Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131"

Transcript

1 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo sulla struttura hardware di base, e sulle principali funzioni del sistema operativo Cos è un PLC? E una apparecchiatura elettronica programmabile per il controllo di macchine e processi industriali. La struttura hardware a bus interno ha dato origine all attuale PC Nasce come elemento sostitutivo della logica cablata e dei quadri di controllo a relé Cenni storici Prima dei PLC, il controllo logico di impianti e processi industriali era fatta con logica cablata e quadri a relè: rete elettrica di relè, contatti, temporizzatori, contatori, difficilmente modificabile e ampliabile. difficile da analizzare e verificare. difficile da interfacciare con altri componenti di controllo (calcolatori, terminali, sensori ) Cenni storici schema di una logica cablata Non idonea per sistemi di controllo complessi. Cenni storici Con l esigenza di rendere più affidabili, ripetitive, modificabili le logiche di controllo, si è passati a dispositivi a logica programmata: PLS (mable Logic Sequencers) e poi ai PLC (mable Logic controllers): istruzioni invece che componenti elettrici. I primi PLC comparvero nel 1969 negli U.S.A. nell industria automobilistica. Vantaggi: facile da ampliare e modificare: flessibilità, adattabilità, semplicità e rapidità di progettazione facile diagnostica più adatta al controllo di sistemi complessi Definizione dallo Standard IEC Sistema elettronico a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione interna delle istruzioni orientate all utilizzatore per l implementazione di funzioni specifiche, come quelle logiche, di sequenziamento, di temporizzazione, di conteggio e di calcolo aritmetico, e per controllare, mediante ingressi ed uscite sia digitali che analogiche, vari tipi di macchine e processi.

2 Architettura del PLC MEMORIA PROGRAMMA RAM DATI ROM RAM INTERFACCIA I/O DIGITALE ANALOGICA Impulsiva CPU (Central Processing Unit) E il cuore del sistema: è la struttura dedicata all elaborazione dei dati e delle istruzioni del programma di controllo, ed alla gestione delle operazioni logiche interne al PLC. ALIMENTAZIONE AC DC CPU INTERFACCIA OPERATORE TERMINALI DI PROGRAMMAZIONE PANNELLI OPERATORE PERIFERICHE BUS esterno MODULI SPECIALI Connessione di rete PID Controllo Assi I/O Speciali etc.. Esempio di tempi di elaborazione: operazioni su bit, parole, in virgola fissa: µs operazioni in virgola mobile: µs Memorie Le memorie si dividono in : Memorie volatili e permanenti ( latched ) Memorie ad accesso casuale (RAM o attive) e di sola lettura (ROM o passive) In particolare le ROM (Read Only Memory) si dividono in : PROM (mable ROM) REPROM (Reprogrammable ROM) EEPROM (Electrically Erasable ROM) Memorie Dati: necessaria una memoria RAM (volatile); alcuni dati di controllo o impianto particolarmente importanti vanno salvati in memorie permanenti ma: preferibili memorie ROM, per limitare i rischi di perdita o corruzione del programma di controllo dimensioni tipiche: qualche centinaia di Kbyte (ad es. 512 Kbyte) Terminale di programmazione Piccoli display a cristalli liquidi e tastierini collegati direttamente al PLC Sistemi di sviluppo basati su PC Pannelli Operatore Display Terminali grafici Moduli con Push buttons e pulpiti Interfacce all inclusive MMI (man-machine interface)

3 Moduli di Ingresso/Uscita Consentono la comunicazione con il processo fisico: Ingressi Digitali Uscite Digitali Ingressi Analogici Uscite Analogiche Scheda di Ingresso o di Uscita Digitale tipica: numero ingressi o uscite: tensione ingresso: 24 V DC corrente ingresso: pochi ma isolamento ottico Moduli di Ingresso/Uscita Scheda di Ingresso Analogica tipica: numero ingressi: 8 risoluzione: bit isolamento ottico sono collegabili a termocoppie, termoresistenze, ecc. tempo di lettura: 20 ms Scheda di Uscita Analogica tipica: numero ingressi: 8 risoluzione: bit isolamento ottico tensione di uscita: ± 10 V, 0-10 V, 1-5 V corrente di uscita: ± 20 ma, 0 to 20 ma, 4 to 20 ma tempo di scritura: 0.5 ms. Rack Contiene tutti i moduli (o schede) del sistema PLC (CPU, memorie, schede I/O, ecc.) e consente: Connessione elettrica connessione logica (bus) Connessione meccanica Schermatura Ogni rack contiene un numero massimo di schede I rack sono collegabili in modo gerarchico con opportune schede di interfaccia e collegamento I collegamenti possono essere locali o decentrati I rack garantiscono la modularità dell architettura PLC Rack Armadi Rack Taglie di PLC Criteri di massima: modularità, spazio di indirizzamento, presenza di moduli speciali, velocità compatti (o micro): non modulari, poche decine di I/O applicazioni non industriali (building automation, distributori) piccoli: modulari, centinaio di I/O medi: modulari, migliaio di I/O grandi: modulari, decine di migliaia di I/O

4 Moduli speciali Schede conteggio veloce per gestire posizionamenti con encoder assoluti o relativi Schede controllo assi (soprattutto se interpolati e con necessità di posizionamenti di precisione) Inverter (motori c.a.) Motori Brushless Motori cc Schede termoregolazione Forni Presse estrusione Moduli speciali Schede PID scheda (con processore) che realizza una funzione di controllo PID (ad azione proporzionale, integrale e differenziale) da non confondere (tempi di campionamento) con le funzioni PID di un linguaggio di programmazione Regolatori fuzzy Moduli co-processori (gestione dati non logici: tabelle, dati prodotto, dati magazzini, ecc.) Moduli di back-up Tutte le schede del PLC (memorie, CPU, I/O, ecc.) possono essere duplicate o triplicate, per poter essere usate in caso di guasto della scheda principale: Back-up freddo: la scheda guasta viene sostituita Back-up caldo: la scheda sostituitiva viene fatta funzionare in parallelo alla scheda principale; quando questa si guasta, interviene immediatamente quella di back-up Nota: la duplicazione di una scheda può essere usata anche per verificare che la scheda principale non funziona; si confrontano dati ed uscite istante per istante. Moduli di connessione in rete Permettono la conenssione in rete del PLC: la rete può contenere PLC, calcolatori di processo, sistemi di supervisione, gateway, ma anche sensori e attuatori intelligenti : plug and play per ogni componente del sistema di controllo la tecnologia più usata che permette la comunicazione è il bus di campo Bus di campo Bus di campo Bus di campo (fieldbus) è il termine fissato da IEC per indicare, in un processo automatizzato, lo standard di comunicazione tra diversi dispositivi (nodi), quali: dispositivi di campo (sensori, attuatori, ecc.) dispositivi di controllo (PLC, DCS, ecc.) La comunicazione tra i nodi è gestita secondo un protocollo che è caratteristico di ogni tipo di bus di campo: standard o proprietario (Fieldbus Foundation, Device Net, Profibus, Can, Ethernet ). Tipi di connessioni logiche: stella o token-ring

5 Bus di campo Vantaggi La tecnologia a PLC e la tecnologia a FIELDBUS sono integrabili Comunicazioni con il campo in forma digitale (assenza di disturbi) e veloce (fino a 12 Mbit/sec). Abbattimento dei costi di cablaggio e installazione Parametrizzazione e configurazione remota dei dispositivi. Utilissima per impianti distribuiti con necessità di controllo in tempo reale Bus di campo Vantaggi Vari e semplici supporti (twisted pair, fibra ottica, radio, ) Non è tecnologia proprietaria: posso integrare dispositivi di produttori diversi. Svantaggi Costi dei singoli moduli Un bus guasto preclude la comunicazione tra molti dispositivi contemporaneamente (bus ridondato) Non immediato da installare Differenze tra PLC e PC PLC: progettato per resistere in ambiente industriale: vibrazioni, shock meccanici od elettrici, immunità ai disturbi (elettromagnetici, vapori, temperature, sostanza tossiche), isolamento galvanico, etc... Non ha dischi mobili (HD, CD, FD). Dotato di Wach-Dog (per istruzioni, programma, ecc.. Sistema operativo proprietario estremamente affidabile ad elevata diagnostica sia sul SW che sull HW. Compatto, facilmente allocabile in un armadio elettrico. Integrabile con altri componenti di controllo. Come altri controllori di impianti e processi industriali, il PLC si collega in retroazione rispetto ad essi: Attuatori Processo Sensori Schede di uscita PLC CPU, memorie altre schede Schede d ingresso In quanto dispositivo a segnali campionati, il PLC durante il funionamento continua ad eseguire ciclicamente 3 fasi fondamentali: Lettura degli ingressi Esecuzione del programma Scrittura delle uscite Il tempo per eseguirle è detto tempo di ciclo Nota: all interno del tempo di ciclo vi sono anche l esecuzione di istruzioni del sistema operativo (per la diagnostica interna del SW o HW, per la comunicazione in rete, ecc.), per cui la durata effettiva del tempo di ciclo è maggiore della sola somma dei tempi: di lettura di tutti gli ingressi di scrittura di tutte le uscite di esecuzione del programma

6 ciclo N-1 ciclo N ciclo N+1 tempo minimo di variazione per un segnale: T ciclo valore basso valore alto segnale di ingresso non rilevato T ciclo tempo fase di lettura ingressi fase di esecuzione del programma viene letto in questi istanti, e vale sempre basso tempo fase di scrittura delle uscite fase di esecuzione di porzioni di sistema operativo fase di lettura ingressi fase di esecuzione del programma fase di scrittura delle uscite sistema operativo tempo minimo di variazione per un segnale: T ciclo inutile aggiornare più volte un uscita: questa si aggiorna una sola volta in T ciclo, durante la fase di scrittura! valore basso valore alto segnale di ingresso rilevato! viene letto in questi istanti, e cambia valore tempo le uscite si aggiornano solo in questi istanti tempo fase di lettura ingressi fase di esecuzione del programma fase di scrittura delle uscite sistema operativo fase di lettura ingressi fase di esecuzione del programma fase di scrittura delle uscite sistema operativo Copia massiva Il modo appena visto di funzionamento del PLC è detto a copia massiva (scrittura di tutte le uscite e lettura di tutti gli ingressi avvengono contemporaneamente). Vantaggi: Semplice da implementare e da capire: le fasi di lettura e scrittura sono singolarmente ininterrotte e nettamente separate Semplice da simulare: l evoluzione del sistema e delle sue uscite è facilmente prevedibile Svantaggi: Scarsa reattività, se un ingresso muta subito dopo essere stato letto, la sua variazione viene recepita dopo un intero tempo di ciclo Scarso sfruttamento delle risorse, sono necessarie più variabili temporanee per memorizzare i risultati parziali tra una fase di lettura e una di scrittura. Ciclo con I/O distribuito Alcuni PLC ammettono anche cicli di funzionamento diversi: permettono la lettura degli ingressi e la scrittura delle uscite anche durante la fase di esecuzione del programma. In questo modo, aumenta la frequenza di aggiornamento possibile per un ingresso o un uscita. Quindi, attenzione, quando si usano PLC con vari tipi di ciclo, a capire bene quando un istruzione di uscita comporta un immediato aggiornamento della variabile fisica di uscita oppure un aggiornamento a fine esecuzione. In alternativa, possiamo usare gli interrupt.

7 Interrupt Interrompono il ciclo di programmazione, eseguono una opportuna subroutine di di gestione dell interrupt e quindi restituiscono il controllo al programma. Interrupt HW Generati da segnali fisici esterni (si usano per garantire una risposta veloce ad un evento) Interrupt Ciclici (SW) Generati periodicamente ad intervalli di tempo regolari ( si usano tipicamente per campionare alcuni ingressi in tempi inferiori al tempo di ciclo). Modalità operative Le modalità operative sono: Modalità di esecuzione: il PLC funziona come controllore: legge gli ingressi, esegue il programma di controllo e aggiorna le uscite Modalità di validazione il PLC esegue il programma, ma non legge gli ingressi fisici, né scrive le uscite fisiche: vengono utilizzate varibili intermedie, eventualmente connesse con il sistema di programmazione (ad esempio, un PC) Modalità di programmazione: il PLC è connesso con il sistema di programmazione e accetta scritture della memoria programmi Watch-dog Sono sostanzialmente timer, che il sistema operativo associa a svariati componenti del PLC e all esecuzione di svariate operazioni. Ad un operazione si associa una durata stimata massima, e quindi, se il timer arriva a contare tale intervallo di tempo prima che l operazione sia conclusa, viene generato un errore (Watch-dog, letteralmente cane di guardia ). Esempi di operazioni con watch-dog: istruzioni utente, istrizioni di accesso a memoria/schede di I/O / schede di rete, l intero programma, ecc. Introduzione alla IEC Normativa internazionale pubblicata la prima volta nel 1993 sull uso dei PLC La parte 3 della normativa si occupa esclusivamente della loro programmazione Scopi principali: ridurre il divario con le moderne tecniche informatiche formalizzare in modo più astratto ed essenziale i problemi di automazione e controllo proporre standard nel campo del controllo logico, per favorire la risabilità della conoscenza e una reale concorrenza tra i costruttori Il modello software proposto da IEC parte 3 Configuration Access paths Global and directly represented variables Communication functions (defined in IEC ) Legenda Variables Function Blocks Il modello software proposto da IEC Configuration CONFIGURATION: corrisponde ad un programmable controller system, cioè generalmente ad un PLC Access paths Legenda Communication functions Variables (defined in IEC ) Function Blocks Global and directly represented variables

8 Il modello software proposto da IEC Configuration Il modello software proposto PROGRAM: da IEC sono eseguiti sotto il controllo di zero o più task. I program sono dei contenitori di costrutti eseguibili, scritti nei linguaggi Configuration previsti dallo standard RESOURCE: costituiscono Global and directly represented il supporto variablesdi esecuzione Access dei paths programmi. Le resource sono autonome tra loro Communication functions (defined in IEC ) Legenda Variables Function Blocks Global and directly represented variables Access paths Communication functions (defined in IEC ) Legenda Variables Function Blocks e mi I task specificano l attivazione di parti di programmi o interi programmi loro assegnati. L attivazione può essere periodica oppure condizionata al verificarsi di un particolare evento. I programmi quindi costituiscono l apice di una struttura che il progettista può comporre gerarchicamente utilizzando i blocchi funzione (function block) e le funzioni (function). Blocchi Funzioni e Funzioni costituiscono quindi gli elementi di riferimento per il deciso orientamento alla modularità propugnato dallo standard Funzioni Le funzioni sono porzioni di costrutti eseguibili, che restituiscono un valore dipendente dagli ingressi, senza avere variabili interne (di stato). Lo standard IEC permette la definizione e l utilizzo di uno svariato numero di funzioni già definite in libreria, come ad esempio: Funzioni matematiche Funzioni trigonometriche Funzioni logiche Permette inoltre all utente di definire le proprie funzioni e riutilizzarle liberamente in un progetto Blocchi funzioni Lo standard permette inoltre la definizione di blocchi funzioni (a tutti gli effetti vere e proprie routine di codice, che possono essere dotate di variabili interne, o di stato) I blocchi funzione hanno la caratteristica di poter essere salvate in librerie e riutilizzate all interno di vari progetti indipendentemente dal linguaggio usato I moduli software I moduli, che nello standard sono detti POU ( Organisation Unit), sono: programmi blocchi funzione funzione di cui possono essere invocate anche diverse istanze, consentendo così un facile (ri)utilizzo di porzioni di progetti precedentemente sviluppati o acquistati sul mercato sotto forma di librerie.

9 Tipi di dati Variabili globali e locali (dichiarate in una POU) Libertà nella scelta di nomi mnemonici, in modo da facilitare il riuso di moduli. Tipi di variabili generici (any) specifici (enumerated e subrange, struct e array) Inizializzazione con valori noti Indirizzamento assoluto Proprietà retain per le variabili che devono essere persistenti I linguaggi grafici e testuali Strutturazione interna di un POU 1.Sequential Function Charts (SFC) 2.Ladder Diagrams (LD) 3.Function Block Diagrams (D) 4.Instruction List (IL) 5.Structured Text (ST) } linguaggi } linguaggi grafici testuali Nota: il SFC, stranamente, è concepito come uno strumento di organizzazione interna di una POU, pur essendo a tutti gli effetti uno strumento formale ed eseguibile. Sequential Function Chart Ladder Diagram I1 I2 U1 I3 I4. Function Block Diagram I1 OR I2 AND U1 U1 Istruction List LD A GT 1000 JMPCN V_OK LD V SUB 10 V_OK LD 1 ST B cioè If A>1000 then V:=V-10; end_if; B:=1;

10 Structure Text IF A>B THEN D := 1; ELSEIF A=B+2 THEN D:=2; ELSE REPEAT D :=D+1; UNTIL (START=Off) END_REPEAT END_IF;

La tecnica proporzionale

La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Controllo direzione e flusso La tecnica proporzionale

Dettagli

Il controllore a logica programmabile nell automazione industriale 1.1 L automazione industriale

Il controllore a logica programmabile nell automazione industriale 1.1 L automazione industriale Il controllore a logica programmabile nell automazione industriale 1.1 L automazione industriale L automazione industriale può essere definita come la disciplina che studia le metodologie e le tecnologie

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

P L C. Programmable Logic Controller

P L C. Programmable Logic Controller AUTOMAZIONE INDUSTRIALE: IL P.L.C. Negli anni 70 BEDFORD ASSOCIATES propose una macchina chiamata MOdular DIgital CONtroller (modicon) ai maggiori produttori di auto. Altre compagnie proposero schemi basati

Dettagli

Programmable Logic Controllers - PLC

Programmable Logic Controllers - PLC Programmable Logic Controllers - PLC Introduzione! Negli anni sessanta i sistemi di automazione e controllo potevano essere implementati solo tramite circuiti a relè oppure con dispositivi allo stato solido

Dettagli

PLC e standard IEC 1131-3

PLC e standard IEC 1131-3 PLC e standard IEC 1131-3 1 PLC e standard IEC 1131-3 - introduzione al PLC - Prima di occuparci dell analisi dei (modelli di) DES fatti con le reti di Petri, e poi del loro controllo, facciamo uno stacco

Dettagli

PLC e standard IEC 1131-3. PLC e standard IEC 1131-3

PLC e standard IEC 1131-3. PLC e standard IEC 1131-3 PLC e standard IEC 1131-3 1 - introduzione al PLC - Prima di occuparci dell analisi dei (modelli di) DES fatti con le reti di Petri, e poi del loro controllo, facciamo uno stacco e iniziamo a conoscere

Dettagli

Controllo logico sequenziale

Controllo logico sequenziale Controllo logico sequenziale Automazione 28/10/2015 Vincenzo Suraci STRUTTURA DEL NUCLEO TEMATICO INTRODUZIONE REALIZZAZIONE SU EMBEDDED SYSTEM REALIZZAZIONE SU PLC REALIZZAZIONE SU SOFT PLC Via Ariosto

Dettagli

Componenti per l automazione industriale

Componenti per l automazione industriale Componenti per l automazione industriale Gest. Aziend. Pian. Prod. EDP PIMS Supervisione Controllo di base SCADA PLC / PID DCS Misura e comando Sensori e attuatori Architettura a singolo anello Realizzata

Dettagli

Logic Lab. un progetto italiano. www.axelsw.it. soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

Logic Lab. un progetto italiano. www.axelsw.it. soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Logic Lab soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE un progetto italiano www.axelsw.it Logic Lab La garanzia e l economia degli standard più diffusi sul mercato LogicLab è un ambiente di sviluppo

Dettagli

controllore a logica programmabile Programmable Logic Controller (PLC)

controllore a logica programmabile Programmable Logic Controller (PLC) Introduzione Programmable Logic Controller (PLC) Può essere considerato un dispositivo di controllo per applicazioni generiche, ma è caratterizzato da un alto grado di specializzazione controllo logico/sequenziale

Dettagli

Sistemi di Automazione Industriale

Sistemi di Automazione Industriale Introduzione ai PLC Sistemi di Automazione Industriale Ridurre e/o eliminare il ruolo dell operatore umano Ogni sistema di automazione prevede: Sistema Controllato; è un generatore di eventi non prevedibili

Dettagli

CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI PLC

CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI PLC CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI Introduzione ai comandi elettronici e ai controllori logici programmabili L automazione di una qualsiasi operazione di un processo produttivo viene conseguita attraverso

Dettagli

Controllori a logica programmabile (PLC)

Controllori a logica programmabile (PLC) Controllori a logica programmabile (PLC) Automazione I 19/11/2014 Vincenzo Suraci STRUTTURA DEL NUCLEO TEMATICO 1. CONTROLLORI LOGICI 2. RETI LOGICHE E PLC 3. STRUTTURA DEI PLC MEMORIA SEZIONE DI I/O 4.

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

NORMA CEI EN 61131. PLC: programmazione. PLC: programmazione. PLC: programmazione. Automazione Industriale 3. Automazione Industriale

NORMA CEI EN 61131. PLC: programmazione. PLC: programmazione. PLC: programmazione. Automazione Industriale 3. Automazione Industriale NORMA CEI EN 61131 Ing.Francesco M. Raimondi www.unipa.it/fmraimondi Lezioni del corso di Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei Sistemi 1 La normativa IEC 1131 del 1993 ha standardizzato 5

Dettagli

Automazione e territorio

Automazione e territorio Automazione e territorio ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE M. Bartolo - PACHINO LICEO Classico -LICEO Scientifico LICEO delle Scienze Applicate - Liceo delle Scienze Umane I.T.I.S. (Elettronica e Elettrotecnica

Dettagli

Prof. Capuzzimati Mario - ITIS Magistri Cumacini - Como LOGICA DI CONTROLLO

Prof. Capuzzimati Mario - ITIS Magistri Cumacini - Como LOGICA DI CONTROLLO Logiche di controllo LOGICA DI CONTROLLO Una automazione può, oggi, essere realizzata secondo due diverse tecnologie. In passato la logica di controllo era implementata (realizzata) attraverso la tecnologia

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

Schema di anello di controllo digitale

Schema di anello di controllo digitale Dispositivi per il controllo diretto: dispositivi che implementano algoritmi di controllo e che sono collegati direttamente ai sensori ed agli attuatori presenti sul processo da controllare Dispositivi

Dettagli

Schema di anello di controllo digitale

Schema di anello di controllo digitale Dispositivi per il controllo diretto: dispositivi che implementano algoritmi di controllo e che sono collegati direttamente ai sensori ed agli attuatori presenti sul processo da controllare Dispositivi

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6 Indice 1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo................ 6 2 Elementi di modellistica 8 2.1 Modelli nel dominio del tempo................... 8 2.2 La trasformata di Laplace......................

Dettagli

Wind Telecomunicazioni S.p.A.

Wind Telecomunicazioni S.p.A. Wind Telecomunicazioni S.p.A. Seminario Elementi introduttivi ai PLC Programmable Logic Controller Presentazione Introduzione Hardware Logica Programmata Software di programmazione Esempi Industriali Introduzione

Dettagli

ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1

ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1 ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1 Ogni sensore/attuatore è collegato direttamente al PLC Cablaggi relativamente semplici da eseguire Difficoltà a espandere l impianto Informazioni

Dettagli

Automazione Industriale. Automazione Industriale. Università degli Studi di Siena Sede di Arezzo Corso di Laurea in Ingegneria dell Automazione

Automazione Industriale. Automazione Industriale. Università degli Studi di Siena Sede di Arezzo Corso di Laurea in Ingegneria dell Automazione Automazione Industriale Università degli Studi di Siena Sede di Arezzo Corso di Laurea in Ingegneria dell Automazione Automazione Industriale A.A. 2004-2005 Ing. Daniele Rapisarda 4 PARTE Marzo 2005 Corso

Dettagli

Automazione Industriale Controllori a Logica Programmabile (PLC)

Automazione Industriale Controllori a Logica Programmabile (PLC) Automazione Industriale Controllori a Logica Programmabile (PLC) di Cesare Fantuzzi e Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria, Università di Ferrara Versione 1, 1 Dicembre 2000 Capitolo 1 Introduzione.

Dettagli

LOGICA CABLATA E LOGICA PROGRAMMATA

LOGICA CABLATA E LOGICA PROGRAMMATA PLC INTRODUZIONE Il controllore a logica programmabile (PLC), apparso sul mercato nel 1969 su iniziativa della General Motors, è un'apparecchiatura elettronica molto simile ad un calcolatore, in grado

Dettagli

CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI PLC

CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI PLC CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI PLC Docente: Miglietta Giovanni Generalità sul PLC I primi PLC furono introdotti sul mercato verso la fine degli anni 60. La ragione fondamentale del loro sviluppo era

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 2. Introduzione al controllo logico Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Modello CIM Un moderno sistema di produzione è conforme al modello CIM (Computer Integrated

Dettagli

2 Controllo e. 1.6 Punti dati decentralizzati. 1.6.1 Saia Smart PCD3.T66x RIO Pagina 70. 1.6.2 Profibus RIO Saia PCD3.

2 Controllo e. 1.6 Punti dati decentralizzati. 1.6.1 Saia Smart PCD3.T66x RIO Pagina 70. 1.6.2 Profibus RIO Saia PCD3. 69.6 Punti dati decentralizzati thernet Profibus RS-485 PCD3.T 665 PCD3.T 76 Regolatori di 2 Controllo e camera dedicati monitoraggio e Rilevamento dei dati di consumo 3 5 Componenti Stazioni di automazione.6.

Dettagli

UNISIM: sviluppo, validazione e prototipizzazione rapida di sistemi di automazione

UNISIM: sviluppo, validazione e prototipizzazione rapida di sistemi di automazione UNISIM: sviluppo, validazione e prototipizzazione rapida di sistemi di automazione Gianmaria De Tommasi, Pierangelo Di Sanzo, Alfredo Pironti UNISIM è un tool grafico che permette di sviluppare progetti

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automatici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

Il sistema Mitrol si presenta come un pannello operatore dotato di display LCD a colori con Touch Screen, all interno del quale è installata

Il sistema Mitrol si presenta come un pannello operatore dotato di display LCD a colori con Touch Screen, all interno del quale è installata Il sistema Mitrol si presenta come un pannello operatore dotato di display LCD a colori con Touch Screen, all interno del quale è installata tipicamente una monoscheda, contenente tutte le CPU richieste

Dettagli

Introduzione alla programmazione dei PLC. ITI Alessandro Volta - Sassuolo Anno Scolastico 2009/2010

Introduzione alla programmazione dei PLC. ITI Alessandro Volta - Sassuolo Anno Scolastico 2009/2010 Introduzione alla programmazione dei PLC ITI Alessandro Volta - Sassuolo Anno Scolastico 2009/2010 Programmazione dei PLC 1 Concetti introduttivi La scrittura di un programma per PLC si basa sull'utilizzo

Dettagli

Il Linguaggio di Programmazione IEC 61131-3

Il Linguaggio di Programmazione IEC 61131-3 Il Linguaggio di Programmazione IEC 61131-3 Testo di Riferimento: R.W.Lewis, "Programming industrial control systems using IEC 1131-3", IEE Control Engineering Series 50. Limiti "Storici" della Programmazione

Dettagli

Automazione Direzione Progetto Progettazione HSRIO

Automazione Direzione Progetto Progettazione HSRIO HSRIO_BROCHURE.DOC HSRIO HIGH SPEED REMOTE INPUT OUTPUT Nome documento: Hsrio_Brochure.doc Responsabile: Bassignana Luigi Data: 01/04/2008 1 DESCRIZIONE Sistema modulare di IO remoto ad alta velocità,

Dettagli

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Docente: Stefano Vitturi Ricercatore C.N.R. Istituto di Elettronica e di Ingegneria dell Informazione e delle Telecomunicazioni IEIIT - C.N.R. Unità Staccata presso il Dipartimento

Dettagli

MACCHINA DI VON NEUMANN

MACCHINA DI VON NEUMANN I seguenti appunti non hanno la pretesa di essere esaustivi, ma hanno l unico scopo di illustrare in modo schematico i concetti necessari allo sviluppo del programma di Informatica della 1D del Liceo Scientifico

Dettagli

Z-TWS4 CONTROLLORE MULTIFUNZIONE PER ENERGY MANAGEMENT. www.seneca.it OPC

Z-TWS4 CONTROLLORE MULTIFUNZIONE PER ENERGY MANAGEMENT. www.seneca.it OPC CONTROLLORE MULTIFUNZIONE PER ENERGY MANAGEMENT 100% Made & Designed in Italy Linux OPC Protocolli Energy Management IEC 60870-5-101 IEC 60870-5-104 IEC 61400-25 www.seneca.it ENERGY MANAGEMENT Grazie

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automaticih PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

CONTROLLORI A LOGICA PROGRAMMABILE ESEMPIO ARCHITETTURA E STRUMENTAZIONE PER L AUTOMAZIONE DI UNA ISOLA DI LAVORAZIONE

CONTROLLORI A LOGICA PROGRAMMABILE ESEMPIO ARCHITETTURA E STRUMENTAZIONE PER L AUTOMAZIONE DI UNA ISOLA DI LAVORAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA CONTROLLORI A LOGICA PROGRAMMABILE ALESSANDRO DE CARLI ANNO ACCADEMICO 2005-06 ESEMPIO ARCHITETTURA E STRUMENTAZIONE

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Presentazione. Corso teorico-pratico programmazione PLC. Scopo del corso. Prerequisiti

Presentazione. Corso teorico-pratico programmazione PLC. Scopo del corso. Prerequisiti Presentazione Scopo del corso Acquisire conoscenze di base alla programmazione di PLC orientati al controllo di macchine industriali, sistemi, processi... Approccio progettuale Prerequisiti Conoscenze

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

CONTROLLO NUMERICO NCONEx

CONTROLLO NUMERICO NCONEx CONTROLLO NUMERICO NCONEx I' NCONEx é l'ultimo controllo numerico prodotto da CNI, riassume tutte le funzionalità dei precedenti controlli numerici sviluppati nell'ambito del gruppo CNI ed esprime al meglio

Dettagli

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto:

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto: PLC - Linguaggi Il software è l elemento determinante per dare all hardware del PLC quella flessibilità che i sistemi di controllo a logica cablata non possiedono. Il software che le aziende producono

Dettagli

Corso PLC - Manuale Pratico 1

Corso PLC - Manuale Pratico 1 Corso PLC - Manuale Pratico 1 "!#$ % L'unità centrale di un PLC, chiamata più semplicemente CPU, normalmente occupa il primo modulo del rack. Si individua subito in quanto tipicamente è dotata di un selettore,

Dettagli

PSS 4000 e SafetyNET p: l'automazione diventa semplice

PSS 4000 e SafetyNET p: l'automazione diventa semplice PSS 4000 e SafetyNET p: l'automazione diventa semplice SPS/IPC/DRIVES Italia 24 Maggio 2012 Pilz Italia srl Alberto Confalonieri Application Engineer Scenario: Studi di settore Costi di progettazione elettronica

Dettagli

Architettura del calcolatore

Architettura del calcolatore Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macro-componenti: Hardware Software Architettura del calcolatore L architettura dell hardware di un calcolatore reale

Dettagli

Z-TWS4. www.seneca.it. Controllore Multifunzione Straton / LINUX

Z-TWS4. www.seneca.it. Controllore Multifunzione Straton / LINUX Z-TWS Controllore Multifunzione Straton / LINUX OPC Linux Sistema di controllo avanzato per applicazioni di: Energy Management (IEC 0870--0, IEC 0870--0, IEC 80) Automazioni di impianto (Straton - Soft

Dettagli

PLC e Controlli Numerici per Motion Control

PLC e Controlli Numerici per Motion Control .. PLC e Controlli Numerici per Motion Control Sistemi per il Motion Control Argomenti Esposti Sistemi di azionamento Soluzioni basate su PC Controlli Numerici Elementi caratteristici di un sistema per

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 I Disciplina: Sistemi automatici Docenti: Linguanti Vincenzo Gasco Giovanni PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE

Dettagli

e automazione industriale

e automazione industriale Corso di Laurea Magistrale di Ingegneria Elettrica Corso di Sistemi e componenti per l automazione AA 2014-15 Azionamenti elettrici e automazione industriale Ezio Bassi, Francesco Benzi Università di Pavia

Dettagli

Gruppo Esea Software plc

Gruppo Esea Software plc Gruppo Esea Software plc La prima regola di ogni tecnologia usata negli affari è che l automazione applicata ad una operazione efficiente ne ingrandirà l efficienza. La seconda è che l automazione applicata

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni LEZIONE 2 (HARDWARE) a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Tre concetti Fondamentali Algoritmo; Automa (o anche macchina); Calcolo; 2 Calcolatore MACCHINA

Dettagli

Gerarchia delle memorie

Gerarchia delle memorie Memorie Gerarchia delle memorie Cache CPU Centrale Massa Distanza Capacità Tempi di accesso Costo 2 1 Le memorie centrali Nella macchina di Von Neumann, le istruzioni e i dati sono contenute in una memoria

Dettagli

Applicazioni del PLC: software

Applicazioni del PLC: software Applicazioni del PLC: software 1 Norme di Riferimento Si occupano dei PLC le Norme IEC 1131 tradotte dalle EN 61131 e classificate per il CEI dal Comitato Tecnico n 65; in esse vengono trattati argomenti

Dettagli

PLC. I/O Analogici. www.webalice.it/s.pollini

PLC. I/O Analogici. www.webalice.it/s.pollini PLC I/O Analogici 1 I/O Analogici Acquisizione e gestione di segnali fisici variabili nel tempo da un valore minimo ad un valore massimo 2 I/O Analogici Trasduttori: attivi - passivi 3 I/O Analogici Trasduttori:

Dettagli

RETI INDUSTRIALI. Sistemi di rete a cablatura tradizionale. Sistemi di rete a cablatura innovativa Bus. Introduzione GERARCHIA DI CONTROLLO

RETI INDUSTRIALI. Sistemi di rete a cablatura tradizionale. Sistemi di rete a cablatura innovativa Bus. Introduzione GERARCHIA DI CONTROLLO RETI INDUSTRIALI Ing.Francesco M. Raimondi www.unipa.it\fmraimondi Lezioni del corso di Automazione Industriale Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei Sistemi GERARCHIA DI CONTROLLO Ing. F.M.

Dettagli

DISCIPLINA: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI CLASSE DI CONCORSO: A035 - C270

DISCIPLINA: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI CLASSE DI CONCORSO: A035 - C270 A: Quadri elettrici OBIETTIVI DEL Conoscere i principali apparecchi di comando, segnalazione e protezione degli impianti elettrici. Conoscere il CAD elettrico. Saper descrivere le caratteristiche degli

Dettagli

P. L. C. Marino prof. Mazzoni. (Programmable Logic Controller)

P. L. C. Marino prof. Mazzoni. (Programmable Logic Controller) 1 P. L. C. Marino prof. Mazzoni (Programmable Logic Controller) Il PLC è nato nell anno 1960 concepito dalla General Motors, prima dell avvento del microprocessore. Negli anni 70 il PLC si trasformò da

Dettagli

sigmapac - micropac - M81 Soluzioni potenti e flessibili

sigmapac - micropac - M81 Soluzioni potenti e flessibili sigmapac - micropac - M81 Soluzioni potenti e flessibili PC SUPERVISIONE internet PANNELLO OPERATORE WEB SCADA modem router MODEM micropac MODEM sigmapac I CONTROLLORI ARChITETTURA APERTA Per gestire la

Dettagli

L ambiente di sviluppo STEP 7 è un pacchetto software creato per sviluppare progetti di automazione basati sui prodotti Siemens della serie SIMATIC.

L ambiente di sviluppo STEP 7 è un pacchetto software creato per sviluppare progetti di automazione basati sui prodotti Siemens della serie SIMATIC. STEP 7 L ambiente di sviluppo STEP 7 è un pacchetto software creato per sviluppare progetti di automazione basati sui prodotti Siemens della serie SIMATIC. Le informazioni relative alle caratteristiche

Dettagli

Controllori Programmabili PLC - Serie EC

Controllori Programmabili PLC - Serie EC Controllori Programmabili PLC - Serie EC Il PLC compatto per una vasta gamma di applicazioni Compattezza, potenza, ingombro ridotto : queste le linee guida nella concezione del micro PLC Hitachi Serie

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software

Dettagli

Informatica - A.A. 2010/11

Informatica - A.A. 2010/11 Ripasso lezione precedente Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Matematica, Statistica e Informatica Modulo: Informatica Esercizio: Convertire

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

IL CONTROLLO DI UN PROCESSO

IL CONTROLLO DI UN PROCESSO IL CONTROLLO DI UN PROCESSO 1 IL CONTROLLO DI UN PROCESSO Schema a blocchi 2 Il controllore può essere: A LOGICA CABLATA A LOGICA PROGRAMMABILE 3 CONTROLLORE A LOGICA CABLATA (*) (Wired Logic Control)

Dettagli

KIT PANNELLO DIDATTICO PER LO STUDIO DEI PLC MOD. EVO-AUTO-PLC-1212C

KIT PANNELLO DIDATTICO PER LO STUDIO DEI PLC MOD. EVO-AUTO-PLC-1212C KIT PANNELLO DIDATTICO PER LO STUDIO DEI PLC MOD. EVO-AUTO-PLC-1212C La ventennale esperienza della Evoluzione, nell ambito della domotica e dell automazione industriale, ha consentito la progettazione

Dettagli

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Le Memorie Prof. Michele Barcellona Le memorie servono a memorizzare dati e programmi Memoria Memorie CPU Centrale di massa Periferiche I/O Bus Memoria Centrale E una memoria a semiconduttore

Dettagli

La soluzione ideale per ogni applicazione

La soluzione ideale per ogni applicazione BC. 04.03 S2/I Controllore Multifunzione Programmabile La soluzione ideale per ogni applicazione Compatto, con I/O a bordo, espandibile Fino a 12 canali analogici e 80 digitali Ambiente di programmazione

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

Unità Periferiche. Rete Di Controllo

Unità Periferiche. Rete Di Controllo MODELLO LOGICO-FUNZIONALE DI UN ELABORATORE Centrale di canale Periferiche CPU Memoria centrale ALU CU Memoria Locale ALU = Aritmetic Logic Unit CU = Registri CU ISTRUZIONE Decodificatore Rete Di Controllo

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

PLC Simatic. Serie S7-200

PLC Simatic. Serie S7-200 PLC Simatic I sistemi Simatic prodotti dalla Siemens mettono a disposizione dell utente una vasta gamma di PLC con caratteristiche differenti e adatti per le più svariate applicazioni come quelli appartenenti

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! L interfaccia tra i sistemi di controllo ed i sistemi elettrici: nuove architetture basate su reti e/o bus di comunicazione Andrea Bazzani Michele Monaco Sergio Guardiano SISTEMI

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: martedì, 12.00-13.00. Dip. Di Matematica Modalità esame: scritto + tesina facoltativa 1

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella Complessità del Software Software applicativo Software di sistema Sistema Operativo Hardware 2 La struttura del

Dettagli

Sistemi di Supervisione e Controllo

Sistemi di Supervisione e Controllo Sistemi di Supervisione e Controllo Argomento Docente - Sistemi di Controllo Distribuito (DCS) - Prof. Elio USAI eusai@diee.unica.it Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Università di Cagliari

Dettagli

SCADA: struttura modulare

SCADA: struttura modulare Sistemi per il controllo di supervisione e l acquisizione dati o (Supervisory Control And Data Acquisition) Sistema informatico di misura e controllo distribuito per il monitoraggio di processi fisici

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Il computer

Laboratorio di Informatica. Il computer per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 1 Il computer 1 INTRODUZIONE 2 1 L informatica È la disciplina scientifica che studia I calcolatori, nati in risposta all esigenza di eseguire

Dettagli

PROFINET La rete di comunicazione di prossima generazione

PROFINET La rete di comunicazione di prossima generazione PROFINET La rete di comunicazione di prossima generazione» G e s t i o n e d e l l a r i d o n d a n za» S t a n d a r d a p e r t o» C o n f i g u ra z i o n e s e m p l i f i c a t a PROFINET Standard

Dettagli

Per approfondimenti su questa sezione è possibile fare riferimento al libro: Pasquale Chiacchio PLC e automazione industriale ed.

Per approfondimenti su questa sezione è possibile fare riferimento al libro: Pasquale Chiacchio PLC e automazione industriale ed. Capitolo 5 Controllo logico Per approfondimenti su questa sezione è possibile fare riferimento al libro: Pasquale Chiacchio PLC e automazione industriale ed. McGraw Hill Figura 5.1: Schema di un impiano

Dettagli

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO PIANO DI LAVORO CLASSE 5 ES A.S. 2014-2015 MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO INS. TECNICO-PRATICO: PROF. BARONI MAURIZIO MODULO 1: ALGEBRA DEGLI SCHEMI A BLOCCHI

Dettagli

Informatica Industriale -- 2

Informatica Industriale -- 2 Informatica Industriale L. Mezzalira Informatica Industriale -- 2 prof. Lorenzo MEZZALIRA CIM - Automazione - Tempo reale Cap. 1 PROCESSI INDUSTRIALI FUNZIONI APPLICATIVE STRUMENTI INFORMATICI TEMPO REALE

Dettagli

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica. Ing. Alessandro Pisano Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.it Cagliari, 25 settembre 2009 Impianti domotici Una opportuna interconnessione

Dettagli

Sistema di acquisizione dati

Sistema di acquisizione dati Sistema di acquisizione dati Ci sono innumerevoli ragioni sul perché é necessario acquisire informazioni dal mondo esterno: 1. Il controllo dei processi fisici che interessano la produzione industriale

Dettagli

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO PROGRAMMA Descrizione funzionale di un calcolatore elementare, COS'E' UN ELETTRONICO HARDWARE SOFTWARE HARDWARE

Dettagli

Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale

Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale TITOLO UNITÀ :Utilizzare le tecniche fondamentali della meccanica applicata alle macchine Definire le tecniche per la trasmissione del

Dettagli

L informatica INTRODUZIONE. L informatica. Tassonomia: criteri. È la disciplina scientifica che studia

L informatica INTRODUZIONE. L informatica. Tassonomia: criteri. È la disciplina scientifica che studia L informatica È la disciplina scientifica che studia INTRODUZIONE I calcolatori, nati in risposta all esigenza di eseguire meccanicamente operazioni ripetitive Gli algoritmi, nati in risposta all esigenza

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Il Machine Controller piattaforma integrata di Controllo, Motion, Robotica, Visione e Sicurezza su bus EtherCAT Omron Electronics spa Ing. Marco Filippis Product Manager Servo,

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il Sistema Operativo Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela Fogli Cos

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli