Workshop per formatori di Protezione civile. La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Workshop per formatori di Protezione civile. La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC"

Transcript

1 Workshop per formatori di Protezione civile. La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC Marco Lombardi Milano, 5 aprile 2014

2 SSPC Chi siamo Regione Lombardia con d.g.r. n dell 8 agosto 2003 ha affidato all Istituto Regionale Lombardo di Formazione per l Amministrazione Pubblica (IReF) e in continuità, ai sensi della l.r. 14/2010, ad Éupolis Lombardia - Istituto superiore per la ricerca, la statistica e la formazione - la costituzione e la responsabilità della Scuola Superiore di Protezione Civile (SSPC) al fine di accrescere una maggiore consapevolezza sulla protezione civile e di sollecitare nella comunità locale una rinnovata coscienza di difesa del territorio. La recente d.g.r. n del 14 febbraio 2014, conferma e aggiorna indirizzi, competenze e organizzazione di SSPC. La Scuola è lo strumento mediante il quale è possibile sviluppare il sistema delle competenze di intervento in materia di Protezione civile, in modo da pervenire alla realizzazione di percorsi formativi specifici. 2

3 SSPC SSPC nel sistema di Protezione Civile Il Sistema di Protezione Civile sviluppato in Italia rappresenta una eccellenza e una unicità al mondo Il Sistema di Protezione Civile sviluppato dalla regione Lombardia è a sua volta una eccellenza e una unicità in Italia 3

4 SSPC La missione La Scuola Superiore di Protezione Civile si propone prioritariamente l obiettivo di formare personale che abbia compiti gestionali e tecnico operativi di supporto agli organi preposti alla gestione dell emergenza e di informare gruppi sociali e professionali per fornire un contributo alla creazione di una cultura della prevenzione del rischio e della corretta risposta alle emergenze. 4

5 SSPC Gli utenti della formazione I volontari di PC In Italia Oltre volontari organizzazioni In Lombardia volontari Di cui uomini Di cui 6.000donne 800 organizzazioni Di cui 500 gruppi Di cui 300 associazioni Gli attori del sistema di protezione civile lombardo sono molteplici e interfunzionali. Si tratta, infatti, di un sistema in cui convergono le strutture statali, le strutture regionali, gli Enti locali e le organizzazioni di volontariato. In questo contesto la SSPC risponde alla richiesta di formazione continua di tutti coloro che sono direttamente coinvolti nel sistema di protezione civile regionale, ossia organizzazioni di volontariato, amministratori, responsabili e tecnici degli Enti locali e professionisti coinvolti nella stesura dei piani di emergenza comunali e nei programmi di previsione e prevenzione provinciali. 5

6 SSPC Il ruolo di SSPC Per rendere sempre più professionale l azione del volontariato e competente quella dei professional SSPC rileva i fabbisogni informativi, formativi e di addestramento idea, progetta e realizza iniziative di informazione, formazione ed addestramento progetta, aggiorna e raccoglie metodi e strumenti didattici coordina e monitora le attività formative gestite in forma diretta e indiretta effettua il riconoscimento dei corsi e percorsi formativi e di addestramento attesta il conseguimento dei risultati formativi contribuisce all aggiornamento degli Standard regionali 6

7 La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC Le premesse

8 SSPC Offerta formativa Il numero di corsi riconosciuti dalla SSPC tra il 2011 e il 2013 è pari a 177 mentre il numero di corsi direttamente erogati dalla SSPC tra il 2011 e il 2013 è pari a 149 Il numero di corsi riconosciuti dal 2011 ad oggi ammonta a: 51 corsi svolti nel corsi svolti nel corsi svolti nel 2013 Il riconoscimento dei corsi è una linea di attività della SSPC che assume sempre più rilevanza, data la propensione sempre maggiore degli Enti e delle organizzazioni sul territorio a promuovere e organizzare corsi per i propri volontari 8

9 SSPC Offerta formativa Le tipologie di corso più diffuse sul territorio sono il corso base, il corso base sperimentale e il corso specialistico di I livello AIB I corsi di specializzazione diversi dal I livello AIB (Unità cinofile, Nuclei sommozzatori, Primo soccorritore sanitario, Squadre AIB elitrasportate, Seminari formativi) sono numericamente esigui ma comunque importanti dal punto di vista del contenuto Alcune tipologie di corso, residuali dal punto di vista quantitativo, possono tuttavia dare un valore aggiunto in termini qualitativi (esempio: corsi sperimentali e corsi di aggiornamento livello base) Domande di riconoscimento SSPC A.1 - Livello base A.1 - Livello base - aggiornamento A.2 (a) Unità cinofile A.2 (b) Nuclei sommozzatori A.2 (c) - Primo soccorritore sanitario A2 (d) Primo livello operatori AIB A2 (f) Squadre AIB elitrasportate D - Seminari formativi Corso base sperimentale 12 ore (2013) A.2 - Liv. Spec. - agg.to Livello Special. Sperimentale Totale Totale 9

10 SSPC Offerta formativa Nelle province di Bergamo e Milano sono stati organizzati la maggior parte dei corsi riconosciuti, rispettivamente 33 a BG e 39 a MI Gli Enti e le organizzazioni di alcune Province (Sondrio, Pavia, Lodi, ecc) hanno fatto pervenire poche richieste di riconoscimento nel periodo analizzato I corsi direttamente proposti e organizzati dalle Amministrazioni provinciali ammontano a 48, mentre quelli organizzati dagli altri Enti pubblici (Comunità montane, Parchi, Comuni, ecc) e dalle associazioni e gruppi di volontariato ammontano a 129 BG BS CO CR LC LO MB MI MN PV VA SO Totale

11 SSPC Offerta formativa All interno dei corsi specialistici sperimentali (durata compresa fra le 16 e le 44 ore, con punte massime anche superiori) e dei relativi corsi di aggiornamento specialistico si rilevano: Titoli e argomenti ricorrenti: Corso per operatori radio Interventi di Protezione civile in campo idrogeologico (e soccorso fluviale e alluvionale) Corso per responsabili e coordinatori di associazioni e gruppi di PC Topografia e orientamento (utilizzo di cartografie, bussola e GPS) Sistemi di ritenuta e manovre in corda Rischio tecnologico e industriale Titoli e argomenti di particolare interesse: Corso specialistico per l utilizzo delle motoseghe Interventi di protezione civile in campo logistico Leadership e gestione del gruppo Interventi in materia di igiene e sanità pubblica in corso di maxiemergenze Idraulica applicata all antincendio boschivo Volontari di PC a scuola Interventi in Emergenza Imenotteri 11

12 SSPC Offerta formativa Per quanto riguarda gli aggiornamenti al corso base (durata media di 8 ore) si rilevano: Una maggiore variabilità dei temi e degli argomenti trattati rispetto ai corsi sperimentali, anche se con alcune similarità: Utilizzo corde e sistemi di ritenuta Volontari di PC a scuola Aggiornamenti per coordinatori, presidenti e capisquadra Radiocomunicazione in emergenza Utilizzo della motosega Cartografia e GPS Rischio e interventi di PC in ambito idrogeologico Ulteriori temi e argomenti interessanti: Corso per la valorizzazione dei rapporti fra i componenti della colonna mobile regionale (CMR) nonché fra CMR e colonne mobili provinciali la tutela normativa del volontariato di PC (e i DPI) Il monitoraggio del reticolo idraulico minore Principi di ecologia (normativa, ecc) e tutela ambientale Il ruolo dei volontari nei grandi eventi Compiti del volontariato dopo le modifiche al D.Lgs. 81/08 sulla sicurezza Fondamenti di sicurezza elettrica 12

13 SSPC Offerta formativa In sintesi significa che nel solo 2103 sono state formate circa persone e sono stati coinvolti circa 200 docenti 13

14 La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC Le novità 14 febbraio #1371 La delibera di San Valentino

15 SSPC La visione strategica la Scuola Superiore di Protezione Civile un bagaglio di esperienza e di attività ragguardevole nel panorama nazionale revisione degli standard formativi adeguati alla mutata realtà e alle nuove normative in materia di protezione civile un percorso di formazione strutturato, modulare e flessibile; Expo 2015 è un orientamento Un piano strategico di medio periodo organizzazione armonica e coordinata delle esigenze di formazione strutturazione di una carriera per il volontario; definizione di ruoli e livelli formativi (1 livello, 2 livello specialistico, 3 livello gestionale) formazione per gli operatori appartenenti agli enti e istituzioni 15

16 SSPC Gli strumenti Per rendere sempre più professionale l azione del volontariato e competente quella dei professional SSPC si avvale anche del Comitato Tecnico Scientifico (CTS) composto da: dirigente regionale competente per la protezione civile o suo delegato direttore della SSPC o suo delegato coordinatore Tecnico Scientifico della SSPC; funzionario referente per la formazione di PC di RL referente per la formazione di PC di Éupolis tre rappresentanti delegati dalla Consulta del Volontariato di PC tre rappresentanti delegati dagli Enti locali del territorio lombardo un rappresentante delegato dal CFS, Comando Regionale Lombardia. un rappresentante delegato dalle Prefetture UTG della Lombardia 16

17 SSPC Standard formativi per i corsi realizzati e per i corsi riconosciuti da SSPC pari opportunità e principio di non discriminazione esperienza dei docenti: criteri di qualità prerequisiti di accesso al corso standard di ingresso modalità di selezione dei partecipanti: verifica degli standard di ingresso metodo didattico attivo materiale di supporto: materiali specifici e biblioteca virtuale approccio culturale e didattico per la promozione, la diffusione e la pratica dei principi e dei concetti fondamentali della protezione civile. diplomi ed attestati sulla base di frequenza e di test di uscita definizione di una durata minima e massima dei corsi 17

18 SSPC La matrice dei percorsi formativi una lista di esempi non esaustiva e non necessaria, dei corsi possibili (non tutti saranno realizzati, non tutti sono previsti) organizza la progressione verticale e orizzontale andrà a definire tempi (min/max), ruoli, operatività, programmi standard 18

19 SSPC Riconoscimento dei corsi SSPC: effettua il riconoscimento dei corsi e percorsi formativi e di addestramento di PC, progettati e realizzati da soggetti terzi attesta il conseguimento dei risultati previsti dai corsi e percorsi formativi e di addestramento CTS: provvede al riconoscimento delle iniziative formative e di addestramento di PC ideate, progettate e realizzate da soggetti terzi alla SSPC. Per quei corsi di cui un Ente richiede accreditamento (procedura volontaria non obbligatoria): compilazione della nuova domanda disponibile in rete entro i termini previsti (30gg prima del corso) valutazione in sede di riunione del CTS (anche telematica) per: approvazione immediata approvazione condizionata se non il corso necessita di adeguamenti minimi agli standard non approvazione comunicazione di SSPC all Ente 19

20 SSPC Piano Annuale 2014 Orientamenti Area Alta Specializzazione Attori della Governance Formazione dei formatori Gestione delle Emergenze Anti Incendio Boschivo Area Grandi Eventi Area Aggiornamento e Innovazione formativa Area Informazione ed Educazione alla protezione civile e sicurezza nelle Scuole e verso i giovani Comunità locali più sicure Docenti competenti e qualificati Competenze tecniche per gestire La conferma di una tradizione Expo2015: il sistema regionale davanti al mondo globale Laboratori per costruire insieme i nuovi percorsi formativi La sicurezza futura dipende dalla educazione dei nostri giovani e dal loro impegno anche nella PC 20

21 SSPC Piano Annuale 2014 Corsi Area Alta Specializzazione Attori della Governance (Sindaci, tecnici, ecc.) Corso per la promozione e diffusione dei piani comunali di emergenza. (3) Area Alta Specializzazione Formazione dei formatori Workshop/Evento per formatori (1) Corso per formatori di formatori (Responsabili di eventi di formazione) (2) Formazione di formatori per la promozione della protezione civile nelle scuole (6) Area Alta Specializzazione Gestione delle Emergenze Corso per i Componenti della Unità di Crisi Regionale (1) Salvaguardia e vigilanza del territorio (1) Corso sull uso degli apparati radio (1) Area Alta Specializzazione di Anti Incendio Boschivo Corso DOS Aggiornamento (1) Seminario di aggiornamento per responsabili e referenti AIB (2) Seminario aggiornamento per Capi Squadra AIB (2) Seminario di aggiornamento per squadre di volontariato AIB secondo livello (2) Seminario di aggiornamento per squadre di volontariato AIB primo livello (4) 21

22 SSPC Piano Annuale 2014 Corsi Area Grandi Eventi Workshop/Evento per responsabili e coordinatori dei gruppi e delle associazioni (2) Corso per la condivisione delle iniziative verso Expo 2015 (1) Area Aggiornamento e Innovazione formativa Laboratorio di progettazione: corso di introduzione al volontario di protezione civile / Corso Base di protezione civile (1) Laboratorio di progettazione: corso per aspirante volontario (1) Laboratorio di progettazione: corsi per l adeguamento e l aggiornamento della formazione di protezione civile (1) Area Informazione ed Educazione alla protezione civile e sicurezza nelle Scuole e verso i giovani La protezione civile per la Scuola dell Obbligo dalla terza alla quinta elementare (Laboratorio di progettazione e corsi: Riskland) (4) La protezione civile per le Scuole Superiori (Laboratorio di progettazione: App) (1) La protezione civile per l Università (Laboratorio di progettazione e corsi: giornata universitaria) (1) 22

23 La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC Le novità I docenti ai corsi erogati (e riconosciuti)

24 SSPC I Formatori Formati da SSPC con corsi ad hoc Supportati da SSPC per il loro lavoro Selezionati e Valutati sulle competenze sui CV sui risultati Competenti nella materia specifica nelle metodologie didattiche nella valutazione di corsi e discenti Capaci di elaborare materiali di supporto alla lezione materiali di contorno al tema Propositivi membri di una comunità didattica 24

25 SSPC Questionario Formatori 25

26 SSPC Questionario Formatori 26

27 SSPC Questionario Formatori 27

28 SSPC Questionario Formatori 28

29 SSPC Questionario Formatori 29

30 SSPC Questionario Formatori 30

31 SSPC I Formatori Nessuno è obbligato a proporsi come formatore pertanto ogni libera scelta è Ragionata rispetto alle proprie possibilità Valutata nelle sue conseguenze Responsabile verso chi si affida per essere formato Impegnativa in quanto continuativa 31

32 SSPC Informazioni Telefono: 02/

CORSO BASE PER VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Percorso Sperimentale

CORSO BASE PER VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Percorso Sperimentale Corso nell ambito del Piano di formazione anno 2013 della Scuola Superiore di Protezione Civile CORSO BASE PER VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Percorso Sperimentale (Codice: SPC3018/BE) 5 e 6 ottobre 2013

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

Albo Regionale del Volontariato. MANTENIMENTO dei REQUISITI adempimenti amministrativi

Albo Regionale del Volontariato. MANTENIMENTO dei REQUISITI adempimenti amministrativi Albo Regionale del Volontariato di Protezione Civile MANTENIMENTO dei REQUISITI adempimenti amministrativi argomenti Albo Regionale del Volontariato di Protezione Civile Regolamento Regionale del Volontariato

Dettagli

Laboratorio di idee per conoscere e superare l Emergenza. Con il patrocinio di

Laboratorio di idee per conoscere e superare l Emergenza. Con il patrocinio di Laboratorio di idee per conoscere e superare l Emergenza Con il patrocinio di Il 10 e 11 maggio 2014 l Autodromo Nazionale Monza ospiterà EMERlab,la manifestazione dedicata al mondo della Protezione Civile

Dettagli

CORSO per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile. di Dario Pasini

CORSO per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile. di Dario Pasini Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni CORSO per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile di Dario Pasini OBIETTIVI dell Incontro ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2194 Seduta del 25/07/2014

DELIBERAZIONE N X / 2194 Seduta del 25/07/2014 DELIBERAZIONE N X / 2194 Seduta del 25/07/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello)

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) CROCE ROSSA ITALIANA PROGETTO FORMATIVO Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) SECONDO LE LINEE GUIDA DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE E DELLA CROCE

Dettagli

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Organizzazione regionale e dipartimentale Elisa Galimberti Sede Centrale Settore Attività Industriali,

Dettagli

ANTINCENDIO BOSCHIVO. Corso I Livello di Antincendio Boschivo. Relatrice: Maria Claudia Burlotti

ANTINCENDIO BOSCHIVO. Corso I Livello di Antincendio Boschivo. Relatrice: Maria Claudia Burlotti Corso I Livello di Antincendio Boschivo Relatrice: Maria Claudia Burlotti Organizza e coordina il servizio AIB attraverso la collaborazione con il CFS, VVF e gli Enti DIP. P.C. COAU ENTI (PROVINCE, COMUNITA

Dettagli

Corso di livello A1 01 Corso base per operatori volontari in conformità alla d.g.r. n. X/1371 del 14.02.2014 PREMESSA

Corso di livello A1 01 Corso base per operatori volontari in conformità alla d.g.r. n. X/1371 del 14.02.2014 PREMESSA Sede del Corso: Municipio di Rogno -Sala Consiliare- Piazza Druso Corso di livello A1 01 Corso base per operatori volontari in conformità alla d.g.r. n. X/1371 del 14.02.2014 PREMESSA Il corso si propone,

Dettagli

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV DOMANDA DI ADESIONE ALLE COMPONENTI DI CMP-MI. PRIMA PARTE (anagrafica) Cognome Nome Nato a il Residente a Indirizzo Codice fiscale Numero di telefono

Dettagli

Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni

Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni CORSO per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile - Lainate 29 Novembre 2010 OBIETTIVI dell Incontro 1.Conoscere in generale, il contesto legislativo

Dettagli

CORSO BASE PER OPERATORI VOLONTARI - Livello A01-01

CORSO BASE PER OPERATORI VOLONTARI - Livello A01-01 CORSO BASE PER OPERATORI VOLONTARI di PROTEZIONE CIVILE Corso riconosciuto dalla Scuola Superi di Protezione Civile (SSPC) come conforme alla d.g.r. n. X/37 del 4.02.204, livello A-0 - Corso base per operatori

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SILVA SANTINO Indirizzo ASST BERGAMO OVEST - PIAZZALE OSPEDALE, N. 1 24047 TREVIGLIO (BG) Telefono 0363/424008 Fax 0363/424.561 E-mail santino_silva@asst-bgovest.it

Dettagli

IL SERVIZIO REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO

IL SERVIZIO REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO IL SERVIZIO REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO REGIONE LOMBARDIA U.O. Protezione Civile SERVIZIO ANTINCENDIO BOSCHIVO Organizza e coordina il servizio AIB attraverso la collaborazione con il CFS, i VVF e gli

Dettagli

Durata del corso 28 ore suddivise in 7 moduli da 4 ore, oltre la verifica finale della durata di 1 ora circa

Durata del corso 28 ore suddivise in 7 moduli da 4 ore, oltre la verifica finale della durata di 1 ora circa SCHEDA DEL CORSO CORSO PER RSPP - MODULO A (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 Accordo Stato Regioni 26/01/2006) Durata del corso 28 ore suddivise in 7 moduli da 4 ore, oltre la verifica finale della durata di

Dettagli

La scelta del profilo da raggiungere presuppone da parte del partecipante:

La scelta del profilo da raggiungere presuppone da parte del partecipante: Attività per il sistema di formazione della PC Il sistema lombardo della Protezione Civile potrà professionalizzarsi e rendersi sempre più efficace ed efficiente quanto più la formazione degli operatori

Dettagli

La Scuola Superiore di Protezione Civile della Regione Lombardia - nuove iniziative -

La Scuola Superiore di Protezione Civile della Regione Lombardia - nuove iniziative - La Scuola Superiore di Protezione Civile della Regione Lombardia - nuove iniziative - Prof. David Alexander Direttore Scientifico Scuola Superiore di di Protezione Civile Regione Lombardia La Scuola Superiore

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER CAPI SQUADRA AIB

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER CAPI SQUADRA AIB Corso nell ambito del Piano di formazione 2016 della Scuola Superiore di Protezione Civile CORSO DI AGGIORNAMENTO PER CAPI SQUADRA AIB (Codice: SPC6015/AE-FOR16005) Data: 7 maggio 2016, dalle ore 8.30

Dettagli

APPRENDISTATO IN LOMBARDIA. D.G. Occupazione e Politiche del Lavoro

APPRENDISTATO IN LOMBARDIA. D.G. Occupazione e Politiche del Lavoro APPRENDISTATO IN LOMBARDIA 1 PARTE 1 Lo stato della regolazione, Standard e Servizi dell APPRENDISTATO in Lombardia 2 APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO Art. 3 D.Lgs 167/11 Accordo in CSR del 15/03/2012 per

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER VOLONTARI A.I.B. CON SPECIALIZZAZIONE DI 2 LIVELLO

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER VOLONTARI A.I.B. CON SPECIALIZZAZIONE DI 2 LIVELLO Corso nell ambito del Piano di formazione 2014 della Scuola Superiore di Protezione Civile SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER VOLONTARI A.I.B. CON SPECIALIZZAZIONE DI 2 LIVELLO (Codice: SPC4012/AE-BI) I edizione:

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Provincia di Padova Servizio di Protezione Civile. Il soccorso in acque fluviali: L esperienza della Provincia di Padova

Provincia di Padova Servizio di Protezione Civile. Il soccorso in acque fluviali: L esperienza della Provincia di Padova Il soccorso in acque fluviali: L esperienza della Provincia di Padova 1 PROTEZIONE CIVILE Insieme coordinato delle attività volte a fronteggiare eventi straordinari che non possono essere affrontati da

Dettagli

LA COLONNA MOBILE PROVINCIALE PER LE EMERGENZE RILEVANTI DEL NOSTRO TERRITORIO E SU SCALA NAZIONALE PROCEDURE E MODULI OPERATIVI

LA COLONNA MOBILE PROVINCIALE PER LE EMERGENZE RILEVANTI DEL NOSTRO TERRITORIO E SU SCALA NAZIONALE PROCEDURE E MODULI OPERATIVI LA COLONNA MOBILE PROVINCIALE PER LE EMERGENZE RILEVANTI DEL NOSTRO TERRITORIO E SU SCALA NAZIONALE PROCEDURE E MODULI OPERATIVI Simone Segna / Daniele Radaelli Stato di Fatto Approvato dalla Giunta Provinciale

Dettagli

EDIZIONE 2015 PROGRAMMA

EDIZIONE 2015 PROGRAMMA COMITATO PER IL COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI LODI "Corso riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione Civile (SSPC) come conforme alla

Dettagli

E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA

E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA IL METODO ANALISI DI ALCUNE DELLE PRINCIPALI MISURE AGEVOLATIVE LOMBARDE PER LE PMI INDUSTRIALI MISURE AGEVOLATIVE ANALIZZATE METODOLOGIA ANALISI ECONOMICO

Dettagli

SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011)

SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011) SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011) Nel periodo analizzato, la Scuola Provinciale Antincendi ha garantito lo svolgimento di

Dettagli

III Edizione LABORATORIO DI IDEE. Proposta Formativa CORSI FORMATIVI SEMINARI WORKSHOP ESERCITAZIONI

III Edizione LABORATORIO DI IDEE. Proposta Formativa CORSI FORMATIVI SEMINARI WORKSHOP ESERCITAZIONI III Edizione LABORATORIO DI IDEE Proposta Formativa CORSI FORMATIVI SEMINARI WORKSHOP ESERCITAZIONI CORSI FORMATIVI CORSO 01 Corso di formazione teorico-pratico per lavoratori addetti alla conduzione di

Dettagli

SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA

SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Decorata di Medaglia d'oro al V.M. per attività partigiana R E G O L A M E N T O SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

Dettagli

Realizzato e curato dal

Realizzato e curato dal Il ruolo del Corpo Forestale dello Stato nella Protezione Civile. La natura e il funzionamento dei sistemi di comunicazione rapida nelle situazioni di emergenza. Relatori: Isp.Capo del CFS Ruggero Bonaldi

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano L Assessorato alla Protezione Civile della Provincia di Lodi in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano XI Corso base

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 28 02 1951 ESPERIENZA LAVORATIVA

F ORMATO EUROPEO PER INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 28 02 1951 ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità SARETTO GIANNINO CARLO Italiana Data di nascita 28 02 1951 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Nome e indirizzo del datore

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASTENASO (Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Adottato con delibera consiliare n. 92 del 20/12/01 INDICE : art. 1 Finalità art.2 Obiettivi comunali

Dettagli

Corso di formazione nell ambito del Piano di formazione anno 2015 della Scuola Superiore di Protezione Civile

Corso di formazione nell ambito del Piano di formazione anno 2015 della Scuola Superiore di Protezione Civile Corso di formazione nell ambito del Piano di formazione anno 2015 della Scuola Superiore di Protezione Civile Corso di formazione per responsabili delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2009-2010 1 2 INDICE Introduzione... 5 Sezione 1 Le scuole... 7 Il sistema scolastico lombardo... 9 1.1 Scuole statali... 9 1.2 Scuole non statali

Dettagli

Come è noto, con la d.g.r. 4 maggio 2007 n. VIII/4642 e successiva modifica con d.g.r. 4 marzo 2009 IL DIRIGENTE ANNA PAVAN

Come è noto, con la d.g.r. 4 maggio 2007 n. VIII/4642 e successiva modifica con d.g.r. 4 marzo 2009 IL DIRIGENTE ANNA PAVAN Giunta Regionale DIREZIONE GENERALE SANITA' GOVERNO DELLA PREVENZIONE, TUTELA SANITARIA, PIANO SICUREZZA LUOGHI DI LAVORO E EMERGENZE SANITARIE PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE E IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONI

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena soggetto richiedente con..,.. codice fiscale:, rappresentato da:.

Dettagli

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Piano

Dettagli

ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli

ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli Barzio 6 ottobre 2011 Quanto legname possono fornirci? Incremento corrente

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI 1 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI

Dettagli

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica Comitato CODAU per il Coordinamento degli Uffici di Supporto alla Ricerca Scientifica Promosso da dieci università: Università di Torino, Pavia, Modena e Reggio Emilia, Bologna, Roma La Sapienza, Palermo,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

Assessorato Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia X LEGISLATURA

Assessorato Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia X LEGISLATURA Assessorato Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia X LEGISLATURA VALENTINA APREA Assessore all'istruzione, Formazione e Lavoro Curriculum Laureata in Pedagogia, Parlamentare dal 1994 dalla

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===-----

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===----- REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE -----===ooo===----- 1 UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL BELICE REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE art. 1- Principi generali 1. L Unione dei Comuni Valle del Belice (che d

Dettagli

Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana

Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana Premessa La Croce Rossa Italiana riconosce nella formazione continua e permanente dei propri Soci il valore aggiunto dell'associazione.

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a Istituto Comprensivo Statale Ugo Foscolo Via Corridoni, 1 26039 Vescovato (CR) Cod. Meccanografico CRIC809005

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento

Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 1 Oggetto del regolamento Allegato alla Delibera n Il presente regolamento disciplina l organizzazione interna del Dipartimento della Prevenzione (di seguito chiamato Dipartimento), ai sensi di quanto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013 art.10 1 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013, art. 10 Il D.Lgs. n. 33/2013, nel modificare, in parte,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail LA PIETRA MASSIMO Nazionalità Data di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da

Dettagli

CIB Comunità dell Isola Bergamasca

CIB Comunità dell Isola Bergamasca CIB Comunità dell Isola Bergamasca 2 Corso base per volontari di Protezione Civile Livello Base Madone 10 aprile 30 maggio 2012 Corso riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione Civile come conforme

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Introduzione 2 1. Il contesto di riferimento 1.1 Riferimenti istituzionali Si inserisce nell ambito della Strategia Europa 2020 e delle

Dettagli

Linee Guida per la Formazione dei Volontari di Protezione Civile sul Rischio incendi

Linee Guida per la Formazione dei Volontari di Protezione Civile sul Rischio incendi Linee Guida per la Formazione dei Volontari di Protezione Civile sul Rischio incendi LA FORMAZIONE DEL VOLONTARIATO SPECIALIZZATO AIB Tra coloro che operano nella protezione civile, il Volontariato riveste

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 06 marzo 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 06 marzo 2013 111 D.G. Protezione civile, polizia locale e sicurezza D.d.s. 1 marzo 2013 - n. 1734 Esito della ricognizione delle pianificazioni provinciali vigenti in materia di protezione civile IL DIRIGENTE DELLA

Dettagli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli NORMATIVA e PIANIFICAZIONE in Protezione Civile - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli Obiettivi della Lezione: - Definire gli attori del Sistema Nazionale di Protezione Civile

Dettagli

DOCUMENTO DELLA QUALITA

DOCUMENTO DELLA QUALITA DOCUMENTO DELLA QUALITA INTRODUZIONE Il Documento della Qualità di Share Training srl ha come obiettivo quello di rendere note le caratteristiche della propria attività secondo criteri di trasparenza,

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER VOLONTARI A.I.B. CON SPECIALIZZAZIONE DI 2 LIVELLO

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER VOLONTARI A.I.B. CON SPECIALIZZAZIONE DI 2 LIVELLO Corso nell ambito del Piano di formazione 2015 della Scuola Superiore di Protezione Civile CORSO DI AGGIORNAMENTO PER VOLONTARI A.I.B. CON SPECIALIZZAZIONE DI 2 LIVELLO (Codice: SPC5009/AE-BE - FRT15003)

Dettagli

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Direzione regionale di Protezione Civile Lucrezia Casto Nella Regione Lazio il Volontariato di Protezione Civile è disciplinato da due Leggi regionali:

Dettagli

6. Gestione delle risorse

6. Gestione delle risorse Manuale Qualità Ed.1 Rev.1 del 02/05/13 Red. RSG App.DS Sistema Gestione Qualità per la Formazione Marittima ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE R. Del Rosso - G. Da Verrazzano Via Panoramica, 81-58019

Dettagli

Le figure della protezione civile a livello comunale

Le figure della protezione civile a livello comunale Obiettivo della lezione: Conoscere la struttura e le attività di un gruppo comunale di protezione civile Le figure della protezione civile a livello comunale Il responsabile della protezione civile a livello

Dettagli

www.istitutocomprensivosgt.gov.it TITOLO:

www.istitutocomprensivosgt.gov.it TITOLO: SCHEDA DI PROGETTO ANNO SCOLASTICO TITOLO:.. Scuola plesso. Classi. DOCENTE/I COINVOLTO/I AREE DI LAVORO (in riferimento al P.O.F. d Istituto): Continuità Orientamento Comunicazione Creatività Cittadinanza

Dettagli

CORSO per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile. di Dario Pasini

CORSO per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile. di Dario Pasini Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni CORSO per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile di Dario Pasini OBIETTIVI dell Incontro ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

La Sala Operativa Regionale e l attivazione del Volontariato

La Sala Operativa Regionale e l attivazione del Volontariato Prefettura di Roma Seminario al CSS Roma 16 Giugno 2015 La Sala Operativa Regionale e l attivazione del Volontariato AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE Arch. Gabriella Casertano AGENZIA REGIONALE DI

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

Funzionigramma d Istituto

Funzionigramma d Istituto Dirigente Scolastico Assicura la gestione unitaria dell istituzione È il rappresentante legale È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio Organizza

Dettagli

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE DIRETTORE Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE VISTO VISTA CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA RITENUTA l Art. 3, comma 8 del D.M. 509/99 attraverso il quale le Università possono attivare, disciplinandoli

Dettagli

IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO. Relatore : arch. Cinzio Merzagora

IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO. Relatore : arch. Cinzio Merzagora IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO Relatore : arch. Cinzio Merzagora LOTTA ATTIVA FORMAZIONE Regione Lombardia PREVENZIONE PREVISIONE PIANO REGIONALE DELLE ATTIVITÀ DI PREVISIONE PREVENZIONE E LOTTA

Dettagli

Agricoltura Sociale in Lombardia

Agricoltura Sociale in Lombardia Agricoltura Sociale in Lombardia - SEMINIAMO IL FUTURO - Marinella Bonomelli 6 solchi tracciati Aziende agricole Orti e giardini collettivi Strutture socio-sanitarie Fattorie didattiche Strutture socio

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 2 L. 196/97 Art. 17. Approvazione del Regolamento istitutivo del Dispositivo di accreditamento delle strutture formative della Regione Marche (DAFORM). LA VISTO il documento istruttorio

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 90 del

Dettagli

PROGETTO DELL UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE

PROGETTO DELL UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE PROGETTO DELL UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE Anni 2016-2017 La protezione civile incontra la scuola progetto pilota per la realizzazione

Dettagli

I nuovi Istituti Tecnici

I nuovi Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici Regolamento recante norme concernenti il riordino degli Istituti Tecnici ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6

Dettagli

P.A.HUMANITAS FIRENZE NORD Gruppo Protezione Civile

P.A.HUMANITAS FIRENZE NORD Gruppo Protezione Civile P.A.HUMANITAS FIRENZE NORD Gruppo Protezione Civile Regolamento Parte I Regole Generali Articolo 1 - Assemblea dei Volontari del Gruppo L organo decisionale del Gruppo Protezione Civile della P.A. Humanitas

Dettagli

Curriculum Vitae Europeo

Curriculum Vitae Europeo Curriculum Vitae Europeo Informazioni personali Nome Cognome Telefono 0523 795244 Cittadinanza Italiana Data di nascita 25/04/1974 Sesso Settore professionale M Geologo Esperienza professionale Date Lavoro

Dettagli

Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti.

Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti. Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti. A seguito della Convenzione Intercomunale dell 11 Giugno 2009,

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e in particolare, l art. 16-ter che istituisce la Commissione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Maurizio Vitali Indirizzo Via Alghero, 2 41125 Modena Telefono 347/3232295 Fax 059/3680001 E-mail m.vitali@virgilio.it

Dettagli

F ORMATO EUROPEO. INFORMAZIONI PERSONALI Nome. ESPERIENZA LAVORATIVA dal 01/04/77 LUIGI RUBENS CURIA

F ORMATO EUROPEO. INFORMAZIONI PERSONALI Nome. ESPERIENZA LAVORATIVA dal 01/04/77 LUIGI RUBENS CURIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome LUIGI RUBENS CURIA Indirizzo Via Roma n 5 Telefono 0965/332891 Telefono Ufficio 0961856535 E-mail rubenscuria@yahoo.it; r.curia@regcal.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Boni Roberto

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Boni Roberto F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME E NOME Indirizzo abitazione Comune abitazione CAP abitazione Telefono abitazione Telefono cellulare E-mail

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI

ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI Bando progetti speciali a.s. 2014-2015 INDICE I. ELENCO DEI PARTNER DI PROGETTO... 2 II. PERIODO

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Allegato all Atto d indirizzo al Collegio dei docenti per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione

AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione ALLEGATO A AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione 1. IL CONTESTO NORMATIVO La politica d'inserimento lavorativo e sostegno all occupazione

Dettagli

P R O V I N C I A D I NOVARA

P R O V I N C I A D I NOVARA P R O V I N C I A D I NOVARA SETTORE PROTEZIONE CIVILE CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI NOVARA e CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI NOVARA CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI NOVARA e CROCE ROSSA

Dettagli

Corsi Brevi CdA e Governance Innovativa Le competenze delle donne e degli uomini

Corsi Brevi CdA e Governance Innovativa Le competenze delle donne e degli uomini MIP Politecnico di Milano in collaborazione con PricewaterhouseCoopers e Russell Reynolds Associates presenta Corsi Brevi CdA e Governance Innovativa Le competenze delle donne e degli uomini Motivazioni

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA

LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA Linee guida per LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA 1. Quadro normativo di riferimento Le azioni previste dalle presenti linee guida

Dettagli

OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI

OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli