AGRICOLTURA. quaderni di statistica. a cura dell'ufficio statistica e studi camera di commercio di forlì-cesena

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGRICOLTURA. quaderni di statistica. a cura dell'ufficio statistica e studi camera di commercio di forlì-cesena"

Transcript

1 quaderni di statistica AGRICOLTURA 2007 * dati climatici * coltivazioni * uve D.O.C. e D.O.C.G. * mezzi di produzione * zootecnia * macellazioni * produzione lorda vendibile * imprese agricole iscritte al Registro Imprese * appendice a cura dell'ufficio statistica e studi camera di commercio di forlì-cesena

2

3 prefazione

4

5 LA PRODUZIONE LORDA VENDIBILE DELLA PROVINCIA: ANALISI DELLA SERIE STORICA Premessa La presente pubblicazione, facente parte della serie Quaderni di Statistica curata dall Ufficio Statistica e Studi della Camera di Commercio di Forlì-Cesena, contiene i dati relativi ad alcuni aspetti dell agricoltura provinciale dell anno 2007: il patrimonio boschivo, le coltivazioni, i mezzi di produzione, le macellazioni sia di grandi che di piccoli animali, il patrimonio zootecnico, la produzione lorda vendibile, le imprese agricole iscritte al Registro delle Imprese, e continua la serie storica più che trentennale sullo stesso argomento disponibile fin dal I dati sono pubblicati, quando disponibili, con il dettaglio comunale e i relativi raggruppamenti territoriali oppure, come nel caso della stima delle coltivazioni agricole, per zona altimetrica. LA PRODUZIONE LORDA VENDIBILE In questa introduzione viene aggiornata la serie storica della produzione lorda vendibile provinciale al 2007, ricalcolata dal 1996 in euro, elaborata ogni anno dall Ufficio Statistica e Studi in occasione della stesura del Rapporto sull economia della provincia. PRODUZIONE LORDA VENDIBILE IN AGRICOLTURA - SERIE STORICA - PROVINCIA DI FORLI'-CESENA VALORI ASSOLUTI importi in milioni di euro correnti Anni DESCRIZIONE COLTIVAZIONI ERBACEE di cui: Cereali Patate e ortaggi COLTIVAZIONI LEGNOSE di cui: - vite pesco e nettarine PRODOTTI ZOOTECNICI di cui: - bovini suini avicoli uova TOTALE GENERALE

6 In base alla stima della produzione agricola provinciale, fatta congiuntamente con l Assessorato Provinciale all Agricoltura e sulla base dei prezzi alla produzione rilevati nel corso dell anno dall Ufficio Prezzi della Camera di Commercio di Forlì-Cesena, il valore complessivo della produzione provinciale è stato di 614 milioni di euro. Essa risulta così distribuita nei tre grossi comparti: 148 milioni di euro (pari al 24%) sono relativi alle coltivazioni erbacee; 141 milioni alle produzioni frutticole (il 23%) e 325 milioni di euro per l intero settore zootecnico (pari al 52,9% del totale della produzione provinciale). PRODUZIONE LORDA VENDIBILE IN AGRICOLTURA - SERIE STORICA - PROVINCIA DI FORLI'-CESENA TAVOLA SINTETICA - VARIAZIONI: con 1996=100- (valori non deflazionati) DESCRIZIONE COLTIVAZIONI ERBACEE 100,0 90,5 112,4 110,5 83,2 94,0 di cui: Cereali 100,0 89,7 100,2 86,8 106,8 153,6 Patate e ortaggi 100,0 87,9 135,1 105,3 91,5 96,8 COLTIVAZIONI LEGNOSE 100,0 92,7 108,9 101,9 137,2 142,2 di cui: - vite 100,0 180,0 116,2 148,4 135,5 142,0 - pesco e nettarine 100,0 59,2 94,0 80,8 141,0 137,2 PRODOTTI ZOOTECNICI 100,0 83,3 95,3 88,6 93,8 122,0 di cui: - bovini 100,0 100,0 101,9 81,5 91,7 81,5 - suini 100,0 67,3 78,2 59,6 63,3 55,9 - avicoli 100,0 81,5 88,6 84,9 85,5 125,1 - uova 100,0 92,8 116,9 106,4 125,6 153,5 TOTALE GENERALE 100,0 87,3 103,0 97,7 98,8 117,4 I prezzi dei prodotti venduti dalle aziende, nel 2007 sono aumentati complessivamente del 15,4% ed il volume fisico delle produzioni è complessivamente aumentato (+3,8%), l apporto maggiore è derivato soprattutto dall aumento delle produzioni zootecniche (+11,6%), mentre quelle vegetali sono diminuite rispetto allo scorso anno, causa la scarse precipitazioni che hanno provocato, nel comparto frutticolo, frutti con pezzatura più ridotta. Infatti ad una produzione sostanzialmente stazionaria nelle coltivazioni erbacee (-0,3%), fa riscontro una accentuata diminuzione nelle produzioni frutticole (-6,9%). Se si analizza un arco di tempo più lungo di quello dell anno, dal 1996 al 2007, la produzione agricola nel suo complesso, considerata a prezzi correnti, cioè a valori non deflazionati, è aumentata del 17,4%; il comparto delle coltivazioni erbacee, nonostante l ottima performance 6

7 dei cereali nell anno 2007, risulta ancora penalizzato (-6%); buon recupero delle coltivazioni legnose nel loro insieme (+42,2%); diversificato fra le varie componenti il settore zootecnico con un aumento dal 1996 al 2007 del valore nominale delle produzioni del +22%: ad una positivo andamento dell avicoltura fa riscontro una pesante situazione per bovini e suini. Nello stesso arco di tempo, se si depura il valore complessivo della produzione agricola della perdita del potere d acquisto dovuta all inflazione rilevata dall Istat (+25,1%), il valore complessivo della produzione agricola del 2007 è ancora inferiore a quello del 1996 con una riduzione del -6,2%. Solo le coltivazioni legnose hanno un valore della produzione superiore a quello di inizio periodo (13,6 %). PRODUZIONE LORDA VENDIBILE IN AGRICOLTURA - SERIE STORICA - PROVINCIA DI FORLI'-CESENA TAVOLA SINTETICA - VARIAZIONI: con 1996=100- (valori deflazionati) indici su valori in euro DESCRIZIONE COLTIVAZIONI ERBACEE 100,0 86,0 98,8 91,6 67,6 75,1 di cui: Cereali 100,0 85,2 88,1 72,0 86,8 122,7 Patate e ortaggi 100,0 83,5 118,8 87,3 74,4 77,4 COLTIVAZIONI LEGNOSE 100,0 88,1 95,8 84,4 111,5 113,6 di cui: - vite 100,0 171,1 102,2 123,1 110,2 113,5 - pesco e nettarine 100,0 56,3 82,7 67,0 114,6 109,7 PRODOTTI ZOOTECNICI 100,0 79,2 83,8 73,4 76,3 97,5 di cui: - bovini 100,0 95,0 89,6 67,6 74,6 65,2 - suini 100,0 64,0 68,8 49,4 51,5 44,6 - avicoli 100,0 77,4 78,0 70,4 69,5 100,0 - uova 100,0 88,2 102,8 88,2 102,1 122,7 TOTALE GENERALE 100,0 82,9 90,6 81,0 80,3 93,8 7

8

9 dati climatici

10

11 TAB. AG.01 - DATI CLIMATICI TEMPERATURE E PRECIPITAZIONI ANNO 2007 qag01 TEMPERATURE MEDIE (gradi centigradi) PRECIPITAZIONI minime massime medie acqua (mm) frequenza (*) FORLI' - Centro storico - Palazzo Ammninistrazione Provinciale GENNAIO 4,3 10,1 7,2 5,4 2 FEBBRAIO 6,4 12,4 9,4 28,6 2 MARZO 8,4 15,0 11,7 132,0 9 APRILE 12,0 21,3 16,7 22,8 1 MAGGIO 16,4 26,0 21,2 11,4 3 GIUGNO 19,9 29,2 24,6 62,8 5 LUGLIO 21,9 32,3 27,1 6,8 1 AGOSTO 19,7 29,1 24,4 61,2 6 SETTEMBRE 14,9 24,2 19,5 36,4 5 OTTOBRE 11,6 17,9 14,8 132,2 12 NOVEMBRE 6,2 11,9 9,1 14,6 3 DICEMBRE 2,7 7,9 5,3 64,2 4 CESENA - Stazione di Martorano 5 GENNAIO 2,9 11,3 7,1 12,0 3 FEBBRAIO 4,1 13,5 8,8 30,8 6 MARZO 6,2 16,5 11,4 141,4 11 APRILE 9,4 22,4 15,9 33,0 1 MAGGIO 14,0 26,4 20,2 51,2 4 GIUGNO 17,6 29,3 23,5 57,2 5 LUGLIO 19,0 32,6 25,8 21,2 3 AGOSTO 17,5 29,4 23,5 105,4 5 SETTEMBRE 12,7 25,1 18,9 75,8 8 OTTOBRE 10,5 18,7 14,6 131,0 11 NOVEMBRE 4,2 12,9 8,6 19,8 4 DICEMBRE 1,2 8,9 5,1 59,4 8 Fonte: PROVINCIA FORLI'-CESENA - Serv. Prov.le Agricoltura - Ufficio Agricolo di Cesena (*) Si intende il numero di giorni nei quali sono caduti quantitativi di acqua > 1 mm. N.B.: Le eventuali precipitazioni nevose sono convertite in corrispondenti mm di acqua in quanto le stazioni di rilevazione sono dotate di bocca riscaldata. 11

12

13 coltivazioni Nota Bene: La somma delle stime per zone altimetriche (tabb. AG AG AG.03.5) è inferiore al dato della tabella relativa all'intera provincia (tab. AG.03.0) in quanto in quest'ultima sono compresi anche i dati di quelle colture stimate solo per l'intera provincia, senza la disaggregazione per zone altimetriche (orticole in serra, funghi e foraggere)

14 TAB. AG PATRIMONIO BOSCHIVO DISTINTO PER COMUNE E PER TIPO DI BOSCO SITUAZIONE AL qag11 superficie COMUNI totale SUPERFICIE BOSCATA (Ha) indice e zone altimetriche comunale (Ha) Fustaie Ceduo TOTALE di boscosità MONTAGNA Bagno di Romagna , , ,0 57,2 Portico S.Benedetto , , ,0 51,1 Premilcuore , , ,0 71,4 Santa Sofia , , ,5 61,6 Verghereto , , ,0 50,7 TOTALE MONTAGNA , , ,5 58,6 COLLINA Borghi ,0 101,0 285,0 9,5 Castrocaro-Terra d. Sole ,0 95,0 199,0 5,1 Civitella di Romagna , , ,0 24,5 Dovadola ,0 411,0 940,0 24,2 Galeata , , ,0 47,2 Meldola ,0 191,0 271,0 3,4 Mercato Saraceno , , ,0 18,0 Modigliana , , ,0 21,2 Montiano 930 2,0 0,0 2,0 0,2 Predappio , , ,0 20,3 Rocca S.Casciano , , ,0 37,8 Roncofreddo ,0 51,0 161,0 3,1 Sarsina , , ,0 48,7 Sogliano al Rubicone ,0 656, ,0 14,4 Tredozio , , ,0 42,6 TOTALE COLLINA , , ,0 23,7 PIANURA Bertinoro ,0 43,0 94,0 1,7 Cesena ,0 397,0 566,0 2,3 Cesenatico ,0 0,0 14,0 0,3 Forlì ,0 26,0 100,0 0,4 Forlimpopoli ,0 0,0 9,0 0,4 Gambettola 777 0,0 0,0 0,0 0,0 Gatteo ,0 0,0 0,0 0,0 Longiano ,0 4,0 19,0 0,8 San Mauro Pascoli ,0 4,0 9,0 0,5 Savignano sul Rubicone ,0 5,0 6,0 0,3 TOTALE PIANURA ,0 479,0 817,0 1,2 TOTALE PROVINCIA , , ,5 26,8 FONTE: Corpo Forestale dello Stato - Coordinamento prov.le di Forlì 14

15 TAB.AG SUPERFICIE BOSCATA PER CATEGORIA DEI PROPRIETARI (ettari) MONTAGNA Situazione al qas11a TIPO DI BOSCO Stato Comuni Altri Enti Privati Totale FUSTAIE PURE DI RESINOSE 1.387,0 20,0 19,0 833, ,0 Abete bianco 606,0 16,0 3,0 194,0 819,0 Abete rosso 97, ,0 109,0 Larice 4, ,0 Pino Silvestre 144,0-16,0 395,0 555,0 Pino laricio 374, ,0 583,0 Pino marittimo Altri Pini 64,0 4, ,0 Altre resinose 98, ,0 121,0 FUSTAIE MISTE DI RESINOSE 578,0 4,0 79,0 966, ,0 TOTALE FUSTAIE DI RESINOSE 1.965,0 24,0 98, , ,0 - FUSTAIE PURE DI LATIFOGLIE 1.704,0 187,0 141, , ,0 Sughera Rovere - - 3,0-3,0 Cerro 4, ,0 25,0 Altre querce 33, ,0 36,0 Castagno da frutto 19,0-22,0 434,0 475,0 Castagno normale 70,0-22,0 434,0 526,0 Faggio 1.575,5 187,0 94,0 143, ,5 Pioppi 2, ,0 Altre latifoglie 1, ,0 52,0 FUSTAIE MISTE DI LATIFOGLIE 1.494, , ,0 TOTALE FUSTAIE DI LATIFOGLIE 3.198,0 187,0 141, , ,0 - FUSTAIE DI RESINOSE E LATIF ,0-228,0 829, ,0 T O T A L E F U S T A I E ,5 211,0 467, , ,5 CEDUI SEMPLICI PURI 1.171, , ,0 Quercia 3, , ,0 Castagno 2, ,0 220,0 Faggio 1.115, , ,0 Altre latifoglie 51, ,0 60,0 CEDUI SEMPLICI MISTI ,0 9,0 766, , ,0 TOTALE CEDUI SEMPLICI ,0 9,0 766, , ,0 CEDUI COMPOSTI PURI 291,0-45, , ,0 Quercia ,0 426,0 446,0 Castagno ,0 86,0 Faggio 291, , ,0 Altre latifoglie ,0 125,0 150,0 CEDUI COMPOSTI MISTI ,0 375,0 456,0 Latifoglie ,0 375,0 456,0 Sotto fustaie di resinose TOTALE CEDUI COMPOSTI 291,0-126, , ,0 T O T A L E C E D U I ,0 9,0 892, , ,0 TOTALE BOSCHI ,5 220, , , ,5 FONTE: Corpo Forestale dello Stato - Coordinamento prov.le di Forlì 15

16 TAB.AG SUPERFICIE BOSCATA PER CATEGORIA DEI PROPRIETARI (ettari) PROVINCIA DI FORLI'-CESENA Situazione al qag11d TIPO DI BOSCO Stato Comuni Altri Enti Privati Totale FUSTAIE PURE DI RESINOSE 1.571,0 20,0 42, , ,0 Abete bianco 606,0 16,0 3,0 199,0 824,0 Abete rosso 105, ,0 126,0 Larice 4, ,0 Pino Silvestre 147,0-24,0 648,0 819,0 Pino laricio 374,0-4,0 497,0 875,0 Pino marittimo ,0 2,0 Altri Pini 195,0 4,0 9,0 581,5 789,5 Altre resinose 140,0-2,0 141,0 283,0 FUSTAIE MISTE DI RESINOSE 852,0 7,0 190, , ,0 TOTALE FUSTAIE DI RESINOSE 2.423,0 27,0 232, , ,5 FUSTAIE PURE DI LATIFOGLIE 1.852,0 188,0 188, , ,0 Sughera Rovere - - 4,0 5,0 9,0 Cerro 45, ,0 72,0 Altre querce 34,0 1,0 7,0 201,0 243,0 Castagno da frutto 28,0-41,0 672,0 741,0 Castagno normale 80,0-41,0 672,0 793,0 Faggio 1.659,5 187,0 94,0 152, ,5 Pioppi 3, ,0 183,0 Altre latifoglie 3,0-1,0 385,0 389,0 FUSTAIE MISTE DI LATIFOGLIE 1.731,0-13, , ,0 TOTALE FUSTAIE DI LATIFOGLIE 3.583,0 188,0 201, , ,0 FUSTAIE DI RESINOSE E LATIF ,0-520, , ,5 T O T A L E F U S T A I E ,5 215,0 953, , ,5 CEDUI SEMPLICI PURI 1.309,0-81, , ,0 Quercia 9,0-80, , ,0 Castagno 5, ,0 263,0 Faggio 1.138, , ,0 Altre latifoglie 157,0-1,0 101,0 259,0 CEDUI SEMPLICI MISTI ,0 13, , , ,0 TOTALE CEDUI SEMPLICI ,0 13, , , ,0 CEDUI COMPOSTI PURI 291,0-172, , ,0 Quercia ,0 842,0 862,0 Castagno ,0 275,0 Faggio 291, , ,0 Altre latifoglie ,0 173,0 325,0 - CEDUI COMPOSTI MISTI ,0 542,0 623,0 Latifoglie ,0 530,0 611,0 Sotto fustaie di resinose ,0 12,0 TOTALE CEDUI COMPOSTI 291,0-253, , ,0 T O T A L E C E D U I ,0 13, , , ,0 TOTALE BOSCHI ,5 228, , , ,5 FONTE: Corpo Forestale dello Stato - Coordinamento prov.le di Forlì 16

17 TAB.AG SUPERFICIE BOSCATA PER CATEGORIA DEI PROPRIETARI (ettari) COLLINA Situazione al qag11b TIPO DI BOSCO Stato Comuni Altri Enti Privati Totale FUSTAIE PURE DI RESINOSE 184,0-23, , ,0 Abete bianco ,0 5,0 Abete rosso 8, ,0 17,0 Larice ,0 Pino Silvestre 3,0-8,0 253,0 264,0 Pino laricio - - 4,0 288,0 292,0 Pino marittimo ,0 2,0 Altri Pini 131,0-9,0 581,5 721,5 Altre resinose 42,0-2,0 118,0 162,0 FUSTAIE MISTE DI RESINOSE 274,0 3,0 111, , ,0 TOTALE FUSTAIE DI RESINOSE 458,0 3,0 134, , ,5 FUSTAIE PURE DI LATIFOGLIE 148,0 1,0 46, , ,0 Sughera ,0 Rovere - - 1,0 2,0 3,0 Cerro 41, ,0 47,0 Altre querce 1,0 1,0 7,0 196,0 205,0 Castagno da frutto 9,0-19,0 231,0 259,0 Castagno normale 10,0-19,0 231,0 260,0 Faggio 84, ,0 93,0 Pioppi 1, ,0 114,0 Altre latifoglie 2, ,0 265,0 FUSTAIE MISTE DI LATIFOGLIE 237,0-13, , ,0 TOTALE FUSTAIE DI LATIFOGLIE 385,0 1,0 59, , ,0 FUSTAIE DI RESINOSE E LATIF. 268,0-292, , ,5 T O T A L E F U S T A I E 1.111,0 4,0 485, , ,0 CEDUI SEMPLICI PURI 138,0-81, , ,0 Quercia 6,0-80, , ,0 Castagno 3, ,0 43,0 Faggio 23, ,0 46,0 Altre latifoglie 106,0-1,0 85,0 192,0 CEDUI SEMPLICI MISTI 926,0 4, , , ,0 TOTALE CEDUI SEMPLICI 1.064,0 4, , , ,0 CEDUI COMPOSTI PURI ,0 668,0 795,0 Quercia ,0 416,0 Castagno ,0 189,0 Faggio ,0 15,0 Altre latifoglie ,0 48,0 175,0 CEDUI COMPOSTI MISTI ,0 167,0 Latifoglie ,0 155,0 Sotto fustaie di resinose ,0 12,0 TOTALE CEDUI COMPOSTI ,0 835,0 962,0 T O T A L E C E D U I 1.064,0 4, , , ,0 TOTALE BOSCHI 2.175,0 8, , , ,0 FONTE: Corpo Forestale dello Stato - Coordinamento prov.le di Forlì 17

18 TAB.AG SUPERFICIE BOSCATA PER CATEGORIA DEI PROPRIETARI (ettari) PIANURA Situazione al qag11c TIPO DI BOSCO Stato Comuni Altri Enti Privati Totale FUSTAIE PURE DI RESINOSE Abete bianco Abete rosso Larice Pino Silvestre Pino laricio Pino marittimo Altri Pini Altre resinose FUSTAIE MISTE DI RESINOSE ,0 62,0 TOTALE FUSTAIE DI RESINOSE ,0 62,0 FUSTAIE PURE DI LATIFOGLIE - - 1,0 157,0 158,0 Sughera Rovere ,0 3,0 Cerro Altre querce ,0 2,0 Castagno da frutto ,0 7,0 Castagno normale ,0 7,0 Faggio Pioppi ,0 67,0 Altre latifoglie - - 1,0 71,0 72,0 FUSTAIE MISTE DI LATIFOGLIE ,0 107,0 TOTALE FUSTAIE DI LATIFOGLIE - - 1,0 264,0 265,0 FUSTAIE DI RESINOSE E LATIF ,0 11,0 T O T A L E F U S T A I E - - 1,0 337,0 338,0 CEDUI SEMPLICI PURI ,0 11,0 Quercia ,0 4,0 Castagno Faggio Altre latifoglie ,0 7,0 CEDUI SEMPLICI MISTI ,0 456,0 468,0 TOTALE CEDUI SEMPLICI ,0 467,0 479,0 CEDUI COMPOSTI PURI Quercia Castagno Faggio Altre latifoglie CEDUI COMPOSTI MISTI Latifoglie Sotto fustaie di resinose TOTALE CEDUI COMPOSTI T O T A L E C E D U I ,0 467,0 479,0 TOTALE BOSCHI ,0 804,0 817,0 FONTE: Corpo Forestale dello Stato - Coordinamento prov.le di Forlì 18

19 TAB. AG STIMA PRINCIPALI COLTIVAZIONI PROVINCIA DI FORLI'-CESENA ANNO 2007 gruppo di colture codice coltura descrizione coltura per impianti non in produzione superficie per impianti in produzione produzione resa ettari ettari q.li o pezzi q.li/ha A erbacee annuali - cereali , ,96 D1 erbacee - orticole in pieno campo , (1) 238,51 D2 erbacee - orticole in serra - 569, (1) 444,95 E erbacee annuali - colture industriali , ,58 F1 floricole (fiori, fronde e foglie da recidere) - 247, (2) - F2 floricole (piante intere da vaso) (3) - G foraggere , (4) 220,44 K legnose agrarie e fruttiferi minori 2.748, , ,45 NOTE: TOTALE 2.748, ,00 (1) - la stima della superficie è comprensiva anche di quella relativa a colture ripetute sulla stessa area nella medesima annata; ciò vale soprattutto per le colture in serra, ed in misura minore, anche per le colture erbacee; (2) - per produzione delle coltivazioni floricole da recidere si intende il numero di pezzi prodotti in migliaia; (3) - per produzione delle coltivazioni floricole da vaso si intende il numero di piante prodotte; (4) - la produzione delle coltivazioni foraggere è espressa in q.li di foraggio fresco.; DETTAGLIO DELLE SINGOLE COLTURE A 1120 frumento tenero , ,20 A 1130 frumento duro - 780, ,54 A 1160 orzo , ,64 A 1180 avena - 270, ,04 A 1200 granoturco - 705, ,81 A 1211 sorgo da granella , ,71 A 1212 altri cereali - 83, ,87 D patata comune - 306, ,37 D piselli freschi - 82, ,56 D fagioli da sgusciare e fagiolino - 916, ,62 D fave fresche - 31, ,94 D agli e scalogno - 15, ,80 D cipolle - 90, ,44 D ravanelli - 35, ,00 D cavolfiori e cavoli broccoli - 33, ,91 D cavoli cappuccio - 34, ,94 D cavoli verza - 25, ,20 D sedani (da costa e sedano rapa) - 32, ,00 D lattughe - 583, ,94 D indivie - 111, ,74 D spinaci - 309, ,12 D pomodoro da industria - 300, ,00 D asparagi - 213, ,34 D radicchi o cicorie - 71, ,68 segue TAB.AG

20 (segue TAB. AG ANNO 2007) gru ppo di colt codice coltura descrizione coltura superficie per impianti non in produzione per impianti in produzione produzione resa ettari ettari q.li o pezzi q.li/ha D carciofi - 193, ,19 D cardi - 60, ,33 D finocchi - 130, ,00 D prezzemolo - 18, ,00 D pomodori (da mensa e da industria) - 75, ,00 D cetrioli da mensa - 28, ,00 D poponi o meloni - 22, ,00 D melanzane - 40, ,00 D zucchine e zucche - 188, ,04 D peperoni - 19, ,00 D fragole - 440, ,18 D fagioli da sgusciare e fagiolino - 20, ,00 D ravanelli - 22, ,00 D lattughe - 70, ,00 D indivie - 22, ,00 D asparagi - 13, ,00 D radicchi o cicorie - 8, ,00 D bietole da coste - 24, ,00 D prezzemolo - 2, ,00 D valeriana - 14, ,00 D basilico - 10, ,00 D pomodori (da mensa e da industria) - 45, ,00 D cetrioli da mensa - 62, ,00 D poponi o meloni - 3, ,00 D melanzane - 16, ,00 D zucchine e zucche - 15, ,00 D peperoni - 13, ,00 D fragole - 185, ,00 D altri ortaggi - 25, ,00 E 1320 pisello proteico - 392, ,48 E 1338 fave - 355, ,70 E 1430 semi oleosi di colza - 108, ,50 E 1450 semi oleosi di girasole - 750, ,93 E 1370 barbabietola da zucchero - 90, ,00 F calle - 6, ,00 F crisantemi multifiori - 1, ,00 F crisantemi uniflori - 2, ,00 F gigli - 1, ,00 F gladioli - 27, ,82 F rose - 42, ,00 F gypsophila - 160, ,00 F fronde verdi - 7, ,00 F anemoni F azalee F begonia - gloire de lorraine F ciclamini F crisantemi F croton F dieffenbachie F dracene F felci F ficus F gardenie F altre palme F ibischi segue TAB.AG

21 (segue TAB. AG ANNO 2007) gruppo di colture codice coltura descrizione coltura superficie per impianti non in produzione per impianti in produzione produzione resa ettari ettari q.li o pezzi q.li/ha F impatiens F marante F margherite F ortensie F pelargoni F philodendron F piante grasse F poinsettia F pothos F varie piante ornamentali F varie piante in vaso F spathiphillum F primule F rododendri F rose F saintpaulie G 2616 granoturco a maturazione cerosa , ,00 G 2618 orzo a maturazione cerosa - 55, ,00 G 2622 fava - 180, ,00 G 2630 altre specie - 180, ,00 G 2641 erba medica da seme , ,00 G 2646 altre specie da seme - 250, ,00 G 2711 prati permanenti asciutti , ,00 G 2721 altri pascoli , ,00 G 2722 alpeggi , ,00 K 2440 vite per uva da vino 977, , ,11 K 2450 olive 451,00 615, ,43 K 2090 mele 47,00 491, ,09 K 2095 pere 109,00 402, ,81 K 2180 pesche 130, , ,71 K 2190 albicocche 106, , ,55 K 2210 susine 192,00 929, ,34 K 2221 nettarine 418, , ,37 K 2200 ciliegie 53,00 220, ,86 K 2231 noci 68,00 66, ,42 K 2253 loti 27,00 562, ,01 K 2292 actinidia 170,00 602, ,18 Fonte: Servizio Agricoltura e Spazio Rurale Elaborazione: Ufficio Statistica e Studi Camera di Commercio di Forlì-Cesena 21

22 TAB. AG STIMA PRINCIPALI COLTIVAZIONI MONTAGNA (vedi nota di inizio capitolo) ANNO 2007 gruppo di colture codice coltura descrizione coltura superficie per impianti non in produzione per impianti in produzione produzione resa ettari ettari q.li o pezzi q.li/ha A erbacee annuali - cereali , ,81 D1 erbacee - orticole in pieno campo (1) - D2 erbacee - orticole in serra (1) - E erbacee annuali - colture industriali F1 floricole (fiori, fronde e foglie da recidere) (2) - F2 floricole (piante intere da vaso) (3) - G foraggere , (4) 85,22 K legnose agrarie e fruttiferi minori 95,00 130, ,35 NOTE: TOTALE 95, ,00 (1) - la stima della superficie è comprensiva anche di quella relativa a colture ripetute sulla stessa area nella medesima annata; ciò vale soprattutto per le colture in serra, ed in misura minore, anche per le colture erbacee; (2) - per produzione delle coltivazioni floricole da recidere si intende il numero di pezzi prodotti in migliaia; (3) - per produzione delle coltivazioni floricole da vaso si intende il numero di piante prodotte; (4) - la produzione delle coltivazioni foraggere è espressa in q.li di foraggio fresco.; DETTAGLIO DELLE SINGOLE COLTURE A 1160 orzo , ,00 A 1180 avena - 70, ,00 A 1212 altri cereali - 10, ,00 G 111A erbai monofiti (montagna) , ,00 G 311A prati permanenti asciutti (montagna) , ,00 G 331A pascoli (montagna) , ,00 K 2440 vite per uva da vino 45,00 73, ,00 K 2090 mele 2,00 8, ,00 K 2190 albicocche 2,00 6, ,00 K 2210 susine 8,00 12, ,00 K 2200 ciliegie 5,00 8, ,00 K 2231 noci 33,00 23, ,00 Fonte: Provincia di Forlì-Cesena - Servizio Agricoltura e Spazio Rurale Elaborazione: Ufficio Statistica e Studi Camera di Commercio di Forlì-Cesena 22

23 TAB. AG STIMA PRINCIPALI COLTIVAZIONI COLLINA (vedi nota di inizio capitolo) ANNO 2007 gruppo di colture codice coltura descrizione coltura superficie per impianti non in produzione per impianti in produzione produzione resa ettari ettari q.li o pezzi q.li/ha A erbacee annuali - cereali , ,41 D1 erbacee - orticole in pieno campo - 626, (1) 161,81 D2 erbacee - orticole in serra (1) - E erbacee annuali - colture industriali - 680, ,96 F1 floricole (fiori, fronde e foglie da recidere) (2) - F2 floricole (piante intere da vaso) (3) - G foraggere , (4) 126,53 K legnose agrarie e fruttiferi minori 1.195, , ,08 NOTE: TOTALE 1.195, ,00 (1) - la stima della superficie è comprensiva anche di quella relativa a colture ripetute sulla stessa area nella medesima annata; ciò vale soprattutto per le colture in serra, ed in misura minore, anche per le colture erbacee; (2) - per produzione delle coltivazioni floricole da recidere si intende il numero di pezzi prodotti in migliaia; (3) - per produzione delle coltivazioni floricole da vaso si intende il numero di piante prodotte; (4) - la produzione delle coltivazioni foraggere è espressa in q.li di foraggio fresco.; DETTAGLIO DELLE SINGOLE COLTURE A 1120 frumento tenero , ,00 A 1130 frumento duro - 380, ,00 A 1160 orzo , ,37 A 1180 avena - 200, ,10 A 1200 granoturco - 305, ,62 A 1211 sorgo da granella - 730, ,10 A 1212 altri cereali - 40, ,00 D patata comune - 88, ,00 D piselli freschi - 30, ,40 D fagioli da sgusciare e fagiolino - 106, ,44 D fave fresche - 11, ,00 D agli e scalogno - 8, ,00 D cipolle - 10, ,00 D cavolfiori e cavoli broccoli - 10, ,00 D cavoli cappuccio - 6, ,00 D cavoli verza - 6, ,00 D lattughe - 28, ,00 D indivie - 21, ,05 D spinaci - 29, ,00 D asparagi - 28, ,00 D radicchi o cicorie - 11, ,00 D carciofi - 118, ,68 D cardi - 16, ,00 D zucchine e zucche - 60, ,00 D fragole - 40, ,00 E 1320 pisello proteico - 102, ,00 E 1338 fave - 260, ,50 segue TAB.AG

24 (segue TAB. AG ANNO 2007) gruppo di colture codice coltura descrizione coltura per impianti non in produzione superficie per impianti in produzione produzione resa ettari ettari q.li o pezzi q.li/ha E 1430 semi oleosi di colza - 18, ,00 E 1450 semi oleosi di girasole - 300, ,33 G 111B erbai monofiti (collina) , ,09 G 311B prati permanenti asciutti (collina) , ,00 G 331B pascoli (collina) , ,00 K 2440 vite per uva da vino 375, , ,47 K 2450 olive 321,00 380, ,46 K 2090 mele 16,00 18, ,00 K 2095 pere 23,00 24, ,00 K 2180 pesche 41,00 617, ,02 K 2190 albicocche 35,00 290, ,99 K 2210 susine 103,00 206, ,94 K 2221 nettarine 158,00 144, ,56 K 2200 ciliegie 34,00 127, ,43 K 2231 noci 27,00 30, ,27 K 2253 loti 9,00 49, ,14 K 2292 actinidia 53,00 230, ,00 Fonte: Provincia di Forlì - Servizio Agricoltura e Spazio Rurale Elaborazione: Ufficio Statistica e Studi Camera di Commercio di Forlì-Cesena 24

25 TAB. AG STIMA PRINCIPALI COLTIVAZIONI PIANURA (vedi nota di inizio capitolo) ANNO 2007 gruppo di colture codice coltura descrizione coltura superficie per impianti non in produzione per impianti in produzione produzione resa ettari ettari q.li o pezzi q.li/ha A erbacee annuali - cereali , ,07 D1 erbacee - orticole in pieno campo , (1) 251,21 D2 erbacee - orticole in serra (1) - E erbacee annuali - colture industriali , ,40 F1 floricole (fiori, fronde e foglie da recidere) (2) - F2 floricole (piante intere da vaso) (3) - G foraggere (4) - K legnose agrarie e fruttiferi minori 1.458, , ,28 NOTE: TOTALE 1.458, ,00 (1) - la stima della superficie è comprensiva anche di quella relativa a colture ripetute sulla stessa area nella medesima annata; ciò vale soprattutto per le colture in serra, ed in misura minore, anche per le colture erbacee; (2) - per produzione delle coltivazioni floricole da recidere si intende il numero di pezzi prodotti in migliaia; (3) - per produzione delle coltivazioni floricole da vaso si intende il numero di piante prodotte; (4) - la produzione delle coltivazioni foraggere è espressa in q.li di foraggio fresco.; DETTAGLIO DELLE SINGOLE COLTURE A 1130 frumento duro - 400, ,00 A 1160 orzo - 900, ,00 A 1200 granoturco - 400, ,00 A 1211 sorgo da granella , ,00 A 1212 altri cereali - 33, ,00 D patata comune - 218, ,00 D piselli freschi - 52, ,00 D fagioli da sgusciare e fagiolino - 810, ,00 D fave fresche - 20, ,00 D agli e scalogno - 7, ,00 D cipolle - 80, ,00 D ravanelli - 35, ,00 D cavolfiori e cavoli broccoli - 23, ,00 D cavoli cappuccio - 28, ,00 D cavoli verza - 19, ,00 D sedani (da costa e sedano rapa) - 32, ,00 D lattughe - 555, ,00 D indivie - 90, ,00 D spinaci - 280, ,00 D pomodoro da industria - 300, ,00 D asparagi - 185, ,80 D radicchi o cicorie - 60, ,00 D carciofi - 75, ,00 D cardi - 44, ,00 D finocchi - 130, ,00 D prezzemolo - 18, ,00 D pomodori (da mensa e da industria) - 75, ,00 segue TAB.AG

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :07/07/2015 num :15.105

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :07/07/2015 num :15.105 Centro Agroalimentare Roma Via Tenuta del Cavaliere, 1-00012 Guidonia-Montecelio (RM) Tel: 06.60.50.12.01 - Fax : 06.60.50.12.75 www.agroalimroma.it LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :07/07/2015 num

Dettagli

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :02/07/2015 num :15.102

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :02/07/2015 num :15.102 Centro Agroalimentare Roma Via Tenuta del Cavaliere, 1-00012 Guidonia-Montecelio (RM) Tel: 06.60.50.12.01 - Fax : 06.60.50.12.75 www.agroalimroma.it LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :02/07/2015 num

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO prot. 6513 del 18 novembre 2014 Disposizioni nazionali di applicazione del regolamento (UE) n. 1307/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013 VISTO il regolamento (CE) n.

Dettagli

Gennaio. Gennaio in cucina

Gennaio. Gennaio in cucina Nel proporre questo calendario culinario ci siamo ispirati a Vincenzo Tanara e alla sua opera Economia del cittadino in villa. Tanara, studioso di scienze naturali ed agricoltura, vissuto nell'area bolognese,

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 giunta regionale Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 Allegato 1 Bacini viticoli omogenei veneti Elenco n descrizione 1 della pianura veneziana del Veneto orientale 2 della pianura

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

La forza della Natura

La forza della Natura INSETTICIDA DI DERIVAZIONE NATURALE La forza della Natura Insetticida di derivazione naturale a base di Spinosad efficace contro i più comuni parassiti dannosi Oltre 00 colture registrate Autorizzato in

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1

La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1 La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1 Loredana De Gaetano 2 Sommario Lo scopo della tipologia comunitaria consiste nel fornire uno

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

La nuova PAC: le scelte nazionali

La nuova PAC: le scelte nazionali Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Direzione generale delle politiche internazionali e dell'unione Europea La nuova PAC: le scelte nazionali Regolamento (UE)

Dettagli

Protocollo Ortaggi. n.3 Anno II 28.04.2003. IASMA Notizie

Protocollo Ortaggi. n.3 Anno II 28.04.2003. IASMA Notizie ortoflorofrutticoltura 1 IASMA Notizie IASMA Notizie n.3 Anno II 28.04.2003 Notiziario del Centro per l assistenza tecnica dell Istituto Agrario di S. Michele all Adige IASMA Notizie N. 18 - Spedizione

Dettagli

RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI SU ORTOFRUTTICOLI FRESCHI ED IN ALTRE MATRICI ALIMENTARI, CAMPIONATI IN EMILIA-ROMAGNA NELL'ANNO 2007

RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI SU ORTOFRUTTICOLI FRESCHI ED IN ALTRE MATRICI ALIMENTARI, CAMPIONATI IN EMILIA-ROMAGNA NELL'ANNO 2007 Sezione Provinciale di Ferrara Sede Operativa: Via Bologna,534 44100 Chiesuol del Fosso (Fe) Tel. 0532 901211 Fax 0532 901241 RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI SU ORTOFRUTTICOLI FRESCHI ED IN ALTRE MATRICI

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato

Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato Struttura e produzioni Le statistiche strutturali relative ai vini Dop e Igp utilizzate nella presente analisi si basano sui dati provenienti dagli

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

La nuova OCM ortofrutta e la sua applicazione in Italia

La nuova OCM ortofrutta e la sua applicazione in Italia FORUM INTERNAZIONALE DELL AGRICOLTURA E DELL ALIMENTAZIONE POLITICHE EUROPEE SVILUPPO TERRITORIALE MERCATI La nuova OCM ortofrutta e la sua applicazione in Italia Gabriele Canali Working paper n. 4 Luglio

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Assistenti Tecnici N14. x x x x. x x x. Trenti Bosi Lavori. Versa ri, 1 S E T T I M A N A 2 S E T T I M A N A

Assistenti Tecnici N14. x x x x. x x x. Trenti Bosi Lavori. Versa ri, 1 S E T T I M A N A 2 S E T T I M A N A PO PRVVO DLL COLVZO DLL V PRCH DLL O COLCO 2013/2014 Per la scelta delle varietà, quantità e modalità si rimanda alla programmazione settimanale. Va tenuto conto che le colture possono subire variazioni

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale IT 2014 n. 08 Relazione speciale La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? CORTE DEI CONTI EUROPEA CORTE DEI CONTI EUROPEA 12,

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

Premessa. Riferimenti normativi

Premessa. Riferimenti normativi Circolare esplicativa relativa alle attività con emissioni in atmosfera scarsamente rilevanti art. 272 c. 1 del d.lgs 152/06 come modificato dal d.lgs 128/2010. Premessa L entrata in vigore del d.lgs 128/2010

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Acronimo: CoVAL Ente Proponente: Università degli Studi di Milano,

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128)

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06 (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Impianti e attività in deroga. Parte I Impianti ed attività di cui all'articolo

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

A L L E G A T O 1 ELENCO DEI PRODOTTI CUI SI APPLICANO I LIMITI MASSIMI DI RESIDUI CONSENTITI

A L L E G A T O 1 ELENCO DEI PRODOTTI CUI SI APPLICANO I LIMITI MASSIMI DI RESIDUI CONSENTITI A L L E G A T O 1 ELENCO DEI PRODOTTI CUI SI APPLICANO I LIMITI MASSIMI DI RESIDUI CONSENTITI Parte A: Elenco dei prodotti di origine vegetale e parti di essi cui si applicano i. Parte B: Elenco dei cereali

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI

ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI (i prodotti DOP e IGP che l OEA è tenuto ad offrire sono evidenziati in grassetto e sottolineati) REQUISITI QUALITATIVI DI CARATTERE GENERALE

Dettagli

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE"

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F AGROAMBIENTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE Piano di Sviluppo Rurale GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE" PREMESSA Il calcolo dei livelli di aiuto è stato effettuato secondo

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b Schema presentazione La produzione di latte ovino Il costo di produzione del latte ovino: Costi aziendali Costi di sistema Interazione fra prezzo, costi di

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO

CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO parte edibile) Milza, bovino 42.0000 Fegato, suino 18.0000 Tè, in foglie 15.2000 Cacao, amaro in polvere 14.3000 Crusca di frumento 12.9000 Fegato, ovino 12.6000 Storione,

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA

FRIULI VENEZIA GIULIA FRIULI VENEZIA GIULIA AZ.AGR. BASTIANIC Sauvignon doc da uve sauvignon Ribolla gialla doc da uve ribolla Vespa igt Plus doc da uve friulano AZ AGR VIE DEI ROMANS (GO) Dolèè friulano piere sauvignon Dessimis

Dettagli

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole,

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, macchina monoseme ha 63,00 Con concimazione localizzata ha

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente.

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente. Direzione Ambiente Linee guida per la verifica dei fabbisogni irrigui, la revisione delle concessioni e il calcolo dei riparti in condizioni di magra Quant4 Software di calcolo dei fabbisogni irrigui comprensoriali

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 18 35 AVVERTENZA

31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 18 35 AVVERTENZA 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 18 35 AVVERTENZA Art. 8 - Ulteriori indicazioni Art. 9 - Targa identificativa Si pubblica di seguito il testo del regolamento emanato con decreto

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli