ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona 5BTL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona 5BTL"

Transcript

1 INDIRIZZO ECONOMICO AZIENDALE ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ESAME DI MATURITÀ BTL Durata degli studi Titolo conseguito Triennale Quinquennale Sbocco lavorativo Triennale o quinquennale Diploma qualifica di Operatore della Gestione Aziendale Diploma di stato: Tecnico della Gestione Aziendale Attestato di microspecializzazione di 2 livello Nelle aziende private e nelle pubbliche amministrazioni Proseguimento degli studi con il diploma di stato: accesso a tutte le facoltà universitarie e corsi post-diploma Curriculum disciplinare Dopo tre anni : diploma di Qualifica OPERATORE DELLA GESTIONE AZIENDALE Svolge compiti di redazione della corrispondenza ordinaria, anche in due lingue straniere, di protocollo, di archivio, di rilevazione delle scritture contabili, di videoscrittura sull elaboratore elettronico. Dopo altri due anni: diploma di Stato TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE Possiede una visione integrata dell attività aziendale: collabora alla gestione del sistema informativo-contabile a- ziendale anche attraverso l impiego dello strumento informatico; collabora alla programmazione ed alla gestione di un sistema di controllo direzionale efficace ed efficiente. Quadro orario indirizzo Economico Aziendale Area di approfondimento: nell ambito del progetto di autonomia sono previsti dei moduli di approfondimento per il rinforzo e la qualità della formazione. Area di specializzazione: al 4 e 5 anno, 360 ore vengono dedicate ad una specializzazione professionale con l intervento di esperti dei settori produttivi e con l utilizzo delle più moderne tecnologie ed inoltre 240 ore sono dedicate a stage presso aziende del territorio. Sono attualmente attivate le microspecializzazioni in : Esperto in marketing e organizzazione rete vendita. Assistente alla contabilità generale e alla gestione di cassa. Al termine del corso viene rilasciato dalla Regione Veneto un attestato di specializzazione di 2 livello riconosciuto dalla Comunità Europea. Progetto Impresa Formativa Simulata A partire dal terzo anno, al fine di promuovere la cultura d impresa, le classi iniziano un progetto di durata triennale che prevede la costituzione di una azienda simulata del settore industriale o commerciale (supportata da un azienda tutor del territorio)che interagisce con altre aziende ed effettua tutte le operazioni commerciali, bancarie e fiscali specifiche del settore individuato. 1

2 Quadro Orario I II III IV V Italiano Storia Tedesco Diritto ed Economia 2 2 Matematica e informatica Scienze della Terra e Biologia 3 3 Educazione Fisica Religione o Alt Lingua Inglese Economia Aziendale Trattamento Testi Diritto ed Economia Geografia Economica e Risorse 3 2 Area di Approfondimento Specializzazione 6 6 Composizione del Consiglio di Classe a.s. 2006/2007 Diritto-Economia Economia Aziendale Educazione Fisica Inglese Italiano Laboratorio Trattamento Testi Matematica Religione Cattolica Sostegno Storia Tedesco 5BTL Amadori Giuseppe Fasoli Cristina Piazzi Daniele Venturini Lucia Gatto Anna Ambrosi Gianmarco Scarduelli Sandra Ferrigato Floriana Losco Fioravante Gatto Anna Pizzini Patrizia Villafranca, 11 maggio 2006 il Dirigente Scolastico Claudio Pardini 2

3 PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA CLASSE La classe è composta da 16 alunni, di cui quattro risultano ripetenti, che per altro sono riusciti ad inserirsi bene nel gruppo classe. Durante il percorso scolastico gli studenti non hanno goduto della continuità didattica, nell ultimo anno vi è stato un cambiamento di insegnante nelle discipline di tedesco, inglese e italiano.gli studenti non hanno avuto però difficoltà nello stabilire nuovi rapporti con i docenti dimostrando di saper adeguarsi alle diverse metodologie didattiche proposte. L atteggiamento della classe è stato sempre rispettoso e corretto nei confronti degli insegnanti, e, in generale, dell ambiente scolastico. La classe ha però dimostrato una certa vivacità e non tutti hanno partecipato con interesse all attività didattica. In generale la classe ha raggiunto gli obiettivi didattico-educativi prefissati in tutte le discipline, LIVELLI DI APPRENDIMENTO Non tutti gli alunni hanno partecipato con interesse al dialogo educativo. L impegno nello studio, complessivamente sufficiente, non è stato continuo da parte di tutti. La rielaborazione personale dei contenuti proposti è stata eterogenea: gli alunni più capaci, intensificando l impegno nel corso dell anno, hanno mostrato buone attitudini e sanno esprimersi in modo corretto. Non tutti gli alunni, però, sono riusciti in tale approfondimento e sono rimasti ancorati ad una preparazione mnemonica e scolastica, probabilmente dovuta sia all emotività e all insicurezza personale sia al metodo di studio non sempre adeguato. Comunque sono stati raggiunti gli obiettivi primari fissati nella programmazione. Il metodo didattico ha cercato di dare importanza alle diverse esigenze, situazioni e alle possibilità individuali, attuando un controllo costante degli apprendimenti. Nelle varie discipline il livello di preparazione risulta nel complesso discreto, pur in presenza di alcuni allievi che denotano capacità espressive ed applicative non sempre efficaci. ATTIVITA PARTICOLARI Tutti gli allievi hanno effettuato due periodi di stage presso aziende, Enti e studi professionali della zona di Villafranca e dintorni, per almeno 240 ore ciascuno. I giudizi espressi sull attività di stage aziendale sono risultati buoni tanto che, in alcuni casi, aziende ed Enti hanno ritenuto opportuno prolungare la collaborazione per tutto il periodo estivo. INIZIATIVE DEL CONSIGLI DI CLASSE E stata effettuata una simulazione di terza prova in data 03/02/2007 Dopo il 15 Maggio verranno effettuate: a) simulazioni della prima prova in data 05/06/2007 b) della seconda prova in data 06/06/2007 c) della terza prova in data 04/06/2007 d) colloqui simulati per tre alunni scelti dal consiglio di classe, con presenza obbligatoria da parte di tutta la classe ed eventuali altri a richiesta in data 08/06/2007 Viaggio d istruzione a Barcellona dal 23/04/2007 al 28/04/2007 Uscita al Job di Verona per orientamento all Università Nell ambito del progetto Itinera, gli alunni hanno partecipato ad incontri su tematiche relative al mondo del lavoro e dell imprenditoria tenuti da esperti e responsabili da funzioni aziendali 3

4 OBIETTIVI FORMATIVI E DIDATTICI Gli obiettivi formativi mediamente raggiunti risultano discreti sia per quanto riguarda la capacità critica sia in ordine alla capacità di osservazione finalizzata. Può inoltre considerarsi discreta la capacità di analisi, la capacità di sintesi e di produzione ragionata e collegamento. Gli obiettivi didattici mediamente raggiunti risultano buoni per quanto riguarda la competenza disciplinare e discreti in quelle logiche e tecnico-specifiche, più che sufficienti nella competenza espositiva. SCHEDA RELATIVA ALLA TERZA PROVA Aree disciplinari interessate: linguistica, economico/giuridica, logico/matematica. Criteri seguiti per la progettazione della terza prova scritta La terza prova coinvolge potenzialmente tutte le discipline dell ultimo anno di corso. Tuttavia il Consiglio di classe, tenuto conto del curricolo di studi, degli obiettivi generali e cognitivi definiti nella propria programmazione didattica e della disciplina della seconda prova scritta, ha individuato come particolarmente significative le seguenti materie: Tedesco, Economia Aziendale, Matematica, Diritto/Economia Politica. Le prove interne di verifica in preparazione della terza prova scritta degli esami conclusivi del corso sono state svolte sulla base di questa scelta. Le prove assegnate durante l'anno hanno sempre avuto una durata di quattro ore. È opportuno notare che delle quattro materie coinvolte, tre fanno parte dell area d indirizzo poiché solo lingua inglese rientra nell area formativa. Argomenti di particolare rilevanza disciplinare Studio del grafico di funzioni razionali, esponenziali e logaritmiche I contratti Il lavoro - Das Dritte Reich Die Situation Deutschlands nach dem 2. Weltkrieg Der Kalte Krieg und die Teilung Deutschlands Il bilancio d esercizio e la sua analisi. Tipologia delle prove di verifica utilizzate Lo schema adottato dall Istituto per la Terza Prova prevede tre quesiti di tipologia B per ogni disciplina. Descrittori Ad ogni gruppo di quesiti, nell ambito della stessa disciplina, sono attribuiti fino ad un massimo di 15 punti assegnati in funzione di indicatori e di descrittori differenziati per aree ed allegati al documento. Per l accertamento delle lingue straniere, l Istituto ha aderito al modello consigliato dal D.M. 20 novembre 2000, art. 4, comma 1, lett. a). Il testo in lingua, composto di circa 80 parole, è seguito da tre domande come stabilito dallo schema di Terza Prova adottato. Segue un esempio di terza prova con relative griglie di valutazione. 4

5 SIMULAZIONE TERZA PROVA D ESAME DIRITTO/ECONOMIA POLITICA CLASSE 5^A TL NOME e COGNOME VILLAFRANCA, 1) Durata e rinnovazione del contratto, indennità per perdita di avviamento e diritto di prelazione nella disciplina speciale della locazione di immobili urbani ad uso non abitativo. 2) Analogie e differenze fra locazione, comodato e mutuo. 3) Sale and lease back. 5

6 SIMULAZIONE TERZA PROVA D ESAME ECONOMIA AZIENDALE - CLASSE 5^A TL NOME e COGNOME VILLAFRANCA, 1) Ratei e risconti: spiega la differente natura delle due poste e completa l esposizione con opportuni esempi. 2) La valutazione delle immobilizzazioni. 3) Il Conto Economico (art C.C.). 6

7 SIMULAZIONE TERZA PROVA Classe quinta ATL Prova di lingua tedesca Multikulturelle Gesellschaft Mehr als 7 Millionen Ausländer und Ausländerinnen leben und arbeiten heute in Deutschland, das sind etwa neun Prozent der Gesamtbevölkerung. Ein Drittel von ihnen ist schon länger als 30 Jahre hier, die Hälfte mindestens zehn Jahre, zweiundzwanzig Prozent sind bereits in Deutschland geboren. Mit sich brachte die wirtschaftliche Aufschwung einen wachsenden Bedarf an Arbeitskräften: Arbeiter aus der e- hemaligen DDR und Ost-Berlin konnten nach dem Zweiten Weltkrieg in Deutschland angeworben werden, doch mit der Bau der Mauer am 13. August 1961 stieg die Zahl von Arbeitern vom Ausland. 1. Wie viele Ausländer leben seit 1980 in Deutschland? Woher kommen Gastarbeiter nach 1945? Wer ist ein Aussiedler?

8 SIMULAZIONE TERZA PROVA SCRITTA Materia: MATEMATICA classe 5BTL 1) Determinare il valore dei seguenti limiti 3 2 5x 1 x 4x 1 lim x x 2 lim + 2 x x + x x 16 lim+ x 5 x 2 5x lim x 2 3 x 2 x + 9 2x 2) Determinare il valore dei seguenti limiti 16 x 2 x + 3x+ 2 lim 3 x + 2 lim 3 x 2x x x+ 4 x 2 lim 3 + x x 2 x + 3x+ 2 lim 5 x + 3) Studiare la funzione y = x 2 4x x Determinare il dominio,i punti di intersezione con gli assi, il segno della funzione, i limiti. Rappresentare graficamente 8

9 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA di DIRITTO/ECONOMIA POLITICA ECONOMIA AZIENDALE A) Conoscenza dei contenuti richiesti, loro completezza, pertinenza e coerenza 1^ quesito NOME e COGNOME... CLASSE... DATA. 2^ quesito 3^ quesito 1) ottima 2) buona e rigorosa 3) buona 4) buona, anche se non del tutto rigorosa 5) sicura ed adeguata 6) pienamente sufficiente 7) sufficiente 8) non del tutto sufficiente 9) insufficiente 10) insufficiente e frammentaria 11) frammentaria e non pertinente 12) gravemente insufficiente 13) pressoché nulla 14) nulla 9,00 8,50 8,00 7,50 7,00 6,50 6,00 5,50 5,00 4,00 3,00 2,00 1,00 0,00 9,00 8,50 8,00 7,50 7,00 6,50 6,00 5,50 5,00 4,00 3,00 2,00 1,00 0,00 9,00 8,50 8,00 7,50 7,00 6,50 6,00 5,50 5,00 4,00 3,00 2,00 1,00 0,00 B) Correttezza sintatticogrammaticale e precisione nell utilizzo della terminologia specifica 1) ottima 2) buona 3) sufficiente 4) non del tutto sufficiente 5) insufficiente 6) gravemente insufficiente 7) pressoché nulla 8) nulla 3,00 2,50 2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 0,00 3,00 2,50 2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 0,00 3,00 2,50 2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 0,00 C) Capacità di esposizione e riformulazione autonoma dei contenuti richiesti 1) ottima 2) buona 3) sufficiente 4) non del tutto sufficiente 5) insufficiente 6) gravemente insufficiente 7) pressoché nulla 8) nulla TOTALE MEDIA 3,00 2,50 2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 0,00 3,00 2,50 2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 0,00 3,00 2,50 2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 0,00 VOTO DELLA PROVA /15 9

10 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA TERZA PROVA TEDESCO Pertinenza all argomento e coerenza nella trattazione Trattazione pertinente, molto bene articolata ed esauriente. Trattazione nel complesso esauriente e pertinente. Trattazione sufficientemente esauriente e pertinente. Trattazione solo in parte pertinente; conoscenza superficiale dell argomento. Trattazione molto poco pertinente; conoscenza gravemente lacunosa dell argomento. Trattazione non pertinente. Punteggio: 3 Punteggio: 2,5 Punteggio: 2 Punteggio: 1,5 Punteggio: 1 Punteggio: 0 Correttezza grammaticale lessicale e ortografica Trattazione completamente corretta, con evidente padronanza della lingua. Trattazione precisa e corretta. Trattazione nel complesso precisa e corretta. Trattazione sufficientemente adeguata nella padronanza lessicale e nella correttezza espositiva. Trattazione limitata nella correttezza della forma e inadeguata nel lessico. Trattazione contenente molte scorrettezze e lacune. Trattazione pesantemente scorretta e lacunosa. Punteggio: 6 Punteggio: 5,5 Punteggio: 5 Punteggio: 4 Punteggio: 3 Punteggio: 1,5 Punteggio: 0 Capacità di rielaborazione autonoma e personale Trattazione contenente una rielaborazione dei contenuti molto buona, autonoma e personale. Trattazione con una buona ed autonoma rielaborazione personale. Trattazione nel complesso autonoma e personale, con qualche spunto di approfondimento. Trattazione sufficientemente autonoma e personale. Trattazione scarsamente autonoma e personale. Trattazione molto povera di rielaborazione autonoma e personale. Trattazione con rielaborazione inesistente. Punteggio: 6 Punteggio: 5,5 Punteggio: 5 Punteggio: 4 Punteggio: 3 Punteggio: 1,5 Punteggio: 0 10

11 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA TERZA PROVA MATEMATICA Indicatori Descrittori Punteggio 1.Conoscenze acquisite 2. Correttezza formale 1. La trattazione è completa, chiara ed e- sauriente. Il linguaggio formale è utilizzato in modo consapevole. Lo sviluppo del ragionamento è corretto, rigoroso, completo. 2. La trattazione è nel complesso esauriente. L'esposizione è formalmente corretta. Lo sviluppo del ragionamento è complessivamente adeguato. L'analisi del problema è completa. 3. La trattazione è sufficientemente esauriente. L'applicazione è corretta ma meccanica oppure incompleta Abilità applicative e logiche 4. La trattazione rivela una conoscenza superficiale del contenuto. L'analisi del problema è insufficiente. Le deduzioni non sempre esatte o complete Le conoscenze sono insufficienti. La trattazione presenta gravi errori concettuali e logici Le conoscenze sono del tutto insufficienti. L'argomento non è stato trattato o lo è stato in modo del tutto errato. 0-3 Per completezza, si allegano anche le griglie di valutazione della prima e seconda prova. 11

12 Griglia di valutazione della prima prova ISISS Carlo Anti Villafranca ESAMI DI STATO nome:..cognome classe: Correttezza nell uso della lingua 1. Ottima 2. Buona 3. Sufficiente 4. Non del tutto sufficiente 5. Insufficiente 6. Nulla Proprietà lessicale 1. Ottima 2. Buona 3. Sufficiente 4. Non del tutto sufficiente 5. Insufficiente 6. Nulla Pertinenza dell elaborato 1. Ottima 2. Buona 3. Sufficiente 4. Non del tutto sufficiente 5. Insufficiente 6. Nulla Coerenza dell elaborato 1. Ottima 2. Buona 3. Sufficiente 4. Non del tutto sufficiente 5. Insufficiente 6. Nulla Capacità di rielaborazione autonoma e personale 1. Ottima 2. Buona 3. Sufficiente 4. Non del tutto sufficiente 5. Insufficiente 6. Nulla 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,0 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,0 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,0 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,0 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,0 Valutazione conclusiva / 15 12

13 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA SECONDA PROVA INGLESE Pertinenza all argomento e coerenza nella trattazione Trattazione pertinente, molto bene articolata ed esauriente. Trattazione nel complesso esauriente e pertinente. Trattazione sufficientemente esauriente e pertinente. Trattazione solo in parte pertinente; conoscenza superficiale dell argomento. Trattazione molto poco pertinente; conoscenza gravemente lacunosa dell argomento. Trattazione non pertinente. Punteggio: 3 Punteggio: 2,5 Punteggio: 2 Punteggio: 1,5 Punteggio: 1 Punteggio: 0 Correttezza grammaticale lessicale e ortografica Trattazione completamente corretta, con evidente padronanza della lingua. Trattazione precisa e corretta. Trattazione nel complesso precisa e corretta. Trattazione sufficientemente adeguata nella padronanza lessicale e nella correttezza espositiva. Trattazione limitata nella correttezza della forma e inadeguata nel lessico. Trattazione contenente molte scorrettezze e lacune. Trattazione pesantemente scorretta e lacunosa. Punteggio: 6 Punteggio: 5,5 Punteggio: 5 Punteggio: 4 Punteggio: 3 Punteggio: 1,5 Punteggio: 0 Capacità di rielaborazione autonoma e personale Trattazione contenente una rielaborazione dei contenuti molto buona, autonoma e personale. Trattazione con una buona ed autonoma rielaborazione personale. Trattazione nel complesso autonoma e personale, con qualche spunto di approfondimento. Trattazione sufficientemente autonoma e personale. Trattazione scarsamente autonoma e personale. Trattazione molto povera di rielaborazione autonoma e personale. Trattazione con rielaborazione inesistente. Punteggio: 6 Punteggio: 5,5 Punteggio: 5 Punteggio: 4 Punteggio: 3 Punteggio: 1,5 Punteggio: 0 13

14 LA TERZA AREA Qualifica: ESPERTO IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE RETE VENDITA Profilo Professionale La figura professionale prevista esperto in marketing e organizzazione rete vendite, proposta dal corso, é in grado di inserirsi all interno dell ufficio di marketing, occupandosi della redazione del marketing-plan con predisposizione delle singole componenti. Lo specialista in marketing opera in ambito commerciale, interagisce con altre funzioni aziendali, tiene i contatti con le aziende per sondare le preferenze di mercato e fornire i dati per stimare la domanda di nuovi prodotti, analizza l andamento delle vendite ed effettua previsioni a medio e lungo termine. Gli allievi devono acquisire competenze specifiche relative alle procedure gestionali della funzione con particolari conoscenze circa la distribuzione, il prodotto, la pubblicità e la promozione con utilizzo degli opportuni strumenti telematici. Il corso, strutturato per moduli da svolgersi nell arco di due anni, prevede un totale di 360 ore di lezione teorico-pratiche e 240 ore di stage. Obiettivi raggiunti Gli obiettivi raggiunti in tutti i moduli hanno fatto acquisire agli allievi le conoscenze e le abilità necessarie per potersi inserire negli uffici di marketing e in Studi professionali che forniscono servizi di marketing e ricerche di mercato alle aziende. In particolare, gli allievi hanno acquisito le conoscenze relative a: canali di distribuzione, mezzi pubblicitari e promozionali, ciclo di vita e caratteristiche del prodotto, evoluzione storica dell approccio di marketing delle aziende, il budget pubblicitario e delle vendite, informatica di base e office automation con l utilizzo di pacchetti applicativi di carattere gestionale, navigazione in INTERNET finalizzata all e-commerce, posta elettronica. I moduli professionalizzanti sono stati percorsi all interno di una visione multidisciplinare dell organizzazione aziendale. Gli studenti hanno dimostrato partecipazione e interesse alle problematiche legate ai contenuti del marketing, hanno collaborato fra di loro e con gli insegnanti, per l intero biennio. La partecipazione alle lezioni è stata regolare e propositiva. Tutti gli studenti sono stati ammessi all esame e si sono qualificati ottenendo risultati mediamente buoni. Lo staff formativo ha programmato il percorso con i docenti interni alla scuola al fine di garantire uno scambio continuo di informazioni sullo svolgimento dei contenuti dei moduli e sull esito dell apprendimento degli allievi. La verifica delle conoscenze e competenze acquisite è avvenuta in itinere e al termine di ciascun modulo, attraverso prove oggettive e lavori di gruppo che riguardavano la simulazione di operazioni connesse ai moduli trattati. I tutor interni ed esterni hanno coordinato e monitorato l intero percorso formativo Stage Gli allievi hanno effettuato un periodo di stage di 240 ore dal 29/05/06 al 07/07/06 e sono stati inseriti in aziende operanti nel settore commerciale o in studi professionali di Villafranca e comuni limitrofi. In situazione reale, gli studenti hanno potuto mettere in pratica i contenuti appresi nel contesto scolastico e hanno svolto questo periodo con entusiasmo e impegno, dimostrando responsabilità e disponibilità. Per questo sono stati apprezzati dai tutor aziendali che hanno espresso una valutazione sulla base del comportamento, della disponibilità, delle conoscenze tecnico-professionali, del metodo, della precisione, delle capacità di lavorare in gruppo e dell iniziativa personale. Al termine dell esperienza gli studenti hanno redatto una relazione finale. 14

15 CRITERI DI MISURAZIONE Ottimo 9 / 10 l alunno evidenzia una preparazione particolarmente organica, critica, sostenuta da fluidità e ricchezza espressiva, da autonomia operativa, da spiccate capacità interpretative e di giudizio, da sicurezza nei collegamenti; Buono 8 l alunno conosce e padroneggia gli argomenti proposti; sa rielaborare ed applicare autonomamente le conoscenze e valutare in modo critico contenuti e procedure con esposizione sicura e personale; Discreto 7 l alunno conosce e comprende gli argomenti affrontati individuandone gli elementi costitutivi; si sforza di condurre autonome analisi e di offrire contributi personali; la preparazione è precisa e l esposizione é corretta; Sufficiente 6 l alunno conosce gli elementi fondamentali della disciplina, acquisiti in modo semplice e senza particolari elaborazioni personali; l argomentazione è lineare e l esposizione è corretta; Insufficiente 5 l alunno conosce in modo incompleto o poco chiaro gli argomenti fondamentali; pur avendo acquisito parziali abilità, non è in grado di utilizzarle in modo autonomo e commette errori; l esposizione risulta incerta e non lineare; le carenze indicate non sono però di tale gravità da impedirgli di orientarsi, se guidato, nella disciplina; Gravemente insufficiente 4 L alunno conosce in modo frammentario e superficiale gli aspetti fondamentali della disciplina. 15

16 CONTENUTI SVOLTI E MEDIAMENTE APPRESI DALLA CLASSE NELLE SINGOLE DISCIPLINE ITALIANO Nome Insegnante GATTO ANNA Testo usato G. Baldi, S. Giusto, M. Rametti, G. Zaccaria: Storia e testi della letteratura, Ed. Paravia. MODULO 1 : ore 42 L Età del decadentismo: G. D Annunzio Da Il Piacere Il ritratto allo specchio 16 Da Alcione Pioggia nel pineto Meriggio Sera Fiesolana G. Pascoli Da Myricae Arano X Agosto Dai Canti di Castelvecchio Il gelsomino notturno Da Il fanciullino Una poetica decadente MODULO 2: ore 13 L età delle avanguardie nella Prima metà del 900 F. T. Martinetti Manifesto del Futurismo Manifesto tecnico del Futurismo G. Gozzano Da Colloqui La signorina Felicita ovvero la felicità MODULO 3: ore 15 Nuovo romanzo del 900 I. Svevo Da La coscienza di Zeno Un padre sostitutivo La scelta della moglie e l antagonista La profezia di un apocalisse cosmica L. Pirandello Da L umorismo Un arte che scompone il reale Da Novelle per un anno Il treno ha fischiato La patente Quando s è capito il giuoco

17 L uomo dal fiore in bocca MODULO 4: ore 15 La poesia tra le due guerre Da Sei personaggi in cerca d autore La rappresentazione teatrale tradisce il personaggio G. Ungaretti Da L allegria Veglia Fiumi S. Martino del Carso Natale Soldati E. Montale Da Ossi di seppia Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato Cigola la carrucola nel pozzo U. sabato Da Il Canzoniere A mia moglie La capra Trieste MODULO 5: ore 13 La narrativa del 900 in Italia - C. Alvaro Da Gente di Aspromonte - La parabola dell inetto - - I. Silone Da Fontamara - La giustizia dei pastori - - A. Moravia Da Gli indifferenti - L indifferenza di Michele C. Pavese Da La casa in collina - Ogni guerra è una guerra civile MODULO G: ore 10 La scrittura - Il testo argomentativo; - Il saggio breve; - L articolo di giornale; - L analisi testuale. - Lettura de Il ritratto di Doriano Gray Oscar Wilde. 17

18 Nome Insegnante GATTO ANNA Testo usato E Zanette 700 Ed. B. Mondatori STORIA MODULO 1: ore 14 L esordio del 900, la Grande Guerra, la Rivoluzione Russa. Europa e il mondo agli inizi del 900; Le tensioni internazionali; Le lotti sociali e la crisi di fine secolo; La prima guerra mondiale; L Italia dalla neutralità all intervento; La vittoria dell Intesa; L eredità della guerra; La Rivoluzione Russa. MODULO 2: ore 17 Le tensioni del dopoguerra e gli anni venti. La Germania di Weimar; Gli anni Venti negli Stati Uniti; L Unione Sovietica da Lenin a Stalin; La crisi economica e sociale del dopoguerra in Italia; Il biennio rosso ; Il movimento fascista e lo squadrismo; La transizione verso la dittatura. MODULO 3: ore 10 L età della crisi e dei totalitarismi. La crisi del 1929 ed il New Deal; Il regime fascista e la propaganda; La politica economica; La fascistizzazione della società; Le leggi razziali; L antifascismo; Il regime nazista; Il regime staliniano. MODULO 4: ore 16 La seconda guerra mondiale Il bipolarismo. Verso un nuovo conflitto; L aggressività della Germania hitleriana; La seconda guerra mondiale; Il dominio nazista in Europa; La Shoa; La Resistenza; La sconfitta dell Asse; Il mondo bipolare MODULO 5: ore 9 Il mondo del dopoguerra. Gli anni 50: verso il disgelo; Gli anni 60 L Italia repubblicana; Il miracolo economico e le trasformazioni della società. 18

19 MATEMATICA Nome Insegnante SCARDUELLI SANDRA Testo usato Re Fraschini-Grazzi-Spezia ANALISI Ed. Atlas. MODULO 1: ore 10 Disequazioni Disequazioni di primo e secondo grado Disequazioni razionali fratte Sistemi di disequazioni MODULO 2: ore 20 Funzioni Concetto di funzione reale di variabile reale Classificazione di funzioni Dominio di una funzione Determinazione delle intersezioni di una funzione con l'asse x Studio del segno di funzioni razionali intere, razionali fratte, irrazionali, esponenziali e logaritmiche MODULO 3: ore 20 Limiti di funzioni Concetto di limite Operazioni sui limiti Calcolo di limiti di funzioni razionali, irrazionali, esponenziali e logaritmiche e rappresentazione grafica Asintoti orizzontali, verticali MODULO 4: ore 15 Derivate Definizione di derivata di una funzione in un suo punto Significato geometrico della derivata Calcolo della funzione derivata Teoremi sulle derivate: somma, quoziente, funzioni composte Studio degli intervalli nei quali una funzione è crescente o decrescente e calcolo di punti di massimo e di minimo MODULO 5: ore 15 Studio di funzioni Rappresentazione grafica di funzioni razionali intere e fratte, irrazionali, esponenziali e logaritmiche è crescente o decrescente e calcolo di punti di massimo e di minimo 19

20 LINGUA E CIVILTÀ TEDESCA Nome Insegnante PIZZINI PATRIZIA Testo usato: - J. Grütner Punkt-de, Poseidonia - G. Montali, D. Mandelli ABC Deutsch vol. 2, Loescher - H. Frei, A. Zanello Themen und Zeiten aus Seiten In Europa, Poseidonia COMMERCIO Modulo 1 (2 ore) Das Angebot, Verkaufsbedingungen Modulo 2 (8 ore) Die Bestellung Bestellung Widerruf der Bestellung Gegenangebot des Käufers Antwort auf das Gegenangebot des Käufers Modulo 3 (2 ore) Der Versand Versandanzeige Modulo 4 (4 ore) Die Lieferverzögerung 1. Mahnung Antwort auf 1. Mahnung Modulo 5 (6 ore) Die Zahlung Zahlungsanzeige Zahlungsverzug Antwort auf Mahnung wegen Zahlungsverzugs GRAMMATICA Modulo 1 (4 ore) Revisione Perfekt, Präteritum, declinazioni aggettivi Modulo 2 (6 ore) Passivo, secondarie relative CIVILTÀ Modulo 1 (4 ore) Deutschland im Allgemein Wirtschaft Deutschlands Marktwirtschaft und Planwirtschaft 20

21 Modulo 2 (6 ore) Multikulturelle Gesellschaft Fremde in Deutschland Integration Assimilation Poesia: F. Biondi Nicht nur Gastarbeiterdeutsch Modulo 3 (20 ore) Geschichte Die Weimarer Republik und der Weg in die Diktatur Die Diktatur des Nationalsozialismus Vom Anfang des 3. Reiches bis zum Ende des 2. Weltkriegs Die deutsche Frage Das Wirtschaftswunder Die Wiedervereinigung Film: Good bye Lenin! W. Becker Poesia: Miserere B. Brecht 21

22 ECONOMIA AZIENDALE Nome Insegnante FASOLI CRISTINA Testo usato: P. Ghigini, L. Menabeni, C. Ribecchi; Principi di economia aziendale, Elemont scuola & azienda Modulo A ore 15 Il fattore umano e la politica del personale Il sistema informativo della funzione del personale La progettazione della struttura organizzativa La retribuzione e le sue forme Il sistema delle assicurazioni sociali: cenni La liquidazione delle retribuzione: schema di busta-paga I libri obbligatori: cenni L estinzione del rapporto di lavoro: il TFR Le scritture in P.D. relative al personale Il costo del lavoro I riflessi dei rapporti con il personale nel bilancio d esercizio Modulo B ore 120 Il sistema informativo contabile ed il bilancio d esercizio L area della funzione amministrativa Il sistema informativo aziendale: concetto e funzioni Il sistema informativo contabile e le sue articolazioni L attività amministrativa: concetto e funzioni La formazione del bilancio d esercizio Le funzioni del bilancio d esercizio Dai valori di conto ai valori di bilancio: le scritture di assestamento a) i completamenti b) le integrazioni c) le rettificazioni d) gli ammortamenti Le scritture di epilogo e di chiusura La formazione del bilancio d esercizio Il sistema informativo di bilancio previsto dal codice civile I principi di redazione del bilancio La struttura del bilancio d esercizio: a) lo stato patrimoniale b) il conto economico c) la nota integrativa La relazione sulla gestione I principi contabili: generalità L approvazione e la pubblicazione del bilancio Il reddito fiscale d impresa e la dichiarazione dei redditi Il sistema tributario italiano Le imposte sul reddito Il reddito di impresa Principi generali in materia di reddito d impresa Dal reddito di bilancio al reddito fiscale: Le principali variazioni fiscali: a) le plusvalenze patrimoniali 22

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f.

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f. AG RO AM BI EN TA LE ANI CA CC ME ELETT ROTEC NICA ELETT RONIC A LE IENDA Z A O MIC ECONO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA)

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) DOCUMENTO ELABORATO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a sez.c indirizzo "SIA" ESAMI DI STATO Conclusivi dei corsi di istruzione

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli