SHARKLIFE: Azioni urgenti per la conservazione dei pesci cartilaginei nei mari italiani LIFE 10 NAT/IT/271

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SHARKLIFE: Azioni urgenti per la conservazione dei pesci cartilaginei nei mari italiani LIFE 10 NAT/IT/271"

Transcript

1 SHARKLIFE: Azioni urgenti per la conservazione dei pesci cartilaginei nei mari italiani LIFE 10 NAT/IT/271 MiATTM BIOLOGIA ED ECOLOGIA DEGLI ELASMOBRANCHI INTRODUZIONE La tassonomia La tassonomia è quella disciplina che consente di determinare e riconoscere una specie fra tante. Oltre ad avere un ruolo fondamentale nel riconoscimento specifico, la tassonomia è importante nei vari processi di valutazione delle risorse, perché ogni singola specie ha caratteristiche e comportamenti peculiari che richiedono considerazioni altrettanto specifiche nella stima della loro abbondanza e quindi nella gestione del loro sfruttamento. Un errore di determinazione della specie può creare seri problemi di gestione e, di conseguenza, inficiare gli sforzi che un amministrazione impiega al fine di preservare la risorsa. Da qui l importanza di investire sempre più e in maniera concreta, su questa disciplina assicurando, ad esempio, nel tempo la presenza di specialisti tassonomi in grado di garantire risposte esatte. I fossili di squalo sono 3 volte più antichi di quelli dei dinosauri, molto prima che i vertebrati si presentassero sulla terraferma. Il fossile più antico, attribuito dai paleontologi a un gruppo ancora vivente di squali, risale a circa 180 milioni di anni fa. La maggior parte dei gruppi attuali è datato mediamente a circa 100 Mda. I pesci cartilaginei sono riusciti a colonizzare tutti gli ambienti del pianeta sia marini, sia di acqua dolce, con l eccezione delle regioni polari. La tassonomia moderna riconosce oggi 10 raggruppamenti (ordini) principali in cui i pesci cartilaginei sono suddivisi. Le somiglianze e le differenze tra gli organismi consentono di riconoscere gruppi specifici ordinati gerarchicamente (classificati). Ognuno di loro è un unità del sistema detto taxon (taxa pl.). La sistematica permette poi lo studio scientifico delle differenze tra gli organismi in fase evoluzionistica (Fig. 1).

2 Fig. 1. Cladogramma degli ordini dei condroitti secondo Compagno, Fu Carl von Linné ( ) che riuscì a definire lo strumento fondamentale per lo studio delle specie producendo nel 1758 l opera scientifica Systema Naturae. Il suo lavoro aveva posto le basi della classificazione binomiale degli organismi facendo riferimento al genere e alla specie. Nel sistema linneiano la categoria al disopra del genere corrisponde alla famiglia. Le famiglie a loro volta compongono gli ordini e questi formano le classi; l insieme delle classi costituisce i phyla. Questi ultimi sono l impalcatura del REGNO che risponde al seguente schema semplificato: REGNO Phyla Classe Ordine Famiglia Genere Specie L autore del nome di una specie è colui che per primo ha descritto l organismo (es. Raja batis Linnaeus, 1758). Se il genere cambia denominazione il nome dell autore viene messo tra parentesi (es. Dipturus batis (Linnaeus, 1758)). Il precedente nome entra in sinonimia. Si arriva cosi a definire la specie nel seguente modo: l insieme di individui che hanno in comune proprietà essenziali come la forma, che costituiscono popolazioni e che si riproducono per incrocio. La specie è un unità genetica consistente in un ampio pool genico intercomunicante. Sulla base di queste considerazioni possiamo fare un bilancio delle specie di pesci cartilaginei che vivono in Mediterraneo con un raffronto a quelli che vivono in tutti i mari (vedi tabella successiva). I pesci cartilaginei del Mediterraneo, 85 specie riconosciute valide, costituiscono circa il 7% del totale (Fig. 2).

3 Fig. 2. Tavola sinottica dei condroitti che vivono in Mediterraneo secondo Serena, 2005, leggermente modificata. BIOLOGIA Una corretta gestione della risorsa presuppone una buona conoscenza della biologia della specie, in tutti i suoi vari aspetti, che vanno dal tipo di alimentazione alle modalità di accrescimento della popolazione. Una delle caratteristiche più interessanti dei pesci cartilaginei è quella di presentare un dimorfismo molto evidente, caso unico tra i pesci. Il maschio, infatti, è dotato di due strutture chiamate pterigopodi che servono per l accoppiamento tra i due sessi. Alimentazione Gli squali e le razze sono carnivori per definizione: le specie di grossa taglia spesso mangiano tutto quello che trovano, altri sono necrofagi. Questa loro condizione ci fa dire che i pesci cartilaginei, dal punto di vista alimentare, sono degli opportunisti. Esistono comunque specie molto specializzate, come ad esempio un piccolo squaletto (Isistius brasiliensis) che vive nell oceano, il quale si comporta come se fosse un parassita. Questo squaletto, infatti, si attacca alla pelle di qualsiasi pesce, compreso altri squali, inferendo ai malcapitati morsi circolari e profondi. Altre specie, come Hexanchus griseus, sono dotate di denti molariformi con i quali schiacciano le componenti dure delle prede. Lo squalo bianco e altri grandi predatori possono ingerire prede intere. Lo squalo sega individua la sua preda con il lungo rostro che utilizza come un metal detector scandagliando il fondo del mare, cosi come fanno anche gli squali martello. Gli squali di scogliera, come i carcarinidi, agiscono in cooperazione. E infine ci sono i planctofagi come lo squalo elefante e lo squalo balena i quali nuotando lentamente a bocca aperta riescono a filtrare grandi quantità di acqua e trattenere gli organismi del plancton presenti. La digestione può richiedere un lungo tempo e il cibo viene conservato nello stomaco a forma di J. I pesci cartilaginei non hanno vescica natatoria e per vincere la gravità e riuscire a nuotare nella colonna d acqua, hanno sviluppato un grande fegato che facilita il loro galleggiamento. Per far posto a questo grande fegato sono stati costretti a sviluppare un intestino di dimensioni ridotte. Pur essendo di piccole dimensioni l intestino deve comunque assicurare il processo della digestione e per questo motivo, nel corso dell evoluzione, sono state escogitate diverse soluzioni: a valve, a spirale, ad anelli sovrapposti (Fig. 3).

4 Fig. 3 Conformazione dei diversi tipi di intestine negli squali: a) ad anello; b) a spirale; c) ad anelli sovrapposti. Riproduzione I pesci cartilaginei hanno una strategia riproduttiva di tipo k. Questo significa che raggiungono la taglia di prima maturità dopo molti anni, che producono solo pochi piccoli, che hanno un tasso di accrescimento molto lento. Tutto ciò si ripercuote sull intera popolazione la quale mostra, di conseguenza, lenti tassi di incremento. La riproduzione è di tipo sessuale e prevede l accoppiamento tra i due sessi: il maschio introduce uno dei due pterigopodi nella cloaca della femmina per permettere allo sperma di transitare all interno. Dopo la copula e avvenuta la fecondazione delle cellule uovo, si sviluppano i piccoli con due principali diverse modalità: l oviparità, con produzione di capsule cornee che contengono il piccolo fino a che questo non ha raggiunto la dimensione giusta per fuoriuscire. Durante il periodo di gestazione interno alla capsula, il piccolo si nutre del sacco vitellino. Molti altri squali sono vivipari e alla nascita i piccoli sono, in un certo senso, partoriti ed hanno già la forma degli adulti. In entrambi i casi non sono previste cure parentali. Le specie ovipare generano una capsula cornea che viene prodotta intorno all uovo fecondato quando questo, proveniente dall ovidotto, passa attraverso la ghiandola del Nidam per entrare nell utero. Le capsule sono poi deposte direttamente sul fondo del mare, dove rimangono ancorate grazie al muco che le ricopre, oppure la femmina le attacca a qualsiasi substrato per mezzo dei loro lunghi cirri. Similmente ai mammiferi, la riproduzione nelle specie vivipare, prevede vari passaggi di maturazione. Nei maschi si riconoscono, in genere, quattro stadi, nell ambito dei quali gli spermatozoi acquisiscono vitalità: giovanile, subadulto, adulto, attivo. Nelle femmine si riconoscono due momenti fondamentali: uno stadio ovarico, dove l ovario si sviluppa e produce le uova da fecondare, e uno stadio uterino, dove nelle uova fecondate si sviluppa l individuo. In genere gli squali, in un determinato momento della loro esistenza e dell anno, frequentano le aree di accoppiamento e dopo un periodo più o meno lungo (anche 24 mesi) di gestazione, le femmine si spostano nelle aree di nursery dove depongono le uova o partoriscono. I giovani, via via che crescono, si spostano verso le aree di alimentazione (Fig. 4).

5 Fig. 4. Modello biologico del comportamento riproduttivo e alimentare degli elasmobranchi, secondo Cushing, 1988, modificato. Al fine di valutare lo stadio di maturità di ogni singolo individuo sono state messe appunto le scale di maturità sia delle specie ovipare, sia di quelle vivipare. Queste scale devono essere usate nei momenti di lavoro a bordo e in laboratorio nella maniera più semplice possibile. Per questo motivo sono richieste tabelle macroscopiche semplici e facili da usare. Queste tabelle devono però essere validate dall analisi istologica dei tessuti. Pertanto è utile e consigliato, utilizzare anche la corrispettiva tabella microscopica. Impiegando tutte queste conoscenze è possibile individuare la cosiddetta taglia di prima maturità applicando un modello matematico. Questo modello (ogiva) ci dice il valore della lunghezza degli individui che nel 50% dei casi presentano la maturità richiesta. Se le conoscenze sono complete è possibile ricostruire il ciclo riproduttivo che mette in relazione lo stadio di maturità dei maschi e delle femmine con l ambiente e la profondità in cui vivono (Fig. 5).

6 Fig. 5. Ciclo vitale degli elasmobranchi, il caso di Raja asterias, secondo Serena et al., 2009, modificato. Accrescimento Per spiegare l accrescimento di un pesce esistono due metodi principali: il metodo indiretto che richiede un campione di individui, possibilmente con cadenza mensile, in modo da poter misurare la loro lunghezza totale e riuscire in tal modo a registrare la progressione modale nell arco annuale; il metodo diretto che richiede invece di catturare vivo l esemplare per poterlo marcare con un segnale (spaghetto). All esemplare viene assegnato un codice, registrando contemporaneamente la sua lunghezza totale. Se si ha la fortuna di ricatturare lo stesso esemplare dopo un certo periodo di tempo, questo viene di nuovo misurato. In questo modo riusciamo ad avere l esatto valore dell incremento in lunghezza avvenuto. Un altro metodo diretto è dato dalla possibilità di lettura degli anelli di accrescimento che si formano nelle vertebre come accade nei tronchi degli alberi. Su una vertebra si leggono anelli opachi e anelli lucidi. Il primo tipo di anello si sviluppa nel periodo estivo, quando l accrescimento è veloce e la cristallizzazione del carbonato di calcio avviene in maniera disordinata. L anello ialino si sviluppa in inverno quando il metabolismo è rallentato e la cristallizzazione dei sali di carbonato avviene più lentamente e in modo più regolare. ARPAT insieme a ISPRA ha condotto un programma di ricerca sulla razza bianca pescata dalla marineria viareggina, a nord della Toscana. Sono stati marcati circa 2000 esemplari che ricatturati anche dopo un anno, hanno reso importanti informazioni. Queste informazioni sono tornate utili per validare, in ultima analisi, la curva di crescita della razza bianca (Raja asterias) (Fig. 6). Questo è stato possibile utilizzando l equazione di Von Bertalanffy: LT = L ( 1-e-K(t-t o ))

7 dove: LT L K t o è la lunghezza totale dell esemplare è la lunghezza che l esemplare potrebbe avere se si accrescesse all infinito è il tasso intrinseco di accrescimento è il tempo in cui l esemplare non è ancora nato Fig.6. Curva di crescita di Raja asterias. ECOLOGIA I rapporti trofici sono spiegati in maniera lineare attraverso la piramide alimentare dove il rapporto geometrico tra gli organismi è tale che la base di questa piramide è occupata da un numero grande di specie. Viceversa all apice si pongo solo poche specie, i cosiddetti predatori apicali, che di solito mostrano biomasse individuali molto grandi. La base è sostenuta dall apporto continuo dei nutrienti; molti livelli della piramide costituiscono poi, alimento per gli organismi superiori. Le pressioni ambientali, determinate soprattutto dalle attività dell uomo come la pesca, agiscono in maniera più evidente ai livelli più alti, soprattutto sui predatori apicali (Fig. 7).

8 Fig. 7. Piramide alimentare e rapporti con le principali attività umane. Il sistema che per eccellenza spiega in maniera quantitativa i rapporti trofici che si instaurano tra gli organismi è la rete trofica. Ogni freccia che collega i vari box testimonia il flusso di energia coinvolto nel rapporto diretto. I disturbi che a vario livello intervengono sulla rete sono principalmente di due tipi: ambientali e umani, vale a dire di tipo naturale e artificiale (Fig. 8). Fig. 8. Rete alimentare e maggiori pressioni antropiche. All equilibrio la piramide alimentare presenta una geometria regolare tra un gradino e l altro, cosi come la rete mantiene regolari le sue maglie. L eliminazione dei predatori apicali determina squilibrio nei livelli sottostanti la piramide e crea nella rete smagliature che nel tempo si allargano

9 fino a eliminare i normali rapporti trofici tra le specie. Nella piramide i vari livelli mostrano evidenti disomogeneità poiché alcuni gruppi hanno aumentato la loro biomassa in maniera sproporzionata (Fig. 9). Una situazione di questo tipo porta inevitabilmente a una perdita di biodiversità e probabilmente all instaurarsi di nuovi equilibri con altrettanti, nuovi, predatori apicali, magari non più ravvisabili tra i pesci cartilaginei. Fig. 9. Modello previsionale delle conseguenze della perdita dei predatori apicali sui livelli della piramide e sulle maglie della rete alimentare. Purtroppo recenti studi hanno dimostrato che in alcune aree del Mediterraneo si sono avute perdite, anche maggiori del 90%, rispetto alle popolazioni iniziali di pesci cartilaginei: Nome comune Nome scientifico Perdita percentuale Squalo martello Sphyrna spp. 99% Verdesca Prionace glauca 97% Mako Isurus oxyrinchus 99% Smeriglio Lamna nasus 99% Squalo volpe Alopias vulpinus 99% Molte specie di squali mediterranei sono a rischio di estinzione, ciò è dovuto principalmente alla pressione di pesca che in genere agisce in maniera irrazionale sulle risorse ittiche. Anche se oggi in Mediterraneo non esiste una pesca mirata agli squali questi sono catturati in maniera indiscriminata dagli attrezzi da pesca. Le normali precauzioni, messe in atto per i pesci ossei spesso, non funzionano per i pesci cartilaginei i quali rimangono sempre e comunque impigliati nelle reti dei pescatori. Infatti, i mestieri tradizionali utilizzati dai pescatori non sono selettivi per questo gruppo di pesci. Gli squali, sempre meno presenti nel pescato, costituiscono tuttavia una componente accessoria della cattura, il cosiddetto by-catch. Questo è correlato al rapido declino delle popolazioni dei pesci cartilaginei in tutti i mari del mondo. Declino che è strettamente legato al tipo di strategia

10 riproduttiva k, tipica dei pesci cartilaginei che li rende poco resilienti, incapaci di reagire nei tempi e nei modi giusti al depauperamento degli stocks. Le ragioni di questo fenomeno sono da mettere in relazione a due differenti tipi di azioni, diretta e indiretta, una delle quali è dovuta alle attività umana: 1) Indiretta (Cambiamenti climatici) Il fenomeno legato ai cambiamenti climatici in atto sta determinando modificazioni nella componente specifica di vaste aree del mediterraneo. Si sta assistendo all evento della tropicalizzazione da ovest verso est, fatto che è stato facilitato dall apertura del Canale di Suez. Anche in questo caso l uomo è intervenuto direttamente condizionando gli equilibri ambientali. In sostanza la temperatura media superficiale del bacino Mediterraneo si sta rapidamente alterando; ormai nel bacino di levante, nel periodo estivo, si raggiungono elevate temperature superficiali, fino a 30 C, confrontabili con quelle della regione tropicale. Contemporaneamente si sta verificando un evento ancora più preoccupante che è quello della Meridionalizzazione. L isoterma dei 15 C si sta spostando sempre più verso nord. Tutto questo consente alle specie provenienti dal Mar Rosso, o dalle aree subtropicali atlantiche, di trovare ottime condizioni per adattarsi e insediarsi nel bacino Mediterraneo in maniera sempre più stabile. Nel 2003, le acque dell area compresa nel cosiddetto Arco Latino, cioè le coste della Toscana, Liguria e quelle francesi, subirono una inversione termica che uccise molti organismi sessili presenti nei primi 30 metri di profondità. Questa situazione risultò particolarmente grave lungo la costa a sud di Livorno. In questo tratto di mare ARPAT, che monitora l area dal 1996, registrò questa inversione termica collegandola alla morte delle spugne, dei coralli, delle gorgonie, ecc. L European Commission, DG Joint Research Centre, IES (2006), ha comunicato che nel bacino di levante si sono avuti aumenti della temperatura media superficiale fino a 3 C negli ultimi trenta anni (Fig. 10). Fig. 10. Cambiamenti climatici del bacino mediterraneo dal 1982 al (European Commission, DG Joint Research Centre, IES, 2006).

11 Al livello fisiologico il cambiamento climatico può determinare il fenomeno dell asincronia. In questo caso i maschi e le femmine, di una stessa specie, possono raggiungere la condizione di maturità riproduttiva in tempi differenti. Ciò potrebbe non consentire alla popolazione di riprodursi in maniera appropriata e quindi di reintegrare eventuali perdite dovute, ad esempio, alla pesca; nel tempo questo porterà ad una inevitabile riduzione di certi organismi. 2) Diretta (Impatto antropico) La presenza dei predatori influenza non solo la popolazione delle prede, determinando mortalità, ma conseguentemente anche tutta la comunità. Ciò induce un comportamento antipredatore nelle prede che richiede un forte dispendio di energia. Questi rapporti che insorgono tra predatore e preda, determinano due principali effetti legati all ecologia della popolazione delle prede: a) Effetto cascata (top down effect) In una rete trofica semplificata le specie, i generi e le famiglie e le interazioni che tra loro si instaurano, mostrano rapporti a cascata che possono essere riassunti secondo il seguente schema: Predatori principali Predatori secondari Predatori sulle specie all interno del genere Predatori sulle specie all interno delle famiglie Tale modello è riscontrabile in varie situazioni, dai mari polari dove si hanno rapporti trofici stagionali a cascata quando viene a mancare una determinata preda, a quelli delle acque temperate della piattaforma continentale, quando si verifica un sovrasfruttamento di una specie; lo sfruttamento eccessivo di una specie di squalo può avere ripercussioni sui mesoconsumatori e, a cascata, sugli organismi dei livelli sottostanti la rete trofica. L esempio dei mari del Nord Caroline è molto chiaro. Il tasso di cattura elevato dello squalo pinna nera ha determinato nel tempo la sua scomparsa in termini di numero e biomassa. Ciò ha influito positivamente sulla crescita della biomassa di un altro pesce cartilagineo, la rinoptera, che prima costituiva preda dello squalo. La popolazione di rinoptera è cresciuta tanto fino a mettere in crisi la pesca della capasanta. Infatti, in breve tempo la capasanta, in qualità di preda della rinoptera, ha subito un declino vertiginoso che ha portato al fallimento delle numerose imprese che vivevano di questa risorsa. La scomparsa dei predatori apicali, come abbiamo visto, comporta la perdita di geometria regolare nella piramide e nella rete alimentare, ciò non significa che nel tempo non si possa raggiungere un nuovo equilibrio dell ecosistema pur privo degli storici predatori. Lungo le coste bulgare del Mar Nero è stato osservato che il sovrasfruttamento di grandi pesci pelagici ha indirizzato la pesca a sfruttare intensivamente altre specie di minori dimensioni, fino al crollo dell economia della pesca. La scomparsa dei normali rapporti trofici tra predatori e prede ha determinato, in questo mare, la comparsa di varie specie di meduse che alternativamente invadono la colonna d acqua, a testimonianza dell assenza di predatori specifici di questi organismi in grado di regolare gli equilibri. b) Effetto rischio (Risk effect)

12 L effetto dei grandi predatori come tonni, squali e mammiferi marini, sul comportamento dei mesoconsumatori, non è stato ancora ben valutato. Di fatto, quando vengono a mancare i cosiddetti top predators (TPs), si hanno incrementi nelle popolazioni delle prede in termini di numero e di biomassa. Tale situazione può generare a sua volta importanti fenomeni di competizione. La considerazione degli effetti di rischio pone domande interessanti, attinenti la comprensione delle conseguenze ecologiche che si hanno in seguito alla rimozione dei predatori apicali. Molti studi rivelano che il comportamento degli antipredatori si sviluppa attraverso le specie che hanno caratteristiche differenti e vivono in ambienti molto vari. In tal senso gli effetti di rischio dovrebbero essere inerenti al ruolo ecologico che hanno i predatori apicali. Una perdita di diversità nei predatori qualche volta potrebbe avere effetti positivi sulla componente delle prede. Gli effetti di rischio possono essere particolarmente importanti quando i mesoconsumatori sono in grado di transitare da un habitat all altro con diverso rischio di predazione. In tali situazioni la perdita dei predatori apicali potrebbe favorire la riduzione o l eliminazione degli spazi utilizzati come rifugio dalle varie specie, poiché non ve ne è più la necessità. Ma in relazione all aumento dei mesoconsumatori, la perdita dei rifugi può incidere contestualmente sulla risorsa specifica delle varie popolazioni. Al fine di spiegare questo concetto possiamo considerare due ambienti caratterizzati da scarse risorse (a) e da abbondanti risorse (b). Su entrambi questi ambienti viene esercitata una determinata pressione di pesca e, ovviamente, in entrambi i casi si assiste al declino dei predatori apicali. SCARSE RISORSE (Perdita di TPs) AMBIENTI PERICOLOSI AMBIENTI SICURI MESOCONSUMATORI Aumentano Diminuiscono (in seguito a fenomeni di competizioni che prima non c erano) RISORSE Diminuiscono (in seguito all aumento dei mesoconsumatori) Aumenta la loro disponibilità poiché i mesoconsumatori sono diminuiti in seguito a fenomeni di competizione ABBONDANTI RISORSE (Perdita di TPs) AMBIENTI PERICOLOSI AMBIENTI SICURI Aumentano decisamente Diminuiscono decisamente in seguito a fenomeni di competizioni che prima non c erano Diminuiscono decisamente (in seguito all aumento dei mesoconsumatori) Aumenta decisamente la loro disponibilità poiché i mesoconsumatori sono diminuiti in seguito a fenomeni di competizione Dimostrato che la perdita dei predatori apicali determina situazioni a rischio per l intero ecosistema, occorre approfondire la nostra riflessione ed estendere le considerazioni anche agli equilibri che regolano la nostra esistenza. Al fine di evitare situazioni di non ritorno, la FAO ha predisposto un percorso di gestione dell ecosistema attivando Piani di Azione per la conservazione degli organismi più a rischio come gli squali. CONSERVAZIONE

13 In considerazione delle caratteristiche biologiche i pesci cartilaginei, in genere, soffrono in maniera particolare le attività umane legate principalmente alla pesca. In tal senso e per molte specie, si assiste a preoccupanti fenomeni di perdita della biodiversità e della consistenza degli stock. Queste perdite hanno assunto, negli ultimi anni, situazioni insostenibili tanto da far dichiarare lo stato di allerta e in alcuni casi affermare l avvenuta estinzione di una specie in una determinata area. Questo box cerca di mettere in evidenza il percorso che vari enti istituzionali e molte ONG hanno intrapreso da anni, al fine di garantire la conservazione di queste specie facendo riferimento, in alcuni casi, anche agli habitat che queste frequentano. Vi sono molte convenzioni e accordi che mirano alla conservazione dei pesci cartilaginei e una tra le più significative è sicuramente la Convenzione di Washington del 1973 (CITES) che vieta la detenzione e il commercio delle specie protette. La Convenzione che ci riguarda più da vicino è forse quella di Barcellona del 1995, relativa al protocollo ASPIM, che considera le Aree Particolarmente Protette e la Diversità biologica in Mediterraneo. A Catania nel 2003 sono state indicate le raccomandazioni per i Piani di Azione che i Paesi membri dovrebbero adottare in ambito mediterraneo. Nel 1994 la nona Conferenza delle Parti della Convenzione sul commercio internazionale delle specie selvatiche in pericolo (CITES), ha adottato una risoluzione relativa allo status del commercio degli squali. Successivamente la FAO, con l intento di implementare tale azione, ha dato il via a una serie di iniziative ponendo il tema alla discussione del COFI (Conference of FIshery) del 1997, dove una consultazione di esperti si è confrontata su aspetti legati alla conservazione e alla gestione degli squali. Di fatto tutto il processo fa riferimento alla Conferenza di Rio de Janeiro del 1992 dove la comunità scientifica si espresse a favore di azioni concrete che minimizzassero la perdita di biodiversità, facendo riferimento a tre principali obiettivi: 1) Tasso di sfruttamento degli stocks di squali 2) Protezione delle specie a rischio di estinzione 3) Protezione degli habitat Questo percorso ha consentito alla FAO di lanciare l IPOA-Sharks (International Plan Of Action for the Sharks) vale a dire il Piano di Azione Internazionale per la Conservazione e la Gestione degli Squali in tutti i mari del mondo. L obiettivo principale dell IPOA-Sharks è quello di garantire la conservazione e un oculata gestione degli squali per un loro uso sostenibile nel tempo. Anche questo processo deve tener conto dalla politica relativa all approccio precauzionale verso un uso corretto dello sfruttamento delle risorse naturali. A tal fine la FAO, come politica di base, produce da sempre tutta una serie di documenti che vanno dalle sinopsis molto dettagliate, alle guide tassonomiche di campo, ai Tecnical Paper che affrontano i vari aspetti matematici per attuare una corretta gestione della risorsa. Questa impostazione di lavoro si esplica poi non solo in ambito FAO, ma anche all interno dei Sub-Committee dello Scientific Advisory Commitee (SAC) del GFCM (Commissione Generale della Pesca in Mediterraneo). Il SAC, che in definitiva costituisce l organo tecnico nel quale si sviluppano le discussioni e dove sono fornite le raccomandazioni di intervento, è strutturato in quattro Comitati, i quali, spesso, organizzano Work-Shop tematici: 1) Statistica e Informazione

14 2) Economia e Scienze Sociali 3) Valutazione degli stocks 4) Ambiente marino ed Ecosistemi Nell ambito di queste Commissioni è stata prodotta e adottata una guida di campo e il database MEDLEM che raccoglie e organizza le informazioni sui grandi squali, due importanti e utili strumenti di lavoro. L Unione Europea con il suo Piano di Azione per la conservazione e lo sfruttamento sostenibile delle risorse nel Mediterraneo, che si attua attraverso programmi di ricerca quali il MEDITS (MEDiterranea Trawl Survey), sta contribuendo in maniera determinante alla raccolta delle informazioni di base. Queste ultime sono poi condivise e discusse nelle riunioni di coordinamento e soprattutto all interno dello STECF (Comitato Tecnico Scientifico ed Economico della Pesca). Ciò ha consentito all UE, nel 2009, di formulare ufficialmente il Piano di Azione Europeo per la conservazione e la gestione degli squali. Un ruolo fondamentale in tutto questo processo lo sta svolgendo l UNEP con il RAC/SPA di Tunisi, avendo attivato il Piano Mediterraneo con un primo momento di applicazione, nel 2003, di un documento condiviso tra i vari esperti mediterranei del settore. Nel 2009, tramite il coordinamento dell IUCN-SSG (International Union for Conservation of Nature and Natural Resources-Shark Specialist Group), il RAC/SPA ha pubblicato un aggiornamento del Piano di Azione Mediterraneo. L azione dell UNEP RAC/SPA, che fa riferimento alla Convenzione di Barcellona, non si è limitata alla produzione del Piano Mediterraneo, ma sta operando anche su ogni singolo Stato membro in modo da mettere in condizione il Paese di adottare un proprio Piano di Azione. Fino a questo momento sono stati prodotti i Piani per la Libia, la Slovenia, la Croazia, la Bosnia Erzegovina e il Montenegro. Altre pubblicazioni, sempre dell UNEP, mirate alla conservazione degli squali, riguardano la normativa, la pesca sportiva, ecc. La più importante Organizzazione non Governativa IUCN, ha lo scopo di supportare attivamente la conservazione della biodiversità e l uso sostenibile delle risorse. E composta da sei Commissioni, una di queste (SSG) si occupa espressamente di squali. Il principale obiettivo di questa Commissione è quello di raccogliere le informazioni sullo stato di sfruttamento e di conservazione degli elasmobranchi nei mari di tutto il mondo, compreso quelli italiani. In particolare gli obiettivi dello Shark Specialist Group sono: 1) Sviluppare una rete di esperti regionali con relativo coordinamento 2) Assistere i Piani Regionali e lo sviluppo delle iniziative Al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati per la produzione dei Piani di Azione, IUCN ha intrapreso un lungo percorso di concertazione al livello mondiale, iniziando dalla 24 Conferenza della NAFO tenutasi a Santiago di Compostela (Spagna) nel Relativamente al Mediterraneo, nel 2003 IUCN ha organizzato un Work Shop a San Marino convocando gli esperti del settore e producendo un attenta valutazione dello stato di conservazione partendo dalle conoscenze fino all ora disponibili. Alla fine dello stesso anno, in Nuova Zelanda, fu fatta una valutazione globale dello stato di conservazione degli squali che vivono nei mari del nostro pianeta. L atto finale della valutazione si realizzò nel 2005 a Peterboroug (Inghilterra) che portò alla pubblicazione, nel 2007, della Red List degli squali che vivono nel bacino Mediterraeno. Il lavoro dello Shark Specialist Group dell IUCN ha permesso di valutare oltre 70 specie di elasmobranchi che vivono in Mediterraneo. Tra questi, ventuno specie, 10 batoidei e 11 squaliformi, sono state considerate in pericolo o fortemente in pericolo di sopravvivenza. Le cause di questa

15 situazione sono imputabili principalmente all attività di pesca, in particolare la pesca a strascico, incide sulla perdita di questi pesci per circa il 38%, mentre i palangari arrivano al 36%. La restante percentuale è da imputare ad altri tipi di pesca. Oggi si sta pensando di attivare un nuovo aggiornamento di questa Lista Rossa. Il 2006 è stato un anno importante perché le varie ONG hanno realizzato un azione risolutiva unendo le forze di tutti. L obiettivo era quello di creare importanti presupposti per bandire, a livello mondiale, la pratica del finning, in merito alla quale i pescatori catturano gli squali, tagliandoli le pinne e rigettandoli in mare ancora vivi. Il commercio delle pinne di squalo va ad alimentare il mercato orientale sviluppando un giro di interessi enorme difficilmente gestibile. Shark Alliance, raggruppando le varie ONG, sta producendo importanti azioni al livello comunitario e ministeriale che mirano a creare coscienza del problema indicando soluzioni valide per evitare o perlomeno mitigare questa pratica assurda. Spesso assistiamo a vere e proprie mattanze di squali al solo scopo di tagliare le pinne per le zuppe degli orientali. Gli squali privati delle pinne e gettati nuovamente in mare, vanno incontro a sicura morte! L European Elasmobranch Association (EEA), che raggruppa gli specialisti di squali europei e non solo, ha recentemente pubblicato un documento che fa il punto della situazione sul finning, ma soprattutto analizza i retroscena e fornisce indicazioni gestionali che mirano a un razionale sfruttamento di questi pesci senza necessariamente scadere in pratiche medioevali. Nel 2009 il Ministero dell Ambiente e del Mare (MiATTM) ha dato il via a un processo che con buona probabilità porterà alla formulazione di un Piano di Azione per la conservazione dei pesci cartilaginei nei mari italiani. Questo programma si chiama ELASMOIT e ha raccolto moltissime informazioni sull argomento grazie al coinvolgimento dei maggiori esperti italiani. ELASMOIT è stato propedeutico per iniziare un tavolo tecnico, condotto dal MiATTM e dal MiPAAF al fine di impostare il percorso definitivo che dovrà condurre il nostro Paese alla formulazione del Piano di Azione nazionale. Il MiPAAF, da parte sua, ha attivato un programma di elaborazione dati, ELASMOSTAT, che attraverso l utilizzo delle informazioni raccolte in oltre 25 anni di trawl surveys sulle risorse demersali e pelagiche, mira a valutare lo stato di sfruttamento di questi pesci. I risultati di questo programma implementeranno il percorso del P. di A. nazionale. Per la formulazione di questo Piano tornerà utile qualsiasi informazioni reperibili, prima fra tutte il dataset proveniente dal programma MEDLEM (MEDiterranean Large Elasmobranchs Monitoring). Bibliografia essenziale Ekman, S Zoogeography of the Sea. Sidgwick and Jackson, London. 417 pp. Compagno, L.J.V Sharks of the world. An annotated and illustrated catalogue of shark species known to date. Vol. 2. Bullhead, mackerel, and carpet sharks (Heterodontiformes, Lamniformes and Orectolobiformes). FAO Species Catalogue for Fishery Purposes. No 1, Vol. 2. Rome, FAO. 269 pp. Cushing, D.H The Provident Sea. Cambridge University Press, 329 pp. Serena, F Field identification guide to the sharks and rays of the Mediterranean and Black Sea. FAO Species Identification Guide for Fishery Purposes. Rome, FAO. 97p. 11 colour plates + egg cases.

16 Serena F., Mancusi C., Barone M. (eds) Field identification guide to the skates (Rajidae) of the Mediterranean Sea. Guidelines for data collection and analysis Biol. Mar. Mediterr., 17 (Suppl. 2): 204 pp.

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 NAT/IT/000279 Beneficiario Coordinatore: CTS - Centro Turistico Studentesco e Giovanile Via Albalonga n. 3 00183 Roma (RM) Tel.: 06-64960300/1/2 Fax: 06-64960366 Contatto:

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca LA PESCA INN NEL MEDITERRANEO Ripercussioni sociali, economiche e ambientali Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA

Dettagli

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.)

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) una componente biotica (esseri viventi) - (batteri, funghi, piante, animali, ecc.) ECOLOGIA (Häckel 1866) Scienza

Dettagli

2.3 Risorse ittiche marine

2.3 Risorse ittiche marine 2.3 Risorse ittiche marine La politica per la pesca dell Unione Europea richiede di assicurare uno sfruttamento delle risorse acquatiche viventi realizzato in modo tale da garantire condizioni di sostenibilità

Dettagli

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Azione C1 Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nella pesca con i palangari:

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia La valutazione economica delle aree marine protette: aspetti di costo e di beneficio di Rosalba Rombaldoni CONVEGNO GESTIONE DELLA PESCA E

Dettagli

Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico. Blue World Insititution

Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico. Blue World Insititution Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico Blue World Insititution Un mare allungato, semi chiuso, connesso al resto del Mediterraneo dal Canale di Otranto, largo 70 km Il ricambio dell acqua

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITÁ DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELL ISTITUTO DI BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA DI PIOMBINO

PROGRAMMA DI ATTIVITÁ DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELL ISTITUTO DI BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA DI PIOMBINO PROGRAMMA DI ATTIVITÁ DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELL ISTITUTO DI BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA DI PIOMBINO Introduzione L Istituto di Biologia e Ecologia Marina di Piombino è attivo ormai da molti anni sia

Dettagli

Cenni di ecologia e biologia delle Tartarughe marine e problematiche legate alla pesca

Cenni di ecologia e biologia delle Tartarughe marine e problematiche legate alla pesca Cenni di ecologia e biologia delle Tartarughe marine e problematiche legate alla pesca Corso di formazione degli operatori dei Centri di recupero Azione C5 «Rafforzamento dei Centri di recupero e primo

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ECOSISTEMI MARINI E PESCA ARTIGIANALE SOSTENIBILE IN MEDITERRANEO

CONSERVAZIONE DEGLI ECOSISTEMI MARINI E PESCA ARTIGIANALE SOSTENIBILE IN MEDITERRANEO Newsletter n. 1 Presentazione del progetto ECOSAFIMED Obiettivi e risultati Intervista con il direttore del progetto Eventi ECOSAFIMED 1 2 3 5 CONSERVAZIONE DEGLI ECOSISTEMI MARINI E PESCA ARTIGIANALE

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

I.T.I.S Liceo Scientifico Tecnologico B. PASCAL - ROMA Classe V G - V F --- A.S. 2012-2013

I.T.I.S Liceo Scientifico Tecnologico B. PASCAL - ROMA Classe V G - V F --- A.S. 2012-2013 Materia: BIOLOGIA I.T.I.S Liceo Scientifico Tecnologico B. PASCAL - ROMA Classe V G - V F --- A.S. 2012-2013 Proff. Rinaldo Arena, Paolo Bonavita, Laura De Mattheis. OBIETTIVI GENERALI La programmazione

Dettagli

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450 ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE A.G.C.I. PESCA Via A. Bargoni n. 78 00153 ROMA Tel. 0658328.1 CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

Dettagli

Album visita all acquario di Genova

Album visita all acquario di Genova Album visita all acquario di Genova Classe 3 B-D A.S. 2006/2007 La vasca degli squali SQUALO TORO Carcharias taurus Lo squalo toro è uno squalo grande e massiccio (supera i 3 metri di lunghezza), dall

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

LE TARTARUGHE. Testudo hermanni & Caretta caretta

LE TARTARUGHE. Testudo hermanni & Caretta caretta LE TARTARUGHE Testudo hermanni & Caretta caretta CLASSIFICAZIONE: Regno Animalia Classe Reptilia Ordine Testudines Testudo hermanni (o tartaruga di Hermann) L HABITAT Tipicamente mediterraneo. La Testudo

Dettagli

Genetica della Conservazione

Genetica della Conservazione Genetica della Conservazione Lezione 7 Gestione genetica in natura delle specie in pericolo La gestione genetica delle popolazioni a rischio di estinzione Aumentare la dimensione della popolazione a rischio

Dettagli

INCONTRI CON IL MARE

INCONTRI CON IL MARE INCONTRI CON IL MARE Progetti didattici per le scuole 2011-2012 2012 Fondazione Cetacea Onlus Centro di Educazione Ambientale Via Torino 7/A- 47838 Riccione Tel.0541/691557-fax 0541/475830 www.fondazionecetacea.org

Dettagli

La popolazione. Oggetti di studio dell Ecologia LIVELLI DI ORGANIZZA ZIONE DELLA MATERIA ECOSISTEMA COMUNITA POPOLAZIONE INDIVIDUO ORGANO TESSUTO

La popolazione. Oggetti di studio dell Ecologia LIVELLI DI ORGANIZZA ZIONE DELLA MATERIA ECOSISTEMA COMUNITA POPOLAZIONE INDIVIDUO ORGANO TESSUTO 1 La popolazione Oggetti di studio dell Ecologia LIVELLI DI ORGANIZZA ZIONE DELLA MATERIA ECOSISTEMA COMUNITA POPOLAZIONE INDIVIDUO ORGANO TESSUTO CELLULA 2 Popolazione Insieme degli individui di una stessa

Dettagli

Monte D'Oro: Uscita Sea Life-16 aprile 2012

Monte D'Oro: Uscita Sea Life-16 aprile 2012 Monte D'Oro: Uscita Sea Life-16 aprile 2012 n Lunedì 16 Aprile, con grande entusiasmo tutta la scuola Monte D'Oro parte alla scoperta del mondo sottomarino. La meta è lo SEA LIFE Aquarium vicino a Gardaland-Peschiera.

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE LIFE09 NAT/IT/000095 Progetto finanziato dalla Commissione Europea tramite lo strumento finanziario LIFE+

Dettagli

DALLE COLLINE AL MARE: IL LUNGO

DALLE COLLINE AL MARE: IL LUNGO ISTITUTO TETHYS DALLE COLLINE AL MARE: IL LUNGO VIAGGIO DELLE BALENE E DEI DELFINI DEL MEDITERRANEO PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE a cura di Sabina Airoldi Dicembre 2009 Istituto Tethys c/o Acquario

Dettagli

RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA

RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA L ampliamento della ricerca e l estensione degli studi sui salmonidi italiani, con riferimento

Dettagli

La salute del Mare Nostrum

La salute del Mare Nostrum La salute del Mare Nostrum Romualdo Gianoli Contaminazione delle acque, inquinamento, degradazione degli habitat, coste sacrificate a una urbanizzazione massiccia e costante. Sono i problemi che oggi vive

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

nessun Paese del Mediterraneo ha finora preso provvedimenti in materia di istituzione di zone economiche esclusive all'interno di questo bacino;

nessun Paese del Mediterraneo ha finora preso provvedimenti in materia di istituzione di zone economiche esclusive all'interno di questo bacino; La III e XIII Commissione, la pesca rappresenta nel bacino del Mar Adriatico e per le comunità italiane che vi si affacciano un'importante economia diretta oltre che un consistente indotto formato dal

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

SISTEMI DI ALLEVAMENTO

SISTEMI DI ALLEVAMENTO SISTEMI DI ALLEVAMENTO IMPIANTI A TERRA (IN-SHORE) principalmente diffuso nei paesi del Mediterraneo: bacini stagni vasche IMPIANTI A MARE (OFF-SHORE) Più diffuso nel nord Europa ma in grande espansione

Dettagli

Concetti di ecologia applicata. Concetti di base. Concetti di base 19/06/2013

Concetti di ecologia applicata. Concetti di base. Concetti di base 19/06/2013 Concetti di ecologia applicata Un esempio di rete alimentare Concetti di base Un esempio di rete alimentare Concetti di base Alcune definizioni: ecologia, biocenosi, biotopo, etc.. Ecosistema Habitat e

Dettagli

Regione Lombardia D.G. Qualità dell Ambiente U.O. Pianificazione Ambientale e Gestione Parchi

Regione Lombardia D.G. Qualità dell Ambiente U.O. Pianificazione Ambientale e Gestione Parchi Regione Lombardia D.G. Qualità dell Ambiente U.O. Pianificazione Ambientale e Gestione Parchi Protocollo di attività per gli interventi di reintroduzione Umberto Bressan Protocolli di attività per gli

Dettagli

DIETA. Tartarughe marine nel Mar Mediterraneo:

DIETA. Tartarughe marine nel Mar Mediterraneo: Riduzione delle catture accidentali di tartarughe con il palangaro derivante: la situazione in Italia e all estero Linnaeus, 1758 Chelonia mydas Linnaeus, 1758 crostacei meduse Susanna Piovano Università

Dettagli

Unione Pesca Sportiva di Sondrio INDAGINE SULLA POPOLAZIONE DI SALMERINO ALPINO NEL LAGO VIOLA

Unione Pesca Sportiva di Sondrio INDAGINE SULLA POPOLAZIONE DI SALMERINO ALPINO NEL LAGO VIOLA Unione Pesca Sportiva di Sondrio INDAGINE SULLA POPOLAZIONE DI SALMERINO ALPINO NEL LAGO VIOLA Dr. Edoardo Fusi Luglio 2004 Indagine sulla popolazione di salmerino alpino nel lago Viola 1. introduzione

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE La Lista rossa dell Iucn é universalmente riconosciuta come il metodo più autorevole e oggettivo per analizzare il rischio di estinzione di una specie. Sebbene sia stato pensato

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Tutti gli esseri viventi sono formati da cellule piccolissime e visibili solo al microscopio.

Dettagli

Introduzione alla Biodiversità. A cura di Clara Tattoni. e presentazione di alcuni casi di studio

Introduzione alla Biodiversità. A cura di Clara Tattoni. e presentazione di alcuni casi di studio Introduzione alla Biodiversità A cura di Clara Tattoni e presentazione di alcuni casi di studio 1 Che cos'è? 1985 W.G. Rosen diversità, varietà, delle forme viventi sulla terra Diversità di una POPOLAZIONE

Dettagli

Il recupero dello storione cobice in Italia

Il recupero dello storione cobice in Italia PROVINCIA DI VERONA PROVINCIA DI PIACENZA Il recupero dello storione cobice in Italia PROVINCIA DI VERONA PROVINCIA DI CREMONA PROVINCIA DI VENEZIA PROGETTO LIFE 04NAT/IT/000126 PROVINCIA DI FERRARA Conservation

Dettagli

Tassonomia e concetto di specie. Tassonomia. Dare un nome ai viventi

Tassonomia e concetto di specie. Tassonomia. Dare un nome ai viventi e concetto di specie Dare un nome ai viventi Sin dai primordi gli esseri umani hanno sentito l esigenza di dare un nome ai viventi coi quali Scienza che si propone di identificare e classificare gli organismi

Dettagli

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di lupo nel mondo: il lupo grigio (Canis Lupus) e il lupo

Dettagli

EVOLUZIONE sistema Terra nelle ere geologiche

EVOLUZIONE sistema Terra nelle ere geologiche EVOLUZIONE sistema Terra nelle ere geologiche ERA GEOLOGICA Periodo in milioni anni Regno vegetale Regno animale Anello di congiunzione Fossile guida Eventi geologici Era Archeozoica 4600 570 Alghe (acqua)

Dettagli

Flussi di energia negli ecosistemi

Flussi di energia negli ecosistemi Flussi di energia negli ecosistemi 2 a parte Leonardo Beccarisi Corso di Ecologia Università degli Studi di Roma Tre 18 novembre 2010 6 a lezione Sommario 1 Produttori primari nel mare Il fattore luce

Dettagli

ACCIUGHE AL COLLASSO La pesca eccessiva

ACCIUGHE AL COLLASSO La pesca eccessiva ACCIUGHE AL COLLASSO La pesca eccessiva L acciuga o alice (Engraulis encrasicolus) è il pesce azzurro per eccellenza e può senza dubbio essere considerata l oro blu del nostro mare. Non a caso è anche

Dettagli

Proposta didattica per insegnanti della scuola primaria (1^-2^-3^)

Proposta didattica per insegnanti della scuola primaria (1^-2^-3^) Proposta didattica per insegnanti della scuola primaria (1^-2^-3^) Introduzione al materiale didattico di Gardaland SEA LIFE Aquarium Il presente materiale didattico è stato sviluppato con il supporto

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

BIODIVERSITA. Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1

BIODIVERSITA. Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1 BIODIVERSITA Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1 Biodiversità 1 Significato del termine 2 Dal punto di vista dell uomo 3 Dal punto di vista biologico 4 I numeri

Dettagli

La BIODIVERSITA' Un delicato ed antico equilibrio da ristabilire

La BIODIVERSITA' Un delicato ed antico equilibrio da ristabilire Le schede tecniche di Giralafoglia La BIODIVERSITA' Un delicato ed antico equilibrio da ristabilire Il termine trae origine da una parola inglese biodiversity, che a sua volta deriva dalla contrazione

Dettagli

Anfibi. Pesci VERTEBRATI. Rettili. Mammiferi. Uccelli

Anfibi. Pesci VERTEBRATI. Rettili. Mammiferi. Uccelli Pesci Anfibi VERTEBRATI Mammiferi Rettili Uccelli Cordati Primi vertebrati sono apparsi 450 milioni di anni fa. Pikaia: è un cordato, l antenato dei vertebrati Cordati Cordati: animali un organo di sostegno

Dettagli

Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici

Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici M. Maugeri 1, M. Brunetti 2, L. Buffoni 3, F. Mangianti 4, F. Monti 1, T. Nanni 2, R. Pastorelli

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l aiuto dell insegnante, dei compagni, in modo autonomo, osserva e descrive

Dettagli

Mosorrofa Primaria A.S. 2013/2014

Mosorrofa Primaria A.S. 2013/2014 Mosorrofa Primaria A.S. 2013/2014 Alla Scoperta delle tartarughe marine Classi IV - V Le caratteristiche fisiche Tutto il corpo è protetto da una corazza e lo scudo dorsale, leggermente a forma di cuore,

Dettagli

Pesci PHYLUM CHORDATA

Pesci PHYLUM CHORDATA Zoologia ed elementi di Ecologia delle acque Corso di Laurea in Sc. e Tec. per la Cons. delle Foreste e della Natura - Sede di Cittaducale Docente S. Adriani a.a. 2014/2015 Testo di riferimento: Hickman

Dettagli

Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine. CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe

Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine. CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe Lungomare Scipioni,, 6 Sede dell Universit Università di

Dettagli

Laboratorio BIOLOGIA. La sensibilità della pelle. Ricorda che:

Laboratorio BIOLOGIA. La sensibilità della pelle. Ricorda che: Hai bisogno di: 3 stuzzicadenti un cronometro una piuma un cubetto di ghiaccio un guanto da cucina un compagno un fazzoletto per bendare gli occhi un quaderno e una penna La sensibilità della pelle la

Dettagli

PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO

PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO Le attività e i percorsi proposti per la scuola primaria e secondaria di I grado tendono, con metodologie e strumenti differenti per i due livelli, a esercitare e

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

VALLICOLTURA E OASI NATURALISTICA DI CA MELLO

VALLICOLTURA E OASI NATURALISTICA DI CA MELLO VALLICOLTURA E OASI NATURALISTICA DI CA MELLO Noi alunni della classe I H, insieme agli alunni della classe I G, il giorno 27 ottobre siamo andati a visitare l oasi naturalistica di Ca mello sul delta

Dettagli

www.vivereiparchi.eu Tel: (+39) 345 7796413 E-mail: vivereiparchi@gmail.com

www.vivereiparchi.eu Tel: (+39) 345 7796413 E-mail: vivereiparchi@gmail.com VITE INVISIBILI IL VIAGGIO MICROSCOPICO IN UNA GOCCIA D'ACQUA E' vero che una goccia d'acqua di lago può superare in biodiversità una intera foresta?... Le popolazioni microscopiche che colonizzano una

Dettagli

Le basi di gestione della pesca divengono le O.U. Unità Operative, che sono costituite da gruppi di motopesca che operano con lo stesso sistema di

Le basi di gestione della pesca divengono le O.U. Unità Operative, che sono costituite da gruppi di motopesca che operano con lo stesso sistema di 1 Introduzione L iniziativa della Commissione Europea di avviare una discussione sulla politica comune della pesca è estremamente positiva. Essa stimola la riflessione del settore sulle cause degli insuccessi

Dettagli

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola ria di Primo Grado TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE TERZA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto,

Dettagli

LA CRESCITA DELLE POPOLAZIONI ANIMALI

LA CRESCITA DELLE POPOLAZIONI ANIMALI LA CRESCITA DELLE POPOLAZIONI ANIMALI Riccardo Scipioni Generalmente, con il termine crescita di una popolazione si intende l aumento, nel tempo, del numero di individui appartenenti ad una stessa popolazione.

Dettagli

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI Riferimenti normativi e tecnici. Gli INDIRIZZI REGIONALI PER LA PIANIFICAZIONE FAUNISTICO VENATORIA PROVINCIALE (allegato 6 INDIRIZZI PER LA GESTIONE

Dettagli

CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA STATO DI AVANZAMENTO SETTEMBRE 2014 1 Il progetto di Censimento della fauna ittica nei laghi alpini nel territorio

Dettagli

SCIENZE SCUOLA PRIMARIA

SCIENZE SCUOLA PRIMARIA SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1 I CINQUE SENSI 1. Osservare il funzionamento del proprio corpo per riconoscerlo come organismo complesso 2. Osservare e riconoscere alcune caratteristiche dei corpi

Dettagli

5. obiettivi educativi e traguardi per lo sviluppo delle competenze

5. obiettivi educativi e traguardi per lo sviluppo delle competenze 5. obiettivi educativi e traguardi per lo sviluppo delle competenze 5d.CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE scuola dell infanzia scuola primaria scuola secondaria di 1 grado Il curricolo di scienze nasce nell

Dettagli

Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci

Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci 1 Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci Presidente: Giovanni Ialongo Direttore: Giuseppe Marzano Responsabile del Servizio Naturalistico, studi e ricerche e tutela della biodiversità: Lucio De Filippis

Dettagli

Il progetto ENPI-MED MediterraneanExperienceofEco- Tourism (MEET)

Il progetto ENPI-MED MediterraneanExperienceofEco- Tourism (MEET) Il progetto ENPI-MED MediterraneanExperienceofEco- Tourism (MEET) Paolo PIGLIACELLI Project Dept. Responsible Federparchi Europarc Italy MEET_Conf. Stampa_Roma 11/03/2013 1 Il Mediterraneo L area totale

Dettagli

animale e vegetale marina

animale e vegetale marina Il ruolo del MIPAAF nel sistema nazionale e comunitario a tutela della biodiversità animale e vegetale marina Dott. Giuseppe Ambrosio Capo di Gabinetto Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

King County, Washington

King County, Washington CITTA' E CAMBIAMENTI CLIMATICI : Misure, Politiche, Strumenti King County, Washington Climate Change Plan Alessandro Penzo n mat: 272307 Inquadramento geografico Evoluzione delle politiche climatiche...

Dettagli

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Università degli Studi di Siena Dipartimento di Biologia Evolutiva BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Massimo MIGLIORINI, Fabio BERNINI Gli Acari sono un gruppo di aracnidi

Dettagli

Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s.

Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s. Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s. ANNO 2012 specie prodotta quantità lunghezza media n mm lavarello 1.078.000 10-25 lavarello

Dettagli

CHECKLIST DEI CRITERI DI CERTIFICAZIONE FRIEND OF THE SEA

CHECKLIST DEI CRITERI DI CERTIFICAZIONE FRIEND OF THE SEA CHECKLIST DEI CRITERI DI CERTIFICAZIONE FRIEND OF THE SEA PER LA PESCA SELVATICA (Ultimo aggiornamento 11/05/2010) Friend of the Sea è un organizzazione non governativa fondata nel 2007 il cui scopo è

Dettagli

. E di Flora Ginepro Coccolone

. E di Flora Ginepro Coccolone Un Po di Storia La riserva di Vendicari è una riserva orientata che differisce dalla riserva integrale per la possibilità di interventi antropici a norma! Essa infatti può essere visitata dall uomo. Andando

Dettagli

Il progetto LIFE+ del mese

Il progetto LIFE+ del mese Il progetto LIFE+ del mese LIFE12 ENV/IT/000289 Beneficiario coordinatore: Regione Liguria Dipartimento Ambiente - Settore Ecosistema Costiero e Ciclo delle Acque Coordinatore del progetto: Ilaria Fasce

Dettagli

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA:

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Titolo: ZANZARE CITTADINE Autore: Laura Cassata Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al percorso o ai percorsi indicati e hanno come obiettivo

Dettagli

BOLCA La Pesciara di Bolca : uno dei siti paleontologici più famosi al mondo

BOLCA La Pesciara di Bolca : uno dei siti paleontologici più famosi al mondo BOLCA La Pesciara di Bolca : uno dei siti paleontologici più famosi al mondo Monti Lessini Comune di Vestenanova 1 Col nome di "Bolca" si intendono più località dell'eocene fra loro vicine, ma di età diverse.

Dettagli

L ORIGINE DELLA VITA SULLA TERRA

L ORIGINE DELLA VITA SULLA TERRA L ORIGINE DELLA VITA SULLA TERRA Scavando nei siti dove sono stati trovati dei reperti, geologi e paleontologi sono riusciti a ricostruire le tappe dell evoluzione (= lento ma continuo cambiamento degli

Dettagli

Apparato Riproduttore

Apparato Riproduttore Apparato Riproduttore LA RIPRODUZIONE. Ogni essere vivente può creare un altro essere vivente, ed è possibile grazie alla RIPRODUZIONE. La riproduzione è possibile grazie all APPARATO RIPRODUTTORE. A differenza

Dettagli

PIANO ISS LEGGERE L AMBIENTE. Organismi modello: drosophila melanogaster

PIANO ISS LEGGERE L AMBIENTE. Organismi modello: drosophila melanogaster PIANO ISS LEGGERE L AMBIENTE Organismi modello: drosophila melanogaster PRESIDIO Liceo Scientifico A: Genoino Cava de Tirreni ( Salerno) PROGETTAZIONE Le attività sperimentali con Drosophila Melanogaster

Dettagli

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 OBIETTIVO FORMATIVO Comprendere come gli strumenti matematici siano necessari per operare nella realtà. L alunno si muove con sicurezza nel calcolo

Dettagli

Le Fanerogame del Mediterraneo

Le Fanerogame del Mediterraneo Le Fanerogame del Mediterraneo In Mediterraneo sono presenti cinque specie di fanerogame marine: Cymodocea nodosa (Zosteraceae) si trova soprattutto su sedimenti fini superficiali ed in acque salmastre.

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA. Future tendenze dei settori marittimi SVILUPPO PREVISTO STIME QUANTIFICATE

RELAZIONE SINTETICA. Future tendenze dei settori marittimi SVILUPPO PREVISTO STIME QUANTIFICATE RELAZIONE SINTETICA Nel 2007, la Commissione Europea ha adottato il Blue Book per una Integrated Maritime Policy (IMP) all interno dell Unione Europea, che mira a fornire un approccio più coerente alle

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

AWARE Shark Conservation

AWARE Shark Conservation Distinctive Specialty Course Guida per Distinctive Specialty Course Instructor Guide Product No. 72004I (Rev. 04/12) Version 1.02 PROJECT AWARE Guida per Distinctive Specialty Course Instructor Guide Ringraziamenti

Dettagli

Analizziamo in tabella le peculiarità dei mammiferi.

Analizziamo in tabella le peculiarità dei mammiferi. IL CENOZOICO Brevi suggerimenti didattici. La vita recente Iniziamo il percorso visualizzando la linea del tempo delle ere studiate aggiungendo l era cenozoica. Il nome Cenozoico viene dalla lingua greca.

Dettagli

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità La mini guida di Onda sulla contraccezione Testi a cura della Dott.ssa Nicoletta Orthmann Coordinatore Scientifico di Onda Qual è il ruolo della

Dettagli

Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori

Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori Ottobre 2014 Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori Ali Yavuz, Senior Technical Service Manager and Dr. Antonio Kalinowski, Nutritionist Sommario Il controllo del peso dell uovo nella fase tardiva

Dettagli

Piano di azioni prioritarie per la conservazione di cetacei e tartarughe marine in Adriatico: un approccio regionale alla conservazione

Piano di azioni prioritarie per la conservazione di cetacei e tartarughe marine in Adriatico: un approccio regionale alla conservazione Piano di azioni prioritarie per la conservazione di cetacei e tartarughe marine in Adriatico: un approccio regionale alla conservazione Network for the Conservation of Cetaceans and Sea Turtles in the

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

Variabilità delle comunità autotrofe planctoniche nelle aree al largo dell Adriatico meridionale

Variabilità delle comunità autotrofe planctoniche nelle aree al largo dell Adriatico meridionale Workshop finale VECTOR Sede centrale CNR, Roma, 18-19 ottobre 2010 Variabilità delle comunità autotrofe planctoniche nelle aree al largo dell Adriatico meridionale F. Cerino a,1, F. Bernardi-Aubry b, J.

Dettagli

Verso un sistema di early warning sulle specie non indigene: obiettivi del sistema, aspetti tecnici e organizzativi. Luca Castriota ISPRA

Verso un sistema di early warning sulle specie non indigene: obiettivi del sistema, aspetti tecnici e organizzativi. Luca Castriota ISPRA Verso un sistema di early warning sulle specie non indigene: obiettivi del sistema, aspetti tecnici e organizzativi Luca Castriota ISPRA un sistema di early warning è un insieme di azioni di di che permettano

Dettagli

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE - malattie cardiovascolari - cancro Il processo di BIOSENESCENZA implica le caratteristiche seguenti: 1. è deleterio

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE

L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE CENTRO DI AIUTO PSICOLOGICO www.aiutopsicologico.it Dott. Cinzia Colombo L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE La vita, dal punto di vista scientifico, ha avuto origine

Dettagli

MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di I grado

MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di I grado MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI Scuola Secondaria di I grado Considerate la vastità degli argomenti trattati e le esigenze peculiari di ogni classe, ciascun insegnante deciderà quali unità didattiche

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli