DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. GRAMSCI - J. M. KEYNES INDIRIZZO GEOMETRI: ORDINAMENTO EDILE TERRITORIALE PROGETTO CINQUE INDIRIZZO COMMERCIALE: IGEA - ERICA LICEO SCIENTIFICO: ORDINAMENTO SPERIMENTALE BILINGUE DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (relativo all azione educativa e didattica realizzata nell ultimo anno di corso, ai sensi dell art. 6 dell O.M. n. 43 dell' ) CLASSE QUINTA - SEZ. A erica_ Anno Scolastico 2013/2014 1

2 5 AE ERICA I DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Pr. Nome Materie FIRME 1 BARDUCCI STEFANO MATEM. INF.E LAB. 2 BRUNO GIUSEPPE DIRITTO ECON.PER L'A 3 DECROOCQ BERENGERE Conv. Francese 4 FABBRI MARIA GABRIELLA TEDESCO II LINGUA 5 GAMMAROTA ELISA STORIA DELL'ARTE E T 6 GATT IRIS Conv. Inglese 7 KROLL BIRGIT MARGRET Conv. Tedesco 8 LAFERRARA MARIA LUISA FRANCESE III LINGUA 9 LORENZO GIUSEPPE MARIO ITALIANO,STORIA 10 MALLIA MARIA GEOGRAFIA 11 MAZZONI SIMONETTA ED.FISICA 12 SCHWARZER ROBERTO(*) INGLESE 13 VANNUCCHI RENZA RELIGIONE I RAPPRESENTANTI DI CLASSE Pr. Nome FIRME 1 BRAGAGNI MARTINA 2 CIPRIANI CAMILLA IL DIRIGENTE SCOLASTICO Pr. Nome FIRMA 1 TEMPESTI GRAZIA MARIA 2

3 ALUNNI ISCRITTI E FREQUENTANTI N. cognome Nome Classe sezione Data di nascita sesso 1 AMATO CRISTINA 5 AE 27/01/1995 F 2 ANDRESSI LAVINIA 5 AE 08/10/1995 F 3 ARCORIO MARIATERESA 5 AE 25/11/1995 F 4 BAMBI MELISSA 5 AE 14/09/1994 F 5 BELLINI JESSICA 5 AE 24/01/1995 F 6 BIANCIARDI GEMMA ARIANNA 5 AE 29/09/1995 F 7 BRAGAGNI MARTINA 5 AE 20/04/1995 F 8 CARDELLI STELLA 5 AE 29/10/1994 F 9 CARLESI WILLIAM 5 AE 19/10/1995 M 10 CHIARINI FABIANA 5 AE 01/12/1993 F 11 CIPRIANI CAMILLA 5 AE 18/07/1995 F 12 DELLAROLLE LAURA 5 AE 22/05/1995 F 13 DUGO SIMONE 5 AE 10/05/1995 M 14 FRATI NICCOLO' 5 AE 22/08/1995 M 15 GHIDINI LORENZO 5 AE 15/12/1993 M 16 GIANNOZZI GIULIA 5 AE 13/03/1994 F 17 LIN HUALING 5 AE 23/04/1995 F 18 MASTROPIERI ILARIA 5 AE 29/07/1995 F 19 NERETTI SARA 5 AE 28/08/1995 F 20 NIKOLLI ANTON 5 AE 19/06/1995 M 21 PICCINI CHIARA 5 AE 03/08/1995 F 22 RICCIO DESIREE 5 AE 09/07/1995 F 23 RUSSO FRANCESCO 5 AE 23/03/1995 M 24 RUTIGLIANO CHIARA 5 AE 18/08/1995 F 25 VAROCCHI ELEONORA 5 AE 18/05/1995 F 3

4 PROFILO DELL INDIRIZZO E.R.I.C.A. Le abilità e le conoscenze diffusamente richieste a queste figure professionali, sotto l aspetto della formazione linguistica sono: 1. Conversazione al telefono ; 2. Interazione verbale diretta; 3. Traduzione da e nella lingua straniera; 4. Utilizzo di linguaggi settoriali nel codice orale e nel codice scritto sia dal punto di vista ricettivo sia produttivo; 5. Redazione di corrispondenza commerciale; 6. Riassumere in modo efficace documenti di carattere economico e commerciale 7. Conoscenza dei codici culturali e degli assetti istituzionali delle nazioni straniere di cui si usa la lingua. La competenze linguistiche, che costituiscono una base di professionalità, devono essere tuttavia accompagnate da una lato dalla visione sistemica dell azienda e dei suoi sottosistemi e dalle conoscenze relativa all organizzazione amministrativa all interno dei vari settori di operatività; dall altro da una serie di abilità, conoscenze ed atteggiamenti, che è necessario sviluppare per una corretta definizione della figura professionale: 8. Capacità di controllare in modo non specialistico situazioni complesse; 9. Capacità di avvicinarsi ai problemi con flessibilità e padronanza dei metodi; 10. Capacità di inquadrare il problema in un contesto generale, prima puramente tecnico, quindi anche organizzativo e possibilmente economico; 11. Capacità di registrare e organizzare dati e informazioni utilizzando strumenti informatici; 12. Capacità di utilizzare i depositi dell informazione: archivi, schedari, dossier, banche dati, e le centrali di informazione (stampa, radio, sistemi informativi integrati); 13. Capacità di lavorare sia in maniera autonoma sia in équipe; 14. Flessibilità e capacità di adattamento a situazioni nuove e attitudine all autoapprendimento. Inoltre, un tratto essenziale che si richiede a persone che devono avere frequenti rapporti diretti col pubblico è la correttezza di comportamento, la disponibilità nei confronti degli altri e la capacità di cogliere i loro problemi, il rispetto delle opinioni altrui, la disinvoltura nei rapporti interpersonali, la capacità di mettere in atto tecniche di comunicazione adeguate al contesto, all interlocutore e alla situazione, la capacità di ascoltare gli altri senza pregiudizi o filtri di carattere affettivo o cognitivo ed infine la puntualità e la precisione. 4

5 Presetaie dea Casse La classe 5 A erica è composta da 25 alunni e si presenta abbastanza omogenea sia per le discrete capacità che per l apprezzabile disponibilità e duttilità di quasi tutti gli alunni. Nel corso del triennio la classe è migliorata per quanto riguarda la socializzazione attraverso frequenti lavori di gruppo, uscite didattiche, scambi culturali(stoccarda,lione), viaggi di istruzione (Barcellona e Praga) e alcuni mirati interventi di recupero. Ciò ha favorito anche una crescita generale del gruppo classe, con positive ricadute anche sul metodo di studio. Questo processo di sviluppo è stato facilitato dal carattere aperto e indipendente della maggioranza degli alunni che ha permesso lavori di ricerca autonoma di vario tipo e in varie discipline, ma anche dalla loro disponibilità attenta e volenterosa. Sul piano culturale la maggior parte delle aspettative dei docenti sono state soddisfatte, soprattutto per quanto riguarda interesse, capacità di studio e autonomia, benché in certi casi di tipo più esecutivo che propositivo. Qualche limite ha invece registrato la partecipazione alla lezione, che solo per alcuni alunni ha visto una presenza attiva e personale nel dialogo educativo, limitandosi invece per altri ad un interesse ricettivo e ad una generale disponibilità. Perciò la rielaborazione delle varie tematiche, in particolare dei contenuti storico-letterari di diverse discipline ha raggiunto livelli individuali differenziati, mentre le materie di tipo tecnico matematico hanno registrato tendenzialmente risultati nel complesso soddisfacenti con qualche differenziazione in matematica. Si evidenziano limitate situazioni di alunni il cui impegno è stato discontinuo e perciò i risultati raggiunti sono sulla sufficienza. Un gruppo di alunni, con lo studio tenace e costante, guidato da un forte interesse e da brillanti capacità, ha conseguito una preparazione ampia, puntuale e approfondita in alcune discipline. Alcuni studenti non hanno raggiunto quella piena sicurezza che favorisce la valorizzazione della propria competenza, comunque basata su conoscenze abbastanza ampie e articolate. 5

6 RELAZIONE FINALE D ITALIANO E STORIA Libro di testo di storia della letteratura: Baldi /Giusto La letteratura volume 4 e L attualità della letteratura vol. III, Paravia Libro di storia: Ciuffoletti, Baldocchi etc Dentro la storia volumi II e III, D Anna editrice Docente: prof. Giuseppe Lorenzo La classe, composta da 25 alunni, ha avuto, nel corso di quest ultimo anno del percorso di studio, una crescita significativa sul piano educativo - formativo e un sensibile miglioramento sul piano dell apprendimento. Questo tuttavia non significa che si possa parlare di piena maturazione sul piano del metodo di studio e di risultati soddisfacenti sul piano linguistico espressivo. Ci sono ancora da parte di molti studenti carenze sia nella produzione scritta sia nella comunicazione orale. In particolare per quest ultima prevale, soprattutto nella componente femminile, una forte emotività che talvolta si traduce in palese difficoltà a proseguire autonomamente la comunicazione. Nello studio dei fenomeni letterari e storici vi è ancora, per la maggior parte del gruppo, difficoltà a cogliere la complessità dei fatti e delle relazioni e la dimensione di sistema, per cui si procede spesso ad una semplificazione eccessiva. Ci sono tuttavia negli studenti significative differenze: un gruppo esiguo di alunni, dotati di adeguate capacità logiche ed espressive, ha dimostrato di sapersi organizzare e di eseguire il proprio lavoro scolastico ma non sempre ha ottenuto risultati di livello a causa di un contesto classe molto aperto alla socialità ma poco sensibile all approfondimento e alla problematicità dei temi trattati ; un altro gruppo ha evidenziato difficoltà linguistico - espressive e di metodo di studio; un ultimo gruppo è stato discontinuo nell interesse e nella partecipazione in classe, ma anche nella continuità per lo studio: pertanto si presenta con diverse lacune conoscitive e difficoltà espressive. Gli obiettivi specifici delle discipline sono stati: - Miglioramento della lingua italiana orale e scritta; - Rafforzamento delle capacità espressive, di rielaborazione e logico critiche; - Acquisizione di conoscenze su fenomeni storici, autori, movimenti e dinamiche culturali di ampio respiro - Comprensione della complessità attraverso analisi su eventi storici, poetiche, esperienze letterarie e fenomeni sociali. - Produzione di testi scritti, anche in relazione alla tipologia prevista per la prima prova dell esame di stato. Modalità di verifica 6

7 Le verifiche per le due discipline sono state attuate attraverso il dibattito in classe, le interrogazioni individuali e gli interventi programmati. La verifica per la prima prova dell esame è stata fatta su temi argomentativi di letteratura e di attualità sul saggio breve e sull analisi del testo ecc. E stata fatta una simulazione della prima prova in sei ore di cui si allega griglia di valutazione. Valutazione Le produzioni orali e scritte sono state valutate in base a : correttezza espressiva, coesione e coerenza testuale, approfondimento tematico capacità di analisi e di sintesi; capacità di comprensione, di rielaborazione, di interpretazione e di valutazione. Programma di Italiano Argomenti trattati fino al 15 maggio 2014 Libri di testo : Baldi / Giussi La letteratura vol. 4 L età del Romanticismo, lo scenario, sintesi Giacomo Leopardi, La vita, il pensiero, la poetica Libro di testo: Baldi/ Giussi, L attualità della letteratura volume III L età postunitaria, lo scenario La contestazione ideologica e stilistica degli scapigliati Il romanzo nel secondo Ottocento in Europa: 1) Il Naturalismo francese, 2) Il Verismo italiano. G. Carducci: Vita, pensiero, ideologia e opere. G. Verga: vita, Pensiero, ideologia e opere. Il Decadentismo, lo scenario Baudelaire e i poeti simbolisti Il romanzo decadente G. D annunzio: vita, pensiero, poetica e opere G. Pascoli: vita, pensiero, poetica e opere Il Primo Novecento, lo scenario La stagione delle avanguardie: approfondimento su i futuristi. 7

8 La lirica del primo Novecento: I Crepuscolari Svevo: vita, pensiero, poetica e opere L. Pirandello: vita, pensiero, poetica e opere Tra le due guerre, lo scenario U. Saba: vita, pensiero, poetica e opere Programma svolto dal 15 maggio 2014 al temine delle attività G. Ungaretti: vita, pensiero, poetica e opere E. Montale: vita, pensiero, poetica e opere Lettura dei testi G. Leopardi: L infinito ; A Silvia, Il sabato del villaggio I. U. Tarchetti: da Fosca l attrazione della morte G. Carducci: da "Rime nuove" "Pianto antico", da "Odi barbare" "Alla stazione in una mattina d'autunno" G. Verga: da "Vita dei campi" "Rosso Malpelo", da "I Malavoglia, cap. XV" "La conclusione del romanzo: l'addio al mondo pre-moderno", da "Novelle rusticane" "La roba" C. Baudelaire: da "I fiori del male" : "Corrispondenze", "L'albatro", "Spleen" P. Verlaine: da "Un tempo e poco fa" "Languore" A. Rimbaud: da "Poesie" "Vocali" G. d'annunzio: da "Alcyone": "Le stirpi canore", "La pioggia nel pineto" G. Pascoli: da "Myricae": "Lavandare", "X agosto", "L'assiuolo", "Novembre", "Il lampo", da "Canti del Castelvecchio" "Il gelsomino notturno" F. T. Marinetti: "Manifesto del Futurismo" S. Corazzini: da "Piccolo libro inutile" "Desolazione del poeta sentimentale" D. Campana: da "Canti orfici" "L'invetriata" I. Svevo: da La coscienza di Zeno Psicanalisi 8

9 L. Pirandello: da "Novelle per un anno": "Ciàula scopre la luna", "Il treno ha fischiato" ; "Il fu Mattia Pascal" ; "Uno, nessuno e centomila", da "Maschere nude" "Il giuoco delle parti" U. Saba: dal Canzoniere La Capra, Trieste G. Ungaretti: da L allegria Veglia, Sono una creatura, i Fiumi Mattina Soldati E. Montale da Ossi di seppia Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere ho incontrato. Programma di storia Argomenti trattati fino al 15 maggio Libri di testo: Ciuffoletti, Baldocchi etc Dentro la storia volumi II e III Volume II Capitolo 10: La Costruzione dello stato nazionale italiano paragrafi 1/ 4 sintesi Capitolo 14: L Italia dai Governi della Sinistra all epoca di Giolitti, paragrafi 1/ 5 sintesi Volume III La Grande Guerra e il mutamento delle relazioni internazionali Capitolo 1 : 1914/18 Stati in guerra, uomini in guerra. Paragrafi 1/8 Capitolo 2 : Versailles o la pace difficile sintesi I totalitarismi e la crisi della democrazia in Europa ( ) Capitolo 3 Il comunismo in Russia tra Leni e Stalin. Paragrafi 1/ 8 Capitolo 4 Il dopoguerra in Italia e l avvento del fascismo. Paragrafi 1/6 Capitolo 5 Il fascismo al potere: gli anni Trenta. Paragrafi 1/8 Capitolo 6 Hitler e il regime nazista. Paragrafi 1/8 Le relazioni internazionali: verso l autodistruzione dell Europa Capitolo 8 : Dalla Grande crisi economica al crollo del sistema di Versailles Paragrafi 1, 2, 3, 5, 6, 7, 8. Capitolo 10 : La seconda Guerra mondiale. Paragrafi 1/5 Capitolo 11 : guerra totale, civili in guerra, guerra razziale. Paragrafi 1/3 La Guerra fredda ( 1945/ 1989) Programma svolto dal 15 maggio al termine delle attività Capitolo 12, capitolo 14 ( sintesi) 9

10 L Italia repubblicana 1945/ 2007 Capitoli 17 /20 (sintesi) FRANCESE ( 3 lingua ) A.S / 2014 Insegnante M. Luisa La Ferrara Obiettivi -Potenziamento e consolidamento delle quattro abilità di base -Acquisizione delle nozioni grammaticali fondamentali -Consolidamento del lessico e delle funzioni comunicative più frequenti -Approfondimento nella conoscenza della civiltà francese -Acquisizione di linguaggi settoriali ( letterario e turistico ) -Sviluppo delle capacità di analisi, elaborazione, sintesi, critica su testi di vario tipo Argomenti svolti Grammatica La causa La conseguenza La condizione La concessione L indefinito n importe L accordo del participio passato dei verbi pronominali La proposizione participiale al participio passato I connettivi logici Comunicazione Rimproverare, litigare e riconciliarsi Dare consigli Parlare della salute Esprimere sorpresa Civiltà Les Français et la télévision, p Vacances en France, p

11 Letteratura La femme Gustave Flaubert, p.10: Un coup de foudre inattendu (L éducation sentimentale), p.46 François Mauriac, p.53: Coupable ou victime? (Thérèse Desqueyroux), p.54 Simone de Beauvoir, (photocopie): On ne nait pas femme, on le devient (Le Deuxième sexe), (photocopie) La guerre Boris Vian, p.79: Le déserteur, p.81 Ahmadou Kourouma, p.82: Les enfants-soldats (Allah n est pas obligé), p.83 Elle s appelait Sarah, (visione del film basato sull omonimo romanzo di Tatiana De Rosnay) La liberté Paul Eluard, p76: Liberté (Poésie et vérité), p.98 Jean Anouilh, (photocopie): Antigone, lecture intégrale (la classe assiste all adattamento teatrale di M. Luconi) L absurde Albert Camus, (photocopie): L étranger, lecture intégrale Eugène Ionesco, (photocopie): Intérieur anglais (La cantatrice chauve), (photocopie) (la classe assiste alle prove teatrali della pièce) L exil Tahar Ben Jelloun, p.35: Ma nouvelle patrie (Les yeux baissés), p

12 Metodologia Lezione frontale, interattiva. Nel 1 trimestre si è completato più che altro lo studio delle strutture morfosintattiche; dal mese di gennaio si è iniziato lo studio della letteratura, partendo dalla lettura e dalla comprensione del testo,procedendo poi all analisi della forma e del contenuto, alle informazioni sull opera e sull autore. Gli alunni erano invitati ad esprimere le loro opinioni personali sia per sviluppare le capacità critiche, sia per migliorare le competenze linguistiche. Libri di testo utilizzati Manuale di lingua: A vrai dire 2 Testo di letteratura: De thème en thème Programma di conversazione Docente DECROOCQ Bérengerè Turismo : preparazione di un itinerario e lavori di simulazione in gruppo -itinerario nella città di Lione (a l agence de voyage) simulazione di un dialogo fra cliente/agente -lessico del turismo per valorizzare una città -lettura e analisi di un itinerarioin città -testo pubblicitario per la presentazione di una città(dépliant) -traduzione del lessico appropriato di un testo turistico(guide de voyage) -presentazione di un monumento -Parigi:storia, divisione amministrativa i monumenti -attività ludiche Il mondo del lavoro : -la lettera formale -il curriculum Modalità di verifica Per le verifiche sono stati utilizzati esercizi strutturati, questionari, comprensioni, produzioni. Nella valutazione si è tenuto conto della conoscenza degli argomenti, della proprietà lessicale, della correttezza formale, della fluidità dell espressione, della capacità di rielaborare, sintetizzare ed effettuare collegamenti, della pronuncia. Risultati ottenuti La classe, anche se generalmente non ha partecipato in maniera attiva alle lezioni, nella maggior parte dei casi ha mostrato tuttavia un impegno costante nello studio al fine di ottenere risultati soddisfacenti. A parte alcuni elementi con lacune pregresse non colmate o parzialmente colmate (dovute a uno studio non adeguato e/o a difficoltà nella comprensione e nell applicazione delle regole) che non hanno raggiunto un livello di piena 12

13 sufficienza soprattutto allo scritto, la classe ha conseguito risultati positivi, discreti o, come in alcuni casi, ottimi. PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA La classe molto unita ed in possesso di buone capacità, ha lavorato per l intero anno scolastico con impegno, mostrando interesse per la materia e partecipando in maniera attiva alle proposte didattiche. Un buon numero di allievi ha partecipato ad attività extracurriculari.in generale hanno migliorato le proprie capacità ed hanno raggiunto una certa consapevolezza dell importanza del movimento in uno stile di vita sano. Obiettivi L attività è stata indirizzata non tanto alla preparazione tecnica, quanto ad acquisire stili di vita e comportamenti che diano la giusta rilevanza all attività fisica come forma di prevenzione di malattie legate all ipocinesi e come abitudine che permette un equilibrato sviluppo della personalità psico-fisica. E stata svolta un attività tendente ad un progressivo miglioramento delle qualità fisiche ed è stato favorito l avviamento alla pratica sportiva, intesa come strumento di crescita e di prevenzione del disagio giovanile. Argomenti trattati Consolidamento della motricità di base nelle forme essenziali (correre, saltare, lanciare, arrampicarsi, ecc.).. Incremento delle capacità condizionali (velocità, forza, resistenza, mobilità articolare) e coordinative (destrezza, equilibrio, coordinazione), Conoscenza dei principali giochi di squadra (caratteristiche tecniche e regolamenti) ed acquisizione delle abilità fondamentali (tecniche e tattiche).la classe ha partecipato al torneo interno di calcetto maschile e pallavolo mista. Pronto soccorso: primo intervento e traumatologia. Le capacità condizionali: forza, velocità, resistenza, mobilità articolare. Cenni teorici (definizioni, metodi di allenamento) L efficienza fisica come obiettivo per raggiungere il benessere fisico e psichico La classe ha partecipato ad una conferenza su sostanze stupefacenti e doping nello sport. Su Affettività e sessualità e nutrizione dello sportivo. Modalità di verifica Si è effettuata un attenta osservazione delle difficoltà e dei progressi degli allievi, si sono effettuati alcuni test su capacità motorie specifiche. Inoltre la valutazione finale ha considerato l impegno, i contributi personali, le iniziative autonome, la partecipazione a gare o tornei in rappresentanza del nostro istituto. Per quanto riguarda la parte teorica sono stati somministrati questionari (a risposta chiusa e aperta). Strumenti utilizzati 13

14 Le attrezzature in dotazione alla palestra per la parte pratica e fotocopie di appunti del docente o articoli di vari autori per la parte teorica. Programma di Lingua inglese Testi adottati : New Literary Landscape ed.black Cat Tourism at Work ed.europass Business Globe ed. Petrini Sussidi didattici Lettore CD Aula multimediale Video in lingua originale Fotocopie di approfondimento Metodologie di recupero Recupero in itinere Metodologie didattiche Lezioni frontali Esercitazioni di gruppo Simulazioni Esercizi tradizionali aperti, semi-strutturati, strutturati Listening tests e note-taking activities Introduzione e obiettivi generali : Ogni alunno/a è in grado di capire il contenuto principale di testi su argomenti astratti e concreti nonché di comprendere una discussione nell ambito del suo campo di specializzazione. Sa inoltre comunicare con un grado di scorrevolezza e di spontaneità tali da permettere un interazione normale con chi parla la propria lingua madre, senza che ciò richieda strategie comunicative particolari. E in grado di esprimersi in modo chiaro e dettagliato su una vasta gamma di argomenti e di esporre un proprio punto di vista su una questione attuale, puntualizzando i lati positivi e quelli negativi. Obiettivi disciplinari : conoscenze -lessico generale e microlingua -strutture grammaticali e sintattiche -aspetti culturali, di civiltà e coerenti con l indirizzo competenze -gestire una conversazione generica o specifica 14

15 -comprendere testi generici o specifici -produrre testi scritti corretti e coerenti capacità -perfezionare il proprio metodo di lavoro -affrontare un problema cercando soluzioni Contenuti affrontati nell anno scolastico : Literature : Oscar Wilde : life, main works, themes, narrative technique The Picture of Dorian Gray : plot and features The Importance of Being Earnest : plot and features Joseph Conrad : life, themes and narrative technique Heart of Darkness : plot and features War Poets : Rupert Brooke : The Soldier commentary Wilfred Owen : Anthem for Doomed youth : commentary Virginia Woolf : life, main works, themes and narrative technique Mrs Dalloway : plot and features James Joyce : life, main works, themes, narrative techniques Dubliners : features Ulysses : plot and features George Orwell : life, main works, themes, narrative technique 1984 : plot and features Samuel Beckett : Waiting for Godot plot themes and features John Osborne : Look back in Anger plot themes and features Commerce : Module 5 trade documents.-orders -modifications Module 6 banking -reminders and problems 15

16 Module 7 Insurance and transport -dealing with complaints Tourism UNIT 11 : Entertainment UNIT 12 : Special Interest Holidays Videos in English with subtitles in English : The Picture of Dorian Gray Mrs Dalloway 1984 Programma svolto dalla lettrice Iris Gatt : Visione dei film in lingua originale con sottotitoli in inglese : The Holiday Che Pasticcio Bridget Jones Giudizio generale sulla classe : La classe ha raggiunto un profitto medio più che sufficiente. Tutti gli alunni/e hanno mostrato interesse, impegno e desiderio di approfondimento degli argomenti. Il comportamento è sempre stato serio e responsabile. LINGUA E CIVILTA TEDESCA Seconda lingua docente: Maria Gabriella Fabbri lettrice: Birgit Kröll Libri di testo : H.M.Marcks F.Marcks E.Vinci Abgemacht ed.hoepli Regine Delor Kultouren ed. Lang ARGOMENTI TRATTATI fino al 15 MAGGIO Wirtschaftssprache und Handelskorrespondenz Thema 3 Modul 1: Teilnahme an einer Messe (S.138) Aussteller auf einer Messe: Lösung der Probleme (S.139) Rollenspiel: Situationen (S ) Plan einer Messehalle (S.142) 16

17 Brief/Mail: Einladung zur Messe (S:147) Ein Zimmer im Hotel buchen (S.147/ S.150) Brief/Mail: die Bestellung (S: fotocopia) Stichwort ISO 9000 (S.155) Thema 3 Modul 2: Eine Grafik lesen: steigende und fallende Tendenz in der Wirtschaft beschreiben (S.170) Ein erfolgreicher Unternehmer: Fielmann (S.185) Interview mit einem Unternehmer Thema 4 Modul 1: Etappen einer Lieferung vom Lieferanten bis zum Verbraucher (S.202) Die Versandanzeige und der Versandauftrag (S.209) Wenn s mal schiefgeht..(s.231) Die Mängelrüge (S ) Thema 4 Modul 3 : Was kann man bei einer Bank alles machen? (S.250) Arten der Zahlung (S.251) Probleme bei der Zahlung: Situationen (S.254) Mahnung (S.257) Was macht eigentlich eine Bank? (fotocopia) An der Börse (fotocopia) Landeskunde Zuwanderung/Immigration in der BRD: fotocopia + video Weltmacht am Pranger articolo da Handelsblatt del 6/12/2013 Nach dem Mauerfall: film + PDF analisi film Good bye Lenin Schulsystem in der BRD und PISA Studie (Kultouren S ) Kafka : biografia e opere (approfondimento legato al viaggio di istruzione a Praga) Kunst: Beschreibung eines Gemäldes (fotocopia) Bildgeschichte (da Kultouren S ) Secessionen ( da Kultouren S ) Expressionismus (da Kultouren S ) Kino in Deutschland (da Kultouren S ) Expressionistischer Film - Merkmale (fotocopia) Nosferatu Metropolis : die Handlung (fotocopia) E stato inoltre letto il volume Jugend ohne Gott di Oedön von Horvàth Tourismus Studienreise / Hotelbeschreibung / Reiseverlauf (fotocopia) Prager Sehenswürdigkeiten - die TOP 10 (video) Die Nordsee (da Kultouren S.84-85) 17

18 Argomenti trattati in copresenza con la Lettrice Madrelingua 1. Die Stadt Berlin: Sehenswürdigkeiten und Geschichte der Stadt (Kultouren, S.64 67). 2. Die Teilung Deutschlands, die Stunde Null, der Kalte Krieg (Kultouren, S.70 71). 3. Die Mauer durch Berlin: Allgemeine Daten (Daten, Länge, Höhe, usw.); die Gründe für den Bau der Berliner Mauer; Bewachung der Mauer und Fluchtversuche; Konsequenzen des Mauerbaus; Glasnost und Perestrojka: der Fall der Berliner Mauer (Kultouren, S e 74-75; Film: Good Bye Lenin; Fotocopia da Meine Autoren di Giorgio Motta, pag. 34, Der Mauerbau ). 4. Die DDR- Schriftstellerin Christa Wolf: Leben, Politik, Leben in der DDR (Stasi, Reisefreiheit, Reformen, usw.) und Werke; Der geteilte Himmel, Erzählung: Portrait der Protagonisten, Gründe für ihr Handeln und die Konsequenzen, Bedeutung des Mauerbaus für die Protagonisten, die Beziehung zwischen den beiden Hauptfiguren (Fotocopie da Meine Autoren di Giorgio Motta, pagg , Christa Wolf). 5. Die Entstehung des Dritten Reiches, Machtübernahme Hitlers; der Zweite Weltkrieg; Holocaust, Terror, Widerstand; Literatur, Kunst und Kultur während des Nationalsozialismus: Bücherverbrennung, Schreibverbot/Berufsverbot, politische Verfolgung, Emigration und Exil, Aktivitäten gegen das Nazi-Regime im Ausland, die innere Emigration am Beispiel von Erich Kästner; (Kultouren S , e ; Fotocopia da Meine Autoren di Giorgio Motta, pag. 146, Hitlers Machtergreifung und die Exilliteratur, Arbeitsblatt) 6. Der Film zum Thema Exil und Exilliteratur: Ich will dich, Begegnungen mit Hilde Domin, von Anna Ditges: Biographische Daten, Gründe für die Emigration und die Umstände, Rückkehr nach Deutschland (2 fotocopie e un Arbeitsblatt: Biografia e contenuti del film). ARGOMENTI DA SVOLGERE DOPO IL 15 MAGGIO In generale il programma risulta concluso. Verrà approfondito il settore turismo utilizzando ulteriori offerte di viaggio e verrà completato un testo riguardante l espressionismo GEOGRAFIA ECONOMICA 18

19 Obiettivi: a. Conoscere: la distribuzione della popolazione mondiale; le trasformazioni nel tempo e lo sviluppo delle tecniche agricole; la diffusione dell'industria nel tempo; gli strumenti attraverso i quali si realizza la cooperazione internazionale; lo sviluppo del terziario e la classificazione del settore; l evoluzione del turismo e dei mezzi di comunicazione di massa; le tappe fondamentali attraverso le quali si è venuto formando il quadro geopolitico attuale; b. individuare i fenomeni che incidono sulle dinamiche demografiche; c. comprendere le dinamiche dello scambio ineguale; classificare le risorse; d. saper analizzare il rapporto uomo ambiente; e. acquisire i contenuti; potenziare le capacità di ragionamento e di rielaborazione; potenziare le abilità linguistiche ed espressive e l uso dei termini appropriati. Argomenti trattati L inquinamento ed i rifiuti Il cambiamento climatico L acqua dolce La biodiversità 1 L energia Le fonti di energia Le fonti rinnovabili Le fonti non rinnovabili 2 La geopolitica I diritti umani La globalizzazione 3 La vita Demografia La salute Le condizioni di lavoro Le emigrazioni L educazione 4 Economia e sviluppo tecnologico L agricoltura L industria 19

20 Un percorso nei secoli più recenti Le multinazionali 5 I servizi Il protezionismo ed il libero commercio I trasporti Il turismo 6 Povertà e squilibri La geografia della povertà Economia sommersa, economia illegale e criminale Il mercato mondiale della droga Libro di testo: Terre, popoli, culture Problemi globali Autori: Gianni e Francesco SOFRI Casa ed. : ZANICHELLI Metodologia Utilizzo del libro di testo, atlante geografico. Lettura e discussioni di articoli tratti da quotidiani e periodici. Modalità di verifica Le verifiche sono state orali e minimo due per ogni quadrimestre. Risultati ottenuti Tutti gli allievi hanno mostrato interesse e partecipazione attiva agli argomenti trattati. Lo studio è stato, generalmente, preciso e puntuale. I risultati ottenuti dalla classe sono mediamente discreti. Con riferimento alle competenze specifiche, si sottolinea l acquisizione, da parte degli allievi, di un corretto lessico ed una soddisfacente capacità espositiva. RELAZIONE DEL PROF BRUNO, DOCENTE DI DIRITTO E DI ECONOMIA 20

21 DELL AZIENDA SULLA CLASSE 5AE E SUL PROGRAMMA, A,S LIBRO DI TESTO : PAOLO DELLA VALENTINA PERCORSI DI DIRITTO ED ECONOMIA DELL AZIENDA 3 Classe V, editore TRAMONTANA 2. OBBIETTIVI DISCIPINARI RAGGIUNTI: IL PROGRAMMA E STATO SVOLTO TENENDO CONTO DELL INDIRIZZO DI STUDI E SONO STATI PARTICOLARMENTE APPROFONDITI GLI ARGOMENTI SUL BILANCIO, L UNITA DIDATTICA SULLE BANCHE E IN PARTICOLARE LE OPERAZIONI DI RACCOLTA E DI IMPIEGO FONDI, SONO STATI TRATTATI IN MODO PIU ELEMENTARE IL TURISMO ED I TRASPORTI. ALCUNI ARGOMENTI SONO STATI TRATTATI PIU IN GENERALE (ALCUNI NON SVOLTI) PERCHE SI E PREFERITO RIPETERE E RIESAMINARE LE PARTI PRINCIPALI DEL PROGRAMMA PER FAVORIRE UN MAGGIOR APPRENDIMENTO E PER FAR ACQUISIRE MAGGIORE SICUREZZA AGLI ALLIEVI. 3. METODI DIDATTICI ADOTTATI: LEZIONE FRONTALE E RIFERIMENTI AGLI ARGOMENTI DEL TESTO, LEZIONE PARTECIPATA E PROBLEM SOLVING AL FINE DI SOLLECITARE L INTERESSE, LA PARTECIPAZIONE DEGLI ALLIEVI E UN APPRENDIMENTO RAGIONATO DELLA DISCIPLINA. SI E POTUTO UTILIZZARE CON GRAN PROFITTO IL METODO DEI LAVORI IN GRUPPI ETEROGENEI DATO IL BUON NUMERO DI ALLIEVI CON ELEVATE CAPACITA E FORTE MOTIVAZIONE. SI SONO SVOLTE NUMEROSE ESERCITAZIONI E TUTTI GLI ARGOMENTI SONO STATI TRATTATI CON IL RAGIONATO UTILIZZO DI DATI A SCELTA, PER ABITUARE GLI ALUNNI ALLA EVENTUALE TIPOLOGIA DI PROVA DI ESAME. 4. STRUMENTI DI INSEGNAMENTO (laboratori, attrezzature, tecnologie audiovisive o multimediali) PRINCIPALMENTE TESTO ADOTTATO SCHEMI RIEPILOGATIVI FOTOCOPIE DI ESERCIZI MIRATI CON DIFFICOLTA GRADUALE UTILIZZO DI FOTOCOPIE E LETTURA E COMMENTO DI QUOTIDIANI CODICE CIVILE LABORATORIO DI INFORMATICA CON USO DI INTERNET 5. PROVE DI VERIFICA. MEDIAMENTE TRE PROVE SCRITTE E DUE PROVE ORALI NEL TRIMESTRE, 4 PROVE SCRITTE E DUE PROVE ORALI NEL PENTAMESTRE. SI E FATTO RICORSO AL METODO DELLE INTERROGAZIONI PROGRAMMATE, PER ABITUARE GLI ALLIEVI ALLE PROVE DI ESAME 6. ATTIVITA INTEGRATIVE: NON SONO STATI NECESSARI LO SPORTELLO O CORSI DI RECUPERO. 7. GIUDIZIO COMPLESSIVO SULLA CLASSE ( impegno, frequenza, rapporti interpersonali, eventuali problemi disciplinari) TUTTA LA CLASSE SI E DISTINTA PER INTERESSE E COLLABORAZIONE ATTIVA ALLA MIA AZIONE DIDATTICA. NATURALMENTE NELLA CLASSE SI 21

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli