ISTITUTO COMPRENSIVO PONTE S. PIETRO Scuola Media D. Alighieri. PROGRAMMAZIONE del CONSIGLIO della CLASSE III C anno scolastico 2013/14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO PONTE S. PIETRO Scuola Media D. Alighieri. PROGRAMMAZIONE del CONSIGLIO della CLASSE III C anno scolastico 2013/14"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO PONTE S. PIETRO Scuola Media D. Alighieri PROGRAMMAZIONE del CONSIGLIO della CLASSE III C anno scolastico 2013/14 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Dirigente Scolastico Prof. Villa Roberta Docente coordinatore Scramuzza Francesca ITALIANO Docenti Scramuzza Francesca STORIA E GEOGRAFIA Giacobino Giuseppe Marinoni Chiara Caccianiga Tiziana Viscone Vito Roberto Rovetta Sergio Beretta Silvana Nugnes Maria Rosaria Donadoni Claudio Catania Vincenzo MATEMATICA E SCIENZE LINGUA INGLESE LINGUA FRANCESE TECNOLOGIA EDUCAZIONE MUSICALE ARTE E IMMAGINE SCIENZE MOTORIE RELIGIONE CATTOLICA SOSTEGNO Componente genitori Bolis Giordano Corna Simonetta Somenzi Graziella Trivella Pierangela COMPORTAMENTO Attraverso un analisi dei comportamenti della classe, osservata attentamente dagli insegnanti sulla base degli Obiettivi formativi d istituto durante le prime settimane di lavoro emerge quanto segue: SOCIALIZZAZIONE Il gruppo classe mostra un livello di socializzazione adeguato ed evidenzia un buon grado di collaborazione tra compagni e con i docenti. COMPORTAMENTO Attraverso un analisi dei comportamenti della classe, osservata attentamente dagli insegnanti sulla base degli Obiettivi formativi d istituto durante le prime settimane di lavoro emerge quanto segue: 1. Area del saper essere Un buon numero di alunni del gruppo sa gestire il proprio vissuto scolastico, dando un senso alla propria esperienza ed è consapevole che la partecipazione e la collaborazione alle attività scolastiche sono uno strumento per l elaborazione di un personale progetto di vita. 2. Area del sapere un discreto numero di alunni sa padroneggiare i contenuti e i metodi delle discipline, anche se non sempre li sa trasformare in competenze personali e occasioni di crescita. 3. Area del saper fare un discreto numero di alunni del gruppo sa scegliere strategie adeguate per la soluzione dei problemi. Vista la situazione di partenza il consiglio di classe., stabilisce di perseguire i seguenti obiettivi formativi: Area del saper essere a) Relazionarsi con se stesso: è consapevole del valore formativo dell esperienza scolastica;

2 b) relazionarsi con l ambiente: sa confrontarsi con gli altri e trarre dal confronto insegnamenti utili riconoscendo, rispettando e valorizzando le diversità; c) collaborare e partecipare per elaborare un progetto vita: è in grado di gestire i diversi aspetti della propria esperienza ( attitudini, aspirazioni, interessi desideri), partecipando in modo costruttivo al lavoro scolastico. Area del sapere a) Osservare e ascoltare : osserva e ascolta in modo attento, selezionando e descrivendo in modo efficace fatti e fenomeni; b) memorizzare contenuti: possiede i contenuti delle discipline in modo completo ed efficace; c) comprendere, analizzare, applicare: padroneggia in maniera approfondita i contenuti e i metodi delle discipline e li sa applicare in contesti specifici e in situazioni reali. Area del saper fare a) utilizzare comportamenti adeguati, organizzare ed eseguire il lavoro in maniera efficace:: sa gestire l organizzazione del proprio lavoro scolastico e sa predisporre materiali, tempi, metodi e scadenze in modo efficace; b) esprimere e comunicare il proprio vissuto : è in grado di esprimere le proprie conoscenze e il proprio personale vissuto, valorizzando il contributo delle varie discipline; c) riorganizzare le conoscenze per risolvere problemi: sa comprendere e rielaborare in modo autonomo testi e contenuti delle varie discipline, ne ricava le opportune informazioni, realizzando produzioni personali. QUADRO DELLE ATTIVITÀ DISCIPLINARI Italiano - Antologia 1 - L adolescenza e le dipendenze Settembre-Ottobre Scienze Motorie; Scienze. 2 - Il villaggio globale Ottobre-Novembre Scienze 3 - Noi cittadini del mondo (sviluppo Dicembre Storia;geografia;scienze. sostenibile) 4 - La storia e la memoria Gennaio Febbraio Storia,Arte; Musica Giornali ed internet Marzo Tecnologia 6 - Noi cittadini del mondo (razzismo-diritti umani) Aprile Maggio Giugno Arte; Musica; Scienze Motorie. 7 - L orientamento Nel corso del I Quadrimestre Tutte le discipline Italiano - Letteratura 1 Letteratura Ottobre Dicembre Arte; Storia; Inglese; Francese; Musica - Il Romanticismo 2 - Il verismo Gennaio Arte; Storia; Inglese; Francese; Musica 3 - Il decadentismo Febbraio Arte; Storia; Inglese; Francese; Musica 4 - La letteratura del Novecento Marzo - Giugno Arte; Storia; Inglese; Francese; Musica; Scienze Italiano - Grammatica 1 Grammatica Tutto l anno Inglese; Francese La sintassi del periodo - Proposizione principale - La coordinazione - La subordinazione - Discorso diretto e indiretto 2 Abilità linguistiche: Tutto l anno Inglese; Francese - Testo narrativo - Testo espositivo - Testo interpretativo-valutativo - Testo argomentativo Storia 1 - Il Risorgimento Settembre Ottobre Italiano; Arte; Musica; Inglese; Francese. 2 - La Seconda Rivoluzione Industriale e la società di massa Ottobre Tecnologia; Scienze; 3 - Imperialismo Ottobre Inglese; Francese. 4 - La Prima Guerra Mondiale Novembre Italiano; Tecnologia; Musica; Scienze; Inglese; Francese. 5 - I Totalitarismi Dicembre Gennaio Italiano; Scienze; Scienze Motorie; Arte

3 6 - La Seconda Guerra Mondiale Febbraio Italiano; Tecnologia; Musica; Scienze; Inglese; Francese. 7 - La Superpotenze Marzo Italiano; Inglese 8 - Italia ed Europa dopo la IIGuerra Mondiale 9 - La decolonizzazione e la crisi dell Islam Marzo Aprile Maggio Maggio Italiano Inglese; Francese 10 - La Globalizzazione Maggio - Giugno Tutte le discipline 11 - Sistema elettorale Italiano e Sistema Novembre Inglese elettorale Americano a confronto Marzo - Aprile Geografia 1 - Popoli e culture del mondo Settembre Ottobre Scienze; Storia; Tecnologia; Italiano - La globalizzazione - Lo sviluppo sostenibile Novembre 2 - Gli ambienti naturali Dicembre Scienze; Storia; Tecnologia; 3 - Le Americhe Gennaio Scienze; Storia; Tecnologia; Arte; Musica; Italiano; Inglese; Francese. 4 - L Africa Febbraio Marzo Scienze; Storia; Tecnologia; Arte; Musica; Italiano; Inglese; Francese. 5 - L Asia - L Oceania Aprile Maggio - Giugno Scienze; Storia; Tecnologia; Arte; Musica; Italiano; Inglese; Francese. Matematica: Geometria 1 Poligoni regolari Settembre 2 Circonferenza e cerchio, area del settore circolare Ottobre Tecnologia 3 La geometria dei solidi Novembre Tecnologia 4 Superficie e volume dei poliedri: prismi e piramidi Dicembre febbraio Tecnologia 5 Solidi di rotazione Marzo-giugno Tecnologia Scienze Apparato nervoso Settembre Sistema endocrino. Patologie connesse al sistema Ottobrenovembre Italiano Scienze motoria geografia nervoso-endocrino. Le dipendenze Il lavoro e l energia; Dicembregennaio Tecnologia - geografia I fenomeni elettrici e magnetici, fonti energetiche L Universo: i corpi celesti febbraio geografia La storia della Terra e sue caratteristiche generali; Marzo-aprile geografia La geologia Genetica, leggi dell ereditarietà e biotecnologie Maggio giugno Lettere storia Matematica: Algebra 1 Ripresa dei concetti di percentuale e settembre Interpretazione dei grafici nelle varie discipline rappresentazione grafica 2 Insiemi Z, Q, R e operazioni con i numeri ottobre- novembre relativi 3 Calcolo letterale dicembre- gennaio. geometria 4 Equazioni febbraio. Problemi di logica nella vita quotidiana 5 Piano cartesiano Marzo 6 Elementi di geometria analitica Aprile geometria 7 Elementi di statistica maggio 8 Elementi di calcolo delle probabilità Maggio-giugno

4 Lingua inglese Funzioni-civiltà Strutture e lessico Tempi Collegamenti con altre discipline 1 Ripasso units 1-8 del testo 2 Chiedere informazioni ad un ufficio turistico Fare una telefonata Parlare di records Fare confronti Fare il check-in all aeroporto Chiedere informazioni alla stazione, acquistare un biglietto del treno Parlare della personalità Fare ipotesi e previsioni Parlare dell oroscopo Parlare del tempo atmosferico Aspetti del turismo e della geografia in Florida Le Hawaii, il cinquantesimo stato; The natural wonders of the USA. Il comparativo degli aggettivi Gli aggettivi monosillabi e bisillabi Gli aggettivi plurisillabi Gli aggettivi irregolari as as less Il superlativo degli aggettivi Gli aggettivi monosillabi e bisillabi Gli aggettivi plurisillabi Gli aggettivi irregolari L'uso del comparativo e del superlativo The least Which one?/which ones? Going to in tutte le forme Will future May-might Periodo ipotetico di primo tipo settembre ottobre novembre - A history of pop music - The USA. A music city tour -Hollywood legends -Education in USA - USA festivals -Travel in USA (factfiles on traveling) London Purley: preparazione allo stage di lingua inglese 2 Parlare di attività svolte di recente Fare il check-in in un ostello Fare acquisti in un negozio di regali Un viaggio turistico in Australia La storia dell Australia Sydney 3 Denunciare un furto / un atto criminale Andare dal medico Dare consigli Parlare della salute Sherlock Holmes, un detective famoso I luoghi geografici e loro caratteristiche Sentimenti ed emozioni Aggettivi che descrivono le personalità The weather Present perfect (tutte le forme) Past participles Ever+never Been/gone Present perfect/ Past simple Present perfect + just, yet, already, for/since I pronomi relativi: who, which e that Esperienze emozionanti I generi letterari Past continuous (tutte le forme) While Past continuous e Past simple + when/while Should (tutte le forme) Il periodo ipotetico di secondo tipo If I were you... dicembre gennaio febbraio marzo -Life-changing decisions -Environment Extreme weather conditions The hurricane Katrina Twisters -Adventurous tours -Factfiles on an author -Young people and crime Stop bullying before it stops you 4 Chiedere informazioni su un attrazione turistica Le question tags Parlare di invenzioni Lo scienziato che inventò Internet Giovani giornalisti Un gigante dei mezzi di comunicazione London Eye Vocaboli relativi alla criminalità Le malattie Il passivo: Present simple (tutte le forme) Il passivo: Past simple (tutte le forme) Discorso diretto e indiretto: cambiamenti, tempi verbali, i pronomi personali, gli aggettivi possessivi, gli avverbi e le espressioni di tempo aprile maggio -it s a High-tec world! -advertisement.(what will they think of next?) I vocaboli relativi alle parti del computer I mezzi di comunicazione

5 Lingua francese Funzioni comunicative lessico 1 Chiedere coniglio a qualcuno. Accettare/ rifiutare. Civiltà: storia delle ferrovie francesi. L Eurostar et l Eurotunnel 2 Scrivere per prenotare. Lessico: il turismo: attività/attrazioni Civiltà: I grandi alberghi 3 Soggiornare in un hôtel. Andare al ristorante Lessico: al mare, in albergo, al ristorante, il menu. strutture tempi collegamenti con altre discipline o progetti I pronomi personali Settembre/ottob complemento accoppiati. Uso re/novembre di Y e en. Il si ipotetico. Il participio presente. I verbi irregolari ouvrir, offrir, cueillir. Posizione dei pronomi personali complemento. L accordo del participio passato. La forma passiva. Il congiuntivo presente verbi ausiliari e regolari. L accordo del participio passato. Le forme in ant. Il congiuntivo presente verbi anomali e irregolari. I verbi irregolari: croire, savoir, voir. Dicembre/genna io Febbraio/marzo 4 Raccontare e commentare. Lessico: i media. Gli audiovisivi, la televisione, gli spettacoli. Il teatro, la stampa, l informatica. Civiltà: Gli incendi. Le mutazioni climatiche. La disabilità, gli incidenti La concordanza dei tempi. L accordo del participio passato. I verbi pronominali riflessivi. I verbi irregolari: sentir, sortir, tenir. Aprile/maggio Tecnologia 1 Il disegno Geometrico: le proiezioni I Quadrimestre Geometria ortogonali. 2 Energia Tutto l anno Geografia; Storia; Scienze. 3 I Contenitori II Quadrimestre Geometria Arte e immagine Contenuti tempi Collegamenti con altre discipline o progetti 1 Il 700 e il Neoclassicismo SETTEMBRE Storia, italiano,musica,tecnologia. 2 L 800 e il Romanticismo Le Città e l Architettura dell Il Realismo, I Macchiaioli 4 L impressionismo, Il Postimpressionismo Simbolismo Art nouveau OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO Storia, italiano,musica,tecnologia. Storia, italiano,musica,tecnologia. Storia, italiano,musica,tecnologia. 5 Le avanguardie artistiche FEBBRAIO MARZO Storia, italiano,musica,tecnologia. 6 La Metafisica e il Ritorno all ordine APRILE Storia, italiano,musica,tecnologia. 7 Gli anni 50 MAGGIO Storia, italiano,musica,tecnologia. 8 Dagli anni 60 ad oggi. GIUGNO Storia, italiano,musica,tecnologia. Musica 1 Ascolti guidati sulla musica extraeuropea Settembre - Maggio Geografia, Cittadinanza 2 Ascolti guidati relativi ai progetti pluridisciplinari. Settembre - Maggio Italiano, Storia, Geografia, Arte e Immagine, Cittadinanza. 3 Ascolti guidati per la conoscenza di autori, compositori, musicisti e interpreti Settembre - Maggio Italiano, Storia, Geografia, Arte e Immagine, Cittadinanza della musica occidentale. 4 Brani ritmici e poliritmici Body Percussion Settembre - Maggio

6 5 Brani al flauto e vocali tratti da diverse provenienze, culture e repertori. 6 Improvvisazione elementare e sonorizzazioni. Settembre - Maggio Febbraio- Maggio Italiano, Storia, Geografia. Italiano, Arte e Immagine. Scienze motorie 1 Consol. e coord. degli schemi motori: Tutto l anno. avviamento allo sport di squadra e individuale. 2 Incremento delle funzioni organiche: Tutto l anno. resistenza, velocità, forza. 3 Benessere psicofisico e sociale della persona. 1 o Quadrimestre Ed. alla salute: doping. Ed. alla salute: energia muscolare. 2 o Quadrimestre. Ed. stradale: il motociclista. Religione cattolica 1 Le religioni del mondo: induismo, Settembre Ottobre Geografia buddhismo e islam 2 Confronto e dialogo tra la religione Ottobre Educazione alla cittadinanza cristiana e le altre religioni 3 Adolescenza e affettività Novembre - dicembre 4 Le scelte da fare e le domande di senso. Gennaio Febbraio 5 Il senso della vita dell uomo: l amore, la libertà e il mondo che verrà. Marzo - Aprile 6 Gesù come modello di vita cristiana: le beatitudini e il comandamento dell amore Aprile - Maggio - Giugno CONVIVENZA CIVILE NUCLEI TEMATICI CONOSCENZE EDUCAZIONE AMBIENTALE ABILITA TUTELA DELLA FLORA E DELLA FAUNA BIODIVERSITÀ GESTIONE E TUTELA DELLE ACQUE CAMBIAMENTI CLIMATICI - Comprendere che lo sfruttamento di alcune specie animali per la ricerca scientifica (vivisezione e biotecnologie) è un problema etico di cui l uomo deve farsi carico - Conoscere e comprendere il concetto di biodiversità e l importanza che essa riveste per l equilibrio di un ecosistema. - Comprendere come la qualità dell acqua è in gran parte il riflesso di come viene utilizzato il territorio e di come ognuno è responsabile per la salute del bacino idrografico in cui vive e di tutti i corsi d acqua che si trovano al suo interno Conoscere le organizzazioni che si occupano di elaborare strategie per la riduzione delle emissioni di gas e per l assistenza ai paesi in via di sviluppo(protocollo di Kyoto, ecc.) Comprendere il legame tra scelte energetiche, mutamenti climatici e responsabilità sociale Comprendere che i cambiamenti climatici producono l aumento e la frequenza di eventi meteorologici estremi (tifoni, inondazioni, siccità, ) - Essere consapevoli che gli animali hanno diritto al rispetto e alla dignità; - Promuovere atteggiamenti di cura e protezione verso tutti gli esseri viventi; - Promuovere il rispetto e la tutela della flora e della fauna quale bene comune - Essere in grado di saper fare un bilancio dei vantaggi/svantaggi che la modifica di un certo ambiente ha recato all uomo che lo abita; - Acquisire la consapevolezza che ognuno ha il diritto-dovere di denunciare le offese ambientali e di contribuire in prima persona alla salvezza della Terra. - Essere consapevoli che i problemi ambientali, come la penuria d acqua o il suo cattivo sfruttamento da parte di pochi Paesi, possono scatenare, nei prossimi decenni, guerre, immigrazioni e disastri di vario genere - Riflettere sul fatto che gli effetti dei cambiamenti climatici possono essere la causa dell acutizzarsi delle diseguaglianze fra nord e sud del mondo, di migrazioni e di conflitti - Riflettere sul fatto che gli effetti dei cambiamenti climatici possono essere la causa dell acutizzarsi delle diseguaglianze fra nord e sud del mondo, di migrazioni e di conflitti - Ipotizzare modelli di autonomia energetica per creare realtà ecosostenibili

7 GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI SVILUPPO URBANO E INQUINAMENTO ENERGIA LOTTA ALLA ECOMAFIE - Comprendere la differenza tra le diverse tipologie e pratiche di gestione dei rifiuti - Comprendere che l ambiente è la risultante delle relazioni che si verificano tra elementi fisici, naturali e culturali - Conosce la differenza tra fonti di energia primarie e secondarie; tra fonti rinnovabili e non rinnovabili - Conosce le diverse tecnologie di sfruttamento dell energia (fotovoltaico, solare termico, ) - Comprende l importanza del risparmio energetico e del ricorso alle energie rinnovabili come energie pulite - Conoscere i fenomeni d'illegalità ambientale in Italia e i mercati globali dell'eco criminalità - Praticare forme di riutilizzo e riciclaggio dei materiali. - Usare in modo corretto le risorse, evitando sprechi nell utilizzo di imballaggi e forme di inquinamento - Riuscire ad esaminare le diverse circostanze che aiutano o impediscono la rigenerazione delle risorse naturali - Rispettare le bellezze naturali ed artistiche; - Progettare interventi di conservazione per un uso consapevole dell ambiente; - Leggere nel paesaggio il rapporto di interdipendenza esistenziale fra uomo ed ambiente nelle diverse situazioni naturali, sociali e produttive; - Definire le potenzialità dannose o vantaggiose dell intervento dell uomo. - Assumere un atteggiamento sensibile volto ad un uso razionale delle risorse naturali ed energetiche - Usare in modo corretto le risorse, evitando sprechi di energia, forme di inquinamento - Saper analizzare i comportamenti energetici di ogni settore di attività, per capire dove avvengono i maggiori consumi di energia e quindi dove è necessario intervenire per avere maggiori risparmi energetici e conseguente riduzione degli impatti ambientali - Saper ricercare e analizzare le informazioni che riguardano il traffico e lo smaltimento illecito dei rifiuti, l'abusivismo edilizio, le attività illecite di escavazione, i combattimenti clandestini tra cani, il saccheggio dei beni archeologici, il commercio illegale di specie protette e di legname pregiato; - Identificare comportamenti corretti da adottare - Assumere atteggiamenti critici e avere il coraggio di denunciare eventuali fenomeni d illegalità scoperti EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ NUCLEI TEMATICI DIGNITÀ UMANA IDENTITÀ E APPARTENENZA ALTERITÀ E RELAZIONE PARTECIPAZIONE CONOSCENZE Conosce - il Patto Educativo di Istituto - gli Organismi internazionali - I diritti e i doveri dei lavoratori (lo Statuto dei lavoratori) - I diritti e i doveri del cittadino (la Costituzione italiana) - Forme di stato - Ordinamenti della Repubblica - Costituzione europea - Le autonomie territoriali - - Conoscere il Patto Educativo di Istituto Conoscere codici che hanno regolamentato la vita di gruppi umani nel passato - L interazione tra uomo e ambiente - Comprende le ragioni e gli scopi delle Convenzioni e dei diritti - Conoscere le dinamiche relative al rapporto fra sviluppo e povertà e il divario fra paesi in via di sviluppo e sviluppati, in rapporto al non rispetto dei diritti. - Conoscere i diversi progetti promossi da scuola e territorio - Conoscere il Patto Educativo di Istituto. - Conoscere le forme di organizzazione democratica del proprio territorio: Consiglio Comunale, Comitato genitori,associazioni e istituzioni varie legate al territorio. - Conoscere i concetti di diritto /dovere, libertà ABILITA - Riconoscersi come persona, cittadino e lavoratore alla luce della: Dichiarazione universale dei diritti dell uomo, della normativa europea, del dettato costituzionale e delle leggi nazionali - Orientarsi nel mondo scolastico e del lavoro - Riconoscere come il mancato o il pieno rispetto dei principi e delle regole della sicurezza stradale sia segno di rispetto della dignità della persona propria e altrui - Confrontare l organizzazione ordinamentale e di governo che contraddistinguono il nostro paese, gli stati Ue e i paesi non comunitari. - Partecipa consapevolmente al processo di accoglienza e di integrazione tra studenti diversi all interno della scuola. - Gestisce le dinamiche relazionali proprie della preadolescenza nelle dimensioni dell affettività, della comunicazione interpersonale. - Riconoscere i principali elementi di segnaletica stradale - Rispetta le regole fondamentali per la migliore circolazione di pedoni e ciclisti. - Partecipare alle iniziative promosse per una maggiore collaborazione tra scuola ed enti locali e territoriali. - collaborare all elaborazione e alla realizzazione dei diversi progetti (salute, ambiente, sicurezza, ecc.) promossi dalla scuola e dal territorio.

8 LIBERTÀ E LEGALITÀ personale, responsabilità, pace, sviluppo umano, cooperazione. - Conoscere il concetto di legalità - Dalla società verticale a quella orizzontale (diritti per tutti) - Dall Illuminismo alle varie dichiarazione dei diritti sviluppo e povertà - il divario fra paesi in via di sviluppo e paesi sviluppati, in rapporto al non rispetto dei diritti - la mafia e la cultura dell'illegalità - il terrorismo - la lotta alla mafia: vittorie e sconfitte - Conoscere il Patto Educativo di Istituto - Acquisire i concetti di diritto/dovere, libertà personale, responsabilità, pace, sviluppo umano, cooperazione. - Acquisire il concetto di legalità e di storicità delle leggi - Rispettare le regole per favorire l'affermarsi della legalità EDUCAZIONE ALLA SALUTE NUCLEI TEMATICI CONOSCENZE ABILITA IL CORPO ALIMENTAZIONE IGIENE E PREVENZIONE SPORT E ATTIVITÀ FISICA SALUTE PUBBLICA E DONAZIONE AFFETTIVITA E SESSUALITA - Approfondire la conoscenza del corpo umano, in relazione alla salute propria e degli altri (organi, apparati e le principali funzioni) - Conoscere il sè, le proprie capacità, i propri interessi, i cambiamenti personali nel tempo Comprendere come le abitudini alimentari siano l espressione di diversi fattori, legati al territorio, all organizzazione sociale, alla cultura e alla religione. Conoscere le conseguenze fisiche e psichiche della denutrizione, malnutrizione o ipernutrizione; Conoscere le problematiche dell anoressia e della bulimia; - Conoscere comportamenti salutari al fine di promuovere il concetto dello star bene. - Comprendere la necessità di preservare la vista nell utilizzo di videoterminali. - Conoscere gli effetti dannosi dell abuso di alcol, fumo e droghe sull individuo e sulla società. - Conoscere cause e sintomi delle più diffuse malattie infettive - - Conoscere il Sistema Sanitario Nazionale. - Conoscere l importanza dell attività fisica nell adolescenza - Imparare a distinguere tra loro i concetti di salute e di benessere - Essere consapevoli dell importanza di assumere una corretta postura. - Conoscere gli effetti dannosi del doping nello sport. - Conoscere i valori della solidarietà, della partecipazione responsabile e della cooperazione - Essere consapevoli che la donazione di sangue, organi o midollo osseo è un valore al quale fare riferimento nella propria crescita: conoscere strutture associative come AVIS, AIDO o ADMO. - Conoscere il concetto di identità personale, sociale e sessuale - Conoscere le differenze tra i due sessi dal punto di vista fisico e socioculturale - Conoscere le varie espressioni dell affettività - Conoscere il rapporto affettività - sessualità moralità. - Conoscere i gruppi formali, informali e le nuove forme di relazione multimediali. - Conoscere le degenerazioni della vita di gruppo. - Conoscere l anatomia dell apparato riproduttivo, la fecondazione, la nascita. - Applicare metodi per il buon funzionamento degli apparati al fine di conservare la salute - Sperimentare i vantaggi di uno stile di vita salutare - Comprendere l importanza della ricerca scientifica per il progresso nella salvaguardia della salute. Imparare ad apprezzare i gusti di una realtà di tipo multiculturale. Sapere riconoscere le condotte alimentari devianti. Essere consapevoli del problema alimentare nel mondo. - Attivare comportamenti di prevenzione adeguati ai fini della salute nel suo complesso, nelle diverse situazioni di vita - Utilizzare in modo equilibrato strumenti multimediali e giochi di tipo elettronico. - Essere consapevoli della tossicità delle sostanze stupefacenti e del pericolo di incorrere nella dipendenza da tali sostanze. - Saper applicare metodi per migliorare la salute - Applicare le regole alla base degli sport individuali e di gruppo. - Essere consapevoli dell effetto dannoso della vita sedentaria - Adottare una corretta postura. - Saper utilizzare le conoscenze apprese per svolgere l attività fisica più adatta al proprio organismo. - Applicare i valori della solidarietà, della partecipazione responsabile e della cooperazione nella quotidianità e in seguito ad interventi da parte di associazioni che operano nel sociale. Comprendere la relazione tra le modificazioni fisiche, quelle psicologiche e i comportamenti sociali; Analizzare la differenziazione sessuale dal punto di vista sociale e culturale, andando oltre gli stereotipi proposti dai mass-media. Saper descrivere l anatomia dell apparato riproduttivo, la fecondazione, la nascita. Maturare le relazioni interpersonali rispettose e consapevoli anche sfruttando gli strumenti multimediali (social network, chat., ).

9 INQUINAMENTO E SALUTE SICUREZZA - Approfondire la conoscenza dei principali effetti dell inquinamento dell aria, dell acqua e del suolo sulla salute. Conoscere le norme di sicurezza nell edificio scolastico Conoscere gli interventi di primo soccorso. - Adottare comportamenti volti al rispetto dell ambiente e alla salvaguardia della salute. - Saper adottare adeguate norme di sicurezza in casa e a scuola - Saper applicare le regole di un piano di evacuazione. - Essere consapevoli dell esistenza di figure di riferimento in caso di emergenza. NUCLEI TEMATICI CODICE DELLA STRADA CONOSCENZE EDUCAZIONE STRADALE - Comprendere il valore delle norme riguardanti la circolazione stradale - Acquisire le conoscenze necessarie per un corretto comportamento sulla strada dei motociclisti ABILITA - Sapersi comportare in maniera conforme al Codice della strada alla guida di un motocicli INCIDENTI E PRIMO SOCCORSO Conoscere i numeri telefonici di soccorso in caso di necessità Saper telefonare al soccorso medico fornendo le indicazioni indispensabili TRAFFICO E INQUINAMENTO: EFFETTI SULLA SALUTE - Comprendere le cause e gli effetti dell inquinamento legati al traffico veicolare - Acquisire i comportamenti corretti per combattere l inquinamento e per proteggersi da esso - Saper utilizzare mezzi di spostamento alternativi a quelli a motore Per le unità interdisciplinari vedi allegato. Programmazione Orientamento Obiettivi Metodi e strumenti Discipline Tempi Attività Identificare i propri interessi e capacità - Test/questionari su conoscenza di sé. - Autoanalisi per identificare le proprie capacità e attitudini. Lettere, matematica Questionari. Produzione di elaborati. Interventi di esperti. Sviluppare capacità decisionali Riflettere sui propri risultati scolastici - Schematizzazione del percorso decisionale - Identificazione delle informazioni possedute e di quelle mancanti. - Individuazione strategie adeguate per risolvere un problema. - Riflessioni. - Tabulazione e discussione dati della classe. Tutte Tutte Primo quadrimestre Consultazione giornali e pubblicazioni varie. Questionari. Acquisire informazioni attinenti: indirizzi di studio, problematiche del mondo del lavoro. - Raccolta e tabulazione dei dati - Riflessioni. Lettere, tecnologia - Letture su professioni e mondo del lavoro. - Informazioni sulle scuole del territorio e sugli open-day. - Informazioni sulle possibilità lavorative legate anche ai bisogni della società e del territorio in cui si vive. - Interventi esperti delle scuole superiori

10 USCITE DIDATTICHE Meta Obiettivi Docenti accompagnatori Periodo e durata Costi Bergamo Scienza Favorire l attitudine alla ricerca scientifica Scramuzza Catania Giacobino 11 Ottobre ,15 13,00 4 euro Miniere Val di Scalve - L industria in Lombardia; - l archeologia industriale; - Le fonti di energia. Rovetta 28 Ottobre ,45 13,00 16 euro circa Milano, Palazzo Reale, mostra d arte Conoscere i maestri della cultura pittorica del Novecento Scramuzza- Beretta 14 Febbraio euro circa Barcellona - Aspetti della civiltà europea; - aspetti storici, geografici, scientifici, artistici della zona individuata; Catania Aprile-Maggio giorni 300 euro circa Stage a Londra Approfondimento della lingua e della civiltà inglese Marinoni Ottobre euro ATTIVITA OPZIONALI EXTRACURRICULARI ECDL Corso per certficazione informatica Modulo 2) Gestione Dei Documenti (Files Management) Modulo 3) Elaborazione testi (Word processing) CLASSI Seconde e terze DURATA 10 ore per modulo KET Con madrelingua Preparazione alle certificazioni KET (INGLESE) Terze 10 ore DELF Preparazione alle certificazioni DELF (FRANCESE) Terze 10 ore Corso LINGUA SPAGNOLA Conoscenze di base della lingua e della civiltà spagnola Seconde e terze 20 ore TEATRO FRANCESE laboratorio di recitazione in lingua francese proposto da France Théatre Prime seconde e terze Tutti i pomeriggi di una settimana Laboratorio linguistico per alunni stranieri Corso di alfabetizzazione per alunni stranieri con la mediazione di operatori linguistici madrelingua Tutte le classi Da definire

11 INTERVENTI: - AVIS-AIDO - ALPINI - ED.SALUTE: INTERVENTO DI UNA BIOLOGA SUL TEMA DELLE DIPENDENZE - ED. AMBIENTALE:PROGETTO del F.A.I. - ELEZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - NON SOLO COMPITI I tempi degli interventi saranno definiti in corso d anno. VALUTAZIONE Le verifiche saranno attuate e misurate come dalle programmazioni disciplinari. Le valutazioni sintetiche disciplinari e le valutazioni globali sul processo di maturazione degli alunni saranno espresse secondo i criteri esposti nel Piano dell Offerta Formativa. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE Si prevedono: 2 riunioni del Consiglio di Classe con la presenza dei rappresentanti genitori 2 ricevimenti annuali collettivi 1 ricevimento settimanale individuale su appuntamento 2 Colloqui quadrimestrali degli insegnanti di lettere, matematica e sostegno con i genitori degli alunni D.A., D.S.A E CON B.E.S. 2 incontri annuali per la consegna delle schede di valutazione quadrimestrale eventuali colloqui straordinari per situazioni particolari ALLEGATI programmazioni disciplinari programmazioni di progetti, attività integrative e laboratori, unità di apprendimento UNITA INTERDISCIPLINARI PER GLI ESAMI ADOLESCENZA Obiettivi Riflettere sul periodo di crescita e di cambiamenti che gli studenti stanno vivendo. Comprendere il proprio vissuto affettivo e saper trovare le parole per comunicarlo. aumento dell autostima e dell accettazione di sé e degli altri capacità di conoscere e accettare i propri limiti e quelli altrui Conoscere il proprio corpo e il valore della sessualità umana, andando oltre gli stereotipi proposti dai mass media. Maturare relazioni interpersonali rispettose e consapevoli. Discipline interessate Italiano Geografia Inglese Scienze Musica Arte e immagine Temi trattati Storie di adolescenti per educare alla conoscenza e all accettazione di sé; al rapporto affettività-sessualità-moralità. Il rischio delle dipendenze. L adolescenza nelle varie culture del mondo Diritti del fanciullo Lo sfruttamento giovanile e adolescenza negata. Young people and crime Stop bullying before it stops you - A history of pop music - The USA. A music city tour -Life-changing decisions Le dipendenze: cause-effetti e problematiche giovanili odierne Conoscere i cambiamenti personali nel tempo; Conoscere le problematiche legate a stili di vita diversi. Musica giovane: cantautori e gruppi musicali Arte e adolescenza da Morbelli a Renoir, da Munch ai graffitari Tempi I quadrimestre I quadrimestre I quadrimestre I quadrimestre II quadrimestre Tutto l anno Prodotti didattici attesi Relazioni Cartelloni Presentazioni

12 L OTTOCENTO: ROMANTICISMO E RISORGIMENTO Obiettivi Conoscere: - le tappe dell Unità d Italia e il dibattito politico; - il melodramma italiano; - il Risorgimento nell arte e nella letteratura; - la Questione romana e il ruolo dei cattolici; - i problemi dell Italia unita; - lo Statuto albertino e la Costituzione repubblicana Discipline interessate Italiano Storia e convivenza civile Arte Musica Temi trattati - La lingua nazionale; - Il Romanticismo - la letteratura risorgimentale - Inno di Mameli - Concetto di Stato e Nazione - Gli eventi e i protagonisti; - Bergamo Città dei Mille - Democratici e liberali; - Assolutismo e costituzione; - I problemi dell Italia Unita e la questione meridionale. - - La pittura romantica e risorgimentale.. da Hayez a Fattori - Giuseppe Verdi e il Melodramma italiano -L inno nazionale Tempi Settembre - Dicembre Settembre- ottobre Settembre - ottobre I quadrimestre I quadrimestre Prodotti didattici attesi Ipertesto Obiettivi Discipline interessate Italiano Temi trattati La questione sociale nella letteratura ottocentesca. Realismo e verismo. Tempi Prodotti didattici attesi LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE - Conoscere lo sviluppo dell industria in Lombardia; - individuare gli elementi fondamentali dell archeologia industriale; - conoscere il socialismo utopistico e l utopia industriale dell ottocento - Il concetto di patrimonio dell Unesco Storia Ed. artistica Inglese Tecnologia Cittadinanza e costituzione Motoria lo sviluppo industriale in Italia La seconda rivoluzione industriale Scoperte e invenzioni Cambiamenti economici, sociali e politici La questione operaia. La società di massa. Architettura industriale; Le città dell 800 Il concetto di patrimonio dell Unesco London stage::seighseen in London (Southwark) Miniere Val di Scalve Macchine e strumenti dell industria L emancipazione femminile Verso il suffragio universale I diritti dei lavoratori La questione sociale Energia muscolare Ottobre Novembre - Relazione - Presentazione Uscita di istruzione: Miniere Val di Scalve

13 IL PROBLEMA ENERGIA Obiettivi Conosce la differenza tra fonti di energia primarie e secondarie; tra fonti rinnovabili e non rinnovabili Conosce le diverse tecnologie di sfruttamento dell energia (fotovoltaico, solare termico, ) Comprende l importanza del risparmio energetico e del ricorso alle energie rinnovabili come energie pulite Discipline interessate Temi trattati Italiano Il problema energetico. Storia La società di massa. Il problema energetico nei paesi del nord e del sud del mondo Produzione e consumo di energia nel Geografia sud e nel nord del mondo. Disastri ambientali Il nucleare per usi civili e militari (bomba atomica, uranio impoverito) Inglese Environment Le fonti di energia rinnovabili ed esauribili I combustibili fossili: carboni e petrolio Ricerca, estrazione, trasporto, raffinazione. Tecnologia Uranio e problemi relativi Energia solare, eolica, delle maree Le centrali elettriche, macchine e problemi Centrale idroelettrica, nucleare Cittadinanza e Educazione ambientale costituzione Motoria Energia muscolare - Energia e lavoro Scienze - Le fonti rinnovabili e non rinnobaili - La pila di Volta Tempi Secondo quadrimestre Prodotti didattici attesi - Relazione - presentazio ne GUERRA E PACE Obiettivi -Comprendere ed usare in modo appropriato termini/concetti di storia e di altre scienze umane -Distinguere e mettere in relazione fra loro fatti politici, economici, sociali, culturali -Fare ipotesi motivate su fatti e fenomeni utilizzando immagini, cartine, tabelle -Inquadrare fatti di storia locale in una cornice storica generale -Riflettere sulla dimensione metafisica dell esperienza umana -Riflettere sugli orrori della guerra della violenza della sopraffazione -Interiorizzare l importanza della diffusione della cultura della pace -Interiorizzare i principi della non violenza Discipline interessate Italiano Storia Geografia Musica Scienze Arte e Immagine Inglese Temi trattati - Brani, testi e versi relativi all argomento. - Statuto delle nazioni unite - Dichiarazione dei diritti - La lotta per la libertà:guerra d indipendenza in Europa e nel mondo. - La Grande Guerra - I totalitarismi - La Seconda Guerra Mondiale - La guerra fredda - I grandi protagonisti della NON VIOLENZA:Ghandi, King, Mandela - Popoli e culture del mondo - Stati e conflitti - Organizzazioni internazionali I blues e i gospel di M.L.King Canti di guerra e di pace Brundibar: operetta a Terezin Canti e musiche dai popoli del mondo L inno europeo e la figura di Beethoven Energia nucleare - Artisti che parlano di guerra tendendo alla pace.. - Da Delacroix e Goya a Guttuso e Picasso - L arte fascista. - London stage: Imperial War Museum: Winston Churcill s War Cabinet Rooms Tempi I e II quad. I e II quad. I quadrimestre I e II quadr. II quadrimestre I quadrimestre I quadrimestre Nel corso dell anno Prodotti didattici attesi - Relazione - Ipertesto - Cartelloni

14 Obiettivi Discipline interessate Temi trattati Tempi Prodotti didattici attesi SVILUPPO SOSTENIBILE conoscere le relazioni che legano, e in quale modo, l Uomo all ambiente che lo circonda conoscere le piante autoctone per comprendere quali siano i rischi che coinvolgono gli ecosistemi naturali e i loro delicati equilibri imparare a riconoscere piante e fiori comprendere i rapporti tra Uomo e Natura conoscere tematiche come il ruolo di studenti e famiglie nella fruizione degli ambienti naturali conoscere le cause della perdita di biodiversità Lettere Inglese Scienze Matematica Geografia Musica Arte e Immagine - Diritti e doveri del cittadino - L interazione tra uomo e ambiente - Le regole della convivenza - Modalità di partecipazione ai diversi progetti promossi da scuola e territorio - Environment - Extreme weather conditions: the hurricane Katrina - twisters Evoluzione ed ecologia del pianeta Terra Aspetti fondamentali dell inquinamento sull ambiente Statistica Ambienti naturali Lo sviluppo sostenibile: - l impronta ecologica - l impoverimento delle risorse - crescita economica e sostenibilità - Il protocollo di Kioto Cantautori e musica per uno sviluppo sostenibile e per la valorizzazione della diversità La land art, un museo all aperto. I quadrimestre I e II quadr. II Quadrimestre DVD Mostra finale Obiettivi Discipline interessate Temi trattati Tempi Prodotti didattici attesi LEGALITA Riconoscersi come persona, cittadino e lavoratore alla luce della: Dichiarazione universale dei diritti dell uomo, della normativa europea, del dettato costituzionale e delle leggi nazionali. -Confrontare l organizzazione ordinamentale e di governo che contraddistinguono il nostro paese, gli stati Ue e i paesi non comunitari. -Acquisire i concetti di diritto/dovere, libertà personale, responsabilità, pace, sviluppo umano, cooperazione. -Acquisire il concetto di legalità e di storicità delle leggi. -Rispettare le regole per favorire l affermarsi della legalità. -Riconoscere come il mancato o il pieno rispetto dei principi e delle regole della sicurezza stradale sia segno di rispetto della dignità della persona propria e altrui. -Partecipare consapevolmente al processo di accoglienza e di integrazione tra studenti diversi all interno della scuola. -Gestire le dinamiche relazionali proprie della preadolescenza nelle dimensioni dell affettività, della comunicazione interpersonale. Storia Geografia Scienze Italiano Gli Organismi internazionali I diritti e i doveri dei lavoratori (lo Statuto dei lavoratori) La questione sociale Giolitti e le riforme in campo sociale I diritti e i doveri del cittadino (la Costituzione italiana) Forme di stato Ordinamenti della Repubblica: ITALIA - USA FRANCIA REGNO UNITO I sistemi elettorali (USA ITALIA) Costituzione europea Conoscere i concetti di diritto /dovere, libertà personale, responsabilità, pace, sviluppo umano, cooperazione Conoscere il concetto di legalità La mafia e la cultura dell illegalità Il terrorismo La lotta alla mafia: vittorie e sconfitte Conoscere il divario fra paesi in via di sviluppo e sviluppati anche in rapporto al non rispetto dei diritti. Diritti negati nel mondo Le Convenzioni dei diritti Genetica e superamento del concetto di razza Concetto di legalità Rispetto delle norme democratiche Mafia, corruzione, evasione fiscale II quadrimestre II quadrimestre II quadrimestre

15 Istituzioni contro la mafia Simboli della lotta alla mafia Borsellino, Falcone, Dalla Chiesa Inglese Presentazioni in lingua inglese relative a sè, in particolare alla scuola, ai problemi degli adolescenti: riferimenti alle letture Stop bullying before it stops you e Young people and crime Ed. fisica Comportamenti corretti nello sport I e II quadr. Arte Neshat II Quadrimestre PONTE SAN PIETRO IL 5/10/2013 IL CONSIGLIO DELLA CLASSE III C

II Istituto Comprensivo Ardigo Padova Ciclo di Istruzione Secondaria di I grado

II Istituto Comprensivo Ardigo Padova Ciclo di Istruzione Secondaria di I grado II Istituto Comprensivo Ardigo Padova Ciclo di Istruzione Secondaria di I grado Programmazione Didattica di Lingua Inglese - a.s. 2012/2013 Classi 3 A 3 B 3 C - Plesso Mameli Learning Unit A - OBIETTIVI

Dettagli

Piano di lavoro A.S. 2014-15

Piano di lavoro A.S. 2014-15 ISTITUTO COMPRENSIVO VERONA N. 6 CHIEVO BASSONA BORGO NUOVO Via Puglie, 7/e 37139 Verona Tel.: 045.565602 Fax: 045.572033 e-mail: dirigente@ic6verona.it Piano di lavoro A.S. 2014-15 Docente Disciplina

Dettagli

Classe 3 C. Alunni con valutazione 10-9 (abilità e impegno molto buoni) n3. Alunni con valutazione 8 ( buone abilità e impegno) n 5 alunni

Classe 3 C. Alunni con valutazione 10-9 (abilità e impegno molto buoni) n3. Alunni con valutazione 8 ( buone abilità e impegno) n 5 alunni Classe 3 C La classe è composta da 24 alunni, di cui uno diversamente abile, tutti provenienti dalla classe 2 C. Gli alunni, si mostrano abbastanza interessati allo studio della lingua inglese e alcuni

Dettagli

CITTADINANZA e COSTITUZIONE

CITTADINANZA e COSTITUZIONE CITTADINANZA e COSTITUZIONE I Classe UdA interdisciplinare : (Ed. all Affettività ed Ed. alla Cittadinanza) Stiamo insieme -La famiglia e la scuola: norme, regole/ Freschi e puliti : regole per una corretta

Dettagli

Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2" In base alle "Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola

Curricolo dell'istituto Comprensivo Bolzano - Europa 2 In base alle Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2" In base alle "Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola primaria e alla scuola secondaria di primo grado negli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI Via Bardassano, 5-10132 TORINO - tel. 011/4438780 - fax 011/4438744 C.F. 97602450013 - C.M.

ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI Via Bardassano, 5-10132 TORINO - tel. 011/4438780 - fax 011/4438744 C.F. 97602450013 - C.M. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. COMPETENZE E CONOSCENZE ATTESE: TRAGUARDO DELL ANNO SCOLASTICO IN CORSO 1.1 - COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA OBIETTIVI EDUCATIVI Sviluppare le capacità

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016 PROGETTO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE SCUOLA SECONDARIA SECONDO GRADO anno scolastico 2015-2016 1 PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Anno Scolastico 2015-2016 FINALITÀ GENERALI: Il riferimento alla

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO Sede di Vercurago CLASSE TERZA Testo in adozione: HIGH FIVE VOL. 3 Philippa Bowen &Denis Delane Oxford

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO Sede di Vercurago CLASSE TERZA Testo in adozione: HIGH FIVE VOL. 3 Philippa Bowen &Denis Delane Oxford PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO Sede di Vercurago CLASSE TERZA Testo in adozione: HIGH FIVE VOL. 3 Philippa Bowen &Denis Delane Oxford UNITA DI APPRENDIMENTO A UNIT 1 UNIT 2 Fare il check in in aeroporto.

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE Competenza di profilo: Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2"

Curricolo dell'istituto Comprensivo Bolzano - Europa 2 Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2" In base alle "Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola primaria e alla scuola secondaria di primo grado negli

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINA INGLESE NUMERO UNITÀ D APPRENDIMENTO 1 (unit 1 e 2) TITOLO DATI IDENTIFICATIVI LEARNING UNIT A CLASSI / ALUNNI COINVOLTI DOCENTI COINVOLTI OBIETTIVI DELLE INDICAZIONI

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Disciplina: SPAGNOLO TRAGUARDI COMPETENZE FINE SCUOLA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA'/CAPACITA CONOSCENZE L alunno comprende oralmente e per

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA. INGLESE - CLASSI PRIME, SECONDE e TERZE Scuola Primaria

INGLESE SCUOLA PRIMARIA. INGLESE - CLASSI PRIME, SECONDE e TERZE Scuola Primaria INGLESE SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria per la lingua inglese (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Scuola primaria OBIETTIVI E COMPETENZE PER L INSEGNAMENTO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE IN RIFERIMENTO AI SEGUENTI AMBITI: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA EDUCAZIONE STRADALE

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

I. C. MUSSOLENTE EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE SCUOLA PRIMARIA

I. C. MUSSOLENTE EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE SCUOLA PRIMARIA I. C. MUSSOLENTE EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE SCUOLA RIA Educazione alla cittadinanza - I simboli dell identità nazionale (la bandiera, l inno) e delle identità locali. - La funzione della regola

Dettagli

Disciplina: CITTADINANZA E COSTITUZIONE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE: l alunno. Scuola: Primaria De Amicis/Monterumici

Disciplina: CITTADINANZA E COSTITUZIONE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE: l alunno. Scuola: Primaria De Amicis/Monterumici Classe: I Disciplina: CITTADINANZA E COSTITUZIONE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE: l alunno Scuola: Primaria De Amicis/Monterumici 1. HA CURA DELL A PROPRIA PERSONA PER MIGLIORARE LO STAR BENE

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

ITALIANO secondo biennio OBIETTIVI FORMATIVI

ITALIANO secondo biennio OBIETTIVI FORMATIVI 1 ITALIANO secondo biennio 1. Comprendere e partecipare ad una conversazione in modo pertinente 2. Riferire i propri vissuti e/o un argomento di studio, seguendo un ordine logico ed usando un linguaggio

Dettagli

Istituto Comprensivo n 3 Scuola Secondaria di Primo Grado Anno scolastico 2012-2013

Istituto Comprensivo n 3 Scuola Secondaria di Primo Grado Anno scolastico 2012-2013 Istituto Comprensivo n 3 Scuola Secondaria di Primo Grado Anno scolastico 2012-2013 UNITA DI APPRENDIMENTO N 1 MATERIA: Inglese TITOLO: Questioni ambientali DESTINATARI: Classi III C, III E, III F, III

Dettagli

SCANSIONE TEMPORALE (annuale) DEL CURRICOLO DISCIPLINA: SEZIONE POTENZIAMENTO INGLESE

SCANSIONE TEMPORALE (annuale) DEL CURRICOLO DISCIPLINA: SEZIONE POTENZIAMENTO INGLESE SCANSIONE TEMPORALE (annuale) DEL CURRICOLO DISCIPLINA: SEZIONE POTENZIAMENTO INGLESE CLASSE SECONDARIA: classe prima Periodo Contenuti Attività I BIMESTRE Da settembre a metà novembre II BIMESTRE Da metà

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Ascolto (comprensione orale) Parlato (produzione e interazione orale) Lettura (comprensione scritta) Scrittura (produzione scritta) 1. Comprendere

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE di FRANCESE. (QUADRO COMUNE EUROPEO di RIFERIMENTO) I.P.S.S.

CURRICOLO VERTICALE di FRANCESE. (QUADRO COMUNE EUROPEO di RIFERIMENTO) I.P.S.S. I.I.S. Luca Signorelli CORTONA CURRICOLO VERTICALE di FRANCESE (QUADRO COMUNE EUROPEO di RIFERIMENTO) I.P.S.S. PRIMO BIENNIO PRIMO ANNO COMPETENZE GENERALI ATTESE A2 (PRIMO BIENNIO e PRIMO ANNO DEL SECONDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA SCUOLA SECONDARIA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA L alunno comprende oralmente e per iscritto i punti essenziali di testi in lingua standard su argomenti familiari o di studio che

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

Scuola dell Infanzia (inglese)

Scuola dell Infanzia (inglese) Scuola dell Infanzia (inglese) Nuclei Tematici Traguardi per lo Sviluppo delle Competenze Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: inizia a sviluppare sensibilità e responsabilità da cittadino d

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAGGIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE QUARTA Ogni équipe pedagogica organizzerà, per gli alunni della rispettiva

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA SCUOLA PRIMARIA C. POERIO A.S. 2015-2016 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA ASCOLTARE E PARLARE Competenze Ascoltare attivamente. Comprendere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA Tel.099/8290470 Fax 099/8290471 Codice meccanografico: TAIC82600L Codice fiscale: 90122060735 E-mail TAIC82600L@istruzione.it

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

PROGETTAZIONE CURRICULARE a.s. 2014-2015

PROGETTAZIONE CURRICULARE a.s. 2014-2015 PROGETTAZIONE CURRICULARE a.s. 2014-2015 Le OLIMPIADI dei GIOCHI logici, linguistici e matematici Al fine di valorizzare le eccellenze presenti all interno del nostro istituto, alcuni alunni parteciperanno

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO MINEO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Anno scolastico 2013/2014 Premessa Educare, sostenere e incrementare attività

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

Learning Unit A Obiettivi specifici di apprendimento

Learning Unit A Obiettivi specifici di apprendimento II Istituto Comprensivo Ardigo Padova Ciclo di Istruzione Secondaria di I grado Programmazione Didattica di Lingua Inglese a.s. 2011/2012 High Spirits 2 - Classi 2 A 2 B 2 C Learning Unit A Descrizione

Dettagli

anno scolastico 2014-2015

anno scolastico 2014-2015 PERCORSI DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE DIDATTICA DI CURRICULO CENTRATA SULL ESERCIZIO DELLA CITTADINANZA IN RELAZIONE AI DIVERSI MOMENTI DELLA VITA QUOTIDIANA. anno scolastico 2014-2015 PERCORSO PER LA

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA INGLESE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 I

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE LINGUA STRANIERA - INGLESE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE LINGUA STRANIERA - INGLESE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA SECONDARIA STATALE DI I GRADO PIUMATI - CRAVERI - DALLA CHIESA 12042 BRA (CN) Via Barbacana, 41 0172/412040 0172/413685 C.F. 91020940044 C.M. CNMM15000T E-mail: CNMM15000T@istruzione.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

OBIETTIVI di APPRENDIMENTO

OBIETTIVI di APPRENDIMENTO CURRICOLO della LINGUA INGLESE Asse dei linguaggi: utilizzare la lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi COMPETENZA CHIAVE EUROPEA -Comunicazione nelle lingue europee: comprendere

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino Carissimi alunni, gentili genitori, questo opuscolo è stato pensato per far conoscere l offerta formativa della nostra scuola a

Dettagli

ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Scritta e orale

ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Scritta e orale Unità 2 Unità 1 CLASSE Seconda DISCIPLINA Inglese ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Scritta e orale MODULO U.D Conoscenze Abilità e competenze Strutture grammaticali e lessico di base

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA Traguardi di sviluppo e obiettivi di apprendimento per la classe SECONDA desunti dalle Indicazioni per il Curricolo Disciplina OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Italiano

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria Anno Scolastico 2009 / 2010 PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Referente del progetto Prof. ssa Arcangela Quacquarelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE E TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO Ambito disciplinare SCIENZE SCIENZE E TECNOLOGIA

Dettagli

Consiglio della classe 3A Piano di lavoro annuale

Consiglio della classe 3A Piano di lavoro annuale Istituto comprensivo Como-Prestino-Breccia Scuola secondaria di primo grado A.Moro Consiglio della classe 3A Piano di lavoro annuale a.s. 2014-2015 Presentazione della classe La classe 3 A è composta da

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE CON PINOCCHIO PER IMPARARE A STARE INSIEME PRODOTTI LIBRICINO COMPETENZE CHIAVE/COMPETENZE CULTURALI EVIDENZE OSSERVABILI Italiano -Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

LA SCUOLA PRIMARIA. Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino

LA SCUOLA PRIMARIA. Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino LA SCUOLA PRIMARIA Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino 1 Istituto Comprensivo Savignano sul Panaro PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2014-2015

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

II Istituto comprensivo Ardigò Padova Ciclo di Istruzione Secondaria di 1 Grado

II Istituto comprensivo Ardigò Padova Ciclo di Istruzione Secondaria di 1 Grado Programmazione didattica di Lingua Inglese a.s 2012-2013 Classi 3 C 3 D Plesso Pascoli DOCENTE :VAROTTO DANIELA Obiettivi formativi II Istituto comprensivo Ardigò Padova Ciclo di Istruzione Secondaria

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LAVORO

PIANO ANNUALE DI LAVORO Istituto Comprensivo via Latina 303 - Roma Piano annuale di lavoro MOD-102 Rev. 1 Data: 03/09/12 Totale pagine: 6 PIANO ANNUALE DI LAVORO Docenti Materia Classi Sezione a. s. Tutti Materie Letterarie Seconde

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 IC 41 CONSOLE: LA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE DELLA SCUOLA La scuola dell infanzia dell IC 41 Console e situata nel quartiere Bagnoli in

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO LINGUA STRANIERA INGLESE 2014/2015

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO LINGUA STRANIERA INGLESE 2014/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE

CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE COMPETENZE CHIAVE EUROPEA: E considerato essenziale il raggiungimento di un livello di competenza comunicativo riconducibile al livello

Dettagli

LINGUE COMUNITARIE - INGLESE

LINGUE COMUNITARIE - INGLESE DISCIPLINA : LINGUE COMUNITARIE - INGLESE : CLASSE PRIMA SEC. 1 GR SEZ. POTENZIAMENTO INGLESE TRAGUARDI DI APPRENDIMENTO 1 (AL TERMINE DI : CL. 3^ sec. 1 gr ) I traguardi di apprendimento e le competenze

Dettagli

SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

SCUOLA MEDIA UNIFICATA PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER LA PRIMA LINGUA STRANIERA - INGLESE E necessario che all apprendimento delle lingue venga

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 grado. PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO Disciplina: lingua inglese. 3 o Anno

Scuola Secondaria di 1 grado. PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO Disciplina: lingua inglese. 3 o Anno Sezione 1 Scuola Secondaria di 1 grado PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO Disciplina: lingua inglese 3 o Anno Inquadramento generale [* Questa prima parte comprende i campi relativi alle informazioni generali

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

Istituto Comprensivo Arbe-Zara

Istituto Comprensivo Arbe-Zara Istituto Comprensivo Arbe-Zara S.M.S. FALCONE E BORSELLINO Viale Sarca - Milano A.S. 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI INGLESE DI LUISA MARIA ZUBELLI SITUAZIONE DELLA CLASSE CLASSE 3 C La classe è costituita

Dettagli

PROF... PORRINI LUCIA.. MATERIA: INGLESE...

PROF... PORRINI LUCIA.. MATERIA: INGLESE... PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF.... PORRINI LUCIA.. MATERIA: INGLESE... CLASSE 3 A T..P. DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA COMPRENSIONE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE Scuola Primaria / Secondaria I grado SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e

Dettagli

Se impariamo a conoscerci, se superiamo il disagio, se scopriamo l armonia della vita, prevenire è possibile. ( Vincenzo Masini)

Se impariamo a conoscerci, se superiamo il disagio, se scopriamo l armonia della vita, prevenire è possibile. ( Vincenzo Masini) Se impariamo a conoscerci, se superiamo il disagio, se scopriamo l armonia della vita, prevenire è possibile. ( Vincenzo Masini) Fin dalla premessa ai programmi della scuola Primaria e Secondaria si è

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA TRAGUARDI 1 ASCOLTARE, COMPRENDERE, COMUNICARE ORALMENTE ED ESPRIMERE GIUDIZI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA 2 LEGGERE,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ Anno scolastico 2007/2008 L educazione alla legalità ha trovato spazio nella progettazione della scuola secondaria di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Descrizione del profilo professionale dell Operatore dei Servizi Sociali.

Descrizione del profilo professionale dell Operatore dei Servizi Sociali. Descrizione del profilo professionale dell Operatore dei Servizi Sociali. L Operatore dei Servizi Sociali, con una specifica formazione professionale di carattere teorico e tecnico-pratico e nell ambito

Dettagli

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre ITALIANO (Voto numerico espresso in decimi e riportato in lettere) Prestare attenzione, comprendere e riferire i contenuti di

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2013/2014 CLASSE 1^ SEZ. G Indirizzo Liceo SCIENTIFICO Coordinatore

Dettagli

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Area dei linguaggi: ITALIANO o L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione), attraverso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI GENOVA. Programmazione di Lingue e Letteratura Inglese A.s. 2015-2016. Classe Prima

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI GENOVA. Programmazione di Lingue e Letteratura Inglese A.s. 2015-2016. Classe Prima LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI GENOVA Programmazione di Lingue e Letteratura Inglese A.s. 2015-2016 Classe Prima Obiettivi cognitivi, operativi e relazionali. Individuare un corretto metodo di lavoro

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE I - anno scol. 2015/2016

LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE I - anno scol. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE I - anno scol. 2015/2016 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTESI ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA 1. ASCOLTO (COMPRENSIONE ORALE) a) Acquisire una consapevolezza plurilinguistica e

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO Materia: ITALIANO Totale Abilità: 15 Competenza: 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti 1. 1.1 Comprendere

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE Nuclei fondanti Competenze Contenuti Abilità Metodologia e strumenti Ascolto Parlato Lettura Utilizzare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

PIANO DELLE UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Materia INGLESE

PIANO DELLE UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Materia INGLESE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Mons. Luigi Vitali Via XX Settembre, 4-23822 BELLANO (LC) Tel.: 0341 821420 Fax: 0341 810197 e-mail: lcic80500c@istruzione.it Classe III

Dettagli

CURRICOLO per i bambini di cinque anni Campo di esperienza: Il sé e l altro

CURRICOLO per i bambini di cinque anni Campo di esperienza: Il sé e l altro Campo di esperienza: Il sé e l altro Rafforzare e consolidare la propria identità Rafforzare la stima e la fiducia di sé Riconoscere di avere una storia personale e familiare Comprendere e rispettare le

Dettagli

ITALIANO. Indicazioni nazionali

ITALIANO. Indicazioni nazionali ITALIANO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo le proprie idee con testi orali e scritti, che siano sempre rispettosi delle idee degli altri. Egli

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli