La prospettiva di una cittadinanza euromediterranea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La prospettiva di una cittadinanza euromediterranea"

Transcript

1 La prospettiva di una cittadinanza euromediterranea Pietro de Perini Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli Introduzione Il dibattito sul tema della cittadinanza in un contesto euromediterraneo è piuttosto recente e si instaura nella più ampia riflessione relativa allo sviluppo del dialogo interculturale in questa regione 1. Significativamente, a partire dall'avvio delle sollevazioni in Tunisia e in Egitto, tra la fine del 2010 e l'inizio del 2011, l'interesse in materia di dialogo interculturale, cittadinanza, educazione ai diritti umani e democrazia si è ulteriormente intensificato, con riferimento alle attività sia degli organismi istituzionali preposti alla promozione di questa forma di dialogo, sia delle organizzazioni e delle reti di società civile che partecipano attivamente ai programmi realizzando le iniziative necessarie per uno sviluppo continuo del dialogo interculturale nello spazio euromediterraneo 2. Uno degli indicatori più evidenti di questa rinnovata riflessione è l'inclusione del tema della cittadinanza attiva (interculturale ed inclusiva) tra le priorità della nuova programmazione triennale ( ) recentemente adottata dal principale organismo deputato alla promozione del dialogo interculturale nella regione: la Fondazione Anna Lindh 3. In questo specifico contesto, l'interesse verso il tema in esame si caratterizza come una naturale evoluzione nello sviluppo dinamico di tale processo. In particolare, con la pubblicazione del primo rapporto sulle tendenze interculturali nella regione 4, la Fondazione ha potuto mettere in evidenza una serie di rivelazioni importanti sulle quali costruire prospettive di cittadinanza a livello regionale, dimostrando che i valori culturali in entrambe le sponde del mare nostrum non sono così diversi come la diffusa percezione stereotipata dell'altro sembrerebbe preannunciare e anticipando, in un certo senso, la convergenza su valori universali (diritti umani, democrazia, stato di diritto) che si è poi rivelata una delle 1 Come meglio esemplificato nelle prossime pagine, con regione euromediterranea si intende quell'area geopolitica costituita da tutti i Paesi membri dell'unione Europea e da un numero di Paesi partner provenienti dalla sponda meridionale e orientale del Mediterraneo; creata nel 1995 a Barcellona con l'istituzione del Parternariato Mediterraneo, questa regione è oggi costituita dai 43 Paesi membri dell'unione per il Mediterraneo (http://www.ufmsecretariat.org/en/). 2 Esistono rari approcci al tema della cittadinanza euromediterranea alternativi a quanto presentato in questo documento; generalmente tali approcci non hanno ricevuto alcun seguito sostanziale. Menzione merita la proposta di cittadinanza euromediterranea contenuta nel Manifesto per il Mediterraneo, adottato il 9 novembre 2005 dal Gruppo dei socialisti al Parlamento europeo. 3 Lanciata nel 2005 ad Alessandria d'egitto, la Fondazione è stata creata con il mandato specifico di coordinare la promozione del dialogo interculturale favorendo l'interazione della società civile nella regione ed è il primo organismo condiviso segnatamente istituito a tale fine. 4 Anna Lindh Foundation, Euromed Intercultural Trends The Anna Lindh Report, 2010, consultabile in:

2 caratteristiche comuni delle mobilitazioni nell'ambito delle cosiddette primavere arabe. In modo più specifico, attraverso un'indagine qualitativa e quantitativa delle percezioni reciproche tra le popolazioni euromediterranee, lo studio promosso dalla Fondazione ha delineato l'effettiva esistenza di una regione caratterizzata da valori ed interessi comuni nonché, significativamente, un senso diffuso di appartenenza a tale spazio condiviso. Allo stesso tempo, tuttavia, la medesima indagine ha evidenziato la persistenza di stereotipi e di una diffusa ignoranza in relazione alle caratteristiche dell'altro, a cui si aggiungono ulteriori sfide di natura complessa in diversi campi trasversali a questioni culturali: tra questi, lo sviluppo formidabile degli strumenti di comunicazione multimediale e in real time attraverso internet e le funzioni di interazione sociale fornite dal Web 2.0, la realizzazione di programmi educativi che tengano costruttivamente conto della diversità culturale dei discenti, e la promozione di politiche inclusive rispettose dei diritti umani. Se la situazione fotografata da questo studio (ulteriormente avvalorata dalle rivendicazioni scandite dai protagonisti delle primavere arabe ) evidenzia la presenza di uno strato valoriale e interrelazionale sul quale fondare sviluppi ambiziosi, tuttavia, per ragionare in termini di cittadinanza euromediterranea è necessario proseguire nella promozione di buone pratiche e di dibattiti sui temi dell'inclusione sociale, della democrazia, del rispetto dei diritti umani, nonché realizzare ulteriori scambi tra operatori culturali, ONG, giovani attivisti, esperti e utenti di media e social network a livello locale e euromediterraneo. In altre parole, le prospettive per una cittadinanza euromediterranea appaiono tutt'ora vincolate ad un ulteriore promozione del dialogo interculturale e ad un maggiore coinvolgimento della società civile, possibilmente per via transnazionale e transmediterranea. L'azione della Fondazione Anna Lindh, delle sue 43 reti nazionali di organizzazioni di società civile e di altri organismi istituzionali preposti alla promozione inclusiva di questi temi sembra andare, come si vedrà, esattamente in questa direzione. Per meglio comprendere quali siano le basi effettive per la potenziale costruzione della cittadinanza euromediterranea è pertanto opportuno analizzare e valutare in modo specifico e approfondito le caratteristiche, gli attori, i campi di azione e gli strumenti attraverso cui tale strategia dialogica è stata pensata e sviluppata nel contesto regionale in esame e, su questa base, valutare in che modo le nuove priorità possono contribuire a tale ambizioso obiettivo. 2

3 Il dialogo interculturale euromediterraneo: strumento multidimensionale e dinamico Nel contesto mediterraneo, il tema del dialogo interculturale ha cominciato ad essere sviluppato in modo programmatico in coincidenza con l'effettiva costruzione politica di una regione euromediterranea. Ciò è avvenuto nel novembre del 1995 quando, con la Dichiarazione di Barcellona, adottata a seguito della prima Conferenza dei Ministri degli Affari esteri di allora 27 Paesi (10 Paesi dell'ue e 12 partner mediterranei) e della Commissione, viene istituita una forma di cooperazione organizzata e multidimensionale il Partenariato Euromediterraneo strutturata su tre cesti : un partenariato politico e di sicurezza, un partenariato economico e finanziario e un terzo partenariato da realizzarsi nei settori sociale, umano e culturale, con particolare enfasi sugli scambi tra le società civili. Nell'ambito del terzo cesto, il dialogo tra le culture e le civiltà viene delineato come fattore essenziale per avvicinare i popoli dei rispettivi Paesi, favorire la comprensione tra di essi e migliorare la percezione reciproca 5. Tuttavia, al di là dell'attenzione dedicata ai temi culturali da parte degli attori di società civile, che a partire dall'incontro di Barcellona del 1995 si sono sistematicamente riuniti parallelamente agli incontri ministeriali in forum e network tematici 6, l'implementazione del partenariato umano e culturale ha inizialmente ricevuto scarsa attenzione da parte degli attori istituzionali; in una prima fase, l'attenzione dell'unione Europea e dei Paesi partner è stata per lo più concentrata su questioni politiche e di sicurezza (non proliferazione degli armamenti nucleari nel Mediterraneo, riforme politiche nei Paesi arabi, problematiche inerenti al fallimento del processo di pace tra israeliani e palestinesi) e sulla creazione di un'area di libero scambio tra Europa e nord Africa. I principali programmi promossi in questa fase iniziale nel settore culturale, tutti finanziati dall'unione Europea, hanno riguardato questioni meno conflittuali quali la condivisione del patrimonio culturale (con il programma Euromed Heritage), la promozione del settore audiovisivo nei Paesi della sponda meridionale del Mediterraneo anche attraverso forme di collaborazione con produttori, registi e attori europei (Euromed Audiovisual) e le opportunità di mobilitazione per i giovani (Euromed Youth). Dal 2001 la situazione ha cominciato a cambiare a seguito degli attentati terroristici dell'11 settembre e della conseguente reazione manifestata dall'amministrazione Bush e 5 Partenariato Euromediterraneo, Dichiarazione di Barcellona, novembre 1995; (traduzione in italiano estratta dalla banca dati euromedi.net (http://medlab.euromedi.org/). 6 Cfr. Mascia M., La società civile nell'unione Europea. Nuovo orizzonte democratico, Venezia: Marsilio, 2004, pp , consultabile in: 3

4 da taluni alleati, con particolare riferimento alle implicazioni che tali sconvolgimenti internazionali stavano producendo in contesti sociali di tipo multiculturale (le nuove società europee) o nelle relazioni tra Unione Europea e Paesi vicini. In questo nuovo scenario internazionale, segnato da crescenti tensioni e incomprensioni su base culturale e religiosa, in particolare tra mondo occidentale e mondo musulmano, è quindi cominciata in Europa una riflessione più matura e attenta, sia a livello accademico sia a livello politico-istituzionale, sul potenziale del dialogo interculturale. Tale riflessione ha portato al riconoscimento di questo concetto tra le priorità dell'agenda politica europea, sia verso l'interno, come strumento di inclusione, gestione della diversità culturale e promozione della cittadinanza attiva, sia verso l'esterno, in particolare verso il sud del Mediterraneo, come strumento essenziale di riduzione del divario culturale e politico tra Europa e vicinato. I momenti più rilevanti di questa seconda fase sono due: a) la Conferenza sul tema in esame promossa dalla Commissione Europea nel 2002 che ha lanciato un'agenda orientata alla realizzazione di politiche e attività concrete (policy- and action- oriented) per la promozione del dialogo interculturale, stabilendo una responsabilità condivisa per Unione Europea e partner mediterranei nel promuovere il dialogo come strumento di governance della pace e della stabilità regionale 7 ; e b) la conseguente istituzione, da parte dell'allora Presidente della Commissione Europea, Romano Prodi, di un gruppo multiculturale e multireligioso di eminenti personalità nel campo degli studi culturali, storici, sociali e politici nello spazio euromediterraneo, a cui è stato affidato il mandato di esaminare le prospettive per lo sviluppo di un effettivo dialogo tra le culture nell'area. La relazione preparata da queste personalità, conosciuta tipicamente come rapporto del gruppo dei saggi 8 costituisce la base concettuale e valoriale su cui si è fondata la strategia di dialogo interculturale nelle regione, nonché la genesi dell'attuale infrastruttura istituzionale il lancio della Fondazione Anna Lindh nel 2005 è l'esito più evidente delle raccomandazioni contenute in questo studio preposta allo sviluppo dinamico di questa rinnovata strategia dialogica, in costante cooperazione con le organizzazioni di società civile di tutta la regione. 7 Alcuni estratti delle conclusioni di questa conferenza sono disponibili, in italiano, al seguente indirizzo: 8 Rapporto del Gruppo dei Saggi istituito per iniziativa del Presidente della Commissione europea Il dialogo tra i popoli e le culture nello Spazio euromediterraneo, 2003, versione in italiano consultabile in: 4

5 In questo rapporto, che è anche un ricchissimo compendio sulla storia, le diversità, gli elementi comuni, le prospettive e le attuali necessità dei popoli dell'europa e del Mediterraneo, i saggi identificano una serie di significativi obiettivi verso cui orientare la realizzazione del dialogo interculturale. In particolare, sottolineano le necessità di far fronte insieme ai recenti cambiamenti internazionali e alle incertezza da cui tali cambiamenti sono attraversati nel rispetto delle reciproche differenze e di sviluppare il sentimento e la percezione di un destino comune, attraverso un processo egalitario di costruzione di una civiltà comune attenta alle differenze e rispettosa dell'originalità 9. L'orientamento strategico di questo documento è quindi quello di creare, sulla base delle tradizioni comuni e di una serie di valori condivisi, ma anche nel rispetto della diversità delle esistenti espressioni culturali, uno spazio euromediterraneo che sia genuinamente vivo ed inclusivo. Sembra quindi di poter incontrare, già nelle pagine di questo rapporto, alcune prospettive per lo sviluppo della cittadinanza attiva in questo complesso contesto culturale e politico. In un certo senso si può quindi osservare che lo sviluppo della cittadinanza euromediterranea sia stato sin da subito una priorità del dialogo interculturale. La carenza di dati e di un sistema organizzato di canali di comunicazione e di relazioni interpersonali e interculturali tra nord e sud del Mediterraneo, così come all'interno di ciascuna sponda, hanno tuttavia contribuito, in un primo momento, a considerare questa prospettiva come un obiettivo estremamente ambizioso anche nel lungo termine. Tornando al rapporto del gruppo dei saggi come documento chiave per comprendere la ratio della strategia interculturale nella regione, sono tre gli elementi da cui gli esperti fanno discendere le possibilità di successo e la longevità di questo processo. A monte, l'attenzione è posta sulla necessità di garantire le condizioni del dialogo; ciò implica un potenziamento delle capacità dialogiche degli attori che vi partecipano, in particolare attraverso iniziative e programmi di insegnamento, a livello formale e informale. In quest'ambito, i beneficiari di questa azione prioritaria risultano essere sia i giovani (in particolare gli studenti), sia gli stessi insegnanti, in quanto è a quest'ultimi che viene assegnata la responsabilità di fornire gli strumenti per la formazione delle nuove generazioni in un contesto multiculturale e globalizzato. Il secondo elemento, al cuore di questo processo, è costituito dai tentativi di promuovere il funzionamento su base quotidiana del dialogo, traducendo le riflessioni teoriche in un vero e proprio scambio pratico, attraverso gli svariati strumenti disponibili 9 idem, p

6 (mezzi di comunicazione interpersonale, internet, scambi culturali e programmi di mobilità). Si nota, in questo frangente, la volontà di trasformare il dialogo in un processo aperto, inclusivo, accessibile e ordinario evitando, di conseguenza, di ancorare il suo successo alla sola riflessione, elitaria, nei campi accademico ed istituzionale. Questo sforzo è evidente anche con riferimento al terzo elemento di questa strategia: a valle il processo deve essere consolidato e diffuso a tutti i livelli della società civile, in particolare mediante l'utilizzo fondamentale dei mass media e, con il senno di poi, si potrebbe aggiungere dei social media e social network. Il tutto, secondo i saggi, deve essere potenziato e assicurato attraverso il sostegno istituzionale e politico adeguato. Il rapporto delinea anche una sorta di griglia concettuale sulla quale devono essere modellate le varie fasi della costruzione del dialogo interculturale regionale. Tale griglia è composta da cinque principi fondatori comuni che a loro volta devono essere declinati attraverso altrettanti principi d'azione per dare sostanza al cambiamento richiesto ed evitare che i principi comuni rimangano nel dominio dell'astratto. I cinque principi fondatori sono: a) il rispetto dell'altro, necessario per concepire una forma di cooperazione e interrelazione basata sullo scambio; b) l'uguaglianza ad ogni livello di governance e di società civile; c) la libertà di coscienza; d) la solidarietà; e) e la conoscenza, intesa come il punto di arrivo dei suddetti principi ma anche come la base della loro sostenibilità nel lungo periodo. Questi principi sono da implementarsi mediante i) il principio di equità, per sviluppare un dialogo incentrato sui diversi modi di interpretare e concretizzare i valori condivisi; ii) il principio di appropriazione e di responsabilità condivisa, per porre fine alla percezione di squilibrio tra popolazioni del nord e del sud del Mediterraneo, soprattutto attraverso la creazione di istituzioni comuni; iii) il principio della trasversalità: la cultura è intesa infatti nel suo senso antropologico ed è quindi necessariamente intrecciata con numerose altre questioni sociali e politiche; iv) il principio della fecondazione reciproca, finalizzato a creare coerenza e accettazione tra le dimensioni politica, economica e culturale; v) il principio della cooperazione, per avvicinare il dialogo alle reali necessità di coloro che vi partecipano e ne beneficiano. Sulla base di questo complesso impianto culturale e progettuale, le organizzazioni di società civile, incluse numerose scuole e università, hanno cominciato a partecipare attivamente ad iniziative e programmi promossi dalla Fondazione Anna Lindh e nell'ambito 6

7 dei programmi in materia di patrimonio culturale, mobilità giovanile e cooperazione nel settore audiovisivo, precedentemente lanciati a seguito della creazione del Partenariato Euromediterraneo. In particolare, i campi in cui le organizzazioni di società civile hanno concentrato in modo più approfondito le proprie energie sono stati quello dell'educazione (formale e non formale) e quello dell'informazione e dell'accesso inclusivo ai media, come evidenziato nelle raccomandazioni espresse dai saggi nel loro rapporto. È significativo altresì notare come questi campi siano i medesimi sui quali insistono i piani d'azione di molte delle altre istituzioni internazionali che hanno incluso di dialogo interculturale nelle proprie agende, sia come mezzo di promozione delle diversità culturale e di valori comuni, sia come strumento cruciale per sanare tensioni su base sociale, culturale e religiosa nonché per facilitare processi di riconciliazione e tolleranza nelle aree critiche del globo 10. Oltre a quanto illustrato sopra, lo sviluppo del dialogo interculturale euromediterraneo si è fondato anche su un impegno costante per la promozione della dimensione interreligiosa, in particolare attraverso dibattiti e iniziative condivise tra rappresentanti delle tre religioni monoteiste (di cui il Mediterraneo è stata la culla) e per lo sviluppo di azioni volte a contribuire alla costruzione (o ricostruzione, a seconda della prospettiva di osservazione) di ponti e occasioni di confronto tra popolazioni divise da conflitti (con specifico riferimento al rafforzamento della cooperazione di società civile nel contesto israelo-palestinese e nei Balcani) 11. A partire dal 2001, si è quindi osservato lo sviluppo di una forma di dialogo interculturale più sistematica e urgente che, favorendo la cooperazione e la comunicazione continua tra gli attori di società civile attivi nella regione in particolare nei campi dell'educazione, dei mass media, della tolleranza e del dialogo interreligioso, ha cercato di porre la pietra angolare di questo processo nella regione euromediterranea, provando inoltre a costruire un senso di appartenenza comune basato allo stesso tempo sulla condivisione di valori comuni e sul rispetto e l'interesse della specificità delle sue componenti culturali Tra le pietre miliari di questo impegno, al di fuori del contesto specifico in esame, si richiamano la Convenzione sulla promozione e protezione della diversità delle espressioni culturali, adottata dall'unesco nel 2005 e attualmente unico strumento giuridico internazionale che contiene riferimenti al ruolo del dialogo interculturale; e la creazione, in seno alle Nazioni Unite, della Alleanza delle civiltà, un'iniziativa nata da proposta ispano-turca per colmare il divario culturale e politico tra mondo occidentale e mondo arabo/musulmano. 11 Il rapporto The Anna Lindh Review , recentemente pubblicato dalla Fondazione, illustra i risultati raggiunti in sei anni di attività sui campi d'azione evidenziati sopra. 12 Per una prospettiva critica sullo sviluppo del dialogo interculturale in questa fase, cfr. Del Sarto R., Setting the (Cultural) Agenda: Concepts, Communities and Represenation in Euro- Mediterranean Relations, in Pace M. & Schumacher T., Conceptualising Cultural and Social Dialogue in the Euro-Mediterranean Area. 7

8 Gli attuali percorsi per lo sviluppo della cittadinanza euromediterranea Come anticipato, i recenti sviluppi messi in evidenza nella prima parte di questo documento, con riferimento ai risultati della ricerca della Fondazione Anna Lindh sulle tendenze interculturali nel Mediterraneo e all'impatto delle primavere arabe nel dare forma al cambiamento democratico e all'avanzamento di diritti e libertà individuali e collettive, costituiscono la base per rilanciare la riflessione sulla cittadinanza euromediterranea. In altre parole gli eventi menzionati, ma anche altre variabili come le conseguenze della crisi economica e finanziaria sui gruppi più vulnerabili, hanno fornito nuove opportunità per operare a sostegno di quel senso di destino comune basato sui valori universali condivisi, considerato già prioritario dai saggi quasi dieci anni prima. Su questa concezione è attualmente in corso una rivisitazione strategica delle priorità e delle iniziative promosse nell'ambito della complessa etichetta di dialogo interculturale nel Mediterraneo, che si caratterizza, segnatamente, per un ulteriore impegno a sostegno dell'attività delle organizzazioni di società civile finalizzate all'inclusione e alla cittadinanza. È significativo, in quest'ambito, che il nuovo programma d'azione per la diffusione del dialogo interculturale nella regione euromediterranea contenga il riflesso di un processo partecipativo che ha coinvolto i membri delle reti nazionali di società civile che affluiscono nella Fondazione Anna Lindh (ONG, attori culturali, scuole, istituti di ricerca, ma anche enti locali e soggetti di natura governativa come i Ministeri della cultura di alcuni Paesi) e partecipano quindi, attivamente e da vicino, alla costruzione e realizzazione del dialogo interculturale nella regione euromediterranea. Per comprendere meglio il grado di cambiamento che il nuovo quadro programmatico potrebbe portare nel più ampio contesto socio-politico regionale è opportuno osservare gli elementi chiave della cosiddetta strategia a 4 D appena adottata 13. Quest'ultima sottolinea il posto centrale del Dialogo, della Diversità, della Democrazia e dello Sviluppo (Development in inglese, e quindi la quarta D), agendo sui campi d'azione che insistono maggiormente sugli spazi nei quali si formano nel concreto le percezioni reciproche e dove una cultura del dialogo può essere sviluppata a livello popolare e di società civile. Tra gli obiettivi, risalta quello di facilitare la creazione di abilità/competenze per la cittadinanza e per la partecipazione alla governance democratica facilitando, in sostanza, le attività degli attori sociali più innovativi volte a sviluppare quel già menzionato A European Perspective, Oxon: Routledge, 2007, pp In data 15 settembre 2011; la versione definitiva del programma triennale deve essere ancora resa pubblica. 8

9 senso di appartenenza condiviso e uno spirito critico e responsabile nei confronti dei giovani. Saranno infatti quest'ultimi che, auspicabilmente, beneficeranno nel modo più sostanziale del cambiamento culturale che le politiche di dialogo perseguono nel medio e lungo termine. Sebbene il ruolo della creatività culturale, dei media (mass e social), e degli spazi urbani (come laboratori prioritari di scambio e fecondazione reciproca) giochi un ruolo sostanziale in questa nuova strategia, ancora una volta le prospettive più solide per la cittadinanza euromediterranea appaiono legate alla promozione dell'educazione e dell'apprendimento interculturale. In questo campo d'azione, privilegiato e fondamentale per ogni forma di dialogo, si mira a sviluppare buone pratiche e attività finalizzate a sostenere giovani e adulti nella costruzione dei valori democratici e nell'esercizio dei loro diritti e delle loro responsabilità all'interno delle società multiculturali, a migliorare il loro sentimento di appartenenza alla medesima comunità e a valutare in modo aperto prospettive, tradizioni e modi di vita differenti. La vision in questo contesto è precisamente quella di sviluppare un progetto di educazione alla cittadinanza interculturale, con sussidi didattici condivisi, da realizzarsi mediante l'organizzazione di seminari e corsi di formazione costruiti sulla base delle risorse già sviluppate sia nel settore formale sia in quello non formale. L'impegno regionale per la promozione della cittadinanza euromediterranea attraverso il dialogo interculturale non è comunque limitato alla promozione di forme di educazione, formazione e apprendimento in materia di interculturalità. Sono previste altre iniziative di carattere regionale che, agendo in cooperazione con istituzioni locali, regionali e globali desiderano fornire alla società civile, agli esponenti politici e alle istituzioni nazionali la conoscenza e gli strumenti necessari per costruire un processo partecipativo e interculturale volto all'adozione di politiche genuinamente inclusive. In questo modo, le prospettive attuali di cittadinanza euromediterranea appaiono fortemente radicate, da un lato, nella promozione attiva del dialogo interculturale, specialmente attraverso ambiziosi programmi educativi a livello regionale, da parte delle organizzazioni di società civili coinvolte, e dall'altro, nella necessità di fare interagire, sempre per via dialogica, istituzioni, organismi e autorità governative a tutti i livelli di governance. La prospettiva rimane comunque a lungo termine. 9

10 Conclusioni Questo breve documento si concentra sulla descrizione delle principali caratteristiche della promozione attuale del dialogo interculturale nella regione euromediterranea, in quanto è tendenzialmente riconosciuto (a livello istituzionale e accademico) che questo sia il principale (se non l'unico) strumento per raggiungere dal basso progetti così ambiziosi, come lo sviluppo di una forma di cittadinanza comune in una regione così complessa e diversificata dal punto di vista culturale, politico, economico e sociale. Indubbiamente, da quando il dialogo interculturale e le istituzioni preposte al suo sviluppo hanno cominciato a beneficiare di visibilità e interesse politico ai più alti livelli, l'impatto e la portata delle iniziative promosse in quest'ambito sono cresciute e hanno contribuito ad avvicinare talune parti delle società coinvolte, possibilmente le più attive e interessate a prendere parte a questo dialogo. La strada, intensa e ambiziosa, indicata dal nuovo programma triennale della Fondazione Anna Lindh sembra quindi coerente con quanto finora costruito e significativa per gli obiettivi che il dialogo è chiamato a favorire, nonostante i limitati fondi messi a disposizione 14. Prima di parlare in senso compiuto di cittadinanza euromediterranea, in particolare come senso di appartenenza condiviso e partecipazione attiva alla vita politica e di società civile, sarà tuttavia necessario (ma non per forza sufficiente) altrettanto impegno, coerente e continuo, da parte di tutti gli attori interessati, nel medio e lungo periodo. A tale riguardo può essere interessante considerare un'altra prospettiva che potrebbe contribuire ai processi in corso sebbene, ad oggi, non si registri un interesse istituzionale in questa direzione: ancorare lo sviluppo della cittadinanza euromediterranea al rispetto dei diritti umani fondamentali e al riconoscimento di specifici diritti che riflettono la diversità e ricchezza culturale della regione. Questa idea si basa in particolare sull'ampia riflessione effettuata sullo stretto legame esistente tra diritti umani, dialogo interculturale e cittadinanza inclusiva, plurale e democratica in ambito europeo 15, in particolare con riferimento alla necessità di allacciare il godimento di diritti di cittadinanza europea a quanto garantito nella Carta dei diritti fondamentali dell'unione Europea 16. A sostegno 14 Per il totale delle attività da realizzarsi nei tre anni il finanziamento ammonta a 16,4 milioni di euro (9,9 milioni dalla Commissione Europea e 6,5 dai Paesi partner). 15 Per approfondire la relazione tra questi temi cfr. diversi articoli all'interno della seguente pubblicazione: Bekemans L., Karasinska-Fendler M., Mascia M., Papisca A., Stephanou C. e Xuereb P. (a cura di), Intercultural Dialogue and Citizenship Translating Values into Actions - A Common Project for Europeans and Their Partners, Venezia: Marsilio, Su questo tema, cfr. Papisca A., Cittadinanza e cittadinanze ad omnes includendos: la via dei diritti umani, in Mascia M. (a cura di) Dialogo interculturale, diritti umani e cittadinanza plurale, Venezia: Marsilio, 2007, pp (in: 10

11 inconsapevole di questa prospettiva, anche l'orientamento strategico su cui si fonda la nuova programmazione della Fondazione Anna Lindh 17 riconosce la necessita di rivedere e arricchire la nozione di dialogo tra le culture includendo un approccio globale e dinamico che tenga in considerazione le interrelazioni esistenti tra dialogo interculturale, diritti umani, sviluppo, e pace. È tuttavia evidente che, rispetto al sistema dell'unione Europea, la situazione formale e sostanziale dei diritti umani in ambito euromediterraneo è molto più complessa. Il mancato rispetto dei diritti umani è punto dolente di molti governi e regimi attualmente in carica e una delle cause alla base della caduta dei noti rais nel corso delle primavere arabe. Inoltre, nonostante un sostanziale adeguamento dei Paesi interessati ai diritti sanciti nei principali strumenti giuridici sui diritti umani adottati in sede di Nazioni Unite (in particolare i Patti internazionali del 1966) e alle carte e convenzioni giuridiche adottate a livello regionale 18, esistono differenze significative nell'applicazione di questi strumenti e nelle modalità di monitoraggio della loro implementazione. Pertanto, non si può al momento pensare a quella base di eguale godimento dei diritti umani necessaria per dare sostanziale fondamento ad una cittadinanza euromediterranea su base giuridica, oltre che culturale. Forse, l'adozione di una carta euromediterranea per la promozione dei diritti umani che sancisca e garantisca uguali diritti per tutti quelli che risiedono nella regione potrebbe velocizzare questa prospettiva, che è alternativa, ma allo stesso tempo complementare a quanto illustrato nelle precedenti pagine, dal momento che attraverso uno stretto legame con l'impegno per la promozione del dialogo interculturale, garantire eguali diritti a tutte le persone coinvolte in questo progetto favorirebbe in modo decisivo quella auspicata e perennemente perseguita creazione di un senso di appartenenza condiviso 19. Citizenship/308). 17 ALF Strategy, Programme Guidelines and Budget for Phase III ( ). 18 Tra queste, la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti umani e delle libertà fondamentali (Consiglio d'europa 1950), la Carta araba dei diritti umani (Lega Araba, 2004), la Carta africana dei diritti dell'uomo e dei popoli (Unione Africana, 1981). 19 Questa idea è sviluppata in: de Perini P., Intercultural Dialogue and Human Rights: Prospects for a Euromediterranean Citizenship, in International Journal of Euromediterranean Studies, vol. 3, no. 2, 2010, pp (in: 11

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Libro bianco sul dialogo interculturale «Vivere insieme in pari dignità»

Libro bianco sul dialogo interculturale «Vivere insieme in pari dignità» COUNCIL OF EUROPE CONSEIL DE L'EUROPE Committee of Ministers Comité des Ministres Libro bianco sul dialogo interculturale «Vivere insieme in pari dignità» Anno europeo del dialogo interculturale Libro

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Master in Politiche della cittadinanza e welfare locale Anno 2005-2006 Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Dott.a Monica Ruffa Relatore: Chiar.mo Prof. Giovanni Moro Indice Introduzione 3 Cap.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale

Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale Schede dei principali Programmi co-finanziati dall UE per la realizzazione di progetti sociali A cura di Progetti Sociali s.r.l. Impresa Sociale

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA Bruxelles, 12 dicembre 2003 Introduzione Mai l Europa è stata così prospera, sicura e libera. Alla violenza della prima metà

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

REALIZZARE UNO SPAZIO EUROPEO DELL APPRENDIMENTO PERMANENTE

REALIZZARE UNO SPAZIO EUROPEO DELL APPRENDIMENTO PERMANENTE COMMISSIONE EUROPEA Direzione generale dell Istruzione e della cultura Direzione generale per l Occupazione e gli affari sociali Comunicazione della Commissione REALIZZARE UNO SPAZIO EUROPEO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ACQUISIZIONE/POSSESSO GIURIDICO DELLA CITTADINANZA benessere cittadinanza prestazionale civiltà con valenza inclusiva

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo Convergenza UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali e Pari Opportunità Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Gioventù in Azione Guida al Programma

Gioventù in Azione Guida al Programma Gioventù in Azione Guida al Programma Valida dal 1 gennaio 2013 Sommario INTRODUZIONE... 1 SEZIONE A INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA GIOVENTÙ IN AZIONE... 3 1. Quali sono gli obiettivi, le priorità

Dettagli

"Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi"

Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi Convegno "Populismi e democrazia in Europa" Vicenza, 31 gennaio 2014 "Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi" PERCHÉ L'EUROPA IN ORIGINE? E' pensiero comune credere che i padri fondatori dell'unione

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Il futuro che vogliamo

Il futuro che vogliamo Il futuro che vogliamo traduzione italiana di Laura Catalani, Claudio Falasca e Toni Federico Fondazione per lo Sviluppo sostenibile I. La nostra visione comune 1. Noi, i Capi di Stato e di Governo e rappresentanti

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli