Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Indice DEFINIZIONE... 2 Allestimento flessibile alla torsione... 2 CARATTERISTICHE GENERALI DEL TELAIO... 3 Uso... 3 Resistenza... 3 Stabilità durante il ribaltamento... 3 Comfort, caratteristiche di guida... 5 Autotelaio... 6 CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ALLESTIMENTI... 7 Falsotelaio... 7 Autocarri Attrezzatura di ribaltamento TIPI DI ALLESTIMENTO Veicoli ribaltabili Contenitori calcestruzzo Betoniere Autocarri con pianale di carico intercambiabile Autocarri con cassone intercambiabile Autocarri con cassone Semirimorchi ribaltabili Autocarri per il trasporto di legname

2 DEFINIZIONE Allestimento flessibile alla torsione Allestimento flessibile alla torsione significa che la resistenza dell allestimento alla torsione è bassa. ABC :5126 Gli allestimenti flessibili seguono, senza opporre resistenza, i movimenti dell autotelaio e dell allestimento durante la guida su terreni accidentati, dove il telaio è sottoposto a forti sollecitazioni laterali. Tipici allestimenti flessibili alla torsione sono i cassoni fissi, gli allestimenti ribaltabili, i cassoni intercambiabili e le ralle. Vedere il capitolo 4 Motrici, ralle per l allestimento con ralla. 2

3 CARATTERISTICHE GENERALI DEL TELAIO Uso Ogni telaio Scania è selezionato da un ampio gruppo modulare di telai per l applicazione di trasporto specifica. Per ottenere le prestazioni migliori per quanto riguarda resistenza, comfort, caratteristiche di guida e movimentazione del carico, occorre: - che le specifiche del telaio corrispondano all allestimento, alle condizioni di esercizio ed al tipo di trasporto previsti; - che eventuali modifiche di allestimento e telaio siano eseguite correttamente; - che l installazione dell allestimento e dell attrezzatura sia eseguita correttamente. Queste istruzioni si applicano ai veicoli in condizioni di esercizio normali, cioè con peso lordo registrato per tale veicolo e secondo i pesi approvati da Scania. Resistenza Autotelaio e falsotelaio insieme devono essere dimensionati per operare in condizioni di esercizio normali. Attenersi ai valori di esercizio indicati per carico, scarico, guida su strada in cattive condizioni ecc. Stabilità durante il ribaltamento La stabilità del veicolo durante il ribaltamento dipende da diversi fattori, tra i quali: - tenuta del fondo stradale; - posizione del baricentro; - rigidità al rollio del telaio; - rigidità alla torsione dell allestimento; - dotazione per la stabilizzazione, ad es. bloccaggio del carrello ecc. - modalità d uso durante il ribaltamento. L allestimento deve essere tale da impedire il ribaltamento del veicolo nelle normali condizioni d uso. Ciò significa che il veicolo deve essere sottoposto a prove di stabilità per quanto riguarda le condizioni d uso. Per la stabilità durante l utilizzo di gru, vedere il capitolo 7. 3

4 Prova di stabilità durante il ribaltamento Per alcuni mercati, i veicoli devono essere sottoposti a prova di stabilità prima di poter essere utilizzati. Per eseguire una prova di questo tipo, procedere in questo modo: 1. Caricare il veicolo fino al valore massimo in modo da raggiungere il peso totale consentito. 2. Guidare una coppia di ruote su una rampa con altezza di circa 200 mm (vedere figura) oppure su una superficie inclinata con una pendenza laterale di circa Per precauzione, collocare un caricatore frontale oppure un altro dispositivo in grado di fungere da supporto al veicolo se esso comincia a ribaltarsi durante la prova. 4. Ribaltare quindi gradualmente l allestimento alle angolazioni predefinite alle quali si misurano flessione del cassone, compressione delle molle nonché spostamenti torsionali e paralleli dell autotelaio. 5. Documentare la prova ed il relativo risultato Stabilità durante il ribaltamento Le condizioni di ribaltamento variano a seconda della tenuta e dell inclinazione del terreno e della struttura dell allestimento. La rigidità delle sospensioni posteriori è di importanza determinante e pertanto deve essere la più elevata possibile, anche se si deve tener conto della mobilità del veicolo e del comfort di guida. Sui veicoli 4x2, le barre stabilizzatrici posteriori sono generalmente necessarie per assicurare una buona stabilità. Sono consigliate barre stabilizzatrici posteriori sui veicoli con sospensioni a balestra posteriori ad eccezione dei veicoli con carrello con sospensioni a bilanciere (BT201, BT300), dotati dei pacchetti sospensioni rigide 4x41 e 10x25, grazie ai quali le barre stabilizzatrici hanno un influenza marginale e risultano quindi superflue. Le barre stabilizzatrici anteriori non migliorano sensibilmente la stabilità durante il ribaltamento, ma vengono spesso utilizzate per migliorare la tenuta di strada del veicolo. Stabilità veicoli ribaltabili dotati di sospensioni pneumatiche. Per assicurare una buona stabilità durante il ribaltamento, si devono scaricare preventivamente i soffietti. 4

5 La distanza tra l albero di ribaltamento posteriore ed il punto di supporto posteriore dell autotelaio (supporto molla posteriore, supporto 3 asse o supporto del carrello) deve essere la minore possibile. Una distanza limitata in combinazione con un falsotelaio a rinforzi diagonali garantisce allo sbalzo posteriore una maggiore rigidità alla flessione ed alla torsione, prevenendo lo spostamento laterale del cassone durante il ribaltamento. Altre azioni che migliorano la stabilità durante il ribaltamento del veicolo sono: - installare un dispositivo per il bloccaggio del carrello (vedere la sezione Attrezzatura di ribaltamento ) oppure accertarsi che i soffietti siano scarichi prima di effettuare il ribaltamento (vedere anche il capitolo 10, Sospensioni pneumatiche ); - installare lo stabilizzatore (vedere la sezione Attrezzatura di ribaltamento ); - provvedere alla rigidità alla torsione dello sbalzo posteriore (vedere la sezione Parte posteriore del falsotelaio e Autotelaio, sbalzo posteriore ). Max 1250 La distanza tra l albero di ribaltamento posteriore ed il punto d appoggio posteriore dell autotelaio deve essere la minore possibile. 26:5023 Comfort, caratteristiche di guida Un comfort di guida insufficiente può essere dovuto a molti fattori o combinazioni di fattori (vedere anche il capitolo 2, Oscillazioni negative per il comfort di guida ). Per ridurre il rischio di disturbi al comfort di guida, tenere conto di quanto segue. Oscillazioni del telaio Un falsotelaio installato molto in avanti riduce le sollecitazioni sull autotelaio, oltre alle sollecitazioni dovute alle oscillazioni del telaio. Per ridurre al minimo le oscillazioni, il falsotelaio deve essere installato il più in avanti possibile. Ciò è particolarmente importante nei veicoli con sospensioni pneumatiche integrali. Per lo stesso motivo, l allestimento deve essere installato in modo che il carico si trovi il più avanti possibile. Vedere anche la descrizione nella sezione Parte anteriore del falsotelaio. 5

6 Autotelaio Le macchine operatrici rientrano normalmente nella classificazione telaio di tipo C. Telai in acciaio ad alta resistenza F Le caratteristiche dei materiali di questi telai ad alta resistenza subiscono un peggioramento notevole se vengono riscaldati a più di 650 C. Prima di iniziare i lavori su questi tipi di telaio, studiare le prescrizioni del capitolo 2. Modifiche La modifica del telaio è rappresentata dall adeguamento dello sbalzo posteriore alla lunghezza corretta, dall applicazione delle traverse necessarie e, in alcuni casi, dal rinforzo mediante traverse per i massimi livelli di stabilità durante il ribaltamento e comfort. Sbalzo posteriore I telai possono essere dotati in fabbrica di sbalzo posteriore alla lunghezza corretta e traversa aggancio rimorchio, collegamento rimorchio, protezione antiintrusione ecc. (vedere capitolo 14). I telai vengono specificati attraverso il sistema BWA Traversa codice componente

7 CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ALLESTIMENTI Falsotelaio Design del falsotelaio Il falsotelaio ha diverse funzioni: 1 distribuire il carico uniformemente sull autotelaio; 2 assicurare luce libera alle ruote ed ad eventuali altri particolari che sporgono dal telaio; 3 collegare l allestimento all autotelaio; 4assicurare rigidità e ridurre la pressione sullo sbalzo posteriore. Affinché sia possibile adattare il falsotelaio alla parte flessibile alla torsione dell autotelaio, anche l autotelaio deve essere flessibile alla torsione. I longheroni e le traverse del falsotelaio sono costituiti da profili aperti, in particolare profili ad U. Di norma è necessaria una parte posteriore rigida alla torsione ed alla flessione. La rigidità si raggiunge mediante il fissaggio della parte posteriore del falsotelaio con piastre di fissaggio. Su veicoli con elevati requisiti di rigidità della parte posteriore è possibile rendere ancora più rigido lo sbalzo posteriore. Questo è soprattutto importante sui veicoli ribaltabili e sui veicoli con gru posteriore. Notare che l irrigidimento deve essere effettuato soltanto nell assale posteriore, nel carrello e nello sbalzo posteriore. 7

8 Parte anteriore del falsotelaio Per evitare oscillazioni del telaio e del falsotelaio, è necessario collocare la parte anteriore del falsotelaio alla più breve distanza possibile dall assale anteriore. Ciò è soprattutto importante su veicoli con assale anteriore con sospensioni pneumatiche. Sui veicoli con assale anteriore con sospensioni pneumatiche, la distanza tra bordo anteriore del falsotelaio ed assale anteriore non deve superare 700 mm. Sui veicoli con assale anteriore con sospensioni a balestra, la distanza tra bordo anteriore del falsotelaio ed assale anteriore non deve superare 880 mm, valore corrispondente alla posizione dell attacco delle sospensioni a balestra posteriori. Il falsotelaio deve trovarsi contro l autotelaio in modo che eventuali oscillazioni nel telaio siano smorzate grazie al movimento ed all attrito tra i due telai. E importante che il passaggio anteriore tra autotelaio e parte del falsotelaio con maggiore resistenza/rigidità sia lineare. A tal fine si possono adottare un 1 e un 2 attacco flessibili, dotare il falsotelaio di un estremità smussata oppure un altezza inferiore per i primi 500 mm. L estremità anteriore del falsotelaio deve essere ben smussata per assicurare un passaggio morbido (smussatura a 45 ). Per evitare linee di rottura, il bordo inferiore anteriore deve essere ben arrotondato. Il raggio deve essere 5 mm. Estremità anteriore dei veicoli con sospensioni pneumatiche Estremità anteriore dei veicoli con sospensioni a balestra R :2045 8

9 Parte posteriore del falsotelaio Di norma è necessario rendere rigido a torsione e flessibile lo sbalzo posteriore. Questo è particolarmente importante su veicoli ribaltabili, contenitori calcestruzzo e veicoli con gru posteriore. La rigidità si raggiunge mediante il fissaggio del falsotelaio con piastre di fissaggio in corrispondenza delle traverse. Le piastre di fissaggio dovranno collegare autotelaio e falsotelaio in modo da renderli solidali. Si può ottenere una maggiore rigidità dello sbalzo posteriore tramite l uso di profili chiusi nelle traverse, nei longheroni e nelle barre diagonali oppure chiudendo con piastre lo spazio tra i longheroni. Barre diagonali Le barre diagonali impediscono il disassamento parallelo tra i longheroni e garantiscono quindi la rigidità del falsotelaio. Le barre diagonali sono installate in due croci, una nel bordo inferiore ed una nel bordo superiore del telaio, in modo che la distanza tra le croci sia la maggiore possibile. Esempio, vedere figura. E importante che gli attacchi delle barre siano robusti e collegati alle traverse ed alle piastre di fissaggio. In caso di requisiti non particolarmente elevati, la barra diagonale può essere realizzata con una barra piatta mentre, in caso di requisiti particolarmente elevati, con profilo quadrangolare chiuso. Se la barra diagonale è realizzata con una barra piatta, la croce tra le barre piatte non deve essere saldata in quanto le barre piatte devono essere esposte soltanto a forze di trazione, assicurando condizioni favorevoli. Barra diagonale ottenuta con barra piatta 26:2042 Traverse con profilo chiuso Le traverse vengono realizzate ad esempio con tubi oppure profili quadrangolari chiusi. Questa forma è particolarmente adatta ad un assale di ribaltamento. Profilo chiuso nella parte posteriore del falsotelaio Nel longherone viene saldata una cintura supplementare. Il passaggio tra profili aperto e chiuso comporta forti sollecitazioni. E quindi necessario un passaggio morbido al profilo chiuso, più rigido. Parte posteriore del longherone del falsotelaio ottenuta come profilo chiuso 9

10 Dimensioni del falsotelaio Le tabelle sottostanti indicano le dimensioni consigliate per i longheroni del falsotelaio per i diversi tipi di autotelai. (vedere capitolo 2, Dati telai ). Veicoli con telaio F950 Funzionamento Longherone Altezza x larghezza x spessore Min coppia d inerzia superficiale Leggero 110x80x6 290 Pesante 110x80x8 380 Veicoli con telaio F (telaio con limite di tensione alto) Funzionamento Longherone Altezza x larghezza x spessore Min coppia d inerzia superficiale Leggero 110x80x6 290 Pesante 160x80x8 900 Veicoli con telaio F958 Funzionamento Longherone Altezza x larghezza x spessore Min coppia d inerzia superficiale Leggero 140x80x6 500 Pesante 160x80x8 900 La coppia d inerzia superficiale I presuppone che il falsotelaio X 2 sia realizzato in acciaio con limite di tensione min 310 N/mm, vedere sezione Materiale per il telaio, capitolo 2 Istruzioni generali per l allestimento. Vedere anche le raccomandazioni previste per l allestimento in questione. 10

11 Fissaggio del falsotelaio Queste informazioni generali sono approfondite nella sezione relativa al tipo di allestimento in questione. Il falsotelaio è installato con staffe flessibili nella parte anteriore e staffe fisse in corrispondenza dell assale posteriore e dello sbalzo posteriore. La parte anteriore del falsotelaio deve potersi muovere in lunghezza in quanto il telaio è esposto a movimenti di torsione. E importante che il falsotelaio sia collocato contro l autotelaio in quanto l attrito riduce le oscillazioni del telaio. La staffa flessibile anteriore a pendolo deve essere installata 600 mm dietro l assale anteriore sui veicoli con sospensioni pneumatiche e 875 mm dietro l assale anteriore nei veicoli con sospensioni a balestra. Se l allestimento è sensibile alla flessione del telaio, il falsotelaio può essere installato senza gioco secondo le istruzioni riportate nella sezione Betoniere. La collocazione ed il numero delle staffe fisse dipendono dal tipo di allestimento in questione. 26:

12 Autocarri Rigidità alla torsione del cassone ribaltabile Un cassone ribaltabile deve essere sufficientemente rigido in modo da evitare torsioni o spostamenti laterali, se il carico durante il ribaltamento dovesse rimanere ammassato all estremità anteriore del cassone. Attrezzatura di ribaltamento Posizione del cilindro di ribaltamento La posizione dei cilindro di ribaltamento lungo l asse longitudinale dipende dalla lunghezza del cassone, dal carico e dal tipo di ribaltabile. Nel caso di ribaltabile posteriore, più avanti sono il cilindro o i cilindri, migliore sarà la stabilità. Cilindri montati anteriormente con supporti che permettono solo il movimento longitudinale danno al veicolo una maggiore stabilità durante il ribaltamento. Se il cilindro di ribaltamento è situato dietro il baricentro del cassone ribaltabile, esso tenderà a sollevare l estremità posteriore del cassone durante la fase iniziale del ribaltamento, il che diminuisce la stabilità Evitare di posizionare il cilindro di ribaltamento dietro il baricentro dell allestimento. 26:

13 Fissaggio del cilindro di ribaltamento Durante il ribaltamento, l attacco del cilindro di ribaltamento è sottoposto ad altissime sollecitazioni che richiedono particolare attenzione nella costruzione e nel fissaggio. Il dispositivo mobile del cilindro di ribaltamento deve essere fissato al falsotelaio. Se si utilizzano cilindri di ribaltamento doppi esterni, le staffe dei cilindri devono essere avvitate alla cintura dell autotelaio. NOTA Non fissare i cilindri di ribaltamento alla flangia dell autotelaio. Il numero dei bulloni e le loro dimensioni devono essere adeguati al carico. Per altre informazioni vedere le sezioni Giunti bullonati e Foratura nel capitolo 2 Istruzioni generali per l allestimento. Per evitare torsioni e carichi asimmetrici sui longheroni, deve essere installata una robusta traversa con profilo ad U tra le staffe dei due cilindri. Vedere figura. Durante il ribaltamento posteriore, lo sbalzo posteriore è esposto a sollecitazioni altissime e, per ottenere la rigidità sufficiente, questa parte deve essere progettata con particolare attenzione. Fissaggio del cilindro di ribaltamento esterno. 26:5107 Supporti di ribaltamento I supporti di ribaltamento del cassone nell albero di supporto carrello con sospensioni a bilanciere devono avere il minor gioco possibile. In caso di flessione laterale, il gioco nei supporti posteriori viene moltiplicato più volte nella parte anteriore del cassone. I supporti devono essere rigidamente fissati al cassone ed all autotelaio. 26:5024 I supporti dell albero di supporto carrello con sospensioni a bilanciere devono avere il minor gioco possibile. 13

14 Stabilizzatore Il cassone ribaltabile può essere integrato con uno stabilizzatore che ne aumenti la stabilità durante l azione di ribaltamento. Esso consiste in una coppia di tiranti collegati sia tra di loro sia al cassone ed al telaio. Lo stabilizzatore trasmette le forze laterali all autotelaio impedendo la flessione laterale del cassone. Esso sarà tanto più efficace se verrà montato sopra il centro dell assale posteriore o sopra il centro del carrello posteriore. Un tipo di collegamento a ginocchiera del ribaltabile, usato su alcuni veicoli, dà una buona stabilità a condizione che il gioco dei cuscinetti sia minimo. Si raccomanda l uso dello stabilizzatore negli esercizi gravosi quali ribaltabili da cava ed in tutti quei casi in cui l uso del ribaltabile avviene su terreni molto sconnessi. In condizione di esercizio più normali, la stabilità di ribaltamento può essere mantenuta da un cilindro di ribaltamento stabilizzante. 26:5111 Stabilizzatore Oltre al design, particolare importanza è rivestita dalle modalità d uso durante il ribaltamento. 14

15 Bloccaggio del carrello I veicoli ribaltabili, gli autocarri con pianale di carico intercambiabile o altri ancora, per i quali è richiesta una maggiore stabilità durante le operazioni di carico, possono essere dotati di un bloccaggio idraulico del carrello, secondo lo schizzo sotto. I cilindri idraulici sui lati destro e sinistro vanno installati in modo che l asta del pistone vada a bloccare la molla posteriore il più vicino possibile al centro dell assale. L impianto di bloccaggio idraulico per il carrello dovrà essere corredato da una spia di avvertimento sul cruscotto. Regolazione del cilindro idraulico Veicolo scarico Alla massima flessione della balestra 26: min 10 15

16 TIPI DI ALLESTIMENTO Veicoli ribaltabili 26:5130 Passo Cassoni lunghi su veicoli ribaltabili a passo lungo possono dare problemi di stabilità. I passi vicini sono i primi da prendere in considerazione per i veicoli con allestimento ribaltabile posteriore. Soltanto gli allestimenti ribaltabili lateralmente possono essere impiegati su passi più lunghi, in quanto il problema della stabilità non è particolarmente avvertito. Configurazione Passo ruote 4x2 3300, 3550, 3900, x4 3550, 3900, x2 3100, 3500, 3900, 4100, x2*4 3300, 3500, 3700, 3900, 4100, x4 3100, 3300, 3700, 3900, 4100, 4300, x6 3550, 3600, 3805, 3850, 4255, x4 4100, 4300, 4500, 4700, 4900, 5100, 5500,

17 Fissaggio del falsotelaio e posizione del supporto di ribaltamento 5119 max 1030* Misura B secondo la tabella contenuta nella sezione Misure massime consigliate per la posizione dell assale di ribaltamento. 17

18 Per la misura A, vedere il disegno di ingombro. La misura B deve essere la più corta possibile. Vedere anche la tabella alla pagina seguente A B 5116 B 18

19 Posizione dell assale di ribaltamento La posizione dell assale di ribaltamento viene definita come la distanza tra il primo assale posteriore di trazione ed il centro dell assale di ribaltamento del cassone ( B nella figura). Misure massime consigliate per la posizione dell assale di ribaltamento Le misure massime consigliate per la posizione dell assale di ribaltamento valgono per i veicoli con la seguente dotazione: - falsotelaio di dimensioni e materiali consigliati; - rinforzo a croce del falsotelaio nello sbalzo posteriore; - autotelaio di tipo F950, F oppure F958 (non F800). Si consiglia di non utilizzare i veicoli con telaio F800 come ribaltabili. Configurazione Misure massime consigliate per la posizione dell assale di ribaltamento B Telaio Pressione su assale posteriore/carrello 4x2 A/B 13 t Max 800 mm 4x2 Z 15 t Max 1030 mm 4x4 Z 6x2 A/B 20 t Max 2030 mm 6x4 A/B 8x4 A/B 8x2 A/B 6x2/4 8x2/4 6x2 Z 21 t Max 1990 mm 8x2 Z 6x4 Z 21 t Max 1920 mm (2150 con buona stabilità) 8x4 Z 6x6 Z 30 t Max 1970 mm 19

20 Ribaltabile posteriore Il cassone di un ribaltabile posteriore, al quale mancano i punti di sostegno anteriori rappresentati dall albero di ribaltamento anteriore, deve essere provvisto di un supporto anteriore. Si deve inoltre inserire un supporto intermedio a metà tra il supporto anteriore e l albero di ribaltamento. I supporti devono essere studiati in modo che possano distribuire uniformemente il carico, fattore essenziale per evitare oscillazioni del telaio negative per il comfort. Nel caso di veicoli operanti in condizioni di guida difficoltose, il supporto anteriore può essere montato al centro. 26:5109 Supporto cassone, ribaltamento posteriore Ribaltabile trilaterale Oltre ai punti di sostegno costituiti dagli alberi di ribaltamento, il cassone di un ribaltabile trilaterale deve sempre avere almeno un punto di sostegno per ogni longherone. Tale punto di sostegno deve essere posto a metà tra gli alberi di ribaltamento anteriore e posteriore. 26:5110 Supporto cassone ribaltabile trilaterale 20

21 Predisposizione veicoli ribaltabili privi di falsotelaio I veicoli della classe C con guida a destra basati sul telaio F x4 e 8x4 possono essere ordinati in fabbrica con la predisposizione ribaltabile senza falsotelaio. La predisposizione consiste in una traversa rinforzata con fori per il montaggio posteriore del supporto di ribaltamento. Su questa predisposizione può essere inoltre selezionata una staffa per il cilindro di ribaltamento dietro alla cabina e fori nel telaio per l installazione del serbatoio idraulico. Montaggio centrale del cilindro di ribaltamento Negli allestimenti con montaggio centrale del cilindro di ribaltamento può essere necessario spostare le traverse del telaio. Le traverse non possono essere spostate tanto lontano in quanto la distanza dalla traversa più vicina non deve superare i 1500 mm. NOTA Si sconsiglia lo spostamento di traverse che si trovano in corrispondenza delle staffe delle molle o del supporto dell albero di trasmissione. Controllare che l albero di trasmissione non interferisca con la traversa che si intende spostare. Non si possono eliminare traverse senza consultare preventivamente la Scania. 1 = Cilindro di ribaltamento 2 = Rinforzo esterno 1 26: Oltre al rinforzo 2 in figura può, in certi casi, essere necessario montare una traversa supplementare sul telaio, al fine di evitare che la parte inferiore del telaio si pieghi verso l esterno a causa di grandi sollecitazioni dal cilindro di ribaltamento. Sui veicoli 8x4 privi di falsotelaio e con cilindro di ribaltamento centrale, la distanza massima consentita tra assale anteriore e cilindro di ribaltamento è di 3500 mm. 21

22 Contenitori calcestruzzo 5104 Benne ribaltabili Un veicolo con benna ribaltabile può essere considerato un caso speciale di veicolo ribaltabile e, salvo diverse specifiche, deve essere conforme alle prescrizioni valide per i veicoli con cassone ribaltabile. Vedere sezione Veicoli ribaltabili. Questo tipo di veicolo ha un baricentro relativamente alto. Il passo deve essere il più corto possibile. 22

23 Fissaggio del falsotelaio e posizione del supporto di ribaltamento La distanza L1 tra il punto di sostegno anteriore dell autotelaio ed il punto di sostegno anteriore della benna deve essere la più corta possibile. Una distanza minima diminuisce le sollecitazioni sull autotelaio e di conseguenza riduce i rischi di oscillazioni. E inoltre della massima importanza che la parte orizzontale inferiore della benna poggi solidamente sul falsotelaio. La distanza L2 tra il primo assale posteriore di trazione ed il centro dell albero di ribaltamento del contenitore calcestruzzo deve essere la più corta possibile. Una distanza minima diminuisce le sollecitazioni dell autotelaio ed aumenta la stabilità durante il ribaltamento. Vedere anche la sezione Veicoli ribaltabili, Posizione dell assale di ribaltamento L1 Contenitori calcestruzzo L2 23

24 Betoniere Le betoniere sono prive della funzione di ribaltamento, ma hanno i supporti del contenitore mescolatore sistemati in modo simile ad un ribaltabile. I dispositivi di fissaggio che riducono la torsione del telaio sono detti falsitelai ausiliari e sono descritti nel capitolo 14. La predisposizione per questo tipo di falsitelai, mediante staffe di montaggio su telaio, può essere effettuata in fabbrica, vedere capitolo 14. Per evitare flessioni del telaio, i veicoli 6x4 e 8x4 con autotelaio F devono essere allestiti come segue: 4 - falsotelaio 160x80x8 min I = 900 cm x - falsotelaio montato con bulloni calibrati M14 nelle piastre di fissaggio, come da figura in alto; - i bulloni calibrati M14 devono essere 10 per ogni metro di telaio e lato; - spessore delle piastre di ancoraggio = 9 mm. 24

25 Autocarri con pianale di carico intercambiabile 26:5131 Il pianale di carico intercambiabile permette di usare diversi tipi di allestimenti in base alle richieste di trasporto, ad es. cassone fisso, ribaltabile, betoniera o cisterna. L allestimento può essere scambiato in diversi modi e precisamente: - braccio a gancio che carica e scarica gli allestimenti; - catena che carica e scarica gli allestimenti. Un pianale di carico intercambiabile che carica l allestimento tirandolo o sollevandolo da dietro sull autotelaio deve soddisfare le stesse prescrizioni di stabilità specificate nella sezione Stabilità. 26: :5108 Pianale di carico intercambiabile con braccio a gancio Pianale di carico intercambiabile con catena 25

26 Fissaggio del falsotelaio e posizione dei bloccaggi del rullo Le figure sottoindicate mostrano il fissaggio del falsotelaio e la posizione dei bloccaggi del rullo per i diversi tipi di telai. I bloccaggi del rullo devono essere posizionati il più in avanti possibile per ridurre le sollecitazioni dell autotelaio

27 Posizione dei bloccaggi del rullo La posizione dei bloccaggi del rullo viene definita come la distanza tra il primo assale posteriore di trazione ed il centro dei bloccaggi del rullo. Misure massime consigliate per la posizione dei bloccaggi del rullo Le misure massime consigliate per la posizione dei bloccaggi del rullo valgono per i veicoli con la seguente dotazione: - falsotelaio di dimensioni e materiali consigliati; - rinforzo a croce del falsotelaio nello sbalzo posteriore; - autotelaio di tipo F950, F oppure F958 (non F800). Si consiglia di non utilizzare i veicoli con telaio F800 come autocarri con cassone intercambiabile. Configurazione Misure massime consigliate per la posizione dei bloccaggi del rullo Telaio Pressione su assale posteriore/carrello 4x2 A/B 13 t Max 800 mm 4x2 Z 4x4 Z 15 t Max 1030 mm (1530 con buona stabilità) 6x2 A/B 20 t Max 2030 mm 6x4 A/B 8x4 A/B 8x2 A/B 6x2/4 8x2/4 6x2 Z 21 t Max 1990 mm 8x2 Z 6x4 Z 21 t Max 1870 mm 8x4 Z 6x6 Z 30 t Max 1920 mm Quando il pianale di carico ribaltabile può eseguire anche il movimento di ribaltamento, valgono anche le raccomandazioni illustrate nella sezione Veicoli ribaltabili. 27

28 Autocarri con cassone intercambiabile Veicoli che depositano l allestimento su gambe di sostegno con dispositivi di sollevamento quali cilindri idraulici oppure veicoli con sospensioni pneumatiche che depositano l allestimento su gambe di sostegno mediante movimenti di sollevamento ed abbassamento. Il pianale intercambiabile, unitamente all allestimento, deve essere conforme alle prescrizioni ed alle direttive valide per i diversi tipi di allestimento, secondo il presente manuale. Nel caso di cisterna, ad esempio, essa deve essere fissata al telaio del dispositivo di movimentazione con gli stessi principi di quelli specificati per una cisterna fissata all autotelaio. 26:5112 Pianale di carico intercambiabile con dispositivo di sollevamento/sospensioni pneumatiche 26:5122 Falsotelaio per cassone intercambiabile Sottoscocca di cassone intercambiabile per il trasporto di merce voluminosa 28

29 Autocarri con cassone 26:5102 Questi allestimenti sono flessibili alla torsione e devono essere allestiti come indicato di seguito. Il falsotelaio deve essere costruito con profili ad U in modo tale che la parte anteriore risulti relativamente flessibile alla torsione. Un disegno tipico di cassone fisso è illustrato dalla figura seguente. Le traverse devono essere collocate sui longheroni del falsotelaio o realizzate sullo stesso piano. Sui cassoni fissi, generalmente il falsotelaio ha il compito di distribuire il carico tra allestimento e carico nell autotelaio. Le dimensioni del falsotelaio devono essere scelte in base alla forma del cassone/furgonato, al tipo di carico, all altezza richiesta del carico, alla luce per i pneumatici, ecc. Poiché le sollecitazioni sul falsotelaio sono basse, l acciaio utilizzato può avere una resistenza inferiore a quella usata per l autotelaio. In condizioni di esercizio normali le dimensioni idonee di un falsotelaio sono 110x80x6. I = 290. Se si utilizzano dimensioni inferiori, le oscillazioni del telaio possono essere trasmesse all autotelaio. x Botola di servizio sul pianale di cassoni fissi e furgonati Per informazioni, vedere capitolo 2. Telai con sospensioni pneumatiche integrali Per ridurre il rischio di oscillazione del telaio, il falsotelaio deve essere sempre protratto il più possibile in avanti. 29

30 Falsotelaio per veicoli con cassone fisso e furgonati 26:5013 Fissaggio del falsotelaio Vedere l esempio seguente di fissaggio di falsotelaio per veicoli con cassone fisso o furgonati con fiancata completamente apribile. 26:

31 Semirimorchi ribaltabili Dovrà essere data particolare importanza alla stabilità durante il ribaltamento, data la lunghezza del cassone ribaltabile ed in considerazione del fatto che il carrello o l assale posteriore della motrice contribuisce solo in modo limitato alla stabilità. Pertanto, il carrello del semirimorchio deve avere un elevata resistenza al rollio. Anche in questo caso si possono applicare le parti principali della sezione Stabilità. Per le motrici valgono le prescrizioni del capitolo 4 Motrici e ralle. 26:5101 Autocarri per il trasporto di legname Vedere capitolo 7 Altre attrezzature per allestimento. 31

Autocarri con allestimento intercambiabile. Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile PGRT

Autocarri con allestimento intercambiabile. Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile PGRT Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile I veicoli con allestimento intercambiabile sono considerati

Dettagli

Il nuovo Arocs Loader. Il nuovo Arocs Grounder.

Il nuovo Arocs Loader. Il nuovo Arocs Grounder. Il nuovo Arocs Loader. Il nuovo Arocs Grounder. Massima forza per massime sollecitazioni: Arocs Loader e Arocs Grounder. Per carichi particolarmente elevati e sollecitazioni estreme. Con Arocs Loader

Dettagli

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari Questionario Note Le domande dei questionari sono di tipo differente. Nello specifico, questi sono i tipi di domande: SCELTA MULTIPLA (1 opzione): sono elencate alcune risposte possibili e va scelta quella

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO FS 08 1S E un sollevatore manuale uso gancio per operatori professionali del settore ferroviario. Consente il sollevamento di attrezzature ferroviarie dopo essere stato assemblato nei 3 moduli che lo compongono

Dettagli

ALLEGATO II Dispositivi di attacco

ALLEGATO II Dispositivi di attacco ALLEGATO II Dispositivi di attacco. : il testo compreso fra i precedenti simboli si riferisce all aggiornamento di Maggio 2011 Nel presente allegato sono riportate le possibili conformazioni dei dispositivi

Dettagli

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego.

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. 2 1 2 3 Chiedete ai vostri specialisti Prime Design Europe in tutta Europa ulteriori informazioni sui nostri prodotti vincenti!

Dettagli

EH700. Massimo carico utile 37 600 kg. Massimo carico utile con rivestimento di tipo generico 35 400 kg. Peso complessivo a pieno carico 69 900 kg

EH700. Massimo carico utile 37 600 kg. Massimo carico utile con rivestimento di tipo generico 35 400 kg. Peso complessivo a pieno carico 69 900 kg EH700 Massimo carico utile 37 600 kg Massimo carico utile con rivestimento di tipo generico 35 400 kg Peso complessivo a pieno carico 69 900 kg Potenza lorda motore 391 kw / 525 HP Progettati per le prestazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO COSTRUTTIVO CATEGORIA KART TRADIZIONALE (N5K) (in vigore dal 2015)

REGOLAMENTO COSTRUTTIVO CATEGORIA KART TRADIZIONALE (N5K) (in vigore dal 2015) REGOLAMENTO COSTRUTTIVO CATEGORIA KART TRADIZIONALE (N5K) (in vigore dal 2015) 1 Definizione Sono ammessi nella categoria N5K (Kart) i telai Kart a motore che dispongano o abbiano disposto di omologazione

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUTENZIONE ED USO. INDICE: AVVERTENZE GENERALI PER LA SICUREZZA...PAG. 2 INSTALLAZIONE GUIDE VERTICALI...PAG. 2 INSTALLAZIONE GRUPPO MOLLE...PAG. 2 INSTALLAZIONE CON VELETTA

Dettagli

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio KDIX 8810 Istruzioni di montaggio Sicurezza della lavastoviglie 4 Requisiti di installazione 5 Istruzioni di installazione 7 Sicurezza della lavastoviglie La vostra sicurezza e quella degli altri sono

Dettagli

COMaNDI MaNualI Sistemi manuali di comando a distanza per ventilazione

COMaNDI MaNualI Sistemi manuali di comando a distanza per ventilazione COMaNDI MaNualI Sistemi manuali di comando a distanza per ventilazione I sistemi Mec Line per il comando manuale a distanza dei serramenti sono supercollaudati, affidabili ed economici, di facile e rapida

Dettagli

CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE

CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE I veicoli allestiti con carrozzerie di tipo ribaltabile sono costituiti essenzialmente da un controtelaio permanentemente ancorat o all'autotelaio sul quale è appoggiato

Dettagli

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego.

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. ErgoRack viene sempre azionato da terra. Questo riduce di 2/3 l impatto sulla schiena e sulle spalle ed elimina la necessità

Dettagli

5.1 DATI TECNICI 5.1.1 INGOMBRI STANDARD IMPORTANTE. MISURE DI INGOMBRO CON BENNA STANDARD L 1260 E PNEUMATICI (27x8.50-15) DATI TECNICI

5.1 DATI TECNICI 5.1.1 INGOMBRI STANDARD IMPORTANTE. MISURE DI INGOMBRO CON BENNA STANDARD L 1260 E PNEUMATICI (27x8.50-15) DATI TECNICI DATI TECNICI 5.1 DATI TECNICI 5.1.1 INGOMBRI STANDARD IMPORTANTE q Il peso della macchina aumenta di 200 kg quando è allestita con ruote non pneumatiche. q Se la benna è munita di denti la lunghezza della

Dettagli

caricat carica ori f ori f estali

caricat carica ori f ori f estali caricatori forestali Caricatore Forestale CF 325 Z Caricatore Forestale CF 350 N Caricatore Forestale CF 400 Z Caricatore Forestale CF 450 Z 1 caricatori forestali La nostra azienza è presente da anni

Dettagli

PRODUZIONE GRANDE SERIE

PRODUZIONE GRANDE SERIE TAVOLE ELEVATRICI IDRAULICHE SU RUOTE Sollevare, abbassare, trasportare. Sicure e di facile manovrabilità Struttura robusta in profilati acciaio Impugnatura di spinta cromata Sollevamento a pedale con

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30 Indice Premessa 9 parte prima Base A Tavola A1 Carosello motociclette 13 Tavola A2 Manovellismi motori due cilindri 14 Tavola A3 Velocità media 15 Tavola A4 Supporto a filo di un carico 16 Tavola A5 Supporto

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ADEGUAMENTO DEI TRATTORI AGRICOLI O FORESTALI CON PIANO DI CARICO (MOTOAGRICOLE) AI REQUISITI DI SICUREZZA IN CASO DI CAPOVOLGIMENTO PREVISTI AL PUNTO 2.4 DELLA PARTE

Dettagli

ETRUCK Veicolo Elettrico Litio ABS

ETRUCK Veicolo Elettrico Litio ABS ETRUCK Veicolo Elettrico Litio ABS 1 AZIENDA CON PRODUZIONE DI SERIE 11000 veicoli prodotti per anno 250 dipendenti 2 fabbriche 100M turnover Produzione di serie Attività iniziata nel 1975 DATI TECNICI

Dettagli

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1 SPAZZATRICE ASPIRANTE VELOCE mod. MINOR m 3 2 La Spazzatrice Aspirante Scarab Minor è una delle più potenti spazzatrici compatte per aree urbane. E allestita con motore Diesel VM sovralimentato (conforme

Dettagli

REACH STACKER IRS 50 MANUALE USO E MANUTENZIONE CAPITOLO 6. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA

REACH STACKER IRS 50 MANUALE USO E MANUTENZIONE CAPITOLO 6. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA REACH STACKER IRS MANUALE USO E MANUTENZIONE 6.1.2 DATI TECNICI SPECIFICHE Capacità di sollevamento (1. / 2. Row)...000 / 000 kg Load Center...2000 / 00 mm Motore...Diesel Sterzo...idrostatico, volante

Dettagli

C o m p o n e n t i By

C o m p o n e n t i By C o m p o n e n t i BASI E SISTEMA DI SCORRIMENTO La base dell impianto è costituita da una coppia di longheroni con una sezione da 120 mm con spessori di 20/10 e 30/10 in lamiera zincata, sui quali vengono

Dettagli

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE Sezione II PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE (RM 2008 A 000111: 20/02/2008 Italia) Tiziano Averna, Marco Traballesi Fondazione Santa Lucia Ettore Pennestrì, Pier Paolo

Dettagli

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 Indice Pagina: Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 1. Parti componenti della fornitura.................... 3 2. Montaggio................................. 4 2.1 Trasporto..................................

Dettagli

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE:

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Pag. 1 Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Alla semplicità strutturale si accompagnano soluzioni avanzate che fanno una macchina molto versatile utilizzabile in tutte

Dettagli

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132 pag. 1/28 SOMMARIO Carro tipo 130 / 132 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI... 2 1.1 - Descrizione del prodotto... 2 1.2 - Caratteristiche tecniche del prodotto... 4 1.2.1 - Dimensioni... 4 1.2.2 - Carichi...

Dettagli

MONTEFIORI s.n.c - COSTRUZIONE MECC. METALLURGICA E COMMERCIO di Montefiori Gino & C.

MONTEFIORI s.n.c - COSTRUZIONE MECC. METALLURGICA E COMMERCIO di Montefiori Gino & C. Livellatrice trainata tipo MONTEFIORI ROMA 600M Per trattori con potenze da 280/400 cavalli TELAIO BREVETTATO CALCOLATO FINO A 600 CAVALLI Dati Informativi : Livellatrice trainata con predisposizone a

Dettagli

Modifica del sistema di scarico. Limiti alla modifica del sistema di scarico. Limitazioni generali per tutti i tipi di motore e per i sistemi

Modifica del sistema di scarico. Limiti alla modifica del sistema di scarico. Limitazioni generali per tutti i tipi di motore e per i sistemi Limiti alla modifica del sistema di scarico Limiti alla modifica del sistema di scarico Limitazioni generali per tutti i tipi di motore e per i sistemi di scarico IMPORTANTE In generale non è consentito

Dettagli

LUBRIFICAZIONE AUTOMATICA PER VEICOLI COMMERCIALI E INDUSTRIALI

LUBRIFICAZIONE AUTOMATICA PER VEICOLI COMMERCIALI E INDUSTRIALI LUBRIFICAZIONE AUTOMATICA PER VEICOLI COMMERCIALI E INDUSTRIALI un ausilio per la manutenzione e il miglioramento delle prestazioni dei veicoli mobili stradali 1 LUBRIFICAZIONE AUTOMATICA LA SCELTA GIUSTA

Dettagli

Impianto Frenante. Dispensa didattica. Zanutto Daniele

Impianto Frenante. Dispensa didattica. Zanutto Daniele Impianto Frenante Dispensa didattica Zanutto Daniele I Freni pag. 4782 Compito I freni hanno il compito di rallentare, frenare e fermare un veicolo e di impedire un suo movimento da fermo. Durante la decelerazione,

Dettagli

ITALIANO. Per conoscere i numeri di telefono dell assistenza clienti locale, visitare: http://contact.ergotron.com. 1 of 16

ITALIANO. Per conoscere i numeri di telefono dell assistenza clienti locale, visitare: http://contact.ergotron.com. 1 of 16 Destinato all utilizzo con imac 21,5 pollici e imac 27 pollici Apple (fine 2012 o più recente). Il peso totale massimo (comprensivo di imac, tastiera e mouse) non deve superare le 25 libbre (11,34 kg)

Dettagli

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRASPORTO COMBINATO CODIFICATO DELLE CASSE MOBILI E DEI SEMIRIMORCHI Il trasporto per ferrovia delle casse

Dettagli

Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno

Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno A seguito della verifica dei registri infortuni delle aziende del settore legno, si ritiene necessario fornire ulteriori indicazioni di bonifica

Dettagli

11-12. Serie DKri. 25. Note

11-12. Serie DKri. 25. Note Catalogo 2008 Pag. Serie 1-2. Serie DKrm Semplice effetto - Ritorno a molla 3-4. Serie DKrma In alluminio - Semplice effetto - Ritorno a molla 5-6. Serie DKrm-c Semplice effetto - Ritorno a molla - Compatti

Dettagli

TC15 TC19. versatili

TC15 TC19. versatili NOVITÀ TC15 TC19 Piccoli e versatili Due nuovi miniescavatori Terex con configurazione a coda corta e girosagoma. Assolutamente perfetti. Terex ha arricchito la propria gamma di miniescavatori cingolati

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC

SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC Pagina 1 di 5 SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC Pagina 2 di 5 1) DESCRIZIONE GENERALE L attrezzatura è costituita di massima dalle seguenti parti: a) Cassone a vasca dal volume minimo di

Dettagli

Sistemi di Carico e Scarico

Sistemi di Carico e Scarico Sistemi di Carico e Scarico Sistemi di carico e scarico I sistemi di carico e scarico costituiscono una completa dotazione dei punti di carico e scarico delle merci nei magazzini e nei centri logistici.

Dettagli

Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357. Tappi di insonorizzazione 41 Gruppo 1610

Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357. Tappi di insonorizzazione 41 Gruppo 1610 Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357 Per l'assemblaggio di profilati doppi. Questo sistema permette di assemblare rapidamente in una seconda fase due profilati. Per essere sicuri di ottenere i valori

Dettagli

Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling)

Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling) Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling) Osservazione: con il segno + si vuole indicare che la regolazione impostata è stata aumentata. Mentre, con il segno la regolazione impostata

Dettagli

ALUMINIUM LOADING SYSTEMS

ALUMINIUM LOADING SYSTEMS ALUMINIUM LOADING SYSTEMS Logistica - IT PEDANE FISSATE ALLA BANCHINA: Tale gamma di pedane permette le regolari e classiche operazioni di carico e scarico su banchine con possibilità di fissaggio mediante

Dettagli

TKA 61 KS LA NUOVA DIMENSIONE

TKA 61 KS LA NUOVA DIMENSIONE TKA 61 KS LA NUOVA DIMENSIONE MASSIMA ALTEZZA DI LAVORO Con un altezza di lavoro di 61 metri, uno sbraccio laterale di 39 metri e una portata del cestello di 120 kg la TKA 61 KS apre all utilizzatore dimensioni

Dettagli

linea d imballo pacchi lamiera

linea d imballo pacchi lamiera linea d imballo pacchi lamiera linea di imballo per pacchi di lamiera mediante filmatura completamente automatica Nuovo metodo d imballo Pesmel ad elevata capacità produttiva La linea d imballaggio è stata

Dettagli

PK 600 TK / PK 800 TK

PK 600 TK / PK 800 TK PK 600 TK / PK 800 TK BEN IN ALTO CON LE GRU DI MONTAGGIO PALFINGER IL MASSIMO PER ALTEZZA DI LAVORO E VELOCITA La PK 600 TK, per le sue rapide sequenze di movimento e per la sensibilità di controllo,

Dettagli

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio Flash protection I sistemi di ancoraggio provvisorio sono utilizzati per la messa in sicurezza dei cantieri o per interventi di manutenzioni su impianti o macchinari. Questi prodotti sono studiati in modo

Dettagli

Gancio di traino, fisso

Gancio di traino, fisso Installation instructions, accessories Istruzioni No 31338961 Versione 1.0 Part. No. 31359732 Gancio di traino, fisso IMG-337976 Volvo Car Corporation Gancio di traino, fisso- 31338961 - V1.0 Pagina 1

Dettagli

L attacco rapido intelligente per escavatori ESCAVATORI

L attacco rapido intelligente per escavatori ESCAVATORI L attacco rapido intelligente per escavatori ESCAVATORI Sostituisci il tuo attrezzo idraulico in 10 secondi Principio di funzionamento OilQuick è un sistema di attacco rapido per escavatori per collegare

Dettagli

Macchine per la movimentazione di carichi pesanti

Macchine per la movimentazione di carichi pesanti Serie MHT Macchine per la movimentazione di carichi pesanti 5 modelli in grado di sollevare da 5 a 16 tonnellate L esperienza consolidata nella progettazione di macchine per la movimentazione fuoristrada

Dettagli

STIGA PARK 121 M 8211-3011-10

STIGA PARK 121 M 8211-3011-10 STIGA PARK 121 M 8211-3011-10 D 5b. 1. Park -1993 5a. 2. Park -1993 6a. Park -1999 F G H 3. Park -1993 7. I I 4. Park -1993 8. 6b. Park 2000- J 9. 13. 10. 14. X Z Y W 11. V 15. Denna produkt, eller delar

Dettagli

Gli specialisti dei caricatori. Attrezzi terminali per caricatori frontali della nuova gamma di benne.

Gli specialisti dei caricatori. Attrezzi terminali per caricatori frontali della nuova gamma di benne. Gli specialisti dei caricatori. Attrezzi terminali per caricatori frontali della nuova gamma di benne. la gamma e funzionale, robusta e resistente Il trattore, il caricatore e gli accessori terminali sono

Dettagli

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO ELEVAZIONE A B D C E MOTORIDUTTORE A CON INGRANAGGI IN BAGNO D OLIO Il gruppo motoriduttore è realizzato con ingranaggi d acciaio a dentatura elicoidale in bagno d olio. La dentatura elicoidale permette

Dettagli

Dati tecnici Spandilegante serie MA SW 12 MA SW 16 MA

Dati tecnici Spandilegante serie MA SW 12 MA SW 16 MA Dati tecnici Spandilegante serie MA SW 12 MA SW 16 MA Dati tecnici Spandilegante SW 12 MA Spandilegante SW 16 MA Cassone Capacità del cassone 12 m 3 16 m 3 Diametro bocchettone / tubazione di riempimento

Dettagli

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA uilt build to ponteggi ponteggi ALLUMINIO PLA Ponteggio di facciata in alluminio P.L.A. 186 Azienda Progetti Prodotti PONTEGGIO PER MANUTENZIONE E RESTAURO Il ponteggio prefabbricato di facciata P.L.A.

Dettagli

COMBITEC Centro di deformazione

COMBITEC Centro di deformazione Centro di deformazione Più potenza e spazio per una nuova prospettiva produttiva L efficiente centro di deformazione COMBITEC apre nuove prospettive per la produzione. In virtù dell elevatissima potenza

Dettagli

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC)

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Ugello per macchine con serranda a bullone tipo BHP a comando pneumatico o idraulico serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Meccanismo valvola:

Dettagli

SCHEDA TECNICA TRABATTELLO MILLENIUM E MILLENIUM S

SCHEDA TECNICA TRABATTELLO MILLENIUM E MILLENIUM S TRABATTELLI E SCALE DI QUALITA' BAGNATICA (BG) - via delle Groane, 13 - tel. 035/681104 - fax 035/681034 SCHEDA TECNICA TRABATTELLO MILLENIUM E MILLENIUM S Trabattello professionale MILLENIUM è costituito

Dettagli

Carlotti G. & C. s.n.c. L arte della raccolta delicata

Carlotti G. & C. s.n.c. L arte della raccolta delicata Carlotti G. & C. s.n.c. L arte della raccolta delicata Macchine semplici Rapid 3 SK KMC ZMC Super 293 Super 294 ML Rapid 3 SK Le scavapatate semplici La nuova serie di scavapatate Rapid 3SK nasce anche

Dettagli

Manutenzione. maintenance it 03-05

Manutenzione. maintenance it 03-05 Manutenzione 21 Regolazione della pressione del giunto porta 2 Sostituzione delle pulegge e dei cavi del contrappeso Sostituzione del giunto porta, del vetro o delle guide della porta 4 Sostituzione della

Dettagli

MOVIMENTO ACCESSO E GUIDA DIRETTAMENTE DALLA CARROZZINA

MOVIMENTO ACCESSO E GUIDA DIRETTAMENTE DALLA CARROZZINA INDIPENDENZA e LIBERTÀ di MOVIMENTO Sappiamo che l indipendenza e la mobilità è estremamente importante per tutte le persone, in particolare per le persone che vivono quotidianamente su una carrozzina

Dettagli

TORRE MOBILE DA LAVORO T21

TORRE MOBILE DA LAVORO T21 TORRE MOBILE DA LAVORO T21 ISTRUZIONI PER L USO, Il MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Il presente manuale contiene le informazioni necessarie all utilizzo, il montaggio, lo smontaggio e la manutenzione del Ponteggio

Dettagli

VETRATA PIEGHEVOLE S.30 (Leggera e snella, scorre anche in curva)

VETRATA PIEGHEVOLE S.30 (Leggera e snella, scorre anche in curva) I VETRATA PIEGHEVOLE S.30 (Leggera e snella, scorre anche in curva) DESCRIZIONE TECNICA Le Vetrate pieghevoli SUNROOM Mod. S.30 sono sempre costruite su misura e sono composte da elementi modulari in

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro.

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. I pioli devono essere privi di nodi. Tali pioli devono essere trattenuti

Dettagli

1995 mm. 2195-2225 mm. 1140 mm Sbalzo anteriroe

1995 mm. 2195-2225 mm. 1140 mm Sbalzo anteriroe 1995 mm FUSO A Daimler Group Brand 3995 4985 5725 6470 7210 Lungh. max allest.** CANTER 7C15 (D) 2195-2225 mm 1140 mm Sbalzo anteriroe 2800 3400 3850 4300 4750 Passi 5135 5935 6685 7185 7735 Masse/Dimensioni

Dettagli

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 @ RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 2 RC 40 Dati tecnici. 3 Questa scheda tecnica indica soltanto i valori tecnici del carrello elevatore

Dettagli

NEW HOLLAND 7OOTL 73OTL 74OTL 75OTL 76OTL 77OTL

NEW HOLLAND 7OOTL 73OTL 74OTL 75OTL 76OTL 77OTL NEW HOLLAND 7OOTL 73OTL 74OTL 75OTL 76OTL 77OTL 2 3 CARICATORI NEW HOLLAND PER TRATTORI NEW HOLLAND PROGETTATI APPOSITAMENTE PER UNA PERFETTA COMPATIBILITÀ I caricatori 700TL sono stati appositamente progettati

Dettagli

TORRE MOBILE DA LAVORO T21

TORRE MOBILE DA LAVORO T21 TORRE MOBILE DA LAVORO T21 ISTRUZIONI PER L USO, Il MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Il presente manuale contiene le informazioni necessarie all utilizzo, il montaggio, lo smontaggio e la manutenzione del Ponteggio

Dettagli

COMPONENTI E ACCESSORI SOTTOPIANALE

COMPONENTI E ACCESSORI SOTTOPIANALE Cassette porta attrezzi in lamiera zincata Chiusura incassata euro plex P.V.C. Lamiera spessore 8/10 Coperchio spessore 10/10 Maniglia con chiave su richiesta Di serie P.V.C. Dimensioni in mm Larghezza

Dettagli

Quality Trailers. 2012 serie big trailers dumper

Quality Trailers. 2012 serie big trailers dumper Quality Trailers 2012 serie big trailers dumper Quality trailers SISTEMA ELETTRO-IDRAULICO DI STERZATURA DEGLI ASSI POSTERIORI SEGNALAZIONE EIMA 2004 RIMORCHIO PREDISPOSTO PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO TELO

Dettagli

GDX 20 E. Piattaforma completamente idraulica Lunghezza : 5.530 mm 350 rotazione. Dimensioni. Larghezza macchina: Passo minimo del veicolo

GDX 20 E. Piattaforma completamente idraulica Lunghezza : 5.530 mm 350 rotazione. Dimensioni. Larghezza macchina: Passo minimo del veicolo GDX 20 E Piattaforma completamente idraulica Lunghezza : 5.530 mm 350 rotazione Dimensioni Lunghezza macchina: Altezza macchina: Larghezza macchina: Passo minimo del veicolo 5.530 mm 2.970 mm 2.240 mm

Dettagli

ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 REGOLAMENTO DI SETTORE - SLALOM REGOLAMENTO TECNICO LIGHT

ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 REGOLAMENTO DI SETTORE - SLALOM REGOLAMENTO TECNICO LIGHT ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 REGOLAMENTO DI SETTORE - SLALOM REGOLAMENTO TECNICO LIGHT CRONOLOGIA MODIFICHE: ARTICOLO MODIFICATO DATA DI APPLICAZIONE DATA DI PUBBLICAZIONE REGOLAMENTO DI SETTORE (RDS)

Dettagli

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Sicurezza realizzabile Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Imbracatura, stoccaggio e trasporto Nella vostra azienda si lavora in condizioni di sicurezza con gli elementi prefabbricati in

Dettagli

Sedia portantina Utila - modello ALS 300

Sedia portantina Utila - modello ALS 300 Sedia portantina Utila - modello ALS 300 Utila Gerätebau GmbH & Co.KG Zobelweg 9 53842 Troisdorf - Spich Telefono 0224 / 94830 Fax 0224 / 948325 www.utila.de - info@utila.de Utila Gerätebau GmbH & Co.KG

Dettagli

29.09.13 MOD. ALADINO RIBALTA VERTICALE MANUALE MATRIMONIALE

29.09.13 MOD. ALADINO RIBALTA VERTICALE MANUALE MATRIMONIALE 29.09.13 MOD. ALADINO RIBALTA VERTICALE MANUALE MATRIMONIALE 2 MANUALE D USO E MANUTENZIONE ISTRUZIONI ORIGINALI INDICE CAPITOLO PAGINA 1. DESCRIZIONE GENERALE Congratulazioni 3 Destinazione d uso Descrizione

Dettagli

ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE

ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE Congratulazioni per la Vostra scelta! Av ete appena acquistato l elev atore motorizzato per v ideoproiettore SI- H 300 ideato

Dettagli

Freno di stazionamento. Cabina di guida. Comando lama neve

Freno di stazionamento. Cabina di guida. Comando lama neve Cabina di guida L abitacolo del nuovo Veicolo Euro 5 è caratterizzato dal nuovo design della consolle centrale. La cabina si contraddistingue perché di tipo avanzato, costruita in materiale composito anticorrosivo

Dettagli

AVVOLGICAVO serie 1700

AVVOLGICAVO serie 1700 AVVOLGICAVO serie 1700 Costruiti in conformità alle Norme EN 61242 EN 60335-1 110 Prodotti conformi ai requisiti delle Direttive 2006/95/CE 2006/42/CE 2002/95/CE Legge 626: OK! INFORMAZIONI GENERALI SUGLI

Dettagli

Quargo è un veicolo solido, affi dabile, economico e innovativo: la risposta che aspettavi per migliorare la qualità del tuo lavoro.

Quargo è un veicolo solido, affi dabile, economico e innovativo: la risposta che aspettavi per migliorare la qualità del tuo lavoro. Lavora di più, spende di meno. Piaggio opera da più di 50 anni nel mercato dei Veicoli Commerciali e da Trasporto Leggero. Dall esperienza e dalla passione Piaggio nasce Quargo, il nuovo modo di interpretare

Dettagli

Potente e flessibile. Elevatore per traslochi Avario. www.boecker-group.com

Potente e flessibile. Elevatore per traslochi Avario. www.boecker-group.com Potente e flessibile Elevatore per traslochi Avario L elevatore per traslochi Böcker Avario Design compatto ed elevate prestazioni L HD Avario della Böcker è un elevatore per mobili all avanguardia, che

Dettagli

Attrezzature per Fisioterapia

Attrezzature per Fisioterapia Attrezzature per Fisioterapia Sollevamento carichi a partire da un peso di solo 0,5 kg PULLEY (Pulley) I pulley e i loro accessori sono considerati come l attrezzatura per riabilitazione più versatile

Dettagli

Costruzione di macchine

Costruzione di macchine Giovanni Nerli, è stato ordinario di Progettazione meccanica e Costruzione di macchine presso la Facoltà di Ingegneria dell Università di Firenze dal 1976 al 2008. Ha svolto, oltre all attività didattica,

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA Sistemi di protezione collettivi ed individuali con riferimento alle normative europee UNI EN 13374 e UNI EN 795. I lavori in quota possono esporre

Dettagli

Il peso, un argomento per i vostri risparmi energetici

Il peso, un argomento per i vostri risparmi energetici Il peso, un argomento per i vostri risparmi energetici SEMIRIMORCHIO IL MIGLIOR PARTNER PER RISPAMIARE ENERGIA Affidabilità e robustezza, SR2 Green Liner è ideato appositamente per il trasporto frigorifero

Dettagli

LOTTO 6 RIF. 82 SUB LOTTO 6.1.A DESCRIZIONE: N. 1725 SEDUTA FISSA SENZA BRACCIOLI PER VISITATORE IMBOTTITA

LOTTO 6 RIF. 82 SUB LOTTO 6.1.A DESCRIZIONE: N. 1725 SEDUTA FISSA SENZA BRACCIOLI PER VISITATORE IMBOTTITA LOTTO 6 RIF. 82 SUB LOTTO 6.1.A DESCRIZIONE: N. 1725 SEDUTA FISSA SENZA BRACCIOLI PER VISITATORE IMBOTTITA - la sedia non puo ospitare piu di una persona - la sedia e impilabile fino a un massimo di 10

Dettagli

Il portatutto all avanguardia per qualsiasi possibile impiego.

Il portatutto all avanguardia per qualsiasi possibile impiego. Il portatutto all avanguardia per qualsiasi possibile impiego. 2 www.primedesigneurope.eu 1 Chiedete ai vostri specialisti Prime Design Europe in tutta Europa ulteriori informazioni sui nostri prodotti

Dettagli

Cat 303.5E CR MINIESCAVATORE IDRAULICO. Caratteristiche tecniche. Motore. Impianto idraulico. Pesi* Sistema di rotazione. Sistema di marcia.

Cat 303.5E CR MINIESCAVATORE IDRAULICO. Caratteristiche tecniche. Motore. Impianto idraulico. Pesi* Sistema di rotazione. Sistema di marcia. Cat 303.5E CR MINIESCAVATORE IDRAULICO CARATTERISTICHE: Il miniescavatore idraulico Cat 303.5E CR offre alte prestazioni e un design compatto che consente all operatore di lavorare con le applicazioni

Dettagli

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse LE RETI ANTICADUTA DALLE NORME UNI EN 1263-1 1 e 2 ALLE NUOVE LINEE GUIDA AIPAA VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Carlo Calisse INTRODUZIONE ALLE NORME UNI EN 1263-1:

Dettagli

MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO

MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO REV 01-05/2014 INDICE 1 Premessa 1.1 Avvertenze 1.2 Norme tecniche di riferimento 1.3 Caratteristiche dei materiali 1.4 Caratteristiche tecniche dei profili maggiormente

Dettagli

Multipurpose All Terrain Vehicle

Multipurpose All Terrain Vehicle FRESIA F18 4X4 Multipurpose All Terrain Vehicle Mezzo Speciale per Trasporto Materiale Logistico in condizioni estreme su ogni tipo di terreno 4 Ruote Motrici 4 Ruote Sterzanti L F18 4x4 è un veicolo leggero

Dettagli

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SPECIFICHE DEL TELAIO DI PROTEZIONE. : il testo compreso fra i precedenti simboli

Dettagli

Il potere di fare di più con la nuova Serie ES

Il potere di fare di più con la nuova Serie ES Il potere di fare di più con la nuova Serie ES Mai prima d ora una serie di piattaforme verticali a pantografo ha fornito tanta potenza e versatilità per applicazioni sia interne che esterne. Tutti i modelli

Dettagli

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 La macchina utensile di tipo universale con un montante anteriore mobile

Dettagli

MOVIMENTAZIONE PAZIENTE

MOVIMENTAZIONE PAZIENTE MOVIMENTAZIONE PAZIENTE TELO PORTAFERITI SEDIA PORTANTINA Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI Strumento fondamentale per il TRASPORTO DEI PAZIENTI. Le OPERAZIONI normalmente eseguite con la barella

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia

LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia Lojer è uno dei più grandi produttori per fisioterapia e rieducazione Sollevamento carichi a partire da un peso di solo 0,5 kg LOJER PULLEY (Pulley) I pulley e

Dettagli

CARRIER C30R-2B. 2365 kg. Call for Yanmar solutions

CARRIER C30R-2B. 2365 kg. Call for Yanmar solutions CARRIER 2365 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Trasportatore Yanmar, prestazioni ottimali su ogni tipo di terreno. Caratteristiche principali > Dimensioni compatte : Larghezza globale ridotta a

Dettagli

Nuova Gamma Porter. euro

Nuova Gamma Porter. euro Nuova Gamma Porter euro 6 euro 6 euro 6 MAGGIORE POTENZA* MAGGIORE COPPIA* Nuovo Motore La gamma di veicoli a benzina per uso commerciale trova nel motore MultiTech Euro 6 la risposta efficiente, durevole,

Dettagli