DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. GRAMSCI - J. M. KEYNES INDIRIZZO GEOMETRI: ORDINAMENTO EDILE TERRITORIALE PROGETTO CINQUE INDIRIZZO COMMERCIALE: IGEA - ERICA LICEO SCIENTIFICO: ORDINAMENTO SPERIMENTALE BILINGUE DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (relativo all azione educativa e didattica realizzata nell ultimo anno di corso, ai sensi dell art. 6 dell O.M. n. 43 dell' ) CLASSE QUINTA - SEZ. A erica_ Anno Scolastico 2013/2014 1

2 5 AE ERICA I DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Pr. Nome Materie FIRME 1 BARDUCCI STEFANO MATEM. INF.E LAB. 2 BRUNO GIUSEPPE DIRITTO ECON.PER L'A 3 DECROOCQ BERENGERE Conv. Francese 4 FABBRI MARIA GABRIELLA TEDESCO II LINGUA 5 GAMMAROTA ELISA STORIA DELL'ARTE E T 6 GATT IRIS Conv. Inglese 7 KROLL BIRGIT MARGRET Conv. Tedesco 8 LAFERRARA MARIA LUISA FRANCESE III LINGUA 9 LORENZO GIUSEPPE MARIO ITALIANO,STORIA 10 MALLIA MARIA GEOGRAFIA 11 MAZZONI SIMONETTA ED.FISICA 12 SCHWARZER ROBERTO(*) INGLESE 13 VANNUCCHI RENZA RELIGIONE I RAPPRESENTANTI DI CLASSE Pr. Nome FIRME 1 BRAGAGNI MARTINA 2 CIPRIANI CAMILLA IL DIRIGENTE SCOLASTICO Pr. Nome FIRMA 1 TEMPESTI GRAZIA MARIA 2

3 ALUNNI ISCRITTI E FREQUENTANTI N. cognome Nome Classe sezione Data di nascita sesso 1 AMATO CRISTINA 5 AE 27/01/1995 F 2 ANDRESSI LAVINIA 5 AE 08/10/1995 F 3 ARCORIO MARIATERESA 5 AE 25/11/1995 F 4 BAMBI MELISSA 5 AE 14/09/1994 F 5 BELLINI JESSICA 5 AE 24/01/1995 F 6 BIANCIARDI GEMMA ARIANNA 5 AE 29/09/1995 F 7 BRAGAGNI MARTINA 5 AE 20/04/1995 F 8 CARDELLI STELLA 5 AE 29/10/1994 F 9 CARLESI WILLIAM 5 AE 19/10/1995 M 10 CHIARINI FABIANA 5 AE 01/12/1993 F 11 CIPRIANI CAMILLA 5 AE 18/07/1995 F 12 DELLAROLLE LAURA 5 AE 22/05/1995 F 13 DUGO SIMONE 5 AE 10/05/1995 M 14 FRATI NICCOLO' 5 AE 22/08/1995 M 15 GHIDINI LORENZO 5 AE 15/12/1993 M 16 GIANNOZZI GIULIA 5 AE 13/03/1994 F 17 LIN HUALING 5 AE 23/04/1995 F 18 MASTROPIERI ILARIA 5 AE 29/07/1995 F 19 NERETTI SARA 5 AE 28/08/1995 F 20 NIKOLLI ANTON 5 AE 19/06/1995 M 21 PICCINI CHIARA 5 AE 03/08/1995 F 22 RICCIO DESIREE 5 AE 09/07/1995 F 23 RUSSO FRANCESCO 5 AE 23/03/1995 M 24 RUTIGLIANO CHIARA 5 AE 18/08/1995 F 25 VAROCCHI ELEONORA 5 AE 18/05/1995 F 3

4 PROFILO DELL INDIRIZZO E.R.I.C.A. Le abilità e le conoscenze diffusamente richieste a queste figure professionali, sotto l aspetto della formazione linguistica sono: 1. Conversazione al telefono ; 2. Interazione verbale diretta; 3. Traduzione da e nella lingua straniera; 4. Utilizzo di linguaggi settoriali nel codice orale e nel codice scritto sia dal punto di vista ricettivo sia produttivo; 5. Redazione di corrispondenza commerciale; 6. Riassumere in modo efficace documenti di carattere economico e commerciale 7. Conoscenza dei codici culturali e degli assetti istituzionali delle nazioni straniere di cui si usa la lingua. La competenze linguistiche, che costituiscono una base di professionalità, devono essere tuttavia accompagnate da una lato dalla visione sistemica dell azienda e dei suoi sottosistemi e dalle conoscenze relativa all organizzazione amministrativa all interno dei vari settori di operatività; dall altro da una serie di abilità, conoscenze ed atteggiamenti, che è necessario sviluppare per una corretta definizione della figura professionale: 8. Capacità di controllare in modo non specialistico situazioni complesse; 9. Capacità di avvicinarsi ai problemi con flessibilità e padronanza dei metodi; 10. Capacità di inquadrare il problema in un contesto generale, prima puramente tecnico, quindi anche organizzativo e possibilmente economico; 11. Capacità di registrare e organizzare dati e informazioni utilizzando strumenti informatici; 12. Capacità di utilizzare i depositi dell informazione: archivi, schedari, dossier, banche dati, e le centrali di informazione (stampa, radio, sistemi informativi integrati); 13. Capacità di lavorare sia in maniera autonoma sia in équipe; 14. Flessibilità e capacità di adattamento a situazioni nuove e attitudine all autoapprendimento. Inoltre, un tratto essenziale che si richiede a persone che devono avere frequenti rapporti diretti col pubblico è la correttezza di comportamento, la disponibilità nei confronti degli altri e la capacità di cogliere i loro problemi, il rispetto delle opinioni altrui, la disinvoltura nei rapporti interpersonali, la capacità di mettere in atto tecniche di comunicazione adeguate al contesto, all interlocutore e alla situazione, la capacità di ascoltare gli altri senza pregiudizi o filtri di carattere affettivo o cognitivo ed infine la puntualità e la precisione. 4

5 Presetaie dea Casse La classe 5 A erica è composta da 25 alunni e si presenta abbastanza omogenea sia per le discrete capacità che per l apprezzabile disponibilità e duttilità di quasi tutti gli alunni. Nel corso del triennio la classe è migliorata per quanto riguarda la socializzazione attraverso frequenti lavori di gruppo, uscite didattiche, scambi culturali(stoccarda,lione), viaggi di istruzione (Barcellona e Praga) e alcuni mirati interventi di recupero. Ciò ha favorito anche una crescita generale del gruppo classe, con positive ricadute anche sul metodo di studio. Questo processo di sviluppo è stato facilitato dal carattere aperto e indipendente della maggioranza degli alunni che ha permesso lavori di ricerca autonoma di vario tipo e in varie discipline, ma anche dalla loro disponibilità attenta e volenterosa. Sul piano culturale la maggior parte delle aspettative dei docenti sono state soddisfatte, soprattutto per quanto riguarda interesse, capacità di studio e autonomia, benché in certi casi di tipo più esecutivo che propositivo. Qualche limite ha invece registrato la partecipazione alla lezione, che solo per alcuni alunni ha visto una presenza attiva e personale nel dialogo educativo, limitandosi invece per altri ad un interesse ricettivo e ad una generale disponibilità. Perciò la rielaborazione delle varie tematiche, in particolare dei contenuti storico-letterari di diverse discipline ha raggiunto livelli individuali differenziati, mentre le materie di tipo tecnico matematico hanno registrato tendenzialmente risultati nel complesso soddisfacenti con qualche differenziazione in matematica. Si evidenziano limitate situazioni di alunni il cui impegno è stato discontinuo e perciò i risultati raggiunti sono sulla sufficienza. Un gruppo di alunni, con lo studio tenace e costante, guidato da un forte interesse e da brillanti capacità, ha conseguito una preparazione ampia, puntuale e approfondita in alcune discipline. Alcuni studenti non hanno raggiunto quella piena sicurezza che favorisce la valorizzazione della propria competenza, comunque basata su conoscenze abbastanza ampie e articolate. 5

6 RELAZIONE FINALE D ITALIANO E STORIA Libro di testo di storia della letteratura: Baldi /Giusto La letteratura volume 4 e L attualità della letteratura vol. III, Paravia Libro di storia: Ciuffoletti, Baldocchi etc Dentro la storia volumi II e III, D Anna editrice Docente: prof. Giuseppe Lorenzo La classe, composta da 25 alunni, ha avuto, nel corso di quest ultimo anno del percorso di studio, una crescita significativa sul piano educativo - formativo e un sensibile miglioramento sul piano dell apprendimento. Questo tuttavia non significa che si possa parlare di piena maturazione sul piano del metodo di studio e di risultati soddisfacenti sul piano linguistico espressivo. Ci sono ancora da parte di molti studenti carenze sia nella produzione scritta sia nella comunicazione orale. In particolare per quest ultima prevale, soprattutto nella componente femminile, una forte emotività che talvolta si traduce in palese difficoltà a proseguire autonomamente la comunicazione. Nello studio dei fenomeni letterari e storici vi è ancora, per la maggior parte del gruppo, difficoltà a cogliere la complessità dei fatti e delle relazioni e la dimensione di sistema, per cui si procede spesso ad una semplificazione eccessiva. Ci sono tuttavia negli studenti significative differenze: un gruppo esiguo di alunni, dotati di adeguate capacità logiche ed espressive, ha dimostrato di sapersi organizzare e di eseguire il proprio lavoro scolastico ma non sempre ha ottenuto risultati di livello a causa di un contesto classe molto aperto alla socialità ma poco sensibile all approfondimento e alla problematicità dei temi trattati ; un altro gruppo ha evidenziato difficoltà linguistico - espressive e di metodo di studio; un ultimo gruppo è stato discontinuo nell interesse e nella partecipazione in classe, ma anche nella continuità per lo studio: pertanto si presenta con diverse lacune conoscitive e difficoltà espressive. Gli obiettivi specifici delle discipline sono stati: - Miglioramento della lingua italiana orale e scritta; - Rafforzamento delle capacità espressive, di rielaborazione e logico critiche; - Acquisizione di conoscenze su fenomeni storici, autori, movimenti e dinamiche culturali di ampio respiro - Comprensione della complessità attraverso analisi su eventi storici, poetiche, esperienze letterarie e fenomeni sociali. - Produzione di testi scritti, anche in relazione alla tipologia prevista per la prima prova dell esame di stato. Modalità di verifica 6

7 Le verifiche per le due discipline sono state attuate attraverso il dibattito in classe, le interrogazioni individuali e gli interventi programmati. La verifica per la prima prova dell esame è stata fatta su temi argomentativi di letteratura e di attualità sul saggio breve e sull analisi del testo ecc. E stata fatta una simulazione della prima prova in sei ore di cui si allega griglia di valutazione. Valutazione Le produzioni orali e scritte sono state valutate in base a : correttezza espressiva, coesione e coerenza testuale, approfondimento tematico capacità di analisi e di sintesi; capacità di comprensione, di rielaborazione, di interpretazione e di valutazione. Programma di Italiano Argomenti trattati fino al 15 maggio 2014 Libri di testo : Baldi / Giussi La letteratura vol. 4 L età del Romanticismo, lo scenario, sintesi Giacomo Leopardi, La vita, il pensiero, la poetica Libro di testo: Baldi/ Giussi, L attualità della letteratura volume III L età postunitaria, lo scenario La contestazione ideologica e stilistica degli scapigliati Il romanzo nel secondo Ottocento in Europa: 1) Il Naturalismo francese, 2) Il Verismo italiano. G. Carducci: Vita, pensiero, ideologia e opere. G. Verga: vita, Pensiero, ideologia e opere. Il Decadentismo, lo scenario Baudelaire e i poeti simbolisti Il romanzo decadente G. D annunzio: vita, pensiero, poetica e opere G. Pascoli: vita, pensiero, poetica e opere Il Primo Novecento, lo scenario La stagione delle avanguardie: approfondimento su i futuristi. 7

8 La lirica del primo Novecento: I Crepuscolari Svevo: vita, pensiero, poetica e opere L. Pirandello: vita, pensiero, poetica e opere Tra le due guerre, lo scenario U. Saba: vita, pensiero, poetica e opere Programma svolto dal 15 maggio 2014 al temine delle attività G. Ungaretti: vita, pensiero, poetica e opere E. Montale: vita, pensiero, poetica e opere Lettura dei testi G. Leopardi: L infinito ; A Silvia, Il sabato del villaggio I. U. Tarchetti: da Fosca l attrazione della morte G. Carducci: da "Rime nuove" "Pianto antico", da "Odi barbare" "Alla stazione in una mattina d'autunno" G. Verga: da "Vita dei campi" "Rosso Malpelo", da "I Malavoglia, cap. XV" "La conclusione del romanzo: l'addio al mondo pre-moderno", da "Novelle rusticane" "La roba" C. Baudelaire: da "I fiori del male" : "Corrispondenze", "L'albatro", "Spleen" P. Verlaine: da "Un tempo e poco fa" "Languore" A. Rimbaud: da "Poesie" "Vocali" G. d'annunzio: da "Alcyone": "Le stirpi canore", "La pioggia nel pineto" G. Pascoli: da "Myricae": "Lavandare", "X agosto", "L'assiuolo", "Novembre", "Il lampo", da "Canti del Castelvecchio" "Il gelsomino notturno" F. T. Marinetti: "Manifesto del Futurismo" S. Corazzini: da "Piccolo libro inutile" "Desolazione del poeta sentimentale" D. Campana: da "Canti orfici" "L'invetriata" I. Svevo: da La coscienza di Zeno Psicanalisi 8

9 L. Pirandello: da "Novelle per un anno": "Ciàula scopre la luna", "Il treno ha fischiato" ; "Il fu Mattia Pascal" ; "Uno, nessuno e centomila", da "Maschere nude" "Il giuoco delle parti" U. Saba: dal Canzoniere La Capra, Trieste G. Ungaretti: da L allegria Veglia, Sono una creatura, i Fiumi Mattina Soldati E. Montale da Ossi di seppia Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere ho incontrato. Programma di storia Argomenti trattati fino al 15 maggio Libri di testo: Ciuffoletti, Baldocchi etc Dentro la storia volumi II e III Volume II Capitolo 10: La Costruzione dello stato nazionale italiano paragrafi 1/ 4 sintesi Capitolo 14: L Italia dai Governi della Sinistra all epoca di Giolitti, paragrafi 1/ 5 sintesi Volume III La Grande Guerra e il mutamento delle relazioni internazionali Capitolo 1 : 1914/18 Stati in guerra, uomini in guerra. Paragrafi 1/8 Capitolo 2 : Versailles o la pace difficile sintesi I totalitarismi e la crisi della democrazia in Europa ( ) Capitolo 3 Il comunismo in Russia tra Leni e Stalin. Paragrafi 1/ 8 Capitolo 4 Il dopoguerra in Italia e l avvento del fascismo. Paragrafi 1/6 Capitolo 5 Il fascismo al potere: gli anni Trenta. Paragrafi 1/8 Capitolo 6 Hitler e il regime nazista. Paragrafi 1/8 Le relazioni internazionali: verso l autodistruzione dell Europa Capitolo 8 : Dalla Grande crisi economica al crollo del sistema di Versailles Paragrafi 1, 2, 3, 5, 6, 7, 8. Capitolo 10 : La seconda Guerra mondiale. Paragrafi 1/5 Capitolo 11 : guerra totale, civili in guerra, guerra razziale. Paragrafi 1/3 La Guerra fredda ( 1945/ 1989) Programma svolto dal 15 maggio al termine delle attività Capitolo 12, capitolo 14 ( sintesi) 9

10 L Italia repubblicana 1945/ 2007 Capitoli 17 /20 (sintesi) FRANCESE ( 3 lingua ) A.S / 2014 Insegnante M. Luisa La Ferrara Obiettivi -Potenziamento e consolidamento delle quattro abilità di base -Acquisizione delle nozioni grammaticali fondamentali -Consolidamento del lessico e delle funzioni comunicative più frequenti -Approfondimento nella conoscenza della civiltà francese -Acquisizione di linguaggi settoriali ( letterario e turistico ) -Sviluppo delle capacità di analisi, elaborazione, sintesi, critica su testi di vario tipo Argomenti svolti Grammatica La causa La conseguenza La condizione La concessione L indefinito n importe L accordo del participio passato dei verbi pronominali La proposizione participiale al participio passato I connettivi logici Comunicazione Rimproverare, litigare e riconciliarsi Dare consigli Parlare della salute Esprimere sorpresa Civiltà Les Français et la télévision, p Vacances en France, p

11 Letteratura La femme Gustave Flaubert, p.10: Un coup de foudre inattendu (L éducation sentimentale), p.46 François Mauriac, p.53: Coupable ou victime? (Thérèse Desqueyroux), p.54 Simone de Beauvoir, (photocopie): On ne nait pas femme, on le devient (Le Deuxième sexe), (photocopie) La guerre Boris Vian, p.79: Le déserteur, p.81 Ahmadou Kourouma, p.82: Les enfants-soldats (Allah n est pas obligé), p.83 Elle s appelait Sarah, (visione del film basato sull omonimo romanzo di Tatiana De Rosnay) La liberté Paul Eluard, p76: Liberté (Poésie et vérité), p.98 Jean Anouilh, (photocopie): Antigone, lecture intégrale (la classe assiste all adattamento teatrale di M. Luconi) L absurde Albert Camus, (photocopie): L étranger, lecture intégrale Eugène Ionesco, (photocopie): Intérieur anglais (La cantatrice chauve), (photocopie) (la classe assiste alle prove teatrali della pièce) L exil Tahar Ben Jelloun, p.35: Ma nouvelle patrie (Les yeux baissés), p

12 Metodologia Lezione frontale, interattiva. Nel 1 trimestre si è completato più che altro lo studio delle strutture morfosintattiche; dal mese di gennaio si è iniziato lo studio della letteratura, partendo dalla lettura e dalla comprensione del testo,procedendo poi all analisi della forma e del contenuto, alle informazioni sull opera e sull autore. Gli alunni erano invitati ad esprimere le loro opinioni personali sia per sviluppare le capacità critiche, sia per migliorare le competenze linguistiche. Libri di testo utilizzati Manuale di lingua: A vrai dire 2 Testo di letteratura: De thème en thème Programma di conversazione Docente DECROOCQ Bérengerè Turismo : preparazione di un itinerario e lavori di simulazione in gruppo -itinerario nella città di Lione (a l agence de voyage) simulazione di un dialogo fra cliente/agente -lessico del turismo per valorizzare una città -lettura e analisi di un itinerarioin città -testo pubblicitario per la presentazione di una città(dépliant) -traduzione del lessico appropriato di un testo turistico(guide de voyage) -presentazione di un monumento -Parigi:storia, divisione amministrativa i monumenti -attività ludiche Il mondo del lavoro : -la lettera formale -il curriculum Modalità di verifica Per le verifiche sono stati utilizzati esercizi strutturati, questionari, comprensioni, produzioni. Nella valutazione si è tenuto conto della conoscenza degli argomenti, della proprietà lessicale, della correttezza formale, della fluidità dell espressione, della capacità di rielaborare, sintetizzare ed effettuare collegamenti, della pronuncia. Risultati ottenuti La classe, anche se generalmente non ha partecipato in maniera attiva alle lezioni, nella maggior parte dei casi ha mostrato tuttavia un impegno costante nello studio al fine di ottenere risultati soddisfacenti. A parte alcuni elementi con lacune pregresse non colmate o parzialmente colmate (dovute a uno studio non adeguato e/o a difficoltà nella comprensione e nell applicazione delle regole) che non hanno raggiunto un livello di piena 12

13 sufficienza soprattutto allo scritto, la classe ha conseguito risultati positivi, discreti o, come in alcuni casi, ottimi. PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA La classe molto unita ed in possesso di buone capacità, ha lavorato per l intero anno scolastico con impegno, mostrando interesse per la materia e partecipando in maniera attiva alle proposte didattiche. Un buon numero di allievi ha partecipato ad attività extracurriculari.in generale hanno migliorato le proprie capacità ed hanno raggiunto una certa consapevolezza dell importanza del movimento in uno stile di vita sano. Obiettivi L attività è stata indirizzata non tanto alla preparazione tecnica, quanto ad acquisire stili di vita e comportamenti che diano la giusta rilevanza all attività fisica come forma di prevenzione di malattie legate all ipocinesi e come abitudine che permette un equilibrato sviluppo della personalità psico-fisica. E stata svolta un attività tendente ad un progressivo miglioramento delle qualità fisiche ed è stato favorito l avviamento alla pratica sportiva, intesa come strumento di crescita e di prevenzione del disagio giovanile. Argomenti trattati Consolidamento della motricità di base nelle forme essenziali (correre, saltare, lanciare, arrampicarsi, ecc.).. Incremento delle capacità condizionali (velocità, forza, resistenza, mobilità articolare) e coordinative (destrezza, equilibrio, coordinazione), Conoscenza dei principali giochi di squadra (caratteristiche tecniche e regolamenti) ed acquisizione delle abilità fondamentali (tecniche e tattiche).la classe ha partecipato al torneo interno di calcetto maschile e pallavolo mista. Pronto soccorso: primo intervento e traumatologia. Le capacità condizionali: forza, velocità, resistenza, mobilità articolare. Cenni teorici (definizioni, metodi di allenamento) L efficienza fisica come obiettivo per raggiungere il benessere fisico e psichico La classe ha partecipato ad una conferenza su sostanze stupefacenti e doping nello sport. Su Affettività e sessualità e nutrizione dello sportivo. Modalità di verifica Si è effettuata un attenta osservazione delle difficoltà e dei progressi degli allievi, si sono effettuati alcuni test su capacità motorie specifiche. Inoltre la valutazione finale ha considerato l impegno, i contributi personali, le iniziative autonome, la partecipazione a gare o tornei in rappresentanza del nostro istituto. Per quanto riguarda la parte teorica sono stati somministrati questionari (a risposta chiusa e aperta). Strumenti utilizzati 13

14 Le attrezzature in dotazione alla palestra per la parte pratica e fotocopie di appunti del docente o articoli di vari autori per la parte teorica. Programma di Lingua inglese Testi adottati : New Literary Landscape ed.black Cat Tourism at Work ed.europass Business Globe ed. Petrini Sussidi didattici Lettore CD Aula multimediale Video in lingua originale Fotocopie di approfondimento Metodologie di recupero Recupero in itinere Metodologie didattiche Lezioni frontali Esercitazioni di gruppo Simulazioni Esercizi tradizionali aperti, semi-strutturati, strutturati Listening tests e note-taking activities Introduzione e obiettivi generali : Ogni alunno/a è in grado di capire il contenuto principale di testi su argomenti astratti e concreti nonché di comprendere una discussione nell ambito del suo campo di specializzazione. Sa inoltre comunicare con un grado di scorrevolezza e di spontaneità tali da permettere un interazione normale con chi parla la propria lingua madre, senza che ciò richieda strategie comunicative particolari. E in grado di esprimersi in modo chiaro e dettagliato su una vasta gamma di argomenti e di esporre un proprio punto di vista su una questione attuale, puntualizzando i lati positivi e quelli negativi. Obiettivi disciplinari : conoscenze -lessico generale e microlingua -strutture grammaticali e sintattiche -aspetti culturali, di civiltà e coerenti con l indirizzo competenze -gestire una conversazione generica o specifica 14

15 -comprendere testi generici o specifici -produrre testi scritti corretti e coerenti capacità -perfezionare il proprio metodo di lavoro -affrontare un problema cercando soluzioni Contenuti affrontati nell anno scolastico : Literature : Oscar Wilde : life, main works, themes, narrative technique The Picture of Dorian Gray : plot and features The Importance of Being Earnest : plot and features Joseph Conrad : life, themes and narrative technique Heart of Darkness : plot and features War Poets : Rupert Brooke : The Soldier commentary Wilfred Owen : Anthem for Doomed youth : commentary Virginia Woolf : life, main works, themes and narrative technique Mrs Dalloway : plot and features James Joyce : life, main works, themes, narrative techniques Dubliners : features Ulysses : plot and features George Orwell : life, main works, themes, narrative technique 1984 : plot and features Samuel Beckett : Waiting for Godot plot themes and features John Osborne : Look back in Anger plot themes and features Commerce : Module 5 trade documents.-orders -modifications Module 6 banking -reminders and problems 15

16 Module 7 Insurance and transport -dealing with complaints Tourism UNIT 11 : Entertainment UNIT 12 : Special Interest Holidays Videos in English with subtitles in English : The Picture of Dorian Gray Mrs Dalloway 1984 Programma svolto dalla lettrice Iris Gatt : Visione dei film in lingua originale con sottotitoli in inglese : The Holiday Che Pasticcio Bridget Jones Giudizio generale sulla classe : La classe ha raggiunto un profitto medio più che sufficiente. Tutti gli alunni/e hanno mostrato interesse, impegno e desiderio di approfondimento degli argomenti. Il comportamento è sempre stato serio e responsabile. LINGUA E CIVILTA TEDESCA Seconda lingua docente: Maria Gabriella Fabbri lettrice: Birgit Kröll Libri di testo : H.M.Marcks F.Marcks E.Vinci Abgemacht ed.hoepli Regine Delor Kultouren ed. Lang ARGOMENTI TRATTATI fino al 15 MAGGIO Wirtschaftssprache und Handelskorrespondenz Thema 3 Modul 1: Teilnahme an einer Messe (S.138) Aussteller auf einer Messe: Lösung der Probleme (S.139) Rollenspiel: Situationen (S ) Plan einer Messehalle (S.142) 16

17 Brief/Mail: Einladung zur Messe (S:147) Ein Zimmer im Hotel buchen (S.147/ S.150) Brief/Mail: die Bestellung (S: fotocopia) Stichwort ISO 9000 (S.155) Thema 3 Modul 2: Eine Grafik lesen: steigende und fallende Tendenz in der Wirtschaft beschreiben (S.170) Ein erfolgreicher Unternehmer: Fielmann (S.185) Interview mit einem Unternehmer Thema 4 Modul 1: Etappen einer Lieferung vom Lieferanten bis zum Verbraucher (S.202) Die Versandanzeige und der Versandauftrag (S.209) Wenn s mal schiefgeht..(s.231) Die Mängelrüge (S ) Thema 4 Modul 3 : Was kann man bei einer Bank alles machen? (S.250) Arten der Zahlung (S.251) Probleme bei der Zahlung: Situationen (S.254) Mahnung (S.257) Was macht eigentlich eine Bank? (fotocopia) An der Börse (fotocopia) Landeskunde Zuwanderung/Immigration in der BRD: fotocopia + video Weltmacht am Pranger articolo da Handelsblatt del 6/12/2013 Nach dem Mauerfall: film + PDF analisi film Good bye Lenin Schulsystem in der BRD und PISA Studie (Kultouren S ) Kafka : biografia e opere (approfondimento legato al viaggio di istruzione a Praga) Kunst: Beschreibung eines Gemäldes (fotocopia) Bildgeschichte (da Kultouren S ) Secessionen ( da Kultouren S ) Expressionismus (da Kultouren S ) Kino in Deutschland (da Kultouren S ) Expressionistischer Film - Merkmale (fotocopia) Nosferatu Metropolis : die Handlung (fotocopia) E stato inoltre letto il volume Jugend ohne Gott di Oedön von Horvàth Tourismus Studienreise / Hotelbeschreibung / Reiseverlauf (fotocopia) Prager Sehenswürdigkeiten - die TOP 10 (video) Die Nordsee (da Kultouren S.84-85) 17

18 Argomenti trattati in copresenza con la Lettrice Madrelingua 1. Die Stadt Berlin: Sehenswürdigkeiten und Geschichte der Stadt (Kultouren, S.64 67). 2. Die Teilung Deutschlands, die Stunde Null, der Kalte Krieg (Kultouren, S.70 71). 3. Die Mauer durch Berlin: Allgemeine Daten (Daten, Länge, Höhe, usw.); die Gründe für den Bau der Berliner Mauer; Bewachung der Mauer und Fluchtversuche; Konsequenzen des Mauerbaus; Glasnost und Perestrojka: der Fall der Berliner Mauer (Kultouren, S e 74-75; Film: Good Bye Lenin; Fotocopia da Meine Autoren di Giorgio Motta, pag. 34, Der Mauerbau ). 4. Die DDR- Schriftstellerin Christa Wolf: Leben, Politik, Leben in der DDR (Stasi, Reisefreiheit, Reformen, usw.) und Werke; Der geteilte Himmel, Erzählung: Portrait der Protagonisten, Gründe für ihr Handeln und die Konsequenzen, Bedeutung des Mauerbaus für die Protagonisten, die Beziehung zwischen den beiden Hauptfiguren (Fotocopie da Meine Autoren di Giorgio Motta, pagg , Christa Wolf). 5. Die Entstehung des Dritten Reiches, Machtübernahme Hitlers; der Zweite Weltkrieg; Holocaust, Terror, Widerstand; Literatur, Kunst und Kultur während des Nationalsozialismus: Bücherverbrennung, Schreibverbot/Berufsverbot, politische Verfolgung, Emigration und Exil, Aktivitäten gegen das Nazi-Regime im Ausland, die innere Emigration am Beispiel von Erich Kästner; (Kultouren S , e ; Fotocopia da Meine Autoren di Giorgio Motta, pag. 146, Hitlers Machtergreifung und die Exilliteratur, Arbeitsblatt) 6. Der Film zum Thema Exil und Exilliteratur: Ich will dich, Begegnungen mit Hilde Domin, von Anna Ditges: Biographische Daten, Gründe für die Emigration und die Umstände, Rückkehr nach Deutschland (2 fotocopie e un Arbeitsblatt: Biografia e contenuti del film). ARGOMENTI DA SVOLGERE DOPO IL 15 MAGGIO In generale il programma risulta concluso. Verrà approfondito il settore turismo utilizzando ulteriori offerte di viaggio e verrà completato un testo riguardante l espressionismo GEOGRAFIA ECONOMICA 18

19 Obiettivi: a. Conoscere: la distribuzione della popolazione mondiale; le trasformazioni nel tempo e lo sviluppo delle tecniche agricole; la diffusione dell'industria nel tempo; gli strumenti attraverso i quali si realizza la cooperazione internazionale; lo sviluppo del terziario e la classificazione del settore; l evoluzione del turismo e dei mezzi di comunicazione di massa; le tappe fondamentali attraverso le quali si è venuto formando il quadro geopolitico attuale; b. individuare i fenomeni che incidono sulle dinamiche demografiche; c. comprendere le dinamiche dello scambio ineguale; classificare le risorse; d. saper analizzare il rapporto uomo ambiente; e. acquisire i contenuti; potenziare le capacità di ragionamento e di rielaborazione; potenziare le abilità linguistiche ed espressive e l uso dei termini appropriati. Argomenti trattati L inquinamento ed i rifiuti Il cambiamento climatico L acqua dolce La biodiversità 1 L energia Le fonti di energia Le fonti rinnovabili Le fonti non rinnovabili 2 La geopolitica I diritti umani La globalizzazione 3 La vita Demografia La salute Le condizioni di lavoro Le emigrazioni L educazione 4 Economia e sviluppo tecnologico L agricoltura L industria 19

20 Un percorso nei secoli più recenti Le multinazionali 5 I servizi Il protezionismo ed il libero commercio I trasporti Il turismo 6 Povertà e squilibri La geografia della povertà Economia sommersa, economia illegale e criminale Il mercato mondiale della droga Libro di testo: Terre, popoli, culture Problemi globali Autori: Gianni e Francesco SOFRI Casa ed. : ZANICHELLI Metodologia Utilizzo del libro di testo, atlante geografico. Lettura e discussioni di articoli tratti da quotidiani e periodici. Modalità di verifica Le verifiche sono state orali e minimo due per ogni quadrimestre. Risultati ottenuti Tutti gli allievi hanno mostrato interesse e partecipazione attiva agli argomenti trattati. Lo studio è stato, generalmente, preciso e puntuale. I risultati ottenuti dalla classe sono mediamente discreti. Con riferimento alle competenze specifiche, si sottolinea l acquisizione, da parte degli allievi, di un corretto lessico ed una soddisfacente capacità espositiva. RELAZIONE DEL PROF BRUNO, DOCENTE DI DIRITTO E DI ECONOMIA 20

21 DELL AZIENDA SULLA CLASSE 5AE E SUL PROGRAMMA, A,S LIBRO DI TESTO : PAOLO DELLA VALENTINA PERCORSI DI DIRITTO ED ECONOMIA DELL AZIENDA 3 Classe V, editore TRAMONTANA 2. OBBIETTIVI DISCIPINARI RAGGIUNTI: IL PROGRAMMA E STATO SVOLTO TENENDO CONTO DELL INDIRIZZO DI STUDI E SONO STATI PARTICOLARMENTE APPROFONDITI GLI ARGOMENTI SUL BILANCIO, L UNITA DIDATTICA SULLE BANCHE E IN PARTICOLARE LE OPERAZIONI DI RACCOLTA E DI IMPIEGO FONDI, SONO STATI TRATTATI IN MODO PIU ELEMENTARE IL TURISMO ED I TRASPORTI. ALCUNI ARGOMENTI SONO STATI TRATTATI PIU IN GENERALE (ALCUNI NON SVOLTI) PERCHE SI E PREFERITO RIPETERE E RIESAMINARE LE PARTI PRINCIPALI DEL PROGRAMMA PER FAVORIRE UN MAGGIOR APPRENDIMENTO E PER FAR ACQUISIRE MAGGIORE SICUREZZA AGLI ALLIEVI. 3. METODI DIDATTICI ADOTTATI: LEZIONE FRONTALE E RIFERIMENTI AGLI ARGOMENTI DEL TESTO, LEZIONE PARTECIPATA E PROBLEM SOLVING AL FINE DI SOLLECITARE L INTERESSE, LA PARTECIPAZIONE DEGLI ALLIEVI E UN APPRENDIMENTO RAGIONATO DELLA DISCIPLINA. SI E POTUTO UTILIZZARE CON GRAN PROFITTO IL METODO DEI LAVORI IN GRUPPI ETEROGENEI DATO IL BUON NUMERO DI ALLIEVI CON ELEVATE CAPACITA E FORTE MOTIVAZIONE. SI SONO SVOLTE NUMEROSE ESERCITAZIONI E TUTTI GLI ARGOMENTI SONO STATI TRATTATI CON IL RAGIONATO UTILIZZO DI DATI A SCELTA, PER ABITUARE GLI ALUNNI ALLA EVENTUALE TIPOLOGIA DI PROVA DI ESAME. 4. STRUMENTI DI INSEGNAMENTO (laboratori, attrezzature, tecnologie audiovisive o multimediali) PRINCIPALMENTE TESTO ADOTTATO SCHEMI RIEPILOGATIVI FOTOCOPIE DI ESERCIZI MIRATI CON DIFFICOLTA GRADUALE UTILIZZO DI FOTOCOPIE E LETTURA E COMMENTO DI QUOTIDIANI CODICE CIVILE LABORATORIO DI INFORMATICA CON USO DI INTERNET 5. PROVE DI VERIFICA. MEDIAMENTE TRE PROVE SCRITTE E DUE PROVE ORALI NEL TRIMESTRE, 4 PROVE SCRITTE E DUE PROVE ORALI NEL PENTAMESTRE. SI E FATTO RICORSO AL METODO DELLE INTERROGAZIONI PROGRAMMATE, PER ABITUARE GLI ALLIEVI ALLE PROVE DI ESAME 6. ATTIVITA INTEGRATIVE: NON SONO STATI NECESSARI LO SPORTELLO O CORSI DI RECUPERO. 7. GIUDIZIO COMPLESSIVO SULLA CLASSE ( impegno, frequenza, rapporti interpersonali, eventuali problemi disciplinari) TUTTA LA CLASSE SI E DISTINTA PER INTERESSE E COLLABORAZIONE ATTIVA ALLA MIA AZIONE DIDATTICA. NATURALMENTE NELLA CLASSE SI 21

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Indirizzo: TURISMO. Classe: QUARTA AT BT. Disciplina: ARTE E TERRITORIO TRIENNIO. Competenze disciplinari:

Indirizzo: TURISMO. Classe: QUARTA AT BT. Disciplina: ARTE E TERRITORIO TRIENNIO. Competenze disciplinari: Indirizzo: TURISMO Classe: QUARTA AT BT Disciplina: ARTE E TERRITORIO prof. ssa DANIELA GERONI Competenze disciplinari: COMPETENZE 1. Individuare i rapporti intercorrenti tra uomo, ambiente, economia nazionale

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014 Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Anno scolastico 2013/2014 CLASSE V SEZ. B INDIRIZZO: TURISTICO APPROVATO IL: 14 MAGGIO 2014 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto Angolo via Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it

I.I.S. PAOLO FRISI Via Otranto Angolo via Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto Angolo via Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI I.R.C. Anno Scolastico: 2014-15 CLASSI QUINTA DOCENTI Manganini Cristina

Dettagli

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CLASSE 4 A (n.o.) DISCIPLINA: ITALIANO PROF. GLORIA VERGANTINI PROFILO DELLA CLASSE Quest'anno seguirò la classe 4A oltre

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico Programmazione Didattica del Consiglio della Classe II Sez. C Ind linguistico A.S. 2015/16 1. COMPOSIZIONE

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. DI

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

Classe 1BL Indirizzo Liceo Linguistico

Classe 1BL Indirizzo Liceo Linguistico Classe 1BL Indirizzo Liceo Linguistico PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DEL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINE DOCENTI 1 ITALIANO ANTONELLA BANFI 2 LATINO FRANCESCO COCCHI 3 STORIA-GEOGRAFIA ANTONELLA BANFI

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE III SEZ C. INDIRIZZO LL PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. MUSSONI ROSSANA INGLESE Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Classe positiva, gli alunni partecipano vivacemente alle lezioni dimostrando spiccato senso

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Classe I Sez D Materia : Geografia Docente: Fabio IONNI 1.ANALISI DELLA CLASSE: Conoscenze Competenze Comportamento

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO E DIDATTICA FRANCESE ANNO SCOLASTICO 2007-2008

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ssa

Dettagli

Liceo linguistico REGINA MUNDI. «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe)

Liceo linguistico REGINA MUNDI. «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe) Liceo linguistico REGINA MUNDI «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe) OBIETTIVI DEL LICEO LINGUISTICO Il percorso del liceo linguistico è indirizzato

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ T MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: ITALIANO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-2014 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo.

Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo. Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo.it Sito: www.istitutomattei.it INDICE Chi siamo Profilo culturale,

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011 / 2012 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LINGUA

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW ISTITUTO : ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE BUCCARI-MARCONI INDIRIZZO: ISTITUTO TECNICO A INDIRIZZO TRASPORTI MARITTIMI E LOGISTICA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli