DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ai sensi dell art. 6 dell Ordinanza ministeriale n 42 del 6 maggio CLASSE VI odontotecnico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ai sensi dell art. 6 dell Ordinanza ministeriale n 42 del 6 maggio 2011. CLASSE VI odontotecnico"

Transcript

1 ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO SANITARI GALVANI - IODI Reggio Emilia Via della Canalina, 21 Cap Tel. 0522/ / Fax Sito Internet: E mail: - Codice Fiscale: Prot. 1344/C3 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ai sensi dell art. 6 dell Ordinanza ministeriale n 42 del 6 maggio 2011 CLASSE VI odontotecnico ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1

2 INDICE 1 PROFILO PROFESSIONALE ODONTOTECNICO QUADRO ORARIO TRIENNIO DOCENTI quinto anno PROFILO DELLA CLASSE PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA/DIDATTICA CRITERI/STRUMENTI DI MISURAZIONE/VALUTAZIONE SIMULAZIONI DELLE PROVE D ESAME CONTENUTI E OBIETTIVI DISCIPLINARI ATTIVITÀ CURRICOLARI ED EXTRA-CURRICOLARI ALLEGATI

3 1 PROFILO PROFESSIONALE ODONTOTECNICO Il corso per Odontotecnici forma studenti provenienti da diverse province della regione e da quelle limitrofe.il Diplomato dell'indirizzo Servizi socio-sanitari, nell'articolazione Arti ausiliarie delle professioni sanitarie, Odontotecnico, possiede le competenze necessarie per predisporre, nel laboratorio odontotecnico, nel rispetto della normativa vigente, apparecchi di protesi dentaria, su modelli forniti da professionisti sanitari abilitati.è in grado di: applicare tecniche di ricostruzione impiegando in modo adeguato materiali e leghe per rendere il lavoro funzionale, apprezzabile esteticamente e duraturo nel tempo; osservare le norme giuridiche, sanitarie e commerciali che regolano l'esercizio della professione; dimostrare buona manualità e doti relazionali per interagire positivamente con i clienti; aggiornare costantemente gli strumenti di ausilio al proprio lavoro, nel rispetto delle norme giuridiche e sanitarie che regolano il settore. 2 QUADRO ORARIO TRIENNIO Settore ODONTOTECNICO Area comune III IV V ITALIANO STORIA LINGUA STRANIERA MATEMATICA RELIGIONE O MATERIA ALTERNATIVA EDUCAZIONE FISICA Area d indirizzo ANATOMIA, FISIOLOGIA E IGIENE 2 RAPPRESENTAZIONE E MODELLAZIONE 4 4 ODONTOTECNICA SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI E LABORATORIO GNATOLOGIA 2 3 ESERCITAZIONI PRATICHE DI LABORATORIO DIRITTO COMMERCIALE, LEGISLAZIONE SOCIALE E PRATICA COMMERCIALE 2 Totale ore DOCENTI quinto anno DOCENTE Silvia La Ferrara Silvia La Ferrara Francesca Melli Elisa Denti Alessandro Corsini Linda Arduini Giuseppina Bocciero Pierluigi Buratti Loretta Lamberti Giuliano Paglia Umberto Quadri Salvatore Corcione MATERIA Area comune ITALIANO STORIA LINGUA INGLESE MATEMATICA RELIGIONE O MATERIA ALTERNATIVA EDUCAZIONE FISICA Area d indirizzo SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI E LABORATORIO GNATOLOGIA ESERCITAZIONI PRATICHE DI LABORATORIO DIRITTO COMMERCIALE, LEGISLAZIONE SOCIALE E PRATICA COMMERCIALE 3

4 4 PROFILO DELLA CLASSE OMISSIS La classe è composta di 28 alunni; circa la metà ha condiviso un percorso regolare nei 5 anni, gli altri si sono inseriti man mano in virtù di accorpamenti e/o insuccessi scolastici.18 studenti su 28 non sono di madrelingua italiana e 13 non hanno frequentato la scuola primaria in Italia: il livello medio delle competenze linguistiche è peraltro estremamente vario e frammentario e ha condizionato non poco sia le discipline dell area comune sia quelle specifiche nelle quali l apprendimento del lessico professionale è risultato più difficoltoso rispetto alla media. L eterogeneità dei percorsi individuali e dei livelli cognitivi raggiunti in relazione agli obiettivi ha influito sullo svolgimento dell attività didattica sia nell area comune sia in quella di indirizzo, limitando le possibilità di approfondimento e rielaborazione dei contenuti proposti. Altre difficoltà sono imputabilialla frequenza irregolare di un buon numero di alunni (7), causata da motivi di salute e/o familiari, dalla debole motivazione allo studio e dall insufficiente autonomia organizzativa e metodologica.la realtà descritta ha penalizzato in particolare quegli alunni che, pur dimostrando impegno nel lavoro scolastico, avrebbero avuto bisogno di essere sostenuti nel consolidamento del loro metodo di studio. Solo pochissimi alunni hanno raggiunto una preparazione complessivamente esauriente e sicura, dimostrando discrete capacità di ragionamento logico e buon metodo di studio. Buona parte della classe ha dimostrato impegno poco adeguato al raggiungimento degli obiettivi, scarsa partecipazione e interesse.sono stati pertanto effettuati, a partire dal mese di settembre fino al mese di aprile, corsi di recupero e/o sportelli didattici nelle seguenti discipline: matematica, inglese, scienze dei materiali, gnatologia. In tutte le discipline sono stati regolarmente effettuati recuperi in itinere.durante tutto l anno scolastico si è proceduto a un lavoro di riflessione critica sugli argomenti proposti nelle diverse discipline al fine di guidare i ragazzi a un metodo di studio più ragionato ed efficace e non mnemonico.con riferimento al profilo professionale, quasi tutti gli alunni sono comunque in grado di gestire autonomamente le procedure di realizzazione dei diversi manufatti protesici e hanno sfruttato positivamente le esperienze di stage per consolidare la loro preparazione in vista dell inserimento nel mondo del lavoro o della prosecuzione degli studi. Nel corso dell anno si sono svolte simulazioni delle prove d esame con risultati nel complesso poco soddisfacenti. L attività di stage si è svolta durante l anno scolastico presso laboratori disponibili ed è stata effettuata secondo le norme e con esito positivo. Il supporto delle famiglie è stato pressoché assente. 5 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA/DIDATTICA A) OBIETTIVI FORMATIVI 1. IMPEGNO (senso di responsabilità e autonomia) L alunno: Conosce e rispetta il regolamento di istituto Organizza autonomamente il proprio lavoro scolastico Svolge puntualmente le attività proposte dagli insegnanti, sia in classe che a casa Organizza ed utilizza regolarmente per la sua preparazione appunti e materiali delle lezioni 2. PARTECIPAZIONE (autocontrollo e flessibilità) L alunno: Fornisce un contributo attivo e critico alle lezioni, esprimendo le proprie valutazioni e confrontandosi con quelle degli altri Partecipa in modo costruttivo alla soluzione dei problemi Adegua i propri comportamenti in relazione alle diverse situazioni 3. STRATEGIE IN RELAZIONE AGLI OBIETTIVI FORMATIVI Promuovere la discussione e il confronto, facendo rispettare le modalitàstabilite Favorire la rielaborazione e la creatività individuale Organizzare le attività didattiche in modo che gli alunni siano coinvolti attivamente, sotto il profilo cognitivo ed emotivo Controllare e valutare con regolarità il lavoro assegnato Proporre agli alunni o costruire con loro schemi di sintesi dei moduli affrontati 4. STRUMENTI 4

5 Libro di testo (non per italiano) Laboratorio di odontotecnica Laboratorio CadCam Laboratorio multimediale LIM. B) OBIETTIVI COGNITIVI 1. Si rimanda agli obiettivi presenti nella programmazione modulare di tutte le discipline. 2. METODI Didattica modulare per obiettivi Didattica per problemi e progetti Lezione frontale breve che espliciti contenuti essenziali ed esemplifichi modalità di lavoro Lavoro guidato per la rielaborazione dei dati e dei contenuti proposti Recupero di unità didattiche in orario curricolare, oppure mediante corsi e/o sportelli didattici Uso del laboratorio multimediale per ricerche, relazioni, approfondimenti Collegamenti interdisciplinari, con particolare riferimento alle discipline dell area professionalizzante 3. STRATEGIE Articolare il percorso in moduli brevi Predisporre schemi e materiali semistrutturati di analisi/sintesi/confronto per consolidare le competenze logiche trasversali e fornire modelli metodologici di sistemazione delle conoscenze Utilizzare conoscenze e contributi di altre discipline per il confronto e l interpretazione dei dati Assegnare tempi precisi per gli interventi e le attività Utilizzare fonti alternative al testo per la raccolta dati e l approfondimento Fornire modelli per una produzione scritta e orale efficace e fare esercitare gli alunni al riguardo, con particolare attenzione ai collegamenti interdisciplinari Fare verifiche frequenti e di diversa tipologia. 5

6 6 CRITERI/STRUMENTI DI MISURAZIONE/VALUTAZIONE La valutazione è in relazione agli obiettivi che scaturiscono dalla programmazione del consiglio di classe e dei gruppi di materia e considera l allievo come soggetto attivo del processo. Valutazione formativa Avviene durante il processo di apprendimento, consentendo di intervenire tempestivamente per correggere o rimodulare l impostazione dell attività didattica, in relazione alle esigenze di apprendimento degli allievi. Valutazione sommativa Avviene al termine di ogni fase di programmazione (moduli/unità) per misurare in modo aggregato l apprendimento, in relazione agli obiettivi del sapere e saper fare specifici di ciascuna tappa del percorso. Le prove di verifica sono di varia tipologia (strutturate, semistrutturate, interrogazioni orali su argomenti di una certa ampiezza, analisi e/o risoluzione di testi e/o problemi teorici e pratici, redazione di testi funzionali a specifici obiettivi, quali saggi brevi, relazioni, articoli, produzione di manufatti e applicazione di procedure) ed esse verificano di volta in volta il sapere, il saper fare o entrambi gli obiettivi, che vengono esplicitati agli allievi in occasione della prova stessa, unitamente ai criteri di misurazione/valutazione specifici della prova. Per quanto riguarda la misurazione delle prove strutturate e semistrutturate, viene stabilito il punteggio per ciascuna domanda, e si traduce il punteggio totale di ciascun allievo in misurazione del livello della prova. Il livello della sufficienza viene posto al 60 o 70%, a seconda della difficoltà della medesima e della realtà della classe. Per quanto riguarda la produzione di testi/manufatti autonomi, si procede alla costruzione di una griglia, in base al percorso svolto ed alla tipologia del lavoro assegnato, secondo una serie di indicatori, con relativi livelli. Per ciò che concerne i colloqui orali, si utilizza una griglia, secondo una serie di indicatori (conoscenza dei temi oggetto del colloquio, capacità di stabilire relazioni, di analizzare e rielaborare autonomamente, di esporre con efficacia e proprietà). Valutazione periodica e finale Premesso che essa tiene conto delle conoscenze e competenze acquisite dall allievo nell ultimo anno del corso di studi, delle sue capacità critiche ed espressive e dell impegno dimostrato nel consolidare la propria preparazione e nel colmare eventuali lacune, nonché delle competenze da questi maturate nell area professionalizzante, alla luce delle esperienze svolte in tale ambito, si esplicitano di seguito i parametri di riferimento per la valutazione: Voto 9/10: l allievo sa organizzare un discorso con competenza, correlando riferimenti culturali a riflessioni critiche, sa esprimersi con proprietà e ricchezza di linguaggio, sa essere originale ed autonomo nella scelta degli argomenti e nella loro rielaborazione; Voto 8: l allievo dimostra di possedere conoscenze approfondite e di saperle gestire autonomamente; si esprime con sicurezza, coerenza e proprietà; Voto 7: l allievo è in possesso delle conoscenze fondamentali ed è in grado di servirsene correttamente, esponendole in modo coerente ed ordinato, tendendo però talvolta ad una semplificazione delle questioni e/o applicazioni; Voto 6: l allievo ha acquisito le principali conoscenze e competenze, pur con qualche inesattezza; è talora insicuro nelle applicazioni e nell utilizzo autonomo del lessico specifico; Voto 5: l allievo ha una conoscenza frammentaria e/o imprecisa dei contenuti fondamentali e non è sempre in grado di procedere autonomamente alle applicazioni richieste; Voto 4: l allievo, per la mancanza delle conoscenze e competenze minime, non è in grado di passare alla fase applicativa e di utilizzare gli strumenti concettuali e lessicali delle discipline. 6

7 7 SIMULAZIONI DELLE PROVE D ESAME Nel corso dell anno sono state effettuate: una simulazione della prova orale (iniziando da un argomento scelto dallo studente tra quelli del sito visitabile al link https://sites.google.com/a/galvaniiodi.it/lavorare-stanca/) due simulazioni di prima prova, con modalità e caratteristiche simili a quelle della prova d esame due simulazioni di seconda prova, con modalità e caratteristiche simili a quelle della prova d esame due simulazioni di terza prova, realizzate coinvolgendo le quattro discipline d esame e organizzate secondo la seguente tipologia: a. 2 quesiti per disciplina a risposta aperta b. 4 quesiti per disciplina a risposta multipla Si allegano le prove e le griglie di valutazione utilizzate. 8 CONTENUTI E OBIETTIVI DISCIPLINARI (per i programmi dettagliati e il loro svolgimento si rimanda agli allegati preparati dai singoli docenti) AREA COMUNE RELIGIONE Modulo 1: Il Grande bene della pace, sfida del nostro tempo Modulo 2: Il tema dell integrazione sociale ed il ruolo fondamentale della spiritualità per la sua realizzazione. Cineforum: Freedom Writers. Modulo 3: La Famiglia, bene prezioso per il singolo e per la società. Cineforum: The Family Man. L importanza di un progetto di vita Modulo 4: Bioetica: la fecondazione medicalmente assistita. Le metodiche e i valori coinvolti Modulo 5: Temi dell antropologia cristiana: gli insegnamenti contenuti in Gen.1-3; la libertà: diritto e conquista dell uomo. Conoscere i concetti fondamentali sui quali si lavora e gli elementi costitutivi le situazioni prese in esame. Distinguere l azione della ragione e l atto della fede, ed insieme riconoscere il loro continuo richiamarsi ed integrarsi. Collegare i concetti studiati alle esperienze della vita interiore e della vita sociale alle quali fanno riferimento. Elaborare una personale valutazione motivata circa i contenuti studiati. Confrontare le proprie valutazioni con quelle degli altri con atteggiamento insieme aperto e critico. Sviluppare un maturo senso critico e un personale progetto di vita, riflettendo sulla propria identità nel confronto con il messaggio cristiano, aperto all esercizio della giustizia e della solidarietà in un contesto multiculturale; Cogliere la presenza e l incidenza del cristianesimo nelle trasformazioni storiche prodotte dalla cultura del lavoro e della professionalità; Utilizzare consapevolmente le fonti autentiche del cristianesimo, interpretandone correttamente i contenuti nel quadro di un confronto aperto al mondo del lavoro e della professionalità. 7

8 ITALIANO E STORIA UdA 1: SPEAKER S CORNER programmare, costruire e valutare esposizioni orali di argomento libero e tecnico-scientifico (relazioni di stage e di laboratorio) UdA 2: UNA LINGUA ARDITA E LIBERA evoluzione della parola poetica e della forma romanzo nella letteratura italiana tra Ottocento e Novecento (sito Internet/ipertesto on line) UdA 3: LAVORARE STANCA (sito Internet/ipertesto on line) ITALIANO Principali linee di tendenza culturale e artistica della letteratura italiana postunitaria. Confronto con alcuni prodotti musicali e delle arti figurative. Analisi guidata di alcuni passi e rielaborazione individuale o a piccolo gruppo di testi dei seguenti autori: POESIA: G. Leopardi, G. Pascoli, G. D Annunzio, G. Ungaretti, S. Quasimodo, E. Montale, C. Pavese PROSA: G. Verga, I. Svevo, L. Pirandello, I. Calvino, N. Balestrini STORIA Principali eventi socio-culturali di fine Ottocento e del Novecento. Breve storia delle mafie del lavoro dall unità d Italia a oggi. ITALIANO/STORIA Utilizzare le principali strutture e funzioni della comunicazione orale. Utilizzare le risorse on-line per accompagnare/illustrare/validare la comunicazione. Individuare, analizzare e comprendere le principali strutture logico-sintattiche, la terminologia e lo stile della poesia e della narrativa italiana post-unitaria e contemporanea. Riscrivere e approfondire. Ricercare e selezionare informazioni da fonti scritte, iconografiche. Utilizzare dizionari, editare testi. ITALIANO/STORIA Comunicare tenendo conto dello scopo, del contesto, dei destinatari. Comprendere e contestualizzare testi poetici e narrativi. Rielaborare i testi letti per progettare e realizzare una breve sintesi culturale. Tematizzare i principali eventi dalla fine dell Ottocento a oggi in un percorso storico-letterariolinguistico. Progettare e realizzare un sito/ipertesto con approfondimenti testuali, iconografici e video. Sviluppare progetti tramite il lavoro di gruppo. Apprendere per scoperta e costruire il proprio apprendimento, utilizzando in modo efficace gli strumenti di studio e alcuni tools tecnologici. INGLESE Modulo 1: passive form Modulo 2: will, be going to, present simple, present continuous, as futures Modulo 3: present perfect continuous vs present perfect simple Modulo 4: modal verbs Modulo 5: fixed prosthesis Modulo 6: fixed and removable prosthesis Modulo 7: mechanical properties Modulo 8: plaster, dental waxis, investment materials 8

9 Modulo 9: Oscar Wilde and the Victorian age Consolidare ed estendere l apprendimento delle strutture grammaticali della lingua straniera Ampliare il lessico di base, anche in riferimento alla microlingua settoriale Utilizzare adeguatamente il lessico in situazione Comprendere conversazioni reali o su nastro di relativa complessità Comprendere testi di varia natura e complessità Produrre brevi testi riassuntivi e descrittivi anche di microlingua, utilizzando le strutture grammaticali ed il lessico in modo corretto, appropriato ed efficace. MATEMATICA Modulo 1: ripasso (disequazioni) Modulo 2: funzioni Modulo 3: limiti delle funzioni e calcolo relativo;asintoti e continuità Modulo 4: derivate e applicazioni Modulo 5: studio di una funzione ed analisi di grafico assegnato Conoscere le definizioni, le regole, le proprietà, i simboli, le tecniche e le sequenze operative Mettere in relazione il linguaggio naturale e il linguaggio specifico, spiegare e interpretare il significato dei termini, produrre esempi e riconoscere gli errori, individuare i dati iniziali e gli obiettivi di un problema Utilizzare regole, proprietà e modelli, progettare strategie risolutive,rappresentare graficamente dati Riconoscere e classificare le funzioni, individuare le relazioni fra i dati analitici e le rappresentazioni grafiche e, viceversa, analizzare situazioni grafiche e dedurne proprietà analitiche Analizzare dati e interpretarli anche con l ausilio di rappresentazioni grafiche DIRITTO Modulo 1 : l imprenditore, l impresa e il sistema economico Modulo 2 : la figura dell imprenditore agricolo, commerciale, il piccolo imprenditore e la concorrenza Modulo 3: le società e il beneficio della responsabilità limitata Modulo 4: il fallimento Modulo 5: i contratti dell imprenditore Modulo 6: legislazione socio-sanitaria Conoscere le principali categorie del diritto commerciale Conoscere le regole generali di funzionamento di un sistema economico Essere in grado di consultare le principali fonti del diritto 9

10 Utilizzare ed applicare correttamente il linguaggio giuridico Comprendere i meccanismi basilari di funzionamento della nostra società da un punto di vista economico EDUCAZIONE FISICA Modulo 1: allenamento alla coordinazione neuromuscolare. Modulo 2: potenziamento generale dei principali distretti corporei Modulo 3: allenamento mobilità articolare Modulo 4: giochi sportivi e non Modulo 5: primo soccorso Conoscere le principali caratteristiche tecnico-tattiche degli sport praticati Conoscere le norme elementari di comportamento al fine della prevenzione degli infortuni Praticare sport individuali e di squadra. Comprendere le attività che allenano le capacità condizionali quali forza, velocità, resistenza e mobilità articolare Comprendere le attività che allenano capacità coordinative spazio temporali, lateralità, equilibrio statico e dinamico AREA DI INDIRIZZO GNATOLOGIA Modulo 1: patologie cellulari Modulo 2: implantologia Modulo 3: caratteri generali delle protesi fisse Modulo 4: biomeccanica della protesi totale mobile Modulo 5: biomeccanica della protesi mobile parziale Modulo 6: ortognatodonzia conoscere e comprendere gli elementi di base della disciplina, con particolare riferimento alla fisiopatologia dello stomatognatico e ai sistemi riabilitativi protesici usati in campo odontoiatrico conoscere la terminologia scientifica propria della disciplina riconoscere e classificare i principali strumenti protesici condurre in modo chiaro, logicamente e concettualmente ordinato la comunicazione, con efficace riutilizzo del lessico specifico SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI Modulo 1: materiali ceramici, da rivestimento, 10

11 Modulo 2: ceramica e metallo-ceramica, Modulo 3: materie plastiche, resine sintetiche per protesi Modulo 4: leghe nobili e non nobili per metallo-resina e metallo-ceramica Modulo 5: materiali da impronta, gessi cere, rivestimenti per fusione Modulo 6: corrosione, effetti elettrolitici nel cavo orale e per l organismo conoscere e comprendere composizione, struttura, proprietà dei materiali conoscere e comprendere le fasi esecutive della costruzione di protesi e le caratteristiche delle attrezzature impiegate conoscere e comprendere i metodi operativi di studio e misurazione delle proprietà meccaniche e tecnologiche dei materiali valutare i risultati di lavorazione e riconoscere i difetti di produzione comprendere e avvalersi delle schede tecniche dei materiali saper leggere organicamente le conoscenze acquisite in funzione della costruzione di manufatti condurre in modo chiaro, logicamente e concettualmente ordinato la comunicazione, con efficace riutilizzo del lessico specifico interagire con l odontoiatra in merito alla corretta scelta dei materiali e alla progettazione della protesi ESERCITAZIONI PRATICHE DI LABORATORIO Modulo 1: metallo-ceramica: tecniche di ceratura, fusioni, ceramica Modulo 2: progettazione ed esecuzione di protesi combinata Modulo 3: placca ortodontica di base Modulo 4: tecniche di realizzazione protesi con sistema Cad/Cam conoscere comportamenti, procedure e dispositivi d igiene e sicurezza, nomenclatura delle attrezzature e utensili,sequenze operative; comprendere il funzionamento delle attrezzature, le caratteristiche dell utilizzo di materiali specifici digitalizzazione dei processi produttivi far uso di materiale conosciuto e risolvere nuovi problemi acquisire autonomia operativa potenziare le abilità di base nella modellazione realizzare manufatti dalla qualità compatibile con le caratteristiche previste progettazione e modellazione di protesi fisse singole e a ponte realizzare manufatti protesici in autonomia con procedure analogiche e digitali. 11

12 9 ATTIVITÀ CURRICOLARI ED EXTRA-CURRICOLARI STAGE: Nel corso del 4 e 5 anno gli alunni hanno sperimentato l inserimento in concrete esperienze di lavoro, sotto forma di STAGE per un totale di ore alunni hanno svolto lo stage alternanza scuola lavoro estivo a Malta, 1 in Spagna. VALUTAZIONE DELLO STAGE: con griglia di correzione preparata dal tutor/docente scolastico, le schede compilate dal titolare del laboratorio odontotecnico o da un suo referente, allegate alla convenzione, relazione orale con supporto digitale. OBIETTIVI STAGE: rispetto impegni assunti rispetto delle regole rispetto degli orari potenziamento del senso di responsabilità pianificazione del proprio impegno settimanale miglioramento delle capacità tecnico-pratiche e relazionali comprensione della realtà lavorativa e dell impresa odontotecnica. Orientamento scolastico Gli studenti hanno ricevuto le informazioni necessarie per poter partecipare autonomamente alle Giornate di orientamento promosse dalle Università, con particolare riferimento a quelle di Modena e Reggio. Viaggi d istruzione Il viaggio di istruzione di gg.4 ha avuto come meta Barcellona e si è svolto nell aprile Gli studenti hanno visitato la Sagrada Familla di Gaudì, il Museo Mirò e il Museo Picasso. Attività formative promosse dalla scuola - visita a Expodent, Milano - partecipazione alla fiera degli Amici di Brugg a Rimini - visita alla mostra La guerra che verrà non è la prima, c/o MART Rovereto e alle trincee della Grande guerra; - rappresentazione teatrale O. Wilde, An ideal husband (in lingua originale) - partecipazione al convegno Ma la guerra no. L epica ritrovata di Mario e Fermo, Sala del Tricolore, 28/02/ alcuni studenti hanno lavorato con continuità (durante alcune ore curricolari e con un rientro pomeridiano) al Progetto CONVENZIONE PROTESI DENTARIE con AUSL e Caritas. Questa attività realizza protesi dentali fisse, mobili, totali e/o parziali gratuite per persone che non sarebbero in grado di pagarle e, al di là della rilevanza sociale che ha acquisito, si configura come progetto d eccellenza perché accompagna gli studenti nella produzione di protesi reali per l odontoiatra dell AUSL. Gli studenti coinvolti (Zogu, Gijni, Di Palma, Parrino, Gianninoto, Serejnicov, Likhollari) hanno dimostrato di comprendere l alto valore civico e professionale dell opportunità offerta loro, partecipando con entusiasmo e un impegno di ore. 10 ALLEGATI Programmi dettagliati e relazioni di ciascuna disciplina Testi della simulazioni di prima prova Testi delle simulazioni di terza prova Testi della simulazioni di seconda prova Griglia di valutazione prima prova Griglia di valutazione seconda prova Griglia di valutazione terza prova Griglia di valutazione colloquio 12

13 INDICE Il consiglio di classe: Prof.ssa Giuseppina Bocciero (scienze dei materiali dentali) Prof. Pierluigi Buratti (scienze dei materiali dentali) Prof. Salvatore Corcione (diritto) Prof. Alessandro Corsini (religione) Prof. Elisa Denti (matematica) Prof. Silvia La Ferrara (italiano-storia) e coordinatore di classe Prof.ssa Loretta Lamberti (gnatologia) Prof. Francesca Melli (inglese) Prof. Giuliano Paglia (esercitazioni pratiche di laboratorio od.) Prof. Umberto Quadri (esercitazioni pratiche di laboratorio od.) Prof. Linda Arduini (educazione fisica) Il Dirigente scolastico Reggio Emilia _ 13

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V sez. B corso Odontotecnico Redatto il 10/05/2013 Anno scolastico 2012/2013 1 ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI SOCIALI GALILEO GALILEI DI ORISTANO CLASSE 5 A ODONTOTECNICO

Dettagli

Bozza 6 settembre 2011

Bozza 6 settembre 2011 ARTICOLAZIONE: ARTI AUSILIARIE DELLE PROFESIONI SANITARIE - ODONTOTECNICO Disciplina: ANATOMIA FISIOLOGIA IGIENE il docente di Anatomia Fisiologia Igiene concorre a far conseguire allo studente, al termine

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA CARATTERI E FINALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano

Dettagli

4.1 Novità e caratteristiche

4.1 Novità e caratteristiche 34 4.1 Novità e caratteristiche Gli istituti professionali fanno parte a pieno titolo del sistema di istruzione assieme ai licei e agli istituti tecnici e si distinguono nettamente da questi ultimi, perché

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

Certificazione ISO 9001-2008 n. 6849

Certificazione ISO 9001-2008 n. 6849 I.P.S.I.A. F. LAMPERTICO Indirizzo Manutenzione e Assistenza Tecnica AREA MECCANICO - TERMICA Opzione Apparati Impianti e Servizi Tecnici Industriali e Civili AREA ELETTRICO - ELETTRONICA Indirizzo Servizi

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

Consiglio della classe 3A Piano di lavoro annuale

Consiglio della classe 3A Piano di lavoro annuale Istituto comprensivo Como-Prestino-Breccia Scuola secondaria di primo grado A.Moro Consiglio della classe 3A Piano di lavoro annuale a.s. 2014-2015 Presentazione della classe La classe 3 A è composta da

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: DIRITTO CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI INGLESE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI INGLESE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.P.I.A. sezione Odontotecnici RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI INGLESE A.S. 2013/2014 CLASSE 5 a Odontotecnico

Dettagli

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano 1 Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano Rispetto della traccia e della tipologia testuale 10 9 8 7 6 5 4 Seguita in maniera pertinente e completa in tutte le sue richieste Seguita in

Dettagli

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1 Pag 1 di 6 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. Tel. 085-8001757- Fax 085-8028562 - C.F.91041900670

Dettagli

FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA. RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA. Autore Codice Titolo e Percorso Pagina

FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA. RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA. Autore Codice Titolo e Percorso Pagina I.I.S. Istituto Istruzione Superiore A.Volta LIBRETTO delle GRIGLIE di VALUTAZIONE PROPOSTO APPROVATO FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA Il presente documento è stato

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD TITOLO DELL ATTIVITA 1 Do you click clever? ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTI SILVIA BENONI (arte) MICHELE BERTOLDO (matematica) ELISABETTA DANZI/ ILARIA SIMONCELLI

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Elisabetta

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO Prof. Forlin Maria Nives Economia Politica 3^ AEM AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE MINISTERO DELL ISTRUZIONE. DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE L. MANARA 00152 ROMA VIA BASILIO BRICCI, 4 Fax 06/67663900Tel. 06/121127825 XXIV

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PRIMO BIENNIO

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER IL TURISMO "ANTONIO BORDONI" Via S. Carlo,2-27100 PAVIA Tel 038222243 Fax 038225313 P O F.

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER IL TURISMO ANTONIO BORDONI Via S. Carlo,2-27100 PAVIA Tel 038222243 Fax 038225313 P O F. P O F Bordoni sommario 1. PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO Indirizzo di studio e figura professionale Elementi caratterizzanti il P.O.F. 2. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Composizione classe Composizione del consiglio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE TERZE CLASSI ODONTOTECNICA

PROGRAMMAZIONE TERZE CLASSI ODONTOTECNICA PROGRAMMAZIONE TERZE CLASSI ODONTOTECNICA Competenza finale Utilizzare le tecniche di lavorazione necessarie a costruire tutti i tipi di protesi: provvisoria, fissa e mobile applicare le conoscenze di

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ I Docenti della Disciplina Salerno, lì 10/11 settembre 2013 Finalità

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE

TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE a.s.2013/2014 TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE indirizzo: Tecnico della Grafica e della comunicazione TEORIE DELLA COMUNICAZIONE: Classi terze tecnico grafico TEORIE DELLA COMUNICAZIONE: Non ancora

Dettagli

Normativa di riferimento. Contesto attuale

Normativa di riferimento. Contesto attuale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SILVANO FEDI Via Panconi, 39-51100 - PISTOIA (ITALIA) Tel. +39 0573 37211 FAX.+39 0573 372121 Web: www.itisfedi.pt.it E-Mail :mailto:posta@itisfedi.pt.it Progetto di

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI Ed. Fisica / Scienze Motorie Asse* Linguistico Materia Ed. Fisica / Scienze motorie COORDINATORE/I Prof. Massimo Cinquetti 1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Imparare ad

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO Karol Wojtyla Classe: Disciplina: TECNOLOGIA Prof.ssa Mariani Paola PROGRAMMAZIONE

Dettagli

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re COMPETENZE E INSEGNAMENTO Dott.ssa Franca Da Re UN TENTATIVO DI DEFINIZIONE INTEGRATO INTEGRAZIONE DI CONOSCENZE E ABILITA DI TIPO COGNITIVO, PERSONALE, SOCIALE, RELAZIONALE PER SVOLGERE UN ATTIVITA E

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTI: Faini- Zocca- Serra

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009-10 Contratto Formativo Individuale Classe 3 Sez H Docente: Prof.ssa Piangiarelli Sandra 1. ANALISI DELLA CLASSE: (dare delle definizioni in termini

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

Ampliare le capacità coordinative e condizionali, realizzando schemi motori complessi utili ad affrontare attività motorie e sportive.

Ampliare le capacità coordinative e condizionali, realizzando schemi motori complessi utili ad affrontare attività motorie e sportive. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LICEO STATALE G.TARANTINO Gravina in Puglia (BA) A.S. 2014-2015 Il Dipartimento, approfondendo le tematiche che fanno riferimento alla

Dettagli

Classe Quinta sez. M CORSO SERALE SPECIALIZZAZIONE INFORMATICA

Classe Quinta sez. M CORSO SERALE SPECIALIZZAZIONE INFORMATICA Ministero dell Istruzione, dell Universita e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio I.T.I.S. E.FERMI - ROMA Via Trionfale n. 8737 - RMTF040002 DOCUMENTO FINALE A.S. 2014-2015 CLASSE V

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

Quadro orario settimanale DISCIPLINE

Quadro orario settimanale DISCIPLINE INDIRIZZO SERVIZI SOCIO-SANITARI - ARTICOLAZIONE ARTI AUSILIARIE DELLE PROFESSIONI SANITARIE OTTICO A conclusione del percorso quinquennale, il diplomato nell articolazione Ottico è capace di: 1. Realizzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina:Educazione fisica Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. A.S.2014-2015 Docente:CARLOTTO MONICA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe 1^A è numerosa, vivace e partecipe anche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011 / 2012 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LINGUA

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 PROFILO GENERALE E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

ANNO SCOLASTICO: 2014/2015

ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 Denominazione Scuola IISS Oreste Del Prete DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E LETTERE GRUPPO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO: 201/2015 DOCENTE REFERENTE: Di Viggiano Vito DOCENTI: Costanza Egidia Di Viggiano Vito

Dettagli

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO "E. da Rotterdam Via Giovanni XXIII, 8-20080 - Cisliano (MI) C.M.: MIIC86900D Tel / Fax 02 9018574 e-mail: info@albaciscuole.it Internet: www.albaciscuole.it PIANO DI STUDIO Anno Scolastico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli