Classe QUINTA sez. B Indirizzo AGRARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classe QUINTA sez. B Indirizzo AGRARIO"

Transcript

1 ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE G. BONSIGNORI" Via Avis, REMEDELLO (BS) TEL. 030/ / fax 030/ Anno Scolastico 2009/2010 Documento del consiglio di classe Classe QUINTA sez. B Indirizzo AGRARIO 1/39

2 INDICE Il consiglio di classe Ore di lezione settimanali Evoluzione della classe Profilo della classe Obiettivi interdisciplinari Indicazioni metodologiche Attività extracurriculari significative del triennio Simulazioni prove d esame Libri di testo adottati Programma svolto per singole materie e relazione del docente 2/39

3 IL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE FIRMA DISCIPLINA Tognoli Gian Battista Italiano e Storia X X X Resta Rocco Religione X X Nodari Livio Entomologia e Meccanica X X Petruzziello Luigi Eserc. Topografia-Meccan. X X Dancelli Alessandro Topografia X Carini Andrea Agronomia e Coltivazioni X X Pacifici Fernando G. Zootecnia X X X Metelli Tiziana Es. Entomol. - Zootecnia Es. Estimo X X X Testa Franco Es. Agronomia e Coltivazioni X X X Liberto Francesco Industrie Agrarie X X X Donà Carla Eserc. Industrie X X X Arcari Pietro Costruzioni Rurali X X Migliorati Ettore Educaz. Fisica X X X Cattelan Adriano Estimo Rurale X X X Buzzi Di Marco Sostegno X X 3/39

4 Il presente documento è stato deliberato dal consiglio di classe in data 03/04/2010 Disciplina ORE DI LEZIONE SETTIMANALI n. ore Italiano 3 Storia 2 Religione 1 Entomologia 3(1) Agronomia e Coltivazioni 5(2) Estimo Rurale 7(2) Zootecnia 3(1) Industrie Agr. 5(2) Meccanica Agr. 3(1) Costruzioni Rurali 4 Topografia 2(2) Educazione Fisica 2 Codocenza nelle esercitazioni (11) 4/39

5 ISCRITTI EVOLUZIONE DELLA CLASSE TERZA QUARTA QUINTA Totale Maschi Femmine Portatori H Provenienti da altro Istituto Ritirati Promossi Non promossi 5 1 PROFILO DELLA CLASSE La classe è composta da 17 alunni di cui tre femmine e quattordici maschi provenienti tutti dalla quarta sez. B dello scorso anno. E presente uno studente diversamente abile che ha seguito nel quinquennio un piano di studi differenziato ed è ben inserito nel gruppo. La maggioranza degli allievi proviene dai paesi limitrofi e sono tutti abbastanza socievoli e affiatati tra loro. I docenti hanno cercato di assumere un atteggiamento improntato al rispetto per gli alunni, valorizzandone le capacità e favorendone il processo di formazione. La situazione di partenza della classe è nel complesso più che sufficiente. Gli obiettivi formativi e didattici concordati per tutte le materie e messi in evidenza nel Piano di lavoro del C.d.C. sono stati raggiunti. Gli studenti hanno mostrato discrete attitudini sia nelle discipline umanistiche che in quelle dell'area professionale. La partecipazione all'attività didattica, l'interesse e la frequenza alle lezioni sono stati buoni; l'impegno nello studio è stato nel complesso discreto; non mancano alunni che hanno dimostrato un impegno più alto e costante. La partecipazione alle attività esterne è stata molto positiva. 5/39

6 ELENCO ALUNNI 1 Bindoni Piepaolo 2 Boldini Alberto 3 Crescenti Davide 4 Crotti Silvia 5 Davorio Paolo 6 Ferro Andrea 7 Massetti Luigi 8 Merigo Davide 9 Modica Sabrina 10 Oneda Marco 11 Puzzi Simone 12 Reoletti Michele 13 Scaletti Marco 14 Tanadini Simone 15 Tiso Leone Giuseppe 16 Tiziano Annamaria 17 Tomasoni Fabio 6/39

7 OBIETTIVI INTERDISCIPLINARI Obiettivi educativi Instaurare un rapporto equilibrato con docenti e compagni, sviluppando un positivo senso di collaborazione; Acquisire fiducia in sé e sicurezza per affrontare e risolvere problemi personali e professionali; Sviluppare una motivazione allo studio, al lavoro e alla partecipazione civile e sociale; Imparare ad organizzare il metodo di studio; Sapersi informare ed aggiornare continuamente; Imparare a confrontarsi con i compagni all'interno della scuola e con l'esterno, senza temere gli inevitabili insuccessi Obiettivi culturali Saper usare la lingua italiana parlata, scritta e trasmessa per entrare in rapporto con gli altri. Comprendere i messaggi e saper comunicare utilizzando la lingua straniera (corsi sperimentali). Conoscere il linguaggio letterario, scientifico e tecnico per analizzare e interpretare la realtà. Comprendere, saper analizzare e sintetizzare un testo letterario, scientifico e tecnico. Conoscere i linguaggi informatici per utilizzare strumenti informatici e telematici. Porsi problemi e prospettare soluzioni. Maturare capacità logico-deduttive. Conoscere, usare, scegliere tecniche idonee al contesto espressivo. Saper lavorare autonomamente e in gruppo. Saper comunicare, attraverso il linguaggio verbale e non verbale, concetti e idee astratte. Saper comprendere e riconoscere l'interazione fra mondo fisico, biologico e comunità umane. Conoscere e comprendere fatti e fenomeni collocati nel tempo e nello spazio. Acquisire un metodo di studio che fornisca elementi di autonomia culturale. Saper considerare criticamente affermazioni e informazioni per arrivare a convinzioni fondate e decisioni consapevoli. Obiettivi disciplinari I docenti, nelle riunioni per materie hanno individuato, all'inizio dell'anno scolastico, gli obiettivi disciplinari, il tipo ed il numero di verifiche (orali, scritte, grafiche, pratiche) da svolgere per ogni quadrimestre. Questi parametri generali di riferimento sono stati successivamente trasferiti nella programmazione individuale. Tutta la documentazione relativa è consultabile a richiesta presso gli uffici della Segreteria. 7/39

8 ATTIVITÀ EXTRACURRICULARI SIGNIFICATIVE classe quinta TIPOLOGIA OGGETTO LUOGO CASEIFICI CHIARI E BRESCIA FIERA AGRICOLA VERONA Visite guidate CANTINE TRENTO FRANTOI LAGO DI GARDA C.I.Z. SAN MINIATO AZIENDE ZOOTECNICHE VISANO ISORELLA - CANNETO Viaggi di istruzione Orientamento VIAGGIO DI ISTRUZIONE A BARCELLONA PROGETTO FUORICLASSE VIVA IL VERDE PONTE SAN MARCO ORIENTAM. PREUNIVERSITARIO PROMOSSO DALL UNIV. STUDI DI BRESCIA. SEDE in uscita CONFERENZA DI ORIENTAMENTO PROMOSSA DALL UNIV. DI PIACENZA (sede di Cremona) SEDE Stage Tirocinio Alternanza Attività Recupero/ Potenziamento Attività Pluridisciplinari STAGE DI POTATURA ALBERI DA FRUTTO (5 GG) SAN PIETRO DI ASOLA CORSO DI RECUPERO DI ITALIANO ORE 8 SEDE PROGETTO SICUREZZA IN AGRICOLTURA SEDE 8/39

9 SIMULAZIONI PROVE D ESAME I testi sono allegati al documento Nel corso del corrente anno scolastico sono state effettuate le seguenti simulazioni di prove scritte: Simulazioni della terza prova scritta : 19 Aprile maggio 2010 Simulazione della prima prova scritta : 12 aprile 2010 Simulazione della seconda prova scritta: 24 aprile /39

10 VERIFICHE E VALUTAZIONE TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE Le prove svolte in classe e a casa erano finalizzate ad accertare sia il conseguimento degli obiettivi trasversali e/o disciplinari, sia l efficacia della progettazione didattica sul piano del metodo che su quello del contenuto. Agli allievi sono state proposte prove scritte secondo le seguenti tipologie: elaborati scritti, grafici, progettuali prove strutturate e semistrutturate trattazione sintetica di argomenti Con le prove scritte si è voluto potenziare, attraverso esercitazioni guidate, e quindi accertare: - il possesso dei contenuti; - la capacità di individuare percorsi logicamente connessi all interno delle tracce proposte - il possesso dei linguaggi specifici dal punto di vista ortografico, sintattico e semantico. Agli allievi sono state proposte prove orali. Con la prova orale si è voluto potenziare attraverso esercitazioni guidate e quindi accertare: - il possesso dei contenuti; - la capacità di individuare percorsi logicamente connessi - il possesso dei linguaggi specifici dal punto di vista lessicale, sintattico e semantico - la capacità di interagire con un interlocutore sostenendo con efficacia le proprie tesi. SCANSIONE DELLE VERIFICHE Il numero varia quindi dalle due alle quattro per periodo valutativo. Sono state comunque garantite non meno di cinque prove valutate nel corso dell anno scolastico per ciascuna disciplina. 10/39

11 INDICATORI E DESCRITTORI DELLA VALUTAZIONE ( GRIGLIA DI CORRISPONDENZA ) Gli insegnanti adottano quelli proposti nella griglia di misurazione del Collegio Docenti di seguito riportata In funzione del raggiungimento degli obiettivi cognitivi programmati, la valutazione del profitto può essere schematizzata secondo le indicazioni riportate nel registro degli insegnanti e risulta così articolata: 1. Impegno e partecipazione 2. Acquisizione conoscenze 3. Applicazione conoscenze 4. Rielaborazione conoscenze 5. Abilità linguistico-espressive 6. Abilità motoria Livello A - Assolutamente insufficiente (voto 1-2) 1 non rispetta gli impegni, non partecipa al lavoro in classe, non mostra interesse alla materia. 2 è incapace di eseguire compiti anche semplici; ha gravissime lacune di base, non fa progressi. 3 nulla la capacità di applicazione delle scarse conoscenze non riesce a produrre un testo comprensibile. 6 rifiuta il dialogo educativo in tutte le forme di movimento. Livello B - Gravemente insufficiente (voto 3) 1 non rispetta gli impegni, è poco interessato e si distrae spesso. 2 ha conoscenze assai limitate e disorganiche, fatica ad eseguire compiti anche semplici. 3 applica le scarse conoscenze commettendo gravi e frequenti errori. 4 non sa presentare nemmeno in modo meccanico le proprie scarse conoscenze. 5 commette numerosi e gravi errori con scarsa padronanza dei termini specifici. 6 rifiuta il dialogo educativo in alcune forme di movimento. Livello C - Decisamente insufficiente (voto 4) 1 poche volte rispetta gli impegni, si distrae in classe. 2 ha conoscenze frammentarie e superficiali, commette errori nell'esecuzione di compiti anche semplici. 3 applica le sue conoscenze commettendo gravi errori e non riesce a condurre analisi. 4 non sa sintetizzare le proprie conoscenze; è in difficoltà nel compiere collegamenti. 5 commette errori che rendono difficile la comprensione dei discorso. 6 ha notevoli difficoltà motorie ed usa gli strumenti con estrema difficoltà. Livello D - Insufficiente (voto 5) 1 non rispetta gli impegni, talvolta si distrae. 2 ha conoscenze non approfondite e commette errori nella comprensione. 11/39

12 3 commette errori non gravi ma frequenti sia nell'applicazione che nell'analisi. 4 non è autonomo nella rielaborazione delle conoscenze e le sintetizza in modo frammentario; sa compiere collegamenti solo se guidato 5 usa un linguaggio ancora parzialmente improprio ed espone con un argomentazione limitata e non bene strutturata. 6 comprende in parte e con lentezza; non ha acquisito i gesti tecnici fondamentali; si esprime in modo impreciso, commettendo errori nelle applicazioni. Livello E - Sufficiente (voto 6) 1 normalmente assolve le consegne e partecipa alla lezione. 2 ha conoscenze non molto approfondite e comprende contenuti, principi e regole almeno nei loro tratti essenziali e fondamentali. 3 sa applicare generalmente le sue conoscenze ed è in grado di effettuare analisi parziali con qualche errore. 4 è impreciso nell'effettuare sintesi, evidenze qualche spunto di autonomia nell'elaborazione delle conoscenze. 5 possiede una terminologia accettabile ma l'esposizione appare ancora non ben organizzata. 6 comprende le proposte didattiche, ma ha acquisito parzialmente il linguaggio motorio. Livello F - Discreto (voto 7) 1 risulta costantemente impegnato, in possesso di un metodo proficuo e partecipa attivamente alla lezione. 2 possiede conoscenze sufficientemente approfondite che gli consentono di eseguire i compiti anche complessi in modo sostanzialmente corretto. 3 sa applicare le sue conoscenze e sa effettuare analisi sufficientemente complete. 4 elabora in modo autonomo le conoscenze e sa effettuare sintesi non sempre approfondite. 5 espone con chiarezza e terminologia appropriata testi normalmente ben organizzati. 6 competenza motoria globalmente evoluta; si esprime con un linguaggio motorio adeguato alle richieste; dimostra di possedere schemi. motori coordinati e corretti. Livello G - Buono (voto 8) 1 costantemente impegnato, in possesso di un metodo proficuo e collaborativo nel dialogo in classe. 2 possiede conoscenze approfondite che gli permettono di eseguire i compiti anche complessi in modo quasi sempre corretto. 3 sa applicare le sue conoscenze ed effettuare analisi complete. 4 sa eseguire in modo autonomo collegamenti tra conoscenze diverse giungendo a sintesi. 5 espone con chiarezza e proprietà di linguaggio testi ben organizzati. 6 comprende le varie sequenze motorie, elabora in modo personale le molteplici esperienze, si esprime in modo coordinato e corretto ai che nelle forme di movimento nuove ed evolute. Livello H - Ottimo (voto 9) 1 costantemente impegnato in modo attivo; in possesso di un metodo proficuo, collabora nell'attività scolastica con proposte personali 2 possiede conoscenze complete ed approfondite che gli permettono di eseguire compiti complessi in modo corretto. 3 sa applicare le sue conoscenze ed effettuare analisi complete ed approfondite. 4 sa effettuare sintesi corrette ed approfondite elaborando valutazioni personali. 5 parla in modo appropriato e vario, ben organizzando i propri testi. 6 comprende ed interiorizza le varie proposte, possiede molteplici conoscenze che rielabora con sicurezza esprimendosi con un linguaggio originale. Livello I - Eccellente (voto 10) 1 costantemente impegnato in modo attivo; in possesso di un metodo proficuo, collabora nell'attività scolastica con proposte persona, fornendo stimoli a 12/39

13 riflessioni ed approfondimenti. 2 conosce e comprende contenuti anche complessi, principi e regole padroneggiandoli con sicurezza e razionalità. 3 sa applicare le conoscenze ed effettuare analisi complete ed approfondite. 4 applica le conoscenze con facilità, trova soluzioni originali, non già strutturate ai problemi. Sa compiere con sicurezza procedimenti di analisi e sintesi. 5 si esprime con proprietà di linguaggio e sicura argomentazione compiendo valutazioni critiche; sa operare collegamenti efficaci anche a carattere multidisciplinare. 6 comprende ed interiorizza pienamente le varie proposte, possiede molteplici ed approfondite conoscenze che rielabora con sicurezza esprimendosi con un linguaggio originale, autonomo e creativo. La valutazione finale avviene tenendo conto dei risultati delle prove sostenute, dell impegno manifestato e della partecipazione al dialogo educativo. La proposta di voto è sostenuta da un giudizio, riportato nell apposita sezione del registro del docente, che ne rappresenta la motivazione. Il consiglio di classe delibera quindi l assegnazione dei voti da riportare in pagella. Il comportamento è soggetto ad autonoma valutazione mediante l attribuzione del voto di condotta. 13/39

14 INDICAZIONI METODOLOGICHE (metodi, mezzi e strumenti) (BARRARE LE VOCI INTERESSATE) LEZIONI FRONTALI LEZIONI DI GRUPPO DISCUSSIONI ATTIVITA LABORATORIA LI RICERCHE DOMESTICHE ESERCITAZIONI PALESTRA AUDIOVISIVI VISITE ESTERNE Italiano X X X X Storia X X X X Religione X X X X Entomologia X X X X X X Agronomia e Coltivazioni X X X X X Estimo Rurale X X X X X Zootecnia X X X X X Industrie Agr. X X X X X Meccanica Agr. X X X X X Costruzioni Rurali X X X Topografia X X X Educazione Fisica X X 14/39

15 LIBRI DI TESTO ADOTTATI MATERIA AUTORI TITOLO VOL. EDITRICE Agronomia Vezzosi Coltivazioni agrarie-principi e tecnologie u Edagricole Costruzioni Chiumenti Costruzioni rurali u Edagricole Entomologia Ferrari,Marcon,Menta Fitopatologia,entomologia agraria e u Edagricole biologia applicata Estimo Rebasti Estimo generale,speciale,catastale nuova u Marietti edizione Industrie Rizzitano Laboratorio ed esercitazioni di chimica u Edagricole agraria Industrie Sicheri Tecnologie agrarie 2 Hoepli Italiano Alighieri Divina Commedia 3 Sei Italiano Di Sacco Le basi della letteratura-vol 3 3 Mondadori Meccanica Baisi,Galligani,Pergola Corso di agronomia ed elementi di u Edagricole meccanizzazione agraria Religione Bocchini Religione e religioni-triennio u E.D.B. Storia Gabriele De Rosa La Storia-il novecento u Minerva Italica Zootecnia Bittante,Andrigetto,Ram Tecniche di produzione animale u Liviana Topografia Cannarozzo,Cucchiarini Carte,misure Rilievi 2 ed. moduli di 1 Zanichelli cartografia Topografia Cannarozzo,Cucchiarini Carte,misure Rilievi 2 ed. moduli di 2 Zanichelli cartografia 15/39

16 MECCANICA AGRARIA Terreno, Macchine e loro prestazioni. Proprietà fisico-meccaniche del terreno agrario. Classificazione delle macchine operatrici. Criteri di scelta, impiego e manutenzione delle macchine operatrici Macchine per i lavori di preparazione del terreno. Cenni sulle macchine per la rottura del terreno Cenni sulle macchine per lo scavo, lo spostamento e il carico del terreno Cenni sulle macchine per il disboscamento e il decespugliamento Cenni sulle macchine per lo scavo e la manutenzione dei fossi e per il drenaggio Macchine per i lavori di dirompimento. Aratro: organi costituenti, organi di regolazione, tipologie e aratri speciali; tecnica del lavoro di aratura. Zappatrici e vangatrici. Criteri di scelta, impiego e manutenzione Macchine per la preparazione del letto di semina. Erpici Rulli Scarificatori, estirpatori e coltivatori Sarchiatrici e rincalzatrici Criteri di scelta, impiego e manutenzione Macchine per la foraggicoltura. Macchine falciatrici Macchine per la fienagione Macchine per la raccolta, il carico e il trasporto degli imballati e degli insilati Criteri di scelta, impiego e manutenzione Macchine per la raccolta della granella. Mietitrebbiatrici Criteri di scelta, impiego e manutenzione Macchine per la fertilizzazione Macchine per il carico e per lo spandimento del letame Macchine per l omogeneizzazione, il carico e la distribuzione del liquame 16/39

17 Macchine per la distribuzione dei fertilizzanti minerali Criteri di scelta, impiego e manutenzione Macchine per la semina. Seminatrici a righe Seminatrici di precisione Seminatrici combinate Criteri di scelta, impiego e manutenzione Macchine per l irrigazione. Impianti e macchine per l irrigazione a pioggia Impianti e macchine per l irrigazione localizzata Impianti e macchine per l irrigazione speciale Criteri di scelta, impiego e manutenzione Macchine per la distribuzione dei prodotti fitosanitari e la manutenzione delle piante. Macchine irroratrici Macchine per lo sviluppo e la manutenzione delle piante Criteri di scelta, impiego e manutenzione Cenni sulle macchine per la raccolta delle produzioni arboree, ortive e industriali. Macchine per la raccolta dell uva Macchine per la raccolta delle olive e della frutta a guscio duro Macchine per la raccolta dei pomodori Criteri di scelta, impiego e manutenzione Macchine per la raccolta delle patate Criteri di scelta, impiego e manutenzione Macchine e impianti del centro aziendale. Carri rimorchio Essiccatoi per cereali e per foraggi Macchine per la preparazione e la distribuzione degli alimenti Macchine per l asportazione e il trattamento delle deiezioni Macchine e impianti per la mungitura Criteri di scelta, impiego e manutenzione 17/39

18 ENTOMOLOGIA AGRARIA PARTE GENERALE L'insetto e il suo tegumento Morfologia di: capo, torace, addome Morfologia di: antenne, ali, zampe, occhi semplici e composti Anatomia e fisiologia di: apparati boccali, sistema digerente, sistema nervoso, sistema respiratorio, sistema circolatorio, sistema escretore, sistema secretore, sistema riproduttore La riproduzione negli insetti Sviluppo embrionale e post-embrionale degli insetti; fenomeno della muta, vari tipi di metamorfosi Emissione di suoni e di luce Relazione degli insetti con l'ambiente Metodi di lotta contro gli insetti dannosi: mezzi agronomici, fisici, meccanici, chimici; lotta biologica; lotta guidata; lotta integrata Legislazione fitosanitaria PARTE SPECIALE Caratteri generali dei principali ordini. Parassiti dannosi alle principali colture: Cereali: Piralide Nottue Diabrotica Elateridi Barbabietola: Altica (danni) Cleono Punteruolo Patata: 18/39

19 Dorifora Tignole Vite: Melo: Cicaline (danni) Fillossera Tignoletta Tignola Ragnetto rosso Ragnetto giallo Xifinema Afide grigio (danni) Afide verde (danni) Cocciniglia di S. Josè Ricamatrici (danni) Minatori (danni) Carpocapsa Rodilegno rosso Rodilegno giallo Pero: Tingide Psilla Afide grigio (danni) Pesco: Afide verde (danni) Cocciniglia bianca Anarsia Cidia Mosca della frutta 19/39

20 Ciliegio: Mosca delle ciliegie Olivo: Mosca dell'olivo Pioppo: Ifantria Saperda Insetti delle derrate immagazzinate 20/39

21 ESERCITAZIONE DI TOPOGRAFIA Operazioni con le superfici: Misura e divisione delle aree: - area di un appezzamento rilevato per trilaterazione - area di un appezzamento rilevato per coordinate polari - divisione di un area S in due aree S1 e S2 direttamente proporzionale ai numeri n1 e n2 ed inversamente proporzionale ai numeri m1 e m2 - divisione di particelle a forma triangolare con valore unitario costante (con dividente uscente da un vertice, con dividente con direzione assegnata e con dividente uscente da un punto posto sul confine laterale) - divisione di particelle a forma quadrilatera con valore unitario costante (con dividente parallela ad un lato e con dividente perpendicolare ad un lato) Lo spostamento e rettifica dei confini: - confini fra terreni con valore unitario uguale ( spostamento di un confine rettilineo per un punto assegnato, rettifica di un confine bilatero con un confine rettilineo di compenso uscente da un estremo, rettifica di un confine bilatero con un confine rettilineo di compenso uscente da un punto posto sul confine laterale, rettifica di un confine poligonale o curvilineo con un confine rettilineo di compenso uscente da un estremo, rettifica di un confine poligonale o curvilineo con un confine rettilineo di compenso parallelo ad una direzione assegnata) Operazioni con i volumi: Calcolo dei volumi: - volume dei solidi prismatici - volume degli scavi edilizi - volume degli invasi Spianamenti: - spianamenti su piani quotati con piano di progetto orizzontale di posizione prefissata e di compenso Il catasto: - cenni sull inserimento in mappa di un edificio appoggiandosi ai punti fiduciali 21/39

22 ZOOTECNIA PROGRAMMA SVOLTO DI ZOOTECNIA a. s classe 5 sez.b BOVINI DA LATTE IL LATTE BOVINO Composizione chimica e valore nutritivo, destinazione uso e trasformazione, produzione e consumo. LA VACCA DA LATTE Consistenza e diffusione, razze allevate. GLI ALLEVAMENTI DI VACCHE DA LATTE Cenni storici, dimensioni medie, tipologie prevalenti. RIPRODUZIONE Pubertà, ciclo sessuale, inseminazione e fecondazione, diagnosi di gravidanza, gravidanza e parto. LATTAZIONE Sintesi del latte, mungitura, valore igienico e sanitario del latte, curva di lattazione.alimentazione Fabbisogni nutritivi, efficienza produttiva, ingestione, razionamento della vacca da latte, errori alimentari e disordini digestivo-metabolici nella vacca da latte, allattamento, svezzamento, alimentazione della manza da rimonta, alimentazione della manza in asciutta. BOVINI DA CARNE LA CARNE BOVINA Composizione e valore nutritivo, fattori qualitativi, macellazione, resa al macello e sezionatura, valutazione commerciale, consumo e produzione. BOVINI DA CARNE 22/39

23 Consistenza e distribuzione, categorie di bovini da carne, principali razze allevate, principali incroci. ALLEVMENTI DA CARNE Allevamenti di vacche da carne, allevamenti di vitelli a carne bianca, centri di ingrasso. ALLEVAMENTO DI VACCHE DA CARNE Riproduzione, fabbisogni nutritivi e tecniche di alimentazione, alimenti disponibili. VITELLO A CARNE BIANCA Allevamento del vitello a carne bianca, tecniche di alimentazione, problemi sanitari.svezzamento DEI VITELLI DA CARNE Centri di svezzamento, piani alimentari INGRASSO DEL VITELLONE Centri di ingrasso, sistemi di produzione, fabbisogni nutritivi, piani alimentari, alimenti disponibili e additivi, problemi sanitari nei vitelli e nei bovini all ingrasso. 23/39

24 EDUCAZIONE FISICA Contenuti Contenuti generali 1) Attività ed esercizi: irrobustimento generale con panche, ostacoli graduabili, materassoni, manubri; acrobatica con cavallina, pedana elastica, materassoni, spalliere, panche e tribune; coordinazione con bastoni di legno, cerchi, clavette, coni e palloni di pallacanestro; esercizi con l asse d equilibrio; posizioni di partenza negli esercizi; orientamento spaziale; sollevare e portare; norme di frequenza ed igiene. 2) Sport individuali e di squadra: atletica leggera (salti, corse e lanci); ginnastica artistica ed attrezzistica ( corpo libero, volteggi, tuffi); pallacanestro, pallavolo e calcio ( tecnica dei fondamentali individuali e di squadra, tattica e regolamento). Contenuti didattici e scansione temporale di massima Settembre-Ottobre: Attività di tonificazione a carico naturale; corsa aerobica, andature preatletiche, circuit training, esercizi di potenziamento a corpo libero; pallavolo: battuta di precisione, alzata, schiacciata; pallavolo e pallacanestro: attacco e difesa. Novembre-Dicembre-Gennaio: pallavolo-pallacanestro: andature e spostamenti senza palla; pallavolo ( palleggio, bagher, muro, schiacciata ); pallacanestro ( palleggio, rimbalzo, passaggio, tiro ); esercizi con palla medica, esercizi con materassi, circuiti a stazioni; torneo interno di pallavolo, campestre di Istituto. Febbraio-Marzo: giochi di squadra ( pallavolo e pallacanestro ) organizzati; Approfondimento dei contenuti del 2 periodo in fasi di gioco più complesse; gesto tecnico dell atletica leggera: salto in alto, salto in lungo, partenza veloce, lanci. Torneo interno di pallacanestro. Aprile-Maggio-Giugno: schemi di attacco e di difesa dei giochi sportivi; autoarbitraggio, effettuazione di arbitraggi di incontri tra classi parallele; superamento dell insuccesso, gestire le emozioni, tollerare circostanze avverse, integrazione nel gruppo nello svolgimento delle competizioni. Torneo interno di calcio. Esonero dalle esercitazioni pratiche di educazione fisica Sarà cura del docente di educazione fisica coinvolgere gli alunni esonerati dalle esercitazioni pratiche, sia nei momenti interdisciplinari del suo insegnamento, sia sollecitandone il diretto intervento e l'attiva partecipazione in compiti di giuria o arbitraggio e più in generale nella organizzazione delle attività ( sistemazione degli attrezzi, stesura calendari tornei interni e tenuta dei referti gara ). Per tali motivi l'alunno 24/39

25 esonerato dalle esercitazioni pratiche deve comunque partecipare alle lezioni ed essere valutato per quegli aspetti non incompatibili con le sue particolari condizioni soggettive. Gli alunni sono tenuti a presentare tale richiesta al Dirigente Scolastico qualora il periodo di esonero sia superiore ad una settimana ITALIANO Verga: la vita pag Nedda: pag Prefazione a L amante di Gramigna pag 126 La Lupa pag 129 Mastro Don Gesualdo pag ; ; Carducci: vita pag Metrica barbara pag 203 Epistolario pag Pianto antico pag 208 Traversando la maremma toscana pag 210 Il comune rustico pag La poetica del simbolismo pag 242 Baudelaire pag 243 Corrispondenze pag Spleen pag Rimbaud pag 268 Vocali pag Alba pag Verlaine pag 253 Languore pag Arte poetica pag Mallarmé pag 258 Brezza marina pag /39

26 Romanzo decadente pag D Annunzio: vita pag Canto novo pag 296 O falce di luna calante pag 287 Il piacere pag ; pag D Annunzio e il decadentismo pag 309 Le vergini delle rocce pag La sera fiesolana pag La pioggia nel pineto pag I pastori pag Notturno pag Pascoli: vita pag Il fanciullino pag ; Arano pag 362 Novembre pag 364 Lavandare pag 366 Il lampo pag 369 Il tuono pag agosto pag L Assiuolo pag Svevo: vita pag Una vita pag Senilità pag ; Svevo scrive male? Pag 511 La coscienza di Zeno pag ; ; Pirandello: vita pag 550 L Umorismo pag Pallottoline pag Il treno ha fischiato pag Il fu Mattia Pascal pag ; Sei personaggi in cerca d autore pag ; Ungaretti: vita pag 101 Il porto sepolto pag Im memoria pag /39

27 I fiumi pag San Martino del Carso pag 111 Veglia pag 113 Fratelli pag 114 Sono una creatura pag 114 Soldati Pag 115 Commiato pag 118 Poesia come illuminazione pag 120 Saba: vita pag 130 La capra pag 132 A mia moglie pag Saba e la donne pag 139 Preventivamente: Saba: Città vecchia pag 140 Ritratto della mia bambina pag 143 Goal pag 146 Si tratteranno pagine da seguenti Autori: Quasimodo e Montale Lettura domestica: tutta la classe, ad eccezione di Tanadini Simone, ha letto i Malavoglia di Verga. Tanadini Simone ha letto il Mastro Don Gesualdo. Dante Paradiso canti: 1, 19, 20, 21 (preventivamente si terminerà il 22) 27/39

28 STORIA L Italia dell età giolittiana pag I Guerra Mondiale pag Dalle svolte del 1917 alla fine del Conflitto pag Trattati di pace e dopoguerra pag pag Nascita del fascismo pag Lo Stato totalitario pag Stati Uniti e grande depressione pag Avvento del Nazismo pag L Unione Sovietica e il totalitarismo comunista pag Guerra civile spagnola e l espansionismo hitleriano pag l Europa nella morsa del nazifascismo pag la vittoria degli Alleati pag LaRresistenza e il bilancio della guerra pag Dopoguerra e divisione della Germania pag La ricostruzione europea e il bipolarismo pag La Repubblica Italiana pag Miracolo economico e crisi anni 70 pag La stagione del terrorismo pag Anni 70 e 80 pag La guerra del Vietnam pag La questione della riforma agraria pag 358 L URSS gli USA e l Europa pag Preventivamente si tratterà il rinnovamento della Chiesa e la caduta del Comunismo fino a pag /39

29 INDUSTRIE AGRARIE INDUSTRIA OLEARIA: Industria Olearia: generalità; Costituzione dell oliva; Raccolta, trasporto, conservazione, mondatura, cernita e lavaggio delle olive; Lavorazione classica o doppia; Locali e macchine dell oleificio; Sistemi di lavorazione delle olive (Alfa-laval, Baglioni; ) Deoleazione della pasta; Separazione dell olio dal mosto oleoso; Chiarificazione, conservazione e stoccaggio dell olio; Classificazione degli oli di oliva, riconoscimento D.O.C.; Rettificazione dell olio; Composizione chimica e caratteristiche dell olio d oliva; Frodi all olio d oliva; L olio d oliva dal punto di vista alimentare. INDUSTRIA LATTIERO CASEARIA: Il latte: definizioni, fattori che hanno influenza sulla produzione del latte, proprietà fisico chimiche e sua composizione; Zuccheri del latte, sintesi del lattosio; Lipidi, proteine, sostanze saline, vitamine e valutazione globale; Microrganismi del latte: batteri, lieviti, muffe e virus; Classificazione complessiva dei microrganismi; Altri componenti cellulari, sostanze estranee; Risanamento del latte: pastorizzazione, battofugazione, omogeneizzazione, sterilizzazione; Effetti dei trattamenti termici sui costituenti del latte ; Indicazioni da apporre sui contenitori del latte, 29/39

Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri

Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A. S. 2014/2015 Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri Nuclei fondamentali di LE BASI DELLA RAPPRESENTAZIONE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2013-2014

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2013-2014 Docente ANGELO A. BISACCIA Materia ECONOMIA, ESTIMO, MARKETING E LEGISLAZIONE TECNICHE DI GESTIONE, VALUTAZIONE CON ELEMENTI DI LEGISLAZIONE ESTIMO RURALE Classi 3A, 4A, 5A, 3C, 4C, 5C PIANO DI LAVORO

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria L indirizzo è finalizzato all acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze relative

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina:Educazione fisica Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. A.S.2014-2015 Docente:CARLOTTO MONICA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe 1^A è numerosa, vivace e partecipe anche

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

Indice. Prefazione. Parte prima: Estimo generale. Parte seconda: Estimo civile

Indice. Prefazione. Parte prima: Estimo generale. Parte seconda: Estimo civile Indice Prefazione Parte prima: Estimo generale 1 I PRINCIPI DELL ESTIMO... 2 1.1 Il giudizio di stima... 2 1.2 Gli aspetti economici di stima... 2 1.3 Il metodo di stima... 3 1.4 I procedimenti di stima...

Dettagli

LICEO A. MANZONI Caserta

LICEO A. MANZONI Caserta Pag.1 di 8 LICEO A. MANZONI Caserta ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA PRIMO BIENNIO INDIRIZZO : Classe ª SEZ. MATERIA : SCIENZE MOTORIE CLASSE DI CONCORSO A029 DOCENTE PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 LICEO CLASSICO E DELLE SCIENZE UMANE PLAUTO PREMESSA L insegnamento delle Scienze naturali ha il fine di far acquisire allo studente conoscenze disciplinari e metodologie

Dettagli

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza, rispetto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU IST. SUP. STAT. F.GONZAGA. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI:

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Materia: BIOLOGIA Classe: 2E Docente: Toccoli Simona Livelli di partenza Per verificare i livelli di partenza è stato svolto un colloquio

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

Indice. L ESTIMO RURALE AMBIENTALE CATASTALE Teoria ne pratica delle valutazioni

Indice. L ESTIMO RURALE AMBIENTALE CATASTALE Teoria ne pratica delle valutazioni MODULO 1 - ELEMENTI Dl CALCOLO Unità 1 - L interesse 1.1 Premessa 1.2 L interesse e il saggio 1.3 L interesse semplice 1.3.1 Problemi dell interesse 1.3.2 Problemi del montante 1.3.3 Problemi del valore

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI AGRONOMO E FORESTALE JUNIOR SECONDA SESSIONE 2008 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1: Si illustri il ruolo

Dettagli

I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI

I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno Scolastico 2015/2016 Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI IL COORDINATORE DELLA CLASSE

Dettagli

SOTTO-DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE

SOTTO-DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE SOTTO-DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE PROGRAMMAZIONE GENERALE L'insegnamento delle Scienze motorie nei primi due bienni della scuola secondaria superiore deve costituire il naturale proseguimento di quello

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10153 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno.

Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10153 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno. Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10153 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno.it PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

Dettagli

CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Programma d'esame CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Programma d'esame Classe 12/A CHIMICA AGRARIA L'esame

Dettagli

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1 Pag 1 di 6 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. Tel. 085-8001757- Fax 085-8028562 - C.F.91041900670

Dettagli

LICEO SECCO SUARDO BERGAMO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO MUSICALE PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

LICEO SECCO SUARDO BERGAMO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO MUSICALE PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LICEO SECCO SUARDO BERGAMO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO MUSICALE PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 EPISTEMOLOGIA DELLA DISCIPLINA La materia si propone attraverso

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PRIMO BIENNIO

Dettagli

PROGETTAZIONE GENERALE PRIMO BIENNIO SCIENZE MOTORIE

PROGETTAZIONE GENERALE PRIMO BIENNIO SCIENZE MOTORIE LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI GENOVA Programmazione di Scienze Motorie A.s. 2014-2015 PROGETTAZIONE GENERALE PRIMO BIENNIO SCIENZE MOTORIE ASSI CULTURALI E COMPETENZE, ASSE DEI LINGUAGGI LOGICO ARGOMENTATIVA

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

ARGOMENTI COMUNI A TUTTI GLI AMBITI PROFESSIONALI:

ARGOMENTI COMUNI A TUTTI GLI AMBITI PROFESSIONALI: prima prova scritta; ARGOMENTI COMUNI A TUTTI GLI AMBITI PROFESSIONALI: Ordinamento della professione: legge 152/92, Dpr 328 e successive modifiche e integrazioni (per la parte riguardante la professione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE MAGGIO 2014. AREA DISCIPLINARE Materia Educazione fisica/scienze motorie COORDINATORE Borsato Donata

COORDINAMENTO PER MATERIE MAGGIO 2014. AREA DISCIPLINARE Materia Educazione fisica/scienze motorie COORDINATORE Borsato Donata Istituto Tecnico Industriale Statale C. Zuccante Venezia-Mestre VERBALE RIUNIONE COORDINAMENTO PER MATERIA DOCUMENTO DEL SGQ MOD P05.14 Rev. N. 0 Data 06/06/2005 Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di Scienze Motorie. MATERIA: Scienze Motorie Educazione Fisica SEDE/I ASSOCIATA/E:

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di Scienze Motorie. MATERIA: Scienze Motorie Educazione Fisica SEDE/I ASSOCIATA/E: PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di Scienze Motorie MATERIA: Scienze Motorie Educazione Fisica SEDE/I ASSOCIATA/E: X LICEO PICO X PRIMO BIENNIO X SECONDO BIENNIO X QUINTO ANNO X ISTITUTO

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

I sistemi di valutazione a indice aziendale

I sistemi di valutazione a indice aziendale BENEERE ANIMALE METODO IBA, INDICE DI BENEERE DELL ALLEVAMENTO Misurare il benessere aiuta gestione e produzione Determinare il benessere in stalla mediante un sistema di valutazione consente di rilevare

Dettagli

CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE Programma d'esame CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 74/A - ZOOTECNIA

Dettagli

Cari studenti. Prof. Gianfranco Maggini LE CONOSCENZE E LE COMPETENZE

Cari studenti. Prof. Gianfranco Maggini LE CONOSCENZE E LE COMPETENZE 1 Cari studenti Spero che con questi appunti, che sono il frutto di una lunga esperienza didattica, io possa facilitare la vostra fatica nell accingevi allo svolgimento di un compito di estimo che ai miei

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Costruzione, Ambiente e Territorio. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Costruzione, Ambiente e Territorio. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indirizzo Costruzione, Ambiente e Territorio Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indirizzo: Costruzioni, ambiente e territorio Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Legislazione

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO MICHELANGELO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

LICEO SCIENTIFICO MICHELANGELO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LICEO SCIENTIFICO MICHELANGELO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE L'insegnamento delle scienze motorie nei primi due anni della scuola secondaria superiore deve costituire

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

Città di Fiumicino (Provincia di Roma

Città di Fiumicino (Provincia di Roma COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA 1 per aziende con produzione/utilizzazione al campo di azoto da effluenti di allevamento compresa tra 3.001 e 6.000 Kg/anno e per le aziende di cui al D. Lgs. n. 152/2006, art.

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ALFANO DA TERMOLI E-mail ministeriale: cbis022008@istruzione.it Pec: cbis022008@pec.istruzione.it Sito: www.liceoalfano.gov.it e-mail: segreteria@liceoalfano.it

Dettagli

Istituto Comprensivo G. GALILEI Tradate Varese PROGRAMMAZIONE ANNUALE TECNOLOGIA

Istituto Comprensivo G. GALILEI Tradate Varese PROGRAMMAZIONE ANNUALE TECNOLOGIA Istituto Comprensivo G. GALILEI Tradate Varese PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI TECNOLOGIA a.s.2011/12 Classi I - II - III PREMESSA La tecnologia da un lato studia e progetta i dispositivi, le macchine e gli

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2014-2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI fax: 0257605250 Docente Materia Classi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Corso di laurea in ALLEVAMENTO e BENESSERE ANIMALE Premessa L'attivazione di un Corso di Laurea di primo livello in Allevamento e Benessere Animale appartenente alla classe

Dettagli

INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO

INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO 104 Attività e insegnamenti dell indirizzo Agraria, agroalimentare e agroindustria Articolazione:

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

DIPARTIMENTO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE DIPARTIMENTO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Curricolo verticale Anno scolastico 2012-2013 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO EUROPEA Con la Raccomandazione del Parlamento e del Consiglio del 18 dicembre 2006 relativa

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.2014/2015 Insegnante: Cristina Nardini 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Viaggio di istruzione in Israele

Viaggio di istruzione in Israele Viaggio di istruzione in Israele dal 17 al 22 luglio 2012 www.tredi-italia.it Introduzione Nelle pagine seguenti troverete alcune note e fotografie che sono il riassunto del viaggio che i tecnici di Tredì

Dettagli

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006 ISTITUTO TECNICO STATALE GEOMETRI BLAISE PASCAL AD INDIRIZZO SPERIMENTALE (B.U.S.-T.C.S.) Via Makallè, 12 42100 Reggio Emilia - codice fiscale: 91008310350 Telefono: 0522 512351 - Fax: 0522 516741 E-mail:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1.

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. 1 di 9 21/11/2013 10.29 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: METODOLOGIE OPERATIVE DOCENTE:

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

Prof.ssa: R. M. Dierna. Materia: Scienze naturali. Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016

Prof.ssa: R. M. Dierna. Materia: Scienze naturali. Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016 Prof.ssa: R. M. Dierna Materia: Scienze naturali Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016 All inizio dell anno scolastico si è verificato lo stato delle conoscenze e l accertamento dei prerequisiti,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA Art. 1 Denominazione Il nome Caprini de la Bergamasca è riservato esclusivamente al prodotto che risponde alle condizioni ed ai requisiti stabiliti

Dettagli

Macchine più grandi e con più elettronica

Macchine più grandi e con più elettronica Così i tecnici del Crpa interpretano lo sviluppo della meccanizzazione nella raccolta dei foraggi Foraggicoltura/2 Macchine più grandi e con più elettronica Di questo ed altro abbiamo parlato con alcuni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 09131 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2013-2014 Docente Prof.ssa Caramico Luigina LINEE GENERALI E COMPETENZE Acquisire

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE ISTITUTO DI ENTOMOLOGIA AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STU DI DI MILAN O I - 20133 MILANO Via G. Celoria, 2 Tel. 02/50316754 Fax 02/50316748 E-mail: luciano.suss@unimi.it http://users.unimi.it/~agra/entol.html

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI

SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE P.zza Europa 10 45100 ROVIGO SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI NOTIFICA INIZIO ATTIVITA (ART.48 D.P.R. 303/56) NUOVA COSTRUZIONE CONCESSIONE EDILIZIA PER: AMPLIAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE FISICA Anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE FISICA Anno scolastico 2013-2014 1 PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE FISICA Anno scolastico 2013-2014 PREMESSA. L insegnamento dell Educazione Fisica ( che per le prime 4 classi che attuano la riforma diventa Scienze Motorie e Sportive), tende

Dettagli

Presentazione dei dati definitivi Toscana

Presentazione dei dati definitivi Toscana Presentazione dei dati definitivi Toscana Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Toscana, del 5 Censimento dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano le caratteristiche

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello (5-6) Livello (-5) Livello 5 (2-) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del Difficoltà nel Uso

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163

Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sede Coordinata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI fax:

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA CARATTERI E FINALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano

Dettagli

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER 1_CORSI_MASTER JB: 10-12-2012 8:35 Pagina 220 CORSI UNIVERSITARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - Dipartimento di Agraria Corso di Laurea in Scienze e tecnologie viticole ed enologiche L-25 Obiettivi:

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli