Ministero dell Istruzione, dell Università, e della Ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero dell Istruzione, dell Università, e della Ricerca"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università, e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. MASERATI Sede Centrale e Uffici: Via Mussini, VOGHERA (PV) Sezione Maserati - Via Mussini 22 - Tel: 0383/ Fax: 0383/62862 Istituto Tecnico settore Tecnologico: Elettronica ed Elettrotecnica - Informatica e Telecomunicazioni - Meccanica, Meccatronica ed Energia Liceo Scientifico: Opzione Scienze Applicate Sezione Baratta - Via don Milani 21 - Tel: 0383/ Fax: 0383/41760 Istituto Tecnico settore Economico: Amministrazione, Finanza e Marketing - Turismo Istituto Tecnico settore Tecnologico: Costruzioni, Ambiente, Territorio PEC: Website: codice fiscale: codice meccanografico: PVIS00900Q DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe 5 Sez. A Perito per il Turismo E S A M E D I S T A T O a. s / 1 4 1

2 C OMP OS IZ IO N E D E L C O NS IG LIO DI C LA SSE Materie Docenti Firma ITALIANO Rolandi Giuseppina.. STORIA Rolandi Giuseppina.. INGLESE Fava Elena.. FRANCESE Bruni Rosanna.. SPAGNOLO Guarino Generoso.. MATEMATICA Nonna Monica.. DISC. TURISTICHE AZIENDALI Montagna Gloria.. GEOGRAFIA DEL TURISMO Spampinato Sabrina.. ARTE E TERRITORIO Nai Oleari Maria Giovanna.. DIRITTO E LEG. TURISTICA Salerno Daniele.. EDUCAZIONE FISICA Madonna Francesco.. I.R.C. Papalia Milena.. LETTORATO DI INGLESE King Pauline.. LETTORATO DI FRANCESE Gilli Brigitte.. LETTORATO DI SPAGNOLO Zurro Maria Cristina.. SOSTEGNO Montagna Carla.. il Dirigente Scolastico Prof. Filippo Dezza Voghera, 15/05/2014 2

3 ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL CORSO DI STUDI (L. 425/97 DPR 323/98 art.5.2) DOCUMENTO FINALE INDICE 1. Profilo formativo del corso di studi pag Profilo della classe a. elenco docenti e quadro discipline pag. 6 b. elenco alunni pag Relazione di presentazione della classe pag Obiettivi trasversali pag. 9 a. comportamentali b. cognitivi c. strategie 5. Metodologie e strumenti didattici a. metodologie didattiche (tabella sinottica) pag. 10 b. strumenti didattici (tabella sinottica) pag Attività disciplinari a. relazione sintetica delle materie pag. 12 b. programmi svolti pag Strumenti di verifica e valutazione a. griglia comune pag. 52 b. strumenti utilizzati per la verifica formativa (tabella sinottica) pag. 54 c. strumenti utilizzati per la verifica sommativa (tabella sinottica) pag Progetti P.O.F., visite di istruzione e attività extracurricolari della classe a. esperienze dell intera classe pag. 56 b. esperienze individuali pag. 56 c. progetto alternanza scuola-lavoro pag. 57 3

4 9. Criteri per l'attribuzione del credito pag Scheda informativa sulle simulazioni di Terza Prova a. tipologia pag. 61 b. obiettivi comuni pag. 61 c. griglia di valutazione pag. 62 d. esiti finali pag. 63 e. simulazioni di Terze Prove somministrate alla classe 1 simulazione pag simulazione pag. 70 ALLEGATO 1 Simulazioni di Prima prova e Seconda prova ALLEGATO 2 Riservato al Presidente 4

5 1. PROFILO FORMATIVO DEL CORSO DI STUDI Il progetto ITER è finalizzato alla preparazione di un profilo professionale caratterizzato da competenze culturali, tecniche e comunicative immediatamente spendibili nel mondo del lavoro nell ambito del settore turistico (assessorati al turismo, aziende di promozione turistica, agenzie di viaggi, strutture alberghiere e ricreative), ma anche nei settori commerciale e industriale. Inoltre fornisce una solida preparazione utile alla prosecuzione degli studi a livello universitario. Il Perito per il Turismo sviluppa una professionalità flessibile con capacità di iniziativa e di adattamento al cambiamento, utilizza le tecnologie informatiche, applica le tecniche di gestione economico-finanziarie, di programmazione, di controllo e di marketing. Il corso di studi prevede, oltre alle materie tradizionali, lo studio di discipline professionali, tre lingue straniere (inglese e francese nel biennio; inglese, francese e spagnolo nel triennio), arte e geografia del turismo. La proposta formativa è completata dall opportunità di seguire stages. L utilizzo di laboratori linguistici informatici completa la formazione di una figura professionale dinamica e qualificata. 5

6 2. PROFILO DELLA CLASSE a. Elenco docenti e quadro discipline Quadro discipline Docenti Continuità I.R.C. Papalia Classi 3 a 4 a 5 a Italiano Rolandi Classi 3 a 4 a 5 a Storia Rolandi Classi 3 a 4 a 5 a Inglese Fava Classi 3 a 4 a 5 a Francese Bruni Classi 3 a 4 a 5 a Spagnolo Matematica Cesaro Travaglini Guarino Andreoli Nonna Classe 3 a Classe 4 a Classi 5 a Classe 3 a Classi 4 a 5 a Disc. turistiche e aziendali Milanese Montagna Classi 3 a 4 a Classe 5 a Diritto e legislazione turistica Salerno Classi 3 a 4 a 5 a Arte e territorio Labonia Ferrari Nai Oleari Classe 3 a Classe 4 a Classe 5 a Geografia per il turismo Spampinato Classe 3 a 4 a 5 a Educazione fisica Madonna Classi 3 a 4 a 5 a 6

7 b. Elenco alunni 1. ALBANO Lucia 2. BELLO Gaia 3. BERISONZI Gianluca 4. BIANCO Alice 5. BONINI Laura 6. CAMPAGNA Beatrice 7. CONGIU Giulia 8. COSTA ALVEZ Yara 9. CUCCHI Arianna 10. CURIA Debora 11. DACATRA Veronica 12. GUIDI Gaia 13. MARCHESI Michela 14. MASSONE Jessica 15. MONACO Camilla 16. OPIZZI Cristina 17. TOMNYUK Zhorzheta 18. ZANELLA Giorgia 7

8 3. RELAZIONE DI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe è composta da 18 alunni, di cui un solo maschio, tutti provenienti dalla classe quarta tranne una studentessa che lo scorso anno scolastico aveva seguito il corso come uditrice. Per il caso che si avvale di sostegno didattico si rimanda all allegato riservato al Presidente della Commissione. Durante il quinquennio il percorso scolastico è stato piuttosto stabile, tranne che per Discipline turistiche e aziendali, Spagnolo, Arte e territorio, Inglese. Nel corso dell anno scolastico gli alunni hanno mantenuto un buon livello di interesse per le attività svolte, unito a vivace partecipazione che si è evidenziata con interventi personali costruttivi da parte della maggioranza della classe, mentre alcuni hanno seguito con attenzione silenziosa dimostrando comunque, se sollecitati, di saper interagire in modo puntuale con l interlocutore. Alcuni alunni presentano buoni livelli di profitto; altri, pur avendo conseguito gli obiettivi programmati, hanno incontrato qualche difficoltà a causa di un metodo di studio manualistico. Complessivamente si ritiene che la classe abbia acquisito un metodo di studio accettabile, sviluppando approcci differenziati agli stili cognitivi delle varie discipline. La classe ha sempre dato prova di disponibilità allorché la scuola ha organizzato eventi in cui era indispensabile l attività di accoglienza e di preparazione della manifestazione; inoltre ha partecipato in larga parte a eventi esterni, in orario extrascolastico, su richiesta di enti pubblici e privati. I programmi sono stati regolarmente svolti. I docenti, controllati i verbali del consiglio di classe, accertano che le ore a debito, dovute all unità oraria di 55 minuti, sono state recuperate dalla classe. 8

9 4. OBIETTIVI TRASVERSALI a. comportamentali 1) Rispetto degli insegnanti, degli operatori e dei compagni 2) Rispetto delle attrezzature scolastiche, dei laboratori e della struttura scolastica 3) Osservanza delle regole dell Istituto 4) Puntualità nelle scadenze e negli impegni b. cognitivi 1) Sviluppo delle capacità di ragionamento e riflessione allo scopo di fornire una visione unitaria del sapere 2) Sviluppo delle capacità di collegamento, di analisi e di sintesi disciplinare ed interdisciplinare. 3) Sviluppo delle capacità di utilizzo di terminologie adeguate c. strategie 1) Comunicazione agli alunni degli obiettivi comportamentali e cognitivi individuati dal Consiglio di Classe allo scopo di promuoverne la condivisione 2) Adozione di atteggiamenti comuni dei docenti rispetto agli obiettivi indicati 9

10 METODOLOGIE Italiano Storia Francese Inglese Spagnolo Matematica Geografia Disc. tur. aziendali Diritto e leg. tur. Arte e territorio I.R.C. Educazione Fisica 5. METODOLOGIE E STRUMENTI DIDATTICI a. Metodologie didattiche Lezioni frontali X X X X X X X X X X X X Lezioni interattive X X X X X X X X X Lavoro di gruppo X X X X X Discussioni X X X X Analisi dei casi X X X X Attività di labor./pales. X X X 10

11 STRUMENTI Italiano Storia Francese Inglese Spagnolo Matematica Geografia Disc. tur. az.li Diritto e leg. tur. Arte e territorio I.R.C. Educazione Fisica b. Strumenti didattici Libri di Testo X X X X X X X X X X X Dispense o appunti Materiale: X X X X X X X X X X X 1. Cassette audio X 2. Giornali riviste X X X X X X X 3. Documenti X X 4. Codice Civile DVD X X X X CD-Rom X X X Laboratori Linguistici Laboratori PC X X X X X X 11

12 6. ATTIVITA DISCIPLINARI a. Relazione sintetica delle materie Materia: Docente: Libro di testo adottato: Autore: Ed.: ITALIANO Giuseppina Rolandi TRE Vol. III M. Magri V. Vittorini Paravia Durante l anno scolastico è stata richiesta agli alunni la conoscenza degli elementi basilari dell analisi di un testo in prosa e in poesia, la capacità di argomentare, di contestualizzare e di sapere disquisire, nelle prove scritte, seguendo un filo logico in forma accettabile. La classe ha mantenuto nel corso dell anno, un buon livello di interesse per le attività svolte. Per quanto riguarda la partecipazione al dialogo educativo, alcuni alunni hanno vivacizzato le lezioni con interventi puntuali e costruttivi, altri hanno seguito con attenzione silenziosa. La quasi totalità degli studenti ha raggiunto gli obiettivi prefissati in modo più che sufficiente; qualche alunna anche risultati buoni, possedendo strumenti utili a un apprendimento critico e discrete capacità di comunicazione. Una minoranza ha mostrato, talora, qualche difficoltà nella rielaborazione dei contenuti e/o nella padronanza espressiva. 12

13 Materia: Docente: Libro di testo adottato: Autore: Ed.: STORIA Giuseppina Rolandi Le voci della storia e dell attualità Brancati Pagliarani La Nuova Italia Nello svolgimento del programma ci si è posti come obiettivo di conoscere i principali eventi, collocandoli nello spazio e nel tempo, usando il lessico specifico essenziale, e di saper collegare le problematiche principali attraverso processi di causa-effetto esponendoli con sufficiente chiarezza e coerenza. Tali obiettivi sono stati conseguiti in modo soddisfacente per alcuni alunni che hanno dimostrato buone capacità rielaborative; altri hanno evidenziato un metodo di studio più mnemonico, incontrando talora qualche difficoltà nel dare una struttura logico-argomentativa ai temi presi in esame. 13

14 Materia: Docente: Libri di testo adottati: Autore: Ed.: FRANCESE Rosanna Bruni Le nouveau monde de voyages Parodi Vallacco Juvenilia Libri di testo adottati: Autore: Ed.: Decryptez la France Patricia Duport Esposito Lang La classe ha sempre dimostrato interesse e partecipazione per la materia ed il clima in cui si sono svolte le elezioni è stato in generale sereno e cordiale. Alcuni alunni hanno saputo coniugare l interesse con un metodo di lavoro costante, per altri i risultati ottenuti sono stati inferiori alle effettive potenzialità a causa di un impegno non sempre continuo. Per quanto riguarda le conoscenze gli alunni conoscono i fondamentali campi lessicali relativi sia ad aspetti di vita quotidiana che di ambito turistico. Relativamente alle competenze-capacità quasi tutti sono in grado di esprimersi senza grossolani errori di lessico e di strutture e di applicare le regole in semplici testi noti, di analizzare un testo di attualità, di comprendere le informazioni basilari e redigere un testo sintetico con sufficiente correttezza linguistica. Durante l anno con l intervento della lettrice (un ora alla settimana) sono stati svolti momenti di ripasso e recupero, volti a colmare lacune a livello fonetico, grammaticale e morfo-sintattico. 14

15 Materia: Docente: Libro di testo adottato: Autore: Ed.: LETTORATO DI LINGUA FRANCESE Brigitte GILLI Le Nouveau monde de voyages Lidia Parodi Marina Vallaco La classe ha raggiunto superficialmente le conoscenze programmate prediligendo l approccio comunicativo. Metà della classe non è completamente autonoma riguardo ai compiti assegnati e manifesta poca fiducia nelle proprie capacità. L attenzione e quindi la produzione sono risultati variabili in base ai contenuti, il lessico è ancora semplice e le frasi non sono sempre ben articolate. Nonostante il quadro disomogeneo, il livello di scolarizzazione è complessivamente accettabile. 15

16 Materia: Docente: Libri di testo adottati: Autore: Ed.: INGLESE Elena FAVA TRAVEL TEAM Bernardi Fici Braownlees Valmartina La classe che seguo da tre anni si è sempre dimostrata partecipe nell attività didattica e fin dalla terza ha fatto il possibile per recuperare le numerose lacune grammaticali pregresse. Nel corso di questo anno scolastico, nelle due ore settimanali a disposizione, nel primo quadrimestre ho insistito maggiormente sulle abilità di reading e writing (riassunti, composizioni e comprensioni), mentre nel secondo quadrimestre, oltre alle comprensioni del testo, ho trattato più ampiamente argomenti di turismo, civiltà, ecc. legati all abilità di speaking. Gli studenti hanno tutti risposto positivamente, in base alle loro capacità, emotività, esperienze all estero, nonché predisposizione alla lingua, alcuni raggiungendo un ottimo livello di preparazione, altri discreto, altri sufficiente. Pur mostrandosi una classe diligente e partecipe, la maggior parte ha conseguito una preparazione prevalentemente mnemonica. Nella valutazione orale ho sempre premiato diligenza e impegno anche in presenza di una pronuncia non perfetta. 16

17 Materia: Docente: Libri di testo adottati: Autore: Ed.: LETTORATO DI LINGUA INGLESE Pauline A. KING Slides from the world Zanichelli Sono stati trattati gli aspetti geografici, storici e culturali dei seguenti paesi anglofoni che fanno parte del Commonwealth: USA, Canada, Australia, New Zealand, South Africa e India. 17

18 Materia: Docente: Libri di testo adottati: Autore: Ed.: SPAGNOLO Generoso Antonio Guarino Sin duda- Gramàtica activa del español Gloria Boscaini CIDEB Libri di testo adottati: Autore: Ed.: De viaje por el mundo hispano Cristina M. Alegre Palazòn, Leonor Quarellos Demarcos CIDEB La classe ha dimostrato interesse ed impegno verso la materia. La partecipazione è stata sempre attiva ed è sempre avvenuta nel pieno rispetto delle regole. Nel corso dell anno sono state attuate lezioni frontali, lezioni in laboratorio linguistico ed approfondimenti didattici attraverso dispense e materiale reperito sul web. Sono stati trattati argomenti riguardanti la storia, la cultura, le tradizioni, gli aspetti turistici, economici, politici e socioculturali dei paesi di lingua spagnola. Si sono distinti due gruppi: il primo, corrispondente alla quasi totalità della classe, ha dimostrato forte interesse e discreta padronanza delle strutture linguistiche, il secondo ha dimostrato una padronanza della lingua non del tutto sufficiente, con lacune di carattere grammaticale e morfosintattico che sono state in parte colmate. I risultati sul piano del profitto sono stati prevalentemente discreti. 18

19 Materia: Docente: Libri di testo adottati: Autore: Ed.: LETTORATO DI LINGUA SPAGNOLA Maria Cristina Zurro De viaje por el mundo hispano Cristina M. Alegre Palazòn, Leonor Quarellos Demarcos CIDEB Nell ora settimanale di lettorato con l esperto madrelingua sono stati approfonditi la storia, la cultura, le tradizioni, gli aspetti turistici, economici, politici e socioculturali dei paesi ispano-americani. 19

20 Materia: Docente: Libro di testo adottato: Autore: Ed.: MATEMATICA Monica Nonna ITER MATEMATICA per il Turismo Modulo D M. Trovato Ghisetti & Corvi La classe ha partecipato in modo adeguato allo svolgimento delle lezioni durante tutto il corso dell anno scolastico. Gli studenti si sono sempre impegnati nello svolgimento dei compiti loro assegnati, sia in classe sia a casa. Nonostante ciò, nessuno si è distinto per competenze ed abilità particolari. I risultati conseguiti sono globalmente discreti; solo un esiguo gruppo di studenti ha raggiunto una preparazione al limite della sufficienza. 20

21 Materia: Docente: Libro di testo adottato: Autore: Ed.: GEOGRAFIA DEL TURISMO Sabrina SPAMPINATO Nuovo passaporto per il mondo - Corso di geografia turistica Bianchi Kohler Moroni Vigolini De Agostini La classe durante tutto il triennio si è sempre dimostrata interessata e attenta alle lezioni. Ha partecipato in modo attivo con interventi e approfondimenti personali. Gli itinerari preparati nel corso del triennio sono sempre stati accurati e ben studiati, con particolare attenzione ai tempi e alle destinazioni. Lo studio, pur se mnemonico per alcune studentesse, è sempre stato puntuale e preciso. In generale quindi la classe ha raggiunto un livello di preparazione soddisfacente. 21

22 Materia: Docente: Libro di testo adottato: Autori: Ed: DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI Gloria Montagna Nuovo turismo 3 I prodotti Giorgio Castoldi Hoepli Gli studenti hanno partecipato con interesse alle attività svolte, hanno mostrato motivazione allo studio e si sono lasciati coinvolgere nelle proposte di tipo soprattutto operativo, cercando di superare le difficoltà derivanti dal cambiamento del docente nell ultimo anno del corso. All interno del gruppo classe vi sono alcune alunne che esprimono interesse particolare per il settore turistico in genere; è comunque presente qualche fatica nella rielaborazione dei contenuti che, talvolta, possono risultare acquisiti in modo più mnemonico che personale. La preparazione risulta diversificata, in considerazione delle diverse attitudini e del differente impegno. 22

23 Materia: Docente: Libro di testo adottato: Autore: Ed.: DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA Daniele SALERNO La legislazione turistica Balacco Fusco Martignago Mistroni Edumond Le Monnier - Scuola & Azienda Il corso ha avuto come obiettivo, per quanto riguarda le conoscenze (in termini di sapere), il conoscere l essenziale normativa applicabile al settore turistico ed il conoscere i principali soggetti, pubblici e privati, presenti nel settore turistico italiano e internazionale. Per le competenze (in termini di saper fare), ci si è orientati nella legislazione in vigore, riuscendo ad applicare le nome corrette al caso reale, comprendendo l evoluzione giuridica in atto nel settore turistico italiano e internazionale, con le rilevanti conseguenze economiche che ne derivano. Quali capacità (in termini di abilità, atteggiamenti e comportamenti), la capacità di ricerca e approfondimento, la capacità di utilizzo di un linguaggio specifico e la capacità di ricavare informazioni utili attraverso la lettura di una norma. Attività: lezione frontale partecipata, problem solving e discussione di casi concreti, esposizione guidata degli allievi, lettura critica del testo, schematizzazioni. Il programma è stato svolto nella sua interezza, la classe ha partecipato in modo estremamente attivo alle lezioni, manifestando un coinvolgimento nel dialogo giuridico estremamente positivo. Più che soddisfacenti i risultati ottenuti. Nel complesso quindi un insieme di studenti precisi nell adempimento delle scadenze, volonterosi verso lo studio ed interessati alla materia, molto educati nel rapporto in classe con l insegnante. 23

24 Materia: ARTE E TERRITORIO Docente: Maria Giovanna NAI OLEARI Libro di testo adottato: Itinerario nell'arte 3. Dall Età dei lumi ai giorni nostri. Terza edizione. Versione azzurra. Autori: Giorgio Cricco, Francesco Paolo Di Teodoro Ed.: Zanichelli, 2003 La classe ha subito, durante il corso quinquennale di studi, l avvicendamento di diversi insegnanti della disciplina, fatto a mio avviso non secondario ai fini di una preparazione organica. In questo ultimo anno l interesse, l impegno e la partecipazione attiva alle lezioni sono stati comunque costanti per la maggior parte degli allievi, anche se a volte si è trattato di una partecipazione per certi aspetti disordinata e quindi dispersiva. Infatti, a fronte di un interesse vivo e curioso, i risultati ottenuti sono stati talvolta, soprattutto per alcuni allievi, inferiori alle aspettative. La classe è mediamente in grado di riconoscere i principali fenomeni artistici manifestatisi tra Ottocento e prima metà del Novecento e di affrontare la lettura dell opera d arte dal punto di vista descrittivo, tuttavia la maggior parte, nonostante uno studio assiduo, si limita a un sapere più nozionistico, mentre solo alcuni allievi sono in grado di compiere un analisi stilistica e rielaborata delle opere affrontate istituendo confronti tra esse attraverso un argomentazione più completa. 24

25 Materia: Docente: Libro di testo adottato: Autore: Ed.: EDUCAZIONE FISICA Francesco MADONNA Corpo Libero Due Movimento e salute Fiorini Coretti Bocchi Marietti scuola Classe partecipe e disponibile al dialogo educativo. Gruppo coeso con doti di grande umanità. I risultati conseguiti sono da ritenersi positivi. 25

26 Materia: Docente: Libro di testo adottato: Autore: Ed.: I.R.C. Milena PAPALIA TUTTI I COLORI DELLA VITA Solinas SEI Torino La totalità della classe si avvale dell IRC. Nel corso del triennio ha maturato un atteggiamento collaborativo e nell ultimo anno si è dimostrata interessata ai temi proposti in modo proficuo e approfondito. Le lezioni sono state svolte prevalentemente come lezioni dialogate, con particolare attenzione al dibattito in classe: gli alunni sono stati coinvolti nell'assumere una posizione in merito agli argomenti proposti affrontando criticamente i diversi aspetti dell'argomentazione. E stata utilizzata la videoteca scolastica per la visione di alcuni filmati/documentari. In generale la sintesi degli argomenti è stata proposta sotto forma di lezione frontale con l utilizzo di materiale fotocopiato. 26

27 b. Programmi svolti ITALIANO La letteratura del primo Novecento: contesto storico, sociale, culturale Il Naturalismo: contesto storico-culturale e caratteri generali della produzione letteraria Il Verismo: contesto storico-culturale e caratteri generali della produzione letteraria Giovanni Verga: vita, pensiero e opere. - Da Vita dei campi : lettura ed analisi di Rosso Malpelo e Fantasticheria, - I Malavoglia : trama, caratteristiche e temi dell opera; lettura ed analisi dell incipit del romanzo ( La famiglia Toscano, L addio di Ntoni - Da Novelle Rusticane : La roba, Libertà - Da Mastro don Gesualdo : La morte di Gesualdo Il Simbolismo: contesto storico-culturale e caratteri generali della produzione letteraria G. Baudelaire: vita e opere (cenni) Da I fiori del male : Corrisponenze, L alabatro La Scapigliatura: caratteri generali E. Praga: vita e opere (cenni) Da Penombre : Preludio Il Decadentismo: Contesto storico-culturale e caratteri generali della produzione letteraria G. Pascoli: Vita e opere Da Myricae : lettura ed analisi di Lavandare, Novembre, X Agosto Da I Canti di Castelvecchio : Nebbia, La mia sera G. D Annunzio: Vita, pensiero e opere Da Il Piacere : lettura ed analisi di la filosofia del dandy Da Alcyone : lettura ed analisi di La sera fiesolana, La pioggia nel pineto 27

28 Il Crepuscolarismo: Caratteri generali G. Gozzano Da I colloqui : lettura ed analisi di La signora Felicita L età delle avanguardie: contesto storico, sociale e culturale Il Futurismo:Caratteri generali F.T. Marinetti: vita, pensiero e opere Manifesto del futurismo : lettura e analisi Manifesto tecnico della letteratura fascista : lettura e analisi Pirandello: vita, pensiero,opere Da Novelle per un anno : Il treno ha fischiato, Ciaula scopre la luna, Da Il fu Mattia Pascal : lettura di Mattia-Adriano : un ombra d uomo; la conclusione Da L umorismo : Il sentimento del contrario I. Svevo: vita, pensiero,opere - La coscienza di Zeno : struttura, caratteri e tema dell opera. Lettura ed analisi di passi antologici La letteratura tra le due guerre U. Saba: vita, pensiero,opere Lettura ed analisi di Trieste., Città Vecchia, Ulisse G. Ungaretti: vita, pensiero,opere Da L allegria, lettura ed analisi: Veglia, Fratelli, Soldati, San Martino del Carso, I fiumi E. Montale: vita, pensiero,opere Da Ossi di seppia lettura ed analisi: di Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere Non Chiederci la parola Da Le occasioni, lettura ed analisi: la casa dei doganieri, Non recidere forbice, quel voltoi Da Satura, lettura ed analisi: Ho sceso dandoti il braccio 28

29 L Ermetismo U. Quasimodo: vita, pensiero,opere da Acque e terre letturaa ed analisi di Alle fronde dei salici, Uomo del mio tempo L età del Neorealismo Calvino: lettura e commento del libro Il sentiero di nidi di ragno Libro di testo: TRE - Vol. III M. Magri-V. Vittorini Paravia La docente Giuseppina Rolandi 29

30 STORIA - I problemi economici, politici, culturali connessi all unificazione d Italia - Governo della Destra e della Sinistra storica - La Rivoluzione Industriale, l emigrazione, l imperialismo - L età Giolittiana - La Grande Guerra Mondiale - La Rivoluzione Russa - Il primo Dopoguerra: la crisi economica e della società italiana - La crisi del I regimi totalitari: Il Fascismo in Italia, il Nazismo in Germania, il Comunismo in URSS - Le democrazie - La Seconda Guerra Mondiale - Il nuovo ordine internazionale: La guerra fredda e il Bipolarismo Libro di testo: Le voci della storia - Vol. III Brancati-Pagliarini La Nuova Italia La docente Giuseppina Rolandi 30

31 FRANCESE MODULE 1- Le tourisme Introduction au tourisme Les types de tourisme Les entreprises touristiques MODULE 2 - Les transports Les transports en France Les transports aériens Les aéroports français Les transports ferroviaires La SNCF - Le TGV - L Eurotunnel - Le TER - Le RER Le Métro Les gares de Paris Les tarifs Les transports maritimes Les bateaux de ligne Les croisières - Les palaces flottants Savoir présenter une croisière La navigation de plaisance Les transports routiers L autocar La voiture MODULE 3 - Les types d hébergement Les types d hébergement La présentation d un hôtel Savoir présenter un hôtel Le travail à la réception Les autres types d hébergement Les villages touristiques Résidences et locations Séjours en résidence Louer une maison Les gîtes ruraux Les campings-caravanings Les auberges de jeunesse MODULE 4 - Les différentes formes de tourisme Le tourisme de santé Savoir présenter une station thermale Le tourisme vert Le tourisme sportif Le tourisme religieux Le tourisme pour le troisième age 31

32 MODULE 5 - La France La France physique Savoir présenter une région La Bretagne La Normandie La Pac Ile de France (Paris) Aquitaine MODULE 7 - Voyages dans le monde Les Tom et les DROM La Martinique et la Guadeloupe MODULE 9 Demander et donner des renseignements MODULE 10 La réservation MODULE 11- La modification d une réservation Libri di testo: Un nouveau monde de voyages Ed. Juvenilia Décryptez la France Ed. Lang La docente Rosanna Bruni 32

33 LETTORATO DI LINGUA FRANCESE - L évolution du tourisme en France - Les métiers du tourisme Confection d un itinéraire en Provence Guide dans les champs de lavande et les carrières d ocre - Le tourisme religieux (Lisieux- Rocamadour- Lourdes) - Le tourisme de santé le thermalisme dans la médecine d aujourd huila thalassothérapie Evian les bains - La francophonie L OIF - Les DROM ( Ile de la Réunion ) et les COM - Les Jeux olympiques de la francophonie à Nice 2013 (le slameur Grand Corps malade et sa chanson Ta famille ) - Les parcs d attraction (Vulcania, Disneyland) - Les transports Les transports ferroviaires (L Eurotunnel) Le TGV Le transport fluvial La vie à bord du Costa Serena - Les Nations unies - La déclaration universelle des droits de l homme -Technique du résumé scolaire 33

34 Metodologia: comunicativa Didattica: situazionale e nozionale funzionale. Simulazioni. Analisi di documenti professionali con approccio comunicativo. Lavoro per competenze in un ottica pluridisciplinare. Strumenti: Libro di testo Fotocopie Uso del registratore e del laboratorio linguistico Libro di testo: Le Nouveau monde de voyages Lidia Parodi Marina Vallaco La docente Gilli Brigitte 34

35 INGLESE Gli studenti hanno preparato alcuni moduli tematici, ciascuno incentrato su un argomento essenziale per chi sta per intraprendere una professione in ambito turistico. Gli studenti posseggono le specifiche competenze di saper esporre oralmente le nozioni di base del turismo con un linguaggio semplice ma corretto; comprendere testi sia di turismo che di attualità che letterari e saper rispondere sia scritto che oralmente alle domande inerenti; saper redigere un riassunto e una composizione; saper redigere un itinerario turistico, saper descrivere e promuovere le attrattive turistiche di una città o una regione, interagire con turisti in contesti professionali quali, per esempio, il front office di un agenzia turistica o di un hotel, redigere un voucher o una lettera o un di tipo turistico. I brani letterari indicati nel programma sono stati svolti come esercizi di Reading comprehension e pertanto gli studenti ne conoscono il riassunto e cenni biografici dell autore. Alcuni argomenti di geografia sono stati svolti in collaborazione con la lettrice. CONTENTS Tourism:features and trends : from the origins to the 20 th century, tourism on the net, positive and negative aspects of tourism Organisation of tourism : tour operators, travel agencies Transport: air travel, land and water transport Accomodation: serviced and self-catering accomodation Promoting destinations: Marketing research, marketing mix, segmentation of the tourism market Outgoing tourism: Short haul destination to Europe: visiting London; Long hauls to intercontinental destinations: visiting the USA, New York City, Arizona Canyons, California, Chicago and the Roaring Twenties (fotocopie) Target tourism : sport tourism, responsible tourism, agritourism and spas From learning to working : Travel training programme, career and financial prospects, working at a travel agency, skills and personal qualities, job interview Written correspondence: the layout of commercial letters, mails and faxes, enquiries, replies, bookings, confirmations and cancellations, complaints and adjustments, circulars, CV, applications Immigration approfondimento (fotocopie): general definition, theories of migration, pros and cons, the political debate about immigration, illegal immigration, Ellis Island, The making of Ireland 35

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A U SEI 17,75 No No Mo ITALIANO GRAMMATICA 9788842448839 GINI GIANNI / SINGUAROLI MASSIMILIANO GRAM.COM / EDIZIONE BLU - VOL. UNICO U B.MONDADORI 25,20 No Si No ITALIANO ANTOLOGIE 9788826814865

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A RELIGIONE 9788810614082 CIONI LUIGI / MASINI PAOLO / PANDOLFI BARBARA PAOLINI LUCA I-RELIGIONE+LIBRO DIGITALE+DVD / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 16,00 Si Si No ITALIANO ANTOLOGIE

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico Idoneità alla 3^ classe: ESAMI IDONEITA' INTEGRATIVI A.SC. 2013/14 1 Grimaldi Sabrina: in poss. promoz. al 2 anno Istituto Alberghiero 2 anno Storia e Geografia (orale) 2 anno Storia dell Arte (orale)

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli