ISTITUTO COMPRENSIVO PONTE S. PIETRO Scuola Media D. Alighieri. PROGRAMMAZIONE del CONSIGLIO della CLASSE III C anno scolastico 2013/14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO PONTE S. PIETRO Scuola Media D. Alighieri. PROGRAMMAZIONE del CONSIGLIO della CLASSE III C anno scolastico 2013/14"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO PONTE S. PIETRO Scuola Media D. Alighieri PROGRAMMAZIONE del CONSIGLIO della CLASSE III C anno scolastico 2013/14 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Dirigente Scolastico Prof. Villa Roberta Docente coordinatore Scramuzza Francesca ITALIANO Docenti Scramuzza Francesca STORIA E GEOGRAFIA Giacobino Giuseppe Marinoni Chiara Caccianiga Tiziana Viscone Vito Roberto Rovetta Sergio Beretta Silvana Nugnes Maria Rosaria Donadoni Claudio Catania Vincenzo MATEMATICA E SCIENZE LINGUA INGLESE LINGUA FRANCESE TECNOLOGIA EDUCAZIONE MUSICALE ARTE E IMMAGINE SCIENZE MOTORIE RELIGIONE CATTOLICA SOSTEGNO Componente genitori Bolis Giordano Corna Simonetta Somenzi Graziella Trivella Pierangela COMPORTAMENTO Attraverso un analisi dei comportamenti della classe, osservata attentamente dagli insegnanti sulla base degli Obiettivi formativi d istituto durante le prime settimane di lavoro emerge quanto segue: SOCIALIZZAZIONE Il gruppo classe mostra un livello di socializzazione adeguato ed evidenzia un buon grado di collaborazione tra compagni e con i docenti. COMPORTAMENTO Attraverso un analisi dei comportamenti della classe, osservata attentamente dagli insegnanti sulla base degli Obiettivi formativi d istituto durante le prime settimane di lavoro emerge quanto segue: 1. Area del saper essere Un buon numero di alunni del gruppo sa gestire il proprio vissuto scolastico, dando un senso alla propria esperienza ed è consapevole che la partecipazione e la collaborazione alle attività scolastiche sono uno strumento per l elaborazione di un personale progetto di vita. 2. Area del sapere un discreto numero di alunni sa padroneggiare i contenuti e i metodi delle discipline, anche se non sempre li sa trasformare in competenze personali e occasioni di crescita. 3. Area del saper fare un discreto numero di alunni del gruppo sa scegliere strategie adeguate per la soluzione dei problemi. Vista la situazione di partenza il consiglio di classe., stabilisce di perseguire i seguenti obiettivi formativi: Area del saper essere a) Relazionarsi con se stesso: è consapevole del valore formativo dell esperienza scolastica;

2 b) relazionarsi con l ambiente: sa confrontarsi con gli altri e trarre dal confronto insegnamenti utili riconoscendo, rispettando e valorizzando le diversità; c) collaborare e partecipare per elaborare un progetto vita: è in grado di gestire i diversi aspetti della propria esperienza ( attitudini, aspirazioni, interessi desideri), partecipando in modo costruttivo al lavoro scolastico. Area del sapere a) Osservare e ascoltare : osserva e ascolta in modo attento, selezionando e descrivendo in modo efficace fatti e fenomeni; b) memorizzare contenuti: possiede i contenuti delle discipline in modo completo ed efficace; c) comprendere, analizzare, applicare: padroneggia in maniera approfondita i contenuti e i metodi delle discipline e li sa applicare in contesti specifici e in situazioni reali. Area del saper fare a) utilizzare comportamenti adeguati, organizzare ed eseguire il lavoro in maniera efficace:: sa gestire l organizzazione del proprio lavoro scolastico e sa predisporre materiali, tempi, metodi e scadenze in modo efficace; b) esprimere e comunicare il proprio vissuto : è in grado di esprimere le proprie conoscenze e il proprio personale vissuto, valorizzando il contributo delle varie discipline; c) riorganizzare le conoscenze per risolvere problemi: sa comprendere e rielaborare in modo autonomo testi e contenuti delle varie discipline, ne ricava le opportune informazioni, realizzando produzioni personali. QUADRO DELLE ATTIVITÀ DISCIPLINARI Italiano - Antologia 1 - L adolescenza e le dipendenze Settembre-Ottobre Scienze Motorie; Scienze. 2 - Il villaggio globale Ottobre-Novembre Scienze 3 - Noi cittadini del mondo (sviluppo Dicembre Storia;geografia;scienze. sostenibile) 4 - La storia e la memoria Gennaio Febbraio Storia,Arte; Musica Giornali ed internet Marzo Tecnologia 6 - Noi cittadini del mondo (razzismo-diritti umani) Aprile Maggio Giugno Arte; Musica; Scienze Motorie. 7 - L orientamento Nel corso del I Quadrimestre Tutte le discipline Italiano - Letteratura 1 Letteratura Ottobre Dicembre Arte; Storia; Inglese; Francese; Musica - Il Romanticismo 2 - Il verismo Gennaio Arte; Storia; Inglese; Francese; Musica 3 - Il decadentismo Febbraio Arte; Storia; Inglese; Francese; Musica 4 - La letteratura del Novecento Marzo - Giugno Arte; Storia; Inglese; Francese; Musica; Scienze Italiano - Grammatica 1 Grammatica Tutto l anno Inglese; Francese La sintassi del periodo - Proposizione principale - La coordinazione - La subordinazione - Discorso diretto e indiretto 2 Abilità linguistiche: Tutto l anno Inglese; Francese - Testo narrativo - Testo espositivo - Testo interpretativo-valutativo - Testo argomentativo Storia 1 - Il Risorgimento Settembre Ottobre Italiano; Arte; Musica; Inglese; Francese. 2 - La Seconda Rivoluzione Industriale e la società di massa Ottobre Tecnologia; Scienze; 3 - Imperialismo Ottobre Inglese; Francese. 4 - La Prima Guerra Mondiale Novembre Italiano; Tecnologia; Musica; Scienze; Inglese; Francese. 5 - I Totalitarismi Dicembre Gennaio Italiano; Scienze; Scienze Motorie; Arte

3 6 - La Seconda Guerra Mondiale Febbraio Italiano; Tecnologia; Musica; Scienze; Inglese; Francese. 7 - La Superpotenze Marzo Italiano; Inglese 8 - Italia ed Europa dopo la IIGuerra Mondiale 9 - La decolonizzazione e la crisi dell Islam Marzo Aprile Maggio Maggio Italiano Inglese; Francese 10 - La Globalizzazione Maggio - Giugno Tutte le discipline 11 - Sistema elettorale Italiano e Sistema Novembre Inglese elettorale Americano a confronto Marzo - Aprile Geografia 1 - Popoli e culture del mondo Settembre Ottobre Scienze; Storia; Tecnologia; Italiano - La globalizzazione - Lo sviluppo sostenibile Novembre 2 - Gli ambienti naturali Dicembre Scienze; Storia; Tecnologia; 3 - Le Americhe Gennaio Scienze; Storia; Tecnologia; Arte; Musica; Italiano; Inglese; Francese. 4 - L Africa Febbraio Marzo Scienze; Storia; Tecnologia; Arte; Musica; Italiano; Inglese; Francese. 5 - L Asia - L Oceania Aprile Maggio - Giugno Scienze; Storia; Tecnologia; Arte; Musica; Italiano; Inglese; Francese. Matematica: Geometria 1 Poligoni regolari Settembre 2 Circonferenza e cerchio, area del settore circolare Ottobre Tecnologia 3 La geometria dei solidi Novembre Tecnologia 4 Superficie e volume dei poliedri: prismi e piramidi Dicembre febbraio Tecnologia 5 Solidi di rotazione Marzo-giugno Tecnologia Scienze Apparato nervoso Settembre Sistema endocrino. Patologie connesse al sistema Ottobrenovembre Italiano Scienze motoria geografia nervoso-endocrino. Le dipendenze Il lavoro e l energia; Dicembregennaio Tecnologia - geografia I fenomeni elettrici e magnetici, fonti energetiche L Universo: i corpi celesti febbraio geografia La storia della Terra e sue caratteristiche generali; Marzo-aprile geografia La geologia Genetica, leggi dell ereditarietà e biotecnologie Maggio giugno Lettere storia Matematica: Algebra 1 Ripresa dei concetti di percentuale e settembre Interpretazione dei grafici nelle varie discipline rappresentazione grafica 2 Insiemi Z, Q, R e operazioni con i numeri ottobre- novembre relativi 3 Calcolo letterale dicembre- gennaio. geometria 4 Equazioni febbraio. Problemi di logica nella vita quotidiana 5 Piano cartesiano Marzo 6 Elementi di geometria analitica Aprile geometria 7 Elementi di statistica maggio 8 Elementi di calcolo delle probabilità Maggio-giugno

4 Lingua inglese Funzioni-civiltà Strutture e lessico Tempi Collegamenti con altre discipline 1 Ripasso units 1-8 del testo 2 Chiedere informazioni ad un ufficio turistico Fare una telefonata Parlare di records Fare confronti Fare il check-in all aeroporto Chiedere informazioni alla stazione, acquistare un biglietto del treno Parlare della personalità Fare ipotesi e previsioni Parlare dell oroscopo Parlare del tempo atmosferico Aspetti del turismo e della geografia in Florida Le Hawaii, il cinquantesimo stato; The natural wonders of the USA. Il comparativo degli aggettivi Gli aggettivi monosillabi e bisillabi Gli aggettivi plurisillabi Gli aggettivi irregolari as as less Il superlativo degli aggettivi Gli aggettivi monosillabi e bisillabi Gli aggettivi plurisillabi Gli aggettivi irregolari L'uso del comparativo e del superlativo The least Which one?/which ones? Going to in tutte le forme Will future May-might Periodo ipotetico di primo tipo settembre ottobre novembre - A history of pop music - The USA. A music city tour -Hollywood legends -Education in USA - USA festivals -Travel in USA (factfiles on traveling) London Purley: preparazione allo stage di lingua inglese 2 Parlare di attività svolte di recente Fare il check-in in un ostello Fare acquisti in un negozio di regali Un viaggio turistico in Australia La storia dell Australia Sydney 3 Denunciare un furto / un atto criminale Andare dal medico Dare consigli Parlare della salute Sherlock Holmes, un detective famoso I luoghi geografici e loro caratteristiche Sentimenti ed emozioni Aggettivi che descrivono le personalità The weather Present perfect (tutte le forme) Past participles Ever+never Been/gone Present perfect/ Past simple Present perfect + just, yet, already, for/since I pronomi relativi: who, which e that Esperienze emozionanti I generi letterari Past continuous (tutte le forme) While Past continuous e Past simple + when/while Should (tutte le forme) Il periodo ipotetico di secondo tipo If I were you... dicembre gennaio febbraio marzo -Life-changing decisions -Environment Extreme weather conditions The hurricane Katrina Twisters -Adventurous tours -Factfiles on an author -Young people and crime Stop bullying before it stops you 4 Chiedere informazioni su un attrazione turistica Le question tags Parlare di invenzioni Lo scienziato che inventò Internet Giovani giornalisti Un gigante dei mezzi di comunicazione London Eye Vocaboli relativi alla criminalità Le malattie Il passivo: Present simple (tutte le forme) Il passivo: Past simple (tutte le forme) Discorso diretto e indiretto: cambiamenti, tempi verbali, i pronomi personali, gli aggettivi possessivi, gli avverbi e le espressioni di tempo aprile maggio -it s a High-tec world! -advertisement.(what will they think of next?) I vocaboli relativi alle parti del computer I mezzi di comunicazione

5 Lingua francese Funzioni comunicative lessico 1 Chiedere coniglio a qualcuno. Accettare/ rifiutare. Civiltà: storia delle ferrovie francesi. L Eurostar et l Eurotunnel 2 Scrivere per prenotare. Lessico: il turismo: attività/attrazioni Civiltà: I grandi alberghi 3 Soggiornare in un hôtel. Andare al ristorante Lessico: al mare, in albergo, al ristorante, il menu. strutture tempi collegamenti con altre discipline o progetti I pronomi personali Settembre/ottob complemento accoppiati. Uso re/novembre di Y e en. Il si ipotetico. Il participio presente. I verbi irregolari ouvrir, offrir, cueillir. Posizione dei pronomi personali complemento. L accordo del participio passato. La forma passiva. Il congiuntivo presente verbi ausiliari e regolari. L accordo del participio passato. Le forme in ant. Il congiuntivo presente verbi anomali e irregolari. I verbi irregolari: croire, savoir, voir. Dicembre/genna io Febbraio/marzo 4 Raccontare e commentare. Lessico: i media. Gli audiovisivi, la televisione, gli spettacoli. Il teatro, la stampa, l informatica. Civiltà: Gli incendi. Le mutazioni climatiche. La disabilità, gli incidenti La concordanza dei tempi. L accordo del participio passato. I verbi pronominali riflessivi. I verbi irregolari: sentir, sortir, tenir. Aprile/maggio Tecnologia 1 Il disegno Geometrico: le proiezioni I Quadrimestre Geometria ortogonali. 2 Energia Tutto l anno Geografia; Storia; Scienze. 3 I Contenitori II Quadrimestre Geometria Arte e immagine Contenuti tempi Collegamenti con altre discipline o progetti 1 Il 700 e il Neoclassicismo SETTEMBRE Storia, italiano,musica,tecnologia. 2 L 800 e il Romanticismo Le Città e l Architettura dell Il Realismo, I Macchiaioli 4 L impressionismo, Il Postimpressionismo Simbolismo Art nouveau OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO Storia, italiano,musica,tecnologia. Storia, italiano,musica,tecnologia. Storia, italiano,musica,tecnologia. 5 Le avanguardie artistiche FEBBRAIO MARZO Storia, italiano,musica,tecnologia. 6 La Metafisica e il Ritorno all ordine APRILE Storia, italiano,musica,tecnologia. 7 Gli anni 50 MAGGIO Storia, italiano,musica,tecnologia. 8 Dagli anni 60 ad oggi. GIUGNO Storia, italiano,musica,tecnologia. Musica 1 Ascolti guidati sulla musica extraeuropea Settembre - Maggio Geografia, Cittadinanza 2 Ascolti guidati relativi ai progetti pluridisciplinari. Settembre - Maggio Italiano, Storia, Geografia, Arte e Immagine, Cittadinanza. 3 Ascolti guidati per la conoscenza di autori, compositori, musicisti e interpreti Settembre - Maggio Italiano, Storia, Geografia, Arte e Immagine, Cittadinanza della musica occidentale. 4 Brani ritmici e poliritmici Body Percussion Settembre - Maggio

6 5 Brani al flauto e vocali tratti da diverse provenienze, culture e repertori. 6 Improvvisazione elementare e sonorizzazioni. Settembre - Maggio Febbraio- Maggio Italiano, Storia, Geografia. Italiano, Arte e Immagine. Scienze motorie 1 Consol. e coord. degli schemi motori: Tutto l anno. avviamento allo sport di squadra e individuale. 2 Incremento delle funzioni organiche: Tutto l anno. resistenza, velocità, forza. 3 Benessere psicofisico e sociale della persona. 1 o Quadrimestre Ed. alla salute: doping. Ed. alla salute: energia muscolare. 2 o Quadrimestre. Ed. stradale: il motociclista. Religione cattolica 1 Le religioni del mondo: induismo, Settembre Ottobre Geografia buddhismo e islam 2 Confronto e dialogo tra la religione Ottobre Educazione alla cittadinanza cristiana e le altre religioni 3 Adolescenza e affettività Novembre - dicembre 4 Le scelte da fare e le domande di senso. Gennaio Febbraio 5 Il senso della vita dell uomo: l amore, la libertà e il mondo che verrà. Marzo - Aprile 6 Gesù come modello di vita cristiana: le beatitudini e il comandamento dell amore Aprile - Maggio - Giugno CONVIVENZA CIVILE NUCLEI TEMATICI CONOSCENZE EDUCAZIONE AMBIENTALE ABILITA TUTELA DELLA FLORA E DELLA FAUNA BIODIVERSITÀ GESTIONE E TUTELA DELLE ACQUE CAMBIAMENTI CLIMATICI - Comprendere che lo sfruttamento di alcune specie animali per la ricerca scientifica (vivisezione e biotecnologie) è un problema etico di cui l uomo deve farsi carico - Conoscere e comprendere il concetto di biodiversità e l importanza che essa riveste per l equilibrio di un ecosistema. - Comprendere come la qualità dell acqua è in gran parte il riflesso di come viene utilizzato il territorio e di come ognuno è responsabile per la salute del bacino idrografico in cui vive e di tutti i corsi d acqua che si trovano al suo interno Conoscere le organizzazioni che si occupano di elaborare strategie per la riduzione delle emissioni di gas e per l assistenza ai paesi in via di sviluppo(protocollo di Kyoto, ecc.) Comprendere il legame tra scelte energetiche, mutamenti climatici e responsabilità sociale Comprendere che i cambiamenti climatici producono l aumento e la frequenza di eventi meteorologici estremi (tifoni, inondazioni, siccità, ) - Essere consapevoli che gli animali hanno diritto al rispetto e alla dignità; - Promuovere atteggiamenti di cura e protezione verso tutti gli esseri viventi; - Promuovere il rispetto e la tutela della flora e della fauna quale bene comune - Essere in grado di saper fare un bilancio dei vantaggi/svantaggi che la modifica di un certo ambiente ha recato all uomo che lo abita; - Acquisire la consapevolezza che ognuno ha il diritto-dovere di denunciare le offese ambientali e di contribuire in prima persona alla salvezza della Terra. - Essere consapevoli che i problemi ambientali, come la penuria d acqua o il suo cattivo sfruttamento da parte di pochi Paesi, possono scatenare, nei prossimi decenni, guerre, immigrazioni e disastri di vario genere - Riflettere sul fatto che gli effetti dei cambiamenti climatici possono essere la causa dell acutizzarsi delle diseguaglianze fra nord e sud del mondo, di migrazioni e di conflitti - Riflettere sul fatto che gli effetti dei cambiamenti climatici possono essere la causa dell acutizzarsi delle diseguaglianze fra nord e sud del mondo, di migrazioni e di conflitti - Ipotizzare modelli di autonomia energetica per creare realtà ecosostenibili

7 GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI SVILUPPO URBANO E INQUINAMENTO ENERGIA LOTTA ALLA ECOMAFIE - Comprendere la differenza tra le diverse tipologie e pratiche di gestione dei rifiuti - Comprendere che l ambiente è la risultante delle relazioni che si verificano tra elementi fisici, naturali e culturali - Conosce la differenza tra fonti di energia primarie e secondarie; tra fonti rinnovabili e non rinnovabili - Conosce le diverse tecnologie di sfruttamento dell energia (fotovoltaico, solare termico, ) - Comprende l importanza del risparmio energetico e del ricorso alle energie rinnovabili come energie pulite - Conoscere i fenomeni d'illegalità ambientale in Italia e i mercati globali dell'eco criminalità - Praticare forme di riutilizzo e riciclaggio dei materiali. - Usare in modo corretto le risorse, evitando sprechi nell utilizzo di imballaggi e forme di inquinamento - Riuscire ad esaminare le diverse circostanze che aiutano o impediscono la rigenerazione delle risorse naturali - Rispettare le bellezze naturali ed artistiche; - Progettare interventi di conservazione per un uso consapevole dell ambiente; - Leggere nel paesaggio il rapporto di interdipendenza esistenziale fra uomo ed ambiente nelle diverse situazioni naturali, sociali e produttive; - Definire le potenzialità dannose o vantaggiose dell intervento dell uomo. - Assumere un atteggiamento sensibile volto ad un uso razionale delle risorse naturali ed energetiche - Usare in modo corretto le risorse, evitando sprechi di energia, forme di inquinamento - Saper analizzare i comportamenti energetici di ogni settore di attività, per capire dove avvengono i maggiori consumi di energia e quindi dove è necessario intervenire per avere maggiori risparmi energetici e conseguente riduzione degli impatti ambientali - Saper ricercare e analizzare le informazioni che riguardano il traffico e lo smaltimento illecito dei rifiuti, l'abusivismo edilizio, le attività illecite di escavazione, i combattimenti clandestini tra cani, il saccheggio dei beni archeologici, il commercio illegale di specie protette e di legname pregiato; - Identificare comportamenti corretti da adottare - Assumere atteggiamenti critici e avere il coraggio di denunciare eventuali fenomeni d illegalità scoperti EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ NUCLEI TEMATICI DIGNITÀ UMANA IDENTITÀ E APPARTENENZA ALTERITÀ E RELAZIONE PARTECIPAZIONE CONOSCENZE Conosce - il Patto Educativo di Istituto - gli Organismi internazionali - I diritti e i doveri dei lavoratori (lo Statuto dei lavoratori) - I diritti e i doveri del cittadino (la Costituzione italiana) - Forme di stato - Ordinamenti della Repubblica - Costituzione europea - Le autonomie territoriali - - Conoscere il Patto Educativo di Istituto Conoscere codici che hanno regolamentato la vita di gruppi umani nel passato - L interazione tra uomo e ambiente - Comprende le ragioni e gli scopi delle Convenzioni e dei diritti - Conoscere le dinamiche relative al rapporto fra sviluppo e povertà e il divario fra paesi in via di sviluppo e sviluppati, in rapporto al non rispetto dei diritti. - Conoscere i diversi progetti promossi da scuola e territorio - Conoscere il Patto Educativo di Istituto. - Conoscere le forme di organizzazione democratica del proprio territorio: Consiglio Comunale, Comitato genitori,associazioni e istituzioni varie legate al territorio. - Conoscere i concetti di diritto /dovere, libertà ABILITA - Riconoscersi come persona, cittadino e lavoratore alla luce della: Dichiarazione universale dei diritti dell uomo, della normativa europea, del dettato costituzionale e delle leggi nazionali - Orientarsi nel mondo scolastico e del lavoro - Riconoscere come il mancato o il pieno rispetto dei principi e delle regole della sicurezza stradale sia segno di rispetto della dignità della persona propria e altrui - Confrontare l organizzazione ordinamentale e di governo che contraddistinguono il nostro paese, gli stati Ue e i paesi non comunitari. - Partecipa consapevolmente al processo di accoglienza e di integrazione tra studenti diversi all interno della scuola. - Gestisce le dinamiche relazionali proprie della preadolescenza nelle dimensioni dell affettività, della comunicazione interpersonale. - Riconoscere i principali elementi di segnaletica stradale - Rispetta le regole fondamentali per la migliore circolazione di pedoni e ciclisti. - Partecipare alle iniziative promosse per una maggiore collaborazione tra scuola ed enti locali e territoriali. - collaborare all elaborazione e alla realizzazione dei diversi progetti (salute, ambiente, sicurezza, ecc.) promossi dalla scuola e dal territorio.

8 LIBERTÀ E LEGALITÀ personale, responsabilità, pace, sviluppo umano, cooperazione. - Conoscere il concetto di legalità - Dalla società verticale a quella orizzontale (diritti per tutti) - Dall Illuminismo alle varie dichiarazione dei diritti sviluppo e povertà - il divario fra paesi in via di sviluppo e paesi sviluppati, in rapporto al non rispetto dei diritti - la mafia e la cultura dell'illegalità - il terrorismo - la lotta alla mafia: vittorie e sconfitte - Conoscere il Patto Educativo di Istituto - Acquisire i concetti di diritto/dovere, libertà personale, responsabilità, pace, sviluppo umano, cooperazione. - Acquisire il concetto di legalità e di storicità delle leggi - Rispettare le regole per favorire l'affermarsi della legalità EDUCAZIONE ALLA SALUTE NUCLEI TEMATICI CONOSCENZE ABILITA IL CORPO ALIMENTAZIONE IGIENE E PREVENZIONE SPORT E ATTIVITÀ FISICA SALUTE PUBBLICA E DONAZIONE AFFETTIVITA E SESSUALITA - Approfondire la conoscenza del corpo umano, in relazione alla salute propria e degli altri (organi, apparati e le principali funzioni) - Conoscere il sè, le proprie capacità, i propri interessi, i cambiamenti personali nel tempo Comprendere come le abitudini alimentari siano l espressione di diversi fattori, legati al territorio, all organizzazione sociale, alla cultura e alla religione. Conoscere le conseguenze fisiche e psichiche della denutrizione, malnutrizione o ipernutrizione; Conoscere le problematiche dell anoressia e della bulimia; - Conoscere comportamenti salutari al fine di promuovere il concetto dello star bene. - Comprendere la necessità di preservare la vista nell utilizzo di videoterminali. - Conoscere gli effetti dannosi dell abuso di alcol, fumo e droghe sull individuo e sulla società. - Conoscere cause e sintomi delle più diffuse malattie infettive - - Conoscere il Sistema Sanitario Nazionale. - Conoscere l importanza dell attività fisica nell adolescenza - Imparare a distinguere tra loro i concetti di salute e di benessere - Essere consapevoli dell importanza di assumere una corretta postura. - Conoscere gli effetti dannosi del doping nello sport. - Conoscere i valori della solidarietà, della partecipazione responsabile e della cooperazione - Essere consapevoli che la donazione di sangue, organi o midollo osseo è un valore al quale fare riferimento nella propria crescita: conoscere strutture associative come AVIS, AIDO o ADMO. - Conoscere il concetto di identità personale, sociale e sessuale - Conoscere le differenze tra i due sessi dal punto di vista fisico e socioculturale - Conoscere le varie espressioni dell affettività - Conoscere il rapporto affettività - sessualità moralità. - Conoscere i gruppi formali, informali e le nuove forme di relazione multimediali. - Conoscere le degenerazioni della vita di gruppo. - Conoscere l anatomia dell apparato riproduttivo, la fecondazione, la nascita. - Applicare metodi per il buon funzionamento degli apparati al fine di conservare la salute - Sperimentare i vantaggi di uno stile di vita salutare - Comprendere l importanza della ricerca scientifica per il progresso nella salvaguardia della salute. Imparare ad apprezzare i gusti di una realtà di tipo multiculturale. Sapere riconoscere le condotte alimentari devianti. Essere consapevoli del problema alimentare nel mondo. - Attivare comportamenti di prevenzione adeguati ai fini della salute nel suo complesso, nelle diverse situazioni di vita - Utilizzare in modo equilibrato strumenti multimediali e giochi di tipo elettronico. - Essere consapevoli della tossicità delle sostanze stupefacenti e del pericolo di incorrere nella dipendenza da tali sostanze. - Saper applicare metodi per migliorare la salute - Applicare le regole alla base degli sport individuali e di gruppo. - Essere consapevoli dell effetto dannoso della vita sedentaria - Adottare una corretta postura. - Saper utilizzare le conoscenze apprese per svolgere l attività fisica più adatta al proprio organismo. - Applicare i valori della solidarietà, della partecipazione responsabile e della cooperazione nella quotidianità e in seguito ad interventi da parte di associazioni che operano nel sociale. Comprendere la relazione tra le modificazioni fisiche, quelle psicologiche e i comportamenti sociali; Analizzare la differenziazione sessuale dal punto di vista sociale e culturale, andando oltre gli stereotipi proposti dai mass-media. Saper descrivere l anatomia dell apparato riproduttivo, la fecondazione, la nascita. Maturare le relazioni interpersonali rispettose e consapevoli anche sfruttando gli strumenti multimediali (social network, chat., ).

9 INQUINAMENTO E SALUTE SICUREZZA - Approfondire la conoscenza dei principali effetti dell inquinamento dell aria, dell acqua e del suolo sulla salute. Conoscere le norme di sicurezza nell edificio scolastico Conoscere gli interventi di primo soccorso. - Adottare comportamenti volti al rispetto dell ambiente e alla salvaguardia della salute. - Saper adottare adeguate norme di sicurezza in casa e a scuola - Saper applicare le regole di un piano di evacuazione. - Essere consapevoli dell esistenza di figure di riferimento in caso di emergenza. NUCLEI TEMATICI CODICE DELLA STRADA CONOSCENZE EDUCAZIONE STRADALE - Comprendere il valore delle norme riguardanti la circolazione stradale - Acquisire le conoscenze necessarie per un corretto comportamento sulla strada dei motociclisti ABILITA - Sapersi comportare in maniera conforme al Codice della strada alla guida di un motocicli INCIDENTI E PRIMO SOCCORSO Conoscere i numeri telefonici di soccorso in caso di necessità Saper telefonare al soccorso medico fornendo le indicazioni indispensabili TRAFFICO E INQUINAMENTO: EFFETTI SULLA SALUTE - Comprendere le cause e gli effetti dell inquinamento legati al traffico veicolare - Acquisire i comportamenti corretti per combattere l inquinamento e per proteggersi da esso - Saper utilizzare mezzi di spostamento alternativi a quelli a motore Per le unità interdisciplinari vedi allegato. Programmazione Orientamento Obiettivi Metodi e strumenti Discipline Tempi Attività Identificare i propri interessi e capacità - Test/questionari su conoscenza di sé. - Autoanalisi per identificare le proprie capacità e attitudini. Lettere, matematica Questionari. Produzione di elaborati. Interventi di esperti. Sviluppare capacità decisionali Riflettere sui propri risultati scolastici - Schematizzazione del percorso decisionale - Identificazione delle informazioni possedute e di quelle mancanti. - Individuazione strategie adeguate per risolvere un problema. - Riflessioni. - Tabulazione e discussione dati della classe. Tutte Tutte Primo quadrimestre Consultazione giornali e pubblicazioni varie. Questionari. Acquisire informazioni attinenti: indirizzi di studio, problematiche del mondo del lavoro. - Raccolta e tabulazione dei dati - Riflessioni. Lettere, tecnologia - Letture su professioni e mondo del lavoro. - Informazioni sulle scuole del territorio e sugli open-day. - Informazioni sulle possibilità lavorative legate anche ai bisogni della società e del territorio in cui si vive. - Interventi esperti delle scuole superiori

10 USCITE DIDATTICHE Meta Obiettivi Docenti accompagnatori Periodo e durata Costi Bergamo Scienza Favorire l attitudine alla ricerca scientifica Scramuzza Catania Giacobino 11 Ottobre ,15 13,00 4 euro Miniere Val di Scalve - L industria in Lombardia; - l archeologia industriale; - Le fonti di energia. Rovetta 28 Ottobre ,45 13,00 16 euro circa Milano, Palazzo Reale, mostra d arte Conoscere i maestri della cultura pittorica del Novecento Scramuzza- Beretta 14 Febbraio euro circa Barcellona - Aspetti della civiltà europea; - aspetti storici, geografici, scientifici, artistici della zona individuata; Catania Aprile-Maggio giorni 300 euro circa Stage a Londra Approfondimento della lingua e della civiltà inglese Marinoni Ottobre euro ATTIVITA OPZIONALI EXTRACURRICULARI ECDL Corso per certficazione informatica Modulo 2) Gestione Dei Documenti (Files Management) Modulo 3) Elaborazione testi (Word processing) CLASSI Seconde e terze DURATA 10 ore per modulo KET Con madrelingua Preparazione alle certificazioni KET (INGLESE) Terze 10 ore DELF Preparazione alle certificazioni DELF (FRANCESE) Terze 10 ore Corso LINGUA SPAGNOLA Conoscenze di base della lingua e della civiltà spagnola Seconde e terze 20 ore TEATRO FRANCESE laboratorio di recitazione in lingua francese proposto da France Théatre Prime seconde e terze Tutti i pomeriggi di una settimana Laboratorio linguistico per alunni stranieri Corso di alfabetizzazione per alunni stranieri con la mediazione di operatori linguistici madrelingua Tutte le classi Da definire

11 INTERVENTI: - AVIS-AIDO - ALPINI - ED.SALUTE: INTERVENTO DI UNA BIOLOGA SUL TEMA DELLE DIPENDENZE - ED. AMBIENTALE:PROGETTO del F.A.I. - ELEZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - NON SOLO COMPITI I tempi degli interventi saranno definiti in corso d anno. VALUTAZIONE Le verifiche saranno attuate e misurate come dalle programmazioni disciplinari. Le valutazioni sintetiche disciplinari e le valutazioni globali sul processo di maturazione degli alunni saranno espresse secondo i criteri esposti nel Piano dell Offerta Formativa. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE Si prevedono: 2 riunioni del Consiglio di Classe con la presenza dei rappresentanti genitori 2 ricevimenti annuali collettivi 1 ricevimento settimanale individuale su appuntamento 2 Colloqui quadrimestrali degli insegnanti di lettere, matematica e sostegno con i genitori degli alunni D.A., D.S.A E CON B.E.S. 2 incontri annuali per la consegna delle schede di valutazione quadrimestrale eventuali colloqui straordinari per situazioni particolari ALLEGATI programmazioni disciplinari programmazioni di progetti, attività integrative e laboratori, unità di apprendimento UNITA INTERDISCIPLINARI PER GLI ESAMI ADOLESCENZA Obiettivi Riflettere sul periodo di crescita e di cambiamenti che gli studenti stanno vivendo. Comprendere il proprio vissuto affettivo e saper trovare le parole per comunicarlo. aumento dell autostima e dell accettazione di sé e degli altri capacità di conoscere e accettare i propri limiti e quelli altrui Conoscere il proprio corpo e il valore della sessualità umana, andando oltre gli stereotipi proposti dai mass media. Maturare relazioni interpersonali rispettose e consapevoli. Discipline interessate Italiano Geografia Inglese Scienze Musica Arte e immagine Temi trattati Storie di adolescenti per educare alla conoscenza e all accettazione di sé; al rapporto affettività-sessualità-moralità. Il rischio delle dipendenze. L adolescenza nelle varie culture del mondo Diritti del fanciullo Lo sfruttamento giovanile e adolescenza negata. Young people and crime Stop bullying before it stops you - A history of pop music - The USA. A music city tour -Life-changing decisions Le dipendenze: cause-effetti e problematiche giovanili odierne Conoscere i cambiamenti personali nel tempo; Conoscere le problematiche legate a stili di vita diversi. Musica giovane: cantautori e gruppi musicali Arte e adolescenza da Morbelli a Renoir, da Munch ai graffitari Tempi I quadrimestre I quadrimestre I quadrimestre I quadrimestre II quadrimestre Tutto l anno Prodotti didattici attesi Relazioni Cartelloni Presentazioni

12 L OTTOCENTO: ROMANTICISMO E RISORGIMENTO Obiettivi Conoscere: - le tappe dell Unità d Italia e il dibattito politico; - il melodramma italiano; - il Risorgimento nell arte e nella letteratura; - la Questione romana e il ruolo dei cattolici; - i problemi dell Italia unita; - lo Statuto albertino e la Costituzione repubblicana Discipline interessate Italiano Storia e convivenza civile Arte Musica Temi trattati - La lingua nazionale; - Il Romanticismo - la letteratura risorgimentale - Inno di Mameli - Concetto di Stato e Nazione - Gli eventi e i protagonisti; - Bergamo Città dei Mille - Democratici e liberali; - Assolutismo e costituzione; - I problemi dell Italia Unita e la questione meridionale. - - La pittura romantica e risorgimentale.. da Hayez a Fattori - Giuseppe Verdi e il Melodramma italiano -L inno nazionale Tempi Settembre - Dicembre Settembre- ottobre Settembre - ottobre I quadrimestre I quadrimestre Prodotti didattici attesi Ipertesto Obiettivi Discipline interessate Italiano Temi trattati La questione sociale nella letteratura ottocentesca. Realismo e verismo. Tempi Prodotti didattici attesi LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE - Conoscere lo sviluppo dell industria in Lombardia; - individuare gli elementi fondamentali dell archeologia industriale; - conoscere il socialismo utopistico e l utopia industriale dell ottocento - Il concetto di patrimonio dell Unesco Storia Ed. artistica Inglese Tecnologia Cittadinanza e costituzione Motoria lo sviluppo industriale in Italia La seconda rivoluzione industriale Scoperte e invenzioni Cambiamenti economici, sociali e politici La questione operaia. La società di massa. Architettura industriale; Le città dell 800 Il concetto di patrimonio dell Unesco London stage::seighseen in London (Southwark) Miniere Val di Scalve Macchine e strumenti dell industria L emancipazione femminile Verso il suffragio universale I diritti dei lavoratori La questione sociale Energia muscolare Ottobre Novembre - Relazione - Presentazione Uscita di istruzione: Miniere Val di Scalve

13 IL PROBLEMA ENERGIA Obiettivi Conosce la differenza tra fonti di energia primarie e secondarie; tra fonti rinnovabili e non rinnovabili Conosce le diverse tecnologie di sfruttamento dell energia (fotovoltaico, solare termico, ) Comprende l importanza del risparmio energetico e del ricorso alle energie rinnovabili come energie pulite Discipline interessate Temi trattati Italiano Il problema energetico. Storia La società di massa. Il problema energetico nei paesi del nord e del sud del mondo Produzione e consumo di energia nel Geografia sud e nel nord del mondo. Disastri ambientali Il nucleare per usi civili e militari (bomba atomica, uranio impoverito) Inglese Environment Le fonti di energia rinnovabili ed esauribili I combustibili fossili: carboni e petrolio Ricerca, estrazione, trasporto, raffinazione. Tecnologia Uranio e problemi relativi Energia solare, eolica, delle maree Le centrali elettriche, macchine e problemi Centrale idroelettrica, nucleare Cittadinanza e Educazione ambientale costituzione Motoria Energia muscolare - Energia e lavoro Scienze - Le fonti rinnovabili e non rinnobaili - La pila di Volta Tempi Secondo quadrimestre Prodotti didattici attesi - Relazione - presentazio ne GUERRA E PACE Obiettivi -Comprendere ed usare in modo appropriato termini/concetti di storia e di altre scienze umane -Distinguere e mettere in relazione fra loro fatti politici, economici, sociali, culturali -Fare ipotesi motivate su fatti e fenomeni utilizzando immagini, cartine, tabelle -Inquadrare fatti di storia locale in una cornice storica generale -Riflettere sulla dimensione metafisica dell esperienza umana -Riflettere sugli orrori della guerra della violenza della sopraffazione -Interiorizzare l importanza della diffusione della cultura della pace -Interiorizzare i principi della non violenza Discipline interessate Italiano Storia Geografia Musica Scienze Arte e Immagine Inglese Temi trattati - Brani, testi e versi relativi all argomento. - Statuto delle nazioni unite - Dichiarazione dei diritti - La lotta per la libertà:guerra d indipendenza in Europa e nel mondo. - La Grande Guerra - I totalitarismi - La Seconda Guerra Mondiale - La guerra fredda - I grandi protagonisti della NON VIOLENZA:Ghandi, King, Mandela - Popoli e culture del mondo - Stati e conflitti - Organizzazioni internazionali I blues e i gospel di M.L.King Canti di guerra e di pace Brundibar: operetta a Terezin Canti e musiche dai popoli del mondo L inno europeo e la figura di Beethoven Energia nucleare - Artisti che parlano di guerra tendendo alla pace.. - Da Delacroix e Goya a Guttuso e Picasso - L arte fascista. - London stage: Imperial War Museum: Winston Churcill s War Cabinet Rooms Tempi I e II quad. I e II quad. I quadrimestre I e II quadr. II quadrimestre I quadrimestre I quadrimestre Nel corso dell anno Prodotti didattici attesi - Relazione - Ipertesto - Cartelloni

14 Obiettivi Discipline interessate Temi trattati Tempi Prodotti didattici attesi SVILUPPO SOSTENIBILE conoscere le relazioni che legano, e in quale modo, l Uomo all ambiente che lo circonda conoscere le piante autoctone per comprendere quali siano i rischi che coinvolgono gli ecosistemi naturali e i loro delicati equilibri imparare a riconoscere piante e fiori comprendere i rapporti tra Uomo e Natura conoscere tematiche come il ruolo di studenti e famiglie nella fruizione degli ambienti naturali conoscere le cause della perdita di biodiversità Lettere Inglese Scienze Matematica Geografia Musica Arte e Immagine - Diritti e doveri del cittadino - L interazione tra uomo e ambiente - Le regole della convivenza - Modalità di partecipazione ai diversi progetti promossi da scuola e territorio - Environment - Extreme weather conditions: the hurricane Katrina - twisters Evoluzione ed ecologia del pianeta Terra Aspetti fondamentali dell inquinamento sull ambiente Statistica Ambienti naturali Lo sviluppo sostenibile: - l impronta ecologica - l impoverimento delle risorse - crescita economica e sostenibilità - Il protocollo di Kioto Cantautori e musica per uno sviluppo sostenibile e per la valorizzazione della diversità La land art, un museo all aperto. I quadrimestre I e II quadr. II Quadrimestre DVD Mostra finale Obiettivi Discipline interessate Temi trattati Tempi Prodotti didattici attesi LEGALITA Riconoscersi come persona, cittadino e lavoratore alla luce della: Dichiarazione universale dei diritti dell uomo, della normativa europea, del dettato costituzionale e delle leggi nazionali. -Confrontare l organizzazione ordinamentale e di governo che contraddistinguono il nostro paese, gli stati Ue e i paesi non comunitari. -Acquisire i concetti di diritto/dovere, libertà personale, responsabilità, pace, sviluppo umano, cooperazione. -Acquisire il concetto di legalità e di storicità delle leggi. -Rispettare le regole per favorire l affermarsi della legalità. -Riconoscere come il mancato o il pieno rispetto dei principi e delle regole della sicurezza stradale sia segno di rispetto della dignità della persona propria e altrui. -Partecipare consapevolmente al processo di accoglienza e di integrazione tra studenti diversi all interno della scuola. -Gestire le dinamiche relazionali proprie della preadolescenza nelle dimensioni dell affettività, della comunicazione interpersonale. Storia Geografia Scienze Italiano Gli Organismi internazionali I diritti e i doveri dei lavoratori (lo Statuto dei lavoratori) La questione sociale Giolitti e le riforme in campo sociale I diritti e i doveri del cittadino (la Costituzione italiana) Forme di stato Ordinamenti della Repubblica: ITALIA - USA FRANCIA REGNO UNITO I sistemi elettorali (USA ITALIA) Costituzione europea Conoscere i concetti di diritto /dovere, libertà personale, responsabilità, pace, sviluppo umano, cooperazione Conoscere il concetto di legalità La mafia e la cultura dell illegalità Il terrorismo La lotta alla mafia: vittorie e sconfitte Conoscere il divario fra paesi in via di sviluppo e sviluppati anche in rapporto al non rispetto dei diritti. Diritti negati nel mondo Le Convenzioni dei diritti Genetica e superamento del concetto di razza Concetto di legalità Rispetto delle norme democratiche Mafia, corruzione, evasione fiscale II quadrimestre II quadrimestre II quadrimestre

15 Istituzioni contro la mafia Simboli della lotta alla mafia Borsellino, Falcone, Dalla Chiesa Inglese Presentazioni in lingua inglese relative a sè, in particolare alla scuola, ai problemi degli adolescenti: riferimenti alle letture Stop bullying before it stops you e Young people and crime Ed. fisica Comportamenti corretti nello sport I e II quadr. Arte Neshat II Quadrimestre PONTE SAN PIETRO IL 5/10/2013 IL CONSIGLIO DELLA CLASSE III C

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli