CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia"

Transcript

1 PROT. N ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato Immoblare. Attuazone provvedmento d cu all artcolo, comma 335, della legge 30 dcembre 2004, n. 3. Drezon Central, Consgler, Drezon Regonal e Uffc Provncal. Data della presente CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Roma, /8/2005 Frmato: ng. Carlo Cannafogla N pagne complessve: n allegato L orgnale cartaceo frmato è archvato presso l Ente emttente Premessa Come è noto, l art., comma 335, della legge n. 3 del 2004 prevede l attvazone, su rchesta de Comun nteressat, d process d revsone parzale d classamento nelle mcrozone comunal, defnte a sens dell artcolo 2 del DPR 23 marzo 998 n. 38, che presentano partcolar caratter d anomala rspetto al contesto comunale. Le molteplc fas d attuazone del processo, peraltro caratterzzate da dvers lvell d dffcoltà, sono sostanzalmente rconducbl alle seguent due macrofas: ndvduazone delle mcrozone per le qual può essere attvato l processo revsonale, rcorrendo le condzon prevste dalla legge; attvazone ed attuazone del processo d revsone parzale del classamento. Con la presente crcolare vene dscplnata prncpalmente la prma delle suddette macro-fas del processo. Pag. d 8

2 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare Crcolare N 9 dell /8/2005 Prot. N Ambto d applcazone Come gà rlevato, l comma 335 prevede che, preva specfca rchesta de Comun nteressat, vengano attvat a cura dell Agenza del Terrtoro process d revsone parzale del classamento delle untà mmoblar ste nelle mcrozone comunal anomale, per le qual l rapporto tra l valore medo d mercato d mcrozona ed l corrspondente valore medo catastale, ndvduat con crter d seguto rchamat, s dscosta sgnfcatvamente dall analogo rapporto relatvo all nseme delle mcrozone comunal. Con la determnazone drettorale del 6/2/05, pubblcata sulla G.U. n. 40 del 8/2/05 ed emanata n attuazone del comma 339 del ctato artcolo della legge n. 3/2004, sono state dscplnate n partcolare, all artcolo, le modaltà d aggornamento del valore medo d mercato, con rfermento a valor dell osservatoro del mercato mmoblare dell Agenza, e segnatamente al secondo semestre Pù precsamente valor d mercato aggornat da assumere sono quell relatv alla destnazone prevalente delle untà mmoblar present n cascuna mcrozona comunale, secondo l quadro d qualfcazone prevsto dal D.P.R. 38/98 e tenuto conto delle correlazon con le attual categore catastal. Nelle lnee guda allegate alla suddetta determnazone: sono rportat crter e le modaltà operatve att a calcolare l rapporto sopra defnto per le sngole mcrozone d un Comune e, qund, ad ndvduare quelle anomale ; è prelmnarmente specfcato che l suddetto rapporto ha una sgnfcatvtà statstca solo per Comun con un numero d mcrozone superore o uguale a tre; è stablto nel +/- 35% la sogla d scostamento mnmo tra l rapporto d mcrozona e quello medo d comune, affnchè sa attvable l processo d revsone. Detta sogla può essere modfcata, ma solo con fnaltà ncrementatve, con specfco provvedmento dell Ammnstrazone comunale. Pag. 2 d 8 Frmato Carlo Cannafogla

3 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare Crcolare N 9 dell /8/2005 Prot. N Inoltre, dalle prelmnar attvtà d elaborazone prevste dalle suddette lnee guda è emerso che nell ambto d uno stesso Comune possono essere present mcrozone con numero d untà mmoblar marcatamente esguo rspetto alla meda d mcrozona, tale da consglarne l esclusone dal processo sa n relazone al modesto lvello d perequazone fscale conseguble sa n rapporto a consderazon d natura statstca. Il lvello mnmo d sgnfcatvtà delle u.. present n cascuna mcrozona è stato fssato nel 5% del suddetto valore medo e le relatve modaltà d ndvduazone sono rportate nell allegata nota tecnca. 3 Processo operatvo per la determnazone del rapporto caratterzzante le mcrozone anomale. Il processo d elaborazone e calcolo de rapport ndvduatv delle mcrozone anomale s svluppa nelle fas operatve d seguto sntetcamente rchamate e rguardant d norma tutte le mcrozone comunal: a. ndvduazone del valore medo untaro d mercato, per ogn mcrozona, aggornato sulla base de dat OMI, b. determnazone del valore medo untaro catastale ICI, per ogn mcrozona, ndvduato come rapporto fra la somma del valore catastale ICI, relatvo a tutte le untà mmoblar appartenent alle categore catastal nteressate dal processo, e quella della superfce catastale delle medesme u..; c. calcolo del rapporto a/b, con rfermento alla sngola mcrozona (rapporto d mcrozona) ed all nseme delle mcrozone comunal (rapporto medo comunale). Le suddette fas operatve sono descrtte dettaglatamente nell allegata nota tecnca. Per le operazon sopra rchamate è stata predsposta la procedura Gestone 335, che ntegra la procedura Gestone mcrozone: Mcrozone 998 gà attva presso gl Uffc provncal. La nuova procedura consente l rlasco per cascun Pag. 3 d 8 Frmato Carlo Cannafogla

4 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare Crcolare N 9 dell /8/2005 Prot. N Comune d un report contenente le nformazon necessare alle verfche per l applcabltà del comma 335. In partcolare per ogn mcrozona, con destnazone prevalente R (resdenzale), T (negoz e botteghe), T2 (magazzn e laborator) o T7 (uffc o stud prvat), appartenente a Comun con un numero d mcrozone >= 3, l report contene tra l altro nformazon crca: le untà mmoblar (numero, rendta, consstenza, superfce n mq convenzonal, a sens del D.R. 38/98); l valore medo catastale untaro (VC); l valore medo d mercato aggornato untaro (VM); l rapporto d mcrozona (R = VM / VC); l rapporto d sogla per cascuna mcrozona (rs), coè l quozente tra R e la meda artmetca de valor R relatv all nseme delle mcrozone comunal (RC). La funzonaltà ntrodotta consente all Uffco d elaborare dat fno alla fase d valdazone. La successva fase d produzone e trasmssone de dat al Comune s realzza e s svluppa con l nvo a cascun Comune nteressato d un fle n formato excel contenente le nformazon descrtte al successvo paragrafo 4. Il processo s conclude con la produzone per cascuna provnca d un prospetto rportante l elenco de Comun nteressat e, per cascun Comune, delle mcrozone anomale, nonché l ndcazone della avvenuta valdazone e trasmssone a Comun de suddett fle. Per Comun appartenent a provnce per le qual sono ancora n corso gl appalt per l acquszone de dat metrc delle untà mmoblar desunt dalle planmetre, l calcolo della superfce catastale può essere effettuato derogando dal lmte mnmo d sgnfcatvtà del 25% (ved paragrafo.6 della nota tecnca allegata) e, comunque, fno ad una msura non nferore al 0%. Le lnee guda, al comma 5, prevedono che l Agenza del Terrtoro, scaduto l termne utle d cnque mes prevst dalla determnazone drettorale per l elaborazone de dat, renda dsponbl gl stess a Comun, che ne avanzno rchesta, entro 30 gorn dalla data d rcezone della rchesta medesma. Pag. 4 d 8 Frmato Carlo Cannafogla

5 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare Crcolare N 9 dell /8/2005 Prot. N A tal fne, prelmnarmente alla trasmssone, gl Uffc provncal provvederanno, attraverso la procedura n esame, alle verfche d congruenza degl archv delle mcrozone. I crter metodologc ed operatv per la realzzazone delle suddette attvtà d verfca, sono stat rappresentat nella nota tecnca allegata. 4 Comuncazone a Comun nteressat Al termne delle suddette operazon, gl Uffc Provncal comuncheranno la dsponbltà de dat a Comun nteressat e, a rchesta degl stess, provvederanno a fornre l fle n formato excel che, per ogn mcrozona con destnazone prevalente R, T, T2 o T7, rporta: la destnazone; l valore medo catastale untaro (VC); l valore medo d mercato aggornato untaro (VM); l rapporto d mcrozona (R = VM / VC); l rapporto d sogla (rs = R / RC). E appena l caso far presente che dovrà essere fornto rscontro anche a Comun che gà n precedenza abbano rchesto dat e non provvedano a rnnovare la rchesta medesma. In questa ultma potes 30 gorn per l noltro del fle decorre dalla data n cu è stata noltrata a Comun stess la comuncazone crca la dsponbltà de dat. La comuncazone è effettuata con lettera raccomandata tramte l servzo postale, ovvero medante consegna a mano all ncarcato del Comune preva sottoscrzone del duplo per attestazone d avvenuta rcezone. In questa fase d anals prelmnare deve essere svluppato un dalogo con Comun, fnalzzato a fornre loro ogn possble supporto utle alla assunzone d provvedment motvat e correttamente documentat. In partcolare, su rchesta de Comun, potranno essere fornte ndcazon d massma, su base statstca, crca l lvello ottmale d ncremento/decremento del rapporto d mcrozona, che dovrebbe essere conseguto n cascuna mcrozona, per ottenere un effcace perequazone soprattutto n relazone a valor delle mcrozone contgue, e per consentre una prevsone d massma delle varazon delle rendte catastal e Pag. 5 d 8 Frmato Carlo Cannafogla

6 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare Crcolare N 9 dell /8/2005 Prot. N qund delle bas mponbl. D norma, l ntervento revsonale è fnalzzato a rportare lo scostamento della mcrozona anomala ad un valore prossmo allo scostamento medo delle mcrozone contgue non anomale ovvero ad annullare completamente lo scostamento medesmo (nel caso d mcrozone contgue con valore medo d scostamento d segno opposto a quello della mcrozona n esame). In tale anals prelmnare l Uffco avrà altresì cura d verfcare l margne d operabltà del processo perequatvo tenendo presente l vgente prospetto delle tarffe assocato al quadro d qualfcazone e la dstrbuzone delle frequenze de classament n att per le untà mmoblar present nella mcrozona. Questa ultma verfca potrà suggerre, d ntesa con Comun, l attvazone, n va alternatva, dell ordnaro procedmento revsonale che prevede, fra l altro, l ntegrazone del rchamato prospetto tarffaro. E appena l caso d evdenzare che l processo revsonale ordnaro rchede de temp tecnc attuatv superor per la necesstà d acqusre prevst parer e completare l ter approvatvo. 5 Gestone delle rcheste noltrate da Comun nteressat all attvazone del processo revsonale. Rcevute le rcheste, l Uffco provvederà ad aggornare lo specfco archvo prevsto dalla procedura Gestone 335, attraverso la regstrazone del numero d protocollo e della data d rchesta. Qund procederà all esame d merto, verfcando l esstenza de presuppost per l attvazone del processo d revsone parzale del classamento. A tale rguardo s specfca che la revsone, qualora attvata deve nteressare d norma tutte le mcrozone per le qual l rapporto d sogla (rs) rsult superore a,35 od nferore 0,65, a meno che l Comune non abba ndcato nella comuncazone, l avvenuta adozone medante specfco provvedmento d un ncremento della sogla d scostamento mnmo come defnta nel paragrafo 2, untamente agl estrem del provvedmento medesmo. In tal caso le verfche verranno esegute con rguardo a questo ultmo valore d sogla. Pag. 6 d 8 Frmato Carlo Cannafogla

7 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare Crcolare N 9 dell /8/2005 Prot. N In entramb cas le suddette attvtà devono essere svluppate entro 0 gg dalla data d rcevmento della rchesta. Alla rchesta medesma è allegata copa degl eventual provvedment ammnstratv ctat. Al fne d consentre l emanazone de provvedment drettoral nel rspetto de termn prevst dalla ctata determnazone del 6/02/2005, gl Uffc provncal provvedono ad acqusre a sstema, attraverso le specfche procedure d mmnente attvazone, le rsultanze delle verfche, relatve a Comun ed alle mcrozone che hanno evdenzato la presenza de presuppost per l attvazone del processo revsonale parzale n esame. 6 Montoraggo delle attvtà Le Drezon Regonal utlzzando le specfche procedure d consultazone rese dsponbl a sstema avranno cura d montorare lo stato d avanzamento delle attvtà, adottando ogn possble provvedmento affnché le stesse sano completate ne termn prevst dalle pù volte rchamate lnee guda. Entro l 0 d ogn mese del corrente anno a partre dal mese d settembre, le medesme Drezon relazoneranno alla Scrvente ndcando lo stato d avanzamento delle attvtà con rfermento al mese precedente (dat ncremental relatv al numero d rcheste: pervenute, evase ne termn, evase globalmente, non evase ne termn). 7 Dsposzon fnal Per l attuazone della seconda fase del processo revsonale, concernente l emanazone de decret d attvazone de process e lo svolgmento delle conseguent operazon d revsone del classamento, sono n corso d predsposzone le necessare procedure nformatche operatve a supporto delle attvtà agl Uffc. Le connesse modaltà attuatve saranno defnte con successve crcolar e dsposzon operatve. Pag. 7 d 8 Frmato Carlo Cannafogla

8 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare Crcolare N 9 dell /8/2005 Prot. N S nforma nfne che sulla matera, n partcolare per quanto concerne la seconda fase del processo, sono prevst specfc cors d formazone con presumble avvo nel prossmo autunno. Come gà sottolneato, gl Uffc provncal avranno cura d fornre a Comun nteressat, una dffusa nformatva su process ed ogn possble supporto e forma d collaborazone per l loro corretto svolgmento. Le Drezon Regonal supporteranno gl Uffc provncal nell attuazone della presente crcolare e ne verfcheranno l operatvtà nell ambto delle present dsposzon. Pag. 8 d 8 Frmato Carlo Cannafogla

9 Allegato alla Crcolare n 9 dell /8/2005 Nota tecnca llustratva della procedura Gestone mcrozone Mcrozone 998, ntegrata con la nuova funzonaltà Gestone 335, mrata alla elaborazone d report comunal ndvduatv delle mcrozone anomale. PREMESSA La nuova funzonaltà, gestsce dat dell archvo Mcrocom, dat specfcatamente selezonat dall archvo OMI con rfermento alle valorzzazon II semestre 2004, e dat del B.D. censuaro relatv all archvo delle planmetre. Prma dell attvazone del processo elaboratvo, l Uffco provvederà a verfcare la corretta correlazone tra fogl e mcrozone, con la procedura standard gestone mcrozone 998. Al rguardo una partcolare attenzone dovrà essere posta nel controllo della corretta assocazone de fogl-parte (compres anche fogl allegat urban) con tutte le mcrozone nteressate, nonché dell eventuale presenza d fogl non pù attual. Infne, ove necessaro, l Uffco provvederà ad apportare le eventual modfcazon ed ntegrazon al sstema d correlazone fogl-mcrozone. A tal fne è opportuno rcordare che, n caso d foglo d catasto urbano assocato a pù mcrozone, la procedura suddvde d norma l numero d u.. ed corrspondent valor delle rendte, delle superfc catastal n part ugual fra le dverse mcrozone nteressate. Da rlevare comunque che n caso d foglo margnalmente nteressante una mcrozona, al fne d rendere rsultat pù aderent alla realtà, lo stesso può essere escluso dal conteggo per la specfca mcrozona, elmnando l assocazone tra foglo e mcrozona. Le prncpal funzon della procedura gestone abltate lmtatamente a Comun che hanno un numero d mcrozone 3 - sono le seguent: Funzone elabora 2 Funzone valda 3 Funzone produc fle 4 Funzone trasmssone al Comune. FUNZIONE ELABORA La funzone permette d avere un report n formato pdf che, per ogn mcrozona, con destnazone prevalente R (resdenzale), T (negoz e botteghe), T2 (magazzn e laborator) o T7 (uffc o stud prvat), rporta una sequenza d dat selezonat dagl archv sopra ndcat ed elaborat allo specfco fne d verfcare la presenza de presuppost normatv alla determnazone d attvazone del processo. Il comando d esecuzone è dato dal pulsante stampa che consente d estrarre l report, n cu sono rportate, per cascuna mcrozona, seguent dat:. la destnazone; nota_tecnca_b_rv_ doc

10 Allegato alla Crcolare n 9 dell /8/ l numero d untà mmoblar;.3 per le mcrozone a destnazone resdenzale, l coeffcente d sgnfcatvtà (k) della presenza nella mcrozona delle untà mmoblar censte nelle categore resdenzal. A/,A/7,A/8, A/9,A/, nel seguto della nota defnte margnal, n relazone alla loro ordnara contenuta ncdenza sul numero complessvo delle untà mmoblar urbane;.4 la rendta catastale;.5 la consstenza catastale;.6 la superfce n mq convenzonal (a sens del D.P.R. 38/98);.7 l valore medo catastale (VC );.8 l valore medo d mercato aggornato (VM);.9 l rapporto d mcrozona (R=VM/VC);.0 l rapporto d sogla tra R e la meda artmetca de valor R relatv all nseme delle mcrozone comunal (RC). Per consentre all Uffco d esegure correttamente le attvtà relatve alle dverse funzon, vengono d seguto fornte le prncpal defnzon de termn tecnc utlzzat, untamente alla llustrazone de conness process elaboratv.. Destnazone Con rfermento all nseme delle destnazon prevalent potenzalmente present nelle mcrozone, tra quelle defnte a sens del DPR 38/98 (R; T; T2; T7; T3; P; P2; P3; P4; P5), la procedura, n coerenza con l artcolazone del sstema OMI, prende n consderazone solo le destnazon R, T, T2 e T7. Le mcrozone che presentano destnazone prevalente dversa da queste ultme sono escluse dal numero totale d mcrozone (mz), necessaro per determnare la sogla d operatvtà della norma (mz 3) e dalle successve operazon d estrazone dat, elaborazone e calcolo. Analogamente sono escluse le mcrozone nelle qual non è dsponble almeno un ntervallo d quotazon dell OMI..2 Numero d untà mmoblar Per la destnazone resdenzale, l numero d untà mmoblar è quello relatvo alle: - categore A/2, A/3, A/4, A/5 e A/6 (e cò ndpendentemente dalle tpologe edlze che concorrono alla determnazone del valore medo d mercato aggornato d mcrozona), qualora le categore margnal, non rsultno sgnfcatve a fne dell elaborazone (K< 0%); - ctate categore A/2, A/3, A/4, A/5 e A/6, ntegrate dalle categore A/7 e A/8, A/ e A/9, e A/, semprechè corrspondent segment vlle e vlln abtazon sgnorl e abtazon tpche de luogh rsultno valorzzat dall OMI, ed l coeffcente d sgnfcatvtà relatvo alle categore margnal, K, rsult uguale o superore al 0%. nota_tecnca_b_rv_ doc 2

11 Allegato alla Crcolare n 9 dell /8/2005 Per le altre destnazon s fa rfermento alle u..u censte nelle categore C/, C/2 e C/3, ed A/0, a seconda della destnazone T,T2 e T7..3 Coeffcente d sgnfcatvtà delle categore resdenzal defnte margnal (K) Per le mcrozone a prevalente destnazone resdenzale, vene defnto coeffcente d sgnfcatvtà K l rapporto tra l numero delle u..u appartenent alle categore A/, A/7, A/8, A/9 e A/, ed l numero complessvo delle untà resdenzal. A tal fne sono stat determnat, n cascuna mcrozona R, l numero delle u..u (n Rmg ) censte nelle suddette categore resdenzal margnal e l numero totale delle u..u. (n R ) appartenent al complesso delle categore resdenzal (A/ A/9, A/), fssando l lmte nferore d sgnfcatvtà del coeffcente K = (n Rmg/ n R ) nella msura percentuale del 0%. Pertanto al d sotto della suddetta sogla, le cosddette categore margnal sono escluse dalle elaborazon..4 Rendta catastale Per le dverse destnazon analzzate, la rendta catastale è determnata con rfermento alle categore o nsem d categore ed n base alle modaltà attuatve gà rappresentate nel precedente paragrafo.2..5 Consstenza catastale Per le dverse destnazon analzzate, la consstenza catastale è determnata con rfermento alle categore o nsem d categore ed n base alle modaltà attuatve gà rappresentate nel precedente paragrafo.2..6 Superfce n metr quadrat convenzonal A. La superfce complessva delle untà mmoblar a prevalente destnazone resdenzale è defnta n cascuna mcrozona come la sommatora delle superfc delle sngole u..u., calcolate a sens del DPR 38/98, con rfermento alle categore catastal selezonate n base a quanto specfcato ne precedent punt.,.2 e.3. Se per la mcrozona analzzata non rsultano dsponbl n banca dat le superfc d tutte le untà mmoblar, la superfce complessva è determnata applcando l seguente algortmo: s = sd + snd dove: nota_tecnca_b_rv_ doc 3

12 Allegato alla Crcolare n 9 dell /8/2005 s = superfce complessva delle u..u. resdenzal consderate per l calcolo del valore medo catastale d mcrozona; sd = superfce delle u..u. resdenzal dsponble n banca dat (calcolata n base a crter del DPR 38/98); snd = superfce delle u..u. resdual, uguale al prodotto del numero d van per la consstenza del vano medo d cascuna categora catastale nteressata; detta consstenza vene determnata come quozente tra la superfce sd ed l numero d van corrspondente. Nell ambto d cascun Comune, l vano medo d categora (a tal fne le categore A5 e A6 sono consderate come un unca categora) è determnato come quozente tra la superfce complessva dsponble relatva alle u..u. censte nella categora esamnata e la somma delle corrspondent consstenze catastal (van). A fn della valdtà del vano medo così calcolato, è pregudzale che: o o la sogla d sgnfcatvtà del campone (uu con superfce) rsult non nferore al 25% delle u..u. total del Comune (detta sogla è rdotta al 0% per Comun compres n provnce per le qual sono ancora n corso gl appalt per l calcolo delle superfc delle u..); l numero delle u..u. concorrent alla determnazone del vano medo d cascuna categora rsult 50. In caso contraro, l vano medo della categora analzzata non vene calcolato. B. Anche per le mcrozone a prevalente destnazone T (negoz) e T2 (magazzn e laborator), la superfce complessva delle u..u. è determnata n base all algortmo gà n precedenza ndcato: s = sd + snd dove: s = superfce complessva delle u..u. censte nella categora C/ ovvero nelle categore C/2 e C/3, rspettvamente per le mcrozone a prevalente destnazone T/ e T/2. sd = superfce delle u..u. d categora C/ ovvero C/2, C/3 e calcolata n base a crter del DPR 38/98, dsponble n banca dat, rspettvamente per le mcrozone a prevalente destnazone T/ e T/2. snd = superfce delle u..u. resdual, calcolata n base alla consstenza metrca attualmente nscrtta n catasto, ncrementata attraverso un coeffcente uguale, per cascun Comune, al rapporto tra la sd, e la corrspondente consstenza scrtta n catasto. nota_tecnca_b_rv_ doc 4

13 Allegato alla Crcolare n 9 dell /8/2005 In caso d assenza totale o d ndsponbltà d un numero sgnfcatvo (sogla d sgnfcatvtà 25% delle uu present) d dat d superfce, la snd può essere determnata ncrementando del 5% la superfce attualmente nscrtta n catasto. C. Parment per le mcrozone a destnazone T7 (uffc) s procede con le modaltà ndcate alla precedente lettera A, ma con rfermento alla superfce delle u..u. censte nelle categore A/0, defnte a sens del DPR n. 38/98..7 Valore medo catastale d mcrozona Il valore medo catastale d mcrozona (VC ) rappresenta l valore untaro per metro quadrato ottenuto come quozente tra la sommatora de valor ICI relatv alle u..u. ste nella mcrozona ed omogenee per destnazone e categora alla destnazone prevalente ndvduata a sens del DPR 38/98, e la superfce complessva delle medesme untà..7. Modaltà d calcolo per destnazone prevalente: Mcrozona a prevalente destnazone resdenzale (R) Nelle mcrozone a prevalente destnazone resdenzale, l valore medo catastale d mcrozona è defnto dalla seguente relazone: VC n u R = n r,05 00 s u dove: n s u = superfce complessva -esma mcrozona quale sommatora delle superfc delle u..u. (u =,, n) ad essa appartenent; n r u = rendta complessva -esma mcrozona quale sommatora delle rendte delle u..u. (u =,, n) ad essa appartenent. Mcrozona a prevalente destnazone T Nelle mcrozone a prevalente destnazone T (negoz e botteghe) l valore medo catastale d mcrozona è: VC n r u T = n,05 34 s u nota_tecnca_b_rv_ doc 5

14 Allegato alla Crcolare n 9 dell /8/2005 dove r sono le rendte catastal e s le corrspondent superfc delle u..u. u censte nella categora C/. Mcrozona a prevalente destnazone T2 u Nelle mcrozone a prevalente destnazone T2 (laborator artganal, magazzn e local da deposto) l valore medo catastale d mcrozona è: VC T 2 r r u = r,05 00 s u dove r sono le rendte catastal e s le corrspondent superfc delle u..u u censte nelle categore C/2 e C/3. Mcrozona a prevalente destnazone T7 u Nelle mcrozone a destnazone prevalente T7 (uffc o stud prvat) l valore medo catastale d mcrozona è: dove ru VC u T 7 = r r r,05 50 s u sono le rendte catastal e le su le corrspondent superfc delle u..u censte nella categora A/ Cas partcolar Qualora l numero d untà mmoblar present nella mcrozona non sa sgnfcatvo, l valore medo catastale d mcrozona non vene determnato. Per numero d untà sgnfcatvo è da ntenders quello corrspondente ad una percentuale non nferore al 5% della meda d untà mmoblar present nelle mcrozone d medesma destnazone prevalente. Ugualmente l valore medo catastale d mcrozona non vene determnato ne cas n cu dat d superfce dsponbl non superano le sogle d sgnfcatvtà prevste alla lettera A. del paragrafo.6..8 Valore medo d mercato aggornato.8. Determnazone del valore medo d mercato d zona Om (VzOMIj): nota_tecnca_b_rv_ doc 6

15 Allegato alla Crcolare n 9 dell /8/2005 Mcrozona a prevalente destnazone resdenzale (R) In queste mcrozone l valore medo OMI vene elaborato con modaltà dverse, n funzone della sgnfcatvtà o meno delle categore margnal. Pertanto n ognuna delle zone OMI comprese nella mcrozona, l valore medo d mercato (V zomij ) vene calcolato determnando, dapprma, valor central degl ntervall d valor pubblcat, corrspondent alle tpologe adottate, secondo la tabella seguente e con rfermento al II semestre 2004, e po operando la meda de suddett valor central: Destnazone prevalente Resdenzale con categore margnal Resdenzale senza categore margnal Tpologa edlza OMI Sgnfcatvtà categore margnal cvl economche vlle/vlln sgnorl tpche 0 S* S* S* S* S* <0 S* S* No No No *Le tpologe prve d quotazone sono escluse dal calcolo Ad esempo qualora K< 0% l valore medo OMI è dato dalla meda de valor central delle tpologe abtazon cvl ed abtazon economche qualora entrambe quotate n OMI. Se per una tpologa, valor pubblcat dall OMI sono rfert a pù stat d conservazone (ottmo, normale o scadente), valor da consderare sono, rspettvamente, la meda de valor massm e mnm de sngol stat valorzzat. Mcrozona a prevalente destnazone T, T2 o T7 Nelle mcrozone con destnazone prevalente negoz e botteghe (T) ovvero laborator artganal, magazzn, local da deposto (T2) ovvero uffc o stud prvat (T7), per le qual sono dsponbl quotazon dell Osservatoro, l valore medo d mercato della zona OMI, V zomij, è calcolato come meda de valor central degl ntervall d valor pubblcat, con rfermento al II semestre 2004, relatv alle tpologe corrspondent secondo la tabella seguente: Destnazone prevalente Negoz e botteghe Laborator artganal, magazzn, local da deposto Uffc o stud prvat Tpologa edlza OMI Negoz Magazzn e laborator Uffc nota_tecnca_b_rv_ doc 7

16 Allegato alla Crcolare n 9 dell /8/ Determnazone del valore medo d mercato aggornato d mcrozona (VM ): Se la mcrozona comunale -esma concde con la zona OMI j-esma, l valore V zomij concde con l valore medo d mercato aggornato d mcrozona, qund VM = V zomij Se la mcrozona comunale -esma contene un numero m d zone OMI, l valore medo d mercato aggornato d mcrozona è la meda de valor V zomij : VM m V zomij j= =. m.8.3 Cas partcolar Quando nella zona OMI non è dsponble alcun ntervallo d quotazon rferto a tpologe corrspondent alla destnazone prevalente d mcrozona, la zona OMI non concorre alla determnazone del valore medo d mercato aggornato d mcrozona. Pù n generale detto valore non è determnable, qualora la zona ovvero le zone OMI corrspondent alla mcrozona esamnata non rsultno valorzzate..9 Rapporto d mcrozona Per ogn mcrozona per la quale è stato calcolato l valore medo d mercato aggornato d mcrozona VM e l valore medo catastale d mcrozona VC (ndpendentemente se rferto a R, T, T2 o T7), l rapporto d mcrozona R, rsulta uguale a: VM R = VC Il rapporto d mcrozona non è calcolable per: le mcrozone a prevalente destnazone resdenzale per le qual K =00%, vale a dre mcrozone dove s rscontra presenza esclusva d u..u. d categore resdenzal margnal, e nessuna valorzzazone è dsponble n OMI per le stesse tpologe; le mcrozone per le qual non è stato calcolato l valore medo catastale (VC) rcorrendo l potes d cu al paragrafo Rapporto medo comunale d mcrozona In ogn Comune s calcolerà l rapporto medo comunale d mcrozona R con rfermento all nseme delle mcrozone comunal, nteressate n relazone a crter selettv sopra ndcat. nota_tecnca_b_rv_ doc 8

17 Allegato alla Crcolare n 9 dell /8/2005 R mz = = R mz 2 FUNZIONE VALIDA Il comando Valda consente d valdare dat elaborat e d poter successvamente produrre l fle n formato excel da fornre al Comune. La funzone d valdazone nbrà ulteror aggornament de dat delle mcrozone. 3 FUNZIONE PRODUCI FILE La funzone consente d produrre l fle n formato excel che, per ogn mcrozona con destnazone prevalente R, T, T2 o T7, rporta: - la destnazone; - l valore medo catastale (V cat); - l valore medo d mercato aggornato (V om); - l rapporto d mcrozona (Rmz = V om/v cat); - l rapporto d sogla tra Rmz d cascuna mcrozona e la meda artmetca de valor Vmr relatv all nseme delle mcrozone comunal nteressate (Rcom). 4 FUNZIONE TRASMISSIONE AL COMUNE Permette d nserre: - la data ed l protocollo d rchesta del Comune per rcevere dat; - la data ed l protocollo d nvo del fle excel al Comune, da parte dell Uffco competente. nota_tecnca_b_rv_ doc 9

18 Allegato alla Crcolare n 9 dell /8/2005 Glossaro mz m n R n Rmg k VM m V m numero totale d mcrozone del comune nteressate n relazone a crter selettv ndcat nella presente nota tecnca. numero totale d zone OMI contenute nella mcrozona numero d u..u. total d mcrozona censte nelle categore catastal resdenzal (A/,, A/9 e A/) numero d u..u. total d mcrozona censte nelle categore catastal resdenzal margnal per sgnfcatvtà d presenza (A/, A/7, A/8, A/9 e A/) coeffcente lmte d sgnfcatvtà della presenza n una mcrozona delle u..u. censte nelle categore resdenzal margnal per sgnfcatvtà d presenza (A/, A/7, A/8, A/9 e A/) zomij j= = valore medo d mercato aggornato della mcrozona -esma VC n r u = n,05 I s u valore medo catastale della mcrozona -esma I s sd snd VM R = VC moltplcatore 00, 34 o 50 a seconda se VC s rfersca rspettvamente a R e T2, oppure a T, oppure a T7. superfce complessva delle u..u. resdenzal consderate per l calcolo del valore medo catastale d mcrozona; superfce delle u..u. resdenzal dsponble n banca dat, calcolata n base a crter del DPR 38/98; superfce delle u..u. resdual, determnate n base alla consstenza del vano medo d cascuna categora catastale nteressata; detta consstenza vene determnata come quozente tra la superfce Sd ed l numero d van corrspondente. rapporto valore medo d mercatoaggornato/valore medo catastale della mcrozona -esma RC mz R = = rapporto medo comunale d mcrozona mz R rs = rapporto d sogla d mcrozona RC nota_tecnca_b_rv_ doc 0

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11 Caso Copyrght 2005 The Companes srl Stma d un area fabbrcable n zona ndustrale nella cttà d Ferrara. La stma è effettuata con crter della comparazone e quello del valore d trasformazone. Indce Confermento

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013)

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013) p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0045688.30-04-2014.h.13:15 Allegato alla determnazone organzzatva n. del PROVINCIA DI VERONA Settore drezone generale Servzo gestone nformatzzata de fluss documental e trattamento

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

La taratura degli strumenti di misura

La taratura degli strumenti di misura La taratura degl strument d msura L mportanza dell operazone d taratura nasce dall esgenza d rendere l rsultato d una msura rferble a campon nazonal od nternazonal del msurando n questone affnché pù msure

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI RECUPERO INERTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA COSTRUZIONI E DEMOLIZIONI IN LOCALITA VAL DI MERSE D C B A EMISSIONE ITALCAVE s.r.l.

Dettagli

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi ESEMPIO N. Anals d mercuro n matrc solde medante spettrometra d assorbmento atomco a vapor fredd 0 Introduzone La determnazone del mercuro n matrc solde è effettuata medante trattamento termco del campone

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA RIFORMA DELLE INTEGRAZIONI TARIFFARIE PER LE IMPRESE ELETTRICHE MINORI NON INTERCONNESSE Documento per la consultazone per la formazone

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO Azlendll... USl9 Grosseto AZENDA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109-58100 GROSSETO - Tel. 0564/485111-485551 - C. Fsc. P. va 00315940536 DELBERAZONE DEL DRETTORE GENERALE DOT. DANELE TEST 290 ~ DEL 2 9

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000

LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000 LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000 L. Baron, F. Caul, D. Donatell, G. Farolf, R. Maserol, Servzo Geodetco - Isttuto geografco Mltare - Frenze 1. Premessa La Rete

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE Matematca e statstca: da dat a modell alle scelte www.dma.unge/pls_statstca Responsabl scentfc M.P. Rogantn e E. Sasso (Dpartmento d Matematca Unverstà d Genova) STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. REGRESSIONE

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

Invio fascicolo di Bilancio

Invio fascicolo di Bilancio HELP DESK Nota Salvatempo 0052 TUTTOBILANCIO Invo fasccolo d Blanco Quando serve D seguto sono elencat passagg da segure per predsporre, frmare e scarcare una pratca d Blanco (Modello B) per la presentazone

Dettagli

CONFORMITA DEL PROGETTO

CONFORMITA DEL PROGETTO AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 1 d 6 INDICE 1. PREMESSA...2 2. CALCOLI IDRAULICI...3 3. CONFORMITA DEL PROGETTO...6 R_Idr_Industre_1 Str.doc AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 2 d 6

Dettagli

Questo è il secondo di una serie di articoli, di

Questo è il secondo di una serie di articoli, di DENTRO LA SCATOLA Rubrca a cura d Fabo A. Schreber Il Consglo Scentfco della rvsta ha pensato d attuare un nzatva culturalmente utle presentando n ogn numero d Mondo Dgtale un argomento fondante per l

Dettagli

Risoluzione quesiti I esonero 2011

Risoluzione quesiti I esonero 2011 Rsoluzone quest I esonero 011 1) Compto 1 Q3 Un azenda a a dsposzone due progett d nvestmento tra d loro alternatv. Il prmo prevede l pagamento d un mporto par a 100 all epoca 0 e fluss par a 60 all epoca

Dettagli

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26 CAPITOLO 3 Incertezza d msura Pagna 6 CAPITOLO 3 INCERTEZZA DI MISURA Le operazon d msurazone sono tutte nevtablmente affette da ncertezza e coè da un grado d ndetermnazone con l quale l processo d msurazone

Dettagli

CITFÀ DIPOMFEI 9 F EB 2015. Servizio Economato DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. in data. Settore Affari Generali e Finanziari. Settore.

CITFÀ DIPOMFEI 9 F EB 2015. Servizio Economato DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. in data. Settore Affari Generali e Finanziari. Settore. CITFÀ DIPOMFEI F ROVIN.\ Dl NAPOI.l Patrmono de11 Unant - Cttì d arte Settore Affar General e Fnanzar Servzo Economato DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Settore I Proposta d Captolo n. determnazone del Drgente

Dettagli

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

SUNIA. Br,k- rpg. ,..4 a..' s. r.é. E. r. Al Sig. SINDACO del COMUNE di ACCORDO TERRITORIALE PER I CONTRATTI DI LOCAZIONE. Arezzo li 0511012004

SUNIA. Br,k- rpg. ,..4 a..' s. r.é. E. r. Al Sig. SINDACO del COMUNE di ACCORDO TERRITORIALE PER I CONTRATTI DI LOCAZIONE. Arezzo li 0511012004 Mnente: ASSOCAZON PROPRETAR c NQULN Presso U.P.P.. (Unone Pccol Proprctar mmoblar) Sede Provncale d Arezzo Va Roma no? - 52100 AREZZO Tel. 0575/353494; fax 0575/409802 Arezzo l 0511012004 Al Sg. SNDACO

Dettagli

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI Cenn sulle macchne seuenzal CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI 4.) La macchna seuenzale. Una macchna seuenzale o macchna a stat fnt M e' un automatsmo deale a n ngress e m uscte defnto da: )

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche hoògoò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà d Gursprudenza Como Corso d Laurea n Scenze Gurdche Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 Presentazone del Corso. Presso

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana @ @ COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) D etermnazone del Respons able dell' are a frnanzara Atto N. 09 del 05 03 20ls OGGETTO: Determnazone delf mporto della cassa vncolata alla data del 3lll2l20l4

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO l AZENA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109~581 GROSSETO ~ Tel. 0564/485111 485551 C. Fsc. P. va 315940536 ELBERAZONE o 1 1 5 - ~ 2O M~R. 2012 N...EL... OGGETTO: "Nota dell'assessore al rtto alla Salute

Dettagli

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore Modello per la stma della produzone d una dscarca gestta a boreattore 1 Produzone d Bogas Nella letteratura tecnca sono stat propost dvers modell per stmare la produzone d bogas sulla base della qualtà

Dettagli

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 240 DEL 29 LUGLIO 2014 ALL. A) COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 VOLUME 2 SEGRETERIA GENERALE SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICI

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007 3º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommaro Anno XXXVII - N. 147 - Poste Italane - Spedzone n abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso d Economa Applcata a.a. 2007-08 II modulo 16 Lezone Programma 16 lezone Democraza rappresentatva e nformazone Rcaptolando L agenza e l mercato (Arrow, 1986) Lezone 16 2 Introduzone Governo e Parlamento

Dettagli

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n.49 del 24/O1 2014 O ( G E T T O Concessone n comodato duso gratuto per la durata d un anno alla Socetà Cooperatv a Socale

Dettagli

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing Unverstà degl Stud d RomaTre - Facoltà d Economa Corso d Rcerche d Marketng Il patrmono nformatvo azendale come supporto alle attvtà d marketng ng. Stefano Cazzella stefano.cazzella@datamat.t Agenda La

Dettagli

MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura di L.

MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura di L. MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura d L.Bernard) 3.3. Dsegn d camponamento d Lorenzo Bernard 3.3.1. Una defnzone per ntrodurre

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

Modello idraulico - Rapporto tecnico. (Rev. 0b)

Modello idraulico - Rapporto tecnico. (Rev. 0b) ASAP LIFE06/ENV/IT/000255 ASAP_D4-3_ModelloIdraulcoRappTecnco_IT_0b 1/20 LIFE06/ENV/IT/255 A.S.A.P. Actons for Systemc Aqufer Protecton The ASAP proect s partally funded by the European Unon LIFE Programme

Dettagli

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano Statstca & Socetà/Anno 2, N. 1/Lavoro, Economa, Fnanza 11 Il valore monetaro del volontarato. Un eserczo sul caso napoletano Marco Musella Drettore del Dpartmento d Scenze Poltche Unverstà degl Stud Federco

Dettagli

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura orma UI CEI EV 3005: Guda all'espressone dell'ncertezza d msura L obettvo d una msurazone è quello d determnare l valore del msurando, n altre parole della grandezza da msurare. In generale, però, l rsultato

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Sintesi della policy di valutazione e pricing delle obbligazioni emesse da Banca Emilveneta S.p.A.

Sintesi della policy di valutazione e pricing delle obbligazioni emesse da Banca Emilveneta S.p.A. Sntes della polcy d valutazone e prcng delle obblgazon emesse da Banca Emlveneta S.p.A. INDICE 1. PREMESSA...1 2. METODOLOGIA DI PRICING...1 2.1 PRICING...3 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

DATA MINING E CLUSTERING

DATA MINING E CLUSTERING Captolo 4 DATA MINING E CLUSTERING 4. Che cos'è l Data Mnng Per Data Mnng s'ntende quel processo d estrazone d conoscenza da banche dat, tramte l'applcazone d algortm che ndvduano le assocazon non mmedatamente

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL Corso d CPS - II parte: Statstca Laurea n Informatca Sstem e Ret 2004-2005 1 Obettv della lezone Introduzone all uso d EXCEL Statstca descrttva Utlzzo dello strumento:

Dettagli

UNIVERSITÀ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE

UNIVERSITÀ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE UNVERSTÀ VTA-SALUTE SAN RAFFAELE DECRETO RETTORALE N. 4809 Vsta Vsto Vsta Vste la Legge 2 agosto 1999, n. 264 L RETTORE l Decreto del Mnstero dell'struzone, dell'unverstà e della Rcerca del 22 ottobre

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF.

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF. -- ["-_lci.',,"*i;* j L.---i1"1î_:_ - i ti{}il 4 Ír ;ì.,-l,'..* Dl PÉLTMNTO []E[.[-.,\. PUBtsl-lC.r\ SCtiF-g /,'f.a NREZT$NN CF,NTfuq,E NH,T,'T\{Mfffu\ZONE h ]ÈN,.A P{JL7,A }Hì".,LH FR(}}-iT'Ti:;ÍT.JJ

Dettagli

Tutti gli strumenti vanno tarati

Tutti gli strumenti vanno tarati L'INCERTEZZA DI MISURA Anta Calcatell I.N.RI.M S eseguono e producono msure per prendere delle decson sulla base del rsultato ottenuto, come per esempo se bloccare l traffco n funzone d msure d lvello

Dettagli

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa A cura d: Barbara D Vetta Oggetto: Il regme dell IVA per cassa Con l decreto del Mnstero dell Economa e delle fnanze del 26 marzo 2009 (n Gazzetta Uffcale n. 96 del 27 aprle 2009), prevsto dall artcolo

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE Socetà cooperatva per azon Sede socale: Vcenza, Va Btg. Framarn n. 18 scrtta al n. 1515 dell Albo delle Banche e de Grupp Bancar, codce AB 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare d Vcenza Captale

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana ARPAT Agenza regonaie per a proezone ambentae deia Toscana Decreto del Drettore Ammnstratvo N. del ) M 13 Proponente: Dott. ssa Danela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio 2 Servz Urbanstca > Panfcazone Generale Pano Regolatore Generale, Strutturale e Operatvo Programma d Fabbrcazone Regolamento Edlzo > Panfcazone Settorale Pano Paesaggstco Pano Infrastrutturale Pano del

Dettagli

^^^ ORIGINALE CENTRO RESIDENZIALE PERANZIANI ONFERIMENTO INCARICO NEOL SRL PER FORNITURA SERVIZI FAS NTRANET PERIODO 2014-2019

^^^ ORIGINALE CENTRO RESIDENZIALE PERANZIANI ONFERIMENTO INCARICO NEOL SRL PER FORNITURA SERVIZI FAS NTRANET PERIODO 2014-2019 ^^^ j 11 ORGNLE CENTRO RESDENZLE PERNZN "Ul\/[BERTO " 35028 POVE D SCCO (Padova) DECRETO N 191 del 11/07/2014 l Segretaro Drettore d questo sttuto Pern Dottssa Emanuela a sens del DLgs n 165/2001 delle

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 Prof. Maro Tucc, Ing. Lorenzo Gagnon, Ing. Gann Bettn, Dott. Ely Menchern Dpartmento d Energetca Sergo Stecco Sezone

Dettagli

Dispense dell insegnamento di Laboratorio di GIS per la pianificazione

Dispense dell insegnamento di Laboratorio di GIS per la pianificazione Facoltà d Archtettura e Socetà Facoltà d Ingegnera Cvle, Ambentale e Terrtorale Centro per lo Svluppo del Polo d Cremona, Poltecnco d Mlano Va Sesto 41 26100 Cremona Master unverstaro nterfacoltà d II

Dettagli

Metodologia di controllo. COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ARTICOLI DI PROFUMERIA (II edizione) Codice attività: 52.33.2 Indice

Metodologia di controllo. COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ARTICOLI DI PROFUMERIA (II edizione) Codice attività: 52.33.2 Indice Metodologa d controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ARTICOLI DI PROFUMERIA (II edzone) Codce attvtà: 52.33.2 Indce 1. PREMESSA...2 1.1 Caratterstche economco - azendal del settore...2 1.2 Consuetudn commercal

Dettagli

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro Introduzone PARENTELA e CONSANGUINEITÀ d Daro Ravarro 1 gennao 2010 Lo studo della genealoga d un ndvduo è necessaro al fne d valutare la consangunetà dell ndvduo stesso e la sua parentela con altr ndvdu

Dettagli