Prot. n Mantova, 04 dicembre Avviso pubblico di procedura comparativa. Il Dirigente

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prot. n. 68762 Mantova, 04 dicembre 2008. Avviso pubblico di procedura comparativa. Il Dirigente"

Transcript

1 PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE TURISTICO-CULTURALI, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITÀ, POLITICHE SOCIALI E LAVORO Via Principe Amedeo n Mantova Tel.: 0376/ Fax 0376/ Prot. n Mantova, 04 dicembre 2008 Avviso pubblico di procedura comparativa Il Dirigente Visto l articolo 7 commi 6, 6-bis e 6-ter del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.; Visto l articolo 3, commi 55, 56 e 57 della legge 24 dicembre 2007, n. 244; Visti gli articoli da 113 a 124 del Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi che recano disposizioni per il conferimento di incarichi di collaborazione, di studio o di ricerca, ovvero di consulenza a soggetti esterni di comprovata competenza approvate con delibera della Giunta Provinciale n. 49 del 13 marzo 2008; Vista la delibera del Consiglio Provinciale n. 21 del 30 aprile 2008, con la quale è stato approvato il programma di cui all articolo 3, comma 55, della legge 24 dicembre 2007, n. 244; rende noto che è indetta una procedura di valutazione comparativa per il conferimento di un incarico individuale di CONSULENZA riservato a candidati di particolare e comprovata specializzazione universitaria, per lo svolgimento delle seguenti attività: sopraluoghi presso strutture alberghiere della Provincia di Mantova al fine di verificare la sussistenza dei requisiti standard obbligatori minimi per la classificazione degli alberghi e delle residenze turistico alberghiere definiti dalla L.R. 15/2007 a cura del Servizio Turismo. 1. Natura dell incarico e contenuto delle prestazioni Il rapporto instaurato con il prestatore si qualifica come contratto di lavoro autonomo (artt.2222 e ss. del codice civile), di natura occasionale. L incarico sarà espletato personalmente dal soggetto selezionato in piena autonomia, senza vincolo di subordinazione. Le prestazioni richieste sono previste nello schema di disciplinare di incarico allegato cui si rinvia. Il presente Avviso e lo schema di disciplinare di incarico allegato sono pubblicati sul sito web della Provincia di Mantova e posti in visione presso il Servizio U.R.P. della Provincia (Tel. 0376/ Fax 0376/ Durata, luogo e compenso La prestazione dovrà concludersi entro maggio 2009 dalla sottoscrizione del disciplinare di

2 incarico. Il compenso totale lordo è stabilito in complessivi 9.445,00. Il pagamento del compenso avverrà secondo quanto previsto dal disciplinare di incarico. 3. Requisiti e competenze dei candidati I requisiti richiesti per la partecipazione alla selezione comparativa sono: a) possesso della cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell Unione Europea; b) godimento dei diritti civili e politici; c) non aver riportato condanne penali, con sentenza passata in giudicato, per qualsiasi reato che incida sulla propria moralità professionale; d) insussistenza di cause limitative della capacità del candidato di sottoscrivere contratti con la pubblica amministrazione e di espletare l incarico oggetto della selezione; e) possesso del seguente titolo di studio: Diploma di laurea magistrale o titolo equivalente secondo l ordinamento universitario, in architettura o ingegneria civile/edile o lauree equipollenti. I requisiti prescritti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine ultimo per la presentazione della domanda di partecipazione alla selezione. 4. Domanda di partecipazione e termine di presentazione Le domande di partecipazione, redatte in carta libera secondo lo schema allegato, dovranno essere prodotte entro e non oltre il termine delle ore 12,00 del giorno 18 dicembre 2008 [ termine minimo: 15 gg. dalla pubblicazione dell avviso su Internet ProvMN e all Albo pretorio ], al seguente indirizzo: PROVINCIA DI MANTOVA SPORTELLO U.R.P., Via Principe Amedeo, Mantova. Per il rispetto del predetto termine faranno fede unicamente la data e l orario di ricevimento apposte dall Ufficio della Provincia incaricato della ricezione delle domande. Sono ammessi tutti tipi di spedizione e consegna, inclusa la consegna a mano. Non farà fede il timbro postale. L'Amministrazione non assume responsabilità alcuna per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte del concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento dell indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore. Il termine di scadenza indicato è perentorio: la domanda che giungerà oltre il termine di scadenza previsto sarà considerata non ammissibile e non sarà sottoposta a valutazione. Nella domanda di partecipazione, debitamente sottoscritta dal candidato, dovranno essere riportati i seguenti dati e dichiarazioni da rendere sotto la propria responsabilità: 1) cognome, nome, data e luogo di nascita, residenza, codice fiscale, telefono, recapito a cui indirizzare ogni comunicazione relativa alla selezione (se si desidera ricevere le comunicazioni a un diverso recapito occorre specificarlo); 2) di essere in possesso della cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell Unione Europea; 3) di godere dei diritti civili e politici; 4) di non avere riportato condanne penali (in caso contrario, indicare le condanne riportate, la data, ed il numero della sentenza, l autorità che l ha emessa); 5) di non trovarsi in alcuna situazione che precluda la capacità di sottoscrivere contratti con la pubblica amministrazione e di espletare l incarico oggetto della selezione; 6) di essere in possesso del seguente titolo di studio: diploma di laurea specialistica o

3 laurea conseguita ai sensi del vecchio ordinamento (indicare il titolo di studio, la votazione riportata, nonché la data e l Ente presso il quale è stato conseguito); 7) di possedere i titoli e di avere maturato le esperienze risultanti dal curriculum vitaeprofessionale allegato e che quanto in esso dichiarato corrisponde a verità; 8) di avere preso visione dell avviso pubblico e dello schema di disciplinare di incarico, di conoscere e accettare tutte le condizioni ivi previste e di essere disponibile a svolgere l incarico relativo alla presente selezione. La domanda dovrà essere corredata dai seguenti allegati: 1) Fotocopia di un documento di identità del sottoscrittore; 2) Curriculum vitae-professionale, debitamente datato e firmato dal candidato, completo dei dati anagrafici, con descrizione dei titoli posseduti e delle esperienze maturate, nonché ogni altra documentazione idonea a comprovare il possesso dei requisiti di qualificazione e competenza del candidato (attestati, pubblicazioni, ecc.). L Amministrazione si riserva la facoltà di procedere ad idonei controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive contenute nella domanda di partecipazione alla procedura e nel curriculum. 5. Modalita' di selezione La selezione viene effettuata sulla base dei curricula e successivo eventuale colloquio, da valutare con riferimento a criteri di competenza professionale: a) titoli posseduti; b) esperienze professionali. attinenti e congruenti rispetto all oggetto dello specifico incarico da conferire. Le domande di partecipazione con i relativi curricula sono valutate da una apposita commissione interna presieduta dal dirigente della struttura presso cui dovrà esser svolta la collaborazione. Al fine di meglio vagliare le competenze dei partecipanti, i tre candidati che a giudizio della commissione preposta presentino professionalità meglio rispondenti alle attività oggetto dell incarico, sono ammessi ad un successivo colloquio, al termine del quale viene individuato il soggetto più idoneo. 6. Altre informazioni a) L Amministrazione si riserva, a proprio insindacabile giudizio, la facoltà di annullare o revocare in tutto o in parte la presente procedura, o di non procedere all affidamento dell incarico, anche in relazione al reperimento delle risorse finanziarie a tale scopo necessarie, senza che ciò comporti pretesa alcuna da parte dei partecipanti alla selezione; b) il soggetto non deve trovarsi in alcuna delle seguenti condizioni di incompatibilità all assunzione di incarichi previste dall art.115 del citato regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi, ovvero: - le cause di incompatibilità riferibili alle fattispecie individuate dall art.51 del codice di procedura civile, riferibili all oggetto ed all esecuzione dell incarico; - le cause di incompatibilità relative a particolari situazioni riferibili agli amministratori locali in base alle disposizioni in tema di incompatibilità contenute nel d.lgs. n. 267/2000; - l art. 25 della legge n. 724/1994; - l art. 53 del d.lgs. n. 165/2001, con riguardo ai dipendenti di Amministrazioni Pubbliche con rapporto di lavoro a tempo pieno o a tempo parziale superiore al 50% dell orario di lavoro; - l art. 92, comma 1 del d.lgs. n. 267/2000, con riguardo ai dipendenti di enti locali con rapporto di lavoro a tempo parziale, con

4 qualunque commisurazione rispetto all orario di lavoro; c) l efficacia dei contratti di collaborazione è subordinata agli obblighi di pubblicità di cui all art.3, comma 18, della legge n.244 del 2007, posti a carico dell Amministrazione committente; d) il prestatore, al termine dell incarico, dovrà presentare una relazione scritta sulle attività svolte; e) per quanto non espressamente previsto dal presente bando, si fa riferimento alle disposizioni in materia di conferimento di incarichi di collaborazione, di studio o di ricerca, ovvero di consulenza a soggetti esterni di comprovata competenza contenute nel Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi (Titolo IX - articoli da 113 a 125), modificato con delibera della G.P. n.49 del 13 marzo 2008, nonché alla normativa vigente in materia; f) per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi alla struttura interessata all incarico: Settore Risorse Turistico-Culturali, Servizi alla Persona e alla Comunità, Politiche Sociali e Lavoro - Responsabile del procedimento è Dr. Gianni Petterlini Tel 0376/ g) ai sensi del d.lgs. 30 giugno 2006, n.196 si informa che i dati personali forniti dai candidati saranno utilizzati ai fini del procedimento per il quale sono richiesti e verranno utilizzati esclusivamente a tale scopo ovvero per dare esecuzione ad obblighi di informazione o accesso agli atti previsti dalla legge. Il Dirigente (Dr. Gianni Petterlini)

5 Allegato SCHEMA DI DOMANDA Alla Provincia di Mantova - Sportello U.R.P. Domanda di partecipazione Via Principe Amedeo, Mantova Il/La sottoscritto/a (cognome) (nome) nato/a il / / a prov. di e residente in Via Cap. Città (Prov. ) C.F. P.IVA Recapiti telefonici Fax 1 c h i e d e di partecipare alla procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione occasionale di consulenza per la seguente attività: sopraluoghi presso strutture alberghiere della Provincia di Mantova al fine di verificare la sussistenza dei requisiti standard obbligatori minimi per la classificazione degli alberghi e delle residenze turistico alberghiere definiti dalla L.R: 15/2007 a cura del Servizio Turismo. A tal fine, ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445/2000 consapevole della responsabilità penale cui può andare incontro in caso di dichiarazione mendace (art. 76 DPR 445/00), sotto la propria responsabilità, d i c h i a r a 1) di essere cittadino italiano (o di uno degli Stati membri dell Unione Europea); 2) di godere dei diritti civili e politici; 3) di non avere riportato condanne penali 2 ; 4) di non trovarsi in alcuna situazione che precluda la capacità di sottoscrivere contratti con la pubblica amministrazione e di espletare l incarico oggetto della selezione; 5) di essere in possesso del seguente titolo di studio: diploma di laurea in (specificare se laurea conseguita ai sensi del vecchio ordinamento o laurea specialistica conseguita ai sensi del nuovo ordinamento: ) conseguito il presso con la votazione di / ; 6) di possedere i titoli e di avere maturato le esperienze risultanti dal curriculum 1 Le comunicazioni relative alla presente procedura saranno indirizzate all indirizzo sopra indicato. se si desidera riceverle a un diverso recapito occorre specificarlo. 2 In caso contrario, indicare le eventuali condanne penali riportate, la data, ed il numero della sentenza, l autorità che l ha emessa, nonché qualsiasi precedente giudiziario iscritto nel casellario giudiziario.

6 allegato e che quanto in esso dichiarato corrisponde a verità; 7) di avere preso visione dell avviso pubblico e dello schema di disciplinare di incarico, di conoscere e accettare tutte le condizioni ivi previste e di essere disponibile a svolgere l incarico relativo alla presente selezione. ll/la sottoscritto/a autorizza la Provincia di Mantova al trattamento dei dati personali forniti ai sensi del D.Lgs. 196/2003 ai fini della gestione della presente procedura. (luogo e data) Allega: 1. Fotocopia di un documento di identità. 2. Curriculum vitae-professionale datato e firmato. (firma) PROVINCIA DI MANTOVA

7 Settore Turistico e Culturale, Servizi alla Persona e alla Comunità Politiche Sociali e del Lavoro SCHEDA DI VALUTAZIONE STANDARD QUALITATIVI OBBLIGATORI MINIMI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI DISTINTI PER CLASSE AZIENDA ALBERGHIERA CATEGORIA ASSEGNATA

8 STANDARD QUALITATIVI OBBLIGATORI MINIMI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI DISTINTI PER CLASSE L.R. 15/2007 ALLEGATO A Codice Descrizione requisiti * ** *** **** ***** 1. PRESTAZIONE DI SERVIZI 1.01 Servizi di ricevimento e di portineria-informazioni: assicurati 24/24 ore da personale addetto in via esclusiva assicurati 16/24 ore con personale addetto assicurati 16/24 ore con un addetto assicurati 12/24 ore 1.02 Servizio di notte: portiere di notte addetto disponibile a chiamata 1.03 Servizio custodia valori: cassetta di sicurezza per tutte le camere cassette di sicurezza per il 50% delle camere e cassaforte dell albergo per le restanti camere cassaforte in albergo 1.04 Trasporto interno dei bagagli: assicurato 24/24 ore assicurato 16/24 ore assicurato 12/24 ore 1.05 Servizio di prima colazione: in sala apposita e/o ristorante-servizio nelle camere a richiesta del cliente in sale comuni anche destinate ad altri usi 1.06 Servizio di bar nel locale dove è ubicato l impianto: assicurato 16/24 ore con personale addetto in via esclusiva assicurato 12/24 ore con personale addetto assicurato 12/24 ore con un addetto assicurato 12/24 ore 1.07 Servizio di bar nei locali comuni: assicurato 16/24 ore assicurato 12/24 ore Codice Descrizione requisiti * ** *** **** ***** 1.08 Servizio di bar nelle camere o unità abitative: assicurato 16/24 ore assicurato 12/24 ore 1.09 Frigobar in tutte le camere o unità abitative ( ove non

9 assicurato 24/24 ore) 1.10 Divise per il personale 1.11 Lingue estere correntemente parlate: dal personale di ricevimento portineriainformazioni: 2 lingue 1 lingua 1.12 Cambio biancheria: lenzuola e federe ad ogni cambio di cliente e: -tutti i giorni - a giorni alterni - due volte alla settimana - una volta alla settimana ( salvo diversa scelta del cliente a tutela dell ambiente) asciugamani nelle camere ad ogni cambio di cliente e: - tutti i giorni - a giorni alterni - due volte alla settimana (salvo diversa scelta del cliente a tutela dell ambiente) 1.13 Accessori dei locali-bagno privati ( le camere senza bagno privato devono avere gli accessori di cui al punto e ): saponetta bagnoschiuma sali da bagno un telo da bagno per persona un asciugamano per persona una salvietta per persona riserva di carta igienica sacchetti igienici cestino rifiuti Codice Descrizione requisiti * ** *** **** ***** asciugacapelli necessario per pulitura calzature al piano o in camera 1.14 Accessori nelle camere o unità abitative: documentazione sull albergo e sulla località necessario per scrivere 1.15 Lavatura e stiratura biancheria degli ospiti: resa entro le 12 ore per biancheria consegnata prima delle ore resa entro le 24 ore

10 1.16 Pulizia delle camere o unità abitative: una volta al giorno, con riassetto pomeridiano una volta al giorno 1.17 Servizio parcheggio auto: assicurato 24/24 ore 2 DOTAZIONI, IMPIANTI ED ATTREZZATURE 2.01 Numero dei locali-bagno privati composti da lavandino, doccia o vasca e tazza, espressi in percentuale delle camere o unità abitative: il 100% almeno il 60% la dotazione dei locali-bagno è garantita con elementi separati e fissi secondo il vigente regolamento d igiene tipo 2.02 Numero dei locali-bagno comuni ( completi): uno ogni 4 posti letto non serviti da locale-bagno privato, con il minimo di uno per piano uno ogni 8 posti letto non serviti da locale-bagno privato, con il minimo di uno per piano uno ogni 10 posti letto non serviti da locale-bagno privato, con il minimo di uno per piano 2.03 Riscaldamento: in tutti i locali destinati al soggiorno dei clienti Codice Descrizione requisiti * ** *** **** ***** 2.04 Aria condizionata o impianto di raffrescamento: in tutti i locali destinati al soggiorno dei clienti ( l obbligo non sussiste per gli esercizi posti ad un altitudine superiore ai 600 mt s.l.m.) 2.05 Ascensore di servizio o montacarichi 2.06 Ascensore per clienti ( fatti salvi i vincoli ai quali l immobile sia soggetto ai sensi della legge 29 giugno 1939, n Protezione delle bellezze naturali e della legge 7 giugno 1939, n Tutela delle cose d interesse artistico e storico ): qualunque sia il numero dei piani ( con possibilità di deroga per gli alberghi esistenti se non realizzabile in base alle normative vigenti per gli esercizi con locali oltre i primi due piani, escluso il piano terreno ( con possibilità di deroga per gli alberghi se

11 non realizzabili in base alle normative vigenti) 2.07 Sistemazione delle camere ( il tavolino e comodino possono essere sostituiti da ripiani con analoga funzione): letto, tavolino, armadio, comodino e specchio lampade o appliques da comodino secondo punto di illuminazione per leggere o scrivere specchio con presa corrente per le camere senza bagno secondo comodino nelle camere doppie cestino rifiuti sgabello o ripiano apposito per bagagli angolo soggiorno arredato 2.08 Sedie o poltrone nelle camere o unità abitative: una sedia per letto una poltroncina per letto 2.09 Disponibilità di suites 2.10 Televisore a colori: in tutte le camere o unità abitative Codice Descrizione requisiti * ** *** **** ***** con antenna satellitare ad uso comune ( obbligatoria per gli esercizi che non hanno tutte le camere dotate di televisore) 2.11 Radio o filodiffusione o programma televisivo musicale nelle camere o unità abitative, con regolazione autonoma in tutte le camere o unità abitative 2.12 Chiamata per il personale: chiamata telefonica diretta chiamata con telefono o campanello 2.13 Telefono nelle camere o unità abitative: abilitato alla chiamata esterna diretta non abilitato alla chiamata esterna diretta 2.14 Linee telefoniche esterne: un apparecchio telefonico per uso comune una cabina telefonica o locale apposito per clienti spazio riservato per le telefonate dei clienti 2.15 Telex e/o telefax ad uso comune

12 2.16 Locali di ricevimento e soggiorno: un locale ( che può coincidere con l ingresso o la sala ristorante o il bar) aree di superficie complessiva ( esclusa l eventuale sala ristorante o il bar con licenza separata di pubblico esercizio) non inferiore a mq. 4 per ognuna delle prime 10 camere, mq. 1 per ognuna delle ulteriori camere fino alla ventesima, mq. 0,5 per ogni camera oltre la ventesima come , maggiorata del 20% come , maggiorata del 30% come , maggiorata del 50% 2.17 Sala ristorante: in locale apposito in locale apposito negli esercizi che forniscono il servizio Codice Descrizione requisiti * ** *** **** ***** 2.18 Bar: banco bar in locale appositamente attrezzato banco bar posto in locale comune attrezzatura bar posta in locale comune 2.19 Sale separate: sala per riunioni sala soggiorno e svago 2.20 Ingresso protetto da portico o pensilina 2.21 ingresso separato per i bagagli 2.22 locali di servizio ( offices) ai piani 2.23 Silenziosità: insonorizzazione di tutte le camere o unità abitative NOTA ESPLICATIVA CIRCA IL PERSONALE DI SERVIZIO DEGLI ALBERGHI CON RIFERIMENTO AGLI STANDARD MINIMI OBBLIGATORI. Per il personale addetto in via esclusiva si intende persona ( titolare, dipendente, coadiuvatore) che quando è impegnata in un determinato servizio non può essere impiegata contemporaneamente in altri servizi. Per addetto si intende persona che è impegnata prevalentemente in un determinato servizio, ma che può essere impiegata contemporaneamente anche in altri servizi. Per servizio assicurato si intende servizio che viene garantito mediante una o più persone impiegate contemporaneamente in più servizi. DATA SOPRALLUOGO

13 F.TO PROVINCIA DI MANTOVA Settore Turistico e Culturale, Servizi alla Persona e alla Comunità Politiche Sociali e del Lavoro SCHEDA DI VALUTAZIONE STANDARD QUALITATIVI OBBLIGATORI MINIMI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE DISTINTE PER CLASSE AZIENDA ALBERGHIERA CATEGORIA ASSEGNATA

14 STANDARD QUALITATIVI OBBLIGATORI MINIMI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE, DISTINTI PER CLASSE L.R. 15/2007 ALLEGATO B Codice Descrizione requisiti ** *** **** 1. PRESTAZIONE DI SERVIZI 1.01 Servizi di ricevimento e di portineria-informazioni: assicurati 16/24 ore da personale addetto assicurati 14/24 ore da personale addetto assicurati 12/24 ore 1.02 Servizio di notte addetto al servizio di notte addetto disponibile a chiamata 1.03 Servizio custodia valori cassetta di sicurezza nelle unità abitative o cassaforte nella residenza turistico-alberghiera servizio custodia valori 1.04 Trasporto interno dei bagagli: assicurato 12/24 ore assicurato 8/24 ore 1.05 Servizi di bar in locale comune o nelle unità abitative: assicurato 14/24 ore assicurato 12/24 ore 1.06 Divise per il personale 1.07 Lingue estere correntemente parlate dal personale di ricevimento e di portineria: lingue lingua 1.08 Cambio di biancheria da letto e da bagno: ad ogni cambio del cliente e : - tutti i giorni quella del bagno - a giorni alterni quella dei letti - due volte alla settimana ( salvo diversa scelta del cliente a tutela dell ambiente) 1.09 Pulizia: Pulizia ad ogni cambio del cliente e - tutti i giorni - a giorni alterni Codice Descrizione requisiti ** *** **** - due volte alla settimana

15 1.10 Servizio di lavatura e stiratura biancheria degli ospiti 2. DOTAZIONI STRUTTURA 2.01 Locali di ricevimento e soggiorno: un area per uso comune ( che può coincidere con la sala ristorante o il bar) una sala di uso comune di superficie complessiva ( esclusa l eventuale sala ristorante o il bar con la licenza separata di pubblico esercizio) non inferiore a mq. 4 per ognuna delle prime 10 unità abitative, mq. 1 per ognuna delle ulteriori unità fino alla ventesima e di mq. 0,5 per ogni unità oltre alla ventesima come maggiorata del 10% 2.02 Ambienti distinti per camere e soggiorno-cucina senza obbligo di una separazione con struttura fissa 2.03 Riscaldamento in tutto l esercizio: unità abitative ed eventuali parti comuni. (L obbligo non sussiste per gli esercizi con licenza stagionale estiva) 2.04 Aria condizionata o impianto di raffrescamento regolabile dal cliente. ( L obbligo non sussiste per gli esercizi posti ad una altitudine superiore ai 600 mt. s.l.m.) 2.05 Aria condizionata o impianto di raffrescamento (L obbligo non sussiste per gli esercizi posti ad una altitudine superiore ai 600 mt. s.l.m.) 2.06 Ascensore negli esercizi qualunque sia il numero dei piani (con possibilità di deroga per gli esercizi esistenti se non realizzabile in base alle normative vigenti) 2.07 Ascensore negli esercizi con locali oltre i primi due piani, escluso il piano terreno, con possibilità di deroga per gli esercizi esistenti se non realizzabile in base alle normative vigenti 2.08 Posto telefonico per clienti 2.09 Servizio parcheggio auto assicurato 24/24 ore 3. DOTAZIONI MINIME DELLE UNITA ABITATIVE 3.01 Dotazioni per il soggiorno ed il pernottamento: Codice Descrizione requisiti ** *** **** letti e coperte pari al numero delle persone ospitabili armadio, cassetti, grucce, comodini o

16 ripiani, illuminazione, lampade o appliques tavolo per la consumazione dei pasti con sedie pari al numero dei posti letto poltrone o divani nel soggiorno con posti pari al numero delle persone ospitabili poltrone o divano nel soggiorno 3.02 Dotazione per la preparazione dei cibi: cucina con due fuochi o piastre e relativa alimentazione cucina con due fuochi o piastre e forno ( anche miocroonde) frigorifero lavello con scolapiatti per ciascuna persona ospitabile: - 2 coltelli - 2 forchette - 2 cucchiai - 2 piatti piani - 1 piatto fondo - 2 bicchieri - 1 tazza - 1 tazzina per ciascuna unità abitativa: - 1 batteria da cucina - 2 coltelli da cucina - 1 zuccheriera - 1 caffettiera - 1 scolapasta - 1 mestolo - 1 insalatiera - 1 grattugia - 1 spremiagrumi - 1 apribottiglie/cavatappi - 1 bricco per il latte - 1 pattumiera con sacchetti di plastica tovaglia, tovaglioli e canovacci da cucina 3.03 Dotazione bagno: lavandino, doccia o vasca, tazza Codice Descrizione requisiti ** *** **** saponetta telo bagno per persona asciugamano per persona salvietta per persona carta igienica con riserva

17 sacchetti igienici cestino rifiuti specchio e contigua presa per energia elettrica mensola scopettino asciugacapelli bagnoschiuma 3.04 Dotazioni generali delle unità abitative: impianto di erogazione acqua calda e fredda scopa, paletta, secchio, ramazza, straccio per pavimenti televisori a colori antenna satellitare chiamata telefonica diretta del personale telefono abilitato alla chiamata esterna diretta necessario per scrivere e per cucire 4 SERVIZI ULTERIORI 4.01 Assistenza di manutenzione delle unità abitative e di riparazione e sostituzione di arredi, corredi e dotazioni NOTA ESPLICATIVA CIRCA IL PERSONALE DI SERVIZIO DELLE R.T.A. CON RIFERIMENTO AGLI STANDARD MINIMI OBBLIGATORI. Per il personale addetto in via esclusiva si intende persona ( titolare, dipendente, coadiuvatore) che quando è impegnata in un determinato servizio non può essere impiegata contemporaneamente in altri servizi. Per addetto si intende persona che è impegnata prevalentemente in un determinato servizio, ma che può essere impiegata contemporaneamente anche in altri servizi. Per servizio assicurato si intende servizio che viene garantito mediante una o più persone impiegate contemporaneamente in più servizi. DATA SOPRALLUOGO F.TO

18 PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO PROFESSIONALE DI CONSULENZA PER SOPRALLUOGHI PRESSO LE STRUTTURE ALBERGHIERE ED ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI VIGILANZA AI SENSI DEL T.U. L.R. 15/2007 in esecuzione della Determinazione Dirigenziale n del premesso che per l affidamento dell incarico finalizzato all esecuzione di sopralluoghi presso le strutture ricettive alberghiere ai sensi della L.R. 15/07 il professionista sotto indicato ha dichiarato di non trovarsi nelle condizioni ostative previste dall'art. 25 legge n. 724 del ) e nelle condizioni di incompatibilità sancite dalle normative regionali e dalle norme generali per gli incarichi a collaborazione di natura professionale personale, oltre che, qualora pubblico dipendente, di avere la necessaria autorizzazione al fine di rimuovere le incompatibilità di cui al T.U. n. 3 del 1957 al titolo 5 capo 1 e art. 53 D. lgs n. 165 del 30/03/2001; il professionista sotto indicato ha dichiarato di non trovarsi nelle condizioni ostative previste dall'art. 25 legge n. 724 del ) e nelle condizioni di incompatibilità

19 sancite dalle normative regionali e dalle norme generali per gli incarichi a collaborazione di natura professionale personale, oltre che, qualora pubblico dipendente, di avere la necessaria autorizzazione al fine di rimuovere le incompatibilità di cui al T.U. n. 3 del 1957 al titolo 5 capo 1 e art. 53 D. lgs n. 165 del 30/03/2001; Visto l art. 107 del D. Lgs. n. 267/2000; TRA La Provincia di Mantova, di seguito denominata Provincia, con sede in via Principe Amedeo n. 32 Mantova, cod. fiscale n , P. Iva , rappresentata in questo atto dal Dirigente del Settore Turistico e Culturale, Servizi alla Persona e alla Comunità, Politiche Sociali e del Lavoro Dott. Gianni Petterlini, legittimato alla stipulazione del presente contratto, - NOME E COGNOME - C. fiscale n. - P.IVA - nato a - residente a E seguito denominato incaricato, si stipula e si conviene quanto segue: Art. 1 - CONTENUTO DELL INCARICO All incaricato viene affidata la esecuzione di nr. 35 sopralluoghi presso le aziende ricettive alberghiere, finalizzati all accertamento del possesso dei requisiti di cui al Titolo III, Capo I e agli allegati A e B della L.R. 15/07. Periodo dei sopralluoghi e strutture verranno previamente indicate dall ufficio all incaricato; si precisa che le strutture alberghiere sono dislocate in tutto il Mantovano. In particolare le attività da svolgere saranno le seguenti: A) verificare il possesso dei requisiti di attribuzione di classificazione alberghiera, in relazione alle dotazioni, impianti,attrezzature ovvero alle dotazioni struttura come esplicitato negli allegati A e B della L.R. 15/07, mediante scheda regionale compilata dalla commissione competente o dal responsabile della struttura; B) compilare una nuova scheda regionale per ogni struttura oggetto di sopralluogo; C) redigere un verbale di quanto riscontrato nel corso di ogni singola verifica corredato da documentazione fotografica anche in forma informatizzata, laddove sia evidenziata in forma chiara la permanenza o meno dei requisiti che hanno condotto ad una determinata classificazione. Per la realizzazione di quanto sopra si individua un programma di lavoro, così articolato:

20 Dicembre 2008 Gennaio 2009 Febbraio 2009 Marzo 2009 Aprile 2009 Maggio 2009 n. 2 sopralluoghi n. 7 sopralluoghi n. 7 sopralluoghi n. 7 sopralluoghi n. 7 sopralluoghi n. 5 sopralluoghi Il cronoprogramma può essere successivamente rimodulato per esigenze di servizio della Provincia. Art. 2 - ELABORAZIONE DOCUMENTALE L incaricato è tenuto alla certificazione periodica delle verifiche svolte, anche attraverso elaborati prodotti su supporto informatico e cartaceo secondo le seguenti modalità: IN ITINERE: presentazione sistematica dei verbali di sopralluogo secondo quanto previsto all art. 1 entro una settimana dall avvenuto sopralluogo da consegnare al responsabile dell ufficio; EX POST: rendicontazione finale delle strutture esaminate nel periodo concordato ed ogni altra specifica relativa ai servizi resi. Art. 3 - ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA E MODALITA DELLE PRESTAZIONI L incarico, che si svolge in piena autonomia organizzativa, non comporta subordinazione gerarchica né rispetto di orari d ufficio e non determina costituzione di alcun rapporto dipendente; tuttavia l incaricato, ove richiesto, si impegna a garantire la propria presenza presso gli uffici provinciali, o altre sedi, con la frequenza necessaria ai fini dell espletamento efficiente ed efficace dell incarico stesso. L incaricato farà riferimento, per l esecuzione del suo incarico al Dirigente del Settore Turistico e Culturale, Servizi alla Persona e alla Comunità, Politiche Sociali e del Lavoro Dott. Gianni Petterlini. Art. 4 - QUALIFICAZIONE DEL RAPPORTO L incarico affidato con il presente contratto si configura come prestazione di lavoro autonomo ai sensi dell art del C.C. La Provincia è esonerata da qualunque responsabilità conseguente a rapporti di lavoro instaurati dall incaricato/società incaricata e a danno di terzi, in relazione alle attività del presente incarico. Art. 5 - DOCUMENTAZIONE DI BASE La Provincia si impegna a mettere a disposizione dell incaricato la documentazione necessaria per il corretto svolgimento delle sue funzioni, quali, ad esempio, banche dati, elaborati e indagini già prodotte, nel rispetto delle normative che disciplinano la tutela della privacy. Art. 6 - TERMINE DI ESECUZIONE La prestazione dovrà essere conclusa entro maggio In ogni caso, la conclusione del presente contratto è condizionata dall espletamento di tutte le attività così come previste dagli artt. 1 e 2. E fatto salvo il caso di anticipata risoluzione in forza del successivo articolo 9.

21 Art. 7 VERIFICHE E CONTROLLI La Provincia effettua le attività di controllo attraverso verifiche in itinere ed ex post dei prodotti intermedi e finali di cui all art. 2 redatti dall incaricato, attuando le più opportune procedure di valutazione in modo da garantire gli standard quantitativi e qualitativi fissati e il raggiungimento degli obiettivi previsti. Art. 8 COMPENSO E MODALITÀ DI PAGAMENTO Il compenso lordo e onnicomprensivo degli oneri a carico della Provincia è pari ad 9.445,00 e verrà corrisposto, dietro presentazione di regolare fattura pagabile a 90 gg dalla data della stessa, come segue: Pagamento corrispondente ad 4.722,50 dopo 16 sopralluoghi; Saldo pari ai rimanenti 4.722,50 al termine dell incarico e cioè effettuati i restanti sopralluoghi. Art. 9 PROROGHE, PENALI E RISOLUZIONE ANTICIPATA Nell eventualità di ritardi nell espletamento dell incarico (sulla base delle tempistiche stabilite tra le parti) per cause non imputabili all incaricato, il Dirigente del Settore Turistico e Culturale, Servizi alla Persona e alla Comunità, Politiche Sociali e del Lavoro Dr. Gianni Petterlini, concederà una proroga per iscritto fino alla nuova scadenza ritenuta congrua alla conclusione dell incarico. Qualora, invece, l incaricato non ottemperasse all espletamento dell incarico e/o alle prescrizioni oggetto del presente disciplinare (obiettivi/fasi/modalità) - la cui gravità non crei il presupposto per la risoluzione contrattuale la Provincia potrà applicare le seguenti penalità: nell ipotesi di mancata esecuzione di una delle prestazioni previste dal presente disciplinare agli artt. 1, 2 e 3, verrà trattenuta sulle competenze spettanti la percentuale del 5%; nell ipotesi di ritardata esecuzione di una delle prestazioni previste dal presente disciplinare agli artt. 1, 2 e 3, verrà trattenuta sulle competenze spettanti la percentuale dello 0,5 per mille per ogni giorno di ritardo fino ad un massimo del 10%; nell ipotesi di inadeguata esecuzione di una delle prestazioni previste dal presente disciplinare agli artt. 1, 2 e 3, verrà trattenuta sulle competenze spettanti una cifra da un minimo di 500,00 ad un massimo di 3.000,00 in relazione alla gravità dell adempimento; nell ipotesi di inadeguata osservanza delle modalità previste dal presente disciplinare agli artt. 1, 2 e 3, verrà trattenuta sulle competenze spettanti una cifra da un minimo di 500,00 ad un massimo di 3.000,00 in relazione alla gravità dell adempimento che non comporti comunque la risoluzione anticipata. Il recesso è disciplinato dall art del C.C.. Le parti possono risolvere anticipatamente il contratto con un termine di 30 giorni di preavviso. In modo specifico è facoltà della Provincia rescindere il contratto in ogni momento, in particolare quando l incaricato sia colpevole di ritardi pregiudizievoli o contravvenga ingiustificatamente alle condizioni di cui al presente disciplinare o quando si sommino più penali nello svolgimento dell incarico stesso. Il recesso avviene con semplice

22 comunicazione scritta indicandone la motivazione. Art. 10 DISPOSIZIONI FINALI L incaricato si impegna a mantenere la riservatezza e il segreto d ufficio su fatti e circostanze concernenti le notizie di cui viene a conoscenza durante l espletamento dei compiti inerenti il presente incarico, assicurando, in particolare, a lavoratori, aziende ed enti pubblici e privati il più completo anonimato, nel rispetto della Legge n. 675/96 e del D.lgs. n. 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali. Le spese di registrazione del presente atto, in caso d uso, saranno a carico della parte che richiederà la registrazione stessa. Per tutto quanto non previsto dal presente contratto si rinvia alle disposizioni del Codice Civile o ad altre leggi che risultino applicabili. Per qualsiasi controversia che dovesse sorgere tra le parti in relazione all interpretazione, all esecuzione o alla validità del presente contratto, il foro competente è quello di Mantova. Letto, approvato e sottoscritto. Mantova, L incaricato Il Dirigente Allegato Schema di dichiarazione d insussistenza di condizioni ostative e/o d incompatibilità Al Dirigente del Settore Risorse Turistico-Culturali, Servizi alla Persona e alla Comunità, Politiche Sociali e Lavoro della PROVINCIA DI MANTOVA Via Principe Amedeo, MANTOVA Oggetto: Dichiarazione d insussistenza di condizioni ostative e/o d incompatibilità. Il sottoscritto/a., nato/a a.. il / /, residente a.. in Via.. n, Codice Fiscale, ai fini dell affidamento dell incarico di CONSULENZA per sopralluoghi presso le strutture alberghiere ed esercizio delle funzioni di vigilanza ai sensi del T.U.L.R. 15/2007.

23 DICHIARA di non trovarsi nelle condizioni ostative previste dall'art. 25 legge n. 724 del e nelle condizioni di incompatibilità sancite dalle normative regionali e dalle norme generali per gli incarichi a collaborazione di natura professionale personale, oltre che, in qualità di pubblico dipendente, di avere la necessaria autorizzazione al fine di rimuovere le incompatibilità di cui al T.U. n. 3 del 1957 al titolo 5 capo 1 e art. 53 D. lgs n. 165 del 30/03/2001 Mantova,..

24

PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO C

PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO C PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO C RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1 Suppl. Ord.

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO C RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato

Dettagli

ALLEGATI ALLA LEGGE REGIONALE 16/01/2002, N. 002. TABELLA A (riferita all articolo 175) ALLEGATO <<A>>

ALLEGATI ALLA LEGGE REGIONALE 16/01/2002, N. 002. TABELLA A (riferita all articolo 175) ALLEGATO <<A>> ALLEGATI ALLA LEGGE REGIONALE 16/01/2002, N. 002. TABELLA A (riferita all articolo 175) QUALIFICA APT Dirigente Funzionario Consigliere Segretario Coadiutore Agente tecnico Commesso QUALIFICA RUOLO UNICO

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE

REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE Allegato C Dgr n. del pag. 1 /5 ALLEGATOC alla Dgr n. 807 del 7 maggio 014 giunta regionale 9^ legislatura REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE N. REQUISITI DIMENSIONALI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA

CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA Mod 5/Alb CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO Denominazione dell esercizio Comune.Frazione/località... Indirizzo.. Telefono.. Telex Telefax. www..e-mail

Dettagli

C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870

C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870 C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870 AL SIGNOR SINDACO Attività Produttive DEL COMUNE DI MATTINATA SEGNALAZIONE

Dettagli

Vista la legge regionale 16 gennaio 2002, n. 2, recante Disciplina organica del turismo, e successive modificazioni ed integrazioni; Visto l articolo

Vista la legge regionale 16 gennaio 2002, n. 2, recante Disciplina organica del turismo, e successive modificazioni ed integrazioni; Visto l articolo Vista la legge regionale 16 gennaio 2002, n. 2, recante Disciplina organica del turismo, e successive modificazioni ed integrazioni; Visto l articolo 178 della sopraccitata legge regionale, ai sensi del

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio. TABELLA B Allegata alla denuncia dei requisiti

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio. TABELLA B Allegata alla denuncia dei requisiti DENOMINAZIONE DEL COMPLESSO. LOCALITA.. TABELLA B Allegata alla denuncia dei requisiti Requisiti (obbligati e fungibili) degli ALBERGHI, con i relativi punteggi 1 PRESTAZIONE DI SERVIZI 1.01 - Servizio

Dettagli

Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA (strutture gia autorizzate) DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DELL ALBERGO/DIPENDENZA

Dettagli

LIVELLI di CLASSIFICA

LIVELLI di CLASSIFICA ALLEGATO C REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI 1 PRESTAZIONI DI SERVIZI LIVELLI di CLASSIFICA DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 3 4 1.1 Numero di ore giornaliere in cui sono assicurati

Dettagli

DENUNCIA DEI REQUISITI DELLA STRUTTURA RICETTIVA

DENUNCIA DEI REQUISITI DELLA STRUTTURA RICETTIVA ALLA PROVINCIA REGIONALE 3 Dipartimento 2 Ufficio dirigenziale Unità operativa alberghi e statistica di settore Corso Cavour 98121 MESSINA DENUNCIA DEI REQUISITI DELLA STRUTTURA RICETTIVA _I_ sottoscritt,

Dettagli

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO E DI CERTIFICAZIONE RESA DA UN IMPRESA ALBERGHIERA IN RELAZIONE AL POSSESSO DEI REQUISITI PER LA CLASSIFICAZIONE A QUATTRO STELLE NEL PERIODO 1/1/2011 31/12/2015

Dettagli

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO E DI CERTIFICAZIONE RESA DA UN IMPRESA ALBERGHIERA IN RELAZIONE AL POSSESSO DEI REQUISITI PER LA CLASSIFICAZIONE A DUE STELLE NEL PERIODO 1/1/2011 31/12/2015 (L.R.

Dettagli

2002 - Aggiornamento CE0602ur16 VOCE E 6.2 LRG/XVI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 28 aprile 1997, n. 12

2002 - Aggiornamento CE0602ur16 VOCE E 6.2 LRG/XVI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 28 aprile 1997, n. 12 LEGGE REGIONALE 28 aprile 1997, n. 12 «Nuova classificazione delle aziende alberghiere e regolamentazione delle case ed appartamenti per vacanze». (B.U. 2 maggio 1997, n. 18, 1º suppl. ord.) Titolo I ATTIVITÀ

Dettagli

Avviso di selezione pubblica

Avviso di selezione pubblica PROVINCIA DI MANTOVA Avviso di selezione pubblica Il Direttore generale Mantova, 7 gennaio 2015 in forza della determinazione Dirigenziale n. 1237 del 23 dicembre 2014 rende noto che è indetta una procedura

Dettagli

PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n. PREMESSO che:

PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n. PREMESSO che: PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n PREMESSO che: vista la Delibera di Giunta Provinciale n. 198 del 04/12/2008 recante: Modifiche

Dettagli

MODELLO «A1.2 bis» ALBERGO/DIPENDENZA

MODELLO «A1.2 bis» ALBERGO/DIPENDENZA MODELLO «A1.2 bis» ALBERGO/DIPENDENZA (strutture di nuova costruzione o ristrutturazione) DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO B ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO A ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATI E FUNGIBILI - ALBERGHI - 1

REQUISITI OBBLIGATI E FUNGIBILI - ALBERGHI - 1 L attività di albergo è regolata dall art. 86 del T.U.L.P.S. approvato con R.D. n 773 del 8/06/93 e dalla L.R. n 5del 5/03/984. Per il rilascio dell autorizzazione amministrativa è indispensabile compilare

Dettagli

Art. 1. (Oggetto) Art. 2. (Aziende alberghiere)

Art. 1. (Oggetto) Art. 2. (Aziende alberghiere) 1 di 10 05/01/2009 22.08 Legge regionale 24 gennaio 1995, n. 14. (Testo coordinato) Nuova classificazione delle aziende alberghiere. (B.U. 25 gennaio 1995, suppl. al n. 4) Modificata da l.r. 91/1995, l.r.

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI Allegato A Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data in vigore del Regolamento Regionale 7 dicembre

Dettagli

Comune di Sogliano al Rubicone Provincia di Forlì Cesena

Comune di Sogliano al Rubicone Provincia di Forlì Cesena Prot. n. 9866 AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI CONSULENZA SPECIALISTICA A SOGGETTO ETERNO ALL AMMINISTRAZIONE Il Comune di Sogliano al Rubicone, con sede in Piazza della Repubblica

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA DETERMINAZIONE n 1.748-2009 SETTORE RISORSE CULT. TURIST. SERV. ALLA PERS.-COMUNITA Proponente: DIR.SET.RIS.CULT.TUR.SERV.PERSDR. GIANNI PETTERLINI OGGETTO: AFFIDAMENTO DIRETTO D'INCARICO

Dettagli

Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA - (strutture gia autorizzate) DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI,

Dettagli

per la Provincia Settore 5 Ufficio TURISMO Piazza del Municipio, 4 57123 LIVORNO

per la Provincia Settore 5 Ufficio TURISMO Piazza del Municipio, 4 57123 LIVORNO Al S.U.A.P. del COMUNE di per la Provincia Settore 5 Ufficio TURISMO Piazza del Municipio, 4 57123 LIVORNO Ai fini dell attribuzione della classificazione il Comune, ai sensi del c. 3, art. 20 del Regolamento,

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X TABELLA A (Art. 27) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ESERCIZI RICETTIVI ALBERGHIERI (alberghi, motels, alberghi residenziali, alberghi diffusi, villaggi-albergo e beauty-farm)

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA DETERMINAZIONE n 3.638-2008 SETTORE RISORSE CULT. TURIST. SERV. ALLA PERS.-COMUNITA Proponente: DIR.SET.RIS.CULT.TUR.SERV.PERSDR. GIANNI PETTERLINI OGGETTO: AFFIDO D'INCARICO DI CONSULENZA

Dettagli

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE ALLEGATO PROSPETTO DI DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI NAZIONALI DEI SERVIZI E DELLE DOTAZIONI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI ALBERGHI AD UNA STELLA SERVIZIO DI RICEVIMENTO assicurato 12 ore su

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia. Pagina 1 di 6 TUSR16 PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.it Sportello Unico Attività Produttive

Dettagli

PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A

PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1 Suppl. Ord. Del 14/12/2009 ALLEGATO

Dettagli

Area Economico Finanziaria e Risorse Umane Ufficio Personale

Area Economico Finanziaria e Risorse Umane Ufficio Personale Prot. n. 16720/2015 Eraclea 21.08.2015 AVVISO PUBBLICO PER PASSAGGIO DIRETTO DI PERSONALE TRA AMMINISTRAZIONI DIVERSE EX ART.30, D.LGS. N.165/2001 (MOBILITA ESTERNA) RISERVATO ESCLUSIVAMENTE AL PERSONALE

Dettagli

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera)

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera. (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE AD UNA STELLA

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE AD UNA STELLA Allegato n. 1 - Circolare AVA n. 38/08 PROSPETTO DI DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI NAZIONALI DEI SERVIZI E DELLE DOTAZIONI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE STRUTTURE RICETTIVE

Dettagli

Prot. N. 11482/B15 Grosseto, 28/10/2015. Oggetto. Bando per il reclutamento di lettore in lingua inglese scuola primaria -CIG ZF316BF3CA

Prot. N. 11482/B15 Grosseto, 28/10/2015. Oggetto. Bando per il reclutamento di lettore in lingua inglese scuola primaria -CIG ZF316BF3CA ISTITUTO COMPRENSIVO GROSSETO 3 Via Sicilia, 16 58100 Grosseto DISTRETTO SCOLASTICO N. 36 Tel. 0564/427764 Fax 0564/425957 E-mail: gric831001@istruzione.it - gric831001@pec.istruzione.it Sito web: www.icgrosseto3.gov.it

Dettagli

SEZIONE 1^ - GENERALITÀ DELL ESERCIZIO. 1. Denominazione della struttura. 2. Via Località. Comune CAP Provincia (sigla) Telefono Fax

SEZIONE 1^ - GENERALITÀ DELL ESERCIZIO. 1. Denominazione della struttura. 2. Via Località. Comune CAP Provincia (sigla) Telefono Fax REGIONE DEL VENETO Amministrazione Provinciale di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DI AFFITTACAMERE ATTIVITA RICETTIVE IN ESERCIZI DI RISTORAZIONE (art. 3 L.R. 33/00) SEZIONE

Dettagli

Pagina 1 di cassette di sicurezza per il 50% delle camere e cassaforte dell albergo per le restanti camere (4)

Pagina 1 di cassette di sicurezza per il 50% delle camere e cassaforte dell albergo per le restanti camere (4) Pagina 1 di 17 ALLEGATO A (art. 24, comma 1) STANDARD QUALITATIVI OBBLIGATORI MINIMI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI, DISTINTI PER CLASSE 1. Prestazione di servizi 1.01 Servizi di ricevimento e di

Dettagli

Partecipazione alla selezione La domanda dovrà essere corredata da curriculum vitae redatto sottoforma di autocertificazione

Partecipazione alla selezione La domanda dovrà essere corredata da curriculum vitae redatto sottoforma di autocertificazione AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PSICOLOGO PER IL SERVIZIO SOCIALE DI BASE ED IL SERVIZIO TUTELA MINORI E FAMIGLIA (MINORI SOGGETTI A

Dettagli

RESIDENZA RIVIERA DEL BRENTA CENTRO DI SOGGIORNO PER ANZIANI

RESIDENZA RIVIERA DEL BRENTA CENTRO DI SOGGIORNO PER ANZIANI RESIDENZA RIVIERA DEL BRENTA CENTRO DI SOGGIORNO PER ANZIANI 30031 DOLO (VE) - Via Garibaldi, 73 - Tel. (041) 410.192-410.039 - Fax (041) 412. (A/AvvMC) Codice Fiscale 82004730279 Partita IVA 00900180274

Dettagli

C O M U N E D I C U G G I O N O PROVINCIA DI MILANO Partita I.V.A. 00861770154 - Codice Fiscale 00861770154 Telefono (02) 97263.1 - Fax (02) 97240569

C O M U N E D I C U G G I O N O PROVINCIA DI MILANO Partita I.V.A. 00861770154 - Codice Fiscale 00861770154 Telefono (02) 97263.1 - Fax (02) 97240569 C O M U N E D I C U G G I O N O PROVINCIA DI MILANO Partita I.V.A. 00861770154 - Codice Fiscale 00861770154 Telefono (02) 97263.1 - Fax (02) 97240569 AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA, (EX

Dettagli

CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi

CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi La classificazione degli esercizi alberghieri è regolata dalla legge.tutti gli esercizi alberghieri devono evidenziare all esterno, accanto alla propria

Dettagli

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI E REQUISITI MINIMI QUALITATIVI DELLE COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI

Dettagli

COMUNE DI BELLARIA IGEA MARINA Provincia di Rimini

COMUNE DI BELLARIA IGEA MARINA Provincia di Rimini COMUNE DI BELLARIA IGEA MARINA Provincia di Rimini AVVISO PUBBICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROFESSIONALITA AI FINI DELL EVENTUALE AFFIDAMENTO DI INCARICO DI COLLABORAZIONE PRESSO IL SETTORE GESTIONE DEL

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Prot. n. 4346/A77 Bologna, 12/05/2015 BANDO PER CONFERIMENTO DI INCARICO QUALE RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) AI SENSI DEL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA - D.LGS. n. 81 del 09.04.2008

Dettagli

AGENZIA PER IL TURISMO DI PISA

AGENZIA PER IL TURISMO DI PISA AGENZIA PER IL TURISMO DI PISA Avviso pubblico per la formazione di un elenco di candidati idonei per il conferimento di un incarico professionale di Esperto di Comunicazione e Marketing di durata annuale.

Dettagli

MODULO DI DENUNCIA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE (L.R. 03.05.1985, n 26)

MODULO DI DENUNCIA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE (L.R. 03.05.1985, n 26) MODULO DI DENUNCIA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE (L.R. 03.05.1985, n 26) Comune di SEZIONE 1 - GENERALITA DELL ESERCIZIO 1. Denominazione dell esercizio 2. Indirizzo Frazione o Località

Dettagli

VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO

VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO I T A L I A N O EXPO 2015 Per effettuare una scelta consapevole della struttura alberghiera che ti ospiterà per l evento Expo è necessario conoscere quali sono le tipologie

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA VALSASINO

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA VALSASINO AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA VALSASINO (Ente di diritto pubblico ai sensi del D.Lgs. n. 207/2001 e Legge Regione Lombardia n. 1/2003) Prot. n. 1653/2015 SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE: ORE 12,00 DEL

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Pubblicato sul BUR n.40 dell 1.9.2009 scadenza 11.9.2009 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Visto il D.lgs 30 marzo 2001, n.165, art. 7, comma 6 ove si prevede che per esigenze cui non possono far fronte con

Dettagli

Prot.1851 14 del 26/03/2014 Melfi, 26/03/2014 AVVISO PUBBLICO. Bando pubblico per il reclutamento di esperti esterni. anno scolastico 2013/2014

Prot.1851 14 del 26/03/2014 Melfi, 26/03/2014 AVVISO PUBBLICO. Bando pubblico per il reclutamento di esperti esterni. anno scolastico 2013/2014 Prot.1851 14 del 26/03/2014 Melfi, 26/03/2014 AVVISO PUBBLICO Bando pubblico per il reclutamento di esperti esterni anno scolastico 2013/2014 Oggetto: Reclutamento esperto esterno Progetto Cambridge -

Dettagli

IL COMUNE DI MONTORSO VICENTINO

IL COMUNE DI MONTORSO VICENTINO COMUNE DI MONTORSO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA Piazza Malenza, n. 39 36050 MONTORSO VICENTINO C.F. 81000420240 P.IVA 00199830241 Telefono 0444/685402 fax 0444/484057 e-mail: segreteria@comune.montorsovicentino.vi.it

Dettagli

AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA

AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA Comune di Pisa AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA (ART. 30 D.LGS. 165/2001) PER LA COPERTURA DI4 POSTI DI CATEGORIA C, PROFILO PROFESSIONALE AGENTE POLIZIA MUNICIPALE - CCNL REGIONI AUTONOMIE LOCALI IL DIRIGENTE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini, 1 00151 Roma P.IVA 04733051009

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini, 1 00151 Roma P.IVA 04733051009 Roma, 10/09/2013 (Pubblicazione: Il presente AVVISO viene pubblicato sul sito internet dell Azienda Ospedaliera S. Camillo Forlanini, news www.scamilloforlanini.rm.it dal 10/09/2013 e fino al 24/09/2013

Dettagli

12 16 24 24 nelle unità abitative a cura del personale addetto 2

12 16 24 24 nelle unità abitative a cura del personale addetto 2 Tabella A Sezione A1 Requisiti minimi obbligatori per la classificazione degli esercizi ricettivi alberghieri GIA AUTORIZZATI NOTA: La struttura ricettiva alberghiera deve possedere tutti i requisiti indicati

Dettagli

- è indetta una procedura di valutazione comparativa per il conferimento di un incarico di

- è indetta una procedura di valutazione comparativa per il conferimento di un incarico di AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO DA ATTIVARE PER LE ESIGENZE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI ED ECONOMICHE - SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA (N. 29/2015)

Dettagli

MILANO - LUNEDÌ, 14 DICEMBRE 2009. Sommario

MILANO - LUNEDÌ, 14 DICEMBRE 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - LUNEDÌ, 14 DICEMBRE 2009 1º SUPPLEMENTO ORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 263 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

IL PRESIDENTE. l assenza di personale interno in possesso dei requisiti richiesti o disponibile all incarico; RENDE NOTO

IL PRESIDENTE. l assenza di personale interno in possesso dei requisiti richiesti o disponibile all incarico; RENDE NOTO Prot. n. 4789/C17 Trieste, 24 novembre 2014 CIG: ZF011DE020 BANDO PER CONFERIMENTO DI INCARICO QUALE RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) AI SENSI DEL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA

Dettagli

RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE

RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato C al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) Allegato C STANDARD QUALITATIVI OBBLIGATORI MINIMI PER LE RESIDENZE

Dettagli

Via Cavestro, 14 43121 PARMA (PR)

Via Cavestro, 14 43121 PARMA (PR) Via Cavestro, 14 43121 PARMA (PR) Avviso pubblico esplorativo per la raccolta di curricula per eventuale trasferimento mediante mobilità volontaria esterna ai sensi dell'art. 30 D.lgs. 165/2001 s.m.i.

Dettagli

IL DIRIGENTE (Area Anagrafico certificativa e Regolazione del mercato)

IL DIRIGENTE (Area Anagrafico certificativa e Regolazione del mercato) BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI E COLLOQUIO PER L ATTRIBUZIONE DI N 1 INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA AD ELEVATA PROFESSIONALITA, DELLA DURATA DI 11 MESI, PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Via Roma n. 101 59100 Prato Tel. 0574-1836425 Fax 0574-1836424 sociale@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.

Via Roma n. 101 59100 Prato Tel. 0574-1836425 Fax 0574-1836424 sociale@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana. SERVIZIO SOCIALE E SANITA Via Roma n. 101 59100 Prato Tel. 0574-1836425 Fax 0574-1836424 sociale@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it SELEZIONE PUBBLICA PER FORMAZIONE GRADUATORIA

Dettagli

AZIENDA ULSS n. 16 DI PADOVA

AZIENDA ULSS n. 16 DI PADOVA SCADENZA: 9 DICEMBRE 2015 REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS n. 16 DI PADOVA AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA per l individuazione di professionisti per il conferimento di un incarico professionale ai sensi

Dettagli

C.A.P. 33050 TEL. 0432 993011 993038 992021 FAX 0432 992051 P.zza Municipio n. 1 C.F. 81000970301 P.IVA 00475700308

C.A.P. 33050 TEL. 0432 993011 993038 992021 FAX 0432 992051 P.zza Municipio n. 1 C.F. 81000970301 P.IVA 00475700308 C.A.P. 33050 TEL. 0432 993011 993038 992021 FAX 0432 992051 P.zza Municipio n. 1 C.F. 81000970301 P.IVA 00475700308 Prot. n. 7469 AVVISO DI SELEZIONE PER MOBILITA ESTERNA NELL AMBITO DEL COMPARTO UNICO

Dettagli

PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA

PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE DIPARTIMENTO GIURIDICO AVVISO PUBBLICO PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE

Dettagli

Allegato D - Requisiti obbligatori per villaggi albergo e residenze turistico-alberghiere

Allegato D - Requisiti obbligatori per villaggi albergo e residenze turistico-alberghiere Allegato D - Requisiti obbligatori per villaggi albergo e residenze turistico-alberghiere REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE 1.00 PRESTAZIONE DI SERVIZI STELLE

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA" Prot. n. 872/C14 Piove di Sacco, 09/02/2015. Alle Istituzioni Scolastiche All Albo On Line

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE ENRICO DE NICOLA Prot. n. 872/C14 Piove di Sacco, 09/02/2015. Alle Istituzioni Scolastiche All Albo On Line Prot. n. 872/C14 Piove di Sacco, 09/02/2015 Alle Istituzioni Scolastiche All Albo On Line OGGETTO: Bando di gara per il reclutamento di lettore di lingua inglese per attività di docenza. IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA (ex art. 30 del D.Lgs.165/2001)

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA (ex art. 30 del D.Lgs.165/2001) AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA (ex art. 30 del D.Lgs.165/2001) Per la copertura di due posti di Dirigente, a tempo pieno e indeterminato, profilo professionale Vice Segretario Generale

Dettagli

RENDE NOTO QUANTO SEGUE:

RENDE NOTO QUANTO SEGUE: AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO PROFESSIONALE PER ATTIVITÀ DI CONSULENZA FISCALE, TRIBUTARIA E CONTABILE DELLA SOCIETÀ CIR33 SERVIZI S.R.L. Premessa La CIR33

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI DUE DILIGENCE

AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI DUE DILIGENCE AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI DUE DILIGENCE IL DIRIGENTE DEL SETTORE ATTIVITÀ DI CONTROLLO PARTECIPAZIONI SOCIETARIE SISTEMA INFORMATIVO PREMESSO che la Provincia di Imperia intende

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Scienze Sociali

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Scienze Sociali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Scienze Sociali AVVISO PUBBLICO Rif. P.O. 1/2016 VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II; VISTO l art. 7, commi 6

Dettagli

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO U.O. GESTIONE RISORSE UMANE

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO U.O. GESTIONE RISORSE UMANE IL PRESENTE BANDO E STATO PUBBLICATO SUL BUR CALABRIA, PARTE III, N. 48 DEL 02/12/2011. SCADENZA ORE 12,00 DEL 17/12/2011. AVVISO PUBBLICO, PER TITOLI, PER LA FORMULAZIONE DI UNA GRADUATORIA VALEVOLE PER

Dettagli

COMUNE DI BIBIANA Provincia di Torino Via Cavour, 2 10060 Tel 0121 55723 / 559197 - Fax 0121 55888

COMUNE DI BIBIANA Provincia di Torino Via Cavour, 2 10060 Tel 0121 55723 / 559197 - Fax 0121 55888 COMUNE DI BIBIANA Provincia di Torino Via Cavour, 2 10060 Tel 0121 55723 / 559197 - Fax 0121 55888 Approvato con determinazione del Responsabile del Personale n. 4 (Reg. Gen. 77) del 01/04/2015 Tel. 0121

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA. IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO di Matematica

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA. IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO di Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Largo Bruno Pontecorvo, 5 I - 56127 Pisa Tel. +39 050 2213223 Fax +39 050 2213224 http://www.dm.unipi.it C.F.80003670504 P.I.00286820501 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO di Matematica

Dettagli

COMUNE DI CAPIAGO NTIMIANO Provincia di Como

COMUNE DI CAPIAGO NTIMIANO Provincia di Como COMUNE DI CAPIAGO NTIMIANO Provincia di Como C.F. e P.I. 00608850137 Via Serenza,7 22070 Capiago Intimiano (CO) - Tel. 031 4630311 Fax 031 462313 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER TITOLI DEI RILEVATORI

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA

REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA per l individuazione di un professionista per il conferimento di un incarico professionale ai sensi dell art. 7, comma 6,

Dettagli

Tabella B - CLASSIFICAZIONE R.T.A. E DIPENDENZE DI R.T.A

Tabella B - CLASSIFICAZIONE R.T.A. E DIPENDENZE DI R.T.A Tabella B - CLASSIFICAZIONE R.T.A. E DIPENDENZE DI R.T.A - Tabella B - Parte prima: requisiti e dotazioni CARATTERISTICHE STRUTTURALI PER LA CLASSIFICAZIONE DI R.T.A. E DIPENDENZE -4 STELLE Completare

Dettagli

AVVISO PER L ISTITUZIONE DI UN ELENCO DI MEDIATORI LINGUISTICO CULTURALI / INTERCULTURALI.

AVVISO PER L ISTITUZIONE DI UN ELENCO DI MEDIATORI LINGUISTICO CULTURALI / INTERCULTURALI. AVVISO PER L ISTITUZIONE DI UN ELENCO DI MEDIATORI LINGUISTICO CULTURALI / INTERCULTURALI. Visti - la deliberazione del Direttore generale n. 548 del 16.05.2011 di approvazione del presente avviso; - il

Dettagli

Presidenza della Facolta di Giurisprudenza

Presidenza della Facolta di Giurisprudenza Presidenza della Facolta di Giurisprudenza Prot.n.13 Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 incarico individuale di lavoro autonomo per l attività di tutorato e supporto alla didattica nell

Dettagli

IL DIRETTORE. Visto l art. 17 comma 30 del D.L. 78/2009, convertito con modificazioni nella Legge 102/2009;

IL DIRETTORE. Visto l art. 17 comma 30 del D.L. 78/2009, convertito con modificazioni nella Legge 102/2009; REP. n. 23/2014 Prot. n. 70 del 25/06/2014 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATIVA E CONTINUATIVA PER LE ESIGENZE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE

Dettagli

COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno

COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno Prot. 8961 VIII- 3.1/2013 Sospirolo. 11.12.2013 AVVISO DI MOBILITÀ ACQUISIZIONE DI CONTRATTO DI LAVORO PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO A TEMPO INDETERMINATO DI CUOCO

Dettagli

Art. 1 Descrizione dell incarico. Art. 2 Corrispettivo e durata

Art. 1 Descrizione dell incarico. Art. 2 Corrispettivo e durata Azienda Ospedaliera regionale San Carlo di Potenza Regione Basilicata AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Ai sensi dell art. 7, comma 6 del D.lgs 30 marzo 2001,n.165 L Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo

Dettagli

ASL 7 CARBONIA BANDO RISERVATO AI DIRIGENTI MEDICI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA STRUTTURA SEMPLICE A

ASL 7 CARBONIA BANDO RISERVATO AI DIRIGENTI MEDICI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA STRUTTURA SEMPLICE A ASL 7 CARBONIA BANDO RISERVATO AI DIRIGENTI MEDICI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA STRUTTURA SEMPLICE A VALENZA DIPARTIMENTALE DI ONCOLOGIA DESTINATARI: Conferimento dell incarico

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia. TUSR14 PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.it Sportello Unico Attività Produttive SUAP del Comune

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA

REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA per l individuazione di professionisti per il conferimento di un incarico di lavoro autonomo di natura libero-professionale

Dettagli

IL DIRIGENTE del SETTORE 02 RISORSE E INNOVAZIONE RENDE NOTO

IL DIRIGENTE del SETTORE 02 RISORSE E INNOVAZIONE RENDE NOTO AVVISO DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA PER LA COPERTURA DI POSTI DI ESECUTORE SCOLASTICO SPECIALIZZATO CON FUNZIONI DI CUOCO - CATEGORIA B1 A PART-TIME E A TEMPO INDETERMINATO AI SENSI DELL ART. 30 DEL

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti Piazza Barbacani, 1 66054 Vasto N. 34734 Prot. Del 30/07/2015 AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEI COMPONENTI DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE IL SINDACO PREMESSO

Dettagli

Prot. 2814/D05a Brivio, 22.11.2013 AVVISO PUBBLICO. Bando di selezione per il reclutamento di un esperto esterno anno scolastico 2013/2014

Prot. 2814/D05a Brivio, 22.11.2013 AVVISO PUBBLICO. Bando di selezione per il reclutamento di un esperto esterno anno scolastico 2013/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Brivio Scuole statali dell infanzia-primaria-secondaria di I grado - Comuni di Airuno e Brivio Via Como n.83 Loc. Selvette

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI AGRARIA Via Università, 100 PORTICI (NA) Italia Via Università, 100 PORTICI (NA) Italia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI AGRARIA Via Università, 100 PORTICI (NA) Italia Via Università, 100 PORTICI (NA) Italia DIPARTIMENTO DI AGRARIA AVVISO PUBBLICO Rif.: AGRARIA/PROFESSIONALE/FUOCOPRESCRITTO VISTO il vigente Statuto dell Ateneo; VISTO l art. 7, commi 6 e 6bis, del D.Lgs. n. 165/01 e s.m.i.; VISTO l art. 3,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO A N. 3 POSTI DI ADDETTO ALLA BIGLIETTERIA

AVVISO PUBBLICO A N. 3 POSTI DI ADDETTO ALLA BIGLIETTERIA AVVISO PUBBLICO A N. 3 POSTI DI ADDETTO ALLA BIGLIETTERIA ART. 1 INDIZIONE DELLA SELEZIONE E' indetta una selezione pubblica per titoli ed esami per la copertura di n.3 posti di ADDETTO ALLA BIGLIETTERIA

Dettagli

SCADENZA 20/04/2015 PROT. N. 2957-01/2015

SCADENZA 20/04/2015 PROT. N. 2957-01/2015 SCADENZA 20/04/2015 PROT. N. 2957-01/2015 AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO DI COLLABORAZIONE PER IL PROGETTO MODELLO SPERIMENTALE PER LO STUDIO DEGLI EFFETTI

Dettagli

1 di 5 20/07/2011 8.38

1 di 5 20/07/2011 8.38 1 di 5 20/07/2011 8.38 Oggetto: POSTA CERTIFICATA: Trasmissione bando mobilità volontaria agente Polizia Locale Mittente: "Per conto di: comune.morimondo@pec.regione.lombardia.it"

Dettagli

SCADENZA BANDO 14 APRILE 2012 AZIENDA SANITARIA LOCALE RIETI AVVISO PER TITOLI E COLLOQUIO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N.

SCADENZA BANDO 14 APRILE 2012 AZIENDA SANITARIA LOCALE RIETI AVVISO PER TITOLI E COLLOQUIO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N. SCADENZA BANDO 14 APRILE 2012 AZIENDA SANITARIA LOCALE RIETI AVVISO PER TITOLI E COLLOQUIO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N. 1 DIRIGENTE MEDICO DI ANANTOMIA PATOLOGICA In esecuzione della deliberazione

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia prot. 0015612/1.6.5 (da citare nella risposta) Rubiera, 13 ottobre 2015 BANDO DI MOBILITÀ PER PERSONALE A TEMPO PIENO NEL PROFILO PROFESSIONALE DI ISTRUTTORE DIRETTIVO TECNICO CAT. D1 APPARTENENTE ALLE

Dettagli

Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania

Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Approvazione avviso con procedura di valutazione comparativa ex art. 7 comma 6 del D.Lgs. 165/2001 per il conferimento di n.1 incarico

Dettagli

DIRETTORE della U.O.C. di CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE E ODONTOSTOMATOLOGIA

DIRETTORE della U.O.C. di CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE E ODONTOSTOMATOLOGIA REGIONE VENETO AZIENDA "UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA" AVVISO PUBBLICO N. 201 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 44 in data 08.06.2012 SCADENZA DEL BANDO: 09.07.2012 In esecuzione del

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I P A R M A

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I P A R M A Data pubblicazione dell avviso sul web: 3 NOVEMBRE 2014 Data di scadenza della selezione: 18 NOVEMBRE 2014 AVVISO DI SELEZIONE VISTO il Regolamento per l attribuzione di borse di ricerca emanato con D.R.

Dettagli

CINI Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica. Bando di Selezione

CINI Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica. Bando di Selezione CINI Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica Bando di Selezione Per il conferimento di n. 1 incarico di collaborazione n. per assistente alla segreteria d'ufficio nell'ambito della convenzione

Dettagli

AVVISO. La durata del presente bando è collegata a quella del progetto regionale, la cui scadenza è prevista per il mese di marzo 2013.

AVVISO. La durata del presente bando è collegata a quella del progetto regionale, la cui scadenza è prevista per il mese di marzo 2013. AVVISO Selezione pubblica, per titoli e colloquio, per il conferimento di incarichi professionali per il progetto Disturbi specifici dell apprendimento SEZIONE A N. 1 incarico di 574 ore a consulente psicologo

Dettagli