DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. V^ SEZIONE B Amministrazione Finanza e Marketing

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. V^ SEZIONE B Amministrazione Finanza e Marketing"

Transcript

1 Regione Calabria M.I.U.R. Unione Europea ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE IIS SAN MARCO ARGENTANO "ITCG-LC " DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V^ SEZIONE B Amministrazione Finanza e Marketing Diploma di Ragioniere Approvato dal Consiglio di Classe in data 11/05/2015; Affisso all Albo della Scuola in data 15/05/2015 prot.n 2427 C/29 San Marco Argentano a.s. 2014/2015

2 ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DÌ STUDI ( L. 425/97-DPR 323/98 art.5.2-o.m.n 29/2001 e ss-o.m. n 40/2009 O.M. n 44/2010) INDICE Contenuti del Documento: Elenco dei candidati pag.3 Composizione del Consiglio di Classe pag.4 Presentazione della classe pag.5 Criteri seguiti per la progettazione della terza prova scritta pag.8 Simulazioni prove pluridisciplinari effettuate dalla classe finalizzate alla terza prova scritta CON GRIGLIA DI VALUTAZIONE pag.9 PRIMA SIMULAZIONE pag.12 SECONDA SIMULAZIONE pag.17 SCHEDA della Programmazione didattica ed educativa di ciascuna disciplina pagg ALLEGATI: GRIGLIE di misurazione degli apprendimenti relative ad ogni singola disciplina pagg Criteri di valutazione degli attestati in ordine al Credito Scolastico e al Credito Formativo pag.43 S. MARCO ARGENTANO, lì 11 maggio 2015 La Coordinatrice del Consiglio di Classe Prof.ssa Gallo Mariella Il Dirigente Scolastico Dott.ssa Maria Saveria Veltri 2

3 COMPONENTI DELLA CLASSE V SEZ B Amministrazione Finanza e Marketing N COGNOME NOME DATA DI NASCITA COMUNE DI RESIDENZA 1 ALOIA ELENA ROGGIANO GRAVINA 2 AMATUZZO GIUSEPPE SAN MARCO ARGENTANO 3 ARGONDIZZO LUNA SAN MARCO ARGENTANO 4 CAPASSO MARIAPIA SAN MARCO ARGENTANO 5 CARUSO MARTINA SAN MARCO ARGENTANO 6 COZZA LAURA SAN MARCO ARGENTANO 7 DI VASTO SAMUELE SAN SOSTI 8 EL HARIRI NOURA SANTA CATERINA ALB. 9 FRATICOLA MARIAFRANCESCA FAGNANO CASTELLO 10 GIGLIO ILENIA SAN MARCO ARGENTANO 11 IACCINO LORENZO ROGGIANO GRAVINA 12 MIGLIANO PIETRO SAN MARCO ARGENTANO 13 PETRASSI ANGELA SAN MARCO ARGENTANO 14 PICARELLI DOMENICO ROGGIANO GRAVINA 15 RICIOPPO MARTINA CERZETO 16 RUSSO ILARIO SAN MARCO ARGENTANO 17 TROTTA CHIARA FAGNANO CASTELLO 3

4 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE V SEZ. B Corso Amministrazione Finanza e Marketing MATERIA DOCENTE FIRMA RELIGIONE EDUCAZIONE FISICA ITALIANO STORIA PRIMA LINGUA STRANIERA (INGLESE) SECONDA LINGUA STRANIERA (FRANCESE) MATEMATICA APPLICATA ECONOMIA AZIENDALE DIRITTO SCIENZA DELLE FINANZE SOSTEGNO Perrone Angelina Damis Filomena Spadafora Pasquale Spadafora Pasquale Gallo Mariella Murolo Isabelle Tocci Nicolina Gordano Eugenio Santoro Emilia Santoro Emilia Monaco Manuela 4

5 STORIA DELLA CLASSE La classe è composta da 17 alunni (11 ragazze e 6 ragazzi, di cui 1 diversamente abile con programmazione differenziata). Provengono da ambienti socio-culturali diversificati. La classe nel corso degli anni ha subito delle trasformazioni: dai 24 studenti iniziali ai 17 odierni, il dato più rilevante è che all inizio del IV anno alla classe, composta da 14 alunni, è stato accorpato un piccolo gruppo di studenti provenienti da altra sezione. La convivenza iniziale si è lentamente ma costantemente trasformata in piena integrazione. Buona parte della classe si è sempre dimostrata abbastanza interessata all attività didattica e nel corso degli anni il gruppo docente ha cercato di rinforzare negli studenti le abilità di studio acquisite sia nel lavoro in aula sia nel lavoro domestico. Naturalmente le abilità, le competenze, gli interessi e la partecipazione alle attività educative sono eterogenee; accanto ad un gruppo più assiduo nel lavoro in classe e a casa, con un metodo di studio organico e sistematico, che permette loro di curare approfondimenti, verificare in aula quanto appreso, e di saper collegare interdisciplinarmente i singoli argomenti, non è mancato un gruppo meno costante nell interesse e nella partecipazione e che presenta infatti un livello di preparazione non sempre adeguato nelle diverse discipline. Nel corso degli anni nella classe si sono avvicendati almeno 2 docenti in quasi tutte le discipline, ma del resto oggi è difficile conciliare la continuità nelle classi con le disposizioni in merito allo svolgimento delle 18 ore settimanali per insegnante. Il rapporto alunni-docenti è stato improntato al rispetto reciproco e aperto al dialogo e al confronto. Il rapporto con le famiglie della maggior parte degli allievi è stato sempre costante, anche se non sempre è risultato proficuo. La classe è stata abbastanza assidua nella frequenza. I programmi previsti sono stati svolti quasi completamente. Il profitto scolastico della classe nel corso del presente a.s. è attestato su valori medi. Nel corso dell anno si è cercato di stimolare gli allievi all interesse e allo studio con metodologie didattiche diversificate sia per le diverse discipline, sia all interno di una stessa disciplina: lezioni frontali, lezioni partecipate, costruzioni di mappe concettuali, studio di casi, discussione guidata, lavori di gruppo. Gli alunni, durante tutto l arco dell anno, hanno svolto temi di ordine generale e saggi brevi, due simulazioni della Terza Prova (Tipologia mista B+C) e una simulazione della Prima Prova nel II quadrimestre. L allievo diversamente abile è partito, all inizio del suo percorso scolastico nella nostra scuola, con difficoltà che andavano da una memoria labile al bisogno di essere continuamente sollecitato e a difficoltà nella comprensione di testi semplici. Ha comunque sempre mostrato un atteggiamento positivo verso la vita scolastica migliorando nella socializzazione e nei rapporti interpersonali. Nel tempo è migliorato anche nelle abilità e conoscenze anche se le verifiche orali sono state per lo più individuate in frequenti brevi domande dal posto realizzando un dialogo e un confronto tra docenti curriculari, docente di sostegno e allievo, e le verifiche scritte, individuali, sono state svolte con direttrici di 5

6 aiuto quali ausili materiali e tempi di azione più lunghi. Quest anno purtroppo la sua frequenza è stata discontinua e a nulla sono valsi i diversi interventi effettuati dal Dirigente Scolastico, dall insegnante di sostegno e dai colleghi del Consiglio di Classe presso la famiglia e con lui stesso per convincerlo a ritornare a scuola. PERCORSO FORMATIVO: OBIETTIVI REALIZZATI (in termini di conoscenze, competenze e capacità) Il Collegio dei Docenti, nelle sue articolazioni per aree disciplinari, all inizio dell anno scolastico ha individuato le competenze su cui orientare la programmazione per il raggiungimento del PECUP e il Consiglio di Classe, facendo proprie le finalità indicate nel POF e nelle aree disciplinari, ha condiviso il raggiungimento delle stesse. - Padroneggiare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici. - Riconoscere le linee essenziali della storia delle idee, della cultura, della letteratura, e orientarsi agevolmente fra testi e autori fondamentali, con riferimento anche a tematiche di tipo scientifico, tecnologico ed economico. - Stabilire collegamenti tra le tradizioni culturali locali, nazionali ed internazionali sia in una prospettiva interculturale sia ai fini della mobilità di studio e di lavoro. - Riconoscere il valore e le potenzialità dei beni artistici e ambientali per una loro corretta fruizione e valorizzazione. - Individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento alle strategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete. Tali finalità sono state esplicitate nei seguenti termini: - conoscenze Appropriazione dei contenuti fondamentali riferiti alle singole discipline, ai fatti, alle teorie, ai principi. - capacità Saper applicare strategie di lettura; saper raccogliere informazioni e strutturarle in schemi o mappe concettuali - competenze Utilizzazione delle conoscenze e capacità acquisite per la comprensione dei testi, la risoluzione di problemi, la produzione orale e scritta nel complesso linguisticamente corretta, per affrontare lo studio delle discipline in un ottica di sviluppo continuo delle abilità professionalizzanti e per diventare cittadini, cioè soggetti capaci di valutare criticamente la realtà prendendo coscienza del proprio ruolo nella società. Gli risultati raggiunti, in rapporto al quadro generale della classe, possono essere considerati soddisfacenti. Alcuni alunni si sono distinti per impegno raggiungendo buoni livelli di competenza logicoespressiva e rielaborativa; altri, pur se a livelli diversi, si sono applicati con convinzione migliorando conoscenze e abilità. 6

7 STRUMENTI, METODOLOGIE, SPAZI UTILIZZATI Abbiamo cercato di differenziare le metodologie per andare incontro ai diversi stili cognitivi degli alunni. Sono state effettuate lezioni frontali, lezioni interattive, brainstorming, lettura e comprensione dei testi, analisi di testi diversi, questionari, esercitazioni, lavori di gruppo e report alla classe, redazione di schemi, tabelle e mappe, ricerche sul Web, discussioni guidate al fine di coinvolgere gli alunni, far emergere i loro interessi e canalizzarli nell attività didattica, far acquisire abilità e strumenti linguistici e concettuali utili alla loro formazione e alla loro crescita personale. Gli strumenti di lavoro privilegiati sono stati: libro di testo, fotocopie, materiali provenienti da ricerche diverse, Internet, materiale audiovisivo. Tra gli spazi utilizzati, oltre alla classe, ai vari laboratori e alla sala video, vanno inclusi i luoghi che hanno visto impegnati gli studenti in attività extracurriculari: il cinema Citrigno, l ex Campo di Concentramento di Ferramonti e l Abbazia della Matina. ORGANIZZAZIONE ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO PON C-1-FSE Nel novembre 2014 due alunne hanno partecipato al progetto PON C-1-FSE grazie al quale hanno potuto vivere un esperienza di studio della lingua inglese a Londra per 3 settimane, sostenendo alla fine del corso gli esami Trinity livello B1 per la certificazione della competenza comunicativa in lingua inglese. PROGETTO PROGRAMMA IGS LABORATORIO DI IMPRESA La classe ha partecipato al Programma IGS Laboratorio di Impresa - Realizzazione di mini imprese all interno del gruppo classe. PROGETTI POF - Progetto La Scuola a Cinema : Ciclo di 6 film presso il cinema Citrigno di Cosenza. - Giornata della memoria: manifestazione Ricordare sempre. Ripetere mai! presso l excampo di concentramento di Ferramonti. - Progetto Rafforzamento di una rete locale per la prevenzione primaria delle tossicodipendenze - attività di formazione, informazione e sensibilizzazione sui risvolti sociali, sanitari ed educativi connessi all uso e all abuso delle droghe lecite e illecite, così come delle dipendenze comportamentali, in primis il gioco d azzardo patologico. - Millennium Normannorum : manifestazioni per la celebrazione del 950 anniversario della Dedicazione dell Abbazia di Santa Maria della Matina. ATTIVITA DI ORIENTAMENTO Le attività di orientamento quest anno sono state svolte all interno dell Istituto: diversi gli enti e le organizzazioni che ci hanno fatto visita e tenuto incontri nel corso dei quali hanno illustrato agli studenti delle V classi la loro offerta formativa/lavorativa. Tra questi l Università della Calabria, Unibasilicata, Associazione Marinai d Italia, Guardia di Finanza, e il regista Algeri che ha presentato e discusso con gli studenti il documentario Vivere e studiare a Londra. VIAGGI DI ISTRUZIONE Barcellona 7

8 CRITERI SEGUITI PER LA PROGETTAZIONE DELLA TERZA PROVA Il consiglio di classe, dopo aver attentamente analizzato le tipologie della terza prova previste dal regolamento per il percorso di studi della classe, ha ritenuto opportuno scegliere, tra quelle previste, una tipologia mista tra la tipologia C e la tipologia B. Questa consente di verificare il raggiungimento di obiettivi minimi in termini di conoscenze, competenze e linguaggio specifico e, contemporaneamente, di valutare capacità espressive e di sintesi. Si è inteso far esercitare gli allievi su cinque discipline. Sono state somministrate n 2 prove miste: Tipologia C :20 domande a scelta multipla + tipologia B: 10 quesiti a risposta breve Le domande a scelta multipla sono state caratterizzate da: 4 risposte di cui una sola corretta Le risposte corrette si susseguono in modo casuale Ogni domanda ha pari difficoltà e peso nella misurazione indipendentemente dalla disciplina La domanda è formulata su aspetti specifici della conoscenza e delle competenze richieste dalla disciplina I quesiti a risposta breve sono stati caratterizzati da: Articolazione in una o più domande chiaramente esplicitate Risposte autonomamente formulate dal candidato e contenute nei limiti di 5 righe Ogni quesito ha pari difficoltà e peso nella misurazione indipendentemente dalla disciplina Sono state coinvolte le discipline che non sono oggetto di prove scritte, al fine di fornire alla Commissione d esame ulteriori elementi di valutazione. Il tempo messo a disposizione è stato di 90 minuti. La griglia di valutazione della terza prova scritta viene allegata al presente Documento. 8

9 Regione Calabria M.I.U.R. Unione Europea ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE IIS ITCG LC Via D. Alighieri - snc SAN MARCO ARGENTANO (CS) Tel / Fax 0984 / Codice Mecc. CSIS06700R CSPC L. CLASSICO ESAME P. CANDELA DI STATO SAN MARCO ARGENTANO (SEZ. ASSOC.) CSTD I.T.C.G. E. FERMI SAN MARCO ARGENTANO (SEZ. ASSOC.) CSTD06751C I.T.C.G. E. FERMI (Corso Serale ) SAN MARCO ARGENTANO (SEZ. ASSOC.) CSPC L. CLASSICO FAGNANO CASTELLO (SEZ. ASSOC.) C.F CLASSE V SEZIONE B CORSO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING A.S. 2014/2015 9

10 Regione Calabria M.I.U.R. Unione Europea ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE IIS ITCG LC Via D. Alighieri - snc SAN MARCO ARGENTANO (CS) Tel / Fax 0984 / Codice Mecc. CSIS06700R CSPC L. CLASSICO P. CANDELA SAN MARCO ARGENTANO (SEZ. ASSOC.) CSTD I.T.C.G. E. FERMI SAN MARCO ARGENTANO (SEZ. ASSOC.) CSTD06751C I.T.C.G. E. FERMI (Corso Serale ) SAN MARCO ARGENTANO (SEZ. ASSOC.) CSPC L. CLASSICO FAGNANO CASTELLO (SEZ. ASSOC.) C.F ESAMI DI STATO 2014/2015 Codice Commissione Candidato Classe Sez. Voto /15 Tipologia della prova : Tipologia Mista (B+C) Attenersi all estensione massima di 5 righe per ciascun quesito della tipologia B. Discipline coinvolte (max n 5):. Durata della prova : Minuti: 90 Consigliato: Escluso: Sussidi didattici consentiti: Uso di penna nera/blu Uso di: matite, correttori, gomme, penna rossa Dizionari non enciclopedici di: lingua italiana, lingua inglese Calcolatrici non programmabili 10

11 GRIGLIA DI VALUTAZIONE 3^ PROVA TIPOLOGIA MISTA : B (TOTALE DOMANDE:10) + C (TOTALE DOMANDE: 20) CANDIDATO CLASSE SEZ VOTO MATERIE: 1) TIPOLOGIA B: NUMERO DOMANDE PER DISCIPLINA: 2 (DUE) PUNTEGGIO ASSEGNATO PER DISCIPLINA: MAX PUNTI 2 (DUE) - Risposta corretta e ben articolata (per ciascuna domanda) punti 1 (uno) - Risposta corretta punti 0,75 - Risposta parziale punti 0,50 - Risposta con minimi elementi di conoscenza punti 0,25 - Risposta non data o completamente errata punti 0 (zero) 2) TIPOLOGIA C: NUMERO DOMANDE PER DISCIPLINA: 4 (QUATTRO) PUNTEGGIO ASSEGNATO PER DISCIPLINA: MAX PUNTI 1 (UNO) - Per ogni risposta corretta punti 0,25 - Per ogni risposta sbagliata o non data punti 0 (zero) TIPOLOGIA B TIPOLOGIA C TOTALE /15 11

12 1^ SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA DIRITTO 1) Il popolo di uno Stato è composto: dalle persone che vi risiedono stabilmente dalle persone che si trovano sul territorio dello Stato anche occasionalmente dalle persone che hanno la cittadinanza di quello Stato dalle persone nate sul territorio di quello Stato 2) Uno Stato è sovrano se: è governato da un Re non deriva i suoi poteri da una autorità esterna può imporre le sue norme a tutti i soggetti presenti sul territorio può imporre le sue norme anche ad altri Stati 3) Lo Stato moderno ha iniziato a delinearsi: con il formarsi delle prime monarchie assolute con il formarsi dello Stato liberale con il formarsi dello Stato di diritto dopo la Seconda Guerra Mondiale 4) Il Parlamento Europeo è composto da parlamentari: eletti dai cittadini dell Unione a suffragio universale eletti dai Parlamenti degli Stati membri designati dai governi nazionali nominati dalla Commissione 1) Spiega la differenza tra Repubblica Parlamentare e Repubblica Presidenziale. 2) Che cosa stabilisce la Costituzione in merito ai rapporti internazionali? 12

13 FRANCESE 1)Lequel des ces avantages pour les travailleurs a été introduit par L. Blum? La semaine de travail de 35 h Les congés payés Le droit de grève La participation aux revenus de l entreprise 2) Combien d annèes a duré la seconde guerre mondiale? ) Quelle était la caractéristique de la Rèpublique de Vichy? C était une République libre Elle était occupée par les allemands Elle collaborait avec les allemands Elle représentait toute la France occupée 4) Quel homme politique a contribuè à la libèration de la France? Pétain Blum De Gaulle Saint Exupéry 1) Pourquoi faut-il joindre au CV une lettre de motivation? 2) Quels moyens peut-on utiliser pour la recherche d un emploi? 13

14 INGLESE 1) Please note that this order is subject to delivery by the end of the month. You can find this expression in an application letter a letter of order a circular letter a reply to an enquiry 2)Who were the first people to live in Britain? Ancient Britons Normans Romans Vikings 3) Which immigrants moved to parts of the USA where there were already Spanish speakers? African slaves Immigrants from Asia Native Americans Hispanics 4)An Enquiry is a complete list of a firm s article a formal request for a job a request for information what is required as part of a contract, agreement, sale, etc. 1) What is the Fair Trade Mark? 2) What do you know about the Grameen Bank? 14

15 MATEMATICA 1) Un'azienda deve stabilire qual è la quantità x di un bene da produrre per ottenere il massimo guadagno, essendo vincolata ad una capacità produttiva che può arrivare al massimo alle unità annuali e ad una funzione guadagno complessivo esprimibile attraverso la seguente equazione: g(x) = 3 1 x x. Individuare la soluzione del problema, tra quelle di seguito proposte: 0 < x < < x < e. x = d. x > ) Un problema di scelta si dice continuo quando la variabile d'azione può assumere: tutti i valori naturali di un dato intervallo tutti i valori reali di un dato intervallo tutti i valori interi di un dato intervallo tutti i valori razionali di un dato intervallo 3) Il modello matematico relativo a un problema di scelta: è la rappresentazione semplificata della struttura di un'azienda è la rappresentazione grafica di un problema economico è costituito dalla funzione obiettivo e dalle relazioni che intercorrono tra le variabili è l'interpolazione di due serie di dati mediante il metodo dei minimi quadrati 4) Un problema di scelta si definisce in condizioni di certezza se: si conoscono le condizioni iniziali e tutte le relative conseguenze si conoscono le condizioni iniziali, ma non tutte le relative conseguenze il problema non ha variabili gli effetti delle scelte sono conosciuti 1) Come si classificano i problemi di scelta? 2) Che cos'è il diagramma di redditività? 15

16 STORIA 1) I risultati della politica del New Deal furono: Conseguiti totalmente Parzialmente conseguiti Esistono tesi contrastanti Esiti deludenti 2) La pace di Versailles permise: Una stabilità Europea Una futura instabilità Europea Un Europa unita Liberalizzazione e democrazia tra i popoli 3) Le tesi di Aprile rappresentavano un: Programma rivoluzionario Trattato di pace Programma di riforme Documento di guerra 4) Della Triplice Alleanza facevano parte: Francia, Gran Bretagna e Russia Inghilterra, Germania e Italia Italia, Germania e Russia Austria, Germania e Italia 1) Argomenta in breve le riforme introdotte da Giolitti nel periodo del suo governo 2) Il 1929 fu caratterizzato da un periodo di grande crisi: tratta le diverse fasi che portarono a ciò. 16

17 2^ SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA ECONOMIA POLITICA 1) Non è un elemento costitutivo del debito di imposta il presupposto la base imponibile la fonte l aliquota 2) La tassa riguarda beni e servizi il cui prezzo è determinato con criteri di mercato per i quali lo Stato si accontenta di coprire con le entrate i costi di produzione per i quali le entrate non coprono interamente le spese di produzione e la differenza è coperta dalla fiscalità generale i cui costi sono coperti per intero da un prelievo coattivo privo di corrispondenza diretta con essi 3) Non è un esempio di entrata in conto capitale il valore delle imposte dirette il valore delle imposte indirette il ricavato della vendita di un immobile i contributi figurativi versati dai dipendenti della Pubblica Amministrazione 4) Il bilancio dello Stato deve essere approvato dal Governo dal Presidente della Repubblica dal Parlamento dalla Corte dei conti 1) Quali sono i principi costituzionali più importanti che si applicano al Bilancio dello Stato? 2) Quali sono i risultati differenziali presenti nel Bilancio dello stato? 17

18 FRANCESE 1) Pendant la seconde Guerre Mondiale, la France libre est gouvernée par De Gaulle Pétain Blum Vichy 2) Quel important épisode a eu lieu en France? Le débarquement des forces alliées Le départ des V2 contre Londres L attentat contre Hitler La libération d un lager 3) La décolonisation des années 50/60 a eu lieu: De façon pacifique De façon brutale Le plus souvent de façon pacifique Le plus souvent de façon brutale 4) L élection du Président de la République par suffrage universel a été decide par: Institution d une nouvelle constitution Referendum Prise brutale du pouvoir Le Parlement 1)Quels type de guerre a été la Première Guerre Mondiale? Qu a-t-elle causé du point de vue social? 2)Quelles réformes a réalisé Léon Blum? 18

19 INGLESE 1) The current phase of globalization has been determined by policies that have opened up economies domestically and internationally the fact that more people travel to distant countries quotas and barriers on certain products the fact that more goods are exported to distant countries 2)Which of the following is NOT an advantage of globalization? greater flexibility to operate across borders greater ease of transportation for goods and people no certainty that the wealth from investment will benefit the local community individuals and companies around the world can share more vital information 3) When Governments decide it is in their interest to cooperate rather than compete they set up trade barriers they adopt free-market economic systems they may form supranational organizations they may form trading blocs like NAFTA, EU, and ASEAN 4) Which of the following is a disadvantage of globalization? more mixing of people and culture greater ease to work with foreign partners more possibility for the poor countries to develop economically no certainty that the wealth from investment will benefit the local community 1) How have Governments contributed to Globalization? 2) Is Globalization a new phenomenon? 19

20 MATEMATICA 1)In un modello matematico per la risoluzione di un problema di ricerca operativa, le variabili di azione devono sempre verificare: Vincoli di produzione costituiti da equazioni e disequazioni ; Vincoli di produzione costituiti solo da disequazioni; Vincoli di produzione costituiti solo da equazioni ; Vincoli di segno 2)Un problema di scelta nel continuo con funzione obiettivo del tipo Y= ax 2 + bx+c (a = 0 ) definita in [α,β]: Ha il massimo nel vertice se la sua ascissa appartiene all intervallo [α,β]; Ha il massimo nel vertice se - Ha il massimo nel vertice se - Ha sempre il massimo in β b 2a b 2a < α > β 3)Un problema di scelta nel continuo con funzione obiettivo del tipo Y= mx + q (m = 0 ) definita in [a,b] : Ha il massimo in uno dei due estremi a o b; Ha il massimo nel valore medio dell intervallo [a,b]; Non siamo in grado di individuare il massimo; Non può avere valore massimo 4) La funzione y = 0,1x x rappresenta una funzione di costo. Quale delle seguenti proposizioni è vera? Il punto di massimo è x = 150 Il costo minimo y = 650 Il punto di minimo non esiste Il costo minimo y = )Data la funzione in due variabili z 3x 2 2y determinare l insieme di esistenza e le sue derivate parziali prime. 2. Nel caso particolare in cui la funzione obiettivo sia C( x ) 300x, dove x esprime x una quantità in kg ed il fabbisogno annuo è di kg, a) Individuare quanto valgono i vari costi b) Calcolare la soluzione di minimo _

21 STORIA 1) In politica estera il fascismo manifestò corporativismo volontà imperialistica potere assoluto disinteresse e incapacità 2) L identificazione del terzo Reich rappresentava un idea falsa di Hitler un utopia Nazista un millenario impero il crollo di uno Stato 3) Che tipo di dittatura si instaurò in Spagna? di stampo nazista militare di stampo fascista autoritaria ma civile smilitarizzata 4) L economia pianificata era una caratteristica del sistema totalitario nazista del sistema fascista del sistema comunista sovietico del sistema franchista 1) Argomenta i caratteri generali che identificano uno Stato Totalitario. 2) Definisci i tratti salienti della politica economica fascista 21

22 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Disciplina ITALIANO Affidata al docente SPADAFORA PASQUALE Obiettivi disciplinari raggiunti (in termini di conoscenza, competenza e capacità) - Conoscenza e padronanza della lingua italiana e della storia letteraria; - Saper analizzare i testi (parafrasi, individuazioni di temi centrali) e svolgere composizioni e presentazioni pertinenti usando una corretta terminologia; - Effettuare collegamenti logici (rapporti storia-letteratura-autore-poetica e testo). Argomenti trattati Naturalismo e Verismo: la narrativa in Francia e in Italia: definizione. Giovani Verga: il profilo dell autore - poetica-pensiero e opere. Il Simbolismo Baudelaire e la poesia simbolista: I fiori del male (liriche e analisi del testo). La Scapigliatura e gli scapigliati: Tarchetti e il romanzo Fosca. Il Decadentismo in Europa e in Italia: D Annunzio nelle diverse fasi e nella sua epoca. Opere e liriche analizzate. Pascoli e la poetica: analisi di liriche e del saggio. Pirandello: ieri e oggi, i temi le opere e i testi. Svevo: La coscienza di Zeno malattia e sanità; nevrosi e alienazione. La lirica Italiana del primo Novecento: Montale e Quasimodo. Profili e ricerca interiore dei poeti: analisi delle liriche. Il Neorealismo: Calvino ieri e oggi. Le opere. Lettura integrale di un romanzo a scelta da parte di ogni studente. Metodologie e strumenti utilizzati Lezione frontale e dialogata; Analisi critiche dei brani e delle liriche; Libro di testo; Discussioni sulle diverse problematiche. Criteri di valutazione adottati La valutazione è stata effettuata in base all impegno e all applicazione delle conoscenze e dei collegamenti logici che ogni studente ha costruito in base al suo sapere. 22

23 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Disciplina STORIA Affidata al docente SPADAFORA PASQUALE Obiettivi disciplinari raggiunti (in termini di conoscenza, competenza e capacità) -Conoscere la situazione storico-sociale dell Europa e dell Italia di fine 800 e inizio 900 -Analizzare ed illustrare i principali avvenimenti, gli esiti e le conseguenze del periodo storico studiato usando un appropriata terminologia -Saper identificare gli elementi fondamentali del periodo studiato e sviluppare la consapevolezza del divenire storico. Argomenti trattati L età giolittiana in Italia; la prima guerra mondiale; la rivoluzione Russa. Le conseguenze della grande guerra; le grandi potenze nel dopoguerra. Le crisi. I regimi totalitari. La seconda guerra mondiale e il nuovo sistema internazionale. L Italia Repubblicana. La globalizzazione. Documenti e Focus trattati per discussioni e produzione di saggi brevi. Metodologie e strumenti utilizzati Lezione frontale e dialogata; Analisi critiche dei documenti focus; Libro di testo; Discussioni sulle diverse problematiche affrontate. Criteri di valutazione adottati La valutazione è stata effettuata in base all impegno e all applicazione delle conoscenze e dei collegamenti logici che ogni studente ha costruito in base al suo sapere. 23

24 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Disciplina LINGUA FRANCESE Affidata al docente MUROLO ISABELLE Obiettivi disciplinari raggiunti (in termini di conoscenza, competenza e capacità) B1 È in grado di comprendere i punti essenziali di messaggi chiari in lingua standard su argomenti familiari che affronta normalmente al lavoro, a scuola, nel tempo libero, ecc. Se la cava in molte situazioni che si possono presentare viaggiando in una regione dove si parla la lingua in questione. Sa produrre testi semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari o siano di suo interesse. È in grado di descrivere esperienze e avvenimenti, sogni, speranze, ambizioni, di esporre brevemente ragioni e dare spiegazioni su opinioni e progetti. Ascolto Comprensione orale generale È in grado di comprendere informazioni fattuali chiare su argomenti comuni relativi alla vita di tutti i giorni, riconoscendo sia il significato generale sia le informazioni specifiche, purché il discorso sia pronunciato con chiarezza in un accento piuttosto familiare. È in grado di comprendere i punti salienti di un discorso chiaro in lingua standard che tratti argomenti familiari affrontati abitualmente a scuola, nel tempo libero ecc., compresi dei brevi racconti. Lettura Comprensione generale di un testo scritto È in grado di leggere testi fattuali semplici e lineari su argomenti che si riferiscono al suo campo d interesse raggiungendo un sufficiente livello di comprensione. Strategie di ricezione - Individuare indizi e fare inferenze È in grado di identificare in base al contesto parole sconosciute, relativamente ad argomenti che si riferiscono al suo campo di interesse. E in grado di estrapolare dal contesto il significato di una parola sconosciuta e ricostruire il significato della frase, a condizione di avere familiarità con l argomento in questione. Parlato Produzione orale generale È in grado di produrre, in modo ragionevolmente scorrevole, una descrizione semplice di uno o più argomenti che rientrano nel suo campo d interesse, strutturandola in una sequenza lineare di punti. Interazione orale generale E in grado di comunicare con discreta sicurezza su argomenti familiari, di routine o no, che lo/la interessino. E in grado di scambiare informazioni, le controlla e le conferma, fa fronte a situazioni meno frequenti e spiega perché qualcosa costituisce un problema. E in grado di esprimere il proprio pensiero su argomenti più astratti, culturali, quali film, libri, musica ecc. E in grado di utilizzare un ampia gamma di strumenti linguistici semplici per far fronte a quasi tutte le situazioni che possono presentarsi nel corso di un viaggio. E in grado di intervenire, senza bisogno di una precedente preparazione, in una conversazione su questioni familiari e di esprimere opinioni personali e di scambiare informazioni su argomenti che tratta abitualmente, di suo interesse personale o riferiti alla vita di tutti i giorni. 24

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA?

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? CLASSE 4 SEZ.B TITOLO FINALITA / SENSO DEL PERCORSO PRESENTAZIONE DELLA UDA TRASVERSALE SIMULAZIONE AZIENDALE Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA a.s. 2013-2014 INDIRIZZI E ARTICOLAZIONI: TURISMO e RIM DISCIPLINA TERZA LINGUA COMUNITARIA- TEDESCO PROFILO

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Anno scolastico 2014/2015 Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Gli alunni stranieri per i quali si prevedere la progettazione di un Piano Didattico Personalizzato sono quelli non ancora

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ T MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO Materia: ITALIANO Totale Abilità: 15 Competenza: 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti 1. 1.1 Comprendere

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d'esame

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d'esame ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SERMIDE Via Zambelli, 2 46028 Sermide (Mn) Tel. 0386/61101 Fax. 0386/960476 e-mail istitutocompsermide@virgilio.it Reg. cert. Il Dirigente scolastico e il Presidente della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ B MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO ORE

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI PRATICHE RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Manufatti metallici con l utilizzo delle

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S DOCENTE: PROF.SSA CARLA COCCO OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 2015 Dipartimento (1) : DIRITTO ED ECONOMIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ALESSANDRA CALDARA Classe: 2 Indirizzo: SERVIZI SOCIO- SANITARI Ore di insegnamento

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE PIANIFICAZIONE MODULI DI APPRENDIMENTO classe I sezione DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA INSEGNANTE: ANNO SCOLASTICO COMPOSIZIONE DELLA CLASSE: MASCHI: FEMMINE:

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1.

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1. STRUTTURA UDA TITOLO: Macchine elettriche. COD. TEEA IV 05/05 Destinatari A PRESENTAZIONE Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. Periodo Terzo Trimestre

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE OBIETTIVI FORMATIVI (LINGUISTICO) LINGUA INGLESE Obiettivi formativi del Biennio Funzioni linguistico-comunicative - Funzioni linguistico-comunicative necessarie

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe 4 sezione

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA E CITTADINANZA DOCENTE: FACIN MIRIAM CLASSE 3 SEZ. A A.S.2015/2016

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA E CITTADINANZA DOCENTE: FACIN MIRIAM CLASSE 3 SEZ. A A.S.2015/2016 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA E CITTADINANZA DOCENTE: FACIN MIRIAM CLASSE 3 SEZ. A A.S.2015/2016 OBIETTIVI E CONTENUTI Disciplina:STORIA Nucleo fondante:uso DELLE FONTI Obiettivi di apprendimento

Dettagli

IPOTESI DI CURRICOLO

IPOTESI DI CURRICOLO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Enrico Fermi via Capitano Di Castri - 72021 Francavilla Fontana (BR) Tel. e fax 0831/ 852132 (centr.) 0831/852133 (pres.) Specializzazioni: ELETTRONICA E TELECOM. -

Dettagli

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Prove meccaniche distruttive e non distruttive

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- A.S. 2015/2016 TITOLO: INTERPRETAZIONE DI UNA RICETTA OPTOMETRICA COD. n 2 Destinatari CL 2^ Indirizzo OTTICO

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sa usare la comunicazione orale e scritta per collaborare e interagire positivamente con gli altri

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE LIVELLI DI PARTENZA La classe è attenta ma poco partecipe, qualcuno porta anche dei contributi personali

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni /cittadinanza I DIRITTI DEI BAMBINI IL QUADERNO REALIZZATO DAI RAGAZZI E/O LO SLOGAN PUBBLICITARIO

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. DI

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli