DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5AA TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO E DELLA MODA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 VICENZA, 15 MAGGIO 2009 Accreditato dalla Regione Veneto per la Formazione Superiore Aut. n. A0410 D. n. 221 del 05/06/2006 Via Mora, Vicenza

2 ANNO SCOLASTICO 2008/2009 ISTITUTO PROF. LE DI STATO PER I SERVIZI SOCIALI B. MONTAGNA VI CLASSE 5AA TECNICO ABBIGLIAMENTO MODA N. ORE DESCRIZIONE DOCENTE 3 ITALIANO PERETTI CHIARA 2 STORIA PERETTI CHIARA 3 LINGUA STRANIERA FRANCESE CONDORELLI CRISTINA 3 MATEMATICA PIROLA ELENA 5 DISEGNO PROFESSIONALE LUCA BRUNO 4 STORIA DELL ARTE E DEL COSTUME MONTALBANO VINCENZO 5 TECNOLOGIE DI SETTORE CARRARO MANUELA 2 EDUCAZIONE FISICA FATTORI DANIELE 1 RELIGIONE CALLIPO MARIA ROSARIA SOSTEGNO: SCHIAFONE ISABELLA MASCIA DAMIANO TOTALE ORE: 28 COORDINATORE: CONDORELLI CRISTINA SEGRETARIO: FATTORI DANIELE ALUNNI: PILIEGO LUCREZIA FURLAN CLAUDIA

3 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Elenco generale degli alunni della classe 5^A A Anno scolastico 2008/09 Alunno 1CADALDINI BEATRICE 2CARBONARA CHIARA MARIA 3CELI LAURA 4DAL CENGIO GRETA 5DE MANI SONIA 6FACIN ERIKA 7FURLAN CLAUDIA 8GIACOMONI ELENA 9IMBRIGLIATI ELISA 10KORANTENG PATRICIA ASABEA 11MAHMOOD ANNAM 12MENEGATO MARGHERITA 13MITROVIC DRAGAN 14MUAMETAJ ESJANA 15OMENETTO SILVIA 16PERIC JELENA 17PILIEGO LUCREZIA 18SCALCO GIULIA 19SPASOJEVIC IVANA 20SPILLER CHIARA 21TESSAROLI FRANCESCA 22TRAFORETTI GIULIA 23VENDRAMIN JESSICA 24VEZZARO LIA 25ZARAMELLA LISA

4 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art. 5) Sistema Gestione Qualità D2-11 Revisione n.1 CLASSE: 5^ A DELLA MODA INDIRIZZO: TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO E ANNO SCOLASTICO: 2008/2009 Coordinatore di Classe Prof.ssa: Cristina Condorelli 1. Presentazione sintetica della classe a) Storia del biennio conclusivo del corso di studi La classe è formata da 25 alunni (24 femmine, di cui 2 diversamente abili) ed 1 maschio. 23 provengono dalla classe 4A TAM e 2 (1 alunno ed 1 alunna) dalla 5A TAM 2007/2008. Al termine dello scrutinio, relativo all anno scolastico 2007/2008 (classe 4A TAM), 8 allieve sono state ammesse alla classe quinta dopo aver sanato i debiti formativi nella sessione delle prove di verifica di settembre; i debiti formativi erano presenti in Italiano, Matematica e Storia. b) Continuità didattica nel biennio Nel biennio post-qualifica non c è stata continuità didattica per Disegno Professionale c) Situazione di partenza della classe nell anno scolastico in corso La classe si presenta, nel complesso, sufficientemente interessata alle attività didattiche proposte ed il profitto risulta per alcuni quasi discreto e per il resto della classe globalmente sufficiente. Nel corso del corrente anno scolastico, una parte degli alunni ha manifestato difficoltà in alcune materie. 2. Obiettivi generali (Educativi e formativi) Nel corso del presente hanno scolastico la maggioranza degli alunni ha consolidato la capacità di: collaborare attivamente al processo di insegnamento - apprendimento sviluppare la capacità di socializzare in modo corretto essere tolleranti accettando gli altri sviluppare atteggiamenti di solidarietà nei confronti dei compagni bisognosi o in difficoltà usare il proprio tempo in modo consapevole e propositivo sviluppare la capacità di svolgere il proprio lavoro in modo responsabile rispettare orari e regole della vita comunitaria mantenendo un comportamento corretto nei confronti del Dirigente Scolastico, dei docenti, del personale ATA e dei compagni utilizzare con cura e responsabilità ambienti, strumenti e materiali scolastici essere flessibili nell affrontare situazioni nuove, adattandosi ai cambiamenti anche attraverso percorsi di auto apprendimento usare la lingua italiana nelle relazioni interpersonali con i docenti

5 utilizzare un linguaggio consono all'ambiente scolastico lavorare con metodo raccogliere, classificare, rielaborare e rappresentare dati con disegni, schemi, grafici e diagrammi relazionare su interventi ed attività discutendo un argomento con sufficiente chiarezza espositiva e corretto utilizzo della terminologia specifica individuare sequenze logiche operando collegamenti, confronti ed astrazioni semplici all interno di una stessa disciplina e tra discipline diverse 3. Conoscenze, competenze e capacità Per gli obiettivi cognitivi definiti si rimanda alle relazioni finali dei docenti delle singole discipline (All. A) 4. Attività extra, para, inter curricolari Progetto Intesa (biennio integrato post-qualifica) Figura professionale: Assistente tecnico alla ricerca e sviluppo del prodotto Ente di formazione Pia Società San Gaetano. Durata totale lezioni + stage: 600 ore. MODULI SVOLTI ORE Informatica 40 Org. Aziendale Legislazione del lavoro Marketing 24 Prevenzione e sicurezza in ambiente di lavoro 22 Qualità 20 Comunicazione: Microlingua (inglese), Psicologia e sociologia della moda, Sviluppo abilità (simulazioni 69 aziendali) Professionalizzante: Organizzazione ntec. Stilistica del campionario, Progettazione cad grafich e model styling, Industrializzazione del prodotto, Materiali, attrezzature e 169 macchine, Costi prodotto: analisi dei metodi di produzione. Esame e prove finali 16 Stage 240 TOTALE 600 Progetto orientamento Incontro di orientamento con Università di Padova Incontro aziende-studenti (Fiera di Vicenza) 04/12/2008 Progetto orientamento IUAV Treviso per 10 alunne /05/2009 (esame finale previsto per il 28/05/2009) Attività e riflessione sui risultati del Siqus Uscite didattiche Visita guidata alla mostra di George Barbier e di Isabelle Borchgrave ( Palazzo Mariano Fortuny) Visita guidata alla mostra I Capolavori Futuristi al Museo Peggy Guggenheim

6 Visita guidata a Palazzo Mariano Fortuny Visita guidata alla Peggy Guggenheim collection Visita guidata alla mostra di Roberto Capuccial Palazzo Fortuny Venezia Visita alla mostra sul Futurismo al MART di Rovereto Attività generali Indicazioni metodologiche di stesura e relativa ottobre-novembre 2008 correzione delle relazioni dello stage estivo fatte dai docenti di Italiano e Tutor 3^ Area Giochi di Archimede (4 alunne) Corso di formazione: Alterità e cultura di pace a Treviso 26/11/2008 (10 alunne) Giornata della memoria: film Il bambino con il pigiama a righe Attività teatrale nell ambito dell educazione alla salute (teatro comunale di Vicenza) 5. Criteri e strumenti della misurazione e della valutazione approvati dal Consiglio di Classe Nel valutare i docenti hanno adottato i seguenti indicatori adeguati alla formulazione dei giudizi e all attribuzione dei punteggi: dell impegno dimostrato della correttezza espositiva dei progressi effettivamente riscontrati rispetto alla situazione di partenza della capacità di analisi, sintesi e rielaborazione dei contenuti della capacità di operare collegamenti all interno della stessa disciplina e di discipline diverse conoscenza dei contenuti Le prove scritte di esercitazione sulle tipologie d esame sono state svolte in tre momenti nei mesi di febbraio, marzo ed aprile. Per quanto concerne la III prova scritta, questa ha, di volta in volta, coinvolto le discipline di Francese, Matematica, Storia, Storia dell Arte e Tecniche di Settore; sono state utilizzate le tipologie B e B+C. L esercitazione del colloquio sarà sperimentata nel prima settimana di giugno. Tutte le esercitazione sono state valutate seguendo le griglie, con gli indicatori allegati alle prove stesse e al presente documento. Esercitazione prove scritte sulle tipologie d esame Esercitazione n. 1 : 09/02/2009 I prova scritta 11/02/2009 II prova scritta 13/02/2009 III prova scritta (tipologia B + C): Francese, Storia dell Arte e del Costume, Tecniche di Settore, Storia)

7 Esercitazione n. 2: 23/03/2009 I prova scritta 26/03/2009 II prova scritta 27/03/2009 III prova scritta (tipologia A): Francese, Storia dell Arte e del Costume, Tecniche di Settore, Matematica). Esercitazione n. 3 20/04/2009 I prova scritta 22/04/2009 II prova scritta 27/04/2009 III prova scritta (tipologia B): Francese, Storia dell arte e del costume, Tecniche di settore, Matematica, Storia). Visti i risultati ottenuti, il consiglio di classe ritiene più idonea la tipologia B, la risposta breve, poichè permette ad ogni studente di esporre le conoscenze in suo possesso. Modalità di recupero in corso d anno: nel corso del presente anno scolastico, sono state intraprese attività di recupero in orario curricolare, in quasi tutte le materie e con sportelli disciplinari su richiesta degli studenti Per definire il livello di valutazione del profitto si è utilizzata la seguente tabella di Istituto: VOTO DESCRITTORE 2 Nessun elemento significativo per poter formulare un giudizio Scarsissima conoscenza anche degli argomenti fondamentali. Assenza di comprensione o incapacità di applicazione delle conoscenze 3 acquisite. Gravi e numerosi errori e confusione nella comunicazione scritta e orale. Conoscenza carente o frammentaria degli argomenti significativi, difficoltà di esposizione. 4 Comprensione limitata o difficoltà evidente nella applicazione degli argomenti fondamentali. Numerosi errori nella comunicazione scritta e orale. Conoscenza incompleta o superficiale, esposizione impacciata degli argomenti fondamentali. 5 Comprensione parziale con incertezze o limitata autonomia nell applicazione degli argomenti appresi. Errori nella comunicazione scritta e orale. Conoscenza sostanziale degli argomenti fondamentali anche se esposti con qualche inesattezza. 6 Capacità di cogliere gli aspetti essenziali degli argomenti trattati. Comprensione o applicazione corretta dei contenuti fondamentali Conoscenza abbastanza sicura degli argomenti ed esposizione chiara e corretta. 7 Capacità di cogliere le relazioni tra i contenuti trattati. Comprensione ed applicazione corretta degli argomenti richiesti. Conoscenza approfondita degli argomenti ed esposizione chiara, corretta, appropriata e personale. 8 Capacità di cogliere in maniera organica le relazioni tra i contenuti trattati. Comprensione e applicazione corretta ed autonoma degli argomenti richiesti. Conoscenza approfondita degli argomenti ed esposizione chiara, corretta, appropriata e personale. 9 Capacità di padroneggiare argomenti e problematiche complesse e di organizzare le conoscenze sapendo operare gli opportuni collegamenti interdisciplinari. 10 Livelli e capacità del descrittore precedente con caratteristiche di eccezionalità.

8 Per le prove strutturate o semistrutturate ed in particolare per le esercitazioni sulle prove scritte d esame si è utilizzata la seguente tabella di conversione: Punteggio % Voto in decimi Voto in quindicesimi 0% 2 1 <31% % - 37% 3,5 5 38% - 44% % - 50% 4,5 7 51% - 56% % - 61% 5,5 9 62% - 66% % - 71% 6, % - 76% % - 80% 7,5 (12,5) 81% - 84% % - 88% 8,5 (13,5) 89% - 92% % - 96% 9,5 (14,5) 97% - 100% Per la valutazione della condotta, vedi allegato al presente documento. Data 06/05/2009 Firma del coordinatore Firma del Preside In allegato: n. 9 All. A n. 1 All. B n. 9 programmi e 2 relazioni finali relativi alle alunne diversamente abili Elenco alunni Elenco docenti del C.d.C. Documento di proprietà dell I.P.S.S.. Bartolomeo Montagna di Vicenza. Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati.

9 AREA PROFESSIONALIZZANTE

10 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Area professionalizzante dell indirizzo Abbigliamento e Moda Assistente tecnico alla ricerca e sviluppo del prodotto e capace di gestire, programmare e operare concretamente nella costruzione dei campionari di varie tipologie di prodotto; e capace di interagire tra le diverse funzioni aziendali del comparto (campionari, prodotto, controllo qualità, costruzione prototipi) è in grado di rivestire un ruolo qualificante all interno del sistema aziendale. Lo specializzato opera in piccole medie, grandi aziende con competenze tecnico progettuali nell'ambito del settore abbigliamento. Articolazione del percorso I annualità del biennio: aree disciplinari Ore Informatica 20 Org.Az. Legislazione del lavoro Marketing 12 Prevenzione e sicurezza in ambiente di lavoro 10 Qualità 10 Comunicazione: Microlingua, Psicologia e sociologia della moda, Sviluppo abilità (simulazioni aziendali) 1 35 Professionalizzante: Organizzazione tecn. stilistica del campionario 1; Progettazione cad graphic e model styling, Industrializzazione del prodotto 1 Materiali - attrezzature e macchine 1, Costi prodotto - analisi dei metodi di produzione 1 84 II annualità del biennio: aree disciplinari Informatica 20 Org.Az. Legislazione del lavoro Marketing 12 Prevenzione e sicurezza in ambiente di lavoro 12 Qualità 10 Comunicazione Microlingua 2 Psicologia e sociologia della moda 2 Sviluppo abilità (simulazioni aziendali) 2 34 Professionalizzante Organizzazione tecn. stilistica del campionario 2, Progettazione cad graphic e model styling 2, Industrializzazione del prodotto 2, Materiali - attrezzature e macchine 2, Costi prodotto - analisi dei metodi di produzione 2 85 Esame e prove finali 16 Stage 240 Totale 600

11 ALLEGATO A RELAZIONE DEI DOCENTI E PROGRAMMI SVOLTI

12 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Sistema Gestione Qualità D2-11/a Revisione n.1 ALL. A MATERIA ITALIANO Prof. CHIARA PERETTI classe e indirizzo 5^ A TAM anno scolastico 2008/09 CONOSCENZE Conoscenze linguistiche conoscenza delle strutture morfologiche sintattiche essenziali conoscenza delle caratteristiche delle tipologie testuali principali: relazione, saggio breve, articolo di giornale, testo argomentativo conoscenza delle caratteristiche fondameni specialistici Conoscenze letterarie caratteri principali del Realismo Naturalismo e Verismo caratteri principali del Decadentismo l evoluzione del romanzo: il romanzo della crisi l evoluzione della lirica tra Ottocento e Novecento: la lirica simbolista francese, la poesia italiana, le avanguardie, alcuni autori del novecento italiano COMPETENZE Competenze linguistiche esporre con correttezza e coerenza un argomento produrre testi rispondenti alle tipologie previste per l Esame di Stato: analisi e comprensione del testo, saggio breve, articolo di giornale, tema espositivo e argomentativo applicare procedimenti di analisi a testi letterari ed extraletterari Competenze letterarie applicare procedimenti di analisi di un testo narrativo e poetico collocare contestualmente un movimento, un autore, un opera operare confronti e collegamenti tra elementi della poetica di un autore, tra autori di uno stesso periodo storico- letterario, tra autori e movimenti diversi nell ambito della storia della letteratura studiata CAPACITÀ

13 instaurare semplici relazioni logiche fra nozioni di discipline diverse saper organizzare i risultati della ricerca fruire i testi a diversi livelli: informativo, psicologico, estetico CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE Obiettivi: conoscere il quadro storico e il contesto politico-economico-culturale di un periodo letterario conoscere le caratteristiche di un periodo storico-letterario conoscere le caratteristiche di un genere letterario in uno specifico contesto storico riconoscere l evoluzione di un genere letterario saper contestualizzare storicamente e culturalmente un autore, un opera, correnti, movimenti e tendenze letterarie conoscere la biografia e la produzione letteraria di un autore saper riconoscere la funzione della letteratura, i modi della produzione e diffusione del prodotto letterario conoscere i centri e i luoghi della produzione letteraria e culturale individuare attraverso l analisi testuale le analogie e le differenze tematiche e stilistiche di uno stesso autore e/o tra autori e movimenti diversi individuare i mutamenti nelle idee e nella tipologia testuale applicare strumenti di analisi tematica e stilistica di un testo narrativo, letterario e di un testo poetico Periodo 1 Modulo: Il romanzo realista tra Naturalismo e Verismo- brani antologici settembre/ottobre Flaubert, Madame Bovary, romanzo, e approfondimento con visione film di Chabrol, 1991 Verga, la vita e le opere Le strategie narrative del Verga La visione della vita nella narrativa del Verga Vita dei campi I Malavoglia Novelle rusticane Mastro-don Gesualdo 2 Modulo: la poesia della fine dell Ottocento Il Simbolismo francese Baudelaire, I fiori del male: Corrispondenze Verlaine - Arte poetica 3 Modulo: Il Decadentismo novembre/dicembre Affresco di un epoca Il primo novecento

14 Nietzsche: Dio è morto Le avanguardie storiche Marinetti: Manifesto del Futurismo Tzara: Per fare una poesia dadaista Le riviste letterarie italiane Papini: da Lacerba Un foglio stonato, urtante, spiacevole e personale Espressioni poetiche I crepuscolari Il ruolo del poeta Corazzini- Desolazione del povero poeta sentimentale Palazzeschi- Chi sono? - E lasciatemi divertire 3 Modulo: Ritratto d autore due poeti a confronto gennaio/febbraio Pascoli, la vita, le opere, la poetica Il fanciullino Myricae: l Assiuolo - Temporale - Il Lampo - Il Tuono Canti di Castelvecchio: La mia sera D Annunzio, la vita e le opere, la poetica Laudi del cielo, della terra, del mare, degli eroi: La sera fiesolana- La pioggia nel pineto Il romanzo della crisi Il Piacere: Una guarigione incerta La critica: La musicalità di D Annunzio 4 Modulo: Ritratto d Autore Pirandello marzo/aprile La vita e le opere Il pensiero e la poetica - La visione dell esistenza - La rivoluzione teatrale L umorismo: Il sentimento del contrario Novelle per un anno: La patente - Il treno ha fiaschiato Il fu Mattia Pascal : Cambio treno Uno, nessuno, centomila : Filo d aria 5 Modulo: Incontro con un opera - La coscienza di Zeno Svevo e la sua epoca Svevo, La coscienza di Zeno: L ultima sigaretta - Un rapporto conflittuale - Una seduta spiritica L inettitudine di Zeno 6 Modulo: La poesia italiana del Novecento aprile /maggio Alcuni autori Biografia e opere L ermetismo Ungaretti, L allegria: San Martino del Carso - Mattina - Soldati - Fratelli

15 Saba, Il Canzoniere: la capra - A mia moglie - Ulisse Quasimodo, Acque e terre: Ed è subito sera Giorno dopo giorno: Alle fronde dei salici Montale, Ossi di seppia: Meriggiare pallido e assorto- Spesso il male di vivere ho incontrato Le occasioni: Non recidere, forbice quel volto 7 Modulo: Caratteri principali e significativi del romanzo del secondo Novecento Il neorealismo Nota bene: per la lettura e la conoscenza di un opera letteraria di autori italiani o stranieri si rimanda al lavoro individuale di approfondimento della tesina presentata dagli alunni per il colloqio Ore effettivamente svolte dal docente nell intero anno scolastico 95 METODOLOGIE Lezione frontale, lezione dialogata, analisi di testi letterari e non letterari, lettura e analisi di articoli di quotidiani e riviste, dibattiti guidati, ricerche e relazioni, approfondimenti individuali e collettivi, ricevimento dei genitori MATERIALI DIDATTICI Libro di testo: M. Sambugar, G. Salà, LIEM, Vol. N 1, La Nuova Italia M. Sambugar, G. Salà, LIEM, Vol. N 2, La Nuova Italia TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Verifiche scritte e orali, verifiche strutturate e semistrutturate, questionari, produzione di testi e simulazioni di prima prova, secondo le tipologie A,B,C,D, dell Esame di Stato ( analisi e comprensione del testo, saggio breve, articolo di giornale, svolgimento della traccia di un tema a carattere generale) e di terza prova Sono allegati al documento del Consiglio di classe i seguenti esempi delle prove e delle verifiche effettuate, con griglie di correzione e valutazione: simulazione di prima prova: 9 febbr, 23 marzo, 20 aprile simulazione di terza prova: 13 febbr, 27 aprile Firma del docente Chiara Peretti Data, 6 maggio 2009 Documento di proprietà dell I.P.S.S.. Bartolomeo Montagna di Vicenza. Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati.

16 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Sistema Gestione Qualità D2-11/a Revisione n.1 ALL. A MATERIA STORIA Prof. CHIARA PERETTI classe e indirizzo 5^ A TAM anno scolastico 2008/09 CONOSCENZE conoscenza dei principali fatti storici e politici, economici e sociali dell unificazione italiana conoscenza dei principali avvenimenti italiani ed europei dalla fine dell Ottocento alla prima metà del Novecento la prima Guerra Mondiale, il dopoguerra e il ruolo degli USA conoscenza delle ideologie e dei movimenti politici più rappresentativi della seconda metà dell Ottocento e del Novecento aspetti caratterizzanti i regimi totalitari europei la seconda guerra mondiale il dopoguerra in Italia e in Europa COMPETENZE utilizzare con sufficente proprietà i termini specifici del linguaggio della disciplina utilizzare schemi causali per spiegare fatti storici riconoscere e descrivere i principali avvenimenti storici dei periodi studiati saper analizzare le relazioni economiche, sociali, politiche, culturali dei periodi storici studiati CAPACITÀ usare carte storiche per individuare localizzazioni, contestualizzazioni, relazioni spaziali di fatti storici rielaborare le conoscenze acquisite con sufficiente chiarezza effetture connessioni e confronti fra eventi e problematiche formulare un giudizio critico personale su fatti storici analizzare e comprendere un testo storico

17 CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE Periodo 1 Modulo: I problemi dell Italia unita settembre/ ottobre - la politica dei governi della Destra - l annessione del Veneto - la questione romana - i governi della sinistra - la politica estera della sinistra 2 Modulo: La seconda rivoluzione industriale - caratteristiche dell espansione economica - la diffusione del socialismo - la Chiesa di fronte alla questione sociale 3 Modulo: Scenari mondiali tra Ottocento e Novecento novembre / dicembre - colonialismo e imperialismo - fine dell eurocentrismo - spartizione coloniale dell Africa - economia e imperialismo negli USA - luci ed ombre della Belle époque - un nuovo sistema di alleanze - conflitti e crisi fra gli stati europei 4 Modulo: L Italia giolittiana gennaio / febbraio - lo sviluppo industriale dell Italia e la politica sociale di Giolitti - la politica interna di Giolitti - la politica estera e la guerra in Libia 5 Modulo: La Prima Guerra mondiale - cause della guerra - l intervento dell Italia - il 1917 e la rivoluzione russa - la fine del conflitto - il dopoguerra e il nuovo scenario mondiale - i mandati : la questione arabo-israeliana 6 Modulo: Il fascismo febbraio / marzo - il biennio rosso e la vittoria mutilata - i partiti politici - il fascismo al potere

18 - la dittatura - il regime fascista, la propaganda, il consenso - la politica interna - la politica estera 7 Modulo: Democrazie e totalitarismi Aprile / maggio - il nuovo ruolo degli USA e la crisi del 29 - la presa del potere di Hitler - il nazismo - l antisemitismo - lo stalinismo - la guerra civile spagnola - l Europa verso la guerra 8 Modulo: La Seconda Guerra Mondiale - la prima fase della guerra - l Italia in guerra - la seconda fase - il crollo del Fascismo - l armistizio - la resistenza - la fine della guerra 9 Modulo: il dopoguerra - la Costituzione - la ricostruzione - il mondo diviso - la guerra fredda 10 Modulo: scenari mondiali - la comunità europea - il 68 - il crollo del muro di Berlino Approfondimenti tematici sulla Prima Guerra Mondiale: Film: - La Grande Guerra di M. Monicelli (1959) - Uomini contro di F. Rosi (1970) Approfondimenti tematici: - Importanza della risorsa dell acqua - La Costituzione - Integrazione culturale - Razzismo

19 Nota bene: alcuni argomenti, che appartengono alla Storia del secondo Novecento, sono approfonditi individualmente dagli alunni nelle tesine preparate per il colloquio, secondo un approccio interdisciplinare ore effettivamente svolte dal docente nell intero anno scolastico 46 METODOLOGIE : Lezione frontale, lezione dialogata, ricerche e approfondimenti individuali e collettivi, riassunti, relazioni, questionari, lettura di brani letterari, lettura del giornale, analisi di articoli di quotidiani e riviste, discussioni e dibattiti, ricevimento genitori; nel corso dell anno scolastico è stato attivata l attività di sportello a richiesta, per approfondimenti e potenziamento didattico. MATERIALI DIDATTICI il testo adottato: A. Brancati, T. Pagliarani, Dialogo con la Storia, vol. 2 l Ottocento, La Nuova Italia A. Brancati, T. Pagliarani, Dialogo con la Storia, vol.3 Il Novecento, La Nuova Italia TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE: Verifiche scritte e orali, esercitazioni e produzione di testi secondo la tipologia prevista dall Esame di Stato ( articolo di giornale, saggio breve, analisi del testo, testi espositivi e argomentativi), prove strutturate con domande aperte, semistrutturate, analisi di testi storici. Sono allegati al documento del Consiglio di classe i seguenti esempi delle prove e delle verifiche effettuate: N 3 simulazioni di Prima Prova: 9 febbr, 23 marzo, 20 aprile N 2 prove di verifica di Terza prova: 13 febbr, 27 aprile data, 6 maggio 2009 Firma del docente Chiara Peretti Documento di proprietà dell I.P.S.S.. Bartolomeo Montagna di Vicenza.

20 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Sistema Gestione Qualità D2-11/a Revisione n.1 ALL. A MATERIA Lingua Francese Prof. Cristina Condorelli classe e indirizzo_ V A AM anno scolastico 2008/09 CONOSCENZE Gli allievi conoscono: le strutture linguistiche (morfologia e sintassi semplice), i contenuti linguistici di base, il lessico settoriale adeguato, le funzioni comunicative, la microlingua riguardante la qualifica e riconoscono i vari registri linguistici anche specifici dell'indirizzo. Gli allievi possiedono, inoltre, una discreta conoscenza della civiltà soprattutto gli aspetti riguardanti la storia dell arte e il settore della moda. COMPETENZE La classe ha acquisito competenze a livelli diversi. Alcuni alunni comprendono in modo più che sufficiente il senso di enunciati su argomenti noti, sono in grado di relazionare su di essi e seguire una conversazione. Altri invece, si esprimono in maniera più personale, usando un vocabolario adeguato alla situazione comunicativa riconoscendo la funzione dei vari argomenti che stanno leggendo. Sanno produrre messaggi scritti utilizzando abbastanza correttamente anche in situazioni nuove, le strutture e il lessico appresi,sanno rispondere a questionari e riassumere brani di civiltà e specifici alla qualifica ( arte e moda ). CAPACITÀ La maggior parte degli allievi comprende, analizza ed espone oralmente in modo discreto documenti autentici di vario genere con particolare riferimento al settore specifico dell'indirizzo, utilizzando un lessico di base e,se necessario, la microlingua. Altri, invece, utilizzano i contenuti linguistici e le funzioni comunicative di base applicati anche al contesto specifico dell'indirizzo, analizzano documenti autentici di vario genere con particolare riferimento alla qualifica e dimostrano, inoltre, una certa correttezza espositiva. Rielaborano discretamente anche le conoscenze applicando in modo sufficientemente autonomo le competenze acquisite.

21 1. CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ESPOSTI PER 1 Unità didattiche e/o 2 Moduli e/o 3 Percorsi formativi ed 4 Eventuali approfondimenti U.D. Modulo Percorso Formativo - approfondimento Modulo 1 - Grammatica 1 Periodo Sett / ott. /08 Apprendimento dell'uso dei tempi : modo indicativo (tutti i tempi) e Congiuntivo presente. Modulo 2 - Grammatica 2 Nov./08 Riconoscere e applicare c'est o il est. Differenze ed uso dei pronomi relativi. Modulo 3 - Grammatica 3 Dic./08 Esprimere ipotesi, concatenare i fatti. Modulo 4 - Grammatica 4 Gen. /09 Riconoscere/ esprimere informazioni / idee indefinite. Modulo 5 - Civilisation 1 Sett./ott./08 Leggere e saper relazionare su alcuni aspetti della moda. Le vetement masculin futuriste.( Manifesto Futurista) Modulo 6 - Civilisation 2 Nov./Dic/08 Leggere e relazionare su alcuni testi riguardanti alcuni stilisti francesi : Paul Poiret - C.Chanel - C. Dior - Yves Saint Laurent - E. Schiaparelli Modulo 7 - Civilisation 3 Gen./feb./ mar./09 Leggere e relazionare sulle correnti artistiche tra l'800 e il '900: L' Art Nouveau La Belle Epoque- La Belle Epoque dans la mode Les Expositions universelles L'Impressionisme - Le Futurisme- Le cubisme orphique Descrizione di alcuni quadri di pittori appartenenti ai seguenti movimenti artistici : L'impressionisme: P.A.Renoir (vita) - opera :La Liseuse E.Degas (vita) - opera : La Danseuse de 14 ans.

22 C.Monet ( vita) Le Post-impressionisme: P.Signac (vita) - opera : Les modistes. P. Gauguin (vita) - opera: Arearea. V.Van Gogh (vita) Le Futurisme: S.Delaunay (vita) Modulo 8 - Civilisation 4 Leggere e relazionare su alcuni testi riguardanti alcuni simboli architettonici di Parigi: le Grand Louvre, La Pyramide, la Tour Eiffel, la Gare d'orsay, Beaubourg. Apr./09 Modulo 9 - Civilisation 5 Lexique :l'habillement,les bijoux,les accessoires,le maquillage - Modulo 10- Civilisation 6 Ricerca personale, in lingua francese, di uno stilista italiano ( a scelta) e descrizione di alcuni modelli. Mag./09 Modulo 10 - Civilisation 6 Fraseologia: l avion,le train, l hotel,le café, les magasins, le restaurant. Ore effettivamente svolte dal docente fino al 15/05/ METODOLOGIE (lezione frontale, gruppi di lavoro, processi individualizzati, attività di recupero-sostegno e integrazione, ecc.): Sono state effettuate lezioni frontali con frequenti momenti di dialogo. Sono state effettuate attività di recupero puntuali durante le lezioni. E stato effettuato un corso di recupero per sanare i debiti del primo quadrimestre. 3. MATERIALI DIDATTICI (Testo adottato, orario settimanale di laboratorio, attrezzature, spazi, biblioteca tecnologie audiovisive e/o multimediali, ecc.): Testi adottati : Edisco- Fiches de grammaire Dispensa personale riguardante la moda, l arte e la civiltà francese.

23 4.TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Specificare: (prove scritte, verifiche orali, test oggettivi, prove grafiche, prove di laboratorio, ecc.): Verifiche scritte: prove strutturate e questionari su testi a risposte aperte. Gli alunni hanno sempre utilizzato il dizionario di lingua francese durante le prove di verifica e di simulazione. Verifiche orali, interrogazioni e valutazioni orali. A disposizione della commissione sono depositati in segreteria i seguenti esempi delle prove e delle verifiche effettuate: 1 Quadrimestre: Prova N.1 "La télévision française" ( ott./08) Prova N.2 "La Révolution impressioniste" (nov./08) Prova N.3 "Un jeune styliste monte son premier défilé "(dic./08) 2 Quadrimestre: Simulazioni 3a prova Esame di Stato. Prova N.1 Toulouse Lautrec ( febbraio. 09 ) Prova N.2 " H. Guimard" ( marzo.09) Prova N.3 " S.Delaunay" ( aprile 09) data_9/05/2009 Firma del docente Documento di proprietà dell I.P.S.S.. Bartolomeo Montagna di Vicenza. Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO) Classe: 3 B ITALIANO LETTERATURA 9788822168191 SAMBUGAR MARTA / SALA' GABRIELLA LETTERATURA + / VOLUME 1 + GUIDA ESAME 1 + ANTOLOGIA DIVINA COMMEDIA + ESPANSIONE WEB 1 LA NUOVA ITALIA EDITRICE 32,80 No

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli