LIFE Project Number Mid-term Report Covering the project activities from 01/09/2012 to 31/07/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIFE Project Number Mid-term Report Covering the project activities from 01/09/2012 to 31/07/2013"

Transcript

1 LIFE Project Number <LIFE +10 ENV/IT/000394/WARBO> Mid-term Report Covering the project activities from 01/09/2012 to 31/07/2013 Reporting Date <31/07/2013> LIFE+ PROJECT NAME or Acronym <WATER RE-BORN - Artificial Recharge: Innovative Technologies for the Sustainable Management of Water Resources> Annex 31 Name of Deliverable: Report sulle caratteristiche idrogeochimiche delle risorse idriche superficiali e sotterranee, calcolo dell'indice di biodiversità e valutazione delle risposte geoelettriche ai fini della programmazione della ricarica artificiale Code of the associated action: 7 Mid-term report LIFE+

2 Analisi della biodiversità e delle caratteristiche idrogeochimiche delle risorse idriche

3

4 7.7.1 Introduzione La Prof.ssa Marilena Leis con la collaborazione del Dott. Massimo Lanfredi, del Dr. Salvatore Pepi e della Dr.ssa Elisa Rota hanno curato lo studio della biodiversità nelle tre aree di progetto. La presente relazione consiste nel monitoraggio biologico e nell analisi delle interazioni fra gestione delle acque, qualità geochimica e biodiversità, nelle tre aree selezionate per le attività dimostrative del progetto WARBO ed ubicate rispettivamente nella Pianura Friulana (Fig. 1a) e nella Pianura Ferrarese (Fig. 2 a). Nell Alta Pianura Friulana le attività sono state condotte: a) nel Comune di San Vito in Tagliamento, Provincia di Pordenone Zona Industriale Ponte Rosso ZIPR (Fig. 1b) e, per confronto, sono state eseguite analisi anche in un canale ed in una vasca di fitodepurazione ubicati all interno del Parco delle fonti di Torrate di Chions (Pn), sede delle attività sperimentali del progetto CAMI LIFE+. b) Nel Sito test di Mereto di Tomba in provincia di Udine. Nella Pianura Ferrarese le attività sono state condotte nell invaso della cava di argilla di Ponte San Pietro (Fig. 2 b). del Comune di Copparo (Copparo, Ferrara) Il monitoraggio biologico del fondale acquatico di Mereto di Tomba non è ancora stato iniziato in quanto vincolato ai tempi dell attività di ricarica artificiale, che inizierà il prossimo anno (2014) e sarà finalizzata alla verifica dei tempi necessari al raggiungimento di condizioni di adeguata biodiversità nella vasca di infiltrazione che, oltre al suolo, esplica un ruolo importante nella fitodepurazine dell invaso di infiltrazione.

5 Fig. 1 a. Aree test progetto WARBO Alta Pianura Friulana: Mereto di Tomba Udine Zona Industriale Ponte Rosso, Pordenone Parco delle Fonti Torrate Fig. 1b. Dettaglio della Zona Industriale Ponte Rosso, Pordenone Fig. 2a. Comune di Copparo, Ferrara e sua localizzazione nel Delta del Po Fig. 2b. Cava a Ponte San Pietro

6 L analisi della biodiversità in relazione alle caratteristiche chimico fisiche delle acque nei canali irrigui ha le seguenti finalità: - raccolta di dati di letteratura su problematiche di conservazione della biodiversità e individuazione delle specie a rischio di estinzione che possono essere protette all interno delle aree di progetto per una successiva messa a punto di idonee pratiche di salvaguardia dopo la riqualificazione delle acque superficiali destinate alla ricarica artificiale. - analisi dell impatto dei sistemi di gestione dei canali irrigui per la comprensione delle loro capacità autodepuranti in relazione alle acque superficiali. Le problematiche principali sono soprattutto dovute al depauperamento dei biotopi in relazione alle attività di sfalcio della vegetazione riparia ed alle pratiche gestionali che i Consorzi di Bonifica eseguono per garantire la sicurezza idraulica. Queste attività, oltre a ridurre le capacità fitodepuranti, hanno pesanti ricadute su funzioni idrobiologiche, sopravvivenza di specie vegetali ed animali sensibili e qualità del paesaggio ripariale. - realizzazione di un impianto di fitodepurazione, ispirato al modello di manutenzione gentile New Watercourse Act, che consente il regolare deflusso delle acque in un habitat favorente lo sviluppo della flora e della fauna e che, nel contempo, riduce le attività di manutenzione del fondale acquatico. In queste condizioni si garantisce il deflusso minimo vitale e si genera un canale di corrente tale da poter limitare lo sfalcio, consentendo così un risparmio sulle spese di manutenzione delle sponde oltre a permettere il confinamento delle specie infestanti a vantaggio di specie utili in sofferenza. Su queste aree sono state svolte, nell ambito delle attività di progetto, le prime campagne di monitoraggio della biodiversità e le analisi delle caratteristiche chimico fisiche, geologiche ed idrogeologiche. I risultati del progetto pilota forniranno agli utilizzatori, agli stakeholder (ARPA, Regioni, Provincie, Comuni, Consorzi di bonifica, ecc.), ai tecnici ed ai ricercatori del settore, tutte le informazioni raccolte e le procedure di acquisizione ed elaborazione dei dati, per valutare il rischio di degrado delle risorse idriche. Data la complessità degli ambienti e le problematiche delle aree di progetto molto diverse, per per ogni settore sono stati necessari approfondimenti specifici. Pertanto di seguito vengono esposte, per ogni singola area, le attività svolte, descritte dettagliatamente le caratteristiche dell area, l inquadramento geografico, geologico e biologico. Per ogni area inoltre vengono descritti la metodologia utilizzata, le modalità di campionamento ed i risultati ottenuti. Si ritiene opportuna una premessa relativa ai concetti di biodiversità e di bioindicatori ed alle metodologie che sono state di volta in volta utilizzate per la sua valutazione nelle aree finora indagate. Per poi passare a descrivere i primi risultati ottenuti.

7 7.7.2 La biodiversità Il termine biodiversità, oggi utilizzato anche in campi diversi da quello strettamente scientifico, è stato coniato nel 1988 dall'entomologo americano Edward O. Wilson, ed è la traduzione dall inglese biodiversity, a sua volta abbreviazione di biological diversity. Secondo ISPRA CATAP Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Coordinamento delle Associazioni tecnico scientifiche per l'ambiente ed il Paesaggio nel Glossario Dinamico pubblicato nel 2012 quale definisce come biodiversità la varietà degli organismi viventi presenti nell ambiente. La biodiversità può essere descritta in termini di geni, specie o ecosistemi. Ogni giorno vengono segnalate nuove specie e, ad oggi, sono state descritte più di 2 milioni di specie viventi a fronte di milioni di specie estinte (fossili) e numerose ricerche indagano gli ambienti estremi per scoprire nuove specie che, si stima, ammontino a decine di milioni. Nei 3 miliardi e mezzo di anni di evoluzione gli studi paleontologici segnalano più di specie di diverse di Batteri, specie di Protisti, specie di Funghi, specie di Piante. Altrettanto diversificata è la fauna per la quale sono segnalate circa 1 milione e specie di cui invertebrati e vertebrati che comprendono un 16.59% di anfibi, 8.36 % di pesci, % di uccelli, % di rettili e % di mammiferi. La biodiversità viene descritta utilizzando degli indicatori, introdotti nel 1993 dall OCSE Organization for Economic Cooperation and Development, attraverso la definizione di protocolli rapidi e agevoli con cui caratterizzare la varietà degli organismi e presentare le tendenze generali sullo stato della biodiversità in Europa, in modo da stabilire la risposta degli ecosistemi agli impatti naturali ed antropici e verificare se alcune azioni di mitigazione possono avere ricadute efficaci. Per uniformare i parametri descrittivi la metododlogia dell OCSE individua due grandi categorie: a) indicatori di stato e/o impatto Indice di Biopotenzialità Territoriale (Btc), b) indicatori di risposta. Numerose Convenzioni Internazionali sono state dedicate alla biodiversità. La prima, nota come Convenzione di Ramsar, fu firmata in Iran il 2 febbraio 1971 ed è relativa alle zone umide di interesse internazionale ed alla tutela degli uccelli acquatici. In Italia, ai sensi della Convenzione di Ramsar, sono stati riconosciuti e inseriti nell'elenco d'importanza internazionale 50 siti. Altrettanto importante è la Convenzione di Washington del 1973, disciplinata in Europa dal Regolamento UE 338/97 che definisce misure per la protezione delle specie della fauna e della flora selvatiche ed assicura la loro conservazione, controllandone il commercio secondo le disposizioni stabilite. Seguono altre Convenzioni dedicate ad ambienti specifici, fra cui di grande rilievo possono essere citate la Convenzione di Barcellona del 1978, emendata nel 1995, che diventa la Convenzione per la protezione dell'ambiente marino e la regione costiera del Mediterraneo, la Convenzione di Berna del 1979, la Convenzione di Bonn del 1983, la Commissione per le Risorse Genetiche per il Cibo e l'agricoltura del Il proliferare delle convenzioni produce una parcellizzazione delle comptenze per cui, nel 1992, si consacra il termine Bioversità grazie al trattato internazionale sottoscritto a Rio de Janeiro, ratificato fino ad oggi da 192 Paesi, noto universalmente come Convenzione sulla diversità biologica Convention on Biological Diversity (CBD) che è stato finalizzato alla tutela specifica della diversità biologica, all uso durevole dei suoi elementi ed alla equiripartizione dei vantaggi derivanti dallo sfruttamento delle risorse genetiche. L'Italia ha ratificato la Convenzione sulla Biodiversità con la legge 124 del 14 febbraio 1994, grazie alla quale è stata adottata una Strategia Nazionale per la Biodiversità in termini di: conservazione della diversità biologica, considerata a tutti i livelli, ovvero di geni, di specie, di comunità e di ecosistemi; utilizzazione durevole, o sostenibile, dei suoi elementi;

8 giusta ed equa ripartizione dei vantaggi che derivano dallo sfruttamento delle risorse genetiche e dal trasferimento delle tecnologie ad esso collegate. Tali strategie accolgono le linee guida definite nel giugno 1992 a Rio de Janeiro (Brasile). Nel 2001 il Consiglio dell Unione Europea di Goteborg ha ribadito la necessità di intraprendere azioni concrete per arrestare la perdita di biodiversità entro il 2010, impegno successivamente condiviso e rafforzato dal Summit mondiale per lo Sviluppo Sostenibile di Johannesburg del 2002, anche attraverso il raggiungimento dell Obiettivo 2010 con l adozione azioni mirate ad una significativa riduzione della perdita di biodiversità. L anno 2010, dichiarato dall'onu Anno Internazionale della Biodiversità (sito: ha posto le basi per nuove misure mirate allo sviluppo sostenibile, alla protezione e conservazione degli innumerevoli ecosistemi interattivi del pianeta (Sito World Wide Fund for Nature, WWF, https://www.wwf.it/client/render.aspx?content=0&root=999). Alla luce di queste convenzioni il progetto WARBO vuole anche contribuire alle sollecitazioni internazionali dell Assemblea Generale dell ONU (Risoluzione A/RES/65/161) che ha dichiarato il decennio Decennio della Biodiversità ai fini della sensibilizzazione della perdita di specie, sottospecie o varietà, i cui danni posso essere classificati come di seguito: danni ecologici, cioè tali da alterare negaivamente la funzionalità degli ecosistemi danni culturali, perché si perdono conoscenze e tradizioni umane legate alla biodiversità danni economici, perché le risorse genetiche ed il loro potenziale di sfruttamento economico, vengono drasticamente ridotti (http://www.fao.org/biodiversity/en/) Inoltre il quarto rapporto di valutazione dell Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) del 2007 e una moltitudine di studi successivi affermano che anche i cambiamenti climatici stanno producendo alterazioni significative sulle comunità vegetali e animali, biodiversità e servizi ecosistemici. Alla luce di questi scenari quindi il progetto WARBO, oltre alla valorizzazione delle risorse idriche in termini quantitativi e qualitativi, nella consapevolezza che la sostenibilità ambientale nelle aree di progetto richiede miglioramenti volti ad attenuare gli effetti negativi prodotti dai cambiamenti climatici sulla biodiversità, vuole anche progettare interventi che, in accordo con quanto dichiarato da Pearson et al. (2003) e Thomas et al. (2004) vadano nella direzione del mantenimento di ecosistemi sani, in un buono stato di salute, contribuendo a mitigare gli effetti degli estremi climatici. Per questo motivo il progetto ha posto grande attenzione all individuazione dei fattori di stress, in modo da suggerire, agli enti gestori del territorio, strategie idonee a salvaguardare gli habitat delle aree di progetto Organismi bioindicatori La direttiva quadro sulle acque stimola programmi di conservazione e riqualificazione degli ecosistemi acquatici, che devono essere monitorati con metodologie sensibili e sostenibili e in grado di definire lo stato di salute dei corpi idrici e le ricadute in termini di biodiversità (Consiglio U.E. 18 dicembre, 1995; Water Researc Center, 1996; Unione Europea, 2000). Questa visione ecosistemica del monitoraggio necessita di parametri significativi rappresentati dai bioindicatori, ovvero organismi capaci di fornire informazioni sulla qualità dell ambiente (Turner, 1989). La prima definizione è di Iserentant & De Sloover (1976) che li definiscono come organismi o sistemi biologici

9 usati per valutare una modificazione generalmente degenerativa della qualità dell'ambiente. Successivamente il termine è stato ampliato e può comprendere comunità, popolazioni o gruppi di specie con comportamento analogo (gruppo ecologico), specie particolarmente sensibili (specie indicatrici), oppure una porzione di organismo, come organi, tessuti, cellule o anche una soluzione di estratti enzimatici. Successivamente (Corona et al., 1997) definiscono i bioindicatori come specie animale, pianta o fungo particolarmente sensibile a cambiamenti apportati da fattori inquinanti all ecosistema che possono subire modificazioni più o meno marcate del proprio stato naturale in presenza di condizioni climatiche estreme, come uno stress climatico, o in presenza di sostanze tossico nocive di origine naturale e/o antropica. Le comunità di organismi caratteristici di diversi livelli trofici dell ecosistema acquatico forniscono quindi indicazioni sullo stato di salute delle matrici ambientali (suolo, aria ed acqua) in cui essi vivono, ed eventuali modificazioni possono essere correlate a problematiche di inquinamento (Goldsmith, 1991). Nel corsi d acqua lo stato ecologico utilizza come bioindicatori le comunità di macroinvertebrati (insetti, crostacei, nematodi, platelminti, irudinei e oligocheti) comunemente presenti nei corsi d acqua (legge 152/99) che sono caratterizzati da capacità di risposta differenziata alle alterazioni chimiche e fisiche dell ambiente di vita (Hellawell, 1991). I macroinvertebrati che vivono nei fondali acquatici sono facilmente riconoscibili, hanno dimensioni generalmente superiori al millimetro e permettono di individuare gli effetti di alterazioni dell ambiente in quanto, essendo stabilmente presenti in acqua, avendo un ciclo vitale normalmente superiore allanno e non essendo soggetti a migrazioni, la loro presenza è un valido indicatore della qualità e della salubrità dell ambiente (Iserentant & De Sloover, 1976). La riduzione o addirittura la morte di questi organismi fornisce quindi indicazioni sulle condizioni chimico fisiche di un corso d'acqua (temperatura, quantità di ossigeno, torbidità dell'acqua, ecc.) ma soprattutto su alterazioni ed impatti, in caso di immissione di sostanze inquinanti. L attenzione dei ricercatori è focalizzata sulle specie particolarmente sensibili che, necessitando di condizioni adeguate per sopravvivere, forniscono indicazioni in base alla loro presenza o assenza ed anche in relazione al numero di individui presenti, per cui le percentuali e i reciproci rapporti di abbondanza sono indici di eventuali impatti. Campionature stagionali e ripetute negli anni consentono di stimare le risposte alle modificazioni dei sistemi ambientali e di valutare incrementi o diminuzioni nelle pressioni antropiche. Fondamentale è quindi riuscire a valutare le tipologie di specie più sensibili ed a stabilire alterazioni delle loro abbondanze relative, in quanto, al mutare delle condizioni, si allontanano, presentano danni o muoiono, mentre quelle che riescono a resistere (come la maggior parte dei Coleotteri e delle loro larve) (Grillas, 1996) aumentano notevolmente di numero a causa della diminuzione dei predatori e dell'aumentata disponibilità di cibo (Buffagni, 1995). Un ambiente alterato è quindi caratterizzato da un numero ridotto di specie e da una non equa ripartizione degli esemplari tra le varie specie. Buoni bioindicatori di acque dolci sono i macroinvertebrati, spesso utilizzati a livello di comunità, tra cui Molluschi gasteropodi e bivalvi e Crostacei, che possono essere impiegati per il monitoraggio di fiumi, laghi e corsi d acqua minori, in particolare per la classificazione dei livelli trofici e per la stima dell inquinamento delle acque da metalli, erbicidi ed insetticidi. Altri buoni bioindicatori che possono essere utilizzate come gli altri macroinvertebrati acquatici sono anche le comunità di insetti acquatici o le specie che hanno lo stadio larvale a vita acquatica (per esempio Chironomidi, Odonati ecc.) che consentono stime del livello trofico di corpi idrici e il loro stato di inquinamento e rappresentano dei veri e propri segnali viventi dello stato di salute dell ambiente (Ghetti, 1997).

10 Bioindicatori acquatici esaminati nel presente studio Nel presente studio sono stati effettuati campionamenti attivi e passivi, per avere una visione completa delle caratteristiche qualitative dell ambiente: sono stati prelevati gli invertebrati, identificate le specie presenti, analizzate le densità nel sito in esame, analizzati i parametri chimico fisici dell acqua ed infine valutate le correlazioni tra le densità e la qualità dell acqua (McKenzie et al., 1990). I risultati sono riportati nel paragrafo Gammaridae Gammarus pulex (Amphipoda Crustacea), conosciuto come gambero d acqua dolce è un crostaceo anfipode che vive preferibilmente in acqua dolce (Hendrik, 1969). I maschi adulti di G. pulex possono raggiungere una lunghezza di 21 mm, mentre le femmine di 14 mm (Fig. 3a e b). Fig. 3a. Anatomia generale a)

11 Fig. 3b. Gammarus pulex. Esemplari adulti, maschio (trasparente) e femmina (giallo marrone). b) Il colore del corpo è per lo più trasparente, ma talvolta ha tonalità giallo marroni (Pinkster, 1970). Gli occhi di G. pulex sono in grado assicurare al crostaceo una visione completa che gli permette di scorgere con abilità i propri predatori. Le antenne, usate come organi sensoriali, vengono utilizzate per la ricerca del cibo (Agrawal, 1965). Il torace dispone di sette paia di appendici, due utilizzate per afferrare il cibo (gnatopodi), gli altri per spostarsi sul fondale (pereopodi) o muoversi in qualsiasi direzione, in tutti gli ambienti che possono costituire un habitat favorevole per vita e riproduzione (Clemens, 1950). G. pulex vive preferibilmente in corsi d acqua con corrente moderata, ma è presente anche in laghi e stagni, vicino ai bordi ricchi di vegetazione dove si nasconde e si nutre di materiale animale e vegetale in decomposizione. L ambiente ideale per G. pulex sono acque purissime e ricche di ossigeno, possibilmente con fondale ghiaioso e vegetazione (Bengtsson, 1982) e la specie è molto sensibile alle acque inquinate o poco ossigenate (Aliyev, 1991). G. pulex si trova comunemente in quasi tutta l Europa ed è assente in Norvegia, in parte della Scozia ed in Irlanda (David, 2007), anche se è stato introdotto nel 1950 a Lough Neagh (Irlanda del Nord), dove si sta sostituendo al G. duebeni (Fig. 4) (Carter e Murphy, 1993).

12 Fig. 4. Gammarus duebeni, adulti. In Gran Bretagna G. pulex è uno delle due specie più comuni del genere Gammarus, insieme a G. lacustris (Fig. 5), diffuso in Scozia. G. pulex è una delle specie incluse in una delle maggiori opere di Carlo Linneo Systema Naturae, pubblicata per la prima volta nel 1735, che segna il punto di partenza per la nomenclatura zoologica (Kenney et al., 2009). Fig. 5. Gammarus lacustris, adulto. Il genere Gammarus insieme a Corophium, altro anfipode, sono stati oggetto di studio come organismi bioindicatori. Attraverso prove sperimentali è stata valutata l idoneità delle due specie

13 ad indicare la qualità di ambienti marini costieri e salmastri, e sono state messe a punto tecniche analitiche idonee al confronto dei risultati e all utilizzo su scala nazionale (Prato et al., 2006) Daphniidae Daphnia pulex (Cladocera Crustacea) è un piccolo (da 0.2 a 5 mm) crostaceo planctonico, noto comunemente come pulce d acqua. La divisione del corpo in segmenti, tipica dei crostacei, in questo genere è quasi impercettibile. Il capo è fuso e ricurvo sul corpo, da cui è separato da un incavo ben visibile (Fig. 6). Fig. 6. Daphnia pulex, adulto. Nella maggior parte delle specie il resto del corpo è ricoperto da un carapace con un apertura ventrale da cui si dipartono 5 o 6 paia di zampe. Gli occhi composti, il secondo paio di antenne e una coppia di setae addominali costituiscono le parti più prominenti del corpo. In molte specie il carapace è traslucido o quasi, rendendo questi animali perfetti per l osservazione al microscopio, grazie al quale è possibile vedere anche il battito del cuore. Anche a bassi ingrandimenti è possibile osservare il meccanismo di nutrimento, il movimento dei giovani immaturi all'interno del corpo della madre, gli occhi mossi dai muscolo ciliare e i corpuscoli del sangue pompati nel sistema circolatorio dal cuore. D. pulex è sensibile all intossicazione da alcool e questo la rende un eccellente soggetto per lo studio degli effetti della depressione del sistema nervoso, a causa dell esoscheletro trasparente che rende possibile osservare la frequenza cardiaca alterata (Damasio et al., 2008). D. pulex si ciba raramente di piccoli crostacei e rotiferi e solitamente si nutre per filtrazione, cibandosi di alghe unicellulari, protozoi e batteri, convogliati verso il tratto digestivo dal battito delle zampe che produce una corrente costante attraverso il carapace. Le particelle di cibo intrappolate si trasformano in un bolo alimentare che si muove lungo l apparato digestivo fino all'ano, situato sulla superficie ventrale dell appendice terminale, mentre il nuoto è assicurato dal secondo paio di antenne, di solito più lunghe del primo paio. La riproduzione avviene per partenogenesi, solitamente a partire dalla primavera fino alla fine dell estate (Fig. 7).

14 Fig. 7. Daphnia pulex, ciclo biologico. Gli embrioni crescono all interno del corpo della madre e le dafnie neonate per diventare adulti maturi devono effettuare diverse mute in circa due settimane. Le femmine mature, in condizioni ideali, sono capaci di riprodursi ogni 10 giorni ed il processo riproduttivo continua fino a quando le condizioni ambientali sono favorevoli. All avvicinarsi dell inverno o al mutare delle condizioni ambientali, la produzione di femmine partenogenetiche cessa e sono generati i maschi (Amodei, 1993), che generalmente sono solo la metà della popolazione totale e in alcune specie sono del tutto assenti. I maschi sono molto più piccoli delle femmine e presentano un appendice addominale specializzata utilizzata durante l accoppiamento per attaccarsi alla femmina, aprire il suo carapace ed inserire una spermateca per la fecondazione delle uova. Le uova fecondate sono dette uova invernali e presentano un rivestimento detto efippio che le preserva e le protegge fino alla primavera, quando opportuni stimoli, in particolare il fotoperiodo, favoriscono la schiusa e fanno ripartire il ciclo partenogenetico. Le dafnie non vivono più di un anno e la durata della vita è ampiamente dipendente dalla temperatura (Marchetti et al., 1991). Le dafnie possono essere usate in alcuni ambienti per testare gli effetti tossici di molteplici contaminanti a livello ecosistemico. Sono infatti indicatori biologici particolarmente utili a causa del loro breve ciclo vitale e della loro capacità riproduttiva. Le specie più impiegate a tale scopo sono D. magna (Fig. 8) D. pulex e Ceriodaphnia dubia (Fig. 9). Spesso si cerca di reintrodurne colonie in natura perché questi cladoceri, oltre a fornire nutrimento agli organismi d acqua dolce, si nutrono di materiale organico filtrando e pulendo l acqua (Suter, 2001).

15 Fig. 8. Daphnia magna. Fig. 9. Ceriodaphnia dubia Culicidae Culex pipiens (Linnaeus, 1758) (Diptera Culicidae) (Fig. 10) è la zanzara più comune appartenente al genere Culex nell emisfero boreale. La specie è presente in varie sottospecie (ad esempio C. pipiens pipiens e C. pipiens molestus) che possono essere distinte tra loro soltanto attraverso analisi al microscopio dell apparato riproduttore. La femmina di C. pipiens punge l uomo e altri animali a sangue caldo per nutrirsi del sangue, indispensabile per la produzione delle uova, ed è dotata di sensori che le permettono la localizzazione delle prede captando, le emissioni termiche, la CO 2, stimoli chimici e, in particolari circostanze anche la luce (Tremblay 1991). Le antenne delle femmine sono sottili, mentre quelle dei maschi sono piumose. Il corpo è lungo da 5 a 7 mm; l addome, di colore bruno, nella femmina aumenta di dimensioni quando l insetto si nutre di sangue. Le ali si estendono leggermente al di fuori dell addome e sono coperte e bordate di squame (Galun et al., 1993). La specie frequenta di preferenza acque piuttosto calde e stagnanti, ma si può trovare anche in ambienti forestali ombrosi, all interno di pozze e canali ricchi di foglie morte e in luoghi umidi. Il pasto di sangue serve alla femmina per produrre una quantità ottimale di uova (fino a circa 200 per ogni deposizione) e se non trova sangue a sufficienza può nutrirsi di nettare, ma in queste condizioni non riesce a produrre più di una ventina di uova. Le uova sono deposte raggruppate in strutture a piattaforma dette a navicella, simili a piccole zattere con i bordi sopraelevati, sulla superficie di acque stagnanti, anche in volumi molto ridotti di acqua. Dalle uova che riescono a sopravvivere alla predazione da parte di pesci e anfibi escono le larve, che completano il loro sviluppo in acqua (Becker et al., 2003). Le larve (Fig. 11) sono parte dello zooplancton e si sviluppano attraverso mute successive, la quarta delle quali che porta alla formazione della pupa, lunga da 0.8 a 1.2 cm (Fig. 12). Le larve e le pupe devono periodicamente stare in superficie per respirare attraverso tubi respiratori, che fino alla terza muta è situato in posizione opposta rispetto alla testa, quindi l animale respira con la testa rivolta verso il basso mentre nella pupa è situato parte dorsale del cefalotorace, dove sono presenti due cornetti respiratori: è quindi in grado di vivere in ambienti molto poveri di ossigeno. Le larve nuotano effettuando caratteristici movimenti a scatti. Predatori delle larve sono piccoli pesci, in particolare la specie alloctona Gambusia affinis (Országh et al., 2006).

16 Fig. 10. Culex pipiens, femmina adulta. Fig. 11. C. pipiens: larve. Fig. 12. C. pipiens: pupa.

17 Corixidae La famiglia di insetti acquatici Corixidae (Leach, 1815) appartiene all ordine dei Rincoti, sottordine Heteroptera (Fig. 13) e costituisce l unica rappresentante della superfamiglia Corixoidea. Fig. 13. Corixa punctata, adulto I Corissidi hanno dimensioni medie o piccole, con corpo oblungo, da 1.5 a 15 mm. Il loro aspetto generale è molto simile a quello delle notonette. La pigmentazione è caratterizzata da strie o bande trasversali sul pronoto e sulle emielitre, il capo è grande, largo quanto il pronoto o poco più, con profilo frontale triangolare. Gli occhi sono molto grandi e gli ocelli in genere assenti, le antenne molto brevi, composte di quattro segmenti. L apparato boccale è atipico rispetto al tipo pungente succhiante rappresentativo dei Rincoti: i Corissidi non hanno la capacità di pungere, in quanto gli stiletti mandibolari e mascellari sono adatti a tagliare. Il rostro è formato da un solo segmento, è molto breve e in apparenza fuso con il capo. Il torace mostra un pronoto grande, spesso prolungato posteriormente fino a ricoprire il mesoscutello. Le zampe costituiscono l elemento morfologico caratterizzante della famiglia. Quelle anteriori sono relativamente brevi e hanno i tarsi (detti palae o pale) formati da un solo segmento largo e appiattito, adatto a raschiare e scavare, fornito di una sola unghia e di una frangia di setole lunghe e fitte (Hogan, 2008). Le zampe mediane sono relativamente lunghe e sottili, spesso percorse da peli, con tarsi formati da un solo segmento e provvisti di due unghie piuttosto lunghe. Le zampe posteriori sono marcatamente natatorie, con articoli appiattiti, percorse da dense frange di setole e con tarsi composti da due segmenti. Le ali sono ben sviluppate, ricoprenti interamente l addome, quelle posteriori sono talvolta ridotte. L addome ha un profilo concavo ed insieme alle ali forma una cavità che costituisce una riserva d aria per respirare sott acqua (Fig. 14). Gli ultimi tre uriti dell addome sono asimmetrici. Una particolarità dei maschi di molte specie della famiglia è quella di emettere suoni, da cui il nome comune di cicala d acqua (Riccardi et al., 2000).

18 Fig. 14. Corixa punctata, adulto sulla superficie dell acqua. L organo sonoro è costituito da un area zigrinata del capo nella zona clipeale labiale e da una o due file di dentelli che percorrono la faccia anteriore dei tarsi anteriori su cui vengono sfregati i tarsi per produrre i suoni. I Corissidi hanno un regime dietetico misto, sia zoofago sia fitofago, ma sono fondamentalmente detritivori. Si nutrono di detriti animali o vegetali rinvenuti nella melma dei fondali, di zooplancton e alghe. Sono in grado di assumere alimenti solidi che masticano sfruttando setole disposte nella faringe (Servadei, 1972). Il loro habitat è prettamente acquatico: vivono in acque per lo più stagnati di vario tipo, alcune specie anche in semplici pozzanghere. In generale colonizzano ambienti d acqua dolce, ma alcune specie si rinvengono in acque salmastre. Nuotano immersi usando le zampe posteriori come remi, con una propulsione a scatti veloci. A differenza delle notonette, i Corissidi nuotano normalmente con il dorso rivolto verso l alto. Gli adulti sono spesso in grado di volare, migrando da un sito ad un altro, talvolta anche a grande distanza e sono attirati dalla luce. Le femmine depongono le uova isolate o in gruppi, fissandole al substrato con un breve pedicello. La famiglia è cosmopolita ed è presente in tutte le regioni zoogeografiche (Alcaraz et al., 2006). Una delle specie più comuni della famiglia è Corixa punctata MATERIALI E METODI Campionamento, conservazione e determinazione della fauna I campioni sono stati raccolti utilizzando un retino per il prelievo del materiale sul fondo ed un setaccio con imbuto per raccogliere il materiale (circa 2.5 gr a campione) (Fig. 15) in un contenitore graduato di plastica (Kartel) da 250 ml, opportunatamente siglato. Il campione è stato sospeso in 240 ml di acqua e 10 ml di soluzione acquosa di formaldeide al 37%, per conservare il materiale fino alla determinazione degli esemplari, che è avvenuta nel Laboratorio di Ecologia Applicata all Ambiente Terrestre del Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie dell Università di Ferrara. In ogni punto i campioni sono stati presi in triplicato. In laboratorio ogni campione è stato versato su filtro di nylon (0.44 x 0.77 mm) ed è stato lavato con acqua. Il sorting di tutta la fauna è stato effettuato tramite uno stereomicroscopio LEICA Zoom 2000 (Leica

Report tecnico idrogeochimico e geoelettrico per la Procedura VIA della proposta di ricarica artificiale

Report tecnico idrogeochimico e geoelettrico per la Procedura VIA della proposta di ricarica artificiale LIFE Project Number FINAL Report Covering the project activities from 01/01/2012 to 31/12/2014 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I Bacino del fiume Tagliamento I INDICE 4 - RETI DI MONITORAGGIO ISTITUITE AI FINI DELL ARTICOLO 8 E DELL ALLEGATO V DELLA DIRETTIVA 2000/60/CE E STATO DELLE ACQUE SUPERFICIALI, DELLE ACQUE SOTTERRANEE E

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

INCONTRI CON IL MARE

INCONTRI CON IL MARE INCONTRI CON IL MARE Progetti didattici per le scuole 2011-2012 2012 Fondazione Cetacea Onlus Centro di Educazione Ambientale Via Torino 7/A- 47838 Riccione Tel.0541/691557-fax 0541/475830 www.fondazionecetacea.org

Dettagli

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 COSA SONO Il D.Lgs. 152/99 e s.m.i. definisce corpi idrici "significativi" i corpi idrici, superficiali e sotterranei,

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

S INTESI DEI RISULTATI

S INTESI DEI RISULTATI S INTESI DEI RISULTATI I risultati delle analisi biologiche sono riassunti nella pagina successiva, dove sono riportate una carta con l indicazione delle classi di qualità raggiunte dalle stazioni monitorate

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

Zanzare: un esempio di lotta guidata

Zanzare: un esempio di lotta guidata Zanzare: un esempio di lotta guidata A. Drago Nell estate 1998 il Comune di Legnaro è stato oggetto di un interessante esperienza nell ambito della quale è stato applicato alla disinfestazione pubblica

Dettagli

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI GEOLOGI e TERRITORIO Periodico dell Ordine dei Geologi della Puglia - Supplemento al n. 1/2004 89 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI Contenuti di un ipotetico Progetto Tiziano

Dettagli

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova LE LORO CARATTERISTICHE Gli artropodi sono forniti di un esoscheletro (cioe' uno scheletro esterno) composto da una proteina dura, la chitina. Anche se gli artropodi hanno un esoscheletro le altri parti

Dettagli

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera Impianto di depurazione S. Giustina (RN) Verifica di assoggettabilità L.R. 9/99 come integrata ai sensi del D. Lgs. 152/06 e s.m.i. STUDIO DI COMPATIBILITÀ AMBIENTALE Sezione di recupero fanghi di depurazione

Dettagli

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNEDICUPRAMARITTIMA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO DELL'ACQUA ROSSA DAVANTI TORRENTE

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

IL FIUME: IL PIU GRANDE DEPURATORE NATURALE

IL FIUME: IL PIU GRANDE DEPURATORE NATURALE IL FIUME: IL PIU GRANDE DEPURATORE NATURALE IL SISTEMA AUTODEPURANTE DEL FIUME La sostanza organica che raggiunge un corso d acqua, sia essa di origine naturale come foglie, escrementi e spoglie di animali,

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po Progetto WARBO Water Re-born Artificial recharge Innovative technologies for the Sustainable Management of Water Resources Copparo, 31 gennaio 2012 La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità

Dettagli

WATERFORLIFE LIFEFORWATER

WATERFORLIFE LIFEFORWATER PROVINCIA DI VICENZA IMPLEMENTAZIONE DI UNA STRATEGIA PARTECIPATA DI RISPARMIO IDRICO E RICARICA ARTIFICIALE PER IL RIEQUILIBRIO QUANTITATIVO DELLA FALDA DELL'ALTA PIANURA VICENTINA. ERSO UN CONTRATTO

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Corso di Perfezionamento Tutela e gestione del suolo e delle acque nella pianificazione di bacino Venezia 20 aprile 2012 INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Prof.

Dettagli

La biodiversità del suolo

La biodiversità del suolo Microfauna in fuga La biodiversità del suolo Il suolo è un prodotto biologico. Esso può essere di tre tipi : Secco, ricco di organismi aerobionti; Umido; Bagnato, ricco di organismi idrobionti. Aerobionti

Dettagli

VADEMECUM SULLA. Culex pipiens o zanzara comune

VADEMECUM SULLA. Culex pipiens o zanzara comune VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE Reggio Emilia srl COME SI RICONOSCE LA ZANZARA TIGRE? 1. Aspetto (Fig.1): stesse dimensioni della zanzara comune (pochi millimetri), si distingue per la colorazione nera del

Dettagli

VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE

VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE SERVIZIO DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE Sede Reggio Emilia 0522/297664 fax 0522/297675 e-mail: ddd.re@gruppoiren.it VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE 1. COME SI RICONOSCE LA ZANZARA TIGRE?

Dettagli

La salute del Mare Nostrum

La salute del Mare Nostrum La salute del Mare Nostrum Romualdo Gianoli Contaminazione delle acque, inquinamento, degradazione degli habitat, coste sacrificate a una urbanizzazione massiccia e costante. Sono i problemi che oggi vive

Dettagli

Progetto: Nuovo collegamento ferroviario Torino Lione Cunicolo esplorativo La Maddalena

Progetto: Nuovo collegamento ferroviario Torino Lione Cunicolo esplorativo La Maddalena STRUTTURA COMPLESSA Dipartimento di Torino Sede di Torino Struttura Semplice Attività di produzione Progetto: Nuovo collegamento ferroviario Torino Lione Cunicolo esplorativo La Maddalena MONITORAGGIO

Dettagli

I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne

I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne Filippo Mion RETI DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELLE ACQUE SAI predispone i piani di monitoraggio e raccoglie e valuta i risultati dei monitoraggi

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Diffusione delle Metodologie e Tecnologie Scientifiche Integrate utilizzate per lo studio della Risorsa Idrica

Diffusione delle Metodologie e Tecnologie Scientifiche Integrate utilizzate per lo studio della Risorsa Idrica Diffusione delle Metodologie e Tecnologie Scientifiche Integrate utilizzate per lo studio della Risorsa Idrica A cura di: Daniel Nieto Yabar Marina Poropat Alessandro Affatato 1 Diffusione delle Metodologie

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

PTS TUTELA RISORSE NATURALI

PTS TUTELA RISORSE NATURALI PTS TUTELA RISORSE NATURALI PREMESSA Se la proposta di ripartizione della spesa tiene conto che la Calabria ha ancora tanta necessità di spendere sull asse I per garantire un adeguato intervento sull ancora

Dettagli

TARH Terra, Ambiente e Recursos Hídricos

TARH Terra, Ambiente e Recursos Hídricos WARBO WATER RE BORN : Ricarica artificiale delle falde: tecnologie innovative per la gestione sostenibile delle risorse idriche Ricarica Artificiale di Acquiferi Aspetti tecnici; Vantaggi e Svantaggi;

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 CHIMICA NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Università degli Studi di Siena Dipartimento di Biologia Evolutiva BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Massimo MIGLIORINI, Fabio BERNINI Gli Acari sono un gruppo di aracnidi

Dettagli

Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci

Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci 1 Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci Presidente: Giovanni Ialongo Direttore: Giuseppe Marzano Responsabile del Servizio Naturalistico, studi e ricerche e tutela della biodiversità: Lucio De Filippis

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SUOLI E GEOMORFOLOGIA DEL TERRITORIO PADOVANO Convegno 23.10.2013 Aula Magna Galileo Galilei

Dettagli

Procedura di Valutazione Interna

Procedura di Valutazione Interna LIFE Project Number Inception Report - ANNEX Covering the project activities from 01/01/2012 to 31/08/2012 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 4^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Come tutti

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN I Biomi Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN La vita delle piante e degli animali delle comunità naturali è determinata principalmente dal clima

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO

COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW FOCE TORRENTE ALBULA DAVANTI FOSSO

Dettagli

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i versanti boscati di molte parti del mondo nell emisfero

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO La realizzazione di interventi per la fitodepurazione delle acque

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB. Foto M.Mendi. Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità

Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB. Foto M.Mendi. Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB Foto M.Mendi Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità Che cos è la BIODIVERSITA???? La varietà della vita sulla Terra a tutti

Dettagli

La gestione Rete Natura 2000. in Liguria. Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale

La gestione Rete Natura 2000. in Liguria. Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale La gestione Rete Natura 2000 in Liguria Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale La Rete Natura 2000 in Liguria 1 r. b. alpina (14 siti

Dettagli

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra COMPETENZE DI BASE area scientifico tecnologica (Allegato A2 del DPR 15.03.2010)

Dettagli

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione CINGHIALE Prime segnalazioni nel 1919; forte espansione dalla metà degli anni 60 Tre sottospecie: Centroeuropeo (Sus scrofa scrofa), di dimensioni maggiori;

Dettagli

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Il caso della Piana di Marjayoun Khiam Arianna Facchi Unità di Ingegneria Agraria CICSAA INQUADRAMENTO GEOGRAFICO LIBANO SIRIA ISRAELE GIORDANIA

Dettagli

COLATORE CIDELLARA-PIAVE

COLATORE CIDELLARA-PIAVE COLATORE CARATTERISTICHE ALORI Area omogenea (Bianchi, 199) 7 Bacino Idrografico Principale (Bassi,198) Oglio Bacino Idrografico Secondario (Bassi, 198) 13 Ente Gestore Cons. Bon. Dugali Comune inizio

Dettagli

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014 Prescrizioni per Autorizzazione allo Giugno 2014 Sommario Riferimenti... 1 Documenti Allegati... 1 Premessa... 1 L autorizzazione potrà essere rilasciata alle seguenti condizioni... 2 D. Lgs 152/06 (Parte

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO FINALITÀ INDICATORE L'indicatore ha come obiettivo quello di monitorare il dato della popolazione allacciata alla rete di acquedotto nel territorio, in modo da verificare la qualità e consistenza del servizio

Dettagli

4.3 Depuratore di Calavino e rio omonimo.

4.3 Depuratore di Calavino e rio omonimo. 4.3 Depuratore di Calavino e rio omonimo. 4.3.1 Impianto di depurazione. In questa sezione vengono descritte la localizzazione, la configurazione ed il funzionamento del depuratore biologico in studio

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 99 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 09/05/2012 OGGETTO RINNOVO PROTOCOLLO D'INTESA PER LA REGOLAMENTAZIONE DEL SERVIZIO DI LOTTA ALLA DIFFUSIONE DEI SIMULIDI NEL TERRITORIO

Dettagli

I CORSI D ACQUA PRINCIPALI

I CORSI D ACQUA PRINCIPALI Dipartimento di Milano Sede di Parabiago I CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA PROVINCIA DI M ILANO Classificazione e caratterizzazione biologica basata sui macroinvertebrati bentonici Monitoraggio 2001-2003

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

Dettagli

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Docente: Prof. Santo Marcello Zimbone Collaboratori: Dott. Giuseppe Bombino - Ing. Demetrio Zema Lezione n. 14: Ciclo e bilancio idrologico Anno Accademico 2008-2009

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Settore Idrologia (monitoraggio acque)

Settore Idrologia (monitoraggio acque) Settore Idrologia (monitoraggio acque) Applicazione Potenziale cliente Prodotto Foto applicazione Monitoraggio livello idrometrico acque sotterranee, falde freatiche, pozzi, piezometri all interno di tombini,

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO 9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO Campagne di monitoraggio Marzo - Ottobre 2012 INDICE 1 INTROduZIONE... 3 2

Dettagli

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Sergio Canobbio Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Gerenzano,, 27 aprile 2011 37 km, dal Parco Pineta a Rho Sorgenti: (1) torrente Antiga (2) Vari rami interni al Parco Pineta Gradaluso (separato

Dettagli

INDAGINE CHIMICO- FISICA

INDAGINE CHIMICO- FISICA Fiume: Biedano Stazione: Casalone Corpo idrico ricettore: Marta Comune interessato : Vetralla Codice: MA 06 La sesta stazione (F. Biedano) si trova in località Casalone (42 21 04 N, 11 56 33 E), in una

Dettagli

MONITORAGGIO BIOLOGIO FIUME ISONZO 2009-2010

MONITORAGGIO BIOLOGIO FIUME ISONZO 2009-2010 Palmanova, v. Cairoli 14 MONITORAGGIO BIOLOGIO FIUME ISONZO 2009-2010 06.12.2012 DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI GORIZIA ARPA FVG Relatori: Luigi Del Zotto - Bruno Zanolin 1 Palmanova, v. Cairoli 14 Il D.Lsg.

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

acqua Hera valori, qualità, consigli

acqua Hera valori, qualità, consigli Utenze Servizio domestiche idrico acqua Hera valori, qualità, consigli L acqua è un valore che non va mai fuori corso Siamo una delle maggiori società italiane nei servizi idrici. Negli ultimi 5 anni abbiamo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007)

Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007) SETTORE RISCHIO IDRICO - CENTRO FUNZIONALE CENTRALE Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007) Servizio Rischio idro-geologico,

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Con il patrocinio di 14 SETTEMBRE 2015 IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Relatore: ing. Umberto Niceforo direttore Consorzio Brenta Le radici nella geografia e nella storia

Dettagli

COMUNE DI MONDOLFO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI MONDOLFO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI MONDOLFO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW VIALE COLOMBO N. 10 VIALE COLOMBO N. 45 VIALE

Dettagli

Il Fiume. http://tempopieno.altervista.org/index.htm

Il Fiume. http://tempopieno.altervista.org/index.htm Il Fiume http://tempopieno.altervista.org/index.htm Anno scolastico 2013-14 Classe III E - Scuola primaria "Umberto I" - I Circolo - Santeramo (Ba) ins. Gianni Plantamura 1 Le acque Un elemento naturale

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8 Idrogeologico 1/8 3.2.1 INTRODUZIONE E CONCETTI GENERALI Il rischio idrogeologico è conseguenza di una modificazione geomorfologica e climatica in un tempo più o meno breve e si può definire come dissesto

Dettagli

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN)

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN) ALIRHYS Banzato C. 1, Bianco F. 1, Fiorucci A. 1, Governa M. 2, Marchionatti F. 1, Menegatti S. 1, Moitre B., Petricig M. 2, Vigna B. 1 1- DIATI Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio

Dettagli

A.R.P.A.V. Via Dominutti 37135 Verona. MAIL: dapvr@pec.arpav.it

A.R.P.A.V. Via Dominutti 37135 Verona. MAIL: dapvr@pec.arpav.it D i s c a r i c a i n L o c a l i t à C à d i C a p r i PROVINCIA DI VERONA U.O. DISCARICHE E BONIFICHE Via delle Franceschine, 11-37121 Verona MAIL: provincia.verona@cert.ip-veneto.net A.R.P.A.V. Via

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Legambiente Rischio Idrogeologico: Un problema nazionale

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

COMUNE DI NUMANA. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI NUMANA. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI NUMANA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW HOTEL FIOR DI MARE NUMANA BASSA NORD "NUMANA PALACE"

Dettagli