ISTITUTO MAGISTRALE STATALE G. B. VICO RAGUSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO MAGISTRALE STATALE G. B. VICO RAGUSA"

Transcript

1 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE G. B. VICO RAGUSA LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZIONE ALS Anno Scolastico Istituto G. B. Vico 1

2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO Memoria storica e profilo formativo Composizione del Consiglio di classe Elenco alunni Profilo della classe Variazioni del Consiglio di classe Obiettivi raggiunti Percorso formativo Contenuti Metodi Mezzi Attività curriculari Attività extracurriculari Attività di recupero Tempi Valutazione Tipologie di prove scritte Criteri e strumenti di valutazione degli scritti Criteri e strumenti di valutazione del colloquio Allegati Relazioni finali dei docenti Programmi Istituto G. B. Vico 2

3 MEMORIA STORICA E PROFILO FORMATIVO L Istituto Magistrale di Ragusa fu istituito, unico corso, da un Decreto del Presidente della Repubblica del 19 settembre Fu dedicato al filosofo napoletano Giambattista Vico ( ) per l importanza che ha attribuito ai problemi pedagogici, alla poesia e ai prodotti della fantasia come strumenti educativi adeguati all anima infantile. Il tradizionale Corso Magistrale quadriennale fu definitivamente soppresso con Decreto Ministeriale del 10 marzo Ma già alla fine degli anni '80 e gli anni '90, il Collegio dei Docenti e la Dirigenza, particolarmente attenti alla vasta problematica del rinnovamento dei curriculi, hanno adottato varie sperimentazioni proposte a livello nazionale; perciò con l esaurirsi del Corso Magistrale tradizionale, l Istituto non ha perduto la sua originaria funzione culturale e formativa, ma ha ridefinito la propria identità proponendosi come struttura scolastica polivalente, capace di assicurare adeguate risposte ai concreti bisogni del territorio. Fin dal 1993 i nostri indirizzi sperimentali liceali sono stati: Linguistico Brocca e Socio-Psico-Pedagogico Brocca, cui si è aggiunto nel 1998 il Liceo di Scienze Sociali. Oggi, con la Riforma Gelmini dei Licei, l Istituto è sede di Licei non più sperimentali ma ordinamentali: Liceo Linguistico, Liceo di Scienze Umane e Liceo Economico Sociale, che rispondono alla duplice e imprescindibile esigenza di continuità e di valorizzazione della ricca esperienza del passato e, al tempo stesso, di rinnovamento e di apertura alle aspettative di una società, quella iblea, ormai profondamente mutata. Nel nostro specifico, il Liceo delle Scienze Sociali si allinea allo standard della formazione scolastica europea che prevede un corso di studi di Scienze Sociali. Esso offre allo studente gli strumenti di lettura e di interpretazione della realtà civile e sociale. Oltre a discipline caratteristiche della preparazione liceale, sono presenti alcune materie oggi ritenute indispensabili per una formazione adeguata ad una realtà in continua trasformazione: Inglese e Francese, Diritto ed Economia, Scienze sociali, Filosofia. Le Scienze sociali, raggruppamento disciplinare caratterizzante il corso, sia per il monte ore annuo che per la specificità dell insegnamento, comprendono una pluralità di nuclei tematici afferenti alla Geografia antropica, alla Psicologia, alla Sociologia, all Antropologia culturale, alla Scienze della formazione. Il corso di studi vuole garantire allo studente l acquisizione di strumenti per ottenere una migliore consapevolezza di sé e degli altri ed una adeguata metodologia per la lettura critica dei fenomeni sociali e culturali. Per diversificare il percorso formativo sulla base delle inclinazioni e degli interessi personali ad integrazione dell impianto comune, nel triennio è prevista l opzione tra tre laboratori: Civiltà del territorio, Laboratorio di scrittura e Laboratorio scientifico. Istituto G. B. Vico 3

4 Sempre nel triennio le classi sono impegnate in stage di formazione istituzionalizzati. Gli stage hanno lo scopo di migliorare ed arricchire la formazione culturale degli studenti attraverso l osservazione delle dinamiche e delle caratteristiche delle realtà locali e globali. Inoltre rappresentano un elemento altamente qualificante nella formazione degli studenti, non solo perché consentono un collegamento col mondo del lavoro, ma anche perché favoriscono la conoscenza del mondo contemporaneo e l acquisizione di strumenti idonei per la lettura consapevole della società. Il curriculo formativo che distingue tale Liceo offre non solo il naturale sbocco verso tutte le facoltà universitarie, ma assicura comunque il possesso degli strumenti indispensabili per l inserimento nel mondo del lavoro. Le facoltà più consone all indirizzo sono: Scienze della Comunicazione (Giornalismo, Management); Scienze Sociali (Pubbliche Relazioni); Servizio Sociale; Scienze della Formazione (Insegnamento); Facoltà di Lettere e Filosofia; Psicologia. Istituto G. B. Vico 4

5 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE N DOCENTE MATERIA FIRMA 1 Beneventi Ivana Religione 2 Cascone Giovanna Italiano 3 Spata Maria Storia 4 Giliberto Silvana 1ª Lingua straniera: Inglese 5 Iurato Maria Carmela 2ª Lingua straniera: Francese 6 Cascone Maria Diritto ed Economia 7 Lillo Francesca Filosofia 8 Belluardo Concetta Scienze sociali 9 Criscione Maria Matematica 10 Lo Monaco Vita Educazione fisica 11 Paravizzini Salvatrice Laboratorio scientifico 12 Caruso Concetta Laboratorio di scrittura Ragusa, 12 maggio 2014 Il Coordinatore Il Dirigente Scolastico Timbro Istituto G. B. Vico 5

6 ELENCO ALUNNI ALUNNI CLASSE DI PROVENIENZA 1 Albani Martina IVALS 2 Aniceto Alessia IVALS 3 Campo Nicoletta IVALS 4 Cappello Stefania IVALS 5 Cascone Erica IVALS 6 Cascone Federica IVALS 7 Chahbani Fatma IVALS 8 Cilia Erica IVALS 9 Distefano Anisia IVALS 10 Guastella Evelyn IVALS 11 Lacognata Silvia IVALS 12 Maione Giulio IVALS 13 Mazza Raffaella IVALS 14 Menucci Paola IVALS 15 Occhipinti Federica IVALS 16 Pettineo Federica IVALS 17 Roccuzzo Nadia IVALS 18 Santaera Giada IVALS 19 Sarra Valeria IVALS 20 Scollo Valentina IVALS 21 Vitale Martina IVALS Istituto G. B. Vico 6

7 PROFILO DELLA CLASSE La classe all inizio del triennio era formata da 29 alunni, sia in terza che in quarta si sono verificati casi di bocciatura Attualmente è formata da 21 componenti 5 dei quali provengono da comuni limitrofi al capoluogo, al quarto sono state inserite 2 alunne provenienti da altra classe,nel corso degli anni, hanno maturato migliori capacità relazionali e crescente motivazione alla reciproca accoglienza, superando i problemi nati, a partire dal primo anno del triennio,dalla fusione di due diverse seconde. Le fisiologiche difficoltà dell integrazione e dell eterogeneità dei percorsi didattici precedenti sono state affrontate quotidianamente, per cui,in seguito a questo processo, si può affermare che il gruppoclasse ha saputo trovare una certa compattezza e serenità di rapporti, sollecitato costantemente al dialogo con i docenti, ha dimostrato discreta disponibilità alla quotidiana interazione.. Sin dal primo anno del triennio le alunne hanno affrontato un tipo di studio caratterizzato da compresenze e da due diversi tipi di laboratori scelti dalle allieve. I docenti responsabili della disciplina del laboratorio hanno potuto usufruire di una grande libertà e scelta nella programmazione non essendoci rigidi e prefissati programmi ministeriali. La partecipazione alle lezioni è sempre stata abbastanza corretta e responsabile, più motivata e attiva per alcuni alunni, di semplice ricezione per altri,condizionati da timidezza o fragile possesso di strumenti culturali per intervenire in maniera spontanea. Si è registrato un certo interesse verso argomenti di rilevanza sociale ed esistenziale che determinava domande e collegamenti pertinenti nel corso di lezioni di area umanistico- letteraria. Il metodo di studio si può definire complessivamente abbastanza adeguato per alcuni elementi, che disponendo di discrete capacità di analisi e sintesi, hanno saputo sviluppare le indicazioni dei docenti per un approfondimento dei nessi tematici nella fase di rielaborazione personale. Alcuni alunni riescono a organizzare il lavoro didattico in maniera valida così da sviluppare competenze via via migliori, altri, meno assidui nel sistemare le conoscenze, hanno studiato in maniera discontinua o superficiale, riscontrando maggiori difficoltà nel raggiungere i livelli di sufficienza. Sempre nel corso del triennio la classe è stata impegnata in stage di formazione curriculari che hanno coinvolto tutti gli alunni, in coerenza con quanto disposto nel P.O.F.. Tali stage, che non hanno carattere professionalizzante, ma hanno lo scopo di migliorare e arricchire la formazione culturale degli studenti attraverso l osservazione delle dinamiche e delle caratteristiche delle realtà locali e globali, sono stati effettuati in collaborazione con la Caritas diocesana di Ragusa che ha messo a disposizione strutture e operatori qualificati. Istituto G. B. Vico 7

8 Sono state sviluppate le seguenti tematiche: terzo anno: Inter-Azione di soggetti liberi le alunne attraverso lo studio e l osservazione hanno letto la realtà del fenomeno della globalizzazione e della migrazione,in particolare nella nostra realtà; quarto anno: Comunicazione e conoscenza, con la finalità di affrontare il tema della comunicazione sociale e la conoscenza del centro storico di Ragusa, si è concluso con la produzione da parte degli studenti di manifesti di pubblicità sociale; quinto anno: Verso la Democrazia inclusiva. Gli alunni hanno esaminato e sperimentato, mediante dinamiche e simulazioni, varie forme di cooperazione e di progettazione. Gli stage hanno dunque rappresentato un elemento qualificante della formazione delle alunne non solo perché hanno consentito, soprattutto nella fase relativa al quinto anno, un collegamento con il mondo del lavoro, ma anche perché hanno favorito la conoscenza del mondo contemporaneo e l acquisizione di strumenti idonei per una lettura consapevole della società. Sotto il profilo dell osservazione delle competenze, delle capacità e delle conoscenze, la classe presenta una diversificata tipologia di preparazione: se alcuni componenti della classe hanno lavorato con serietà, metodo adeguato e impegno costante, potenziando e consolidando le proprie capacità ed utilizzando con discreta padronanza il linguaggio specifico delle singole discipline,per altri l impegno nello studio non è stato consono alle potenzialità o alle aspettative del docente,sia per mancanza di sistematicità o di approfondimento nella rielaborazione, sia per lacune di base, più evidenti nella produzione scritta o in qualche disciplina. Dal successivo confronto tra gli obiettivi generali e il loro raggiungimento sarà possibile evincere meglio i descrittori dei due gruppi di livello.. Considerati i diversi livelli di partenza, nonché le differenze dei tempi e dei ritmi di apprendimento degli allievi, il Consiglio di classe ha operato una selezione dei contenuti, anche a scapito della quantità, finalizzando la programmazione didattica allo sviluppo delle potenzialità dei singoli e al loro coinvolgimento nel dialogo educativo, per incrementarne lo spirito critico e stimolarne la riflessione. Dal prospetto allegato, relativo alle variazioni del Consiglio di Classe, emergono alcuni cambi di insegnanti nelle discipline di storia e inglese verificatesi nel corso del triennio. Tali variazioni potrebbero aver influito, come accade spesso in questi casi, sulla preparazione complessiva della classe, in quanto gli alunni hanno registrato alcune difficoltà ad adattarsi ai diversi metodi di insegnamento. Nell ambito della metodologia, i singoli docenti delle varie discipline hanno verificato la preparazione con colloqui individuali e collettivi, lavori di gruppo, esercitazioni per il recupero delle nozioni fondamentali e laboratori di informatica per specifiche ricerche. Sono state utilizzate prove di verifica scritte, saggi brevi, esercitazioni e due simulazioni della terza prova degli esami di stato. Istituto G. B. Vico 8

9 VARIAZIONI DEL CONSIGLIO DI CLASSE ANNI DI CORSO Discipline Curriculari Docenti del Consiglio di Classe CLASSE III CLASSE IV CLASSE V Religione La Porta Carmelo Cuzzocrea Simonetta Beneventi Ivana Italiano Cascone Giovanna Cascone Giovanna. Cascone Giovanna Storia Bellia Giovanna Cascone Giovanna Spata Maria Prima lingua: Inglese Tummino Rosaria Tummino Rosaria Giliberto Silvana Seconda lingua: Francese Iurato M.Carmela Iurato M.Carmela Iurato M.Carmela Scienze Bellassai Francesco Nobile Mariagrazia / Diritto ed Economia Cascone Maria Cascone Maria Cascone Maria Filosofia Lillo Francesca Lillo Francesca Lillo Francesca Scienze sociali Belluardo Concetta Belluardo Concetta Belluardo Concetta Matematica Criscione Maria Criscione Maria. Criscione Maria. Patrimonio artistico Criscione Mario / / Educazione fisica Lo Monaco Vita Lo Monaco Vita Lo Monaco Vita Laboratorio scientifico Bellassai Francesco Criscione Maria Paravizzini Salvatrice Laboratorio di scrittura Cascone Laura Caruso Concetta Caruso Concetta ANDAMENTO DEI RISULTATI NEL TRIENNIO Classe Iscritti dalla stessa classe Iscritti da altra classe Promossi a giugno Promossi a settembre Ammessi all Esame di Stato Respinti/ Non ammessi Ritirati Terza / 4 1 Quarta / 5 / Quinta 21 / / / / Istituto G. B. Vico 9

10 OBIETTIVI RAGGIUNTI Il Consiglio di classe, a conclusione del corso di studi, ha raggiunto i seguenti obiettivi, prefissati all inizio dell anno scolastico. Formativi Consapevolezza del proprio limite per poter avere sane relazioni con se stessi e con gli altri Sufficiente sviluppo del senso di collaborazione all interno della classe sia con i compagni che con i docenti Capacità di riflettere in modo autonomo e di esercitare senso critico rispetto alle più rilevanti espressioni del pensiero umano Capacità di esercitare i propri diritti e doveri di cittadino, di operare responsabilmente ai livelli adeguati alle competenze possedute, di autopromuovere la propria crescita umana e culturale Consapevolezza delle proprie attitudini in vista della scelta universitaria. Didattici Trasversali Acquisizione e consolidamento di un metodo di studio adeguato Affinamento e consolidamento dell uso dei linguaggi specifici Sviluppo di capacità logiche, argomentative e rielaborative Capacità di operare collegamenti pluridisciplinari Capacità di saper utilizzare strumenti multimediali finalizzati a percorsi formativi personalizzati. Conoscenze, Competenze, Capacità Riguardo a conoscenze, competenze e capacità si individuano due livelli: - un primo gruppo, costituito da una buona metà degli alunni della classe, i quali si attestano su livelli tra buono e discreto; - i restanti alunni hanno conseguito una preparazione ed un profitto complessivamente sufficienti. Istituto G. B. Vico 10

11 Conoscenze 1 livello: possesso di conoscenze complete, organiche e talvolta approfondite; 2 livello: possesso di conoscenze essenziali in quasi tutte le discipline. Competenze 1. Uso della lingua italiana e dei linguaggi specifici 1 livello: esposizione corretta, organica e coerente dei contenuti e uso di un lessico appropriato; 2 livello:esposizione generalmente coerente dei contenuti con un lessico nel complesso corretto, ma piuttosto semplice e non privo, talvolta, di talune improprietà. 2. Comprensione ed applicazione di fatti, regole e principi 1 livello: comprensione ed applicazione corretta o con lievi imperfezioni, coordinamento sicuro ed autonomo dei dati; 2 livello: comprensione ed applicazione corretta delle linee essenziali, coordinamento dei dati non sempre autonomo. Capacità Analisi, sintesi, riflessione e valutazione 1 livello: analisi e sintesi complete ed efficaci degli aspetti significativi delle tematiche proposte, capacità di cogliere le implicazioni e di giudizio autonomo, capacità di effettuare collegamenti disciplinari o pluridisciplinari; 2 livello: analisi e sintesi complete ed argomentate con semplicità, capacità di esprimere valutazioni personali, collegamenti essenziali e talvolta con l ausilio di opportuna guida. Obbiettivi Disciplinari Vedi in allegato le singole relazioni finali per ogni disciplina PERCORSO FORMATIVO Istituto G. B. Vico 11

12 I contenuti I contenuti sono stati scelti in relazione agli apprendimenti dimostrati dalla classe nelle prove di ingresso, agli interessi dimostrati, alla disponibilità di sussidi didattici. I contenuti disciplinari scelti ed affrontati sono riportati nella relazioni finali dei docenti della classe allegati al presente documento. I contenuti pluridisciplinari si sono articolati attraverso lo sviluppo delle seguenti tematiche: La Democrazia La rivoluzione del 68 L Etica della politica Discipline coinvolte: storia, diritto, francese, inglese, scienze sociali, filosofia. I metodi Il lavoro di gruppo e individuale, le lezioni dialogate, le discussioni guidate e i procedimenti della ricerca metodologica hanno coinvolto attivamente l alunno nel processo della sua formazione. Modalità di lavoro del consiglio di classe MODALITÀ Italiano Storia Religione Inglese Francese Diritto Econ. Filosofia Scienze sociali Matematica Laboratori. Educ. fisica Lezione frontale x x x x x x x x x x Lezione partecipata x x x x x x x x x x Problem solving x x x Lavoro di gruppo x x x x x x x Discuss. guidata x x x x x x x Simulazione 3 prova x x x x x x x Prova per errore x Istituto G. B. Vico 12

13 I mezzi Gli allievi hanno avuto a disposizione il laboratorio di Scienze e il laboratorio di Informatica, ubicati presso la sede centrale,e allo stesso modo hanno avuto possibilità di disporre dell uso della biblioteca scolastica per letture e approfondimenti. Nell insegnamento si è fatto ricorso anche alle dotazioni di audiovisivi disponibili nella scuola. L insegnamento delle due ore di educazione fisica si è svolto nelle palestre e nei cortili dell istituto I mezzi utilizzati nell'insegnamento disciplinare sono riportati nella relazioni finali dei docenti della classe allegate al presente documento. Le attività curriculari Stage formativo: Verso la Democrazia inclusiva, dal 24 al 27 Febbraio si è svolto presso la fondazione S. G. Battista di Ragusa, ad opera di esperti della Caritas diocesana. Durante lo stage le alunne sono state impegnate ad esaminare e sperimentare, mediante dinamiche e simulazioni, varie forme di cooperazione e di progettazione. Allo stage hanno partecipato tutte le alunne. Sono state coinvolte le discipline di Scienze Sociali e Diritto. Le attività extracurriculari Teatro in lingua francese: Revolution 68 rappresentato il 15 Marzo 2014 presso il teatro Don Bosco dei Salesiani di Ragusa. Tale iniziativa ha permesso alle alunne di affinare le competenze linguistiche. Ha partecipato tutta la classe. Incontro dibattito con il dottor. Blandino dell associazione A.V.O sul tema Prevenzione del fumo. tenuto nel nostro istituto il 19 Ottobre Hanno partecipato tutte le alunne. Incontro dibattito sul tema: Prevenzione malattie cardiache tenuto nel nostro istituto il 12 Febbraio 2014 Ha partecipato tutta la classe. Teatro in lingua inglese Dorian Gray rappresentato a Catania il 5 Marzo Tale iniziativa ha permesso di affinare le competenze linguistiche. Progetto Giuria David di Donatello. Hanno partecipato 4 alunni Partecipazione della classe a tutte le attività di orientamento organizzate dalla Funzione strumentale che hanno avuto lo scopo di fornire agli studenti il maggior numero possibile di informazioni al fine di guidarli ad una scelta consapevole sia verso il mondo universitario sia verso il mondo del lavoro. Viaggio d istruzione a Barcellona dal 24 al 29 Marzo Tutte le attività curriculari ed extracurriculari hanno avuto una ricaduta positiva nella classe in quanto attinenti alle diverse tematiche svolte dalle varie discipline. Istituto G. B. Vico 13

14 Le attività di recupero Non sono stati attivati corsi di recupero pomeridiani. In itinere, dopo i risultati del primo quadrimestre, i docenti hanno effettuato diverse ore di recupero per colmare carenze e incertezze riscontrate. I tempi La scansione della programmazione è quadrimestrale. VALUTAZIONE Il Consiglio di Classe, riguardo alla valutazione sommativa, formativa e finale, per ogni alunno ha considerato: il livello reale delle conoscenze, competenze e capacità e i progressi rispetto al punto di partenza la partecipazione l impegno gli eventuali problemi personali. Tipologie di prove scritte Le tipologie utilizzate durante l anno per le prove scritte sono state le seguenti: Prima Prova - Italiano: Tema di attualità - Analisi del testo - Saggio breve - Tema di storia - Articolo di giornale. Seconda Prova - Scienze Sociali: Saggio breve - Analisi del testo. Terza prova: Il Consiglio di classe per le esercitazioni della terza prova scritta ha scelto la tipologia B (tre domande a risposta singola su cinque righe) in quanto ritenuta più confacente alle attitudini delle alunne. Sono state eseguite due simulazioni nel secondo quadrimestre, la prima il 20 febbraio 2014 e la seconda il 10 aprile 2014 con un massimo di quattro materie per ogni prova. Le materie oggetto delle prove simulate sono state: Diritto Inglese, Matematica, Storia per la prima simulazione; Filosofia Educazione Fisica, Francese, Matematica per la seconda simulazione. Il tempo assegnato per lo svolgimento è stato di 2 ore. Istituto G. B. Vico 14

15 CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEGLI SCRITTI Prima prova INDICATORI LIVELLI DI PRESTAZIONE PUNT. IN DECIMI PUNT. IN QUINDICESIMI Forma corretta e accurata Competenze linguistico grammaticale (Max 15 punti) Forma abbastanza corretta Sintassi lineare e presenza di qualche errore Presenza di diversi errori 5 9 Forma contorta e scorretta Forma contorta e gravemente scorretta Adeguati e appropriati Lessico e registro linguistico (Max 15 punti) Quasi sempre adeguati e appropriati Complessivamente adeguati, ma con qualche imperfezione e imprecisione Lessico semplice e non sempre adeguato 5 9 Diverse improprietà e imprecisioni Gravemente inadeguati e non appropriati Ampia e articolata Capacità rielaborativa delle informazioni (Max 15 punti) Esauriente Schematica, ma nel complesso organizzata Superficiale 5 9 Incompleta Molto limitata e scorretta Articolata, approfondita e originale Capacità argomentativa (Max 15 punti) Abbastanza articolata Essenziale Superficiale 5 9 Carente Scarsa Istituto G. B. Vico 15

16 Seconda prova INDICATORI PUNTEGGIO Basso Medio Alto Conoscenze Correttezza e pertinenza dei contenuti Competenze linguistiche Capacità elaborative, logico-critiche e creative Punteggiatura, ortografia morfosintassi Proprietà lessicale Sviluppo e coerenza delle argomentazioni Elaborazione Personale Terza prova Tipologia B INDICATORI LIVELLI DI PRESTAZIONE PUNTEGGIO Conoscenza degli argomenti (Max 6 punti) Capacità di analisi e sintesi (Max 5 punti) Competenza linguistica (Max 4 punti) Conoscenza completa, approfondita ed esauriente 6 Conoscenza completa ma con qualche imperfezione 5 Conoscenza di base adeguata, ma non approfondita Suff. 4 Conoscenza sommaria e frammentaria 3 Conoscenza scarsa e confusa 2 Risposta del tutto assente o non pertinente 1 Effettua analisi approfondite e precise sintesi 5 Effettua analisi e sintesi complete 4 Effettua analisi e sintesi adeguate Suff. 3 Effettua analisi e sintesi parziali 2 Effettua analisi e sintesi incoerenti 1 Usa un linguaggio chiaro, specifico e appropriato 4 Usa un linguaggio complessivamente adeguato ma con qualche imprecisione Suff. 3 Usa un linguaggio semplice e non sempre corretto 2 Usa un linguaggio non appropriato 1 Istituto G. B. Vico 16

17 CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO FASI PARAMETRI PUNTEGGI PUNTEGGIO ATTRIBUITO Conoscenze Approfondita, ben organizzata nei collegamenti 8 ARGOMENTO PROPOSTO DAL CANDIDATO (Max 8 punti) Ampia con collegamenti pertinenti 6-7 Assimilata, con qualche collegamento tra le varie discipline coinvolte 4-5 Parziale e con collegamenti non sempre corretti Conoscenze disciplinari Contestualizzate 8 Adeguatamente approfondite 6-7 Sufficienti 4-5 Lacunose Capacità critica e di rielaborazione TEMATICHE PLURIDISCIPLINARI (Max 19 punti) Analisi, sintesi,collegamenti precisi 6-7 Analisi, sintesi adeguate 4-5 Analisi imprecisa o assente Competenze linguistiche Uso dei linguaggi specifici, coerenza argomentativa, vivacità espositiva 4 Padronanza e correttezza della lingua 3 Uso corretto ma semplice della lingua 2 Scarsa padronanza della lingua 1 DISCUSSIONE PROVE SCRITTE (Max 3 punti) Corregge spontaneamente l errore 3 Riconosce l errore 2 Non riconosce l errore 1 Istituto G. B. Vico 17

18 RELAZIONI FINALI Allegati: 1 : Italiano 2 : Storia 3 : Inglese 4 : Francese 5 : Diritto ed Economia 6 : Filosofia 7 : Scienze sociali 8 : Matematica 9 : Educazione fisica 10 : Laboratorio scientifico 11 : Laboratorio di scrittura 12 : Religione Istituto G. B. Vico 18

19 ALLEGATO N. 1 Disciplina: Italiano Docente: Cascone Giovanna Classe: V ALS Anno scolastico: Relazione finale Profilo della classe La classe 5 A LS composta da 21 alunni, ha dimostrato complessivamente interesse per le attività didattiche proposte, ma non sempre corrisposto da un adeguato impegno a casa, infatti è doveroso sottolineare che alcune alunne hanno evidenziato uno studio non assiduo e non sempre sono state puntuali nelle verifiche e ciò ha influito ai fini della valutazione finale. Dal punto di vista relazionale non si sono verificati comportamenti scorretti, di indifferenza o irrispettosi nei confronti dell insegnante. La frequenza non sempre è stata assidua per tutte le alunne, infatti alcune hanno fatto registrare diverse assenze. Una parte della classe ha cercato di sopperire, nel corso dell anno, alle lacune evidenziate soprattutto in merito alla produzione scritta. 1. Obiettivi didattici Capacità di riflessione sulla letteratura e sua prospettiva storica Capacità di saper analizzare e contestualizzare i testi Capacità di attuare collegamenti fra autori e periodi Sviluppo delle competenze linguistiche. 2. Risultati conseguiti In relazione alla programmazione sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di : 2.1 Conoscenze: Gli alunni rilevano, globalmente, di aver acquisito i contenuti della disciplina, sia pur con ampiezza articolata. Solo un gruppo ha dimostrato di possedere conoscenze complete ed approfondite evidenziando, grazie alle discrete capacità logico-espositive, assimilative e ad un proficuo ed organico metodo di studio, apprezzabili competenze nell attuare i collegamenti tra autore e periodi. Un altro gruppo più consistente pur conoscendo le linee fondamentali degli argomenti letterari, denota qualche impaccio nel problematizzare le proposte e nell effettuare confronti e deduzioni, attestandosi su posizioni valutative che, pur variando nelle diverse individualità, oscillano tra la sufficienza e il quasi discreto. Istituto G. B. Vico 19

20 2.2 Competenze e Capacità : Attraverso i contenuti proposti, per lo più con la tradizionale impostazione diacronica, talora anche per ampi percorsi e generi letterari, la maggior parte degli alunni è stata posta in condizione di sviluppare delle competenze che consentono loro di fruire dei testi a livelli diversi, comprendendone la molteplicità delle dimensioni e dei significati. Hanno acquisito, inoltre la capacità di usare le tecniche di analisi testuale, riuscendo, sia pur con ampiezza diversificata, a rielaborare i contenuti. Tra sufficiente e discreta risulta anche l abilità di problematizzare e decodificare i messaggi spirituali degli autori e di esprimerli in modo corretto, anche se non tutti in un linguaggio specifico. 3. Contenuti I differenti moduli hanno mirato a delineare i quadri culturali delle epoche studiate, delle correnti letterarie e poetiche, attraverso la selezione di testi particolarmente significativi. E stato perseguito l obiettivo di far conoscere agli allievi determinati modelli culturali, di renderli capaci di analizzare gli indirizzi di poetica, di riconoscere gli elementi di continuità e di mutamento nella storia delle idee. I contenuti sono stati organizzati nei seguenti moduli: Storico-culturale Il romanzo sperimentale: Verga Il Decadentismo italiano: Pascoli D Annunzio La Narrativa del! Novecento e il tema della condizione umana: Pirandello Svevo Identità in crisi: Ungaretti IL neorealismo,memorie e testimonianze Primo Levi La Divina Commedia La Comunicazione scritta. Istituto G. B. Vico 20

21 4. Metodologia Il metodo attuato è stato quello della ricerca-azione mediante l utilizzo di una didattica interattiva, infatti le lezioni frontali sono state integrate da discussione collettiva, con domande che hanno sollecitato il confronto delle interpretazioni, costruzione di mappe concettuali per organizzare le conoscenze. Tutte le tematiche sono state approfondite mediante la lettura e l analisi dei testi più significativi. Si è dato vita a dibattito in aula, per stimolare l interesse e favorire interventi critici. Per quanto concerne la produzione scritta gli alunni sono stati guidati alla produzione di testi di vario tipo, secondo le caratteristiche richieste dall esame di stato. 5. Materiali didattici Oltre al testo in uso: Luperini, Cataldi, Marchiani La Scrittura e l Interpretazione, si è fatto ricorso a fotocopie integrative tratte da altri testi allo scopo di fornire un quadro culturale e letterario più approfondito. 6. Verifica e valutazioni Per le verifiche scritte sono state utilizzate prove sul modello della prima prova dell esame di stato: - Analisi e commento di un testo letterario, secondo la tipologia A; - saggio breve secondo il modello della tipologia B; - tema espositivo ed argomentativo secondo il modello delle tipologie C e D. Per le verifiche orali si è fatto ricorso a: colloquio, per accertare la padronanza e la capacità di orientarsi nei vari contenuti; domande specifiche atte ad appurare i livelli di conoscenza; commento orale e analisi di un testo. La valutazione ha tenuto conto del livello di acquisizione di conoscenze, competenze e capacità raggiunte nell ambito della disciplina in relazione ai livelli di partenza, ai progressi effettuati, all interesse, alla partecipazione e all impegno dimostrato. Ragusa, 12 maggio 2014 La docente Giovanna Cascone Istituto G. B. Vico 21

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli