEATE DAL MANAGEMENT AL MANAGEMENT E ALL' ORGANIZZAZIONE SI RICHIEDE: UNO SFORZO MANAGERIALE PONDERATO E CREATIVO VOLTO AL ELABORAZIONE DI UNA STRATEGIA EFFICACE; UNA REAZIONE COSTANTE AI CAMBIAMENTI DEL MERCATO; UNA CONTINUA SPERIMENTAZIONE E RICERCA DEL MIGLIORAMENTO.

26 OCCORRE AVERE LA CAPACITA' DI ADEGUARSI A NUOVE CONDIZIONI E DI DOMANDARSI COSTANTEMENTE QUALI ASPETTI FUNZIONINO, Q U A L I M E N O O N E C E S S I T I N O D I MIGLIORAMENTO; RISPONDERE A TALI DOMANDE PORTA L'ORGANIZZAZIONE A REAGIRE IN MODO PRO- ATTIVO E IL MANAGEMENT A FORMULARE STRATEGIE IN CONTINUA EVOLUZIONE.

27 LA STRATEGIA AZIENDALE: UN MIX DI ELEMENTI DI AZIONE E REAZIONE La strategia aziendale come visto è in conxnua evoluzione in quanto è il risultato di: 1) COMPORTAMENTI ATTIVI VOLTI A MIGLIORARE LA PERFORMANCE FINANZIARIA E ASSICURARE UN VANTAGGIO COMPETITIVO; 2) REAZIONI A SVILUPPI E CONDIZIONI DI MERCATO IMPREVEDIBILI. LA STRATEGIA TENDE A ESSERE UN MIX DI ELEMENTI DI AZIONE E DI REAZIONE, ALCUNI DEI QUALI LUNGO IL PROCESSO, FINISCONO PER ESSERE ELIMINATI IN QUANTO ORMAI OBSOLETI O INEFFICACI.

28 La strategia aziendale come risultato di misure d'azione e di reazione ELEMENTI STRATEGICI ABBANDONATI ELEMENTI STRATEGICI D'AZIONE NUOVE INIZIATIVE E MANTENIMENTO DI ELEMENTI STRATEGICI GIA' AVVIATI VERSIONE PRECEDENTE DELLA STRATEGIA REAZIONI DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI ESTERNI ELEMENTI STRATEGICI DI REAZIONE NUOVA VERSIONE DELLA STRATEGIA

29 FOCUS RILEVANZA DEGLI ASSETTI PROPRIETARI NELLE IMPRESE I Proprietari, sono i sogge_ che condividono astrayamente DUE DIRITTI: CONTROL RESIDUAL EARNINGS I DIRITTI VARIANO A SECONDA DEL TIPO DI PROPRIETA': PUBBLICA PRIVATA CONCENTRATA (pochi azionisti) DIFFUSA (molti azionisti) CATEGORIE DIVERSE DI PATRON

30 RUOLO DEI PROPRIETARI / GRADO DI COINVOLGIMENTO PROPRIETARI E MANAGEMENT IMPRESE PUBBLICHE PRIVATE EQUITY CAPITAL VENTURE IMPRESE QUOTATE IN BORSA IMPRESE FAMILIARI IMPRESE IN MANO AI MANAGER E AI DIPENDENTI Favoriranno gli interessi della colle_vità a quelli specifici delle aziende controllate Verrà favorito il ritorno sugli invesxmenx effeyuax Il management sarà condizionato dalle aspeyaxve a breve degli invesxtori Sovrapposizione fra ragioni familiari, di business e d'impresa L'interesse sarà verso il posto di lavoro.

31 La STRUTTURA, la COMPOSIZIONE e la PRORIETA' non sono elemenx neutrali alle scelte strategiche del Management a Livello: CORPORATE (diversificazione, integrazione, internazionalizzazione); BUSINESS; MODI DI REALIZZAZIONE (scelte strategiche); DIRITTI; PREROGATIVE PROPRIETA'; Le diverse riforme CORPORATE- GOVERNANCE, hanno riportato al centro dell'ayenzione, fra i diversi strumenx che si possono uxlizzare a livello di governo societario, il ruolo del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE: NUCLEO DI SOGGETTI CHE MANTIENE DISTINTI I RUOLI TRA MANAGEMENT E PROPRIETA ANCHE QUANDO LE DUE FUNZIONI DOVESSERO CONCILIARE.

32 STRATEGIA ED ETICA: SUPERARE IL TEST DELLA MORALITA' Una strategia non può considerarsi excamente correya solo perché rientra nei canoni della legalità: deve consistere in azioni ispirate alla moralità e all'integrità, che non siano disoneste, spregiudicate, lesive nei confronx degli altri o inuxlmente nocive per l'ambiente. Una strategia è excamente correya soltanto se: 1) NON PREVEDE AZIONI O COMPORTAMENTI CHE RIENTRANO NELLA SFERA DI CIO' CHE "NON SI DOVREBBE FARE ; 2) CONSENTE AL MANAGEMENT DI ADEMPIERE AL PROPRIO DOVERE MORALE NEI CONFRONTI DI TUTTI GLI STAKEHOLDER: PROPRIETARI O AZIONISTI, DIPENDENTI CLIENTI, FORNITORI, LA COMUNITA' DOVE OPERA E LA SOCIETA' IN GENERALE.

33 Ma nella praxca, non è facile stabilire l'integrità di un comportamento strategico. Molte iniziaxve rientrano in un area Ibrida e tuyo dipende da quanto siano ne_ i confini tra condoya leale e comportamento moralmente scorreyo.

34 Le strategie e i comportamenx scorre_ allontanano i clienx e i fornitori Nel breve tempo un cliente avveduto sceglierà di rivolgersi ad un altra azienda; Un fornitore accorto adoyerà maggiori precauzioni; I dipendenx, più determinax e con una morale più integra, si rifiuteranno di lavorare per un impresa che adoya tali strategie. STRATEGIE E COMPORTAMENTI DISONESTI SONO SBAGLIATI DI PER SE, NON GENERANO BENEFICI DURATURI E IMPLICANO RISCHI NOTEVOLI

35 Gli alo dirigeno con integrità morale in genere ricercano aqvamente una corrispondenza fra azioni strategica e correuezza eoca: Vietano all'impresa di perseguire opportunità di business moralmente discuxbili; Insistono sul rispeyo di elevax standard morali in tu_ gli aspe_ della strategia aziendale; Richiedono apertamente all'intero personale di ayenersi a una condoya integra e correya; MeYono in ayo sistemi di controllo per monitorare il comportamento di dipendenx e collaboratori; Favoriranno indicazioni ai dipendenx su come agire in situazioni ibride.

36 MODELLO DI BUSINESS Ragionamento elaborato dal management che spiega come e perché l impresa riuscirà a produrre ricavi sufficienx a coprire i cosx e generare un profiyo e una reddixvità del capitale alleyanx STRATEGIA Si riferisce a tuye le iniziaxve compexxve e al piano d azione dell impresa per lo svolgimento della propria a_vità ( che non sarà necessariamente profiyevole) IL MODELLO DI BUSINESS VERTE SULLA VALIDITÁ DELLA STRATEGIA SCELTA

37 Sono compix manageriali fondamentali per due ordini di moxvi: 1. Una strategia chiara, ponderata e ben studiata rappresenta una mappa per il conseguimento del vantaggio compexxvo; una strategia efficace può portare l impresa da fanalino di coda a leader 2. Un impresa orientata alla strategia ha maggiori probabilità di oyenere elevax profi_. La qualità dell elaborazione e dell ayuazione strategica ha un forte impayo sull aumento dei ricavi, sui profi_ e sulla reddixvità del capitale É necessario uno sforzo coordinato ed unitario

38 Nel governo strategico delle imprese la valutazione della formula imprenditoriale occupa una posizione centrale F.I. Risultante delle scelte di fondo riguardanx: - MercaX - Prodo_ offerx - StruYura - Sistema degli ayori sociali - Prospe_ve offerte/contribux richiesx

39 Una formula imprenditoriale valida è orientata a perseguire simultaneamente e congiuntamente il successo sul piano compeoovo, sul piano sociale e sul piano reddituale e tende ad a_vare dei circuix di successo che si autoalimentano e che intersecano quesx diversi piani Successo compexxvo Successo sociale Successo economico- finanziario

40 ALTO Successo CompeOOvo BASSO F.I. DI SUCCESSO INTERNAMENTE COERENTE SUCCESSO ECONOMICO DIPENDENTE DA CONDIZIONI ESTERNE DI PARTICOLARE VANTAGGIO F.I. INTERNAMENTE INCOERENTE CRISI MANCANZA DI UNA RAGIONE D ESSERE RICOMPENSATA DAL SISTEMA DI MERCATO ALTO BASSO Successo economico- finanziario

41 ALTO Successo Sociale BASSO ECONOMICITÁ DELLA GESTIONE E SODDISFAZIONE DEI PARTECIPANTI SI ALIMENTANO A VICENDA SUCCESSO ECONOMICO OTTENUTO CON SACRIFICIO DELLE ATTESE DI UNO O PIÚ PARTECIPANTI SUCCESSO SOCIALE OTTENUTO A SCAPITO DEL RUOLO ECONOMICO DELL IMPRESA DISECONOMICITÁ DELLA GESTIONE E INSODDISFAZIONE DEI PARTECIPANTI SI ALIMENTANO A VICENDA ALTO BASSO Successo economico- finanziario

42 Strategia efficace + Applicazione strategica efficace = Management efficace Performance eccezionale sul mercato Il business è un gioco di abilità a cui partecipano in tane, sebbene sappiano giocarvi in pochi (Ralph Waldo Emerson)

43

44 Bibliografia: - Thompson A.A., Strickland A.J., Gamble J.E., Strategia aziendale, Mc Graw Hill, 2009; - Materiale e dispense a cura del docente (valutare la formula imprenditoriale) Prof. Tonino Pencarelli; - Video: - Immagini six vari.

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale SCHEMA DI SINTESI 1. Che cos è la pianificazione

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli