PRESUPPOSTO FONDAMENTALE REGOLAMENTO DI BUDGET

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESUPPOSTO FONDAMENTALE REGOLAMENTO DI BUDGET"

Transcript

1 AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA REGOLAMENTO BUDGET A cura del Servizio Pianificazione e Controllo di Gestione

2 PRESUPPOSTO FONDAMENTALE I processi di programmazione e controllo si possono classificare in tre classi: pianificazione strategica: in tale processo sono definite le linee strategiche dell azienda controllo direzionale: la direzione si assicura che l azienda metta in atto le proprie strategie in modo efficace ed efficiente controllo operativo: si concentra sui compiti specifici e si assicura che siano attuati in modo efficace ed efficiente. Il budget è all interno del processo di controllo direzionale. Il processo di controllo direzionale è costituito di 4 fasi: 1. programmazione: definizione di programmi / attività che l Azienda deve svolgere per raggiungere le proprie strategie 2. budget: traduce i programmi in obiettivi di breve periodo assegnati a specifici centri di responsabilità. Il budget è un piano espresso in termini quantitativi (monetari) riferito ad un periodo determinato (generalmente l anno) e articolato per centri di responsabilità. 3. svolgimento e misurazione attività 4. reporting (analisi e confronto con i parametri di budget) e valutazione. Il budget si articola in aree di negoziazione entro le quali vengono definiti gli specifici obiettivi di U.O./Servizio. Tali aree di intervento sono: 1) Area Economica: in tale area vengono definiti gli obiettivi espressi in termini quantitativi relativi alla produzione attesa (ricovero ordinario e di d.h., ambulatoriale e di file F) e ai consumi direttamente correlabili a tale produzione. 2) Area degli obiettivi qualitativi. Di seguito vengono descritte le fasi previste nel REGOLAMENTO in cui si articola il processo di Budget (vedi punto 2) nel rispetto delle Linee Guida di budget per le A.O. della Regione Lombardia (prot.h del 23/02/2006). REGOLAMENTO DI BUDGET IL REGOLAMENTO DI BUDGET ha la finalità di formalizzare le fasi di sviluppo del processo di budget e gli attori coinvolti nelle fasi descritte; inoltre, disciplina le fasi indicate nel paragrafo precedente ai punti: 3) Svolgimento e misurazione attività e 4) Reporting (analisi e confronto con i parametri di budget) e valutazione. Il processo di budget è così articolato: FASE 1: Attività preparatorie (Incontri di prebudget) Gli incontri di prebudget, che danno l avvio al processo, rappresentano il momento successivo l attività di programmazione aziendale. Con la programmazione la Direzione Strategica definisce, anche in relazione alle Regole di Sistema Regionali, gli obiettivi generali d azienda per l anno di riferimento del budget. I documenti nei quali sono esplicitate le regole di sistema di Regione Lombardia e gli obiettivi aziendali sono rispettivamente il Documento delle Regole di Sistema Regionali e il Documento delle Linee di Indirizzo Aziendali. La presentazione, da parte della Direzione Strategica, ai Direttori dei Dipartimenti Sanitari è prevista nell ambito di uno specifico incontro nel quale i convocati sono delegati ad organizzare riunioni dipartimentali (incontri di prebudget) con la finalità di trasmettere i contenuti dei documenti illustrati dalla Direzione ai Responsabili dei CdR afferenti il Dipartimento. Ne consegue che le principali finalità delle attività preparatorie riguardano: 1) presentazione da parte del Direttore di Dipartimento del Documento delle Regole di Sistema Regionali; 2) presentazione da parte del Direttore di Dipartimento delle Linee di Indirizzo Aziendali; 3) consegna delle Schede di budget predisposte dal Servizio Pianificazione e Controllo di Gestione per la formulazione da parte di ciascun CdR delle proposte; 4) esame dei risultati conseguiti rispetto agli obiettivi negoziati dal Cdr nell anno precedente affinché la Direzione possa avviare l analisi dei risultati conseguiti dal Responsabile. 1

3 FASE 2: Definizione ipotesi di budget e contrattazione (Incontri di budget) La seconda fase traduce i programmi in obiettivi di breve periodo (l anno) assegnati a specifici Cdr. Gli obiettivi: vengono definiti in termini di risultati da conseguire e di risorse correlate nell ambito della scheda di budget di area economica e sono espressi in termini quantitativi (monetari); sono di natura qualitativa nell ambito della scheda di budget relativa ad esempio alle aree della qualità, della prevenzione, ecc ; sono il prodotto di un processo di negoziazione tra gli attori coinvolti, Direzione Strategica e singoli Responsabili di Cdr, e rappresentano quindi l impegno bilaterale delle parti interessate al processo di budget. Gli incontri di budget si articolano nei seguenti momenti : 1) Predisposizione scheda di budget per unità operativa proposta dal Servizio Pianificazione e Controllo di Gestione in relazione agli obiettivi assegnati dalla Regione e iscritti nel bilancio preventivo e in rapporto agli obiettivi esplicitati dal responsabile di Cdr negli incontri prebudget. Gli obiettivi regionali e il bilancio preventivo costituiscono vincolo per l assegnazione di un target di produzione e di un budget di risorse ai singoli Cdr. Una sintesi dei contenuti riportati nelle schede di budget è presentata da parte del Servizio Pianificazione e Controllo di Gestione alle principali funzioni aziendali in relazione ai budget che sono state oggetto di contrattazione; 2) Negoziazione scheda di budget tra Direzione Strategica e singoli Responsabili di Cdr formalizzata a livello di ufficiali incontri di budget. La negoziazione si chiude con l apposizione della firma per avvenuta accettazione degli obiettivi da parte degli attori coinvolti. FASE 3: Predisposizione del Documento di Budget (Analisi del budget consolidato e predisposizione del documento di budget dell Azienda) 1) Analisi del budget consolidato: il Servizio Pianificazione e Controllo di Gestione produce un budget consolidato aziendale ossia il dato complessivo dei target/budget delle Schede di Budget allo scopo di verificare la congruità con il Bilancio di previsione. Ciò può determinare un assestamento di budget, per altro abbastanza remoto in quanto la verifica di compatibilità viene attuata già in sede di incontri ufficiali di budget, e la predisposizione del Budget consolidato definitivo. 2) Predisposizione del documento di budget dell Azienda: tale fase si realizza con la raccolta della documentazione di budget (documento delle politiche aziendali, calendario/regolamento di budget, schede di budget negoziate relative alle aree di intervento). LA SCHEDA DI BUDGET DI AREA ECONOMICA 2 La scheda di budget negoziata dal singolo Responsabile di Cdr con la Direzione Strategica ad inizio anno si presenta in questo modo: in essa sono stati tradotti con il supporto del Servizio Pianificazione e Controllo di Gestione gli obiettivi specifici di unità operativa proposti alla Direzione Aziendale dal singolo Responsabile negli incontri di prebudget. La scheda necessita di un momento fondamentale che è rappresentato dalla formalizzazione dell accettazione dell obiettivo (Firma della scheda) da parte del Responsabile di Cdr e da parte della Direzione Strategica, nell ambito degli ufficiali incontri di budget che di norma si tengono ad inizio anno. I dati contenuti nella scheda di budget prendono come riferimento di partenza per la determinazione del target / budget il dato consuntivo dell anno precedente, prevede quindi una colonna ad hoc per l esplicitazione dell obiettivo di attività / risorse e lo scostamento percentuale tra il consuntivo e il target / budget. Sono previste inoltre colonne contenenti i dati di tendenza ovvero i dati con cui: 1. trimestralmente è misurata l attività e le relative risorse impiegate; 2. è attuata sul dato consuntivo una proiezione sull arco temporale annuale;

4 3. è evidenziato lo scostamento percentuale in positivo / negativo rispetto all obiettivo. Il target di produzione è assegnato all attività di ricovero (ordinari e D.H), all attività ambulatoriale e a quella erogata ai sensi della circolare 46/SAN (attività di Psiche). E previsto, per quanto riguarda il target assegnato all attività di ricovero/ambulatoriale, la distinzione tra produzione a budget e produzione extrabudget: produzione a budget: è in relazione al tetto di attività con l ASL di Brescia produzione extrabudget: ricomprende le attività erogate ai pazienti non residenti in Regione Lombardia e quella finanziata a produzione effettiva (attività di chirurgia oncologica, parti, prestazioni di elevata urgenza e alcune prestazioni di riabilitazione specialistica, ecc ) e per l ambulatoriale l attività di dialisi. Nel riquadro Consumi della Scheda di budget i dati riportati intendono l effettivo consumo di beni e non l acquistato o l ordinato in quanto il consumo è il dato oggetto di rilevazione contabile nel caso della Contabilità Analitica. Iniziare in Azienda la rilevazione delle giacenze di reparto dei beni sanitari, che si è aggiunta alla rilevazione degli stessi a livello di magazzini centrali (Farmacia, Economato), che già veniva attuata alla data del 31 dicembre di ogni anno contabile, ha consentito di produrre in contabilità analitica il dato dell effettivo consumato. La formula matematica del dato del consumato, nel caso di rilevazione per il primo trimestre dell anno, è la seguente: giacenza iniziale (al dell anno precedente) + scaricato al reparto giacenza finale (al dell anno di riferimento). Dalla formula è evidente la forte correlazione tra il dato di giacenza e il dato di consumato ovvero il livello di giacenza rilevato determina il valore del consumo realizzato nel periodo di riferimento dal reparto / servizio. Si specifica che: al fattore produttivo presidi medico-chirurgici afferiscono prodotti quali: guanti, cerotti, garze, siringhe, bende, bisturi, suturatici, materiale monouso, etc.). ai consumi tecnico-economali (che corrispondono, solo in questo caso, al dato dello scaricato e non del consumato poiché non sono previste le rilevazioni trimestrali delle giacenze) afferiscono solo i seguenti fattori produttivi: stampati, cancelleria, materiale per pulizia e materiale vario per computer/stampanti/fotocopiatrici. Nel riquadro Magazzino di reparto riportato nella Scheda di budget afferiscono, solo se rilevate, le scorte di reparto/servizio dei fattori produttivi afferenti al macroraggruppamento: beni di consumo sanitari. ANALISI E CONFRONTO CON I PARAMETRI DI BUDGET L analisi e confronto dei risultati infrannuali rispetto ai parametri di budget qui sotto descritti rientrano nell attività ordinaria di controllo trimestrale attuata dal Servizio Pianificazione e Controllo di Gestione di concerto con le principali funzioni aziendali in relazione agli obiettivi che sono stati oggetto di contrattazione. NELL AMBITO DEGLI OBIETTIVI DI AREA ECONOMICA: Il presente documento ha la finalità di focalizzare l attenzione sul sistema di reporting adottato in Azienda nel quale è attuato il confronto con i parametri di budget. Tipologia di reporting in Azienda: A. Produzione periodica (mensile) di reportistica a consuntivo da parte del Servizio Pianificazione e Controllo di Gestione per il monitoraggio in corso d anno del livello di raggiungimento del target assegnato relativo alla produzione di attività di ricovero (ordinaria e D.H) e all attività ambulatoriale a livello di dati complessivi aziendali e per Centro di Responsabilità nonché del consumo di materiale protesico. B. Produzione periodica (trimestrale) di reportistica a consuntivo da parte del Servizio Pianificazione e Controllo di Gestione per il monitoraggio in corso d anno del livello di raggiungimento del budget relativo ai consumi per beni a livello di dati complessivi aziendali. C. Produzione periodica (trimestrale) di reportistica a consuntivo da parte del Servizio Pianificazione e Controllo di Gestione per il monitoraggio in corso d anno del livello di raggiungimento degli obiettivi per singoli Cdr (SCHEDE DI BUDGET PER SINGOLI CDR ). Tale analisi e confronto dei risultati infrannuali rispetto ai parametri di budget riguarda gli obiettivi di area economica. La reportistica di cui sopra è oggetto di analisi periodica da parte delle principali funzioni aziendali in relazione agli obiettivi che sono stati oggetto di contrattazione e nel caso in cui si verifichi il non raggiungimento in corso d anno degli obiettivi di produzione e di costo (come dai punti A. e B.) vengono evidenziate le situazioni critiche. In questa 3

5 ipotesi è prevista la possibilità che la Direzione Strategica incontri i Responsabili i cui risultati di gestione, per le voci di costo e ricavo a budget, non siano allineati in misura rilevante con gli obiettivi negoziati. FASE REVISIONE DI BUDGET Rimane comunque possibile da parte del singolo Responsabile di Cdr richiedere, per motivate ragioni, modifiche agli obiettivi di budget contrattati a inizio anno; tali richieste verranno di volta in volta valutate dalla Direzione Strategica. Nell ipotesi di fatti esterni all unità operativa può essere prevista la possibilità di ritarare gli obiettivo. Tali eventi devono verificarsi non oltre il mese di Settembre dell anno cui si riferisce il budget. NELL AMBITO DEGLI OBIETTIVI QUALITATIVI: La scheda di monitoraggio periodico del livello di raggiungimento degli obiettivi qualitativi negoziati afferenti a diverse aree è strutturata prevedendo il confronto del risultato in corso d anno rispetto al contrattato. IL SISTEMA VALUTAZIONE A chiusura dell esercizio è prevista la verifica del raggiungimento degli obiettivi negoziati dal singolo Responsabile di Cdr con la Direzione Strategica da parte del Nucleo di Valutazione Aziendale. CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI NEGOZIATI: Le schede di budget assumono le pesature decise di anno in anno dalla Direzione Strategica e riassunte in un prospetto allegato alle Schede di Budget negoziate. Nell ambito della Scheda di Budget di Area Economica: i ricavi riguardano le sezioni intitolate: Attività di ricovero, Attività ambulatoriale, File F e Attività Psiche (46/SAN), i costi riguardano le sezioni intitolate: Magazzino di reparto e Consumi. I pesi percentuali attribuiti alle singole voci afferenti ai ricavi sono così ripartiti: per le U.O. che non producono File F: Attività di ricovero Budget: 50%; Attività di ricovero Extra budget: 30%; Attività ambulatoriale: 20% per le U.O. che producono File F (escluse le U.O. di Oculistica): Attività di ricovero Budget: 42%; Attività di ricovero Extra budget: 25%; Attività ambulatoriale: 18%; File F: 15% per le U.O. che producono solo attività di ricovero a Budget ed Extra budget: Attività di ricovero Budget: 50%; Attività di ricovero Extra budget: 50% per le U.O. di Oculistica: Attività di ricovero Budget: 15%; Attività di ricovero Extra budget: 10%; Attività ambulatoriale: 60%; File F: 15% per i servizi che producono solo attività ambulatoriale di 28/SAN: Attività ambulatoriale: 100% per i servizi che producono attività ambulatoriale di 28/SAN e File F: Attività ambulatoriale: 60%; File F: 40% per i servizi che producono attività ambulatoriale di 28/SAN e Attività Psiche 46/SAN: Attività ambulatoriale: 50%; Attività Psiche (46/SAN): 50%. I pesi percentuali attribuiti alle singole voci afferenti ai costi sono così ripartiti: Magazzino di reparto: 25%; Consumi: 75%. Per gli obiettivi espressi attraverso un indicatore di misurazione di tipo numerico (tipicamente la scheda di area economica) l individuazione della percentuale di raggiungimento avviene attraverso il meccanismo di valutazione specificato nelle tabelle sotto riportate. In particolare è necessario distinguere tra le diverse tipologie di obiettivi. 4

6 La valutazione per la scheda di area economica costi sarà effettuata nel seguente modo: Valore Mantenimento o incremento SCHEDA AREA ECONOMICA - COSTI Percentuale di raggiungimento Inferiore a quello 100 Superiore o uguale al 2% rispetto a quello 0 Eccedente, ma di una percentuale inferiore al 2% del valore pari o superiore al 90% di quello compreso tra il 90% e il 75% di quello Formula conteggio: 1- (importo eccedente a quello / 2% dell importo ). Il risultato comunque mai inferiore all 85%. 100 Calcolata in misura proporzionale con riferimento al decremento raggiunto rispetto a quello inferiore al 75% o nessun decremento 0 Nel caso di risultato su voce consumi che rientri, secondo prospetto sopra, nella valutazione con peso pari a zero si procederà nel modo seguente: a) Se lo scostamento assoluto del risultato raggiunto a fine anno relativamente al totale dei consumi rispetto all obiettivo di budget è inferiore alle 5.000,00 euro la percentuale di raggiungimento dell obiettivo è pari al valore 100%. b) Se l attività è programmabile dal Responsabile di Cdr nel caso in cui l incremento dei costi sia correlabile ad un aumento di produzione, in linea con gli indirizzi aziendali, ovvero l indicatore di efficienza che rileva il consumo di risorse per milione di produzione non evidenzi incrementi consistenti in termini percentuali e assoluti (incremento < 10% e incremento < euro = incremento non consistente; incremento > 10% e incremento > euro = incremento consistente) verrà data evidenza, quale situazione particolare, al Nucleo di Valutazione Aziendale; in questa ipotesi la percentuale di raggiungimento dell obiettivo attribuito ai consumo è pari al 75%. Nel caso in cui, invece, l indicatore di efficienza che rileva il consumo di risorse per milione di produzione evidenzi incrementi consistenti in termini percentuali e assoluti la percentuale di raggiungimento sarà pari allo 0%. c) Se l attività è programmabile dal Responsabile di Cdr nel caso in cui l incremento dei costi sia correlabile ad un aumento di produzione, non in linea con gli indirizzi aziendali, se l indicatore di efficienza che rileva il consumo di risorse per milione di produzione non evidenzia variazioni consistenti in termini percentuali e assoluti la percentuale di raggiungimento dell obiettivo attribuito ai consumo verrà considerata pari al 35%, viceversa, sarà pari allo 0%. d) Se l attività non è programmabile dal Responsabile di Cdr nel caso in cui l incremento dei costi sia correlabile ad un aumento di produzione, ovvero l indicatore di efficienza che rileva il consumo di risorse per milione di produzione non evidenzia incrementi consistenti in termini percentuali e assoluti, la percentuale di raggiungimento dell obiettivo attribuito ai consumo sarà pari al 85%, viceversa sarà pari allo 0%. La valutazione per la scheda di area economica magazzino di reparto sarà effettuata nel seguente modo: a) Se il valore raggiunto è inferiore a quello, la percentuale di raggiungimento dell obiettivo sarà pari al 100%; b) Se il valore raggiunto è allineato a quello la percentuale di raggiungimento sarà pari al 100%; 5

7 c) Se il valore raggiunto è superiore al valore entro un range di variazione percentuale non maggiore del +5% o di variazione assoluta non superiore alle 1.000,00 euro la percentuale di raggiungimento dell obiettivo sarà pari al 100% al contrario sarà pari allo 0%. La valutazione per la scheda di area economica ricavi sarà effettuata nel seguente modo: ATTIVITA' DI RICOVERO - BUDGET Valore Incremento Se valore raggiunto / target Percentuale di raggiungimento Range di oscillazione: a. oltre il + 2 % 0 b. compreso tra 2 % e + 2 % 100 c. compreso tra 2 % e 3 % 90 d. compreso tra 3 % e 5 % 75 e. oltre il 5 % 0 ATTIVITA' DI RICOVERO - BUDGET Valore Percentuale di raggiungimento Mantenimento Superiore a quello dell' anno precedente Range di oscillazione: a. Compreso tra 0 % e + 2 % 100 b. Compreso tra + 2 % e + 3% 90 c. Compreso tra + 3 % e + 5 % 75 d. Oltre il + 5 % 0 Inferiore a quello dell' anno precedente Range di oscillazione: a. Compreso tra 2 % e 0 % 100 b. Compreso tra 2 % e 3 % 90 c. Compreso tra 3 % e 5 % 75 d. Oltre il 5 % 0 pari o superiore al 90% del decremento 100 compreso tra il 90% e il 75% del decremento Calcolata in misura proporzionale con riferimento al decremento raggiunto rispetto a quello inferiore al 75% del decremento o nessun decremento 0 6

8 Valore Incremento ATTIVITA' DI RICOVERO - EXTRA BUDGET Percentuale di raggiungimento Incremento pari o superiore al 90% dell'incremento 100 Incremento compreso tra il 90% e il 75% dell incremento Incremento inferiore al 75% dell incremento o nessun incremento Calcolata in misura proporzionale con riferimento all'incremento raggiunto rispetto a quello 0 Esempio obiettivo: Ricavi - anno precedente Valore uguale o superiore a Valore compreso tra e Valore uguale o minore di ATTIVITA' DI RICOVERO - EXTRA BUDGET Valore uguale o superiore a Superiore o uguale a quello dell' anno precedente Inferiore a quello dell' anno precedente Range di oscillazione: Valore compreso tra: Mantenimento a. Compreso tra - 2% e 0% b. Compreso tra - 2% e - 5% c. Compreso tra - 5% e - 9% d. Oltre il - 9% 0 Inferiore a Negoziato incremento Negoziato mantenimento Anche nell ipotesi in cui la Direzione negozi un decremento di produzione di ricovero extra budget a fronte di situazioni organizzative dell U.O. mutate rispetto all anno precedente l U.O. raggiunge l obiettivo al 100% nel caso in cui realizzi livelli di produzione maggiori rispetto al target o inferiori ma entro un range massimo consentito pari al - 2%. Per i valori compresi tra 2% e 5% la percentuale di raggiungimento è pari al 90. Per i valori compresi tra 5% e 9% la percentuale di raggiungimento è pari al 75. Per i valori inferiori al 9% la percentuale di raggiungimento è pari allo 0. Negoziato diminuzione

9 Valore Incremento Mantenimento ATTIVITA' AMBULATORIALE Percentuale di raggiungimento a. superiore al + 2% del valore 100 b. compreso tra - 2% e + 2% del valore 100 c. compreso tra - 5% e - 2% del valore 75 d. compreso tra - 10% e - 5% del valore 60 e. inferiore al - 10% del Esempio obiettivo: Ricavi anno precedente superiore o uguale a compreso tra e compreso tra e compreso tra e valore 0 inferiore a a. superiore al + 2% del superiore o uguale a valore b. compreso tra - 2% e + 2% del valore 100 c. compreso tra - 5% e - 2% del valore 75 d. compreso tra - 10% e - 5% del valore 60 compreso tra e compreso tra e compreso tra e e. inferiore al - 10% del valore 0 Inferiore a Negoziato aumento Negoziato mantenimento a. superiore al + 2% del valore 100 b. compreso tra - 2% e + 2% del valore 100 c. compreso tra - 5% e - 2% del valore 75 d. compreso tra - 10% e - 5% del valore 60 superiore o uguale a compreso tra e compreso tra e compreso tra e e. inferiore al - 10% del valore 0 inferiore a Negoziato decremento Valore Incremento / Mantenimento / ATTIVITA' FILE F Percentuale di raggiungimento a. inferiore al + 2% del valore 100 b. compreso tra + 2% e + 15% del valore 90 c. compreso tra + 15% e + 30% del valore 80 d. compreso tra + 30% e + 40% del valore 70 e. superiore al + 40% del valore 50

10 Valore Incremento / Mantenimento / ATTIVITA' PSICHE 46 / SAN Percentuale di raggiungimento a. superiore al +10% 0 b. compreso tra + 5% e +10% del valore 60 c. compreso tra + 2% e +5% del valore 75 d. compreso tra - 2% e + 2% del valore 100 e. compreso tra - 5% e - 2% del valore 75 f. compreso tra - 10% e - 5% del valore 60 g. inferiore al - 10% del valore 0 Nel caso di risultato su voce ricavi che rientri, secondo prospetti sopra, nella valutazione con peso pari a zero si procederà nel modo seguente: a) Qualora la produzione dei ricoveri, sia a budget che extra-budget, evidenzi un risultato nella valutazione pari a 0 e riguardi attività non programmabile dal Responsabile di Cdr, la percentuale di raggiungimento dell obiettivo attribuito alla voce ricavi sarà comunque pari al 75%; b) nell ipotesi in cui l U.O. / Servizio nei risultati raggiunti a fine anno evidenzi a fronte di un incremento di produzione una riduzione dei consumi complessivi è previsto, per le voci di ricavo per le quali la percentuale raggiunta non è pari al valore 100, un incremento del 5% rispetto alla percentuale attribuita con l applicazione delle regole sopra descritte. 9

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

DECRETO n. 269 del 24/05/2013

DECRETO n. 269 del 24/05/2013 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Master EMSS VIII edizione Lugo, 15 Aprile 2010 Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Prof.ssa Monia Castellini Monia Castellini Università di Ferrara 1 Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema

Dettagli

SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE Dicembre, 2014 Il Sistema di misurazione e valutazione della performance... 3 Il Ciclo di gestione della performance... 5 Il Sistema di misurazione e valutazione

Dettagli

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget Regolamento di Budget 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Preliminarmente qui di seguito si richiamano i principali riferimenti normativi che costituiscono fonte principale del presente regolamento: D.L.vo n. 502/92

Dettagli

ASSn6 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE. 1. Inquadramento I. 2. Budget: definizione 2. 3. Budget: finalità 2

ASSn6 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE. 1. Inquadramento I. 2. Budget: definizione 2. 3. Budget: finalità 2 2. Budget: definizione 2 1. Inquadramento I INDICE E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET I compete alle singole strutture operative aziendali. IV) controllo operativo, che si concretizza

Dettagli

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Dott. Patrizio Monfardini monfardini@unica.it 1 Agenda Il budget Le caratteristiche Le funzioni I vantaggi I limiti Il processo di redazione Il budget nelle

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET Il budget è un importante strumento operativo per la gestione aziendale,

Dettagli

CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING

CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno a cura dell U.O.C. Gestione Affari Generali 1 STRUMENTI DI LAVORO

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

Contabilità Analitica Premessa

Contabilità Analitica Premessa Contabilità Analitica Premessa La funzione di programmazione aziendale e controllo presso l'aou San Luigi si sviluppa tramite una suite di cruscotti aziendali Abaco per l analisi dell andamento della produzione

Dettagli

PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Indice PIANO STRATEGICO PROGRAMMAZIONE LA PIANIFICAZIONE AZIENDALE ACTION PLAN PIANO AZIENDALE IL BUSINESS PLAN FUNZIONI DEL BUSINESS PLAN DESTINATARI DEL BUSINESS

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET PARTE SANITARIA METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET

PROCESSO DI BUDGET PARTE SANITARIA METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET PROCESSO DI BUDGET PARTE SANITARIA METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET Il budget è un importante strumento operativo per la gestione aziendale, ha la funzione di definire

Dettagli

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE Budget 2009 Chiusura processo di negoziazione Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE 05 marzo 2009 Missione dell Azienda L Azienda ULSS 5 assicura ai cittadini l erogazione di prestazioni Socio-Sanitarie

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

Elaborazione di una scheda di budget

Elaborazione di una scheda di budget LAUREA MAGISTRALE PREVENZIONE A.A 2005-2006 Elaborazione di una scheda di budget Maria Patrizia Becheroni Università degli Studi di Firenze Facoltà di Medicina e chirurgia Dipartimento di sanità Pubblica

Dettagli

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 Premessa La programmazione Aziendale ricomprende in modo integrato il documento di programmazione annuale, il Piano Performance, gli Obiettivi di Interesse Regionale, gli obiettivi

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

Controllo di Gestione e Processo di Budgeting in un Azienda Ospedaliera

Controllo di Gestione e Processo di Budgeting in un Azienda Ospedaliera Controllo di Gestione e Processo di Budgeting in un Azienda Ospedaliera Controllo di Gestione e Processo di Budgeting in un Azienda Ospedaliera Università degli studi di Bergamo, 27 novembre 2012 Conosciamo

Dettagli

LINEE GUIDA BUDGET. Premessa. 1) I Soggetti

LINEE GUIDA BUDGET. Premessa. 1) I Soggetti Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA BUDGET Premessa Per processo di Budget o Budgeting si intende un sistema di controllo direzionale basato sulla negoziazione tra i Centri di Responsabilità aziendali ed i livelli

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo. Il processo di budget

Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo. Il processo di budget Servizio Controllo di Gestione Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo Il processo di budget Il processo ho la scopo di garantire il raggiungimento dei risultati annuali previsti dalla Direzione

Dettagli

Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 "Razionalizzazione della spesa farmaceutica ospedaliera".

Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 Razionalizzazione della spesa farmaceutica ospedaliera. REGIONE PIEMONTE BU25S1 19/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 21 maggio 2014, n. 53-7644 Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 "Razionalizzazione

Dettagli

Relazione di consuntivo dell anno 2014

Relazione di consuntivo dell anno 2014 1 / 10 Relazione di consuntivo dell anno 2014 U.O.S. Pianificazione Programmazione e Controllo REDATTO DA: (Segue l elenco delle persone che hanno contribuito a redigere il presente documento) Silvia Giovannetti

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

1 Nascita ed evoluzione del sistema di valutazione permanente delle prestazioni del personale

1 Nascita ed evoluzione del sistema di valutazione permanente delle prestazioni del personale 1 Nascita ed evoluzione del sistema di valutazione permanente delle prestazioni del personale La Direzione Aziendale ha dato mandato all Ufficio Valutazione di studiare e portare a termine un progetto

Dettagli

IL BUDGET. Breve descrizione del processo. S.C. Governo Clinico, Programmazione Sanitaria, Rischio Clinico, Controllo di Gestione ASL 5 'Spezzino'

IL BUDGET. Breve descrizione del processo. S.C. Governo Clinico, Programmazione Sanitaria, Rischio Clinico, Controllo di Gestione ASL 5 'Spezzino' IL BUDGET Breve descrizione del processo S.C. Governo Clinico, Programmazione Sanitaria, Rischio Clinico, Controllo di Gestione ASL 5 'Spezzino' Origine e contenuto Il budget, quale strumento di programmazione

Dettagli

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE 1 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ Emanato con D.R. n. 159 del 22 febbraio 2016 INDICE TITOLO I NORME GENERALI... 4 Art. 1 Principi e finalità del regolamento... 4 Art. 2 Principi e

Dettagli

CL Produzioni Animali

CL Produzioni Animali CL Produzioni Animali Anno Accademico 2015-16 il Budget 1. Introduzione 2. definizione 3. funzioni 4. composizione 5. Il budget degli investimenti 6. Il budget finanziario 7. Il budget dell esercizio 8.

Dettagli

Area rimanenze gestione procedura

Area rimanenze gestione procedura AREA RIMANENZE Gestione procedura Allegato 1 al D.A. n.1 del 9.01.2014 Area rimanenze gestione procedura Il presente documento ha lo scopo di descrivere la procedura di gestione del Ciclo Magazzino valutazione

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO ECM in Project Management: prospettiva per un governo integrato dei processi sanitari Azienda Ospedaliera San Filippo Neri IL CONTROLLO DI GESTIONE Relatore: Dott.ssa Silvia Cavalli Gli anni 90 sono

Dettagli

Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti

Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti 1 Finalità e valori di riferimento Il presente Sistema di Valutazione valido per

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI F U R O R E (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.3 del 10 gennaio 2013. TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1.

Dettagli

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista*

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista* 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 2 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 1 CONTROLLO G E S T I O N E FRANCO CELLINO Economista* I l controllo di gestione rappresenta uno dei momenti, o meglio il

Dettagli

Il processo di Controllo di Gestione. Lezione n 16 24 Maggio 2013 Alberto Balducci

Il processo di Controllo di Gestione. Lezione n 16 24 Maggio 2013 Alberto Balducci Il processo di Controllo di Gestione Lezione n 16 24 Maggio 2013 Alberto Balducci Il Controllo di Gestione è uno strumento guida della gestione aziendale verso il raggiungimento degli obiettivi prefissati

Dettagli

Processi di contabilità analitica

Processi di contabilità analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Processi di contabilità analitica Processi di contabilità analitica PROCEDURA AMMINISTRATIVO-CONTABILE

Dettagli

Prospetto ricognizione provvedimenti amministrativi aziendali Allegato n.1

Prospetto ricognizione provvedimenti amministrativi aziendali Allegato n.1 Prospetto ricognizione provvedimenti amministrativi aziendali Allegato n.1 Denominazione U.O.S. Pianificazione programmazione e controllo Dirigente: Dott.ssa Miriam Piccini Procedimenti amministrativi:

Dettagli

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI Processo evolutivo in materia contabile D.P.R. 382/80 riconoscimento alle

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANTONIO ABATE DI GALLARATE

AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANTONIO ABATE DI GALLARATE Relazione sulle performance Anno 2012 Azienda Ospedaliera S.Antonio Abate di Gallarate Spazio etichetta Protocollo Ufficiale Gallarate data : Pag. di 1 CF-P.IVA 02411250125 AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANTONIO

Dettagli

SISTEMA DI PONDERAZIONE

SISTEMA DI PONDERAZIONE SISTEMA DI PONDERAZIONE CRITERI PER LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI PONDERAZIONE PER LA VALUTAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET DELLE ATTIVITA AMMINISTRATIVE Gli obiettivi e i corrispondenti indicatori relativi

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO Sistema di misurazione e valutazione della performance in attuazione del D.Lgs. n. 150/2009 1 Indice Presentazione... 3 Principi... 3 Articolazione del sistema... 4 1. La Valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE

REGOLAMENTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE REGOLAMENTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE Comune di Lavello CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Riferimenti Normativi 1. Il presente Regolamento è redatto nel rispetto di quanto disposto dagli articoli 147,

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità Processo di ing e variazioni di 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. RIFERIMENTI NORMATIVI... 4 4.

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE TITOLO I PRESUPPOSTI DEL SISTEMA Oggetto Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance dell ASL di Lucca ha la finalità complessiva di

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA

N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA Schede Processo Documento: AZ 0 SP G 08 Data Emissione: 31/05/2002 Revisione: 3 Data revisione: 11/9/2008 Pag. : 1 di 7 Oggetto:AZ 0 SP G 08 AZIENDALE E DEL CONSEGUENTE SISTEMA DI REPORTING Redatta da

Dettagli

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI Erica Magnani FARMACEUTICA OSPEDALIERA INIZIATIVE ORGANIZZATIVE / GESTIONALI 1. L organizzazione interna 2. La distribuzione farmaci per

Dettagli

1.0. PREMESSA 2.0. LA VALUTAZIONE

1.0. PREMESSA 2.0. LA VALUTAZIONE Azienda Ospedaliero Universitaria di Pisa Regolamento concernente il processo di valutazione permanente e per la gestione delle progressioni di carriera per la dirigenza 1.0. PREMESSA Il Dgls. 229/99 prima,

Dettagli

Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR

Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR Dott. Francesco Laurelli Regione Lombardia Direzione Generale Sanità Unità Organizzativa

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE

PROVINCIA DI LECCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE PROVINCIA DI LECCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1 1. STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE La Provincia di Lecce ha adottato un sistema organizzativo

Dettagli

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, CONTROLLO DI GESTIONE (O DIREZIONALE), CONTROLLO OPERATIVO

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, CONTROLLO DI GESTIONE (O DIREZIONALE), CONTROLLO OPERATIVO PIANIFICAZIONE STRATEGICA, CONTROLLO DI GESTIONE (O DIREZIONALE), CONTROLLO OPERATIVO NECESSITA DI DISTINGUERE ALCUNI CONCETTI DELIMITAZIONE DEL CAMPO DI STUDIO INSERIMENTO NEL QUADRO COMPLESSIVO PIANIFICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

COMUNE DI SASSO MARCONI. Regolamento sul sistema dei controlli interni

COMUNE DI SASSO MARCONI. Regolamento sul sistema dei controlli interni COMUNE DI SASSO MARCONI (Provincia di Bologna) Regolamento sul sistema dei controlli interni (art. 147 del D.Lgs. n. 267/2000) (articolo 3, comma 2 del decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni

Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni ALLEGATO 1 Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni Obiettivo Scopo della Procedura è definire il processo di attivazione e gestione dei

Dettagli

INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1

INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1 INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1 A seguito del confronto con le Direzioni delle Aziende del Sistema Sanitario Regionale e con alcune Conferenze o Rappresentanze dei Sindaci

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Procedura Aziendale. Obiettivi di Budget. Unità Operativa Controllo di Gestione

Procedura Aziendale. Obiettivi di Budget. Unità Operativa Controllo di Gestione Sommario 1. Definizione... 2 2. Scopo...2 3. Campo di applicazione...2 4. Responsabilità... 2 5. Soggetti Destinatari...2 6. Terminologia e abbreviazioni...2 7. Modalità operative... 3 7.1. Fasi...4 7.1.1.

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

dott.ssa Giovanna De Vita

dott.ssa Giovanna De Vita RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA SANITARIA In questa fase di recessione dell economia mondiale, con serie preoccupazioni per l andamento del PIL non solo del nostro, ma di tutti i paesi sviluppati, la spesa

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

REGOLAMENTO CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO CONTROLLI INTERNI COMUNE DI BALLAO Piazza E. Lussu n.3 ~ 09040 Ballao (Cagliari) ~ 070/957319 ~ Fax 070/957187 C.F. n.80001950924 ~ P.IVA n.00540180924 ~ c/c p. n.16649097 REGOLAMENTO CONTROLLI INTERNI I N D I C E TITOLO

Dettagli

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni.

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 317 Del 01/12/2014

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 317 Del 01/12/2014 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 317 Del 01/12/2014 Oggetto: Adozione del Documento di politica aziendale in materia di privacy, del nuovo Regolamento Aziendale in materia di protezione dei dati

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Capo I Il Sistema dei Controlli Interni Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione del sistema dei controlli interni sull

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 S OMMAR IO LA FUNZIONE DEI REPORT... 3 TIPOLOGIA DEI REPORT... 3 CRITERI

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

IL PROCESSO DI P&C AZIENDALE

IL PROCESSO DI P&C AZIENDALE IL PROCESSO DI P&C AZIENDALE Premessa: il ruolo del Controllo di Gestione nelle ASL Lombarde Il Controllo di Gestione per la funzione PAC nell ASL di Lodi L innovazione degli strumenti informativi a supporto

Dettagli

COMUNE DI VENTOTENE PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI VENTOTENE PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI VENTOTENE PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 26.04.2013 1 CAPO I Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità. Processo di budgeting e variazioni di budget

Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità. Processo di budgeting e variazioni di budget Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità Processo di budgeting e variazioni di budget 1. OBIETTIVO...4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA...4 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...4 4. AMBITO DI APPLICAZIONE...4

Dettagli

ALLEGATO 1 Piano della Performance 2015-2017 REGOLAMENTO SISTEMA DI BUDGET

ALLEGATO 1 Piano della Performance 2015-2017 REGOLAMENTO SISTEMA DI BUDGET ALLEGATO 1 Piano della Performance 2015-2017 REGOLAMENTO SISTEMA DI BUDGET 1 Allegato n. 2 al Documento Linee Guida al Budget 2015 REGOLAMENTO SISTEMA di BUDGET 1. OBIETTIVO Il presente documento ha l

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE Articolo 1 Costituzione

Dettagli

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI Divulgazione Implementazione/Modifica Software SW0003784 Creazione 23/01/2014 Revisione del 27/06/2014 Numero 1 Una gestione avanzata dei materiali strategici e delle materie

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014 (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Indice Premessa 1. Descrizione del Sistema 1.1. La Nuova Organizzazione

Dettagli

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 L Istat diffonde, per la prima volta, la serie storica dei dati relativi alle spese per la protezione dell ambiente di un amministrazione

Dettagli

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA AO San Carlo 2014 SOMMARIO PREMESSA E LOGICHE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 2014... 3 AREA N. 1... 6 OBIETTIVO 1.1: APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA...

Dettagli

Gestione contabile Scuole di Dottorato. Versione 03

Gestione contabile Scuole di Dottorato. Versione 03 Gestione contabile Scuole di Dottorato Versione 03 Attività Struttura data Elaborazione Divisione Pianificazione Agosto 2009 Approvazione ed emissione il Dirigente della Direzione Pianificazione, Amministrazione

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano Finalità, metodo e strumenti 1 1. LE FINALITA DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI Il sistema di valutazione delle prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE Art. 1 - Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento di contabilità, adottato in applicazione dell art. 71 terdecies della Legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40

Dettagli

Progetto di Implementazione della Contabilità Analitica Una esperienza sul campo

Progetto di Implementazione della Contabilità Analitica Una esperienza sul campo Progetto di Implementazione della Contabilità Analitica Una esperienza sul campo Milano, 2 Dicembre 2005 Incontro Osservatorio Aziende Sanitarie Italiane: Lo stato di maturità dei sistemi di contabilità

Dettagli

Il controllo di gestione negli impianti a biogas

Il controllo di gestione negli impianti a biogas Il controllo di gestione negli impianti a biogas C è bisogno del controllo di gestione? Gli impianti a biogas hanno un ciclo produttivo apparentemente semplice che sulla carta consente agevolmente di realizzare

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE. Dal 01/10/2015 AZIENDA USL DELLA ROMAGNA

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE. Dal 01/10/2015 AZIENDA USL DELLA ROMAGNA CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Scalorbi Alessandro [Cognome, Nome] Nato a Bologna Nazionalità italiana E-mail alessandro.scalorbi@auslromagna.it ESPERIENZE LAVORATIVE

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Esperienze professionali Altro

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Esperienze professionali Altro Curriculum Vitae Informazioni personali Esperienze professionali Altro 2 2 5 RISERVATEZZA Le informazioni contenute sono da intendersi destinate solo alle persone o entità alle quali sono indirizzate.

Dettagli