NATURA 2000 FORMULARIO STANDARD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NATURA 2000 FORMULARIO STANDARD"

Transcript

1 NATUA 2000 FOMULAO STANA PE ZONE POTEZONE SPEALE (ZPS) PE ZONE POPONBL PE UNA ENTFAZONE OME ST MPOTANZA OMUNTAA (S) E PE ZONE SPEAL ONSEVAZONE (ZS) 1. ENTFAZONE EL STO 1.1. TPO 1.2. OE STO 1.3. ATA OMPLAZONE 1.4. AGGONAMENTO E T A Y Y Y Y M M Y Y Y Y M M 1.5. APPOT ON ALT ST NATUA 2000: NATUA 2000 OE ST NATUA 2000 OE ST T A ESPONSABLE(): Ministero dell'ambiente e Tutela del Territorio - irezione onservazione della Natura, Via apitan Bavastro 174, oma. Giorgio Sabella (nvertebrati) ipartimento di Biologia Animale M. La Greca Università di atania. enzo entile (Avifauna) ipartimento di Biologia Animale M. La Greca Università di atania. Maurizio Siracusa (Mammiferi) ipartimento di Biologia Animale M. La Greca Università di atania. Giuseppe Fabrizio Turrisi (Erpetofauna, nvertebrati) ipartimento di Biologia Animale M. La Greca Università di atania. Giardina Girolamo (Flora e Vegetazione), Viale L. Bolano 40, atania. Fabio Papini (Aspetti cartografici) 1.7. NOME STO: Foce del Fiume rminio 1.8. LASSFAZONE STO E ATE ESGNAZONE/LASSFAZONE ATA POPOSTA STO OME S: ATA ONFEMA OME S: Y Y Y Y M M Y Y Y Y M M ATA LASSFAZONE STO OME ZPS: ATA ESGNAZONE STO OME ZS: Y Y Y Y M M Y Y Y Y M

2 2.LOALZZAZONE STO 2.1. LOALZZAZONE ENTO STO LONGTUNE LATTUNE E W/E (Greenwich) 2.2. AEA(ha): 2.3. LUNGHEZZA STO(Km): ALTEZZA (m): MN MAX MEA 2.5. EGONE AMMNSTATVE: OE NUTS NOME EGONE %OPETA T A Sicilia Zona marina non coperta da regioni NUTS 2.6. EGONE BO-GEOGAFA: X Boreale Alpina Atlantica ontinentale Macaronesica Mediterranea

3 3. NFOMAZON EOLOGHE 3.1. Tipi di HABTAT presenti nel sito e relativa valutazione del sito: TP HABTAT ALLEGATO : OE % OPETA APESENTATVTA SUPEFE GAO VALUTAZONE ELATVA ONSEVAZONE GLOBALE B B A A A A B B A A B 9 2 A 0 5 A A copiare la pagina se necessario

4 3.2. SPEE di cui all'articolo 4 della irettiva 79/409/EE e elencate nell'allegato della irettiva 92/43/EE e relativa valutazione del sito in relazione alle stesse:

5 3.2.a. Uccelli migratori abituali elencati nell'allegato 1 della irettiva 79/409/EE OE NOME POPOLAZONE VALUTAZONE STO Popolazione onservaz solam Globale STANZ. MGATOA iprod. Svern. Stazion. A Alcedo atthis A Ardea purpurea A Ardeola ralloides A Burhinus oedicnemus P P A haradrius alexandrinus A ircus aeruginosus 1-3 A Egretta garzetta 0-2 A Hieraaetus pennatus 0-2 i P B A xobrychus minutus P A Larus audouinii A Larus genei A Larus melanocephalus P P A Nycticorax nycticorax A Pluvialis apricaria i B B A Sterna sandvicensis A Tringa glareola A B A B A B A B 3.2.b. Uccelli migratori abituali non elencati nell'allegato della irettiva 79/409/EE OE NOME POPOLAZONE VALUTAZONE STO Popolazione onservaz solam Globale STANZ. MGATOA iprod. Svern. Stazion. A Phalacrocorax carbo A B A B A B A B 3.2.c. MAMMFE elencati nell'allegato della irettiva 92/43/EE OE NOME POPOLAZONE VALUTAZONE STO STANZ. MGATOA iprod. Svern. Stazion. Popolazione onservaz solam Globale A B A B A B A B A B A B A B A B A B A B A B A B 3.2.d. ANFB E ETTL elencati nell'allegato della irettiva 92/43/EE OE NOME POPOLAZONE VALUTAZONE STO Popolazione onservaz solam Globale STANZ. MGATOA Emys orbicularis (L., 1758) (= E. trinacris Fritz et al., 2005) (*) Elaphe situla (L., 1758) (ora in Zamenis) (*) specie endemica della Sicilia iprod. Svern. Stazion. A B B B B A B A B A B A B

6 3.2.e. PES elencati nell'allegato della irettiva 92/43/EE OE NOME POPOLAZONE VALUTAZONE STO Popolazione onservaz solam Globale STANZ. MGATOA iprod. Svern. Stazion Aphanius fasciatus P A utilus rubilio (Bonaparte, P B 1837) Salmo (Trutta) macrostigma P A uméril, 1858 A B A B A B A B 3.2.f. NVETEBAT elencati nell'allegato irettiva 92/43/EE OE NOME POPOLAZONE VALUTAZONE STO Popolazione onservaz solam Globale STANZ. MGATOA iprod. Svern. Stazion. A B A B A B A B A B A B A B A B A B A B A B A B

7 3.3 Altre specie importanti di Flora e Fauna GUPPO NOME SENTFO POPOLAZONE MOTVAZONE U M A P V U Strix aluco M Hystrix cristata Linnaeus, 1758 P M Martes martes (Linnaeus, 1758) P M Mustela nivalis Linnaeus, 1766 P A Bufo bufo spinosus audin, 1803 A ana lessonae amerano, 1882 (=. bergeri (Günther, 1986), inclusa. kl. hispanica (Bonaparte, 1839) halcides ocellatus tiligugu (Gmelin, 1789) oluber viridiflavus (Lacépède, 1789) (ora in Hierophis) Hemidactylus turcicus (L., 1758) Lacerta viridis (Laurenti, 1768) (= L. bilineata audin, 1802) Natrix natrix sicula (uvier, 1829) B Podarcis s.sicula (afinesque, 1810) Podarcis w. wagleriana Gistel, 1868 B Tarentola mauritanica mauritanica (L., 1758) Acinopus (Acinopus) ambiguus ejean, 1829 B Ammophila heydeni ahlbom, 1845 Anoplius viaticus (Linnaeus, 1758) Anoxia scutellaris argentea Aliquò & Massa, 1976 B Anthidiellum strigatum (Panzer, 1805) Anthophora plumipes squalens ours, 1869 Anthophora salviae (Panzer, 1804) Apis mellifera sicula Grassi, 1880 B Astata boops (Schrank 1781) Auletobius maculipennis (Jacquelin du Val, 1854) Austroagallia avicula (ibaut, 1935) Bembix olivacea Fabricius, 1787 Bombus pascuorum siciliensis Tkalců, 1977 B Brachymeria podagrica (Fabricius 1787) Brachytrupes megacephalus (Lefèvre, 1827) P ampsomeriella thoracica (Fabricius, 1787) edusa sicula (Haupt, 1924) B erceris arenaria (Linnaeus, 1758) erceris quinquefasciata (ossi, 1792) erceris rubida (Jurine 1807) hlorandrena cinerea (Brullé, 1832) oniopteryx (Holoconiopteryx) haematica McLachlan, 1868 oniopteryx (Metaconiopteryx) lentiae H. Aspöck & U. Aspöck, 1964 rossocerus distinguendus (Morawitz 1866) asypoda hirtipes (Fabricius, 1793) asypoda visnaga (ossi, 1790) ichillus (ichillus) socius ottenberg, 1870 B ichillus (ichillus) subtilis Kraatz, 1862 B Electrogena hyblaea Belfiore, 1994 B

8 Erodius (Erodius) siculus siculus Solier, 1834 P B Eucera nigrilabris Lepelletier 1841 Euceratina cyanea (Kirby, 1802) Eumenes coarctatus maroccanus Gusenleitner, 1972 Eumenes m.mediterraneus Kriechbaumer, 1879 Evylaeus interruptus opacus (Pérez, 1895) Evylaeus malachurus (Kirby, 1802) Formicosus latro (La Ferté-Sénectère, 1848) Gasteruption pedemontanum (Tournier, 1877) Halictus scabiosae (ossi, 1790) Harpactus laevis (Latreille 1792) soperla hyblaea onsiglio, 1961 B Lestica clypeata (Schreber, 1759) Lophanthophora dispar (Lepelletier 1841) Lophyra (Lophyra) flexuosa circumflexa ejean, 1831 B Melecta albifrons nigra Spinola 1806 Miscophus helveticus Kohl 1883 Miscophus rubriventris Ferton 1896 Myrmilla bison (A. osta, 1887) B Myrmilla capitata (Lucas, 1846) Nemka viduata viduata (Pallas 1773) Nomada femoralis Morawitz 1869 Osmia (halcosmia) dimidiata rossica (Friese, 1887) Osmia kohli ucke, 1900 Osmia latreillei iberoafricana Peters, 1975 Otiorhynchus (Arammichnus) hyblaeicus Magnano, 1992 B Pachychila (Pachychilina) dejeani dejeani (Besser, 1832) P Philanthus coarctatus siculus Giordani Soika, 1944 B Philanthus venustus (ossi, 1790) Pimelia (Pimelia) grossa Fabricius, 1792 Polistes nimpha (hrist, 1791) Polyphylla ragusai aliquoi Massa & Tassi, 1977 B Pompilus cinereus (Fabricius, 1775) Psenulus pallipes (Panzer, 1798) Pseudomogoplistes squamiger (Fischer, 1853) Pyganthophora pruinosa (Smith, 1854) B hodanthidium siculum (Spinola, 1838) hodanthidium sticticum (Fabricius, 1787) Scolia sexmaculata (Müller, 1766) Sepidium siculum Solier, 1843 B Smicromyrme fasciaticollis (Spinola 1843) Spatulariella punctata (Brullé, 1832) Sphecodes pinguiculus sareptensis Meyer 1922

9 Sphingonotus personatus Zanon, 1926 Stenosis melitana eitter, 1894 B Tachysphex consocius Kohl, 1892 Tachysphex incertus incertus (adoszkowski, 1877) Tachysphex tarsinus (Lepelletier, 1845) Theodoxus meridionalis (Philippi, 1836) Thoracobombus pascuorum siciliensis (Tkalců, 1977) B Tinodes waeneri (Linnaeus, 1758) Trypoxylon attenuatum Smith, 1851 Tylos europaeus Arcangeli, 1938 Xylocopa iris (hrist, 1791) Xylocopa violacea (Linnaeus, 1758) Zonuledo distinguenda (Stein 1885) V Asparagus horridus L. in Murray V Atriplex halimus L. V Atriplex tornabenii Tineo in Guss. V Barlia robertiana (Loisel.) Greuter V Biscutella maritima Ten. B V alendula arvensis subsp. bicolor (af.) Nyman V alendula suffruticosa Vahl B V atapodium pauciflorum (Merino) Brullo, G. Giusso del Galdo, P. Minissale & Spamp. V hamaerops humilis L. V esmazeria pignattii Brullo et Pavone B V Echium arenarium Guss. V Ephedra fragilis esf. V Euphorbia dendroides L. V Euphorbia peploides Gouan V Evax asterisciflora (Lam.) Pers. V ris planifolia (Miller) Fiori & Paoletti V Juniperus oxycedrus subsp. macrocarpa (Sm.) Ball A V Launaea fragilis (Asso) Pau A V Launaea resedifolia (L.) O. Kuntze V Lycium intricatum Boiss. A V Ophrys apifera Hudson V Orchis collina Solander V Otanthus maritimus (L.) Hoffmanns. et Link V Phillyrea latifolia L. V Populus nigra L. V etama raetam subsp. gussonei (Webb) Greuter A B V hus pentaphylla (Jacq.) esf. A V hus tripartita (Ucria) Grande A V omulea columnae Seb. et Mauri V Salix alba L. V Salix pedicellata esf. V Senecio glaucus L. subsp. hyblaeus Brullo B V Senecio glaucus subsp. coronopifolius (Maire). Alexander (U = Uccelli, M = Mammiferi, A = Anfibi, = ettili, P = Pesci, = nvertebrati, V = Vegetali)

10 4.1. AATTESTHE GENEAL STO: Tipi di habitat Mare, Bracci di mare 4. ESZONE STO Fiumi ed estuari soggetti a maree, Melme e banchi di sabbia, Lagune (incluse saline) % coperta Stagni salmastri, Prati salini, Steppe saline une litoranee, Spiagge sabbiose, Machair 11 Spiaggie ghiaiose, Scogliere marine, solotti orpi d'acqua interni (acque stagnanti e correnti) 5 Torbiere, Stagni, Paludi, Vegetazione di cinta Brughiere, Boscaglie, Macchia, Garighe, Friganee 25 Praterie aride, Steppe 10 Praterie umide, Praterie di mesofite Praterie alpine e sub-alpine olture cerealicole estensive (incluse le colture in rotazione con maggese regolare) 10 isaie Praterie migliorate Altri terreni agricoli 35 Foreste di caducifoglie Foreste di conifere Foreste di sempreverdi Foreste miste mpianti forestali a monocultura (inclusi pioppeti o specie esotiche) Arboreti (inclusi frutteti, vivai, vigneti e dehesas) 4 Habitat rocciosi, etriti di falda, Aree sabbiose, Nevi e ghiacci perenni Altri (inclusi abitati, strade, discariche, miniere e aree industriali) OPETUA TOTALE HABTAT 100 %

11 Altre caratteristiche sito: l sito si caratterizza per un significativo esempio di macchia-foresta a Ginepro e Lentisco su cordone dunale e vegetazione ripariale lungo il tratto finale del fiume rminio. Esso ricade entro il territorio dei omuni di agusa e Scicli. l clima dell area è Termomediterraneo inferiore secco inferiore secondo il criterio di ivas Martinez adattato alla Sicilia da Brullo & al. (1996). Analiticamente esso è suddiviso in vari habitat. 1) Un parte di estensione considerevole è costituita dal cordone dunale generato nel corso del tempo dalle sabbie trasportate dal fiume rminio, che qui ha il suo estuario. Tale cordone nella parte guardante il mare è coperto da formazioni a Juniperus oxycedrus subsp. macrocarpa (Ephedro-Juniperetum macrocarpae Bartolo, Brullo & Marcenò 1982, riferibile alla codifica 2250), mentre nella parte di entroterra è coperto da una macchia a Pistacia lentiscus, Ephedra fragilis e Lycium intricatum, con individui sparsi di Myrtus communis e pertanto a lieve incidenza sul paesaggio vegetale [Myrto-Pistacietum lentisci (Molinier 1954 em. O. Bolós 1962) ivas Martinez Ephedro-Pistacietum lentisci Brullo, Guarino & onsisvalle 1998, associazioni entrambe afferenti alla Quercetea ilicis Br. Bl. (1936) 1947, e tendenti al Quercetum ilicis climax rappresentato qui sub codifica 9340]. 2) Una seconda parte è data dalle sede dell antico acquitrinio retrodunale (facente parte delle ben più estese paludi dette dei Mazzarelli ), oggi prosciugata e recante formazioni a mosaico, tuttora in evoluzione, contrassegnati dalla dominanza di varie facies del Pistacietum lentisci. 3) Una terza parte è data dal tratto ovest (fuori duna) caratterizzata dalla presenza sia di Palmetto (hamaerops humilis) che di etama raetam subsp. gussonei (afferenti entrambe le formazioni alla codifica 5330). 4) Una quarta parte caratterizzata da dune allo stato embrionale (maggiormente sviluppata lungo la linea di costa lato est) e caratterizzata dalla presenza di Atriplex tornabenii, Elymus farctus, Eryngium maritimum, akile maritima, Elymus farctus, Pancratium maritimum (afferente alla codifica 2110). 5) Una quinta parte caratterizzata dal retroduna mesofilo delle dune allo stato embrionale (maggiormente sviluppata lungo la linea di costa lato est) e caratterizzata dalla presenza di Limonium virgatum, Elymus athericus (Link) Kerguélen, Aeluropus littoralis (Gouan) Parl., Juncus acutus (afferente alla codifica 1410). 6) Una sesta parte caratterizzata da boschi ripari a galleria (afferente alla codifica 92A0) dominati da Salix alba, Populus nigra e da liane (prevalentemente dovute a lematis vitalba). Queste formazioni si snodano lungo il corso delle acque del fiume rminio. 7) Una settima parte caratterizzata da formazioni con alicotome infesta e hus tripartita (alicotomo-hoetum tripartitae Bartolo, Brullo & Marcenò 1982, dell ordine Oleo-eratonion e riconducibile alla codifica 5330) ubicata sul lato sinistro del corso del Fiume rminio, su terreni in pendio e fortemente ciottolosi. 8) Una parte in ontrada Maulli occupata in parte da gariga a dominanza di Phagnalon rupestre e in parte da formazioni su rocce calcareo-arenacee. 9) nfine una nona parte caratterizzata da coltivazioni di recente impianto a Vitis vinifera, ubicata sul lato nord-est del sito QUALTÁ E MPOTANZA: l sito conserva una macchia foresta a Ginepro marittimo e Lentisco su cordoni dunali, che rappresenta una eccezionale testimonianza della vegetazione e del paesaggio che un tempo caratterizzavano e connotavano le coste sabbiose della Sicilia meridionale. Tali aspetti, ormai quasi del tutto scomparsi, rivestono una notevole importanza scientifica, per le numerose piante ed animali legati ed adattati agli ambienti psammici, dunali e retrodunali, che risultano in pericolo di estinzione in relazione alla scomparsa e/o alla rarefazione dei loro habitat elettivi, determinata dalla urbanizzazione e dalla massiccia utilizzazione delle spiagge per la balneazione e più in generale a scopi turistici. Negli ultimi secoli e prevalentemente nel corso del XX secolo le dune di estuario sono state dappertutto, o spianate o liberate dalla copertura vegetale (a scopi sia agricoli che urbanistici case e villette al mare), talché la una dell rminio è rimasta un caso pressoché unico (è presente analogo cordone dunale anche a Vendicari, ma con facies distinta). La una dell rminio possiede valori che ne impongono la conservazione per i seguenti motivi: a) in quanto è l esempio vivente della direzione da seguire nei processi di ricostituzione della naturalità, laddove questa ricostituzione si riveli necessaria alla conservazione delle risorse naturali (suolo, falde acquifere, etc.) o al loro ripristino; b) è l optimum tra gli habitat per specie rare o peculiari assolutamente da conservare ai fini di contribuire al mantenimento della biodiversità a livello globale [Juniperus oxycedrus subsp. macrocarpa (Sm.) Ball, Lycium intricatum Boiss., Asparagus horridus L. in Murray, Launaea fragilis (Asso) Pau, Ephedra fragilis esf., etama raetam subsp. gussonei (Webb) Greuter, Phillyrea latifolia L., hus tripartita (Ucria) Grande, hus pentaphylla (Jacq.) esf.]. Alcune zone sul lato W del S (condivise con aree di tipologia A della iserva Biogenetica Foce rminio e ubicate in contrada Maulli), con morfologia di dune allo stato embrionale (afferente alla codifica 2110), sono di grande interesse naturalistico. mportanti a questo riguardo sono le specie Atriplex halimus L., Echium arenarium Guss., Launaea

12 resedifolia (L.) O. Kuntze, Otanthus maritimus (L.) Hoffmanns. et Link, Senecio glaucus L. subsp. hyblaeus Brullo. Esse, che si estendono anche al di fuori dal S (ma ricadono entro la iserva) suggeriscono che sarebbe auspicabile che entrassero a far parte di un futuro S riperimetrato, in modo da portare S e iserva naturale ad avere perimetri coincidenti. Le formazioni su roccia arenaceo-calcarea, ricadenti entro il S ed entro la zona A della iserva di ontrada Maulli e le formazioni portanti caratteri di gariga sono ricche sia di rarità che di endemismi. mportanti in questo tratto di area le seguenti specie: Biscutella maritima Ten. (Endemica), alendula arvensis subsp. bicolor (af.) Nyman, alendula suffruticosa Vahl (Endemica), esmazeria pignattii Brullo et Pavone (Endemica), Euphorbia peploides Gouan, Evax asterisciflora (Lam.) Pers., Launaea resedifolia (L.) O. Kuntze, Orchis collina Solander, omulea columnae Seb. et Mauri, Senecio glaucus L. subsp. hyblaeus Brullo (Endemica), atapodium pauciflorum (Merino) Brullo, G. Giusso del Galdo, P. Minissale & Spamp. La gariga di cui si è detto presenta a sua volta consistenti valori naturalistici. Si tratta di una gariga mediamente evoluta come testimoniato dalla presenza di Phagnalon rupestre, Biscutella maritima, alendula arvensis subsp. bicolor, Senecio glaucus L. subsp. hyblaeus, Orchis collina, achrys sicula, Ajuga iva, Sulla capitata, Hyoseris scabra, Thymelaea hirsuta, Phillyrea angustifolia, Pistacia lentiscus. La presenza di queste due ultime specie indica che la formazione è qualcosa di più di una gariga (degradata da evidenti segni di disturbo), e che essa potrebbe facilmente evolvere a macchia mediterranea solo che i disturbi fossero attenuati. n ogni caso la gariga costì insediata possiede quei valori comuni a tutte le garighe derivanti dall essere esse formazioni tipiche e specifiche dell area mediterranea (inesistenti in altre aree biogeografiche del mondo). La gariga di ontrada Maulli a differenza delle altre ben più comuni (derivanti da dilavamento di terre rosse o di formazioni pedologiche a buon contenuto sabbioso e ricche di calcio) generalmente collocate, a causa di tale dilavamento, su substrato acido e dominate appunto da istus sp. pl., è una formazione di gariga estremamente rara in quanto insediata su substrati pedologici limosi e alluviali in genere. n essa come si può osservare da una semplice prospezione mancano assolutamente i istus sp. pl. e qualsiasi altra specie di habitat su substrato acido. È per questo motivo che detta gariga ha un considerevole valore naturalistico. l sito include anche il tratto terminale del fiume rminio e la sua foce, che ospita una ricca ed articolata fauna vertebrata. Funge infatti da area di sosta e riposo di molte specie di Uccelli migratori, ospita significative popolazioni della Testuggine palustre e del olubro leopardiano e può annoverare una ricca ittiofauna, con specie meritevoli della massima tutela in relazione alla loro relativa rarità. Anche la fauna invertebrata si presenta ricca ed articolata in relazione alla elevata eterogeneità ambientale che caratterizza il sito. E possibile riscontrare specie endemiche o rare fra la fauna dulcacquicola, riparia, psammmofila e floricola VULNEABLTÁ: Sito ad elevata vulnerabilità legata a fattori che insistono al suo interno e nelle aree contermini. L inquinamento delle acque rappresenta senza dubbio il maggior fattore di vulnerabilità ed è legato essenzialmente all enorme sviluppo della serricoltura in tutta l area, che determina inoltre altre forme di inquinamento, prima fra tutta quella legata alla cattiva gestione ed allo smaltimento dei teli utilizzati per la costruzione delle serre. Questi ultimi spesso vengono abbandonati in discariche abusive, o dati alle fiamme. Ulteriori e sensibili disturbi provengono dalla componente biotica che insiste sul sito. La incauta introduzione della Nutria alla foce del fiume ha innescato processi di competizione di questa specie esotica con quelle autoctone, in particolare con l avifauna, con le quali essa compete sia per le risorse trofiche che per i siti di nidificazione. Sarebbe quindi opportuno prevedere dei programmi di eradicazione della Nutria per evitare che la colonizzazione già cospicua di numerosi ambienti acquatici e ripari possa compromettere la sopravvivenza di specie ben più rare e meritevoli di tutela. noltre la presenza di un ettile testudinato alloctono, Trachemys scripta (Schoepff 1792) (Testuggine palustre dalle orecchie rosse), presente con un abbondante popolazione, potrebbe compromettere l equilibrio ecologico del sito con effetti negativi sulla composizione e la dinamica delle comunità acquatiche sia di vertebrati che di invertebrati. Un ulteriore problema è rappresentato dalla popolazione del oniglio che risulta sovradimensionata rispetto alle possibilità di sostegno offerte dalla situazione ambientale. iò comporta un eccessivo utilizzazione delle risorse trofiche disponibili con sensibili danni alla vegetazione e l insorgenza di epidemie di mixomatosi che ciclicamente falcidiano la popolazione di questo lagomorfo. Anche in questo caso sarebbe opportuno intervenire affrontando il problema su basi scientifiche ed adottando soluzioni adeguate ispirate alle metodologie più aggiornate di gestione della fauna. Gli incendi, un tempo molto frequenti, sono oggi in netto calo grazie ad una più attenta sorveglianza. on il successo presso il grande pubblico di concetti igienistico-salutistici quali il vivere in contatto con la natura sta divenendo di moda costruire villette e seconde case il prossimità della iserva Foce del Fiume rminio, analogamente attività economiche tendono a costituire sedi nelle adiacenze della iserva. l rischio è che l area venga accerchiata da insediamenti abitativi e dell imprenditoria legata all industria del divertimento, i cui effetti non mancherebbero di ripercuotersi entro il S. La zona del S maggiormente sottoposta a minacce è quella ricadente in ontrada Maulli. Qui di là dalla strada provinciale (fuori S) i terreni stanno diventando un continuum di seconde case e villette, viceversa la

13 parte tra la medesima strada e la linea di costa è rimasta finora immune da trasformazioni dirette a sostituire la naturalità con il costruito, ma è presa di mira da intenti tesi a ridimensionare l estensione del S. Un ulteriore fenomeno consiste nella riduzione drastica della varietà e della massa degli insetti impollinatori in tutta la fascia costiera della Sicilia meridionale (da Gela a Siracusa), certamente dovuta allo abnorme sviluppo di quella agricoltura altamente chimicizzata che è l agricoltura sottoserra. nsetti un tempo comuni tendono a divenire sempre più rari. Tutte le piante a fecondazione basata su insetti impollinatori primi tra tutte le Orchidaceae cominciano a risentire di tale squilibrio ambientale. Vero è che le piante in mancanza di impollinatori tendono a sviluppare strategie riproduttive endogamiche, ma queste evitano l estinzione solo sul breve periodo. Una strategia settoriale per contenere questo fenomeno è quello di sviluppare un sistema di aree rigorosamente protette, ben collegate da appropriati corridoi ecologici, capaci di coprire una percentuale sufficiente del territorio ESGNAZONE EL STO: (osservazioni riguardanti dati quantitativi seguenti) 4.5. POPETÁ: 4.6. OUMENTAZONE: BATOLO, G., BULLO, S. & MAENÒ,. 1982: La vegetazione costiera della Sicilia sud-orientale..n.. programma finalizzato Promozione della qualità dell'ambiente. oma s AQ/1/ pp. BOSATO W., TUS G.F., 2004 ontributo alla conoscenza degli Eumenidae di Sicilia (Hymenoptera Vespoidea). - Bollettino del Museo ivico di Storia Naturale di Venezia, 55: Brullo S. & Spampinato G. 1990: La vegetazione dei corsi d'acqua della Sicilia. Boll. Accad. Gioenia Sci. Nat. atania 23 (336): Brullo S., Minissale P. & Spampinato G. 1995: onsiderazioni fitogeografiche sulla flora della Sicilia. Ecologia mediterranea 21 (1/2): Brullo S., Minissale P., Signorello P. & Spampinato G. 1995: ontributo alla conoscenza della vegetazione forestale della Sicilia. oll. Phytosociolog. 24: BUNO S., 1970 Anfibi e ettili di Sicilia (Studi sulla Fauna Erpetologica taliana.x). - Atti dell Accademia Gioenia di Scienze Naturali (serie V), 2: onti F., Manzi A. & Pedrotti F. 1997: Liste osse egionali delle Piante d talia. Soc. Bot. tal. e Assoc. tal. per il WWF, amerino (M), 104 pp. Galesi. 2002: Le Orchidaceae (Monocotyledones, Gynandrae) della Sicilia. Tesi di ottorato presso dell Università degli Studi di Napoli Federico (inedita). Napoli. LO VALVO F., 1998 Status e conservazione dell erpetofauna siciliana. - l Naturalista siciliano, S. V, 22 (1-2): LO VALVO F., LONGO A.M Anfibi e ettili in Sicilia. - WWF Sicilia, Palermo: 85 pp. LO VALVO M., MASSA B. & SAÀ M. (red.), 1993 Uccelli e paesaggio in Sicilia alle soglie del terzo millennio. l Naturalista siciliano, Palermo, 17 (supplemento): MAUGE, G. & LEONA, S Esempio di macchia a Ginepro e Lentisco nella Sicilia meridionale. Arch. Bot. Biogeogr. tal. 50: Maugeri G. & Leonardi S. 1974: Esempio di macchia a Ginepro e Lentisco nella Sicilia meridionale. Arch. Bot. Biogeogr. tal. 50: aimondo F.M., Gianguzzi L. & lardi V. 1992: nventario delle specie a rischio nella flora vascolare nativa della Sicilia. Quad. Bot. Ambientale Appl., 3: UFFO S. STOH F. (eds.), 2005 hecklist e distribuzione della fauna italiana. Memorie del Museo ivico di Storia Naturale di Verona, 2serie, Sezione Scienze della Vita 16. SABELLA G., SPAAO, l ruolo dei Parchi siciliani nella conservazione dei taxa di insetti di particolare interesse naturalistico (nsecta oleoptera et Lepidoptera hopalocera. - l Naturalista siciliano, S. V, 28 (1):

14 TUS G.F., 1996 Gli Anfibi e i ettili. - n: Atti del onvegno su La fauna degli blei, maggio 1995, Noto: TUS G.F., VAAO A., 1998 ontributo alla conoscenza degli Anfibi e dei ettili di Sicilia. - Bollettino dell Accademia Gioenia di Scienze Naturali, 30 (353) (1997): TUS G.F., VAAO A., 2004 Status and conservation of herpetofauna from the blean area. - Atti del 4 ongresso Nazionale di Erpetologia, giugno 2002 (Societas Herpetologica talica), The talian Journal of Zoology, suppl. 2: STOA: (da compilare dalla ommissione ATA AMPO MOFATO ESZONE

15 5. STATO POTEZONE EL STO E ELAZONE ON ONE: 5.1. TPO POTEZONE A LVELLO Nazionale e egionale: OE %OPETA OE %OPETA OE %OPETA T T ELAZONE ON ALT ST: designat a livello Nazionale o egionale: OE TPO NOME STO SOVAPPOSZONE TPO %OPETA T 0 5.N.S.B. Macchia Foresta del Fiume rminio * 9 2 designati a livello nternazionale: SOVAPPOSZONE TPO NOME EL STO TPO %OPETA ONVENZONE AMSA: SEVA BOGENETA: STO PLOMA EUOPEO: - SEVA ELLA BOSFEA: - ONVENZ. BAELLONA - STO PATM. MONALE: - ALTO ELAZONE ON ST "BOTOP ONE": SOVAPPOSZONE SOVAPPOSZONE OE STO ONE TPO %OPETA OE STO ONE TPO %OPETA *

16 6. FENOMEN E ATTVTÀ NEL STO E NELL'AEA OSTANTE 6.1. FENOMEN E ATTVTÀ GENEAL E POPOZONE ELLA SUPEFE EL STO NFLUENZATA FENOMEN E ATTVTÁ nel sito: OE NTENSTÀ %EL STO NFLUENZA OE NTENSTÁ % EL STO NFLUENZA B A A B B A B A FENOMEN E ATTVTÁ NELL'AEA OSTANTE il sito: OE NTENSTÁ NFLUENZA OE NTENSTÁ NFLUENZA B B A A A A A A GESTONE EL STO OGANSMO ESPONSABLE ELLA GESTONE EL STO: GESTONE EL STO E PAN: 7. MAPPA EL STO Mappa NUMEO MAPPA NAZONALE SALA POEZONE 276--NE 1: Gauss-Boaga 276--NO 1: Gauss-Boaga ONFN EL STO SONO SPONBL N FOMATO GTALE? (fornire le refernze) T ATA Sicilia (*.pdf)

17 Mappe dei siti designati e descritti in 5: Fornire questa informazione su una mappa con le stesse caratteristiche della precedente! Fotografie aeree allegate: S NO 8. APOSTVE NUMEO LOALZZAZONE SOGGETTO OPYGHT ATA 1 TA Atriplex tornabenii Giardina Luglio TA esmazeria pignattii Giardina Aprile TA una foce rminio Giardina Luglio TA hus pentaphylla (Jacq.) Giardina Aprile 2001 esf. 5 TA Veduta del Fiume A. Vaccaro - rminio, basso corso vicino la foce 6 TA Tratto terminale del. entile - Fiume rminio 7 TA Foce del Fiume rminio. entile - 8 TA Beccapesci (Sterna sandvicevins). entile -

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Sommario - esigenze della fauna ittica reofila - il valore di un patrimonio straordinario - esigenze dei produttori di energia - le azioni attuali per

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

La Strategia Nazionale per la Biodiversità

La Strategia Nazionale per la Biodiversità La Strategia Nazionale per la Biodiversità Sommario Premessa... 4 Il percorso della Strategia... 8 L attuazione della Strategia... 9 Durata, monitoraggio e valutazione dell attuazione della Strategia...

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Novembre 2012. Dott. Arch. Pulvirenti Giuseppe Vincenzo. Via Galermo 77 95123 Catania. pulvirenti@toposambiente.it

Novembre 2012. Dott. Arch. Pulvirenti Giuseppe Vincenzo. Via Galermo 77 95123 Catania. pulvirenti@toposambiente.it COMUNE DI MALFA Regione Sicilia - Provincia di Messina VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA del Piano Regolatore Generale di Malfa FASE DI SCOOPING VALUTAZIONE DI INCIDENZA (art.5 DPR n 357/1997 Circolare

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Ritrovamento di Zamenis longissimus (Laurenti, 1768) (Reptilia, Colubridae) sull Isola d Elba (Toscana, Italia)

Ritrovamento di Zamenis longissimus (Laurenti, 1768) (Reptilia, Colubridae) sull Isola d Elba (Toscana, Italia) Acta Herpetologica 2(1): 59-63, 2007 Ritrovamento di Zamenis longissimus (Laurenti, 1768) (Reptilia, Colubridae) sull Isola d Elba (Toscana, Italia) Angelo Vaccaro 1, Giuseppe Fabrizio Turrisi 2 1 Corso

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico LE ATTIVITÀ ESTRATTIVE RECUPERATE COME ELEMENTI FUNZIONALI DELLA RETE ECOLOGICA: DEFINIZIONE, IN COLLABORAZIONE CON L UFFICIO CAVE, DELLE BUONE PRATICHE PER IL RECUPERO AMBIENTALE DEI SITI ESTRATTIVI SETTORE

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato

Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato Introduzione 1 Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato Luglio 2011 Il glifosato è la sostanza attiva utilizzata in molti erbicidi venduti su scala mondiale, compreso l'ormai

Dettagli

Sito di Importanza Comunitaria IT1110009 - Bosco del Vaj e Bosc Grand ALLEGATO P_VI ALLEGATO P_VI SPECIE DI MAGGIOR INTERESSE FAUNISTICO

Sito di Importanza Comunitaria IT1110009 - Bosco del Vaj e Bosc Grand ALLEGATO P_VI ALLEGATO P_VI SPECIE DI MAGGIOR INTERESSE FAUNISTICO SPECIE DI MAGGIOR INTERESSE FAUNISTICO INDICE DELL ALLEGATO Parte 1 COLEOTTERI Nebria (Nebria) tibialis tibialis Lucanus cervus Parte 2 ANFIBI Triturus carnifex Triturus vulgaris meridionalis Parte 3

Dettagli

Gli habitat in Carta della Natura

Gli habitat in Carta della Natura I S P R A Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA Organo Cartografico dello Stato (legge n 68 del 2.2.1960) Gli habitat in Carta della Natura Schede descrittive

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale PSCComune di C a s a l g r a n d e Piano Strutturale Comunale VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO estratto dall analisi sull Ecologia del Paesaggio redatta nell ambito del PSC C

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts Kate Holt / WWF-UK Lavorare con la natura. Quand tous Dati les e buone pratiche métiers seront verts Maria Antonietta Quadrelli Ufficio Transforming Culture WWF Italia 24 Aprile 2015 Quand tous les métiers

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE. D.P.R. 8-9-1997 n. 357 (1) Testo aggiornato e coordinato al D.P.R. 12 marzo 2003 n 120 (2)

MINISTERO DELL'AMBIENTE. D.P.R. 8-9-1997 n. 357 (1) Testo aggiornato e coordinato al D.P.R. 12 marzo 2003 n 120 (2) MINISTERO DELL'AMBIENTE D.P.R. 8-9-1997 n. 357 (1) Testo aggiornato e coordinato al D.P.R. 12 marzo 2003 n 120 (2) Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006)

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006) Amministrazione Provinciale di Venezia Valutazione Ambientale Strategica della Carta Ittica della provincia di Venezia 204-209 Dichiarazione di Sintesi (Art. 7 D.Lgs. n. 52/2006) Esecutore: Aquaprogram

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Dal Granduca al III millennio. Governo delle acque ed anofelismo in Maremma. dr. Angelo Tamburro

Dal Granduca al III millennio. Governo delle acque ed anofelismo in Maremma. dr. Angelo Tamburro Dal Granduca al III millennio. Governo delle acque ed anofelismo in Maremma. dr. Angelo Tamburro Io sapevo Maremma esser malata; quindi in me il desiderio di soccorrere prima si potesse alla provincia

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale relativa al riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di «ambiente» e di «beni culturali» Indice sommario

La giurisprudenza costituzionale relativa al riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di «ambiente» e di «beni culturali» Indice sommario La giurisprudenza costituzionale relativa al riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di «ambiente» e di «beni culturali» Indice sommario a cura di M. Bellocci e P. Passaglia Parte I Le principali

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª ALLA RI CERCA D EL PI CCOLO PAU L, I L CAMOSCI O PI Ù BELLO D EL MOND O - Salve amici! Siamo i camosci appenninici,

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

1. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO DEFINITIVO (Quadro di riferimento progettuale)

1. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO DEFINITIVO (Quadro di riferimento progettuale) Allegato 3 CONTENUTI DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE La Giunta regionale con Del. n. 2002/1238 del 15/7/2002 ha approvato la 'Direttiva generale sull'attuazione della disciplina procedura valutazione

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 12 dicembre 2007 - n. 8/6148

MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 12 dicembre 2007 - n. 8/6148 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVIII - N. 6 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Problemi di conservazione e gestione PAOLO AUDISIO GIUSEPPE MUSCIO SANDRO PIGNATTI

Problemi di conservazione e gestione PAOLO AUDISIO GIUSEPPE MUSCIO SANDRO PIGNATTI Problemi di conservazione e gestione PAOLO AUDISIO GIUSEPPE MUSCIO SANDRO PIGNATTI 119 I rischi per gli ambienti di duna e spiaggia sabbiosa Le spiagge e le dune potrebbero sembrare ambienti privi di valore

Dettagli

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale alla LR 12/05 Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da CAPITOLO 20 Il recupero delle aree percorse dal fuoco con tecniche di Ingegneria Naturalistica U. Bruschini, P. Cornelini 20.1 Introduzione Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da tempo una drammatica

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli