ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "FEDERICO II DI SVEVIA" LICEO SCIENTIFICO MELFI (PZ) DOCUMENTO DEL PERCORSO FORMATIVO CLASSE V B

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "FEDERICO II DI SVEVIA" LICEO SCIENTIFICO MELFI (PZ) DOCUMENTO DEL PERCORSO FORMATIVO CLASSE V B"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "FEDERICO II DI SVEVIA" LICEO SCIENTIFICO MELFI (PZ) DOCUMENTO DEL PERCORSO FORMATIVO CLASSE V B ANNO SCOLASTICO 2014/2015 IL DOCUMENTO È STATO ELABORATO DAL CONSIGLIO DI CLASSE SULLA BASE DELLE LINEE GENERALI STABILITE DAL COLLEGIO DOCENTI, CONTENUTE NEL POF, E SULLA BASE DELL ART. 5 DEL D.P.R. 323 DEL 23/07/1998 E DEL D.P.R. n. 89/2010 E DELLE INDICAZIONI NAZIONALI DI CUI D.I. n. 211/201 Pag.1

2 INDICE 1. Informazioni generali sull Istituto 2. Finalità dell indirizzo di studio 3. Composizione del Consiglio di Classe 4. Elenco degli alunni 5. Presentazione della classe 6. Obiettivi trasversali individuati dal Consiglio di Classe 7. Metodologie didattiche 8. Mezzi, strumenti e spazi 9. Tipologia di verifica 10. Criteri di valutazione 11. Attività complementari integrative svolte dalla classe 12. Date simulazione prove d esame 13. Valutazioni ALLEGATI 1. Relazioni Finali 2. Programmi delle singole discipline 3. Testi delle simulazioni delle prove scritte 4. Griglie di valutazione Pag.2

3 1. Informazioni generali sull Istituto Il Liceo Scientifico Federico II di Svevia nasce come sezione staccata del Liceo di Foggia già nel 1948 e ottiene l autonomia nel L Istituto presenta attualmente un ampia offerta formativa: umanistica con la sezione di Liceo Classico, scientifica con la sezione di Liceo Scientifico, tecnologica con la sezione di Scienze applicate, linguistica con la sezione di Liceo Linguistico, artistica con l annessa sezione del Liceo artistico P. Festa Campanile. Dispone di laboratori multimediali, lavagne interattive LIM, laboratorio di Fisica, laboratorio di Chimica, laboratorio di Biologia ed Analisi, una grande palestra coperta, un Aula Magna e una biblioteca. 2. Finalità dell indirizzo di studio Il percorso del liceo scientifico è indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica. Favorisce l acquisizione delle conoscenze e dei metodi propri della matematica e della fisica e delle scienze naturali. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere, assicurando la padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle metodologie relative anche attraverso la pratica laboratoriale. 3. Composizione del Consiglio di Classe DOCENTE DISCIPLINA Ore settimanali Continuità didattica Mossucca Vincenzo Religione 1 5 anno Rizzo Violante Italiano e Latino 7 triennio Caruso Teresa Matematica e Fisica 7 triennio Buonadonna Maria Storia - Filosofia 5 triennio Cavallo Pasqualina Inglese 3 triennio Giorgio Maria Grazia Scienze Naturali 3 5 anno Carbone Antonio Disegno/Storia Arte 2 triennio Olmo Nicola Scienze Motorie 2 triennio Pag.3

4 4. Elenco degli alunni Numero Cognome e Nome Classe di provenienza 01 Autunno Carlo IV B 02 Basso Marianna IV B 03 Bellino Pierluigi IV B 04 Casorelli Desirè IV B 05 Ciani Marta IV B 06 Finelli Mariangela IV B 07 Garcia Jovhie IV B 08 Ingaldi Martina IV B 09 Liuni Maria Laura IV B 10 Lomaestro Vincenzo IV B 11 Manzullo Nicola IV B 12 Marciello Mariano IV B 13 Mariniello Loris IV B 14 Marino Andrea IV B 15 Nella Francesca IV B 16 Pascente Debora IV B 17 Rondinella Sara IV B 18 Russillo Donato IV B 19 Russo Annarita IV B 20 Sasso Michele IV B 21 Varlotta Luigi IVB 5. Presentazione della Classe 5.1 Storia della classe La classe è attualmente costituita da 21 studenti, 10 maschi e 11 femmine. La composizione della classe nel corso dell ultimo triennio è riassunta nella seguente tabella: Anno Scolastico Totale Alunni Ripetenti Provenienti da altro corso o scuola 5 Anno 2014/ / / 4 Anno 2013/ x 3 Anno 2012/ x Pag.4

5 È necessario fare un breve riferimento alla modalità di formazione della classe al 3 anno poiché essa nacque dalla fusione di due classi seconde, la II B e la II F; l esiguo numero degli alunni in entrambe le classi fece decidere, in base alle normative vigenti, per l accorpamento dei due gruppi. Si venne, così, a creare un gruppo-classe piuttosto eterogeneo, non unito e coeso, diciamo apparente poiché i ragazzi si sono sentiti divisi per circa l intero anno scolastico. Molti sono stati durante l anno i problemi: di natura didattica perché rispetto al biennio cambiarono diversi docenti, in più per i ragazzi provenienti dalla classe II F il cambio della docente di Italiano era anche la conseguenza della scomparsa improvvisa e prematura della loro insegnante del biennio, alla quale erano particolarmente affezionati; di natura relazionale dal momento che i ragazzi si sentivano disorientati dal nuovo assetto classe, con compagni che non conoscevano e professori nuovi. Tutto ciò, sommato alla normale difficoltà che caratterizza il terzo anno cioè al passaggio dal biennio al triennio, ha condizionato la regolare attività didattica e ha reso sicuramente meno sereno, proficuo ed efficace lo studio profuso dalla maggior parte di essi. I docenti, inoltre, si sono trovati di fronte ragazzi che non avevano svolto gli stessi argomenti in alcune discipline e sono stati costretti spesso a riprendere parti di programma già svolti, ora da un gruppo ora da un altro, rallentando così, ovviamente, l acquisizione di conoscenze nuove. Per i motivi suddetti, dunque, si sono avuti ritardi e difficoltà nel regolare svolgimento dei programmi, in particolare ne hanno risentito le discipline di ambito scientifico (Scienze Naturali, Matematica, Fisica). Alla fine dell anno il Consiglio di Classe decise, tenendo conto della situazione, di promuovere alla classe successiva anche alcuni ragazzi che ancora mostravano il permanere di lacune. Durante il 4 anno le problematicità legate al mancato affiatamento del gruppo classe e al cambio dei docenti erano finalmente superate per cui anche l arrivo di tre alunni ripetenti e di un alunna proveniente da altra scuola non ha creato particolari problemi. Emergevano, ancora, le incertezze e un certo ritardo nello svolgimento dei programmi nelle discipline scientifiche e in Lingua Inglese che i docenti hanno cercato, per quanto possibile, di colmare. Quest anno si sono riscontrate, ancora, difficoltà a livello didattico. Per questioni legate all organico della scuola è stata sostituita la docente di Scienze: tale circostanza ha, ovviamente, condizionato la già debole situazione nella disciplina dal momento che i ragazzi hanno dovuto adattarsi ai diversi metodi di lavoro della nuova insegnante e per la docente stessa è stato necessario accertare prima gli effettivi livelli di preparazione della classe, per poter iniziare, poi, una proficua attività didattica. Va, altresì, evidenziato che alcune carenze relative alle discipline dell area scientifica e alla Lingua Inglese non sono state completamente colmate da un gruppo di alunni. Risultati, invece, indubbiamente positivi sono stati conseguiti da molti discenti nelle discipline dell area storico-umanistica. 5.2 Partecipazione, impegno e livelli di preparazione raggiunti al 5 anno. Gli alunni della V B, tutti provenienti dalla precedente quarta, costituiscono oggi una classe abbastanza affiatata e solidale, grazie al clima di collaborazione raggiunto superando le difficoltà che hanno caratterizzato gli anni precedenti. Si tratta di ragazzi che dal punto di vista comportamentale hanno mostrato una vivacità quasi sempre rispettosa delle regole di comportamento e una partecipazione attiva al dialogo educativo. Quasi tutti hanno partecipato con interesse e attenzione all attività didattica, ma l impegno nello studio non sempre è stato conforme alle loro reali possibilità. Sotto il profilo degli apprendimenti, il livello di acquisizione delle conoscenze disciplinari, delle competenze e delle abilità risulta, all interno della classe, così differenziato: pochi alunni, dotati di ottime capacità, si sono distinti per metodicità di lavoro, serietà di impegno e capacità di astrazione e concettualizzazione, conseguendo eccellenti risultati; Pag.5

6 alunni che, nonostante una certa discontinuità nello studio, ma grazie alle buone capacità di recupero, hanno raggiunto risultati apprezzabili; alunni che hanno evidenziato superficialità e discontinuità nello studio a casa ma anche scarsa partecipazione alle proposte didattiche degli insegnanti, con conseguente frammentarietà nella preparazione in alcune discipline. La programmazione di inizio anno scolastico è stata generalmente rispettata in quasi tutte le materie secondo i tempi e i modi previsti. Soltanto nelle discipline scientifiche i ritardi accumulati negli anni non sono stati completamente colmati Finalità educative conseguite Responsabilizzazione Collaborazione con i docenti Motivazione allo studio Capacità comunicative Capacità di auto-valutazione Acquisizione di autonomia di giudizio Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo X X X X X X 6. Obiettivi trasversali individuati dal consiglio di classe Obiettivi area metodologica Acquisire un metodo di studio autonomo e flessibile Saper compiere le necessarie interconnessioni tra i metodi e i contenuti delle singole discipline Obiettivi area logico argomentativa Saper sostenere una propria tesi e saper ascoltare e valutare criticamente le argomentazioni altrui Acquisire l abitudine a ragionare con rigore logico, ad identificare i problemi e a individuarne possibili soluzioni Obiettivi area linguistica e comunicativa Padroneggiare pienamente la lingua italiana e dominare la scrittura in tutti i suoi aspetti Saper leggere e comprendere testi complessi di diversa natura Saper riconoscere i molteplici rapporti e stabilire raffronti tra la lingua italiana e altre lingue moderne e antiche Saper utilizzare le tecnologie dell informazione e della comunicazione per studiare, fare ricerca e comunicare Pag.6

7 Obiettivi area storica, umanistica e filosofica Conoscere la storia d Italia inserita nel contesto europeo e internazionale dall antichità sino ai giorni nostri Conoscere gli aspetti fondamentali della cultura e della tradizione letteraria, artistica, filosofica, religiosa italiana ed europea attraverso lo studio delle opere, degli autori e delle correnti di pensiero più significativi e acquisire gli strumenti necessari per confrontarli con altre tradizioni e culture Acquisizione dell uso della terminologia filosofica specifica, di un idoneo metodo di apprendimento e di un adeguata visione storica Sapersi orientare con sicurezza nello sviluppo diacronico e sincronico della letteratura latina e saper analizzare le principali tematiche della classicità ed operare collegamenti e confronti Essere consapevoli del significato culturale del patrimonio archeologico, architettonico e artistico italiano Obiettivi area scientifica, matematica e tecnologica Comprendere il linguaggio formale specifico della matematica, saper utilizzare le procedure tipiche del pensiero matematico, conoscere i contenuti fondamentali delle teorie che sono alla base della descrizione matematica della realtà Possedere i contenuti fondamentali delle scienze fisiche e della scienze naturali, padroneggiare le procedure e i metodi di indagine propri Essere in grado di utilizzare criticamente strumenti informatici e telematici nelle attività di studio e di approfondimento Obiettivi cognitivo-formativi disciplinari I contenuti delle singole discipline sono stati individuati dai singoli docenti nell ambito dei programmi ministeriali in base ai criteri di essenzialità, di propedeuticità delle conoscenze, in vista di una padronanza organica e coerente della singola disciplina, di significatività in rapporto al peso e al ruolo che un periodo storico o un problema o un evento o un autore hanno svolto nella storia della cultura. Gli obiettivi specifici disciplinari e i programmi svolti sono nelle schede allegate inerenti alle singole discipline oggetto di studio. 7. Metodologie didattiche Lezione frontale Discussione- dibattito Lezione multimediale visione di film, documentari, utilizzo della LIM e di laboratori multimediali Cooperative learning Lettura e analisi diretta dei testi Attività di ricerca Attività di laboratorio Metodologia CLIL per studio Fisica Scambi culturali Viaggi d istruzione Conferenze e seminari Esercitazioni pratiche Gare e manifestazioni sportive Concorsi Teatro Pag.7

8 8. Mezzi, strumenti e spazi Libri di testo Computer Laboratori Riviste Videoproiettore Palestra Dispense, schemi LIM Biblioteca Dettatura di appunti Conferenze / Seminari Visite guidate 9. Tipologia di verifica Gli strumenti adottati per la valutazione sono state le prove scritte ed orali. Le verifiche sono state effettuate non solo per accertare i livelli di conseguimento degli obiettivi disciplinari, ma anche per attivare interventi personalizzati per fini e attività e per valorizzare le capacità di ciascuno. Per tale motivo, accanto alle prove tradizionali, sono state affiancate modalità di verifica di varia natura ( utilizzando prove scritte anche per le discipline orali ), sì da consentire periodici e rapidi accertamenti dei livelli raggiunti dai singoli e dalla classe relativamente a determinati traguardi formativi e didattici Interrogazioni (due/tre a quadrimestre) Prove scritte (due/tre a quadrimestre) Tipologie Esame di Stato e prove strutturate Prova grafica/pratica Prove di laboratorio Simulazione prove Esame di Stato 10. Criteri di valutazione Per la valutazione sono stati presi in esame i criteri stabiliti dal POF d Istituto e le griglie elaborate dai Dipartimenti Livello di conoscenze e competenze specifiche acquisite Progressi compiuti in itinere rispetto al livello di partenza Capacità espositiva Capacità di esprimere un giudizio critico Impegno Partecipazione e interesse Frequenza Originalità 11. Attività complementari integrative svolte dalla classe Nel corso del quinquennio la classe ha partecipato ad incontri e iniziative culturali di interesse didattico quali: Attività di orientamento scolastico e professionale con Università pubbliche e private Viaggio di istruzione a Firenze, in Sicilia e in Spagna Visita guidata alla mostra sull imperatore Augusto e alla mostra Body world, entrambe a Roma. Stage aziendale presso l ASL (III anno) ECDL Progetto Musical Olimpiadi della multimedialità Mediashow Olimpiadi della Matematica e dell Informatica Olimpiadi di Filosofia Pag.8

9 Certificazioni linguistiche (Trinity) Progetto Il quotidiano in classe Highschoolgames- gara di cultura generale Progetto Accoglienza Campionati studenteschi di calcio a 5 e pallavolo Spettacoli teatrali in lingua inglese Progetto Patentino per ciclomotori Incontro con Autori (prof. Sabatucci) Concorsi vari Tg Scolastico 12. Date simulazione prove d esame Sono state effettuate e programmate le seguenti simulazioni relative alle prove scritte degli esami di stato. PERIODO TIPOLOGIA PROVA DISCIPLINE COINVOLTE DURATA 1^ 25 maggio I prova Italiano 6 ore 2^ 25 febbraio II prova Matematica 3 ore 3^ 26 maggio II prova Matematica 6 ore 4^ 12 marzo III prova 5^ 27 maggio III prova Fisica Filosofia Inglese Scienze Storia dell Arte Latino Filosofia Scienze Inglese Storia dell Arte 2, 5 ore 2, 5 ore Pag.9

10 Copie di tutte le prove e delle relative griglie di valutazione sono presenti in allegato. 13. VALUTAZIONI 13.1 Criteri I docenti ai fini della valutazione utilizzano l intera scala decimale dei voti da 1 a 10, secondo i criteri di corrispondenza tra voto e livello di preparazione approvati dal Collegio dei Docenti. Nella valutazione in itinere si utilizzano misurazioni intermedie tra i numeri interi (mezzo voto). La determinazione della media dei voti intermedi e finali per disciplina, non si riduce ad operazione strettamente aritmetica ma tiene conto di: a) risultati delle varie verifiche; b) progressi registrati rispetto alla situazione di partenza; c) impegno profuso nello studio; d) metodo di studio e lavoro 13.2 Griglia di Valutazione Voto Livello di Preparazione 1-2 Preparazione inesistente Nessuna partecipazione all attività didattica, alunno si sottrae alle verifiche,consegna compiti non svolti. 3 Gravemente insufficiente Atteggiamento passivo e demotivato, scarso impegno nello studio, gravissime lacune nelle conoscenze e competenze, incapacità ad orientarsi. 4 Insufficiente Partecipazione marginale all attività didattica e impegno scarso e discontinuo, conoscenza molto frammentaria dei contenuti che l allievo non sa organizzare e applica in modo sistematico. 5 Lievemente insufficiente Partecipazione ed impegno discontinui, conoscenze parziali e/o mnemoniche, applicate in modo non sempre preciso, lessico povero e/o improprio. 6 Sufficiente Partecipazione,impegno relativamente continuo, acquisizione dei contenuti fondamentali espressi in linguaggio corretto anche se semplice. Soglia di accettabilità Livello di sufficienza 7 Discreto Partecipazione costante e interessata all attività didattica, impegno regolare, conoscenza completa dei contenuti, capacità di analisi e sintesi e di cogliere nessi logici appropriati, esposizione fluida e corretta. 8 Buono Partecipazione attiva e costruttiva alle lezioni, forte motivazione allo studio, conoscenze approfondite e buone capacità logiche e di rielaborazione autonoma, abilità espressive valide e consolidate. 9 Ottimo Partecipazione responsabile, critica e costruttiva alle lezioni, sostenuta da interesse profondo, padronanza sicura e completa delle abilità e delle conoscenze, ottime capacità logiche e argomentative, autonomia critica e di rielaborazione personale e originalità espressive, costante disponibilità all approfondimento dei contenuti. 10 Eccellente Agli elementi del grado precedente si aggiungono la capacità di portare a termine con successo compiti complessi e divergenti rispetto alla norma, l impegno in ricerche bibliografiche e in approfondimenti personali di ottimo livello. Pag.10

11 Il presente Documento Finale è stato approvato e deliberato all unanimità nella seduta del Consiglio di Classe della V B del 15/05/2015. Docente Disciplina Firma Mossucca Vincenzo Religione Assente Rizzo Violante Italiano e Latino Firmato Caruso Teresa Matematica e Fisica Firmato Buonadonna Maria Filosofia e Storia Firmato Cavallo Pasqualina Inglese Assente Giorgio Maria Grazia Scienze Naturali Firmato Carbone Antonio Disegno Storia dell arte Firmato Olmo Nicola Scienze Motorie Firmato Melfi, 15/05/2015 La Coordinatrice Firmato I sotto indicati docenti prendono visione, accettano e sottoscrivono il Documento elaborato ed approvato dal Consiglio di Classe il 15/05/2015. Mossucca Vincenzo Religione Firmato Cavallo Pasqualina Inglese Firmato Melfi, 18/05/2015 Pag.11

12 VERBALE N. 5 DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE V SEZ. B Oggi 15/05/2015 alle ore 16:00, nei locali del Liceo Scientifico Federico II di Svevia di Melfi, si è riunito il Consiglio della classe V B per discutere il seguente ordine del giorno: 1. Discussione e approvazione del documento del 15 maggio (art. 5 comma 2 del D.P.R. 323/98.; 2. Varie ed eventuali; 3. Presiede il Consiglio il Dirigente Scolastico, svolge funzione di segretario verbalizzante, la coordinatrice, Prof.ssa Rizzo Violante. 4. All appello risulta quanto segue: Disciplina Docente Presente Assente Italiano e Latino Rizzo Violante x Storia e Filosofia Buonadonna Maria x Matematica e Fisica Caruso Teresa x Scienze naturali Giorgio Maria Grazia x Inglese Cavallo Pasqualina x Disegno e Storia dell Arte Carbone Antonio x Scienze Motorie Olmo Nicola x Religione Mossucca Vincenzo x Il Presidente, constatata la regolarità della seduta, avvia i lavori del Consiglio di Classe che: - vista la Legge del 10 dicembre 1997, n.425; - visti i D.P.R. n.323/98, n.356/98 e n.358/98; - vista la legge 11/01/ vista la O.M. n.28 del 15/03/ vista la Programmazione Didattico-Educativa formulata dal Collegio dei Docenti per l anno scolastico 2014/2015; - vista le Programmazioni Didattico-Educative formulate dai singoli docenti membri del Consiglio di Classe e relative alle singole discipline previste dal piano di studi; - viste le attività educative e didattiche, curricolari ed extracurricolari effettivamente svolte dalla Classe V sez. B nel corso dell anno scolastico 2014/2015; - considerato l andamento didattico relativo agli anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014; elabora e approva all unanimità il Documento del Consiglio di Classe, previsto dall art.5 comma 2, del Regolamento: D.P.R. n.323/98, che viene allegato, facendo parte integrante a questo verbale. La Coordinatrice, su indicazione del Consiglio di Classe, farà prendere visione del Documento, allegato al presente verbale, ai docenti assenti in data successiva. Letto, approvato e sottoscritto, la seduta termina alle ore Il Dirigente Scolastico Firmato La Coordinatrice Firmato

13 GRIGLIE DI VALUTAZIONE PER L ESAME DI STATO ELABORATO DI ITALIANO Tipologia A: analisi testuale INDICATORI DESCRITTORI 15/15 CORRETTEZZA ORTOGRAFICA Buona (ortografia corretta) 2 Sufficiente (errori ortografici non gravi) 1 Insufficiente (gravi e/o ripetuti errori ortografici) 0,5 CORRETTEZZA SINTATTICA Buona (sintassi corretta) 2 PADRONANZA E USO DELLA LINGUA Sufficiente (errori sintattici non gravi) 1,5 Insufficiente (errori sintattici gravi) 1 Gravemente insufficiente (errori sintattici gravi e ripetuti) 0,5 CORRETTEZZA LESSICALE Buona proprietà di linguaggio e lessico ampio 2 Sufficiente proprietà di linguaggio e corretto uso del lessico 1,5 Improprietà di linguaggio e lessico ristretto 1 Gravi improprietà lessicali e lessico ristretto 0,5 CONOSCENZA DELLE CARATTERISTICHE FORMALI DEL TESTO CONOSCENZA DELL'ARGOMENTO E DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO Completa conoscenza delle strutture retoriche del testo e consapevolezza della loro funzione comunicativa Padroneggia con sicurezza le conoscenze degli elementi formali 2,5 descrive sufficientemente gli elementi retorico-formali del testo 2 3 Dimostra una conoscenza lacunosa degli elementi retorico-formali 1,5 Fraintende costantemente gli elementi formali 1 COMPRENSIONE DEL TESTO Comprende il messaggio nella sua complessità e nelle varie sfumature espressive 3 Comprende il messaggio globalmente e nei suoi significati principali 2,5 Sufficiente comprensione del testo 2 Comprende superficialmente il significato del testo 1,5 CAPACITA' LOGICO- CRITICHE ED ESPRESSIVE Gravi fraintendimenti del significato del testo 1 CAPACITA' DI RIFLESSIONE E CONTESTUALIZZAZIONE Dimostra capacità di riflessione critica e contestualizza il brano con ricchezza di riferimenti culturali e approfondimenti personali 3 Offre diversi spunti critici e contestualizza in modo efficace 2,5 Sufficienti spunti di riflessione e contestualizzazione 2 Insufficienti spunti di riflessione 1,5 Scarsi spunti critici e inappropriati 1

14 Tipologia B: "Saggio breve - Articolo di giornale INDICATORI DESCRITTORI 15/15 CORRETTEZZA ORTOGRAFICA Buona (ortografia corretta) 2 Sufficiente (errori ortografici non gravi) 1 Insufficiente (gravi e/o ripetuti errori ortografici) 0,5 CORRETTEZZA SINTATTICA PADRONANZA E USO DELLA LINGUA Buona (sintassi corretta) 2 Sufficiente (errori sintattici non gravi) 1,5 Insufficiente (errori sintattici ripetuti) 1 Gravemente insufficiente 0,5 CORRETTEZZA LESSICALE Buona (buona proprietà di linguaggio e lessico ampio) 2 Sufficiente (sufficiente proprietà di linguaggio e corretto uso del lessico) 1,5 Insufficiente (improprietà di linguaggio e lessico ristretto) 1 Gravemente insufficiente (gravi improprietà di linguaggio e lessico ristretto) 0,5 STRUTTURA E COERENZA DELL'ARGOMENTAZIONE CONOSCENZA DELL'ARGOMENTO E DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO Ottimo (imposta l'argomentazione gestendo con sicurezza gli elementi per la redazione di un saggio breve) Buono (si serve consapevolmente degli elementi per la redazione di un saggio breve) 2,5 Sufficiente (padroneggia sufficientemente gli elementi per la redazione di un saggio breve) 2 3 Insufficiente (si attiene solo in parte alle modalità di scrittura del saggio breve) 1,5 Gravemente insufficiente (non si attiene alle modalità di scrittura del saggio breve) 1 PRESENTAZIONE E ANALISI DEI DATI Ottimo (presenta i dati in modo coerente e fornisce un'analisi sensata) 3 Buono (dispone i dati bene e fornisce un'analisi corretta) 2,5 Sufficiente (dispone i dati in modo sufficientemente organico e fornisce un'analisi accettabile) 2 CAPACITA' LOGICO- CRITICHE ED ESPRESSIVE Insufficiente (dispone i dati in modo non del tutto organico e fornisce un'analisi approssimativa) Gravemente insufficiente (enumera i dati senza ordinarli e senza fornire l'analisi) 1 1,5 CAPACITA' DI RIFLESSIONE E SINTESI Ottimo (dimostra capacità di riflessione critica e di sintesi personale nella trattazione dei dati) 3 Buono (offre diversi spunti critici e sintetizza in modo efficace) 2,5 Sufficiente (sufficienti spunti di riflessione e approfondimento) 2 Insufficiente (scarsi spunti critici) 1,5 Gravemente insufficiente (assenza di spunti critici) 1

15 Tipologia C: "Tema storico" INDICATORI DESCRITTORI 15/15 CORRETTEZZA ORTOGRAFICA Buona (ortografia corretta) 2 Sufficiente (errori ortografici non gravi) 1 Insufficiente (gravi e/o ripetuti errori ortografici) 0,5 CORRETTEZZA SINTATTICA PADRONANZA E USO DELLA LINGUA Buona (sintassi corretta) 2 Sufficiente (errori sintattici non gravi) 1,5 Insufficiente (errori sintattici gravi) 1 Gravemente insufficiente (errori sintattici gravi e ripetuti) 0,5 CORRETTEZZA LESSICALE Buona proprietà di linguaggio e lessico ampio 2 Sufficiente proprietà di linguaggio e corretto uso del lessico 1,5 Improprietà di linguaggio e lessico ristretto 1 Gravi improprietà lessicali e lessico ristretto 0,5 CONOSCENZA DEGLI EVENTI STORICI CONOSCENZA DELL'ARGOMENTO E DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO Piena (sviluppa esaurientemente tutti i punti con ricchezza di notizie) 3 Buona (sviluppa tutti i punti in modo preciso) 2,5 Sufficiente (sviluppa tutti i punti, sufficienti conoscenze) 2 Insufficiente (troppo breve, conoscenze sommarie) 1,5 Gravemente insufficiente (alcune parti del tema sono fuori traccia o non sono state sviluppate) ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA DEL TEMA 1 Il tema è organicamente strutturato 3 Il tema è ben strutturato 2,5 Il tema è sufficientemente strutturato 2 Il tema è solo parzialmente organizzato 1,5 CAPACITA' LOGICO- CRITICHE ED ESPRESSIVE Il tema è confuso e non organizzato 1 CAPACITA' DI RIFLESSIONE, ANALISI E SINTESI Ottima (presenta i dati storici fornendo fondate sintesi e giudizi personali) 3 Buona (sa analizzare la situazione storica e fornisce sintesi pertinenti) 2,5 Sufficiente (ripropone correttamente la spiegazione dell insegnante o l interpretazione del libro di testo) 2 Insufficiente (non dimostra sufficienti capacità di analisi e sintesi) 1,5 Gravemente insufficiente (mancano analisi e sintesi e riflessioni) 1

16 Tipologia D: "Tema di ordine generale" INDICATORI DESCRITTORI 15/15 CORRETTEZZA ORTOGRAFICA Buona 2 Sufficiente (errori ortografici non gravi) 1 Insufficiente (gravi e/o ripetuti errori ortografici) 0,5 CORRETTEZZA SINTATTICA PADRONANZA E USO DELLA LINGUA Buona (sintassi corretta) 2 Sufficiente (errori sintattici non gravi) 1,5 Insufficiente (errori sintattici ripetuti) 1 Gravemente insufficiente (errori sintattici gravi e ripetuti) 0,5 CORRETTEZZA LESSICALE Buona proprietà di linguaggio e lessico ampio 2 Sufficiente proprietà di linguaggio e corretto uso del lessico 1,5 Improprietà di linguaggio e lessico ristretto 1 Gravi improprietà lessicali e lessico ristretto 0,5 SVILUPPO DEI QUESITI DELLA TRACCIA CONOSCENZA DELL'ARGOMENTO E DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO Ottimo (sviluppa esaurientemente tutti i punti) 3 Buono (sviluppa tutti i punti con buon grado di approfondimento) 2,5 Sufficiente (sviluppa tutti i punti) 2 Insufficiente (non sviluppa tutti i punti) 1,5 Gravemente insufficiente (alcune parti del tema sono fuori traccia/non sono state sviluppate) 1 ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA DEL TEMA Il tema è organicamente strutturato 3 Il tema è strutturato complessivamente bene 2,5 Il tema è sufficientemente strutturato 2 CAPACITA' LOGICO- CRITICHE ED ESPRESSIVE Il tema è disorganico (argomenti casualmente esposti) 1,5 Il tema è disorganico e confuso 1 CAPACITA' DI APPROFONDIMENTO E RIFLESSIONE Presenta diversi spunti di approfondimento critico personale e riflessioni fondate 3 Dimostra una buona capacità di riflessione/critica 2,5 Sufficiente capacità di riflessione/critica 2 Non dimostra sufficiente capacità di riflessione/critica 1,5 La riflessione/critica non è presente o è incomprensibile 1

17 Griglia per la correzione e valutazione della prova scritta di matematica Indicatori Punteggi in centesimi Livelli molto limitata 0 4 CONOSCENZA di regole e principi 0-20 limitata 5 9 parziale completa COMPETENZE Applicazioni di regole e principi, organizzazione di procedure risolutive, precisione ed esattezza nel calcolo CAPACITA Individuazione di risoluzioni appropriate, originali e/o matematicamente più valide; molto limitate 0 10 parziali adeguate complete ed eff limitate 0 5 parziali 6 10 accettabili adeguate Tutte le prove di verifica saranno valutate tenendo conto dei tre indicatori della griglia (conoscenze, competenze e capacità) anche se non sempre espressi in modo esplicito. Per ogni esercizio o gruppo di esercizi sarà comunque indicato il punteggio corrispondente. Per passare dal punteggio in centesimi al voto in decimi si fa riferimento alla seguente tabella: Punteggio in centesimi 0/9 10/19 20/29 30/36 37/43 44/50 51/55 56/61 62/66 67/72 73/77 78/83 84/93 94/100 Voto in decimi ,5 5 5,5 6 6,5 7 7, La verifica consegnata in bianco viene valutata 1(uno) 6

18 ESAME DI STATO AD INDIRIZZO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO "FEDERICO II DI SVEVIA" - MELFI TABELLA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA Cognome Nome classe sez. Latino Filosofia Inglese Scienze St. dell'arte Coglie con sicurezza i problemi poposti, sa organizzare i contenuti in sintesi complete, con linguaggio appropriato e forma originale 5 Padronanza di linguaggi specifici e correttezza linguistica (competenze) Coglie gli elementi fondamentali delle questioni e sa organizzare le risposte in modo pertinente Sa cogliere le questioni proposte e organizza i contenuti in modo sufficientemente completo ed organico Elenca le nozioni assimilate con scarsa proprietà di linguaggio e compie salti logici e/o ripetizioni Coglie con difficoltà i problemi, non sintetizza con i linguaggi specifici e commette errori Mostra una conoscenza corretta e approfondita degli argomenti affrontati 5 Possesso dei contenuti richiesti dagli argomenti proposti (conoscenze) Mostra una discreta conoscenza pur con qualche inesattezza Ha una conoscenza poco approfondita degli argomenti affrontati con semplificazioni che impediscono la comprensione dei nuclei tematici Ha conoscenze limitate o scarse Capacità di sintesi (capacità) Possiede conoscenze molto scarse e scorrette degli argomenti Si esprime con chiarezza e proprietà: sa affrontare le questioni proposte Si esprime in modo chiaro e corretto, pur con qualche imprecisione nell'affrontare le questioni proposte Tratta i problemi in modo sufficientemente chiaro nonstante alcune imprecisioni o approssimazioni Si esprime in modo confuso e lacunoso: affronta le questioni in modo vago 2 Incontra difficoltà nell'analizzare le questioni e si esprime con difficoltà Totali parziali 1 Totale dei punti assegnati /15 Melfi La Commissione Il Presidente

19 Griglia per colloquio esame di stato Griglia di valutazione della prova orale di Descrittori Fascia di punteggio Argomento proposto dal Argomentazioni incerte, scarsa rielaborazione 1-2 candidato Lavoro essenziale ed esposizione corretta 3 Lavoro adeguato e significativo 4-5 (max 6 punti) Lavoro originale, approfondito e 6 particolarmente significativo Conoscenze Lacunose e/o frammentate 1-3 (max 10 Lacunose e/o generiche 4-5 punti) Essenziali 6 Organiche con approfondimenti 7-8 Complete e organizzate con approfondimenti 9-10 Abilità Argomentazione e uso di un linguaggio non 1-3 sempre appropriati (max 8 punti) Argomentazione sufficiente e uso di 4-5 Colloquio linguaggio specifico (max 22 punti) Argomentazione buona e chiarezza espositiva 6-7 Argomentazione ottima e chiarezza espositiva 8 Competenze Collegamenti non adeguati e mancanza di 1 (max 4 punti) consequenzialità logica Collegamenti sufficienti e adeguata 2-3 consequenzialità logica Buona capacità di collegamenti e 4 consequenzialità logica Discussione degli elaborati (max Discussione degli elaborati, con alcune 1 2 punti) incertezze, e parziale correzione degli errori commessi Discussione degli elaborati autonoma e 2 sicura, correzione degli errori commessi Totale dei punti assegnati 30/30 Punteggio assegnato Melfi, La Commissione Il Presidente

20 Istituto di Istruzione Superiore FEDERICO II di SVEVIA LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s CLASSE V B Prof.ssa Violante Rizzo L ETÀ DEL ROMANTICISMO: origine e caratteri. - Il Romanticismo tedesco; il Romanticismo inglese; il Romanticismo russo (Linee generali). - Il Romanticismo italiano: i caratteri; la polemica classico-romantica e le teorie del Romanticismo italiano; le riviste del primo Romanticismo ( Il Conciliatore e l'antologia ). - Il romanzo storico: caratteristiche del genere. Ippolito Nievo: "Confessioni di un italiano". - La questione della lingua del primo Ottocento ad oggi. - Alessandro Manzoni: la vita, la personalità, le poesie giovanili, la poetica. Gli Inni Sacri, le tragedie (Il conte di Carmagnola, l'adelchi,); le opere sulla lingua, linee generali. I promessi sposi: le varie edizioni, l'ideale manzoniano, la concezione manzoniana della Provvidenza, il " sugo" della storia. Testi: la Pentecoste (Inni Sacri), Il cinque maggio, La morte di Ermengarda - (Adelchi, IV, coro). - Giacomo Leopardi. La vita; la personalità; la formazione culturale; l'ideologia (il pessimismo storico, il pessimismo cosmico, il pessimismo agonistico). La poetica: la scoperta del " bello", la teoria del piacere e la poetica dell'indefinito (gli Idilli), I Canti pisano-recanatesi ; l'ultimo Leopardi. Lo Zibaldone di pensieri, I Canti, le Operette morali. Testi: "La teoria del piacere" da Zibaldone, " Immaginazione e filosofia, antico e moderno" da Zibaldone. Gli Idilli: " Il passero solitario", " L'infinito", "La sera del dì di festa", "Alla luna". I Canti pisano-recanatesi: "A Silvia", "Canto notturno di un pastore errante dell'asia", "La quiete dopo la tempesta", "Il sabato del villaggio". "La ginestra". Operette morali: "Dialogo della natura e di un islandese". L ETÀ DEL REALISMO: caratteri generali. - Il Realismo francese: Stendhal, Balzac, Flaubert (linee generali). Il Realismo inglese: Dickens (linee generali). Il Realismo russo: Tolstoj (linee generali). - La Scapigliatura: definizione di Scapigliatura; i temi della letteratura scapigliata. - Giosuè Carducci: la vita; la formazione culturale e l'ideologia; la poetica e caratteri della poesia carducciana; le raccolte poetiche (linee generali). Testi: " Pianto antico" da Rime nuove, XLII. - Il naturalismo: Emile Zola. - Il Verismo e il Realismo in Italia: la diffusione del Positivismo e del Naturalismo in Italia. - Il Verismo. Luigi Capuana. Giovanni Verga: la vita; le opere anteriori alla svolta veristica; l'elaborazione della poetica veristica; le novelle; I Malavoglia, Mastro Don Gesualdo. Testi: "Rosso Malpelo" da Vita dei campi; "La lupa" da Vita dei campi. Mastro Don Gesualdo: "L'incipit del romanzo", I,1; " Il profilo di Gesualdo, I,3; "La morte di Gesualdo", IV,5. IL DECADENTISMO: l'irrazionalismo antipositivista; la nuova letteratura; il Simbolismo; il Decadentismo in Italia. - Charles Baudelaire: la vita; I fiori del male, le tematiche, le scelte linguistiche e stilistiche. - La poesia simbolista e il romanzo decadente (linee generali).

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Pagina 1 di 6 Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale: I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009/2010 Fisica Classe quinta C liceo Ore annuali: DOCENTE: Giorgio Follo Obiettivi disciplinari Conoscenze Elettromagnetismo: teoria e semplici applicazioni.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria

LICEO SCIENTIFICO  L. DA VINCI  Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria La velocità Il punto materiale in movimento. I sistemi di riferimento. Il

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

VALUTAZIONE: CRITERI EGRIGLIE

VALUTAZIONE: CRITERI EGRIGLIE VALUTAZIONE: CRITERI EGRIGLIE LETTERE BIENNIO ITALIANO CRITERI di VALUTAZIONE CRITERI PER LA SUFFICIENZA SCRITTO Un elaborato di italiano si può considerare sufficiente se risponde alle seguenti caratteristiche:

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L Indirizzo Linguistico COORDINATRICE: SARAGENNE LANZA 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragenne Filippo

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico

Dettagli

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2012/2013 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

VITTORIO EMANUELE II

VITTORIO EMANUELE II LICEO CLASSICO STATALE VITTORIO EMANUELE II DISTRETTO SCOLASTICO N 1/39 PALERMO SEDE CENTRALE : VIA SIMONE DI BOLOGNA SUCCURSALE : VIA DEL GIUSINO P IANO DELL O FFERTA 2011-2012 F ORMATIVA Conoscenza

Dettagli

FRACCOLA DOMENICO III A SCIENTIFICO MATEMATICA

FRACCOLA DOMENICO III A SCIENTIFICO MATEMATICA MOD01P-ERGrev4 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A.S. 2012/013 Pag 1 di 8 Docente Classe Sezione Indirizzo Disciplina FRACCOLA DOMENICO III A SCIENTIFICO MATEMATICA Analisi della situazione di partenza Composizione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n.4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE Tel. 0124/45.45.11 - Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA. RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA. Autore Codice Titolo e Percorso Pagina

FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA. RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA. Autore Codice Titolo e Percorso Pagina I.I.S. Istituto Istruzione Superiore A.Volta LIBRETTO delle GRIGLIE di VALUTAZIONE PROPOSTO APPROVATO FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA Il presente documento è stato

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s. 2014 2015 MATERIA : ITALIANO CLASSE IV E Prof.ssa Gigliotti Ginestra ARGOMENTO I: IL SECOLO DEL BAROCCO: G.B. MARINO P. Calderon de La BARCA TOMMASO CAMPANELLA

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico)

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo

MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo Nella classe vi sono delle differenze sul piano linguistico e nel possesso di contenuti ed abilità; la classe risulta sostanzialmente eterogenea con ottimi risultati per

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

Classe Quinta Sez. L Liceo linguistico

Classe Quinta Sez. L Liceo linguistico DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ai sensi dell articolo 5 Legge n. 425 del 10.12.1997 Classe Quinta Sez. L Liceo linguistico anno scolastico 2014/2015 Carignano, 15 maggio 2015 Il Dirigente Scolastico

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15 Disciplina d insegnamento/apprendimento EDUCAZIONE FISICA PEZZULLO GIOVANNI 1 Le prestazioni fisiche di resistenza, forza e velocità Metodologie semplici per l allenamento delle capacità condizionali di

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

Documento del consiglio di classe

Documento del consiglio di classe ANNO SCOLASTICO - Documento del consiglio di classe CLASSE AT Approvato il maggio Composizione del Consiglio di Classe MATERIA LETTERE INGLESE TEDESCO SPAGNOLO FRANCESE TECNICA TURISTICA ARTE E TERRITORIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: MATEMATICA PROFESSORE: ANNA ZUMMO CLASSE: IV sez. A informatica A.S.: 2014/2015 DATA: 30/10/2014 SOMMARIO

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ANNO SCOLASTICO 0 /03 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA DI RELIGIONE ( in quindicesimi - sufficienza 0 ) INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGIO CONOSCENZA

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sulla scorta delle indicazioni fornite dal Collegio dei Docenti, dalle riunioni di indirizzo e di dipartimento, i Consigli di Classe di IV e V ginnasio fanno

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS Via Sorrisole, 6-21100 - VARESE Esami di stato conclusivi del corso di studi (Legge 425/97 - DPR 323/98 art. 5.2) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Documento predisposto dal

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE Allegato al documento di classe no. 1.6 Docente Materia Classe Maria Stefania Strati Matematica P.N.I. 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha avuto una stessa insegnante di matematica

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PRIMO BIENNIO

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli