DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ai sensi dell art. 6 dell Ordinanza ministeriale n 42 del 6 maggio CLASSE VI odontotecnico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ai sensi dell art. 6 dell Ordinanza ministeriale n 42 del 6 maggio 2011. CLASSE VI odontotecnico"

Transcript

1 ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO SANITARI GALVANI - IODI Reggio Emilia Via della Canalina, 21 Cap Tel. 0522/ / Fax Sito Internet: E mail: - Codice Fiscale: Prot. 1344/C3 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ai sensi dell art. 6 dell Ordinanza ministeriale n 42 del 6 maggio 2011 CLASSE VI odontotecnico ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1

2 INDICE 1 PROFILO PROFESSIONALE ODONTOTECNICO QUADRO ORARIO TRIENNIO DOCENTI quinto anno PROFILO DELLA CLASSE PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA/DIDATTICA CRITERI/STRUMENTI DI MISURAZIONE/VALUTAZIONE SIMULAZIONI DELLE PROVE D ESAME CONTENUTI E OBIETTIVI DISCIPLINARI ATTIVITÀ CURRICOLARI ED EXTRA-CURRICOLARI ALLEGATI

3 1 PROFILO PROFESSIONALE ODONTOTECNICO Il corso per Odontotecnici forma studenti provenienti da diverse province della regione e da quelle limitrofe.il Diplomato dell'indirizzo Servizi socio-sanitari, nell'articolazione Arti ausiliarie delle professioni sanitarie, Odontotecnico, possiede le competenze necessarie per predisporre, nel laboratorio odontotecnico, nel rispetto della normativa vigente, apparecchi di protesi dentaria, su modelli forniti da professionisti sanitari abilitati.è in grado di: applicare tecniche di ricostruzione impiegando in modo adeguato materiali e leghe per rendere il lavoro funzionale, apprezzabile esteticamente e duraturo nel tempo; osservare le norme giuridiche, sanitarie e commerciali che regolano l'esercizio della professione; dimostrare buona manualità e doti relazionali per interagire positivamente con i clienti; aggiornare costantemente gli strumenti di ausilio al proprio lavoro, nel rispetto delle norme giuridiche e sanitarie che regolano il settore. 2 QUADRO ORARIO TRIENNIO Settore ODONTOTECNICO Area comune III IV V ITALIANO STORIA LINGUA STRANIERA MATEMATICA RELIGIONE O MATERIA ALTERNATIVA EDUCAZIONE FISICA Area d indirizzo ANATOMIA, FISIOLOGIA E IGIENE 2 RAPPRESENTAZIONE E MODELLAZIONE 4 4 ODONTOTECNICA SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI E LABORATORIO GNATOLOGIA 2 3 ESERCITAZIONI PRATICHE DI LABORATORIO DIRITTO COMMERCIALE, LEGISLAZIONE SOCIALE E PRATICA COMMERCIALE 2 Totale ore DOCENTI quinto anno DOCENTE Silvia La Ferrara Silvia La Ferrara Francesca Melli Elisa Denti Alessandro Corsini Linda Arduini Giuseppina Bocciero Pierluigi Buratti Loretta Lamberti Giuliano Paglia Umberto Quadri Salvatore Corcione MATERIA Area comune ITALIANO STORIA LINGUA INGLESE MATEMATICA RELIGIONE O MATERIA ALTERNATIVA EDUCAZIONE FISICA Area d indirizzo SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI E LABORATORIO GNATOLOGIA ESERCITAZIONI PRATICHE DI LABORATORIO DIRITTO COMMERCIALE, LEGISLAZIONE SOCIALE E PRATICA COMMERCIALE 3

4 4 PROFILO DELLA CLASSE OMISSIS La classe è composta di 28 alunni; circa la metà ha condiviso un percorso regolare nei 5 anni, gli altri si sono inseriti man mano in virtù di accorpamenti e/o insuccessi scolastici.18 studenti su 28 non sono di madrelingua italiana e 13 non hanno frequentato la scuola primaria in Italia: il livello medio delle competenze linguistiche è peraltro estremamente vario e frammentario e ha condizionato non poco sia le discipline dell area comune sia quelle specifiche nelle quali l apprendimento del lessico professionale è risultato più difficoltoso rispetto alla media. L eterogeneità dei percorsi individuali e dei livelli cognitivi raggiunti in relazione agli obiettivi ha influito sullo svolgimento dell attività didattica sia nell area comune sia in quella di indirizzo, limitando le possibilità di approfondimento e rielaborazione dei contenuti proposti. Altre difficoltà sono imputabilialla frequenza irregolare di un buon numero di alunni (7), causata da motivi di salute e/o familiari, dalla debole motivazione allo studio e dall insufficiente autonomia organizzativa e metodologica.la realtà descritta ha penalizzato in particolare quegli alunni che, pur dimostrando impegno nel lavoro scolastico, avrebbero avuto bisogno di essere sostenuti nel consolidamento del loro metodo di studio. Solo pochissimi alunni hanno raggiunto una preparazione complessivamente esauriente e sicura, dimostrando discrete capacità di ragionamento logico e buon metodo di studio. Buona parte della classe ha dimostrato impegno poco adeguato al raggiungimento degli obiettivi, scarsa partecipazione e interesse.sono stati pertanto effettuati, a partire dal mese di settembre fino al mese di aprile, corsi di recupero e/o sportelli didattici nelle seguenti discipline: matematica, inglese, scienze dei materiali, gnatologia. In tutte le discipline sono stati regolarmente effettuati recuperi in itinere.durante tutto l anno scolastico si è proceduto a un lavoro di riflessione critica sugli argomenti proposti nelle diverse discipline al fine di guidare i ragazzi a un metodo di studio più ragionato ed efficace e non mnemonico.con riferimento al profilo professionale, quasi tutti gli alunni sono comunque in grado di gestire autonomamente le procedure di realizzazione dei diversi manufatti protesici e hanno sfruttato positivamente le esperienze di stage per consolidare la loro preparazione in vista dell inserimento nel mondo del lavoro o della prosecuzione degli studi. Nel corso dell anno si sono svolte simulazioni delle prove d esame con risultati nel complesso poco soddisfacenti. L attività di stage si è svolta durante l anno scolastico presso laboratori disponibili ed è stata effettuata secondo le norme e con esito positivo. Il supporto delle famiglie è stato pressoché assente. 5 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA/DIDATTICA A) OBIETTIVI FORMATIVI 1. IMPEGNO (senso di responsabilità e autonomia) L alunno: Conosce e rispetta il regolamento di istituto Organizza autonomamente il proprio lavoro scolastico Svolge puntualmente le attività proposte dagli insegnanti, sia in classe che a casa Organizza ed utilizza regolarmente per la sua preparazione appunti e materiali delle lezioni 2. PARTECIPAZIONE (autocontrollo e flessibilità) L alunno: Fornisce un contributo attivo e critico alle lezioni, esprimendo le proprie valutazioni e confrontandosi con quelle degli altri Partecipa in modo costruttivo alla soluzione dei problemi Adegua i propri comportamenti in relazione alle diverse situazioni 3. STRATEGIE IN RELAZIONE AGLI OBIETTIVI FORMATIVI Promuovere la discussione e il confronto, facendo rispettare le modalitàstabilite Favorire la rielaborazione e la creatività individuale Organizzare le attività didattiche in modo che gli alunni siano coinvolti attivamente, sotto il profilo cognitivo ed emotivo Controllare e valutare con regolarità il lavoro assegnato Proporre agli alunni o costruire con loro schemi di sintesi dei moduli affrontati 4. STRUMENTI 4

5 Libro di testo (non per italiano) Laboratorio di odontotecnica Laboratorio CadCam Laboratorio multimediale LIM. B) OBIETTIVI COGNITIVI 1. Si rimanda agli obiettivi presenti nella programmazione modulare di tutte le discipline. 2. METODI Didattica modulare per obiettivi Didattica per problemi e progetti Lezione frontale breve che espliciti contenuti essenziali ed esemplifichi modalità di lavoro Lavoro guidato per la rielaborazione dei dati e dei contenuti proposti Recupero di unità didattiche in orario curricolare, oppure mediante corsi e/o sportelli didattici Uso del laboratorio multimediale per ricerche, relazioni, approfondimenti Collegamenti interdisciplinari, con particolare riferimento alle discipline dell area professionalizzante 3. STRATEGIE Articolare il percorso in moduli brevi Predisporre schemi e materiali semistrutturati di analisi/sintesi/confronto per consolidare le competenze logiche trasversali e fornire modelli metodologici di sistemazione delle conoscenze Utilizzare conoscenze e contributi di altre discipline per il confronto e l interpretazione dei dati Assegnare tempi precisi per gli interventi e le attività Utilizzare fonti alternative al testo per la raccolta dati e l approfondimento Fornire modelli per una produzione scritta e orale efficace e fare esercitare gli alunni al riguardo, con particolare attenzione ai collegamenti interdisciplinari Fare verifiche frequenti e di diversa tipologia. 5

6 6 CRITERI/STRUMENTI DI MISURAZIONE/VALUTAZIONE La valutazione è in relazione agli obiettivi che scaturiscono dalla programmazione del consiglio di classe e dei gruppi di materia e considera l allievo come soggetto attivo del processo. Valutazione formativa Avviene durante il processo di apprendimento, consentendo di intervenire tempestivamente per correggere o rimodulare l impostazione dell attività didattica, in relazione alle esigenze di apprendimento degli allievi. Valutazione sommativa Avviene al termine di ogni fase di programmazione (moduli/unità) per misurare in modo aggregato l apprendimento, in relazione agli obiettivi del sapere e saper fare specifici di ciascuna tappa del percorso. Le prove di verifica sono di varia tipologia (strutturate, semistrutturate, interrogazioni orali su argomenti di una certa ampiezza, analisi e/o risoluzione di testi e/o problemi teorici e pratici, redazione di testi funzionali a specifici obiettivi, quali saggi brevi, relazioni, articoli, produzione di manufatti e applicazione di procedure) ed esse verificano di volta in volta il sapere, il saper fare o entrambi gli obiettivi, che vengono esplicitati agli allievi in occasione della prova stessa, unitamente ai criteri di misurazione/valutazione specifici della prova. Per quanto riguarda la misurazione delle prove strutturate e semistrutturate, viene stabilito il punteggio per ciascuna domanda, e si traduce il punteggio totale di ciascun allievo in misurazione del livello della prova. Il livello della sufficienza viene posto al 60 o 70%, a seconda della difficoltà della medesima e della realtà della classe. Per quanto riguarda la produzione di testi/manufatti autonomi, si procede alla costruzione di una griglia, in base al percorso svolto ed alla tipologia del lavoro assegnato, secondo una serie di indicatori, con relativi livelli. Per ciò che concerne i colloqui orali, si utilizza una griglia, secondo una serie di indicatori (conoscenza dei temi oggetto del colloquio, capacità di stabilire relazioni, di analizzare e rielaborare autonomamente, di esporre con efficacia e proprietà). Valutazione periodica e finale Premesso che essa tiene conto delle conoscenze e competenze acquisite dall allievo nell ultimo anno del corso di studi, delle sue capacità critiche ed espressive e dell impegno dimostrato nel consolidare la propria preparazione e nel colmare eventuali lacune, nonché delle competenze da questi maturate nell area professionalizzante, alla luce delle esperienze svolte in tale ambito, si esplicitano di seguito i parametri di riferimento per la valutazione: Voto 9/10: l allievo sa organizzare un discorso con competenza, correlando riferimenti culturali a riflessioni critiche, sa esprimersi con proprietà e ricchezza di linguaggio, sa essere originale ed autonomo nella scelta degli argomenti e nella loro rielaborazione; Voto 8: l allievo dimostra di possedere conoscenze approfondite e di saperle gestire autonomamente; si esprime con sicurezza, coerenza e proprietà; Voto 7: l allievo è in possesso delle conoscenze fondamentali ed è in grado di servirsene correttamente, esponendole in modo coerente ed ordinato, tendendo però talvolta ad una semplificazione delle questioni e/o applicazioni; Voto 6: l allievo ha acquisito le principali conoscenze e competenze, pur con qualche inesattezza; è talora insicuro nelle applicazioni e nell utilizzo autonomo del lessico specifico; Voto 5: l allievo ha una conoscenza frammentaria e/o imprecisa dei contenuti fondamentali e non è sempre in grado di procedere autonomamente alle applicazioni richieste; Voto 4: l allievo, per la mancanza delle conoscenze e competenze minime, non è in grado di passare alla fase applicativa e di utilizzare gli strumenti concettuali e lessicali delle discipline. 6

7 7 SIMULAZIONI DELLE PROVE D ESAME Nel corso dell anno sono state effettuate: una simulazione della prova orale (iniziando da un argomento scelto dallo studente tra quelli del sito visitabile al link https://sites.google.com/a/galvaniiodi.it/lavorare-stanca/) due simulazioni di prima prova, con modalità e caratteristiche simili a quelle della prova d esame due simulazioni di seconda prova, con modalità e caratteristiche simili a quelle della prova d esame due simulazioni di terza prova, realizzate coinvolgendo le quattro discipline d esame e organizzate secondo la seguente tipologia: a. 2 quesiti per disciplina a risposta aperta b. 4 quesiti per disciplina a risposta multipla Si allegano le prove e le griglie di valutazione utilizzate. 8 CONTENUTI E OBIETTIVI DISCIPLINARI (per i programmi dettagliati e il loro svolgimento si rimanda agli allegati preparati dai singoli docenti) AREA COMUNE RELIGIONE Modulo 1: Il Grande bene della pace, sfida del nostro tempo Modulo 2: Il tema dell integrazione sociale ed il ruolo fondamentale della spiritualità per la sua realizzazione. Cineforum: Freedom Writers. Modulo 3: La Famiglia, bene prezioso per il singolo e per la società. Cineforum: The Family Man. L importanza di un progetto di vita Modulo 4: Bioetica: la fecondazione medicalmente assistita. Le metodiche e i valori coinvolti Modulo 5: Temi dell antropologia cristiana: gli insegnamenti contenuti in Gen.1-3; la libertà: diritto e conquista dell uomo. Conoscere i concetti fondamentali sui quali si lavora e gli elementi costitutivi le situazioni prese in esame. Distinguere l azione della ragione e l atto della fede, ed insieme riconoscere il loro continuo richiamarsi ed integrarsi. Collegare i concetti studiati alle esperienze della vita interiore e della vita sociale alle quali fanno riferimento. Elaborare una personale valutazione motivata circa i contenuti studiati. Confrontare le proprie valutazioni con quelle degli altri con atteggiamento insieme aperto e critico. Sviluppare un maturo senso critico e un personale progetto di vita, riflettendo sulla propria identità nel confronto con il messaggio cristiano, aperto all esercizio della giustizia e della solidarietà in un contesto multiculturale; Cogliere la presenza e l incidenza del cristianesimo nelle trasformazioni storiche prodotte dalla cultura del lavoro e della professionalità; Utilizzare consapevolmente le fonti autentiche del cristianesimo, interpretandone correttamente i contenuti nel quadro di un confronto aperto al mondo del lavoro e della professionalità. 7

8 ITALIANO E STORIA UdA 1: SPEAKER S CORNER programmare, costruire e valutare esposizioni orali di argomento libero e tecnico-scientifico (relazioni di stage e di laboratorio) UdA 2: UNA LINGUA ARDITA E LIBERA evoluzione della parola poetica e della forma romanzo nella letteratura italiana tra Ottocento e Novecento (sito Internet/ipertesto on line) UdA 3: LAVORARE STANCA (sito Internet/ipertesto on line) ITALIANO Principali linee di tendenza culturale e artistica della letteratura italiana postunitaria. Confronto con alcuni prodotti musicali e delle arti figurative. Analisi guidata di alcuni passi e rielaborazione individuale o a piccolo gruppo di testi dei seguenti autori: POESIA: G. Leopardi, G. Pascoli, G. D Annunzio, G. Ungaretti, S. Quasimodo, E. Montale, C. Pavese PROSA: G. Verga, I. Svevo, L. Pirandello, I. Calvino, N. Balestrini STORIA Principali eventi socio-culturali di fine Ottocento e del Novecento. Breve storia delle mafie del lavoro dall unità d Italia a oggi. ITALIANO/STORIA Utilizzare le principali strutture e funzioni della comunicazione orale. Utilizzare le risorse on-line per accompagnare/illustrare/validare la comunicazione. Individuare, analizzare e comprendere le principali strutture logico-sintattiche, la terminologia e lo stile della poesia e della narrativa italiana post-unitaria e contemporanea. Riscrivere e approfondire. Ricercare e selezionare informazioni da fonti scritte, iconografiche. Utilizzare dizionari, editare testi. ITALIANO/STORIA Comunicare tenendo conto dello scopo, del contesto, dei destinatari. Comprendere e contestualizzare testi poetici e narrativi. Rielaborare i testi letti per progettare e realizzare una breve sintesi culturale. Tematizzare i principali eventi dalla fine dell Ottocento a oggi in un percorso storico-letterariolinguistico. Progettare e realizzare un sito/ipertesto con approfondimenti testuali, iconografici e video. Sviluppare progetti tramite il lavoro di gruppo. Apprendere per scoperta e costruire il proprio apprendimento, utilizzando in modo efficace gli strumenti di studio e alcuni tools tecnologici. INGLESE Modulo 1: passive form Modulo 2: will, be going to, present simple, present continuous, as futures Modulo 3: present perfect continuous vs present perfect simple Modulo 4: modal verbs Modulo 5: fixed prosthesis Modulo 6: fixed and removable prosthesis Modulo 7: mechanical properties Modulo 8: plaster, dental waxis, investment materials 8

9 Modulo 9: Oscar Wilde and the Victorian age Consolidare ed estendere l apprendimento delle strutture grammaticali della lingua straniera Ampliare il lessico di base, anche in riferimento alla microlingua settoriale Utilizzare adeguatamente il lessico in situazione Comprendere conversazioni reali o su nastro di relativa complessità Comprendere testi di varia natura e complessità Produrre brevi testi riassuntivi e descrittivi anche di microlingua, utilizzando le strutture grammaticali ed il lessico in modo corretto, appropriato ed efficace. MATEMATICA Modulo 1: ripasso (disequazioni) Modulo 2: funzioni Modulo 3: limiti delle funzioni e calcolo relativo;asintoti e continuità Modulo 4: derivate e applicazioni Modulo 5: studio di una funzione ed analisi di grafico assegnato Conoscere le definizioni, le regole, le proprietà, i simboli, le tecniche e le sequenze operative Mettere in relazione il linguaggio naturale e il linguaggio specifico, spiegare e interpretare il significato dei termini, produrre esempi e riconoscere gli errori, individuare i dati iniziali e gli obiettivi di un problema Utilizzare regole, proprietà e modelli, progettare strategie risolutive,rappresentare graficamente dati Riconoscere e classificare le funzioni, individuare le relazioni fra i dati analitici e le rappresentazioni grafiche e, viceversa, analizzare situazioni grafiche e dedurne proprietà analitiche Analizzare dati e interpretarli anche con l ausilio di rappresentazioni grafiche DIRITTO Modulo 1 : l imprenditore, l impresa e il sistema economico Modulo 2 : la figura dell imprenditore agricolo, commerciale, il piccolo imprenditore e la concorrenza Modulo 3: le società e il beneficio della responsabilità limitata Modulo 4: il fallimento Modulo 5: i contratti dell imprenditore Modulo 6: legislazione socio-sanitaria Conoscere le principali categorie del diritto commerciale Conoscere le regole generali di funzionamento di un sistema economico Essere in grado di consultare le principali fonti del diritto 9

10 Utilizzare ed applicare correttamente il linguaggio giuridico Comprendere i meccanismi basilari di funzionamento della nostra società da un punto di vista economico EDUCAZIONE FISICA Modulo 1: allenamento alla coordinazione neuromuscolare. Modulo 2: potenziamento generale dei principali distretti corporei Modulo 3: allenamento mobilità articolare Modulo 4: giochi sportivi e non Modulo 5: primo soccorso Conoscere le principali caratteristiche tecnico-tattiche degli sport praticati Conoscere le norme elementari di comportamento al fine della prevenzione degli infortuni Praticare sport individuali e di squadra. Comprendere le attività che allenano le capacità condizionali quali forza, velocità, resistenza e mobilità articolare Comprendere le attività che allenano capacità coordinative spazio temporali, lateralità, equilibrio statico e dinamico AREA DI INDIRIZZO GNATOLOGIA Modulo 1: patologie cellulari Modulo 2: implantologia Modulo 3: caratteri generali delle protesi fisse Modulo 4: biomeccanica della protesi totale mobile Modulo 5: biomeccanica della protesi mobile parziale Modulo 6: ortognatodonzia conoscere e comprendere gli elementi di base della disciplina, con particolare riferimento alla fisiopatologia dello stomatognatico e ai sistemi riabilitativi protesici usati in campo odontoiatrico conoscere la terminologia scientifica propria della disciplina riconoscere e classificare i principali strumenti protesici condurre in modo chiaro, logicamente e concettualmente ordinato la comunicazione, con efficace riutilizzo del lessico specifico SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI Modulo 1: materiali ceramici, da rivestimento, 10

11 Modulo 2: ceramica e metallo-ceramica, Modulo 3: materie plastiche, resine sintetiche per protesi Modulo 4: leghe nobili e non nobili per metallo-resina e metallo-ceramica Modulo 5: materiali da impronta, gessi cere, rivestimenti per fusione Modulo 6: corrosione, effetti elettrolitici nel cavo orale e per l organismo conoscere e comprendere composizione, struttura, proprietà dei materiali conoscere e comprendere le fasi esecutive della costruzione di protesi e le caratteristiche delle attrezzature impiegate conoscere e comprendere i metodi operativi di studio e misurazione delle proprietà meccaniche e tecnologiche dei materiali valutare i risultati di lavorazione e riconoscere i difetti di produzione comprendere e avvalersi delle schede tecniche dei materiali saper leggere organicamente le conoscenze acquisite in funzione della costruzione di manufatti condurre in modo chiaro, logicamente e concettualmente ordinato la comunicazione, con efficace riutilizzo del lessico specifico interagire con l odontoiatra in merito alla corretta scelta dei materiali e alla progettazione della protesi ESERCITAZIONI PRATICHE DI LABORATORIO Modulo 1: metallo-ceramica: tecniche di ceratura, fusioni, ceramica Modulo 2: progettazione ed esecuzione di protesi combinata Modulo 3: placca ortodontica di base Modulo 4: tecniche di realizzazione protesi con sistema Cad/Cam conoscere comportamenti, procedure e dispositivi d igiene e sicurezza, nomenclatura delle attrezzature e utensili,sequenze operative; comprendere il funzionamento delle attrezzature, le caratteristiche dell utilizzo di materiali specifici digitalizzazione dei processi produttivi far uso di materiale conosciuto e risolvere nuovi problemi acquisire autonomia operativa potenziare le abilità di base nella modellazione realizzare manufatti dalla qualità compatibile con le caratteristiche previste progettazione e modellazione di protesi fisse singole e a ponte realizzare manufatti protesici in autonomia con procedure analogiche e digitali. 11

12 9 ATTIVITÀ CURRICOLARI ED EXTRA-CURRICOLARI STAGE: Nel corso del 4 e 5 anno gli alunni hanno sperimentato l inserimento in concrete esperienze di lavoro, sotto forma di STAGE per un totale di ore alunni hanno svolto lo stage alternanza scuola lavoro estivo a Malta, 1 in Spagna. VALUTAZIONE DELLO STAGE: con griglia di correzione preparata dal tutor/docente scolastico, le schede compilate dal titolare del laboratorio odontotecnico o da un suo referente, allegate alla convenzione, relazione orale con supporto digitale. OBIETTIVI STAGE: rispetto impegni assunti rispetto delle regole rispetto degli orari potenziamento del senso di responsabilità pianificazione del proprio impegno settimanale miglioramento delle capacità tecnico-pratiche e relazionali comprensione della realtà lavorativa e dell impresa odontotecnica. Orientamento scolastico Gli studenti hanno ricevuto le informazioni necessarie per poter partecipare autonomamente alle Giornate di orientamento promosse dalle Università, con particolare riferimento a quelle di Modena e Reggio. Viaggi d istruzione Il viaggio di istruzione di gg.4 ha avuto come meta Barcellona e si è svolto nell aprile Gli studenti hanno visitato la Sagrada Familla di Gaudì, il Museo Mirò e il Museo Picasso. Attività formative promosse dalla scuola - visita a Expodent, Milano - partecipazione alla fiera degli Amici di Brugg a Rimini - visita alla mostra La guerra che verrà non è la prima, c/o MART Rovereto e alle trincee della Grande guerra; - rappresentazione teatrale O. Wilde, An ideal husband (in lingua originale) - partecipazione al convegno Ma la guerra no. L epica ritrovata di Mario e Fermo, Sala del Tricolore, 28/02/ alcuni studenti hanno lavorato con continuità (durante alcune ore curricolari e con un rientro pomeridiano) al Progetto CONVENZIONE PROTESI DENTARIE con AUSL e Caritas. Questa attività realizza protesi dentali fisse, mobili, totali e/o parziali gratuite per persone che non sarebbero in grado di pagarle e, al di là della rilevanza sociale che ha acquisito, si configura come progetto d eccellenza perché accompagna gli studenti nella produzione di protesi reali per l odontoiatra dell AUSL. Gli studenti coinvolti (Zogu, Gijni, Di Palma, Parrino, Gianninoto, Serejnicov, Likhollari) hanno dimostrato di comprendere l alto valore civico e professionale dell opportunità offerta loro, partecipando con entusiasmo e un impegno di ore. 10 ALLEGATI Programmi dettagliati e relazioni di ciascuna disciplina Testi della simulazioni di prima prova Testi delle simulazioni di terza prova Testi della simulazioni di seconda prova Griglia di valutazione prima prova Griglia di valutazione seconda prova Griglia di valutazione terza prova Griglia di valutazione colloquio 12

13 INDICE Il consiglio di classe: Prof.ssa Giuseppina Bocciero (scienze dei materiali dentali) Prof. Pierluigi Buratti (scienze dei materiali dentali) Prof. Salvatore Corcione (diritto) Prof. Alessandro Corsini (religione) Prof. Elisa Denti (matematica) Prof. Silvia La Ferrara (italiano-storia) e coordinatore di classe Prof.ssa Loretta Lamberti (gnatologia) Prof. Francesca Melli (inglese) Prof. Giuliano Paglia (esercitazioni pratiche di laboratorio od.) Prof. Umberto Quadri (esercitazioni pratiche di laboratorio od.) Prof. Linda Arduini (educazione fisica) Il Dirigente scolastico Reggio Emilia _ 13

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione La scuola che verrà Idee per una riforma tra continuità e innovazione Indice Prefazione 3 Introduzione 4 1. Gestire l eterogeneità 10 Personalizzazione 13 Le forme didattiche 13 La griglia oraria 17 Le

Dettagli