DOCUMENTO DEL CONSIGLIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE T. CATULLO - BELLUNO Istituto Professionale per i Servizi Commerciali, Socio Sanitari e Liceo Artistico Distretto Scolastico n. 3 - Presidenza e Segreteria: Via Garibaldi, Belluno Tel Fax C.F DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 C TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI a.s. 2013/2014

2 INDICE PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO 3 PRESENTAZIONE DELL INDIRIZZO DI STUDIO E PROFILO PROFESSIONALE 5 DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 6 analisi della situazione - livello comportamentale 6 definizione degli obiettivi comportamentali 7 analisi degli obiettivi cognitivi trasversali 7 obiettivi disciplinari specifici contenuti 7 valutazione e verifica 8 attività integrative e interdisciplinari 8 attività di orientamento 8 ELENCO DOCENTI 9 PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINA (relazioni finali e programmi) 10 italiano 10 storia 14 matematica 16 educazione fisica 20 religione 22 francese 24 tedesco 28 spagnolo 32 inglese 36 economia e tecnica dell impresa turistica 42 tecnica della comunicazione e relazione 46 tecnica dei servizi operativi e pratica di comunicazione e relazione 49 geografia 52 storia dell arte e dei beni culturali 54 CARATTERISTICHE E CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA 57 ALTERNANZA SCUOLA LAVORO (ASL) 58 2

3 PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO L Istituto Catullo, fondato nel 1822, è una delle scuole storiche della città di Belluno. E dedicato a Tomaso Catullo ( ), studioso e naturalista bellunese, docente di Girolamo Segato, che si occupò di mineralogia e geologia. La scuola nacque per rispondere alla domanda di personale qualificato nell amministrazione e nella contabilità d impresa. In 180 anni di attività ha saputo formare migliaia di addetti alla segreteria e alla contabilità apprezzati nei luoghi di lavoro in cui si sono inseriti, in molti casi anche con notevole successo personale. Con la riforma degli istituti professionali e dopo cinque anni di sperimentazione, l Istituto ha ampliato la propria offerta formativa introducendo quattro indirizzi scolastici: Aziendale, Turistico, Socio- Sanitario e della Grafica Pubblicitaria. L Istituto è inoltre iscritto negli elenchi degli Organismi di Formazione della Regione Veneto, Ambito della Formazione Superiore n. A0331, con Decreto Regionale n. 780 del 20 agosto L edificio in cui si trova oggi la sede principale della scuola ha una lunga storia. Il Consiglio della Serenissima, con lettera ducale del 27 giugno 1608, approvò la richiesta del Consiglio dei Nobili di Belluno di fondare un convento femminile governato dalla regola delle Clarisse annesso alla chiesa di Santa Maria di Loreto. La costruzione iniziò nel marzo del 1612 in località detta Favola, oggi Borgo Garibaldi, fu completato nel 1632 e fu occupato dalle suore nel Il monastero fu soppresso giuridicamente con decreto Napoleonico il 25 aprile I locali, acquistati nel 1811 dal Comune di Belluno, furono usati prima come magazzino e poi anche come caserma. Nel 1822 furono destinati alla Scuole Comunali Minore e Maggiore. Nel 1851 i due corsi di quarta classe furono trasformati in Scuole Reali. Nel 1863 anche il piano superiore dell ex convento fu adibito a sede scolastica, con tre classi che nel 1867 formarono la Real Scuola Tecnica "T. Catullo". Il 25 novembre 1822, furono istituiti in Belluno i due corsi di quarta classe annessi alla Imperial Real Scuola Elementare Maggiore. Nel 1834 fu istituita una Scuola Professionale che operava anche nelle giornate festive impartendo due ore di lezione di ornato, di geometria meccanica e di architettura agli artieri, agli operai della città e agli alunni della Scuola Elementare. Questa utile istituzione crebbe in breve in tal credito da richiamare un gran numero di allievi provenienti anche dai comuni limitrofi. Che abbia continuato a dare ottimi risultati ne fanno prova gli attestati onorevoli che ottenne, oltre che nelle mostre della città, anche a Parigi e a Milano, nonché i premi che vi riportarono artisti bellunesi come Besarel, Seffer, Bortotti, Danielli, Sommavilla, Giacomini, Bettio, Gasperini e molti altri che avevano appreso in questa Scuola i primi rudimenti del disegno, della pittura, dell intaglio in legno e della scultura. Nel 1851 fu formulato un nuovo piano d insegnamento tecnico inferiore e superiore, applicato ai corsi di quarta classe, e l Istituto fu trasformato in 3

4 Scuola Reale Inferiore, con aggiunta di un terzo anno di studio. Le materie d istruzione obbligatorie per questo nuovo corso completo erano: religione, lingua italiano e tedesco, geografia e chimica, aritmetica e pratiche cambiarie e daziarie, storia naturale, fisica, disegno lineare e a mano libera e calligrafia, distribuite per ogni corso con 33 ore di lezione per settimana, delle quali almeno otto per classe erano dedicate al disegno, due alla religione e due o tre alla calligrafia. La scuola nel 1867 fu pareggiata alle altre del Regno, con facoltà di rilasciare attestati valevoli per l ammissione agli Istituti Tecnici Superiori e ai concorsi per l impiego pubblico. Nel 1868, il Governo Nazionale, separando, come esigeva la Legge, l istruzione tecnica dall elementare, affidava l intero peso economico dell istruzione tecnica al Comune. E fu il Comune a intitolarla a "Tomaso Catullo". I risultati conseguiti da questa scuola nel corso della sua storia si possono desumere dalle medie dei frequentanti e dei promossi, e dal positivo collocamento che i licenziati hanno potuto trovare nei diversi rami delle pubbliche amministrazioni e delle imprese private. Oggi, in stato di grave carenza occupazionale, sarebbe troppo bello affermare che tutti i neo-diplomati della nostra scuola vengono adeguatamente assorbiti dal mondo del lavoro; ci piace di più sottolineare che sono in aumento coloro che trovano occupazione coerente con il proprio diploma e quelli che continuano la loro formazione all Università. 4

5 PRESENTAZIONE DELL INDIRIZZO DI STUDIO E PROFILO PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI In un contesto economico-produttivo generale che evidenzia incessanti innovazioni tecnologiche e rapidi cambiamenti non solo nel campo del lavoro ma anche negli usi e costumi, nelle abitudini di vita e nei consumi, determinando la rapida obsolescenza delle nozioni e delle abilità di ordine meramente esecutivo e imponendo la necessità di acquisire grande flessibilità e capacità di adattamento, l intervento formativo nel settore turistico deve porsi nell ottica dell innovazione e dell approccio alla complessità in una dimensione di conoscenze e competenze non parziale, settoriale o puramente logistica, ma globale e sensibile alle molteplici influenze che interagiscono dinamicamente nella determinazione del fenomeno turistico. Ciò richiede operatori che non solo conoscano in modo approfondito le caratteristiche del fenomeno turistico nelle sue molteplici articolazioni, ma che siano innanzitutto in possesso di un ampia cultura di base, di spirito di iniziativa, di senso critico, di capacità di recepire il cambiamento e di adattarsi ad esso, di doti di concretezza, di disponibilità e di interesse a comprendere le richieste e le esigenze che provengono dal mondo esterno. Il Tecnico dei Servizi Turistici deve perciò possedere un ampia ed essenziale cultura di base storica, geografica, giuridico-economica, politica e artistica; la conoscenza scritta e parlata di due lingue straniere; la conoscenza approfondita dei prodotti turistici e delle fasce di possibile utenza; la conoscenza dei canali di commercializzazione e di marketing e la padronanza delle tecniche operative di base, con particolare attenzione all utilizzo degli strumenti informatici. QUADRO ORARIO DISCIPLINE CLASSI I II III IV V Lingua e letteratura italiana Storia Matematica informatica Lingua inglese Diritto economia Scienze della terra e biologia 3 3 Scienze motorie e sportive Lingua francese/tedesco/spagnolo Geografia Economia turistica (2) 6 (2) 6 (2) Laboratorio trattamento testi (2) Tecnica dei servizi operativi (3) Tecnica della comunicazione 2 (1) (3) 2 (1) Storia dell arte Religione cattolica o alternative Totale ore settimanali () compresenza 5

6 DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ANALISI DELLA SITUAZIONE - LIVELLO COMPORTAMENTALE Composizione della classe La classe V C è formata da 21 allievi, di cui 6 maschi e 14 femmine, provenienti dalla classe 4C di questo Istituto. Solo 13 hanno avuto un percorso regolare. Per quanto riguarda la seconda lingua, 4 seguono la lingua tedesca, 5 la lingua spagnola e 12 la lingua francese. Storia della classe Nell anno di qualifica è formata da 21 alunni, provenienti dalle due seconde dell Istituto (6 dalla 2^A; 8 dalla 2^B), dalla 3^C (2 ripetenti), ed i restanti 5 da altri Istituti (1 Falcade; 1 ripetente dai Licei Renier; 3 dal I.T.C. Calvi, dei quali due ripetenti). Agli alunni regolarmente iscritti, si devono aggiungere tre privatisti ammessi a frequentare in qualità di uditori. Di quest ultimi solo uno è stato ammesso a sostenere e ha superato l esame di qualifica. Tutti gli alunni sono stati ammessi al quarto anno. Nel quarto anno è composta da 22 allievi. Continuità didattica dei docenti Nel corso del triennio solo pochi docenti hanno potuto garantire continuità didattica e quindi un rapporto consolidato con gli allievi. Materia Classe III Classe IV Classe V Religione Sciaramenti Sciaramenti Sciaramenti Italiano Del Negro Fajeti Fajeti Storia Del Negro Fajeti Fajeti Storia dell arte Cason Comar Comar Inglese Savaris Savaris Savaris Francese Cianci Premoli Pison Tedesco Montagner Ragazzi Ragazzi Spagnolo Ricchio Setzu Ricchio Matematica Gobbis Beghelli Beghelli Economi tecnica turistica Ranon Ranon Ranon Tecnica di comunicazione Trotta Sgorlon Compresenza Luciani Mastrodonato Trattamento testi Colavecchio Educazione fisica Sommacal Sommacal Sommacal Geografia Donadi Mastrodonato Mastrodonato Sostegno Lombardo Lombardo Lombardo Sostegno - Coordinatore Moro Moro Moro Profilo della classe La classe è eterogenea per capacità, attitudini, applicazione e motivazione allo studio. Per la maggior parte degli allievi, la partecipazione all attività didattica è stata poco attiva e il grado di concentrazione abbastanza limitato. Solo un ristretto gruppo di allievi ha partecipato attivamente, mantenendo un impegno costante, dimostrando determinazione ad evolvere positivamente, 6

7 apportando un contributo critico e propositivo. La maggioranza non ha manifestato altrettanta attenzione ed interesse, limitando partecipazione e studio al conseguimento di un mero risultato scolastico, con un impegno saltuario e superficiale, scarso rispetto delle consegne, saltuaria frequenza delle lezioni ed alle verifiche effettuate in classe. Se per alcuni alunni sono migliorate le capacità di analisi, l organizzazione autonoma nello studio, l abilità nel costruire relazioni scritte, in molti permane la tendenza ad un assimilazione poco critica delle conoscenze, con uno studio meramente mnemonico. Pochi alunni sono in grado di cogliere autonomamente i collegamenti interdisciplinari; molti incontrano difficoltà e utilizzano un lessico piuttosto povero. La classe ha un buon grado di autonomia nella gestione delle attività extrascolastiche e mantiene un atteggiamento responsabile durante le uscite didattiche, le visite guidate ed il viaggio di istruzione. Sono migliorati i rapporti tra gli studenti, si può rilevare una maggiore solidarietà tra gli stessi, pur permanendo qualche problema di affiatamento. Nel complesso gli allievi hanno tenuto un comportamento corretto, non sono emerse particolari difficoltà di relazione con i docenti e non sono mai sorti problemi disciplinari. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI Gli obiettivi programmati dal consiglio di Classe sono stati i seguenti: - Acquisire la coscienza che è possibile aumentare le proprie conoscenze e migliorare le proprie prestazioni professionali e culturali: sostanzialmente acquisito. - Consolidare un atteggiamento attivo e disponibile nelle attività scolastiche: raggiunto in modo soddisfacente solo da alcuni allievi. - Essere puntuali e precisi nella realizzazione delle attività e nel rispetto degli orari scolastici: raggiunto solo da alcuni allievi. ANALISI DEGLI OBIETTIVI COGNITIVI TRASVERSALI - Esprimersi in modo chiaro e corretto, sia verbalmente che nel linguaggio scritto, utilizzando anche il lessico specifico delle varie discipline: raggiunto parzialmente. - Raccogliere, vagliare e sistemare i propri appunti in modo organico e sistematico: raggiunto da qualcuno. - Comprendere un testo, individuando gli aspetti fondamentali: sostanzialmente raggiunto. - Comunicare le proprie idee sostenendo le proprie argomentazioni in modo adeguato sia a livello espressivo che logico: raggiunto parzialmente. OBIETTIVI DISCIPLINARI SPECIFICI - SCELTA DEI CONTENUTI Si rinvia ai piani di lavoro individuali dei docenti e alle scelte di dipartimento. 7

8 VALUTAZIONE E VERIFICA I criteri di valutazione adottati sono quelli deliberati e adottati nel POF e nei dipartimenti. Le tipologie degli strumenti di verifica sono varie: test strutturati vero falso, con domande a risposta multipla, a risposta aperta, collegamenti e completamenti, volte a verificare le conoscenze acquisite e la competenza nell utilizzare tali conoscenze al fine di risolvere semplici quesiti. verifiche orali volte a valutare il grado di competenza linguistica, la capacità di applicazione, la capacità di analisi e sintesi nonché di argomentare e sostenere le proprie opinioni. verifiche scritte volte a valutare la capacità di esprimere in forma corretta (per ortografia, sintassi e lessico) le conoscenze acquisite e le competenze consolidate, di costruire testi con registri diversi (temi, articoli di giornale, relazioni) e la capacità di risolvere i problemi proposti. ATTIVITA INTEGRATIVE E INTERDISCIPLINARI VISITE STAGE VIAGGIO DI STUDIO TITOLO PROGETTO Conoscere la Provincia di Belluno DOCENTE REFERENTE Prof.ssa De Pasqual OBIETTIVI DEL PROGETTO Conoscere le Istituzioni del territorio (attività in dettaglio sotto)* Periodo Attività Docente referente Novembre 2013 Visita alla Biennale N. Comar Novembre 2013 La Provincia di Belluno Situazione attuale S. Moro e prospettive future* Novembre 2013 Fiera del turismo a Longarone R.Ranon Gennaio 2014 Visita alla mostra di Pollock presso il N. Comar Palazzo Reale di Milano Marzo 2014 Itinerari di arte e cultura nel territorio S. Moro della Provincia di Belluno* Marzo 2014 Incontro presso l Associazione Bellunesi Savaris-Moro nel mondo* Aprile 2014 Viaggio d istruzione a Barcellona N. Comar Aprile 2014 Teatro in lingua (gruppo francese) L. Pison Maggio 2014 Fitness presso palestra Sporting G. Sommacal 8

9 ATTIVITA DI ORIENTAMENTO Partecipazione ad incontri con le Università di Padova, Trento, Trieste e Udine, organizzati da Comune, Provincia in collaborazione con il nostro Istituto (capofila della rete di orientamento per la provincia) per gli studenti di quarta e quinta superiore di tutta la provincia. ELENCO DOCENTI MATERIA ITALIANO - STORIA MATEMATICA EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE FRANCESE SPAGNOLO TEDESCO INGLESE TECNICA TURISTICA STORIA DELL ARTE TECNICA DELLA COMUNICAZIONE TECNICA DEI SERVIZI OPERATIVI GEOGRAFIA SOSTEGNO SOSTEGNO DOCENTE Fajeti Giulio Beghelli Benedetta Sommacal Gabriella Sciaramenti Annamaria Pison Loriana Ricchio Gina Ragazzi Susanna Savaris Irene Ranon Rosaria Comar Nicoletta Sgorlon Chiara Mastrodonato Gianluca Mastrodonato Gianluca Lombardo Grazia Moro Susanna MATERIA ITALIANO - STORIA INGLESE MATEMATICA TECNICA TURISTICA TECNICHE DI COMUNICAZIONE STORIA DELL ARTE DOCENTE ESTERNO ESTERNO ESTERNO INTERNO INTERNO INTERNO Belluno, 14 Maggio 2014 Il coordinatore di classe (Susanna Moro). 9

10 ITALIANO Docente: Giulio A. Fajeti Ore settimanali: 4 1. Relazione finale sulla classe 2. Programmazione didattico-disciplinare 3. Griglia di valutazione della Prima prova scritta 1. RELAZIONE FINALE SULLA CLASSE La Classe, da me incontrata nel penultimo anno del Quinquennio, ha all inizio palesato tutta una serie di fragilità, tanto riferibili ad un eterogeneo interesse degli alunni per il mondo umanistico, quanto ad una loro pregressa attività di studio piuttosto superficiale. In particolare, diffusa è risultata la mancanza di abitudine alla lettura, quindi l incapacità di tradurre le idee in parole; in aggiunta a questo, scarso o nullo era stato l esercizio negli anni precedenti in relazione alla nuova Prova di Italiano prevista dall Esame di Stato. Nel tentativo di recuperare il tempo perduto, è stata da me proposta un attività di lettura individuale domestica, preferibilmente riferita ad Autori o argomenti del 900 italiano che si potessero intersecare con la programmazione curricolare, con successiva esposizione della sintesi e del personale commento ai compagni, finalizzata alla acquisizione di autostima, di nuovi spazi culturali e di maggior sicurezza nel rapporto dialogico con l altro da sé. Pochi alunni hanno accettato questo impegno, ma chi l ha fatto ha dato senz altro prova di capacità e laboriosità, raggiungendo, a volte, anche buoni risultati. Oltre a ciò, ci si è concentrati sull analisi e l elaborazione del Dossier ministeriale relativo alla Prima prova scritta dell Esame di Stato, utilizzando anche nelle verifiche mensili i Plichi delle precedenti Sessioni ordinarie. In detti percorsi didattici la Classe si è generalmente dimostrata piuttosto aperta, anche se è stato scarsamente approfondito, soprattutto nello studio a casa, quanto proposto nelle ore curricolari: nel complesso, quindi, nel biennio in oggetto, gli alunni hanno dato in maniera spontanea e sicuramente con correttezza e rispetto nei confronti dell Insegnante, chiaramente privilegiando, tuttavia, le Materie di Indirizzo. Non si sono mai verificati episodi di palese rifiuto, né di indisciplina. Mezzi utilizzati M. Sambugar G. Salà Laboratorio di Letteratura Vol. III, La Nuova Italia, 2013; Materiali della Biblioteca dell Istituto Catullo; Resto del Carlino del 9 Febbraio

11 Criteri e strumenti di valutazione Interrogazioni orali - valutazione secondo i seguenti indicatori: conoscenza degli argomenti, capacità logico-critiche, di collegamento e di approfondimento. Correttezza, chiarezza e proprietà di esposizione. Lavori scritti temi tradizionali, relazioni, riassunti. Nuove tipologie (Saggio breve ed Articolo di giornale) con valutazione secondo la Griglia allegata. Obiettivi raggiunti Suscitamento di interessi duraturi per la Disciplina; avvicinamento e coinvolgimento degli Alunni nella pratica letteraria, vista come testimonianza di civiltà, ma anche fonte di piacere intellettuale; acquisizione di strumenti di analisi e di lettura, nei diversi ambiti di studio della letteratura; fornitura di un sapere letterario di base, prima tappa di conoscenza che successivamente l auspicabile consuetudine con il mondo umanistico potrà ampliare. Belluno, 14 Maggio 2014 L Insegnante (Giulio A.Fajeti). 11

12 2. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO - DISCIPLINARE L Età del Decadentismo G. Pascoli cenni biografici Resto del Carlino del 9 Febbraio 1896: Ricordi di un vecchio scolaro. Da Myricae : Romagna; X Agosto, Lavandare. Da Canti di Castelvecchio : Il gelsomino notturno; La cavallina storna; La mia sera. Da Primi poemetti : L aquilone. G:D Annunzio: cenni biografici. Laudi - Alcyone: La pioggia nel pineto; Meriggio. Da Il piacere : Ritratto di un esteta. Da Notturno : Il deserto di cenere. G.Gozzano:cenni biografici I colloqui : La signorina felicita ovvero la felicità. Le Avanguardie storiche F.T.Marinetti: cenni biografici Il Manifesto futurista Manifesto tecnico della letteratura futurista Da Zang-tumb-tumb Adrianopoli Ottobre 1912 : Bombardamento di Adrianopoli A. Palazzeschi cenni biografici Da L incendiario : Lasciatemi divertire. La poesia nella trincea G. Ungaretti cenni biografici Da L allegria : I fiumi; San Martino del Carso; Veglia; Soldati; Sono una creatura. L esperienza letteraria contemporanea L. Pirandello cenni biografici Da Novelle per un anno : L eresia catara; Il treno ha fischiato; La patente. Il fu Mattia Pascal : sintesi del romanzo. I. Svevo cenni biografici Da La coscienza di Zeno : Prefazione e preambolo; L ultima sigaretta; Un salotto mai più interdetto. C.Levi:cenni biografici Cristo si è fermato a Eboli : Superstizione, medicina e magia. 12

13 La Seconda guerra mondiale: testimonianze letterarie P. Levi - cenni biografici Da Se questo è un uomo : L Epigrafe; I sommersi e i salvati. G. Bassani - cenni biografici Da Il giardino dei Finzi Contini : Sintesi del romanzo. Successivamente alla stesura del presente Documento verranno proposti, a completamento del percorso letterario nell ambito del 900, i seguenti Autori: La prosa: M. R. Stern - cenni biografici Da Il sergente nella neve : L isba. Ritratti - Intervista di M. Paolini, Asiago, D.Buzzati - cenni biografici Da Sessanta racconti : Notte d Inverno a Filadelfia G. Guareschi cenni biografici Da Candido : L anello. La poesia S. Quasimodo - cenni biografici Da Giorno dopo giorno : Milano, Agosto 1943; Alle fronde dei salici; Uomo del mio tempo. Proiezione dei film: C. Mazzacurati / M. Paolini: Intervista a Mario Rigoni Stern; Kaos; La coscienza di Zeno. Belluno, 14 Maggio 2014 L Insegnante (Giulio A.Fajeti). In rappresentanza degli alunni De Nardin Elisa De Bona Chayet Luca 13

14 STORIA Docente: Giulio A. Fajeti Ore settimanali: 2 1. Relazione finale sulla classe 2. Programmazione didattico - disciplinare 1.RELAZIONE FINALE SULLA CLASSE Lo studio della Storia del 900 italiano e, in alcune parti, europeo è avvenuto in modo tradizionale, sulla base di un preciso iter cronologico: fondamentale risultato quello di aver sviluppato, negli Alunni, la coscienza di appartenere ad una civiltà che si è mossa in maniera graduale e sempre consequenziale. Uno studio, quindi, non tanto mnemonico, ma il più possibile consapevole e ragionato: in quest economia, si è proceduto pari passo con l analisi dello sviluppo letterario coevo, anche ai fini di un impostazione realmente interdisciplinare del lavoro e del possibile Colloquio d esame. La Classe ha reagito, tutto sommato, accettabilmente alle mie proposte, anche se, da parte di molti Alunni, non c è stato il necessario impegno che il difficile studio della Storia richiede; i loro risultati conclusivi, pertanto, anche in termini di oggettiva preparazione, si possono facilmente intuire. Mezzi utilizzati Brancati Pagliarani Le voci della Storia 3 Il Novecento La Nuova Italia, Firenze 2008 Filmati a cura di Rai Trade sulla Storia del Fascismo Criteri e strumenti di valutazione Almeno un interrogazione orale per Trimestre con valutazione secondo i seguenti indicatori: Conoscenza degli argomenti trattati Capacità logico-critiche, di collegamento e di approfondimento Correttezza, chiarezza e fluidità di esposizione Obiettivi raggiunti Acquisizione e consolidamento di una formazione storica di base e l attitudine a problematizzare; utilizzazione corretta di Fonti e Documenti nonché di schemi cognitivi formati con lo studio della disciplina, per analizzare la trama delle relazioni economiche, sociali, politiche e culturali nella quale si è inseriti; sviluppo della capacità di individuare analogie e differenze, nel tempo e nello spazio, nel medesimo settore di attività umane. Belluno, 14 Maggio 2014 L Insegnante (Giulio A. Fajeti). 14

15 2.PROGRAMMAZIONE DIDATTICO DISCIPLINARE La crisi del dopoguerra in Italia La Pace di Versailles; La Questione di Fiume ; Il Biennio rosso. Le conseguenze della guerra. La nascita del Partito fascista. La marcia su Roma. L esautorazione del Parlamento. Il delitto Matteotti. Le Leggi fascistissime. L organizzazione del consenso. I Patti lateranensi. Il controllo dei mezzi di comunicazione da parte di Benito Mussolini. La politica economica e la guerra in Etiopia. L economia autarchica. La Seconda guerra mondiale La prova generale del Secondo conflitto nella Guerra di Spagna. L espansione della Germania nazista. Il Manifesto della razza del 15/07/1938. La Shoah: uno sterminio programmato. Il coinvolgimento dell Italia nella Seconda guerra mondiale: Campagne di Albania, Grecia, Africa e Russia. L entrata in guerra degli Stati Uniti. L Armistizio dell 8 Settembre La R.S.I.; Nascita della Resistenza. La Guerra di liberazione. Successivamente alla stesura del presente Documento verranno proposti, a completamento del percorso storico nell ambito del 900, i seguenti argomenti: La tragedia delle foibe. Nascita dell ONU. Il Processo di Norimberga. Nascita della Repubblica italiana Verso la Guerra fredda La Conferenza di Yalta. I blocchi contrapposti APPROFONDIMENTI Analisi, proiezione e commento dei seguenti film: Il mandolino del Capitano Corelli; Swing Kids; Fuga per la vittoria. Belluno, 14 Maggio 2014 In rappresentanza degli alunni L Insegnante (Giulio A. Fajeti). De Nardin Elisa De Bona Chayet Luca 15

16 Docente: Benedetta Beghelli Ore settimanali: 3 MATEMATICA 1.Relazione finale sulla classe 2.Programmazione didattico disciplinare 1.RELAZIONE FINALE SULLA CLASSE Profilo della classe La classe è formata da 21 alunni, provenienti tutti dalla precedente quarta. La partecipazione all attività didattica nel complesso è stata sufficiente, non così l impegno nello studio domestico che si è rivelato alquanto discontinuo per la maggioranza della classe. Il livello della preparazione è mediamente più che sufficiente, con alcuni alunni che hanno conseguito risultati discreti o buoni. C è stata continuità didattica nella materia solo gli ultimi due anni. Il comportamento è stato corretto, la frequenza alle lezioni è risultata regolare per la maggior parte degli alunni. Andamento didattico La classe nel corso di tutto l anno scolastico ha interagito bene con il docente e non vi sono stati problemi. Assai frequentemente, durante tutto il corso dell anno scolastico, si è reso necessario ritornare su argomenti già trattati: ciò nel tentativo di colmare lacune essenzialmente dovute a difetti di attenzione in classe e al tipo di studio domestico. Metodi d insegnamento utilizzati L azione didattico - educativa è stata impostata verso una lezione di facile acquisizione, evitando eccessivi formalismi o concetti troppo teorici. Mezzi usati Libro di testo adottato : Elementi di Analisi Matematica tema Q di Papa e Risposi ed: Il Capitello Tempi del percorso formativo Quadro orario settimanale: 3 ore Le lezioni hanno avuto un andamento nel complesso regolare, ma nel corso dell anno scolastico ci sono state interruzioni dell attività didattica dovute al viaggio di istruzione e uscite varie che hanno comportato un rallentamento dell attività didattica. Pertanto il programma previsto, anche se completo, non è stato approfondito come desiderato. 16

17 Criteri e strumenti di valutazione usati Mi sono avvalsa di: - Indagini in itinere con verifiche informali; - Risoluzione di esercizi scritti; - Veloci sondaggi orali individuali e collettivi; - Lavori individuali svolti a casa; La valutazione ha tenuto conto: - del raggiungimento degli obiettivi di conoscenza e competenza; - dell impegno e l interesse dimostrati; - della partecipazione alle attività proposte; - della capacità critica; - della capacità espositiva; nel rispetto dei termini previsti dai criteri generali elaborati dal Collegio dei Docenti, contenuti nel POF e nella programmazione del dipartimento. Obiettivi raggiunti La preparazione media attualmente raggiunta dalla classe è discreta rispetto una materia che per la sua reale difficoltà teorica e concettuale pone spesso dei problemi agli alunni. In generale si può affermare che la maggior parte della classe: conosce e sa applicare le procedure di calcolo algebrico per risolvere equazioni e disequazioni; conosce il concetto di funzione reale di una variabile reale, di dominio e codominio; limitatamente alle sole funzioni razionali intere e fratte: sa determinare il dominio della funzione, trovare le eventuali intersezioni della funzione con gli assi cartesiani, studiare il segno della funzione e individuare le zone di piano cartesiano in cui si trova il grafico; conosce il concetto di limite e di funzione continua in un punto e sa calcolare limiti delle funzioni razionali intere e fratte che si presentano anche in forma indeterminata; sa studiare il comportamento di una funzione razionale intera e fratta agli estremi degli intervalli del dominio e trovare gli asintoti verticali e orizzontali; conosce il concetto di derivata di una funzione in un punto e il suo significato geometrico; sa calcolare la derivata di una funzione razionale e intera e fratta applicando le regole di derivazione; sa determinare gli intervalli nei quali una funzione razionale è crescente o decrescente; sa trovare i punti di massimo e di minimo relativi di una funzione razionale intera e fratta; sa studiare una funzione razionale fratta e tracciarne il grafico. Belluno, 14 maggio 2014 L Insegnante (Benedetta Beghelli) 17

18 2.PROGRAMMAZIONE DIDATTICO DISCIPLINARE Funzioni di una variabile Obiettivi: - Comprendere la nozione di dominio e codominio di una funzione Contenuti: - Classificazione delle funzioni - Determinazione dell insieme di esistenza di una funzione razionale intera o fratta - Determinazione degli intervalli di positività e di negatività di una funzione razionale intera o fratta Limiti delle funzioni di una variabile Obiettivi: - Introdurre il concetto di limite Contenuti - Approccio di tipo intuitivo al concetto di limite - Calcolo del limite finito e infinito di una funzione razionale intera o fratta - Calcolo del limite destro e del limite sinistro di una funzione razionale intera o fratta - Eliminazione delle forme di indeterminazione: + - ; / ; 0/0 Continuità delle funzioni Obiettivi: - Analizzare le diverse specie di discontinuità delle funzioni Contenuti: - Discontinuità in un punto - Discontinuità di prima, seconda e terza specie - Asintoti verticali e orizzontali Concetto di derivata Obiettivi: - Acquisire il concetto di derivata - Apprendere tecniche di derivazione delle funzioni Contenuti: - Significato geometrico di derivata 18

19 - Derivata di una costante, di x, di una potenza di x - Operazioni con le derivate: - Derivata della somma di due o più funzioni razionali intera o fratte - Derivata del quoziente di due funzioni razionali Studio del grafico di una funzione Obiettivi: - Saper individuare gli intervalli di crescenza e decrescenza - Saper individuare i massimi e i minimi - Saper disegnare il grafico di semplici funzioni razionali Contenuti: - Studio del segno della derivata prima per la determinazione dell andamento della funzione - Grafico di alcune semplici funzioni razionali. Belluno, 14 maggio 2014 L Insegnante (Benedetta Beghelli). In rappresentanza degli alunni De Nardin Elisa De Bona Chayet Luca 19

20 Docente: Gabriella Sommacal Ore settimanali: 2 EDUCAZIONE FISICA 1. Relazione finale 2. Programmazione didattico disciplinare 1.RELAZIONE FINALE Profilo della classe Gli alunni hanno dimostrato interesse per le attività proposte e la partecipazione è risultata complessivamente costante. Il comportamento è risultato corretto. Andamento didattico Attraverso le attività didattiche si è favorito l incremento delle capacità condizionali, delle capacità coordinative e delle conoscenze teoriche di base. Metodi d insegnamento Dal punto di vista metodologico, le attività sono state presentate in progressione, secondo il principio della gradualità. Mezzi utilizzati Le lezioni si sono svolte prevalentemente in palestra; alcune attività si sono praticate all aperto, allo stadio e al parco; gli alunni hanno aderito ad un corso di fitness. Spazi del percorso formativo Durante l anno scolastico si sono svolti i giochi di squadra: pallavolo, tennis goback, basket, giochi presportivi: pallabase; atletica leggera e orienteering in centro storico; percorsi ginnici; si è svolta una lezione di pattinaggio su ghiaccio e un corso di fitness in palestra attrezzata. Tempi del percorso formativo Settembre-ottobre-novembre: orienteering, atletica leggera: test di resistenza, gioco di squadra: pallavolo; dicembre-gennaio-febbraio: pattinaggio su ghiaccio, giochi di squadra: pallavolo e basket; marzo-aprile: giochi sportivi e presportivi (pallabase e tennis go-back); maggio-giugno: fitness in palestra attrezzata. Criteri e strumenti di valutazione La verifica è stata effettuata attraverso l osservazione sistematica e i test motori; sono state valutate le abilità acquisite da ciascun alunno. Obiettivi raggiunti Gli obiettivi educativi e didattici, programmati all inizio dell anno scolastico, sono stati raggiunti. Belluno, 14 maggio 2014 L Insegnante (Gabriella Sommacal) 20

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli