MODELLO DI DEFINIZIONE KEY PERFOMANCE INDICATOR PER I SERVIZI DI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODELLO DI DEFINIZIONE KEY PERFOMANCE INDICATOR PER I SERVIZI DI"

Transcript

1 MODELLO DI DEFINIZIONE KEY PERFOMANCE INDICATOR PER I SERVIZI DI CONDUZIONE SISTEMI SPC LOTTO1 Versione 1.0

2 INDICE 1. PREFAZIONE Autori Modifiche Documento Acronimi e Definizioni CONTESTO DEL DOCUMENTO Note sul Copyright OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 6 4. PROCESSI E SOTTO PROCESSI DI CONDUZIONE SPC COOP L STANDARD ITIL BEST PRACTICES 9 6. METRICHE PER IL SERVICE SUPPORT PROCESSI SPC E PROCESSI ITIL DEFINIZIONE KPI PER I SERVIZI DI CONDUZIONE SISTEMI Obiettivo del servizio Processi SPC impattanti Perimetro di misura Paniere KPI Associazione KPI e Processo Impattante SPC I Livelli di astrazione Le consistenze...22 A. APPENDICE 23 A.1. Servizi SPC ed obiettivi...23 A.2. Servizi SPC, attività (processi SPC) e processi impattanti...23 A.3. Processi impattanti e relativo perimetro A.4. Paniere KPI...26 A.5. Livello di dettaglio 3 Misura dei KPI per attività...28 A.5.1. KPI System Management 28 A.5.2. KPI PDL Management 29 A.5.3. KPI WAN/LAN Management 31 A.6. Livello di dettaglio 2 Misura dei KPI per Servizio...33 A.6.1. KPI System Management 33 A.6.2. KPI PDL Management 34 A.6.3. KPI WAN/LAN Management 35 A.7. Livello di dettaglio 1 Misura dei KPI per i Servizi SPC Pagina 2 di 37

3 A.8. Consistenze...36 Pagina 3 di 37

4 1. PREFAZIONE 1.1. Autori Redatto da: Verificato da: Approvato da: Jean Michel Amram (Telecom Italia) Giovanni Olive (CNIPA) Domenico Mariani (ElsagDatamat) Marino Di Nillo (CNIPA) Francesco Caputo (CNIPA) Giovanni Olive (CNIPA) Bianca Volpe (Engineering) Francesco Tortorelli (CNIPA) 1.2. Modifiche Documento Descrizione Modifica Edizione Data Emissione 1^ bozza /01/2009 Pubblicato /03/ Acronimi e Definizioni PDL KPI TM CSF ITIL Sigla Descrizione Postazione di lavoro Key Performance Indicator Sistema di Ticket Management Critical Success Factors Information Technology Infrastructure Library Pagina 4 di 37

5 2. CONTESTO DEL DOCUMENTO Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) si colloca nel contesto definito dal Decreto legislativo n 82 del 7 marzo 2005, pubblicato in G.U. del 16 maggio 2005, n. 112, recante il "Codice dell'amministrazione digitale" (C.A.D.) e successive modifiche ed integrazioni. Esso istituisce il SPC, definendone gli obiettivi, le funzionalità ed il modello di governance. Il processo di regolamentazione normativa del SPC è proseguito nel tempo, arrivando alla pubblicazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n.1 del 1 aprile 2008, pubblicato in G.U. del 21 giugno 2008, n. 144, recante le "Regole tecniche e di sicurezza per il funzionamento del Sistema pubblico di connettività", previste dall'art. 71, comma 1-bis, del C.A.D, con il quale viene definito il quadro tecnico di riferimento per lo sviluppo dei servizi SPC e le regole per il funzionamento e l'adesione ai servizi SPC. L'evoluzione dello scenario di riferimento e la disponibilità di servizi di infrastruttura per la cooperazione applicativa, hanno reso necessaria la definizione e la pubblicazione di una serie di documenti che specificassero in dettaglio le modalità tecniche per l'interoperabilità e la cooperazione applicativa, come peraltro prevista dalle succitate regole tecniche. La redazione di questo documento è stata curata dal Raggruppamento Temporaneo di Imprese (Telecom Italia, Engineering Ingegneria Informatica, Elsag Datamat) incaricato della progettazione, realizzazione e gestione dei servizi relativi ai siti web e della relativa conduzione dei sistemi, con la supervisione del CNIPA Note sul Copyright Il presente documento ed i suoi contenuti sono di proprietà del Centro nazionale per l'informatica nella pubblica amministrazione (CNIPA) e sono protetti dalle norme sul diritto d'autore e dalle altre norme applicabili. Il presente documento ed i suoi contenuti sono messi a disposizione sulla base dei termini della licenza d'uso disponibile al seguente indirizzo: Pagina 5 di 37

6 3. OBIETTIVI DEL DOCUMENTO Questo documento si pone l obiettivo di descrivere una metodologia per la definizione di alcuni indicatori che possano supportare le Pubbliche Amministrazioni (PA) nella gestione delle proprie infrastrutture IT ed indirizzarle in un processo di miglioramento continuo. A completamento della descrizione metodologica si allegano le metriche ritenute d interesse per la PA nell ambito dei servizi di Coop Lotto 1. La finalità della presente analisi è quella di fornire uno strumento per: 1. supportare la PA nella valutazione di possibili interventi correttivi o migliorativi; Il modello presentato vuole fornire delle metriche che diano una vista complessiva e correlata dell andamento degli elementi e dei processi che compongono i servizi IT, per un controllo sia di carattere tecnico (disponibilità dei sistemi, delle applicazioni e dei servizi), sia di carattere di business (gestione dei contratti di fornitura, futuri investimenti). 2. monitorare la qualità percepita dall utente della PA. In questo senso va considerata l importante distinzione tra la misura della qualità erogata da parte del fornitore dei servizi, e la misura della qualità percepita dall utente della PA. Mentre la prima misura (qualità erogata) può rispondere bene ad un specifico aspetto contrattuale di fornitura (SLA contrattuali), la seconda (qualità percepita) assume una valenza superiore finalizzata alla valutazione del risultato effettivo del servizio. Pagina 6 di 37

7 4. PROCESSI E SOTTO PROCESSI DI CONDUZIONE SPC COOP L1 Come già evidenziato, i servizi oggetto di analisi sono quelli di Lotto1. Tali servizi hanno la finalità di gestire il corretto funzionamento delle infrastrutture informatiche delle Amministrazioni. I servizi sono quelli di: gestione delle postazioni di lavoro (PDL Management), gestione delle infrastrutture server (System Management), e gestione degli apparati di rete (WAN/LAN Management). I servizi si compongono di molteplici attività, il dettaglio di tali attività e di come queste vengono erogate è descritto nella documentazione di riscontro SPC (Cfr. 06PA130_SpecR_HD_CS_B). Attraverso il monitoraggio dell andamento delle singole attività è possibile avere una visione completa del servizio. Di seguito viene riportata una sintesi delle attività relative al servizio di PDL management, la lista completa delle attività suddivisa per servizi (System,PDL,WAN/LAN Management) è riportata in Appendice al par.a.2. Il servizio di PDL Management è composto molteplici attività organizzate per tipologia: - Gestione Software: Include tutti gli interventi che si eseguono da remoto, oppure presso l Amministrazione, su componenti software delle PdL, allo scopo di garantirne il corretto funzionamento; le attività di gestione software sono le seguenti: o Controllo remoto SW e Monitoraggio PdL; o SW Distribution; o SW Maintenance manutenzione correttiva; o SW Maintenance manutenzione evolutiva. - Gestione Hardware: Include le attività di monitoraggio delle PDL e di Controllo Remoto al fine di risolvere le situazioni critiche evidenziate dal monitoraggio. - IMACD: Include tutti gli interventi che si eseguono fisicamente sulle PdL, fatta eccezione per gli interventi di assistenza, che rientrano nella manutenzione; le attività di IMACD sono le seguenti: Pagina 7 di 37

8 o Servizio di Installazione; o Servizio di Movimentazione; o Servizio di Aggiunta; o Servizio di Cambiamento; o Servizio di Disinstallazione. - Servizi Cross: Comprende l Help Desk di 1^ e 2^ livello, la Gestione dei Registri di Configurazione, la Manutenzione presso l Amministrazione, la Gestione terze parti e l Analisi della qualità del servizio; le attività effettuate come servizi cross sono le seguenti: o Gestione Registri di Configurazione o Assistenza presso l Amministrazione o Configuration Management o Gestione Terze Parti Pagina 8 di 37

9 5. STANDARD ITIL BEST PRACTICES Information Technology Infrastructure Library (ITIL) nasce, alla fine degli anni '80, come un insieme di direttive, per la Pubblica Amministrazione Britannica e finalizzate alla gestione ottimale dei servizi IT. Successivamente si sono diffuse in tutto il mondo e ben presto si sono affermate quale standard di fatto per la gestione dei servizi informatici. Tali direttive sono organizzate in moduli in cui sono descritte le pratiche necessarie affinché persone, processi e strumenti assicurino il rispetto degli impegni assunti sul livello di servizio e concorrano al raggiungimento degli obiettivi fissati dall organizzazione. I principali obiettivi delle linee guida ITIL sono i seguenti: Promuovere un modello operativo che consenta di accrescere la qualità nella gestione e nell erogazione dei servizi IT; Migliorare l efficienza e l efficacia dei processi posti in essere, riducendone inoltre i rischi operativi; Codificare e fornire un modello di riferimento e delle best practices a supporto della Qualità Totale nell erogazione dei servizi IT. Lo schema seguente illustra le principali aree dello standard e la stretta correlazione che sussiste tra di loro. Pagina 9 di 37

10 Le best practices ITIL analizzano da angolazioni differenti il mondo dell erogazione dei servizi IT con l obiettivo di non trascurare nessuno dei molteplici aspetti coinvolti per stabilire azioni e regole che influenzano le varie attività legate all esercizio. ITIL è un framework e non un metodo in quanto non fornisce indicazioni operative univoche e vincolanti ma le sue norme di riferimento vanno adattate alle situazioni operative. La versione di ITIL a cui si fa riferimento in questo documento è la versione 2 che risulta essere particolarmente adatta al contesto SPC. Per l analisi dei servizi di conduzione SPC, risulta di particolare interesse la porzione di framework orientata alla gestione dei servizi, definita anche come IT Service Management (ITSM). I tre obiettivi dell'itsm, secondo lo standard ITIL, sono i seguenti: allineare i servizi IT con le esigenze correnti e futuri del business e dei clienti; migliorare la qualità dei servizi IT erogati; ridurre i costi fissi di erogazione dei servizi. L'IT Service Management è suddiviso in una serie di processi integrati e correlati tra loro. I processi di ITSM in ITIL sono divisi in due aree principali, quella di Service Support e quella di Service Delivery. Obiettivo dei processi di Service Support è la gestione del ciclo di vita dell infrastruttura tecnologica a supporto dell erogazione dei servizi IT. Obiettivo dei processi di Service Delivery è la definizione delle caratteristiche dell infrastruttura tecnologica a supporto dell erogazione dei servizi IT. Per valutare l andamento dei servizi SPC risulta di particolare interesse l analisi dei processi di Service Support, in quanto questi governano l erogazione dei servizi di conduzione SPC. Pagina 10 di 37

11 L area di Service Support si compone dei seguenti processi: Service Desk Incident management Problem Management Configuration Management Change Management Release Management Per il dettaglio dei singoli processi si rimanda al sito ufficiale dello standard ITIL Pagina 11 di 37

12 6. METRICHE PER IL SERVICE SUPPORT Le metriche per i processi di Service Support permettono di avere una visione globale dell andamento del servizio monitorato, dove per andamento non si intende la sola gestione del servizio, ma anche una sua valutazione, in termini di aderenza ai risultati attesi ed il processo di miglioramento che ne potrebbe conseguire. Miglioramento del servizio Servizio Gestione del servizio Valutazione del servizio Metric he Esistono diverse categorie di metriche: Metriche Operative: ovvero l osservazione di eventi operativi nei processi ITSM. Esempi di tali metriche sono: il numero di incidenti, il totale delle chiamate, etc... KPI (Key Performance Indicators): cioè metriche che misurano le performance dei vari processi. Lo scopo dei KPI è quello di controllare i processi che determinano la competitività attraverso una visione globale delle prestazioni di efficienza e di efficacia al fine di avere il controllo e la sensibilità sui processi chiave di business. Queste sono le metriche più importanti e che ci devono guidare nella gestione dei processi. Esempi di KPI sono: % Risoluzione di incidenti al primo contatto, % di incidenti bloccanti, etc... Pagina 12 di 37

13 Tipicamente queste metriche sono calcolate a partire da metriche operative. Tolleranze: questo tipo di metriche misurano l intervallo di tolleranza dei KPI, distinguendo i valori accettabili da quelli che non lo sono. Fattori Critici di Successo (o CSF): cioè indicatori che sono fondamentali dal punto di vista del business o del cliente. Esempi di CSF sono: % di incremento di quote di mercato, % di riduzione dei costi. Tipicamente queste metriche sono calcolate a partire dai KPI. Le relazioni tra le varie categorie e' riportata nel diagramma seguente. Alla base della teoria di identificazione dei CSF vi è l analisi di dettaglio dei processi che compongono il business dell azienda (nel caso della PA il business può assumere un accezione più ampia come quella di funzione o scopo dell Amministrazione). Nel contesto in cui operiamo non è possibile trovare un modello di business unico ed applicabile indistintamente a tutte le PA a cui i servizi SPC sono rivolti. Tuttavia risulta possibile individuare un paniere di KPI che misurano l andamento dei servizi SPC. Le Amministrazioni potranno modellare ed integrare tali informazioni all interno del proprio Business Process in maniera da ottenere dei propri CSF rilevanti. Pagina 13 di 37

14 Pagina 14 di 37

15 7. PROCESSI SPC E PROCESSI ITIL I processi ITIL di Service Support possono essere visti come processi trasversali rispetto ai servizi SPC, infatti tali processi identificano i diversi aspetti del servizio SPC. Risulta chiaro che i processi ITIL in qualche maniera indirizzano e governano l andamento dei servizi di conduzione, i KPI dei processi di Service Support che trovano applicazione sul servizio SPC sono definiti punti di contatto, e sono gli elementi che legano il processo ITIL al servizio SPC. Attraverso il monitoraggio di tali punti di contatto (o KPI) abbiamo le evidenze dell andamento del servizio SPC in tutti i suoi aspetti. Pagina 15 di 37

16 8. DEFINIZIONE KPI PER I SERVIZI DI CONDUZIONE SISTEMI Al fine di individuare un insieme di KPI, relativi ai servizi di Conduzione Sistemi SPC, che possano dare delle evidenze d interesse per la Pubblica Amministrazione, è stato realizzato un processo logico Top-Down suddiviso in diverse fasi: 1. Definizione Obiettivo del Servizio in funzione delle esigenze della PA; 2. Individuazione dei Processi SPC impattanti funzionali al raggiungimento dell Obiettivo; 3. Definizione del Perimetro di misura all interno dei Processi; 4. Definizione del Paniere KPI da applicare al Perimetro di Misura individuato. Le fasi individuate vengono illustrate nei sottoparagrafi seguenti Obiettivo del servizio Primo passo necessario e fondamentale è quello di mettere a fuoco quali sono le motivazioni, e quindi gli obiettivi, che hanno spinto l Amministrazione ad acquisire i servizi di Conduzione SPC. Attraverso l identificazione dell obiettivo è possibile capire quali sono, rispetto al servizio erogato, le attività (o i processi) di maggiore impatto e d interesse. Differenti Amministrazioni possono avere differenti esigenze, e per questo non è possibile stabilire in maniera univoca, quali esigenze hanno spinto l Amministrazione a dotarsi dei servizi in questione. Gli obiettivi proposti cercano un astrazione dallo specifico caso della PA e rappresentano il massimo fattore comune delle esigenze delle Amministrazioni. I tre differenti obiettivi, per i tre servizi di conduzione (System, PDL e WAN/LAN Management), sono di seguito riportati: Servizio SPC SYSTEM Management PDL Management WAN/LAN Management Obiettivo Supportare l'erogazione dei servizi forniti dall'infrastruttura hardware e middleware Supportare l'operatività degli utenti Supportare l'operatività dei servizi di System e PDL Management Pagina 16 di 37

17 8.2. Processi SPC impattanti I servizi di conduzione SPC si compongono di diverse attività. Le attività che si effettuano sono organizzate per macrocategorie e possono essere di diverso genere e di diversa natura. Solo le attività che direttamente o indirettamente influenzano l obiettivo finale del servizio, come definito nel paragrafo precedente, vengono definiti impattanti. Dal monitoraggio di queste attività (o processi SPC) scaturiscono le misure d interesse perché da loro dipende il raggiungimento dell obiettivo. Di seguito vengono riportati alcuni estratti dei processi che compongono i servizi di conduzione con evidenza di quelli ritenuti impattanti. La lista completa dei processi impattanti, suddivisa per servizio, è riportata in Appendice al par.a.2. SYSTEM Management Categoria Processo Gestione Software Controllo remoto software Software distribution Manutenzione Software - correttiva Manutenzione Software - evolutiva Salvataggio e ripristino software base e applicativo Operation Management Realizzazione/Aggiornamento procedure di lavoro Preparazione e aggiornamento flussi di lavoro Schedulazione e controllo dei lavori in produzione Gestione dei supporti di memorizzazione Gestione delle stampe Sono stati ritenuti impattanti quei processi del servizio di System Management (riportati nella precedente tabella) che condizionano l operatività dell infrastruttura nell erogazione del servizio (come da obiettivo identificato). I processi non impattanti, e quindi non di interesse, risultano essere tutti quei processi riconducibili ad attività di manutenzione standard o ad attività pianificate. PDL Management Categoria IMACD Processo Servizio di Installazione Servizio di Movimentazione Gestione Software Controllo remoto SW e Monitoraggio PdL SW Distribution Pagina 17 di 37

18 SW Maintenance manutenzione correttiva SW Maintenance manutenzione evolutiva Servizi Cross. Gestione Registri di Configurazione Assistenza presso l Amministrazione Configuration Management Gestione Terze Parti I processi d interesse per il servizio di PDL Management sono quelli che hanno un influenza sull operatività degli utenti finali, ovvero quei processi che garantiscono il normale svolgimento delle attività lavorative. Non sono ritenuti d interesse i processi che sono volti alla manutenzione ed evoluzione dell infrastruttura. WAN/LAN Management Categoria Controllo remoto WAN/LAN Processo Controllo remoto e monitoraggio LAN Monitoraggio WAN Gestione delle configurazioni Gestione delle configurazioni Servizi Cross Gestione Registri di Configurazione Assistenza presso l Amministrazione Gestione Terze Parti Il funzionamento dell infrastruttura di rete è elemento chiave per la corretta erogazione dei servizi in precedenza descritti. I processi ritenuti impattanti sono quelli che possono fornire evidenze dei disservizi che causando un non corretto funzionamento della rete compromettono l'operatività dei servizi di System e PDL Management Perimetro di misura Le richieste relative ai processi di Service Support vengono tracciate nel sistema di Ticket Management (o TM). I ticket sono l elemento unitario del termometro TM e permettono di monitorare l andamento del servizio. In funzione delle caratteristiche del ticket (come ad esempio, la severità, l asset associato, la causa identificata, etc ) esso può essere associato ad un singolo processo del servizio SPC. L associazione tra tipologia di ticket ed il processo impattante permette di discriminare un pool di ticket che compongono il perimetro sul quale vengono effettuare le Pagina 18 di 37

19 misurazioni. Tali misurazioni, effettuate su ticket riconducibili ad un processo impattante, sono di rilievo per misurare l obiettivo. Di seguito vengono riportati i processi impattanti associati ai relativi perimetri per il servizio di PDL Management; l elenco completo dei perimetri, suddivisi per servizi, è riportato in Appendice al par.a.3. PDL Management Processi Impattanti IMACD Controllo remoto SW e Monitoraggio PdL SW Maintenance manutenzione correttiva HW Maintenance Gestione Terze Parti Software distribution Perimetro Ticket change di movimentazione Ticket incident e change di restore software da remoto Ticket incident su problematiche software Ticket incident su problematiche hardware Ticket incident aperti verso fornitori terzi Ticket change per software distribuition 8.4. Paniere KPI A partire dai processi ITIL di Service Support (Service Desk, Incident Management, Change Management e Configuration Management) e dalle misurazioni di questi, è stato identificato un paniere di KPI contestualizzato per il modello di servizio SPC. I KPI possono essere di due tipologie: di qualità, nel caso forniscano indicazioni sulla qualità percepita dall utente finale; di servizio, nel caso forniscano indicazioni sull erogazione del servizio. Di seguito vengono riportati i KPI relativi al processo di Incident Management; la lista completa dei KPI associati ai processi ITIL sono riportati in Appendice al par.a.4. Processo ITIL Tipo KPI Descrizione Incident management Qualità % di ticket chiusi al primo livello La metrica evidenzia una qualità del servizio percepita dall'utente finale. Servizio % di incident bloccanti Servizio % di incident non bloccanti Indicatore della capacità di erogazione dei servizi forniti dall'infrastruttura IT e dell'operatività degli utenti. Indicatore della capacità di erogazione dei servizi forniti dall'infrastruttura IT e dell'operatività degli utenti. Servizio tempo medio di risoluzione degli incident bloccanti Indicatore temporale della capacità di gestione del servizio forniti dall'infrastruttura IT e dell'operatività degli utenti. Servizio tempo medio di risoluzione degli incident non bloccanti Servizio % di incident non riscontrate Indicatore temporale della capacità di gestione del servizio forniti dall'infrastruttura IT e dell'operatività degli utenti. Indica la quantità delle richieste gestite di cui non di riscontra l'anomalia evidenziata Pagina 19 di 37

20 dall'utente PA. Servizio Durata media del disservizio Qualità Servizio Tempo medio di comunicazione della diagnosi al richiedente Tipologia di incident con frequenza superiore alla soglia di riferimento (Es.10%) Indicatore temporale della capacità di erogazione del servizio forniti dall'infrastruttura IT e dell'operatività degli utenti. La metrica evidenzia una qualità del servizio percepita dall'utente finale. Indicatore della frequenza della tipologia di anomalia Associazione KPI e Processo Impattante SPC I KPI individuati vengono misurati sull insieme di ticket associato al perimetro del processo SPC. Con tale livello di dettaglio possono essere misurati i KPI per singola attività, fornendo all Amministrazione uno strumento di analisi di dettaglio sul servizio erogato. Di seguito viene riportato un estratto del paniere di KPI (processi ITIL di Incident e Change Management) applicato ai processi impattanti di Controllo remoto software e Manutenzione software del servizio di System Management (con evidenza del relativo perimetro di ticket). La lista completa dei KPI applicati alle singole attività, per ogni servizio SPC, ed i relativi perimetri è riportata in Appendice al par.a.5. Processo ITIL KPI Attività (o processo SPC) Controllo remoto software Ticket incident Perimetro proattivi su problematiche software Incident management % di ticket chiusi al primo livello % % % di incident bloccanti % % % di incident non bloccanti % % Manutenzione software Ticket incident su problematiche software tempo medio di risoluzione degli incident bloccanti Tempo Medio Tempo Medio tempo medio di risoluzione degli incident non bloccanti Tempo Medio Tempo Medio % di incident non riscontrate % % Durata media del disservizio Tempo Medio Tempo Medio Tempo medio di comunicazione della diagnosi al richiedente Tempo Medio Tempo Medio Tipologia di incident con frequenza superiore alla soglia di riferimento (Es.10%) % % Change Management % di ticket chiusi al primo livello % di change bloccanti % di change non bloccanti Tempo medio di implementazione di una change bloccante Tempo medio di implementazione di una change non bloccante % di attività di change non eseguita causa cliente % di change effettuate per risolvere un evento anomalo Pagina 20 di 37

21 % di change per incrementare la soddisfazione dell'utente % di change per manutenzione ordinaria ed evolutiva 8.6. I Livelli di astrazione La misurazione dei KPI, riferita ad ogni singola attività (come descritto nel paragrafo precedente), permette alle Amministrazioni di poter valutare l andamento nello specifico. Tuttavia con tale livello di dettaglio si perde una visione globale del servizio. Per questo risulta d interesse poter misurare i KPI secondo diversi livelli di astrazione. I livelli di astrazione proposti sono tre: Livello 3 Rappresenta il massimo livello di dettaglio, è la misura dei KPI su di un sottoinsieme di ticket (perimetro) associato ad una attività del servizio; Livello 2 Rappresenta un astrazione del livello 3, su tale livello le misurazioni sono effettuate ponendo come unico perimetro l insieme di tutti i ticket considerati nel livello 3. Tale livello fornisce le misurazioni dei KPI in relazione al servizio nel complesso e non in relazione alla singola attività; Livello 1 Rappresenta un astrazione del livello 2, in tale livello le misurazioni sono effettuate su tutti i ticket componenti il livello 2 di tutti e tre i servizi in maniera congiunta. Tale livello permette di avere una visione unificata dei servizi di conduzione SPC. Osservando un livello superiore (es. Livello 1) è possibile individuare facilmente eventuali mutamenti dell andamento del servizio, scendendo a livelli di dettaglio inferiori (ovvero più specifici) si può individuarne la causa. Di seguito viene riportato un estratto del Livello 2 per il servizio di System Management, il dettaglio completo dei livelli suddivisi per servizio è riportato in Appendice al par.a.5,a.6,a.7. Processo Ticket Management Ticket incident proattivi su problematiche software Perimetro Ticket incident su problematiche software Ticket incident proattivi su problematiche hardware Ticket incident su problematiche KPI hardware Ticket incident aperti verso fornitori terzi Ticket change per software distribuition Ticket incident e change per restore % segnalazioni eseguite tramite Numero Verde, , Portale Servizi % % di ticket chiusi al primo livello % % di ticket bloccanti % % di ticket non bloccanti % % incident % % change % Incident management % di ticket chiusi al primo livello % Pagina 21 di 37

22 % di incident bloccanti % % di incident non bloccanti % tempo medio di risoluzione degli incident bloccanti tempo medio di risoluzione degli incident non bloccanti % di incident non riscontrate % Tempo medio di comunicazione della diagnosi al richiedente % Tempo medio Tempo medio Durata media del disservizio Tempo medio Tipologia di incident con frequenza superiore alla soglia di riferimento (Es.10%) % 8.7. Le consistenze Oltre al valore del KPI, risulta di particolare importanza la numerosità campionaria (Valore assoluto) di tale misurazione. Tale numerosità campionaria è definita per ogni livello di misurazione. Di seguito viene riportato un esempio per il Livello 3 per il servizio di System Management; la lista completa è riportata in Appendice al par.a.8. Consistenze Livello 3 System Management Valore assoluto (n.) Ticket Asset Pagina 22 di 37

23 A. APPENDICE A.1. Servizi SPC ed obiettivi Servizio SPC SYSTEM Management PDL Management WAN/LAN Management Obiettivo Supportare l'erogazione dei servizi forniti dall'infrastruttura hardware e middleware Supportare l'operatività degli utenti Supportare l'operatività dei servizi di System e PDL Management A.2. Servizi SPC, attività (processi SPC) e processi impattanti SYSTEM Management Categoria Processo Gestione Software Controllo remoto software Software distribution Manutenzione Software correttiva Manutenzione Software evolutiva Salvataggio e ripristino software base e applicativo Gestione Hardware Controllo remoto hardware Manutenzione Hardware correttiva Monitoraggio, raccolta e storicizzazione valori di carico Gestione Terze Parti per manutenzione on-site Gestione attività on site Operation Management Realizzazione/Aggiornamento procedure di lavoro Preparazione e aggiornamento flussi di lavoro Schedulazione e controllo dei lavori in produzione Pagina 23 di 37

24 Gestione dei supporti di memorizzazione Gestione delle stampe Attività Sistemistica Gestione dei cambiamenti di configurazione Assistenza alla conduzione operativa Amministrazione database ordinaria Capacity planning Fault Management Messa in esercizio ambienti lavorativi Servizi Cross Gestione registri di configurazione Gestione attività presso l amministrazione Gestione terze parti PDL Management Categoria IMACD Processo Servizio di Installazione Servizio di Movimentazione Servizio di Aggiunta Servizio di Cambiamento Servizio di Disinstallazione Gestione Software Controllo remoto SW e Monitoraggio PdL SW Distribution SW Maintenance manutenzione correttiva SW Maintenance manutenzione evolutiva Gestione Hardware HW Maintenance Servizi Cross. Gestione Registri di Configurazione Assistenza presso l Amministrazione Configuration Management Gestione Terze Parti WAN/LAN Management Categoria Controllo remoto WAN/LAN Processo Controllo remoto e monitoraggio LAN Monitoraggio WAN Software Maintenance Software Maintenance manutenzione correttiva Pagina 24 di 37

25 HW Maintenance HW Maintenance Gestione delle configurazioni Gestione delle configurazioni Servizi Cross Gestione Registri di Configurazione Assistenza presso l Amministrazione Gestione Terze Parti A.3. Processi impattanti e relativo perimetro System Processi Impattanti Controllo remoto software Manutenzione software Controllo remoto hardware Manutenzione correttiva hardware Gestione Terze Parti Software distribution Ripristino software base e applicativo Perimetro Ticket incident proattivi su problematiche software Ticket incident su problematiche software Ticket incident proattivi su problematiche hardware Ticket incident su problematiche hardware Ticket incident aperti verso fornitori terzi Ticket change per software distribuition Tichet incident e change per restore PDL Management Processi Impattanti IMACD Controllo remoto SW e Monitoraggio PdL SW Maintenance manutenzione correttiva HW Maintenance Gestione Terze Parti Software distribution Perimetro Ticket change di movimentazione Ticket incident e change di restore software da remoto Ticket incident su problematiche software Ticket incident su problematiche hardware Ticket incident aperti verso fornitori terzi Ticket change per software distribuition WAN/LAN Management Processi Impattanti Controllo remoto e monitoraggio LAN Monitoraggio WAN Hardware e Software Maintenance Gestione Terze Parti Perimetro Ticket incident proattvi su problematiche LAN Ticket incident su problematiche WAN Ticket incident su problematiche LAN Ticket incident aperti verso fornitori terzi Pagina 25 di 37

Gestione Operativa e Supporto

Gestione Operativa e Supporto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A6_1 V1.0 Gestione Operativa e Supporto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per

Dettagli

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A.

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A. Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 pag. 1 di 12 Revisione Data Motivo Revisione Redatto da Approvato da 1.0 03/10/2009 Emissione Andrea

Dettagli

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

Le aree funzionali ed i processi

Le aree funzionali ed i processi Le aree funzionali ed i processi Gestione Operativa ITIL Information Technology Infrastructure Library (ITIL) è un insieme di linee guida ispirate dalla pratica (Best Practice) nella gestione dei servizi

Dettagli

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA);

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA); L economia della conoscenza presuppone che l informazione venga considerata come la risorsa strategica più importante che ogni organizzazione si trova a dover gestire. La chiave per la raccolta, l analisi,

Dettagli

ITIL Best Practices: dall Operation al Service Management L esperienza TIM

ITIL Best Practices: dall Operation al Service Management L esperienza TIM ITIL Best Practices: dall Operation al Service Management L esperienza TIM 30 Novembre 2005 Sandra Foglia, Francesco Muscuso 1 d i gi t a l IBM d i g i t a l Data General Il contesto: IT Operations Area

Dettagli

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services A COSA SERVE Fornisce supporto a 360 agli Utenti Gestione ottimizzata dell intero «ciclo di vita» degli asset informatici dalla acquisizione alla dismissione, eliminando l impatto della complessità tecnologica

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Introduzione ad ITIL. Information Technolgy Infrastructure Library. Che cos è ITIL. Una situazione critica. La sfida GOVERNO ICT GOVERNO ICT

Introduzione ad ITIL. Information Technolgy Infrastructure Library. Che cos è ITIL. Una situazione critica. La sfida GOVERNO ICT GOVERNO ICT Che cos è ITIL Sessione didattica su ITIL per Studenti di Ingegneria Informatica Politecnico di Torino Introduzione ad ITIL 17 Ottobre 2006 Information Technolgy Infrastructure Library COGITEK s.r.l. Via

Dettagli

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE... 3 1.1. Autori... 3 1.2. Modifiche Documento... 3 1.3. Riferimenti... 4 1.4. Acronimi e Definizioni... 4

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

Specifica del Servizio Network Operation Center

Specifica del Servizio Network Operation Center Specifica del Servizio Network Operation Center Tipo Documento: Specifica Qualified Exchange Network Scopo del Documento: Il presente documento si prefigge di descrivere la soluzione della SC- QXN relativa

Dettagli

The ITIL Foundation Examination

The ITIL Foundation Examination The ITIL Foundation Examination Esempio di Prova Scritta A, versione 5.1 Risposte Multiple Istruzioni 1. Tutte le 40 domande dovrebbero essere tentate. 2. Le risposte devono essere fornite negli spazi

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web

Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web 1 INDICE 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 3 2. SLA RELATIVO ALLA INFRASTRUTTURA PRIMARIA 3 2.1. Dati di targa... 3 2.2. Banda virtuale

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici ITSM

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

Servizio di IT Asset Inventory e Management

Servizio di IT Asset Inventory e Management Servizio di IT Asset Inventory e Management Dexit S.r.l. Sede legale: via G. Gilli, 2-38121 Trento (TN) Tel. 0461/020500 Fax 0461/020599 Cap.Soc. Euro 700.000,00 - Codice Fiscale, P.IVA, Registro Imprese

Dettagli

Servizi. Gennaio 2013. Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.)

Servizi. Gennaio 2013. Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.) Servizi Gennaio 2013 Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.) Sede Legale: Via La Spezia, 6 00182 Roma Sede Operativa: Via Tre Cannelle, 5 00040 Pomezia (RM) - Tel. +39.06.91997.1 - Fax +39.06.91997.241 - sales@scorylus.it

Dettagli

Servizi evoluti. 31/01/2013 Raffaele Garofalo 1

Servizi evoluti. 31/01/2013 Raffaele Garofalo 1 Servizi evoluti Service Desk e Monitorig evoluto Proattività e reattività L unica vera garanzia per i sistemi informatici. 31/01/2013 Raffaele Garofalo 1 Obbiettivi del servizio Standard ITIL (Information

Dettagli

6 crediti Tema d'esame 05/07/2012

6 crediti Tema d'esame 05/07/2012 Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria gestionale, dell'informazione e della produzione GESTIONE SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi Tema d'esame 05/07/2012 T1 (5 punti)- Struttura organizzativa di

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio di Sistemi Informativi Service Delivery and Support Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza ITIL.1 Relazioni con il.2 Pianificazione.3 Gestione

Dettagli

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE COME MISURARE UN SERVICE DESK IT A cura di Donatella Maciocia, consultant di HSPI Introduzione Il Service Desk, ovvero il gruppo di persone che è l interfaccia con gli utenti

Dettagli

Orientare le aziende verso il futuro

Orientare le aziende verso il futuro Orientare le aziende verso il futuro Hardware Networking - Software System Integrator Progettazione, Installazione, Assistenza Personal Computer, Notebook Server, Storage,, Stampanti Lan, Wan, Vpn, Wi-fi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

ALLEGATO 4 SINTESI DEI CONTRATTI OGGETTO DI MONITORAGGIO

ALLEGATO 4 SINTESI DEI CONTRATTI OGGETTO DI MONITORAGGIO ALLEGATO 4 SINTESI DEI CONTRATTI OGGETTO DI MONITORAGGIO CONDUZIONE, GESTIONE ED EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEI SISTEMI E DELLE PIATTAFORME CENTRALI E PERIFERICHE INPDAP L area d intervento comprende le seguenti

Dettagli

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia Ing. ConoFranco Miragliotta L azienda Gruppo Telecom Italia I numeri del Gruppo (al 31 dicembre 2007) 8 i Paesi in cui il Gruppo Telecom Italia è presente

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Incident Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Incident Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Incident Management Obiettivi Obiettivo dell Incident Management e di ripristinare le normali operazioni di servizio nel piu breve tempo possibbile e con il minimo impatto sul business, garantendo il mantenimento

Dettagli

COMPA Bologna 7/8/9 novembre 2006. ITIL / CMDBuild: un esempio di progetto di BPR e riuso in ambito ICT

COMPA Bologna 7/8/9 novembre 2006. ITIL / CMDBuild: un esempio di progetto di BPR e riuso in ambito ICT COMPA Bologna 7/8/9 novembre 2006 ITIL / CMDBuild: un esempio di progetto di BPR e riuso in ambito ICT 1 Motivazioni del progetto (1) Il Servizio Sistemi Informativi e Telematici del Comune di Udine è

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA. Azienda Ospedaliera

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA. Azienda Ospedaliera Capitolato Tecnico per l affidamento biennale del servizio di assistenza tecnica e manutenzione correttiva, perfettiva, normativa ed evolutiva degli applicativi della Ditta Engineering Ingegneria Informatica

Dettagli

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Lotto 2 - Interoperabilità Allegato C/1 INDICE PROGETTO TECNICO INDICE DEL PROGETTO 1 SERVIZI PER L'INTEROPERABILITÀ NEL DOMINIO DELLA RETE UNITARIA

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L ASSISTENZA TECNICA DEL SISTEMA RIS/PACS.

PROCEDURA APERTA PER L ASSISTENZA TECNICA DEL SISTEMA RIS/PACS. 1 PROCEDURA APERTA PER L ASSISTENZA TECNICA DEL SISTEMA RIS/PACS. CAPITOLATO TECNICO 1 OGGETTO Il presente appalto prevede la manutenzione ordinaria ed evolutiva del sistema RIS PACS a marchio FujiFilm

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 4 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT Obiettivi del CobiT (Control Objectives

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

Gara n. 4066. Fornitura di un sistema per il consolidamento della Piattaforma di Service Management SINTESI DELL APPALTO

Gara n. 4066. Fornitura di un sistema per il consolidamento della Piattaforma di Service Management SINTESI DELL APPALTO Gara n. 4066 Fornitura di un sistema per il consolidamento della Piattaforma di Service Management SINTESI DELL APPALTO Pagina 1 di 5 INDICE 1. CARATTERISTICHE DEL SISTEMA INFORMATICO DEL GSE... 3 2. PROGETTO

Dettagli

ITIL: best practice per l IT

ITIL: best practice per l IT Slide 0.1 ITIL: best practice per l IT I processi e l approccio ( a cura di Stefania Renna CA) 24 Novembre 2005 Pag. 1 Slide 1.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework

Dettagli

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Page 1 of 11 IL CERTIFICATO ITIL FOUNDATION IN IT SERVICE MANAGEMENT La

Dettagli

Gara a procedura aperta per la fornitura di servizi di gestione e manutenzione dei sistemi IP e PDL per le Pubbliche Amministrazioni ID 1657

Gara a procedura aperta per la fornitura di servizi di gestione e manutenzione dei sistemi IP e PDL per le Pubbliche Amministrazioni ID 1657 Gara a procedura aperta per la fornitura di servizi di gestione e manutenzione dei sistemi IP e PDL per le Pubbliche Amministrazioni ID 1657 I chiarimenti sono visibili sui siti: www.mef.gov.it; www.consip.it;

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Gara per la realizzazione del Sistema Informativo di Supporto alla Gestione degli Appalti Pubblici - SISGAP -

Gara per la realizzazione del Sistema Informativo di Supporto alla Gestione degli Appalti Pubblici - SISGAP - UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUPBLICA ITALIANA Via Cosenza 1/G - 88100 CATANZARO LIDO POR CALABRIA FESR 2007-2013 Linea di Intervento 1.2.2.2 Azioni per la realizzazione/potenziamento del sistema

Dettagli

Accordo per l erogazione. del servizio SICOGE. in modalità ASP

Accordo per l erogazione. del servizio SICOGE. in modalità ASP Accordo per l erogazione del servizio SICOGE in modalità ASP Sommario PREMESSA...3 SCOPO DEL DOCUMENTO...4 SPECIFICHE DEL SERVIZIO...4 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO...4 RUOLI E RESPONSABILITÀ...5 DISPONIBILITÀ

Dettagli

ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare)

ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare) ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare) ITIL è l acronimo di Information Technology Infrastructure Library e rappresenta un insieme di linee guida ispirate dalla

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Service Control Room «Il monitoraggio integrato dei Servizi Digitali» 04/12/2014

Service Control Room «Il monitoraggio integrato dei Servizi Digitali» 04/12/2014 Service Control Room «Il monitoraggio integrato dei Servizi Digitali» 04/12/2014 1. Il contesto INAIL 2. Perché una Service Control Room 3. Il modello di funzionamento definito 4. I primi risultati del

Dettagli

Realizzazione di un Network Operations Center (NOC) secondo best practices ITIL. Roberto Raguseo Roberto.raguseo@necs-servizi.it

Realizzazione di un Network Operations Center (NOC) secondo best practices ITIL. Roberto Raguseo Roberto.raguseo@necs-servizi.it Realizzazione di un Network Operations Center (NOC) secondo best practices ITIL Roberto Raguseo Roberto.raguseo@necs-servizi.it 1 Agenda Il Cliente oggetto dello studio La rete elettrica come Servizio

Dettagli

Service Desk Incident Problem Management

Service Desk Incident Problem Management Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A6_2 V1.2 Service Desk Incident Problem Management Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata

Università degli Studi della Basilicata Università degli Studi della Basilicata SERVIZIO DI ASSISTENZA MANUTENTIVA E GESTIONE TECNICA E SISTEMISTICA DEI SISTEMI COSTITUENTI LA RETE DI TELEFONIA DELL'UNIVERSITA' CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

C O M U N E D I G A L L I P O L I A r e a d e l l e P o l i t i c h e t e r r i t o r i a l i e d I n f r a s t r u t t u r a l i

C O M U N E D I G A L L I P O L I A r e a d e l l e P o l i t i c h e t e r r i t o r i a l i e d I n f r a s t r u t t u r a l i APPALTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL SISTEMA INFORMATICO COMUNALE BANDO DEL 16/05/2013 QUESITO N. 35 inviato alla casella di posta elettronica indicata sul bando in data 15/07/2013 Facendo riferimento

Dettagli

Determinazione n. 5/2012 GRUPPO DI IMPEGNI N. 4 GARANZIE DI TRASPARENZA DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO

Determinazione n. 5/2012 GRUPPO DI IMPEGNI N. 4 GARANZIE DI TRASPARENZA DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO Determinazione n. 5/2012 GRUPPO DI IMPEGNI N. 4 GARANZIE DI TRASPARENZA DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO CHIUSURA DELLE ATTIVITA DI VIGILANZA SUGLI INDICATORI DI PERFORMANCE - KPI L ORGANO DI VIGILANZA nella

Dettagli

Il ruolo di ITIL nell ICT Governance per il Comune di Milano

Il ruolo di ITIL nell ICT Governance per il Comune di Milano DSSI, Direzione Specialistica Sistemi Informativi Il ruolo di ITIL nell ICT Governance per il Comune di Milano 21 maggio 2007 Forum PA - ROMA Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi

Dettagli

PROFILO AZIENDALE 2011

PROFILO AZIENDALE 2011 PROFILO AZIENDALE 2011 NET STUDIO Net Studio è un azienda che ha sede in Toscana ma opera in tutta Italia e in altri paesi Europei per realizzare attività di Consulenza, System Integration, Application

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

Hitachi Systems CBT S.p.A.

Hitachi Systems CBT S.p.A. Hitachi Systems CBT S.p.A. EasyWare UN UNICA SOLUZIONE MODULARE PER GESTIRE HARDWARE, SOFTWARE E SERVIZI EasyWare è una soluzione flessibile e personalizzata per la gestione in outsourcing delle tecnologie

Dettagli

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Al servizio dei professionisti dell IT Governance Capitolo di Milano Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Valter Tozzini - ItSMF Italia Paola Belforte - ItSMF

Dettagli

Workflow Infrastructure Services

Workflow Infrastructure Services Workflow Infrastructure Services Power & Control Solutions Paolo Fulli Senior Consultant IT IBM venerdì 26 ottobre 2007 Perché i Workflow Infrastructure Services? I Workflow Infrastructure Services (WIS)

Dettagli

Allegato tecnico Legalinvoice Luglio 2014 InfoCert Vers. 1.0 Pag. 1 di 13. Legalinvoice - Allegato Tecnico

Allegato tecnico Legalinvoice Luglio 2014 InfoCert Vers. 1.0 Pag. 1 di 13. Legalinvoice - Allegato Tecnico InfoCert Vers. 1.0 Pag. 1 di 13 Legalinvoice - Allegato Tecnico InfoCert Vers. 1.0 Pag. 2 di 13 Sommario Novità introdotte rispetto alla precedente emissione... 3 1 Introduzione... 4 2 Riferimenti normativi...

Dettagli

L importanza di ITIL V3

L importanza di ITIL V3 6HUYLFH'HOLYHU\DQG3URFHVV$XWRPDWLRQ L importanza di ITIL V3 IBM - IT Strategy & Architecture Claudio Valant Le Migliori Prassi (Best Practice) ITIL ƒ ƒ ƒ ƒ,7,/ VWDSHU,QIRUPDWLRQ7HFKQRORJ\,QIUDVWUXFWXUH

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Revisione dei processi in chiave ITIL

Revisione dei processi in chiave ITIL Il Sole 24 Ore S.p.A. pag. 1 Milano, Perché la revisione dei processi in chiave ITIL Esigenza: necessità di interagire in modo strutturato con un fornitore di servizi (Outsourcer) Creazione e gestione

Dettagli

ASSISTENZA SPECIALISTICA PER LA GESTIONE E

ASSISTENZA SPECIALISTICA PER LA GESTIONE E PROCEDURA RISTRETTA (AI SENSI DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I.) PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SPECIALISTICA PER LA GESTIONE E L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO SOFTWARE DELLA CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO

Dettagli

Sicurezza ICT e continuità del Business. Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013

Sicurezza ICT e continuità del Business. Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013 Sicurezza ICT e continuità del Business Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013 Indice L approccio alla Sicurezza ICT La rilevazione della situazione L analisi del rischio Cenni agli Standard di riferimento

Dettagli

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION ISA ICT Value Consulting La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de ACCESSNET -T IP NMS Network System Con il sistema di gestione della rete (NMS) è possibile controllare e gestire l infrastruttura e diversi servizi di una rete ACCESSNET -T IP. NMS è un sistema distribuito

Dettagli

Quattro passi verso la competenza

Quattro passi verso la competenza Quattro passi verso la competenza Incompetenza inconscia (non so di non sapere) Incompetenza conscia (so di non sapere) Competenza conscia (finalmente so di sapere) Competenza inconscia (non so di sapere)

Dettagli

Desktop Management Risparmi ottenibili dalla gestione efficiente degli asset informatici.

Desktop Management Risparmi ottenibili dalla gestione efficiente degli asset informatici. Desktop Management Risparmi ottenibili dalla gestione efficiente degli asset informatici. Renato Taglietti Information Technology Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia Contesto Geografico/Ambientale

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Davide Lizzio CISA CRISC Venezia Mestre, 26 Ottobre 2012 Informazioni Aziendali: Il processo di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica Pag. 1 di 10 ALLEGATO 2 - OFFERTA TECNICA La busta B - Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i per l affidamento dei servizi per

Dettagli

ROMA, 22 Maggio 2014. Gruppo TERNA

ROMA, 22 Maggio 2014. Gruppo TERNA Lo scenario di Business in cui opera Terna è quello dell energia elettrica, una risorsa indispensabile per la vita, lo sviluppo e la crescita di tutti i popoli del mondo. Gruppo TERNA L energia elettrica,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 16 Indice 1. PREMESSA... 3 2. ELEMENTI DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DELLA SOLUZIONE...

Dettagli

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc.

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc. AS/400 STAMPANTI SERVER WINDOWS WORKSTATIONS MATERIALI DI CONSUMO SERVER LINUX CORSI DI FORMAZIONE CHI SIAMO Solution Line è una società di consulenza composta da professionisti di pluriennale esperienza,

Dettagli

Approfondimenti tecnici su framework v6.3

Approfondimenti tecnici su framework v6.3 Sito http://www.icu.fitb.eu/ pagina 1 I.C.U. "I See You" Sito...1 Cosa è...3 Cosa fa...3 Alcune funzionalità Base:...3 Alcune funzionalità Avanzate:...3 Personalizzazioni...3 Elenco Moduli base...4 Elenco

Dettagli

ATLAS Reply. Modello, metodologia e servizi offerti

ATLAS Reply. Modello, metodologia e servizi offerti ATLAS Reply Modello, metodologia e servizi offerti Mission Atlas Reply nasce nel 2001 con questa mission: Allineare l IT alle necessità del business operando sull automazione dei processi, l efficacia

Dettagli

LIVELLI DI SERVIZIO E PENALI

LIVELLI DI SERVIZIO E PENALI Allegato 7 alla lettera d invito Allegato E al Contratto Quadro Allegato E al Contratto Esecutivo LIVELLI DI SERVIZIO E PENALI GARA A PROCEDURA RISTRETTA N. 1/2009 PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE

Dettagli

PROGETTO PER LA MANUTENZIONE DI UNA RETE LOCALE IN CONVENZIONE CONSIP COMUNE DI CARRARA SEDE DI CARRARA - PROGETTO PRELIMINARE -

PROGETTO PER LA MANUTENZIONE DI UNA RETE LOCALE IN CONVENZIONE CONSIP COMUNE DI CARRARA SEDE DI CARRARA - PROGETTO PRELIMINARE - PROGETTO PER LA MANUTENZIONE DI UNA RETE LOCALE IN CONVENZIONE CONSIP COMUNE DI CARRARA SEDE DI CARRARA - PROGETTO PRELIMINARE - Telecom Italia S.p.A. INDICE 1. Registrazione modifiche documento... 3 2.

Dettagli

Altiris Asset Management Suite 7.1 di Symantec

Altiris Asset Management Suite 7.1 di Symantec Garantisce la conformità e massimizza l'investimento IT Panoramica La continua evoluzione del mondo IT è un aspetto inevitabile, tuttavia la gestione delle risorse fornisce un punto di partenza per adottare

Dettagli

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO CONSORZIO COMUNI B.I.M. DI VALLE CAMONICA Procedura per l individuazione di un socio privato che partecipi alla costituzione di una società di capitali nella forma di società a responsabilità limitata

Dettagli

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Comune di Empoli Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Offerta /P/2014 Vers. 1.0 Data: 17 Luglio 2014 INTRODUZIONE... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4

Dettagli

Introduzione di nuove logiche di

Introduzione di nuove logiche di Introduzione di nuove logiche di Romano Brida Venezia Mestre, 6 Ottobre 01 1 Obiettivi del documento Presentare l'approccio NTT DATA al Performance & Quality Management lungo il ciclo di vita del software

Dettagli

Catalogo dei servizi DSET. Schede di sintesi

Catalogo dei servizi DSET. Schede di sintesi Catalogo dei servizi DSET Schede di sintesi La versione pubblica qui esposta riporta esclusivamente indicazioni sul livello di servizio offerto dal Cineca relativamente ai servizi di hosting, di connettività

Dettagli

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI ANALISI SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI Descrizione dell indagine e del panel utilizzato L associazione itsmf Italia

Dettagli

WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE. Come utilizzare al meglio un database di gestione delle configurazioni (CMDB)?

WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE. Come utilizzare al meglio un database di gestione delle configurazioni (CMDB)? WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE Come utilizzare al meglio un database di gestione delle configurazioni (CMDB)? Indice generale ExEcutive summary... 1 Perché un CMDB... 2 Importanza della gestione delle

Dettagli

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM enclose Engineering Cloud Services CRM runs on Microsoft Dynamics CRM IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING EncloseCRM EncloseCRM è la proposta Software as a Service di Engineering per offrire al mercato

Dettagli