TOOLS PER LA COMPETITIVITÀ LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE APPENDICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TOOLS PER LA COMPETITIVITÀ LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE APPENDICE"

Transcript

1 Progetto TOOLS PER LA COMPETITIVITÀ LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE APPENDICE

2 Il presente materiale è stato realizzato in ambito al progetto Tools per la competitività: la valutazione delle competenze acquisite grazie al finanziamento del Programma Operativo Regionale - Fondo Sociale Europeo, P.O.R. FSE Obiettivo Competitività regionale e occupazione - Direzione Lavoro - Asse IV CAPITALE UMANO - DGR n. 178 del 16/06/09 Testi a cura di: Comitato Tecnico Scientifico - Alessandro Cafiero, Associazione Italiana Formatori - Veneto - Fabio Friso, AIDP Associazione Italiana Direttori del Personale Triveneto - Martina Gianecchini, Università di Padova, Facoltà di Economia - Ubaldo Rizzo, Università di Padova, Facoltà di Scienze della Formazione Gruppo di Lavoro - Michele Boscaro, Business Plus - Patrizia Castelli, EBC Consulting - Vincenzo Ciccarello, SIAV Spa - Lucia Da Pieve, Fòrema Scarl - Cristina Felicioni, Fòrema Scarl - Simone Fluperi, Facoltà di Psicologia Università di Padova - Mirco Fontana - Facoltà di Psicologia Università di Padova - Federica Mattarello, IRECOOP - Mara Nardin, Domani Donna - Caterina Privitera, Fòrema Scarl E vietata la riproduzione, anche parziale, effettuata a qualsiasi titolo, eccetto quella ad uso personal, consentita nel limite massimo del 1% delle pagine dell opera, anche se effettuata più volte, e alla condizione che vengano pagati i compensi stabiliti dall art. 2 della legge vigente. Ogni fotocopia che eviti l acquisto di un libro è illecito ed è severamente punito. Chiunque fotocopia un libro, chi mette a disposizione i mezzi per farlo, chi comunque favorisce questa pratica commette un reato e opera ai danni della cultura. 2

3 APPENDICE INDICE ANALISI PROFILI PROFESSIONALI 4 RICERCA E SVILUPPO CONTROLLO DI GESTIONE 9 LOGISTICA E SUPPLY CHAIN 13 SICUREZZA 19 STRUMENTI DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI 22 GRIGLIA DI DESCRIZIONE CORSO 23 TEST DI VALUTAZIONE PER ALLIEVO EX ANTE 24 PROVA PRATICA 2 TEST DI VALUTAZIONE PER ALLIEVO EX POST 28 QUESTIONARIO PER LA VALUTAZIONE AZIENDALE 30 ATTESTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI 31 SPERIMENTAZIONE: PRESENTAZIONE DEI DATI 32 ALTA FORMAZIONE 33 ESPERTO IN LEAN MANUFACTURING 33 GOVERNO DEI SISTEMI INFORMATIVI 40 LEAN DESIGN EXPERIENCE WORKSHOP 47 GESTIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 3 APPRENDISTATO 9 TECNICO SALDO CARPENTIERE 9 TECNICHE E TECNOLOGIE DELL IMPRESA ALIMENTARE 66 FORMAZIONE AZIENDALE (FONDIMPRESA) 76 COMUNICAZIONE INTEGRATA IN AZIENDA 76 LEAN MANAGEMENT 82 SELF MARKETING 88 FORMAZIONE OBBLIGATORIA 94 RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA 1 94 RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE E PREVENZIONE 111 FORMAZIONE PER DISOCCUPATI O INOCCUPATI 119 COSTRUIRE SICURI: PERCORSI DI SENSIBILIZZAZIONE ALLA SICUREZZA E ALLA SALUTE NEI CANTIERI EDILI (FSE) 119 COLLABORATORE E RESTAURATORE DI BENI CULTURALI: PROGETTISTA DEL RESTAURO CONSERVATIVO (FSE) 1 12 COLLABORATORE E RESTAURATORE DI BENI CULTURALI: PROGETTISTA DEL RESTAURO CONSERVATIVO (FSE) LEGISLAZIONE DEL LAVORO 133 TECNICO COMMERCIO ESTERO 138 3

4 Nel presente documento sono presentate le tabelle e gli schemi richiamati nel documento conclusivo del progetto Tools per la competitività: la valutazione delle competenze acquisite. ANALISI PROFILI PROFESSIONALI Di seguito le tabelle riportanti gli esiti dell indagine svolta presso un campione di imprese del territorio padovano relativa alle competenze riferite ai singoli profili professionali sotto elencati e riportanti conoscenze, abilità e comportamenti riconoscibili in ogni profilo professionale e il relativo livello EQF individuato. RICERCA E SVILUPPO Addetto progettazione Addetto ricerca e sviluppo nuovo prodotto Responsabile progettazione LOGISTICA E SUPPLY CHAIN Addetto del magazzino Addetto logistica Addetto acquisti Responsabile ricerca e sviluppo nuovo prodotto Responsabile del magazzino Responsabile ricerca e sviluppo nuovo prodotto Responsabile logistica Responsabile acquisti CONTROLLO DI GESTIONE Addetto amministrativo Addetto controllo di gestione Responsabile amministrativo SICUREZZA Responsabile del servizio di protezione e prevenzione Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Addetto squadre di emergenza - antincendio Responsabile controllo di gestione 4

5 RICERCA E SVILUPPO ADDETTO PROGETTAZIONE Conoscenza di tecniche di analisi fattibilità economica Conoscenza di tecniche di Project management Conoscenza di tecniche di simulazione, testing e collaudo Conoscenza di tecniche di prototipazione Conoscenza prodotto/servizio aziendale Conoscenza processi e procedure di produzione Conoscenza e rispetto norme salute e sicurezza Conoscenza nozioni e tecniche relative al settore specifico Conoscenza linguaggio specialistico relativo al settore specifico Capacità di prototipazione Capacità di testing e collaudo Orientamento all'innovazione e al miglioramento Capacità di utilizzo strumenti tecnici specifici Redazione e aggiornamento della documentazione specifica prevista Capacità di interfacciamento con settori aziendali correlati Gestione e aggiornamento della documentazione specifica prevista Individuazione nuovi prodotti/servizi/processi da sviluppare Stabilità Emotiva: Stabilità della prestazione in condizioni di difficoltà e conflitto, tramite reazioni lucide ed equilibrate Efficacia Interpersonale: Capacità di comprendere le percezioni, i bisogni, gli atteggiamenti degli altri e interagirvi in modo costruttivo Gestione dei gruppi e delle riunioni: Capacità di coordinare più persone intente a operare insieme sulla base di esigenze comuni, ma non necessariamente in sintonia, focalizzando processi di comunicazione incrociata e orientandoli verso i risultati voluti Persuasione: Capacità di mettere insieme e di presentare materiali, suggerimenti, soluzioni in modo da cogliere l interesse e l adesione degli interlocutori Negoziazione: Orientamento a ricercare e utilizzare margini di trattativa in tutte le situazioni in cui occorre raggiungere un risultato di qualsiasi natura in competizione con altre persone o gruppi Gestione delle risorse umane: Capacità di orientare, valutare, sviluppare e integrare le attività, i componenti del proprio gruppo di lavoro o le unità operative Leadership: Capacità di organizzare il consenso, di ottenere collaborazione e di guidare singole persone o un gruppo al raggiungimento degli obiettivi prefissati Capacità di comunicazione: Capacità di imbastire un discorso con parole facili e frasi eleganti, esprimendo chiaramente e correttamente il proprio pensiero di fronte a numerosi e diversificati interlocutori. LIVELLO EQF 4 LIVELLO EQF

6 ADDETTO RICERCA & SVILUPPO NUOVO PRODOTTO Conoscenza nozioni e tecniche relative al settore specifico Conoscenza linguaggio specialistico relativo al settore specifico Pianificazione, gestione e controllo attività area R&S Capacità di utilizzo strumenti tecnici specifici Redazione e aggiornamento della documentazione specifica prevista Capacità di interfacciamento con settori aziendali correlati Conoscenza di tecniche di analisi fattibilità economica Conoscenza di tecniche di simulazione, testing e collaudo Conoscenza di tecniche di prototipazione Conoscenza e rispetto norme salute e sicurezza Conoscenza di tecniche per analisi "costo-beneficio" Attenzione agli standard e rispetto delle procedure Individuazione nuovi prodotti/servizi/processi da sviluppare Capacità di testing e collaudo Orientamento all'innovazione e al miglioramento Miglioramento prodotti/processi esistenti Capacità di prototipazione Capacità di project management Definizione, monitoraggio e verifica raggiungimento obiettivi di performance relativi a R&S Gestione e coordinamento attività legate a prototipazione, test e collaudo Gestione e aggiornamento della documentazione specifica prevista Stabilità Emotiva: Stabilità della prestazione in condizioni di difficoltà e conflitto, tramite reazioni lucide ed equilibrate Efficacia Interpersonale: Capacità di comprendere le percezioni, i bisogni, gli atteggiamenti degli altri e interagirvi in modo costruttivo Gestione dei conflitti: Capacità di affrontare e tenere sotto controllo situazioni che originano contrasti all interno dei gruppi e tensioni nei rapporti interpersonali Gestione dei gruppi e delle riunioni: Capacità di coordinare più persone intente a operare insieme sulla base di esigenze comuni, ma non necessariamente in sintonia, focalizzando processi di comunicazione incrociata e orientandoli verso i risultati voluti Persuasione: Capacità di mettere insieme e di presentare materiali, suggerimenti, soluzioni in modo da cogliere l interesse e l adesione degli interlocutori Leadership: Capacità di organizzare il consenso, di ottenere collaborazione e di guidare singole persone o un gruppo al raggiungimento degli obiettivi prefissati Capacità di comunicazione: Capacità di imbastire un discorso con parole facili e frasi eleganti, esprimendo chiaramente e correttamente il proprio pensiero di fronte a numerosi e diversificati interlocutori. Conoscenza di tecniche di Project management Capacità di utilizzo applicativi e/o sistemi informativi Capacità di predisposizione e rispetto del budget Definizione politiche, obiettivi e strategie area R&S LIVELLO EQF 3 LIVELLO EQF 4 LIVELLO EQF 6

7 RESPONSABILE PROGETTAZIONE Conoscenza nozioni e tecniche relative al settore specifico LIVELLO EQF 6 Conoscenza linguaggio specialistico relativo al settore specifico Capacità di prototipazione Redazione e aggiornamento della documentazione specifica prevista Miglioramento prodotti/processi esistenti Gestione analisi di fattibilità sviluppo prodotto/servizio/processo Gestione e aggiornamento della documentazione specifica prevista Efficacia Interpersonale: Capacità di comprendere le percezioni, i bisogni, gli atteggiamenti degli altri e interagirvi in modo costruttivo Gestione dei conflitti: Capacità di affrontare e tenere sotto controllo situazioni che originano contrasti all interno dei gruppi e tensioni nei rapporti interpersonali Persuasione: Capacità di mettere insieme e di presentare materiali, suggerimenti, soluzioni in modo da cogliere l interesse e l adesione degli interlocutori Leadership: Capacità di organizzare il consenso, di ottenere collaborazione e di guidare singole persone o un gruppo al raggiungimento degli obiettivi prefissati Capacità di comunicazione: Capacità di imbastire un discorso con parole facili e frasi eleganti, esprimendo chiaramente e correttamente il proprio pensiero di fronte a numerosi e diversificati interlocutori. Conoscenza di tecniche di simulazione, testing e collaudo Conoscenza di tecniche di prototipazione LIVELLO EQF 6 LIVELLO EQF 7

8 RESPONSABILE RICERCA & SVILUPPO NUOVO PRODOTTO Capacità di prototipazione Capacità di project management Capacità di utilizzo applicativi e/o sistemi informativi Individuazione nuovi prodotti/servizi/processi da sviluppare Capacità di predisposizione e rispetto del budget Orientamento all'innovazione e al miglioramento Capacità di utilizzo strumenti tecnici specifici Redazione e aggiornamento della documentazione specifica prevista Miglioramento prodotti/processi esistenti Definizione politiche, obiettivi e strategie area R&S Pianificazione, gestione e controllo attività area R&S Stabilità Emotiva: Stabilità della prestazione in condizioni di difficoltà e conflitto, tramite reazioni lucide ed equilibrate Efficacia Interpersonale: Capacità di comprendere le percezioni, i bisogni, gli atteggiamenti degli altri e interagirvi in modo costruttivo Gestione dei conflitti: Capacità di affrontare e tenere sotto controllo situazioni che originano contrasti all interno dei gruppi e tensioni nei rapporti interpersonali Persuasione: Capacità di mettere insieme e di presentare materiali, suggerimenti, soluzioni in modo da cogliere l interesse e l adesione degli interlocutori Negoziazione: Orientamento a ricercare e utilizzare margini di trattativa in tutte le situazioni in cui occorre raggiungere un risultato di qualsiasi natura in competizione con altre persone o gruppi Gestione delle risorse umane: Capacità di orientare, valutare, sviluppare e integrare le attività, i componenti del proprio gruppo di lavoro o le unità operative Leadership: Capacità di organizzare il consenso, di ottenere collaborazione e di guidare singole persone o un gruppo al raggiungimento degli obiettivi prefissati Conoscenza di tecniche di analisi fattibilità economica Conoscenza di tecniche di Project management Conoscenza prodotto/servizio aziendale Conoscenza processi e procedure di produzione Conoscenza e rispetto norme salute e sicurezza Conoscenza di tecniche per analisi "costo-beneficio" Conoscenza nozioni e tecniche relative al settore specifico Conoscenza linguaggio specialistico relativo al settore specifico Capacità di interfacciamento con settori aziendali correlati Definizione, monitoraggio e verifica raggiungimento obiettivi di performance Capacità di comunicazione: Capacità di imbastire un discorso con parole facili e frasi eleganti, esprimendo chiaramente e correttamente il proprio pensiero di fronte a numerosi e diversificati interlocutori. LIVELLO EQF LIVELLO EQF 6 8

9 CONTROLLO DI GESTIONE ADDETTO AMMINISTRATIVO Pianificazione, gestione e controllo attività area di competenza Individuazione e classificazione centri di costo Conoscenza principi e procedure contabili, amministrativi, finanziari Conoscenza normative fiscali, civili e tributarie Conoscenza contabilità generale Conoscenza contabilità industriale Conoscenza teniche formazione bilancio Conoscenza sistemi di reporting Conoscenza processi e procedure dell'organizzazione Analisi scostamenti previsionale/consuntivo Individuazione soluzioni a fronte di scostamenti previsionale/consuntivo Analisi dei processi produttivi e organizzativi aziendali Reporting periodici Gestione e ottimizzazione delle risorse Definizione politiche, obiettivi e strategie area di competenza Capacità di utilizzo applicativi e/o sistemi informativi Stabilità Emotiva: Stabilità della prestazione in condizioni di difficoltà e conflitto, tramite reazioni lucide ed equilibrate Efficacia Interpersonale: Capacità di comprendere le percezioni, i bisogni, gli atteggiamenti degli altri e interagirvi in modo costruttivo Gestione dei conflitti: Capacità di affrontare e tenere sotto controllo situazioni che originano contrasti all interno dei gruppi e tensioni nei rapporti interpersonali Negoziazione: Orientamento a ricercare e utilizzare margini di trattativa in tutte le situazioni in cui occorre raggiungere un risultato di qualsiasi natura in competizione con altre persone o gruppi Capacità di lavoro in team: Capacità di lavorare in gruppo e di perseguire obiettivi comuni realizzandoli nei tempi e nei modi stabiliti Orientamento agli obiettivi e ai risultati: Capacità di indirizzare costantemente la propria e l altrui attività al conseguimento degli obiettivi organizzativi, influenzando attivamente gli eventi e fornendo un livello di prestazione coerente alla natura e all importanza degli stessi Organizzazione efficace del tempo e del lavoro: Capacità di gestione delle proprie attività in funzione di scadenze temporali definite, gestendo in maniera efficace gli imprevisti LIVELLO EQF 4 LIVELLO EQF 9

10 ADDETTO CONTROLLO DI GESTIONE Conoscenza sistemi di reporting Conoscenza normative fiscali, civili e tributarie Gestione e ottimizzazione delle risorse Definizione politiche, obiettivi e strategie area di competenza Pianificazione, gestione e controllo attività area di competenza Predisposizione ed elaborazione bilancio analitico ed industriale Analisi scostamenti previsionale/consuntivo Orientamento all'innovazione Ripartizione dati contabili per centri di costo Elaborazione dei budget Stabilità Emotiva: Stabilità della prestazione in condizioni di difficoltà e conflitto, tramite reazioni lucide ed equilibrate Efficacia Interpersonale: Capacità di comprendere le percezioni, i bisogni, gli atteggiamenti degli altri e interagirvi in modo costruttivo Persuasione: Capacità di mettere insieme e di presentare materiali, suggerimenti, soluzioni in modo da cogliere l interesse e l adesione degli interlocutori Leadership: Capacità di organizzare il consenso, di ottenere collaborazione e di guidare singole persone o un gruppo al raggiungimento degli obiettivi prefissati Capacità di lavoro in team: Capacità di lavorare in gruppo e di perseguire obiettivi comuni realizzandoli nei tempi e nei modi stabiliti Orientamento agli obiettivi e ai risultati: Capacità di indirizzare costantemente la propria e l altrui attività al conseguimento degli obiettivi organizzativi, influenzando attivamente gli eventi e fornendo un livello di prestazione coerente alla natura e all importanza degli stessi Organizzazione efficace del tempo e del lavoro: Capacità di gestione delle proprie attività in funzione di scadenze temporali definite, gestendo in maniera efficace gli imprevisti Conoscenza di tecniche di analisi statistica Predisposizione ed elaborazione bilancio analitico ed industriale Analisi scostamenti previsionale/consuntivo Analisi dei processi produttivi e organizzativi aziendali Reporting periodici Conoscenza processi e procedure dell'organizzazione Conoscenza contabilità industriale Conoscenza teniche formazione bilancio LIVELLO EQF 4 LIVELLO EQF LIVELLO EQF 6 10

11 RESPONSABILE AMMINISTRATIVO Conoscenza principi e procedure contabili, amministrativi, finanziari Conoscenza contabilità generale Conoscenza contabilità industriale Conoscenza teniche formazione bilancio Conoscenza sistemi di budgeting Conoscenza sistemi di reporting Gestione rapporti organi controllo Capacità di utilizzo applicativi e/o sistemi informativi Gestione e ottimizzazione delle risorse Definizione politiche, obiettivi e strategie area di competenza Pianificazione, gestione e controllo attività area di competenza Predisposizione ed elaborazione bilancio analitico ed industriale Analisi scostamenti previsionale/consuntivo Orientamento all'innovazione Predisposizione ed elaborazione bilancio analitico ed industriale Rilevazioni dati contabili Stabilità Emotiva: Stabilità della prestazione in condizioni di difficoltà e conflitto, tramite reazioni lucide ed equilibrate Efficacia Interpersonale: Capacità di comprendere le percezioni, i bisogni, gli atteggiamenti degli altri e interagirvi in modo costruttivo Gestione dei conflitti: Capacità di affrontare e tenere sotto controllo situazioni che originano contrasti all interno dei gruppi e tensioni nei rapporti interpersonali Gestione dei gruppi e delle riunioni: Capacità di coordinare più persone intente a operare insieme sulla base di esigenze comuni, ma non necessariamente in sintonia, focalizzando processi di comunicazione incrociata e orientandoli verso i risultati voluti Persuasione: Capacità di mettere insieme e di presentare materiali, suggerimenti, soluzioni in modo da cogliere l interesse e l adesione degli interlocutori Gestione delle risorse umane: Capacità di orientare, valutare, sviluppare e integrare le attività, i componenti del proprio gruppo di lavoro o le unità operative Leadership: Capacità di organizzare il consenso, di ottenere collaborazione e di guidare singole persone o un gruppo al raggiungimento degli obiettivi prefissati Capacità di lavoro in team: Capacità di lavorare in gruppo e di perseguire obiettivi comuni realizzandoli nei tempi e nei modi stabiliti Orientamento agli obiettivi e ai risultati: Capacità di indirizzare costantemente la propria e l altrui attività al conseguimento degli obiettivi organizzativi, influenzando attivamente gli eventi e fornendo un livello di prestazione coerente alla natura e all importanza degli stessi Organizzazione efficace del tempo e del lavoro: Capacità di gestione delle proprie attività in funzione di scadenze temporali definite, gestendo in maniera efficace gli imprevisti Individuazione e classificazione centri di costo Ripartizione dati contabili per centri di costo Elaborazione dei budget LIVELLO EQF LIVELLO EQF 6 11

12 RESPONSABILE CONTROLLO DI GESTIONE Conoscenza principi e procedure contabili, amministrativi, finanziari Conoscenza normative fiscali, civili e tributarie Conoscenza contabilità generale Conoscenza contabilità industriale Conoscenza teniche formazione bilancio Conoscenza di tecniche di analisi statistica Conoscenza sistemi di budgeting Conoscenza sistemi di reporting Orientamento all'innovazione Predisposizione ed elaborazione bilancio analitico ed industriale Rilevazioni dati contabili Individuazione e classificazione centri di costo Ripartizione dati contabili per centri di costo Elaborazione dei budget Analisi scostamenti previsionale/consuntivo Individuazione soluzioni a fronte di scostamenti previsionale/consuntivo Analisi dei processi produttivi e organizzativi aziendali Gestione rapporti organi controllo Capacità di utilizzo applicativi e/o sistemi informativi Gestione e ottimizzazione delle risorse Definizione politiche, obiettivi e strategie area di competenza Pianificazione, gestione e controllo attività area di competenza Predisposizione ed elaborazione bilancio analitico ed industriale Analisi scostamenti previsionale/consuntivo Stabilità Emotiva: Stabilità della prestazione in condizioni di difficoltà e conflitto, tramite reazioni lucide ed equilibrate Efficacia Interpersonale: Capacità di comprendere le percezioni, i bisogni, gli atteggiamenti degli altri e interagirvi in modo costruttivo Gestione dei conflitti: Capacità di affrontare e tenere sotto controllo situazioni che originano contrasti all interno dei gruppi e tensioni nei rapporti interpersonali Gestione dei gruppi e delle riunioni: Capacità di coordinare più persone intente a operare insieme sulla base di esigenze comuni, ma non necessariamente in sintonia, focalizzando processi di comunicazione incrociata e orientandoli verso i risultati voluti Persuasione: Capacità di mettere insieme e di presentare materiali, suggerimenti, soluzioni in modo da cogliere l interesse e l adesione degli interlocutori Negoziazione: Orientamento a ricercare e utilizzare margini di trattativa in tutte le situazioni in cui occorre raggiungere un risultato di qualsiasi natura in competizione con altre persone o gruppi Gestione delle risorse umane: Capacità di orientare, valutare, sviluppare e integrare le attività, i componenti del proprio gruppo di lavoro o le unità operative Leadership: Capacità di organizzare il consenso, di ottenere collaborazione e di guidare singole persone o un gruppo al raggiungimento degli obiettivi prefissati Capacità di lavoro in team: Capacità di lavorare in gruppo e di perseguire obiettivi comuni realizzandoli nei tempi e nei modi stabiliti Orientamento agli obiettivi e ai risultati: Capacità di indirizzare costantemente la propria e l altrui attività al conseguimento degli obiettivi organizzativi, influenzando attivamente gli eventi e fornendo un livello di prestazione coerente alla natura e all importanza degli stessi Organizzazione efficace del tempo e del lavoro: Capacità di gestione delle proprie attività in funzione di scadenze temporali definite, gestendo in maniera efficace gli imprevisti LIVELLO EQF 6 12

13 LOGISTICA E SUPPLY CHAIN Capacità utilizzo attrezzature e mezzi movimentazione merci (Muletto, transpallet..) Gestione dei conflitti: Capacità di affrontare e tenere sotto controllo situazioni che originano contrasti all interno dei gruppi e tensioni nei rapporti interpersonali Attivazione procedure e pratiche doganali import/export Capacità di utilizzo applicativi e/o sistemi informativi Gestione scorte e approvvigionamento Implementazione e aggiornamento sistema informativo di gestione flussi merci Gestione rapporti con clienti/fornitori interni ed esterni Conoscenza procedure logistiche integrate Conoscenza prodotto/servizio aziendale Conoscenza processi aziendali Gestione rapporti con clienti/fornitori interni ed esterni Gestione attività spedizioni/consegne Ottimizzazione e innovazione area di competenza Pianificazione e gestione scorte e magazzino Pianificazione e gestione spedizioni/consegne ADDETTO AL MAGAZZINO LIVELLO EQF 3 LIVELLO EQF 4 LIVELLO EQF 13

14 ADDETTO ALLA LOGISTICA Conoscenza tecniche di gestione magazzino/scorte LIVELLO EQF Conoscenza procedure amministrative, fiscali di tenuta flussi di magazzino Conoscenza processi aziendali Normativa e procedure in tema di salute e sicurezza sul lavoro Attivazione procedure e pratiche doganali import/export Predisposizione e redazione documentazione di trasporto Capacità utilizzo attrezzature e mezzi movimentazione merci (Muletto, transpallet..) Capacità di utilizzo applicativi e/o sistemi informativi Gestione rapporti con clienti/fornitori interni ed esterni Gestione movimentazione merci e magazzino Pianificazione e gestione scorte e magazzino Stabilità Emotiva e gestione dello stress: Stabilità della prestazione in condizioni di difficoltà e conflitto, tramite reazioni lucide ed equilibrate Efficacia Interpersonale: Capacità di comprendere le percezioni, i bisogni, gli atteggiamenti degli altri e interagirvi in LIVELLO EQF 4 modo costruttivo Gestione dei conflitti: Capacità di affrontare e tenere sotto controllo situazioni che originano contrasti all interno dei gruppi e tensioni nei rapporti interpersonali Gestione dei gruppi e delle riunioni: Capacità di coordinare più persone intente a operare insieme sulla base di esigenze comuni, ma non necessariamente in sintonia, focalizzando processi di comunicazione incrociata e orientandoli verso i risultati voluti Persuasione: Capacità di mettere insieme e di presentare materiali, suggerimenti, soluzioni in modo da cogliere l interesse e l adesione degli interlocutori Negoziazione: Orientamento a ricercare e utilizzare margini di trattativa in tutte le situazioni in cui occorre raggiungere un risultato di qualsiasi natura in competizione con altre persone o gruppi Capacità di lavoro in team: Capacità di lavorare in gruppo e di perseguire obiettivi comuni realizzandoli nei tempi e nei modi stabiliti Definizione ed implementazione procedure e pratiche doganali import/export LIVELLO EQF 3 14

15 ADDETTO ACQUISTI Orientamento agli obiettivi e ai risultati: Capacità di indirizzare costantemente la propria e l altrui attività al conseguimento degli obiettivi organizzativi, influenzando attivamente gli eventi e fornendo un livello di prestazione coerente alla natura e all importanza degli stessi Gestione delle risorse umane: Capacità di orientare, valutare, sviluppare e integrare le attività, i componenti del proprio gruppo di lavoro o le unità operative Predisposizione e redazione documentazione di trasporto Capacità utilizzo attrezzature e mezzi movimentazione merci (Muletto, transpallet..) Gestione attività spedizioni/consegne Definizione politiche, obiettivi e strategie area logistica Ottimizzazione e innovazione area di competenza Definizione ed implementazione procedure e pratiche doganali import/export Reporting area di competenza Conoscenza procedure amministrative, fiscali e doganali relative alle spedizioni nazionali ed internazionali Conoscenza procedure amministrative, fiscali di tenuta flussi di magazzino Conoscenza tecniche di gestione spedizioni/trasporti Conoscenza sistemi di immagazzinamento e movimentazione merci Conoscenza prodotto/servizio aziendale Gestione dei conflitti: Capacità di affrontare e tenere sotto controllo situazioni che originano contrasti all interno dei gruppi e tensioni nei rapporti interpersonali Gestione dei gruppi e delle riunioni: Capacità di coordinare più persone intente a operare insieme sulla base di esigenze comuni, ma non necessariamente in sintonia, focalizzando processi di comunicazione incrociata e orientandoli verso i risultati voluti Negoziazione: Orientamento a ricercare e utilizzare margini di trattativa in tutte le situazioni in cui occorre raggiungere un risultato di qualsiasi natura in competizione con altre persone o gruppi Leadership: Capacità di organizzare il consenso, di ottenere collaborazione e di guidare singole persone o un gruppo al raggiungimento degli obiettivi prefissati Capacità di comunicazione: Capacità di imbastire un discorso con parole facili e frasi eleganti, esprimendo chiaramente e correttamente il proprio pensiero di fronte a numerosi e diversificati interlocutori Conoscenza procedure logistiche integrate Normativa e procedure in tema di salute e sicurezza sul lavoro Gestione rapporti con clienti/fornitori interni ed esterni Gestione scorte e approvvigionamento Implementazione e aggiornamento sistema informativo di gestione flussi merci Capacità di predisposizione e rispetto del budget LIVELLO EQF 4 LIVELLO EQF LIVELLO EQF 6 1

16 Orientamento agli obiettivi e ai risultati: Capacità di indirizzare costantemente la propria e l altrui attività al conseguimento degli obiettivi organizzativi, influenzando attivamente gli eventi e fornendo un livello di prestazione coerente alla natura e all importanza degli stessi Conoscenza prodotto/servizio aziendale Conoscenza procedure logistiche integrate Conoscenza processi aziendali Capacità di utilizzo applicativi e/o sistemi informativi Gestione rapporti con clienti/fornitori interni ed esterni Coordinamento e controllo attività area logistica Capacità di predisposizione e rispetto del budget Attivazione procedure e pratiche doganali import/export Gestione delle risorse umane: Capacità di orientare, valutare, sviluppare e integrare le attività, i componenti del proprio gruppo di lavoro o le unità operative Capacità di comunicazione: Capacità di imbastire un discorso con parole facili e frasi eleganti, esprimendo chiaramente e correttamente il proprio pensiero di fronte a numerosi e diversificati interlocutori Conoscenza procedure amministrative, fiscali e doganali relative alle spedizioni nazionali ed internazionali Gestione movimentazione merci e magazzino Gestione attività spedizioni/consegne Definizione politiche, obiettivi e strategie area logistica Ottimizzazione e innovazione area di competenza RESPONSABILE MAGAZZINO LIVELLO EQF 3 LIVELLO EQF 4 LIVELLO EQF LIVELLO EQF 6 16

17 RESPONSABILE LOGISTICA Gestione delle risorse umane: Capacità di orientare, valutare, sviluppare e integrare le attività, i componenti del proprio gruppo di lavoro o le unità operative Orientamento agli obiettivi e ai risultati: Capacità di indirizzare costantemente la propria e l altrui attività al conseguimento degli obiettivi organizzativi, influenzando attivamente gli eventi e fornendo un livello di prestazione coerente alla natura e all importanza degli stessi Gestione scorte e approvvigionamento Conoscenza procedure logistiche integrate Conoscenza procedure amministrative, fiscali e doganali relative alle spedizioni nazionali ed internazionali Conoscenza procedure amministrative, fiscali di tenuta flussi di magazzino Conoscenza tecniche di gestione approvvigionamento Conoscenza tecniche di gestione magazzino/scorte Conoscenza tecniche di gestione spedizioni/trasporti Conoscenza sistemi di immagazzinamento e movimentazione merci Conoscenza prodotto/servizio aziendale Conoscenza processi aziendali Normativa e procedure in tema di salute e sicurezza sul lavoro Attivazione procedure e pratiche doganali import/export Predisposizione e redazione documentazione di trasporto Aggiornamento sistema informativo di gestione flussi merci Capacità di utilizzo applicativi e/o sistemi informativi Gestione rapporti con clienti/fornitori interni ed esterni Gestione attività spedizioni/consegne Definizione politiche, obiettivi e strategie area logistica Coordinamento e controllo attività area logistica Ottimizzazione e innovazione area di competenza Pianificazione e gestione scorte e magazzino Pianificazione e gestione spedizioni/consegne Definizione ed implementazione procedure e pratiche doganali import/export Implementazione e aggiornamento sistema informativo di gestione flussi merci Gestione rapporti con clienti/fornitori interni ed esterni Capacità di predisposizione e rispetto del budget Reporting area di competenza Stabilità Emotiva e gestione dello stress: Stabilità della prestazione in condizioni di difficoltà e conflitto, tramite reazioni lucide ed equilibrate Efficacia Interpersonale: Capacità di comprendere le percezioni, i bisogni, gli atteggiamenti degli altri e interagirvi in modo costruttivo Gestione dei conflitti: Capacità di affrontare e tenere sotto controllo situazioni che originano contrasti all interno dei gruppi e tensioni nei rapporti interpersonali Gestione dei gruppi e delle riunioni: Capacità di coordinare più persone intente a operare insieme sulla base di esigenze comuni, ma non necessariamente in sintonia, focalizzando processi di comunicazione incrociata e orientandoli verso i risultati voluti Persuasione: Capacità di mettere insieme e di presentare materiali, suggerimenti, soluzioni in modo da cogliere l interesse e l adesione degli interlocutori Negoziazione: Orientamento a ricercare e utilizzare margini di trattativa in tutte le situazioni in cui occorre raggiungere un risultato di qualsiasi natura in competizione con altre persone o gruppi Leadership: Capacità di organizzare il consenso, di ottenere collaborazione e di guidare singole persone o un gruppo al raggiungimento degli obiettivi prefissati Capacità di comunicazione: Capacità di imbastire un discorso con parole facili e frasi eleganti, esprimendo chiaramente e correttamente il proprio pensiero di fronte a numerosi e diversificati interlocutori Capacità di lavoro in team: Capacità di lavorare in gruppo e di perseguire obiettivi comuni realizzandoli nei tempi e nei modi stabiliti LIVELLO EQF LIVELLO EQF 6 17

18 RESPONSABILE ACQUISTI Persuasione: Capacità di mettere insieme e di presentare materiali, suggerimenti, soluzioni in modo da cogliere l interesse e l adesione degli interlocutori Capacità di predisposizione e rispetto del budget Capacità utilizzo attrezzature e mezzi movimentazione merci (Muletto, transpallet..) Conoscenza procedure amministrative, fiscali e doganali relative alle spedizioni nazionali ed internazionali Conoscenza procedure amministrative, fiscali di tenuta flussi di magazzino Conoscenza tecniche di gestione approvvigionamento Conoscenza tecniche di gestione magazzino/scorte Conoscenza tecniche di gestione spedizioni/trasporti Conoscenza sistemi di immagazzinamento e movimentazione merci Conoscenza prodotto/servizio aziendale Conoscenza processi aziendali Normativa e procedure in tema di salute e sicurezza sul lavoro Attivazione procedure e pratiche doganali import/export Aggiornamento sistema informativo di gestione flussi merci Capacità di utilizzo applicativi e/o sistemi informativi Gestione rapporti con clienti/fornitori interni ed esterni Gestione scorte e approvvigionamento Gestione attività spedizioni/consegne Definizione politiche, obiettivi e strategie area logistica Coordinamento e controllo attività area logistica Ottimizzazione e innovazione area di competenza Pianificazione e gestione spedizioni/consegne Definizione ed implementazione procedure e pratiche doganali import/export Gestione rapporti con clienti/fornitori interni ed esterni Reporting area di competenza Stabilità Emotiva e gestione dello stress: Stabilità della prestazione in condizioni di difficoltà e conflitto, tramite reazioni lucide ed equilibrate Efficacia Interpersonale: Capacità di comprendere le percezioni, i bisogni, gli atteggiamenti degli altri e interagirvi in modo costruttivo Gestione dei conflitti: Capacità di affrontare e tenere sotto controllo situazioni che originano contrasti all interno dei gruppi e tensioni nei rapporti interpersonali Negoziazione: Orientamento a ricercare e utilizzare margini di trattativa in tutte le situazioni in cui occorre raggiungere un risultato di qualsiasi natura in competizione con altre persone o gruppi Leadership: Capacità di organizzare il consenso, di ottenere collaborazione e di guidare singole persone o un gruppo al raggiungimento degli obiettivi prefissati Capacità di comunicazione: Capacità di imbastire un discorso con parole facili e frasi eleganti, esprimendo chiaramente e correttamente il proprio pensiero di fronte a numerosi e diversificati interlocutori Capacità di lavoro in team: Capacità di lavorare in gruppo e di perseguire obiettivi comuni realizzandoli nei tempi e nei modi stabiliti LIVELLO EQF LIVELLO EQF 6 18

19 SICUREZZA RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Normativa e procedure in tema di ambiente, salute e sicurezza sul lavoro Conoscenza di tipologie e fonti di rischio e relativi effetti e conseguenze Conoscenza di criteri e strumenti di valutazione del rischio Conoscenza delle misure di prevenzione e protezione dei rischi Conoscenza dei sistemi e dispositivi di protezione individuale dal rischio Conoscenza dei sistemi e delle procedure di emergenza e pronto soccorso Conoscenza dei processi produttivi aziendali Identificazione, analisi, valutazione e classificazione fattori di rischio Coordinamento e verifica corretta applicazione procedure per la gestione delle emergenze Negoziazione: Orientamento a ricercare e utilizzare margini di trattativa in tutte le situazioni in cui occorre raggiungere un risultato di qualsiasi natura in competizione con altre persone o gruppi LIVELLO EQF 3 19

20 RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE E PREVENZIONE Normativa e procedure in tema di ambiente, salute e sicurezza sul lavoro Conoscenza degli attori coinvolti da SPP e relativi compiti, obblighi e responsabilità Conoscenza di tipologie e fonti di rischio e relativi effetti e conseguenze Conoscenza di criteri e strumenti di valutazione del rischio Conoscenza delle misure di prevenzione e protezione dei rischi Conoscenza dei sistemi e dispositivi di protezione individuale dal rischio Conoscenza dei sistemi e delle procedure di emergenza e pronto soccorso Conoscenza dei processi produttivi aziendali Gestione informazione e formazione in ambito prevenzione, protezione salute, sicurezza e ambiente Redazione e gestione della documentazione specifica prevista Gestione delle relazioni con Enti e Organi di controllo Capacità di utilizzo applicativi e/o sistemi informativi Definizione politiche, obiettivi e strategie servizio prevenzione, protezione salute, sicurezza e ambiente (SPP) Pianificazione, gestione e controllo attività SPP Definizione, monitoraggio e verifica raggiungimento obiettivi di performance relativi SPP Identificazione, analisi, valutazione e classificazione fattori di rischio Identificazione e applicazione misure di prevenzione infortuni, incidenti e danni Definizione procedure per la gestione delle emergenze Coordinamento e verifica corretta applicazione procedure per la gestione delle emergenze Gestione informazione e formazione in ambito prevenzione, protezione salute, sicurezza e ambiente Redazione e gestione della documentazione specifica prevista Gestione delle relazioni con Enti e Organi di controllo Capacità di predisposizione e rispetto del budget Gestione e controllo rispetto misure di sicurezza Identificazione, analisi, valutazione e classificazione fattori di rischio Identificazione e applicazione misure di prevenzione infortuni, incidenti e danni Stabilità Emotiva e gestione dello stress: Stabilità della prestazione in condizioni di difficoltà e conflitto, tramite reazioni lucide ed equilibrate Aggiorna e attiva e procedure per la gestione delle emergenze LIVELLO EQF LIVELLO EQF 6 20

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Allegato B: modello di presentazione

Allegato B: modello di presentazione Allegato B: modello di presentazione TEMA TITOLO DELLA SOLUZIONE AZIENDA/ORGANIZZAZIONE NR. DI LAVORATORI Paese Indirizzo ESEMPI DI BUONA PRASSI Sicurezza nel processo di business, training on job Azione

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO Manuale per la formazione di: AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) & OPERATORI DI MAGAZZINO Redatto come parte del progetto CENTRAL Qualifiche Professionali nell ambito dei Trasporti

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO 2ª Edizione - Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Calzedonia Holding S.p.A - il 17 marzo 2014 ENG INTRODU- ZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE DEL CODICE ETICO Un Azienda

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli