Introduzione a National Instruments LabVIEW

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione a National Instruments LabVIEW"

Transcript

1 Introduzione a National Instruments LabVIEW

2 Cosa è e a cosa serve E un linguaggio di programmazione grafico orientato a: Acquisizione dati Controllo di strumenti

3 VME VXI e molto altro! Profibus GPIB

4 Installare LabVIEW LabVIEW installato nei computer del laboratorio, con licenza campus Per provare sul proprio PC senza licenza: versione di prova (valida 30 giorni) scaricabile dal sito National Instruments: https://lumen.ni.com/nicif/i/evallvuser/content.xhtml Necessari circa 2 GB liberi su disco Attenzione alle versioni! In generale, progetti salvati da versioni precedenti possono essere aperti con una qualsiasi versione successiva. E possibile salvare per la versione corrente o fino a una certa versione precedente... Attenzione in particolare quando si ha a che fare con installazioni su PC datati con versioni di LabVIEW di qualche anno fa.

5 LabVIEW: una lunga storia... al 2011 Dal (sull unico personal computer allora esistente, ovvero il Macintosh)

6 LabVIEW: una lunga storia i (6.0) 6.1 7express (7.0) (9.0) 2010 (10.0) 2011 (11.0) Nei laboratori di fisica delle alte energie si possono trovare anche versioni antiche... ma niente paura!

7 LabVIEW: un prodotto modulare In realtà le funzionalità di base e lo stile di programmazione non sono cambiate in modo radicale sin dalle prime versioni, anche se il prodotto si è arricchito di una quantità enorme di funzioni e librerie aggiuntive Un prodotto modulare Molte librerie e funzioni aggiuntive sviluppate da produttori third party sono state acquisite da National Instruments e inserite nella versione successiva di LabVIEW o rese facilmente integrabili come librerie standard: toolkit Moltissimi add-on o toolkit scaricabili dal sito National Instruments (ad esempio, alcuni plugin per salvare o rileggere dati in formati standard) Esempio: Internet toolkit, tcp/ip socket, httpd server, ftp server, ecc

8 LabVIEW: un prodotto modulare

9 Principali componenti Signal processing, analysis, and connectivity Integration with real-time systems, FPGAs, and other deployment hardware Data management, data logging, and reporting Control and simulation Application distribution

10 Hardware e sistemi embedded Molti produttori di hardware forniscono driver e codice di esempio e in qualche caso tutto ciò che serve a controllare e rendere funzionale il dispositivo in forma di librerie e vi di LabVIEW National Instruments ha anche cominciato a sviluppare sistemi embedded, nei quali il codice LabVIEW implementato direttamente nei dispositivi: Compact Field Point Dati disponibili su server httpd

11 Il linguaggio di LabVIEW fu pensato per abbinare un ambiente di sviluppo grafico con un metodo di programmazione basato sul flusso dei dati, anziché sui flussi di controllo come nei linguaggi sequenziali tradizionali. Una delle conseguenze fondamentali di questa originaria scelta è la sua naturale inclinazione al parallelismo La principale metafora dello strumento virtuale: virtual instrument (vi)

12 Lo strumento virtuale Diagram Control Indicator Panel

13 Diagramma a blocchi Colore e spessore del filo=tipo di variabile Real Array di Real Integer Boolean Cluster (struttura di variabili di tipo diverso) String Diagram Bordo spesso=controllo Bordo sottile=indicatore

14 VISA Linguaggio standard di input/output per la programmazione di strumenti e dispositivi API (application program interface) di alto livello che si interfaccia con i driver di basso livello VISA Seriale GPIB VXI Driver seriale (sistema operativo) NI NI-VXI Risorsa=strumento, risorse gestite da un unico Resource Manager Sessione=connessione alla risorsa, attraverso il RM Messaggi e eventi

15 Lo strumento virtuale Sub-vi Block Diagram Driver Control Indicator Panel Hardware

16 Panel Font, allineamento, ecc. toolbar Icona/connettore Esegui Esegui in loop Interrompi l esecuzione Palette dei controlli e degli indicatori Sospendi l esecuzione

17 Block Diagram Toolbar Palette delle funzioni e delle strutture di dati

18 Diagram toolbar Highlight: attiva/disattiva la modalità di debug. In modalità debug, quando si manda in RUN il vi, l esecuzione avviene passo per passo, mostrando il flusso di dati (e i valori delle variabili) nel block diagram. Step into: fa uno step di esecuzione, e quando arriva a un vi, entra e si mette in attesa dello step successivo Step over: esegue completamente un nodo senza entrare nel nodo (se è vi) e si mette in pausa al nodo successivo Step out: completa l esecuzione del nodo corrente e sale al livello superiore (se si è già al livello top è disabilitato)

19 Connettori, fili, nodi, ecc. Seleziona colore Seleziona/Sposta Connetti filo Break-point Modifica/inserisci testo Scorri Cattura colore Seleziona colore Probe (guarda il valore)

20 Diagram: strutture di controllo CASE (If/then) LOOP (while) If =FALSE If =TRUE Può funzionare come uno switch/case del C con variabili numeriche, string, eccetera Attenzione al default!

21 Diagram: strutture di controllo CASE (If/then) LOOP (while) Variabile integer che incrementa il suo valore per ogni ciclo del loop (0,1,2, ) Shift register: contiene il valore di una variabile che viene riportata al ciclo successivo While loop Esegue tutto il contenuto fino a che: - La variabile boolean diventa TRUE (stop when ) oppure - La variabile boolean diventa FALSE (loop until )

22 Loop

23 Diagram: strutture di controllo LOOP (for) Ripete N volte il codice contenuto, N deve essere una variabile integer Nota: anche in LabVIEW esiste il cast, ovvero il meccanismo per cui una variabile può essere trattata come variabile di tipo diverso. Esempi: Nel caso del numero di iterazioni del for loop, se si mette in input al connettore N una variabile numerica di tipo double essa verrà forzata a integer Nel caso in cui si faccia un operazione aritmetica tra variabili integer e double, il risultato sarà evidentemente un double L operazione di cast viene segnalata con un puntino (attenzione: si può disabilitare)

24 (right click) N.B. Approfittiamo per sottolineare che, a parte versioni molto precedenti, la visualizzazione di controlli e indicatori è (di default) di tipo icon

25 Diagram: strutture di controllo LOOP (for) Come nel while-loop, i è un integer che contiene l indice del loop Il nodo di ingresso in un loop è detto tunnel Naturalmente non modifica le variabili scalari Di default tratta anche le variabili di tipo array senza modificarle

26 Attenzione agli spezzoni di filo orfani Spesso segnalano una connessione mancante o venuta a mancare e dunque un interruzione nel flusso del dato Rendono non eseguibile il vi (freccia RUN rotta )

27 Diagram: strutture di controllo LOOP (for) array di integer a 2 dimensioni Calcola la dimensione di un array Estrae una componente da un array Il tunnel di ingresso in un loop, di default tratta le variabili di tipo array senza modificarle Se invece si attiva l indexing ciascun ciclo del loop accederà a una compentente dell array Si può allora lasciare il connettore N senza input, attivando l auto-indexing: il numero di iterazioni del loop viene determinato dalla dimensione dell array

28 Diagram: strutture di controllo SEQUENCE: una successione di frame eseguiti uno dopo l altro Variabile locale (definita in questo frame) Variabile locale (non ancora disponibile perché definita in un frame successivo) Variabile locale definita in un frame precedente La sequence sopra equivale semplicemente a:

29 Sequence

30 Panel: indicatori e controlli Waveform chart: rappresenta l andamento dei valori assunti da una variabile numerica Push button: controllo di tipo boolean Gauge: indicatore di tipo analogico del valore istantaneo di una variabile numerica Molti altri elementi: menù, tabelle, elementi grafici

31 Panel LabVIEW 2011 (Windows XP) LabVIEW 7 express (Sun Solaris)

32 Boolean

33 Boolean Determina il comportamento meccanico del bottone: - Torna sù o rimane schiacciato? - Cambia stato quando viene schiacciato o quando viene lasciato? - Latch?

34 Numeric (e Graph)

35 Numeric Suggerimento: Il tasto destro del mouse è spesso molto prezioso

36

37 Array

38 drag

39 Cluster

40 String

41 Uno strumento fondamentale!... Context help

42 Gestione file

43 Oggetto di tipo file-path (simile al tipo string) Costante ring integer file-reference Cluster con le variabili di errore Gestione file Apre il file (attraverso il sistema operativo) e restituisce un puntatore di tipo file-reference Scrivi una string Leggi una string Mostra la string in un indicatore (string) Chiudi il file (attraverso il sistema operativo)

44 Graph

45 Graph Express vi Non sembra fare tanta differenza

46 Express vi La principale differenza tra vi e express vi è che quest ultimo non richiede in pratica programmazione, ma vengono configurati con delle dialog box

47 Express vi torniamo al nostro esempio del graph XY Supponiamo di voler aggiornare il graph in modo dinamico

48 Simula un segnale sinusoidale Wait

49 Express vi La principale differenza tra vi e express vi è che quest ultimo non richiede in pratica programmazione, ma vengono configurati con delle dialog box Molto utili e semplici da usare Esempio tipico è l analisi dei segnali:

50 Express vi Gli express vi prevedono un nuovo tipo di dati il dynamic data type E di conseguenza, lo strumento di conversione da/a a dati non dinamici (che è naturalmente un express vi a sua volta)

51 Legge una tensione, per esempio una sonda di temperatura Converti da gradi F a gradi C vi e sub-vi Ripeti fino a che non viene spinto il bottone di stop

52 vi e sub-vi Blocco di codice ripetuto Blocco di codice ripetuto

53 vi e sub-vi Un nuovo vi con il blocco di codice che ci interessa Doppio click per modificare l icona (utile per distinguere i diversi vi che creiamo nel momento in cui li riutilizzeremo come sub-routine ) Singolo click per modidicare il connector pane Click su indicatore/controllo e su un connettore per associarli A questo punto sarà utilizzabile all interno di un altro vi Naturalmente connettendo un input (controllo) boolean e un output (indicatore) double

54 vi e sub-vi Il codice da cui siamo partiti diventa quindi più leggibile:

55 Gerarchia dei vi Attenzione: Ciascun vi può essere il top della gerarchia se viene aperto ed eseguito in standalone Un vi può essere richiamato da diversi vi all interno della stessa gerarchia: attenzione agli input/output! Non solo il numero e tipo di connettori, Ma anche la loro posizione sul connector pane Non è così complicato Viene mostrata la gerarchia anche di alcuni vi forniti di default da LabVIEW: in questo esempio Write to spreadsheet file e Read from spreadsheet file

56 Se uno o più sub-vi non vengono trovati o non sono eseguibili (per esempio il loro connector pane è differente da quello che il vi top richiederebbe), naturalmente il vi top non è eseguibile, e questo viene segnalato dalla freccia RUN rotta Una finestra elenca i sub-vi che hanno errori e il dettaglio degli errori

57 Gerarchia dei vi Attenzione! LabVIEW ricorda la posizione nel filesystem dei sub-vi che vengono richiamati da un vi, Quando si apre un vi già salvato, cercherà di aprire il file che corrisponde a ciascun vi nella posizione in cui si trovava quando è stato salvato il vi top, poi avvia una ricerca automatica (sullo stesso identico nome di file, ma in altre directory), infine se non lo trova apre una dialog per farlo localizzare all utente Quando si chiuderà il vi top sarà necessario salvarlo anche se solo qualche sub-vi è stato trovato in una directory differente rispetto all ultimo salvataggio

58 Variabili locali

59 Variabili locali Da indicatore (variabile in write) diventa controllo (variabile in read)

60 Variabili globali Modifica e salva su disco il pannello Utilizzabile e modificabile da ogni vi e sub-vi nella gerarchia Di fatto, un sub-vi essa stessa Modificabile anche da qualsiasi altro vi in memoria (che naturalmente include la variabile globale), anche se non fa parte della gerarchia

61 A proposito di locali e globali Spesso si dice che un buon stile di programmazione non dovrebbe prevedere l uso di variabili globali e, in LabVIEW, nenache delle variabili local E certamente vero che rallentano l esecuzione e richiedono più memoria ma spesso semplificano la programmazione e cosa ancora più importante migliorano la leggibilità del Block Diagram

62 In generale: LabVIEW chiede di salvare il vi quando lo si chiude ogni volta che la versione in memoria è/appare differente da quella salvata sul disco (nell esempio anche se nessuna modifica è stata fatta dal programmatore, il vi è stato salvato su un diverso sistema operativo e dunque le chiamate di sistema sono state ricompilate )

63 C-include (cin)

64 C-include (cin) (right click)

65

66 Sempre più C: LabWindows/CVI

67 LabWindows/CVI E un IDE (Integrated Development Environment) ANSI C Fornisce una serie di strumenti per lo sviluppo di interfacce grafiche ed è naturalmente orientato all acquisizione dati e al controllo di strumenti Ha naturalmente un gran numero di librerie standard Non è solo una questione di linguaggio grafico piuttosto che ANSI C: LabWindows/CVI permette lo sviluppo di sistemi real time

68 Gestione file Nella gestione dei file può manifestarsi qualche (in genere piccola) incompatibilità tra una versione e l altra o tra diverse piattaforme LabVIEW 7 express (Sun Solaris) LabVIEW 2011 (Windows XP)

69 MAX

70 MAX

71 Labview è

72 Manuali, guide, tutorial... Introduzione a LabVIEW online: labviewbasics/i/ Tutorial completo: Wiki pages dedicate: Labview portal:

Esercizi di base per l apprendimento di LabView

Esercizi di base per l apprendimento di LabView Esercizi di base per l apprendimento di LabView Esercizio 1 Conversione di temperatura Realizzare un VI in grado di convertire una temperatura impostata mediante un controllo di tipo knob da C a F Soluzione

Dettagli

Docente Prof. Claudio De Capua Ing. Antonella Meduri

Docente Prof. Claudio De Capua Ing. Antonella Meduri Gruppo Misure Elettriche ed Elettroniche Facoltà di Ingegneria Università Mediterranea di Reggio Calabria Docente Prof. Claudio De Capua Ing. Antonella Meduri LabView Ambiente di sviluppo grafico: - LabVIEW

Dettagli

What is LabVIEW???? Pietro Giannone. Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi. Università degli Studi di Catania

What is LabVIEW???? Pietro Giannone. Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi. Università degli Studi di Catania Università degli Studi di Catania Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi What is LabVIEW???? Pietro Giannone University of Catania Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica

Dettagli

Introduzione a LabVIEW

Introduzione a LabVIEW 1 Introduzione a LabVIEW M. Bertocco Università di Padova Facoltà di Ingegneria Introduzione In questa sezione si descrivono le caratteristiche fondamentali dell ambiente di sviluppo LabVIEW. Dapprima

Dettagli

Introduzione a LabVIEW

Introduzione a LabVIEW Dipartimento di Elettronica Università di Pavia Introduzione a LabVIEW 1 Acquisizione dati e controllo remoto L acquisizione dati riveste grande importanza in tutti i campi dove sia necessario il controllo

Dettagli

LabVIEW. E un acronimo per. "Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench. Ideato dalla National Instrument nel 1986 È standard mondiale per:

LabVIEW. E un acronimo per. Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench. Ideato dalla National Instrument nel 1986 È standard mondiale per: 1 LabVIEW E un acronimo per "Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench Ideato dalla National Instrument nel 1986 È standard mondiale per: l acquisizione dati (DAQ) il controllo della strumentazione

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

APPLICAZIONE COMPACTRIO DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU TIPS & TECHNIQUES

APPLICAZIONE COMPACTRIO DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU TIPS & TECHNIQUES APPLICAZIONE DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU COMPACTRIO Ryan King Q uesta applicazione presenta una soluzione software per un datalogger embedded stand-alone basato su hardware

Dettagli

Lezione 1 Introduzione a LabVIEW

Lezione 1 Introduzione a LabVIEW Lezione 1 Introduzione a LabVIEW Imparerete: Questa lezione vi introduce alle nozioni di base su LabVIEW. Fate riferimento a LabVIEW Quick Reference Card per partire rapidamente con LabVIEW. Questa scheda

Dettagli

Corso. LabVIEW. a cura di FRANCESCO FICILI. oltre l elettronica N 144-152

Corso. LabVIEW. a cura di FRANCESCO FICILI. oltre l elettronica N 144-152 Corso LabVIEW a cura di FRANCESCO FICILI N 144-152 oltre l elettronica Sommario LEZIONI 1 9 LEZIONE 1 Iniziamo a conoscere la piattaforma software LabVIEW di National Instruments, un innovativo ambiente

Dettagli

LabVIEW. Apertura del programma

LabVIEW. Apertura del programma LabVIEW Il termine LabVIEW significa Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench. LabVIEW è un prodotto che si è imposto nel tempo come standard di riferimento per la gestione e la elaborazione

Dettagli

LabVIEW TM Core 2 Manuale degli Esercizi

LabVIEW TM Core 2 Manuale degli Esercizi LabVIEW TM Core 2 Manuale degli Esercizi Versione del software del corso 2011 Edizione Agosto 2011 Codice 325293C-0115 LabVIEW Core 2 Manuale degli Esercizi Copyright 1993 2011 National Instruments Corporation.

Dettagli

Corso di. Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica III anno Nuovo Ordinamento ) IL LABVIEW LEZ_3

Corso di. Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica III anno Nuovo Ordinamento ) IL LABVIEW LEZ_3 Corso di Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica III anno Nuovo Ordinamento ) IL LABVIEW LEZ_3 Luigi Ferrigno ferrigno@unicas.it Gruppo Misure Elettriche ed Elettroniche Facoltà

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A1 - Interfacce grafiche 1 Prerequisiti Utilizzo di un sistema operativo Programmazione elementare ad oggetti Concetto di macchina virtuale Tipi di interfaccia Riferimento

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

Guida all installazione e utilizzo del software Airbag Crash Cleaner

Guida all installazione e utilizzo del software Airbag Crash Cleaner Guida all installazione e utilizzo del software Airbag Crash Cleaner 2 ECUmania.it Learn, think and improve Sommario 1 Operazioni Preliminari... 4 1.1 Verifica dei requisiti di sistema... 4 1.2 Rimozione

Dettagli

Servizi web in LabVIEW

Servizi web in LabVIEW Servizi web in LabVIEW Soluzioni possibili, come si utilizzano. 1 Soluzioni possibili WEB SERVER Dalla versione 5.1 di LabVIEW è possibile implementare un Web server che consente di operare da remoto sul

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

Informatica d ufficio

Informatica d ufficio Informatica d ufficio Anno Accademico 2008/2009 Lezione N 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è un programma che è sempre in funzione durante l utilizzo del PC (quando si accende

Dettagli

WINDOWS XP. Aprire la finestra che contiene tutte le connessioni di rete in uno dei seguenti modi:

WINDOWS XP. Aprire la finestra che contiene tutte le connessioni di rete in uno dei seguenti modi: Introduzione: VPN (virtual Private Network) è una tecnologia informatica che permette, agli utenti autorizzati, di collegare i PC personali alla rete del nostro Ateneo, tramite la connessione modem o ADSL

Dettagli

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE Training per esperti TECNICHE AVANZATE DI I/O SU FILE Spesso, la decisione di dividere in processi differenti la produzione dei dati dall uso degli stessi viene presa perché occorre scrivere i dati su

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione a Gambas

Capitolo 1 Introduzione a Gambas Capitolo 1 Introduzione a Gambas Gambas è stato creato inizialmente da Benoit Minisini, un residente della periferia di Parigi. Secondo Benoit, Gambas è un linguaggio Basic con estensioni per la programmazione

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DELOS SYSTEMS 4.02.28

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DELOS SYSTEMS 4.02.28 GUIDA ALL INSTALLAZIONE DELOS SYSTEMS 4.02.28 Requisiti minimi (sistema operativo hardware).... pag. 1 Procedura di disinstallazione e installazione del software Delos Systems 4.02.28.. pag. 2 Salvare

Dettagli

Lezione 3 Creazione di un subvi

Lezione 3 Creazione di un subvi Lezione 3 Creazione di un subvi Imparerete: Questa lezione vi introduce all icona e al riquadro dei connettori di un VI e descrive come potete utilizzare un VI come subvi in altri VI. H. A conoscere i

Dettagli

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I Sistemi operativi I: Windows Lezione I Scopo della lezione Richiamare le principali funzionalità di un sistema operativo Esemplificarle descrivendo la loro implementazione in Windows Introdurre alcuni

Dettagli

PROFIBUS E PROFINET. NI compactrio. ACQUISIZIONE DATI e controllo su reti. con

PROFIBUS E PROFINET. NI compactrio. ACQUISIZIONE DATI e controllo su reti. con ACQUISIZIONE DATI e controllo su reti PROFIBUS E PROFINET con NI compactrio Come realizzare un semplice sistema di I/O distribuito interconnesso tramite rete Profibus, costituito da una architettura Master-Slave

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore Programma del corso Introduzione agli algoritmi Rappresentazione delle Informazioni Architettura del calcolatore Reti di Calcolatori Elementi di Programmazione Visual Basic Visual Basic Linguaggio di programmazione

Dettagli

PG5 Starter Training PG5 Core Fupla Daniel Ernst EN02 2012-09-11 Peracchi Stefano IT01 2013-05-15

PG5 Starter Training PG5 Core Fupla Daniel Ernst EN02 2012-09-11 Peracchi Stefano IT01 2013-05-15 PG5 Starter Training PG5 Core Fupla Daniel Ernst EN02 2012-09-11 Peracchi Stefano IT01 2013-05-15 Introduzione Materiale richiesto: Notebook o computer PCD1 E-Controller Cavo USB Scheda «Training» Finalità

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012 Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 1 Outline Solution e Project Visual Studio e linguaggio C Visual Studio schermata principale

Dettagli

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Ing. Giovanni Ponti DEIS Università della Calabria gponti@deis.unical.it La piattaforma Java mette a disposizione una serie

Dettagli

Layout dell area di lavoro

Layout dell area di lavoro Layout dell area di lavoro In Windows, Dreamweaver fornisce un layout che integra tutti gli elementi in una sola finestra. Nell area di lavoro integrata, tutte le finestre e i pannelli sono integrati in

Dettagli

Utilizzare il debugger di Visual Studio

Utilizzare il debugger di Visual Studio Appendice F Utilizzare il debugger di Visual Studio Obiettivi Essere in grado di impostare i breakpoint e di eseguire un programma nel debugger. Essere in grado di utilizzare il comando Continue per continuare

Dettagli

Istruzioni per l installazione

Istruzioni per l installazione MQSeries Everyplace Istruzioni per l installazione GC13-2909-00 MQSeries Everyplace Istruzioni per l installazione GC13-2909-00 Prima edizione (giugno 2000) Questa edizione si riferisce a MQSeries Everyplace

Dettagli

Come configurare l accesso ad Internet con il tuo telefonino GPRS EDGE* UMTS* (Sistema Operativi Microsoft Win95 e Win98).

Come configurare l accesso ad Internet con il tuo telefonino GPRS EDGE* UMTS* (Sistema Operativi Microsoft Win95 e Win98). Come configurare l accesso ad Internet con il tuo telefonino GPRS EDGE* UMTS* (Sistema Operativi Microsoft Win95 e Win98). OPERAZIONI PRELIMINARI Registrati gratuitamente al servizio I-BOX: qualora non

Dettagli

Introduzione a Visual Studio 2005

Introduzione a Visual Studio 2005 Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria Elettronica e Telecomunicazioni a.a. 2008/2009 Introduzione a Visual Studio 2005 Outline Solutions e Projects Visual Studio e il linguaggio C Visual

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

FPf per Windows 3.1. Guida all uso

FPf per Windows 3.1. Guida all uso FPf per Windows 3.1 Guida all uso 3 Configurazione di una rete locale Versione 1.0 del 18/05/2004 Guida 03 ver 02.doc Pagina 1 Scenario di riferimento In figura è mostrata una possibile soluzione di rete

Dettagli

Manuale Utente CryptoClient

Manuale Utente CryptoClient Codice Documento: CERTMOB1.TT.DPMU12005.01 Firma Sicura Mobile Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. - Documento Pubblico Tutti i diritti riservati Indice degli argomenti... 1 Firma Sicura Mobile...

Dettagli

LabVIEW Corso Base I. Corso sulla versione software 6.0 Edizione Ottobre 2000 Part Number 320628H-01 Traduzione Gennaio 2001

LabVIEW Corso Base I. Corso sulla versione software 6.0 Edizione Ottobre 2000 Part Number 320628H-01 Traduzione Gennaio 2001 LabVIEW Corso Base I Corso sulla versione software 6.0 Edizione Ottobre 2000 Part Number 320628H-01 Traduzione Gennaio 2001 A Survey of Modern Computer-Based Experiments Copyright Copyright 2000 National

Dettagli

Panoramica sulla Certificazione

Panoramica sulla Certificazione Panoramica sulla Certificazione Il Programma di Certificazione di National Instruments LabVIEW è costituito dai seguenti tre livelli di certificazione: - Certificazione LabVIEW Associate Developer (CLAD)

Dettagli

DRIVELINK MANUALE XX

DRIVELINK MANUALE XX MANUALE XX Contenuto. Caratteristiche. Parti ed accessori. Panoramica del dispositivo. Installazione dell hardware 5. Installazione del software 6. Il software di backup 5. Parti ed accessori 6.. Start

Dettagli

ECDL Mod.2. Uso del computer e gestione dei file. novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 1

ECDL Mod.2. Uso del computer e gestione dei file. novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 1 ECDL Mod.2 Uso del computer e gestione dei file novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 1 2.1 L ambiente del computer novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere

Dettagli

L AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE TURBO PASCAL... 2 LE COMPONENTI DELL AMBIENTE DI SVILUPPO... 2 La barra dei menu... 2 Il desktop o finestra attiva...

L AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE TURBO PASCAL... 2 LE COMPONENTI DELL AMBIENTE DI SVILUPPO... 2 La barra dei menu... 2 Il desktop o finestra attiva... L AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE TURBO PASCAL... 2 LE COMPONENTI DELL AMBIENTE DI SVILUPPO... 2 La barra dei menu... 2 Il desktop o finestra attiva... 4 La linea di stato... 4 Uso delle caselle di dialogo...

Dettagli

Seminario Pratico di LabVIEW per l Acquisizione Dati

Seminario Pratico di LabVIEW per l Acquisizione Dati Seminario Pratico di LabVIEW per l Acquisizione Dati NOTA: per mantenere dei riferimenti comuni nello svolgimento degli esercizi che seguono, è consigliato copiare le cartelle Esercizi e Soluzioni sul

Dettagli

Questa versione permette di stampare la configurazione dell impianto e risolve alcuni problemi riscontrati nelle versioni precedenti.

Questa versione permette di stampare la configurazione dell impianto e risolve alcuni problemi riscontrati nelle versioni precedenti. SOFTWARE PER CENTRALI FENICE Software_Fenice_1.2.0 12/09/2012 Questo Software permette all'installatore di programmare le centrali della serie Fenice, di aggiornare i firmware dei vari componenti del sistema

Dettagli

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso Tutor System SVG Guida all'installazione ed all uso Il contenuto di questa guida è copyright 2010 di SCM GROUP SPA. La guida può essere utilizzata solo al fine di supporto all'uso del software Tutor System

Dettagli

Esposimetro HD450 con registrazione dati INTRODUZIONE AL SOFTWARE

Esposimetro HD450 con registrazione dati INTRODUZIONE AL SOFTWARE Esposimetro HD450 con registrazione dati INTRODUZIONE AL SOFTWARE Questo programma può raccogliere dati provenienti dall HD450 quando l apparecchio è collegato a un PC e anche scaricare dati memorizzati

Dettagli

Windows. Cos è I componenti principali Le funzioni essenziali. www.vincenzocalabro.it 1

Windows. Cos è I componenti principali Le funzioni essenziali. www.vincenzocalabro.it 1 Windows Cos è I componenti principali Le funzioni essenziali www.vincenzocalabro.it 1 Cos è Windows è un sistema operativo, ovvero un insieme di software che consente di eseguire le operazioni basilari

Dettagli

SmartyManager Procedura per il recupero del driver Manuale utente

SmartyManager Procedura per il recupero del driver Manuale utente SmartyManager Procedura per il recupero del driver Se si dovesse verificare un errore durante l installazione del driver SmartyCam Windows mostrerebbe questo messaggio: Per ripetere l installazione scollegare

Dettagli

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 DISPENSE http://dbgroup.unimo.it/sia/gerarchiericorsive/ L obiettivo è quello di realizzare la tabella di navigazione tramite una query ricorsiva utilizzando SQL SERVER

Dettagli

Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1

Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1 IDE Ambiente di sviluppo IDE - Integrated Development Environment Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1 e un Ambiente di Sviluppo Integrato che consente di creare in modo semplice progetti composti

Dettagli

Intel Server Management Pack per Windows

Intel Server Management Pack per Windows Intel Server Management Pack per Windows Manuale dell'utente Revisione 1.0 Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI INTEL ALLO SCOPO DI

Dettagli

Per creare il modello si scriva simulin nella finestra di comando MATLAB. Apparirà il Browser della Libreria Simulink.

Per creare il modello si scriva simulin nella finestra di comando MATLAB. Apparirà il Browser della Libreria Simulink. SIMULINK Version 3 Costruzione di un semplice esempio Consideriamo un segnale sinosoidale. Esso venga integrato. Inoltre si vuole visualizzare il segnale sinusoidale assieme al segnale integrato. Il diagramma

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Web service Hello world con Visual Studio 2012 Si tratta di un semplice esempio di web service, infatti come tutti I programmi

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services)

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Rev. 01-15 ITA Versione Telenet 2015.09.01 Versione DB 2015.09.01 ELECTRICAL BOARDS FOR REFRIGERATING INSTALLATIONS 1 3232 3 INSTALLAZIONE HARDWARE

Dettagli

VARIABILI CONDIVISE. L articolo introduce le variabili condivise e contiene una discussione sulle loro caratteristiche e prestazioni in LabVIEW

VARIABILI CONDIVISE. L articolo introduce le variabili condivise e contiene una discussione sulle loro caratteristiche e prestazioni in LabVIEW COME USARE LE VARIABILI CONDIVISE IN LABVIEW Mike Trimborn L articolo introduce le variabili condivise e contiene una discussione sulle loro caratteristiche e prestazioni in LabVIEW LabVIEW permette di

Dettagli

REMOTE ACCESS24. Note di installazione

REMOTE ACCESS24. Note di installazione REMOTE ACCESS24 Note di installazione . 2011 Il Sole 24 ORE S.p.A. Sede legale: via Monte Rosa, 91 20149 Milano Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale e con qualsiasi

Dettagli

Il software. Il Sistema Operativo

Il software. Il Sistema Operativo Il software Prof. Vincenzo Auletta 1 Il Sistema Operativo Software che gestisce e controlla automaticamente le risorse del computer permettendone il funzionamento. Gestisce il computer senza che l utente

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

LabVIEW Corso Base II

LabVIEW Corso Base II LabVIEW Corso Base II Corso sulla versione software 6.0 Edizione settembre 2000 Part Number 320629G-01 Traduzione Luglio 2001 A Survey of Modern Computer-Based Experiments Copyright Copyright 2000 National

Dettagli

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15 Xpress I440I04_15 Software di configurazione e controllo remoto MANUALE OPERATIVO INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 3 3 SETUP... 3 4 PASSWORD... 4 5 HOME PAGE... 4 6 CANALE...

Dettagli

ISTRUZIONI XCODE. Autore: Luca Florio (luca.floriopolimi.it)

ISTRUZIONI XCODE. Autore: Luca Florio (luca.florio<at>polimi.it) ISTRUZIONI XCODE Autore: Luca Florio (luca.floriopolimi.it) XCode è l ambiente di sviluppo fornito da Apple che permette la creazione di applicazioni OSX e iphone. In questa guida vedremo come installarlo

Dettagli

Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio

Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio FROM C TO Visual Basic DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio FEDERICO GIUNTOLI Microsoft Visual Basic Questo capitolo ha lo scopo

Dettagli

www.wlascuola.4000.it

www.wlascuola.4000.it 1 Cenni di programmazione Risolvere un problema significa trovare un procedimento che consenta di produrre i risultati, a partire dai dati iniziali, attraverso un processo di elaborazione. La metodologia

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.1009 Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

Installazione interfaccia e software di controllo mediante PC Installing the PC communication interface and control software

Installazione interfaccia e software di controllo mediante PC Installing the PC communication interface and control software Windows 7 Installazione interfaccia e software di controllo mediante PC Installing the PC communication interface and control software Contenuto del kit cod. 20046946: - Interfaccia PC-scheda (comprensiva

Dettagli

Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 2.1.1.1 Primi passi col computer Avviare il computer Windows è il sistema operativo più diffuso per la gestione dei personal computer, facile e amichevole

Dettagli

INSTALLAZIONE NUOVO CLIENT SUITE IPSOA (04 Novembre 2014)

INSTALLAZIONE NUOVO CLIENT SUITE IPSOA (04 Novembre 2014) INSTALLAZIONE NUOVO CLIENT SUITE IPSOA (04 Novembre 2014) La prima cosa da verificare è che tipo di sistema operativo ha la nuova macchina. Per farlo, sull icona COMPUTER (oppure QUESTO PC, per capirci

Dettagli

Presentazione di. Mustek Systems, Inc.

Presentazione di. Mustek Systems, Inc. Presentazione di Mustek Systems, Inc. Le informazioni contenute in questo documento sono soggette a modifica senza preavviso. Società, nomi e dati utilizzati negli esempi sono fittizi a meno che non sia

Dettagli

Manuale semplificato per l uso delle tastiere Bontempi con il Computer

Manuale semplificato per l uso delle tastiere Bontempi con il Computer Manuale semplificato per l uso delle tastiere Bontempi con il Computer Le tastiere Bontempi dotate di presa Midi o di presa USB-Midi possono essere collegate ad un personal computer. La tastiera invia

Dettagli

Bluetooth Installazione guide USARE IL MODULO BLUETOOTH

Bluetooth Installazione guide USARE IL MODULO BLUETOOTH USARE IL MODULO BLUETOOTH 1 Installazione del software: Il pacchetto d installazione del software del modulo Bluetooth si trova nel disco CD Bluetooth. Se è la prima volta che si inserisce il modulo Bluetooth

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Più veloce. Più veloce, più intuitivo, più ricco, più compatibile: tutto questo in DIMS 3.0 Consultazione.

Più veloce. Più veloce, più intuitivo, più ricco, più compatibile: tutto questo in DIMS 3.0 Consultazione. 2 DIMS 3.0 Consultazione Più veloce, più intuitivo, più ricco, più compatibile: tutto questo in DIMS 3.0 Consultazione. DIMS 3.0 Consultazione, il componente di DIMS Web Interface dedicato all accesso

Dettagli

Aggiornamento Software e Firmware nuova release Datalogger

Aggiornamento Software e Firmware nuova release Datalogger Aggiornamento Software e Firmware nuova release Datalogger SISGEO ha recentemente rilasciato una nuova versione del software Smart Manager Suite che viene fornito con la nuova release dei Datalogger portatili

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DRIVER WINDOWS XP (32 o 64 bit)

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DRIVER WINDOWS XP (32 o 64 bit) PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DRIVER WINDOWS XP (32 o 64 bit) PREMESSA: Per installare i driver corretti è necessario sapere se il tipo di sistema operativo utilizzato è a 32 bit o 64 bit. Qualora non si

Dettagli

ELSTER A1700i. Manuale software di lettura Dati Power Master Unit Read Olny. Contatore ELSTER A1700i. Manuale software di lettura dati PMU Read Olny

ELSTER A1700i. Manuale software di lettura Dati Power Master Unit Read Olny. Contatore ELSTER A1700i. Manuale software di lettura dati PMU Read Olny ELSTER A1700i Manuale software di lettura Dati Power Master Unit Read Olny Revisione : 0 Data : Aprile 2011 Software : Power Master Unit Read only 2.4 Firmware : Enel Pagina 1 di 20 1. Presentazione del

Dettagli

Manuale Utente Rev. 0.3 del 26/11/2004

Manuale Utente Rev. 0.3 del 26/11/2004 Manuale Utente Rev. 0. del 6//00 Menu di runtime 5 6.Menu di Run-time File - Exit: Termina l esecuzione del programma Run - Start: Avvia il monitoraggio degli inverter indicati nella Inverter List - Stop:

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

PROGRAMMA FINALE SVOLTO CLASSE 1 BT A.S. 2014/15

PROGRAMMA FINALE SVOLTO CLASSE 1 BT A.S. 2014/15 Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet Istituto Tecnico Commerciale - Liceo Linguistico Liceo Scientifico Liceo Scienze Umane Via Stignani, 63/65 20081 Abbiategrasso Mi PROGRAMMA FINALE SVOLTO CLASSE

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Gate Manager. 1 Come connettersi a un PLC S7-300/400 con Step7 installato su macchina virtuale. Table of Contents. your partner

Gate Manager. 1 Come connettersi a un PLC S7-300/400 con Step7 installato su macchina virtuale. Table of Contents. your partner 1 Come connettersi a un PLC S7-300/400 con Step7 installato su macchina virtuale Table of Contents 1Indice...1 2Introduzione...2 3Cosa vi serve per cominciare...2 4Connessione via Ethernet con Step7 installato

Dettagli

Manuale per la configurazione della connessione remota tramite telefono alla rete Internet - Connessione Dial-Up/PPP. (Revisione 1999-11-26)

Manuale per la configurazione della connessione remota tramite telefono alla rete Internet - Connessione Dial-Up/PPP. (Revisione 1999-11-26) Università degli studi di Roma Tor Vergata Centro di Calcolo e Documentazione Via Orazio Raimondo 18 I - 00173 Roma http://www.ccd.uniroma2.it Tel. +39 06 7259.2150 Fax. +39 06 7259.2125 Email: Info@CCD.UniRoma2.It

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

COME COLLEGARSI DA REMOTO AD UN PLC S7-300/400 via MPI Indice

COME COLLEGARSI DA REMOTO AD UN PLC S7-300/400 via MPI Indice COME COLLEGARSI DA REMOTO AD UN PLC S7-300/400 via MPI Indice 1. Prerequisiti prima di cominciare...2 2. Collegarsi con il LinkManager...2 3. Selezionare il disposivo a cui collegarsi...3 3.1. Come forzare

Dettagli

Manuale utente software Android

Manuale utente software Android Manuale utente software Android 1 1. Specifiche...3 2. Entrare e uscire dal sistema...3 2.1 Login...3 2.2 Logout...3 3. Programma di Editing...4 3.1 Interfaccia del programma...4 3.1.1 Pannello del programma...5

Dettagli

Guida di accesso a Grep Rainbow

Guida di accesso a Grep Rainbow Grep Rainbow è un cloud desktop accessibile ovunque, da qualsiasi dispositivo, in qualsiasi momento. In questa guida sono presentate le modalità di accesso per ogni piattaforma. E possibile accedere a

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

Guida Sistema Trasparenza CRCU Istruzioni per l utilizzo da parte degli Enti

Guida Sistema Trasparenza CRCU Istruzioni per l utilizzo da parte degli Enti Guida Sistema Trasparenza CRCU Istruzioni per l utilizzo da parte degli Enti Accesso al Sistema Trasparenza CRCU All apertura del pannello principale in alto sarà visualizzato il nome del Responsabile

Dettagli

Strumenti per la programmazione

Strumenti per la programmazione Editing del programma Il programma deve essere memorizzato in uno o più files di testo editing codice sorgente 25 Traduzione del programma Compilazione: è la traduzione effettuata da un compilatore Un

Dettagli

PROCEDURA DI PREPARAZIONE DI UNA NUOVA PDL REQUISITI

PROCEDURA DI PREPARAZIONE DI UNA NUOVA PDL REQUISITI PROCEDURA DI PREPARAZIONE DI UNA NUOVA PDL REQUISITI Prima di procedere con la preparazione di una nuova PdL occorre verificare i seguenti prerequisiti: Il client deve essere collegato alla rete aziendale

Dettagli

ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE. 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione

ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE. 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE 1. Introduzione 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione 3. Accessi Successivi al Menù Gestione 4. Utilizzo

Dettagli

IT DA2 Kit Guida al a programmazione per lettori di banconote NV9 NV9 USB NV10 NV10 USB NV11 - BV100 Rev. 1.4 10 09 2015

IT DA2 Kit Guida al a programmazione per lettori di banconote NV9 NV9 USB NV10 NV10 USB NV11 - BV100 Rev. 1.4 10 09 2015 DA2 Kit IT Guida alla programmazione per lettori di banconote NV9 NV9 USB NV10 NV10 USB NV11 - BV100 Rev. 1.4 10 09 2015 GUIDA AI SIMBOLI DI QUESTO MANUALE Al fine di agevolare la consultazione del documento

Dettagli