Volontariato e programmazione dei servizi sociali in Sicilia: il rapporto con gli enti locali e le pubbliche amministrazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Volontariato e programmazione dei servizi sociali in Sicilia: il rapporto con gli enti locali e le pubbliche amministrazioni"

Transcript

1

2

3 Centro di Servizi per il Volontariato di Palermo Volontariato e programmazione dei servizi sociali in Sicilia: il rapporto con gli enti locali e le pubbliche amministrazioni Collana «Studi e Ricerche» diretta da Ferdinando Siringo 6

4 Pubblicazione realizzata con il contributo del Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il Volontariato della Regione Siciliana finanziato dalle Fondazioni: Monte dei Paschi di Siena Cariplo Compagnia di S. Paolo Banco di Sicilia Printed in Italy CeSVoP 2009 Centro di Servizi per il Volontariato di Palermo In copertina foto di Gautier Willaume - Fotolia.com Coordinamento editoriale e impaginazione di Nunzio Bruno Distribuzione gratuita. Vietata la vendita ISBN

5 Coordinamento Regionale Siciliano dei Centri di Servizio per il Volontariato CeSV Messina CeSVoP CSV Etneo Volontariato e programmazione dei servizi sociali in Sicilia: il rapporto con gli enti locali e le pubbliche amministrazioni Report conclusivo delle attività di ricerca a cura di Piergiorgio Del Castillo e Alberto Giampino con contributi di Antonino Anastasi, Antonio La Spina e Carlo Pennisi Centro di Servizi per il Volontariato di Palermo

6

7 Indice 5 Presentazione di F. Siringo, A. Mantineo e I. Di Fazio pag. 7 Introduzione di P. Del Castillo e A. Giampino » 13 Capitolo primo. Il volontariato in Sicilia. Presupposti della ricerca e note metodologiche 1. Le cifre del volontariato in Italia e in Sicilia.» La legge 328/2000 e la riorganizzazione del sistema dei servizi sociali in Sicilia.» Tipologia dell associazione » I quindici Comuni » Alcune considerazioni sui dati demografici relativi ai Comuni selezionati.» 33 Capitolo secondo. Risultati delle attività di ricerca. Le interviste: dati quantitativi e analisi qualitativa 1. I caratteri delle Organizzazioni di Volontariato » Analisi qualitativa delle interviste » Caratteristiche sociali: bisogni e risorse » Tipologia, settori di attività e modalità d intervento.» Modalità di partecipazione alle diverse fasi del Piano di Zona..» Valutazioni sulla partecipazione al percorso di programmazione.» Considerazioni conclusive sulle interviste » 93 Capitolo terzo. I Piani di Zona 1. I Piani di Zona » Gli obiettivi e le priorità dei Piani di Zona » Considerazioni sui Piani di Zona » 109 Capitolo quarto. Analisi complessiva dei focus group 1. La definizione del volontariato attraverso il tipo di rapporto con le istituzioni.» Le istituzioni verso il volontariato.» Modalità di svolgimento delle attività di volontariato.» Analisi dei singoli focus group.» Analisi del focus group tenuto a Messina » Analisi del focus group tenuto ad Enna » Analisi del focus group tenuto a Ragusa » 136

8 6 Indice 4.4. Analisi del focus group tenuto ad Agrigento......» Analisi del focus group tenuto a Caltanissetta......» Analisi del focus group tenuto a Palermo » Analisi del focus group tenuto a Trapani » Analisi del focus group tenuto a Catania » Analisi del focus group tenuto a Siracusa » Considerazioni conclusive sui focus group » 165 Capitolo quinto. Il volontariato e lo sviluppo del dibattito scientifico 1. Il volontariato in Sicilia e la riforma dell assistenza di A. La Spina.» Premessa » Volontariato e capitale sociale: due Italie?.» Luci e ombre dell incremento delle organizzazioni di volontariato.» Il capitale sociale nel Mezzogiorno » La legge 328/2000 e i Piani di Zona » I risultati della ricerca » Su alcuni risultati della ricerca di C. Pennisi.» Le organizzazioni di volontariato nell applicazione della 328/2000: note sulla ricerca svolta nella regione Sicilia dai Centri di Servizio per il Volontariato siciliani di A. Anastasi » Il Terzo settore nella programmazione e gestione integrata dei servizi sociali » La nostra ricerca » Il volontariato futuro » 204 Allegati Allegato A. Le OdV selezionate nei Comuni relativi ai territori dei diversi CSV siciliani.» 209 Allegato B. I dati demografici relativi ai Comuni selezionati.....» 217 Allegato C. Tabelle riassuntive dei dati quantitativi relativi alle interviste effettuate.» 249 Allegato D. Notizie generali riguardanti i casi-studio individuati per Comune.» 297 Riferimenti bibliografici » 333 Comitato Scientifico e Organizzativo » 335

9 Presentazione L integrazione dei servizi socio-sanitari, così come prevista dalla legge 328/2000, è una filosofia di intervento che si basa sulla concertazione tra i vari soggetti in campo (amministratori, sistema sanitario, uffici pubblici, Terzo settore e volontariato). Nel nostro territorio regionale i percorsi di attuazione della Legge hanno faticosamente preso avvio con molti limiti dovuti sia a timori e sfiducia da parte delle pubbliche amministrazioni nei confronti del volontariato, sia a carenze dei volontari stessi sul tema della concertazione. Nel corso di tanti incontri e dibattiti fra volontari e rappresentanti istituzionali sui Piani di Zona nei distretti e nelle province siciliane è emersa, talvolta con toni vivaci, da parte delle realtà di volontariato la voglia di collaborare per la crescita della comunità. Propongo qui alcune riflessioni che prendono spunto e sviluppano i nodi rilevati da chi opera come volontario. Il volontariato organizzato è stato una risorsa educativa e formativa significativa e strategica per la costruzione di politiche sociali adulte ed innovative. Molti aspetti e forse la stessa impostazione di fondo delle leggi più innovative nel settore sociale sono emersi nel Paese e in Parlamento grazie alle sperimentazioni e alle campagne di sensibilizzazione condotte dalle organizzazioni, grandi e piccole, di volontariato. Nonostante ciò, il volontariato italiano, in questa fase di ricerca e transizione, incontra difficoltà: ad essere riconosciuto come attore dei percorsi di trasformazione sociale; a ri-pensare collocazione, funzioni, ruolo e strategie; a comunicare e sviluppare pienamente la sua azione, fondata sulla gratuità e la condivisione; a contribuire, in piena autonomia, al decollo di un welfare locale a dimensione comunitaria. Uno degli snodi fondamentali di questi percorsi è senz altro il ruolo che il volontariato organizzato deve avere nelle sedi della «concertazione sociale», dove con questo termine intendiamo un percorso in cui soggetti

10 8 Presentazione con ruoli e interessi differenti cooperano per programmare le politiche pubbliche a vantaggio dell insieme della comunità locale. Qui, in particolare, mi riferisco a quella metodologia di programmazione partecipata sperimentata dalla legge 285/97 e ora fissata definitivamente dalla legge 328 di riforma dell assistenza nel percorso di costruzione dei Piani sociali di Zona. Per questo alcune organizzazioni nazionali hanno intrapreso percorsi di studio e formazione per i volontari per rivisitare, rafforzare, rendere visibile ed efficace, nella comunità locale, l azione, la funzione, il ruolo sociale e politico del volontariato organizzato. Riteniamo, infatti, che proprio il volontariato, la cui azione nella società non dipende esclusivamente dalla gara di appalto con cui ci si aggiudica il servizio, abbia un vero e permanente radicamento nel territorio e nella comunità. Intanto la nostra Regione, vive una profonda crisi di valori etici, politici, di relazioni solidali e di pieno riconoscimento dei diritti di cittadinanza. Le problematiche sociali sono crescenti e spesso nuove: trasformazioni nell ambito della famiglia (diversi modelli di famiglia non fondati sul matrimonio, civile o religioso; con implicazioni etico/ valoriali: fecondazione artificiale, controllo delle nascite, eutanasia, ecc.; diversi modi culturali, etici e/o religiosi di concepire e affrontare tali problematiche); invecchiamento della popolazione (anche per il consistente calo della natalità, compensato solo in parte dalle nascite dei figli degli immigrati extracomunitari); integrazione dell immigrazione extracomunitaria e mediazione culturale (siamo alla 2 a generazione, con l inserimento nelle scuole elementari e medie, tuttavia vi è ancora mancanza di preparazione negli insegnanti e assenza di mediatori culturali); precarietà del lavoro; differenze Nord-Sud; nuove povertà «relazionali» (depressione per senso di inadeguatezza rispetto a quanto richiesto dalla società contemporanea; uso esasperato degli psicofarmaci; anoressia, bulimia ; ridondanza dei mezzi di comunicazione e contestuale crisi delle relazioni interpersonali); crediamo che un uso attento della concertazione sociale possa in qualche modo intervenire su questi problemi. C è qualcosa che però si oppone al ruolo virtuoso che essa potrebbe avere.

11 Presentazione 9 Il contesto politico-culturale si abbandona sempre più a fenomeni che poco hanno a che fare con l intervento sociale: rischi di darwinismo sociale (il mercato premia i «migliori», chi resta indietro è meno valido e capace, per cui non merita assistenza); politica soggetta all economia e al mercato o a tendenze fondamentaliste/localiste (la politica soffre di mancanza di idee, progetti, leadership ed è sovrastata da una concezione neoliberista del mercato dominus e autoregolatore); poco spazio per la politica anche in politica (occorre ricuperare il senso di partecipazione democratica e una dimensione societaria della politica che spesso, invece, si lascia andare a fenomeni di efficientismo fine a se stesso e logica di scambio economico-clientelare); mancanza del senso comunitario e crescente individualizzazione; carenza di partecipazione (anche se vi sono segnali di ripresa, es.: new global, movimenti per la pace ). Ecco che il compito dei volontari quando si ritrovano ad essere i «concertatori» deve puntare a favorire una soluzione societaria della politica con l affermazione della cittadinanza attiva ripartendo dal territorio. Un obiettivo di fondo della concertazione stessa è quello di creare le condizioni sociali, culturali e politiche per avviare buone prassi di concertazione, ricreando un tessuto comunitario e di rete. Solo come pro-memoria, elenco alcuni obiettivi della concertazione sociale: 1. conoscere meglio le articolazioni del territorio cercando di capire in che misura sia possibile aggirare gli ostacoli che producono inerzia, cattiva economia, situazioni e politiche di disuguaglianza; 2. definire gli interessi del territorio; 3. sollecitare e mobilitare i soggetti a costruire uno o più progetti calibrati sui fatti produttivi e sociali, non su aspirazioni; 4. integrare soggetti diversi che vanno dal locale al generale: si può agire insieme per fare un progetto; 5. essere un motore di sviluppo locale; 6. essere un momento di ripensamento delle componenti che hanno caratterizzato e devono caratterizzare l azione dei singoli gruppi sociali. Per i volontari ma non solo per loro si possono indicare un paio di rischi principali da evitare:

12 10 Presentazione definire troppi sottobiettivi che finiscono per essere obiettivi privati dentro cui si isolano i singoli soggetti che partecipano alla concertazione; partecipare alla concertazione con una logica da «lista della spesa». È compito della Pubblica Amministrazione, nel suo ruolo di garante dell intera comunità, contribuire ad evitare questi rischi. Per quanto riguarda gli interlocutori istituzionali accenno appena due temi oggettivamente problematici su cui varrebbe la pena di discutere e fare particolare attenzione. Durante la concertazione, con le istituzioni si attua necessariamente uno scambio politico. Ovviamente è di primaria importanza che questo meccanismo di scambio sia virtuoso e utile per la comunità, anziché essere un luogo di clientela per singoli gruppi. La concertazione ha bisogno di interlocutori credibili, quindi è centrale la scelta degli attori pubblici e privati che siano effettivamente rappresentativi e che abbiamo competenze e radicamento adeguati alla «rappresentanza di interessi». Le esperienze dei Gruppi di Piano della legge 328 ha incontrato e si è scontrata con questi temi. Risorse e vincoli, potenzialità realizzate o sprecate, molto c è da dire e ci sarà nel prossimo futuro. Adesso, con questa ricerca, voluta dai tre Centri di Servizio per il Volontariato siciliani, raccogliamo i dati dell esperienza del volontariato isolano per poter fare un primo bilancio. In tema di concertazione, comunque, per il volontariato continua la stagione di autoformazione per appropriarsi ancor più della metodologia e dare il proprio importante contributo. Per le istituzioni rimane la sfida difficile, ma appassionante per chi vive la funzione istituzionale come servizio, di attuare sino in fondo la filosofia e le strategie richieste da politiche sociali moderne e di sviluppo. Ferdinando Siringo Presidente del CeSVoP di Palermo L esito della ricerca che si dà alla stampa è il risultato positivo di un obiettivo concreto che i tre Centri di Servizio per il Volontariato

13 Presentazione 11 (CSV) della regione Sicilia si sono dati: conoscere meglio il volontariato e il contributo da esso offerto nella costruzione dei Piani socio-sanitari, come strumento del welfare comunitario. Obiettivo raggiunto anche attraverso un altro metodo di collaborazione, altrettanto proficuo, che si è determinato tra alcuni ricercatori delle tre università siciliane, di Palermo, Catania e Messina, che forse occorrerebbe auspicare in altri settori di ricerca, non solo sociale. La ricerca prodotta offre alcuni spunti di riflessione, anche se provvisori e non assoluti, proprio con riferimento all oggetto di studio. Conoscere il volontariato siciliano, evidenziarne le luci e le ombre, gli elementi politici innovativi e i residui di un azione «conservatrice» e talvolta subalterna e condizionata dalla Pubblica Amministrazione, e, specialmente, dagli amministratori, costituisce un occasione di un ripensamento del ruolo complessivo del volontariato, il quale non può permettersi di deflettere da una funzione di laboratorio ove elaborare e introdurre elementi di sperimentazione per nuove politiche sociali nella nostra Regione. La ricerca, inoltre, può diventare uno strumento che agevola l affrancamento dai condizionamenti locali che sono un elemento di freno per la crescita complessiva dello stesso volontariato. Individuare, infatti, alcuni aspetti critici, come pure la ricerca evidenzia, comuni al volontariato in Sicilia, e perciò presenti alle diverse realtà territoriali, ci permette di assumere un impegno condiviso ad intervenire, insieme, anche con l ausilio dei Centri di Servizio, per colmare e intervenire, sui punti critici. È una sfida che si deve assumere come prioritaria per non diventare agenti deboli e rassegnati di una concezione delle politiche sociali ripartiva e assistenziale. Questo modello troppi guasti ha già prodotto e oggi, pur con le nostre debolezze di volontariati, sarebbe omissione grave. Un ringraziamento a quanti hanno collaborato, a vario titolo alla ricerca, si rende necessario, mentre le strutture dei Centri di Servizio, con i diversi organi e con le diverse componenti umane che vi lavorano, siamo chiamati ad intensificare la collaborazione per dare un segnale forte verso il superamento della frammentazione sociale e dei rapporti deboli nella società civile. Ma questo è un obiettivo sul quale siamo ancora agli inizi. Antonino Mantineo Presidente del CeSV Messina

14 12 Presentazione Il documento che viene presentato, oltre che per la sua valenza specifica e per il suo elevato contenuto scientifico, rappresenta il completamento di una fase importante per il volontariato siciliano. Infatti, a quasi un decennio dalla costituzione dei CSV sul territorio della nostra Regione, durante il quale i CSV hanno affrontato la delicata fase del radicamento e del riconoscimento sul territorio, finalmente si inizia a percepire il notevole contributo che queste strutture possono realizzare a favore della crescita del volontariato siciliano. Crescita, nel linguaggio del volontariato moderno, non è disgiunta dall accrescimento in termini esperienziali, motivazionali, culturali. Ecco perché, tra i primi atti realizzati in collaborazione tra i CSV siciliani, trova spazio privilegiato questa ricerca, che offre uno spaccato della situazione del volontariato in Sicilia, senza tralasciare la realtà nazionale. Ritengo che, nella delicata azione di accompagnamento al volontariato, non basti essere bravi amministratori, ma bisogna oggi più di sempre essere anche colti volontari che ben conoscono il proprio territorio, e la notevole varietà di interlocutori che quotidianamente si rapportano con il mondo della solidarietà organizzata. Solo in questo modo si potrà operare le scelte migliori che vadano a beneficio dello sviluppo della solidarietà e della società civile nel suo insieme. Auguro a tutti, buona lettura e buon lavoro. Ignazio Di Fazio Presidente del CSV Etneo di Catania

15 Introduzione Il volontariato è un fenomeno consolidato delle moderne società postindustriali nell ambito delle quali riscuote un significativo interesse che può essere rappresentato attraverso la grande quantità di ricerche empiriche che sono state e sono periodicamente effettuate allo scopo di dare conto delle sue evoluzioni qualitative e quantitative nel tempo. Tale interesse è giustificato essenzialmente dal fatto che comprende in sé due aspetti dell azione sociale che trovano in esso profonda unità: da una parte il volontariato è un fenomeno che esprime un atteggiamento promozionale del bene pubblico di chi lo pratica, ma dall altra parte e allo stesso tempo, tale atteggiamento è legato strettamente ad una dimensione individuale che è totalmente libera di scegliere e scevra da qualsiasi condizionamento esterno. In pratica un volontario che agisce con la finalità di migliorare il contesto sociale in cui opera, lo fa solo nella misura in cui è libero di potere scegliere: prima di tutto di essere in grado di mettere in atto tale tipo di comportamento, e poi di poterlo fare in maniera che sia coerente con il proprio sentire. In questa duplice dimensione si gioca una dialettica che pone il fenomeno del volontariato al centro di due tipi differenti di riflessione: una si riferisce alla ricerca delle motivazioni individuali per cui le persone decidono di concedere gratuitamente le proprie prestazioni; la seconda alle modalità attraverso cui tale attività prende concretamente corpo nell ambito di un contesto sociale e ne diventa in qualche modo risorsa concreta. Evidentemente i due aspetti producono reciproci condizionamenti che caratterizzano il fenomeno soprattutto se lo si «legge» nell ambito del riconoscimento formale intervenuto nel settore delle politiche sociali: ciò ha posto una serie di questioni di ordine concettuale ma anche, e forse soprattutto, di ordine pratico. La natura principale dell agire volontario è, dunque, quello di costituire «prima ancora che un fatto visibile e di dominio pubblico un esperienza personale e associativa, che riguarda il volontario sia come indivi-

16 14 Introduzione duo, sia come appartenente al gruppo di persone che condividono con lui tale scelta» (Ranci 2006, 9). Pertanto, l azione volontaria è per definizione un azione non prevedibile, non programmabile, legata com è in definitiva alla volontà motivata del soggetto che la promuove. In sostanza, l azione volontaria idealtipica non è un azione esigibile dunque non è un azione programmabile. Il fatto, però, che esso estenda i risultati della sua azione nella dimensione sociale, ha contribuito a sviluppare un vero e proprio movimento di riconoscimento e promozione che si è andato strutturando nel tempo soprattutto a livello normativo. Questo movimento ha riconosciuto al volontariato un ruolo di grande rilevanza nell ambito della promozione della qualità della vita per cui lo Stato si è fatto carico di dargli una regolamentazione per cercare di migliorarne le prestazioni in termini di servizio e inserirlo a pieno titolo nella programmazione delle politiche socio-sanitarie. Un approccio del genere, tuttavia, ha rischiato e rischia di snaturare la caratteristica informale e spontanea delle attività del volontariato e in qualche modo mette in evidenza, e a volte scatena, le contraddizioni insite nel rapporto tra settori formali e informali del sistema sociale. In questo senso le istituzioni hanno da tempo capito che esso è una di quelle risorse che può risolvere, a basso costo, una serie di problemi a cui l organizzazione istituzionale non riesce a dare risposta né in termini di risorse, né in termini di competenze, né in termini di motivazione degli operatori dell intervento. Ciò premesso vogliamo qui brevemente richiamare i punti principali che appaiono costituire i nodi che delimitano l area di interesse del nostro percorso di ricerca e che, secondo i principali studiosi, condizionano la crescita del fenomeno. Le caratteristiche essenziali che individuano un azione di volontariato sono le seguenti: la prima si riferisce alla totale gratuità dell impegno che il volontario si prende; la seconda si riferisce al fatto che tale impegno gratuito è, normalmente, diretto a soddisfare i bisogni e gli interessi di un altra persona, frequentemente collocata in una posizione svantaggiata sul piano sociale ed economico (ib., 12). Il problema principale che pongono queste due caratteristiche del fenomeno si riverbera sulle conseguenze concrete delle azioni prodotte dai

17 Introduzione 15 volontari. È chiaro che un azione gratuita diretta a migliorare le condizioni di vita di persone particolarmente disagiate, e di riflesso quelle dell intero sistema sociale cui appartengono quei beneficiari, costituisce un atto meritorio che di per sé non può essere criticato negativamente. Come sostiene Donati esso è «un fenomeno innanzitutto ed essenzialmente sociale La sua natura più intima e vitale è sociale, cioè relazionale» (Donati 1996, 15), che significa che è il risultato necessario della partecipazione attiva alle relazioni da parte delle persone. Secondo tale approccio il volontariato presenta alcuni caratteri distintivi delle attività di volontariato per cui esso risulta essere: «Innanzitutto basato su meccanismi di controllo incentrati sui valori (condivisione delle finalità e degli strumenti per realizzarle) e non sulla coercizione; si avvale prevalentemente di contatti e comunicazioni mediati per sopperire alle scarse occasioni di coordinamento diretto e formale» (Colozzi-Bassi 1995, ). Il problema però nasce quando un volontario che produce un azione di supporto verso un altra persona coinvolge la dimensione relativa alla responsabilità che ci si assume quando si prende l impegno di aiutare gli altri. Infatti, mentre un azione isolata migliora in assoluto la qualità della vita del beneficiario (si pensi ad una donazione di risorse finanziarie una tantum), ciò che fa del volontariato, oggi, un fenomeno significativamente e socialmente rilevante è il fatto che esso tende a produrre un sistema di azione che, coerentemente con le sue caratteristiche distintive di fondo, è in grado di assicurare in maniera continuativa un sostegno, un servizio o un intervento. Pertanto, «l aspetto forse più delicato è rappresentato dall apertura di una relazione con un altro che è, per lo più, del tutto estraneo e lontano al nostro mondo, ai nostri pensieri, ai rapporti che ci sono più familiari» (Ranci 2006, 8). Questo fa del volontariato una risorsa concreta per il sistema sociale ma, allo stesso tempo, un settore che richiede, da un lato, una regolamentazione che definisca in maniera certa chi può fare volontariato e come esso può essere svolto e, dall altro, una strutturazione organizzativa che renda possibile la pianificazione a medio e lungo termine delle azioni di volontariato. Quindi, essenzialmente, il nodo centrale su cui si confrontano i diversi approcci al volontariato riguarda sia l esigenza di stabilire i criteri attraverso i quali da una parte le istituzioni pubbliche si fanno carico di creare le condizioni ottimali per lo sviluppo delle azioni volontarie, sia lo sforzo dei soggetti del volontariato di realizzare le condizioni organiz-

18 16 Introduzione zative per garantire che la propria attività sia in grado di supportare nel tempo stabilito il peso degli impegni presi. Il buon funzionamento delle attività di volontariato dipende dell equilibrio tra le istanze necessariamente formali delle istituzioni che sono chiamate necessariamente a garantire i servizi e le attività prodotte. Le realtà del volontariato non sono tutte uguali. Possiamo immaginare un continuum ad un estremo del quale vi sono quelle in cui l aspetto organizzativo è meno saliente, mentre all altro estremo stanno quelle che, in corrispondenza alle richieste delle istituzioni, producono uno sforzo organizzativo in direzione della stabilizzazione delle proprie attività. Tra l altro l esigenza di produrre livelli organizzativi più complessi è legata anche al fatto che, in un mondo in cui prevalgono relazioni nuove e cangianti, anche il volontariato per realizzare i propri obiettivi istituzionali deve essere in grado di progettare, monitorare e verificare il risultato delle proprie attività: la stessa esigenza per cui i CSV hanno recentemente promosso una ricerca tra i propri associati per rilevare l eventuale esistenza di metodologie interne e correlate modalità per valutare i risultati delle proprie attività e i modi attraverso cui sono stati ottenuti. Questa esigenza risponde alla necessità di contenere i costi in termini di risorse e di tempi impiegati nelle attività, nonché all esigenza di ottenere indicazioni riguardo alla qualità e al valore dei servizi offerti: anche il volontariato impiega e consuma risorse in modalità che ne determinano il successo e l autopromozione. Accanto a questa dimensione organizzativa e «produttiva» si situa l intervento di riconoscimento dello Stato che, a fronte di un supplemento di requisiti minimi di controllo, offre e garantisce un trattamento più favorevole per le organizzazioni di volontariato (d ora in avanti OdV) attraverso l iscrizione ad un registro regionale (ne esistono anche di livello comunale e provinciale), crea per esse la possibilità di ottenere una serie di agevolazioni e di essere riconosciute formalmente dagli enti pubblici locali e, per questa via, anche coinvolte nelle attività di politiche sociali previste da questi (tra le altre cose va ricordata anche la creazione, attraverso il sostegno finanziario proveniente dalle fondazioni delle casse di risparmio e delle istituzioni bancarie, del sistema dei Centri di Servizio per il Volontariato d ora in avanti CSV, che hanno la funzione di sostenere e qualificare le attività delle medesime organizzazioni).

19 Introduzione 17 Ma il ruolo di sostegno da parte di questo tipo di organizzazioni non può né deve sostituirsi alle libere scelte degli operatori di volontariato i quali possono decidere o meno di aderire a reti, consorzi, nonché di associarsi ai CSV presenti sul territorio. D altronde la questione con cui si deve misurare il mondo del volontariato si riferisce all opportunità, oggi sempre meno presente, di potere attingere a trasferimenti finanziari costanti. In ogni caso, la percezione di fondi è sempre più subordinata, come si diceva prima, alla capacità delle OdV di progettare e di verificare le proprie attività: cosa che necessariamente richiede livelli organizzativi di una certa complessità. Inoltre, è bene evidenziare che esiste una variabilità sia culturale che materiale tra le varie realtà del volontariato che non ci consente di potere individuare caratteristiche uniformi tra i vari attori: non è scontato che vi sia una condivisione di finalità, valori e metodi tra di essi, né un interesse a percorrere tratti di strada in Comune. In conseguenza di quanto fin qui esposto, l oggetto che la presente ricerca ha inteso indagare è, essenzialmente, il rapporto del volontariato con le istituzioni (e viceversa) e il modo in cui tale rapporto definisce le caratteristiche delle organizzazioni: ovvero se, come e quanto è considerata necessaria l esistenza di tale rapporto e quali modalità deve seguire. Quali sono le motivazioni generali e particolari (ragioni, interessi, bisogni, motivi) che giustificano il fatto che il volontariato sia preso in considerazione sia dalle istituzioni pubbliche che dai membri del contesto sociale in cui opera? Certamente vengono in risalto il tipo di responsabilità espressa dal volontariato nei confronti del servizio, del destinatario e dell utente in termini di capacità di offrire una attività più o meno regolata, costante, prevedibile e qualitativamente valida; il grado di autonomia di cui un volontario dispone nell ambito della progettazione della organizzazione di cui è membro in relazione a vincoli formali e informali; le condizioni che influiscono sulla scelta dei contenuti della attività della organizzazione in termini di utenti, risorse finanziarie, risultati, obiettivi, tempi, risorse professionali. 1 1 Per approfondimenti si vedano il Rapporto Biennale sul Volontariato in Italia 2005, a cura dell Osservatorio Nazionale per il Volontariato Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale per il Volontariato, l Associazionismo e le Formazioni Sociali Divisione III Volontariato; Volontariato e pianificazione sociale di zona: la partecipazione. Indagine pilota sul volontariato, a cura dell Isfol, 2006; Amministrazioni pubbliche e OdV: quale rapporto?, a cura della Fivol, 2005.

20 18 Introduzione L articolazione della presente ricerca ha previsto una prima fase dedicata all analisi sintetica delle informazioni socio-demografiche riguardante alcuni Comuni selezionati; una seconda fase in cui, attraverso l effettuazione di una rilevazione tramite interviste rivolte a operatori delle OdV, sono state ottenute alcune informazioni relative alle modalità che le associazioni inserite nel campione seguono nel relazionarsi con gli attori facenti parte del sistema locale delle politiche sociali. Ci si è concentrati, in particolare, sul percorso di partecipazione alla programmazione delle attività attraverso la costruzione condivisa del Piano di Zona, ex legge 328/2000. Infine, sono stati organizzati dei focus group che hanno avuto la funzione di produrre un percorso dialogico tra alcuni soggetti rilevanti i quali, partendo da uno stimolo generale, sono stati invitati a focalizzare il proprio interesse sugli aspetti ritenuti cardinali del fenomeno posto al centro dell attenzione. Tra questi, il ruolo delle OdV nell ambito della pianificazione delle politiche sociali e, in funzione di ciò, i bisogni organizzativi che maggiormente caratterizzano le suddette organizzazioni. Questo tipo di informazioni sono quelle ritenute più rilevanti in relazione alla prospettiva dei CSV di produrre una programmazione di interventi di sostegno maggiormente vicina alle esigenze di sviluppo del mondo del volontariato. Piergiorgio Del Castillo Coordinatore esecutivo della ricerca Alberto Giampino Coordinatore organizzativo della ricerca

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

dare voce a chi non ne ha

dare voce a chi non ne ha Un Progetto per la Coesione Sociale dare voce a chi non ne ha Nota riguardante la Prima Fase Finanziato tramite il Bando Volontariato 2008 1 INTRODUZIONE Per la Consulta delle Organizzazioni del Volontariato

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli