ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno Scolastico 2013 / 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno Scolastico 2013 / 2014"

Transcript

1 ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 5^ SEZIONE L Indirizzo: Liceo Linguistico Redatto il Affisso all albo il Docente coordinatore della classe PROF. SSA SIMONETTA DI PAOLANTONIO Composizione del Consiglio di Classe: DOCENTE DISCIPLINA/E INSEGNATA/E FIRMA DEL DOCENTE DI PAOLANTONIO SIMONETTA CANNELLI LUIGI STEFANO PERRUCCI SOFIA ITALIANO E LATINO DISEGNO E STORIA DELL ARTE SCIENZE * LAI FABIO TEDESCO * MATERAZZI ROSSANA FRANCESE * PASCUCCI MARIA LORETTA INGLESE EVANGELISTI FULBERTO EDUCAZIONE FISICA PICA EULA PASSONI LINDA TITTARELLI KATIA STUART PATRICIA ISABELLE MOSCETTI CASTELLANI LIVIANA PLAZ ELISABETH RELIGIONE MATEMATICA FILOSOFIA E STORIA CONVERSAZIONE INGLESE CONVERSAZIONE FRANCESE CONVERSAZIONE TEDESCO * Con l'asterisco sono contrassegnati i commissari interni. IL DIRIGENTE SCOLASTICO FRANCESCA CENCETTI

2 2 CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5 Sezione L. NOME E COGNOME DEI DOCENTI MATERIA DI INSEGNAMENTO CONTINUITA DEI DOCENTI 1. DI PAOLANTONIO SIMONETTA ITALIANO E LATINO 2. CANNELLI LUIGI STEFANO DISEGNO E STORIA DELL ARTE 3. PERRUCCI SOFIA SCIENZE 4. LAI FABIO TEDESCO 5. MATERAZZI ROSSANA FRANCESE 6. EVANGELISTI FULBERTO EDUCAZIONE FISICA 7. PASCUCCI MARIA LORETTA INGLESE ANNI 1 2X 3 >3 ANNI >3X ANNI 1 X 2 3 >3 ANNI >3X ANNI >3X ANNI >3X ANNI >3X 8. PICA EULA RELIGIONE ANNI >3X 9. PASSONI LINDA MATEMATICA 10. TITTARELLI KATIA STORIA E FILOSOFIA ANNI >3X ANNI 1 2 3X >3 Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 2

3 3 1.2 LA CLASSE N COGNOME E NOME ALUNNI COMPONENTI LA CLASSE 1 BASSETTI AZZURRA 2 DE CANONICO ALESSIA 3 FAGIOLI ARIANNA 4 GATTI ANNA SOFIA 5 KOCI CRISTIANA 6 MANCA MARTINA 7 MARCOTULLI CHIARA 8 MINELLI FEDERICA 9 MITI VALERIA 10 PACIOTTI SARA 11 PICCOTTI ALESSANDRO 12 RIDOLFI MATTIA 13 SCATTOLINI LINDA 14 SORBELLI DIEGO Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 3

4 4 1.3 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE E STORIA IMPEGNO: La classe 5L è composta da 11 alunne e 3 alunni, residenti a Gualdo Tadino, Nocera Umbra, Gubbio, tutti provenienti dalla 4L. Nel corso del triennio la classe non ha subito significativi cambiamenti sul piano morfologico, ad eccezione dell inserimento in classe 4^ dell alunno Piccotti Alessandro, proveniente dalla 4^M. Fanno parte del gruppo due studentesse DSA. Viene registrato il dato che è stato possibile garantire la continuità didattica per la maggior parte delle discipline, ad eccezione di Scienze e Italiano.Ciò ha contribuito ad instaurare fra alunni e insegnanti un forte rapporto di collaborazione e interazione, favorite anche da vivaci attività progettuali. L impegno evidenziato nel corso del triennio nell approccio alle singole discipline è stato proficuo e costante per il maggior numero degli alunni. Pochi sono stati più discontinui, anche in relazione alle attitudini e ai diversi stili cognitivi, che li hanno portati ad essere selettivi in alcune discipline. Generalmente, però, il gruppo si è mostrato compatto, serio e responsabile. PARTECIPAZIONE E ATTENZIONE: CONOSCENZE: La partecipazione dimostrata nel corso del triennio è stata positiva e costruttiva. Gli studenti hanno aderito con entusiasmo e senso di responsabilità a tutte le iniziative, anche extra-curriculari e progettuali proposte dalla scuola. Non è mai mancata attenzione al dialogo educativo. Le conoscenze acquisite nell ambito dei vari saperi disciplinari fanno registrare una certa eterogeneità, sebbene il livello globale della classe sia mediamente buono, rispetto agli obiettivi fissati in sede programmatica dal Consiglio di Classe, in particolare nelle discipline caratterizzanti l indirizzo. LIVELLI DI COMPETENZA TRASVERSALE I livelli di competenza sono di diversa tipologia. La maggior parte degli studenti sa utilizzare le conoscenze acquisite nelle argomentazioni e valutazioni personali, mostrando di saper operare collegamenti interdisciplinari in modo consapevole e critico. Solo alcuni sono rimasti legati ad uno studio referenziale e, in pochi casi, mnemonico. Molti hanno mostrato interessi artistici e sportivi, che hanno alimentato una crescita personale ricca, flessibile e responsabile. Collegio dei Docenti e Consiglio di Istituto hanno programmato e fatto attuare corsi di approfondimento realizzati nella seconda parte dell anno scolastico al fine di potenziare le capacità, le conoscenze e le competenze acquisite dall alunno, unitamente alle capacità di utilizzarle ed integrarle in nuclei tematici pluridisciplinari. DISCIPLINE ORE DOCENTI COINVOLTI MATEMATICA 10 PASSONI LINDA Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 4

5 5 1.4 SCHEDA INFORMATIVA DELLA CLASSE SCHEDA INFORMATIVA: ATTIVITA INTEGRATIVE ED ESPERIENZE EXTRACURRICULARI SVOLTE NEL TRIENNIO Anno scolastico ATTIVITA Progetto Comenius Bridges e ospitalità studenti stranieri Scambio culturale Australia e Francia Partercipazione alla stagione teatrale Teatro Don Bosco Gualdo Tadino Laboratorio musicale Laboratorio teatrale Quotidiano in classe Giornalino della scuola Panta rei Incontro con l autore: Eugenio Occorsio, Non dimenticare, non odiare ; Edoardo Boncinelli, La scienza non ha bisogno di Dio Laboratorio Isuc, PG 77 ( ) Deportazione e internamento in Umbria Progetto Giornata della Francofonia Viaggio d istruzione - Repubblica Ceca (Comenius) - Polonia (Comenius) Anno scolastico ATTIVITA Progetto Comenius, Bridges Quotidiano in classe Abbonamento alla stagione Teatrale Certificazione DELF B1 Cineforum Giornalino della scuola Panta rei Incontro con l autore: Carmine Abate, La collina del vento ; Eraldo Affinati, Berlin ; Giovanni Bianconi, I figli della notte Laboratorio musicale Laboratorio teatrale Incontro con responsabili dell AVIS Viaggio d istruzione: - Londra - Barcellona, mini-crociera letteraria - Svezia (Comenius) - Istanbul (Comenius) Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 5

6 6 Anno scolastico ATTIVITA Orientamento universitario Abbonamento alla Stagione Teatrale Olimpiadi delle Lingue a Urbino Laboratorio musicale Incontro con l autore:melania Mazzucco Sei come sei, Vita Convegno Internazionale CEU Custodire l umanità. Verso le periferie esistenziali Assisi, Conferenza su stalking e femminicidio, a cura del giudice Massimo Ricciarelli Conferenza Le radici storiche dell antisemitismo, relatore prof. Marco Iacoviello Festival della Filosofia e della Scienza (10-13 aprile 2014)Lectio Magistralis del filosofo Massimo Cacciari Conferenza del prof. Miguel Gotor Gli scritti di Aldo Moro dalla prigionia.: Le lettere Il memoriale della repubblica Concerto di Natale al Teatro Lyric di Assisi Festival dei cori giovanili- Perugia Laboratorio didattico Isuc I paesaggi della libertà Viaggio d istruzione - Praga (24/29 marzo 2014) *Ad alcune iniziative hanno partecipato gruppi di studenti Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 6

7 7 1.5 FINALITA FORMATIVE Il Liceo linguistico si configura come un indirizzo di studi particolarmente adeguato alle esigenze di preparazione professionale manifestate dalla società contemporanea, complessa e multietnica, in quanto tende a fornire una metodologia di lavoro flessibile ed aperta a più codici culturali, valida nei più diversi ambiti disciplinari e che risulti supportata da conoscenze ed abilità acquisite nel campo informatico e linguistico. Promuove : una solida base culturale relativa ad un arco di saperi ampio e bilanciato, tale da includere tutte le componenti essenziali alla formazione dei giovani: dall area linguistico- letteraria- artistica, a quella storico-filosofica, a quella matematico- scientifica OBIETTIVI FORMATIVI Acquisire consapevolezza dei propri bisogni, attitudini, interessi e della possibilità di rispondere ad essi attraverso la personalizzazione della formazione scolastica Acquisire la capacità di riflettere sui propri successi ed insuccessi Sapersi accettare e saper rendere aderente il proprio progetto alle proprie caratteristiche individuali Saper indirizzare e sviluppare le proprie potenzialità Affinare le proprie capacità intellettive e critiche per operare scelte autonome Raggiungere una formazione umana armonica, risultato dell equilibrio tra conoscenze culturali del passato e apertura alle nuove tecnologie e ai nuovi saperi Conseguire una formazione in grado di cogliere la complessità e le problematiche della realtà, di comprendere e di governare i processi di evoluzione economico-culturale e di progettare autonomamente Acquisire la consapevolezza della funzionalità delle conoscenze per una crescita umana, culturale e civile Saper utilizzare il potenziale operativo delle conoscenze Prendere coscienza della propria cittadinanza, delle proprie responsabilità sociali e politiche,dei propri orientamenti cognitivi e valoriali, dei diritti e dei doveri fondamentali Acquisire il senso della propria identità attraverso la coscienza storica e il riconoscimento della propria tradizione culturale Sapersi aprire all alterità e al confronto con identità e culture diverse secondo le istanze poste in essere dalla nuova dimensione europea e mondiale OBIETTIVI DIDATTICI GENERALI Acquisire conoscenze, competenze e capacità nell ambito delle diverse discipline Essere consapevoli dell unitarietà del sapere attraverso l individuazione di nodi di interrelazione e interdipendenza tra le aree disciplinari Adottare un atteggiamento di curiosità intellettuale come motore della conoscenza Bilanciare sapere umanistico e scientifico per poter effettuare una sintesi interpretativa della realtà presente, in rapporto con il passato ed aperta all innovazione e al cambiamento, alla creatività e alla progettualità Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 7

8 8 Integrare la riflessione teorica, atta al raggiungimento e alla padronanza degli strumenti logici e concettuali, con l approccio laboratoriale e pragmatico alle conoscenze nelle varie discipline anche attraverso l uso di strumentazioni e metodiche multimediali preparazione solida, di ampio respiro, flessibile, non condizionante o preclusiva ai fini di un proficuo inserimento in qualsiasi percorso universitario o ambito lavorativo LE COMPETENZE AREA LINGUISTICO -LETTERARIA Saper contestualizzare storicamente e letterariamente il testo e il documento, riconoscendone la collocazione all interno di un epoca, un genere, un movimento, un codice Saper individuare le caratteristiche stilistiche dei testi e dei documenti Riconoscere ed applicare paradigmi interpretativi metatemporali Individuare gli elementi di continuità e di alterità nelle forme letterarie Impostare relazioni intertestuali Impostare problematiche di natura estetica Saper individuare il rapporto tra il fatto letterario e la sua interpretazione Saper individuare una tesi, ricostruire e costruire un argomentazione Saper produrre saggi, temi, trattazioni sintetiche, analisi testuali Saper comunicare in lingua e interagire culturalmente mediante la padronanza di più lingue e la conoscenza di più culture Saper trasferire un testo in altro codice AREA SCIENTIFICA Possedere un linguaggio specifico ed utilizzarlo per descrivere e definire Acquisire un metodo scientifico, inteso come capacità di individuare i nodi di un problema, di proporre strategie di soluzione e di verificarne la validità Saper riconoscere analogie in situazioni diverse ed individuarne le strategie interpretative, mediante una rielaborazione personale dei contenuti appresi Saper distinguere tra fatti, ipotesi e teorie scientifiche Comprendere il valore non definitivo e d assoluto di una teoria Riflettere criticamente sulle attività umane e sul loro impatto ambientale, sul rapporto scienza- società Essere in grado di collocare storicamente l evolversi delle diverse teorie scientifiche anche in relazione all incidenza sulla dimensione socio- culturale e sullo sviluppo tecnologico Orientarsi nell ambito del pensiero astratto e possedere abilità di ragionamento induttivo e deduttivo AREA STORICO- FILOSOFICA Saper contestualizzare nel tempo e nello spazio fatti ed eventi Saper comprendere e d interpretare l attualità Saper leggere, ascoltare, decodificare, analizzare,comprendere, produrre testi e documenti Saper riconoscere le condizioni istituzionali, socio- economiche e culturali che sono alla base del documento Saper riflettere in termini razionali sui problemi della realtà e dell esperienza Saper esercitare una riflessione critica sulle diverse forme del sapere, sulle loro condizioni di possibilità e sul loro senso Saper problematizzare Saper impostare un ragionamento sulla base della sintesi, dell analisi e dell astrazione Saper confrontare modelli cosmologici, visioni del mondo, concezioni politiche, modelli scientifici Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 8

9 9 1.6 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE GENERALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE METODI Il Consiglio di Classe, nella programmazione annuale, ha definito alcune scelte comuni per la programmazione metodologico-didattica delle singole discipline: Scansione storico cronologica della disciplina Attività di orientamento scolastico Alcuni percorsi tematici e/o pluridisciplinari tra le discipline più affini. Ciascun docente, nel rispetto delle linee generali del POF, ha articolato il suo insegnamento in rapporto ai livelli di partenza, alle potenzialità, alle attitudini della classe ed agli obiettivi prefissati. Sono state messe in atto le seguenti strategie di insegnamento apprendimento: - lezione frontale - lezione stimolo - lezione di approfondimento - lezione di laboratorio - lavoro di gruppo - uso di mezzi audiovisivi e multimediali - simulazioni STRUMENTI E SPAZI - libri di testo, quotidiani, riviste, pubblicazioni di vario tipo - laboratorio linguistico, LIM - laboratorio di informatica - biblioteca - lavagna luminosa - osservatorio - palestra, piscina e campi all aperto - aula di disegno TEMPI I tempi, stabiliti in base ad una scansione razionale e rigorosa, sono stati utilizzati anche in modo flessibile quando le circostanze lo hanno permesso. VERIFICHE A livello di Collegio Docenti sono state concordate le seguenti tipologie di verifica: Prove non strutturate: (prove con risposte relativamente aperte). Problemi, questionari, relazioni, esercitazioni pratiche guidate. Sono da utilizzarsi per la verifica delle abilità di analisi, sintesi e in generale nell applicazione di conoscenze. Prove strutturate: test oggettivi. Risultano particolarmente efficaci nella verifica degli obiettivi di conoscenza e comprensione garantendo massima oggettività e coerenza con gli obiettivi. Prove di esposizione orale: Questi strumenti si dimostrano validi per la verifica dell abilità di comunicazione orale e della capacità di analisi:colloqui su argomenti delle singole discipline, dibattiti, interventi Prove di produzione : Prove di scrittura, prove grafiche, prove pratiche, prove ginniche. Prove semi-strutturate: GRIGLIE DI VALUTAZIONE (Vedasi allegato). Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 9

10 10 RECUPERO SOSTEGNO INTEGRAZIONE Il Consiglio di Classe ha individuato i seguenti interventi: Recupero in itinere Approfondimenti per le aree: umanistico letteraria, scientifica, storico- filosofica 1.7 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DELLE PROVE D ESAME Sono state effettuate, nel corso dell anno scolastico delle simulazioni delle prove di esame: N 1 prima prova (allegato 1) N 1 seconda prova Inglese ( allegato 2) N 1 seconda prova Francese (allegato 2) N 3 terze prove (allegato 3) TIPOLOGIA ESERCITAZIONI DI TERZA PROVA SVOLTE DURANTE L ANNO DATA TIPOLOGIA MATERIE COINVOLTE 18 dicembre 2013 B Quesiti a risposta singola Filosofia, Inglese, Tedesco, Storia dell Arte con argomento pluridisciplinare 19 marzo 2014 B Quesiti a risposta singola Storia, Francese, Tedesco, Matematica 03 maggio 2014 B Quesiti a risposta singola Filosofia, Francese/Inglese, Tedesco, Matematica Durante l anno scolastico, per le singole discipline,sono state svolte trattazioni sintetiche di argomento e quesiti a risposta multipla.. Le discipline oggetto dell ultima terza prova sono state quelle in cui gli alunni hanno conseguito i risultati migliori. Il Consiglio di classe, con riferimento alle tipologie previste dalla normativa sull Esame di Stato, consiglia di indirizzare gli alunni sulla trattazione della : TIPOLOGIA : B N 12 QUESITI A RISPOSTA SINGOLA N 4 DISCIPLINE Per la valutazione adottata per le singole discipline, si veda l allegata griglia di misurazione approvata dal Collegio Docenti Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 10

11 SCHEDA INFORMATIVA ANALITICA DISCIPLINARE Docente EULA PICA Disciplina RELIGIONE ore previste:33 ; ore svolte: 23 (al 15/5) Obiettivi disciplinari raggiunti Capacità di porre attenzione alle problematiche etiche del momento, producendo risposte congrue anche in relazione alla evoluzione della società. Capacità di realizzarsi come soggetto libero e responsabile nel pensiero e nelle scelte di vita. Passare gradualmente dal piano della conoscenza a quello della consapevolezza e dell approfondimento dei principi e dei valori del Cattolicesimo in ordine alla loro incidenza sulla cultura e sulla vita individuale e sociale. Conoscere, comprendere e rispettare le diverse posizioni che le persone assumono in materia etica e religiosa. Tipi di verifica Colloqui Interventi durante le discussioni Lavori scritti singoli e di gruppo. Strumenti Libro di testo Fotocopie Audiovisivi Documenti del Magistero Bibbia. Metodi Lezione frontale Dibattiti Lavori di gruppo Cineforum su film e documentari riguardanti argomenti in programmazione. Criteri di valutazione Argomenti/contenuti (SINTETICI)* Partecipazione, interesse, capacità di riferimento corretto alle fonti, conoscenza e analisi critica dei contenuti, capacità di riconoscere ed apprezzare i valori religiosi e uso appropriato del linguaggio specifico. 1) Il problema etico e l agire morale - i tratti peculiari della morale cristiana in relazione alle problematiche emergenti. - valori religiosi e valori laici: la società secolarizzata. 2) Il valore della vita e la dignità della persona umana -la posizione della Chiesa e l ambiguità della situazione odierna. -problemi di bioetica: la fecondazione assistita e le nuove sfide della scienza. La paternità e la maternità responsabili. 3) La vita umana e il suo rispetto: L aborto, la pena di morte, l eutanasia. 4) La Chiesa dal Concilio Vaticano I al Concilio Vaticano II. Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 11

12 12 Docente DI PAOLANTONIO SIMONETTA Disciplina ITALIANO ore previste:132; ore svolte: 92 (al 15/5) Obiettivi disciplinari mediamente raggiunti Conoscenza di testi, autori, correnti, epoche culturali del secondo 800 e del 900. Conoscenza delle principali evoluzioni di genere. Conoscenza ed utilizzo di paradigmi e strumenti funzionali all interpretazione del testo letterario. Conoscenza ed utilizzo del lessico disciplinare. Conoscenza ed utilizzo delle modalità di strutturazione e scrittura del saggio breve, dell articolo di giornale, del tema, dell analisi testuale. Elaborazione formalmente corretta e linguisticamente pertinente sia nella produzione scritta che in quella orale. Capacità di analizzare le diverse tipologie testuali nei diversi livelli. Capacità di individuare i concetti chiave. Capacità di individuare e ricostruire una tesi. Capacità di tematizzare ed argomentare. Capacità di individuare il rapporto tra il fatto letterario e la sua interpretazione. Capacità di operare collegamenti intertestuali ed extratestuali. Capacità di impostare problematiche di natura estetica. Capacità di utilizzare le conoscenze acquisite nelle argomentazioni e nelle valutazioni personali Tipi di verifica Strumenti Metodi Criteri di valutazione Argomenti/contenuti (SINTETICI)* Analisi del testo, tema, saggio breve, articolo di giornale, trattazione sintetica, colloquio orale, interventi, relazioni, esposizione di approfondimenti individuali. Libro di testo, quotidiani, settimanali, schede critiche, internet, testi d autore,, saggi. Lezione frontale, lezione stimolo, dibattiti, lezione di approfondimento, lavoro su compito Grado di interiorizzazione e strutturazione delle conoscenze, progressione rispetto ai livelli di partenza, continuità e profondità di applicazione, apporti personali al dialogo educativo. Naturalismo e verismo. Verga e la rappresentazione del mondo popolare. Il simbolismo.il rinnovamento del linguaggio poetico in Pascoli e d Annunzio. Le metafore ossessive nella poesia pascoliana. Estetismo e superomismo nei romanzi di D Annunzio. Il rinnovamento del genere romanzo in Svevo e Pirandello. Emarginazione e pazzia nei romanzi e nelle novelle pirandelliani.il rinnovamento del teatro borghese: l umorismo pirandelliano. Il personaggio dell inetto nella trilogia sveviana. Le avanguardie:il futurismo,l ermetismo, Quasimodo La guerra come mito e come esperienza di vita. La poesia di guerra di Ungaretti. L identità della poesia attraversa la storia: Montale. Il secondo dopoguerra e la responsabilità della memoria. Il neorealismo. Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 12

13 13 Docente DI PAOLANTONIO SIMONETTA Disciplina LATINO ore previste: 66; ore svolte: 45 (al 15/5) Obiettivi disciplinari mediamente raggiunti Tipi di verifica Strumenti Metodi Criteri di valutazione Argomenti/contenuti (SINTETICI)* Conoscenza di testi, autori, generi, snodi culturali, problematiche sociologiche ed antropologiche rilevanti della letteratura dall età di Tiberio all età degli Antonini. Capacità di contestualizzare ed analizzare il testo, individuando nuclei e concetti legati al genere, all epoca, all autore. Capacità di rispondere a questionari. Capacità di elaborare trattazioni sintetiche. Capacità di riconoscere ed applicare paradigmi interpretativi di ordine metatemporale. Capacità di istituire relazioni tra passato e presente in ordine a concetti, tematiche, soluzioni formali. Capacità di utilizzare le conoscenze acquisite nelle argomentazioni e nelle valutazioni personali. Trattazioni sintetiche, questionari a risposta aperta,colloquio orale, interventi, relazioni, esposizione di approfondimenti individuali. Libro di testo, testi d autore con traduzione italiana, schede critiche, schede di analisi testuale,saggi, internet Lezione frontale, lezione stimolo, dibattiti, lezione di approfondimento, lavoro su compito. Grado di interiorizzazione e strutturazione delle conoscenze, progressione rispetto ai livelli di partenza, continuità e profondità di applicazione, apporti personali al dialogo educativo Disagio e protesta sociale: la favola di Fedro come momento di denuncia, il realismo distaccato di Petronio, la protesta sociale nella satira di Giovenale, la rappresentazione comica della realtà nell epigramma di Marziale. La figura sociale del cliens. Il Satyricon e la questione del realismo.. La figura sociale del liberto. Seneca: la lotta contro le passioni e il perfezionamento di sé, il valore del tempo,il principe e la clemenza, la questione della schiavitù (tematico). I Intellettuale e potere:percorso. La storiografia di Tacito. Apuleio: i livelli di lettura dell Asino d oro. Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 13

14 14 Docente TITTARELLI KATIA disciplina STORIA ore previste 99 ore svolte (al 15/5) 82. Competenze acquisite Conoscere i nodi essenziali dei principali avvenimenti, processi e movimenti storici del esaminati; saper fornire spiegazioni dei problemi storici relativi alle ricostruzioni dei fatti studiati e saperli rielaborare autonomamente; saperli contestualizzare nel tempo e nello spazio. Individuare la complementarità tra storia e storiografia. Saper riconoscere le condizioni istituzionali, socio-economiche e culturali che sono alla base di ogni avvenimento storico, comprenderlo ed interpretarlo, attualizzandolo dove possibile. Saper riflettere in termini razionali sui problemi della realtà e dell esperienza, per la formazione di una coscienza storica, civile ed umana che sappia trarre esempio e forza dal passato, per poter poi riflettere e comprendere il futuro. Tipi di verifica Verifiche orali, verifiche con domande a risposta aperta, saggio storico, simulazione terza prova d esame. Strumenti Manuale, lettura dei documenti, supporti storiografici, visione di documentari inerenti ai temi trattati. Metodologia specifica di lavoro Lezione frontale, lezione interattiva, lezione stimolo con discussione e dibattito, lezione di approfondimento. Criteri di valutazione Vedere le griglie di valutazione in allegato. Argomenti/contenuti (SINTETICI)* L Italia Giolittiana: la crisi di fine secolo, la svolta liberale e le riforme, la politica economica e la politica estera, il nazionalismo e la guerra di Libia; l età dell Imperialismo. I prodromi della prima guerra mondiale: le relazioni internazionali alla vigilia del conflitto;la quarta guerra d'indipendenza. La Grande Guerra:dall attentato di Sarajevo alla guerra europea. La Rivoluzione russa:da Lenin a Stalin. I trattati di pace: il trattato di Versailles e la nuova carta d Europa. La crisi de '29. Cultura,politica e società negli anni 30. L età dei totalitarismi e l eclissi della democrazia. Dalla Repubblica di Weimar all avvento del nazismo; il consolidamento del potere di Hitler e ll terzo Reich; l Italia fascista. La guerra civile in Spagna. I rapporti internazionali alla vigilia della seconda guerra mondiale; cause, sviluppi ed esiti del conflitto. Nuovo ordine mondiale e soluzione finale. La Resistenza in Italia e in Europa. Risorgimento e Resistenza. Il mondo diviso in blocchi contrapposti. Il Patto Atlantico e il Patto di Varsavia. Dall'Italia repubblicana al miracolo economico. Gli anni del centrismo ; dal '68 agli anni di piombo. Ed. alla Cittadinanza: parola chiave: L'europeismo Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 14

15 15 Docente TITTARELLI KATIA disciplina FILOSOFIA ore previste 99 ore svolte 84 (al 15/5) Competenze acquisite Conoscenza del pensiero dei principali filosofi dell 800 e del 900 e delle ragioni tematiche che percorrono i due secoli: la bellezza, il mondo, la scienza, i problemi relativi all esistenza. Messa in evidenza delle idee centrali e delle strategie argomentative dei vari pensatori, identificazione del tema e dei loro punti di vista, problematizzazione. Capacità di argomentare le proprie opinioni e di pensare in modo autonomo. Partendo dal presupposto che la filosofia è essenzialmente dialogo e riflessione, gli obiettivi raggiunti dagli alunni sono i seguenti: l abitudine alla ricerca ed alla riflessione, il saper riflettere in termini razionali sui problemi della realtà e dell esperienza esercitando un pensiero critico sulle diverse forme del sapere, sulle loro condizioni di possibilità e sul loro senso. Tipi di verifica Verifiche orali, verifiche con domande a risposta aperta, questionari; simulazione di terza prova Strumenti Manuale, testi tratti dagli autori presi in esame, lettura di quotidiani, colloqui su argomenti pluridisciplinari. Sussidi multimediali (DVD: il caffè filosofico: La filosofia raccontata dai filosofi; Metodologia specifica di lavoro Lezione frontale, lezione stimolo aperta al dialogo ed alla discussione, riflessioni e confronti in classe. Criteri di valutazione Vedere le griglie di valutazione in allegato. Argomenti/contenuti (SINTETICI)* Le ragioni tematiche della filosofia sono: la bellezza, il mondo, la scienza, l esistenza e si attengono, in linea generale,alla suddivisione storica. L Ottocento per il primo quadrimestre, alcuni nuclei problematici del Novecento per il secondo. Il programma ha previsto la focalizzazione sui seguenti temi: il passaggio dal criticismo Kantiano all'idealismo etico,estetico e logico; la dialettica hegeliana; la filosofia come sistematizzazione del sapere; il metodo nel Positivismo; la nascita della sociologia. La polemica contro l Idealismo: Il pensiero di Schopenhauer e di Kierkegaard. I maestri del sospetto : Marx e la Sinistra hegeliana; il concetto di alienazione in Hegel, Feuerbach e Marx; la lotta di classe, la concezione della religione, il materialismo storico; il socialismo utopistico e il socialismo scientifico. Nietzsche, la nascita della tragedia e la dicotomia tra spirito apollineo e spirito dionisiaco, la morale, i termini concettuali di morte di Dio e Übermensch, il concetto di tempo. Freud e la nascita della Psicoanalisi: la scoperta dell inconscio, rivoluzione copernicana del Novecento. I capisaldi dell'esistenzialismo. L'Esistenzialismo francese. L'Umanismo di J.P. Sartre. Sartre e Camus. Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 15

16 16 Docente ROSSANA MATERAZZI Disciplina FRANCESE ore previste: 132; ore svolte: 94 (al 15/5) Obiettivi disciplinari mediamente raggiunti Ampliamento della competenza comunicativa su argomenti vari Acquisizione di conoscenze sull opera degli scrittori più rappresentativi delle principali correnti letterarie del XIX e XX secolo Comprensione ed interpretazione di testi letterari e collocazione degli stessi nel contesto storico-culturale in un ottica comparativa con analoghe esperienze di lettura su testi italiani e delle altre letterature Esposizione delle conoscenze acquisite in maniera organica e con sufficiente competenza critica Tipi di verifica Strumenti Metodi Criteri di valutazione Colloquio orale Analisi testuale temi Quesiti a risposta aperta Libro di testo Fotocopie da altri testi Films, quali Madame Bovary, Notre-Dame de Paris, Les Misérables Lezione frontale Lezione stimolo Lezione di approfondimento Vedi griglia allegata Argomenti/contenuti (SINTETICI)* Le pré-romantisme : Chateaubriand Le Romantisme : Lamartine, Vigny, Hugo Le Réalisme et le Naturalisme : Flaubert, Zola Le Parnasse et le Symbolisme : Baudelaire, Verlaine Le XX e siècle : Proust, Camus, Prévert Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 16

17 17 Docente: LAI FABIO Disciplina TEDESCO ore previste:165 ; ore svolte:130 (al 15/5) Obiettivi disciplinari mediamente raggiunti Ampliamento della competenza comunicativa su argomenti vari Comprensione ed interpretazione di testi letterari e collocazione degli stessi nel contesto storico-culturale in un ottica comparativa con analoghe esperienze di lettura su testi italiani e delle altre letterature Esposizione delle conoscenze acquisite in maniera organica e con sufficiente competenza critica Tipi di verifica Strumenti Colloquio orale Colloqui su argomenti pluridisciplinare Analisi testuale Questionari Prove semi-strutturate Quesiti a risposta singola Libro di testo Fotocopie da altri testi Laboratorio linguistico Laboratorio di informatica Videocassette di films Metodi Lezione frontale Lezione interattiva Lezione stimolo Lezione di approfondimento Uso di mezzi audiovisivi Criteri di valutazione Argomenti/contenuti (SINTETICI)* Vedi griglia allegata Il romanticismo, C. Friedrich, J.F. von Eichendorff ; Il naturalismo e G. Hauptmann; l impressionismo, il simbolismo, A. Schnitzler, R.M. Rilke e T. Mann; l espressionismo, F. Kafka, G. Heym, A. Wolfenstein, G.Trakl; la letteratura durante il Terzo Reich e E. Kastner; la letteratura del dopoguerra e H. Böll; la letteratura dopo il 1989, P. Schneider e R. Schneider. Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 17

18 18 Docente PASCUCCI MARIA LORETTA Disciplina INGLESE ore previste:132 ore svolte: 120 (al 15/5) Obiettivi disciplinari mediamente raggiunti Ampliamento competenza comunicativa Acquisizione di conoscenze sull opera di scrittori rappresentativi del periodo studiato Comprensione ed interpretazione di testi letterari e collocazione degli stessi nel contesto storico-culturale in un ottica comparativa con analoghe esperienze di lettura su testi italiani e delle altre letterature Esposizione delle conoscenze acquisite in maniera organica e con sufficiente competenza critica Tipi di verifica Colloquio orale Analisi del testo Temi Quesiti a risposta aperta Strumenti Metodi Libro di testo Fotocopie da altri testi Laboratorio linguistico Lezione frontale Lezione stimolo Lezione di approfondimento Criteri di valutazione Vedi griglia allegata Argomenti/contenuti (SINTETICI)* The Victorian Age: C. Dickens, Charlotte Bronte, O. Wilde The Modern Age: J.Joyce, TS Eliott, S. Beckett, G Orwell, J Osborne Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 18

19 19 Docente PASSONI LINDA Disciplina MATEMATICA ore previste:99 ore svolte: 83 (al 15/5) Competenze acquisite Tipi di verifica Saper classificare e determinare il dominio di una funzione algebrica. Saper operare sui limiti di una funzione algebrica ed essere in grado di risolvere semplici casi di limiti indeterminati. Saper verificare sia analiticamente che graficamente la continuità di una funzione e saper classificare gli eventuali punti di discontinuità. Comprendere il significato del rapporto incrementale ed interpretare geometricamente la derivata di una funzione; saper determinare la derivabilità di una funzione in un punto specifico del suo dominio; saper calcolare la derivata prima di una funzione in un punto generico del dominio, applicando la definizione di derivata. Saper calcolare la retta tangente al grafico di una funzione in un punto specifico del dominio. Saper rappresentare sul piano cartesiano il probabile grafico di semplici funzioni razionali attraverso: il dominio, le intersezioni con gli assi cartesiani, studio del segno, limiti agli estremi del dominio e gli asintoti. La classe ha raggiunto mediamente gli obiettivi attesi, attestandosi in generale su livelli di base, ad eccezione di alcuni alunni che hanno invece raggiunto buoni risultati. Verifiche scritte. Interrogazioni orali. Simulazione terza prova Strumenti Libro di testo. Schede con esercizi mirati per la preparazione alle verifiche scritte. Metodologia specifica di lavoro Lezione frontale. Lezione interattiva. Esercizi in classe ed esercizi per il lavoro extrascolastico. Criteri di valutazione Vedere in allegato la griglia approvata dal Dipartimento Scientifico di Istituto Argomenti/contenuti (SINTETICI)* Dominio di una funzione. Concetto intuitivo di limite: calcolo mediante tabella di valori. Limite di una funzione per x tendente ad un numero finito c. Limite di una funzione per x tendente ad infinito. Calcolo di limiti che si presentano nella forma indeterminata 0/0. Calcolo di limiti che si presentano nella forma indeterminata / mediante confronto del grado di numeratore e denominatore. Calcolo di limiti che si presentano nella forma indeterminata -. Definizione di funzione continua Classificazione dei punti di discontinuità Significato del rapporto incrementale. Definizione e significato geometrico di derivata di una funzione in un punto. Calcolo della derivata di una funzione algebrica. Studio di una semplice funzione razionale attraverso la determinazione di: dominio, intersezioni con gli assi cartesiani, studio del segno, asintoti. Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 19

20 20 Docente PERRUCCI SOFIA Disciplina SCIENZE NATURALI ore previste: 66 ore svolte: 59 (al 15/5) Obiettivi disciplinari mediamente raggiunti Reperire in modo autonomo, comprendere ed utilizzare le informazioni e e ristrutturarle in forma chiara e sintetica con un linguaggio specicio ed appropriato. Analizzare in maniera sintetica un determinati ambiente al fine di valutarne i rischi per i suoi fruitori Riconoscere e definire i principali aspetti da utilizzare per i riconoscimento della vegetazione. Sapersi orientare nella classificazione delle piante. Caratteristiche generali dell ecosistema. Riconoscere e definire i principali aspetti da utilizzare per i riconoscimento dei diversi gruppi di animali. Sapersi orientare nella loro classificazione. Riconoscere il ruolo svolto all interno dell ecosistema. Acquisizione di un buon linguaggio scientifico. Tipi di verifica colloquio orale verifiche strutturate, semi-strutturate,domande aperte Strumenti Metodologia specifica di lavoro Criteri di valutazione Argomenti/contenuti (SINTETICI)* Libro di testo Sussidi didattici. Fotocopie, riviste scientifiche. Laboratorio Lezione frontale, partecipata ed interattiva Lezione di laboratorio e di stimolo. Discussione guidata. Lezioni di approfondimento. Riferimento alla realtà quotidiana e locale. Ricerche. Vedi griglie dipartimentali. ; Livelli di organizzazione biologia. Livelli di organizzazione dell ecologia. L ecosistema. La classificazione delle piante e la fisiologia vegetale; foglia, radice e fusto. Briofite, pteridofite, spermatofite. La classificazione degli animali, invertebrati e vertebrati, Fisiologia animale. Gli insetti come rappresentanti degli invertebrati. I pesci cartilaginei ed ossei. Gli anfibi, anuri ed urodeli. I rettili, cheloni, sauri ofidi. Gli uccelli con particolare riferimento all avifauna acquatica. I mammiferi; dai monotremi ai placentati. Presidenza Tel. 075/ Segreteria Tel. 075/ Fax 075/ Istituto 20

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli