ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (L. 425/97 DPR 323/98 art. 5.2)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (L. 425/97 DPR 323/98 art. 5.2)"

Transcript

1 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE AMEDEO DI SAVOIA DUCA D AOSTA LICEO SCIENZE UMANE LICEO SCIENZE UMANE(Ec/S o c ) LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI Via del Santo, n PADOVA tel. 049/ fax 049/ PEC: C.F ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (L. 425/97 DPR 323/98 art. 5.2) Anno scolastico 2011/2012 Documento predisposto dal consiglio della classe 5G Coordinatore: Paolo Romandini Composizione del consiglio di classe DISCIPLINE DEL CURRICOLO DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1) ITALIANO Barra Vincenza 2) STORIA Barra Vincenza 2) SCIENZE SOCIALI De Maria Luisa 3) FILOSOFIA Solerti Guido 4) I LINGUA STRANIERA: INGLESE Bertelè Maria Gabriella 5) II LINGUA STRANIERA: FRANCESE Reffo Lucia 6) DIRITTO ED ECONOMIA Berra Paola 7) MATEMATICA Fanton Claudio 8) BIOLOGIA E LABORATORIO Romandini Paolo 9) EDUCAZIONE FISICA Salmaso Marina 10) INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA De Maio Adelaide Contenuto: 1. Presentazione sintetica della classe 2. Obiettivi formativi generali (conseguiti) 3. Obiettivi disciplinari 4. Argomenti approfonditi in collegamento pluridisciplinare 5. Attività extra/para/intercurricolari e di integrazione effettivamente svolte 6. Metodi e strumenti d insegnamento 7. Criteri di valutazione e strumenti di verifica 7.1 Valutazione 7.2 Strumenti di verifica 8. Terza prova 8.1 Simulazioni effettuate 8.2 Criteri di valutazione utilizzati 8.3 Osservazioni (risultati conseguiti) 9. Colloquio 9.1 Simulazioni effettuate 9.1 Criteri di valutazione utilizzati 9.2 Osservazioni (risultati conseguiti) 10. Attività di recupero programmate/realizzate

2 1. Presentazione sintetica della classe Composizione della classe e flusso degli studenti nel quinquennio La classe è composta da 20 alunni, dei quali 15 femmine e 5 maschi. La provenienza degli studenti è prevalentemente dalla provincia (16) mentre solo 4 risiedono in città. Tabella 1 classe iscritti stessa classe nuovi iscritti promossi a giugno promossi a settembre totale promossi totale non ammessi 1G 25 == G G G G 19 1 == == == == 0 Analisi della situazione generale della classe Tabella 2. Docenti che si sono succeduti nel quinquennio (tra parentesi le ore settimanali) 1G 2G 3G 4G 2007/ / / /11 MATERIA note trasferimenti in uscita 5G 2011/12 Religione Zanon (1) Zanon (1) Zanon (1) Zanon (1) De Maio (1) Italiano Barra (4) Barra (4) Barra (4) Barra (4) Barra (4) Storia (1 h compresenza Lucca (3) Barra (3) Barra (3) Barra (3) Barra (3) con Diritto) I^ Lingua (INGLESE) Rizzato (3) Parker (3) Malesani (2) Bertelè (2) Bertelè (2) straniera II^ Lingua (FRANCESE) Condè (2) Condè (2) Reffo Reffo (3) Reffo (3) straniera (Ricchiuto) (3) Linguaggi (1 h compr. con Martinelli (2) Martinelli (2) non verbali e multimediali altre materie) Diritto ed (1 h compr. con (Bellavitis) Dario (2) Berra (2) Berra (2) Berra (2) economia Scienze Sociali Storia) (1 h compres. con Filosofia nel triennio) Ferretto (2) Quartesan (5) Albertin (5) De Maria (6) De Maria (6) De Maria (6) Filosofia (1 h compres. con Solerti (3) Solerti (3) Solerti (3) Sc. Sociali) Matematica Benetti(3) Piva (3) Fanton (3) Fanton (3) Fanton (3) Informatica Benetti(1) Piva (1) Scienze della Romandini (2) Romandini (2) Terra Committenza (Musica) Zoccarato/ De Meo (2) locale Rostin (2) Committenza (Biologia e Romandini (3) Romandini (3) Romandini (3) locale laboratorio) Educazione Ruzzante (2) Salmaso (2) Salmaso (2) Salmaso (2) Salmaso (2) fisica (Bellon) (Trevisanello) - Situazione d ingresso (difficoltà manifestate, aspetti motivazionali, etc.) Il percorso piuttosto movimentato del gruppo classe, descritto nel paragrafo successivo, è molto significativo per spiegare alcune delle difficoltà incontrate, specialmente per la forte disomogeneità sia nella preparazione di base degli studenti sia per le differenti capacità e metodi di studio molto diversificati. Negli ultimi anni numerosi docenti hanno evidenziato come la classe sia composta da due gruppi fortemente distinti dal punto di vista delle capacità e dell impegno, ciascuno equivalente a circa metà classe (a seconda delle discipline, ma quasi sempre gli stessi elementi nei due gruppi): metà classe molto impegnata, motivata verso l apprendimento, collaborativa, partecipe talvolta con entusiasmo alle attività proposte; l altra

3 metà molto più scolastica, con metodo di studio inadeguato e/o impegno limitato e discontinuo a cui spesso si sommavano notevoli lacune pregresse. Nel corso della quinta tuttavia si è notato un forte miglioramento per quasi tutti gli alunni, per lo meno in termini di impegno ma spesso anche nei risultati. Questi ultimi talvolta permangono non completamente sufficienti in qualche disciplina, ma si è notato in altre materie un netto miglioramento del profitto anche nei casi più difficili. D altra parte la forte selezione nel corso degli anni ha portato avanti solo i casi per i quali si poteva confidare in un progressivo miglioramento. Tra gli studenti del gruppo più consolidato si possono notare diverse eccellenze in una o più materie. Riguardo all aspetto motivazionale, anche la poca coesione iniziale della classe (spesso dovuta ai cambiamenti di compagni, sia per ritiri, trasferimenti o bocciature sia per nuovi ingressi, vedi Tab.1) ha certamente influito in maniera negativa, ma ha portato anche a una crescita complessiva e individuale per la capacità degli alunni di adattarsi alle variazioni. Tale aspetto positivo ora, alla fine della quinta, sta emergendo in maniera fruttuosa. Un ultima considerazione riguardo ai numerosi casi di alunni con serie problematiche di salute o socio-ambientali: non casualmente la maggior parte di questi alunni si è ritirata o ha avuto percorsi discontinui o in qualche caso non è stata ammessa alla classe successiva. - Percorso formativo nel triennio (continuità gruppo classe, continuità didattica, evoluzione del processo di apprendimento, situazione finale in termini di profitto medio etc.) All inizio del percorso scolastico la classe 1G era composta da 25 alunni/e, dei quali solo 11 sono ancora presenti in quinta. All inizio della terza gli iscritti erano 23 e, di questi, 16 sono ancora presenti in quinta. In sostanza al termine della terza è stata operata la più severa selezione nel corso del quinquennio di questa classe. Il gruppo passato dalla quarta alla quinta era di 19 studenti e 1 nuova studentessa è entrata a far parte della classe in quinta. Per quanto riguarda la continuità didattica (v.tabella 2), anche il gruppo degli insegnanti della classe ha subito notevoli cambiamenti. Infatti solo 2 docenti (Italiano, Scienze) sono rimasti per tutto il quinquennio; comunque gli altri docenti, anche se hanno conosciuto la classe in anni successivi, hanno instaurato rapporti costruttivi e di stimolo verso quegli alunni che tentavano di usare la discontinuità didattica dei primi 3 anni per giustificare l impegno limitato. L attuale gruppo di docenti della quinta (a parte Religione per trasferimento ed Educazione Fisica, per motivi di salute della titolare) è lo stesso dalla quarta e (a parte Inglese) lo stesso anche della terza. 2. Obiettivi formativi generali (conseguiti) Va ricordato che la classe 5G ha seguito l indirizzo Liceo delle Scienze Sociali che ha una forte caratterizzazione per gli studi di carattere socio-antropologico, ma che prevede, oltre alle discipline comuni agli altri licei e all insegnamento caratterizzante delle Scienze Sociali, anche lo studio di 2 lingue straniere, di Diritto ed Economia e di una Committenza Locale deliberata dalla scuola (che nel biennio era Musica, che si affiancava a un altra disciplina peculiare, Linguaggi non verbali e multimediali, e nel triennio è stata Biologia e Laboratorio, quale prosecuzione delle scienze della Terra del biennio). Riguardo alle ore di compresenza si rinvia all allegato A dei singoli insegnanti. Da segnalare anche la presenza in questo indirizzo di studi dell attività di stage che gli alunni devono compiere al termine della classe quarta, presso strutture esterne alla scuola in ogni modo attinenti al piano di studi di questo liceo. La classe nel suo complesso ha saputo adattarsi a situazioni nuove e si è dimostrata disponibile e interessata al confronto tra opinioni, contesti e culture diverse. Anche la presenza di numerosi compagni con serie problematiche personali ha forgiato negli studenti la capacità di relazionarsi a situazioni complesse, inusuali e di sofferenza. Nel tempo è migliorato anche l aspetto legato ad assenze e ritardi, troppo elevati per un gruppo rilevante di alunni. Sul piano culturale buona parte della classe ha dimostrato di saper organizzare con metodo dati e informazioni, di saper inquadrare storicamente fenomeni e processi, di saper condurre analisi del testo, di saper utilizzare in modo adeguato i linguaggi specifici, di saper esporre e documentare il proprio lavoro sia in maniera autonoma sia nei lavori di gruppo e di saper lavorare con responsabilità ed efficacia nelle attività pratiche (laboratorio di scienze, attività sportive, stage, progetti e

4 attività teatrali). Permangono tuttavia singoli casi per i quali non tutte queste capacità risultano pienamente acquisite. 3. Obiettivi disciplinari - Conoscenze, competenze e capacità raggiunte nell ambito delle singole discipline Si rinvia all allegato Relazione finale del docente 4. Argomenti approfonditi in collegamento pluridisciplinare Argomento 1: Bioetica DISCIPLINA Scienze Sociali Filosofia (in compresenza) Biologia TEMATICA (Argomento) La cultura della modernità e della post-modernità. I dilemmi morali nella condizione post-moderna La nascita della bioetica Tematiche relative alla fecondazione assistita, statuto dell embrione, eutanasia Aspetti bioetici delle moderne applicazioni biotecnologiche. Argomento 2: L irrazionale DISCIPLINA Scienze Sociali Filosofia (in compresenza) TEMATICA (Argomento) Il significato della normalità I significati della normalità (Jervis). La follia e i suoi significati Salute e malattia I disturbi del comportamento e la totalità della persona Storia della psichiatria Caratteri ed evoluzione del trattamento della malattia mentale. L antipsichiatria: Basaglia e la 180. La guarigione e la terapia. Una sintesi dei principali approcci terapeutici. (contributi di: Basaglia, Jervis, Laing. Foucault, Bateson) 5. Attività extra/para/intercurricolari e di integrazione effettivamente svolte (Progetti culturali e attività di approfondimento, conferenze, mostre, attività di stage, viaggi di istruzione, attività sportive etc.) ATTIVITA' DI STAGE Alla fine del quarto anno gli studenti hanno partecipato a stage organizzati dalla scuola nel periodo giugno/luglio, per un periodo di circa 15 giorni, presso strutture pubbliche e private (Cooperative, Centri Diurni per disabili, ASL, Comune di Padova, ecc.). L'attività è stata svolta a Padova e nei paesi limitrofi. I tre alunni provenienti da altre scuole hanno svolto tale attività a cura degli istituti di riferimento. Tutti gli alunni hanno prodotto una relazione scritta sull'esperienza svolta

5 STRUTTURA TIPOLOGIA e/o SETTORE 1. Cestaro Nicola Ass. Priscilla ONG Casa Famiglia 2. Cimarelli Martina Ospedale Padova Pediatria 3. Crivellaro Greta Casa di Riposo Beggiato Anziani 4. De Togni Scuola Elementare Attività didattica Chiara 5. Giacomin Tommaso Casa Di Riposo Nazareth Anziani 6. Grassetto Eleonora 7. Lanza Benedetta Ass. Priscilla ONG Scuola Elementare A. Volta - Treviso Casa Famiglia Attività didattica 8. Lorenzetto Comune di Mestrino Servizi Sociali Martina 9. Marinato Giulia Associazione granello di Senape Carcere 10. Masia Umberto Centro Diurno La Tenda Disabili 11. Milan Valentina Casa di Riposo di Conselve Beggiato 12. Moretto Gaia Casa di Riposo di Conselve Beggiato 13. Munari Gabriel Centro Diurno Anziani a Casa Propria - Padova Anziani Anziani Anziani 14. Pitzianti Elena Università Musei Civici Eremitani 15. Rampazzo Elisabetta 16. Rampazzo Preeti Ass. Priscilla ONG Ass. Priscilla ONG Casa Famiglia Casa Famiglia 17. Rossetto Nicola Spazio Autismo Onlus - Bergamo Disabili 18. Tombolato Sara Comune di Mestrino Servizi Sociali 19. Trucchia Sara Scuola d Infanzia Maria Ausiliatrice Centri Estivi 20. Vescovo Elena Ospedale Civile Uff. Relazioni Pubblico Altre attività della classe 5 viaggio d istruzione in Francia (castelli della Loira) concorso Che ne sai di Pari Opportunità Progetto Carcere Conferenza sulla bioetica tenuta dal dottor Furlan corso integrativo chimica (facoltativo) in preparazione all ammissione all università Progetto Lettrice Madrelingua (Francese, 8 ore) Progetto Educazione alla Salute (quest anno sulla donazione degli organi) Corso di Primo Soccorso DELF B1: CERTIFICAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE in lingua francese PET B1: CERTIFICAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE in lingua inglese Mostra Palazzo Zabarella sul Simbolismo Conferenza per i 150 anni dall unità d Italia Conferenza Storia e costituzione (Fondaz. Cassa di Risparmio)

6 Teatro (Pirandello 23/11/11; P.Levi e Shoa 26/01/12) presso MPX Teatro in lingua francese: L avaro di Moliere presso MPX Teatro in lingua inglese: The Importance of Being Earnest di Oscar Wilde presso MPX 6. Metodi e strumenti d insegnamento Si rinvia alle relazioni dei singoli docenti 7. 1 Valutazione Si riportano al termine del documento le griglie di valutazione della prima prova scritta predisposte dal Dipartimento di Lettere dell'istituto ed in uso: analisi testo A articolo di giornale B saggio breve B tema storico C tema generale D della seconda prova scritta predisposta dal dipartimento di Filosofia/Padagogia/Scienze Sociali/... della terza prova scritta e del colloquio orale. 8. Terza prova Per la realizzazione della terza prova scritta d esame, il consiglio di classe si è orientato sulla tipologia b, con quesiti a risposta singola (mediamente attorno alle 10 righe) su argomenti relativi a 4 materie, con 3 domande per ciascuna materia. Il tempo massimo per le prove è stato di 3 ore effettive. 8.1 Simulazioni effettuate Tipologia 1) Trattazione sintetica di argomenti - quesiti su testo di riferimento 2) Quesiti a risposta Singola 3) Quesiti a risposta Multipla Materie coinvolte 1) Filosofia, Diritto, Inglese, Biologia 2) Matematica, Francese, Diritto, Storia nessuna N prove effettuate 1) 12 dicembre ) 26 marzo 2012 nessuna Tempi assegnati 180 minuti 180 minuti Note

7 8.2 Criteri di valutazione utilizzati Si è utilizzata la scheda di correzione/valutazione della III prova riportata sopra, eccetto per le materie che l hanno segnalato nel proprio allegato A. 8.3 Osservazioni (risultati conseguiti) Nel complesso le due simulazioni hanno dato un risultato medio (per l insieme degli alunni e delle materie) almeno sufficiente, ma nella seconda pur a fronte di una media leggermente superiore al 10, la classe è risultata nettamente insufficiente in matematica e invece molto più positiva nelle rimanenti discipline. 9. Colloquio 9.1 Simulazioni effettuate Non sono state effettuate simulazioni di colloquio. 10. Attività di recupero La scuola ha fornito diverse tipologie di attività di recupero: sportello didattico individuale, corsi di recupero nel corso dell anno, recupero in itinere a discrezione dell insegnante, con sospensione dello svolgimento del programma per rinforzare con tutta la classe determinati argomenti o competenze. In ciascun allegato disciplinare si riportano le specifiche attività adottate. Il Consiglio di classe DISCIPLINE DEL CURRICOLO 1) ITALIANO 2) STORIA 2) SCIENZE SOCIALI 3) FILOSOFIA 4) I LINGUA STRANIERA: INGLESE 5) II LINGUA STRANIERA: FRANCESE 6) DIRITTO ED ECONOMIA 7) MATEMATICA 8) BIOLOGIA E LABORATORIO 9) EDUCAZIONE FISICA 10) INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA Firme docenti Il dirigente scolastico Alberto Danieli

8 Liceo Delle Scienze Umane Amedeo di Savoia Duca D Aosta Padova Simulazione di Terza Prova Esami di Stato Data 12/12 /2011 QUESITI DI DIRITTO Classe V G Nome: Il candidato spieghi l espressione senza vincolo di mandato contenuta nell art.67 Cost. e indichi la sua origine storica. ( max.10 righe) Il candidato descriva le prerogative conferite dalla Costituzione a ciascun membro delle camere ( max.10 righe) Il bicameralismo nel nostro ordinamento. (max.10 righe)

9 Liceo scienze sociali D.D Aosta PADOVA - anno scolastico 2011/12 classe 5^G SIMULAZIONE DI III PROVA SCRITTA DEGLI ESAMI DI STATO QUESITI DI BIOLOGIA TIPOLOGIA (B): QUESITI A RISPOSTA SINGOLA data.. Nome e cognome 1) Dopo aver descritto in quale fase della sintesi proteica svolge un ruolo fondamentale il codice genetico, spiega cosa si intende quando si definisce universale tale codice. [10 righe] 2) Riferendoti al meccanismo dello splicing spiega che cosa sono gli introni e gli esoni. [10 righe] 3) Spiega in cosa consistevano, e cosa hanno dimostrato da un punto di vista biologico generale, gli esperimenti di Gurdon degli anni 60? [10 righe] VOTO (in decimi) (valido per la valutazione trimestrale) PUNTEGGIO TOTALE DELLA PROVA DI BIOLOGIA (in 15.esimi) /15 (valido ai soli fini della simulazione) Punteggio riportato per ciascun quesito: 1) /15 ( ) 2) /15 ( ) 3) /15 ( ) criteri di valutazione: conoscenza dei contenuti 1-9 chiarezza espositiva, correttezza linguaggio scientifico 0-3 coerenza logica con la domanda, grado di approfondimento 0-3

10 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE AMEDEO DI SAVOIA DUCA D AOSTA LICEO SCIENZE UMANE LICEO SCIENZE UMANE(Ec/S o c ) LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI Via del Santo, n PADOVA tel. 049/ fax 049/ PEC: C.F Simulazione Terza Prova CLASSE Padova, NOME : QUESITI DI DIRITTO Il candidato riassuma le regole che disciplinano il governo per quanto riguarda la sua formazione, la sua struttura e il suo funzionamento. (max. 10 righe) Qual è la funzione della controfirma sugli atti adottati dal Presidente della Repubblica? (max.10 righe)

11 Il candidato descriva il giudizio in via incidentale della Corte Costituzionale (max.10 righe) E consentito l utilizzo della Costituzione Italiana o del Codice civile

12 NOM: DATE: PRENOM: CLASSE: N : QUESTIONS DE COURS 1) Présente Victor Hugo en mettant en lumière son importance d homme des lettres et son importance d homme politique. 2) Fais un court résumé du texte «J ai un amant» analysé en classe. En faisant référence à ce texte-là explique comment est la description chez Flaubert et quelle est l importance de la technique narrative de l impersonnalité. 3) Quels sont les savants que Zola a lus et dont il partage les idées? Qu est-ce qu il veut faire en appliquant leurs principes dans ses romans?

13 E consentito l uso del vocabolario monolingue e bilingue

14 Matematica Nome: Cognome: 1) Dopo aver definito i punti stazionari analizza se la funzione possiede punti di massimo o di minimo relativo e in caso affermativo determina tali punti. 2) Dopo aver spiegato il significato geometrico della derivata, determina la tangente inflessionale della funzione y x 3 3x 2 2x 1 3) Applica il teorema di Lagrange (o Rolle) alla funzione nei seguenti intervalli: [1;3] e [2;3]

15 IMS DUCA D AOSTA LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI Simulazione della Terza prova per l esame di stato Filosofia Classe V G A.SC. 2011/2012 ALUNN.. quesiti tipologia B (max 10 righe ) 1. Illustra i caratteri principali del romanticismo 2. Illustra le tesi di fondo del sistema hegeliano. 3. Distingui il significato e l uso dei concetti di Intelletto e ragione in Kant e Hegel.

16 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE AMEDEO DI SAVOIA DUCA D AOSTA PADOVA SIMULAZIONE TERZA PROVA D ESAME MATERIA: STORIA Padova, 26 marzo 2012 Prof. Vincenza BARRA Alunno: Nome e Cognome Classe V^ G 1. Italia divisa: interventisti e neutralisti. 2. La Terza Internazionale La nascita della Guerra fredda e sue conseguenze.

17 SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA MATERIA: INGLESE (Tipologia B) CLASSE VG 12 dicembre 2011 CANDIDATO/A: 1) Briefly describe the process of poetic creation according to Wordsworth. (max. 10 righe) 2) What was nature for Wordsworth and Coleridge? 3. Trace similarities and differences between The Rime and the medieval ballads. N.B. È consentito l uso del dizionario monolingue e/o bilingue.

18 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE AMEDEO DI SAVOIA DUCA D AOSTA LICEO SCIENZE UMANE LICEO SCIENZE UMANE(Ec/S o c ) LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI Via del Santo, n PADOVA tel. 049/ fax 049/ PEC: C.F ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (L. 425/97 DPR 323/98 art. 5.2) RELAZIONE DEL DOCENTE, parte integrante del documento del 15 maggio Prof. Vincenza BARRA, A. S Materia ITALIANO Classe V^ G Libri di testo: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria: LA LETTERATURA Ed. Paravia Volume 4 L età napoleonica e il Romanticismo, Volume 5 La Scapigliatura, il Verismo e il Decadentismo ; Volume 6 Il primo Novecento e il periodo tra le due guerre ; Volume 7 Dal dopoguerra ai giorni nostri. Altri sussidi DVD; Power Point; Letture di pagine di critica letteraria estrapolate da altri testi; 1. Contenuti delle lezioni svolte durante l anno scolastico o delle unità didattiche o dei moduli preparati per l esame o dei percorsi formativi e di eventuali approfondimenti. (Eventuali argomenti non trattati saranno menzionati nel verbale da allegare agli atti della commissione d esame). Contenuto lezioni Periodo -Volume 4: dal 12 sett al 14 mag Giacomo Leopardi: La vita, pag 510 Il pensiero, pag 515 La poetica del vago e indefinito, pag 517 Opere: a) dai Canti Infinito, pag 538 A Silvia, pag 555 Alla Luna (testo in fotocopia) Canto notturno di un pastore errante dell Asia, pag 574 Amore e Morte, pag 582

19 A se stesso, pag 582 La ginestra o il fiore del deserto pag 591 b) dalle Operette morali Dialogo della Natura e di un Islandese, pag 611 Dialogo tra Plotino e Porfirio (testo in fotocopia) Il venditore di Almanacchi (testo in fotocopia) -Volume 5: 1) L età Postunitaria Lo scenario: storia, società, cultura, idee - Le strutture politiche economiche sociali, Le ideologie, pag 8 Le istituzioni culturali, pag 11 Gli intellettuali, pag 13 La lingua, pag 15 La contestazione ideologica e stilistica degli scapigliati, pag 26 Igino Ugo Tarchetti, pag 44 Fosca - L attrazione della morte, capp. XV, XXXII, XXXIII, pag 45 Il romanzo dal Naturalismo francese al Verismo italiano, pag 60 Charles Dickens Tempi difficili - La città industriale, cap. V pag 102 Fiodor Dostoievskij Delitto e castigo - I labirinti della coscienza: la confessione di Raskolnikov, cap. IV pag 109 La condizione femminile nell età borghese, pag 124 Gustave Flaubert Madame Bovary - Il grigiore della provincia e il sogno della metropoli, cap. IX pag 126 Giuseppe Giocosa Tristi amori - La trasgressione e il rientro nella norma, atto III, scene VI-ultima pag 133 Henrik Ibsen Una casa di bambola - La presa di coscienza di una donna, atto III pag 137 Sibilla Aleramo Una donna - Il rifiuto del ruolo tradizionale, capp. XII, XIII pag 144. Giosuè Carducci: La vita, pag 150 L evoluzione ideologica e letteraria, pag 151 La prima fase della produzione carducciana: Juvenilia, Levia gravia, Giambi ed Epodi, pag 154 Rime nuove, pag San Martino, pag Pianto Antico (testo in fotocopia) Odi Barbare - Alla stazione in una mattina d autunno, pag Nevicata, pag 178 Giovanni Verga: La vita, pag 190 I romanzi preveristi, pag 193 La svolta verista, pag 195 Poetica e tecnica narrativa del Verga verista, pag 196

20 L ideologia verghiana, pag 205 Il verismo di Verga e il naturalismo zoliano, pag 207 Opere: L amante di Gramigna Prefazione - Sanità rusticana e malattia cittadina, pag Impersonalità e regressione, pag 199 Vita dei campi - Rosso Malpelo, pag La Lupa, pag 229 I Malavoglia -Prefazione, I vinti e la fiumana del progresso,pag 223 Nedda -Approfondimento (testo in fotocopia) 2) Il Decadentismo Lo scenario: cultura, idee Premessa, pag 312 La visione del mondo decadente, pag 313 La poetica del decadentismo, pag 315 Temi e miti della letteratura decadente, pag 318 Decadentismo e Romanticismo pag 322 Decadentismo e Naturalismo pag 326 Decadentismo e Novecento pag 328 Charles Baudelaire: La vita, pag 334 Incontro con l opera I fiori del male, pag 336 I fiori del male : - Spleen pag 347 Paul Verlaine Un tempo e poco fa Arte poetica, pag 372 Antonio Fogazzaro pag 412 Malombra: - L Orrido, parte II, cap. VI pag 413 Gabriele D Annunzio: La vita, pag 426 L estetismo e la sua crisi, pag 431 I romanzi del superuomo, pag 442 Alcyone: - La pioggia nel pineto pag Il vento scrive, pag I pastori, pag 489 Giovanni Pascoli: La vita, pag 510 La visione del mondo, pag 515 La poetica, pag 516 Il fanciullino: - Una poetica decadente, pag 518 Myricae - Arano pag X Agosto pag Novembre pag L assiuolo pag Lavandare (testo in fotocopia) Canti di Castelvecchio - Il gelsomino notturno, pag 587 -Volume 6: 1) Il Primo Novecento Lo scenario: storia, società, cultura, idee La situazione storica e sociale in Italia pag 4 L ideologia pag 5

21 Le istituzioni culturali pag 9 La stagione delle avanguardie: I futuristi pag 19 Filippo Tommaso Marinetti pag 23 Manifesto del Futurismo pag 24 La lirica del primo Novecento in Italia : I crepuscolari - Guido Gozzano pag 70 Colloqui - La signorina Felicita ovvero la felicità pag 72 I vociani pag 100 Camillo Sbarbaro Pianissimo:- Taci, anima stanca di godere, pag 101 Italo Svevo La vita pag 118 La cultura di Svevo pag 124 La poetica - Approfondimento in fotocopie Luigi Pirandello La vita pag 226 La visione del mondo pag 231 La poetica pag Approfondimento in fotocopie Novelle per un anno - Ciàula scopre la luna, pag Il treno ha fischiato, pag 256 Franz Kafka La vita pag 436 Il pensiero e la poetica pag 438 La metamorfosi pag 442 L ermetismo pag 522 Salvatore Quasimodo pag 525 Acque e terre - Ed è subito sera pag Alle fronde dei salici pag Vento e Tindari pag 527 Umberto Saba: La vita e la poetica pag 542 Canzoniere: - La capra pag Trieste pag Città vecchia pag Ulisse pag 570 Giuseppe Ungaretti La vita e la poetica pag 590 L allegria - Incontro con l opera: pag Veglia pag San Martino del Carso, pag Mattina, pag Soldati pag Natale pag 616 Eugenio Montale La vita e la poetica pag Approfondimento in fotocopie

22 Ossi di seppia - Incontro con l opera pag I limoni pag Non chiederci la parola pag Meriggiare pallido e assorto pag Spesso il male di vivere ho incontrato pag 657 Le occasioni - Non recidere, forbice, quel volto, pag La casa dei doganieri, pag 679 -Volume 7: La grande narrativa straniera pag 46 George Orwell 1984 Spersonalizzazione e dominio nella società totalitaria del futuro pag 66 L inquietudine giovanile Pier Vittorio Tondelli Altri Libertini - Autobhan pag 390 Andrea De Carlo Due di Due, Prima parte, cap. 7 - La rivolta studentesca: entusiasmi e delusioni pag 397 Aldo Busi Seminario sulla Gioventù - La Gioventù inquieta come specchio nobile pag 404 Enrico Brizzi Jack Frusciante è uscito dal gruppo - Ribellione giovanile e sublimazione sentimentale pag 408 Pier Paolo Pasolini La vita pag 566 Le prime fasi poetiche (approfondimenti in fotocopia) pag 568 Una vita violenta: - Degradazione e innocenza del popolo pag 173 Officina - La libertà stilistica pag 568 Le ceneri di Gramsci - Le ceneri di Gramsci pag 572 Letteratura e cinema : Pier Paolo Pasolini e il cinema : visione dei film Mamma Roma e Accattone Libri letti durante l anno scolastico: La coscienza di Zeno Italo Svevo La Luna e i falò Cesare Pavese I fiori del male Charles Baudelaire Quer pasticciaccio brutto de Via Merulana Carlo Emilio Gadda La saggezza della vita Arthur Schopenhauer Dante Alighieri - Divina Commedia - Paradiso (ed. a scelta) - Canti: I III VI VIII XI XII XV XVII XXX XXXIII, I canti sono stati letti integralmente con parafrasi e commento. Progetto biennale: In canti Danteschi : incontri, conferenze, convegni a Venezia, Padova organizzati dal M.I.U.R Veneto e dalla Società Dante Alighieri di Padova. Ore effettivamente svolte dal docente nell intero a.s. 122

23 2) Obiettivi conseguiti In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di: 2.1 Conoscenze: Gli obiettivi che erano stati fissati all inizio dell a.s. in termini di conoscenze sono stati pienamente raggiunti e, per alcuni, in modo certo e lodevole. Gli alunni hanno acquisito più che soddisfacenti conoscenze dei contenuti della disciplina: hanno perfezionato il metodo di studio curando i processi di applicazione, di analisi, di critica, di sintesi, di valutazione, di confronto. Hanno imparato ad individuare e ad analizzare in modo autonomo la struttura, il genere, le funzioni, il pensiero e l opera di ogni autore e le figure retorico-stilistiche. Hanno sviluppato con sicurezza il senso critico e la propria opinione personale. Leggono in modo attento un enunciato, sanno esaminare il senso dell argomento de quo. 2.2 Competenze/ abilità Gli alunni, in generale, hanno acquisito soddisfacenti a) competenze linguistico espositive, lessicali:sanno usare correttamente i linguaggi specifici e sanno esporre in modo efficace e coerente con la situazione comunicativa, applicative: sanno applicare quanto appreso per risolvere problemi,eseguire compiti e creare testi nel rispetto delle consegne, b) abilità logiche: sanno analizzare, sintetizzare, collegare, testi sia scritti che orali costruendo discorsi pertinenti ed articolati che seguono un ordine logico critico; elaborative: sanno rielaborare e valutare testi diversificati, evidenziando capacità critiche. Alcuni alunni posseggono ottime competenze e sanno orientarsi in maniera lodevole anche in ambiti pluridisciplinari. 3. Metodologie (lezione frontale, gruppi di lavoro, attività di recupero etc.) Azione espositiva da parte del docente per comunicare concetti informazioni, date, nozioni, commenti, senso critico, oppure per riassumere contenuti sviluppati in precedenza; Esercitazioni secondo le tipologie (A,B,C,D,) previste dall Esame di Stato su: analisi di testi poetici, narrativi, argomentativi, non letterari, articoli di giornale, saggi brevi svolti dagli stessi studenti e produzione di temi argomentativi, espositivi, storici, di attualità Lettura parafrasi e commento di tutti i testi poetici affrontati nel Programma; Esercizi di consolidamento sulle principali figure metriche, retorico - stilistiche, semantiche; Relazioni scritte e orali dei singoli allievi soprattutto su tematiche dantesche relativamente al Progetto In canti danteschi ; Attività di recupero - potenziamento (10 ore). 4. Condizioni e tipologie di prove di verifica utilizzate per la valutazione Specificare (prove scritte, verifiche orali, prove scritte integrative delle prove orali, test oggettivi,prove grafiche, prove di laboratorio ) Nell ambito del Trimestre sono stati effettuati due compiti in classe e due interrogazioni orali;

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015)

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) Si ricorda che le attività di orientamento predisposte per l'anno scolastico 2014/2015 sono state

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli