La discriminazione religiosa nel contratto *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La discriminazione religiosa nel contratto *"

Transcript

1 La discriminazione religiosa nel contratto * Daniele Maffeis Sommario: 1. La religione come qualità personale rilevante in materia contrattuale e la discriminazione. 2. La religione nelle recenti leggi antidiscriminatorie. 3. La nascita del diritto contrattuale antidiscriminatorio. 4. Il significato del divieto di discriminazione e l inesistenza di un divieto di disparità di trattamento. 5. Caratteri generali delle leggi antidiscriminatorie. 6. Qualificazione civilistica dell atto discriminatorio. 7. Fattispecie rilevanti di discriminazione nelle offerte al pubblico e negli inviti ad offrire. 8. Fattispecie rilevanti di discriminazione nell esecuzione del contratto. 9. L adesione a contratti associativi. 10. Il sistema dei rimedi. 11. Conclusioni: effettività e giustificazione politica di un nuovo limite all autonomia contrattuale. 1. La religione come qualità personale rilevante in materia contrattuale e la discriminazione. Voci autorevoli in dottrina ammoniscono che al contraente dovrebbe essere vietato di porre in essere discriminazioni fondate sulla razza, l etnia, la nazionalità o la religione; particolare attenzione è stata dedicata al divieto di una discriminazione fondata su motivi religiosi ed ai limiti che ne deriverebbero all esercizio dell autonomia privata 1. Naturalmente il divieto di discriminazione concerne anche la discriminazione c.d. multipla in quanto fondata inscindibilmente su più fattori caratterizzanti la irriducibile specificità della personalità del singolo 2 : e ciò aumenta significativamente la rilevanza della componente religiosa della discriminazione. La rilevanza della discriminazione nel contratto richiede chiarimenti preliminari su profili dell autonomia sovente trascurati nel discorso dei civilisti, eppure centrali nell ottica dell autonomia come strumento di manifestazione della personalità. * Il presente scritto è apparso nella rivista Il diritto ecclesiastico, 2006, 1/2, pp G. CASUSCELLI, voce Uguaglianza e fattore religioso, in Digesto IV disc.pubbl., vol. XV, Torino, 1999, In tema S. FREDMAN, Double Trouble: multiple discrimination in EU law, in European Anti- Discrimination Law Review, Brussels, 2005, 2, 13 ss. Daniele Maffeis per maggio 2008

2 Si tratta di un capitolo tra i più delicati ed attuali 3 del più ampio fenomeno del riconoscimento dell efficacia diretta dei diritti fondamentali nei rapporti tra privati che in materia contrattuale 4 costituisce la più rilevante cifra della legislazione comunitaria c.d. costituzionale, quale si rinviene nella carta di Nizza 5. Il divieto di discriminazione colpisce un fenomeno, attualissimo 6 ma da sempre radicato nella natura umana 7, che occorre circoscrivere. La discriminazione consiste nel trattamento della controparte contrattuale diverso e peggiore rispetto al trattamento che alla stessa controparte contrattuale sarebbe stato riservato se il consenso del contraente non fosse stato determinato, in via esclusiva, da una qualità personale. Ad es., la discriminazione dell induista rileva come trattamento peggiore rispetto al trattamento che sarebbe stato riservato alla stessa persona se la fede induista non fosse risultata determinante del consenso del contraente. La condotta discriminatoria può spiegarsi, alternativamente, con tre diversi modi di influenza, sulla psiche del contraente, delle qualità della controparte, in relazione all ambiente circostante, riconducibili ad un preconcetto del contraente o del quale egli si fa comunque portatore in ragione della diffusione del medesimo nell ambiente nel quale agisce. Il preconcetto consiste nel far derivare da una qualità reale della controparte, ad es. la nazionalità, una qualità ipotetica, ad es. il carattere sgradevole, le cattive abitudini, la scarsa affidabilità, la propensione ad arrecare molestie, l insolvenza e così via. Si assiste così ad una formazione della volontà esclusivamente basata su un fatto storico non conosciuto. Questo fatto storico la qualità personale ipotetica della controparte potrà poi sussistere (quello 3 Osserva B. TROISI, Profili civilistici del divieto di discriminazione, ne Il diritto civile oggi. Compiti scientifici e didattici del civilista. Atti del I convegno nazionale della Società Italiana degli Studiosi del Diritto Civile (S.I.S.Di.C.), Napoli, 2006, 296 che grande importanza in ambito comunitario viene oggi attribuita al divieto di discriminazione come conferma ( ) l art. 21 della Carta dei diritti fondamentali. 4 Così a proposito del divieto di discriminazione G. ALPA, I diritti fondamentali e la loro efficacia diretta, in Rass.for., 2005, 768, La carta di Nizza costituisce la Parte III della c.d. Costituzione Europea (art. 81). 6 Tema oggi dominante e di drammatico rilievo è definito da P. SCHLESINGER, Mercati, diritto privato, valori, in Riv.dir.civ., 2004, II, 330 quello del conflitto tra ipotesi di larga accoglienza per gli immigrati extracomunitari ( ) ed i timori che questi fenomeni suscitano nella popolazione per il rischio di impatti pericolosi sulla conservazione pacifica dei tratti tipici della nostra cultura e delle nostre abitudini di vita. 7 M. BUSSANI, La diversità, il diritto e il discorso pubblico, in G. Alpa V. Roppo, Il diritto privato nella società moderna. Seminario in onore di Stefano Rodotà, Napoli, 2005, 207 sottolinea che solo il 10% degli Stati poss(o)no n dirsi etnicamente omogenei ed il numero di etnie 4000 (è) largamente superiore ai circa 200 Stati membri delle Nazioni Unite. Osserva incisivamente R. CANESTRARI, Decisione giudiziaria e verità scientifica. Quaderni della Rivista trimestrale di Diritto e Procedura Civile, Milano, 2005, 44 che la propria esperienza port(a) alla generalizzazione tipo massima di esperienza e con un azione del pregiudizio ( ) una simpatia per il gruppo di appartenenza determina una antipatia per il gruppo esterno, una autoesaltazione per il gruppo di appartenenza determina un eterodenigrazione per il gruppo esterno (i corsivi sono dell Autore). Daniele Maffeis per maggio 2008

3 svizzero è, effettivamente, una persona precisa in maniera maniacale e, quindi, poco elastica) oppure no (quell immigrato, in realtà, rispetta perfettamente i costumi diffusi fra i condomini della città di Milano). Se la qualità non sussiste, il contraente agisce in base ad una falsa raffigurazione della realtà, ma il suo rifiuto di contrattare o la scelta di contrattare a condizioni peggiori non sono viziati da errore, perché il processo psichico di influenza del preconcetto sulla determinazione volitiva è consapevole 8. (i) La condotta discriminatoria del contraente può spiegarsi con il preconcetto del singolo, al quale non corrisponda un preconcetto diffuso. Ad es., Tizio, a differenza dei concittadini, convinti cosmopoliti, odia tutte le persone con la pelle scura, perché è cresciuto fino a trentacinque anni in casa, con la madre, in un paese di provincia abitato soltanto da persone con la pelle bianca. (ii) Alternativamente, la condotta discriminatoria può spiegarsi con il preconcetto del singolo, al quale corrisponde un preconcetto diffuso e radicato. Ad es., la maggior parte degli abitanti della capitale odia gli abitanti della prima città industriale del paese e per questo nega loro determinati servizi. Gli abitanti della città odiano gli immigrati, unici colpevoli, secondo il sentimento collettivo, dei più efferati delitti. (iii) Ma la condotta discriminatoria può spiegarsi anche altrimenti. Essa può spiegarsi con il preconcetto diffuso e radicato, al quale il contraente è estraneo, ma che il contraente asseconda, al fine di non abbattere il valore del proprio minimercato. Così, Caio rispetta gli zingari, ma non li ammette nel locale, perché ciò allontanerebbe i clienti abituali; chi intende concedere in locazione i dieci appartamenti di cui consiste l edificio di sua proprietà vuole evitare di deprimere il valore delle altre unità concedendo in locazione un unità ad una persona che, per le tradizioni dell area geografica di provenienza, abitualmente non porta le scarpe e che per questo è prevedibile che sarebbe invisa agli altri potenziali conduttori. Interessano il divieto di discriminazione la seconda e la terza condotta, non la prima, che non impedisce al discriminato di procurarsi da altri il bene o il servizio che gli serve. Il codice civile disciplina l attribuzione di rilevanza alle qualità personali della controparte, laddove dispone che il contraente può chiedere l annullamento del contratto 8 Se si trattasse di errore, il contraente non potrebbe impugnare il suo rifiuto di contrattare ma potrebbe impugnare il contratto concluso a condizioni peggiori. Perché costituisce principio generale in materia di vizi del consenso che il carattere vantaggioso del contratto non impedisce al contraente di fare valere un vizio del consenso. Così R. SACCO, in R. Sacco G. De Nova, Il contratto, I, Torino, 2004, 360; G. D AMICO, Regole di validità e principio di correttezza nella formazione del contratto, Napoli, 1996, 34; P. GALLO, Buona fede oggettiva e trasformazioni del contratto, in Riv.dir.civ., 2002, I, 248. Contra F. LUCARELLI, Lesione d interesse e annullamento del contratto, Milano, 1964, 73; M. FRANZONI, Il recupero all efficacia del contratto invalido, ne L invalidità degli atti privati, Padova, 2001, 116. Daniele Maffeis per maggio 2008

4 quando è caduto in errore sulle qualità della persona dell altro contraente che siano state determinanti del consenso (art. 1429, n. 3 cod.civ.). In linea di fatto il contraente, al momento della conclusione del contratto, può attribuire rilievo determinante a tutte le condizioni della controparte, e così, oltre a connotati obiettivi e durevoli, anche a connotati contingenti, transeunti o casuali 9 ; ad es. il contraente può attribuire rilevanza al fatto che la controparte contrattuale, nella seduta della trattativa, sia sozza, villana, ubriaca, parli a voce alta o tenti di derubarlo 10. Ma dalla corretta interpretazione della previsione del codice civile la quale si riferisce alle qualità si ricava che è astrattamente idoneo a condurre all annullamento del contratto soltanto l errore che cada su un connotato personale durevole ed obiettivo non necessariamente immodificabile o immutabile della controparte 11. La soluzione è analoga a quella presente in Germania ed in Francia ed è invece diversa rispetto a quanto si riscontra tradizionalmente negli ordinamenti di common law, in cui è rilevante il solo errore sull identità della controparte e sono irrilevanti i mistakes relativi a meri attributes. una vecchia sentenza di merito dell inizio del secolo scorso che aveva attribuito rilevanza alla qualità personale della nobiltà, pronunciando l annullamento del contratto per errore, 9 L art cod.civ., ai fini del giudizio sulla rilevanza della violenza che sia stata determinante del consenso, si riferisce, oltre che all età ed al sesso che sono qualità della persona dell altro contraente alla condizione. La condizione si distingue dalla qualità, poiché è nozione più ampia, la quale ricomprende non solo le qualità, e così i connotati obbiettivi e durevoli, bensì anche i connotati del momento in cui il contraente subisce la violenza (momentanei, o durevoli). Dal che discende che sono rilevanti ai fini del giudizio sulla rilevanza della violenza anche connotati obbiettivi e durevoli diversi dall età e dal sesso. V. PIETROBON, voce Errore (diritto civile), in Enc.giur. Treccani, s.d. ma Roma, 1989, 9 definisce la qualità della persona dell altro contraente come ogni connotato obiettivo, durevole, di essa. Secondo R. SACCO, in R. Sacco G. De Nova, Il contratto, I, Torino, 2004, 579 il riferimento alla condizione delle persone consente al giudice di tenere conto di ogni e qualsiasi circostanza di fatto idonea a rendere più grave un male, o più impressionante una minaccia, nei confronti di una determinata vittima. Adde, contro le letture ingiustificatamente restrittive della nozione di condizione della persona, G. D AMICO, voce Violenza in generale (diritto privato), in Enc.dir., s.d. ma Milano, 1993, 868. In tema anche F. ADDIS, La sospensione dell esecuzione: dalla vendita con dilazione di pagamento alla Unsicherheitseinrede, ne Le riviste ipertestuali, Obbligazioni e contratti, estratto gennaio 2006, 12 al richiamo della nota Fra i connotati non durevoli rientra anche la scorrettezza contrattuale (manifestata nella trattativa o in occasione di un contratto precedente o concluso con altri). 11 La nozione di fattore di discriminazione si traduce, nel diritto contrattuale antidiscriminatorio, in quella di rilevante qualità personale della controparte. Così anche B. TROISI, Profili civilistici del divieto di discriminazione, ne Il diritto civile oggi. Compiti scientifici e didattici del civilista. Atti del I convegno nazionale della Società Italiana degli Studiosi del Diritto Civile (S.I.S.Di.C.), Napoli, 2006, 297. V. PIETROBON, Errore, volontà e affidamento nel negozio giuridico, Padova, 1990, 444; Id., voce Errore (diritto civile), in Enc.giur. Treccani, s.d. ma Roma, 1989, 9 definisce la qualità della persona dell altro contraente come ogni connotato obiettivo, durevole, di essa. Accoglie la terminologia anche C. ROSSELLO, L errore nel contratto, in Codice civile. Commentario fondato da Piero Schlesinger e diretto da Francesco Donato Busnelli, Milano, 2004, 135 il quale si riferisce alle qualità personali rilevanti come tutti i connotati (obiettivi e durevoli) che nel linguaggio comune possono essere considerati come qualità della persona. Cfr., per il riferimento alle qualità personali già nella dottrina comunitaria tedesca della parità di trattamento, P. RESCIGNO, Il principio di eguaglianza nel diritto privato, già pubblicato in Riv.trim.dir.proc.civ., 1959, 1515 ss., ora in P. Rescigno, Per una biblioteca di diritto privato (la seconda metà del novecento), Napoli, 2004, 28. Daniele Maffeis per maggio 2008

5 consistente nella convinzione dell alienante, rivelatasi falsa, che l acquirente fosse di nobile casato 12. Nel nostro ordinamento inoltre opera un principio generale ai sensi del quale il contraente può rifiutare di contrattare se la controparte presenta qualità che espongono a pericolo il contraente o i suoi beni 13. Per quanto concerne invece la fase dell esecuzione, il principio opera nel caso in cui il pericolo reso evidente dalle qualità manifestate dalla controparte sia evidente 14 in forza dell applicazione analogica della regola prevista dall art cod.civ., la quale senza ragione limita il potere di autotutela del contraente alla modificazione delle sole condizioni patrimoniali 15. Le qualità personali della controparte, naturali o giuridiche, alle quali il contraente può attribuire rilevanza sono infinite 16 : un catalogo non potrebbe mai essere esaustivo 17. La rilevanza del fenomeno è amplificata dalla diffusione di forme di identità sempre nuove 18, spesso favorita dal progresso tecnico 19. La moltiplicazione delle forme di identità 12 App. Milano, 18 marzo 1927, in Mon.trib., 1927, Così, il contraente può rifiutare l accesso al ristorante ad un noto avvelenatore di cibi. Osserva M. FRAGALI, Dei contratti in generale, in Commentario del codice civile diretto da M. D Amelio e E. Finzi, Libro delle obbligazioni, I, Firenze, 1948, 356 che l offerta al pubblico esclude tutti coloro che potrebbero recare agli altri destinatari dell offerta molestia, ribrezzo o pericolo. 14 Il pericolo, ovviamente, deve essere reale, non abitare solo nell immaginazione del contraente: Cass., 3 dicembre 1993, n , in Foro it., Rep. 1993, voce Contratto in genere, n Condivisibilmente interpreta estensivamente l espressione condizioni patrimoniali V. ROPPO, Il contratto, Milano, 2001, A. GALASSO, Errore sulla persona, personalità della prestazione e intuitus personae, in Riv.trim.dir.proc.civ., 1973, Osserva A. GALASSO, Errore sulla persona, personalità della prestazione e intuitus personae, in Riv.trim.dir.proc.civ., 1973, 1347 come sia decisamente faticosa la rassegna dei possibili rilevanti attributi personali che è stata tentata in Francia da F. VALLEUR, L intuitus personae dans les contrats, Paris, 1938, 100 ss. R. SACCO, in R. Sacco G. De Nova, Il contratto, II, Torino, 2004, 102 si chiede se sia lecito discriminare secondo la professione, il livello di cultura, l età, la foggia dell abito, le simpatie politiche, le preferenze confessate in materia di sport e di spettacoli. G. STOLFI, Persona umana e norma civile, in Riv.dir.civ., 1974, I, 507 menziona censo, sesso, religione, razza, mestiere, professione. D.U. SANTOSUOSSO, Il principio di libera trasferibilità delle azioni, Milano, 1993, 289 nt. 184 dubita che sia lecito discriminare secondo il colore degli occhi. Una considerazione analoga a quella formulata nel testo è espressa da B. NASCIMBENE, Il trattamento dello straniero nel diritto internazionale ed europeo, Milano, 1984, 148 il quale scrive che L elenco delle cause di discriminazione ( ) non può avere che un valore meramente esemplificativo. Nella Decisione del Consiglio del 27 novembre 2000 che istituisce un programma d'azione comunitario per combattere le discriminazioni ( ) si legge che Le diverse forme di discriminazione non sono classificabili per ordine di importanza, essendo tutte egualmente intollerabili e che le discriminazioni fondate su motivi diversi possono avere caratteristiche simili e possono essere combattute in modi simili. L'esperienza acquisita in numerosi anni di lotta ad alcuni tipi di discriminazione, inclusa quella fondata sul sesso, può essere utilizzata per combattere altri tipi di discriminazione. Occorre, tuttavia, tener conto delle caratteristiche specifiche delle varie forme di discriminazione (il corsivo è mio). 18 Sulla nuove forme di identità che caratterizzano il mondo globalizzato, con riferimento ai principi della Costituzione quali quelli di cui all art. 29, D. MESSINETTI, Diritti della famiglia e identità della persona, in Riv.dir.civ., 2005, 142 s. Daniele Maffeis per maggio 2008

6 rende formidabilmente più numerose le occasioni in cui l altra persona può essere percepita come diversa e, pertanto, come controparte contrattuale sgradita. Vi possono essere qualità personali non scelte 20, quali sono le caratteristiche genetiche, la famiglia di provenienza, lo status di figlio legittimo, naturale o incestuoso, la nobiltà o un quarto di essa, la lingua, il sesso (che può essere modificato). Per converso vi possono essere qualità oggetto di una scelta, rilevanti proprio in quanto oggetto di una scelta e tra le quali non è possibile una graduatoria fondata sulla meritevolezza delle preferenze dei singoli 21. È questo il caso della religione 22. Talune fra le qualità scelte o non scelte possono dipendere da fatti che appartengono al passato ed hanno segnato l identità della persona. Così l essere evaso da un carcere; l avere riportato una condanna in sede penale; l avere commesso delitti; l avere ripudiato la moglie; l avere praticato su una o più donne l infibulazione; l avere sfruttato il lavoro minorile 23. Un rilievo centrale assumono i caratteri della persona che si presentano legati ad altre qualità secondo un giudizio di normalità. Così, l attribuzione di rilevanza esclusiva e determinante a qualità come il colore della pelle, la cittadinanza o la pronuncia della lingua italiana coincide normalmente con l attribuzione di rilevanza ad altre qualità, quali la religione, o l etnia alle quali normalmente quei caratteri si accompagnano. 19 Le nuove forme di identità si pensi al cambiamento di sesso o alla fecondazione eterologa rappresentano spesso una mera conseguenza materiale del progresso tecnico, che la norma giuridica non controlla, ma al quale si adegua: sul punto N. IRTI E. SEVERINO, Le domande del giurista e le risposte del filosofo (un dialogo su diritto e tecnica), in Contr.impr., 2000, 665 ss., in part Si potrà osservare che il riconoscimento di una nuova forma di identità è un gioco a somma zero. Ma dovrà obbiettarsi nella prospettiva che sola interessa il presente studio che il riconoscimento di una nuova forma di identità non è un gioco a somma zero perché limita la libertà del consociato di rifiutare, insindacabilmente, di contrattare o di contrattare a condizioni peggiori. 20 Sulla distinzione tra qualità scelte e non scelte l opera di riferimento, com è noto, è rappresentata da A.K. SEN, Inequality Reexamined, Oxford, 1992 ora La disuguaglianza. Un riesame critico, Bologna, P. SCHLESINGER, Mercati, diritto privato, valori, in Riv.dir.civ., 2004, II, 329 richiama l antica disputa se ai valori vada attribuita una rilevanza oggettiva, indifferente alle preferenze individuali, ovvero una rilevanza soggettiva, condizionata dalle scelte e dalla educazione dei singoli. 22 J. LOCKE, Lettera sulla tolleranza, in Scritti sulla tolleranza, Torino, 2005, 131 scrive che la chiesa è una società libera e volontaria. Nessuno nasce membro di una chiesa. Altrimenti ciascuno erediterebbe, insieme alle terre, la religione dei padri e degli antenati, e ciascuno sarebbe debitore della fede ai suoi natali: che è la cosa più assurda che si possa immaginare. Ma si pensi anche alle opinioni politiche, alle motivazioni ispirate da convinzioni etiche, alle scelte in senso lato economiche, alla professione o all attività di impresa o al mestiere esercitati (il professore di diritto, il pilota, la puericultrice), all abituale abbigliamento, alle preferenze in ambito sportivo, letterario, alimentare, alla qualità rivelatrice della condivisione di un particolare scopo ideale di membro di un associazione o di altre organizzazione intermedie. Un catalogo (dichiaratamente non esaustivo) in M. BUSSANI, La diversità, il diritto e il discorso pubblico, in G. Alpa V. Roppo, Il diritto privato nella società moderna. Seminario in onore di Stefano Rodotà, Napoli, 2005, Si noti che appare indifferente che la persona evasa sia un eroe (l evaso dal carcere durante una dittatura) o un delinquente impenitente (colui che è evaso dalle patrie galere ove era rinchiuso per essere stato condannato per gravi delitti). Daniele Maffeis per maggio 2008

7 2. La religione nelle recenti leggi antidiscriminatorie L attribuzione di rilevanza alle qualità personali può porre un problema di discriminazione. Le leggi antidiscriminatorie, di recente introduzione nel nostro ordinamento 24, dettano un limite testuale alla libertà del contraente che si rivolga al pubblico, sia per quanto attiene al momento della trattativa e della conclusione che per quanto riguarda l esecuzione del contratto Le regole contro la discriminazione razziale, etnica, nazionale, religiosa arricchiscono, con misure di integrazione sociale, la disciplina giuridica del mercato, già caratterizzata dalle regole della concorrenza, dell informazione, della protezione dei consumatori. P. BARCELLONA, Il contratto e l economia globale, in Contratto e lavoro subordinato. Presentazione degli scritti in onore di Renato Scognamiglio, Padova, 2000, 33 ss. evidenzia che l economia globale fa emergere un tendenziale avvicinamento tra la funzione dell autonomia contrattuale e la funzione della disciplina della concorrenza e da P. SCHLESINGER, Mercati, diritto privato, valori, in Riv.dir.civ., 2004, II, 327 il quale condivisibilmente aderisce alla tesi nettamente prevalente che assegna al mercato la natura di locus artificialis necessariamente conformato dal complesso di regole che in ciascun ordinamento vengono dettate per la sua organizzazione e per delinearne i limiti di liceità (la tesi è manifestata da N. IRTI, Persona e mercato, in Riv.dir.civ., 1995, I, 290). In tema anche gli insegnamenti di P. PERLINGIERI, Nuovi profili del contratto, in Riv.crit.dir.priv., 2001, 225 ss.; R. SACCO, in R. Sacco G. De Nova, Il contratto, I, Torino, 2004, 18 ss.; U. MATTEI, Il nuovo diritto europeo dei contratti, tra efficienza ed uguaglianza. Regole dispositive, inderogabili e coercitive, in Riv.crit.dir.priv., 1999, 611 ss. Osserva F. CRISCUOLO, Diritto dei contratti e sensibilità dell interprete, Napoli, 2003, 122 che si impone la necessità di disciplinare fenomeni un tempo non così rilevanti socialmente e ciò accade con limitazioni esplicite all autonomia contrattuale (riconducibili) alle disposizioni di matrice comunitaria e che le disposizioni di matrice comunitaria vanno ad arricchire il nostro ordinamento interno, in quanto esse si nutrono dei valori che appartengono al rango più alto delle nostre fonti di produzione. Sembra insomma che le limitazioni esplicite alla libertà contrattuale, che i più riconducono alle disposizioni di matrice comunitaria, siano semplicemente il segno della necessità di disciplinare fenomeni un tempo non così rilevanti socialmente. Adde G. GUIZZI, Mercato concorrenziale e teoria del contratto, in Riv.dir.comm., 1999, I, 67 ss. 25 Evocano un limite interno all autonomia privata P. MOROZZO DELLA ROCCA P. COGNINI, Immigrazione: profili normativi e orientamenti giurisprudenziali, Torino, 2005, 252. Il carattere testuale del limite alla libertà contrattuale non richiede di evocare la categoria dottrinale dell abuso dell autonomia contrattuale ; cfr. R. SACCO, L abuso del diritto, in G. Alpa M. Graziadei A. Guarneri U. Mattei P.G. Monateri R. Sacco, Il diritto soggettivo, in Trattato di diritto civile diretto da R. Sacco, Torino, 2001, 318 s. Alla distinzione tra diritto e singoli atti di esercizio sono dedicate le pagine di R. SACCO, L abuso del diritto, in G. Alpa M. Graziadei A. Guarneri U. Mattei P.G. Monateri R. Sacco, Il diritto soggettivo, in Trattato di diritto civile diretto da R. Sacco, Torino, 2001, 281 ss. Id., Il fatto, l atto, il negozio, Torino, 2005, 134 ss. Cfr. già S. PUGLIATTI, voce Esercizio del diritto, ora nel volume Responsabilità civile, Milano, 1968, II, 151 ss. Afferma condivisibilmente U. BRECCIA, ne Il contratto in generale, in Trattato di diritto privato diretto da M. Bessone, XIII, 3, Torino, 1999, 200 che una ( ) idea della parità di trattamento quale quella per cui sussisterebbe il dovere indiscriminato dei privati di trattare con tutti, una volta che si decidano a farlo, e di offrire a tutti le stesse condizioni ( ) escluderebbe il presupposto stesso del problema, poiché negherebbe alla radice uno dei suoi termini: la libertà di scegliersi la controparte e di contribuire alla formazione delle regole di un contratto senza doversi preoccupare di trattare allo stesso modo i possibili aspiranti al contratto. Per prevenire in via interpretativa l antinomia (in concreto), i primi commentatori delle leggi antidiscriminatorie hanno incentrato l indagine esegetica sui rimedi ed hanno escluso che il divieto del rifiuto discriminatorio di contrattare equivalga ad un obbligo di contrattare ed attribuisca pertanto alla controparte contrattuale il rimedio della condanna alla conclusione del contratto o della pronuncia di una sentenza sostitutiva degli effetti del contratto. G. SCARSELLI, Appunti sulla discriminazione razziale e la sua tutela giurisdizionale, in Riv.dir.civ., 2001, I, 832 nota 40 afferma che ai sensi dell art. 44 d.lgs. 286/98 il giudice può pronunciare un ordinanza che produca gli effetti del contratto non concluso, ma soltanto se sussista un preesistente obbligo di contrattare (la specialità della tutela risiederebbe nella pronuncia di un ordinanza in un giudizio d urgenza, invece che di una Daniele Maffeis per maggio 2008

8 Si apre così una importante stagione del contratto, al servizio della libertà e della tolleranza, in particolare religiosa. L attribuzione, ad opera del contraente, di rilevanza ad un connotato durevole della controparte contrattuale, qual è la religione, è idonea, per limitarsi al singolo, a lederne un diritto della personalità 26, mentre, sul piano collettivo, crea odiosi fenomeni di intolleranza. Beninteso: le leggi antidiscriminatorie contengono l esplicito riconoscimento che Ogni persona gode della libertà contrattuale, inclusa la libertà di scegliere un contraente per una transazione e che La persona che fornisce beni o servizi può avere vari motivi soggettivi per la scelta del contraente 27. Ma il principio subisce una limitazione nel caso in cui il contraente metta beni o servizi a disposizione del pubblico, come accade in una società di massa per i più diffusi scambi di mercato 28. In questo caso, è fatto divieto al contraente di rifiutare l accesso a beni e servizi e sentenza all esito di un giudizio ordinario). M. MANTELLO, La tutela civile contro le discriminazioni, in Riv.dir.civ., 2004, I, 452 afferma che in un sistema come quello vigente, un privato non può essere costretto in via giudiziale a locare o ad alienare a terzi quando non abbia assunto un obbligo in tal senso (arg. ex art c.c.). Secondo M. BARCELLONA, Sulla giustizia sociale nel diritto europeo dei contratti, in Eur.dir.priv., 2005, 647 sarebbero oggi abbastanza improbabili ( ) rimedi correttivi ( ) del tipo dell obbligo a contrarre (ad es., per le prassi contrattuali discriminatorie). 26 Si tratta di un diritto fondamentale della persona, fisica o giuridica: C.M. BIANCA, Il contratto, Milano, 2000, 32. Il diritto trova la sua originaria previsione in fonti sopranazionali ed ha un fondamento costituzionale, in particolare come svolgimento della personalità in ambito economico. R. SACCO, in R. Sacco G. De Nova, Il contratto, I, Torino, 2004, 420, nt. 4: La volontà è manifestazione della personalità. C.M. BIANCA, Il contratto, Milano, 2000, 32: L autonomia privata rappresenta ancora un aspetto ineliminabile della libertà della persona, e cioè la libertà negoziale. G. ALPA, Libertà contrattuale e tutela costituzionale, in Riv.crit.dir.priv., 1995, 39: La libertà contrattuale è ( ) strumento di svolgimento della personalità individuale. Anche secondo P. MOROZZO DELLA ROCCA, Gli atti discriminatori nel diritto civile alla luce degli artt. 43, 44 del T.U. sull immigrazione, in Dir.fam.pers., 2002, 116 s. l art. 2 della Costituzione ( ) sicuramente mira a garantire la posizione di colui che, cittadino o straniero, si trovi ad esser in posizione di utente o di contraente nell ambito di iniziative economiche sia pubbliche che private. Così anche P. BONETTI, Prime note sulla tutela costituzionale contro il razzismo e la xenofobia, in Riv.trim.dir.pubbl., 1994, 65 ss. Appare incerta la posizione di E. PELLECCHIA, Scelte contrattuali e informazioni personali, Torino, 2005, 118 la quale ritiene che il riferimento a diritti umani e libertà fondamentali non possa essere considerato senz altro applicabile alla libertà contrattuale (del soggetto passivo della discriminazione) bensì si limiti ad esplicita(re) il riferimento assiologico rispetto al quale valutare se vi sia stato o meno un abuso della libertà contrattuale (da parte del soggetto attivo della discriminazione). A conferma che la discriminazione costituisce un atto illecito perché lesivo, oltre che di interessi patrimoniali, anche di interessi non patrimoniali, quali sono quelli connessi alla personalità, troviamo nelle leggi antidiscriminatorie la previsione testuale della risarcibilità del danno (anche) non patrimoniale, pacificamente identificabile anche nel caso di lesioni arrecate a persone giuridiche o comunque a soggetti collettivi. 27 Considerando n. 14 della Direttiva 2004/113/CE. 28 Le leggi antidiscriminatorie non si applicano in forza di una previsione testuale sia del d.lgs. 286/1998 sia della Direttiva 2000/43/CE al contratto individualizzato, e così né alla fase che precede né a quella che segue la conclusione di un contratto concluso a fronte di una proposta, di un invito ad offrire o di qualsiasi invito a manifestare un interesse individualizzati. Nello stesso senso F. STORK, Comments on the Draft of the New German Private Law Anti-Discrimination Act: Implementing Directives 2000/43/EC and 2004/113/EC in German Private Law, in German Law Journal, vo. 6 n. 2, 2005, 539. In Italia il d.lgs. 286/1998 prevede testualmente che la discriminazione riguarda l accesso a beni e servizi soltanto quando essi sono offerti al pubblico (art. 43, comma 1, lett. b) del d.lgs. 286/1998). Quanto al d.lgs. 215/2003, esso non contiene la stessa restrizione dell ambito di applicazione, ma si tratta di un errore di traduzione della Direttiva, il cui testo è Daniele Maffeis per maggio 2008

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile Capitolo I nel diritto civile SOMMARIO: 1. Il recesso dal contratto: i termini della questione. 2. Il principio della temporaneità dei vincoli contrattuali e la questione del recesso dal contratto. 3.

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Foglio per gli studenti Domande

Foglio per gli studenti Domande Domande Rispondi Sì o No a ciascuna delle seguenti domande (Rispondi con sincerità. Questo questionario è visto solo da te!): Domande: 1. Hai mai sentito una barzelletta che prendeva in giro una persona

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ. Il diverso che provoca il pregiudizio: come evitarlo per facilitare l integrazione

INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ. Il diverso che provoca il pregiudizio: come evitarlo per facilitare l integrazione Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro di Cittadella Il manifesto degli studenti sul dialogo interculturale: scriviamolo insieme! INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ Il diverso che provoca il pregiudizio:

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Dalla dicotomia Lavoro Autonomo Lavoro Subordinato alla nascita del Tertium Genus, la parasubordinazione

Dalla dicotomia Lavoro Autonomo Lavoro Subordinato alla nascita del Tertium Genus, la parasubordinazione IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA NELLA MODALITA A PROGETTO DOPO LA LEGGE 28/06/2012 N 92; ASPETTI OPERATIVI ALLA LUCE DELLA CIRC. N 29/2012 a cura del Dr. Enrico Gallo funzionario

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

INDICE. 8. Piano dell opera... 48

INDICE. 8. Piano dell opera... 48 INDICE INTRODUZIONE DELIMITAZIONE DELL OGGETTO DELLA RICERCA 1. Delimitazione del campo di osservazione e criteri selettivi delle fattispecie analizzate: premessa... 1 2. Legalità, singolarità e qualificazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli