dell'asf di Trapani a c u r a d i U f f i c i o S t a m p a T e l F a x c e l l u l a r e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dell'asf di Trapani a c u r a d i U f f i c i o S t a m p a T e l. 0923.805274- F a x 0923.805217 c e l l u l a r e 335.8366979"

Transcript

1 A Z I E N D A S A N I T A R I A P R O V I N C I A L E la rassegna stampa dell'asf di Trapani a c u r a d i U f f i c i o S t a m p a T e l F a x c e l l u l a r e E - m a i l : u f f i c i o. s t a m p a t a a s l t r a p a n i. i t ; S i t o w e b : w w w. a s p t r a p a n i. i t

2 Servizio Sanitario Nazionale Regione Sieiliana V I A M A Z Z I N I, I T R A P A N I TEL.(0923) F A X (0923) Codice Fiscale - P. I V A A Z I E N D A S A N I T A R I A P R O V I N C I A I E Ufficio S t a m p a

3 GIORNAUEMSiaLM GIOVEDÌ A P R I L E E' scattata da poco meno di 48 ore la possibilità per migrala di utenti della provincia di Trapani di ottenere l'esenzione del tichet dovuto all'azienda sanitaria provnciale per le prestazioni sanitarie La genere.«ma in questa fase- scrive in un documento l'azienda sanitaria- la necessità di recarsi presso ^ sportelli dei Distret- : ti sanitari si pone solo per le categorie rientranti nel codice di esenzione E02 3 per i soggetti che il medico curante non Orova sul sistema». Come è noto, i Distretti sanitari sono sei e precisamente: Trapani, Pantelleria, Marsala,Mazara, Alcamo, e Castelvetrano. Ma, allo scopo di ridurre le file agli sportelli ed evitare inutili ed estenuanti code che creano solo caos e confusione l'azienda sanitaria a rilevare che i soggetti appartenenti alle categorìe di esenzione EO1 - E03- E04 possono recarsi dal proprio medico curante che potrà verificare il diritto all'esenzione direttamente sul sistema nazionale. Di conseguenza il medico curante poùrà certificare direttamente l'esenzione sulle ricette. In ogni caso le categorie di esen^one sono:e01 per i soggetti di età inferiore a 6 anni o superiore a 65 anni appartenenti però ad un nucleo familiare con reddito complessivo non superiore a ,98 euro che possono recarsi dal medico curante; E02 disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad im nucleo familiare do un reddito complessvo inferiore e 8.263,31 euro, incrementato fino a ,05 euro ki presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogno figlio a carico, e possono recarsi presso ^ sportelli del Distretto sanitario competente; E03: titolari di assegno sociale e loro familiari a carico, e possono recarsi dal medico curante; ed inffine codice E04: titolari di pensione al minimo di età superiore a 60 armi e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore ad 8.263,31 euro incrementato fino ad ,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico e possono recarsi dal medico curante.

4 ^ G(OVEDÌ3APR,LE,or A Mldiele Ribaudo è stato notifica» to l'avviso di conclusione ddle indag a pieumlnarl due primari sarebbiero reqwnsabiu di avere intascato parcelle per visite intramoenia anzicliè avelie versate ali'aq^ Due piimaii deb'o3ì)edaì%«i%olq Botsellttìa* Marsala 8on»i&d{kgad con l'accasa di peculati^ ma secondo i difenaoti: tratterebbedi men? itregp^ ladtà anoninis&adve detenninate (fo sposizioni e leggi chesiiono sovrapposte e risultano (U difficile interpretazione)». ^ È stato notìficato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari a Giuseppe Ribaudo, di 59 annii direttore dell'unità operativa di Chinirgia generale, mentre per Michele Abrìgnanii di 62, primario di Neurologia) è statafissatala data dell'udienza preuminareche si terrà l's aprile. In seguito alle indagini effettuate dalla sezione di pg delia Guardia di Finanza che opera presso la Procura e coordinate daùo stesso Pracuratofe c i ^ Alberto Di Pisa e dal sostituto Anna Sessa, i due primari del «Paolo BorseUiho» sarebbero responsabili del reato di peculato continuato in quanto, secondo l'accusa, avrebbero efettuato visite specialistiche «intramoenia» nei loro studi privati, prendendo le somme che, invece, sarebbero dovute essere versate neqe casse dell'asp. Per Abrignani la Procura I. ' di Marsala ha già chiesto il rinvio a giudizio, ma il suo awocato difensore, l'avvocato Paolo Paladino ha ribattuto; «Si tratta di un fatto veramente banale. Basti dire che la somma contestata ammonta a 64 euro. Dimoso:eremo nelle sedi opportune l'inconsistenza dell'accusa e chiariremo che l'equivoco è sorto per via della confusione liormativa e regolamentare che disciplina la mate- Durante le indagini, 1 militari della Guardia di Finanza hanno effettuato appostamenti presso gli studi medici del due specialisti individuando pazienti che andavano 11 per farsi visitare. Secondo l'accusa gli stessi utenti, poi interrogati, sarebbero stati inconsapevoli del fatto che il denaro corrisposto doveva essere incassato dall'azienda ospedaliera e che dovevano prenotare le visite presso i Cup dell'aspa dove versare anche le somme in questione. «Le contestazionimosse al dottor Ribaudo-commentano gli avvocati difensori Stefano PellegrinoeAriannaRallo-costìtulscono delle mere irregolarità amminlstiratìve, determinate da disposizioni e leggi che, di recente, si sono sovrapposte nel tempo e risultano di difficile interpretazione anche per tecnici del diritto. Questa simazione di caos legislativo continua a pregiudicare il preminente interesse e diritto alla salute dei cittadini e, per questo, i medici, spesso/sono costretti a superare gli ostacoli burocratici per garantire l'effettività dell'assistenza medica. In ogni caso, si tratteret)- be di sporadiche irregolarità che per l'esiguità del danno economico per l'asp, nell'ordine di poche decine di euro, sono penalmente irrilevanti)»,

5 L A S I C I U A GIOVEDÌ 3 A P R I L E 2014 M A R S A L A. Effettuavano visite speciaiisticlie «intramoenia» nei loro studi privati, intascando le somme che. invece, dovevano essere versate nelle casse dell'asp. E' questa l'accusa mossa a due primari dell'ospedale «Paolo Borsellino» ai quali si contesta il reato di peculato continuato. Nei guai con la giustìzia sono finiti Giuseppe Ribaudo, 59 anni, di rettore dell'unità operativa di Chirurgia generale é di Michele Abrignani, di 62 anni, primario di Neurologia. Per Abrignani la Procura ha gjà chiesto il rinvio a giudizio. La prima udienza preliminare si terrà martedì prossimo. A Ribaudo è stato notìficato l'avviso di conclusone indagini preliminari, atto che solitamente prelude alla richiesta di rinvio a giudizio. A condurre l'indagine, coordinata dal procuratore Alberto Di Pisa e da^ sostituto Anna Sessa, è stata la sezione dj pg della Guardia di finanza presso la Procura di Marsala. I militari delle Fiamme Gialle hanno effettuato diversi appostamenti nei pressi dei due studi medici privati, individuando i pazienti che vi si recavano per farsi visitare, ignari degli obblighi dei medici ospedalieri, che hanno un rapporto di «esclusiva» con la struttura pubblica di cui sono dipendenti. interro^, le persone sottoposte a visita dichiaravano di avere versato il denaro direttamente nelle mani dei due priniarì. Si scopriva, inoltre, che ai pazienti non veniva detto che dovevano prenotare le visite al Cup dell'asp, dove si versano anche le somme dovute. Abrignani è difeso dall'aw. Paolo Paladino, mentre legale di Ribaudo è Arianna Rallo. Per contrastare il fenomeno da quest'anno è vietato ai medici dipendenti di strutture pubbliche di effettuare le visite in locali dell'asp. E' stata fatta luce, inoltre, su una «prassi consolidata» secondo la quale se non ci si sottopone prima a visita nello studio privato i tempi d'attesa per un intervento chirurgico in ospedale diverrebbero più lunghi.

6 GIORNALE DI S i a U A GIOVEDÌ A P R I L E r NODI DELLA S i a U A I tre Policlinici di Palermo, Messina e Catania vedranno scendere la loro dotazione complessivamente da posti letto per pazienti acuti a Crescono invece 1 posti letto neue strutture di eccellenza. F i l i p p o P a s s a n t i n o Un taglio «virtuale» riduce il numero dei posti letto in Sicilia. Saranno , cioè 861 in meno rispetto ai previsti dau'assessorato alla Salute nel Quello deciso ieri è hittavia un taglio inferiore ai posti che la Regione avrebbe dovuto cancellare secondo una prima bozza del piano di riorganizzazione bocciato in Commissione Sanità all'ars net novembre scorso. Il taglio è, però, solo «virtuale» perché in realtà i posti letto finora disponibili sono stati (gli altri non sono mai stati creati). Quindi ne restano da attivare Un dato che segna comunque un calo rispetto a quanto previsto nel precedente piano varato dall'ex assessore Massimo Russo. Il nuovo piano prevede anche la nascita in tutta l'isola di Ospedali Riuniti, sorta di consorzi, che consentiranno di salvare le piccole strutture. Guardando ai numeri reali, l'ospedale Civico di Palermo, il più grande della Sicilia, vedrà diminuire i propri posti letto per acuti (destinati a pazienti che manifestano forme di malattia più gravi) da 853 a 834. Il Garibaldi di Catania ne manterrà 586 degli atmah 630 e il Papardo di Messina 431 invece di 452. Tra le altre strutture di maggiori dimensioni, il Cannizzaro di Catania che subirà un taglio da 560 a 535 posti letto, così come Villa Sofia, a Palermo, che dovrà accontentarsi di 700 posti letto invece degli attuali tre Policlinici di Palermo, Messina e Catania vedranno scendere la loro dotazione complessivamente da posti Ietto per acuti a Aumentano, invece, lievemente i numeri dei posti Ietto nelle strutmre di eccellenza: Buccheri, Ismett, San Raffaele, Oasi di Troina, Bonino Pulejo e Rizzoli. Con la nuova mappa della rete ospedaliera in Sicilia l'assessore Lucia Borsellino punta a fare rientrare la Regione all'interno del parametro nazionale: 3 posti letto ogni mille abitanti a cui si aggiungono 0,2 posti di lungodegenza e 0,5 di riabilitazione sempre ogni mille abitanti. Un aumento che interessa soprattutto la lungodegenza e la riabilitazione. «Siamo la prima regione in Italia a dotarsi del piano di rimodulazione - dice l'assessore Borsellino -. Abbiamo persino anticipato i tempi, dato che il ministero della Salute non ha ancora approvato il regolamento». Dopo il passaggio in giunta e in commissione au'ars, piano sarà inviato al ministero della Salute. «Entro veh!l giorni sarà operativo», sostiene 1 assessore. L'ok del ministero, spiega l'assessore, consentirà alla Sicilia di ottenere maggiori risorse, circa 400 milioni di euro, per l'edilizia ospedauera e per l'ammodernamento tecnologico delle snrutture. Il piano vede cosi la luce dopo mesi di scontri all'ars. Per Pippo Digiacomo, presidente della commissione Sanità, «quando si lavora al riparo da pole miche si porta sempre a casa un buon risultato». Gli o s p e d a l i «accorpati» Per salvare 37 ospedali di provincia dalla marmala del decreto Balduzzi, che fissava la chiusura delle strutmre con meno di 120 posti letto, viene stabilito l'accorpamento dei piccoli presidi che diventeranno «Ospedali riuniti». In provincia di Agrigento, ad esempio, verranno riuniti in un'unica strutmra organizzativa gli ospedali di Sciacca e Ribera e quelli di Canicattì e Ucata. Nella provincia nissena, i sei ospedali venaimo accorpati in due sole strutmre: quelle di Caltanis?etta-San Cataldo-Mossomeli e Mazzarino-Niscemi-Gela. I sette presìdi ospedalieridellaprovincia di Catania verraimo accorpati in tre Ospedali riuniti: Acireale-Giane, Biancavilla-Bronte-Patemò, Militello-Caltagirone. I quattto ospedali della provincia di Enna verranno tirasformati in due: Nicosia-Leonforte e Enna-Piazza Armerina. In provincia di Messina, invece, nasceranno due Ospedali riuniti: Milazzo-Barcellona-Lipari e Sant'Agata-MisO-etta. Nel Siracusano saranno unite le strutmre di Avola e Noto. A Palermo l'in^assia sarà associato a Valla delle Ginestre. Formeranno due distrettì unici Partinico-Corieone e Petiralia-Termini. Nel Ragusano nasceranno gli Ospedali Riuniti di Vittoria-Comiso e Modica-Scicli. Infine, nel Trapanese gli Ospedali Riuniti saranno tre: Trapani-Alcamo-Pantelleria, Marsala-Salemi e Mazara-Castelvetrano. CFP*)

7 GIORNALE m S i a U A GIOVEDÌ A P R I L E 2 P A U R M O C'è un altro tipo di viaggio della speranza, oltre quello in cui si va a caccia di terapie salvavita. Sono le «migrazioni» dall'isola verso regioni in cui la fecondazione assistita è garantita dal servizio pubblico gratuitamente o dieti-o pagamento di un ticket. Questo genere di viaggi della speranza costano ogni anno alla Sicilia circa 6 milioni, secondo dati del ministero della Salute elaborati dai ginecologi italiani e internazionali che da oggi a sabato si riuniranno a convegno a Palermo, nella sede dell'ordine dei Medici. In regioni come Toscana, Piemonte, Umbria, Val D'Aosta, Lombardia la fivet è convenzionata e costa al sistema pubblico da euro a3 mila o anche 5 mila euro a seconda di alcune varianti. Quando una coppia siciliana «nugra», la Sicilia rimborsa alla Regione ospitante il costo della prestazione. E poiché si calcola che siano mediamen te duemila le coppie siciliane che cercano una gravidanza in alfre regioni, la spesa si aggira sui sei milioni. La Regione ha appena firmato un decreto con cui permette alle famiglie con reddito basso di accedere a un contributo per abbassare a circa mille euro (invece di 3 mila) il costo della FWet - anche se tale provvedimento viene ritenuto insufficiente dal punto divista dei fondi stanziati - ma i medici chiedono al governo Renzi di inserire questi tìattamenti nei Lea (piani di assltenza) per garantire mtte le coppie sterili italiane. Al convegno organizzato dal ginecologo Giuseppe Valenti parteciperanno esperti come Antonio Perìno (professore dell'università di Palermo) e Toti Amato (presidente dell'ordine). Ci sarà anche Nino Guglielmino, direttore dell'umr di Catania in prima fila nelle battaglie in tribunale per modificare la legge 40 che regola la procreazione assistita. Il convegno arriva infatti a pochi giorni dall'attesa sentenza della Consulta che dovrà stabilire se sono costimzionali tre punti chiave: il divieto di fecondazione eterologa, l'impossibilità di effettuare la diagnosi preimpianto dell'embrione e la facoltà di revocare il proprio consenso a fecondazione awer nuta verdetto è atteso per l's aprile e i 200 ginecologi a convegno firmeranno un documento con cui chiederanno a Renzi di modificare la II documento è sostenuto anche da Ester Vitale, segretario della Uil Pari opportunità. Al convegno prenderà parte anche Pippo Digiacomo, presidente della commissione Sanità dell'ars,. n.

8 GIOVEDÌ A P R I L E P A U R M O C'è anche capitolo sui posti letto nelle cliniche, all'interno del nuovo piano sanitario, è già fa alzare la tensione fra Regione e Associazione delle case di cura. Per l'assessorato alla Sanità, infatti, il piano (e le riduzioni) sono frutto di accordo. Per l'aiop invece l'intesa non c'è ancora e le cifre vanno riviste. Secondo le tabelle diffuse ieri dall'assessorato, i privati avraimo a disposizione posti letto: 145 in meno rispetto al numero previsto nel Dei posti, quelli per acuti sono (fino a oggi, secondo la RegionjB, erano 3.507) mentre quelli per lungodegenza sono 174 edèrano 156. Cifre però contestate dall'aiop, secondo etti oggi i posti realmente attivi non sono quelli indicati dalla Regione. La rimodulazione fa cambiare la divisione dei posti letto tta pubbuco e privato. Gli obiettivi che i privati dovranno raggiungere sono gli stessi del pubblico: itmalzamento della qualità e differenziazione dei settori di assistenza. Dovraimo raggiungerli con processi che prevedono la riftmzionalizzazione delle cliniche in base ai posti letto e con l'accorpamento presso un'unica sede di due più case di cura. Non è stata ancora comunicata la ripartizione dei posti letto per le singole cliniche private, ma a breve l'assessore Borsellino firmerà i m proto collo d'intesa con l'aiop, per mettere a punto questa rimodulazione. In attesa di questa firma però ieri il presi dente dell'aiop, Barbara Cittadini, ha posto qualche paletto nella riunione andata in scena in commissione Sanità. Secondo i dati fomiti dall'aiop all'ars, la Regione ha già raggitmto gli standard nimierici previsti dalla legge nazionale e non vi sarebbe quindi necessità di ridurre ancora i posti let to per acuti. Mentire l'aiop concorda sul fatto che c'è una carenza di posti letto per lungodeget^a e riabilitazione. L'Aiop si dice quindi disponibile a siglare l'intesa se questa si baserà sul fatto che non ci sararmo riduzioni nè nel niunero di posti letto nè nei budget a questi collegati, (FP)».

9 I n Sicilia n a s c o n o gii ospedali r i u n i t i s p c A t n m u n T A «U P t W U WM<I»NA ASPPALUmM ASP RACUSA WSIIACUSA UPnAPAW snutt. AKIONAU ^ottiiitto poitiimo poitiimo po«ti i m o i m o i m o i m o i m o PALERMO. Speriamo che adesso la nuova rete di rìfiinzionalizzazione e riconversione degli ospedali siciliani non trovi altri intoppi Altrimenti.» 11 nuovo piano presentato ieri mattina alla Commissione Sanità dell'ars dall'assessore alla Salute. Lucia Borsellino - nel dicembre scorso una precedente bozza era stau "bocciata" - prevede complessivamente posti letto rispeob ai precedenti Ci sono quindi posti in più. Ma non è l'unica novità Sono stati "salvati" 37 presidi sotto la soglia che dovevano chiudere e die invece lasceranno aperte le porte grazie alta creazione dei cosiddetti "ospedali riuniti". L'aumento maggiore di posti letto si registra all'asp di Palermo: 401 in piti (21 di acuti e 380 «Siamo i p r i m i i n Italia». O r a t o c c a a l m i n i s t e r o di lungodegenti). A seguire, ecco Agrigento che avrà 301 posti letto in più (119 di acuti e 182 post-acuti) e Trapani con 293 posti letto in più (124 acuti e 169 post-acuti). Più contenuti gli aumenti nelle altre province. A Catania, ad esempio, i posti letto aum e n t a n o solo d i cento unità, c o n u n a riduzione dei posti per acuti (68 in meno e un aumento di post-acuti: 169X Sono 138 i posti lettoin più a Caltanissetta (28 acuti. 110 post-acutix 139 a Ragusa (16 acuti e 124 post-acuti)^ 106 a, Enna (43 acuti e 63 post-acuti). 69a Siracusa (diminuiscono di 25 unità i posti per acuti, ma aumentaiu) di 94 quelli peripost-acuti Le "strutture sovra regionali" avranno 34 posti lena in più: 15 per acuti e 19 per lur^godegentl Caso unico tra le Asp siciliane, come detto, quello di Messina: solo lì, i posti letto scendono. Di 79 unità; dovuti soprattutto ala soppressione di 221 posti letto per acuti, mentre aumentano di 142 quelli per lungodegenti. (1 piano è stato presentato ieri mattina dall'assessore Borsellino a dirigenti e sanitari nel corso di un incontro a Palazzo dei Normanni, quindi è stato illustrato alla stampa, alia presenza del presidente della commissione Sanità, Pippo Digiacomo (Pd). «Siamo la prima regione in Italia a dotarsi del piano di rìmodulazione - dice / l'assessore Borsellino - Abbiamo persino anticipato i tempt dato che il ministero della Salute non ha ancora approvato il regolamento». Borsellino parìa di «operazione verità sull'offerta sanitaria in Sibila», mentre Digiacomo ha sorolineato che «si tratto di un piano condiviso con tiittì gli attori del sistema: associazioni, sindacati, amministratori, sindaci, cittadini». Dopo il passaggio in giunta e in commissione all'ars, il piano sarà inviato ai ministero della Salute. «Entit) venti giorni sarà operativo», sostiene l'assessore. L'ok del ministero,, spiega l'assessore, consentirà alla Sicilia di ottenere mag- / glori risorse, circa400 milioni di euro, per l'edilizia ospedaliera e per l'ammodernamento tecnologico delle strutmre Ma il presidente delia Commissione Sanità è stato critico nei confronti del presidente della Regione Veneto. Luca Zaia: «Zaia può venire in Sicilia a prendere lezioni da noi - ha detin Digiacomo -. Siamo i primi in Italia ad avere approvato la nuova rete ospedaliera*. Per Totò Casdo. deputato di Artìcolo 4 e componente della stesa Commissione Sanità «questo nuovo piano coniuga qua^ lità e fruibilità delle prestazioni ma in comprensibili scelte sui punti nascita». A tal proposito c'è da evidenziare che la nuova rete azzera i reparti di Ostetìida e Ginecologia degli ospedali «San Raffaele-Giglio» di Cefelù e il «San Giacomo d'altopasso» di quello di Licata. 11 pubblico scende dal 75,3X al 73,8% dei posti letto, le case di cura salgono dal 2 3 * al mentre i posti letto per i privati crescono dal 22,4% al 23,7%. «Si tratta - ha spiegato l'assessore Borsellino (che ha poi firmato un protocollo d'intesa con l'aiop per mettere a punto la rimodulazione) - di variazioni minime». M S O

10 GIOVEDÌ 3 A P R I L E 2014 Tutti gli accorpamenti Chiusura graduale di alcuni punti nascita PALERm II nuovo modello organizzativo "accorpa" più presidi nei distìretti. Il Piano prevede come annunciato la creazione degli "ospedali riuniti", mentre gradualmente sarartno disattivati alcuni punti nascita non in linea con gli standard nazionali preservando quelli nei comuni di più difticile accesso. In provincia di Agrigento si passa da S presidi ospedalieri a 2 strutture riunite: Sciacca e Ribera, e quelli di Canicattì e Ucata. Con 1205 posti letto rimodulati. Nella provìncia di Caltanissetta, i vecchi 6 ospedali verranno accorpati in due.', sole stmtture: quelle di "CaltanissetìSh San Cataldo e Mussomell", e"mazzari no, e Gela" con 914 posti letto rìmodulati.. 17 presìdi ospedalieri delia provincia di Catania verranno accorpati in tre Ospedali riuniti: "Acireale-Giarre", "Biancavilla-Patemò-Bronte", "Militello-Caltagirone" con4348 rimodu^ lati. I quattro ospedali della provincia di Enna verranno tiaslbrmati in dueospe- dali riuniti: "Nicosia-Leonforte" e "Enna-Piazza AnMrina"co9 582 posti letto rimodulatì» In provincia di Messina, invece, resteranno "indipendenti"! presìdi di Patti e Taormina, meiitie verranno accorpati ^i altri cinque in due distinti Ospedatt riuniti: "Milazzo-Barcellona-Lipari* e "SanfAgata-Mistretta", per complesswi 2623 posti letto. <È la prima rete ospedaliera con partecipazione popolare - ha spiegato il presidente della Commissione Sanità, Pippo Digiacomo-, Per la prima volta si fa un piano regolatore della sanità sici liana, condiviso con il popolo e con i sindaci. Eravamo una "regione canaglia" che non sarebbe mai riusciu a fare il piano di rientro, ma oggi abbiamo l'ambizione di diventare, subito dopo le regioni più virtuose». Gli fa eco l'assessore alla Salute, Lucia Borsellino: «È un nuovo modello organizzativo che accoq» più presidi nei distretti. Io abbiamo fatto per sfatare la convinzione che i piccoli presidi ospedalieri debbano essere chiusi Se la disattivazione è motivata da indici di inappropriatezza, occorre ripensare al modello organizzativo, accorpando più presidi ospedalieri. È un'operazióne ve> rità su offerte delia regione Q sarà an che la possibilità di vedere sbloccati i fond per l'edilizia sanitaria, è un'operazione di rilandoitr La rete prevede anche la rimodulazione dei posti letto dei tre ospedali universitari Policlinico. A Palermo sono previsti 620 posti letto (fl cui 568 per acuti e 52 in d^hospital A Catania i posti letto {Heyisti SCHIO 927 di cjui 808 per acuti e 134 in day hospital A Messina, invece, 592 porti letto di cui 565 ordinari per acuti e 27 in day hospital " E poi ci sono gli Istittitì di Ricerca. Cento po^ letto sono previsti per ITsmett (Istìtiito Mediterraneo per i Tra pianti) di Palenno; 88 posti per l'oasi di Trotine 115 di riabilitazione per la Bo nino Pulejo di Messina. La rimodulazione della nuova rete dei posti letto, che si realizzerà nel triennio 2013/2015^ ha tenuto conto di alcuni elementi fondamentali tra i quali quello fondamentale, l'allineamento dell'indicatore regionale agli standard nazionali per specialità: 3 posti letto per 1000 abitanti per acuti e 0,7 posti letto per 1000 abitanti (0,2 lungc>degenza e 0,5 per riabilitazione per posti acuti).

11 L A S I C I L I A GIOVEDÌ 3 A P R I L E 2014 M A R I O B A R R E S I Catania. «Hanno tutti il mal di pancia? Che si pigliassero un Geffeni. Omiai è andata.! blitz di Rosario Crocetta sui manager della sanità ha segnato il picco massimo dei problemi di digestione fra gli alleati. Ma, al di là delle dichiarazioni di guerra dei partiti, bloccare le nomine dei 14 direttori generali di Asp e aziende ospedaliere non sarà facile. Tutf al più la vicenda avrà un peso in albi due giochi in corso: la partìu a scacchi e batta^^ia navale del rimpasto delle Europee. Premessa: magari i nuovi vertici saniu r i non saranno «oggettivamente i migliori» (come rivendicato dall'assessore Lucia Borsellino), ma nemmeno i più fragorosi detrattori, nell'intimità del "fuori taccuino", sostengono che siano' pessimi. Quello che non va proprio giù sono tempi e soprattutto modi. Due elementi che se replicati nella scelta dei nuovi assessori vedrebbero il Pd «un fermo oppositore», come ha minacciato il segretario regionale del Pd, Fausto Raciti, evocando il «cerchio magico» di Crocetta. E il nodo cruciale stì proprio qui. Quelle nomine che Pippo Digiacomo, continua a definire «improvvisamente frettolose dopo un lungo ritardo» e assunte «con un ingiustificato piglio rabbioso». In quello die Antonello Cràcolid ieri ha efficacemente definito «modello Vietnam», invitando il governatore a «mettersi d'accordo con se stesso». E proprio d^ Digiacomo e Cracolici, presidenti rispettivamente delle commissioni Sanità e Affari istìftizionali al l'ars, passeranno le carie delle nomine. Con quali chance di farle saltare? Molte, a sentire le dichiarazioni dei deputati regionali; ben poche, nella sostanza. Il presidente Digiacomo hà pure chiesto un parere legale per un'impugnativa al Tar, legata soprattutto al mancato rìspet- che la commissione Sanità «non farà sconti a nessuno» nella valutazione dei lavoro dei manager: «Non è una cosa immediata, daremo loro almeno sei mesi di tempo dall'insediamento. Dopo di che d sarà un giudizio sereno e oggettivo sui risultati, soprattutto liste d'attesa, mobilità passwa e bilanci». Digiacomo sembra gettare il cuore oltre l'osucolo; anche se la maggioranza dei deputati della commissione non è d'accordo su questa linea Le sorprese sono diett-o l'angolo. E Io stesso poq-ebbe accadere anche agli Affari istituzionali, nella quale pesa il rapporto ormai logorato fra Cracolid e il governatore. Anche in questo caso è in corso una verifica sulla praticabilità dell'impugnativa. Ma qui qualche bucda di banana è comunque ipotizzabile. «Perché nell'analisi dei curriculum e dell'intero iter - rivela un deputato di maggioranza che si autodefinisce «senza l'anello al naso» - qualche carta fuori posto, una dichiarazione mendace o un errore di procedura, si tt^ova sempre. E allora sì che può saltare questo atto d'imperio del presidente». Ed è dò che proprio non è andato giù DICIACOMO. PUeSIDEWTE COMMISSIONE SANffA to delle "pagelle" che un pool di esperti estemi aveva stilato sui commissari in carica. CMdie esempio? I più meritevoli (Angelo Aliquò, Giuseppe Pecoraro, Carmelo Pullara e Vittorio Virgilio) sono stati esdusi dalla corsa dei nuovi manager; alcuni in prima battuta, alni al rush finale. Mentre molti dei direttori infine nominati erano stati bocdati, o quantomeno "rimandati", dagli esperti. «Tutto con dati oggettivi sulle performance di Asp e ospedali», ammette lo stesso Di giacomo. Che però frena sull'impugnativa: «È un problema di competenze, perché non è certo che la commissione possa entrare nel merito delle nomine, frutto di scelte di chi ha esaminato i candidati». Ma è anche una questione di opportunità politica? «Cè anche questo», si limita ad ammettere. Annunciando però agli alleati. «Le nomine le hanno fatte Crocette e Lumia, premiando molti ex uomini di Lombardo "riconvertiti" e facendo qualche concessione allo staff della Borsellino. 11 tutto con il placet di Cardinale, una spruzzatina di Leanza e Faraone, e una strizzata d'occhio a Firrarello e Castiglione», è la nomenclatura scandita da un ex manager sanitario. 1 più delusi sono ludc (soprattutto per Gaetano Sima, spostato dall'asp di Catania a quella di Messina con annessa ira del segretario regionale Giovanni Pistorio) e il Pd; buona parte di esso. Per bocdature eccellenti e per nomine "depotenziate" rispetto alle attese. Ma soprattutto per la campagna acquisti di Crocetta i camid bianchi Un "ratto" (consenziente) anche di manager che fino al giorno prima delle nomine giuravano fedeltà ad altri esponenti del Pd. E qualcuno, in una telefonate di ftioco, gliel'ha pure fatto notere al governatore. Risposte: «Me ne frego, tento se mi fate cadere andiamo tutti a casa e si rivote per 70 deputetì an ziché 90». Una deliziosa minaccia. Più efficace qualsiasi altro argomento.

12 l A S I C I L I * GIOVEDÌ 3 A P R I L E 2014 SANITÀ'. Nuova rete ospedaliera con posti lètto, ma è stata azzerata l'ostetriciàf è la Ginecologia A N T O N I O n A S C O N A R O La notizia che tutti non si attendevano è arrivata e quasi certamente provocherà polemiche e denunce. Nella nuova rifunzionalizzazione e riconversione della rete ospedaliera presentata per la seconda volta ieri alla Commissione Sanità dell'ars, non d sono previsti posti letto di Ostetrica e Ginecologia per l'ospedale «San Raffaele-Gi{^io» di Cefalù dove il punto nasdta si attestava sui parti l'anno, poco meno dei 500 previsti dal decreto BalduzzL Si scateneràsicuramenteuna sommossa popolari Dove andranno a partorire le centinaia dj donne, non solo della dttadina normanna ma anche dei paesi del drcondarìo che pri ma facevano riferimento alla struttura cefaludese? Se la rete dovesse passare con questo "azzeramento''uno degli ospedali più Vidni sarebbe il "Cimino" di Termini Imerese a cui si "accorpa" il nosocomio "Madonna dell'alto" di Petratia Sottana, A Termini Imerese la "rete" ha previsto 24 posti letto: 20 ordinari e 4 in day hospital, mentre a Petralia Sottana ne rimarrebbero 4 ordinari, suflìdenti per il fabbisogno della co munità montana. In dttà restano ospedali indipendenti l'azienda "Civico", "Villa Sofia- ' Cervello" e il Policlinico. In particolare l'azienda ospedaliera Civico può contare su 804posti letto per acuti di cui 48 post acuti e 78 di day hospital. Villa Sofia-Cervello 662 posti letto per acuti, di cui 44 post, acuti e 92 di day hospital, (i Polidini» co, invece, può contare su.620 posji^ complessivi di cui 568 per acuti * cui ' 40 per post acuti e 52 per il day hospital Mentre gli altri quattro ospedali verranno accorpati nei cosiddetti ospedali riuniti che fanno capo all'asp: "Partinico-Corieone": per il Civico di Partinico previsti 153 posti letto d^ cui 141 per acuti e 12 ind^hospitalf per ir tó l nchi" di Partìnic» un t<k. tale di 71 PÓMO Iettò di dnèt ordina-' ri per acuti e 4 in d ^ hospital Altro, ospedali riuniti è quello di 'Termini Imerese-Petralia Sottana". Per il "Cimino" sono previsti 149 posti lette* totali di cui 135 ordinari e 14 in day hospital, mentre per il "Madonna defl'alto" 78 posti letto dj cui 74 ordina-, ri per acuti e 4 in day hò^ital. Ed ancora d sono gli ospedali riuniti "ingrassia-viiia delle Ginestre*. Per quanto riguarda il presidio di corso Calatafimi d sono complessivamente 161 posti letto di cui 149 ordinari e 12 in day hospital, mentire per il Centro di via Castellana per la cura e la diagnosi dei tetraplegid 62 posti letto. Altì^a realtà è llsmett l'istituto Me diterraneo per i trapianti che contare su posti letto. Poi d sonoanche gli ospedali che sono stati dassilicati dall'assessorato regionale alta Salute come spqimentafi gestionali Si tratta del '^Buccheri La F^-Fatebenefiratelli" con complessivi 280 posti letto di cui 269 ordiotari ed 11 in day hospìud e anche il «San Raffaele- Giglio" di Cefalù con 244 posti letto di^ di cui 222 per acuti e 22 in day hospital Ed ancora il "Rizzoli" di Bagheria; con 77 posti letto tutti per acuti. Tuttavia guardando il quadro generale con le strutture che sono state dassifìcate per una popolazione residente di abitanti a cui fanno riferimento gli ospedam dell'asp, le aziende ospedaliere Qvico, Polidinica San Raffaele-Giglio, Buccheri La Feria, Mzzoli e altri ospedali privati conv plessivamente 17 che fanno quasi tutti riferimento all'aiop i posti letto per acuti sono 5 come decreto ma eoa la rimodulazione prevista dall'assessorato di passa a con una perdi-t ta di 288 posti letto.

13

14 E C l l M E Piazza la

15 Le aziende sanitarie macinano u n fatturato di 8 miliardi all'anno Dalla^aesa farmaceutica fuori controllo ai macchinari guasti

16 4 M O D I F K A T O a D E O l f l O m B U a r o U S E r n M m S C O R S A Il Assurdo vietare il mare in Sicilia così si perderanno solo due settimane LUCIA BORSELLINO

17 SAMSCMUrU S O T V B

18 Mercoledì 02 Aprile :11 M a r s a l a, d u e p r i m a r i d e l l ' o s p e d a l e " P a o l o B o r s e l l i n o " i n d a g a t i p e r p e c u l a t o : G i u s e p p e R i b a u d o e M i c h e l e A b r i g n a n i

19

20 P r e s e n t a t o o g g i in c o m m i s s i o n e S a l u t e all'ars il n u o v o p i a n o della r e t e o s p e d a l i e r a siciliana. L ' a s s e s s o r e : " Q u a s i d u e m i l a p o s t i l e t t o a t t i v a t i in più r i s p e t t o al p a s s a t o ". F u s i m o l t i piccoli presìdi. C r e s c e la p e r c e n t u a l e d e i p o s t i d e s t i n a t i ai privati. Tutti i n u m e r i. P A L E R M O - Q u a s i p o s t i letto attivi in più. Distribuiti in t u t t e le P r o v i n c e siciliane, t r a n n e q u e l l a di M e s s i n a, d o v e i n v e c e s c e n d o n o. I n u m e r i : tutti i p o s t i letto P r o v i n c i a p e r P r o v i n c i a Ma quali s o n o i dati? I n t a n t o e c c o quelli p e r p r o v i n c i a. C r e s c e la p e r c e n t u a l e d e i p o s t i letto " p r i v a t i " C o m e d e t t o, la r i m o d u l a z i o n e fa v a r i a r e l e g g e r m e n t e la p e r c e n t u a l e d e i p o s t i letto tra p u b b l i c o e p r i v a t o. Gli o s p e d a l i " a c c o r p a t i "

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE : SICILIA DIOCESI : NICOSIA ELENCO RISERVISTI GRADUATORIA DEFINITIVA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE : SICILIA DIOCESI : NICOSIA ELENCO RISERVISTI GRADUATORIA DEFINITIVA CONCORSO RISERVATO PERSONALE DOCENTE DI RELIGIONE - SCUOLA PRIMO E SECONDO GRADO PAG. 1 DIOCESI : NICOSIA 000001 NOVELLO MARIA YF/005712 38,60 12,00 13,00 4,00 09,60 M GQR 02 30/05/1965 LEONFORTE (EN)

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel SJ. '. :! I. l i,... ". ' ~i"ne 'Cumj'oniu f/$eddén&e Prot. D.3Wledel /.;j.,/!1f l.9-,ç; Ai Commissari Straordinari delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

DELLA REGIONE SICILIANA

DELLA REGIONE SICILIANA GAZZETTA REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE SICILIANA Anno 69 - Numero 5 UFFICIALE PARTE PRIMA Palermo - Venerdì, 3 gennaio 215 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI Sped. in a.p., comma 2/c, art. 2, l. n. 662/96

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE VERSIONE 2.0 Allegato n. 5 alla DIPARTIMENTO GESTIONE RISORSE ECONOMICHE Servizio Dipartimentale Bilancio e Finanze 010 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 010 001 Costi di

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Rassegna del 12/04/2015

Rassegna del 12/04/2015 Rassegna del 12/04/2015 SANITA' REGIONALE 12/04/15 Gazzetta del Sud 21 Nominee "rete" nell'agenda del commissario della Sanità Cannizzaro Paolo 1 12/04/15 Il Garantista Calabria 2 La Regione "licenzia"

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Allegato B - dotazione organica.xls. criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa)

Allegato B - dotazione organica.xls. criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa) rideterminazione della dotazione organica ALLEGATO 1 ALLEGATO 2 ALLEGATO 3 struttura organizzativa criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa) riepilogo per macrostruttura ALLEGATO

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 1 Gruppo di Lavoro Ambiti 5 Iseo Sebino e 13 Vallecamonica Hanno prestato il proprio contributo per questa giornata: Bottichio Federica Calvetti Sara

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

Rassegna del 10/04/2015

Rassegna del 10/04/2015 Rassegna del 10/04/2015 SANITA' REGIONALE 10/04/15 Gazzetta del Sud 19 Si alla seconda Cardiochirurgia Calabretta Betti 1 10/04/15 Gazzetta del Sud 21 Donna morta in ospedale, assolti due medici D.m 3

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

Si terrà il 29. e 30 giugno. incremento. pediatrica. Diabetico. via Salvatore Puglisi, 15

Si terrà il 29. e 30 giugno. incremento. pediatrica. Diabetico. via Salvatore Puglisi, 15 Si terrà il 29 e 30 giugno 2015, presso la Sala Magna di Palazzo Chiaramonte Steri, il convegno dal titolo La Rete diabetologica pediatrica in Sicilia. Novità Organizzative e assistenziali: le nuove lineee

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Procura Generale D Appello per la Regione Siciliana. Giudizio di Parificazione del Rendiconto Generale della Regione Siciliana

Procura Generale D Appello per la Regione Siciliana. Giudizio di Parificazione del Rendiconto Generale della Regione Siciliana Procura Generale D Appello per la Regione Siciliana Giudizio di Parificazione del Rendiconto Generale della Regione Siciliana Esercizio finanziario 2014 Siciliana Requisitoria del Procuratore Generale

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

L ACQUA A ERICE una storia di mala vita, ma anche una battaglia di civiltà Per maggiori informazioni visita il sito del Comune di Erice: www.comune.erice.tp.it OGGETTO: Attivazione iniziative emergenziali

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Verbale n. 1. Gara per raffidamento del servizio di pulizia dei locali dell'ufficio Legislativo e Legale siti in via Caltanissetta n. 2/e -Palermo.

Verbale n. 1. Gara per raffidamento del servizio di pulizia dei locali dell'ufficio Legislativo e Legale siti in via Caltanissetta n. 2/e -Palermo. Verbale n. 1 Gara per raffidamento del servizio di pulizia dei locali dell'ufficio Legislativo e Legale siti in via Caltanissetta n. 2/e -Palermo. L'anno 2012 il mese di gennaio il giorno 11 alle ore 11,00,

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

ALLEGATO F POR SICILIA 2000/2006 - MISURA 4.06 - ELENCO ISTANZE NON AMMISSIBILI AZIONE 4

ALLEGATO F POR SICILIA 2000/2006 - MISURA 4.06 - ELENCO ISTANZE NON AMMISSIBILI AZIONE 4 ALLEGATO F POR SICIA 2000/2006 - MISURA 4.06 - ELENCO ISTANZE NON AMMISSIBI AZIONE 4 ABATE ANTONINO 1 FABRIZIO CATANIA CT 02/08/1983 8 2 AMATO GABRIELLA WUPPERTAL D 17/03/1969 5 3 AMATORE PAOLO ACREIDE

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti di L.Va. pdf L indagine conoscitiva sulla sostenibilità del Ssn Questa

Dettagli