NATURA 2000 FORMULARIO STANDARD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NATURA 2000 FORMULARIO STANDARD"

Transcript

1 NATUA 2000 FOMULAO STANA PE ZONE POTEZONE SPEALE (ZPS) PE ZONE POPONBL PE UNA ENTFAZONE OME ST MPOTANZA OMUNTAA (S) E PE ZONE SPEAL ONSEVAZONE (ZS) 1. ENTFAZONE EL STO 1.1. TPO 1.2. OE STO 1.3. ATA OMPLAZONE 1.4. AGGONAMENTO E T A Y Y Y Y M M Y Y Y Y M M 1.5. APPOT ON ALT ST NATUA 2000: NATUA 2000 OE ST NATUA 2000 OE ST T A ESPONSABLE(): Ministero dell'ambiente e Tutela del Territorio - irezione onservazione della Natura, Via apitan Bavastro 174, oma. Giorgio Sabella (nvertebrati) ipartimento di Biologia Animale M. La Greca Università di atania. enzo entile (Avifauna) ipartimento di Biologia Animale M. La Greca Università di atania. Maurizio Siracusa (Mammiferi) ipartimento di Biologia Animale M. La Greca Università di atania. Giuseppe Fabrizio Turrisi (Erpetofauna, nvertebrati) ipartimento di Biologia Animale M. La Greca Università di atania. Giardina Girolamo (Flora e Vegetazione), Viale L. Bolano 40, atania. Fabio Papini (Aspetti cartografici) 1.7. NOME STO: Foce del Fiume rminio 1.8. LASSFAZONE STO E ATE ESGNAZONE/LASSFAZONE ATA POPOSTA STO OME S: ATA ONFEMA OME S: Y Y Y Y M M Y Y Y Y M M ATA LASSFAZONE STO OME ZPS: ATA ESGNAZONE STO OME ZS: Y Y Y Y M M Y Y Y Y M

2 2.LOALZZAZONE STO 2.1. LOALZZAZONE ENTO STO LONGTUNE LATTUNE E W/E (Greenwich) 2.2. AEA(ha): 2.3. LUNGHEZZA STO(Km): ALTEZZA (m): MN MAX MEA 2.5. EGONE AMMNSTATVE: OE NUTS NOME EGONE %OPETA T A Sicilia Zona marina non coperta da regioni NUTS 2.6. EGONE BO-GEOGAFA: X Boreale Alpina Atlantica ontinentale Macaronesica Mediterranea

3 3. NFOMAZON EOLOGHE 3.1. Tipi di HABTAT presenti nel sito e relativa valutazione del sito: TP HABTAT ALLEGATO : OE % OPETA APESENTATVTA SUPEFE GAO VALUTAZONE ELATVA ONSEVAZONE GLOBALE B B A A A A B B A A B 9 2 A 0 5 A A copiare la pagina se necessario

4 3.2. SPEE di cui all'articolo 4 della irettiva 79/409/EE e elencate nell'allegato della irettiva 92/43/EE e relativa valutazione del sito in relazione alle stesse:

5 3.2.a. Uccelli migratori abituali elencati nell'allegato 1 della irettiva 79/409/EE OE NOME POPOLAZONE VALUTAZONE STO Popolazione onservaz solam Globale STANZ. MGATOA iprod. Svern. Stazion. A Alcedo atthis A Ardea purpurea A Ardeola ralloides A Burhinus oedicnemus P P A haradrius alexandrinus A ircus aeruginosus 1-3 A Egretta garzetta 0-2 A Hieraaetus pennatus 0-2 i P B A xobrychus minutus P A Larus audouinii A Larus genei A Larus melanocephalus P P A Nycticorax nycticorax A Pluvialis apricaria i B B A Sterna sandvicensis A Tringa glareola A B A B A B A B 3.2.b. Uccelli migratori abituali non elencati nell'allegato della irettiva 79/409/EE OE NOME POPOLAZONE VALUTAZONE STO Popolazione onservaz solam Globale STANZ. MGATOA iprod. Svern. Stazion. A Phalacrocorax carbo A B A B A B A B 3.2.c. MAMMFE elencati nell'allegato della irettiva 92/43/EE OE NOME POPOLAZONE VALUTAZONE STO STANZ. MGATOA iprod. Svern. Stazion. Popolazione onservaz solam Globale A B A B A B A B A B A B A B A B A B A B A B A B 3.2.d. ANFB E ETTL elencati nell'allegato della irettiva 92/43/EE OE NOME POPOLAZONE VALUTAZONE STO Popolazione onservaz solam Globale STANZ. MGATOA Emys orbicularis (L., 1758) (= E. trinacris Fritz et al., 2005) (*) Elaphe situla (L., 1758) (ora in Zamenis) (*) specie endemica della Sicilia iprod. Svern. Stazion. A B B B B A B A B A B A B

6 3.2.e. PES elencati nell'allegato della irettiva 92/43/EE OE NOME POPOLAZONE VALUTAZONE STO Popolazione onservaz solam Globale STANZ. MGATOA iprod. Svern. Stazion Aphanius fasciatus P A utilus rubilio (Bonaparte, P B 1837) Salmo (Trutta) macrostigma P A uméril, 1858 A B A B A B A B 3.2.f. NVETEBAT elencati nell'allegato irettiva 92/43/EE OE NOME POPOLAZONE VALUTAZONE STO Popolazione onservaz solam Globale STANZ. MGATOA iprod. Svern. Stazion. A B A B A B A B A B A B A B A B A B A B A B A B

7 3.3 Altre specie importanti di Flora e Fauna GUPPO NOME SENTFO POPOLAZONE MOTVAZONE U M A P V U Strix aluco M Hystrix cristata Linnaeus, 1758 P M Martes martes (Linnaeus, 1758) P M Mustela nivalis Linnaeus, 1766 P A Bufo bufo spinosus audin, 1803 A ana lessonae amerano, 1882 (=. bergeri (Günther, 1986), inclusa. kl. hispanica (Bonaparte, 1839) halcides ocellatus tiligugu (Gmelin, 1789) oluber viridiflavus (Lacépède, 1789) (ora in Hierophis) Hemidactylus turcicus (L., 1758) Lacerta viridis (Laurenti, 1768) (= L. bilineata audin, 1802) Natrix natrix sicula (uvier, 1829) B Podarcis s.sicula (afinesque, 1810) Podarcis w. wagleriana Gistel, 1868 B Tarentola mauritanica mauritanica (L., 1758) Acinopus (Acinopus) ambiguus ejean, 1829 B Ammophila heydeni ahlbom, 1845 Anoplius viaticus (Linnaeus, 1758) Anoxia scutellaris argentea Aliquò & Massa, 1976 B Anthidiellum strigatum (Panzer, 1805) Anthophora plumipes squalens ours, 1869 Anthophora salviae (Panzer, 1804) Apis mellifera sicula Grassi, 1880 B Astata boops (Schrank 1781) Auletobius maculipennis (Jacquelin du Val, 1854) Austroagallia avicula (ibaut, 1935) Bembix olivacea Fabricius, 1787 Bombus pascuorum siciliensis Tkalců, 1977 B Brachymeria podagrica (Fabricius 1787) Brachytrupes megacephalus (Lefèvre, 1827) P ampsomeriella thoracica (Fabricius, 1787) edusa sicula (Haupt, 1924) B erceris arenaria (Linnaeus, 1758) erceris quinquefasciata (ossi, 1792) erceris rubida (Jurine 1807) hlorandrena cinerea (Brullé, 1832) oniopteryx (Holoconiopteryx) haematica McLachlan, 1868 oniopteryx (Metaconiopteryx) lentiae H. Aspöck & U. Aspöck, 1964 rossocerus distinguendus (Morawitz 1866) asypoda hirtipes (Fabricius, 1793) asypoda visnaga (ossi, 1790) ichillus (ichillus) socius ottenberg, 1870 B ichillus (ichillus) subtilis Kraatz, 1862 B Electrogena hyblaea Belfiore, 1994 B

8 Erodius (Erodius) siculus siculus Solier, 1834 P B Eucera nigrilabris Lepelletier 1841 Euceratina cyanea (Kirby, 1802) Eumenes coarctatus maroccanus Gusenleitner, 1972 Eumenes m.mediterraneus Kriechbaumer, 1879 Evylaeus interruptus opacus (Pérez, 1895) Evylaeus malachurus (Kirby, 1802) Formicosus latro (La Ferté-Sénectère, 1848) Gasteruption pedemontanum (Tournier, 1877) Halictus scabiosae (ossi, 1790) Harpactus laevis (Latreille 1792) soperla hyblaea onsiglio, 1961 B Lestica clypeata (Schreber, 1759) Lophanthophora dispar (Lepelletier 1841) Lophyra (Lophyra) flexuosa circumflexa ejean, 1831 B Melecta albifrons nigra Spinola 1806 Miscophus helveticus Kohl 1883 Miscophus rubriventris Ferton 1896 Myrmilla bison (A. osta, 1887) B Myrmilla capitata (Lucas, 1846) Nemka viduata viduata (Pallas 1773) Nomada femoralis Morawitz 1869 Osmia (halcosmia) dimidiata rossica (Friese, 1887) Osmia kohli ucke, 1900 Osmia latreillei iberoafricana Peters, 1975 Otiorhynchus (Arammichnus) hyblaeicus Magnano, 1992 B Pachychila (Pachychilina) dejeani dejeani (Besser, 1832) P Philanthus coarctatus siculus Giordani Soika, 1944 B Philanthus venustus (ossi, 1790) Pimelia (Pimelia) grossa Fabricius, 1792 Polistes nimpha (hrist, 1791) Polyphylla ragusai aliquoi Massa & Tassi, 1977 B Pompilus cinereus (Fabricius, 1775) Psenulus pallipes (Panzer, 1798) Pseudomogoplistes squamiger (Fischer, 1853) Pyganthophora pruinosa (Smith, 1854) B hodanthidium siculum (Spinola, 1838) hodanthidium sticticum (Fabricius, 1787) Scolia sexmaculata (Müller, 1766) Sepidium siculum Solier, 1843 B Smicromyrme fasciaticollis (Spinola 1843) Spatulariella punctata (Brullé, 1832) Sphecodes pinguiculus sareptensis Meyer 1922

9 Sphingonotus personatus Zanon, 1926 Stenosis melitana eitter, 1894 B Tachysphex consocius Kohl, 1892 Tachysphex incertus incertus (adoszkowski, 1877) Tachysphex tarsinus (Lepelletier, 1845) Theodoxus meridionalis (Philippi, 1836) Thoracobombus pascuorum siciliensis (Tkalců, 1977) B Tinodes waeneri (Linnaeus, 1758) Trypoxylon attenuatum Smith, 1851 Tylos europaeus Arcangeli, 1938 Xylocopa iris (hrist, 1791) Xylocopa violacea (Linnaeus, 1758) Zonuledo distinguenda (Stein 1885) V Asparagus horridus L. in Murray V Atriplex halimus L. V Atriplex tornabenii Tineo in Guss. V Barlia robertiana (Loisel.) Greuter V Biscutella maritima Ten. B V alendula arvensis subsp. bicolor (af.) Nyman V alendula suffruticosa Vahl B V atapodium pauciflorum (Merino) Brullo, G. Giusso del Galdo, P. Minissale & Spamp. V hamaerops humilis L. V esmazeria pignattii Brullo et Pavone B V Echium arenarium Guss. V Ephedra fragilis esf. V Euphorbia dendroides L. V Euphorbia peploides Gouan V Evax asterisciflora (Lam.) Pers. V ris planifolia (Miller) Fiori & Paoletti V Juniperus oxycedrus subsp. macrocarpa (Sm.) Ball A V Launaea fragilis (Asso) Pau A V Launaea resedifolia (L.) O. Kuntze V Lycium intricatum Boiss. A V Ophrys apifera Hudson V Orchis collina Solander V Otanthus maritimus (L.) Hoffmanns. et Link V Phillyrea latifolia L. V Populus nigra L. V etama raetam subsp. gussonei (Webb) Greuter A B V hus pentaphylla (Jacq.) esf. A V hus tripartita (Ucria) Grande A V omulea columnae Seb. et Mauri V Salix alba L. V Salix pedicellata esf. V Senecio glaucus L. subsp. hyblaeus Brullo B V Senecio glaucus subsp. coronopifolius (Maire). Alexander (U = Uccelli, M = Mammiferi, A = Anfibi, = ettili, P = Pesci, = nvertebrati, V = Vegetali)

10 4.1. AATTESTHE GENEAL STO: Tipi di habitat Mare, Bracci di mare 4. ESZONE STO Fiumi ed estuari soggetti a maree, Melme e banchi di sabbia, Lagune (incluse saline) % coperta Stagni salmastri, Prati salini, Steppe saline une litoranee, Spiagge sabbiose, Machair 11 Spiaggie ghiaiose, Scogliere marine, solotti orpi d'acqua interni (acque stagnanti e correnti) 5 Torbiere, Stagni, Paludi, Vegetazione di cinta Brughiere, Boscaglie, Macchia, Garighe, Friganee 25 Praterie aride, Steppe 10 Praterie umide, Praterie di mesofite Praterie alpine e sub-alpine olture cerealicole estensive (incluse le colture in rotazione con maggese regolare) 10 isaie Praterie migliorate Altri terreni agricoli 35 Foreste di caducifoglie Foreste di conifere Foreste di sempreverdi Foreste miste mpianti forestali a monocultura (inclusi pioppeti o specie esotiche) Arboreti (inclusi frutteti, vivai, vigneti e dehesas) 4 Habitat rocciosi, etriti di falda, Aree sabbiose, Nevi e ghiacci perenni Altri (inclusi abitati, strade, discariche, miniere e aree industriali) OPETUA TOTALE HABTAT 100 %

11 Altre caratteristiche sito: l sito si caratterizza per un significativo esempio di macchia-foresta a Ginepro e Lentisco su cordone dunale e vegetazione ripariale lungo il tratto finale del fiume rminio. Esso ricade entro il territorio dei omuni di agusa e Scicli. l clima dell area è Termomediterraneo inferiore secco inferiore secondo il criterio di ivas Martinez adattato alla Sicilia da Brullo & al. (1996). Analiticamente esso è suddiviso in vari habitat. 1) Un parte di estensione considerevole è costituita dal cordone dunale generato nel corso del tempo dalle sabbie trasportate dal fiume rminio, che qui ha il suo estuario. Tale cordone nella parte guardante il mare è coperto da formazioni a Juniperus oxycedrus subsp. macrocarpa (Ephedro-Juniperetum macrocarpae Bartolo, Brullo & Marcenò 1982, riferibile alla codifica 2250), mentre nella parte di entroterra è coperto da una macchia a Pistacia lentiscus, Ephedra fragilis e Lycium intricatum, con individui sparsi di Myrtus communis e pertanto a lieve incidenza sul paesaggio vegetale [Myrto-Pistacietum lentisci (Molinier 1954 em. O. Bolós 1962) ivas Martinez Ephedro-Pistacietum lentisci Brullo, Guarino & onsisvalle 1998, associazioni entrambe afferenti alla Quercetea ilicis Br. Bl. (1936) 1947, e tendenti al Quercetum ilicis climax rappresentato qui sub codifica 9340]. 2) Una seconda parte è data dalle sede dell antico acquitrinio retrodunale (facente parte delle ben più estese paludi dette dei Mazzarelli ), oggi prosciugata e recante formazioni a mosaico, tuttora in evoluzione, contrassegnati dalla dominanza di varie facies del Pistacietum lentisci. 3) Una terza parte è data dal tratto ovest (fuori duna) caratterizzata dalla presenza sia di Palmetto (hamaerops humilis) che di etama raetam subsp. gussonei (afferenti entrambe le formazioni alla codifica 5330). 4) Una quarta parte caratterizzata da dune allo stato embrionale (maggiormente sviluppata lungo la linea di costa lato est) e caratterizzata dalla presenza di Atriplex tornabenii, Elymus farctus, Eryngium maritimum, akile maritima, Elymus farctus, Pancratium maritimum (afferente alla codifica 2110). 5) Una quinta parte caratterizzata dal retroduna mesofilo delle dune allo stato embrionale (maggiormente sviluppata lungo la linea di costa lato est) e caratterizzata dalla presenza di Limonium virgatum, Elymus athericus (Link) Kerguélen, Aeluropus littoralis (Gouan) Parl., Juncus acutus (afferente alla codifica 1410). 6) Una sesta parte caratterizzata da boschi ripari a galleria (afferente alla codifica 92A0) dominati da Salix alba, Populus nigra e da liane (prevalentemente dovute a lematis vitalba). Queste formazioni si snodano lungo il corso delle acque del fiume rminio. 7) Una settima parte caratterizzata da formazioni con alicotome infesta e hus tripartita (alicotomo-hoetum tripartitae Bartolo, Brullo & Marcenò 1982, dell ordine Oleo-eratonion e riconducibile alla codifica 5330) ubicata sul lato sinistro del corso del Fiume rminio, su terreni in pendio e fortemente ciottolosi. 8) Una parte in ontrada Maulli occupata in parte da gariga a dominanza di Phagnalon rupestre e in parte da formazioni su rocce calcareo-arenacee. 9) nfine una nona parte caratterizzata da coltivazioni di recente impianto a Vitis vinifera, ubicata sul lato nord-est del sito QUALTÁ E MPOTANZA: l sito conserva una macchia foresta a Ginepro marittimo e Lentisco su cordoni dunali, che rappresenta una eccezionale testimonianza della vegetazione e del paesaggio che un tempo caratterizzavano e connotavano le coste sabbiose della Sicilia meridionale. Tali aspetti, ormai quasi del tutto scomparsi, rivestono una notevole importanza scientifica, per le numerose piante ed animali legati ed adattati agli ambienti psammici, dunali e retrodunali, che risultano in pericolo di estinzione in relazione alla scomparsa e/o alla rarefazione dei loro habitat elettivi, determinata dalla urbanizzazione e dalla massiccia utilizzazione delle spiagge per la balneazione e più in generale a scopi turistici. Negli ultimi secoli e prevalentemente nel corso del XX secolo le dune di estuario sono state dappertutto, o spianate o liberate dalla copertura vegetale (a scopi sia agricoli che urbanistici case e villette al mare), talché la una dell rminio è rimasta un caso pressoché unico (è presente analogo cordone dunale anche a Vendicari, ma con facies distinta). La una dell rminio possiede valori che ne impongono la conservazione per i seguenti motivi: a) in quanto è l esempio vivente della direzione da seguire nei processi di ricostituzione della naturalità, laddove questa ricostituzione si riveli necessaria alla conservazione delle risorse naturali (suolo, falde acquifere, etc.) o al loro ripristino; b) è l optimum tra gli habitat per specie rare o peculiari assolutamente da conservare ai fini di contribuire al mantenimento della biodiversità a livello globale [Juniperus oxycedrus subsp. macrocarpa (Sm.) Ball, Lycium intricatum Boiss., Asparagus horridus L. in Murray, Launaea fragilis (Asso) Pau, Ephedra fragilis esf., etama raetam subsp. gussonei (Webb) Greuter, Phillyrea latifolia L., hus tripartita (Ucria) Grande, hus pentaphylla (Jacq.) esf.]. Alcune zone sul lato W del S (condivise con aree di tipologia A della iserva Biogenetica Foce rminio e ubicate in contrada Maulli), con morfologia di dune allo stato embrionale (afferente alla codifica 2110), sono di grande interesse naturalistico. mportanti a questo riguardo sono le specie Atriplex halimus L., Echium arenarium Guss., Launaea

12 resedifolia (L.) O. Kuntze, Otanthus maritimus (L.) Hoffmanns. et Link, Senecio glaucus L. subsp. hyblaeus Brullo. Esse, che si estendono anche al di fuori dal S (ma ricadono entro la iserva) suggeriscono che sarebbe auspicabile che entrassero a far parte di un futuro S riperimetrato, in modo da portare S e iserva naturale ad avere perimetri coincidenti. Le formazioni su roccia arenaceo-calcarea, ricadenti entro il S ed entro la zona A della iserva di ontrada Maulli e le formazioni portanti caratteri di gariga sono ricche sia di rarità che di endemismi. mportanti in questo tratto di area le seguenti specie: Biscutella maritima Ten. (Endemica), alendula arvensis subsp. bicolor (af.) Nyman, alendula suffruticosa Vahl (Endemica), esmazeria pignattii Brullo et Pavone (Endemica), Euphorbia peploides Gouan, Evax asterisciflora (Lam.) Pers., Launaea resedifolia (L.) O. Kuntze, Orchis collina Solander, omulea columnae Seb. et Mauri, Senecio glaucus L. subsp. hyblaeus Brullo (Endemica), atapodium pauciflorum (Merino) Brullo, G. Giusso del Galdo, P. Minissale & Spamp. La gariga di cui si è detto presenta a sua volta consistenti valori naturalistici. Si tratta di una gariga mediamente evoluta come testimoniato dalla presenza di Phagnalon rupestre, Biscutella maritima, alendula arvensis subsp. bicolor, Senecio glaucus L. subsp. hyblaeus, Orchis collina, achrys sicula, Ajuga iva, Sulla capitata, Hyoseris scabra, Thymelaea hirsuta, Phillyrea angustifolia, Pistacia lentiscus. La presenza di queste due ultime specie indica che la formazione è qualcosa di più di una gariga (degradata da evidenti segni di disturbo), e che essa potrebbe facilmente evolvere a macchia mediterranea solo che i disturbi fossero attenuati. n ogni caso la gariga costì insediata possiede quei valori comuni a tutte le garighe derivanti dall essere esse formazioni tipiche e specifiche dell area mediterranea (inesistenti in altre aree biogeografiche del mondo). La gariga di ontrada Maulli a differenza delle altre ben più comuni (derivanti da dilavamento di terre rosse o di formazioni pedologiche a buon contenuto sabbioso e ricche di calcio) generalmente collocate, a causa di tale dilavamento, su substrato acido e dominate appunto da istus sp. pl., è una formazione di gariga estremamente rara in quanto insediata su substrati pedologici limosi e alluviali in genere. n essa come si può osservare da una semplice prospezione mancano assolutamente i istus sp. pl. e qualsiasi altra specie di habitat su substrato acido. È per questo motivo che detta gariga ha un considerevole valore naturalistico. l sito include anche il tratto terminale del fiume rminio e la sua foce, che ospita una ricca ed articolata fauna vertebrata. Funge infatti da area di sosta e riposo di molte specie di Uccelli migratori, ospita significative popolazioni della Testuggine palustre e del olubro leopardiano e può annoverare una ricca ittiofauna, con specie meritevoli della massima tutela in relazione alla loro relativa rarità. Anche la fauna invertebrata si presenta ricca ed articolata in relazione alla elevata eterogeneità ambientale che caratterizza il sito. E possibile riscontrare specie endemiche o rare fra la fauna dulcacquicola, riparia, psammmofila e floricola VULNEABLTÁ: Sito ad elevata vulnerabilità legata a fattori che insistono al suo interno e nelle aree contermini. L inquinamento delle acque rappresenta senza dubbio il maggior fattore di vulnerabilità ed è legato essenzialmente all enorme sviluppo della serricoltura in tutta l area, che determina inoltre altre forme di inquinamento, prima fra tutta quella legata alla cattiva gestione ed allo smaltimento dei teli utilizzati per la costruzione delle serre. Questi ultimi spesso vengono abbandonati in discariche abusive, o dati alle fiamme. Ulteriori e sensibili disturbi provengono dalla componente biotica che insiste sul sito. La incauta introduzione della Nutria alla foce del fiume ha innescato processi di competizione di questa specie esotica con quelle autoctone, in particolare con l avifauna, con le quali essa compete sia per le risorse trofiche che per i siti di nidificazione. Sarebbe quindi opportuno prevedere dei programmi di eradicazione della Nutria per evitare che la colonizzazione già cospicua di numerosi ambienti acquatici e ripari possa compromettere la sopravvivenza di specie ben più rare e meritevoli di tutela. noltre la presenza di un ettile testudinato alloctono, Trachemys scripta (Schoepff 1792) (Testuggine palustre dalle orecchie rosse), presente con un abbondante popolazione, potrebbe compromettere l equilibrio ecologico del sito con effetti negativi sulla composizione e la dinamica delle comunità acquatiche sia di vertebrati che di invertebrati. Un ulteriore problema è rappresentato dalla popolazione del oniglio che risulta sovradimensionata rispetto alle possibilità di sostegno offerte dalla situazione ambientale. iò comporta un eccessivo utilizzazione delle risorse trofiche disponibili con sensibili danni alla vegetazione e l insorgenza di epidemie di mixomatosi che ciclicamente falcidiano la popolazione di questo lagomorfo. Anche in questo caso sarebbe opportuno intervenire affrontando il problema su basi scientifiche ed adottando soluzioni adeguate ispirate alle metodologie più aggiornate di gestione della fauna. Gli incendi, un tempo molto frequenti, sono oggi in netto calo grazie ad una più attenta sorveglianza. on il successo presso il grande pubblico di concetti igienistico-salutistici quali il vivere in contatto con la natura sta divenendo di moda costruire villette e seconde case il prossimità della iserva Foce del Fiume rminio, analogamente attività economiche tendono a costituire sedi nelle adiacenze della iserva. l rischio è che l area venga accerchiata da insediamenti abitativi e dell imprenditoria legata all industria del divertimento, i cui effetti non mancherebbero di ripercuotersi entro il S. La zona del S maggiormente sottoposta a minacce è quella ricadente in ontrada Maulli. Qui di là dalla strada provinciale (fuori S) i terreni stanno diventando un continuum di seconde case e villette, viceversa la

13 parte tra la medesima strada e la linea di costa è rimasta finora immune da trasformazioni dirette a sostituire la naturalità con il costruito, ma è presa di mira da intenti tesi a ridimensionare l estensione del S. Un ulteriore fenomeno consiste nella riduzione drastica della varietà e della massa degli insetti impollinatori in tutta la fascia costiera della Sicilia meridionale (da Gela a Siracusa), certamente dovuta allo abnorme sviluppo di quella agricoltura altamente chimicizzata che è l agricoltura sottoserra. nsetti un tempo comuni tendono a divenire sempre più rari. Tutte le piante a fecondazione basata su insetti impollinatori primi tra tutte le Orchidaceae cominciano a risentire di tale squilibrio ambientale. Vero è che le piante in mancanza di impollinatori tendono a sviluppare strategie riproduttive endogamiche, ma queste evitano l estinzione solo sul breve periodo. Una strategia settoriale per contenere questo fenomeno è quello di sviluppare un sistema di aree rigorosamente protette, ben collegate da appropriati corridoi ecologici, capaci di coprire una percentuale sufficiente del territorio ESGNAZONE EL STO: (osservazioni riguardanti dati quantitativi seguenti) 4.5. POPETÁ: 4.6. OUMENTAZONE: BATOLO, G., BULLO, S. & MAENÒ,. 1982: La vegetazione costiera della Sicilia sud-orientale..n.. programma finalizzato Promozione della qualità dell'ambiente. oma s AQ/1/ pp. BOSATO W., TUS G.F., 2004 ontributo alla conoscenza degli Eumenidae di Sicilia (Hymenoptera Vespoidea). - Bollettino del Museo ivico di Storia Naturale di Venezia, 55: Brullo S. & Spampinato G. 1990: La vegetazione dei corsi d'acqua della Sicilia. Boll. Accad. Gioenia Sci. Nat. atania 23 (336): Brullo S., Minissale P. & Spampinato G. 1995: onsiderazioni fitogeografiche sulla flora della Sicilia. Ecologia mediterranea 21 (1/2): Brullo S., Minissale P., Signorello P. & Spampinato G. 1995: ontributo alla conoscenza della vegetazione forestale della Sicilia. oll. Phytosociolog. 24: BUNO S., 1970 Anfibi e ettili di Sicilia (Studi sulla Fauna Erpetologica taliana.x). - Atti dell Accademia Gioenia di Scienze Naturali (serie V), 2: onti F., Manzi A. & Pedrotti F. 1997: Liste osse egionali delle Piante d talia. Soc. Bot. tal. e Assoc. tal. per il WWF, amerino (M), 104 pp. Galesi. 2002: Le Orchidaceae (Monocotyledones, Gynandrae) della Sicilia. Tesi di ottorato presso dell Università degli Studi di Napoli Federico (inedita). Napoli. LO VALVO F., 1998 Status e conservazione dell erpetofauna siciliana. - l Naturalista siciliano, S. V, 22 (1-2): LO VALVO F., LONGO A.M Anfibi e ettili in Sicilia. - WWF Sicilia, Palermo: 85 pp. LO VALVO M., MASSA B. & SAÀ M. (red.), 1993 Uccelli e paesaggio in Sicilia alle soglie del terzo millennio. l Naturalista siciliano, Palermo, 17 (supplemento): MAUGE, G. & LEONA, S Esempio di macchia a Ginepro e Lentisco nella Sicilia meridionale. Arch. Bot. Biogeogr. tal. 50: Maugeri G. & Leonardi S. 1974: Esempio di macchia a Ginepro e Lentisco nella Sicilia meridionale. Arch. Bot. Biogeogr. tal. 50: aimondo F.M., Gianguzzi L. & lardi V. 1992: nventario delle specie a rischio nella flora vascolare nativa della Sicilia. Quad. Bot. Ambientale Appl., 3: UFFO S. STOH F. (eds.), 2005 hecklist e distribuzione della fauna italiana. Memorie del Museo ivico di Storia Naturale di Verona, 2serie, Sezione Scienze della Vita 16. SABELLA G., SPAAO, l ruolo dei Parchi siciliani nella conservazione dei taxa di insetti di particolare interesse naturalistico (nsecta oleoptera et Lepidoptera hopalocera. - l Naturalista siciliano, S. V, 28 (1):

14 TUS G.F., 1996 Gli Anfibi e i ettili. - n: Atti del onvegno su La fauna degli blei, maggio 1995, Noto: TUS G.F., VAAO A., 1998 ontributo alla conoscenza degli Anfibi e dei ettili di Sicilia. - Bollettino dell Accademia Gioenia di Scienze Naturali, 30 (353) (1997): TUS G.F., VAAO A., 2004 Status and conservation of herpetofauna from the blean area. - Atti del 4 ongresso Nazionale di Erpetologia, giugno 2002 (Societas Herpetologica talica), The talian Journal of Zoology, suppl. 2: STOA: (da compilare dalla ommissione ATA AMPO MOFATO ESZONE

15 5. STATO POTEZONE EL STO E ELAZONE ON ONE: 5.1. TPO POTEZONE A LVELLO Nazionale e egionale: OE %OPETA OE %OPETA OE %OPETA T T ELAZONE ON ALT ST: designat a livello Nazionale o egionale: OE TPO NOME STO SOVAPPOSZONE TPO %OPETA T 0 5.N.S.B. Macchia Foresta del Fiume rminio * 9 2 designati a livello nternazionale: SOVAPPOSZONE TPO NOME EL STO TPO %OPETA ONVENZONE AMSA: SEVA BOGENETA: STO PLOMA EUOPEO: - SEVA ELLA BOSFEA: - ONVENZ. BAELLONA - STO PATM. MONALE: - ALTO ELAZONE ON ST "BOTOP ONE": SOVAPPOSZONE SOVAPPOSZONE OE STO ONE TPO %OPETA OE STO ONE TPO %OPETA *

16 6. FENOMEN E ATTVTÀ NEL STO E NELL'AEA OSTANTE 6.1. FENOMEN E ATTVTÀ GENEAL E POPOZONE ELLA SUPEFE EL STO NFLUENZATA FENOMEN E ATTVTÁ nel sito: OE NTENSTÀ %EL STO NFLUENZA OE NTENSTÁ % EL STO NFLUENZA B A A B B A B A FENOMEN E ATTVTÁ NELL'AEA OSTANTE il sito: OE NTENSTÁ NFLUENZA OE NTENSTÁ NFLUENZA B B A A A A A A GESTONE EL STO OGANSMO ESPONSABLE ELLA GESTONE EL STO: GESTONE EL STO E PAN: 7. MAPPA EL STO Mappa NUMEO MAPPA NAZONALE SALA POEZONE 276--NE 1: Gauss-Boaga 276--NO 1: Gauss-Boaga ONFN EL STO SONO SPONBL N FOMATO GTALE? (fornire le refernze) T ATA Sicilia (*.pdf)

17 Mappe dei siti designati e descritti in 5: Fornire questa informazione su una mappa con le stesse caratteristiche della precedente! Fotografie aeree allegate: S NO 8. APOSTVE NUMEO LOALZZAZONE SOGGETTO OPYGHT ATA 1 TA Atriplex tornabenii Giardina Luglio TA esmazeria pignattii Giardina Aprile TA una foce rminio Giardina Luglio TA hus pentaphylla (Jacq.) Giardina Aprile 2001 esf. 5 TA Veduta del Fiume A. Vaccaro - rminio, basso corso vicino la foce 6 TA Tratto terminale del. entile - Fiume rminio 7 TA Foce del Fiume rminio. entile - 8 TA Beccapesci (Sterna sandvicevins). entile -

Riproduzione di specie dunali minacciate

Riproduzione di specie dunali minacciate SOS dune : Stato, problemi, interventi, gestione Roma, 23 Ottobre 2009 Riproduzione di specie dunali minacciate Paolo Vernieri, Stefano Benvenuti Dip. Biologia delle Piante Agrarie Università di Pisa Lara

Dettagli

Gli ecosistemi naturali del Tevere.

Gli ecosistemi naturali del Tevere. Gli ecosistemi naturali del Tevere. Il tratto Marconi Ostiense San Paolo Alessia Cerqua In questo tratto fluviale, caratterizzato dalla presenza di sponde naturali, la vegetazione ripariale presente appare

Dettagli

SCHEDA SIC FIUME ROIA. Codice: IT1315720 Provincia: Imperia Comuni: Ventimiglia Superficie: 134 ha Altitudine: 0 40 m.

SCHEDA SIC FIUME ROIA. Codice: IT1315720 Provincia: Imperia Comuni: Ventimiglia Superficie: 134 ha Altitudine: 0 40 m. SCHEDA SIC FIUME ROIA Codice: IT1315720 Provincia: Imperia Comuni: Ventimiglia Superficie: 134 ha Altitudine: 0 40 m. Il sito Fiume Roia comprende il tratto terminale del fiume Roia compreso tra l area

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA Il progetto prevede la valorizzazione delle strutture del CEA Pelobates e degli aspetti naturalistici ed ambientali dell

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.)

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) una componente biotica (esseri viventi) - (batteri, funghi, piante, animali, ecc.) ECOLOGIA (Häckel 1866) Scienza

Dettagli

BIODIVERSITA. Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1

BIODIVERSITA. Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1 BIODIVERSITA Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1 Biodiversità 1 Significato del termine 2 Dal punto di vista dell uomo 3 Dal punto di vista biologico 4 I numeri

Dettagli

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale Copertura vegetale è una componente ambientale in cui le piante costituiscono l'elemento principale nella configurazione più complessiva degli ecosistemi terrestri; rappresenta la risultante della molteplicità

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE La Lista rossa dell Iucn é universalmente riconosciuta come il metodo più autorevole e oggettivo per analizzare il rischio di estinzione di una specie. Sebbene sia stato pensato

Dettagli

L Impronta ecologica

L Impronta ecologica Scheda didattica Foglio di lavoro Impronta Ecologica WWF SVIZZERA www.wwf.ch/scuola L Impronta ecologica Attività: Paragonare e osservare un paesaggio della prima metà del 20esimo secolo con lo stesso

Dettagli

Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo

Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo ` Ç áàxüé wxääëtåu xçàx wxäät gâàxät wxä gxüü àéü É x wxä `tüx Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo Rapporto finale 2007 Intervento B3 Progetto sulla Podarcis tiliguerta

Dettagli

1. La Direttiva «Habitat» 1

1. La Direttiva «Habitat» 1 1. La Direttiva «Habitat» 1 1.1 Introduzione Il 21 maggio 1992 la Commissione Europea ha deliberato la «Direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri )

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri ) Legge regionale 21 aprile 2008, n. 9 Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione del Parco

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

COMMISSIONE CONSERVAZIONE Societas Herpetologica Italica. Documento sulle Aree di Rilevanza Erpetologica (ARE) italiane

COMMISSIONE CONSERVAZIONE Societas Herpetologica Italica. Documento sulle Aree di Rilevanza Erpetologica (ARE) italiane COMMISSIONE CONSERVAZIONE Societas Herpetologica Italica Documento sulle Aree di Rilevanza Erpetologica (ARE) italiane a cura di A.Gentilli, V.Ferri, L.Di Tizio, C.Scoccianti, G.Stagni e P.Ventrella, Giugno

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

Strategie ed azioni di tutela e valorizzazione della natura della Regione Sardegna

Strategie ed azioni di tutela e valorizzazione della natura della Regione Sardegna Strategie ed azioni di tutela e valorizzazione della natura della Regione Sardegna Paulilatino, 7 maggio 2015 Nuoro, 22 settembre 2009 Linea di intervento 4.2.1.a Paola Zinzula, Direzione Generale della

Dettagli

RIPRISTINO E CREAZIONE EX-NOVO DI SITI RIPRODUTTIVI PER LE POPOLAZIONI ANFIBI TORRENTE CHISONE. A cura di Daniele Seglie, Ph.D. WWF Sezione pinerolese

RIPRISTINO E CREAZIONE EX-NOVO DI SITI RIPRODUTTIVI PER LE POPOLAZIONI ANFIBI TORRENTE CHISONE. A cura di Daniele Seglie, Ph.D. WWF Sezione pinerolese Comune di Villar Perosa WWF Sezione pinerolese con il patrocinio di Comunità montana Valli Chisone e Germanasca Istituto comprensivo F. Marro Villar Perosa in collaborazione con Comune di San Germano Chisone

Dettagli

LAZIO 5 Aprile 1988, n. 18 TUTELA DI ALCUNE SPECIE DELLA FAUNA MINORE

LAZIO 5 Aprile 1988, n. 18 TUTELA DI ALCUNE SPECIE DELLA FAUNA MINORE LAZIO 5 Aprile 1988, n. 18 TUTELA DI ALCUNE SPECIE DELLA FAUNA MINORE Art. 1 La Regione persegue il fine di assicurare la conservazione della flora e della fauna selvatica minore e del loro habitat con

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG XI.D.2 DIRETTIVA 79/409/CEE DEL CONSIGLIO. concernente la conservazione degli uccelli selvatici

COMMISSIONE EUROPEA DG XI.D.2 DIRETTIVA 79/409/CEE DEL CONSIGLIO. concernente la conservazione degli uccelli selvatici COMMISSIONE EUROPEA DG XI.D.2 DIRETTIVA 79/409/CEE DEL CONSIGLIO concernente la conservazione degli uccelli selvatici e DIRETTIVA 92/43/CEE DEL CONSIGLIO relativa alla conservazione degli habitat naturali

Dettagli

Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB. Foto M.Mendi. Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità

Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB. Foto M.Mendi. Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB Foto M.Mendi Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità Che cos è la BIODIVERSITA???? La varietà della vita sulla Terra a tutti

Dettagli

Foto 1 Cementificazione diffusa lungo la costa

Foto 1 Cementificazione diffusa lungo la costa Foto 1 Cementificazione diffusa lungo la costa Foto 2 Scalette, camminamenti e piattaforme in cemento Si evidenzia inoltre che l area è stata sottoposta, in anni passati, ad alcuni abusi edilizi che hanno

Dettagli

Direttiva 79/409/CEE "Conservazione degli uccelli selvatici"

Direttiva 79/409/CEE Conservazione degli uccelli selvatici Si prefigge la protezione, la gestione e la regolazione di tutte le specie di uccelli viventi naturalmente allo stato selvatico nel territorio europeo degli Stati membri Gli Stati membri devono adottare

Dettagli

Declinare la biodiversità nel sistema agenziale: l esperienza di ARPA Veneto

Declinare la biodiversità nel sistema agenziale: l esperienza di ARPA Veneto Declinare la biodiversità nel sistema agenziale: l esperienza di ARPA Veneto Roma, 26 novembre 2010 Auditorium ISPRA- Roma Sandro Boato ARPA Veneto La biodiversità nel Veneto LA DIVERSITA DEL PAESAGGIO

Dettagli

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione.

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Destinatario: alunno con deficit cognitivo di grado lieve e sindrome ipercinetica da danno cerebrale lieve

Dettagli

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti...

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... INDICE L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... Impatti ambientali delle attività forestali del 2015... Quantità di legno

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali OGGETTO: PROPOSTA DI ISTITUZIONE DEL MONUMENTO NATURALE ''LAGHETTO IN LOC. SEMBLERA MONTEROTONDO SCALO'' AI SENSI DELL'ART. 6 DELLA LEGGE REGIONALE 6 OTTOBRE 1997 N. 29 E SS.MM.II. - APPROVAZIONE DELLA

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

Azioni di conservazione. Pagina 1

Azioni di conservazione. Pagina 1 realizzabili (= Prati Pr 1 Tutelare i prati da fieno e gestire i prati con modalità attente alle esigenze di tutela della fauna senza costo; a carico dei privati che accedono ai fondi PSR Pr 2 Controllare

Dettagli

in uno stato di conservazione soddisfacente e che può, inoltre, contribuir ein modo significativo alla coerenza della rete ecologica Natura 2000, al

in uno stato di conservazione soddisfacente e che può, inoltre, contribuir ein modo significativo alla coerenza della rete ecologica Natura 2000, al Premessa e Fonte dati Uno degli aspetti della qualità di un territorio è la naturalità del paesaggio, dove per naturalità si intende il grado di diversità ecologica e biologica dell ambiente. Tale indicatore

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

Stato dell arte dei piani di gestione dei siti Rete Natura 2000 in Puglia

Stato dell arte dei piani di gestione dei siti Rete Natura 2000 in Puglia Stato dell arte dei piani di gestione dei siti Rete Natura 2000 in Puglia Convegno Internazionale LA GESTIONE DI RETE NATURA 2000 Esperienze a confronto Genova 20-21 novembre 2008 Ufficio Parchi e Riserve

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso.

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. DITTA: Minà Adalgisa PREMESSA La seguente relazione integrativa, si è resa necessaria per integrare la valutazione

Dettagli

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta 1 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 2 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 Art. 1 Istituzione del Parco regionale, finalità e obiettivi gestionali

Dettagli

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 Area Protetta Provinciale GIARDINO BOTANICO MONTANO PRATORONDANINO Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 2 PRESENTAZIONE Il Giardino Botanico di Pratorondanino, ideato nel 1979

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Il santuario della Gaggera dedicato alla divinità greca Demetra Malophoros (portatrice di melograno)

Il santuario della Gaggera dedicato alla divinità greca Demetra Malophoros (portatrice di melograno) Rovine di Selinunte presso la foce del Fiume Modione Tempio presso il Santuario della Gaggera Palma nana (Chamaerops humilis) presso le rovine di Selinunte Il santuario della Gaggera dedicato alla divinità

Dettagli

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Mauro Agnoletti Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Università degli Studi di Firenze La ricerche sulle dinamiche

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante.

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante. AIRONE BIANCOMAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. Più grande degli altri ardeidi bianchi (dimensioni del cenerino) ha un caratteristico sopracciglio verdastro AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore,

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it La Rete Natura 2000 nelle Marche Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it Direttiva Habitat (art. 2) Salvaguardia biodiversità mediante la conservazione degli habitat naturali, flora e fauna

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette La Lombardia è stata la prima regione a dotarsi di un sistema organico di aree protette (l.r. 86/1983), che comprende: 24 Parchi regionali, 13 Parchi naturali, 65 Riserve naturali, 32 Monumenti naturali.

Dettagli

Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti

Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti Cos è la biodiversità? Il termine biodiversità è stato coniato nel 1988 dall'entomologo americano Edward

Dettagli

Presentazione dei Progetti LIFE Natura e Inf-Natura

Presentazione dei Progetti LIFE Natura e Inf-Natura Kick-off meeting LIFE+ 2010 Roma, 14 Novembre 2011 Presentazione dei Progetti LIFE Natura e Inf-Natura Stefano Grignolio Astrale-Timesis Progetti LIFE NAT e INF 2010 11 progetti NAT 1 progetto INF-NAT

Dettagli

PROPOSTE DIDATTICHE E DI LABORATORIO PER L OASI DI GABBIANELLO

PROPOSTE DIDATTICHE E DI LABORATORIO PER L OASI DI GABBIANELLO ----------------------- ISCHETUS Società Cooperativa a r.l. Partita IVA 02263210482 Iscrizione Albo mutualità prevalente n A111841 Azienda con Sistema di Gestione per la Qualità certificato da Dasa-Rägister

Dettagli

La flora dei campi di frumento e orzo del Veneto

La flora dei campi di frumento e orzo del Veneto La flora dei campi di frumento e orzo del Veneto Autore Stefano Tasinazzo Foto Roberto Fiorentin Roberto Masin Bruno Pellegrini Filippo Prosser Stefano Tasinazzo Foto di copertina: Veronella - VR; S. Tasinazzo

Dettagli

REGIONE LIGURIA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PER IL PERIODO

REGIONE LIGURIA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PER IL PERIODO Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali REGIONE LIGURIA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PER IL PERIODO 2007-2013 ALLEGATO D RIDEFINIZIONE ZONE SVANTAGGIATE La zonizzazione delle

Dettagli

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie Habitat di specie 575 HABITAT DI SPECIE In Liguria gli habitat di specie, cioè quegli habitat indispensabili per la vita delle specie elencate nell allegato 2 della direttiva 92/43 e nell allegato 1 della

Dettagli

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici Direttiva Habitat (92/43/CEE) 220 tipi di habitat (Al.I) e oltre 800 specie (Al.II)

Dettagli

Seminario LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA 24-25-26 marzo 2004, Regione Abruzzo, L Aquila

Seminario LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA 24-25-26 marzo 2004, Regione Abruzzo, L Aquila Seminario LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA 24-25-26 marzo 2004, Regione Abruzzo, L Aquila MATERIALI PER L INTERPRETAZIONE DEI DATI ZOOLOGICI (VERTEBRATI TETRAPODI TERRESTRI E INVERTEBRATI) NELLE VALUTAZIONI

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 220 del 01 marzo 2011 pag. 1/5 Relazione illustrativa La presente relazione è relativa alla proposta di individuazione di due Siti di Importanza Comunitaria

Dettagli

BOSCHI E BIODIVERSITÀ. Rete Natura 2000

BOSCHI E BIODIVERSITÀ. Rete Natura 2000 BOSCHI E BIODIVERSITÀ Introduzione I boschi sono un patrimonio di tutti. Li vediamo, li attraversiamo, li ammiriamo e li utilizziamo. Ma vanno anche tutelati: sono ecosistemi complessi dove molte forme

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole)

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) Riferimenti normativi: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, Titolo IV, Asse 2, Articoli 36 (a) (vi) e 41 (a) e (b) Codice

Dettagli

Repertorio nazionale degli interventi di ripristino

Repertorio nazionale degli interventi di ripristino Località: Marina di Camerota Coordinate Longitudine E 15 19 49 Latitudine N 40 01 08 Regione Campania Provincia Salerno Comune Marina di Camerota Livelli di protezione Parco Nazionale del Cilento e Vallo

Dettagli

Capitolo 5. Gli Impatti

Capitolo 5. Gli Impatti Relazione sullo Stato dell Ambiente 2004 della Provincia di Pistoia Capitolo 5 Gli Impatti Legenda Con il termine impatto si fa riferimento all effetto dello stato ambientale sulla salute umana e sulla

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Guida al patentino per l acquisto e l impiego dei prodotti fitosanitari in Emilia-Romagna MODULO 3 Tutela della biodiversità in aree protette e rete Natura

Dettagli

SIC: ITA 020012 Valle del Fiume Oreto

SIC: ITA 020012 Valle del Fiume Oreto SIC: ITA 020012 Valle del Fiume Oreto A.1 - Tipologia delle azioni e/o opere Le norme contenute nel P.U.D.M. non permettono il rilascio di nuove concessioni nel tratto di costa interessato dal suddetto

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

I RETTILI della BASILICATA

I RETTILI della BASILICATA I RETTILI della BASILICATA I RETTILI Specie Allegato II Allegato IV Interesse zoogeografico Caretta caretta Tartaruga marina comune X * X Emys orbicularis Testuggine palustre europea X X Testudo hermanni

Dettagli

PROGETTO LIFE09 NAT/IT/000093 ECORICE AZIONE D8 Seminari locali

PROGETTO LIFE09 NAT/IT/000093 ECORICE AZIONE D8 Seminari locali Criticità relative alla diminuz ione di biodive rsità in area risicola MATRICE ARGOMENTAZIONI Soluzioni/Interventi Prassi comuni Prassi proponibili Carenze conoscitive Strumenti finanziari Attori principali

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

Il mercato fondiario in Italia

Il mercato fondiario in Italia FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA PROPRIETA FONDIARIA ASSEMBLEA GENERALE - CICA - Confederazione Internazionale di Credito Agricolo RELAZIONE Il mercato fondiario in Italia Québec, 29-30 settembre 2006 PRESENTAZIONE

Dettagli

Direzione Ambiente Aree Naturali Protette. L.r. 19/2009 Testo unico sulla tutela delle aree naturali e della biodiversità SCHEDA GUIDA

Direzione Ambiente Aree Naturali Protette. L.r. 19/2009 Testo unico sulla tutela delle aree naturali e della biodiversità SCHEDA GUIDA L.r. 19/2009 Testo unico sulla tutela delle aree naturali e della biodiversità SCHEDA GUIDA di assoggettabilità alla procedura di valutazione di incidenza ex art. 43 l.r. 19/2009 SIC/ZPS IT1180026 Capanne

Dettagli

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO Abbiamo effettuato una sorta di progettazione partecipata per individuare obiettivi ed attività da svolgere durante l esperienza sul campo, stimolando i ragazzi ad individuarli/proporli

Dettagli

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura A cura di U. Bressan, L. Canova, M. Fasola. Regione Lombardia Università di Pavia INTRODUZIONE

Dettagli

Repertorio nazionale degli interventi di ripristino

Repertorio nazionale degli interventi di ripristino Località Triscina di Selinunte Coordinate Latitudine N 37 34 55 Longitudine E 12 48 0 Regione Sicilia Provincia Trapani Comune Castelvetrano Livelli di protezione Parco Archeologico di Selinunte (Ente

Dettagli

Proposta di legge 26918" Relazione

Proposta di legge 26918 Relazione Proposta di legge 26918" Relazione Con il presente progetto di legge la Regione Calabria stabilisce I'istituzione del Parco marino regionale Riviera dei Cedri. La presente proposta di legge rieritra in

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

SOTTOPROGETTO D Recupero e tutela delle aree a maggior criticità ambientale. Biodiversità ricchezza di Liguria 27 marzo 2013

SOTTOPROGETTO D Recupero e tutela delle aree a maggior criticità ambientale. Biodiversità ricchezza di Liguria 27 marzo 2013 SOTTOPROGETTO D Recupero e tutela delle aree a maggior criticità ambientale Biodiversità ricchezza di Liguria 27 marzo 2013 Dott. Paolo Genta - Provincia di Savona Genova, 27 marzo 2013 PARTENARIATO Responsabile

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI CUMULATIVI NELLE AREE PROTETTE DELLA RETE NATURA 2000

LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI CUMULATIVI NELLE AREE PROTETTE DELLA RETE NATURA 2000 LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI CUMULATIVI NELLE AREE PROTETTE DELLA RETE NATURA 2000 Pasquale MARINO, Rosario SCHICCHI, Giuseppe CASTELLANO, Francesco M. RAIMONDO Università degli Studi di Palermo, Dipartimento

Dettagli

biologica era al culmine. Oggi, man mano che la popolazione umana si accresce aumentano gli p

biologica era al culmine. Oggi, man mano che la popolazione umana si accresce aumentano gli p La specie umana è comparsa sulla Terra nel momento in cui la diversità biologica era al culmine. Oggi, man mano che la popolazione umana si accresce aumentano gli p effetti distruttivi nei confronti delle

Dettagli

3.4. Aree protette (a cura dell Ufficio Verde Pubblico e Aree Protette - Comune di Fano)

3.4. Aree protette (a cura dell Ufficio Verde Pubblico e Aree Protette - Comune di Fano) 3.4. Aree protette (a cura dell Ufficio Verde Pubblico e Aree Protette - ) Zone di protezione realizzate R Aree floristiche protette 1. Litorale di Baia del Re Inizio della tutela: 1980 circa. Area (come

Dettagli

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Milano, 14 luglio 2015 Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Elaborazione a cura di: Andrea Arcidiacono, Silvia Ronchi, Stefano Salata Il recente Rapporto sul consumo

Dettagli

. E di Flora Ginepro Coccolone

. E di Flora Ginepro Coccolone Un Po di Storia La riserva di Vendicari è una riserva orientata che differisce dalla riserva integrale per la possibilità di interventi antropici a norma! Essa infatti può essere visitata dall uomo. Andando

Dettagli

Un progetto di gestione e conservazione delle dune costiere e delle zone umide di Vendicari

Un progetto di gestione e conservazione delle dune costiere e delle zone umide di Vendicari LIFE NATURA Un progetto di gestione e conservazione delle dune costiere e delle zone umide di Vendicari (LIFE02NAT/IT/8533) A cura di Aldo Pisano GATE s.c.r.l. (Agenzia per la promozione del Mediterraneo

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

Alla ricerca delle piante minacciate

Alla ricerca delle piante minacciate Estinzione e conservazione Unità didattica 4 Alla ricerca delle piante minacciate Durata 4 ore (1 ora al giorno) Materiali - Liste rosse (vedi nelle note per gli insegnanti) - computer - quaderno di scienze

Dettagli

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Sin dalla sua costituzione (1994) il Museo fornisce un servizio di consulenza e informazione sui principali aspetti ambientali e naturalistici

Dettagli

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI CENTRALE FOTOVOLTAICA IN LOCALITÀ PIANETTO IN COMUNE DI MONTESCUDAIO

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI CENTRALE FOTOVOLTAICA IN LOCALITÀ PIANETTO IN COMUNE DI MONTESCUDAIO OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI CENTRALE FOTOVOLTAICA IN LOCALITÀ PIANETTO IN COMUNE DI MONTESCUDAIO Liste Civiche Insieme per Cambiare Montescudaio e Riparbella 22 giugno 2011 Indice 1 Osservazioni alla Relazione

Dettagli

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura www.biodiversityfriend.org Nel corso del 2010, dichiarato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale della Biodiversità, WBA onlus

Dettagli

Centro di Educazione Ambientale CATALOGO ATTIVITA. Eraclea Mare

Centro di Educazione Ambientale CATALOGO ATTIVITA. Eraclea Mare Centro di Educazione Ambientale CATALOGO ATTIVITA Eraclea Mare Eraclea Mare - Laguna del Mort Eraclea Mare si caratterizza per le sue peculiarità ambientali differenziandosi dalle altre località marine

Dettagli

LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA. Dott. Giovanni Zaccaria Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità Regione Puglia

LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA. Dott. Giovanni Zaccaria Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità Regione Puglia LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA OBIETTIVO DEL PRESENTE INTERVENTO È UNA RIFLESSIONE SULLE STRATEGIE ED AZIONI SVOLTE E DA PIANIFICARE NELLA REGIONE PUGLIA IN TEMA DI GESTIONE DELLA RETE NATURA

Dettagli

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN I Biomi Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN La vita delle piante e degli animali delle comunità naturali è determinata principalmente dal clima

Dettagli

La biodiversità italiana

La biodiversità italiana Ente Nazionale Protezione Animali Ente morale - Onlus La biodiversità italiana Le ragioni della ricchezza biologica, le cause della sua riduzione A cura dell'ufficio ambiente dell'enpa 25 novembre 2005

Dettagli