Intervento di Kiko Argüello al "Meeting per l'amicizia fra i popoli" Rimini 22 agosto 1996

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intervento di Kiko Argüello al "Meeting per l'amicizia fra i popoli" Rimini 22 agosto 1996"

Transcript

1 Intervento di Kiko Argüello al "Meeting per l'amicizia fra i popoli" Rimini 22 agosto 1996 Io per prima cosa ringrazio Comunione e Liberazione che mi ha offerto questa possibilità di tenere questo incontro e di dire una parola. Abbiamo pranzato assieme a don Giussani e mi hanno fatto questo invito. Io non vengo qui soltanto a raccontare la mia esperienza o a fare una conferenza, ma ad annunciare il Vangelo, anche se dirò alcune cose di me, brevemente. Perché penso che la cosa più grande che possa fare e darvi una parola, perché dice San Paolo che "Dio ha voluto salvare il mondo attraverso la stoltezza della predicazione". Che cosa è predicare, la predicazione: salvare il mondo. Spero allora che tutti abbiamo bisogno di essere salvati, di essere aiutati. Se oggi grazie alle mie povere parole qui qualche fratello veramente riceve una grazia dal cielo che gli possa cambiare la vita, che lo possa aiutare sarò veramente pagato per questo incontro. Sono spagnolo, nato a Leon, da una famiglia cattolica; sono figlio primogenito di 4 fratelli ed ho vissuto tutta la mia vita a Madrid, di professione sono pittore ed ho fatto la scuola di Belle Arti a Madrid. Che posso dire di me. Io vengo a raccontare fatti che Dio sta facendo e del quale io stesso sono sorpreso. Mi accompagnano Carmen Hernàndez e padre Mario Pezzi, che è italiano. Con Carmen e Padre Mario siamo oggi responsabili a livello mondiale del Cammino Neocatecumenale. Io mai avrei pensato quello che Dio avrebbe fatto con la mia vita. Il Cammino è esteso in più di 100 nazioni ed è una cosa sorprendente l'agire di Dio in mezzo a noi. Ed anche di come Dio sta agendo con Comunione e Liberazione e con altre realtà. Io mi ricordo che il Papa mi sembra nell' 85, nel Simposio dei Vescovi Europei, facendo un'analisi molto seria e ben fatta della situazione europea di secolarizzazione, di scristianizzazione, di crisi dei valori cristiani, diceva che già lo Spirito Santo ha suscitato una risposta nella Chiesa e chiedeva ai Vescovi di lasciare degli schemi atrofizzati per aprirsi alle nuove realtà che lo Spirito Santo sta suscitando per aiutare, per salvare la sua Chiesa di fronte alle sfide del terzo millennio. Adesso cominciamo a capire cosa sta facendo Dio con noi. C'è Cristo che è vivo, risorto dalla morte, che sta seduto alla destra del Padre è Lui che salva la sua Chiesa, è Lui che aiuta la sua Chiesa inviando carismi. E siamo contenti di poter oggi collaborare e speriamo che anche in futuro possiamo collaborare con tutti i carismi che Dio sta suscitando per aiutare la sua Chiesa. Perché la situazione che oggi viviamo è molto seria. Ora dico qualcosa di me e del Cammino per poi passare alla seconda parte dell'incontro. Faccio difficoltà perciò pregate per me perché io vi aiuti. Sono un poveraccio, non so parlare e voi mi aiutate pregando. Dite Signore aiutalo, e Dio mi aiuterà. Io anche ho pregato perché il Signore aiuti anche voi, perché il Signore ha detto andate ed evangelizzate a tutte le nazioni, Io sarò con voi. E dice il Vangelo di S. Marco che dopo di essere salito al cielo il Signore collaborava con loro confermando la sua parola con segni e prodigi. E mi tiene oggi qua realmente questa convinzione, che in primo luogo io intendo fare la volontà di Dio con tutte le mie forze e sono convinto che questo incontro é volontà di Dio e se è volontà di Dio lui viene con me Mario e Carmen e mi aiuterà e dal cielo collaborerà con me inviando lo Spirito Santo e sapremo che collabora con me per i segni e prodigi che farà oggi in voi. Che segni, che prodigi: che si realizzerà la stessa cosa che io vi annunzio. Io vi annunzierò la conversione, per tutti, anche per i vescovi che sono qua davanti a me, non soltanto per un peccatore, per chi è lontano dalla Chiesa. Anche per me stesso. Perché per il cristiano, ogni giorno che si alza, dicono i Padri della Chiesa, dal suo battesimo esce un'acqua mansueta che canta così: oggi convertiti, oggi convertiti. Io non so se molti di voi avete avuto la grazia di ascoltare una parola di qualcuno che vi annunzi veramente il Vangelo. E' una grazia enorme perché Dio ha voluto salvare il mondo attraverso la stoltezza della predicazione. Dice S. Paolo che la fede viene per l'udito. Allora, se la fede viene per l'udire, ascolta oggi, è importantissimo. Io sono uno strumento. E' una grazia enorme oggi che Dio ti ha portato qua. Per tutti: per quelli che sono del Cammino, per quelli che sono di CL e per quelli che non sono di nessuna parte. Per tutti é una grazia grandissima. Per questo è importantissimo che tu ascolti. Quando Dio appare sul monte Sinai al popolo di Israele la prima parola che dice è ascolta. Shemà Israel, ascolta Israele, Adonai Eohenu Adonai Ehad. Dio è uno, Lui è l'unico. La fede viene per l'udito. Tutti abbiamo bisogno che la nostra fede si ingrandisca, sia forte. Se avessi fede come un granellino di senape, dice Cristo, che non si vede sulla mano, potresti dire a quel monte muoviti, e il monte ti ubbidirebbe. La fede è un dono che viene dal cielo, dice il catechismo un dono soprannaturale. Fede, speranza e carità, tre virtù soprannaturali. Non naturali, tu non puoi dare la fede a te stesso. Ecco spero che io possa oggi, attraverso le mie povere parole, fare che la tua fede aumenti. La fede, senza fede non vi è salvezza, senza fede non può venire a noi lo Spirito Santo, la conversione.

2 Spero che oggi il Signore mi aiuti nell'annunzio del Kerigma, della chiamata a conversione. Dio è venuto a salvare il mondo attraverso la stoltezza della predicazione. Che predicazione, che predicazione ci chiama alla fede. Io parlo a pennellate e spero che una pennellata dopo l'altra venga apparendo quella figura, nel vostro spirito, del volto di Cristo. Sul volto di Cristo risplende la gloria del Padre, dice l'epistola agli Ebrei. Cristo impronta della sostanza divina. Che cosa è Dio? Chissà! Dio nessuno l' ha visto. Egli però oggi mette davanti a voi questa croce, questa è l'impronta della sostanza divina, perché noi annunciamo Cristo e Cristo crocifisso. Questo è il nostro annunzio, l'annunzio della Chiesa al mondo. Io spero di poter innalzare questa croce davanti a te. Cristo e Cristo crocifisso, impronta della Sua sostanza. Dico ora alcune parole di me e del cammino. Dovrebbe dire una parola anche Carmen, perché quella mi abbandona. Ha detto che è già un miracolo che sia venuta. Non mi lasciare da solo nella corrida e nell'arena. Anche i toreri si portano una équipe che li aiuti e questo toro non è facile. Mi diceva uno: ti voglio vedere a Rimini, perché tu normalmente giochi in casa ma questa volta giochi fuori casa. Gli ho detto: ma il Signore mi aiuterà! Sono spagnolo, sono un pittore. Non so perché Dio ha scelto me, come ha scelto voi. Secondo S. Paolo perché siamo il peggio, perché Dio sceglie quello che non è (che è nulla) per confondere quello che è. Chi si crede qualcosa è un cretino, perché siamo nulla. Il vestitino della prima comunione, le catechesi fatte in parrocchia, presto mi è rimasto piccolo. Sono cresciuto ed ho avuto altri problemi esistenziali, psicologici, sessuali. Crescendo quel vestitino della prima comunione non mi è servito ed io me lo sono tolto, ho lasciato di praticare, e Dio ha permesso che io facessi una esperienza di ateismo cioè di separazione dalla Chiesa, con grande sofferenza di mia madre che è molto cattolica e andava a Messa tutti i giorni. Entrato nell Università un ambiente completamente di sinistra e ateo ho conosciuto il teatro di Sartre e ho cominciato a leggere Camus. Dio mi ha portato però a fare una kenosi, una discesa, uno svuotamento. L esperienza di un vuoto. Nel mio animo c erano numerose domande: chi sono io? chi mi ha creato? che cosa è la vita? che senso ha l esistenza? perché vivo? Non potevo alienarmi, divertirmi, non riuscivo a scappare da queste domande. Era come se Dio mi avesse inchiodato di fronte alla mia esistenza, obbligandomi a prendere in mano la mia Esistenza (vita). Anche se mi alienavo andando in una discoteca o con altre cose poi era peggio. Dio ha realmente combattuto con me, come con Giacobbe, filosoficamente ed esistenzialmente, e mi ha vinto. In che senso mi ha vinto. In quel momento ero quasi sul punto di uccidermi ed ho accettato la filosofia dell'assurdo cioè che un giorno io non esistevo, che oggi esisto e che domani non esisterò e che non devo cercarmi nessun oppio, nessun cielo e nessuna stupidità, che devo prendere di peso la mia esistenza così come era. Ed ho cercato di vivere così, di essere coerente con la mia realtà esistenziale. Che io ho un senso di giustizia e vivo in un mondo senza giustizia, è un assurdo, perché la vita è un assurdo. E la risposta dell assurdo, in fondo è una risposta. Tutto è assurdo. Ma in questa situazione Dio mi ha aiutato. Sapete che un filosofo che si chiama Berson ha detto che l'intuizione è un mezzo di conoscenza della verità superiore alla ragione. In fondo sono molto razionale, un pittore, e la ragione in fondo aveva soffocato la mia intuizione, perché una parte di me non stava in accordo con l'assurdo nel quale avevo impostato la mia vita. E cercavo di vivere coerentemente con l'assurdo totale di tutto in una specie di rivolta interna, cercando di vivere l'oggi e basta. Come un clochard, avevo uno studio, amici scultori, una vita da bohémien ecc... In quel periodo Dio mi aiutò perché ricevetti un premio straordinario nazionale che mi portò il successo andai alla televisione giornali ecc. mostre, soldi. Ma dal punto interno del mio spirito non mi ha dato nulla, io ero morto. Il cielo era chiuso e prendere questa esistenza così era difficile. Ma per credere che Dio non esiste c'è bisogno di tanta fede come per credere che Dio esiste. C'è sempre quell'interregno, quel dubbio in una parte di te. E io ho scoperto che una parte di me stesso, l'intuizione non era d'accordo che Dio non c'è, guardando la natura gli alberi ecc. Allora Dio c'è o non c'è? Siamo da soli nell'universo o c'è Dio? Questa è una battaglia che abbiamo tutti e che tutti voi giovani dovete avere. E relegarla, allontanarla è stupido, perché più tardi si riproporrà. Quanta gente si trova a 70 anni: credevano nella famiglia, nell'amore dei figli al lavoro ecc. ed oggi si trovano vecchi, abbandonati in un ospizio, i figli non li vanno a vedere mai, e di nuovo si devono riproporre la domanda che cosa è stata la mia vita? chi sono io? che senso ha l'esistenza? che senso ha la morte? In questa situazione Dio mi ha aiutato in questo combattimento, perché ha cominciato ad apparirmi come una possibilità. Ed una cosa che mi ha sorpreso è che Dio mi ha aperto a tutte le esperienze: anche ad un'altra religione ma ad un certo momento, ho voluto credere. Ho parlato con i preti ma mi sono reso conto che non potevo credere, non sapevo credere, che la fede non me la potevo dare da me stesso. Parlavo con un prete e tutte le cose che mi diceva mi sembravano stupidate. A parte che io non sono mai stato clericale e non ho sopportato mai i preti, mai sono stato in parrocchia e pensavo che la Chiesa fosse troppo oscurantista, chiusa alla cultura ecc. Però cercavo di essere onesto con me stesso, cercavo la verità. In questa situazione il Signore ha avuto pietà di me e mentre lo invocavo ha avuto pietà di me e si è lasciato trovare.

3 Dove? Dove lo puoi trovare tu oggi. Dentro di me, nell anima, nello spirito. Parole che, come demonio o inferno sono state sconfitte dalla nostra cultura, si cerca di cancellare dal nostro vocabolario, oggi non ci sono più. Non avete più anima, e il demonio non esiste più, non c'è l'inferno. E non è vero! C'è l'anima, c'è l'inferno, c'è il demonio! Seriamente! Guardate il male nel mondo: la droga, la guerra, il traffico dei bambini. Il male nel mondo c'è e ci sono anche le conseguenze del male nel mondo: la sofferenza degli innocenti. Il demonio induce l'uomo alla malvagità e lo aggira attraverso il denaro e il denaro è il principe del mondo. Per questo in un catecumenato serio alla riscoperta del cristianesimo Cristo pone ogni uomo di fronte a questa scelta: scegliete oggi chi volete servire Dio o il denaro. Scegliete! Non può essere cristiano chi non ha fatto seriamente questa scelta. La gente non ha fatto mai veramente una scelta seria, vera, profonda. Nel Cammino noi l'abbiamo, perché andiamo a riscoprire l'iniziazione cristiana. Ed i vangeli sono stati scritti tutti mentre la Chiesa sta in uno stato di evangelizzazione. Gli evangeli sono un poco i pezzi della Chiesa evangelizzante. Non si possono capire i vangeli senza la tradizione senza la praxis dell'agire della Chiesa. Ciascun vangelo si può incastonare in una azione della Chiesa, nella sua liturgia, nel Battesimo, nella sua azione evangelizzatrice per tutto il mondo. Dicevo che il Signore mi ha sentito. Mi ricordo le lacrime che correvano a fiumi, soavi e mansuete. Ho pensato: perché piango? Piangevo perché avevo passato l ultimo anno in una sofferenza atroce, in un inferno interiore. Perché se Dio non c'è, se siamo assolutamente un caso, se in questo mondo siamo soli, se non c'è risposta a nulla, alla vecchiaia alla sofferenza: allora sono morto! Se Dio non è io non sono! Immaginate che in questo istante io ho sentito dentro di me la garanzia dell amore divino, la certezza che Dio c è, c è come padre e come amore verso di me. Dice S. Paolo che lo Spirito rende testimonianza al nostro spirito che siamo figli di Dio. Questa è la fede. Lo Spirito di Cristo penetrando dentro di te rende testimonianza al tuo spirito che sei figlio di Dio. Questa testimonianza o c'è o non c'è! Allora io piangevo perché sentivo dentro di me la certezza che Dio c'è, c'è come padre, come amore verso di me. Qualcuno me lo stava garantendo! In una zona più profonda della ragione, più profonda dell'intuizione, nel più intimo di me stesso, nello spirito, nell'anima. Lì nell'anima lo Spirito di Cristo rende testimonianza, sigilla. Così se l istante prima ero condannato a morte perché Dio non esisteva, in un istante, per miracolo, per volere di Dio, sono passato alla certezza che Dio c è. Come un uomo che è condannato a morte e che aspetta la fucilazione ed è terrorizzato, in un istante, in un battere d'occhio gli dicono "sei libero" hai la vita. L'istante prima io ero nella morte perché Dio non esisteva e l'istante dopo, per un miracolo, per l'azione creatrice di Dio, perché Dio mi aveva preparato facendomi passare attraverso una Kenosi, perché ero un superbo ed avevo bisogno di essere umiliato, di scendere, per scoprire che Dio c'è. E questa testimonianza al mio spirito che Dio c'è non me la può togliere nessuno, poiché è il segno della fede, un sigillo indelebile che successivamente il Battesimo confermerà. Perché il Battesimo non si può dare a nessuno senza la fede. E al bambino si può dare soltanto nella fede della Chiesa, di un adulto di un padrino che garantisce per lui. In questa condizione spirituale, sono andato da un prete in una parrocchia e gli ho detto che volevo farmi cristiano: non che avessi bisogno dei sacramenti, visto che li avevo già ricevuti, ma volevo una formazione cristiana. Quel prete mi ha allora invitato a partecipare a un "cursillo de cristianidad": una specie di convivenza di tre giorni, con dei laici che parlano. Questo incontro mi ha aiutato perché mi ha tolto dei pregiudizi che io avevo contro la Chiesa, ereditati dalla cultura di sinistra. In seguito ho cominciato a fare il catechista (professore di cursillos) e ho portato i cursillos in Africa e da tante parti ed ho incominciato una formazione più seria, anzitutto studiando teologia con un padre Domenicano (Rojo Marin), studiando presso il seminario ecc... Inoltre come artista ho fondato un gruppo di rinnovamento di arte sacra che si chiamava Gremio 62, cercando di eseguire con altri artisti lavori e opere religiose. Questo mi ha portato, come artista religioso, ad ottenere una borsa di studi che mi ha portato a fare un viaggio in tutta Europa cercando punti di contatto fra l'arte protestante e l'arte cattolica, guardando al Concilio. E questo viaggio mi ha permesso di vedere tutto il rinnovamento liturgico che c'era in Europa. Prima di questo viaggio siamo andati dove i piccoli fratelli di Foucauld tenevano il noviziato (a Farlete in Spagna nel deserto de Los Moletros) ed ho incontrato Padre Voiyaunt, il fondatore dei piccoli fratelli, sulle orme di Charles de Foucauld - francese, trappista che è andato in Africa e che voleva vivere il mistero della famiglia di Nazareth, della vita occulta, in silenzio -. Lì ho conosciuto la spiritualità di Foucauld che mi ha aiutato, sebbene non mi sia fatto piccolo fratello. Mi ha aiutato per dopo, perché ritornando da questo viaggio Dio mi stava aspettando. Io mi trovavo che avevo bisogno di una nuova tappa. Perché nella vita spirituale è come nella vita fisica, ci sono delle tappe: c'è l'infanzia, c'è l'adolescenza, il farsi maturo. Così nella vita spirituale. Dio mi stava aspettando perché andando a casa dei miei genitori, era il giorno di Natale e mio padre e mia madre mi avevano invitato a fare il Natale insieme, vidi la donna di servizio in cucina che stava piangendo. Gli chiesi perché piangesse e mi raccontò una storia indicibile. Lei viveva nelle baracche della zona di Madrid, che suo marito era alcolizzato e la picchiava ed aveva fatto cose orribili, che il

4 figlio era in galera, che si voleva uccidere. Io rimasi impressionato e volevo aiutarla, sono andato a parlare con suo marito, l' ho portato al cursillo. Quest'uomo era rozzo e non sapeva quasi ne leggere e ne scrivere. Ha sentito una parola però dopo ha continuato a bere. Ogni volta che succedeva un macello in questa famiglia, perché quell'uomo era un alcolizzato terribile, quella donna mi chiamava perché l'unico dal quale sentiva una parola era da me. Allora ho pensato: forse Dio vuole che io venga a vivere qua (in questa famiglia con nove figli). In quell'ambiente sordido, pieno di gente miserabile, sono rimasto di stucco, perché mi sono trovato con un problema: la sofferenza degli innocenti (come quelle due bambine che sono state uccise in Belgio). Per esempio una donna che aveva il morbo di Parkinson e che chiedeva l'elemosina perché era stata abbandonata dal marito - una donna innocente che è stata tutta la sua vita vittima. Anche questa donna che faceva le pulizie a casa di mio Padre aveva avuto una vita terribile: un marito alcolizzato che la menava con un bastone, che la voleva far prostituire ecc. Io dicevo ma perché, che peccati hanno fatto, sono innocenti. Il peccato che cade su alcuni innocenti e li schiaccia. Diceva Sartre: "guai all'uomo che il dito di Dio schiaccia contro il muro". Bene di fronte al mistero della sofferenza sono rimasto così scioccato e lì ho trovato una presenza di Cristo. Ho trovato Cristo crocifisso, anche se non credevano. Cristo che prendeva il peccato su di sé, le conseguenze del peccato. Dopo sono dovuto andare in Africa per il servizio militare e quando sono ritornato ho detto: "se domani viene il Signore voglio che mi trovi ai piedi di Cristo crocifisso nei più miserabili della terra". Questo io l'ho sentito, io avevo forse un altro progetto. Cioè la figura del Servo di Jhavé, disprezzato, rifiuto degli uomini, uomo dei dolori, conoscitore (dice Isaia) di ogni miseria, Lui non aprì la bocca come pecora muta di fronte ai suoi tosatori. Ma di questo c'è una realtà oggi presente nel mondo. Allora ad un certo punto ho lasciato tutto, pitture, corsi dei cursillos, le mostre che facevo il Gremio 62 e tutti gli atti di apostolato che facevo con le arti, con la cultura ecc. e sono andato a vivere in un posto dove c'erano zingari, barboni clochard che raccoglievano cartonacci ecc... Era un ambiente formato da buchi, grotte, baracche di legno. Conoscevo un'assistente sociale che mi ha detto: c'è uno che è andato via adesso. Dai un calcio alla porta della sua baracca e mettiti dentro, non diranno niente. Allora con la chitarra e con la bibbia mi sono messo lì. Dormivo per terra, su un materasso che avevo portato. Quella baracca era un rifugio di cani e faceva un freddo cane ed i cani si mettevano vicino al letto e mi riscaldavano. Dopo ho capito che i cani sono per me un segno perché nella scrittura i cani significavano i pagani (dice la cananea a Gesù: anche i cagnolini mangiano le briciole che cadono ai figli. Cristo aveva detto che non si doveva dare il pane dei figli - Israele - ai cani - i pagani-. E Gesù le disse "o donna grande è la tua fede). Il Signore mi ha portato là dove ho conosciuto Carmen che Dio aveva preparato attraverso un'altra storia. Lei stava in Israele con il padre Gotié, io ho conosciuto una sua sorella che era stata in un istituto secolare in un'opera religiosa in Spagna che si chiama Villa Teresita nata nata per aiutare le prostitute. Era l'epoca di Franco, delle case chiuse. Andavano a pregare il vangelo alle prostitute e a chi voleva cambiare vita la aiutavano procurandole un lavoro e un inserimento sociale. Con questa sorella partecipavo della stessa idea che occorreva scendere alle catacombe sociali per annunciare il Vangelo ai più poveri, che lì c'era una presenza di Cristo ecc... E questa donna mi disse un giorno: "ho una sorella più pazza di te, la devi conoscere, è come te, si trova adesso in Israele con il Padre Gotié". Era Carmen che si stava preparando per andare in Bolivia come missionaria, per predicare il Vangelo ai minatori di Ururu. Ma prima di andarci da sola voleva formare un gruppo anche misto, perché aveva visto anche da Padre Gotié che lavoravano uomini e donne. E quando é venuta a trovare le sue amiche ed ha conosciuto me ha pensato: ecco un giovanotto per il mio gruppo di evangelizzazione in Bolivia con i minatori. Però lei veniva da una esperienza molto importante perché attraverso padre Farnes, che è uno dei maggiori liturgisti che abbiamo in Spagna abbiamo conosciuto tutta la riforma del Concilio. Io venivo con la linea del Servo di Jhavé, di Cristo presso i poveri e lei portava la riforma del Concilio. Presto, vivendo nelle baracche la gente ha chiesto chi ero e volevano che io predicassi il vangelo. Ma mi sono subito reso conto che dopo quattro parole stratte non ti ascoltavano più. Dio ci ha portato in un ambiente dove ci ha obbligato a trovare una sintesi teologica catechetica e Carmen è stata molto importante perché mi diceva la verità. Mi diceva: "ma tu sei un bigotto, tu sei un...". E io le dicevo "ma chi ti conosce a te...che fai qua, vattene". Presto ho capito una cosa, che è una grande grazia che qualcuno non ti aduli e ti dica la verità e che è Dio stesso che te lo ha mandato. A quel punto è cambiato totalmente il mio atteggiamento con Carmen. Dio ti ha mandato qua, anche se per me è scomodissimo, anche se mi distruggi! Senza Carmen il Cammino Neocatecumenale non esisterebbe. Dice la verità senza guardare in faccia a nessuno, con un senso profetico. Il vero profeta non guarda in faccia a nessuno. Guardate quello che dicono a Cristo quando lo vogliono adulare: "sappiamo che non guarda in faccia a nessuno". Che è la più grande cosa che si può dire di un profeta. Che non lo impressiona ne i soldi, ne il livello sociale ma che dice la verità. Anche se spesso la verità, viviamo sempre sotto maschere ed in un consesso sociale, e non la vogliamo sentire. Però Dio mi ha

5 aiutato e mi ha fatto vivere questo fatto (la verità dettami da Carmen) nella fede, perché Dio interviene nella storia con i fatti. Una sera due ragazzi scappati dalla polizia, sanguinanti, hanno saputo che io ero un cristiano ed hanno voluto nascondersi là. Un altro che chiedeva l'elemosina nella metropolitana, poliomielitico, ha detto se poteva venire a vivere con me, poi un altro che era un pastore, che conosceva Carmen ecc... Ed in poco temo lì mi sono trovato con un gruppo di gente tutta analfabeta, nessuno sapeva ne leggere ne scrivere. Questi poveracci si appiccicavano a me. Ecco come è nato il cammino, lì fra i poveri. Loro stessi hanno creato le prime catechesi. Vi faccio un esempio. Nella parte più bassa c'erano gli zingari nomadi, e tutti erano impressionati della mia presenza. Uno di loro veniva con la chitarra, cantava il flamenco ecc... Parlava con me e mi disse un giorno: io ti porto dagli zingari, tu gli predichi il Vangelo. Ci radunammo davanti alla baracca, tutti in circolo, c'era il campo davanti a noi ed il capo degli zingari mi disse: "parla". Ed ho cominciato a chiedere: "ma voi credete in Dio?, Chi é Dio?, Chi te lo ha detto?, perché credi in Dio?, lo hai visto? è grande e grosso? E lui mi ha raccontato un fatto. Eravamo accampati con la mia famiglia sul carro in Castiglia nel mezzo della pianura. Eravamo scesi dal carro io e mia moglie, stavamo sotto una quercia grande preparando le cose per mangiare ed improvvisamente è scoppiato un temporale ed un fulmine è caduto sul carro dove c'era il mio piccolo. Io mi sono messo in ginocchio ed ho chiesto di salvare mio figlio e subito dopo sono andato verso il carro che era tutto distrutto ed il bambino era vivo. Ecco perché dico che Dio c'è. Lui ha avuto una esperienza di fede vera. Adesso se mi dicono che Dio non c'è non mi importa, perché io ho avuto una esperienza che Lui c'è. Lui ha raccontato un intervento di Dio. E nelle prime catechesi facciamo così. Domandiamo: tu credi in Dio? chi è Dio per te? hai avuto un intervento di Dio che ti permette di dire che esiste? Perché la Bibbia presenta fatti, Dio interviene nella storia. Non dobbiamo inventarci idee, la religione non è un oppio, è Dio che è intervenuto e sta intervenendo nella storia. Oggi stesso interviene per te. Ha preso la mia vita ed ha avuto il potere di sedurmi. Vi racconto un altro aneddoto di come proprio i poveri hanno contribuito a creare le catechesi. Viene il capo degli zingari e mi porta su una grotta e dice vieni che ho radunato tutta la tribù perché gli devi parlare di Cristo. Io non volevo, perché volevo come Charles de Foucauld mettermi silenziosamente ai piedi dei più poveri come si contempla l'ostia Santa, l'adorazione al Santissimo mettendomi in adorazione ai poveri. Perché io mi sentivo più povero di loro: loro stavano santificati per la presenza di Cristo. Non ero andato lì per insegnare a leggere e per fare opere ma solo per questa presenza. Ed invece questo tizio voleva che io predicassi agli zingari. Mi portò in questa grotta oscura e mi disse: "parla". Cominciai a raccontare di Adamo ed Eva, del peccato originale ecc... D'un tratto si alza la madre di questo capo zingaro, molto fiera, che non mi sopportava perché suo figlio non lo vedeva mai in quanto stava sempre con me e mi disse: "lei ha visto questo? io so una cosa sola, che mio padre è morto e non è ritornato più a casa, la mia casa è vuota; lei ha visto qualcuno che è tornato dalla morte? no vero? allora sono tutte fandonie, una mano nel cielo c'è ma nessuno è mai tornato dalla morte, ed io sto perdendo tempo ad ascoltarla, andiamo donne". Tutte le donne si sono alzate ed è finita la riunione. Ma quella donna ha detto una cosa molto importante che mi ha aiutato moltissimo. Loro mi chiedevano che predicassi, ma mi sono chiesto: come è possibile predicare? come predicavano gli apostoli? non certo facendo conferenze! E proprio quella mattina io avevo letto negli Atti degli Apostoli che il governatore Festo dice al re Agrippa che deteneva in carcere un prigioniero molto interessante che vorrei che tu ascoltassi (Paolo) che parla di un uomo che è morto, ma lui dice che vive. Ecco che un pagano ha ascoltato la predicazione di Paolo un apostolo itinerante e l'unica cosa ha capito è che parla di un uomo che e venuto dal cimitero, esattamente come quella donna mi chiedeva. Ecco come il Signore ci ha aiutato a semplificare, anche attraverso il Concilio, il kerigma, l'annunzio di Cristo risorto dalla morte per noi. Quelle persone erano tutti ladri, prostitute zingari e non si difendevano di fronte alla parola che grazie allo Spirito Santo aveva un eco nei loro cuori e così si è formata una koinonia, una comunione, e nelle baracche è apparsa la risposta alla parola di Dio. Nelle baracche è apparso un tripode, una parola, Dio che parla, una risposta alla parola di Dio ed appariva una Liturgia che è una presenza divina. E noi (io e Carmen) avevamo vergogna a sentire con quale sincerità e quale potenza questi pregavano Dio. Ed è apparsa una comunione (e guardate che è impossibile per uno zingaro fare comunione con un ladro, non sopportano i ladri che non siano della loro razza), la Chiesa, la comunità cristiana, l'amore tra di noi. Tanto che tutti eravamo convinti che questa comunità era una cosa celeste. Ecco che abbiamo visto apparire il tripode sul quale si basa il Cammino e la Chiesa stessa. Dice il Concilio Vaticano II che la vita di ogni cristiano si basa su un tripode formato da parola, liturgia e comunità. Dopo qualche tempo il Signore ha permesso un altro fatto. Carmen si trovava a vivere in un'altra zona di baracche, non vivevamo assieme, in quella zona è venuta la polizia (la guardia civile con le mitragliatrici) che voleva abbattere tutte le baracche e fra le altre aveva già buttato giù la baracca di Carmen. Noi abbiamo pensato che era una ingiustizia enorme allora io ho chiamato il Vescovo che avevo conosciuto all epoca del cursillos, don Casimiro Mortillo, Arcivescovo di

6 Madrid e gli ho detto: "padre vanno a buttare queste famiglie fuori". Lui mi ha detto: "dove è questo? vado lì immediatamente". Sono andato dal capo della polizia e gli ho detto che veniva l Arcivescovo. A questa notizia hanno smesso di buttar giù le baracche, gli operai sono risaliti sui camion e la polizia sulle jeep ad aspettare sulla collina. Quando hanno visto che arrivava l Arcivescovo sono andati via tutti! L Arcivescovo ha così conosciuto la nostra comunità, ha conosciuto gli zingari che hanno pregato lodi con lui e lui ha pianto. Mi ha detto Kiko io non sono cristiano, da oggi il mio palazzo sarà aperto a tutti e da quel giorno è diventato nostro protettore. Ha detto al parroco della parrocchia vicina lascerai questa Chiesa aperta per loro; ci ha permesso di fare l'eucarestia con pane azzimo e con i canti. Abbiamo visto che da lì il Signore ha preso questo seme con i poveri, che Dio aveva fecondato attraverso Carmen con tutta la grazia del Concilio, e lo ha portato alle parrocchie. Don Casimiro Mortillo è rimasto impressionantissimo e ci ha spinto ad andare alle parrocchie. Noi senza i Vescovi nel Cammino non avremmo fatto niente. Sono stati i Vescovi che hanno confermato, sempre hanno visto con discernimento. E Mortillo che in quel momento era in conflitto con l'azione Cattolica che stava molto a sinistra, ha puntato verso di noi che non eravamo nessuno, che stavamo cominciando. E' venuto a Roma ai Martiri Canadesi, la prima parrocchia di Roma in cui è nato il Cammino in Italia, a parlare con il Parroco, Padre Sirio, che credeva che fossimo eretici, dicendogli che non avesse paura, che questo era di Dio. Noi siamo venuti in Italia con una lettera al Cardinal Dell'Acqua che era amico del Cardinal Florit e grazie a quella lettera Florit che si scontrava con tutta la lotta dell' Isolotto ha accettato che predicassimo in Firenze. Così grazie alla lettera del Cardinal Mortillo abbiamo annunciato il vangelo a Roma e a Firenze. E dopo siamo andati anche a Ivrea. Questo Cammino Neocatecumenale alle parrocchie è aprire una iniziazione cristiana. Ma andando alle parrocchie cosa è successo risultava che queste catechesi che noi facevamo con i poveri, i poveri erano così poveri che ascoltavano, ma i borghesi in una parrocchia borghese dicevano no: tu ci dai la tua esperienza e noi ti diamo la nostra esperienza ma chiamarci a conversione neanche per sogno. Chi ti credi tu di chiamare a conversione! Cioè non l'accettavano, abbiamo visto che la gente si sentiva a posto, tutti erano cristiani, tutti si sentivano a posto. Allora a questo punto abbiamo visto che bisognava fare un cammino di discesa, di Kenosi, per spogliarsi e scoprire il Battesimo. Ed abbiamo cominciato a percorrere il Battesimo e la storia poco a poco ci ha fatto scoprire cosa sia l'iniziazione cristiana. Dopo abbiamo cominciato in alcune parrocchie. Ci hanno espulso da 12 parrocchie di Madrid, sempre con moltissime sofferenze. Dopo si è sparsa la voce che io ero di sinistra e, mentre predicavamo in una parrocchia di Madrid, sono venuti i Guerriglieri di Cristo Re insieme alla destra, con la pistola, ci insultavano, mi nascosi perché mi volevano far la pelle, venne la polizia, un macello. Mamma mia! In Barcellona, mentre predicavo spensero tutte le luci e con i bastoni facevano rumore: bum, bum, bum. Alla famiglia che mi aveva portato a predicare gli hanno bruciarono la macchina ecc. Cioè abbiamo avuto sempre l'estrema sinistra che ci vede come "angelisti" che preghiamo ma non abbiamo un impegno sociale (teologia della liberazione) e l'estrema destra che non ci capivano, non capivano le nostre liturgie, che pensavano fossimo eretici ecc. Tutto ciò può sembrare un segno negativo ma io ho visto in questo un segno positivo, perché noi apostoli itineranti perseguitati sopportiamo, calunniati..., l'unico nostro vanto è assomigliare a Cristo ed a Cristo Crocifisso. Adesso fratelli mi restano 20 minuti. Voglio fare una cosa: faccio una lettura al caso. Dio sa le persone che sono qua, conosce i vostri problemi. Di informazioni su come è nato il Cammino ne avete avute a sufficienza. Adesso voglio dare una parola che possa servire a voi. Adesso apriamo il vangelo al caso e dove metto il dito vuol dire che Dio ha scelto questa parola per noi. Dal vangelo secondo Marco 17 Erode infatti aveva fatto arrestare Giovanni e lo aveva messo in prigione a causa di Erodìade, moglie di suo fratello Filippo, che egli aveva sposata. 18 Giovanni diceva a Erode: «Non ti è lecito tenere la moglie di tuo fratello». 19 Per questo Erodìade gli portava rancore e avrebbe voluto farlo uccidere, ma non poteva, 20 perché Erode temeva Giovanni, sapendolo giusto e santo, e vigilava su di lui; e anche se nell ascoltarlo restava molto perplesso, tuttavia lo ascoltava volentieri. 21 Venne però il giorno propizio, quando Erode per il suo compleanno fece un banchetto per i grandi della sua corte, gli ufficiali e i notabili della Galilea. 22 Entrata la figlia della stessa Erodìade, danzò e piacque a Erode e ai commensali. Allora il re disse alla ragazza: «Chiedimi quello che vuoi e io te lo darò». 23 E le fece questo giuramento: «Qualsiasi cosa mi chiederai, te la darò, fosse anche la metà del mio regno». 24 La ragazza uscì e disse alla madre: «Che cosa devo chiedere?». Quella rispose: «La testa di Giovanni il

7 Battista». 25 Ed entrata di corsa dal re fece la richiesta dicendo: «Voglio che tu mi dia subito su un vassoio la testa di Giovanni il Battista». 26 Il re divenne triste; tuttavia, a motivo del giuramento e dei commensali, non volle opporle un rifiuto. 27 Subito il re mandò una guardia con l ordine che gli fosse portata la testa. 28 La guardia andò, lo decapitò in prigione e portò la testa su un vassoio, la diede alla ragazza e la ragazza la diede a sua madre. 29 I discepoli di Giovanni, saputa la cosa, vennero, ne presero il cadavere e lo posero in un sepolcro. Parola del Signore! La parola che il Signore ci ha dato mi ispira per dirvi una parola. L'anno scorso siamo andati a visitare le comunità e gli itineranti in Asia. Siamo andati in Australia, abbiamo avuto un incontro a Sidney con tutte le comunità, poi a Peert dove abbiamo visitato un seminario Redemptoris Mater aperto dal Cammino, dopo siamo passati a Taiwan dove abbiamo visitato il seminario di Kauchun, dopo siamo andati in Giappone dove c'è un altro seminario a Tokyo, poi siamo andati a Seoul, abbiamo avuto un incontro con tutte le comunità della Corea, poi a Hong Kong un incontro con i preti il cardinale e le comunità, poi a Singapore, in Cina ecc. Quello che mi ha impressionato in questo viaggio è stato vedere che in tutti questi posti in fondo c'è una sola cultura: tutti erano grattacieli e strade uguali come se ci fosse un solo architetto. Ci troviamo in una realtà nuova che ci supera tutti. Ci troviamo oggi di fronte a una grandissima sfida: i sociologi dicono che siamo di fronte al "villaggio globale", al rimpicciolirsi del mondo dovuto alla potenza dei mezzi di comunicazione. Sappiamo tutto di tutti rapidissimamente. Attraverso il potere che hanno i media in Cina le ragazze vestono come da noi, tutti vestiamo nella stessa forma, vediamo gli stessi film, ascoltiamo la stessa musica, mangiamo gli stessi hamburger. Dicono i sociologi che in media ogni giorno vediamo 4 ore di televisione. Internet ecc. Di fronte a questo, come cristiani, possediamo il carisma profetico per il battesimo, dobbiamo riflettere su cosa Dio ci sta dicendo attraverso questi fatti. Che antropologia, c è sotto i film, le telenovelas del nostro mondo? Antropologia viene da Antropos uomo: a quale concetto di uomo, a che cultura ci vogliono portare, a che civiltà? È un antropologia che non è cristiana, che anzi è anti-cristiana, perché afferma (usiamo una parola presa dalla bioetica) ""l'autopoiesi",", la pretesa che l uomo sia creatore di se stesso. Le città si stanno trasformando: mostri giganteschi, multirazziali, multi religiosi, dove c'è una unica religione che si impone dappertutto che è la tolleranza. Non c è più verità, siamo nella post-modernità, ciascuno ha la sua verità, e quindi c è il relativismo totale. Tutto intorno a noi ci sta catechizzando a questa autopoiesi, che l'uomo è creatore di se stesso. Si parla già da alcune parti che il ragazzo può scegliere il suo sesso, se essere maschio o femmina, ecc... Questo è gravissimo perché autopoiesi è una parola nuova, moderna, che però in fondo non è altro che il primo inganno che il demonio fece a Eva quando le disse: "Tu sarai come Dio, conoscitrice del bene del male, potrai decidere da te stessa il bene e il male. Sarai Dio". Questo implica, ancora più in profondità, che si sta distruggendo la famiglia. La rivelazione che ci è venuto a portare Gesù Cristo è che Dio è Padre, e che tu sei stato creato per essere figlio di Dio. Dio è Padre, ma se Dio non c è, non esiste alcun legame, e tutto diventa lecito. È lecito il divorzio, è lecito avere la moglie del fratello... Dico questo perché vedete la parola: Giovanni Battista profetizza "non ti è lecito avere la moglie di tuo fratello". Di fronte a tutto questo la Chiesa deve di nuovo evangelizzare, annunziare il Vangelo. Cosa vuol dire annunziare il Vangelo? Vuol dire annunziare a tutti gli uomini che Dio ci ha creato perché divenissimo figli di Dio e che Cristo ha dato la vita per noi, su una croce. La lettera agli Ebrei, nel 2 capitolo, fa un'analisi di cosa fa soffrire l'uomo e dice: "14 Poiché dunque i figli hanno in comune il sangue e la carne, anch egli (Cristo) ne è divenuto partecipe, per ridurre all impotenza mediante la morte colui che della morte ha il potere, cioè il diavolo, 15 e liberare così quelli che per timore della morte erano soggetti a schiavitù per tutta la vita". Questo testo dice che gli uomini, per la paura che hanno della morte, sono soggetti a schiavitù, durante tutta la vita, del demonio. La Bibbia di Gerusalemme traduce chiamando il demonio "signore della morte" ; la bibbia della CEI traduce "colui che della morte ha il potere", il diavolo. E con la paura che abbiamo della morte siamo soggetti alla schiavitù del demonio, cioè facciamo la volontà del demonio. Ma dice che Cristo è venuto a partecipare del sangue e della carne per poter ridurre all'impotenza, cioè togliere al demonio questo potere che ha sugli uomini. Come? Mediante la sua morte! Lui è venuto per entrare nella morte e così a distruggere la morte. Come? Attraverso la risurrezione! Ascoltatemi! Io non so se avete fede. Tu hai fede? Che cosa è la fede? Tu sei cristiano? E come fai a dire che sei cristiano? Mostramelo! Che vai a messa? Questo vuol dire essere cristiano? Andare a messa? Cosa è essere cristiani? Dice questo testo che per la paura che abbiamo della morte siamo schiavi del demonio. L'uomo ha terrore della sofferenza, della morte e scappa dalla sofferenza nel peccato, peccando, obbedendo al demonio. Cristo è venuto a togliere questa

8 schiavitù dell'uomo dal peccato. Come? Entrando nella morte, distruggendo la morte! Cristo è risorto canta la chiesa. Se non crediamo questo, vana è la nostra fede. Ma perché il cristiano crede che Cristo è risorto? Non solo perché glie lo hanno detto, ma perché Cristo è realmente resuscitato dalla morte è salito al cielo e dal cielo intercede per noi, Cristo sta davanti al padre presentando le sue piaghe gloriose per te. Perché quello che io annunzio adesso, si realizza in te adesso. Io ti dico che Dio ti ha creato perché tu divenissi suo figlio. Però per questo va a fare in te una nuova creazione. Cristo a dato la vita per te su una croce, si è offerto al Padre per tutti gli uomini. Dice il libro della Sapienza che per paura del demonio entrò la morte nel mondo - salario del peccato è la morte. Ma perché l'uomo ha paura della morte? Perché ha fatto una esperienza ontologica di separazione da Dio. L uomo che si separa da Dio sperimenta la morte, perché Dio è la vita. Dio ha posto l uomo in un paradiso meraviglioso, dandogli un solo limite: non mangiare dell albero della scienza del bene e del male, che Dio si è riservato per sé. Infatti, è Lui, Dio, che decide il bene e il male. Questo è l unico limite. Ma il demonio, dice S. Paolo, prendendo occasione dal limite, cioè dal comandamento di non mangiare dell'albero, ci ha sedotto e ci ha uccisi. Ha detto: Dio ti limita, dunque non è amore, non ti ama, è geloso di te, è un mostro! Un limite, quale limite, si è riservato una sola cosa per se. Tu non sei Dio, tu sei stato creato dal niente. C'è il demonio che è un angelo e c'è una Donna che si chiama Eva, ma c'è un secondo angelo è c'è una seconda Eva. Io oggi per voi sono il secondo angelo, ma c'è stato nella nostra vita un primo angelo che noi abbiamo ascoltato. E guardate che la rovina del mondo è entrata per l'udito, perché c'è stato un dialogo dell'angelo con la prima Eva, che è immagine tua. Tu sei Eva, tu sei Adamo, io sono Adamo! La parola si fa presente, si fa carne. E dice l'angelo ad Eva come è che non potete mangiare di nessun albero del giardino? Il demonio, gli ha lasciato nel subconscio che ha una proibizione, è limitata. Lei ha risposto: di tutti possiamo mangiare meno che di uno, perché Dio ha detto che se di quello mangerai tu morrai. E disse il demonio la grande menzogna, la menzogna primordiale: non è vero che morirai, Dio sa molto bene che il giorno che tu mangi tu sarai come Dio, perché conoscerai il bene e il male. Ed Eva vide che questo di fare esperienza da se del male (adesso conosce il bene) e conoscere da se il male ed il bene e decidere da se era buono alla vista, attraente e mangiò e diede da mangiare a suo marito. Mangiò con il corpo, tutta la persona intera. Questa Eva sei tu, sono io. Io mi sono trovato di fronte alla proibizione quando una donna sposata voleva che andassi a letto con lei e mi ha detto il demonio chi ti ha detto che è peccato questo! Chi te lo ha detto: i preti! Ti è stato posto un limite, non ti è permesso di realizzarti! E' buono realizzarti da te, tu sei libero, chi ti sta limitando! Li c'è un dialogo e un ascolto. E le conseguenze sono terribili. Chi ti ha dato l'essere. Noi siamo perché Dio ci da l'essere amandoci! Ma se io accetto che Dio è un mostro, che è un invidioso, che non c'è: chi sono io? chi mi ha creato? Non sono! Le radici del mio essere vengono tagliare, ontologicamente conosco la morte. A partire da questo momento la sofferenza umana del lavoro, di avere figli diventa per me una barriera, una morte. E il demonio ha potere su di me per la morte, per la paura della morte. Adesso voglio essere e il mio essere è perso, non sono, non sono per nessuno. Voglio essere per qualcuno che mi ami ed allora ho bisogno di successo, di soldi, di bellezza, di essere il primo, di essere qualcuno. Tanta gente nel Cammino ha detto io prima non ero, per niente, per nessuno, adesso sono! Come possiamo dunque essere guariti da questa morte interna? Come si potrà non dividere un matrimonio se la moglie lo distrugge. Lui ha dentro una morte, vuole essere. Guarda S. Paolo cosa dice: "Caritas Crisi urget nos. L'amore di Cristo ci spinge al pensiero che se uno è morto, per tutti, tutti sono morti. Ed è morto per tutti perché quelli che vivono, non vivono più per se stessi, ma per colui che è morto e risorto per loro". Vuole dire che l uomo che sta in questa condizione di morte ontologica sotto il potere del demonio è soggetto alla paura della morte, è condannato a vivere per sé, e il peccato lo obbliga a offrire a se stesso tutto: si offre le donne, la sessualità, il lavoro... E' lui il cosmo, egli diventa così il centro di una nuova cosmogonia, perché è lui il creatore del mondo, della realtà. Ma questa è in realtà una condanna. Perché è una condanna? Perché Dio nessuno l'ha visto è il figlio che ce lo ha mostrato. Lui è Dio, questo amore è Dio (Cristo crocifisso). Dio è colui che ti ama così. Anche se sei suo nemico ha dato la vita per te, si è totalmente donato a te. Questo amore: caritas Cristi. Non l'amore di un amico, di una madre, di una fidanzata. Questo amore è soprannaturale. Deus est caritas, Dio è questo amore. E che cosa è questo amore che ti annuncio questa mattina dicendoti che Dio ti ama così! Guarda questo crocifisso, guardalo! Dio ti ama così e tu sei stato creato a sua immagine, per amare così! Solamente il giorno che tu potrai amare così sarai pienamente libero, libero, libero! Puoi amare così? No! Puoi amare così? No! Per amare così devi aver vinto la morte, amare fino a dare la vita per il nemico, amare il nemico. Ascoltami! Se tu adesso prendi questa chiave che ti sto dando e prendi il vangelo adesso, il sermone della montagna: "amate i vostri nemici in questo sarete miei figli perché Dio fa sorgere il sole sui buoni e sui cattivi". Amare il nemico cosa significa? Amare colui che ti uccide, amare al di la della morte. Perché cosa è il cristianesimo? Il Cristianesimo non

9 è altro che questo: la vittoria sulla morte! Cristo è risorto per vivere in te e ti dona la vittoria sulla morte. Che cosa è la vittoria sulla morte? La vita eterna! Quando i tuoi genitori ti battezzarono il prete domandò: "come si va a chiamare?" - Francesco - e cosa chiedete per Francesco - la fede - e cosa da la fede - ed hanno risposto per te: "la vita eterna". Vita eterna adesso, non per dopo. Hai tu questa vita, vita eterna che comincia adesso e non può morire più? Non muore più perché Cristo non può ritornare a morire. Mostramelo! Questo è il segreto del Cammino Neocatecumenale: non crediamo la fede di nessuno, chi ha fede lo mostri con le opere. Che opere? Non solamente l impegno sociale, saremmo come i comunisti! Pregare? Gli ebrei, l Islam pregano meglio di noi! Quali opere allora sono genuine di un cristiano, che un marxista, un ebreo, un maomettano non possono fare? Le opere per le quali occorre avere ricevuto dal cielo la Grazia dello Spirito Santo. Cristo ha donato al Padre la sua vita; nel suo testamento l ha lasciata per te, per ciascuno di noi. Cristo non ti ha giudicato e non ti giudica, ha dato la vita per te e ti ha lasciato in eredità la sua vita immortale. Però per ricevere la sua vita bisogna che qualcuno te lo annunci. Se un tuo zio del Brasile ti ha lasciato in eredità di 50 miliardi, e tu vivi poveramente, qualcuno te lo deve venire a dire. Ti deve annunciare con la bocca questa buona notizia: "sei ricco, ti hanno lasciato 50 miliardi". Però tu puoi crederlo o no. Cristo ha lasciato per te una eredità ancora più grande. Ha lasciato un testamento gratis per te, perché non ti ha giudicato. Sei stato un adultero? Hai abortito? Quante donne qui hanno abortito. Non ti ha giudicato Cristo, ha dato la vita per te e ti ha lasciato in eredità la sua vita immortale. E quando io ricevo questa vita immortale? Adesso! Adesso! Mi stai ascoltando? No! Ascoltami! Un giorno ti si chiederà conto di questo annunzio! Quando si riceve questa vita: Adesso stesso Cristo stesso sta davanti al Padre presentando con le mani le piaghe gloriose dei suoi chiodi per te. È morto, ha ricevuto il castigo dei tuoi peccati. È morto al tuo posto, perché tu non muoia mai più, perché tu possa ricevere una vita nuova che si chiama vita eterna. Adesso che cosa impedisce che la grazia dello Spirito di Cristo sia uno in te. Tu lo sai che Dio è uno in te vuole essere uno. Dice Cristo nel suo testamento prima di morire: "Padre, che l'amore con cui hai amato me sia in loro, dentro di loro, e io in loro". Sono le ultime sue parole prima della passione. L'amore che ha il Padre per il Figlio, che procede dal Padre e riposa nel Figlio é lo Spirito Santo. Che questo amore sia in loro. Allora vuole dire che Dio è nel Figlio totalmente uno. Questo è il mistero della Trinità: uno, che il Padre è totalmente nel Figlio come il Figlio è totalmente nel Padre, questo amore. E Dio vuole che tu partecipi di questa Trinità di amore. Questo è il cielo, la Koinonia in Dio dell'amore. Cristo è morto perché tu possa ricevere una vita nuova che si chiama vita eterna, che non muore più. E se tu hai dentro questa vita eterna, anche se tua moglie o il tuo matrimonio diventano il tuo nemico, puoi amarlo. La puoi perdonare. Prima, se non hai lo Spirito di Cristo, non la puoi perdonare. Ci vuole la grazia dello Spirito Santo, non basta neppure il Battesimo: il Battesimo non è magico, è come morto, non agisce senza di te e senza questa Grazia. Io mi trovo tante volte davanti ad una coppia che sta sul punto di divorziare, con i figli distrutti. Dico loro: venite ad ascoltare un Kerigma, una parola. Dio salva il mondo per la parola, per la predicazione. Se no io non darei la vita per predicare, starei dipingendo, mi sarei sposato. Se sto dando la vita per portare una parola è perché il mondo si è salvato per la predicazione. C'è bisogno che di nuovo si rialzi S. Francesco! E' qui S. Francesco, seduto, che mi ascolta, è qui S. Domenico di Guzman. Migliaia di itineranti che vanno a predicare il vangelo per salvare questa generazione dalla falsa antropologia, dalle nuove sfide del terzo millennio. La Chiesa si deve rialzare, per questo dobbiamo collaborare gli uni con gli altri. Perché è molto importante quello di cui stiamo parlando. Perché vi faccio questo esempio: una coppia sta per dividersi, la moglie odia il marito, sono già andati dagli avvocati per divorziare. Ha parlato prima con me, il marito è un mostro di egoismo, lei è una strega, si vogliono separare. Per un miracolo mi stanno ascoltando adesso. Se la donna apre un momentino l'orecchio e crede che forse è vero, che Cristo le vuole inviare dal cielo il Suo Spirito, lo riceve, adesso, mentre è seduta, quando esce porta qualcosa che prima, quando è entrata, non aveva. Che cosa? Questo Spirito, questo amore. E che cosa è questo amore? L'amore al nemico, l'amore all'altro nemico, l'amore al marito nemico. Sono usciti a parlare ed ha perdonato. Prima non poteva perdonarlo. Il cammino sta salvando il matrimonio. Non abbiamo una coppia separata nel cammino, perché ha ricevuto gratis dal cielo lo spirito di Cristo Risorto. Questo Spirito che è capace di amare l'altro anche se l'altro ti uccide. Anzi ti crocifiggi per lui. "Amatevi come io vi ho amato, in questo amore conosceranno tutti che siete miei discepoli" dice Gesù. Dove stanno quei cristiani che si amano gli uni con gli altri così (nella dimensione della croce), che sono un segno, un sacramento. Io dissi al parroco dei Martiri Canadesi, guardi padre dice Cristo "Amatevi come io vi ho amato, in questo amore conosceranno tutti che siete miei discepoli", se noi formassimo nella sua parrocchia una comunità dove non ci sono più classi e divisioni, dove ci amiamo in questa dimensione dell'amore, qui non sapremmo più dove mettere la gente. Per arrivare a questa dimensione della fede bisogna crescere nella fede, andiamo a messa ma non abbiamo questa statura di fede, quella statura nella quale la nostra fede diventa segno visibile, sacramento. Allora cosa possiamo fare: apriamo un

10 cammino di riscoperta del battesimo perché al nostro battesimo, pianticella secca e inaridita, dobbiamo dare acqua per irrigarlo e farlo crescere. Dobbiamo sviluppare la ricchezza del Battesimo: il Battesimo infatti ci rende figli di Dio, ci dà una natura divina. Che cosa è la sostanza divina: "impronta della sua sostanza", ecco la sua sostanza (e mostra Cristo crocifisso). Tu credi che puoi amare così? Questa è la domanda! Tu che mi ascolti lo credi? No!... Perché non hai creduto! Io ti annunzio che Cristo ha dato la vita per te perché tu possa ricevere gratis questo spirito (e mostra Cristo crocifisso), lo Spirito Santo. Se tu lo ricevi già non vivrai più per te! Per esempio chi mi ha fatto andare nelle baracche: io non vivo più per me. Tu ti troverai per esempio in Africa: cioè non vivrai più per te. Ma tutto cambia nella tua vita perché adesso il tuo vivere è Cristo, vivi negli altri. Cristo ha rotto le barriere che ti obbligavano ad offrire tutto a te stesso. La famiglia come tu vuoi, il denaro, il lavoro. Sempre mormorando, sempre inquieto perché il peccato ti obbliga a che tutti ti devono amare perché tu sei Dio. E non ti amano, sei sempre maledetto, sei sempre sofferente. Ma chi poteva rompere le catene facendo sì che tu vivessi negli altri, che tu sei come Cristo, alter Cristus. Una nuova realtà, i cristiani hanno una nuova natura, hanno ricevuto da Dio la natura divina. Allora finisco dicendo c'è un primo angelo e c'è una prima donna, Eva, ma c'è un secondo angelo che è l'arcangelo S. Gabriele e c'è una seconda Eva alla quale l'arcangelo Gabriele dice: rallegrati Maria piena dell'amore di Dio, in te va a nascere il salvatore. La chiesa dice che Maria è l'immagine di ogni cristiano e che la fede viene per l'annunzio della parola. Io sono oggi per te l'arcangelo Gabriele e tu sei Maria. E io ti dico rallegrati perché Dio vuole far nascere in te Cristo. Per questo dice Cristo chi ascolta la mia parola è mia madre (non dice mio padre), è mia madre. Perché attraverso l'annunzio la vergine Maria riceve lo Spirito Santo che accompagna l'annunzio. Su questa sala c'è una nuvola la shekinà della parola divina e sta aspettando che qualcuno di voi mi ascolti e che sia come la vergine Maria che dica si realizzi in me la tua parola. Fiat! Non è un si volontaristico pelagiano! Chi dice di voi oggi: Kiko è provvidenziale che siamo venuti a questo meeting di Rimini, veramente io accetto che si realizzi in me quello che tu stai dicendo. Ascoltami! La sostanza divina è che Dio è uno in te, vuole essere totalmente in te uno. Lo sta desiderando ma non può farlo senza di te. Se ti apri per un istante immediatamente lo Spirito Santo ti copre con la sua ombra come ha fatto con Maria e tu esci da questo incontro incinta. Le ragazze escono tutte incinte. Cioè usciamo di qua con una piccola pancetta e notiamo con sorpresa che effettivamente vado a casa e posso perdonare al marito, alla moglie, gratis. Grazie alla morte di Cristo, non per il mio impegno. La fede è un dono gratuito, la gloria la riceve Cristo. La gloria del Padre è stata manifestata in Cristo risuscitato, vincitore della morte. Che cosa toglie la gloria a Dio: la sofferenza degli innocenti, la morte, le malattie. Come Dio riceve gloria: Cristo ha dato gloria al Padre perché è venuto a distruggere la morte. Credi tu che puoi vivere eternamente? Tu credi che noi non moriamo più? Tu credi con S. Paolo che morire è meglio che vivere perché morire è andare con Cristo. Morire è andare con Cristo! Se muoio sotto una macchina e sono cristiano vado immediatamente con Cristo. Allora tutto ha senso: la vecchiaia, le malattie, la vecchiaia ci aiuta, ci fa umili. Cioè la vita ha un cambio totale. La cosa più grande, fratelli, guardate questa immagine, Cristo e Cristo crocifisso. Io prometto ai giovani che con Cristo voi potete amare così! Chi ti permette di amare così ti farà libero. Cioè che tu possa donare la tua vita come presenta l'eucarestia del Tabernacolo. Si è totalmente dato per noi Cristo. Un giovane mi ha detto: Kiko come io posso donarmi totalmente se sono un egoista cerco la vita dalle ragazze. Tu dici che davvero potrei dare la vita per tutti così. Guarda, gli ho detto io. Tu credi che il sangue di Cristo abbia un valore? Domani quando vai ad una messa ed il prete alza il calice, pensa quel calice è il sangue di Cristo che ha dato per te perché tu possa ricevere dal cielo una nuova natura. E dice S. Paolo chi sta in Cristo è una nuova creazione, le cose vecchie sono passate, ne sono state create di nuove. Cioè oggi si creano cose nuove. Allora finisco dicendo oggi festa di Maria regina: "sia fatto in me secondo la tua parola". Ripetetelo con me "sia fatto in me secondo la tua parola". Interessante sapere chi non l'ha detto! Chi non l'ha detto. Perché a questo punto già è passato, se non l'avete detto non l'avete detto. Chi non l'ha detto o chi l'ha detto:"sia fatto in me secondo la tua parola". Come la vergine Maria. Bene fratelli coraggio perché il Signore vuole darti veramente se stesso attraverso lo Spirito Santo. E se è entrato dentro di noi lo Spirito di Cristo rende testimonianza al nostro spirito che Dio è amore, che è nostro padre, che siamo suoi figli e che siamo vivi, risorti con Lui, che non moriamo e catapulta la nostra vita a non vivere più per noi stessi ma a vivere per colui che è morto e risorto per noi. Preghiamo.

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri?

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? L annuncio della resurrezione di Gesù dai morti è il cuore della buona novella (vangelo) che gli apostoli hanno diffuso attraverso il mondo e per la quale

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Ma Lo Sai Tu Che...?

Ma Lo Sai Tu Che...? Ma Lo Sai Tu Che...? ...che il battesimo in acqua fatto nei titoli di Padre, Figlio e Spirito Santo (Matteo 28:19) per Dio non è valido? Tu dirai: Perché non è valido?. La risposta è semplice: Non è valido

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola. La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.it LETTERA AGLI EFESINI 1 1 Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO?

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? Ma lo Spirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, sviati dall'ipocrisia di uomini

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 "Quand'anche camminassi nella valle dell'ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone la tua verga mi danno sicurezza".

Dettagli

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Dio ha un piano di salvezza e redenzione per l'uomo caduto e Satana ha un piano per mantenere l'uomo caduto in questo stato. L'intero piano di Satana è costruito attorno

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco BENEDIZIONE Parrocchia Natività di Maria Vergine - Gorle CANTO: Ho toccato il fuoco Ho toccato il fuoco con le mani: era il vecchio sogno di un bambino, sono io colui che accende i fuochi, sono il vento

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia.

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. 5 aprile 2015 DOMENICA DI PASQUA RISURREZIONE DEL SIGNORE L annuncio pasquale risuona oggi nella Chiesa: Cristo è risorto, egli vive al di là della

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole 0) Auguri alla Francy I) Annuncio dell incontro del Primo Marzo, ore 15, con possibilità di cenare, sul Bene Comune, giornata mondiale del Bene

Dettagli

Vita Abbondante. Corrado Salmé. Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10).

Vita Abbondante. Corrado Salmé. Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10). Vita Abbondante Corrado Salmé Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10). Nessuno uomo ha mai potuto dire queste parole, perché nessun uomo

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA

SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA 1 INCONTRO LA PAROLA: dal Vangelo secondo Luca 23, 33-49 La domanda che nasce spontanea dalla lettura del testo sembra quasi banale: Ma come puoi tu portare salvezza, portare

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli