La discriminazione religiosa nel contratto *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La discriminazione religiosa nel contratto *"

Transcript

1 La discriminazione religiosa nel contratto * Daniele Maffeis Sommario: 1. La religione come qualità personale rilevante in materia contrattuale e la discriminazione. 2. La religione nelle recenti leggi antidiscriminatorie. 3. La nascita del diritto contrattuale antidiscriminatorio. 4. Il significato del divieto di discriminazione e l inesistenza di un divieto di disparità di trattamento. 5. Caratteri generali delle leggi antidiscriminatorie. 6. Qualificazione civilistica dell atto discriminatorio. 7. Fattispecie rilevanti di discriminazione nelle offerte al pubblico e negli inviti ad offrire. 8. Fattispecie rilevanti di discriminazione nell esecuzione del contratto. 9. L adesione a contratti associativi. 10. Il sistema dei rimedi. 11. Conclusioni: effettività e giustificazione politica di un nuovo limite all autonomia contrattuale. 1. La religione come qualità personale rilevante in materia contrattuale e la discriminazione. Voci autorevoli in dottrina ammoniscono che al contraente dovrebbe essere vietato di porre in essere discriminazioni fondate sulla razza, l etnia, la nazionalità o la religione; particolare attenzione è stata dedicata al divieto di una discriminazione fondata su motivi religiosi ed ai limiti che ne deriverebbero all esercizio dell autonomia privata 1. Naturalmente il divieto di discriminazione concerne anche la discriminazione c.d. multipla in quanto fondata inscindibilmente su più fattori caratterizzanti la irriducibile specificità della personalità del singolo 2 : e ciò aumenta significativamente la rilevanza della componente religiosa della discriminazione. La rilevanza della discriminazione nel contratto richiede chiarimenti preliminari su profili dell autonomia sovente trascurati nel discorso dei civilisti, eppure centrali nell ottica dell autonomia come strumento di manifestazione della personalità. * Il presente scritto è apparso nella rivista Il diritto ecclesiastico, 2006, 1/2, pp G. CASUSCELLI, voce Uguaglianza e fattore religioso, in Digesto IV disc.pubbl., vol. XV, Torino, 1999, In tema S. FREDMAN, Double Trouble: multiple discrimination in EU law, in European Anti- Discrimination Law Review, Brussels, 2005, 2, 13 ss. Daniele Maffeis per maggio 2008

2 Si tratta di un capitolo tra i più delicati ed attuali 3 del più ampio fenomeno del riconoscimento dell efficacia diretta dei diritti fondamentali nei rapporti tra privati che in materia contrattuale 4 costituisce la più rilevante cifra della legislazione comunitaria c.d. costituzionale, quale si rinviene nella carta di Nizza 5. Il divieto di discriminazione colpisce un fenomeno, attualissimo 6 ma da sempre radicato nella natura umana 7, che occorre circoscrivere. La discriminazione consiste nel trattamento della controparte contrattuale diverso e peggiore rispetto al trattamento che alla stessa controparte contrattuale sarebbe stato riservato se il consenso del contraente non fosse stato determinato, in via esclusiva, da una qualità personale. Ad es., la discriminazione dell induista rileva come trattamento peggiore rispetto al trattamento che sarebbe stato riservato alla stessa persona se la fede induista non fosse risultata determinante del consenso del contraente. La condotta discriminatoria può spiegarsi, alternativamente, con tre diversi modi di influenza, sulla psiche del contraente, delle qualità della controparte, in relazione all ambiente circostante, riconducibili ad un preconcetto del contraente o del quale egli si fa comunque portatore in ragione della diffusione del medesimo nell ambiente nel quale agisce. Il preconcetto consiste nel far derivare da una qualità reale della controparte, ad es. la nazionalità, una qualità ipotetica, ad es. il carattere sgradevole, le cattive abitudini, la scarsa affidabilità, la propensione ad arrecare molestie, l insolvenza e così via. Si assiste così ad una formazione della volontà esclusivamente basata su un fatto storico non conosciuto. Questo fatto storico la qualità personale ipotetica della controparte potrà poi sussistere (quello 3 Osserva B. TROISI, Profili civilistici del divieto di discriminazione, ne Il diritto civile oggi. Compiti scientifici e didattici del civilista. Atti del I convegno nazionale della Società Italiana degli Studiosi del Diritto Civile (S.I.S.Di.C.), Napoli, 2006, 296 che grande importanza in ambito comunitario viene oggi attribuita al divieto di discriminazione come conferma ( ) l art. 21 della Carta dei diritti fondamentali. 4 Così a proposito del divieto di discriminazione G. ALPA, I diritti fondamentali e la loro efficacia diretta, in Rass.for., 2005, 768, La carta di Nizza costituisce la Parte III della c.d. Costituzione Europea (art. 81). 6 Tema oggi dominante e di drammatico rilievo è definito da P. SCHLESINGER, Mercati, diritto privato, valori, in Riv.dir.civ., 2004, II, 330 quello del conflitto tra ipotesi di larga accoglienza per gli immigrati extracomunitari ( ) ed i timori che questi fenomeni suscitano nella popolazione per il rischio di impatti pericolosi sulla conservazione pacifica dei tratti tipici della nostra cultura e delle nostre abitudini di vita. 7 M. BUSSANI, La diversità, il diritto e il discorso pubblico, in G. Alpa V. Roppo, Il diritto privato nella società moderna. Seminario in onore di Stefano Rodotà, Napoli, 2005, 207 sottolinea che solo il 10% degli Stati poss(o)no n dirsi etnicamente omogenei ed il numero di etnie 4000 (è) largamente superiore ai circa 200 Stati membri delle Nazioni Unite. Osserva incisivamente R. CANESTRARI, Decisione giudiziaria e verità scientifica. Quaderni della Rivista trimestrale di Diritto e Procedura Civile, Milano, 2005, 44 che la propria esperienza port(a) alla generalizzazione tipo massima di esperienza e con un azione del pregiudizio ( ) una simpatia per il gruppo di appartenenza determina una antipatia per il gruppo esterno, una autoesaltazione per il gruppo di appartenenza determina un eterodenigrazione per il gruppo esterno (i corsivi sono dell Autore). Daniele Maffeis per maggio 2008

3 svizzero è, effettivamente, una persona precisa in maniera maniacale e, quindi, poco elastica) oppure no (quell immigrato, in realtà, rispetta perfettamente i costumi diffusi fra i condomini della città di Milano). Se la qualità non sussiste, il contraente agisce in base ad una falsa raffigurazione della realtà, ma il suo rifiuto di contrattare o la scelta di contrattare a condizioni peggiori non sono viziati da errore, perché il processo psichico di influenza del preconcetto sulla determinazione volitiva è consapevole 8. (i) La condotta discriminatoria del contraente può spiegarsi con il preconcetto del singolo, al quale non corrisponda un preconcetto diffuso. Ad es., Tizio, a differenza dei concittadini, convinti cosmopoliti, odia tutte le persone con la pelle scura, perché è cresciuto fino a trentacinque anni in casa, con la madre, in un paese di provincia abitato soltanto da persone con la pelle bianca. (ii) Alternativamente, la condotta discriminatoria può spiegarsi con il preconcetto del singolo, al quale corrisponde un preconcetto diffuso e radicato. Ad es., la maggior parte degli abitanti della capitale odia gli abitanti della prima città industriale del paese e per questo nega loro determinati servizi. Gli abitanti della città odiano gli immigrati, unici colpevoli, secondo il sentimento collettivo, dei più efferati delitti. (iii) Ma la condotta discriminatoria può spiegarsi anche altrimenti. Essa può spiegarsi con il preconcetto diffuso e radicato, al quale il contraente è estraneo, ma che il contraente asseconda, al fine di non abbattere il valore del proprio minimercato. Così, Caio rispetta gli zingari, ma non li ammette nel locale, perché ciò allontanerebbe i clienti abituali; chi intende concedere in locazione i dieci appartamenti di cui consiste l edificio di sua proprietà vuole evitare di deprimere il valore delle altre unità concedendo in locazione un unità ad una persona che, per le tradizioni dell area geografica di provenienza, abitualmente non porta le scarpe e che per questo è prevedibile che sarebbe invisa agli altri potenziali conduttori. Interessano il divieto di discriminazione la seconda e la terza condotta, non la prima, che non impedisce al discriminato di procurarsi da altri il bene o il servizio che gli serve. Il codice civile disciplina l attribuzione di rilevanza alle qualità personali della controparte, laddove dispone che il contraente può chiedere l annullamento del contratto 8 Se si trattasse di errore, il contraente non potrebbe impugnare il suo rifiuto di contrattare ma potrebbe impugnare il contratto concluso a condizioni peggiori. Perché costituisce principio generale in materia di vizi del consenso che il carattere vantaggioso del contratto non impedisce al contraente di fare valere un vizio del consenso. Così R. SACCO, in R. Sacco G. De Nova, Il contratto, I, Torino, 2004, 360; G. D AMICO, Regole di validità e principio di correttezza nella formazione del contratto, Napoli, 1996, 34; P. GALLO, Buona fede oggettiva e trasformazioni del contratto, in Riv.dir.civ., 2002, I, 248. Contra F. LUCARELLI, Lesione d interesse e annullamento del contratto, Milano, 1964, 73; M. FRANZONI, Il recupero all efficacia del contratto invalido, ne L invalidità degli atti privati, Padova, 2001, 116. Daniele Maffeis per maggio 2008

4 quando è caduto in errore sulle qualità della persona dell altro contraente che siano state determinanti del consenso (art. 1429, n. 3 cod.civ.). In linea di fatto il contraente, al momento della conclusione del contratto, può attribuire rilievo determinante a tutte le condizioni della controparte, e così, oltre a connotati obiettivi e durevoli, anche a connotati contingenti, transeunti o casuali 9 ; ad es. il contraente può attribuire rilevanza al fatto che la controparte contrattuale, nella seduta della trattativa, sia sozza, villana, ubriaca, parli a voce alta o tenti di derubarlo 10. Ma dalla corretta interpretazione della previsione del codice civile la quale si riferisce alle qualità si ricava che è astrattamente idoneo a condurre all annullamento del contratto soltanto l errore che cada su un connotato personale durevole ed obiettivo non necessariamente immodificabile o immutabile della controparte 11. La soluzione è analoga a quella presente in Germania ed in Francia ed è invece diversa rispetto a quanto si riscontra tradizionalmente negli ordinamenti di common law, in cui è rilevante il solo errore sull identità della controparte e sono irrilevanti i mistakes relativi a meri attributes. una vecchia sentenza di merito dell inizio del secolo scorso che aveva attribuito rilevanza alla qualità personale della nobiltà, pronunciando l annullamento del contratto per errore, 9 L art cod.civ., ai fini del giudizio sulla rilevanza della violenza che sia stata determinante del consenso, si riferisce, oltre che all età ed al sesso che sono qualità della persona dell altro contraente alla condizione. La condizione si distingue dalla qualità, poiché è nozione più ampia, la quale ricomprende non solo le qualità, e così i connotati obbiettivi e durevoli, bensì anche i connotati del momento in cui il contraente subisce la violenza (momentanei, o durevoli). Dal che discende che sono rilevanti ai fini del giudizio sulla rilevanza della violenza anche connotati obbiettivi e durevoli diversi dall età e dal sesso. V. PIETROBON, voce Errore (diritto civile), in Enc.giur. Treccani, s.d. ma Roma, 1989, 9 definisce la qualità della persona dell altro contraente come ogni connotato obiettivo, durevole, di essa. Secondo R. SACCO, in R. Sacco G. De Nova, Il contratto, I, Torino, 2004, 579 il riferimento alla condizione delle persone consente al giudice di tenere conto di ogni e qualsiasi circostanza di fatto idonea a rendere più grave un male, o più impressionante una minaccia, nei confronti di una determinata vittima. Adde, contro le letture ingiustificatamente restrittive della nozione di condizione della persona, G. D AMICO, voce Violenza in generale (diritto privato), in Enc.dir., s.d. ma Milano, 1993, 868. In tema anche F. ADDIS, La sospensione dell esecuzione: dalla vendita con dilazione di pagamento alla Unsicherheitseinrede, ne Le riviste ipertestuali, Obbligazioni e contratti, estratto gennaio 2006, 12 al richiamo della nota Fra i connotati non durevoli rientra anche la scorrettezza contrattuale (manifestata nella trattativa o in occasione di un contratto precedente o concluso con altri). 11 La nozione di fattore di discriminazione si traduce, nel diritto contrattuale antidiscriminatorio, in quella di rilevante qualità personale della controparte. Così anche B. TROISI, Profili civilistici del divieto di discriminazione, ne Il diritto civile oggi. Compiti scientifici e didattici del civilista. Atti del I convegno nazionale della Società Italiana degli Studiosi del Diritto Civile (S.I.S.Di.C.), Napoli, 2006, 297. V. PIETROBON, Errore, volontà e affidamento nel negozio giuridico, Padova, 1990, 444; Id., voce Errore (diritto civile), in Enc.giur. Treccani, s.d. ma Roma, 1989, 9 definisce la qualità della persona dell altro contraente come ogni connotato obiettivo, durevole, di essa. Accoglie la terminologia anche C. ROSSELLO, L errore nel contratto, in Codice civile. Commentario fondato da Piero Schlesinger e diretto da Francesco Donato Busnelli, Milano, 2004, 135 il quale si riferisce alle qualità personali rilevanti come tutti i connotati (obiettivi e durevoli) che nel linguaggio comune possono essere considerati come qualità della persona. Cfr., per il riferimento alle qualità personali già nella dottrina comunitaria tedesca della parità di trattamento, P. RESCIGNO, Il principio di eguaglianza nel diritto privato, già pubblicato in Riv.trim.dir.proc.civ., 1959, 1515 ss., ora in P. Rescigno, Per una biblioteca di diritto privato (la seconda metà del novecento), Napoli, 2004, 28. Daniele Maffeis per maggio 2008

5 consistente nella convinzione dell alienante, rivelatasi falsa, che l acquirente fosse di nobile casato 12. Nel nostro ordinamento inoltre opera un principio generale ai sensi del quale il contraente può rifiutare di contrattare se la controparte presenta qualità che espongono a pericolo il contraente o i suoi beni 13. Per quanto concerne invece la fase dell esecuzione, il principio opera nel caso in cui il pericolo reso evidente dalle qualità manifestate dalla controparte sia evidente 14 in forza dell applicazione analogica della regola prevista dall art cod.civ., la quale senza ragione limita il potere di autotutela del contraente alla modificazione delle sole condizioni patrimoniali 15. Le qualità personali della controparte, naturali o giuridiche, alle quali il contraente può attribuire rilevanza sono infinite 16 : un catalogo non potrebbe mai essere esaustivo 17. La rilevanza del fenomeno è amplificata dalla diffusione di forme di identità sempre nuove 18, spesso favorita dal progresso tecnico 19. La moltiplicazione delle forme di identità 12 App. Milano, 18 marzo 1927, in Mon.trib., 1927, Così, il contraente può rifiutare l accesso al ristorante ad un noto avvelenatore di cibi. Osserva M. FRAGALI, Dei contratti in generale, in Commentario del codice civile diretto da M. D Amelio e E. Finzi, Libro delle obbligazioni, I, Firenze, 1948, 356 che l offerta al pubblico esclude tutti coloro che potrebbero recare agli altri destinatari dell offerta molestia, ribrezzo o pericolo. 14 Il pericolo, ovviamente, deve essere reale, non abitare solo nell immaginazione del contraente: Cass., 3 dicembre 1993, n , in Foro it., Rep. 1993, voce Contratto in genere, n Condivisibilmente interpreta estensivamente l espressione condizioni patrimoniali V. ROPPO, Il contratto, Milano, 2001, A. GALASSO, Errore sulla persona, personalità della prestazione e intuitus personae, in Riv.trim.dir.proc.civ., 1973, Osserva A. GALASSO, Errore sulla persona, personalità della prestazione e intuitus personae, in Riv.trim.dir.proc.civ., 1973, 1347 come sia decisamente faticosa la rassegna dei possibili rilevanti attributi personali che è stata tentata in Francia da F. VALLEUR, L intuitus personae dans les contrats, Paris, 1938, 100 ss. R. SACCO, in R. Sacco G. De Nova, Il contratto, II, Torino, 2004, 102 si chiede se sia lecito discriminare secondo la professione, il livello di cultura, l età, la foggia dell abito, le simpatie politiche, le preferenze confessate in materia di sport e di spettacoli. G. STOLFI, Persona umana e norma civile, in Riv.dir.civ., 1974, I, 507 menziona censo, sesso, religione, razza, mestiere, professione. D.U. SANTOSUOSSO, Il principio di libera trasferibilità delle azioni, Milano, 1993, 289 nt. 184 dubita che sia lecito discriminare secondo il colore degli occhi. Una considerazione analoga a quella formulata nel testo è espressa da B. NASCIMBENE, Il trattamento dello straniero nel diritto internazionale ed europeo, Milano, 1984, 148 il quale scrive che L elenco delle cause di discriminazione ( ) non può avere che un valore meramente esemplificativo. Nella Decisione del Consiglio del 27 novembre 2000 che istituisce un programma d'azione comunitario per combattere le discriminazioni ( ) si legge che Le diverse forme di discriminazione non sono classificabili per ordine di importanza, essendo tutte egualmente intollerabili e che le discriminazioni fondate su motivi diversi possono avere caratteristiche simili e possono essere combattute in modi simili. L'esperienza acquisita in numerosi anni di lotta ad alcuni tipi di discriminazione, inclusa quella fondata sul sesso, può essere utilizzata per combattere altri tipi di discriminazione. Occorre, tuttavia, tener conto delle caratteristiche specifiche delle varie forme di discriminazione (il corsivo è mio). 18 Sulla nuove forme di identità che caratterizzano il mondo globalizzato, con riferimento ai principi della Costituzione quali quelli di cui all art. 29, D. MESSINETTI, Diritti della famiglia e identità della persona, in Riv.dir.civ., 2005, 142 s. Daniele Maffeis per maggio 2008

6 rende formidabilmente più numerose le occasioni in cui l altra persona può essere percepita come diversa e, pertanto, come controparte contrattuale sgradita. Vi possono essere qualità personali non scelte 20, quali sono le caratteristiche genetiche, la famiglia di provenienza, lo status di figlio legittimo, naturale o incestuoso, la nobiltà o un quarto di essa, la lingua, il sesso (che può essere modificato). Per converso vi possono essere qualità oggetto di una scelta, rilevanti proprio in quanto oggetto di una scelta e tra le quali non è possibile una graduatoria fondata sulla meritevolezza delle preferenze dei singoli 21. È questo il caso della religione 22. Talune fra le qualità scelte o non scelte possono dipendere da fatti che appartengono al passato ed hanno segnato l identità della persona. Così l essere evaso da un carcere; l avere riportato una condanna in sede penale; l avere commesso delitti; l avere ripudiato la moglie; l avere praticato su una o più donne l infibulazione; l avere sfruttato il lavoro minorile 23. Un rilievo centrale assumono i caratteri della persona che si presentano legati ad altre qualità secondo un giudizio di normalità. Così, l attribuzione di rilevanza esclusiva e determinante a qualità come il colore della pelle, la cittadinanza o la pronuncia della lingua italiana coincide normalmente con l attribuzione di rilevanza ad altre qualità, quali la religione, o l etnia alle quali normalmente quei caratteri si accompagnano. 19 Le nuove forme di identità si pensi al cambiamento di sesso o alla fecondazione eterologa rappresentano spesso una mera conseguenza materiale del progresso tecnico, che la norma giuridica non controlla, ma al quale si adegua: sul punto N. IRTI E. SEVERINO, Le domande del giurista e le risposte del filosofo (un dialogo su diritto e tecnica), in Contr.impr., 2000, 665 ss., in part Si potrà osservare che il riconoscimento di una nuova forma di identità è un gioco a somma zero. Ma dovrà obbiettarsi nella prospettiva che sola interessa il presente studio che il riconoscimento di una nuova forma di identità non è un gioco a somma zero perché limita la libertà del consociato di rifiutare, insindacabilmente, di contrattare o di contrattare a condizioni peggiori. 20 Sulla distinzione tra qualità scelte e non scelte l opera di riferimento, com è noto, è rappresentata da A.K. SEN, Inequality Reexamined, Oxford, 1992 ora La disuguaglianza. Un riesame critico, Bologna, P. SCHLESINGER, Mercati, diritto privato, valori, in Riv.dir.civ., 2004, II, 329 richiama l antica disputa se ai valori vada attribuita una rilevanza oggettiva, indifferente alle preferenze individuali, ovvero una rilevanza soggettiva, condizionata dalle scelte e dalla educazione dei singoli. 22 J. LOCKE, Lettera sulla tolleranza, in Scritti sulla tolleranza, Torino, 2005, 131 scrive che la chiesa è una società libera e volontaria. Nessuno nasce membro di una chiesa. Altrimenti ciascuno erediterebbe, insieme alle terre, la religione dei padri e degli antenati, e ciascuno sarebbe debitore della fede ai suoi natali: che è la cosa più assurda che si possa immaginare. Ma si pensi anche alle opinioni politiche, alle motivazioni ispirate da convinzioni etiche, alle scelte in senso lato economiche, alla professione o all attività di impresa o al mestiere esercitati (il professore di diritto, il pilota, la puericultrice), all abituale abbigliamento, alle preferenze in ambito sportivo, letterario, alimentare, alla qualità rivelatrice della condivisione di un particolare scopo ideale di membro di un associazione o di altre organizzazione intermedie. Un catalogo (dichiaratamente non esaustivo) in M. BUSSANI, La diversità, il diritto e il discorso pubblico, in G. Alpa V. Roppo, Il diritto privato nella società moderna. Seminario in onore di Stefano Rodotà, Napoli, 2005, Si noti che appare indifferente che la persona evasa sia un eroe (l evaso dal carcere durante una dittatura) o un delinquente impenitente (colui che è evaso dalle patrie galere ove era rinchiuso per essere stato condannato per gravi delitti). Daniele Maffeis per maggio 2008

7 2. La religione nelle recenti leggi antidiscriminatorie L attribuzione di rilevanza alle qualità personali può porre un problema di discriminazione. Le leggi antidiscriminatorie, di recente introduzione nel nostro ordinamento 24, dettano un limite testuale alla libertà del contraente che si rivolga al pubblico, sia per quanto attiene al momento della trattativa e della conclusione che per quanto riguarda l esecuzione del contratto Le regole contro la discriminazione razziale, etnica, nazionale, religiosa arricchiscono, con misure di integrazione sociale, la disciplina giuridica del mercato, già caratterizzata dalle regole della concorrenza, dell informazione, della protezione dei consumatori. P. BARCELLONA, Il contratto e l economia globale, in Contratto e lavoro subordinato. Presentazione degli scritti in onore di Renato Scognamiglio, Padova, 2000, 33 ss. evidenzia che l economia globale fa emergere un tendenziale avvicinamento tra la funzione dell autonomia contrattuale e la funzione della disciplina della concorrenza e da P. SCHLESINGER, Mercati, diritto privato, valori, in Riv.dir.civ., 2004, II, 327 il quale condivisibilmente aderisce alla tesi nettamente prevalente che assegna al mercato la natura di locus artificialis necessariamente conformato dal complesso di regole che in ciascun ordinamento vengono dettate per la sua organizzazione e per delinearne i limiti di liceità (la tesi è manifestata da N. IRTI, Persona e mercato, in Riv.dir.civ., 1995, I, 290). In tema anche gli insegnamenti di P. PERLINGIERI, Nuovi profili del contratto, in Riv.crit.dir.priv., 2001, 225 ss.; R. SACCO, in R. Sacco G. De Nova, Il contratto, I, Torino, 2004, 18 ss.; U. MATTEI, Il nuovo diritto europeo dei contratti, tra efficienza ed uguaglianza. Regole dispositive, inderogabili e coercitive, in Riv.crit.dir.priv., 1999, 611 ss. Osserva F. CRISCUOLO, Diritto dei contratti e sensibilità dell interprete, Napoli, 2003, 122 che si impone la necessità di disciplinare fenomeni un tempo non così rilevanti socialmente e ciò accade con limitazioni esplicite all autonomia contrattuale (riconducibili) alle disposizioni di matrice comunitaria e che le disposizioni di matrice comunitaria vanno ad arricchire il nostro ordinamento interno, in quanto esse si nutrono dei valori che appartengono al rango più alto delle nostre fonti di produzione. Sembra insomma che le limitazioni esplicite alla libertà contrattuale, che i più riconducono alle disposizioni di matrice comunitaria, siano semplicemente il segno della necessità di disciplinare fenomeni un tempo non così rilevanti socialmente. Adde G. GUIZZI, Mercato concorrenziale e teoria del contratto, in Riv.dir.comm., 1999, I, 67 ss. 25 Evocano un limite interno all autonomia privata P. MOROZZO DELLA ROCCA P. COGNINI, Immigrazione: profili normativi e orientamenti giurisprudenziali, Torino, 2005, 252. Il carattere testuale del limite alla libertà contrattuale non richiede di evocare la categoria dottrinale dell abuso dell autonomia contrattuale ; cfr. R. SACCO, L abuso del diritto, in G. Alpa M. Graziadei A. Guarneri U. Mattei P.G. Monateri R. Sacco, Il diritto soggettivo, in Trattato di diritto civile diretto da R. Sacco, Torino, 2001, 318 s. Alla distinzione tra diritto e singoli atti di esercizio sono dedicate le pagine di R. SACCO, L abuso del diritto, in G. Alpa M. Graziadei A. Guarneri U. Mattei P.G. Monateri R. Sacco, Il diritto soggettivo, in Trattato di diritto civile diretto da R. Sacco, Torino, 2001, 281 ss. Id., Il fatto, l atto, il negozio, Torino, 2005, 134 ss. Cfr. già S. PUGLIATTI, voce Esercizio del diritto, ora nel volume Responsabilità civile, Milano, 1968, II, 151 ss. Afferma condivisibilmente U. BRECCIA, ne Il contratto in generale, in Trattato di diritto privato diretto da M. Bessone, XIII, 3, Torino, 1999, 200 che una ( ) idea della parità di trattamento quale quella per cui sussisterebbe il dovere indiscriminato dei privati di trattare con tutti, una volta che si decidano a farlo, e di offrire a tutti le stesse condizioni ( ) escluderebbe il presupposto stesso del problema, poiché negherebbe alla radice uno dei suoi termini: la libertà di scegliersi la controparte e di contribuire alla formazione delle regole di un contratto senza doversi preoccupare di trattare allo stesso modo i possibili aspiranti al contratto. Per prevenire in via interpretativa l antinomia (in concreto), i primi commentatori delle leggi antidiscriminatorie hanno incentrato l indagine esegetica sui rimedi ed hanno escluso che il divieto del rifiuto discriminatorio di contrattare equivalga ad un obbligo di contrattare ed attribuisca pertanto alla controparte contrattuale il rimedio della condanna alla conclusione del contratto o della pronuncia di una sentenza sostitutiva degli effetti del contratto. G. SCARSELLI, Appunti sulla discriminazione razziale e la sua tutela giurisdizionale, in Riv.dir.civ., 2001, I, 832 nota 40 afferma che ai sensi dell art. 44 d.lgs. 286/98 il giudice può pronunciare un ordinanza che produca gli effetti del contratto non concluso, ma soltanto se sussista un preesistente obbligo di contrattare (la specialità della tutela risiederebbe nella pronuncia di un ordinanza in un giudizio d urgenza, invece che di una Daniele Maffeis per maggio 2008

8 Si apre così una importante stagione del contratto, al servizio della libertà e della tolleranza, in particolare religiosa. L attribuzione, ad opera del contraente, di rilevanza ad un connotato durevole della controparte contrattuale, qual è la religione, è idonea, per limitarsi al singolo, a lederne un diritto della personalità 26, mentre, sul piano collettivo, crea odiosi fenomeni di intolleranza. Beninteso: le leggi antidiscriminatorie contengono l esplicito riconoscimento che Ogni persona gode della libertà contrattuale, inclusa la libertà di scegliere un contraente per una transazione e che La persona che fornisce beni o servizi può avere vari motivi soggettivi per la scelta del contraente 27. Ma il principio subisce una limitazione nel caso in cui il contraente metta beni o servizi a disposizione del pubblico, come accade in una società di massa per i più diffusi scambi di mercato 28. In questo caso, è fatto divieto al contraente di rifiutare l accesso a beni e servizi e sentenza all esito di un giudizio ordinario). M. MANTELLO, La tutela civile contro le discriminazioni, in Riv.dir.civ., 2004, I, 452 afferma che in un sistema come quello vigente, un privato non può essere costretto in via giudiziale a locare o ad alienare a terzi quando non abbia assunto un obbligo in tal senso (arg. ex art c.c.). Secondo M. BARCELLONA, Sulla giustizia sociale nel diritto europeo dei contratti, in Eur.dir.priv., 2005, 647 sarebbero oggi abbastanza improbabili ( ) rimedi correttivi ( ) del tipo dell obbligo a contrarre (ad es., per le prassi contrattuali discriminatorie). 26 Si tratta di un diritto fondamentale della persona, fisica o giuridica: C.M. BIANCA, Il contratto, Milano, 2000, 32. Il diritto trova la sua originaria previsione in fonti sopranazionali ed ha un fondamento costituzionale, in particolare come svolgimento della personalità in ambito economico. R. SACCO, in R. Sacco G. De Nova, Il contratto, I, Torino, 2004, 420, nt. 4: La volontà è manifestazione della personalità. C.M. BIANCA, Il contratto, Milano, 2000, 32: L autonomia privata rappresenta ancora un aspetto ineliminabile della libertà della persona, e cioè la libertà negoziale. G. ALPA, Libertà contrattuale e tutela costituzionale, in Riv.crit.dir.priv., 1995, 39: La libertà contrattuale è ( ) strumento di svolgimento della personalità individuale. Anche secondo P. MOROZZO DELLA ROCCA, Gli atti discriminatori nel diritto civile alla luce degli artt. 43, 44 del T.U. sull immigrazione, in Dir.fam.pers., 2002, 116 s. l art. 2 della Costituzione ( ) sicuramente mira a garantire la posizione di colui che, cittadino o straniero, si trovi ad esser in posizione di utente o di contraente nell ambito di iniziative economiche sia pubbliche che private. Così anche P. BONETTI, Prime note sulla tutela costituzionale contro il razzismo e la xenofobia, in Riv.trim.dir.pubbl., 1994, 65 ss. Appare incerta la posizione di E. PELLECCHIA, Scelte contrattuali e informazioni personali, Torino, 2005, 118 la quale ritiene che il riferimento a diritti umani e libertà fondamentali non possa essere considerato senz altro applicabile alla libertà contrattuale (del soggetto passivo della discriminazione) bensì si limiti ad esplicita(re) il riferimento assiologico rispetto al quale valutare se vi sia stato o meno un abuso della libertà contrattuale (da parte del soggetto attivo della discriminazione). A conferma che la discriminazione costituisce un atto illecito perché lesivo, oltre che di interessi patrimoniali, anche di interessi non patrimoniali, quali sono quelli connessi alla personalità, troviamo nelle leggi antidiscriminatorie la previsione testuale della risarcibilità del danno (anche) non patrimoniale, pacificamente identificabile anche nel caso di lesioni arrecate a persone giuridiche o comunque a soggetti collettivi. 27 Considerando n. 14 della Direttiva 2004/113/CE. 28 Le leggi antidiscriminatorie non si applicano in forza di una previsione testuale sia del d.lgs. 286/1998 sia della Direttiva 2000/43/CE al contratto individualizzato, e così né alla fase che precede né a quella che segue la conclusione di un contratto concluso a fronte di una proposta, di un invito ad offrire o di qualsiasi invito a manifestare un interesse individualizzati. Nello stesso senso F. STORK, Comments on the Draft of the New German Private Law Anti-Discrimination Act: Implementing Directives 2000/43/EC and 2004/113/EC in German Private Law, in German Law Journal, vo. 6 n. 2, 2005, 539. In Italia il d.lgs. 286/1998 prevede testualmente che la discriminazione riguarda l accesso a beni e servizi soltanto quando essi sono offerti al pubblico (art. 43, comma 1, lett. b) del d.lgs. 286/1998). Quanto al d.lgs. 215/2003, esso non contiene la stessa restrizione dell ambito di applicazione, ma si tratta di un errore di traduzione della Direttiva, il cui testo è Daniele Maffeis per maggio 2008

LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE

LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE Padova, marzo 2013 Avv. Alberto Guariso www.studiodirittielavoro.it Qualche premessa: Parliamo della discriminazione non in senso di stigma sociale, ma di

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA. Sezione I Il matrimonio civile. Origini e principi pag.

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA. Sezione I Il matrimonio civile. Origini e principi pag. INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA Il matrimonio civile. Origini e principi pag. 1. Il matrimonio come fondamento della famiglia. Evoluzione storica, disciplina costituzionale e principi

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Il diritto antidiscriminatorio

Il diritto antidiscriminatorio Il diritto antidiscriminatorio Cuneo, 17 dicembre 2009 Prof. Avv. Alberto Gianola - Università di Torino Art. 3 Cost. Art. 20 Carta di Nizza Le fonti Artt. 1, 15 Statuto Lav. (L 300/1970) D.lgs. 215 del

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici:

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici: App. Firenze, 27 giugno 2008 Matrimonio tra omosessuali L istituto del matrimonio non costituisce una istituzione pre-giuridica ( come ad es. la famiglia) né un diritto fondamentale dell individuo, da

Dettagli

Diritto antidiscriminatorio

Diritto antidiscriminatorio Diritto antidiscriminatorio Catanzaro aprile 2013 avv. Alberto Guariso www.studiodirittielavoro.it Parte prima : come costruire l azione antidiscriminatoria L applicazione delle nozioni Come costruire

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA Perché si parla di libera circolazione dei lavoratori e delle persone? Sono due aspetti distinti? Al momento della sua nascita,

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Premessa Il Dipartimento per le pari opportunità ha tra le sue competenze

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni IMMIGRAZIONE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Campania Legge della Regione Campania 8 febbraio 2010, n. 6 recante Norme per l inclusione sociale, economica e culturale

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

Codice Etico Ducati. I rapporti di Ducati con le istituzioni pubbliche sono basati sulla trasparenza, la correttezza e la collaborazione.

Codice Etico Ducati. I rapporti di Ducati con le istituzioni pubbliche sono basati sulla trasparenza, la correttezza e la collaborazione. Codice Etico Ducati Premessa Ducati 1 è una realtà a vocazione internazionale che opera all insegna della costante ricerca del primato, nelle piste e nell innovazione tecnologica, così come nel rispetto

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Paola Degani Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli PARITÀ UOMO-DONNA NELL'UE IL CONTESTO

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

Il divieto di fecondazione eterologa e il problema delle antinomie tra diritto interno e Convenzione europea dei diritti dell uomo di M.

Il divieto di fecondazione eterologa e il problema delle antinomie tra diritto interno e Convenzione europea dei diritti dell uomo di M. INDICE-SOMMARIO DEL FASCICOLO 1 o (gennaio 2011) Parte prima - Sentenze commentate Cass. civ., III sez., 7.7.2010, n. 15986 [Comodato-Comodato precario-mancanza di un termine di efficacia del vinculum

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Introduzione a cura del Consiglio Direttivo Anacam all articolo redatto. dall Avvocato Alessandro Berliri per l incontro ANACI

Introduzione a cura del Consiglio Direttivo Anacam all articolo redatto. dall Avvocato Alessandro Berliri per l incontro ANACI Introduzione a cura del Consiglio Direttivo Anacam all articolo redatto dall Avvocato Alessandro Berliri per l incontro ANACI Forte Village 21-22 settembre 2007 ANACAM, la principale associazione di categoria

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 65/2009 Roma, 31 luglio 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA DIRITTO CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: STATO E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI VALUTARE FATTI E ORIENTARE I PROPRI COMPORTAMENTI IN BASE AD UN SISTEMA

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con riferimento alla negoziazione di una polizza unit linked, la Corte d Appello accerta la

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997 Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone

Dettagli

Corso universitario di aggiornamento professionale Università degli Studi di Roma Tor Vergata INPS Gestione dipendenti pubblici

Corso universitario di aggiornamento professionale Università degli Studi di Roma Tor Vergata INPS Gestione dipendenti pubblici Corso universitario di aggiornamento professionale Università degli Studi di Roma Tor Vergata INPS Gestione dipendenti pubblici Stalking e violenza di genere: strumenti di prevenzione della violenza contro

Dettagli

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI APPALTI RISERVATI INTRODUCE NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA LA FIGURA DEL LABORATORIO PROTETTO QUALE NUOVA FORMA DI IMPRESA SOCIALE Con l emanazione, in attuazione delle direttive

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

CODICE TRASPARENZA PARQUET GRUPPO PAVIMENTI DI LEGNO

CODICE TRASPARENZA PARQUET GRUPPO PAVIMENTI DI LEGNO CODICE TRASPARENZA PARQUET GRUPPO PAVIMENTI DI LEGNO Premessa Nella vigenza di leggi e di norme tecniche che fissano limiti al di sotto dei quali le caratteristiche qualitative e tecniche dei prodotti

Dettagli

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 MASTER ITALIA S.p.A. approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 PREMESSA Questo codice etico, redatto volontariamente da Master Italia S.p.A. e approvato dal suo consiglio di amministrazione,

Dettagli

L INIZIALE INDIFFERENZA COMUNITARIA NEI CONFRONTI DEI DIRITTI FONDAMENTALI.

L INIZIALE INDIFFERENZA COMUNITARIA NEI CONFRONTI DEI DIRITTI FONDAMENTALI. 1. LA TUTELA MULTILIVELLO DEI DIRITTI FONDAMENTALI (16.11.2011) - -ESISTONO DIVERSI SISTEMI GIURIDICI DIPROTEZIONE DEI DIRITTI FONDAMENTALI: - I DIRITTI FONDAMENTALI CONTEMPLATI DALLE COSTITUZIONI NAZIONALI,

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI CLAUDIA TROISI La complessa tematica dei diritti fondamentali dei minori è stata affrontata, con particolare completezza espositiva e rigore metodologico, da Pasquale Stanzione

Dettagli

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.2008 e successive modiche e integrazioni TRATTAMENTO DEI DATI NELLE ISTITUZIONI

Dettagli

L anomalia dell offerta

L anomalia dell offerta L anomalia dell offerta Avv. Daniela Anselmi 8 maggio 2007 La verifica in contraddittorio dell offerta: procedimento e voci oggetto di verifica. Esclusione automatica delle offerte anormalmente basse:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 225/E

RISOLUZIONE N. 225/E RISOLUZIONE N. 225/E Roma, 5 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 cessione di quote sociali - art. 11 Tariffa

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

Il diritto antidiscriminatorio tra norme internazionali, europee e nazionali. Chiara Favilli Torino 12 giugno 2014

Il diritto antidiscriminatorio tra norme internazionali, europee e nazionali. Chiara Favilli Torino 12 giugno 2014 Il diritto antidiscriminatorio tra norme internazionali, europee e nazionali Chiara Favilli Torino 12 giugno 2014 NORME INTERNAZIONALI Divieto nel godimento degli altri diritti sanciti Autonomo Obblighi

Dettagli

Il benessere nella pubblica amministrazione Verona, 9 febbraio 2006. Laura Calafà,, Associata di diritto del lavoro nell Universit

Il benessere nella pubblica amministrazione Verona, 9 febbraio 2006. Laura Calafà,, Associata di diritto del lavoro nell Universit Il benessere nella pubblica amministrazione Verona, 9 febbraio 2006 Dal genere al benessere: presentazione di un laboratorio di ricerca e didattica su benessere e prevenzione fenomeni complessi (discriminazioni,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

Venezia, 9 gennaio 2015

Venezia, 9 gennaio 2015 Venezia, 9 gennaio 2015 Spett.le Compagnia assicurativa Sua Sede Trasmissione a mezzo e-mail Indennità di cessazione del rapporto dell agente Ho esaminato la previsione contrattuale dell accordo che regola

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana. Diritti e doveri dei cittadini

Costituzione della Repubblica Italiana. Diritti e doveri dei cittadini Costituzione della Repubblica Italiana Diritti e doveri dei cittadini Art. 2 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario j TRIBUNALE CIVILE DI (luogo di domicilio/residenza del disabile) Ricorso ex articoli 3 e 4, comma 1, legge n. 67/2006 i PER Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, con sede legale

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI»

DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI» DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI» A cura dello studio legale Alberto Guariso Livio Neri Aggiornamento al 06.03.2015 A chi si applica il nuovo regime? 1) A tutti

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

Indice. 1 L incapacità non dichiarata ----------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1 L incapacità non dichiarata ----------------------------------------------------------------------------3 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE VII I SOGGETTI E IL DIRITTO DELLE PERSONE (PARTE II) PROF. DOMENICO RUGGIERO Indice 1 L incapacità non dichiarata ----------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40/26120 del 25/07/2013 Agli indirizzi in allegato OGGETTO: Applicazione delle agevolazioni contributive e assicurative riconoscibili

Dettagli

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport PREAMBOLO Le emittenti televisive e radiofoniche e i fornitori di contenuti firmatari o aderenti alle associazioni

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL.

LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL. LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL. ( OVVERO UGUAGLIANZA NELLA DISUGUAGLIANZA), LEGGE 124/99 - ART.8 TRASFERIMENTO DI PERSONALE SCOLASTICO A.T.A.

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI. di Avv. Luca Giacopuzzi 1

FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI. di Avv. Luca Giacopuzzi 1 FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI di Avv. Luca Giacopuzzi 1 I programmi di fidelizzazione a favore della clientela costituiscono, essenzialmente, un operazione

Dettagli

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013.

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 ----------------------------------------------- COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione

Dettagli

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare?

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? La realtà commerciale del settore dei beni di consumo tecnici e tecnologici è caratterizzata dalla commercializzazione

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini.

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Un mondo per giocare, correre e cantare, dove ho il sorriso di chi

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 5.14 IUS POENITENDI E TUTELA DELLA PRIVACY Con ius poenitendi si intende il diritto di cambiare confessione religiosa. Nel nostro ordinamento tale possibilità (implicitamente prevista dall art 19 Cost)

Dettagli

L arbitrato internazionale: perchè e come

L arbitrato internazionale: perchè e come 12 PROMOZIONE FIRENZE n.1, gennaio/giugno 2006 L arbitrato internazionale: perchè e come * Professore ordinario dell Università di Firenze; Avvocato Vincenzo Vigoriti * I - L arbitrato è l istituto che

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ON LINE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 I Servizi ed i Prodotti Finanziari On Line ---------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese La gestione della safety: l evoluzione del quadro normativo dott. Matteo Rossi Benevento, 26 febbraio 2008 La sicurezza sul lavoro: fra sicurezza sociale e obiettivo aziendale

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro PRINCIPIO N. 13 Le novità per il contratto di lavoro intermittente

Dettagli

1. Preambolo: obiettivo e campo d applicazione

1. Preambolo: obiettivo e campo d applicazione Codice di condotta 1. Preambolo: obiettivo e campo d applicazione In quanto azienda attiva in campo internazionale con lunga tradizione, ARGOR-HERAEUS gode di un ottima reputazione a livello mondiale.

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi

Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi lexform.it II.1 IL VECCHIO E IL NUOVO ARTICOLO 18 S.L.. In quali casi si applica il nuovo procedimento giudiziario specifico? In

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU La società e le regole Gruppi e società Dalla vita quotidiana al Diritto e all Economia Il Diritto e l Economia: scienze sociali Origini

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che,

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che, Un peculiare modo di formazione del contratto è quello che caratterizza i c.d. contratti a distanza, definiti dal legislatore come quei contratti, aventi ad oggetto beni o servizi, stipulati tra un professionista

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli