La figura di Maddalena e l archetipo della grazia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La figura di Maddalena e l archetipo della grazia"

Transcript

1 ÁTOPOn Rivista di Psicoantropologia Simbolica e tradizioni religiose - Quaderno 2/2010 Giulia Valerio La figura di Maddalena e l archetipo della grazia mythos edizioni

2 ÁTOPOn!Rivista di Psicoantropologia Simbolica e tradizioni religiose ISSN Dir. Maria Pia Rosati, past dir. Annamaria Iacuele Redazione: Giuseppe Lampis, Marina Plasmati, M. Pia Rosati, Claudio Rugafiori, Lorenzo Scaramella Ad memoriam: Gilbert Durand, Julien Ries Ed. elettronica, 2014 «átopon» (rivista di Psicoantropologia Simbolica) MYTHOS Associazione scientifico-culturale Via Guareschi 153- Roma Nella pg. seguente Maddalena e otto storie della sua vita Il maestro di Maddalena ( )

3

4 SEMINARI COLLANA ISTITUITA DA ANNAMARIA IACUELE Psicoantropologia Simbolica e Tradizioni Religiose

5 Giulia Valerio La figura di Maddalena e l archetipo della grazia

6 Il volume pubblicato con il contributo dei Soci dell Istituto di Psicologia Analitica e Antropologia Simbolica MYTHOS Associazione Scientifico Culturale fondata nel 1981 in Roma Vuol essere un omaggio ad Annamaria Iacuele e ricordare il senso del suo studio, della sua ricerca, del suo amore per la verità

7 Convegno MYTHOS FIGURE ARCHETIPALI TRACCE SUI SENTIERI DELL UOMO In onore di Annamaria Iacuele Bracciano 3-4 Ottobre 2009

8 Crocefissione di Masaccio (1426)

9 Perché Maddalena, ancora Maddalena La figura di Maddalena nella psiche femminile oggi è ancora viva. Compare nei sogni, occorre nelle sincronie, rivela la sua potenza e la sua vitalità. L ho incontrata più e più volte: con grande sorpresa all inizio del mio lavoro di psicoterapeuta venticinque anni fa, e poi ancora e ancora, quasi sempre nei sogni di donne in situazioni gravissime. Anche nella mia vita ricorre e occorre, a dimostrazione che io pure sono un caso disperato ogni volta inattesa, sempre riconosciuta. Non l ho prescelta io per elezione o affinità, né l avrei sentita simile o in qualche modo guida, perché figura troppo complessa e diffusa, oltre che eversiva ed erotica: è lei che mi ha scelta, mi ha soccorsa, mi si è imposta; tuttora accade, spesso proprio nel momento in cui penso che sia stata significativa per un ciclo ormai concluso della mia esistenza. Sapevo di doverla capire, accogliere, ringraziare: le divinità antiche potevano rendere molto

10 infelici gli adepti che non facevano i dovuti sacrifici, e in molte culture ci si affilia per adorcismo allo spirito, al santo che ti ha ammalato e guarito. Così ho ricercato e trovato una forma di culto e di gratitudine: studiarla a fondo nelle sue sfaccettature, e ascoltare che cosa, attraverso il suo silenzio e la tenacia della sua presenza, mi volesse dire. L invito a Bracciano, e poi quello di scrivere il mio intervento per la pubblicazione sui Quaderni di Átopon mi richiama ancora una volta a lei. Ho conosciuto esattamente un anno fa Maria Pia Rosati a Ravenna, nell occasione in cui leggeva con voce ferma e alta l intervento che Anna Maria Iacuele aveva preparato sulla soglia della morte per il convegno che aveva come argomento Il Male. L ammirazione per lei e la profondità dei temi hanno tracciato un sentiero di affinità e di amicizia, in cui subito ho sentito che Maddalena e il tema del compianto erano il filo rosso dell incontro: ci accomunano e ci legano figure di donne capaci di attraversare soglie ed abissi, esperte di disperazione e iniziate ai misteri, testimoni della rinascita e

11 della resurrezione. è nato così il desiderio di condividere con tutti voi la storia dell incontro con Maria Maddalena e le riflessioni che ne sono nate. Ne parlo e ne scrivo con commozione: è sempre difficile sciogliere con tenerezza e rispetto il pudore che avvolge le vicende più segrete e invisibili del nostro destino e dell anima, e trovare le parole per narrarle; quando ci si sente tra persone amiche e accoglienti, come con voi è accaduto, allora diviene un compito, un urgenza, tessuta di sim-patia e di gratitudine. Noi ben sappiamo che la frequentazione della psicologia del profondo e la sua pratica potrei più semplicemente dire: il corso della vita sono accompagnate da immagini chiave che guidano e indicano il cammino. A volte lo stravolgono, altre ci confondono: sempre ci sorprendono. Vengono dal mondo dell invisibile che cogliamo solo ad occhi socchiusi, nella memoria di un sogno, nell incrocio con una figura del sacro e del mito, oppure se traguardiamo la realtà circostante cercandone lo sfondo, quando si

12 spalancano soglie imprevedibili e le connessioni tra vita e morte, immanenza e trascendenza si rivelano. Forzano la nostra disattenzione e la nostra fretta, improvvise si manifestano attraverso simboli onirici, un quadro o una poesia, una sincronia o un amore che le evoca. Nei tempi antichi, erano divinità che in veste umana suggerivano agli eroi il comportamento e li iscrivevano nel loro destino; guidavano i combattimenti e con sembianze fuggevoli provocavano l amore. In altre epoche accendevano vocazioni e compivano miracoli: avevano lo statuto di apparizioni. Visioni nel sogno, annunciavano rivelazioni, pericoli, vie di salvezza, e sempre reclamavano una obbedienza fiduciosa e assoluta: pena la vita stessa. Oggi più che mai costeggiano la nostra esistenza, forse proprio perché il collettivo e le scienze progressive le hanno bandite. Costrette ad emergere in modo evenziale e solitario, divengono appelli decisivi alla nostra singolarità. L incontro ha il sapore di una annunciazione: parla di una nuova nascita, ricrea il mondo e la storia. Il messaggio

13 ricevuto e accolto si rivela nel tempo: spesso dopo anni un nuovo evento scioglie l enigma che quella presenza che ancora cammina discreta al nostro fianco ci aveva posto. Improvvisamente ci troviamo con in mano i capi della matassa della nostra vita: abbagliati dalla rivelazione, comprendiamo il percorso compiuto, e il labirinto che ci ha imprigionato fino ad allora abbatte i suoi muri spigolosi, i suoi angoli vivi e diviene un mandala. Perché le immagini personificate provengono ed appartengono agli strati archetipici dell Essere, a quelle costellazioni originarie da cui sgorgano sorgive le forme, le epifanie, la nostra vita stessa e la linfa che scorre nel cosmo e tutto lo unisce e lo collega. In loro vive il tempo del passato, il presente e ciò che sarà: conoscono il nostro destino. Il lavoro della cura comporta come prima funzione l ascolto e il riconoscimento delle presenze che abitano il nostro inconscio, il mondo non ancora noto, invisibile; non è questa una pratica nuova: nel tempo sono state

14 riconosciute come angeli soccorritori, immagini guida, santi protettori, guaritori interni. Non è facile distinguerne il passaggio, perché il loro tempo non coincide con il nostro: abitano la sospensione e l attesa, il varco e la soglia, gli incerti confini tra psiche e realtà. Svaniscono se tentiamo di impadronircene, e tornano impreviste se pensiamo di essere usciti dal loro campo magnetico. Entrano dalle fratture e dagli squarci, e sono capaci di provocarli se incontrano sistemi troppo chiusi e coesi: il loro impatto spiazza l Io con il suo corteo di proprietà private, pregiudizi, certezze e presunzioni. Lo dislocano perché lo riconnettono a trame più ampie, antiche, che emergono dall inconscio collettivo e ne ritracciano le storie perdute. Ecco la prima grande funzione terapeutica: spostando il punto di vista rendono possibile una nuova visione; dettano i rimedi e le vie da seguire per ritrovare la salute perduta, per ricucire le smagliature profonde della malattia. Ogni rivoluzione porta in sé la possibilità di una nuova cosmogonia, di una rinascita.

15 Ho incontrato per la prima volta Maddalena attraverso un suo miracolo, compiuto nel sogno di una giovanissima donna afflitta da esordio di grave malattia psichica. Aveva poco più di venti anni, sembrava inchiodata a un dolore non metabolizzabile per l abbandono di un ragazzo, iniziava a compiere atti auto aggressivi, a non uscire di casa, a lasciare che la presenza invasiva di una madre patogena ingombrasse sempre più il campo. Inaspettatamente, ho visto in lei accadere un fatto letto solo nei manuali, che non ho mai poi visto verificarsi in tanta potenza: il grido delle vittime ne Il silenzio degli innocenti l aveva fatta scappare urlando dalla sala cinematografica, e aveva riportato alla memoria il trauma, sepolto nelle cantine della sua memoria di bambina: aveva assistito alla morte di una parente anziana, provocata in piena consapevolezza da un suo stretto parente, oggi ancora vivo. Da piccola, non era riuscita a soccorrerla nonostante le grida che cercavano aiuto né a dirsi quanto sapeva stesse accadendo. L orrore del ricordo resuscitato provocò in lei un infinito smarrimento, l odio per i suoi

16 familiari, e una colpa non lavabile con nessun balsamo. Ero giovane, da poco avevo iniziato a lavorare. Mi costrinsi al silenzio e all accoglienza, difficile sospensione di fronte alla presenza del Fato e all irreparabilità della vicenda. Soprattutto se giovani, tendiamo all azione, a invocare giustizia e a cercare soluzioni anche per evitare che l onda del dolore ci travolga in pieno: ma la portata della tragedia, compiutasi venti anni prima, chiedeva quel silenzio che il sacro ancor più se terribile impone, e riemerse tutta la sua storia famigliare come una serie di eventi tenebrosi, attraversati dal male. Dopo un mese, un sogno: la giovane entra in chiesa; arrivata all altare scioglie i suoi lunghi capelli per lavare i piedi ad una persona molto anziana. Li bagna di lacrime e di acqua, li accarezza, li asciuga con la sua chioma, li sente antichi, nodosi, induriti: sono piedi nudi che hanno camminato per tantissimo tempo senza riposo. Poi solleva il volto, e riconosce la anziana parente uccisa, che la guarda con amore. E la perdona. Rimanemmo interdette. Maddalena

17 aveva prestato i suoi capelli alla giovane che in realtà li aveva cortissimi, scolpiti dal rasoio insieme ai suoi balsami e alle sue lacrime. La parente uccisa diventava per lei Cristo, mistero di dolore, di nuova vita e come Maddalena ben conosce del miracolo del perdono. Imparai da subito che la sua presenza portava in sé una rivoluzione di piani, uno scardinamento delle leggi della logica e della ragione: non la paziente doveva imparare a perdonare, se mai fosse stato possibile, l assassino e chi lo aveva coperto, ma lei stessa aveva bisogno della pace del perdono da parte della anziana vittima agonizzante, che aveva vagato insepolta in attesa di questo gesto di riconciliazione con la piccola discendente, per poterla riconsegnare alla vita. Negli anni ho cercato di approfondire la conoscenza con questa straordinaria soccorritrice, di conoscere l alleata che era accorsa in nostro aiuto quando il cielo era abitato dalla disperazione e non sapevamo più vedere orizzonti. Ho innanzitutto scoperto che Maddalena è appunto la santa dell impossibile.

18 Maddalena si manifesta, appare quando non ci sono più parole, quando tutto è perduto e non si sa a quale santo votarsi. È l esperta della disperazione, colei che ha accompagnato ad occhi aperti tutto il cammino della tortura, il martirio, l agonia, l ingiustizia criminosa, la morte e la sparizione del cadavere di Cristo: stazioni di una passione impossibile la sua, ancor più se colui che è messo a morte è l amato, il Maestro, il Tu, l Altro che ti ha salvato e compreso, e che tu hai accolto e riconosciuto. Questa la cifra del suo culto: è colei a cui rivolgersi quando ogni terapia, ogni medicina, ogni preghiera e ogni pellegrinaggio sono risultati vani. La testimonianza medioevale del Liber miraculorum beate Marie Magdalene 1 racconta i suoi miracoli, non specifici se non per la loro gravità senza più speranza. Quando 1 Bernard Montagnes, Saint-Maximin foyer de production hagiographique. Le Liber miraculorum beate Marie Magdalene (1315), in Marie Madeleine dans la mystique, les arts et les lettres Actes du colloque international, Avignon juillet 1988, publiés par Eve Duperray, Beauchesne, Paris 1989, pp

19 tutte le cure sono fallite, ci si recava in Provenza nei luoghi del suo culto e spesso la guarigione avveniva lungo la via del ritorno, oltre la soglia dell ultima speranza. Come se volesse insegnarci che attraversando la valle più oscura si attiva in noi una luce inattesa, capace di sorprenderci, e che l inconscio ricrea il nostro mondo in frantumi soltanto quando le luci della coscienza si sono tutte spente. Maddalena, così come è ricorsa nella pietà popolare, raffigurata dagli artisti, così come ancora è presente nell inconscio, è il condensato di alcune figure femminili che tra loro tessono un unica trama: Maria di Magdala, Maria di Betania e la peccatrice perdonata da Cristo.

20 Maddalena Duccio di Buoninsegna

21 Alle molteplici varianti, deviazioni e invenzioni che partono a raggiera dai passi del Vangelo, Gregorio Magno alla fine del V secolo pone fine regolando tanta effervescenza, accorpando gli elementi sparsi nei quattro Vangeli, riunendoli in un unica persona ed espungendo così ogni possibile deviazione: Maddalena è la peccatrice protagonista dell unzione avvenuta a Betania da cui Gesù ha cacciato i sette demoni, è colei che accorsa al sepolcro con i balsami assiste per prima alla resurrezione. 2 La saldatura di questi mitemi si è innervata su strutture tipiche che le hanno dato forza persuasiva, seguendo la suggestione di una triade femminile antica. Nasce nel Medioevo il personaggio di Maddalena, ricco 2 Hanc vero quam Lucam peccatricem mulierem, Joannis Mariam nominat, illam esse Mariam credimus de qua Marcus septem daemonia ejecta fuisse testatur: <In verità quella che Marco chiama donna peccatrice e Giovanni Maria, noi crediamo essere quella stessa Maria dalla quale Marco attesta che vennero cacciati sette demoni>, Gregorio Magno, Homilia in Evangelium XXXIII 1 in PL LXXVI 1239.

22 di sfaccettature, complesso, fondamentale nella vicenda di Cristo. Entro cento anni nei martirologi le viene autorevolmente dedicato l onomastico ed è nominata come la guarita che, tra altre donne insigni, meritò per prima di vedere colui che era risorto dal regno dei morti. 3 Non parlo qui di Maddalena penitente, innesto avvenuto intorno al IX secolo, mutuato dalla vita di Maria Egiziaca, cortigiana d Alessandria che dopo diciassette anni di vita dissoluta, miracolosamente convertita, decise di ritirarsi nel deserto della Transgiordania con solo tre pani per sopravvivere per sessanta lunghissimi anni. Nella pg. seguente: Maria Egiziaca Tintoretto, Scuola di S. Rocco, Venezia 3 Beda e Adone di Vienna, in Saxer V., Les origines du culte de Sainte Marie Madeleine en Occident in AA. VV., Marie Madeleine dans la mystique, les arts et les lettres, Beauchesne, Paris 1989, p. 34.

23

24 Tintoretto nella Scuola grande di S. Rocco accosta le due donne in una meravigliosa descrizione di quella immersione in se stesse che una natura trasfigurata da luce visionaria può donare. È un tentativo tardo di contenere la potenza eversiva della sua storia e della sua bellezza, riducendola a peccatrice dissoluta che ancora deve castigare un corpo lussurioso, e diviene nel tempo una precisa e programmatica opposizione al protestantesimo ed al tema della grazia di Lutero; il pentimento verrà ancora più esacerbato dalla Controriforma, di cui Maddalena diviene figura emblematica. Tutte le parole da lei mai pronunciate, le colpe non confessate, le richieste di perdono, i tormenti della vergogna riempiono pagine innumerevoli di letteratura di confessione, che vuole indicare la necessità del dolore interno e il ripiegamento su se stessi: è la nascita dell Io penitenziale, che prosciugherà per secoli ispirazione e autenticità nella maggior parte dei commentari. Il Concilio Vaticano II in epoca recente mutò radicalmente l immagine consentita e prevista: poteva essere celebrata

25 solo colei a cui Cristo era apparso dopo la resurrezione, ed in alcun modo la sorella di Marta o la peccatrice perdonata, elevandola al rango di prima apostola del Risorto. Non così nel cristianesimo ortodosso: nelle icone ha avuto sempre e solo un ruolo liturgico e spirituale, per cui è rimasta rigorosamente fedele ai testi sacri. Maria di Betania appare nelle icone della risurrezione di Lazzaro, prostrata ai piedi di Gesù nel suo tipico atteggiamento di silenziosa contemplazione a differenza dalla sorella Marta, inginocchiata con il viso sollevato verso il volto di Gesù. Maddalena, spesso vestita di rosso accanto alle altre donne è ai piedi della croce, senza alcun connotato della peccatrice redenta; nel giardino sta accanto alla tomba vuota, a volte con i due angeli e con altre due o tre donne, o più frequentemente da sola, inginocchiata e protesa verso il Risorto. Solo un codice antico del Monte Athos, tra le numerose miniature che illustrano i brani evangelici, la dipinge seduta ai piedi del Maestro o nel gesto di ungergli i piedi di

26 profumo 4 Della peccatrice non vi sono rappresentazioni. Resta comunque rischioso e in qualche modo ingenuo, dal punto di vista della psicologia del profondo, ogni tentativo anche il meglio intenzionato di chiudere una immagine nella sua interpretazione, rischiando ogni volta un appiattimento, una perdita di complessità, una scissione del mistero della congiunzione tra opposti che è il segreto di ogni potenza, di ogni epifania archetipica. Desidererei piuttosto parlare di Maddalena attraverso la narrazione, ripercorrendo i quadri della sua presenza nella storia dei Vangeli. Un primo dato ci stupisce: Giovanni tramanda solo qualche parola pronunciata da lei, rivolta a Gesù dopo la 4 Ringrazio col cuore Suor Anna De Dominici del Convento di Clausura dei Servi di Maria di Arco per la sua competenza e la sua felice sensibilità di pittrice e conoscitrice di icone, e per aver condiviso, in una distanza che unisce, alcuni momenti del mio ricercare. E per avermi fatto dono di alcune delle sue icone, ricchissime di intuizioni profonde.

27 resurrezione. I loro incontri si sono svolti nella pregnanza del gesto, che ancor più risalta nella assenza di spiegazioni, di didascalie, di intenti pedagogici o esemplari. I suoi atti sconvolgono l ordine costituito, rovesciano le leggi in uso e ne instaurano di nuove, senza parole: sono unici, irripetibili, assoluti, incorniciati dal mistero. Il Vangelo di Maddalena è il Vangelo del silenzio. Di tutti i demoni l indemoniata Nel racconto evangelico vengono nominate alcune donne, che insieme agli apostoli fanno parte del seguito di Cristo: «lo seguivano e lo servivano da quando egli era in Galilea». 5 Tra di esse, citata sempre per prima come Pietro tra gli apostoli, spesso accompagnata da altre due donne, compare Maria Maddalena. «Liberate da spiriti e da malattie» 6 si iscrivono come adepte nella comunità che le 5 Marco 15, e Matteo 27, Luca 8, 1-3.

28 ha salvate, come avviene in molte occasioni; nell antica Grecia si doveva tributare omaggio per tutta la vita alla divinità che aveva mostrato la sua efficacia, altrimenti la sua ira avrebbe ucciso l ingrato. L unica donna nominata tra queste «dalla quale erano usciti sette demoni», 7 la cui guarigione dalla asthenèia è indicata in greco dal verbo therapeumènai, 8 è Maria detta Maddalena (Maria he kaloumène Magdalené). Il soprannome viene interpretato come indicazione della sua origine. Magdala era in quel tempo una città molto ricca, il cui nome significa rocca o fortezza, in greco detta Tarichea: città dove si dissecca il pesce. 7 Luca, 8, Mutuo le citazioni della versione greca dalla precisa esegesi dei passi evangelici di Sebastiani L., Tra/Sfigurazione. Il personaggio evangelico di Maria di Magdala e il mito della peccatrice redenta nella tradizione occidentale, Brescia, Queriniana 1992.

29 Situata tra Tiberiade, Cafarnao e Tabga era luogo di passaggio e di commercio, situata accanto alla fertilissima piana di Genezaret. Dal I secolo l abbondanza delle sue risorse venne accompagnata dalla fama di adulterio e corruzione. Della sua città porterà le stimmate: l opulenza del vestire e dell acconciatura, la sua aura di dissolutezza. Fin da subito, dalla sua prima apparizione, è segnata con un elezione e un marchio di diversità: raramente si nominava una persona giustapponendo come patronimico il nome della città di provenienza e non quello di uno dei genitori; del tutto eccezionale è per una donna. Maria di Magdala si presenta sulla scena sola, senza genealogia, appartenente non ad una famiglia né ad un marito ma ad una terra. È una donna che possiamo definire solo per sottrazione di ruolo: non è madre né figlia, non è moglie né vedova. È speculare, già nel nome, a Gesù di Nazareth. Sette demoni abitano Maddalena, la possiedono e smarriscono la sua ragione e la

30 sua vita. La ammalano di un male invisibile, che non obbedisce ai rimedi e la attaccano con sintomi non decifrabili. La privano di forza, intenzione, tenacia. La riempiono di astheneia, astenia. Gli spiriti hanno preso il sopravvento, invaso la sua coscienza e abitato il suo Io. L astenia, dice Kretschmer, è una disposizione somatica alla verticalità e dal punto di vista psicologico alla schizofrenia; lo spirito inflaziona e infiamma una donna che non ha terra, ricettività, capienza. Condannata ad una rifrazione di immagini costante ed innumerevole, come chi non ha sede per il suo Io, Maddalena porta dentro di sé il suo essere murionomes, l avere mille nomi e mille identità per non averne nessuna. Il testo breve e bellissimo del biblista francese Pierre Marie Beaude, Marie la Passante, così descrive questo aspetto, che coincide per la psicologia del profondo con lo stato di una donna invasa e resa folle dall Animus: «Sono discesa al villaggio. Il demone non mi aveva permesso di buttarmi nel vuoto. È sempre la stessa storia con i demoni...

31 requisiscono il vostro corpo per farne la loro dimora, accumulano a vostre spese... Quel giorno, lo giuro, il demone mi ha distolto dal suicidio. Non voleva che distruggessi la sua casa. Non lo aspettavo, non lo desideravo... Il mio corpo di donna giaceva insonne nella polvere sordida al bordo di una strada. Un ombra mi ha avvolto, una voce si è informata del mio nome Ma egli, egli insisteva, non voleva sapere che una cosa sola: Il tuo nome. Qual è il tuo nome? Mi sono sentita rispondergli: Baala. Ha ripetuto la sua domanda e ho detto: Deborah. La mia bocca ha cominciato a lanciargli mazzi di fiori appassiti sul viso: Balkis, Baala, Sara, Iside ed Eva, Anat, dea giovenca e figlia del grande Dio, io sono Sara, Astarte e Lilith, Bat-rabbim, Rebecca. Gli rispondevo chi ero e non ero io. C era in me una ronda di bestie in calore. Dozzine di voci indomabili facevano abortire la mia parola. Il mio nome, quel nome che esigeva di ascoltare con tanta semplicità, ero senza voce profonda per proferirlo... Non mi ha lasciata in pace, non

32 si è lasciato deviare dalla sua domanda... ho creduto di morire. Mi inchiodava con il suo sguardo, con infinita pazienza ripeteva la sua domanda. Finalmente ho sentito salire alle labbra, in una schiuma di bile, il nome che aspettava. Maria, io sono Maria». 9 Cristo sa trattare i demoni che perseguitano Maddalena, riconosce lo smarrimento che producono ma anche il destino che segnano. Essere posseduti è anche un segno di elezione. L individuazione femminile da qui ha inizio: confessare la propria unicità di donna, ad essa ridursi ed accettare la violenza che l Altro chiunque esso sia compie nell incontro. Ade è irrotto e ha messo fine alla molteplicità di personalità e di fantasie possibili che abitano la donna ancora tutta iscritta nella diade madre-figlia, il Tu è 9 Pierre-Marie Beaude, Marie la passante, Lonrai, Desclée de Brouwer 1999, pp e pp (la traduzione è mia).

33 irrotto con effrazione nel mondo chiuso e autonomo anche se dai mille nomi della figlia e della madre. Con la discesa di Persefone negli Inferi, la donna nasce a se stessa. Di tutti gli uomini - la pubblica peccatrice Il quadro successivo riguarda l unzione di Betania. Viene compiuto secondo Luca dalla pubblica peccatrice (en te polei hamartolòs) 10 che si presenta nella casa del fariseo, piange ai piedi di Gesù, glieli lava con le lacrime, li unge di profumo, li bacia e li asciuga con i suoi capelli. 11 Il fariseo dubita che Gesù possa essere un profeta, poiché non ha riconosciuto e cacciato la peccatrice. Gli 10 È interessante rilevare come non venga mai nominata, né in questo passo né altrove, la professione di prostituta, che pure avrà lunghissima vitalità nella vulgata. 11 Anche Giovanni 12, 1-8 parla dell unzione dei piedi, anche attribuendola a Maria sorella di Lazzaro, che pure era presente tra gli ospiti.

34 viene risposto con una parabola, quella dei due debitori che concerne l amore, il perdono e la remissione dei debiti contratti. La donna viene sollevata e paragonata con l ospite avaro di affetto, di gesto e di dono, che non ha fornito acqua né profumi per l invitato né lo ha accolto con un bacio; Maria invece con la sua generosità ha sconvolto e rivoluzionato l ordine contabile: molto ha peccato, e molto le è perdonato poiché molto ha saputo amare. Cristo aggiunge: «colui invece al quale poco è perdonato, poco ama.» 12 Come dire che l amore nasce da una capacità di accoglienza, di ascolto e di perdono che sfonda ogni parametro, ogni giustizia, ogni condizione. 12 Luca 7,

35 Maria Maddalena Luca Signorelli, 1504

36 Nel racconto di Matteo e Marco, Maria di Betania profuma il capo di Gesù con l unguento prezioso contenuto in un vaso di alabastro; il gesto è compiuto per la sua sepoltura, ed il tempo è giunto: egli non sarà più a lungo con loro. 13 Ungere il capo di un uomo era il segno di incoronazione di un sovrano, sempre compiuto da uomini importanti. Che dalle mani di una donna Cristo riceva il suggello del suo nome, benedetto dall olio insieme alla nomina di re è atto che a buon diritto sconvolge gli astanti. La ricettività silenziosa ma attiva, rivoluzionaria di lei viene riconosciuta da Gesù come diritto assoluto, superiore alla logica della norma. In alcuni Vangeli all episodio del dono supremo dell uno all altra e dell annuncio della morte vicina a Cristo si contrappone in modo consequenziale il paragrafo successivo, la decisione di Giuda di vendere Gesù e di ristabilire la logica dell interesse: «Allora Giuda Iscariote, uno dei Dodici, si recò dai 13 Matteo 26, 6-13.

37 gran sacerdoti per consegnarlo loro» 14 e venderlo per 30 sicli d argento. 15 Era quello il costo concordato come indennizzo per la morte accidentale di uno schiavo, corrispondente a 120 denari. Il dono di Maddalena vale quasi tre volte il valore che i funzionari erano disposti a riconoscere per la vita stessa di Cristo, 16 cifra pattuita per il risarcimento di uno schiavo ucciso per caso. La contabilità e i suoi registri legali sono rientrati prepotentemente in scena: «Da allora egli [Giuda] cercava un occasione propizia per tradirlo». 17 Secondo il grande teologo ortodosso greco Yannaras, la dimensione dell eros irrompe in questo episodio e sovverte le regole del logos imponendo le proprie: «Nel vangelo della chiesa l uomo erotico incarna il tròpos della vita e l uomo religioso il tròpos della 14 Marco 14, Matteo 26, Marco 14, Marco 14, 12.

38 morte», scrive Yannaras. La metànoia della prostituta gesto scopertamente erotico: acquista l olio profumato più prezioso, senza risparmio e misura. Versa con prodigalità l olio e torrenti di lacrime, per lavare i piedi di Cristo. Scioglie a fiume i suoi capelli per asciugarli. Tale slancio di èros palese, e l ambiente religioso cieco, estraniato: misura il gesto con il metro dell efficacia etica... La prostituta ama con prodigalità e sconsideratamente, senza legge e logica. L ambiente religioso misura l opportunità logica del gesto e il quanto dell utilità etica. All ambiente religioso all uomo di legge non interessano i poveri. Ad esso interessa il gesto dell elemosina, misurabile come azione individuale degna di ricompensa, riscossione di guadagno dal divino Rimuneratore. Forse ha bisogno di Dio solo come rimuneratore, solo per la propria giustificazione individuale. Per questo lo slancio d amore gli è incomprensibile, talmente sfugge alla logica del commercio. La prostituta non chiede nulla... Solo offre. Ciò che ha e ciò che è

39 Coraggiosamente, senza paura di compromettersi o di compromettere. Con lo slancio del rinnegamento integrale di sé. Il silenzio della prostituta del vangelo è l abbattimento della legge, il rendere inservibile la logica. 18 L eros di Maddalena si condensa nel balsamo e nel dono: è un eros che richiama Afrodite, ma temprato e temperato dalla presenza delle Grazie e dei loro saperi. Cominciamo infatti a vedere in filigrana gli archetipi costellati: alle spalle della prostituta, dell erotica che si dà a tutti per non essere di nessuno sta, potentissima, l antica dea preolimpica Afrodite. Afrodite ha come epiteton ornans l aggettivo filomeides, amante del riso, che una vocale separa dal suo altro attributo ricorrente, filomedes, amante del fallo. Ora è l una, ora è l altra, ed è entrambe: figlia di una castrazione, senza madre che l abbia concepita, emerge nuda ed ornata di sorriso dai flutti. Per Pico della Mirandola la bellezza 18 Christos Yannaràs, Variazioni sul Cantico dei Cantici, Sotto il Monte, Servitium 1997, pp

40 presuppone il molteplice, che non si trova nel regno del puro essere, ma in quello caotico del mutamento e «la natura informe di cui è composta ogni natura è dai teologi spesso significata per l acqua, per essere l acqua in continuo flusso e facilmente receptiva d ogni forma». Ma l acqua deve essere trasfigurata da un principio divino di forma: il membro castrato di Urano. Smembramento e castrazione, moti iniziatici dell Essere, erano per i neoplatonici il mistero dell Uno che discende nei molti: ogni atto di creazione è agonia sacrificale, come se l Uno venisse fatto a pezzi e disperso. 19 Pico riconduce il principio femminile dell amore, inteso come attrazione che tiene insieme le molecole del cosmo e le sue membra sparse, principio generativo, desiderio che commuove e muove la storia, ad un modello di tipo iniziatico maschile: unità, smembramento e resurrezione. La nascita di Afrodite narra la vicenda di una possibile coniunctio, incontro possibile 19 Edgard Wind, I misteri pagani del Rinascimento, Milano Adelphi 1958, p. 165.

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 per l Omelia domenicale a cura del Vescovo Mons. Vincenzo Bertolone II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 Un cammino di conversione Introduzione In questa II Domenica d Avvento incontriamo due dei più

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Pregate il Padrone della messe

Pregate il Padrone della messe PASTORALE VOCAZIONALE Pregate il Padrone della messe Dalla Trinità all Eucaristia: chiamati alla comunione Suor Carmela Pedrini L icona della Trinità di Andrei Rublev (1360-1430) si ispira all apparizione

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Celebrazione di preghiera perla festa della Vita

Celebrazione di preghiera perla festa della Vita .II C 4.. L albero dove i piccoli trovano il nido Fase II Celebrazione di preghiera perla festa della Vita Parrocchia..... Domenica. Introduzione Sac.: Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

La tomba vuota e l apparizione a Maria di Magdala Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino, quand era ancora

La tomba vuota e l apparizione a Maria di Magdala Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino, quand era ancora Scuola di preghiera Venerdì 19 marzo 2010 intervento di don Bruno Daniel La tomba vuota e l apparizione a Maria di Magdala Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino,

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

Associazione Missionaria Internazionale. International Missionary Association

Associazione Missionaria Internazionale. International Missionary Association Associazione Missionaria Internazionale International Missionary Association + Dal Vangelo secondo Marco 1, 1-13 Inizio del vangelo di Gesù Cristo, Figlio di Dio. [2] Come è scritto nel profeta Isaia:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria

Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria La prima immagine che si vede, entrando nel nostro sito web, è quella di Maria dipinta da Giotto nella volta della Cappella degli Scrovegni. La pagina

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli