ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona 5BTL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona 5BTL"

Transcript

1 INDIRIZZO ECONOMICO AZIENDALE ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ESAME DI MATURITÀ BTL Durata degli studi Titolo conseguito Triennale Quinquennale Sbocco lavorativo Triennale o quinquennale Diploma qualifica di Operatore della Gestione Aziendale Diploma di stato: Tecnico della Gestione Aziendale Attestato di microspecializzazione di 2 livello Nelle aziende private e nelle pubbliche amministrazioni Proseguimento degli studi con il diploma di stato: accesso a tutte le facoltà universitarie e corsi post-diploma Curriculum disciplinare Dopo tre anni : diploma di Qualifica OPERATORE DELLA GESTIONE AZIENDALE Svolge compiti di redazione della corrispondenza ordinaria, anche in due lingue straniere, di protocollo, di archivio, di rilevazione delle scritture contabili, di videoscrittura sull elaboratore elettronico. Dopo altri due anni: diploma di Stato TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE Possiede una visione integrata dell attività aziendale: collabora alla gestione del sistema informativo-contabile a- ziendale anche attraverso l impiego dello strumento informatico; collabora alla programmazione ed alla gestione di un sistema di controllo direzionale efficace ed efficiente. Quadro orario indirizzo Economico Aziendale Area di approfondimento: nell ambito del progetto di autonomia sono previsti dei moduli di approfondimento per il rinforzo e la qualità della formazione. Area di specializzazione: al 4 e 5 anno, 360 ore vengono dedicate ad una specializzazione professionale con l intervento di esperti dei settori produttivi e con l utilizzo delle più moderne tecnologie ed inoltre 240 ore sono dedicate a stage presso aziende del territorio. Sono attualmente attivate le microspecializzazioni in : Esperto in marketing e organizzazione rete vendita. Assistente alla contabilità generale e alla gestione di cassa. Al termine del corso viene rilasciato dalla Regione Veneto un attestato di specializzazione di 2 livello riconosciuto dalla Comunità Europea. Progetto Impresa Formativa Simulata A partire dal terzo anno, al fine di promuovere la cultura d impresa, le classi iniziano un progetto di durata triennale che prevede la costituzione di una azienda simulata del settore industriale o commerciale (supportata da un azienda tutor del territorio)che interagisce con altre aziende ed effettua tutte le operazioni commerciali, bancarie e fiscali specifiche del settore individuato. 1

2 Quadro Orario I II III IV V Italiano Storia Tedesco Diritto ed Economia 2 2 Matematica e informatica Scienze della Terra e Biologia 3 3 Educazione Fisica Religione o Alt Lingua Inglese Economia Aziendale Trattamento Testi Diritto ed Economia Geografia Economica e Risorse 3 2 Area di Approfondimento Specializzazione 6 6 Composizione del Consiglio di Classe a.s. 2006/2007 Diritto-Economia Economia Aziendale Educazione Fisica Inglese Italiano Laboratorio Trattamento Testi Matematica Religione Cattolica Sostegno Storia Tedesco 5BTL Amadori Giuseppe Fasoli Cristina Piazzi Daniele Venturini Lucia Gatto Anna Ambrosi Gianmarco Scarduelli Sandra Ferrigato Floriana Losco Fioravante Gatto Anna Pizzini Patrizia Villafranca, 11 maggio 2006 il Dirigente Scolastico Claudio Pardini 2

3 PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA CLASSE La classe è composta da 16 alunni, di cui quattro risultano ripetenti, che per altro sono riusciti ad inserirsi bene nel gruppo classe. Durante il percorso scolastico gli studenti non hanno goduto della continuità didattica, nell ultimo anno vi è stato un cambiamento di insegnante nelle discipline di tedesco, inglese e italiano.gli studenti non hanno avuto però difficoltà nello stabilire nuovi rapporti con i docenti dimostrando di saper adeguarsi alle diverse metodologie didattiche proposte. L atteggiamento della classe è stato sempre rispettoso e corretto nei confronti degli insegnanti, e, in generale, dell ambiente scolastico. La classe ha però dimostrato una certa vivacità e non tutti hanno partecipato con interesse all attività didattica. In generale la classe ha raggiunto gli obiettivi didattico-educativi prefissati in tutte le discipline, LIVELLI DI APPRENDIMENTO Non tutti gli alunni hanno partecipato con interesse al dialogo educativo. L impegno nello studio, complessivamente sufficiente, non è stato continuo da parte di tutti. La rielaborazione personale dei contenuti proposti è stata eterogenea: gli alunni più capaci, intensificando l impegno nel corso dell anno, hanno mostrato buone attitudini e sanno esprimersi in modo corretto. Non tutti gli alunni, però, sono riusciti in tale approfondimento e sono rimasti ancorati ad una preparazione mnemonica e scolastica, probabilmente dovuta sia all emotività e all insicurezza personale sia al metodo di studio non sempre adeguato. Comunque sono stati raggiunti gli obiettivi primari fissati nella programmazione. Il metodo didattico ha cercato di dare importanza alle diverse esigenze, situazioni e alle possibilità individuali, attuando un controllo costante degli apprendimenti. Nelle varie discipline il livello di preparazione risulta nel complesso discreto, pur in presenza di alcuni allievi che denotano capacità espressive ed applicative non sempre efficaci. ATTIVITA PARTICOLARI Tutti gli allievi hanno effettuato due periodi di stage presso aziende, Enti e studi professionali della zona di Villafranca e dintorni, per almeno 240 ore ciascuno. I giudizi espressi sull attività di stage aziendale sono risultati buoni tanto che, in alcuni casi, aziende ed Enti hanno ritenuto opportuno prolungare la collaborazione per tutto il periodo estivo. INIZIATIVE DEL CONSIGLI DI CLASSE E stata effettuata una simulazione di terza prova in data 03/02/2007 Dopo il 15 Maggio verranno effettuate: a) simulazioni della prima prova in data 05/06/2007 b) della seconda prova in data 06/06/2007 c) della terza prova in data 04/06/2007 d) colloqui simulati per tre alunni scelti dal consiglio di classe, con presenza obbligatoria da parte di tutta la classe ed eventuali altri a richiesta in data 08/06/2007 Viaggio d istruzione a Barcellona dal 23/04/2007 al 28/04/2007 Uscita al Job di Verona per orientamento all Università Nell ambito del progetto Itinera, gli alunni hanno partecipato ad incontri su tematiche relative al mondo del lavoro e dell imprenditoria tenuti da esperti e responsabili da funzioni aziendali 3

4 OBIETTIVI FORMATIVI E DIDATTICI Gli obiettivi formativi mediamente raggiunti risultano discreti sia per quanto riguarda la capacità critica sia in ordine alla capacità di osservazione finalizzata. Può inoltre considerarsi discreta la capacità di analisi, la capacità di sintesi e di produzione ragionata e collegamento. Gli obiettivi didattici mediamente raggiunti risultano buoni per quanto riguarda la competenza disciplinare e discreti in quelle logiche e tecnico-specifiche, più che sufficienti nella competenza espositiva. SCHEDA RELATIVA ALLA TERZA PROVA Aree disciplinari interessate: linguistica, economico/giuridica, logico/matematica. Criteri seguiti per la progettazione della terza prova scritta La terza prova coinvolge potenzialmente tutte le discipline dell ultimo anno di corso. Tuttavia il Consiglio di classe, tenuto conto del curricolo di studi, degli obiettivi generali e cognitivi definiti nella propria programmazione didattica e della disciplina della seconda prova scritta, ha individuato come particolarmente significative le seguenti materie: Tedesco, Economia Aziendale, Matematica, Diritto/Economia Politica. Le prove interne di verifica in preparazione della terza prova scritta degli esami conclusivi del corso sono state svolte sulla base di questa scelta. Le prove assegnate durante l'anno hanno sempre avuto una durata di quattro ore. È opportuno notare che delle quattro materie coinvolte, tre fanno parte dell area d indirizzo poiché solo lingua inglese rientra nell area formativa. Argomenti di particolare rilevanza disciplinare Studio del grafico di funzioni razionali, esponenziali e logaritmiche I contratti Il lavoro - Das Dritte Reich Die Situation Deutschlands nach dem 2. Weltkrieg Der Kalte Krieg und die Teilung Deutschlands Il bilancio d esercizio e la sua analisi. Tipologia delle prove di verifica utilizzate Lo schema adottato dall Istituto per la Terza Prova prevede tre quesiti di tipologia B per ogni disciplina. Descrittori Ad ogni gruppo di quesiti, nell ambito della stessa disciplina, sono attribuiti fino ad un massimo di 15 punti assegnati in funzione di indicatori e di descrittori differenziati per aree ed allegati al documento. Per l accertamento delle lingue straniere, l Istituto ha aderito al modello consigliato dal D.M. 20 novembre 2000, art. 4, comma 1, lett. a). Il testo in lingua, composto di circa 80 parole, è seguito da tre domande come stabilito dallo schema di Terza Prova adottato. Segue un esempio di terza prova con relative griglie di valutazione. 4

5 SIMULAZIONE TERZA PROVA D ESAME DIRITTO/ECONOMIA POLITICA CLASSE 5^A TL NOME e COGNOME VILLAFRANCA, 1) Durata e rinnovazione del contratto, indennità per perdita di avviamento e diritto di prelazione nella disciplina speciale della locazione di immobili urbani ad uso non abitativo. 2) Analogie e differenze fra locazione, comodato e mutuo. 3) Sale and lease back. 5

6 SIMULAZIONE TERZA PROVA D ESAME ECONOMIA AZIENDALE - CLASSE 5^A TL NOME e COGNOME VILLAFRANCA, 1) Ratei e risconti: spiega la differente natura delle due poste e completa l esposizione con opportuni esempi. 2) La valutazione delle immobilizzazioni. 3) Il Conto Economico (art C.C.). 6

7 SIMULAZIONE TERZA PROVA Classe quinta ATL Prova di lingua tedesca Multikulturelle Gesellschaft Mehr als 7 Millionen Ausländer und Ausländerinnen leben und arbeiten heute in Deutschland, das sind etwa neun Prozent der Gesamtbevölkerung. Ein Drittel von ihnen ist schon länger als 30 Jahre hier, die Hälfte mindestens zehn Jahre, zweiundzwanzig Prozent sind bereits in Deutschland geboren. Mit sich brachte die wirtschaftliche Aufschwung einen wachsenden Bedarf an Arbeitskräften: Arbeiter aus der e- hemaligen DDR und Ost-Berlin konnten nach dem Zweiten Weltkrieg in Deutschland angeworben werden, doch mit der Bau der Mauer am 13. August 1961 stieg die Zahl von Arbeitern vom Ausland. 1. Wie viele Ausländer leben seit 1980 in Deutschland? Woher kommen Gastarbeiter nach 1945? Wer ist ein Aussiedler?

8 SIMULAZIONE TERZA PROVA SCRITTA Materia: MATEMATICA classe 5BTL 1) Determinare il valore dei seguenti limiti 3 2 5x 1 x 4x 1 lim x x 2 lim + 2 x x + x x 16 lim+ x 5 x 2 5x lim x 2 3 x 2 x + 9 2x 2) Determinare il valore dei seguenti limiti 16 x 2 x + 3x+ 2 lim 3 x + 2 lim 3 x 2x x x+ 4 x 2 lim 3 + x x 2 x + 3x+ 2 lim 5 x + 3) Studiare la funzione y = x 2 4x x Determinare il dominio,i punti di intersezione con gli assi, il segno della funzione, i limiti. Rappresentare graficamente 8

9 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA di DIRITTO/ECONOMIA POLITICA ECONOMIA AZIENDALE A) Conoscenza dei contenuti richiesti, loro completezza, pertinenza e coerenza 1^ quesito NOME e COGNOME... CLASSE... DATA. 2^ quesito 3^ quesito 1) ottima 2) buona e rigorosa 3) buona 4) buona, anche se non del tutto rigorosa 5) sicura ed adeguata 6) pienamente sufficiente 7) sufficiente 8) non del tutto sufficiente 9) insufficiente 10) insufficiente e frammentaria 11) frammentaria e non pertinente 12) gravemente insufficiente 13) pressoché nulla 14) nulla 9,00 8,50 8,00 7,50 7,00 6,50 6,00 5,50 5,00 4,00 3,00 2,00 1,00 0,00 9,00 8,50 8,00 7,50 7,00 6,50 6,00 5,50 5,00 4,00 3,00 2,00 1,00 0,00 9,00 8,50 8,00 7,50 7,00 6,50 6,00 5,50 5,00 4,00 3,00 2,00 1,00 0,00 B) Correttezza sintatticogrammaticale e precisione nell utilizzo della terminologia specifica 1) ottima 2) buona 3) sufficiente 4) non del tutto sufficiente 5) insufficiente 6) gravemente insufficiente 7) pressoché nulla 8) nulla 3,00 2,50 2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 0,00 3,00 2,50 2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 0,00 3,00 2,50 2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 0,00 C) Capacità di esposizione e riformulazione autonoma dei contenuti richiesti 1) ottima 2) buona 3) sufficiente 4) non del tutto sufficiente 5) insufficiente 6) gravemente insufficiente 7) pressoché nulla 8) nulla TOTALE MEDIA 3,00 2,50 2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 0,00 3,00 2,50 2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 0,00 3,00 2,50 2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 0,00 VOTO DELLA PROVA /15 9

10 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA TERZA PROVA TEDESCO Pertinenza all argomento e coerenza nella trattazione Trattazione pertinente, molto bene articolata ed esauriente. Trattazione nel complesso esauriente e pertinente. Trattazione sufficientemente esauriente e pertinente. Trattazione solo in parte pertinente; conoscenza superficiale dell argomento. Trattazione molto poco pertinente; conoscenza gravemente lacunosa dell argomento. Trattazione non pertinente. Punteggio: 3 Punteggio: 2,5 Punteggio: 2 Punteggio: 1,5 Punteggio: 1 Punteggio: 0 Correttezza grammaticale lessicale e ortografica Trattazione completamente corretta, con evidente padronanza della lingua. Trattazione precisa e corretta. Trattazione nel complesso precisa e corretta. Trattazione sufficientemente adeguata nella padronanza lessicale e nella correttezza espositiva. Trattazione limitata nella correttezza della forma e inadeguata nel lessico. Trattazione contenente molte scorrettezze e lacune. Trattazione pesantemente scorretta e lacunosa. Punteggio: 6 Punteggio: 5,5 Punteggio: 5 Punteggio: 4 Punteggio: 3 Punteggio: 1,5 Punteggio: 0 Capacità di rielaborazione autonoma e personale Trattazione contenente una rielaborazione dei contenuti molto buona, autonoma e personale. Trattazione con una buona ed autonoma rielaborazione personale. Trattazione nel complesso autonoma e personale, con qualche spunto di approfondimento. Trattazione sufficientemente autonoma e personale. Trattazione scarsamente autonoma e personale. Trattazione molto povera di rielaborazione autonoma e personale. Trattazione con rielaborazione inesistente. Punteggio: 6 Punteggio: 5,5 Punteggio: 5 Punteggio: 4 Punteggio: 3 Punteggio: 1,5 Punteggio: 0 10

11 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA TERZA PROVA MATEMATICA Indicatori Descrittori Punteggio 1.Conoscenze acquisite 2. Correttezza formale 1. La trattazione è completa, chiara ed e- sauriente. Il linguaggio formale è utilizzato in modo consapevole. Lo sviluppo del ragionamento è corretto, rigoroso, completo. 2. La trattazione è nel complesso esauriente. L'esposizione è formalmente corretta. Lo sviluppo del ragionamento è complessivamente adeguato. L'analisi del problema è completa. 3. La trattazione è sufficientemente esauriente. L'applicazione è corretta ma meccanica oppure incompleta Abilità applicative e logiche 4. La trattazione rivela una conoscenza superficiale del contenuto. L'analisi del problema è insufficiente. Le deduzioni non sempre esatte o complete Le conoscenze sono insufficienti. La trattazione presenta gravi errori concettuali e logici Le conoscenze sono del tutto insufficienti. L'argomento non è stato trattato o lo è stato in modo del tutto errato. 0-3 Per completezza, si allegano anche le griglie di valutazione della prima e seconda prova. 11

12 Griglia di valutazione della prima prova ISISS Carlo Anti Villafranca ESAMI DI STATO nome:..cognome classe: Correttezza nell uso della lingua 1. Ottima 2. Buona 3. Sufficiente 4. Non del tutto sufficiente 5. Insufficiente 6. Nulla Proprietà lessicale 1. Ottima 2. Buona 3. Sufficiente 4. Non del tutto sufficiente 5. Insufficiente 6. Nulla Pertinenza dell elaborato 1. Ottima 2. Buona 3. Sufficiente 4. Non del tutto sufficiente 5. Insufficiente 6. Nulla Coerenza dell elaborato 1. Ottima 2. Buona 3. Sufficiente 4. Non del tutto sufficiente 5. Insufficiente 6. Nulla Capacità di rielaborazione autonoma e personale 1. Ottima 2. Buona 3. Sufficiente 4. Non del tutto sufficiente 5. Insufficiente 6. Nulla 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,0 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,0 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,0 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,0 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,0 Valutazione conclusiva / 15 12

13 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA SECONDA PROVA INGLESE Pertinenza all argomento e coerenza nella trattazione Trattazione pertinente, molto bene articolata ed esauriente. Trattazione nel complesso esauriente e pertinente. Trattazione sufficientemente esauriente e pertinente. Trattazione solo in parte pertinente; conoscenza superficiale dell argomento. Trattazione molto poco pertinente; conoscenza gravemente lacunosa dell argomento. Trattazione non pertinente. Punteggio: 3 Punteggio: 2,5 Punteggio: 2 Punteggio: 1,5 Punteggio: 1 Punteggio: 0 Correttezza grammaticale lessicale e ortografica Trattazione completamente corretta, con evidente padronanza della lingua. Trattazione precisa e corretta. Trattazione nel complesso precisa e corretta. Trattazione sufficientemente adeguata nella padronanza lessicale e nella correttezza espositiva. Trattazione limitata nella correttezza della forma e inadeguata nel lessico. Trattazione contenente molte scorrettezze e lacune. Trattazione pesantemente scorretta e lacunosa. Punteggio: 6 Punteggio: 5,5 Punteggio: 5 Punteggio: 4 Punteggio: 3 Punteggio: 1,5 Punteggio: 0 Capacità di rielaborazione autonoma e personale Trattazione contenente una rielaborazione dei contenuti molto buona, autonoma e personale. Trattazione con una buona ed autonoma rielaborazione personale. Trattazione nel complesso autonoma e personale, con qualche spunto di approfondimento. Trattazione sufficientemente autonoma e personale. Trattazione scarsamente autonoma e personale. Trattazione molto povera di rielaborazione autonoma e personale. Trattazione con rielaborazione inesistente. Punteggio: 6 Punteggio: 5,5 Punteggio: 5 Punteggio: 4 Punteggio: 3 Punteggio: 1,5 Punteggio: 0 13

14 LA TERZA AREA Qualifica: ESPERTO IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE RETE VENDITA Profilo Professionale La figura professionale prevista esperto in marketing e organizzazione rete vendite, proposta dal corso, é in grado di inserirsi all interno dell ufficio di marketing, occupandosi della redazione del marketing-plan con predisposizione delle singole componenti. Lo specialista in marketing opera in ambito commerciale, interagisce con altre funzioni aziendali, tiene i contatti con le aziende per sondare le preferenze di mercato e fornire i dati per stimare la domanda di nuovi prodotti, analizza l andamento delle vendite ed effettua previsioni a medio e lungo termine. Gli allievi devono acquisire competenze specifiche relative alle procedure gestionali della funzione con particolari conoscenze circa la distribuzione, il prodotto, la pubblicità e la promozione con utilizzo degli opportuni strumenti telematici. Il corso, strutturato per moduli da svolgersi nell arco di due anni, prevede un totale di 360 ore di lezione teorico-pratiche e 240 ore di stage. Obiettivi raggiunti Gli obiettivi raggiunti in tutti i moduli hanno fatto acquisire agli allievi le conoscenze e le abilità necessarie per potersi inserire negli uffici di marketing e in Studi professionali che forniscono servizi di marketing e ricerche di mercato alle aziende. In particolare, gli allievi hanno acquisito le conoscenze relative a: canali di distribuzione, mezzi pubblicitari e promozionali, ciclo di vita e caratteristiche del prodotto, evoluzione storica dell approccio di marketing delle aziende, il budget pubblicitario e delle vendite, informatica di base e office automation con l utilizzo di pacchetti applicativi di carattere gestionale, navigazione in INTERNET finalizzata all e-commerce, posta elettronica. I moduli professionalizzanti sono stati percorsi all interno di una visione multidisciplinare dell organizzazione aziendale. Gli studenti hanno dimostrato partecipazione e interesse alle problematiche legate ai contenuti del marketing, hanno collaborato fra di loro e con gli insegnanti, per l intero biennio. La partecipazione alle lezioni è stata regolare e propositiva. Tutti gli studenti sono stati ammessi all esame e si sono qualificati ottenendo risultati mediamente buoni. Lo staff formativo ha programmato il percorso con i docenti interni alla scuola al fine di garantire uno scambio continuo di informazioni sullo svolgimento dei contenuti dei moduli e sull esito dell apprendimento degli allievi. La verifica delle conoscenze e competenze acquisite è avvenuta in itinere e al termine di ciascun modulo, attraverso prove oggettive e lavori di gruppo che riguardavano la simulazione di operazioni connesse ai moduli trattati. I tutor interni ed esterni hanno coordinato e monitorato l intero percorso formativo Stage Gli allievi hanno effettuato un periodo di stage di 240 ore dal 29/05/06 al 07/07/06 e sono stati inseriti in aziende operanti nel settore commerciale o in studi professionali di Villafranca e comuni limitrofi. In situazione reale, gli studenti hanno potuto mettere in pratica i contenuti appresi nel contesto scolastico e hanno svolto questo periodo con entusiasmo e impegno, dimostrando responsabilità e disponibilità. Per questo sono stati apprezzati dai tutor aziendali che hanno espresso una valutazione sulla base del comportamento, della disponibilità, delle conoscenze tecnico-professionali, del metodo, della precisione, delle capacità di lavorare in gruppo e dell iniziativa personale. Al termine dell esperienza gli studenti hanno redatto una relazione finale. 14

15 CRITERI DI MISURAZIONE Ottimo 9 / 10 l alunno evidenzia una preparazione particolarmente organica, critica, sostenuta da fluidità e ricchezza espressiva, da autonomia operativa, da spiccate capacità interpretative e di giudizio, da sicurezza nei collegamenti; Buono 8 l alunno conosce e padroneggia gli argomenti proposti; sa rielaborare ed applicare autonomamente le conoscenze e valutare in modo critico contenuti e procedure con esposizione sicura e personale; Discreto 7 l alunno conosce e comprende gli argomenti affrontati individuandone gli elementi costitutivi; si sforza di condurre autonome analisi e di offrire contributi personali; la preparazione è precisa e l esposizione é corretta; Sufficiente 6 l alunno conosce gli elementi fondamentali della disciplina, acquisiti in modo semplice e senza particolari elaborazioni personali; l argomentazione è lineare e l esposizione è corretta; Insufficiente 5 l alunno conosce in modo incompleto o poco chiaro gli argomenti fondamentali; pur avendo acquisito parziali abilità, non è in grado di utilizzarle in modo autonomo e commette errori; l esposizione risulta incerta e non lineare; le carenze indicate non sono però di tale gravità da impedirgli di orientarsi, se guidato, nella disciplina; Gravemente insufficiente 4 L alunno conosce in modo frammentario e superficiale gli aspetti fondamentali della disciplina. 15

16 CONTENUTI SVOLTI E MEDIAMENTE APPRESI DALLA CLASSE NELLE SINGOLE DISCIPLINE ITALIANO Nome Insegnante GATTO ANNA Testo usato G. Baldi, S. Giusto, M. Rametti, G. Zaccaria: Storia e testi della letteratura, Ed. Paravia. MODULO 1 : ore 42 L Età del decadentismo: G. D Annunzio Da Il Piacere Il ritratto allo specchio 16 Da Alcione Pioggia nel pineto Meriggio Sera Fiesolana G. Pascoli Da Myricae Arano X Agosto Dai Canti di Castelvecchio Il gelsomino notturno Da Il fanciullino Una poetica decadente MODULO 2: ore 13 L età delle avanguardie nella Prima metà del 900 F. T. Martinetti Manifesto del Futurismo Manifesto tecnico del Futurismo G. Gozzano Da Colloqui La signorina Felicita ovvero la felicità MODULO 3: ore 15 Nuovo romanzo del 900 I. Svevo Da La coscienza di Zeno Un padre sostitutivo La scelta della moglie e l antagonista La profezia di un apocalisse cosmica L. Pirandello Da L umorismo Un arte che scompone il reale Da Novelle per un anno Il treno ha fischiato La patente Quando s è capito il giuoco

17 L uomo dal fiore in bocca MODULO 4: ore 15 La poesia tra le due guerre Da Sei personaggi in cerca d autore La rappresentazione teatrale tradisce il personaggio G. Ungaretti Da L allegria Veglia Fiumi S. Martino del Carso Natale Soldati E. Montale Da Ossi di seppia Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato Cigola la carrucola nel pozzo U. sabato Da Il Canzoniere A mia moglie La capra Trieste MODULO 5: ore 13 La narrativa del 900 in Italia - C. Alvaro Da Gente di Aspromonte - La parabola dell inetto - - I. Silone Da Fontamara - La giustizia dei pastori - - A. Moravia Da Gli indifferenti - L indifferenza di Michele C. Pavese Da La casa in collina - Ogni guerra è una guerra civile MODULO G: ore 10 La scrittura - Il testo argomentativo; - Il saggio breve; - L articolo di giornale; - L analisi testuale. - Lettura de Il ritratto di Doriano Gray Oscar Wilde. 17

18 Nome Insegnante GATTO ANNA Testo usato E Zanette 700 Ed. B. Mondatori STORIA MODULO 1: ore 14 L esordio del 900, la Grande Guerra, la Rivoluzione Russa. Europa e il mondo agli inizi del 900; Le tensioni internazionali; Le lotti sociali e la crisi di fine secolo; La prima guerra mondiale; L Italia dalla neutralità all intervento; La vittoria dell Intesa; L eredità della guerra; La Rivoluzione Russa. MODULO 2: ore 17 Le tensioni del dopoguerra e gli anni venti. La Germania di Weimar; Gli anni Venti negli Stati Uniti; L Unione Sovietica da Lenin a Stalin; La crisi economica e sociale del dopoguerra in Italia; Il biennio rosso ; Il movimento fascista e lo squadrismo; La transizione verso la dittatura. MODULO 3: ore 10 L età della crisi e dei totalitarismi. La crisi del 1929 ed il New Deal; Il regime fascista e la propaganda; La politica economica; La fascistizzazione della società; Le leggi razziali; L antifascismo; Il regime nazista; Il regime staliniano. MODULO 4: ore 16 La seconda guerra mondiale Il bipolarismo. Verso un nuovo conflitto; L aggressività della Germania hitleriana; La seconda guerra mondiale; Il dominio nazista in Europa; La Shoa; La Resistenza; La sconfitta dell Asse; Il mondo bipolare MODULO 5: ore 9 Il mondo del dopoguerra. Gli anni 50: verso il disgelo; Gli anni 60 L Italia repubblicana; Il miracolo economico e le trasformazioni della società. 18

19 MATEMATICA Nome Insegnante SCARDUELLI SANDRA Testo usato Re Fraschini-Grazzi-Spezia ANALISI Ed. Atlas. MODULO 1: ore 10 Disequazioni Disequazioni di primo e secondo grado Disequazioni razionali fratte Sistemi di disequazioni MODULO 2: ore 20 Funzioni Concetto di funzione reale di variabile reale Classificazione di funzioni Dominio di una funzione Determinazione delle intersezioni di una funzione con l'asse x Studio del segno di funzioni razionali intere, razionali fratte, irrazionali, esponenziali e logaritmiche MODULO 3: ore 20 Limiti di funzioni Concetto di limite Operazioni sui limiti Calcolo di limiti di funzioni razionali, irrazionali, esponenziali e logaritmiche e rappresentazione grafica Asintoti orizzontali, verticali MODULO 4: ore 15 Derivate Definizione di derivata di una funzione in un suo punto Significato geometrico della derivata Calcolo della funzione derivata Teoremi sulle derivate: somma, quoziente, funzioni composte Studio degli intervalli nei quali una funzione è crescente o decrescente e calcolo di punti di massimo e di minimo MODULO 5: ore 15 Studio di funzioni Rappresentazione grafica di funzioni razionali intere e fratte, irrazionali, esponenziali e logaritmiche è crescente o decrescente e calcolo di punti di massimo e di minimo 19

20 LINGUA E CIVILTÀ TEDESCA Nome Insegnante PIZZINI PATRIZIA Testo usato: - J. Grütner Punkt-de, Poseidonia - G. Montali, D. Mandelli ABC Deutsch vol. 2, Loescher - H. Frei, A. Zanello Themen und Zeiten aus Seiten In Europa, Poseidonia COMMERCIO Modulo 1 (2 ore) Das Angebot, Verkaufsbedingungen Modulo 2 (8 ore) Die Bestellung Bestellung Widerruf der Bestellung Gegenangebot des Käufers Antwort auf das Gegenangebot des Käufers Modulo 3 (2 ore) Der Versand Versandanzeige Modulo 4 (4 ore) Die Lieferverzögerung 1. Mahnung Antwort auf 1. Mahnung Modulo 5 (6 ore) Die Zahlung Zahlungsanzeige Zahlungsverzug Antwort auf Mahnung wegen Zahlungsverzugs GRAMMATICA Modulo 1 (4 ore) Revisione Perfekt, Präteritum, declinazioni aggettivi Modulo 2 (6 ore) Passivo, secondarie relative CIVILTÀ Modulo 1 (4 ore) Deutschland im Allgemein Wirtschaft Deutschlands Marktwirtschaft und Planwirtschaft 20

21 Modulo 2 (6 ore) Multikulturelle Gesellschaft Fremde in Deutschland Integration Assimilation Poesia: F. Biondi Nicht nur Gastarbeiterdeutsch Modulo 3 (20 ore) Geschichte Die Weimarer Republik und der Weg in die Diktatur Die Diktatur des Nationalsozialismus Vom Anfang des 3. Reiches bis zum Ende des 2. Weltkriegs Die deutsche Frage Das Wirtschaftswunder Die Wiedervereinigung Film: Good bye Lenin! W. Becker Poesia: Miserere B. Brecht 21

22 ECONOMIA AZIENDALE Nome Insegnante FASOLI CRISTINA Testo usato: P. Ghigini, L. Menabeni, C. Ribecchi; Principi di economia aziendale, Elemont scuola & azienda Modulo A ore 15 Il fattore umano e la politica del personale Il sistema informativo della funzione del personale La progettazione della struttura organizzativa La retribuzione e le sue forme Il sistema delle assicurazioni sociali: cenni La liquidazione delle retribuzione: schema di busta-paga I libri obbligatori: cenni L estinzione del rapporto di lavoro: il TFR Le scritture in P.D. relative al personale Il costo del lavoro I riflessi dei rapporti con il personale nel bilancio d esercizio Modulo B ore 120 Il sistema informativo contabile ed il bilancio d esercizio L area della funzione amministrativa Il sistema informativo aziendale: concetto e funzioni Il sistema informativo contabile e le sue articolazioni L attività amministrativa: concetto e funzioni La formazione del bilancio d esercizio Le funzioni del bilancio d esercizio Dai valori di conto ai valori di bilancio: le scritture di assestamento a) i completamenti b) le integrazioni c) le rettificazioni d) gli ammortamenti Le scritture di epilogo e di chiusura La formazione del bilancio d esercizio Il sistema informativo di bilancio previsto dal codice civile I principi di redazione del bilancio La struttura del bilancio d esercizio: a) lo stato patrimoniale b) il conto economico c) la nota integrativa La relazione sulla gestione I principi contabili: generalità L approvazione e la pubblicazione del bilancio Il reddito fiscale d impresa e la dichiarazione dei redditi Il sistema tributario italiano Le imposte sul reddito Il reddito di impresa Principi generali in materia di reddito d impresa Dal reddito di bilancio al reddito fiscale: Le principali variazioni fiscali: a) le plusvalenze patrimoniali 22

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA 1. Articolazione (moduli, unità didattiche ) delle conoscenze e dei contenuti. PROGRAMMA ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA CLASSE 4 RIM Libro di testo : Astolfi, Nazzaro, Rascioni & Ricci IMPRESA E MERCATI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A.S. 2012/2013 Classe: 5C Logistica Disciplina: Economia Aziendale e dei Trasporti Prof. Gianna Righi CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI (descrivere dettagliatamente specificando

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua Modalità di verifica e criteri di valutazione MODALITA DI VERIFICA BIENNIO Le verifiche, frequenti e diversificate,

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde ALLEGATO2 VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde Impegno a) Negativo Non rispetta le scadenze Non esegue

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA 1 di 5 04/12/2013 100 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA MODINA DOCENTI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

Unità A Il bilancio d esercizio: significato e formazione

Unità A Il bilancio d esercizio: significato e formazione I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e p e r i S e r v i z i C o m m e r c i a l i Tu r i s t i c i A l b e r g h i e r i e d e l l a R i s t o r a z i o n e G. M a t t e o t t i 5 6 1 2 4 - P i s a

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 5 26/01/2015 14.12 PROGRAMMAZION DISCIPLINAR PR COMPTNZ QUINTO ANNO TCNICO PR IL TURISMO 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Discipline turistiche e aziendali DOCNTI: Claudia Paccagnella Competenze da conseguire

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2015-2016 INSEGNANTE: Perata Simonetta CLASSE: IV A c SETTORE: servizi commerciali INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof Giuseppe Santagata MATERIA Economia aziendale classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 CONOSCENZE 1 Le fasi

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA?

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? CLASSE 4 SEZ.B TITOLO FINALITA / SENSO DEL PERCORSO PRESENTAZIONE DELLA UDA TRASVERSALE SIMULAZIONE AZIENDALE Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia .6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia Nella Scuola dell'infanzia non si parla propriamente di valutazione se non in termine di sviluppo di competenze riferito ai Campi di Esperienza delle Nuove

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI MATERIA CLASSE Sandra Bianco Patrizia Qualizza Economia d azienda - Laboratorio trattamento testi 5AP OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI CONOSCENZE,

Dettagli

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE E VALUTAZIONI QUADRIMESTRALI E DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA: ANNO SCOLASTICO 2012/2013. L introduzione della scala numerica ha fatto sì che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 10 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: AFM - SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: Alagna, Garofoli - Masoch - Oldoni - Zuffada ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

MODULO a LE IMPRESE INDUSTRIALI: ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI Le imprese industriali: concetti introduttivi Aspetti caratteristici della moderna produzione industriale Le principali classificazioni

Dettagli

Istruzione professionale:

Istruzione professionale: Istruzione professionale: DUE BIENNI + QUINTO ANNO - ESAME DI STATO - ACCESSO AI CORSI UNIVERSITARI Indirizzi attivi: Servizi Commerciali dal terzo anno è possibile anche scegliere Servizi Socio-Sanitari

Dettagli

Istituto Tecnico Statale per il Turismo "Francesco Algarotti"

Istituto Tecnico Statale per il Turismo Francesco Algarotti Istituto Tecnico Statale per il Turismo "Francesco Algarotti" Cannaregio, 351-30121 VENEZIA - Tel. 041.716266 - Fax 041.720054 - C.F.: 80012240273 Indirizzo Internet:http://www.istitutoalgarotti.ite-mail:algarotti@tin.itVETN0100N@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 4BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 8 22/11/2013 109 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Antonella Branchi Prof.ssa

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2014/2015 ECONOMIA AZIENDALE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO LIA BONELLI L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM TOMO 1 MODULO 1: LA GESTIONE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI CAPITOLO 1: Le caratteristiche delle imprese industriali 1. Il sistema produttivo

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo di Petritoli. Scuola Secondaria di 1 grado. Curricolo annuale A. S. 2013-2014

Istituto Scolastico Comprensivo di Petritoli. Scuola Secondaria di 1 grado. Curricolo annuale A. S. 2013-2014 Istituto Scolastico Comprensivo di Petritoli Scuola Secondaria di 1 grado Curricolo annuale A. S. 2013-2014 Discipline: lingua francese, lingua tedesca FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA LINGUA STRANIERA

Dettagli

FINALITA solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico limitato numero di ampi indirizzi esercizio di professioni tecniche

FINALITA solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico limitato numero di ampi indirizzi esercizio di professioni tecniche FINALITA fornire una solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico in linea con le indicazioni dell Unione europea offrire un limitato numero di ampi indirizzi, correlati a settori fondamentali

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli